2 MEETING EUROPEO IPPC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 MEETING EUROPEO IPPC"

Transcript

1 2 MEETING EUROPEO IPPC LE BAT PER IL TRATTAMENTO DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA NEGLI IMPIANTI DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI L ESPERIENZA DI MELFI Marco SCARRONE Centro Servizi Ecologici FENICE S.p.A.

2 COMPANY PROFILE ENERGY MANAGEMENT ENVIRONMENTAL CONSULTING INDUSTRIAL WASTE MANAGEMENT

3 Storia dell azienda FENICE è una Società per Azioni con un capitale sociale di con sede a Rivoli (Torino). E interamente di proprietà di EDF- Electricitè de France, leader mondiale dell energia. Nasce in Fiat nel 1990 con l obiettivo di progettare, realizzare e gestire il Progetto FENICE relativo all ottimizzazione degli impianti energetici ed ecologici nei siti produttivi del Gruppo FIAT. Dal 1997 FENICE S.p.A. prende in carico, attraverso processi di insourcing dalle varie società di Fiat, i rami di azienda e le attività (impianti e risorse) in Italia, Polonia e Spagna relative a: - produzione, trasformazione e distribuzione di vettori energetici - servizi ecologici (cicli delle acque primarie e reflue, trattamenti e smaltimenti dei rifiuti industriali) Da questa esperienza FENICE estende la sua attività al mercato eco-energetico industriale in Italia ed all estero. Dalla fine del 2001, FENICE entra a far parte del Gruppo EDF- Electricité de France ed oggi FENICE è leader fra le multiutility eco-energetiche in Europa.

4 Mission Fenice è una multiutility nei settori dell Energy Saving Consulting &Energy Management, Environmental Services e Industrial Waste Management. È certificata ISO 9001, e SINAL-Laboratori ed è accreditata come ESCO (Energy Service Company) al livello nazionale. FENICE inoltre ha conseguito le certificazioni SOA nelle categorie: OG9, OG10, OG11, OG12, OS14, OS16, OS21,OS22, OS28. La mission di Fenice è sia sul mercato industriale che pubblico e consiste nel: Progettare, finanziare, realizzare e gestire impianti di produzione di vettori energetici (Cogenerazioni, Centrali Termiche, Centrali Aria Compressa, Teleriscaldamento, Produzione del freddo,etc.) a fonti rinnovabili o gas in: - Outsourcing (con gestione di asset ecoenergetici in proprietà o in affitto) / Project Financing - Operation & Maintenance

5 Gruppo EDF in Europa EnBW 46,07% KS 46,07% DDV 5,8 millions de clients 15,0 GW élec. Installés 139,5 TWh élec. vendus 75,2 TWh d activités gaz P S T T D D C C S SLOE 50% KS Centrale B.V. 50% DDV P EDF Belgium 100% KS P S 419 MW installés 3,6 TWh élec 0,2 TWh gaz vendus C C EDF Energy 100% KS 100% DDV P 5,5 millions de clients D 4,9 GW élec. Installés 52,44 TWh élec. vendus C C 39,6 TWh d activités gaz (dont S 28,69 de vente) EDF S.A. Maison Mère 27,2 millions de clients P 96,2 GW élec. Installés C 477,5 TWh produits C 395,1 TWh élec. vendus 17,9 TWh gaz vendus RTE-EDF Transport 100% KS T erdf 100% KS D Elcogas 31,39% KS 335 MW élec installés / 1,4 GWh Hispaelec 100% KS Une cinquantaine de sites clients P C Edison 48,96% KS 50,00% DDV 0,187 million de clients 12,5 GW élec. Installés 53,4 TWh élec produits 63,8 TWh élec. vendus 13,8 Gm 3 d activités gaz Fenice 100% KS P C P S C P PD P C Atel P 24,83% KS 25,00% DDV (23, ,07% de 2,87) T 3714 MW élec. et 818 MWth installés D + 0,4 TWh mis à dispo. C 129 TWh élec. vendus S ERSA MW élec. installés ECW 353 MW élec. installés MWth. installés Zielana Gora 221 MW élec. installés 322 MWth. installés ECK 460 MW élec. installés MWth. installés Kogeneracja 363 MW élec. installés MWth. installés 78,63% KS P 97,05% DDV 77,52% KS P 77,52% DDV P 35,56% KS P 99,87% DDV P 66,26% KS P 66,26% DDV P 35,61% KS P 50;00% DDV P SSE 49% KS D D 6,036 TWh vendus clients C C Demasz pts livraison 100% KS D 4,49 TWh vendus/ clts C BERt 356 MW élec.inst. 95,57% KS P 1,7 TWh vendus P MWth. installés Groupe Estag 20% KS D D D clients 25% DDV S C C C Dalkia S 50,0% KS 24,14% DDV Belgique, UK, Allemagne, Italie, PECO 34,0% KS 34,0% DDV France P Produzione di elettricità T Trasporto di elettricità D Distribuzione di elettricità C Vendita di elettricità P Produzione di calore D Distribuzione di calore C Vendita di calore P Produzione di gas S Stoccaggio di gas T Trasporto di gas D Distribuzione di gas C Vendita di gas S Assistenza KS Part du capital social DDV Part des droits de vote Cession annoncée Pays d implantation Hors DIG Autres sociétés SEI Tiru SHEMA FHYM, FHYT ELD et autres distributeurs EDEV et filiales associés Emosson/Châtelot/Mauvoisin/ Richemont (CH) Filiales immobilières (F) Diverses sociétés de portage

6 Gruppo FENICE - organico Fenice Poland Sp.zo.o Bielsko Biala 536 pers. Torino Fenice SpA pers. Madrid Fenice Instalaciones Iberica 57 pers.

7 AREA 1 To Mirafiori To Sangone Verrone Rivalta AREA 3 Borgaretto Grugliasco Orbassano Chivasso Savigliano Villastellone Crescentino Carmagnola Livorno Maranello Riva di Chieri Vergiate Modena S. Matteo Sesto S.Giovanni Presenza FENICE in Italia NEW CLIENTS ITT Industries Barilla Whirlpool Carteria Etruria Ecoespanso FIAT / IVECO AREA 2 Brescia Bolzano Stura Suzzara Pregnana Mil. AREA 4 Cassino Pomigliano Termoli Termini Imerese Pomigliano Acerra AREA 5 Melfi Sata Foggia Atessa Flumeri ALTRI SITI CSE RIVOLI - CRSA MARINA DI RAVENNA CSE CASALNUOVO TERMOVALORIZZATORE MELFI Centrali CIP 6 O&M Melfi Cassino Termoli Rivalta Acerra Sulmona

8 Offerta di servizi Energy Saving Consulting & Energy Management Environmental Services Industrial Waste Management

9 Offerta di servizi Energy Saving Consulting Audit energetici Interventi efficenziali per il risparmio energetico sui seguenti vettori: energia elettrica (motori, illuminazione ecc.) calore / freddo aria compressa processo industriale acque Pianificazione e realizzazione di gestioni ottimizzate dei vettori energetici Gestione di Titoli di Efficienza Energetica (certificati bianchi)

10 Energy Management Offerta di servizi Progettazione, finanziamento, realizzazione e gestione di: impianti di cogenerazione (Gas e fonti rinnovabili) sottostazioni elettriche e cabine di trasformazione centrali termiche per produzione di vapore, acqua calda e surriscaldata ad uso tecnologico e riscaldamento ambiente teleriscaldamento e teleraffrescamento impianti frigoriferi impianti di produzione di aria compressa reti di distribuzione con fornitura : energia elettrica calore / freddo aria compressa gas industriali titoli di Efficienza Energetica (certificati verdi)

11 Offerta di servizi Environmental Consulting Analisi chimico-fisiche dell impatto ambientale di ogni attività produttiva in laboratori certificati SINAL in tre sedi italiane (Torino, Ravenna e Napoli) e con vari mezzi mobili Progettazione e realizzazione di bonifiche ambientali, audit, site assessment, monitoraggi e telecontrolli ambientali V.I.A. (Valutazioni d Impatto Ambientali), certificazioni ISO ed EMAS, assistenza legale ambientale Industrial Waste Management Progettazione, realizzazione e gestione di impianti di trattamento rifiuti solidi e liquidi industriali Trattamento dei rifiuti solidi (termovalorizzatore di Melfi) e liquidi

12 LA SCELTA DI MELFI SVILUPPO PROGETTO ANNI 90 adeguata distanza da insediamenti urbani: Lavello (6 km) - Melfi (9 km ) assenza di vincoli: idrogeologico - archeologico paesaggistico no assoggettamento Piani Territoriali di Area Vasta no aree protette (Naz.+ Reg.) no SIC - no ZPS inserimento in Area di Sviluppo Industriale, con adeguate infrastrutture (incluso raccordo ferroviario) aggregazione a principale stabilimento Fiat in Sud-Italia scelta di tecniche + tecnologie: consolidate / ampiamente utilizzate - all avanguardia in termini di efficienza energetica / ecologica - a minor impatto ambientale

13 Inserimento geografico

14 ATTIVITÀ IPPC n. 5 Gestione Rifiuti Area complessivamente impegnata dalla piattaforma del Termovalorizzatore m 2 di cui: aree verdi interne alla piattaforma m 2 strade interne, piazzali e parcheggi m 2 area occupata dagli impianti tecnologici m 2 area coperta da fabbricati m 2

15 ATTIVITÀ IPPC n. 5 Gestione Rifiuti Regione Basilicata con D.G.R. 13/12/2004 n 2922 predispone Linee Guida per redazione Domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) Presentazione Documentazione per Domanda AIA: marzo Reg. Basilicata Dip. Ambiente, Territorio, Politiche Sostenib. Uff. Comp. Ambientale Istruttoria in corso Autorizzazioni già in essere (Scheda B)

16 ATTIVITÀ IPPC n. 5 Gestione Rifiuti BAT (Best Available Techniques) ) o Migliori Tecniche Disponibili (MTD) di riferimento per l attività IPPC: Reference Document on Best Available Techniques for Waste Inceneration, August 2006 Reference Document on the General Principles of Monitoring, July 2003 Linee Guida relative ad impianti esistenti per le attività rientranti nelle categorie IPPC: 5 Gestione Rifiuti (Impianti di incenerimento) Linee Guida Migliori Tecnologie Disponibili - Sistemi di Monitoraggio Sistema di Gestione Integrato FENICE : ISO 9001 da anno 2002 ISO da anno 2002 OHSAS da anno 2006

17 ATTIVITÀ IPPC n. 5 Gestione Rifiuti 2 Linee di trattamento: - Forno a griglia Rifiuti Solidi Assimilabili agli Urbani Quantità autorizzata da trattare t/a - Forno rotante Rifiuti Industriali Quantità autorizzata da trattare t/a - Sistema di recupero energetico: n. 2 caldaie a recupero + n. 1 turbina a vapore - Sistema Trattamento Fumi per ogni Linea

18

19 Tipologia di Rifiuti Conferiti Rifiuti Urbani + Speciali Assimilabili agli Urbani (solidi) non recuperabili Rifiuti Speciali di origine industriale (pericolosi e non) [es. fanghi / melme / solventi esausti non clorurati] Codici CER autorizzati: n. 238

20 Rifiuti Conferiti Anno t circa di cui circa 54 % trattati su Forno Rotante 46 % trattati su Forno a Griglia t Rifiuti Urbani t circa provenienti dalla Regione Basilicata

21 Linea Forno a Griglia stoccaggio differenziato pre-trattamento alimentazione con benna su carroponte incenerimento in forno con griglia a rulli e camera di post-combustione estrazione e stoccaggio scorie caldaia a recupero trattamento fumi

22 SCHEMA A BLOCCHI LINEA FORNO A GRIGLIA t/a RIFIUTI S TOCCAGGIO PRETRATTAMENTO E ATMOSFERA RIFIUTI ALIMENTAZIONE RIFIUTI RIFIUTI FUMI INCENERIMENTO RECUPERO CALORE DEPURAZIONE CAMINO (FORNO A GRIGLIA) (CALDAIA) FUMI SCORIE VAPORE 20 t /h CENERI VOLANTI DISCARICA SEZIONE RECUPERO ENERGETICO INERTIZZAZIONE

23

24

25 Linea Forno Rotante stoccaggio differenziato pre-trattamento alimentazione con benna su carroponte incenerimento in forno con tamburo rotante e camera di post-combustione estrazione e stoccaggio scorie caldaia a recupero trattamento fumi

26 SCHEMA A BLOCCHI LINEA FORNO ROTANTE t/a RIFIUTI S TOCCAGGIO PRETRATTAMENTO E ATMOSFERA RIFIUTI ALIMENTAZIONE RIFIUTI RIFIUTI FUMI INCENERIMENTO RECUPERO CALORE DEPURAZIONE CAMINO (FORNO ROTANTE) (CALDAIA) FUMI SCORIE VAPORE 2 0 t/h CENERI VOLANTI DISCARICA SEZIONE RECUPERO ENERGETICO INERTIZZAZIONE

27

28

29 RECUPERO ENERGETICO 2 caldaie a recupero (33 MWt): produzione di vapore surriscaldato (40 t/h, 35 bar, 350 C) espansione vapore in turbina collegata ad alternatore: produzione di energia elettrica (7,2 MWe) per: - autoconsumo (30 % ca.) - vendita eccedenza e/o spillamento a 6 bar da turbina per utenze tecnologiche e riscaldamento piattaforma termovalorizzatore

30 SCHEMA A BLOCCHI SEZIONE DI RECUPERO ENERGETICO VAPORE SURRISC. 40 t/h 35 bara EN. ELETTRICA 10,5 kv 7,2 MWe ALLE UTENZE TURBOALTERNATORE CALDAIA SU CALDAIA SU ALLE LINEA CON FORNO LINEA CON FORNO UTENZE VAPORE A GRIGLIA ROTANTE VAP. BASSA P 25/35 t/h CONDENSA 5/15 t/h 0,15 bara 6 bara AEROCONDENS ATORE POMPE DI ALIMENTO STOCCAGGIO/ DEGASAZIONE CONDENSA

31

32 MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE - 1 Sistema trattamento fumi ad elevata efficienza senza scarico liquido Vasche di stoccaggio rifiuti fangosi con doppia parete di contenimento (con possibilità di ispezione eventuali perdite) Locali stoccaggio rifiuti chiusi in leggera depressione Aree di stoccaggio contenitori rifiuti impermeabilizzate Sezione raccolta ceneri

33 MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE - 2 Raccolta acque meteoriche nelle zone interessate da presenza o transito di rifiuti Vasche per trattamento acque poste fuori terra e dotate di bacino di contenimento Fognatura tecnologica realizzata con doppio tubo e pozzetti di ispezioni

34 MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE - 3 SEZIONE TRATTAMENTO FUMI ogni Linea ha propria sezione di trattamento fumi (linee indipendenti) le due sezioni hanno la stessa struttura; differiscono solo per la potenzialità di trattamento peculiarità: elevata efficienza, ridotto consumo di acqua + nessuno scarico liquido

35 MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE - 4 SEZIONE TRATTAMENTO FUMI Spray-dryer: raffreddamento fumi cui sono ricircolati gli spurghi da sistema abbattimento ad umido (scrubber) neutralizzati con NaOH Filtro a Maniche per depolverazione Scrubber ad Umido (tipo venturi) per rimozione HCl / HF (con H 2 O) Scrubber ad Umido (torre a riempimento) per rimozione SO X (con NaOH) SCR reattore catalitico (iniezione NH 3 in sol. acquosa) per denox + rimozione PCDD/PCDF

36 SISTEMI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE AMBIENTE ESTERNO: - Rete di Monitoraggio IMPIANTO: - Emissioni n. 2 camini - Scarichi idrici - Residui avviati in discarica

37 SISTEMI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE AMBIENTE ESTERNO n. 2 Sistema DOAS per verifica qualità aria [volumi aria su impianto] [n. 1 FENICE n. 1 Reg. Basilicata gestito da ARPAB] n. 4 Stazioni di rilevamento in continuo della qualità dell aria distribuite in modo rappresentativo sul territorio (raggio 5 km) posizione definita in accordo Piano di Monitoraggio Ambientale Regione / FENICE N. 3 Stazioni di rilevamento in continuo della qualità dell aria della Reg. Basilicata gestito da ARPAB n. 10 pozzi monitoraggio qualità dell acqua di falda n. 8 stazioni di bio - monitoraggio con bio indicatori animali / vegetali Programma campionamenti annuali su matrici ambientali (acque/terreno/vegetali) Invio dati Monitoraggio Ambientale: ARPAB Reg. Basilicata Polizia Prov. ASL N 1 (Melfi) Min. Ambiente Prov. Potenza Com. Melfi

38 SISTEMI DI MONITORAGGIO IMPIANTO EMISSIONI IN ATMOSFERA n. 1 Sistema di Monitoraggio in continuo delle Emissioni (SME) rispondente ai requisiti del D.Lgs. 133/05: misura e registrazione in continuo di tenore volumetrico di Ossigeno tenore di vapor acqueo pressione temperatura portata concentrazioni di CO, NO x, SO 2, polveri totali, TOC, HCl; Analisi discontinue con cadenza trimestrale di HF e sostanze di cui all Allegato I- Par.A Punti 3 e 4 del D.Lgs. 133/05; n. 1 sistema di supervisione, regolazione e controllo impianto (DCS) equipaggiato con applicativo per interruzione alimentazione dei rifiuti in caso di: T avviamento < T minima stabilita da D.Lgs. 133/05 art. 8; T camera post-combustione < T minima stabilita da D.Lgs. 133/05 art. 8; superamento limiti di emissione.

39 INQUINANTE EMISSIONI IN ATMOSFERA FORNO GRIGLIA FORNO ROTANTE Valore Limite Autorizzato D.Lgs. 133/05 All. I BAT - Tab. H.4.1 Livelli Operativi Polveri tot mg/nm 3 2,47 1, TOC mg/nm 3 0,67 0, HCl mg/nm 3 1,21 0, SO2 mg/nm 3 3,95 10, NOx (come NO 2 ) mg/nm 3 119,2 123, CO mg/nm 3 1,28 1, HF mg/nm 3 < 0,05 < 0, > 1 Cd+Tl mg/nm 3 0,0003 0, ,05 0,05 0,005-0,05 Hg mg/nm 3 < 0, < 0, ,05 0,05 0,001-0,02 Sb+As+Pb+Cr+Co+Cu+MN+Ni+V mg/nm 3 0,19 0,11 0,5 0,5 0,005-0,05 PCDD+PCDF ng/nm 3 0,0109 0,0125 0,1 0,1 0,01-0,1 IPA mg/nm 3 < 0,001 < 0,001 0,01 ND

40 MTD BAT DI RIFERIMENTO Linee Guida relative ad impianti esistenti per le attività rientranti nelle categorie IPPC 5 Gestione Rifiuti (Impianti di incenerimento) Tabella E Individuazione BAT per incenerimento rifiuti E.4.1 Gestione dei Rifiuti in Ingresso E.4.2 Trattamento Termico E.4.3 Recupero Energetico E.4.4 Trattamento dei Fumi E.4.5 Trattamento delle Acque Reflue E.4.6 Gestione Residui Solidi E.4.7 Rumore E.4.8 Strumenti di Gestione Ambientale E.4.9 Comunicazione / Consapevolezza Opinione Pubblica

41 La Società - l impianto - il territorio porte aperte per visite didattiche (nel 2007 hanno visitato l impianto 346 allievi delle scuole provinciali accompagnati da 31 insegnanti) sostegno ad iniziative a favore di ONLUS locali sponsorizzazione settore giovanile P.F.C. Lavello

42 CONCLUSIONI - 1 Le tecniche applicate sono allineate con BAT - MTD e con impianti di termovalorizzazione di rifiuti di più recente realizzazione (es. impianti di Milano, Piacenza e Trezzo d Adda) Per quanto riguarda le modalità operative si evidenzia che: - procedure e sistemi di controllo e sicurezza messi in opera hanno garantito funzionalità + affidabilità dell impianto; - emissione in atmosfera costantemente, in tutte le condizioni di esercizio con valori significativamente inferiori ai livelli autorizzati sostanzialmente allineati con livelli operativi di emissione previsti da BAT - MTD

43 CONCLUSIONI - 2 Il Termovalorizzatore ha confermato la sua funzione di pubblica utilità smaltendo i rifiuti urbani provenienti dal Vulture - Melfese, conferiti discrezionalmente dai diversi Comuni dell area e dalle Comunità; Il Termovalorizzatore è inserito all interno del Piano Provinciale di Gestione Rifiuti (Rif. doc. Piano Provinciale di organizzazione della gestione dei Rifiuti Aggiornamento e completamento Sezione Rifiuti Solidi Urbani Documento Preliminare Allegato A Aprile 2008)

44 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE!

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Milano 09 Aprile 2008 Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Ing. S. Zannier WtE Unit Manager Tabella di confronto rifiuti RSU CDR * P.C.I. tal quale (MJ/kg) Frazione

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori 10>14 Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori inceneritori monitoraggio moniter Quaderni di Moniter Collana di documentazione a cura di Regione Emilia-Romagna Servizio Comunicazione, Educazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

La complessa problematica della corretta gestione dei CHIMICA & LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MEDIANTE INCENERIMENTO: ASPETTI AMBIENTALI E SANITARI

La complessa problematica della corretta gestione dei CHIMICA & LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MEDIANTE INCENERIMENTO: ASPETTI AMBIENTALI E SANITARI CHIMICA & AMBIENTE Giuseppe Viviano, Gaetano Settimo Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità - Roma LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MEDIANTE INCENERIMENTO: ASPETTI

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE. COMPLESSO IMPIANTISTICO Imola (BO), Via Pediano 52 ANNO 2010

DICHIARAZIONE AMBIENTALE. COMPLESSO IMPIANTISTICO Imola (BO), Via Pediano 52 ANNO 2010 DICHIARAZIONE AMBIENTALE COMPLESSO IMPIANTISTICO Imola (BO), Via Pediano 52 ANNO 2010 Rev. 0 del 05/05/2010 000983 PREMESSA La Dichiarazione Ambientale costituisce il documento attraverso il quale l organizzazione

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente SOLARE BIOMASSA POMPE DI CALORE CONDENSAZIONE Alezio POMPA DI CALORE ARIA/ACQUA EASYLIFE Facilità di utilizzo: da oggi è possibile! >> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >>

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI DIAGNOSI ENERGETICA NELLE IMPRESE AI SENSI

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA

IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA Stato attuale e potenzialità di sviluppo Scenario dei benefici energetici ed ambientali INDICE PARTE I Lo stato attuale del riscaldamento urbano in Italia (anno 201 2) 1

Dettagli

Latina Roma Milano Dubai

Latina Roma Milano Dubai Latina Roma Milano Dubai BENEFICI E CRITICITA DELLA REALIZZAZIONE IMPIANTO A BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ELETTRICA Ing. G. Cicerone Ing. M. Romani GENNAIO 2007 Potenza netta esportabile 5 Rif. Biomassa

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli