LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE"

Transcript

1 Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 gennaio 2010 LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Con la Finanziaria 2010 sono stati riaperti i termini per la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni societarie posseduti alla data del 1 gennaio La rivalutazione comporta la rideterminazione del costo di acquisto dei terreni e delle partecipazioni, consentendo l emersione di una minore plusvalenza al momento della successiva cessione. I soggetti interessati dovranno far redigere ed asseverare una perizia di stima e versare la prima rata dell imposta sostitutiva entro il prossimo 2 novembre (il 31 ottobre cade di domenica). SOGGETTI INTERESSATI La nuova possibilità di rivalutazione interessa i seguenti soggetti: persone fisiche; società semplici; enti non commerciali. Sono escluse dalla disposizione in commento le società di capitali, le società in nome collettivo e in accomandita semplice e, in generale, tutti i soggetti esercenti attività d impresa. Possono essere oggetto di rivalutazione: AMBITO OGGETTIVO 1) i terreni edificabili ed i terreni con destinazione agricola posseduti al 1 gennaio 2010 a titolo di proprietà o di altro diritto reale (usufrutto o nuda proprietà); 2) le partecipazioni non quotate in mercati regolamentati, possedute al 1 gennaio 2010 a titolo di proprietà e usufrutto. terreni edificabili terreni agricoli partecipazioni societarie posseduti alla data del: 1 GENNAIO 2010 RIVALUTAZIONE DELLE AREE EDIFICABILI E CON DESTINAZIONE AGRICOLA Come noto, la Legge Finanziaria 2002 ha introdotto una particolare modalità di rivalutazione dei terreni, prevedendo che la determinazione delle plusvalenze ex artt. 67, c. 1, lett. a) e b), e 68, TUIR, possa esser effettuata considerando, in luogo del costo o del valore di acquisto iniziale, il valore attribuito da una perizia giurata di stima redatta da determinati soggetti professionali. Si ricorda che la cessione di un terreno agricolo è suscettibile di generare plusvalenze imponibili soltanto se effettuata entro 5 anni dalla data di acquisto. Pertanto, la rivalutazione conviene solo se il terreno è destinato ad essere ceduto entro 5 anni dall acquisto o se lo stesso sta per diventare edificabile. Differentemente, la cessione di terreni lottizzabili o suscettibili di utilizzazione edificatoria, genera sempre plusvalenze imponibili. RIPRODUZIONE VIETATA Pag. 1 di 5

2 I termini inizialmente previsti da tale disposizione sono stati poi prorogati o riaperti più volte negli anni, fino all ultima versione prevista dalla Legge Finanziaria La nuova possibilità di rivalutazione prevede il versamento di un imposta sostitutiva e la redazione di una perizia giurata di stima che individua il valore del terreno alla data del 1 gennaio L imposta sostitutiva viene determinata applicando, sul valore del terreno come risultante dalla perizia, l aliquota del 4%. VALORE DEL TERRENO ALL base imponibile dell imposta sostitutiva al 4% Il valore di acquisto così rideterminato rappresenta il valore normale di riferimento sia ai fini delle imposte sui redditi, sia delle imposte di registro, ipotecaria e catastale. Terreno suscettibile di utilizzazione edificatoria acquistato al costo di Prezzo di cessione Valore attribuito al terreno all , Ipotesi 1. Cessione senza applicazione della rivalutazione. Ipotizzando un aliquota media IRPEF del 29%, la plusvalenza ammonta a data da: prezzo di cessione costo di acquisto Calcolo imposte: x 29% = Ipotesi. 2. Cessione con applicazione della rivalutazione. La plusvalenza ammonta a data da: prezzo di cessione valore rideterminato dalla perizia Calcolo imposte: x 29% = , x 4% = 8.000, totale Risparmio di imposta con rivalutazione ( ). La perizia deve essere redatta da un soggetto iscritto all albo degli ingegneri, dei geometri, degli architetti, dei dottori agronomi, degli agrotecnici, dei periti industriali edili, nonché dei periti iscritti alla CCIAA. I costi sostenuti per la perizia di stima possono essere portati in aumento del valore iniziale da assumere ai fini del calcolo delle plusvalenze in quanto costituiscono un costo inerente al bene. Considerato che non viene posto alcun limite temporale alla cessione del bene, il ricorso alla rivalutazione può convenire anche se non si ha intenzione di vendere a breve termine. Allo stesso modo, la mancanza di vincoli temporali comporta che la cessione possa avvenire anche immediatamente dopo la rivalutazione. RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE Relativamente alle partecipazioni, la Finanziaria 2010 dispone che la determinazione delle plusvalenze ex art. 67, c. 1, lett. c) e c-bis), TUIR, derivanti dalla cessione di partecipazioni non quotate possedute alla data del 1 gennaio 2010, possa esser effettuata considerando, in luogo del costo o del valore di acquisto, il valore attribuito da una relazione giurata di stima redatta da determinati soggetti professionali. La nuova possibilità di rivalutazione prevede il versamento di un imposta sostitutiva e la redazione di una relazione giurata di stima che individua il valore delle partecipazioni alla data del 1 gennaio CF RIPRODUZIONE VIETATA Pag. 2 di 5

3 Come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 35/E/2004, la determinazione del nuovo valore all deve avvenire mediante l assunzione del valore della frazione di patrimonio netto della società partecipata determinato sulla base della relazione giurata di stima (riferita all intero patrimonio sociale). L imposta sostitutiva viene determinata applicando, sul valore della partecipazione come risultante dalla relazione giurata: l aliquota del 4% alle partecipazioni che risultano qualificate alla data del 1 gennaio 2010; l aliquota del 2% alle partecipazioni che risultano non qualificate alla data del 1 gennaio VALORE PARTECIPAZIONI QUALIFICATE ALL VALORE PARTECIPAZIONI NON QUALIFICATE ALL base imponibile dell imposta sostitutiva al 4% base imponibile dell imposta sostitutiva al 2% Per partecipazioni qualificate, si intendono quelle che rappresentano una percentuale dei diritti di voto esercitabili nell assemblea ordinaria della società superiore al 20% ovvero una percentuale di partecipazione al capitale o al patrimonio, superiore al 25%. La relazione giurata di stima deve essere redatta da un soggetto iscritto all albo dei dottori commercialisti, dei ragionieri, dei periti commerciali, dei revisori contabili, nonché dei periti iscritti alla CCIAA. Se la relazione di stima viene redatta per conto di tutti o di alcuni dei possessori delle quote, il relativo costo può essere portato in aumento del valore di acquisto della partecipazione in proporzione al costo effettivamente sostenuto da ciascuno dei possessori. Il Sig. Amilcare Barca possiede n. 100 azioni del valore di 100 cadauna della società Example Spa. Nel corso del 2010 il Sig. Barca decide di ricorrere alla rivalutazione delle azioni. Determinazione del valore delle partecipazioni all Dalla relazione di stima, la società Example Srl presenta la seguente situazione: patrimonio della società ; azioni distribuite n ; valore di ogni azione 130 (= costo di acquisto rideterminato). Considerato che la partecipazione posseduta dal Sig. Barca non è qualificata (il totale delle azioni non supera il 25% del patrimonio della società), l aliquota dell imposta sostitutiva ammonta al 2%. Calcolo imposta sostitutiva: n. 100 azioni x 130 = , x 2% = 260. Cessione delle quote. Ipotizzando che le quote vengano cedute al prezzo unitario di 140, la plusvalenza ammonta a ( ). Applicando l imposta ordinaria del 12,5%, la plusvalenza genera imposte per 125. Totale imposte 385 ( ). In mancanza della rivalutazione, il carico fiscale ammonta a 500 (dato da: = 4.000, x 12,5%). Con la rivalutazione il risparmio di imposta è quindi pari a 115 ( ) CF RIPRODUZIONE VIETATA Pag. 3 di 5

4 I TERMINI PER LA REDAZIONE DELLA PERIZIA ED IL VERSAMENTO DELL IMPOSTA L imposta sostitutiva del 2% - 4% deve essere versata alternativamente: in un unica soluzione entro il (il cade di domenica) oppure, in 3 rate annuali di uguale importo alle seguenti scadenze: 1 rata entro il ; 2 rata entro il interessi 3% annuo calcolati dal ; 3 rata entro il interessi 3% annuo calcolati dal Entro il 2 novembre 2010 deve altresì essere redatta e asseverata, da parte di un professionista abilitato, la perizia giurata di stima. Nel mod. F24 parrebbero essere utilizzabili i medesimi codici tributo già utilizzati in occasione delle precedenti rivalutazioni: 8055 per la rivalutazione delle partecipazioni; 8056 per la rivalutazione dei terreni; indicando quale anno di riferimento L imposta sostitutiva può comunque essere compensata nel mod. F24 utilizzando eventuali crediti disponibili. CONTRIBUENTI CHE HANNO BENEFICIATO DELLE PRECEDENTI RIVALUTAZIONI Possono effettuare la rivalutazione anche coloro che hanno già usufruito di precedenti rivalutazioni. In tal caso, tuttavia, l imposta sostitutiva deve essere versata con riferimento all intero valore rideterminato (dalla nuova perizia) e le imposte sostitutive versate in occasione delle precedenti rivalutazioni possono essere unicamente richieste a rimborso (nel limite dei versamenti effettuati nei 48 mesi anteriori alla domanda di rimborso). In buona sostanza, l imposta sostitutiva versata in occasione delle precedenti rivalutazioni non può essere utilizzata in compensazione ma solo chiesta a rimborso. I soggetti che hanno effettuato la rivalutazione all ed hanno scelto il versamento in forma rateale, possono comunque non versare l ultima rata in scadenza il e versare la nuova imposta sostitutiva. VALUTAZIONI DI CONVENIENZA Il giudizio sulla convenienza o meno dell operazione di rivalutazione non può prescindere dall analisi delle singole situazioni soggettive. Innanzitutto la valutazione si basa sul confronto fra imposta sostitutiva relativa all intero valore periziato ed imposta ordinariamente dovuta sulla plusvalenza latente che si presume di realizzare con la futura cessione, tenendo altresì conto del costo della perizia di stima qualora questa sia predisposta per conto dell interessato. In linea generale l operazione è più favorevole quanto più la cessione è prevista a breve termine ed il costo di acquisizione sia stato sostenuto in epoca remota. RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI CF RIPRODUZIONE VIETATA Pag. 4 di 5

5 Con riguardo alla rivalutazione delle partecipazioni occorre tener presente che: in caso di cessione di partecipazione non qualificata è applicabile la tassazione del 12,50%; con la reintroduzione dell imposta sulle successioni, le partecipazioni sono nuovamente soggette all imposta di successione (nell ipotesi di partecipazioni ricevute a seguito di una successione apertasi a partire dal , il costo da considerare è quello indicato/definito nella dichiarazione di successione, non il costo rivalutato dal de cuius); Il valore risultante dalla rivalutazione eseguita dal de cuius può essere utilizzato, invece, con riferimento alle partecipazioni pervenute per successione nel periodo in cui tale imposta era abolita, vale a dire in relazione alle successioni apertesi dal al nulla è invece mutato per le partecipazioni ricevute per donazione in quanto l art. 68, c. 6, TUIR, prevede che nel caso di acquisto per donazione si assume come costo il costo del donante ; la rideterminazione non può essere effettuata da parte degli eredi e donatari che hanno acquisito le partecipazioni dopo l in quanto a tale data non ne risultano possessori (in questo caso la rivalutazione è ammessa solo se, prima del decesso, il de cuius abbia conferito ad un professionista il mandato per la redazione della perizia di stima); il valore rivalutato non può essere successivamente utilizzato nell ipotesi di recesso tipico ossia nella liquidazione della quota al socio da parte della società; in base al disposto dell art. 5, c. 6, Legge 448/2001, l assunzione del valore rideterminato in luogo del costo del valore d acquisto non consente il realizzo di minusvalenze su partecipazioni ai sensi dell art. 68, TUIR. Pertanto, in occasione della cessione delle partecipazioni rivalutate, il confronto tra il corrispettivo di vendita e il valore di perizia non può dar luogo a minusvalenze fiscalmente rilevanti. La rivalutazione può determinare al massimo l azzeramento della plusvalenza, ma in nessun caso può concorrere alla determinazione di minusvalenze compensabili con plusvalenze aventi medesima natura; la quota tassata delle plusvalenze ex art. 67, TUIR, relative a partecipazioni qualificate è stata innalzata dal 40% al 49,72% dal DM 2 aprile 2008 (in conseguenza della riduzione dell aliquota IRES al 27,5%), rendendo, di fatto, più conveniente effettuare la rivalutazione sulle partecipazioni qualificate mediante pagamento dell imposta sostitutiva del 4%, allo scopo di ridurre l imposta dovuta per effetto della cessione; il DL 112/2008 ha introdotto i nuovi commi 6-bis e 6-ter all art. 67, TUIR, i quali prevedono una specifica esenzione fiscale per le plusvalenze reinvestite, che rendono di fatto inutile la rivalutazione nei casi in cui ricorrano le condizioni di esenzione ivi previste. RIVALUTAZIONE DEI TERRENI Relativamente alla rivalutazione dei terreni si rammenta che: possono essere rivalutati i terreni lottizzati o sui quali sono state costruite le opere per renderli edificabili, i terreni agricoli (per i quali la plusvalenza si realizza solo se la vendita avviene nei 5 anni dall acquisto) e le aree fabbricabili per le quali la plusvalenza è sempre assoggettata a tassazione; per i terreni agricoli acquisiti per donazione, i 5 anni si calcolano dalla data di acquisto da parte del donante; per le aree edificabili acquisite per donazione o successione come valore iniziale si deve assumere il valore indicato/definito nei relativi atti; il valore rivalutato del terreno rappresenta il valore minimo di riferimento anche ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali CF RIPRODUZIONE VIETATA Pag. 5 di 5

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008 Informativa n. 25 dell 8 ottobre 2008 La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE 1 La proroga della rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni...

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2 CIRCOLARE N. 07 DEL 09/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2 IN SINTESI: La Finanziaria 2016 ha riproposto

Dettagli

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero 23/2014 Pagina 1 di 6 Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero : 23/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IRPEF RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Indice Introduzione Soggetti beneficiari Beni rivalutabili Beneficio della rivalutazione Perizia di stima Imposta sostitutiva Modalità e termini di versamento

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Genova, 8 ottobre 2010 Circolare Informativa Rivalutazione partecipazioni e terreni 1 SINTESI L art. 2 co. 229 della L. 23.12.2009 n. 191 (Finanziaria 2010) ha nuovamente riaperto i termini

Dettagli

Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni

Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 5/2014 Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni - Introduzione L articolo 1, comma 156 della L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014), ha riaperto i termini per la

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

Fiscalità degli immobili estranei al regime di impresa, arti e professioni Dott. Giovanni Picchi Dott. Domenico Ballor 1 I redditi diversi immobiliari L art. 67, comma 1, del TUIR prevede alcune fattispecie

Dettagli

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003...

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003... Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 27/E Roma, 9 maggio 2003 Oggetto: Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre

Dettagli

* * * * * Dottori commercialisti

* * * * * Dottori commercialisti Riaperta la RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI E TERRENI * * * * * Art. 7, co. 1, lett. t) e co. 2, lett. dd) gg), D.L. n. 70 del 13/05/2011 (Decreto sviluppo) SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti

Dettagli

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005 DISEGNO DI LEGGE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 15 NOVEMBRE 2007 Disposizioni per la formazione del Bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge Finanziaria 2008) RIAPERTURA TERMINI IN MATERIA DI

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Spett.le Cliente Brescia, 3 marzo 2010 CIRCOLARE INFORMATIVA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI La Finanziaria 2010 (art. 2, co. 229, L. 191/2009) ha riaperto i termini per la rideterminazione del

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI A cura della Commissione Fiscale e Societaria dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Cosenza Delegati del Consiglio Direttivo: Paolo Florio

Dettagli

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1 NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 LA LEGGE DI STABILITA 2013 La legge di stabilità 2013

Dettagli

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Elevata al 20 percento la tassazione sostitutiva sulle plusvalenze immobiliari per i contratti stipulati

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 1 Premessa 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti 2.1 Auto aziendali 2.2 Auto dei professionisti 2.3 Auto concesse

Dettagli

Rivalutazione partecipazioni e terreni

Rivalutazione partecipazioni e terreni Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi Vco finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici, un tema di approfondimento

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 04 febbraio 2014

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 04 febbraio 2014 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 04 febbraio 2014 Oggetto: Circolare n. 2/2014 del 04 febbraio

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI 2014 1. PREMESSA

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI 2014 1. PREMESSA LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI La Legge di stabilità per il 2014 riammette la possibilità di rivalutare terreni e partecipazioni 1. PREMESSA L art. 1,

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter agosto 2014. Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione

Fisco e Tributi. Newsletter agosto 2014. Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione Fisco e Tributi Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione Con la Legge di Stabilità 2014 sono stati riaperti i termini per la rivalutazione del valore dei terreni

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

CIRCOLARE N. 47/E. Prot. 2011/131251 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 47/E. Prot. 2011/131251 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 47/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi di Capitale e Diversi Roma, 24 ottobre 2011 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 158/E

RISOLUZIONE N. 158/E RISOLUZIONE N. 158/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Cessione di partecipazioni rideterminate da parte dell

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151. Unico 2008 Persone fisiche. rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri

SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151. Unico 2008 Persone fisiche. rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151 Argomenti Unico 2008 Persone fisiche rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri L incontro propone l esame delle principali novità

Dettagli

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 di Paolo Parisi (*) L ADEMPIMENTO " UNICO PF: Quadro RL Ai fini delle imposte sui redditi, la cessione a titolo oneroso di immobili posseduti al di fuori dell ambito

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013

RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013 Circ.n. 3/2013/fisc RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013 INDICE 1. Riapertura dei termini 2. Soggetti ammessi alla rivalutazione 3. Ambito oggettivo 4. Requisito

Dettagli

FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI

FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Riapertura dei termini per la rivalutazione; 2. Rimborso dell imposta sostitutiva

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci La legge di stabilità per l anno 2016 (Legge n.208 del 28/12/2015) ripropone la disposizione sulle assegnazioni, cessioni agevolate dei

Dettagli

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE SCHEDA MONOGRAFICA TMG ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE Data aggiornamento scheda 18 gennaio 2016 Redattore Davide David

Dettagli

Per le società non quotate in mercati regolamentati

Per le società non quotate in mercati regolamentati Dividendi e Capital Gain I redditi derivanti da Dividendi e da Capital Gain e percepiti dalle persone fisiche, sono una tipologia di redditi di capitale e di natura finanziaria che trovano la loro collocazione

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

Fiscal News N. 41. Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia. La circolare di aggiornamento professionale 06.02.2014.

Fiscal News N. 41. Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia. La circolare di aggiornamento professionale 06.02.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 41 06.02.2014 Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia Categoria: Rivalutazione Sottocategoria: Terreni e partecipazioni Con la

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

- in presenza di un numero di figli a carico maggiore o uguale a 4, indipendentemente dal reddito del genitore;

- in presenza di un numero di figli a carico maggiore o uguale a 4, indipendentemente dal reddito del genitore; NOVITA NORMATIVE Aliquote Irpef e scaglioni di reddito L articolo 2 della legge 448/2001 (Finanziaria 2002) ha disposto la sospensione, per il periodo d imposta 2002, della rimodulazione delle aliquote

Dettagli

RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI - 2015

RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI - 2015 STUDIO NOTARILE GIANLUCA CESARE PLATANIA Via dei Partigiani 5 - Bergamo Tel. 035 235001 - Fax 035 235868 www.notaioplatania.it email: gplatania@notariato.it RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI -

Dettagli

NOVITA FISCALI DI INIZIO ANNO

NOVITA FISCALI DI INIZIO ANNO Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003:

LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003: LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003: NOVITA IN MATERIA DI CONCORDATO PREVENTIVO E AFFRANCAMENTO DI TERRENI E PARTECIPAZIONI dispensa a cura dello Studio di consulenza tributaria e legale Deotto Magrini

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2013

LEGGE DI STABILITA 2013 Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 6 Mantova, lì 18 gennaio 2013 Circolare N. 02/2013 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi LEGGE DI STABILITA 2013 La L. 24.12.2012 n. 228 costituisce la legge di stabilità

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE Imposte indirette Imposte dirette Imposte ipotecaria e catastale

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni d azienda Cessione d azienda (Cap. I) Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti

RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti Circ. Irdcec n. 37/IR del 9 gennaio 2014 Abstract - L Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA AGENZIA IMMOBILIARE LUNIGIANA 2000 Via Apua 24-26, AULLA (MS) Tel 0187.421400 Fax 0187.424684 Cell 335.5383266 335.1321250 E-mail: lunigiana2000@lunigiana.it Web: www.lunigiana2000.it www.lunigiana2000.com

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

CONFERME & PROROGHE: MODALITÀ OPERATIVE E TERMINI PROCEDURALI DA RISPETTARE DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015

CONFERME & PROROGHE: MODALITÀ OPERATIVE E TERMINI PROCEDURALI DA RISPETTARE DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONFERME & PROROGHE: MODALITÀ OPERATIVE E TERMINI PROCEDURALI DA RISPETTARE DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 GIOVE GIUSEPPE Commissione Diritto Tributario

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Sommario Premessa 2 Web Tax 2 Sostegno all agricoltura 2 Nuova deduzione ai fini IRAP 2 Incremento ACE 2 Proroga delle detrazioni per

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

Alle Aziende Assistite Lettera Circolare

Alle Aziende Assistite Lettera Circolare Alle Aziende Assistite Lettera Circolare Vicenza, 16 febbraio 2010 Loro Sedi Oggetto: La Finanziaria 2010 e le altre novità fiscali. INDICE: A) LA FINANZIARIA 2010 E LE ALTRE NOVITÀ FISCALI. B) DISCIPLINA

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti Unico PF 2012: dividendi e capital gain Nel corso del 2011 sono state apportate modifiche rilevanti alla fiscalità finanziaria: il D.L. n.138/11 ha cambiato

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 53/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 27 maggio 2015 OGGETTO: Questioni controverse in materia di rideterminazione del valore di acquisto dei terreni. Orientamenti giurisprudenziali

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE PLUSVALENZE TERESA LOMONACO - CLAUDIA PETRAGLIA

IL REGIME FISCALE DELLE PLUSVALENZE TERESA LOMONACO - CLAUDIA PETRAGLIA IL REGIME FISCALE DELLE PLUSVALENZE TERESA LOMONACO - CLAUDIA PETRAGLIA PLUSVALENZA Nel linguaggio economico, indica un incremento di valore, la differenza positiva fra due valori dello stesso bene (immobile

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011)

RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011) RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin Gyatso

Dettagli

Le tasse per chi vende un immobile

Le tasse per chi vende un immobile NOTAIO PAOLO TONALINI Via Dallagiovanna 19-27049 STRADELLA (PV) Telefono 0385 48564 - Fax 0385 43443 Viale Cesare Battisti 17-27100 PAVIA Telefono 0382 530207 - Fax 0382 306455 e-mail: notaio@tonalini.it

Dettagli

Fiscal News N. 137. Il computo del quinquennio nella cessione di fabbricati. La circolare di aggiornamento professionale 12.05.2014.

Fiscal News N. 137. Il computo del quinquennio nella cessione di fabbricati. La circolare di aggiornamento professionale 12.05.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 137 12.05.2014 Il computo del quinquennio nella cessione di fabbricati Categoria: IRPEF Sottocategoria: Immobili L art. 67 del Tuir disciplina

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

Protti & Valcamonici Commercialisti Associati

Protti & Valcamonici Commercialisti Associati Ai Signori clienti Loro sedi Circolare di studio n. 5/2011 del 16 novembre 2011 Oggetto: Decreto sviluppo (D.L. 70/2011), manovra estiva (D.L. 68/2011) e manovra estiva bis (D.L. 138/2011) Sommario (evidenziati

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

APPENDICE. Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola. Normativa, Prassi e Giurisprudenza

APPENDICE. Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola. Normativa, Prassi e Giurisprudenza APPENDICE Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola Normativa, Prassi e Giurisprudenza Parte I- Normativa: Art.7, legge 28 dicembre 2001, n. 448 Art.4, comma 3, decreto legge 24

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

La rivalutazione dei terreni e delle aree edificabili

La rivalutazione dei terreni e delle aree edificabili Guida_1_2011.qxd 29/07/2011 17.09 Pagina I La rivalutazione dei terreni e delle aree edificabili a cura di Patrizia Clementi 1/2011 Guida_1_2011.qxd 29/07/2011 17.09 Pagina 1 La rivalutazione dei terreni

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014 Gli aspetti fiscali del recesso del socio Trento, 9 maggio 2014 La disciplina fiscale del recesso del socio è caratterizzatadadiversevariabili: -modalitàdirecesso; -modalità scelte per la liquidazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

LA CESSIONE DI PARTECIPAZIONI QUALIFICATE USUFRUTTO E NUDA PROPRIETÀ

LA CESSIONE DI PARTECIPAZIONI QUALIFICATE USUFRUTTO E NUDA PROPRIETÀ LA CESSIONE DI PARTECIPAZIONI QUALIFICATE USUFRUTTO E NUDA PROPRIETÀ a cura di Fabio Carrirolo Nell ambito delle cessioni di partecipazioni poste in essere da persone fisiche al di fuori dell esercizio

Dettagli

Redditi diversi di natura immobiliare

Redditi diversi di natura immobiliare Redditi diversi di natura immobiliare di Paolo Parisi Docente di diritto tributario Scuola Nazionale dell Amministrazione - Presidenza del Consiglio dei Ministri Esperto fiscale e societario - Parisi Tax

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Le Imposte per chi Vende un Immobile

Le Imposte per chi Vende un Immobile Le Imposte per chi Vende un Immobile La tassazione della plusvalenza Nella maggior parte dei casi, il privato che vende un bene immobile non paga alcuna tassa, anche se di solito ottiene un guadagno grazie

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli