MAI NELLA STORIA DELL UMANITÀ IL CLIMA È CAMBIATO COSÌ VELOCEMENTE. molta pratica, per un cambiamento sempre più a portata di mano.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MAI NELLA STORIA DELL UMANITÀ IL CLIMA È CAMBIATO COSÌ VELOCEMENTE. molta pratica, per un cambiamento sempre più a portata di mano."

Transcript

1 INFOENERY 2015 Realizzato da Fare Verde onlus nell ambito del progetto iovani Protagonisti per l Energia con il contributo del Dipartimento della ioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri Quaderno informativo su riscaldamento del pianeta, mutamenti climatici, efficienza energetica e fonti rinnovabili iovani protagonisti un modello energetico capace futuro L appuntamento con un nuovo modello energetico non si può più rimandare. I giovani, protagonisti del cambiamento. ENERY 2015 TOUR Da Nord a Sud, in 30 giorni, in 15 città 15 regioni, 30 mq energie nuove. Per far conoscere agli Italiani tecnologie e materiali per l uso razionale dell energia e fonti rinnovabili su piccola scala per l inpendenza energetica. Bioeliza, fotovoltaico, eolico, solare termico, cucina solare, infopoint, video, laboratori pratici, conferenze e battiti. All interno, 8 grafiche informative su efficienza energetica e fonti rinnovabili su piccola scala BUCATO. È UN SECCHIO ENERETICO FONTI FOSSILI IL NOSTRO SISTEMA DALL ERA DELLE. SECCHIO NON SI PUÒ USCIRE E I BUCHI DEL abbiamo usato SENZA RIPARAR troppo tempo MAI NELLA STORIA DELL UMANITÀ IL CLIMA È CAMBIATO COSÌ VELOCEMENTE. mea del pianeta Variazioni della temperatura ultimi 200 anni rispetto alla mea degli temperature ricostruite temperature osservate 2 / 3 C scenario ottimista: aumento 4 / 5 C scenario meo: aumento 6 / 7 C scenario pessimista: aumento molti cama partire dagli anni 50, sono senza biamenti osservati che precedenti su scale temporali variano da decenni a millenni. si sono L'atmosfera e gli oceani neve e riscaldati, le quantità il livello ghiaccio si sono ridotte, concentradel mare si è alzato e le aumentate. zioni gas serra sono IL RISCALDAMENTO LOBALE È INEQUIVOCABILE. Lo ce l IPCC, Intergovernmental Panel on Climate Change. Energie nuove nelle scuole italiane SI IL LIVELLO DEL MARE dell Agenzia Un recente stuo che lo Spaziale Europea afferma dell Artico scioglimento dei ghiacci 2013 è stato avvenuto tra il 2010 e il tra il doppio quello avvenuto sono che 2005 e il Tanto navali finora percorribili nuove rotte bloccate dai ghiacci. a tutti i Lo stesso sta accadendo latitughiacci perenni alle mee il ni. Ad esempio in Patagonia, scomhiacciaio Upsala è quasi fianco, a parso: nelle immagini 1928 e come come si presentava nel nel STA ALZANDO lo satellite hanno confermato Le osservazioni dal che prevedeva un innalzascenario peggiore: quello 6 cm tra il 1990 e il mento del livello del mare HIACCIAIO UPSALA (PATAONIA) TRA IL 1928 E IL 2004 CO2 E TEMPERATURA DEL PIANETA tetto/ultimo solaio 10/15% INVOLUCRO PERDITE IMPIANTO 70% 10% AERAZIONE 20% aerazione 20/30% finestre 20/25% pareti esterne 20/25% L involucro (tetto,pareti esterne, solaio verso cantina o verso terreno, finestre)è il maggior responsabile cantina 5/6% della spersione del FINESTRE calore. Vetri bassoemis (calore solare) sivi: le raazioni termiche solari il calore internoentrano nell eficio per circa il 60%; il 40%; la luce (riscaldamento) esce solo sola rentra all interno per circa per circa l 80%. 100% 79% ESTREMI I FENOMENI CLIMATICI STANNO AUMENTANDO IN FREQUENZA ED INTENSITÀ 7% 21% 40% 60% 100% 100% 41% 59% C superfici delle pareti troppo caldo nfo co A troppo freddo B Temperatura aria ambiente C rte le an vo ra co co nfo le vo rte Temperatura delle A B Aria interna 20 C FINANZIAMENTO soggiorno UNA CASA EFFICIEN TE È ANCHE PIÙ CONFORTEVOLE Nel caso della camere da letto della superficie parete con isolamento, la interna è più elevata temperatura caso della parete senza isolamento (18,5 ) quella del efficiente le temperature (14 ). In una casa superficiali vicine alla temperarur a dell aria: questointerne sono più comfort termico. genera maggior Il grafico mostra trova nella conzione che nel caso A comfort, mentre ci si per raggiungere nel caso B no vole, occorre almeno la conzione ancora e alzare almeno confortedell aria (riscaldame 2 la interna fa aumentarento). Alzare 1 la temperatura temperatur del 6-8% i costi riscaldame a nto. DI PANNELLI - ENERY SERVICE IL POTENZIALE TEORICO DI TUTTE RINNOVABILI È PARI A VOLTELE FONTI DOMANDA DI ENERIA LOBALE. L ATTUALE Tra i settori utilizzatori energia primaria, quello degli usi civili (che include il commercio settore domestico, il, i servizi e la 70% Pubblica Amministrazione) riscaldamento è quello che detiene la quota 10% più elevata, segue acqua calda sanitaria il settore dei trasporti e quello dell industria. 15% apparecchiature Nel settore domestico, elettriche per quanto riguarda l impiego 5% cucina usi finali, l energia energia per viene CLASSI ENERET ICHE utilizzata il riscaldamento. QUANTO MI COSTA A B C SOLE SORE OVUNQUE SULLA TERRA, LE ENERIE RINNOVABILI SONO DISTRIBUITE SU TUTTO IL PIANETA Finanziamento canone fisso Le fonti fossili sono concentrate in alcuni punti del pianeta. Vanno estratte, trasportate, raffinate e bruciate. Trasporto e lavorazione richiedono ulteriore energia e producono ulteriori emissioni inquinanti. Il Sole e le altre fonti energia rinnovabile, sono stribuite su tutto il pianeta: in ogni area ci la sponibilità una o più fonti rinnovabili. sarà Per questo possono essere utilizzate sul posto in maniera molto più efficiente e pulita. Lo stesso vale per l energia geotermica. Consumi dopo l intervento superiori inferiori conformi Risparmi per l utente uadagni ESCO Consumi prima dell intervento Consumi energetici Consumi dopo l intervento superiori inferiori conformi Risparmi per l utente 20 5,143 3,324 2,161 2,769 30,0 65% 16,8 % 16,9 % 11,0 % 6,6 % 4,5 % 100 % CON LE TECNOLOIE ATTUALMENTE DISPONIBILI: Sole 3,8 volte Totale energia Calore geotermico 1 volta ottenibile dalle Vento fonti rinnovabili 0,5 volte con le tecnologie Biomasse 0,4 volte sponibili: Potenza Idronamica 0,15 volte 5,9 volte Energia dalle maree domanda globale 0,05 volte COMPANY Canone dopo il 2001 Ogni giorno, solo il sole irraa la Terra con una quantità energia pari a volte la domanda globale energia. Con le tecnologie sponibili, siamo già in grado produrre dal Sole una quantità energia pari a 3,8 volte la domanda globale. La quantità energia che si può sfruttare con le tecnologie attuali fornisce un totale 5,9 volte la domanda globale energia. Cliente EPC - Energy Risparmi convisi (Contratto l utente risparmio garantito per Consumi energetici ARICOLTURA ALTRO la Classe Energetica inca il fabbisogno annuo mento riferito calore per riscaldaalla superficie riscaldata dell eficio netta (unità misura: kwh/m2a). Poichè: 10 kwh/m2a = 1l gasolio = 1mc metano 1 per 1l gasolio e 1mc metano ENERIA FINALE FOTOVOL o in una che aumentano L'agevolazione consiste si eseguono interventi La detrazione, dall'ires quando degli efici esistenti. l efficienza energetica se le spese relative a: pari al 65%, è concessa energetico per il riscaldamento A) riduzione del fabbisogno (coibentazioni termico dell'eficio B) miglioramento comprensive infissi) pavimenti - finestre, pannelli solari invernale. C) installazione impianti climatizzazione TUTTE LE ENERIE PULITE D) sostituzione degli in eci rate annuali E ripartita essere RINNOVABILI VENONO DAL SOLE La detrazione deve Con il suo calore può scaldare pari importo. l acqua che usiamo per lavarci (solare termico), con la sua luce possiamo produrre elettricità (foto-voltaico), scaldando l aria la fa muovere creando i venti (eolico), alimenta il ciclo dell acqua che con forza può muovere turbine per produrre la sua elettricità (idroelettrico). COME FUNZIONA Anche l'energia delle biomasse è energia Servizi energetici solare immagazzinata chimicamente, Interventi efficienza energetica attraverso il Servizi energetici Fornitore Energia processo della fotosintesi clorofilliana. Solo l energia geotermica non viene Canoni e rate rettamente ESCo dal Sole. Banca UNA E.S.CO. DI CONTRATTO CON fornitura - Supply Contract) Canone fisso (Contratto DUE POSSIBILI TIPOLOIE Performance Contract) per la ESCO Consumi prima dell intervento Consumo energetico per usi finali negli efici USI CIVILI INDUSTRIA TRASPORTI 2,2% 7,3% per il 70% per 100 unità energia 65% DETRAZIONI FISCALI A ENERETICA INVESTI IN EFFICIENZ DALLE TASSE E DETRAI I COSTI detrazione dall'irpef TRAMITE E.S.CO. Per eseguire te calore c èi ricambi d aria e minimizzar la ventilazion e le perta. Tra il flusso e meccanica controllaquello proveniented aria proveniente dall esterno E IURIDICA DEFINIZION dall interno c è e calore: trasferisce che uno il calore dell ariascambiatore Persona fisica o giuricaovvero uscita (più calda) servizi energetici in preriscaldandola. a quella in entrata esaustafornisce (più fredda), misure miglioramento dell'efaltre nelle installazioni ficienza energetica e, ciò facendo, o nei locali dell'utente margine rischio accetta un certo dei servizi finanziario. Il pagamento o parzialforniti si basa, totalmente dell'effimente, sul miglioramento conseguito e sul cienza energetica degli altri criteri o raggiungiment renmento stabiliti. cucina ENERIA SECONDARIA 36,7% 23,6% 30,2% ENERIA PRIMARIA ATTIVITÀ UMANE B) 27% dei consumi finali energia coperti da fonti rinnovabili C) incremento almeno il 27% dell'efficienza energetica La riduzione delle emissioni è vincolante a livello nazionale, mentre i target su rinnovabili ed efficienza energetica interesseranno il livello comunitario. inverno: riduce l esterno, riduce il flusso calore dall interno il fabbisogno energetico verso damento, migliora per il riscalil comfort termico. In estate: evita il surriscaldamento E sfasamento e attenuazion poichèconto TERMICO e del flusso termico realizza lo ALL ANNO PER FINANZIAR no verso l interno. MILIONI 900 dall estera L EFFICIENZA ENERETIC è un il Conto Termico Esterno: da usare preferibilmente. Consente a cembre del 2012, l efficienza. Viene erogaintrodotto installare grossi spessori alle spese per e risolve bene i contributo ponti termici del 40%per un periodo fra 2 e 5 anni. Incentiva: to in rate annuali dell efficienza energetica A) interventi incremento a impianti per la Interno: da mensioni relativi negli efici tutelati e laddove non siausarsi B) interventi piccoletermica da fonti rinnovabili e sistemi possibile un risanamento totale in un eficio produzione energia plurifamiliare 200 mln ad alta efficienza i pubbliche sono sponibili Intercapene: da euro all anno. le Amministrazion mln Per 700 sono usarsi ci in efici esistenti con muratura a cassetta euro annui. Per i privati, si vuole rivestimento o nelle nuove costruzioni conosciuto e utilizzato. quando faccia a vista È ancora troppo poco Informati sul sito bagno Tra i gas che aumentano l effetto serra non c è solo la CO : il metano (dovuto alla gestione dei bovini e alla fermentazione del letame) e il protossido azoto (dovuto alla fertilizzazione dei terreni agricoli), sono molto influenti. AUMENTANO INSIEME. A CAUSA DI ISOLAMENTO In RICAMBI D ARIA Impieghi finali energia primaria nei vari settori anno 2012 Passando da una costruzione Secondo l IPCC, la maggior parte contenute nelle classe (patrimonio in D fonti fossili esistente) ad dell aumento osservato delle temuna considerata a basso consumo ne utilizziamo E perature mee globali fin dalla energetico (classe solo 22 per le C) si passa da metà del 20 secolo è molto probanegli 13 un consumo 3,5 perte F nostre esigenze kwh/m2a e da 200 kwh/m2a a 70 bilmente (probabilità maggiore del usi finali unità 61,5 perte per unità trasporto ad una 700 una spesa %) dovuto all aumento osservato. ione unità delle concentrazioni gas serra perte per trasformaz : origine antropica. A LED DEL KOSOVO DEL SOLECLASSI ENERETICHE DEL La combustione fonti fossili è un PATRIMONIO O DI ILLUMINAZIONE ATA DALL ENERIA EDILIZIO ITALIANO fattore determinante nella emis250 PRIMO IMPIANT ENERETICA ALIMENT E RISPARMIO sione CO in atmosfera. ENERETICO ESEMPIO Circa il 65% INDIPENDENZA 200 del patrimonio milioni appartame elizio italiano ran parte dell energia primaria ed appartiene nti) è stato costruito (circa 20 che utilizziamo viene da fonti fossialle classi energetiche dal 1946 al fabbisogno energetico 100 li. Per questo, gran parte della CO primaria è elevato.que(,f,e,c): il consumocon più alto viene da produzione energia energia 50 sti appartamen risanati energeticam ti e efici, se impiegata in industria, trasporti, ne a LED ente, costituiscon risparmio energetico 0 isola o Impianto illuminazio efici e usi residenziali. e gestione. Il un alto potenziale fotovoltaico ad Scuola energia, dovuto 1960 consumo evitato alimentato da nella energetica negli alla somma degli interventi da Fare Verde (Kosovo) realizzato 2005 NUOVI OBIETTIVI DELL EUROPA AL Pejë-Pec re dell effettivo 11 stati dell IEA nel 2011, è efficienza F E 2030 Shaban Spaija stato tubi a LED PATRIMONIO ITALIANO C PER MITIARE IL RISCALDAMENTO elettrica e gas approvigionamento petrolio, maggiodei neon con DI EDILIZIA ABITATIVA PER naturale nello DEL PIANETA La sostituzioneun abbattimento del 62% ANNO DI COSTRUZIONE energia Milioni stesso anno. Percentuale Il recente accordo (Consiglio europeo appartamenti Efici storici - prima 42% nei consentito del ha e 23 e 24 ottobre sul del 1919 totale 2014), al vertice energetico Bruxelles tra i 18 paesi dell'unione ,893 del fabbisogno e dell impianto. 18,3 % NO PIÙ DEL DOPPIO del pacchetto clima-energia prevedeeuropea sugli obiettivi lungo termine ,705 costi realizzazion entro il 2030: INE, SERVIVA 11,8 % A) riduzione delle emissioni gas E LE LAMPAD ALIMENTARE LE LUCI! 4,334 CAMBIAR serra almeno PER 14,1 del % 40% rispetto SENZA TAICI ai livelli del ,707 eventi maggiore frequenza degli L IPCC ha rilevato una nell emisfero nord, mentre estremi precipitazioni una maggiore frequenza nelle aree tropicali, si registra e della siccità. ed intensità del riscaldamento DOVE SI DISPER DE IL CALORE perte impianti 10/12% e fossili come, due Per e inefficienze im- le fonti energetich modo Tra sprechi sponibili in a che viene se fossero terzi dell'energi viene persa. illimitato. con case, lambucato messa nel sistema un secchio ci ritroviamo elettrodomeas CHE AUMENTANO ARTIFICIALMENTE com- Oggi Chiunque abbia ripararlo o come pane, automobili, che utilizzano L EFFETTO SERRA E RISCALDANO si preoccupa IL PIANETA nuovo, non stici ed altri oggetti quella che prarne uno as a Così, noi dovremmo molta più energia per farli funformula riempirlo. Contributo al necessaria come utilizziamo effetto serra chimica preoccuparci pensare a come sarebbe correttamente. WP* riscaldamento zionare l'energia prima Biossido carbonio CO2 la 1 rappresentano 77% produrla! ature più efficienti Metano CH4 attenti e apparecchi 25 le 14% Comportamenti energia pulita. il nostro fabbisogno Protossido azoto N2O 298 più grande fonte iamo i consumi e riduciamo 8% e convenienti. Idrofluorocarburi Solo se razionalizz ventano sufficienti HFC da 124 a O IL 78% energie rinnovabili RO Perfluorocarburi E USI FINALI PERDIAM PFC da a IAMO ALL ESTE 1%, TRASPORTO Esafluoruro zolfo FOSSILI CHE ACQUIST E TRASFORMAZIONE SF PRODUZIONE NEI COMBUSTIBILI ENERIA UTILE TRA CONTENUTA DELL ENERIA I HIACCI DELL ARTICO SI STANNO SCIOLIENDO AD UN RITMO IMPRESSIONANTE 30 scuole in 15 regioni, più studenti coinvolti L EFFETTO SERRA È UN FENOMENO NATURALE E NECESSARIO L effetto serra naturale permette alla terra avere una temperatura alla superficie circa 15 C. Senza effetto serra, la temperatura sarebbe circa -18 C. [kwh/m2a] neta, mutamenti climatici, come usare l energia in modo più razionale e intelligente e come rendersi inpendenti con le fonti rinnovabili applicate su piccola scala. Idee ma anche molta pratica, per un cambiamento sempre più a portata mano. Fabbisogno termico 15 giovani 15 regioni italiane si sono rimboccati le maniche e sono ventati protagonisti una campagna nazionale per formare, informare e sensibilizzare. Nelle scuole superiori e nelle piazze 15 città italiane, si è parlato e si parlerà riscaldamento del pia- MODELLO CENTRALIZZATO RINNOVABILI BASATO SU FONTI FOSSILI NON in alcuni punti del I combustibili fossili, concentrati e utilizzati in pianeta, vengono estratti, trasportati per un grande gran centrali che producono elettricità numero utenze. energetica: penè un modello che crea pendenza petrolio e carbone denza dall importazione gas, cittano da gran dall estero e pendenza del singolo il controllo della multinazionali energetiche che hanno produzione dell energia. 100 unità enerè un modello inefficiente: per ogni circa 60 si perdogia contenute nei combustibili fossili, centrali termoenelle sprecato calore no sottoforma sulle linee ad lettriche, circa 4 si perdono nel trasporto a causa sprechi e alta tensione e circa 13 si perdono palazzi pubblici. inefficienze in case, uffici, fabbriche, basato sull utiè un modello senza futuro: essendo rinnovabili, è destilizzo fonti energetiche fossili non esaurirsi nato ad entrare in crisi con il progressivo più costoso e queste fonti. Inoltre, venterà sempre sponibilità minore antieconomico man mano che la fonti fossili farà aumentare i prezzi. fonti È un modello inquinante: la combustione atmosferico nelle fossili produce inquinamento del riscalrersponsabile è ed centrali delle vicinanze gas damento del pianeta a causa dell accumularsi serra nell atmosfera. MODELLO DISTRIBUITO E PULITE BASATO SU FONTI RINNOVABILI su tutto il pianeta. Le fonti rinnovabili sono presenti sul luogo del Per questo possono essere utilizzate territorio. consumo, in maniera stribuita sul energetica: È un modello che crea vera inpendenzache produce ogni eficio è una piccola centrale inpendenl energia necessaria al suo funzionamento fonti energetiche temente dalle importazioni costruire efici ad dall estero. La tecnologia per Legge, dal 2020 tutti energia quasi zero esiste già. Per questo tipo. i nuovi efici dovranno essere l utilizzo delle normalmente, efficiente: modello un È più razionale della fonti rinnovabili spinge ad un uso energia. fonti rinnovabili le tutte futuro: capace È un modello il Sole. possono essere utilizzate finché splenderà non splenderà più, Quando, tra miliar anni, il Sole sulla Terra. vita non sarà più possibile neanche la sole, vento, È un modello che non inquina: l utilizzo energia non acqua, calore della terra per produrre serra. produce emissioni inquinanti e gas cittano è proprietaè un modello democratico: ogni dell energia. rio del suo impianto produzione proprietà delle Impianti più gran possono essere Comunità locali. gran impianti Concentrare le fonti rinnovabili in eolici e fotovoltaici non è corretto. Non possiamo utilizzare le fonti rinnovabili per le fonti fossili. in maniera centralizzata come facciamo INFORMATI SUBITO SULLE TECNOLOIE PER PRODURRE LA TUA ENERIA DIRETTAMENTE A CASA TUA. DISPONIBILI Canone ESCO Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA IOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Università Perugia campagna nazionale per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Attività, risultati, materiali informativi in download su

2 Il progetto I IOVANI PROTAONISTI PER L ENERIA Piemonte Simone Orlando iovani protagonisti per l energia, è un progetto realizzato dall Associazione ecologista riconosciuta dal Ministero dell Ambiente Fare Verde onlus con il contributo del Dipartimento della ioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la collaborazione del Ce.S.A.R Centro per lo Sviluppo Agricolo e Rurale, ente ricerca dell Università Perugia. Il progetto ha affrontato i temi del riscaldamento del pianeta, dei cambiamenti climatici, dell uso razionale dell energia e dell utilizzo fonti rinnovabili in maniera stribuita sul territorio. Obiettivo del progetto era ffondere tra i giovani e tra i cittani informazioni e conoscenza delle soluzioni tecnologiche sponibili. Il progetto era rivolto a: 15 giovani età compresa tra i 18 e i 35 anni 15 regioni italiane che, dopo aver partecipato ad una specifica attività formazione, sono ventati protagonisti del progetto studenti delle scuole superiori; cittani. Dal 16 al 18 aprile 2015, i quinci giovani protagonisti del progetto hanno partecipato ad un corso formazione che si è tenuto a Perugia presso il CeSAR - Centro per lo Sviluppo Agricolo e Rurale, Ente Ricerca e formazione partecipato dall Università Perugia. Il corso prevedeva lezioni in aula e visite tecniche a aziende eccellenza che hanno adottato soluzioni e tecnologie per far fronte in tutto o in parte al loro fabbisogno energetico con fonti rinnovabili e pulite. A partire dal 18 maggio 2015, è stato realizzato un ciclo seminari on line per approfonre alcuni temi del progetto. Dopo la fase formazione, i quinci giovani protagonisti hanno realizzato in 30 scuole 15 regioni italiane incontri vulgativi sui temi dell energia. razie ad un innovativo depliant interattivo, dotato colegamenti a contenuti multimeali, sono stati coinvolti più studenti. 90 essi sono stati premiati con un caricabatterie fotovoltaico per spositivi elettronici offerto ai più bravi e veloci nella compilazione un test verifica on line. L ultima fase del progetto prevedeva il coinvolgimento dei cittani. Il 19 giugno 2015 è partito un Energy Tour con l obiettivo portare in 15 città 15 regioni italiane un punto informativo su efficienza energetica e energie rinnovabili usate in ambito domestico. Un vero e proprio giro d Italia per portare in piazza fotovoltaico, microeolico, solare termico, una pompa elionamica per l irrigazione, cucina e forno solare. Una mostra sull efficienza, campioni materiali per la bioelizia, video informativi e laboratori pratici sono gli ulteriori strumenti scelti per coinvolgere i cittani in un modello energetico completamente nuovo e sempre più necessario. Lombara ionata Palmerini Veneto Stella Sebelia Liguria Bianca Maria Negri emilia romagna Anna Italiano Toscana iacomo Mugnaini Umbria Luca Lucrezi Lazio Francesco Bonesi Abruzzo Cristian Perruzza molise Erik Ferrante campania Rosa Arpaia puglia Marco Capuano calabria Mariella Buono sicilia Bartolo Profilio sardegna Tommaso Pedtzi Energy Days, Roma luglio 2015 evento finale e ffusione dei risultati, info su giovaniprotagonisti.fareverde.it

3 iovani protagonisti per l energia tra aule, piazze e social network I 15 ambasciatori delle energie intelligenti e pulite sono giovani con meno 35 anni formati per sensibilizzare le nuove generazioni e i cittani. Con l ausilio nuove tecnologie, laboratori pratici e impianti mostrativi. Perché se ascolto mentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. Social network, engagment, chat, post, QR Code, Short Link sono le parole che si sono mescolate a green jobs, scambiatore calore, trigenerazione, biometano, gestione anaerobica, pompe elionamiche, smart grid, ESCo. Un mix innovazione tecnologica e sociale ha investito l immaginario dei quinci giovani protagonisti e dei più studenti coinvolti in 30 scuole italiane, da Torino a Messina. Idee e visioni per un modello energetico capace futuro ma anche tanta pratica e sperimentazione. Perché le tecnologie capaci farci uscire dall era delle fonti energetiche fossili donandoci inpendenza, pace, democrazia e benessere sono già ampiamente sponibili. Ciò che manca è l informazione. È per questo che tra le materie formazione del progetto c era l uso dei social network per cause sociali. Ed è per questo che i giovani protagonisti, dopo essere stati in aule scolastiche e sul web, scendono in piazza per incontrare e informare i cittani. attività e numeri del progetto Formazione residenziale 12 ore lezione in aula 8 ore lezione in azienda 3 casi aziendali eccellenza 1 progetto pilota 4 giorni amicizia Divulgazione nelle scuole 30 scuole superiori in 15 regioni italiane più studenti coinvolti un depliant interattivo 90 studenti premiati con un caricabatterie fotovotaico Formazione on line 10 ore seminari on line 5 appuntamenti con esperti Zero emissioni per viaggi e spostamenti Divulgazione nelle piazze ENERY TOUR 2015 in 30 giorni, 15 città in 15 regioni, 30 metri quadri energie nuove In alto, da sinistra: auto elettriche alla Cantina Monte Vibiano, prima azienda agricola al mondo certificata emissioni zero; gestore anaerobico Consorzio Agricolo Bio Energy, Olmeto (P); fotovoltaico nel bioagriturismo Torre Colombaia, Marsciano (P); trigenerazione da olii vegetali in filiera chiusa al Centro Ricerche sulle Biomasse dell Università Perugia Seguici su giovaniprotagonisti.fareverde.it e su: facebook.com/fareverde instagram.com/fareverde youtube.com/fareverdetv

4 Il pianeta si sta surriscaldando... MAI NELLA STORIA DELL UMANITÀ IL CLIMA È CAMBIATO COSÌ VELOCEMENTE. A partire dagli anni 50, molti cambiamenti osservati sono senza precedenti su scale temporali che variano da decenni a millenni. L'atmosfera e gli oceani si sono riscaldati, le quantità neve e ghiaccio si sono ridotte, il livello del mare si è alzato e le concentrazioni gas serra sono aumentate. IL RISCALDAMENTO LOBALE È INEQUIVOCABILE. Lo ce l IPCC, Intergovernmental Panel on Climate Change. 1 C 0 C Variazioni della temperatura mea del pianeta rispetto alla mea degli ultimi 200 anni temperature ricostruite temperature osservate scenario ottimista: aumento 2 / 3 C scenario meo: aumento 4 / 5 C scenario pessimista: aumento 6 / 7 C -1 C C 6 C 5 C 4 C 3 C 2 C 1 C 0 C I HIACCI DELL ARTICO SI STANNO SCIOLIENDO AD UN RITMO IMPRESSIONANTE ESTENSIONE DEI HIACCI DELL ARTICO NEL 1979 Un recente stuo dell Agenzia Spaziale Europea afferma che lo scioglimento dei ghiacci dell Artico avvenuto tra il 2010 e il 2013 è stato doppio quello avvenuto tra il 2005 e il Tanto che sono percorribili nuove rotte navali finora bloccate dai ghiacci. Lo stesso sta accadendo a tutti i ghiacci perenni alle mee latituni. Ad esempio in Patagonia, il hiacciaio Upsala è quasi scomparso: nelle immagini a fianco, come si presentava nel 1928 e come nel HIACCIAIO UPSALA (PATAONIA) TRA IL 1928 E IL IL LIVELLO DEL MARE SI STA ALZANDO Le osservazioni dal satellite hanno confermato lo scenario peggiore: quello che prevedeva un innalzamento del livello del mare 6 cm tra il 1990 e il Innalzamento livello del mare (cm) Livello delle maree Osservazione satellitare Previsioni IPCC nel I FENOMENI CLIMATICI ESTREMI STANNO AUMENTANDO IN FREQUENZA ED INTENSITÀ L IPCC ha rilevato una maggiore frequenza degli eventi estremi precipitazioni nell emisfero nord, mentre nelle aree tropicali, si registra una maggiore frequenza ed intensità del riscaldamento e della siccità. campagna nazionale per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili

5 ... e il riscaldamento pende da noi L EFFETTO SERRA È UN FENOMENO NATURALE E NECESSARIO L effetto serra naturale permette alla terra avere una temperatura alla superficie circa 15 C. Senza effetto serra, la temperatura sarebbe circa -18 C. AS CHE AUMENTANO ARTIFICIALMENTE L EFFETTO SERRA E RISCALDANO IL PIANETA as a effetto serra Biossido carbonio Metano Protossido azoto Idrofluorocarburi Perfluorocarburi Esafluoruro zolfo Formula chimica CO2 CH4 N2O HFC PFC SF6 WP* da 124 a da a Contributo al riscaldamento 77% 14% 8% 1% *lobal Warming Potential: potenziale riscaldamento globale un gas serra rispetto a quello della CO 2 Tra i gas che aumentano l effetto serra non c è solo la CO 2 : il metano (dovuto alla gestione dei bovini e alla fermentazione del letame) e il protossido azoto (dovuto alla fertilizzazione dei terreni agricoli), sono molto influenti. CO2 E TEMPERATURA DEL PIANETA AUMENTANO INSIEME. A CAUSA DI ATTIVITÀ UMANE Secondo l IPCC, la maggior parte dell aumento osservato delle temperature mee globali fin dalla metà del 20 secolo è molto probabilmente (probabilità maggiore del 90%) dovuto all aumento osservato delle concentrazioni gas serra origine antropica. La combustione fonti fossili è un fattore determinante nella emissione CO 2 in atmosfera. ran parte dell energia primaria che utilizziamo viene da fonti fossili. Per questo, gran parte della CO 2 viene da produzione energia impiegata in industria, trasporti, efici e usi residenziali. NUOVI OBIETTIVI DELL EUROPA AL 2030 PER MITIARE IL RISCALDAMENTO DEL PIANETA Il recente accordo (Consiglio europeo 23 e 24 ottobre 2014), al vertice Bruxelles tra i 18 paesi dell'unione europea sugli obiettivi lungo termine del pacchetto clima-energia prevede entro il 2030: A) riduzione delle emissioni gas serra almeno del 40% rispetto ai livelli del 1990 B) 27% dei consumi finali energia coperti da fonti rinnovabili C) incremento almeno il 27% dell'efficienza energetica La riduzione delle emissioni è vincolante a livello nazionale, mentre i target su rinnovabili ed efficienza energetica interesseranno il livello comunitario. Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA IOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Università Perugia

6 Prima efficienza, poi rinnovabili IL NOSTRO SISTEMA ENERETICO È UN SECCHIO BUCATO. NON SI PUÒ USCIRE DALL ERA DELLE FONTI FOSSILI SENZA RIPARARE I BUCHI DEL SECCHIO. Tra sprechi e inefficienze, due terzi dell'energia che viene immessa nel sistema viene persa. Chiunque abbia un secchio bucato si preoccupa ripararlo o comprarne uno nuovo, non come riempirlo. Così, noi dovremmo preoccuparci come utilizziamo l'energia prima pensare a come produrla! Per troppo tempo abbiamo usato le fonti energetiche fossili come se fossero sponibili in modo illimitato. Oggi ci ritroviamo con case, lampane, automobili, elettrodomestici ed altri oggetti che utilizzano molta più energia quella che sarebbe necessaria per farli funzionare correttamente. Comportamenti attenti e apparecchiature più efficienti rappresentano la più grande fonte energia pulita. Solo se razionalizziamo i consumi e riduciamo il nostro fabbisogno le energie rinnovabili ventano sufficienti e convenienti. TRA PRODUZIONE E TRASFORMAZIONE, TRASPORTO E USI FINALI PERDIAMO IL 78% DELL ENERIA CONTENUTA NEI COMBUSTIBILI FOSSILI CHE ACQUISTIAMO ALL ESTERO ENERIA PRIMARIA ENERIA SECONDARIA ENERIA FINALE ENERIA UTILE perte per trasformazione 61,5 3,5 13 perte per perte negli unità trasporto unità usi finali unità 100 unità energia contenute nelle fonti fossili ne utilizziamo solo 22 per le nostre esigenze ESEMPIO PRIMO IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE A LED DEL KOSOVO: INDIPENDENZA ENERETICA ALIMENTATA DALL ENERIA DEL SOLE Impianto illuminazione a LED alimentato da fotovoltaico ad isola realizzato da Fare Verde nella Scuola Shaban Spaija Pejë-Pec (Kosovo) La sostituzione dei neon con tubi a LED ha consentito un abbattimento del 62% del fabbisogno energetico e del 42% nei costi realizzazione dell impianto. SENZA CAMBIARE LE LAMPADINE, SERVIVANO PIÙ DEL DOPPIO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI PER ALIMENTARE LE LUCI! campagna nazionale per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili

7 Energia spersa in case e uffici Impieghi finali energia primaria nei vari settori anno ,7% 23,6% 30,2% 2,2% 7,3% USI CIVILI INDUSTRIA TRASPORTI ARICOLTURA ALTRO Fonte: Bilancio Energetico Nazionale, elab. ENEA su dati del MISE Consumo energetico per usi finali negli efici Fonte: elaborazione ENEA su dati del MISE 70% riscaldamento 10% acqua calda sanitaria 15% apparecchiature elettriche 5% cucina Tra i settori utilizzatori energia primaria, quello degli usi civili (che include il settore domestico, il commercio, i servizi e la Pubblica Amministrazione) è quello che detiene la quota più elevata, segue il settore dei trasporti e quello dell industria. Nel settore domestico, per quanto riguarda l impiego energia per usi finali, l energia viene utilizzata per il 70% per il riscaldamento. la Classe Energetica inca il fabbisogno annuo calore per riscaldamento riferito alla superficie netta riscaldata dell eficio (unità misura: kwh/m2a). Poichè: 10 kwh/m2a = 1l gasolio = 1mc metano 1 per 1l gasolio e 1mc metano Passando da una costruzione in classe (patrimonio esistente) ad una considerata a basso consumo energetico (classe C) si passa da un consumo 200 kwh/m2a a 70 kwh/m2a e da una spesa ad una 700. CLASSI ENERETICHE Basso fabbisogno energetico casa passiva A B C D E F Alto fabbisogno energetico scala < 15 kwh/m2a < 30 kwh/m2a < 50 kwh/m2a < 70 kwh/m2a < 90 kwh/m2a < 120 kwh/m2a < 160 kwh/m2a > 160 kwh/m2a QUANTO MI COSTA CASA DI 100 mq al mq 150 all anno 1,5 al mq all anno 300 all anno 3 al mq all anno 500 all anno 5 al mq all anno 700 all anno 7 al mq all anno 900 all anno 9 al mq all anno 1200 all anno 12 al mq all anno 1600 all anno 16 al mq all anno anche 2000 anche 20 mq/a SPESA PER IL RISCALDAMENTO CLASSI ENERETICHE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ITALIANO E RISPARMIO ENERETICO Fabbisogno termico [kwh/m2a] Anno Classe PATRIMONIO ITALIANO DI EDILIZIA ABITATIVA PER ANNO DI COSTRUZIONE Efici storici - prima del dopo il 2001 Fonte: CRESME rapporto F Milioni appartamenti 3,893 2,705 4,334 5, ,143 3,324 2,161 2,769 30, E 65% 2005 C Percentuale sul totale 18,3 % 11,8 % 14,1 % 16,8 % 16,9 % 11,0 % 6,6 % 4,5 % 100 % Circa il 65% del patrimonio elizio italiano (circa 20 milioni appartamenti) è stato costruito dal 1946 al 2001 ed appartiene alle classi energetiche con più alto fabbisogno energetico (,F,E,C): il consumo energia primaria è elevato.questi appartamenti e efici, se risanati energeticamente, costituiscono un alto potenziale risparmio energetico e gestione. Il consumo evitato energia, dovuto alla somma degli interventi efficienza energetica negli 11 stati dell IEA nel 2011, è stato maggiore dell effettivo approvigionamento petrolio, energia elettrica e gas naturale nello stesso anno. Mtep milioni tonnellate equivalenti petrolio Petrolio as Carbone Elettricità Altri Risparmio energetico Fonte: IEA (International Energy Agency) report 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA IOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Università Perugia

8 Sprecare meno per vivere meglio DOVE SI DISPERDE IL CALORE perte impianti 10/12% finestre 20/25% FINESTRE cantina 5/6% tetto/ultimo solaio 10/15% pareti esterne 20/25% aerazione 20/30% Vetri bassoemissivi: le raazioni termiche solari (calore solare) entrano nell eficio per circa il 60%; il calore interno (riscaldamento) esce solo per circa il 40%; la luce sola rentra all interno per circa l 80%. energia luminosa energia solare riflessione energia solare 100% 7% 21% passaggio 40% calore interno verso elsterno 41% pellicola 79% riflessione calore interno 60% 100% 100% calore INVOLUCRO 70% PERDITE IMPIANTO 10% AERAZIONE 20% trasmissione energia luminosa prodotto internamente 59% L involucro (tetto,pareti esterne, solaio verso cantina o verso terreno, finestre)è il maggior responsabile della spersione del calore. fattore solare calore solare ISOLAMENTO In inverno: riduce il flusso calore dall interno verso l esterno, riduce il fabbisogno energetico per il riscaldamento, migliora il comfort termico. In estate: evita il surriscaldamento poichè realizza lo sfasamento e attenuazione del flusso termico dall esterno verso l interno. RICAMBI D ARIA Per eseguire i ricambi d aria e minimizzare le perte calore c è la ventilazione meccanica controllata. Tra il flusso d aria proveniente dall esterno e quello proveniente dall interno c è uno scambiatore calore: trasferisce il calore dell aria esausta in uscita (più calda) a quella in entrata (più fredda), preriscaldandola. PRESA D ARIA PULITA all ESTERNO PRESA dell ARIA VIZIATA INTERNA Esterno: da usare preferibilmente. Consente installare grossi spessori e risolve bene i ponti termici Interno: da usarsi negli efici tutelati e laddove non sia possibile un risanamento totale in un eficio plurifamiliare Intercapene: da usarsi in efici esistenti con muratura a cassetta o nelle nuove costruzioni quando si vuole rivestimento faccia a vista ESPLUSIONE ARIA ESAUSTA all ESTERNO RECUPERATORE DI CALORE IMMISSIONE ARIA PULITA all INTERNO bagno cucina soggiorno camere da letto parete con isolamento 18,5 esterno interno -10 parete senza isolamento esterno -10 A 14 interno B Temperatura delle superfici delle pareti C troppo freddo confortevole A ancora confortevole B Aria interna 20 C troppo caldo Temperatura aria ambiente C UNA CASA EFFICIENTE È ANCHE PIÙ CONFORTEVOLE Nel caso della parete con isolamento, la temperatura della superficie interna è più elevata (18,5 ) quella del caso della parete senza isolamento (14 ). In una casa efficiente le temperature superficiali interne sono più vicine alla temperarura dell aria: questo genera maggior comfort termico. Il grafico mostra che nel caso A ci si trova nella conzione comfort, mentre nel caso B no e per raggiungere almeno la conzione ancora confortevole, occorre alzare almeno 2 la temperatura dell aria (riscaldamento). Alzare 1 la temperatura interna fa aumentare del 6-8% i costi riscaldamento. campagna nazionale per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili

9 Come finanziare l efficienza energetica CONTO TERMICO 900 MILIONI ALL ANNO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERETICA Introdotto a cembre del 2012, il Conto Termico è un contributo del 40% alle spese per l efficienza. Viene erogato in rate annuali per un periodo fra 2 e 5 anni. Incentiva: A) interventi incremento dell efficienza energetica B) interventi piccole mensioni relativi a impianti per la produzione energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza Per le Amministrazioni pubbliche sono sponibili 200 mln euro annui. Per i privati, ci sono 700 mln euro all anno. È ancora troppo poco conosciuto e utilizzato. Informati sul sito DETRAZIONI FISCALI 65% INVESTI IN EFFICIENZA ENERETICA E DETRAI I COSTI DALLE TASSE L'agevolazione consiste in una detrazione dall'irpef o dall'ires quando si eseguono interventi che aumentano l efficienza energetica degli efici esistenti. La detrazione, pari al 65%, è concessa se le spese relative a: A) riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento B) miglioramento termico dell'eficio (coibentazioni - pavimenti - finestre, comprensive infissi) C) installazione pannelli solari D) sostituzione degli impianti climatizzazione invernale. La detrazione deve essere ripartita in eci rate annuali pari importo. FINANZIAMENTO TRAMITE E.S.CO. - ENERY SERVICE COMPANY DEFINIZIONE IURIDICA Persona fisica o giurica che fornisce servizi energetici ovvero altre misure miglioramento dell'efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell'utente e, ciò facendo, accetta un certo margine rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramento dell'efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento degli altri criteri renmento stabiliti. D. Lgs 115/2008 COME FUNZIONA Interventi efficienza energetica Servizi energetici Cliente Canone ESCo DUE POSSIBILI TIPOLOIE DI CONTRATTO CON UNA E.S.CO. Risparmi convisi (Contratto EPC - Energy Performance Contract) risparmio garantito per l utente Servizi energetici Canoni e rate Finanziamento Fornitore Energia Banca Canone fisso (Contratto fornitura - Supply Contract) canone fisso per la ESCO Consumi prima dell intervento conformi Consumi dopo l intervento inferiori superiori Consumi energetici Risparmi per l utente uadagni ESCO Consumi prima dell intervento conformi Consumi dopo l intervento inferiori superiori Consumi energetici Risparmi per l utente Canone ESCO Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA IOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Università Perugia

10 Energia dal Sole: immensa e pulita IL POTENZIALE TEORICO DI TUTTE LE FONTI RINNOVABILI È PARI A VOLTE L ATTUALE DOMANDA DI ENERIA LOBALE. ENERIA DEL SOLE 2850 volte Ogni giorno, solo il sole irraa la Terra con una quantità energia pari a volte la domanda globale energia. Con le tecnologie sponibili, siamo già in grado produrre dal Sole una quantità energia pari a 3,8 volte la domanda globale. La quantità energia che si può sfruttare con le tecnologie attuali fornisce un totale 5,9 volte la domanda globale energia. ENERIA DEL VENTO 200 volte ENERIA IDROELETTRICA 1 volta ENERIA BIOMASSE 20 volte ENERIA ENERIA DELLE EOTERMICA MAREE 5 volte 2 volte CON LE TECNOLOIE ATTUALMENTE DISPONIBILI: Sole 3,8 volte Totale energia ottenibile dalle Calore geotermico 1 volta fonti rinnovabili Vento 0,5 volte con le tecnologie Biomasse 0,4 volte sponibili: 5,9 volte Potenza Idronamica 0,15 volte domanda globale Energia dalle maree 0,05 volte TUTTE LE ENERIE PULITE E RINNOVABILI VENONO DAL SOLE Con il suo calore può scaldare l acqua che usiamo per lavarci (solare termico), con la sua luce possiamo produrre elettricità (foto-voltaico), scaldando l aria la fa muovere creando i venti (eolico), alimenta il ciclo dell acqua che con la sua forza può muovere turbine per produrre elettricità (idroelettrico). Anche l'energia delle biomasse è energia solare immagazzinata chimicamente, attraverso il ESTENSIONE DEI HIACCI processo della fotosintesi clorofilliana. DELL ARTICO NEL 1979 Solo l energia geotermica non viene rettamente dal Sole. SOLE SORE OVUNQUE SULLA TERRA, LE ENERIE RINNOVABILI SONO DISTRIBUITE SU TUTTO IL PIANETA Le fonti fossili sono concentrate in alcuni punti del pianeta. Vanno estratte, trasportate, raffinate e bruciate. Trasporto e lavorazione richiedono ulteriore energia e producono ulteriori emissioni inquinanti. Il Sole e le altre fonti energia rinnovabile, sono stribuite su tutto il pianeta: in ogni area ci sarà la sponibilità una o più fonti rinnovabili. Per questo possono essere utilizzate sul posto in maniera molto più efficiente e pulita. Lo stesso vale per l energia geotermica. Russia 60 Canada U.S.A Messico 12.9 Venezuela 79.7 Brasile 11.2 Petrolio nel mondo: riserve accertate in miliar barili Norvegia 7.7 Kasakhstan Azerbaijan 9 7 Algeria 11.4 Libia 39.1 Nigeria 35.9 Irak 115 Kuwait Arabia Sauta Cina 18.3 Ina 5.8 Qatar 15.2 Iran Emirati Arabi 97.8 campagna nazionale per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili

11 Energie nuove e ben stribuite MODELLO CENTRALIZZATO BASATO SU FONTI FOSSILI NON RINNOVABILI I combustibili fossili, concentrati in alcuni punti del pianeta, vengono estratti, trasportati e utilizzati in gran centrali che producono elettricità per un grande numero utenze. È un modello che crea pendenza energetica: pendenza dall importazione gas, petrolio e carbone dall estero e pendenza del singolo cittano da gran multinazionali energetiche che hanno il controllo della produzione dell energia. È un modello inefficiente: per ogni 100 unità energia contenute nei combustibili fossili, circa 60 si perdono sottoforma calore sprecato nelle centrali termoelettriche, circa 4 si perdono nel trasporto sulle linee ad alta tensione e circa 13 si perdono a causa sprechi e inefficienze in case, uffici, fabbriche, palazzi pubblici. È un modello senza futuro: essendo basato sull utilizzo fonti energetiche fossili non rinnovabili, è destinato ad entrare in crisi con il progressivo esaurirsi queste fonti. Inoltre, venterà sempre più costoso e antieconomico man mano che la minore sponibilità fonti fossili farà aumentare i prezzi. È un modello inquinante: la combustione fonti fossili produce inquinamento atmosferico nelle vicinanze delle centrali ed è rersponsabile del riscaldamento del pianeta a causa dell accumularsi gas serra nell atmosfera. MODELLO DISTRIBUITO BASATO SU FONTI RINNOVABILI E PULITE Le fonti rinnovabili sono presenti su tutto il pianeta. Per questo possono essere utilizzate sul luogo del consumo, in maniera stribuita sul territorio. È un modello che crea vera inpendenza energetica: ogni eficio è una piccola centrale che produce l energia necessaria al suo funzionamento inpendentemente dalle importazioni fonti energetiche dall estero. La tecnologia per costruire efici ad energia quasi zero esiste già. Per Legge, dal 2020 tutti i nuovi efici dovranno essere questo tipo. È un modello efficiente: normalmente, l utilizzo delle fonti rinnovabili spinge ad un uso più razionale della energia. È un modello capace futuro: tutte le fonti rinnovabili possono essere utilizzate finché splenderà il Sole. Quando, tra miliar anni, il Sole non splenderà più, non sarà più possibile neanche la vita sulla Terra. È un modello che non inquina: l utilizzo sole, vento, acqua, calore della terra per produrre energia non produce emissioni inquinanti e gas serra. È un modello democratico: ogni cittano è proprietario del suo impianto produzione dell energia. Impianti più gran possono essere proprietà delle Comunità locali. Concentrare le fonti rinnovabili in gran impianti eolici e fotovoltaici non è corretto. Non possiamo utilizzare le fonti rinnovabili in maniera centralizzata come facciamo per le fonti fossili. INFORMATI SUBITO SULLE TECNOLOIE DISPONIBILI PER PRODURRE LA TUA ENERIA DIRETTAMENTE A CASA TUA. Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA IOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Università Perugia

12 Dal 1986, volontariato per un mondo responsabile e conviviale Fare Verde è una associazione volontariato nata nel 1986, riconosciuta dal Ministero dell Ambiente, che opera con propri gruppi locali in tutta Italia. I volontari Fare Verde da quasi 30 anni sono impegnati periocamente in azioni concrete tutela ambientale: operazioni pulizia, campi estivi volontariato antinceno, manutenzione sentieri e svariate attività conservazione della Natura svolte in aree protette o degradate. Perchè non basta donare denaro. L impegno per la conservazione delle risorse naturali deve essere vissuto in maniera concreta e in prima persona. In Fare Verde non ci sono guerrieri che combattono al posto tuo. L ecologia Fare Verde è quella della responsabilità tutti e ciascuno, vissuta e rafforzata nell impegno conviso con altri e svolto al fuori delle logiche economiche che conzionano ormai ogni aspetto del nostro vivere. È questo il senso del volontariato in Fare Verde: costruire occasioni in cui le relazioni tra persone e il nostro stesso rapporto con gli ecosistemi in cui viviamo non siano meati dal denaro. Perchè la tutela dell ambiente non può essere solo una questione convenienza economica. Tra le proposte fondamentali Fare Verde per una società ecologica, ci sono l uso razionale dell energia, la riduzione a monte dei rifiuti e la raccolta fferenziata dei rifiuti organici per avviarli al compostaggio. Pochi sanno che in Italia i bastoncini cotonati per le orecchie possono essere venduti solo se biodegradabili grazie ad una proposta legge Fare Verde approvata dal Parlamento italiano. Nelle scuole Fare Verde realizza percorsi educazione ambientale per preparare le nuove generazioni ad una società ecologica, che sappia garantire una migliore qualità della vita all interno dei limiti imposti dagli ecosistemi alle attività umane. Fare Verde opera solo grazie all impegno dei propri volontari, è una associazione inpendente, apartitica e che per garantire la propria autonomia non accetta sponsorizzazioni da aziende e marchi commerciali. Il 5x1000 delle tue tasse a Fare Verde Se convi l approccio Fare Verde puoi destinarle il 5x1000 delle tue tasse. A te non costa nulla, per noi è un grande aiuto. Basta incare nella chiarazione dei redti il coce Per saperne più o per aiutare Fare Verde a condurre le sue campagne, collegati a oppure seguila sui social network: facebook.com/fareverde instagram.com/fareverde youtube.com/fareverdetv 0508.it iovani e energia su giovaniprotagonisti.fareverde.it

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l ambiente www. educarsialfuturo.it it Cassano delle Murge 10 marzo 2008 Liceo Leonardo Educarsi al futuro Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Dettagli

Sempre collegato al tuo comfort con evohome

Sempre collegato al tuo comfort con evohome Sempre collegato al tuo comfort con evohome Pag 2 Comfort e controllo Comfort più controllo: proprio quello che puoi aspettarti da evohome Pag. 3 evohome Il sistema intelligente per il riscaldamento a

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli