Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio"

Transcript

1 IL TRASPORTO DEI RIFIUTI NELL'AMBITO DELL'ATTIVITÀ DI "GESTIONE ALLA LUCE DELLE MODIFICHE APPORTATE AL DECRETO LEGISLATIVO N. 152/2006 PER L'INTRODUZIONE DEL NUOVO SISTEMA SIS.T.R.I.

2 SISTRI - Cos è Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) nasce nel 2009 su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nel più ampio quadro di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione per permettere l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani per la Regione Campania. 2

3 SISTRI - La dimensione del problema La quantità di rifiuti speciali prodotti in Italia nel 2006 è stata pari a 134,7 milioni di tonnellate, di cui 125,5 milioni di tonnellate di rifiuti non pericolosi e 9,2 milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi. 3

4 SISTRI In sintesi cosa cambierà Le imprese passeranno da un sistema cartaceo (registro di carico e scarico rifiuti, formulario di identificazione, MUD) a soluzioni tecnologiche che controllano in tempo reale il processo della gestione di tutta la filiera dei rifiuti (dal produttore all intermediario, trasportatore, smaltitore/recuperatore). La gestione è affidata al Comando dei Carabinieri per la Tutela dell Ambiente 4

5 SISTRI - Perché nasce Garantire una maggiore efficacia dell azione di contrasto dei fenomeni di illegalità e nei confronti dei comportamenti non conformi alle regole vigenti; Conoscere, in tempo reale, i dati relativi all intera filiera dei rifiuti speciali e per utilizzarli in particolare ai fini di specifici interventi repressivi; Per semplificare le procedure, attualmente vigenti attraverso l informatizzazione dei processi e l eliminazione di taluni adempimenti; 5

6 SISTRI - Riferimenti normativi Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (articolo 1, comma 1116) Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 (articolo 2, comma 24) Legge 3 agosto 2009, n. 102 (articolo 14bis) Direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti (attualmente in fase di recepimento) 6

7 SISTRI - Riferimenti normativi Legge 27 dicembre 2006, n. 296 Stabilisce la realizzazione di un sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti, in funzione ed in rapporto a: alla sicurezza nazionale; alla prevenzione e repressione dei gravi fenomeni di criminalità organizzata in ambito di smaltimento illecito di rifiuti. 7

8 SISTRI - Riferimenti normativi Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 Attraverso l inserimento del comma 3bis all art. 189 del D.Lgs. 152/2006 viene stabilito l obbligo per alcune categorie di soggetti di installazione ed utilizzo di apparecchiature elettroniche, ai fini della trasmissione e raccolta di informazioni su produzione, detenzione trasporto, recupero e smaltimento di rifiuti. 8

9 SISTRI - Riferimenti normativi D.Lgs. 152/2006 Csd. Codice dell Ambiente Art. 189 Catasto rifiuti omissis 3-bis. Senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, a partire dall'istituzione di un sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai fini della trasmissione e raccolta di informazioni su produzione, detenzione, trasporto e smaltimento di rifiuti e la realizzazione in formato elettronico del formulario di identificazione dei rifiuti, dei registri di carico e scarico e del M.U.D., da stabilirsi con apposito decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, le categorie di soggetti di cui al comma precedente sono assoggettati all'obbligo di installazione e utilizzo delle apparecchiature elettroniche.. 9

10 SISTRI - Riferimenti normativi Legge 3 agosto 2009, n. 102 Affida al Ministero dell Ambiente la realizzazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti speciali e di quelli urbani limitatamente alla Regione Campania, attraverso uno o più decreti che dovranno, tra l altro, definirne: 10

11 SISTRI - Riferimenti normativi Tempi e modalità di attivazione; Data di operatività del sistema; Informazioni da fornire; Modalità di fornitura ed aggiornamento dei dati; Modalità di interconnessione ed interoperabilità con altri sistemi informativi; Modalità di elaborazione dei dati; Modalità con le quali le informazioni contenute nel sistema dovranno essere detenute e messe a disposizione delle autorità di controllo; Entità dei contributi da porre a carico dei soggetti obbligati per la costituzione e il funzionamento del sistema. 11

12 SISTRI - Riferimenti normativi Direttiva 2008/98/CE Stabilisce l obiettivo di ridurre al minimo le conseguenze della produzione e della gestione dei rifiuti per la salute umana e per l ambiente (art. 1); Riconosce il principio chi inquina paga (art. 14); Stabilisce che le sanzioni debbano essere efficaci, proporzionate e dissuasive (art. 36); Obbliga gli Stati membri ad adottare misure affinché produzione, raccolta, trasporto, stoccaggio e trattamento dei rifiuti pericolosi siano eseguiti in condizioni da garantire protezione all ambiente e della salute umana (art. 17). 12

13 SISTRI - Riferimenti normativi L articolo 17 della Direttiva 2008/98/Ce prevede in particolare: l adozione di misure volte a garantire la tracciabilità della produzione alla destinazione finale ed il controllo dei rifiuti pericolosi, per soddisfare i requisiti normativi su quantità e qualità dei rifiuti pericolosi prodotti o gestiti 13

14 SISTRI - Riferimenti normativi Decreto del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare del 17 dicembre 2009 (pubblicato sul Supplemento ordinario della Gazzetta Ufficiale del 13 gennaio 2010) in vigore dalla sua pubblicazione in Gazzetta il 14 gennaio 2010) Istituisce il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, (SISTRI), gestito dal Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente, stabilendone, altresì, modalità di attivazione, costi e data di operatività. 14

15 SISTRI - Riferimenti normativi Decreto del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare del 9 luglio 2010 (G.U. n. 161 del 13/07/2010) All articolo 1 vengono prorogati i termini di operatività del SISTRI, nonché i tempi per gli adempimenti degli operatori, come precedentemente fissati dal D.M. 17 dicembre

16 SISTRI La Gestione Il Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente dovrà garantire la messa a disposizione dei dati sulla produzione, movimentazione e gestione dei rifiuti. Sarà possibile conoscere i flussi di informazione che consentiranno di adempiere agli obblighi informativi previsti dalla normativa comunitaria e di rispondere alle necessità derivanti dalle rispettive competenze di ciascuna Istituzione coinvolta. il SISTRI sarà interconnesso telematicamente con: l ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - che fornirà, attraverso il Catasto Telematico, i dati sulla produzione e la gestione di rifiuti alle Agenzie Regionali e Provinciali di Protezione dell Ambiente, che a loro volta provvederanno a fornire i medesimi dati alle competenti Province; l Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, tramite il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in ordine ai dati relativi al trasporto dei rifiuti.

17 SISTRI La Gestione Per garantire la tracciabilità dei rifiuti speciali, anche per quanto riguarda il trasporto marittimo e ferroviario, il SISTRI sarà interconnesso con i sistemi informativi della Guardia Costiera e delle Imprese ferroviarie. al fine di ottimizzare la gestione integrata dei rifiuti urbani della Regione Campania, l art. 2, comma 2 bis, del decreto legge 6 novembre 2008, n. 172, convertito nella legge 30 dicembre 2008, n. 210, ha previsto la realizzazione del sistema di tracciabilità di tale tipologia di rifiuti, denominato SITRA. l'art. 14-bis della legge n. 102/2009 ha stabilito che il SISTRI sia interconesso con altri sistemi informativi ed anche con il SITRA. a regime si verrà a creare un sistema-rete che consentirà di conoscere la movimentazione completa dei rifiuti dalla produzione alla destinazione finale.

18 SISTRI - Flusso 18

19 SISTRI - Soggetti coinvolti Per le tre fasi (iscrizione, operatività, gestione) sono individuate scadenze di applicazione distinte in relazione alle caratteristiche dei soggetti coinvolti e cioè dei 3 gruppi coinvolti: I GRUPPO soggetti OBBLIGATI ad adottare SISTRI II GRUPPO ALTRI soggetti OBBLIGATI ad adottare SISTRI III GRUPPO soggetti che adottano SISTRI VOLONTARIAMENTE 19

20 SISTRI - I GRUPPO Produttori iniziali di rifiuti pericolosi con più di 50 dipendenti (compreso trasporto conto proprio art. 212 c 8 D.Lgs 152/06); imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all art. 184 comma 3 lettere c), d) e g) del D.Lgs 152/06 con più di 50 dipendenti; commercianti e intermediari; Consorzi per recupero e riciclaggio di particolari tipi di rifiuti; imprese che raccolgono e trasportano rifiuti speciali (art. 212 c.5 D.Lgs. 152/06); imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti; terminalisti concessionari dell area portuale, imprese portuali, responsabili uffici gestione merci e operatori logistici presso stazioni ferroviarie, interporti, ecc. (art. 5 comma 10 Decreto SISTRI) i comuni e gli enti che gestiscono rifiuti nella Regione Campania 20

21 SISTRI - II GRUPPO Produttori iniziali di rifiuti pericolosi fino a 50 dipendenti (compreso trasporto conto proprio art. 212 comma 8 D.Lgs. 152/06) imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all art. 184 c 3 lettere c), d) e g) del D.Lgs. 152/06 con un numero di dipendenti compreso fra 11 e 50 21

22 SISTRI - III GRUPPO imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all art. 184 comma 3 lettere c), d) e g) del D.Lgs. 152/06 con un numero di dipendenti fino a 10; Imprese che trasportano i propri rifiuti non pericolosi (art. 212 comma 8 D.Lgs. 152/06; imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi diversi da quelli di cui all art. 184 comma 3 lettere c), d) e g) del D.Lgs. 152/06; Imprenditori agricoli di cui all art del Codice Civile che producono rifiuti non pericolosi. 22

23 SISTRI Scadenze SOGGETTI TENUTI DEVONO ISCRIVERSI AL SISTRI CONSEGNA DEI DISPOSITIVI ENTRO (ALBO GESTORI O CC.II.AA. O ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA) IL SISTEMA DIVENTA OPERATIVO Produttori di rifiuti pericolosi con più di 50 dipendenti Produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da attività industriali, artigianali e di gestione rifiuti con più di 50 dipendenti Gestori di rifiuti (recuperatori, smaltitori, commercianti ed intermediari) e Consorzi Enti ed imprese che gestiscono i rifiuti urbani nella Regione Campania Trasportatori di rifiuti speciali iscritti all Albo Gestori Trasportatori di rifiuti pericolosi da essi prodotti con più di 50 dipendenti 30 marzo settembre ottobre

24 SISTRI Scadenze SOGGETTI TENUTI DEVONO ISCRIVERSI AL SISTRI CONSEGNA DEI DISPOSITIVI ENTRO (ALBO GESTORI O CC.II.AA. O ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA) IL SISTEMA DIVENTA OPERATIVO Produttori di rifiuti pericolosi fino a 50 dipendenti Produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da attività industriali, artigianali e di gestione rifiuti tra 11 e 50 dipendenti Trasportatori di rifiuti pericolosi da essi prodotti fino a 50 dipendenti 29 aprile settembre ottobre

25 SISTRI Scadenze SOGGETTI TENUTI DEVONO ISCRIVERSI AL SISTRI CONSEGNA DEI DISPOSITIVI ENTRO (ALBO GESTORI O CC.II.AA. O ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA) IL SISTEMA DIVENTA OPERATIVO Produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da attività industriali, artigianali e di gestione rifiuti fino a 10 dipendenti Produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da altre attività (servizi, commercio, edilizia, sanità) Adesione volontaria dal 12 agosto 2010 Nessuna scadenza Nessuna scadenza Trasportatori di rifiuti non pericolosi da essi prodotti 25

26 SISTRI - i dispositivi Il nuovo sistema funzionerà attraverso: DISPOSITIVI USB (chiavetta) per ogni unità legale obbligata agli adempimenti di registrazione, ecc. DISPOSITIVI GPS (BLACK BOX o scatola nera) montati sui veicoli destinati al trasporto rifiuti 26

27 SISTRI - Fasi del nuovo sistema Il nuovo sistema è caratterizzato da tre fasi con decorrenze diversificate: ISCRIZIONE OPERATIVITA GESTIONE 27

28 SISTRI - Fasi del nuovo sistema ISCRIZIONE I soggetti si inseriscono nel nuovo sistema descrivendo le attività effettuate in materia di rifiuti e i profili di responsabilità aziendale; poi il sistema rilascerà i dispositivi USB e Black Box personalizzati, per rendere efficace la tracciabilità OPERATIVITA Il nuovo sistema verrà attivato quando tutti i soggetti coinvolti nella filiera saranno in possesso dei dispositivi elettronici per la tracciabilità, quindi dopo le iscrizioni GESTIONE I soggetti inseriti nel sistema provvederanno alla compilazione dei format elettronici in sostituzione dei registri cartacei e dei formulari per il trasporto dei rifiuti NELLA FASE DI PRIMA OPERATIVITA SI AVRA LA DOPPIA GESTIONE CARTACEA E INFORMATICA 28

29 SISTRI Modalità d iscrizione 1 On line_ portale attivo 24 ore su 24 tutti i giorni della settimana i dati vanno inseriti in un unica sessione; Via fax: attivo 24 ore su 24 ore tutti i giorni della settimana i dati vanno trasmessi in un unico fax; Via telefono: dalle ore alle ore dal lunedì al sabato i dati vanno comunicati in un unica telefonata; Via mail: scaricare il modulo, compilarlo, scansionarlo e rinviarlo via mail. 29

30 SISTRI Modalità d iscrizione Entro 48 ore dalla ricezione SISTRI comunicherà l avvenuta ricezione dei dati stessi e assegnerà un numero pratica. Il contatto avverrà come indicato dall azienda in fase di iscrizione; L iscrizione sarà perfezionata dopo il pagamento del contributo relativo al numero pratica assegnato; E necessario comunicare a SISTRI l avvenuto pagamento; SISTRI quindi verificherà con il registro imprese CCIIAA e con l Albo Gestori al fine di personalizzare i dispositivi. 30

31 SISTRI Contributo Si versa in un unica soluzione relativamente all impresa o ente nel suo complesso, viene calcolato considerando le caratteristiche di ciascuna attività svolta all interno di ciascuna unità locale dell impresa o ente; Se viene richiesto un dispositivo USB per ogni unità locale è versato un contributo per ogni USB; Il contributo è ANNUALE, versato entro le scadenze previste per l iscrizione poi ogni anno entro il 31 gennaio. 31

32 SISTRI Contributo quanto Ai sensi di quanto disposto dal Decreto ministeriale, è previsto il pagamento da parte degli Operatori di un contributo annuo ai fini della copertura degli oneri derivanti dal funzionamento del sistema. Le regole sono disponibili sul sito Come regola generale il contributo è determinato, per i produttori e i gestori, in relazione alla tipologia di rifiuti (pericolosi e non pericolosi) ed alle quantità degli stessi, per ciascuna unità locale e per la sede legale, qualora quest ultima produca e/o gestisca rifiuti e per ciascuna operazione di recupero o smaltimento svolta all interno dell unità locale o della sede legale. Per le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti, il contributo è dovuto per la sede legale e per ciascun veicolo adibito al trasporto di rifiuti. SISTRI comunica il contributo da versare, sulla base dei dati dichiarati al momento dell iscrizione. Il contributo si riferisce all anno solare di competenza, indipendentemente dal periodo di effettiva fruizione del servizio e va versato, in sede di prima applicazione, entro la scadenza dei termini per l iscrizione. 32

33 SISTRI Contributo come Ciascun Operatore, non appena si iscriverà al SISTRI, riceverà un numero di pratica e, successivamente, nel più breve tempo possibile, dovrà effettuare il pagamento del contributo di sua competenza per acquisire i dispositivi elettronici ad esso spettanti. Il pagamento può essere effettuato: presso qualsiasi Ufficio Postale; presso gli sportelli del proprio istituto di credito mediante bonifico bancario; presso la Tesoreria provinciale dello Stato (Banca d Italia). Dopo aver effettuato il pagamento dei contributi dovuti, gli Operatori dovranno comunicare al SISTRI, via fax o via all'indirizzo gli estremi di pagamento. In assenza della citata comunicazione di avvenuto pagamento, il SISTRI non potrà procedere alle successive operazioni relative alla consegna dei dispositivi elettronici a ciascuno spettanti. 33

34 SISTRI USB e BLACK BOX Ogni unità locale dell impresa ove si svolgano attività relative ai rifiuti deve avere un dispositivo USB (sono unità locale i cantieri temporanei di durata superiore a 6 mesi). Ogni dispositivo USB può contenere fino a 3 certificati di firma elettronica associati a persone fisiche delegate dal legale rappresentante dell impresa a svolgere le procedure SISTRI. I titolari di firma elettronica sono responsabili della veridicità dei dati inseriti. Se i titolari di firma sono gli stessi per più unità locali è possibile richiedere un unico dispositivo USB. E possibile avere più USB per un unità locale qualora siano presenti più unità operative che originano in maniera automatica rifiuti. 34

35 SISTRI USB e BLACK BOX Ogni veicolo per il trasporto rifiuti sarà dotato di USB e Black Box, i costi di installazione e acquisto della carta SIM sono a carico dei soggetti obbligati. I trasportatori professionali e di rifiuti propri avranno una USB per la sede legale e tante USB e Black Box quanti sono i veicoli destinati al trasporto rifiuti. 35

36 SISTRI Modifiche Qualora l unità locale venga chiusa, o rami d azienda vengano fusi, cancellati, ceduti, ecc.. la variazione va comunicata via fax a SISTRI entro 72 ore dalla data di comunicazione di tale variazione al registro imprese. I dispositivi USB e Black Box vanno restituiti entro 10 giorni lavorativi successivi alla comunicazione via fax. 36

37 SISTRI Rilascio dispositivi A seguito dell invio a SISTRI degli estremi di pagamento i siti di distribuzione (Albo Gestori o CC.II.AA. o Associazioni di Categoria) comunicheranno date e orari per il ritiro del dispositivo dal rappresentante d impresa (legale rappresentante o suo delegato) previo pagamento dei diritti di segreteria e consegna del modulo di dichiarazione di veridicità dei dati forniti al momento dell iscrizione. Se l impresa effettua raccolta e trasporto rifiuti riceverà anche la lista delle officine autorizzate all installazione del black box che deve essere consegnato e installato entro 30 giorni prima dell avvio dell operatività del sistema. 37

38 SISTRI Ruolo delle CC.I.AA. art. 3 comma 4 D.M. 17/11/2009 Le Camere di Commercio, previa stipula di un Accordo di Programma tra il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e l'unioncamere, provvedono al rilascio dei dispositivi USB ai produttori e ai gestori. 38

39 SISTRI Verifica dei dati e personalizzazione dei dispositivi Le Camere di Commercio provvedono, sulla base delle risultanze del Registro delle Imprese, alla integrazione o rettificare i dati comunicati dagli operatori ed a comunicarne l esito al SISTRI. Le Sezioni Regionali provvedono ad integrare i dati comunicati dagli Operatori, con quelli contenuti nell Albo Nazionale Gestori, relativamente ai mezzi iscritti (identificati dalle targhe), ai rifiuti abilitati. 39

40 SISTRI Verifica dei dati e personalizzazione dei dispositivi Qualora le attività di verifica o integrazione non siano possibili (per esempio perché i dati non consentono di individuare la posizione all interno del registro imprese) o generino incongruenze, le Camere di Commercio segnaleranno, per via telematica, l evento al SISTRI. Sarà compito del SISTRI interagire con gli operatori per chiedere eventuali chiarimenti o integrazioni necessari per il buon esito delle richieste di iscrizione. A seguito della verifica e dopo aver ricevuto l informazione relativa all avvenuto pagamento del contributo, il SISTRI procederà alla personalizzazione dei dispositivi USB e alla consegna degli stessi presso i siti di distribuzione. 40

41 SISTRI - Compiti delle Camere di Commercio e delle Sezioni regionali Le Camere di Commercio e le Sezioni Regionali non hanno una competenza istituzionale riconosciuta nella definizione delle corrette modalità per l iscrizione; nella determinazione, riscossione e gestione del contributo; nelle attività di controllo del corretto utilizzo dei dispositivi; nella personalizzazione,installazione e manutenzione dei dispositivi elettronici Usb e black box nella definizione delle corrette modalità per la compilazione delle schede contenenti le informazioni sulla movimentazione dei rifiuti da trasmettere a SISTRI. 41

42 SISTRI Procedure di rilascio ruolo delle Associazioni di categoria Per le attività di rilascio dei dispositivi le Camere di commercio si avvalgono, previa stipula di apposita convenzione, sulla base di un testo standard elaborato da interessate rappresentative sul Unioncamere, delle Associazioni di categoria piano nazionale e loro articolazioni territoriali, o delle società di servizi di diretta emanazione delle medesime organizzazioni. 42

43 SISTRI Procedure di rilascio ruolo delle sezioni regionali art. 3 comma 5 del D.M. 17/12/2009 Le Sezioni regionali e provinciali dell Albo nazionale gestori ambientali di cui all articolo 212 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 provvedono al rilascio dei dispositivi USB per le imprese iscritte al predetto Albo. 43

44 SISTRI Procedure di rilascio ruolo delle sezioni regionali art. 3 comma 5 del D.M. 17/12/2009 Le Sezioni regionali dell Albo Gestori, inoltre, svolgono le seguenti attività: L Albo Nazionale gestori ambientali di cui all articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006 n.152, comunica al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti i dati relativi alle iscrizioni di sua competenza (articolo 8 c.3). Programmazione delle installazioni delle black box. 44

45 SISTRI Procedure di rilascio cosa consegnano le camere di commercio e le sezioni regionali? un dispositivo elettronico per l accesso in sicurezza dalla propria postazione al sistema informatico, USB, idoneo a consentire la trasmissione dei dati, a firmare elettronicamente le informazioni fornite ed a memorizzarle sul dispositivo stesso; un dispositivo elettronico da installarsi su ciascun veicolo che trasporta rifiuti, con la funzione di monitorare il percorso effettuato dal medesimo, definito black box. 45

46 SISTRI Procedure di rilascio come viene contattata l impresa Le Camere di Commercio e le Sezioni Regionali contattano l impresa iscritta inviando via mail oppure via fax. E importante che i recapiti comunicati al momento dell iscrizione siano corretti nel campo Persona di riferimento. La mail o il fax indicano la data o la fascia temporale nella quale ciascuna Unità Locale può effettuare il ritiro dei dispositivi nonché i documenti da consegnare e l indicazione dei diritti di segreteria da versare alla Camera di Commercio. Se l impresa, al momento dell iscrizione, ha chiesto di effettuare il ritiro presso un Associazione di categoria firmataria dell accordo con la Camera di Commercio, potrà rivolgersi direttamente all Associazione. 46

47 SISTRI Procedure di rilascio chi può ritirare i dispositivi Il ritiro dei dispositivi USB dovrà essere effettuato dal legale rappresentante dell Operatore. Il Legale Rappresentante dell Operatore potrà delegare al ritiro un proprio incaricato. In caso di ritiro da parte di un soggetto diverso dal Legale Rappresentante, oltre ai documenti sopra indicati, l incaricato al ritiro dovrà presentarsi munito: del proprio documento di riconoscimento; della delega per il ritiro scritta in carta semplice secondo il formato disponibile sul sito del Portale SISTRI e firmata dal Legale Rappresentante. 47

48 SISTRI Procedure di rilascio documenti da presentare Per procedere al ritiro dei dispositivi USB, è necessario presentare la seguente documentazione: copia della ricevuta di pagamento del contributo di iscrizione al SISTRI per ciascuna unità locale contenente l indicazione del numero di pratica, del codice fiscale e della causale di versamento; dichiarazione, resa dal legale rappresentante ai sensi degli artt. 46 e art. 47 del D.P.R. n. 445/2000, contenente un autocertificazione dei dati comunicati in fase di iscrizione come risultanti dall espletamento delle procedure di controllo con il registro imprese; fotocopia di un documento di identità del rappresentante legale dell azienda in corso di validità; fotocopia del/i documento/i di identità del/i delegato/i, qualora siano stati individuati uno o più Delegati; attestato di versamento dei diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio. 48

49 SISTRI Procedure di rilascio documenti da firmare L addetto del Sito di distribuzione competente alla consegna dei dispositivi USB, dopo aver terminato la verifica dei documenti, stampa dal Sistema e fa firmare al soggetto incaricato al ritiro i seguenti documenti: la dichiarazione di presa visione dell informativa sul trattamento dei dati personali e di consenso al trattamento dei dati stessi; la dichiarazione di impegno all uso corretto e alla custodia dei dispositivi USB. 49

50 SISTRI Procedure di rilascio materiale da ritirare L addetto del Sito di distribuzione consegna al soggetto incaricato al ritiro un plico contenente: il/i dispositivo/i USB già precedentemente personalizzato/i; la/e stampa/e in busta cieca della password per l accesso al Sistema, della password di sblocco del/i dispositivo/i USB (PIN), del PUK, dell identificativo utente (username) e del numero di serie del dispositivo; 50

51 SISTRI Procedure di rilascio dispositivi per i produttori/gestori Ciascun Operatore richiede un dispositivo USB per ciascuna Unità Locale. In caso di Unità Locali nelle quali sono presenti unità operative da cui originano in maniera autonoma rifiuti è facoltà richiedere un dispositivo USB per ciascuna unità operativa. Se nell Unità Locale è esercitata più di un attività di gestione dei rifiuti per la quale è obbligatorio l utilizzo dei dispositivi, l Operatore dovrà dotarsi di un dispositivo USB per ciascuna attività esercitata nell Unità Locale. Tuttavia, qualora siano stati individuati i medesimi Delegati per tutte le attività di gestione dei rifiuti esercitate nella predetta unità locale, sarà possibile richiedere un solo dispositivo USB per tutte le attività attribuite a tali Delegati. 51

52 SISTRI Procedure di rilascio delegati Il certificato elettronico e le credenziali per l accesso al SISTRI e per la firma elettronica (password di accesso al Sistema, password di sblocco del dispositivo (PIN), PUK, e l identificativo utente user name ) sono associate al soggetto indicato come Delegato. Qualora l Operatore non abbia indicato un Delegato, il certificato elettronico e le credenziali sopra indicate sono associate al rappresentante legale dell Operatore. Ciascun dispositivo USB può contenere fino ad un massimo di tre certificati elettronici per la creazione delle firme elettroniche, ciascuno dei quali è associato ad un Delegato. 52

53 SISTRI Procedure di rilascio dispositivi per i trasportatori Per le imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto rifiuti: un dispositivo USB relativo alla sede legale dell'impresa che svolge tale attività; un dispositivo USB per ciascun veicolo adibito al trasporto dei rifiuti in carico all'impresa; una black box per ciascuno dei veicoli. L'installazione del dispositivo avviene presso una officina autorizzata. L'elenco delle officine autorizzate è fornito contestualmente alla consegna dei dispositivi, oppure è disponibile sul portale del sistema SISTRI I costi per l'installazione della necessaria carta SIM sono a carico dell'impresa. Le modalità di individuazioni delle officine autorizzate, di ritiro ed installazione sono indicate nell'allegato IB. 53

54 SISTRI Quali officine contattare L installazione delle black box sui veicoli adibiti al trasporto dei rifiuti può essere effettuata dalle imprese iscritte nel Registro delle imprese esercenti attività di autoriparazione di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 122, sezione elettrauto. Tali officine devono altresì essere dotate di computer e collegamento ad internet. Per essere autorizzati all installazione delle black box, i soggetti di cui sopra devono presentare domanda di autorizzazione al Ministero dell Ambiente, accedendo al sito e compilando l apposita sezione, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto. Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare inviterà i soggetti che avranno presentato la domanda di autorizzazione e che saranno risultati in possesso dei requisiti prescritti a partecipare a corsi di formazione gratuiti, della durata di 6 ore che si terranno nelle date pubblicate sul Portale SISTRI. L attestazione di partecipazione al corso di formazione è requisito necessario per ottenere l autorizzazione all installazione delle black box. Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare provvede alla formazione dell elenco delle officine autorizzate, che sarà pubblicato sul portale SISTRI e sarà liberamente consultabile. 54

55 SISTRI Installazione Black box Le Sezioni regionali dell Albo curano la programmazione delle installazioni delle black box. A tal fine: unitamente al dispositivo USB, forniscono agli Operatori la lista delle officine autorizzate, con l indicazione del periodo temporale entro cui procedere all installazione, e un modulo per il ritiro e installazione delle black box; contattano le officine autorizzate indicate dagli Operatori, o, in caso di eccessivo carico di lavoro delle stesse, altra officina concordata con gli Operatori medesimi, per richiedere l appuntamento per l installazione, che potrà essere fissato non prima di sette giorni dalla richiesta. Il SISTRI provvederà a consegnare le black box direttamente alle officine autorizzate. La richiesta di installazione delle black box presso l officina potrà essere effettuata dal legale rappresentante dell Operatore, che dovrà presentarsi munito di un proprio documento di identità in corso di validità. Qualora siano stati delegati soggetti diversi dal legale rappresentante, tali soggetti dovranno presentarsi muniti, oltre che di un proprio documento di riconoscimento, di delega scritta da parte del rappresentante legale dell Operatore, da redigere in carta semplice secondo il formato disponibile sul sito del portale SISTRI, e della copia dei documenti di riconoscimento del sottoscrittore della delega. 55

56 SISTRI Controlli Le informazioni detenute dal sistema sono rese disponibili agli organi deputati alla sorveglianza e all accertamento degli illeciti in violazione della normativa in materia di rifiuti nonché alla repressione dei traffici illeciti e degli smaltimenti illegali dei rifiuti secondo modalità da definirsi con successivo decreto. Il Catasto dei rifiuti, organizzato da ISPRA, assicura le informazioni necessarie per lo svolgimento delle proprie funzioni di controllo alle Agenzie regionali per la protezione dell ambiente (ARPA), che sono tenute a rendere disponibili tali dati alle Province. 56

57 SISTRI Gestione Per autenticarsi, il delegato dovrà premere il pulsante Accedi al sistema. Subito dopo apparirà una schermata di autenticazione, tramite la quale l utente dovrà fornire le proprie credenziali al Sistri (username e password). Effettuata l autenticazione apparirà la schermata principale del SISTRI. Da questa schermata l utente potrà accedere a tutte le funzionalità del sistema. 57

58 SISTRI Gestione Scheda SISTRI Area Registro Cronologico Scheda SISTRI Area Movimentazione 58

59 SISTRI Il Registro : La Scheda SISTRI area Registro Cronologico Il registro cronologico sostituisce per gli iscritti al Sistri il Registro di Carico e Scarico previsto dall art. 190 del D. Lgs 152/2006. I registri cronologici sono assegnati dal sistema SISTRI in base ai seguenti criteri: GESTORI 1 registro per ogni impianto o attività secondo le categorie di iscrizione PRODUTTORI 1 registro per ogni unità operativa ovvero per ogni unità locale iscritta nel SISTRI TRASPORTATORI 1 registro per la sede legale e 1 registro per ogni unità locale iscritta al SISTRI limitatamente alle imprese di trasporto di cui all art. 212 comma 5 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. 59

60 SISTRI Area Registro Cronologico 60

61 SISTRI Area Registro Cronologico 61

62 SISTRI Area Registro Cronologico La tempistica di registrazione non cambierà rispetto agli obblighi oggi vigenti: Produttori inseriranno i dati nella Scheda SISTRI Area Registro Cronologico entro 10 giorni lavorativi dalla produzione di rifiuti; Recuperatori e smaltitori inseriranno i dati entro 2 giorni lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti; Intermediari e commercianti senza detenzione inseriranno i dati entro 10 giorni lavorativi dalla transazione.

63 SISTRI Area Movimentazione Quando il Produttore programma un trasporto dovrà: Selezionare nella Scheda SISTRI Area Registro Cronologico il codice CER del rifiuto e il quantitativo che intende movimentare. Il sistema aprirà in automatico una Scheda SISTRI Area Movimentazione nella quale il Produttore dovrà inserire i relativi dati almeno 8 ore prima del trasporto programmato. Il trasportatore quando accede a SISTRI vedrà l apertura della scheda e inserirà quanto di sua competenza almeno 4 ore prima del trasporto programmato. 63

64 SISTRI Area Movimentazione 64

65 SISTRI Area Movimentazione 65

66 SISTRI Area Movimentazione 66

67 SISTRI Scheda trasporto Il trasporto sarà accompagnato dalla copia cartacea della scheda SISTRI Area Movimentazione. Per trasporti transfrontalieri il documento di trasporto ex. Reg. 1013/2006 restituito dall impianto di destinazione dovrà essere inserito nel sistema SISTRI in formato.pdf I rifiuti ricevuti dall estero saranno inseriti nel sistema da imprese e enti che recuperano/smaltiscono entro 2 giorni lavorativi dalla presa in carico. 67

68 SISTRI Procedura di movimentazione del rifiuto Il trasportatore deve compilare la scheda Area Movimentazione Trasportatore selezionando la scheda Sistri Area Movimentazione Produttore che contiene le informazioni del rifiuto da movimentare: 68

69 SISTRI Procedura di movimentazione del rifiuto Una volta selezionata la scheda, al trasportatore verrà richiesto di inserire i dati relativi al conducente ed al mezzo: 69

70 SISTRI Procedura di movimentazione del rifiuto Il trasportatore ha inoltre la possibilità di inserire ulteriori informazioni nel campo annotazioni. Questa possibilità può essere utilizzata per segnalare ad esempio: che il rifiuto viene ritirato in un luogo diverso dall unità locale del produttore (ad esempio nel caso di manutenzione o nel caso di ritiro di un rifiuto respinto dal destinatario); le differenti tappe del percorso nel caso di micro-raccolta un cambio motrice od un cambio conducente 70

71 SISTRI Procedura di movimentazione del rifiuto Programmazione percorso Completata l immissione dei dati del conducente e del veicolo, il trasportatore dovrà pianificare il viaggio. Nel caso siano presenti più schede produttore firmate, il trasportatore può effettuare una selezione multipla per aggiungere più schede ad un singolo viaggio. 71

72 SISTRI Procedura di movimentazione del rifiuto Programmazione percorso Effettuata la selezione delle schede del produttore da includere nel viaggio, il trasportatore può procedere alla pianificazione del percorso. Il Sistri propone una mappa con il punto di partenza di arrivo del percorso: 72

73 SISTRI Procedura di movimentazione del rifiuto Programmazione percorso Attraverso l opzione Calcola percorso il Sistri propone un percorso, che può essere successivamente modificato in modo interattivo dal trasportatore inserendo tappe intermedie, forzando il passaggio attraverso particolari punti: 73

74 SISTRI Procedura di movimentazione del rifiuto Programmazione percorso Alla fine della programmazione del percorso, il trasportatore lo approva selezionando l opzione Approva percorso. Una volta che la scheda Area Movimentazione Trasportatore sia stata firmata ed il viaggio pianificato, accedendo all opzione vedi viaggio in fondo alla scheda area movimentazione trasportatore il trasportatore può verificare il percorso programmato per quella movimentazione. 74

75 SISTRI Flusso operativo PRE RACCOLTA RIFIUTO RACCOLTA RIFIUTO SCARICO RIFIUTO produttore trasportatore conducente produttore destinatario conducente Il produttore inserisce il proprio USB, si autentica e compila i campi dell area Movimentazione: n colli, peso da verificarsi a destino, rifiuto sottoposto ad ADR, certificato analitico, presenza intermediario, eventuale rinvio rifiuti verso l estero, selezione del trasportatore e del destinatario L impresa di trasporto inserisce il proprio USB, si autentica, richiama la Scheda aperta dal produttore e compila i propri campi: mezzo di trasporto, conducente, targa, rimorchio data e percorso, eventuale tratta intermodale Il conducente arriva presso il produttore, inserisce il proprio USB associato al mezzo nel computer del produttore, si autentica e prende in carico i rifiuti Il produttore stampa una copia cartacea della Scheda SISTRI che sarà firmata dall autista. Tale copia accompagna il trasporto del rifiuto L impresa di destinazione inserisce il proprio USB, si autentica, richiama la scheda e compila i propri campi: spedizione accettata e quantitativo ricevuto Il conducente inserisce il proprio USB presso il destinatario, si autentica ed invia i dati relativi al trasporto 75

76 SISTRI Flusso operazioni Casistiche principali I flussi delle operazioni sono articolati secondo le seguenti due tipologie: 1. Produttore/detentore trasportatore, che include le operazioni che devono effettuare il produttore/detentore ed il trasportatore a partire dalla produzione del rifiuto fino all inizio del trasporto. Questa tipologia include i seguenti casi: a. produttore e trasportatore iscritti al Sistri, b. produttore non iscritto al Sistri c. produttore che effettua il trasporto dei propri rifiuti pericolosi iscritto al Sistri d. produttore e trasportatore entrambi non iscritti al Sistri 2. Trasportatore gestore, che include le operazioni che devono effettuare il trasportatore ed il gestore dalla conclusione del trasporto fino alla accettazione (o non accettazione) del rifiuto da parte del Gestore dell impianto, e le operazioni successive all accettazione effettuate dal Gestore. Questa tipologia include: a. trasportatore iscritto al Sistri b. trasportatore non iscritto al Sistri c. impianto di gestione rifiuti urbani 76

77 SISTRI Flusso operazioni Produttore trasportatore iscritti al Sistri 77

78 SISTRI Flusso operazioni Produttore non iscritto trasportatore 78

79 SISTRI Flusso operazioni Produttore che effettua il trasporto dei propri rifiuti pericolosi 79

80 SISTRI Flusso operazioni Trasportatore Gestore impianto 80

81 SISTRI Flusso operazioni Trasportatore non iscritto al SISTRI Gestore impianto 81

82 SISTRI - Movimentazione - Esclusione responsabilità trasportatore Quando il destinatario ACCETTA i rifiuti al termine delle operazioni di trasporto LA RESPONSABILITA DEL TRASPORTATORE E ESCLUSA. Il produttore riceverà dal sistema una comunicazione in posta elettronica certificata a seguito dell accettazione del rifiuto da parte del destinatario (equivalente a quello che oggi avviene alla spedizione della 4^ copia del formulario). 82

83 SISTRI - Soggetti non iscritti a SISTRI - Gestione del trasporto Quando programmano un trasporto i produttori non soggetti all iscrizione SISTRI comunicheranno i propri dati necessari alla compilazione della Scheda SISTRI Area movimentazione al delegato dell impresa di trasporto che compilerà anche la sezione del produttore. Una copia cartacea, firmata dal produttore, accompagnerà il trasporto mentre una copia sarà conservata dal produttore non iscritto a SISTRI per 5 anni. Il destinatario stamperà e trasmetterà al produttore la scheda completa che sarà conservata per 5 anni (cioè la 4^ copia del formulario) 83

84 SISTRI - Soggetti non iscritti a SISTRI - Gestione dei rifiuti I produttori di rifiuti pericolosi e i produttori di rifiuti non pericolosi di cui alle lettere c, d, g dell articolo 184 comma 3 del D.Lgs. 152/06 con meno di 10 dipendenti rimangono in ogni caso obbligati alla tenuta del registro cartaceo di carico e scarico dei rifiuti ai sensi dell art. 190 D.Lgs 152/06 I produttori di rifiuti pericolosi non inquadrati in una organizzazione di ente o impresa adempiono all obbligo di tenuta del registro di carico e scarico mediante la conservazione in ordine cronologico delle Schede SISTRI-Area Movimentazione I produttori di rifiuti non pericolosi diversi da quelli delle lettere c, d e g dell art 184 c.3 D.Lgs. 152/06 comunicheranno i loro dati al trasportatore, che compilerà la scheda.. 84

85 SISTRI - Gestione interruzione del sistema IN CASO DI FURTO, PERDITA, DISTRUZIONE O DANNEGGIAMENTO DEI DISPOSITIVI DA PARTE DI UN OPERATORE La scheda sarà compilata dal soggetto tenuto alla compilazione della parte antecedente o successiva, su dichiarazione dell operatore. IN CASO DI INTERRUZIONE DEL SISTEMA I soggetti dovranno compilare una scheda cartacea in bianco tenuta sempre a disposizione e dovranno poi inserire nel sistema i dati della movimentazione entro le 24 ore dalla ripresa del suo funzionamento 85

86 SISTRI Test del sistema Al fine di consentire una piena e più diffusa conoscenza delle modalità operative del Sistri è attivo un test di verifica della funzionalità del SISTRI per consentire ad un insieme rappresentativo di tutte le classi di utenti di provare il sistema e fornire suggerimenti e proposte per meglio adattare l interfaccia del sistema e le procedure relative alle esigenze prospettate dagli operatori ed ai sistemi gestionali presenti presso le aziende. 86

87 SISTRI Test del sistema Il programma si articola in due fasi che procedono sfasate nel tempo: Fase 1 Sistema demo per la verifica di funzionalità, processi ed usabilità: per migliorare e consolidare l interfaccia e le procedure del Sistri, grazie ai feedback che saranno utilizzati sia per il processo di miglioramento e tuning del sistema, sia per definire in maniera partecipata il Manuale Utente. Fase 2 Sistema in ambiente di produzione man mano che questo è consolidato attraverso la fase 1: per consentire agli utenti di fare pratica con il nuovo sistema, per acquisire praticità e rapidità nell utilizzo anche grazie al supporto del Manuale Utente. 87

88 SISTRI - Quadro sinottico del programma di test 88

89 Grazie per l attenzione. 89

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI Paolo Guazzotti 1 FASI DELL ADESIONE 1. Iscrizione (on-line, fax, telefonica, e-mail); 2. Versamento del contributo; 3. Consegna alla CCIAA/Sezione dell

Dettagli

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI ALLEGATO IA PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI (articolo 3, comma 3) Per essere abilitati ad accedere al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, i soggetti di cui agli articoli 1 e 2 del decreto

Dettagli

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Bologna 29 gennaio 2010 CIRCOLARE 33 - AREA AMBIENTE SISTRI Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei Rifiuti COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Con il Decreto del 17 dicembre 2010 il

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi Newsletter n. 01/2010 - SPECIALE AMBIENTE - ISTITUZIONE DEL SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA' DEI RIFIUTI In data 14 gennaio 2010 è entrato in vigore il D.M. 17 dicembre 2009 che istituisce

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Revisione n.1 Data di approvazione: 26/01/10 Pag. 1 di 9 Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

SISTRI. ISCRIZIONE e CONSEGNA DISPOSITIVI. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza

SISTRI. ISCRIZIONE e CONSEGNA DISPOSITIVI. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza SISTRI ISCRIZIONE e CONSEGNA DISPOSITIVI Università degli Studi di Sassari Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza DEFINIZIONI UTILI UNITA LOCALE: si intende l impianto o corpo di impianti

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari INTEROPERABILITA' E SIS Casi particolari Rifiuti respinti in seguito ad esito negativo verifica analitica Il sistema comunica l esito negativo al produttore, al trasportatore ed all eventuale intermediario.

Dettagli

SISTRI. SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza

SISTRI. SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti Università degli Studi di Sassari Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza Decreto 17 dicembre 2009 del Ministero dell'ambiente del Territorio

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETO 17 dicembre 2009. MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti,

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it FAQ SISTRI AGGIORNATE AL 22 NOVEMBRE 2013 dispositivo USB Azienda di trasporto non funzionante [rif. FAQ-101]

Dettagli

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010?

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? rifiuti prodotti dopo il 1 ottobre carico/scarico sul Registro cronologico SISTRI Scheda movimentazione SISTRI compilazione registro e formulario cartacei Produttori

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto per poter utilizzare agevolmente ed in maniera

Dettagli

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro, Come si possono smaltire le cartucce di stampa esauste?? Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Dettagli

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI CASO D USO: GESTIONE ARRIVI 18 novembre 2011 www.sistri.it GESTIONE ARRIVI SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di

Dettagli

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Un sistema per coniugare ambiente, efficienza e legalità Il tema della gestione dei rifiuti ha assunto

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Il registro di carico e scarico è un documento di tipo formale che deve contenere tutte le informazioni relative alle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti

Dettagli

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LINEE GUIDA

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LINEE GUIDA SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LINEE GUIDA INDICE Premessa...3 1. ASPETTI INNOVATIVI DEL SISTRI...5 2. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...6 3. DEFINIZIONI...8 4. IL SISTRI

Dettagli

D.M. 25 maggio 2012, n. 141 Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, avente ad oggetto il Regolamento recante istituzione

Dettagli

MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE AI RIFIUTI MOVIMENTATI.

MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE AI RIFIUTI MOVIMENTATI. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE AI RIFIUTI MOVIMENTATI. ALLEGATO 1 Le informazioni sono comunicate esclusivamente mediante un sistema informatizzato. Il sistema prevede l accredito

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: ü ü ü ü ü ü Nuova funzionalità di ricerca delle

Dettagli

LA NUOVA NOTIFICAZIONE - ISTRUZIONI

LA NUOVA NOTIFICAZIONE - ISTRUZIONI LA NUOVA NOTIFICAZIONE - ISTRUZIONI Le norme richiamate nel testo, ove non diversamente specificato, si riferiscono al decreto legislativo n. 196/2003. (Codice in materia di protezione dei dati personali).

Dettagli

SISTRI. Istruzioni per l uso

SISTRI. Istruzioni per l uso SISTRI SISTRI Istruzioni per l uso 24 maggio TRENTO 25 maggio RIVA DEL GARDA Corso preparato e gestito da SEA spa Cos è il SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Nasce nel 2009 su

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Pordenone lì 29/07/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N 10/2014 Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Fonte: Manuale Ambiente 2014, Unione Industriali Pordenone

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni:

Dettagli

TUTELA DELL AMBIENTE SISTRI

TUTELA DELL AMBIENTE SISTRI TUTELA DELL AMBIENTE SISTRI 1 COS'E' IL SISTRI Riferimenti normativi D.M. del 15 febbraio 2010 - Modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della

Dettagli

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it CASO D USO: MICRORACCOLTA 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto per poter utilizzare agevolmente ed in maniera efficace

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di firmare

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI NELL ALBO INFORMATICO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI NELL ALBO INFORMATICO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI NELL ALBO INFORMATICO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE Rev. 0 giugno 2012 Preparato: AA. GG. Verificato: Segretario Generale Approvato: Deliberazione di

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni;

il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni; DR n 176 Reg.XLVI il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni; vista la deliberazione n 433/14695 in data 06 febbraio 2008 con cui

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2008/31934 Disposizioni integrative del provvedimento del 19 gennaio 2007 in attuazione dell art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, così come modificato

Dettagli

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI PERCHÈ NASCE IL SISTRI - Per garantire una maggiore efficacia all azione di contrasto dei fenomeni di illegalità e nei confronti dei comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Informativa per Comuni Consorziati Ai Responsabili Settore Ambiente Loro sedi OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Spett.le Comune, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 9 luglio 2010 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 161 del 13 luglio 2010, con le Modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre

Dettagli

Tali informazioni sono comunicate esclusivamente mediante un sistema informatizzato.

Tali informazioni sono comunicate esclusivamente mediante un sistema informatizzato. Oggetto: ordinanza del presidente del consiglio dei ministri del 23 marzo 2012 n. 4014 modalità di comunicazione delle informazioni relative alla movimentazione da parte delle imprese delle terre o rocce

Dettagli

Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) Proposte evolutive

Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) Proposte evolutive Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) Proposte evolutive Roma, 15 aprile 2015 1 Indice Obiettivi dell incontro Linee guida Macro schema di flusso del nuovo processo Principali ipotesi

Dettagli

MODULO D ISCRIZIONE AL SISTRI N 1 Il presente modulo deve essere compilato in stampatello in modo leggibile in ogni sua parte SEZIONE 1 - DATI GENERALI Questa Sezione va compilata in ogni sua parte con

Dettagli

Software Servizi Web UOGA

Software Servizi Web UOGA Manuale Operativo Utente Software Servizi Web UOGA S.p.A. Informatica e Servizi Interbancari Sammarinesi Strada Caiese, 3 47891 Dogana Tel. 0549 979611 Fax 0549 979699 e-mail: info@isis.sm Identificatore

Dettagli

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/11/2008 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE E POSIZIONE ASSICURATIVA UFFICIO IV RISCOSSIONE E VIGILANZA Prot. n. 4476 Rif. del istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

Dettagli

L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres.

L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres. L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres. Regolamento per la disciplina della domanda tavolare telematica e

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014 SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014 A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il D.M. 17/12/2009. La base legale

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Prot. n. 2010/188381 Criteri e modalità di inclusione delle partite IVA nell archivio informatico dei soggetti autorizzati a porre in essere operazioni intracomunitarie ai sensi del comma 15-quater dell

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/9647 Modalità e termini di comunicazione dei dati all Anagrafe Tributaria da parte degli operatori finanziari di cui all art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement

Manuale d uso del Sistema di e-procurement Manuale d uso del Sistema di e-procurement Guida all utilizzo del servizio di generazione e trasmissione delle Fatture Elettroniche sul Portale Acquisti in Rete Data ultimo aggiornamento: 03/06/2014 Pagina

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI fonti normative Dlgs 152/2006 TUA articoli 188-189-190-193 (ex 205/2010) 188 bis e 188 ter Dm Ambiente 18 febbraio 2011, n. 52 TU Sistri Dm 20 marzo 2013, n 96 Termini

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014 Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014 Regolamento per la disciplina

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

Codice partner: Profilo di segnalazione: All attenzione del legale rappresentante

Codice partner: Profilo di segnalazione: All attenzione del legale rappresentante Rifer. a nota n. del Classificazione Oggetto Codice partner: Profilo di segnalazione: All attenzione del legale rappresentante La Banca d Italia, in attuazione del Decreto Legislativo 19 novembre 2008,

Dettagli

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%"' #, )-(+. % ' &

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%' #, )-(+. % ' & COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto!" # $ % ( ) * ( +!" #!$% (, -*,. / 0 1 2 *! ($ ) ( ( $ 2. 3 * # * 4 %# 5 6-1 6 7 5 * * %++)%#(!$%" #, )-(+. %, ( * 7 8. 4 4 9 8. / / " *6 6 4 ) : ; < 5 2= 6 +

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 Che cos è SISTRI??? Sistri è il Sistema informatico di Controllo per la Tracciabilità dei rifiuti che il Ministero dell Ambiente ha istituito e che cambia

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Spett.le AZIENDA Loro Sede Trento, 01/02/2016 Oggetto: MUD 2016 - modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2016. Termine per aderire al servizio: 11/03/2016. È stato pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente CITTÀ DI AGROPOLI Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente Approvato con deliberazione della Giunta comunale n 358 del 06.12.2012 Regolamento per

Dettagli

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 SISTRI Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 Accesso al Sistema e Gestione Azienda A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 Principali documenti

Dettagli

Manuale dell Utente Versione test 1.0

Manuale dell Utente Versione test 1.0 Manuale dell Utente Versione test 1.0 02/08/2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità ed uso del manuale... 5 2. Guida all utilizzo del sistema SISTRI... 5 2.1. Descrizione generale del sistema di

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

Seminario Formativo. La Posta Elettronica Certificata (PEC)

Seminario Formativo. La Posta Elettronica Certificata (PEC) Comune di Viterbo Prefettura di Viterbo Provincia di Viterbo Coordinamento territoriale per l Amministrazione Digitale della provincia di Viterbo Seminario Formativo La Posta Elettronica Certificata: aspetti

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni PROVINCIA DI MILANO La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per l attuazione

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione DOCUMENTO TECNICO CRITERI GENERALI PER LA PRESTAZIONE DELLE GARANZIE FINANZIARIE CONSEGUENTI AL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL ESERCIZIO DELLE OPERAZIONI DI SMALTIMENTO E RECUPERO RIFIUTI - AI SENSI

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli