In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per"

Transcript

1 Michele Stavagna STADTUMBAU BERLIN Rigenerazione urbana tra riqualificazione edilizia e memoria identitaria In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per la formazione del concetto stesso di modernità in architettura e una delle prime metropoli europee, Berlino è rimasta divisa politicamente e in seguito anche fisicamente tramite il Muro per circa 45 anni. Fino alla Riunificazione avvenuta nel 1989 le due città che si sono fronteggiate hanno vissuto due esperienze, dal punto di vista dello sviluppo e dell ordinamento del suolo urbano, assai diverse, essendo però entrambe terreno di sperimentazione di proposte urbanistiche e architettoniche che erano lo specchio o il derivato di prospettive politiche ed economiche contrastanti. L avvenuta Riunificazione e la conseguente ritrovata posizione di capitale di un grande stato tedesco al centro dell Europa hanno posto in misura per certi aspetti drammatica il problema della gestione di un sistema urbano complesso e policentrico e insieme della ricostruzione di un identità comune che non fosse solo espressione di una grande realtà urbana, ma in qualche modo riflettesse l idea stessa della nazione riunificata. Tutto questo ha avuto la sua ricaduta fisica più evidente e spettacolare nel complesso di interventi che hanno completamente ricostruito l immagine e l aspetto del centro della metropoli berlinese. Si è trattato di un piano di interventi che è stato oggetto del dibattito architettonico e urbanistico internazionale per circa un decennio, continuando in parte tuttora, con un bilancio in parte positivo e in parte negativo. Sarebbe però un errore ritenere che la ricostruzione di un identità comune e anche il necessario e naturale processo di rinnovamento urbano si sia orientato e sia in atto esclusivamente all interno del centro storico più consolidato di Berlino, cioè di quella parte di città che fu già la Berlino di pietra descritta da Werner Hegemann negli anni Venti e che in sostanza è racchiusa nel grande anello della ferrovia urbana. Berlino è anche un complesso sistema di quartieri periferici e parti di tessuto urbano realizzati secondo criteri e modelli diversi da quello della città storica compatta costituita da isolati chiusi. Questo tessuto prevalentemente residenziale, già molto esteso nella prima metà del Novecento è particolarmente cresciuto nel corso del secondo dopoguerra in entrambe le due Berlino, sia pure con modalità

2 distinte e con un diverso grado di controllo da parte del potere pubblico. Ancora oggi gran parte di questo patrimonio si trova in regime proprietario a carattere semipubblico, gestito attraverso un sistema di cooperative erede di quello storico creato negli anni tra le due guerre mondiali e gli alloggi sono inseriti nel mercato degli affitti, essendo in parte utilizzati attraverso il sistema del welfare pubblico o Sozialhilfe soprattutto per la parte esistente nella ex Berlino Est Interventi nella ex Berlino Ovest: Siedlung Schlierbacherweg (Neukölln) e Boßstrasse (Lankwitz) 2. Interventi nella ex Berlino Est: Ahrensfelder Terrassen e Mehrower Allee (Marzahn) Questi quartieri, sia nella parte ovest che est della città sono stati e sono direttamente interessati dal processo di rinnovamento che ha coinvolto la città, ponendo nuovi problemi circa le più corrette e adeguate metodologie di intervento, tali da garantire una rigenerazione urbana non più procrastinabile ma senza perdere il capitale di memoria storica che queste parti di città rappresentano. Le problematiche di intervento sono quindi diverse

3 nelle due aree urbane in cui Berlino fu divisa, ma le soluzioni più avanzate, si sono significativamente rivolte verso metodologie di intervento che presentano, nella concetti guida, diverse analogie. Il patrimonio edilizio residenziale da risanare nella ex Berlino Ovest è costituito per lo più da Siedlungen realizzate a partire dagli anni Cinquanta del 900, per ospitare gli sfollati del centro urbano allora quasi completamente distrutto. Costruiti utilizzando in parte materiali di recupero con tecniche costruttive tradizionali e impiegando un linguaggio architettonico semplificato e privo di accenti particolari il termine utilizzato all epoca era Schlichtbauweise - questi insediamenti presentano notevoli problemi di adeguamento funzionale e impiantistico, in parte tamponati nel corso dei decenni con interventi successivi non coordinati. Il caso della Siedlung Schlierbacherweg a Berlin-Neukölln intervento di recupero completato nel 1994 è divenuto un modello per interventi successivi sia per la soluzione adottata che per il processo stesso che ha determinato il risultato finale. L insediamento originale era appunto una di queste Siedlung per gli sfollati indigenti costruita tra il 1952 e 1953: un semplice sistema di edifici in linea di soli due piani fuori terra orientati perpendicolarmente ai lati del lotto trapezio cercando di rispettare comunque un orientamento secondo l asse eliotermico, al centro del lotto erano posti edifici più bassi di uso comune e lavatoi. La densità complessiva del quartiere dunque rimaneva molto bassa consentendo in cambio un mantenimento di grandi superfici a verde e per orti privati degli affittuari ed esprimeva quello che all epoca era considerato il concetto di unità di vicinato. Siedlung Schlierbacherweg (Berlin-Neukölln), planimetria generale e vedute prima e dopo l intervento

4 Dopo che nel corso degli anni Sessanta erano state già eseguite modifiche e restauri, negli anni Ottanta, a seguito anche della vendita della Siedlung ad una nuova società sono cominciati i dibattiti sulla possibilità di un recupero funzionale o di una sostituzione completa dell insediamento. Sulla base di una serie di studi che in un primo tempo sembravano privilegiare come più economica la demolizione venne bandito un concorso a inviti sulla base di un programma che prevedeva la costruzione di 80 unità residenziali previste per la vendita e 24 per il riaffitto. Una successiva serie di studi più particolareggiati sulla condizione reale degli alloggi e dell impatto sociale di una completa demolizione e ricostruzione, nonché delle richieste degli abitanti, portarono alla fine degli anni Ottanta alla formulazione di diversi progetti alternativi alla demolizione, con l approvazione finale e infine la realizzazione di quello proposto da un associazione temporanea di professionisti tra cui lo studio più noto a livello nazionale era quello dei Baufrösche Architekten di Kassel. Il progetto prevede il mantenimento della struttura attuale del quartiere, rafforzandone la percezione con un piano del colore per le facciate degli edifici. Tutte le stecche vengono risanate inserendo alcuni elementi architettonici prima non esistenti a con la sopraelevazione di un piano. Ciò consente da un lato di ammodernare gli alloggi esistenti accorpando unità più piccole per riportarle agli standard abitativi oggi previsti e la realizzazione di alloggi completamente nuovi, utilizzando nuove tecnologie per il risparmio energetico. Siedlung Schlierbacherweg (Berlin-Neukölln), piante degli alloggi originali e risanati e vedute degli edifici comuni dopo l intervento

5 In tal modo la perdita di unità abitative dovuta all ammodernamento delle parti esistenti viene quasi completamente compensata passando dalle originali 172 a 160, di cui 112 nelle parti risanate e 48 nuove. Si è ottenuta così una remuneratività dell intervento vantaggiosa rispetto alla demolizione completa, con il mantenimento della densità originale dell insediamento e di conseguenza di gran parte degli abitanti originari. Gli elementi architettonici inseriti hanno rafforzato l immagine unitaria dell insediamento pur esaltandone la struttura discreta e hanno permesso il mantenimento del verde presente e degli edifici di servizio adeguati a un utilizzo più moderno per manifestazioni collettive degli abitanti. Il successo del progetto ha determinato un immediato reincarico agli stessi architetti che hanno potuto riproporre lo stesso programma base per la modernizzazione di un altra Siedlung molto simile, posta però in un quartiere più a ovest, Berlin-Lankwitz, dove sono stati in più sperimentati per l intero complesso sistemi ecologici di recupero passivo dell energia e delle acque piovane. Diversa è invece la situazione nei quartieri periferici di Berlino Est, caratterizzati da insediamenti di Großsiedlung, cioè ad uso intensivo del suolo, attuato tramite tipi edilizi prefabbricati ad alta densità, detti Plattenbau, normalmente alti 11 piani, che sono diventati il vero e proprio simbolo negativo della città socialista e versano oggi in genere in stato di forte degrado, dovuta alla tecnologia costruttiva originale e alle dotazione di servizio degli appartamenti, entrambe ormai obsolete. Il caso più famoso è costituito dalla circoscrizione di Marzahn-Hellersdorf, costituito a partire dagli anni Settanta riunificando amministrativamente alcuni paesi limitrofi a Berlino e accorpandoli alla città. Questi nuovi quartieri dopo la riunificazione si sono lentamente svuotati della popolazione a causa della crisi economica in cui versava tutto il territorio della ex Repubblica Democratica Tedesca, incluso il territorio della Berlino riunificata. Mentre nelle città medio-piccole dei nuovi Land il risanamento si è dimostrato per ora economicamente insostenibile portando a una politica di rinaturalizzazione cioè di demolizione completa del patrimonio abbandonato senza una successiva ricostruzione, nel caso di Berlino si è cercato di programmare un piano generale di rigenerazione urbana lo Stadtumbau West e Ost per entrambe le due parti della città il cui scopo è arrivare a un risanamento e consolidamento del patrimonio edificato esistente mediante interventi di riqualificazione puntuali e mirati oltre che con una finanziamento più generale per la manutenzione degli edifici. Per la parte est uno degli obiettivi

