2. REQUISITI DI ACCESSO Possono partecipare al bando per formazione della graduatoria i soggetti in possesso dei seguenti requisiti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. REQUISITI DI ACCESSO Possono partecipare al bando per formazione della graduatoria i soggetti in possesso dei seguenti requisiti:"

Transcript

1 DIREZIONE TERRITORIO E AMBIENTE DIVISIONE POLITICHE DELLA CASA AGENZIA PER LA CASA BANDO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA GENERALE DI SOGGETTI DA PROPORSI PER LA STIPULA DI CONTRATTI DI LOCAZIONE A CANONE CONCORDATO DI ALLOGGI DI PROPRIETÀ PRIVATA AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 3 DELLA LEGGE N. 431/1998 (Delibera della Giunta Comunale n. 336 Reg. G.C. del ) (Presentazione delle domande dal 31 gennaio 2008 al 29 febbraio 2008) (La situazione reddituale e patrimoniale è riferita all anno 2006) 1. AVVISO DI SELEZIONE 1.1 In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. n. 336 Reg. G.C., n. 350 Prop. Del. del , è indetto il bando per la formazione di un elenco di soggetti proponibili per la stipula di contratti di locazione a canone concordato di alloggi resi disponibili dai privati. 1.2 Le domande dei richiedenti potranno essere presentate, con apposito modello in marca da bollo dal 31 gennaio 2008 al 29 febbraio Successivamente verrà formata apposita graduatoria che avrà una validità di 18 mesi. Gli aggiornamenti della graduatoria saranno effettuati ogni 3 mesi. 1.3 La selezione dei soggetti da proporsi per la locazione avrà luogo estraendo dalla graduatoria i richiedenti, per i quali sussiste il prerequisito dei nuclei familiari, tenendo conto del numero di componenti pari o superiore di non più un unità rispetto al numero dei locali, esclusa la cucina, dell alloggio proposto in locazione. Successivamente gli stessi saranno ordinati in un ulteriore apposito elenco sulla base del punteggio conseguito nella graduatoria medesima. 2. REQUISITI DI ACCESSO Possono partecipare al bando per formazione della graduatoria i soggetti in possesso dei seguenti requisiti: 1

2 a) cittadinanza italiana o di uno Stato aderente all Unione Europea, ovvero i cittadini stranieri extracomunitari titolari di carta di soggiorno o di regolare permesso di soggiorno biennale; b) residenza anagrafica o attività lavorativa esclusiva o principale nel Comune di Bergamo alla data di pubblicazione del presente bando; c) i componenti del nucleo familiare dei richiedenti non devono essere titolari (anche pro quota) del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento di un alloggio sito nel territorio della Provincia di Bergamo; d) essere percettori di reddito da lavoro dipendente e/o eterodiretto o titolari di pensione; e) presentare una situazione economica del nucleo familiare che evidenzi il superamento della soglia minima di Euro ,00 (diecimila/00) di ISEE-erp; f) avere l incidenza del canone di locazione/reddito imponibile IRPEF superiore al 25%; g) non essere stato sfrattato per morosità negli ultimi 5 anni avendo pagato le somme dovute al proprietario/ente gestore dell immobile; h) non essere titolari di una altro contratto di locazione stipulato ai sensi dell art. 2, comma 3 della Legge n. 431/ DEFINIZIONI: 3. Nucleo familiare: ai fini del presente bando si intende per nucleo familiare la famiglia costituita da uno o da entrambi i coniugi e dai figli legittimi, naturali riconosciuti o adottivi con loro conviventi, ovvero costituita da una persona sola. Fanno inoltre parte del nucleo familiare il convivente more uxorio, gli ascendenti, i discendenti, i collaterali fino al terzo grado e gli affini al secondo grado. Partecipano altresì all avviso di selezione i nuclei familiari da costituirsi con atto di matrimonio o per convivenza more uxorio prima della stipula del contratto di locazione. 4. DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA (ISE-ERP) E DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE L anno di riferimento per la situazione reddituale e patrimoniale è il 2006 Ai fini della partecipazione al bando viene definito un indicatore di situazione economica equivalente ISEE-erp (ai sensi del decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 109), in analogia a quanto previsto dalla Delibera della Giunta Comunale n. 336 Reg. G.C. del superiore ad Euro , DEFINIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE 2

3 Il nucleo familiare da considerarsi ai fini della determinazione degli indicatori è quello indicato al punto 3 così dichiarato alla data di presentazione della domanda. 4.2 INDICATORE DELLA SITUAZIONE REDDITUALE ISR L Indicatore della Situazione Reddituale ISR è così determinato: si sommano per ciascun componente del nucleo familiare: a) il reddito complessivo risultante dalla dichiarazione relativa ai redditi dell anno indicato al punto 4, ai fini delle imposte sui redditi delle persone fisiche, al netto dei redditi agrari relativi alle attività indicate dall'articolo 2135 del codice civile svolte, anche in forma associata, dai soggetti produttori agricoli titolari di partita IVA, obbligati alla presentazione della dichiarazione ai fini dell'iva; b) i redditi di lavoro prestato nelle zone di frontiera e in altri paesi limitrofi da soggetti residenti nel territorio dello Stato; c) i proventi derivanti da attività agricole, svolte anche in forma associata, per le quali sussiste l'obbligo alla presentazione della dichiarazione IVA; a tal fine va assunta la base imponibile determinata ai fini dell'irap, al netto dei costi del personale a qualunque titolo utilizzato; d) gli emolumenti a qualsiasi titolo percepiti, ivi compresi quelli esenti da tassazione, i sussidi a carattere assistenziale, le donazioni e ogni altra erogazione pubblica o privata, fatta eccezione per le somme soggette a tassazione separata, nonché i redditi imponibili non dichiarati in quanto il soggetto risulta esonerato dall obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi; 4.3 PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE PER IL PATRIMONIO MOBILIARE Per ogni componente il nucleo familiare si sommano i valori di seguito specificati, posseduti alla data del 31 dicembre 2006: a) depositi e conti correnti bancari e postali, per i quali va assunto il valore del saldo contabile attivo, al netto degli interessi, alla data sopra indicata; b) titoli di Stato, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi ed assimilati, per i quali va assunto il valore nominale delle consistenze relative all anno indicato nel bando; c) azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio (O.I.C.R.) italiani o esteri, per le quali va assunto il valore risultante dall'ultimo prospetto redatto dalla società di gestione relative all anno indicato nel bando; 3

4 d) partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate in mercati regolamentati, per le quali va assunto il valore rilevato alla data di cui alla lettera a) ovvero, in mancanza, nel giorno antecedente più prossimo; e) partecipazioni azionarie in società non quotate in mercati regolamentati e partecipazioni in società non azionarie, per le quali va assunto il valore della frazione del patrimonio netto, determinato sulla base delle risultanze dell'ultimo bilancio approvato anteriormente alla data di presentazione della dichiarazione e domanda, ovvero, in caso di esonero dall'obbligo di redazione del bilancio, determinato dalla somma delle rimanenze finali e dal costo complessivo dei beni ammortizzabili, al netto dei relativi ammortamenti, nonchè degli altri cespiti o beni patrimoniali; f) masse patrimoniali, costituite da somme di denaro o beni non relativi all'impresa, affidate in gestione ad un soggetto abilitato ai sensi del decreto legislativo n. 415/1996, per le quali va assunto il valore delle consistenze risultanti dall'ultimo rendiconto predisposto, secondo i criteri stabiliti dai regolamenti emanati dalla Commissione nazionale per le società e la borsa, dal gestore del patrimonio anteriormente all anno indicato nel bando; g) altri strumenti e rapporti finanziari per i quali va assunto il valore corrente alla data di cui alla lettera a), nonché contratti di assicurazione mista sulla vita e di capitalizzazione per i quali va assunto l'importo dei premi complessivamente versati a tale ultima data, ivi comprese le polizze a premio unico anticipato per tutta la durata del contratto, per le quali va assunto l importo del premio versato; sono esclusi i contratti di assicurazione mista sulla vita per i quali alla medesima data non è esercitabile il diritto di riscatto; sono altresì esclusi i patrimoni accumulati nei fondi pensione chiusi o aperti di cui al decreto legislativo n.124 del 21 aprile 1993 nonché l importo del trattamento di fine rapporto accantonato presso il datore di lavoro; h) imprese individuali per le quali va assunto il valore del patrimonio netto, determinato con le stesse modalità indicate alla precedente lettera e) PER IL PATRIMONIO IMMOBILIARE. a) Per ogni componente il nucleo familiare si sommano i valori patrimoniali dei fabbricati e dei terreni edificabili ed agricoli, intestati a persone fisiche diverse da imprese, quale definito ai fini ICI al 31 dicembre 2006 indipendentemente dal periodo di possesso nel periodo d'imposta considerato. Dal valore così determinato di ciascun fabbricato o terreno, si detrae, fino a concorrenza, l'ammontare dell'eventuale debito residuo alla stessa data del 31 dicembre per mutui contratti per l'acquisto dell immobile o per la costruzione del fabbricato: 4

5 b) i valori patrimoniali di cui alla lett. a) si rilevano in capo alle persone fisiche titolari di diritti di proprietà o reali di godimento. 5. CONDIZIONI PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA GENERALE 5.1 La graduatoria generale viene formata sulla base delle condizioni soggettive del nucleo richiedente. Le domande verranno ordinate mediante le priorità di seguito indicate: a. presenza di sentenza di sfratto esecutiva o ordinanza di sgombero punti 4 b. nucleo familiare composto da soli anziani con più di 65 anni punti 3 c. presenza nel nucleo familiare di disabili con percentuale di invalidità non inferiore al 67% punti 3 d. presenza nel nucleo familiare di figli minori a carico punti 1 per ogni figlio e. grave precarietà igienico sanitaria e/o statica nella sistemazione abitativa (certificata dall A.S.L.) punti 4 f. eventuali situazioni di forte sovraffollamento di cui al Regolamento Regionale n. 1/2004 punti La graduatoria generale provvisoria verrà pubblicata entro dieci giorni dal termine per la presentazione delle domande e verrà affissa all Albo Pretorio e pubblicata sul sito internet del Comune di Bergamo, Ufficio Politiche Della Casa Agenzia Per La Casa per 15 giorni consecutivi. Per motivi di privacy i richiedenti potranno riconoscere le proprie domande in graduatoria sulla base del numero di protocollo di presentazione della domanda. Nella graduatoria saranno indicate le domande dichiarate inammissibili, con le relative motivazioni. Entro il termine di cui sopra, sarà possibile presentare eventuale ricorso amministrativo in opposizione alla graduatoria. Decorso tale termine il Comune avrà 15 giorni per l esame dei ricorsi amministrativi presentati. Successivamente il Comune formerà la graduatoria definitiva che verrà approvata con provvedimento dirigenziale. In assenza di ricorsi la graduatoria provvisoria verrà considerata definitiva. Gli interessati potranno sempre presentare nuove domande o integrazioni alle domande già presentate, in tempo utile per l aggiornamento della graduatoria che avverrà con cadenza trimestrale. 5

6 5.3 La selezione dei soggetti da proporsi per la locazione avrà luogo estraendo dalla graduatoria i richiedenti, per i quali sussiste il prerequisito dei nuclei familiari, tenendo conto del numero di componenti pari o superiore di non più un unità rispetto al numero dei locali, esclusa la cucina, dell alloggio proposto in locazione. Successivamente gli stessi saranno ordinati in un ulteriore, apposito elenco sulla base del punteggio ottenuto nella graduatoria generale che sarà comunicato al proprietario dell alloggio da locare. Le parti si accorderanno direttamente per la visione dell immobile ed in seguito, comunicheranno all Agenzia Per La Casa l intenzione o meno di stipulare il contratto di locazione. In caso positivo le parti concluderanno il contratto di locazione presso l ufficio dell Agenzia Per La Casa. Nel caso in cui le parti dovessero decidere di non stipulare il contratto di locazione, le stesse saranno messe in contatto, ove possibile, con altri proprietari e/o soggetti richiedenti. 6. CONTRATTO DI LOCAZIONE. Per gli aspetti di dettaglio relativi alla stipula del contratto di locazione saranno applicati la vigente normativa di settore e l Accordo Territoriale Per il Comune di Bergamo definito tra le Organizzazioni sindacali della proprietà Edilizia e degli Inquilini, firmato e depositato presso il Comune di Bergamo il 10 luglio PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 7.1 La domanda si presenta esclusivamente sulla modulistica predisposta dall ufficio dell Agenzia Per La Casa del Comune di Bergamo, con apposta una marca da bollo da Euro 14,62. Per gli altri dati l ufficio richiederà la visione della documentazione necessaria anche ai fini dell eventuale stipula del contratto di locazione. I moduli per la compilazione delle domande predisposti dal Comune di Bergamo, Politiche della Casa Agenzia per la Casa, sono in distribuzione presso: Comune di Bergamo - ufficio Agenzia Per La Casa, via San Lazzaro n. 3; Comune di Bergamo - Direzione Politiche Della Casa, Piazza Matteotti n. 3; nel sito del Comune di Bergamo all indirizzo web: La domanda sarà consegnata presso l ufficio Agenzia Per La Casa, via San Lazzaro n. 3 e potrà essere inviata anche a mezzo raccomandata o a mezzo fax al n. 035/

7 7.2 L ufficio dell Agenzia Per La Casa, via San Lazzaro n. 3 è a disposizione per informazioni e per l assistenza nella compilazione delle domande: - al numero di telefono 035/ dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle ore e dalle ore alle ore 17.00; - negli orari di apertura dello sportello dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00; - referente per l istruttoria della pratica Dr.ssa Diletta Marozzi. 8. DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA copia di un documento di riconoscimento in corso di validità; copia del permesso di soggiorno rinnovato, per almeno due anni consecutivi, ovvero copia della carta di soggiorno (se il richiedente è extracomunitario); certificato asl attestante l invalidità (se presente); copia del provvedimento esecutivo di sfratto e copia del contratto di locazione da cui lo sfratto deriva (se presente); copia del provvedimento di separazione omologato dal Tribunale o sentenza passata in giudicato con obbligo di rilascio alloggio (se presente); copia ordinanza di sgombero (se presente); certificato ASL attestante la grave precarietà igienico-sanitaria e/o statica nella sistemazione abitativa (se presente). 9. CONTROLLI L Amministrazione comunale, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 71 e seguenti del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, procederà ad effettuare idonei controlli in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli art. 46 e 47 del citato DPR. 10. INFORMATIVA SULL USO DEI DATI PERSONALI E SUI DIRITTI DEL DICHIARANTE AI SENSI DELL ART. 13 DEL D.LGS. N. 196/2003 I dati personali, forniti dal richiedente con le dichiarazioni sostitutive per sé e i componenti del nucleo familiare, ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003, nonché dei contenuti di cui agli artt. 23 e 24 dello stesso, inclusi quelli sensibili di cui agli artt. 4 e 20 del citato D.Lgs., saranno raccolti soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali da parte del Comune. 7

8 Tali dati saranno trattati unicamente per le finalità connesse al bando e alla stipula dei contratti di locazione. L Amministrazione sarà responsabile del trattamento dei dati ad essa pervenuti o con supporto cartaceo o informatico. Potranno essere comunicati ad altra Pubblica Amministrazione limitatamente alle informazioni relative a stati, fatti e qualità personali previste dalla legge e strettamente necessarie per il perseguimento delle suddette finalità. Il richiedente, ai sensi dell art. 7 della suddetta legge, ha diritto di accedere ai dati che lo riguardano e di rettificare, aggiornare, cancellare i dati erronei, incompleti o raccolti in termini non conformi alla legge, nonché il diritto di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi. Il responsabile del procedimento di indizione dell avviso di selezione e della formazione della graduatoria generale è la signora Sonia Rigoletto, Responsabile Agenzia Per La Casa. Il Dirigente Dott. Arch. Massimo Casanova 8

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN ALLOGGIO DI PROPRIETÀ COMUNALE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN ALLOGGIO DI PROPRIETÀ COMUNALE COMUNE DI NOVATE MEZZOLA (Provincia di Sondrio) BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN ALLOGGIO DI PROPRIETÀ COMUNALE Prot. n 0003127 Novate Mezzola 19 luglio 2010 In riferimento alla delibera di

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

ISE Indicatore della Situazione Economica

ISE Indicatore della Situazione Economica ISE Indicatore della Situazione Economica L'ISEE, Indicatore della situazione economica equivalente, E uno strumento che permette di misurare la condizione economica delle famiglie nella Repubblica Italiana.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

Comune di MADIGNANO. Estratto del BANDO per la formazione Graduatoria assegnazione alloggi E.R.P.

Comune di MADIGNANO. Estratto del BANDO per la formazione Graduatoria assegnazione alloggi E.R.P. Comune di MADIGNANO Estratto del BANDO per la formazione Graduatoria assegnazione alloggi E.R.P. 2. Requisiti generali per la partecipazione all assegnazione 2.1 Può partecipare al bando per l assegnazione

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE N. 12 PER LA DETERMINAZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI E L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova)

COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova) COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova) Documenti necessari per la corretta compilazione della domanda per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione in locazione degli alloggi

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento è diretto ad individuare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SERIATE

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SERIATE REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (Regolamento Regionale n. 1/2004 e s.m.i.- LL.RR.27/2009) COMUNE DI SERIATE Dal 5 ottobre al 14 dicembre

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI PALAZZAGO

REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI PALAZZAGO REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (Regolamento Regionale n. 1/2004 e s.m.i.- LL.RR.27/2009) COMUNE DI PALAZZAGO APERTURA BANDO: Dal 21 SETTEMBRE

Dettagli

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

Dettagli

COMUNE DI SUISIO. Dal 10 del mese di settembre al 20 del mese di ottobre 2015

COMUNE DI SUISIO. Dal 10 del mese di settembre al 20 del mese di ottobre 2015 REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (Regolamento Regionale n. 1/2004 e s.m.i.- LL.RR.27/2009) COMUNE DI SUISIO Dal 10 del mese di settembre al 20

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

Articolo 1 Ambito di applicazione dei criteri unificati di valutazione della sistemazione economica

Articolo 1 Ambito di applicazione dei criteri unificati di valutazione della sistemazione economica Norme integrate sui criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni agevolate (dpcm /99 e dpcm 4/0) Articolo Ambito di applicazione dei criteri unificati

Dettagli

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università)

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) Area Studenti ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) ISEEU = (ISRU + 20% ISPU)/P ISRU = indicatore della situazione reddituale; se questo valore è negativo deve essere

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N.

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N. SPETT. ISTITUZIONE COMUNALE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI AL CITTADINO COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Via XX Settembre n.49 SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR) DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 3 del 17/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A.

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. 2009-2010 DATI ANAGRAFICI Indicare il proprio nome, cognome e,

Dettagli

Comune di Ponte dell Olio

Comune di Ponte dell Olio Comune di Ponte dell Olio AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIARIA PUBBLICA. Prot. n. 10300 del 26/10/2010 (L.R. 24/01 Regolamento comunale

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

Presentazione domande dal 26 GENNAIO al 4 MARZO 2015

Presentazione domande dal 26 GENNAIO al 4 MARZO 2015 COMUNE DI BRUGHERIO Settore Servizi Istituzionali Sezione Servizi al Cittadino e Pari Opportunità BANDO PER L AGGIORNAMENTO DELLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013. Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5

Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013. Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5 Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013 Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5 IL QUADRO F5 contiene i dati relativi al patrimonio mobiliare posseduto da ciascun componente del nucleo familiare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 108 del 29.11.2001 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. La valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Comune di Bosaro Comune di Crespino Comune di Guarda Veneta Comune di Polesella Comune di Pontecchio Polesine Provincia di Rovigo REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 31

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO

COMUNE DI RIVANAZZANO COMUNE DI RIVANAZZANO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEI CRITERI U- NIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECO- NOMICA EQUIVALENTE AI SENSI D. LGS. N.109/98 E SUCC. MODIF. ED INTEGRAZ. (approvato con

Dettagli

Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo

Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGIONE LOMBARDIA (Regolamento regionale n. 1 del 10 febbraio 2004) Comune di Bonate Sotto BANDO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA VALEVOLE AI FINI DELL ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA.

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA. CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI Comuni di: Beinasco, Bruino, Orbassano Piossasco, Rivalta, Volvera REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE

Dettagli

C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 15 del 22/12/10

C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 15 del 22/12/10 C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO REGOLAMENTO Criteri per la compartecipazione dei soggetti disabili non autosufficienti con età inferiore ad anni 65 al costo delle prestazioni

Dettagli

Comune di Soresina Provincia di Cremona Tel 0374 / 349411 Fax 0374 / 340448

Comune di Soresina Provincia di Cremona Tel 0374 / 349411 Fax 0374 / 340448 Comune di Soresina Provincia di Cremona Tel 0374 / 349411 Fax 0374 / 340448 BANDO DI ASSEGNAZIONE per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione in locazione degli alloggi di edilizia

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

ASILO NIDO AZIENDALE EUROSPIN DOMANDA DI ISCRIZIONE

ASILO NIDO AZIENDALE EUROSPIN DOMANDA DI ISCRIZIONE Via XX Settembre, 57 - CAP 37036 Tel 045 8874320 Fax 045 8874206 P.Iva 00333790236 E-mail: istituzione@comunesanmartinobuonalbergo.it Web: www.comunesanmartinobuonalbergo.it ASILO NIDO AZIENDALE EUROSPIN

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE. Approvato con Delibera Consiglio Comunale n.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE. Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 22 del 28/02/2002 ART. 1 (OGGETTO DEL REGOLAMENTO) 1 - Il presente regolamento disciplina

Dettagli

APERTURA BANDO 21 GENNAIO 2013 28 FEBBRAIO 2013

APERTURA BANDO 21 GENNAIO 2013 28 FEBBRAIO 2013 BANDO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN LOCAZIONE PERMANENTE A CANONE DISCIPLINATO AI SENSI DELL EX ART. 9 LEGGE 493/93 APERTURA

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

I.S.A.C. Istituzione Servizi al Cittadino Comune di San Martino Buon Albergo. Asilo Nido Comunale Eurospin Via Campalto, 3/D - S. MARTINO B.A.

I.S.A.C. Istituzione Servizi al Cittadino Comune di San Martino Buon Albergo. Asilo Nido Comunale Eurospin Via Campalto, 3/D - S. MARTINO B.A. I.S.A.C. Istituzione Servizi al Cittadino Comune di San Martino Buon Albergo Via XX Settembre, 57 - CAP 37036 Tel 045 8874320 Fax 045 8874206 P.Iva 00333790236 E-mail: istituzione@comunesanmartinobuonalbergo.it

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea;

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea; Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2014 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

DAL 21 luglio al 12 agosto 2010

DAL 21 luglio al 12 agosto 2010 Sede operativa di Medicina via Saffi 73 AVVISO PUBBLICO PER LA LOCAZIONE DI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO UBICATI NEL COMUNE DI MEDICINA Delibera del consiglio comunale di Medicina n 153 Del 07/11/2005 e

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo FONDO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN SITUAZIONE DI GRAVE DISAGIO ECONOMICO ANNO 2015 Per accedere al contributo è necessario

Dettagli

DATI DA DICHIARARE AL FINE DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (AUTOCERTIFICAZIONE) Il RICHIEDENTE:

DATI DA DICHIARARE AL FINE DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (AUTOCERTIFICAZIONE) Il RICHIEDENTE: Il presente modulo N sostituisce la domanda di assegnazione che dovrà essere inserita nel sistema informatico appositamente predisposto dalla Regione Lombardia e sottoscritta esclusivamente presso la sede

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFIORITO

COMUNE DI CAMPOFIORITO COMUNE DI CAMPOFIORITO PROVINCIA DI PALERMO ****************** BANDO GENERALE DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI COSTRUITI NEL COMUNE DI CAMPOFIORITO In esecuzione della deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

Articolo 1 Articolo 2

Articolo 1 Articolo 2 Articolo 1 Definizioni 1. Ai soli fini del presente decreto valgono le seguenti definizioni: ISEE : indicatore della situazione economica equivalente; Scala di equivalenza : la scala di cui all Allegato

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 indetto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, n. 431, del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999,

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare?

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare? Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - documentazione cosa presentare? Documentazione da produrre per il rilascio dell ISEE Nucleo Familiare Codice fiscale

Dettagli

MODELLO A MODELLO B STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE. Sede

MODELLO A MODELLO B STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE. Sede Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale di Brescia-Cremona-Mantova STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE Sede MODELLO A E necessario

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTO il Decreto n. 4114 del 25 luglio 2005 con il quale il Dirigente della Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali

Dettagli

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE ENTRO IL 14 MARZO 2008 1. INDIZIONE DEL BANDO E indetto il bando

Dettagli

(LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO

(LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2015 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

Pr o v i n c i a d i Sa l e r n o

Pr o v i n c i a d i Sa l e r n o BANDO DI CONCORSO Contributi integrativi ai canoni di locazione - Anno 2014 Legge 9 dicembre 1998, n.431, art.11; Fondo Nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione E indetto un bando

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Modalità di assegnazione Riferimenti normativi LEGGE REGIONALE 5 GENNAIO 2000 N. 1 '"Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia. Attuazione del D.Lgs. 31

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO DEI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE E DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIOSANITARIE I N D I C E Art. 1

Dettagli

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART.

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Periodo 15 gennaio 12 marzo 2015. Consegnare a: Ufficio Edilizia Residenziale Pubblica

Periodo 15 gennaio 12 marzo 2015. Consegnare a: Ufficio Edilizia Residenziale Pubblica BANDO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L'ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (ERP) CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI NEL COMUNE DI MONZA Periodo 15 gennaio 12 marzo

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

FONDO GRAVE DISAGIO ECONOMICO 2015 MODULO DI DOMANDA

FONDO GRAVE DISAGIO ECONOMICO 2015 MODULO DI DOMANDA FONDO GRAVE DISAGIO ECONOMICO 2015 MODULO DI DOMANDA Il sottoscritto/a - sesso M F - codice fiscale - data di nascita - comune di nascita.. - provincia di nascita - stato estero di nascita.. - comune di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) INDICE 1. Oggetto e riferimenti legislativi 2. Ambiti di applicazione 3. Determinazione

Dettagli

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015 Regolamento per la compartecipazione utenti al costo delle prestazioni socio-sanitarie Riallineamento al Decreto Commissario ad Acta per la prosecuzione del Piano di Rientro della Regione Campania N.43

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Numero... Cognome...Nome... SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Fo -AFFITTO ONEROSO- MODULO PER RICHIESTA CONTRIBUTO Cognome Nome Numero - SPORTELLO COMUNALE AFFITTO - (Art. 11, Comma 3 della

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA. Via n. e residente a CAP Prov. Via n.

DOMANDA DI CONTRIBUTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA. Via n. e residente a CAP Prov. Via n. Allegato B ( domanda di contributo) Regione Toscana D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale Settore politiche abitative Via di Novoli 26-50127 Firenze AVVERTENZE. Compilare la domanda in stampatello.

Dettagli

Indicatore della Situazione Economica Equivalente

Indicatore della Situazione Economica Equivalente Indicatore della Situazione Economica Equivalente La certificazione Ise serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare nel momento in cui si richiedono prestazioni sociali agevolate o

Dettagli

dal 22 OTTOBRE al 27 NOVEMBRE 2014

dal 22 OTTOBRE al 27 NOVEMBRE 2014 BANDO ERP 2014 COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO Domande per la formazione della graduatoria di assegnazione alloggi erp (R.R. N.1/2004 modificato dai R.R. n.5/2006 - R.R. n. 3/2011 e Legge Regionale N.

Dettagli

La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. Via n. CAP. La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov.

La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. Via n. CAP. La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. finestra PERIODO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: dal 15 ottobre al 21 dicembre 2012 Allegato B ( domanda di contributo) Regione Toscana D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale Settore politiche

Dettagli

Allegato B) BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI

Allegato B) BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI Allegato B) BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI COMUNE DI FOLIGNO AREA DIRITTI DI CITTADINANZA Bando pubblico per l erogazione di contributi a favore di nuclei

Dettagli

CRITERI E PROCEDURE FINALITA

CRITERI E PROCEDURE FINALITA Allegato A) CONTRIBUTI A FAVORE DI GIOVANI COPPIE PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA CRITERI E PROCEDURE FINALITA La presente normativa ha la finalità di agevolare l acquisto della prima casa da parte di

Dettagli

Comune di Carmignano

Comune di Carmignano Comune di Carmignano (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA (ISE) PER L EROGAZIONE DI ALCUNE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

COMUNE DI ROCCARAINOLA

COMUNE DI ROCCARAINOLA COMUNE DI ROCCARAINOLA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA 2014 ART. 11 LEGGE 431/1998 Questa Amministrazione, in esecuzione della

Dettagli

Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina criteri di determinazione

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE (BOLLO) PROT. Al Comune di COMACCHIO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) La/Il sottoscritta/o CHIEDE DI PARTECIPARE AL CONCORSO

Dettagli

Città di Novate Milanese Provincia di Milano

Città di Novate Milanese Provincia di Milano AUTOCERTIFICAZIONE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente in Via/Piazza n. Comune Prov. recapito telefonico D I C H I A R O Che la situazione economica e patrimoniale

Dettagli

ALLEGATO A) alla d.g.r. n. 4154 del 8 ottobre 2015

ALLEGATO A) alla d.g.r. n. 4154 del 8 ottobre 2015 ALLEGATO A) alla d.g.r. n. 4154 del 8 ottobre 2015 Reddito di autonomia. Sostegno alle famiglie residenti nei Comuni ad elevata tensione abitativa (Delibera CIPE 87/2003 e PRERP 2014-2016) per il mantenimento

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... residente nel Comune di CASTEL MAGGIORE in Via/Piazza... n. tel... cell... e-mail..

Il sottoscritto... nato a... residente nel Comune di CASTEL MAGGIORE in Via/Piazza... n. tel... cell... e-mail.. DOMANDA DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE A CANONE CONCORDATO DI N. 1 ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI, DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CASTEL MAGGIORE, SITUATO IN

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE PROT. Al Comune di BONDENO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) La/Il sottoscritta/o CHIEDE DI PARTECIPARE AL CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO

Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO BANDO DI CONCORSO INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 07/04/2014, N 10 PERL ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DEGLI ALLOGGI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA Comune di Cinisello Balsamo

REGIONE LOMBARDIA Comune di Cinisello Balsamo REGIONE LOMBARDIA Comune di Cinisello Balsamo BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione in locazione a canone concordato di n. 7 alloggi. 1. Indizione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 59, commi 51, 52 e 53 della legge 27 dicembre 1997, n. 449;

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 59, commi 51, 52 e 53 della legge 27 dicembre 1997, n. 449; Leggi d'italia D.P.C.M. 7-5-1999 n. 221 Regolamento concernente le modalità attuative e gli ambiti di applicazione dei criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 6 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE

AMBITO TERRITORIALE N 6 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE 1 PROVINCIA DI NAPOLI Regolamento per la compartecipazione alle prestazioni sociosanitarie Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina criteri di determinazione della quota di

Dettagli

- BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A CANONE MODERATO COMUNE DI OLLOLAI. Provincia di Nuoro

- BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A CANONE MODERATO COMUNE DI OLLOLAI. Provincia di Nuoro Approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n. 673 del 02/12/2015 COMUNE DI OLLOLAI Provincia di Nuoro BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A Ai sensi

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 BANDO DI CONCORSO N. 3/2013 INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 20/12/1984,

Dettagli

DA PRESENTARSI IMPROROGABILMENTE ENTRO IL 20/07/2015. Il/la sottoscritto/a nato/a il. a Prov. e residente a SAN ROMANO IN G.NA. in Via n.

DA PRESENTARSI IMPROROGABILMENTE ENTRO IL 20/07/2015. Il/la sottoscritto/a nato/a il. a Prov. e residente a SAN ROMANO IN G.NA. in Via n. Domanda per la concessione del contributo integrativo per il pagamento del canone di affitto (esente da bollo art. 8 - comma 3 - della Tabella, Allegato B, DPR n. 642/1972) DA PRESENTARSI IMPROROGABILMENTE

Dettagli

Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale della Provincia di Bergamo BANDO DI CONCORSO

Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale della Provincia di Bergamo BANDO DI CONCORSO Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale della Provincia di Bergamo 24128 BERGAMO Via Mazzini, 32/a Tel. 035/259595 Fax 035/251185 www.alerbg.it info@alerbg.it BANDO DI CONCORSO per l assegnazione

Dettagli