6 primari degli interventi è quello di arrivare alla formazione di un paesaggio urbano variato che modifichi l immagine compatta della Großsiedlung attraverso la demolizione e modifica dell edificato esistente sia per quanto riguarda gli edifici residenziali che per quelli di uso pubblico non più utilizzati. Il quartiere Marzahn Nord-Ovest è uno dei più recenti comparti abitativi di Marzahn, realizzato a partire dal 1980 lungo il margine urbano nordorientali di questa circoscrizione. A causa della sua posizione, di un importante asse di traffico che porta all anello autostradale esterno che circonda la capitale, nonché di un sistema di verde che lo separa dalla restante parte di Marzahn, risulta relativamente isolato. A nord e a est si apre la campagna attorno a Berlino con villaggi di tipo tradizionale e a bassa densità abitativa, come Ahrensfelde e Mehrow. In questo comparto la perdita di abitanti nel corso dei primi 15 anni dopo la caduta del Muro e la successiva riunificazione di Berlino è stata molto più alta rispetto ad altre parti della Großsiedlung orientale della capitale, ammontando a circa il 27% della popolazione residenziale, con un passaggio in termini assoluti da abitanti nel 1989 a nel Ahrensfelder Terrassen (Berlin-Marzahn), prospettive dello stato di fatto e di progetto, veduta aerea dell intervento realizzato Nell ambito del programma di riqualificazione urbana Stadtumbau-Ost, per questa parte della città sono stati elaborati diversi piani di intervento e realizzati progetti localizzati per la stabilizzazione della popolazione e la riqualificazione degli standard residenziali. Più in generale l obiettivo è stato il miglioramento delle qualità ambientali sia con il miglioramento della dotazione di servizi del quartiere che tramite la realizzazione di una migliore riconoscibilità e caratterizzazione degli edifici esistenti risanati. Una prima parte degli interventi negli anni Novanta è consistita nel consolidamento morfologico tramite l inserimento di nuovi edifici. Questi, opportunamente localizzati lungo le direttrici principali di collegamento del quartiere, hanno aggiunto elementi qualitativi tipici della città consolidata, come il rapporto diretto strada/edifico e l uso misto residenziale/commerciale, introducendo anche

7 elementi più tipici del centro storico berlinese, come i passage commerciali, naturalmente con una scala ridotta e cercando di mantenere anche un tipo di occupazione del lotto coordinato con quello del tessuto residenziale originario. Questo tipo di intervento additivo è di fatto solo propedeutico a un risanamento dell esistente soprattutto dal punto di vista ambientale. Proprio a questo elemento come fattore determinante nel processo di rigenerazione urbana si è rivolto il progetto delle Ahrensfelder Terrassen, nato come progetto pilota per il risanamento delle Großsiedlungen di Berlino e che ha interessato il limite nord del quartiere lungo la Havemannstrasse. Progettato nel 2002 dallo studio di progettazione urbanistica STADT-AKZENT GmbH in collaborazione con Schüttauf + Persike Architekten e realizzato tra il dicembre del 2003 e l estate del 2005, l intervento si basa su un operazione di decostruzione nel senso proprio di smantellamento (Rückbau) e risanamento di 26 edifici prefabbricati in linea, abbassandoli da 11 piani a un altezza variabile dai 3 ai 6 piani con terrazzamenti e tetti-giardino. Ahrensfelder Terrassen (Berlin-Marzahn), l intervento in tre diverse fasi di realizzazione ( ) Le unità abitative sono state ridotte dalle originarie 1840 (per complessivi m²) alle attuali 409 (per m²) degli immobili risanati, con una riduzione pari al 75%. Le taglie degli alloggi sono state modificate concentrandole nel campo da due a tre stanze e mezza, sulla base dei nuovi standard e dei requisiti richiesti da parte di potenziali utenti durante la fase realizzativa, potendo quindi contare su una serie di contratti di prelazione per 250 alloggi già nel corso della realizzazione. A un anno dal completamento della ristrutturazione risultavano venduti anche i 38 appartamenti previsti per la cessione in proprietà, come ulteriore misura di stabilizzazione della proprietà. I tipi di alloggio realizzati presentano 30 varianti planimetriche dovute all adattamento delle strutture esistenti, all interno dei 4 tagli principali da 2 a 4 stanze, con un gruppo di 27 alloggi di tipo protetto realizzati specificatamente per anziani o disabili. Il costo dell intervento è ammontato a 23,6 milioni di Euro di cui 10 finanziati dal Land di Berlino, per un costo unitario complessivo di 847 /m², di cui 68 /m² per la demolizione. La quota

8 unitaria di affitto risultante, pari a 4,80 /m² corrisponde agli attuali livelli di affitto per appartamenti di nuova costruzione di livello medio-alto. Anche senza svolgere un analisi architettonica dettagliata, si può rilevare che i progettisti hanno scelto molto chiaramente di riferirsi linguisticamente, sia nelle nuove articolazioni dei volumi che nell uso del colore, alla tradizione moderna delle Siedlungen berlinesi degli anni Venti, in particolare a quelle di Bruno Taut. Va comunque sottolineato che l inserimento degli elementi accessori richiesti dall adeguamento degli alloggi, come i balconi, ha tenuto conto anche architettonicamente degli elementi costruttivi preesistenti, basati sulla modularità e la standardizzazione, apportando solo le opportune variazioni per articolare il sistema a livello di immagine urbana e per enfatizzare i punti emergenti. Questi sono diventati così dei chiari riferimenti per l orientamento all interno del quartiere. Tutto ciò non pregiudica la riconoscibilità formale del sistema preesistente, formata dal ritmo delle partizioni di facciata, preservandone così anche in questo caso la memoria storica all interno del vissuto degli abitanti. Al momento è stato lanciato un programma di monitoraggio dell evoluzione dello sviluppo del quartiere risanato dal punto di vista sociale, infrastrutturale ed economico, come premessa per ulteriori interventi correttivi o per l applicazione ad altri comparti di interventi delle stesse dimensioni. Il sistema della decostruzione parziale viene comunque già utilizzato per interventi di ristrutturazione più puntuale all interno di altre parti del quartiere, avendo dimostrato la propria sostenibilità economica e la anche la duttilità del suo impiego nella progettazione.

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

Salute e sicurezza nella città contemporanea

Salute e sicurezza nella città contemporanea Ambiente costruito e città sane: Salute e sicurezza un binomio possibile? 7 meeting italiano Città Sane - OMS Salute e sicurezza nella città contemporanea Federico Oliva Modena, 3 dicembre 2008 1. La città

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni)

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni) Incentivi urbanistici ed economici (analisi normativa ed esemplificazioni) RUE 2015 FAENZA Incontro del 4/05/2016 RUE 2015 - Unione della Romagna Faentina - Settore Territorio - Via Zanelli n. 4 - Faenza

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA LA FASE DELLA

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

Circolare Studio Prot. N. 30/06 del 25/09/06

Circolare Studio Prot. N. 30/06 del 25/09/06 Circolare Studio Prot. N. 30/06 del 25/09/06 Monza, lì 25/09/06 A tutti i Clienti Loro Sedi Oggetto: Aliquote IVA nell edilizia Detrazione fiscale del 36% per manutenzione di immobili Riferimenti normativi:

Dettagli

Arch. Bernardino Stangherlin PROGETTO SIRENA NAPOLI (un intervento di recupero edilizio diffuso)

Arch. Bernardino Stangherlin PROGETTO SIRENA NAPOLI (un intervento di recupero edilizio diffuso) ISTITUTO NAZIONALE DI URBANISTICA INU GRUPPO DI LAVORO VULNERABILITA SISMICA URBANA E RISCHI TERRITORIALI CONVEGNO SICUREZZA SISMICA NEGLI EDIFICI STORICI AGGREGATI SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA Sala

Dettagli

Simone Riccardi. Particolare di una facciata nel centro storico di Parma (foto Flickr autore Viola Klis )

Simone Riccardi. Particolare di una facciata nel centro storico di Parma (foto Flickr autore Viola Klis ) VALORIZZAZIONE DELLE quinte urbane studi dei prospetti con necessità di ordine manutentivo nel centro storico di parma Simone Riccardi Il centro storico di Parma racchiude all interno delle sue vie e dei

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Caso 0 Copyright 2004 The Companies srl Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Indice Conferimento dell incarico e quesito di

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Firmata oggi la convenzione, alloggi per 30 studenti Firmata la convenzione tra Aler Milano e l Università

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo.

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Parere n. 50/2010 - Edificazione su territorio agricolo Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Si precisa che le risposte ai quesiti posti

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

Edilizia popolare. Valore per la città. La casa pubblica a Milano: processi integrati di rigenerazione urbana

Edilizia popolare. Valore per la città. La casa pubblica a Milano: processi integrati di rigenerazione urbana Comune di Milano Direzione Centrale Casa Settore Politiche per la Casa e Valorizzazione Sociale Spazi Servizio Contratti di Quartiere e Rigenerazione Urbana Edilizia popolare. Valore per la città La casa

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42. 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica

DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42. 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica Principi in materia di politiche pubbliche, territoriali e di trasformazione urb. - Testo

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 E POSTO AUTO SCOPERTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int.1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE

Dettagli

Energiebonus / bonus energia - 2014

Energiebonus / bonus energia - 2014 AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Natur, Landschaft und Raumentwicklung Natura, paesaggio e sviluppo del territorio Abteilung 28 Ripartizione 28 Energiebonus

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI 1) PREMESSA Il Comune di Lajatico si è dotato di Piano Strutturale approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 27.09.2006 e di Regolamento Urbanistico approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

PRESTAZIONI DI SERVIZI CON ALIQUOTA 4%, INERENTI NUOVE COSTRUZIONI DI:

PRESTAZIONI DI SERVIZI CON ALIQUOTA 4%, INERENTI NUOVE COSTRUZIONI DI: PRESTAZIONI DI SERVIZI CON ALIQUOTA, INERENTI NUOVE COSTRUZIONI DI: Fabbricati Tupini svolte nei confronti di imprese costruttrici; Fabbricati Tupini svolte nei confronti di cooperative edilizie e loro

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE SETTORE A ARCHITETTURA PROVA PRATICA E PRIMA PROVA SCRITTA

Dettagli

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL RING DI VIENNA L'azione urbanistica più nota della Vienna del XIX secolo èla realizzazione del RING (1859.1872), nella quale si esprimono gli elementi

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio

Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio Commercio e territorio Alberto Bassani Paolo Gariboldi Giorgio Limonta Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio presentazione di Corinna Morandi IL MULTIPLEX Forme, strategie e rapporto

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Art. 1 Finanziamento degli interventi di ERS nell ambito di programmi di riqualificazione urbana

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO NUOVO ORDINAMENTO - SESSIONE GIUGNO 2008

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO NUOVO ORDINAMENTO - SESSIONE GIUGNO 2008 ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO NUOVO ORDINAMENTO - SESSIONE GIUGNO 2008 Sostenibilità ambientale, risparmio energetico e innovazione tecnologica con particolare riferimento

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAMENTO

SCHEDA DI RILEVAMENTO SCHEDA DI RILEVAMENTO Comune di Calcio Provincia di Bergamo Patrimonio edilizio di antica formazione SCHEDA DI RILEVAMENTO Data 28/07/2003 1 2 3 3 LOCALITA : N. UNITA DI ISOLATO 23 Via P.ZZA GIROLAMO SILVESTRI

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Macerata 2002 Massimo e Gabriella Carmassi L area demaniale Di Tullio di forma rettangolare occupa il margine

Dettagli

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA Scheda dii Siintesii Intervento N 11.b SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: LA VALORIZZAZIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Convegno ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Genova 5 Marzo 2013 Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione al problema della casa pagina 3 Dati edilizia

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI (Chiarimento)

Dettagli

40 ville a Nieuw- Terbregge, Rotterdam, Olanda

40 ville a Nieuw- Terbregge, Rotterdam, Olanda Progetti Igor Maglica Il quartiere Nieuw-Terbregge, situato nella parte nord della cintura urbana della città di Rotterdam,è compreso nel programma sperimentale europeo Thermie di edilizia ecosostenibile.

Dettagli

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ Nasce l Osservatorio sull offerta di immobili a uso uffici 1 Rapporto CRESME- II semestre 2014 Monitorati oltre 4.500 annunci per vendita e affitto UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75%

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro Contratti di Quartiere II - Milano 44 Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro 45 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi Le cure domiciliari: quali possibili sviluppi tra mutamentii socio demografici, innovazione tecnologica e sostenibilità Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità

Dettagli

VIALE GAETANO SCIREA, CORSO FERRARA, VIA TRAVES, VIA DRUENTO VARIANTE N. 277 APPROVAZIONE VA.277 MECC. 2012 07696/009 DEL 21.12.

VIALE GAETANO SCIREA, CORSO FERRARA, VIA TRAVES, VIA DRUENTO VARIANTE N. 277 APPROVAZIONE VA.277 MECC. 2012 07696/009 DEL 21.12. CITTÀ DI TORINO PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO EX ART. 43 L.R. 56/ 77 e s.m.i. AMBITO 4.25 CONTINASSA VIALE GAETANO SCIREA, CORSO FERRARA, VIA TRAVES, VIA DRUENTO VARIANTE N. 277 APPROVAZIONE VA.277 MECC.

Dettagli

Negli ultimi 12 mesi, la sua famiglia ha effettuato interventi di ristrutturazione dell'abitazione principale? 20,7

Negli ultimi 12 mesi, la sua famiglia ha effettuato interventi di ristrutturazione dell'abitazione principale? 20,7 % Dalla riqualificazione (anche energetica) degli edifici nuova linfa al settore immobiliare Nomisma e Saie fotografano il trend e le prospettive della ri-qualificazione energetica e del ri-uso urbano

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009 COMUNE DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI STORICI DI ALZANO LOMBARDO Approvato con Deliberazione

Dettagli

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento 3 Gli insediamenti Il Piano individua come territori che compongono gli insediamenti: 3a) i centri storici, gli insediamenti della fabbrica Dalmine 3b) il tessuto urbano 3c) gli insediamenti produttivi

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO Via F. Baldinucci n. 3-20158 Milano - Italia Tel. (+39).02.56.81.43.93 r.a. - Fax (+39) 02.56.94.110 e-mail: architetto@andreaferraro.it www.architettoferraro.com

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI UDINE

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI UDINE ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI UDINE APPARTAMENTO IN VIA MANTOVA 76 Scala B piano secondo interno

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 09-03-2007 REGIONE VENETO INIZIATIVE ED INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 09-03-2007 REGIONE VENETO INIZIATIVE ED INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 09-03-2007 REGIONE VENETO INIZIATIVE ED INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO N. 25 del 13 marzo 2007 Il Consiglio

Dettagli

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste convegno relatore Maria Genovese Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste Nuovo Piano Regolatore Generale Comunale Le direttive Contenere

Dettagli

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI COMUNE DI BOCENAGO PIANO REGOLATORE GENERALE ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI ALLEGATO AI CRITERI DI TUTELA PAESAGGISTICO-AMBIENTALE INDICE: Premessa...2 Tetto...3 Tettoie esterne per ingresso...6

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli