RELAZIONE GENERALE SPECIALISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE GENERALE SPECIALISTICA"

Transcript

1 A l l. t o 1 2 PROVINCIA DI VERONA C O M U N E D I M A L C E S I N E PROGETTO DEFINITIVO CICLOPISTA DEL LAGO DI GARDA -LOTTO n 2 COMUNE DI MALCESINE- REALIZZAZIONE DI UN COLLEGAMENTO CICLABILE SULLE SPONDE DEL LAGO, NEI TERRITORI DEI COMUNI DI LIMONE, RIVA DEL GARDA, LEDRO, NAGO TORBOLE, MALCESINE E BRENZONE RELAZIONE GENERALE SPECIALISTICA VERIFICA ILLUMINOTECNICA IL TECNICO: Ing. Pierangelo Lombardi Via Cerche n Malcesine (VR) COMMITTENTE : COMUNE DI MALCESINE MALCESINE - LUGLIO 2014

2 1. Relazione generale Descrizione del progetto Esigenze del committente e prestazioni dell impianto Illustrazione delle ragioni della soluzione prescelta Indicazioni per accessibilità, utilizzo e manutenzione impianti esistenti Individuazione delle interferenze con importanti infrastrutture di servizio Relazione specialistica Identificazione dell opera, del committente, ubicazione, attività e oggetto dell incarico Dati di progetto Dati di progetto di carattere generale Dati personali, del committente e relativi all opera Vincoli da rispettare, posti dal committente, e/o da Enti che ne hanno la facoltà Dati di progetto relativi all opera Destinazione d uso Identificazione delle strutture e degli impianti ai fini della classificazione e valutazione dei rischi Dati di progetto relativi alle influenze esterne Dati di progetto relativi all impianto elettrico Tipo d intervento richiesto Dati dell alimentazione elettrica Cadute di tensione massime ammesse Misurazione dell energia elettrica Riferimenti normativi Leggi, Decreti, Circolari di riferimento Principali Norme tecniche di riferimento a carattere generale Riferimenti urbanistici Criteri di scelta e caratteristiche di sicurezza a carattere generale degli impianti e dei componenti elettrici Criteri di scelta generali a tutti gli impianti Dati dimensionali e modalità operative a carattere generale degli impianti e dei componenti elettrici Criteri di scelta delle soluzioni impiantistiche elettriche, descrizione delle misure adottate, e modalità operative impianti ordinari Criteri di scelta delle protezioni contro le sovracorrenti Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro le sovracorrenti Criteri di scelta delle protezioni contro le sovratensioni Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro le sovratensioni Criteri di scelta delle protezioni contro i contatti diretti Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro i contatti diretti 19

3 Criteri di scelta delle protezioni contro i contatti indiretti Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro i contatti indiretti Criteri di scelta relativi all illuminazione artificiale normale Impianti d illuminazione pubblica Criteri di scelta e caratteristiche di sicurezza degli impianti e dei componenti elettrici per impianti d illuminazione pubblica Dati dimensionali e modalità operative degli impianti e dei componenti elettrici per impianti d illuminazione pubblica Indicazioni per il cronoprogramma e fasi attuative Disposizioni di sicurezza, operative e di manutenzione conseguenti alle scelte progettuali Esami vista: Prove strumentali: Calcoli di controllo a carattere generale: Verifiche impianto d illuminazione pubblica ALLEGATO) - VERIFICA ILLUMINOTECNICA TRATTO VIALE ROMA - VERIFICA ILLUMINOTECNICA TRATTO LUNGOLAGO CORPO ILLUMINANTE TIPO IGUZZINI - VERIFICA ILLUMINOTECNICA TRATTO LUNGOLAGO CORPO ILLUMINANTE TIPO EWO

4 1. Relazione generale 1.1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Il progetto prevede il rifacimento dell impianto d illuminazione pubblica del TRATTO B Viale Roma mentre per il TRATTO C Lungolago è stato condotta una verifica sull esistente impianto di illuminazione pubblica nell ipotesi di una futura sostituzione dei corpi illuminanti. La zona oggetto d intervento si trova nel comune di Malcesine (VR). La proprietà e la gestione dell impianto risulta essere in capo al comune di Malcesine P.zza Statuto, Malcesine (VR). 1.2 ESIGENZE DEL COMMITTENTE E PRESTAZIONI DELL IMPIANTO Il committente richiede che il nuovo impianto d illuminazione pubblica venga adeguato alle più recenti leggi provinciali in merito al risparmio energetico ed inquinamento luminoso nonché alle normative tecniche UNI e CEI. In particolar modo l impianto dovrà soddisfare la Legge Regionale n. 17 del 7 agosto ILLUSTRAZIONE DELLE RAGIONI DELLA SOLUZIONE PRESCELTA A seconda della zona di intervento si sono utilizzate diverse soluzioni per il posizionamento e la scelta dei corpi illuminanti. Per il tratto B di Viale Roma: Sezioni B1 B2, queste sezioni necessitano di illuminazione sia per traffico veicolare che per traffico ciclo-pedonale; si è pensato di installare tra il marciapiede e la zona parcheggi in linea, che separa la zona stradale e quella pedonale i pali con un doppio corpo illuminante posto ad altezze differenziate a seconda della zona da illuminare, punto luce ad altezza 7 metri per la parte stradale e di 4 metri per la parte ciclopedonale.

5 Per il tratto C del Lungolago: lungo tutto il percorso, poiché la zona interessata dai corpi illuminanti non è oggetto ad interventi di rifacimento pavimentazione ne tanto meno scavi per il posizionamento dei cavidotti, si è ritenuto opportuno ed indispensabile verificare che l attuale posizionamento dei pali per l illuminazione pubblica potesse essere utilizzato in futuro per l installazione di nuovi apparecchi, semplicemente andando a rimuovere l attuale, scavando e posando un plinto nuovo che intercetterà il cavidotto esistente. In queste zone l altezza prevista per il punto luce è pari a 5 metri. Al fine di non vincolare il gestore dell impianto ad un modello specifico la verifica è stata condotta don due distinti modelli. Il sistema, quadro, cavi, morsettiera e corpo illuminante, avranno un grado d isolamento doppio o rinforzato, al fine di evitare la realizzazione dell impianto di messa a terra e conseguente verifica periodica dell efficienza del sistema di dispersione. Per la valutazione illuminotecnica, sono stati considerati corpi illuminanti a LED, che in ambito stradale veicolare offrono un ottima luminanza. 1.4 INDICAZIONI PER ACCESSIBILITÀ, UTILIZZO E MANUTENZIONE IMPIANTI ESISTENTI Gli impianti esistenti che verranno riutilizzati sono limitati all utilizzo del solo punto di fornitura esistente. Il contatore esistente risulta essere idoneo e con potenza contrattuale adeguata al nuovo impianto d illuminazione pubblica. 1.5 INDIVIDUAZIONE DELLE INTERFERENZE CON IMPORTANTI INFRASTRUTTURE DI SERVIZIO Le infrastrutture di servizio da considerare sono: Rete fognaria; Acquedotto; Rete bassa tensione 230/400 V; Rete telefonica;

6 2. Relazione specialistica 2.1 IDENTIFICAZIONE DELL OPERA, DEL COMMITTENTE, UBICAZIONE, ATTIVITÀ E OGGETTO DELL INCARICO Il progetto prevede il rifacimento dell impianto d illuminazione pubblica delle zone Viale Roma e Lungolago situata nel comune di Malcesine (VR). La proprietà e la gestione dell impianto risulta essere in capo al comune di Malcesine P.zza Statuto, Malcesine (VR). 2.2 DATI DI PROGETTO Dati di progetto di carattere generale Dati personali, del committente e relativi all opera Committente: Cliente finale: Progettista: Comune di Malcesine P.zza Statuto, Malcesine (VR). Comune di Malcesine P.zza Statuto, Malcesine (VR). Società: Studio Tecnico Ing. Pierangelo Lombardi Tecnico referente: Ing. Pierangelo Lombardi Nato a: Bussolengo (VR) 20/11/1976 Con studioin: Via Cerche Malcesine (VR). C.F.: LMB PNG 76S20 B296V P. IVA.: Recapito tel.: 045/ Recapito fax.: 045/ Recapito cel.: Indirizzo di posta elettronica: Laurea in Ingegneria civile il 29/07/2005 Iscrizione all ordine degli Ingegneri della Provincia di Verona con il n. A3593 del 18/10/2006 Ubicazione e denominazione: Scopo dell intervento: Viale Roma e Lungolago Rifacimento dell impianto d illuminazione pubblica in viale Roma e verifica impianto esistente sul Lungolago

7 Vincoli da rispettare, posti dal committente, e/o da Enti che ne hanno la facoltà I nuovi corpi illuminanti da impiegare, dovranno avere un architettura tipologica individuata in accordo con quelli già autorizzati dagli organi competenti e utilizzati di recente nel tratto precedente viale Roma lungo via Garibaldi e via Statuto Dati di progetto relativi all opera Destinazione d uso Impianto d illuminazione pubblica Identificazione delle strutture e degli impianti ai fini della classificazione e valutazione dei rischi Ai sensi del D.M. 22/01/2008 n. 37 l impianto elettrico in oggetto non è soggetto alla progettazione in quanto non rientra nel campo d applicazione della su detta legge e relativo regolamento d attuazione, poiché l impianto verrà realizzato completamente all aperto Dati di progetto relativi alle influenze esterne Temperatura ambiente esterna min.: - 2 C Temperatura ambiente esterna mass.: 35 C Temperatura ambiente interna min.: --- C Temperatura ambiente interna mass.: --- C Umidità: SI Formazione condensa: SI Altitudine: 78 m.s.l.m. Latitudine: ,54 N WGS84 Longitudine: E WGS84 Corpi solidi estranei: SI Presenza di polvere: SI Presenza di liquidi: SI Tipo di liquido: Acqua Possibilità di stillicidio: SI

8 Esposizione alla pioggia: SI Esposizione agli spruzzi: SI Esposizione ai getti: SI Caratteristiche del terreno: --- Carico specifico ammesso: --- N/m2 Livello della falda freatica: --- Profondità della linea di gelo: --- Resistività elettrica del terreno: 500 ohmm Ventilazione dei locali: SI Naturale: SI Artificiale: --- Naturale assistita: --- Numero di ricambi: --- Dati relativi al vento: SI Direzione prevalente: --- Velocità max di progetto: --- Pressione del vento: --- Carico di neve: Secondo norma di settore Effetti sismici: Secondo norma di settore Condizioni ambientali speciali: Dati di progetto relativi all impianto elettrico Tipo d intervento richiesto Lavori di rifacimento dell impianto di delle zone Lido Paina e Viale Roma / Lungolago Dati dell alimentazione elettrica Il sistema di alimentazione è quello monofase con neutro a 230V, 50Hz, del tipo TT (Norma CEI 64/8) ovvero: Prima lettera situazione del sistema d alimentazione verso terra: T: collegamento diretto a terra di un punto, in c.a. in genere il neutro; Seconda lettera situazione delle masse dell impianto elettrico rispetto a terra: T: masse collegate direttamente a terra;

9 Punto di origine dell impianto elettrico oggetto dell intervento: Immediatamente a valle del contatore del gestore di rete. Tensione nominale: 230 V Variazione tensione nominale: ± 10 % Frequenza nominale: 50 Hz Variazione frequenza nominale: 49,7 <> 50,3 Hz Corrente di c. c. punto di consegna: 4,5 ka Stato del neutro: Separato Dati del nuovo impianto d illuminazione Tensione nominale: 230 V Variazione tensione nom.: ± 10 % Frequenza nominale: 50 Hz Variazione frequenza nom.: 49,7 <> 50,3 Hz Stato del neutro: Separato Cadute di tensione massime ammesse La c.d.t. massima ammissibile è 5% a cosƒ 0.9 (art CEI 64-7). Le linee di distribuzione principale monofasi saranno dimensionate per una caduta di tensione contenuta entro 4,8%; Le linee di distribuzione alle utenze monofasi saranno dimensionate per una caduta di tensione contenuta entro 0,2%; Misurazione dell energia elettrica La misurazione dell energia elettrica è affidata all ente fornitore.

10 2.3 RIFERIMENTI NORMATIVI Leggi, Decreti, Circolari di riferimento L , n 186: Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, impianti elettrici ed elettronici - "Regola d'arte". L , n 791: Attuazione della Direttiva del Consiglio delle Comunità Europee relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro alcuni limiti di tensione. D.M : Disposizioni per la prevenzione e l'eliminazione dei radio disturbi provocati da apparecchi elettrodomestici, utensili portatili ed apparecchi analoghi. D. Lgs ,n 163: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE e s.m. D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207: Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE». D.P.R. 24 LUGLIO 1996, N. 503: Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. D.P.R. 462/2001: Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi. D.M , n 37: Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attivita' di installazione degli impianti all'interno degli edifici; L , n 123: Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia; D.M , n 81 e ss. mm.: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; L.R , n 17: Nuove norme per il contenimento dell'inquinamento luminoso, il risparmio energetico nell'illuminazione per esterni e per la tutela dell'ambiente e dell'attività svolta dagli osservatori astronomici.

11 Principali Norme tecniche di riferimento a carattere generale CEI 0-2: Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici; CEI 0-3: Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati; CEI 11-1: (parte 9) impianto di terra; CEI 11-17: Impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia elettrica -Linee in cavo; CEI 17-5: Apparecchiature a bassa tensione Interruttori automatici; CEI17-11: Apparecchiature a bassa tensione Parte 3: Interruttori di manovra, sezionatori, interruttori di manovra-sezionatori e unità combinate con fusibili; CEI 17-13: Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT); CEI 20-19: Cavi isolati con gomma con tensione nominale non superiore a 450/750 V; CEI 20-20: Cavi isolati con polivinilcloruro con tensione nominale non superiore a 450/750 V; CEI 20-22: Metodi di prova comuni per cavi in condizioni di incendio; (Cavi non propaganti l incendio); CEI 20-35: Metodi di prova comuni per cavi in condizioni di incendio; (Cavi non propaganti la fiamma); CEI 20-36: Prove di resistenza al fuoco per cavi elettrici in condizioni di incendio - Integrità del circuito; CEI 20-37: Prove sui gas emessi durante la combustione dei materiali prelevati dai cavi; CEI 20-38: Cavi isolati con gomma non propaganti l incendio a basso sviluppo di fumi e gas tossici e corrosivi; CEI 20-40: Guida per l uso di cavi a bassa tensione; CEI 20-43: Ottimizzazione economica delle sezioni dei conduttori dei cavi elettrici per energia; CEI 20-45: Cavi isolati con mescola elastomerica, resistenti al fuoco, non propaganti l'incendio, senza alogeni (LSOH) con tensione nominale U0/U di 0,6/1 kv;

12 CEI 20-67: Guida per l uso di cavi 06/1 kv; CEI 23-3: Interruttori automatici per la protezione dalle sovracorrenti per impianti domestici e similari; CEI 23-3/V1: Interruttori automatici per la protezione dalle sovracorrenti per impianti domestici e similari; CEI 23-9: Apparecchi di comando non automatici per l installazione elettrica fissa per uso domestico e similare; CEI 23-12: Spine e prese per uso industriale; CEI 23-19: Canali portacavi in materiale plastico e loro accessori ad uso battiscopa; CEI 23-31: Sistemi di canali metallici e loro accessori ad uso portacavi e portapparecchi; CEI 23-32: Sistemi di canali di materiale plastico isolante e loro accessori ad uso portacavi e portapparecchi per soffitto e parete; CEI 23-39: Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche; CEI 23-46: Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche; CEI 23-50: Prese a spina per usi domestici e similari; CEI 23-51: Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare; CEI 23-54: Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche; CEI 23-55: Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche; CEI 23-58: Sistemi di canali e di condotti per installazioni elettriche; CEI 23-73: Colonne e torrette a pavimento per installazioni; CEI 23-76: Sistemi di passerelle porta cavi a fondo continuo e a traversini per la posa dei cavi; CEI 23-77: Sistemi a binario elettrificato; CEI 23-80/81/82/83; Sistemi di tubi e accessori per installazioni elettriche; CEI 34-21/22/23: Apparecchi di illuminazione; CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; CEI 64-12: Guida per l'esecuzione dell'impianto di terra negli edifici per uso residenziale e terziario;

13 CEI 64-14: Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori; CEI 64-56: Edilizia ad uso residenziale; Guida per l integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici; Criteri particolari per locali ad uso medico; CEI 81-10/1: Protezione contro i fulmini; Principi generali; CEI 81-10/2: Protezione contro i fulmini; Valutazione del rischio; CEI 81-10/3: Protezione contro i fulmini; Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone; CEI 81-10/4: Protezione contro i fulmini; Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture; CEI 81-12: Componenti per la protezione contro il fulmini (LPC); Prescrizione per gli spinterometri; CEI 81-3: Valori medi del numero di fulmini a terra per anno e per chilometro quadrato; CEI UNEL: Tab Colori di guaina dei cavi elettrici; CEI UNEL: Tab Colori distintivi delle anime dei cavi isolati con gomma o PVC per energia o per comandi e segnalazioni con tensioni nominali non superiori a 0,6/1 kv; CEI UNEL: Contrassegni e classificazione dei cavi in relazione al fuoco; CEI UNEL: Tab Cavi per energia isolati con gomma o con materiale termoplastico aventi grado di protezione non superiore a 4. Cadute di tensione. CEI-UNEL: Tab /1 Cavi elettrici isolati con materiale elastometrico o termoplastico per tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua. Portata di corrente in regime permanente per posa in aria. CEI-UNEL: Tab Cavi elettrici isolati con materiale elastometrico o termoplastico per tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua. Portata di corrente in regime permanente per posa interrata. CEI-UNEL: Tab Cavi per energia isolati in gomma etilenpropilenica alto modulo di qualità G7, sotto guaina di PVC, non propaganti l incendio e a ridotta emissione di gas corrosivi. Cavi unipolari e multipolari con conduttori flessibili per posa fissa. Tensione nominale 0,6/1 kv; CEI UNEL: Cavi per energia isolati con polivinilcloruro non propaganti l incendio. Cavi unipolari senza guaina con conduttori flessibili. Tensione nominale 450/750 V.

14 CEI EN : Apparecchiature assiepate di protezione e manovra per bassa tensione; CEI EN 60445: Individuazione dei morsetti e degli apparecchi e delle estremità dei conduttori designati e regole generali per un sistema alfanumerico; CEI EN 60529: Gradi di protezione degli involucri; Principali Norme tecniche di riferimento specifiche in relazione al progetto Norma UNI 11248:2012: Illuminazione stradale Selezione delle categorie illuminotecniche ; Norma UNI EN 13201/1:2004: Illuminazione stradale Parte 1: Selezione delle classi di illuminazione ; Norma UNI EN 13201/2:2004: Illuminazione stradale - Parte 2: Requisiti prestazionali ; Norma UNI EN 13201/3:2004: Illuminazione stradale - Parte 3: Calcolo delle prestazioni ; Norma UNI EN 13201/4:2004: Illuminazione stradale - Parte 4: Metodi di misurazione delle prestazioni fotometriche ; Norma UNI 10819:1999: Impianti di illuminazione esterna. Requisiti per la limitazione della dispersione verso l alto del flusso luminoso. (solo per le definizioni, poiché superata dalla L.P. 3 ottobre 2007 n. 16 per quanto riguarda i contenuti); Norma UNI EN 40-3:2013: Pali per illuminazione pubblica ; Norma CEI EN 60598:2009: Apparecchi di illuminazione ; Norma CEI 34-33: Apparecchi di illuminazione. Parte II: Prescrizioni particolari. Apparecchi per l illuminazione stradale ; Norme CEI 34-33: relative a lampade, apparecchiature di alimentazione ed apparecchi di illuminazione in generale; Norma CEI 11-4: Esecuzione delle linee elettriche aeree esterne ; Norma CEI 11-17: Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica. Linee in cavo ; Norma CEI 64-8: Esecuzione degli impianti elettrici a tensione nominale non superiore a 1000V.

15 2.4 RIFERIMENTI URBANISTICI Gli aspetti da considerare per contenere l impatto ambientale sono: La disposizione dei corpi illuminanti in riferimento alle strutture architettoniche esistenti (si vedano elaborati grafici); L architettura del corpo illuminate al fine di inserirlo nel contesto della località (si vedano elaborati grafici in accordo con quanto già installato nei tratti precedenti);

16 2.5 CRITERI DI SCELTA E CARATTERISTICHE DI SICUREZZA A CARATTERE GENERALE DEGLI IMPIANTI E DEI COMPONENTI ELETTRICI Criteri di scelta generali a tutti gli impianti Tutti i materiali e gli apparecchi impiegati negli impianti elettrici saranno adatti all'ambiente in cui sono installati e avranno caratteristiche tali da resistere alle azioni meccaniche, corrosive, termiche o dovute all'umidità, alle quali possono essere esposte durante l'esercizio. Saranno seguite scrupolosamente le indicazioni del costruttore e nel caso in cui questo debba variare il progetto si provvederà all aggiornamento della documentazione. Tutti i materiali e gli apparecchi saranno rispondenti alle norme CEI ed alle Tabelle di unificazione CEI-UNEL, ove queste esistano. Tutti gli apparecchi riporteranno dati di targa ed eventuali indicazioni d'uso utilizzando la simbologia del CEI e la lingua italiana. Tutti gli apparecchi riporteranno la marchiatura IMQ e CE Dati dimensionali e modalità operative a carattere generale degli impianti e dei componenti elettrici I tubi dovranno avere un diametro interno pari ad almeno 1,4 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi in esso contenuti con un minimo nominale di 63 mm, il diametro del tubo sarà sufficientemente grande da permettere di sfilare e rinfilare i cavi in esso contenuti con facilità e senza che ne risultino danneggiati i cavi stessi o i tubi (CEI 11-17). Dovranno essere disposti orizzontalmente o verticalmente evitando percorsi obliqui. I tubi protettivi devono essere scelti in modo da assicurare adeguata resistenza meccanica alle sollecitazioni che possono prodursi sia durante la posa sia durante l'esercizio. Saranno rispettati i raggi minimi di curvatura del conduttore senza guaina (cordina) e del conduttore con guaina (cavo) secondo le indicazioni del costruttore, dove queste non siano indicate, saranno rispettate le indicazioni della norma CEI Per il grado di protezione contro i contatti diretti, sarà applicato quanto richiesto dalle norme CEI 64-8, utilizzando i necessari accessori (angoli, derivazioni, ecc.); opportune barriere saranno

17 utilizzate per cavi a tensioni nominali differenti Le giunzioni e le derivazioni devono essere eseguite con appositi dispositivi di connessione morsetti con vite aventi grado di protezione IPXXB; non sono quindi considerate giunzioni con derivazioni eseguite con attorcigliamento e nastratura. Le giunzioni dei conduttori di protezione devono essere eseguite con le apposite barre EQP, non vanno raggruppati ma ogni singolo conduttore deve avere propria sede e etichetta d identificazione. I conduttori impiegati nell'esecuzione degli impianti saranno contraddistinti dalle colorazioni previste dalle vigenti tabelle di unificazione CEI-UNEL e In particolare, i conduttori di neutro e protezione saranno contraddistinti, rispettivamente ed esclusivamente, con il colore blu chiaro e con il bicolore giallo-verde. I conduttori di fase saranno contraddistinti in modo univoco per tutto l'impianto dai colori: nero, grigio (cenere) e marrone; Le sezioni minime dei conduttori saranno le seguenti: conduttori attivi per impianti energia: 1.5 mm 2 (rame); per impianti di segnalazione: Conduttori di fase S dell'impianto (mm 2 Cu) S fino a 16 oltre 16 e fino a 35 oltre mm 2 (rame); Sezione minima del corrispondente conduttore neutro e di protezione Sp (mm 2 Cu) Sp = S 16 Sp = S/2

18 2.6 CRITERI DI SCELTA DELLE SOLUZIONI IMPIANTISTICHE ELETTRICHE, DESCRIZIONE DELLE MISURE ADOTTATE, E MODALITÀ OPERATIVE IMPIANTI ORDINARI Criteri di scelta delle protezioni contro le sovracorrenti Le protezioni contro le sovracorrenti, saranno scelte in esecuzione a back-up, con protezioni magnetotermiche (nel quadro generale) conformi alle norme CEI EN 61009, CEI EN e CEI EN , e con potere d interruzione minimo 4,5 6 ka, pari alla corrente di corto circuito presunta nel punto di consegna (contatore dell ente fornitore), mentre in corrispondenza della morsettiera con fusibile Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro le sovracorrenti La protezione da sovracorrenti, a salvaguardia del conduttore di linea, avrà una corrente nominale di 16 A e la sezione di linea sarà pari a 4 mm 2 e verificato cosi di seguito: Ib In Iz 6, A La protezione contro le sovracorrenti, della connessione dalla morsettiera al punto luce, sarà realizzata per mezzo di fusibile conforme alle norme CEI 32-1 e CEI I fusibili saranno di tipo a cartuccia per uso generale (gg) di corrente nominale In tale che Ib In 0,9 Iz. Viste le correnti in gioco e la portata Iz del conduttore di sezione inferiore (2,5 mm 2 ) sarà sufficiente impiegare fusibili con corrente In da 6 A. Ib In 0,9 Iz 0, A Criteri di scelta delle protezioni contro le sovratensioni I dispositivi di sovratensione, saranno scelti secondo le indicazioni delle norme CEI 64-8, CEI e secondo le indicazioni riportate dai cataloghi in vigore alla data di progetto.

19 Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro le sovratensioni Ai sensi della norma CEI 64-8 punto , la protezione dei sostegni contro i fulmini non è necessaria. Tenendo conto dell elevata presenza di elettronica, sul quadro contatore sarà installato uno scaricatore classe C (scaricatore di sovratensione). Classe C (II), tipo V 50 Hz 10/15 ka (8/20); La sezione dei conduttori di collegamento dell SPD deve essere uguale o superiore i 6 mm 2 e comunque non inferiore alla sezione di fase. Come impianto di terra sarà mantenuto parte del sistema di dispersione esistente facente parte del vecchio sistema d illuminazione. Si precisa che il sistema di dispersione dovrà essere esclusivamente a servizio del sistema di scaricatori Criteri di scelta delle protezioni contro i contatti diretti I gradi di protezione delle apparecchiature, sono stati scelti in relazione alle indicazioni dettate dalle norme CEI, ed in particolare secondo la norma CEI 64-8, e inoltre secondo i cataloghi dei materiali in vigore alla data di progetto Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro i contatti diretti I gradi di protezione minimi considerati nel dimensionamento e scelta dei componenti sono: Per i componenti interrati o installati in pozzetto IPX7; Per i componenti elettrici devono avere, per costruzione o per installazione, almeno il grado di protezione IP33; I corpi illuminanti scelti, offrono un grado di protezione IP65, quindi largamente superiori ai minimi stabiliti dalla norma CEI 64-8, inoltre l accesso alle parti in tensione, è possibile esclusivamente mediante l impiego di un attrezzo.

20 Criteri di scelta delle protezioni contro i contatti indiretti La scelta delle protezioni contro i contatti indiretti, sono stati scelti in relazione alle indicazioni dettate dalle norme CEI, ed in particolare secondo la norma CEI 64-8, e inoltre secondo i cataloghi dei materiali in vigore alla data di progetto Descrizione delle misure di protezione e modalità operative contro i contatti indiretti L impianto d illuminazione pubblica sarà costituito da apparecchi con isolamento doppio o rinforzato (apparecchi di classe II) e cavi di classe II. Per la distribuzione principale (montante) e per la distribuzione secondaria (derivazione ai corpi illuminanti) saranno impiegati cavi aventi tensione nominale 0,6/1 kv tipo FG7R (classe II). Nell installazione del cavo sarà fatta particolare attenzione all ingresso nel palo, per evitare danneggiamenti o abrasioni dell isolamento, impiegando tubo flessibile corrugato per posa interrata. Oltre al corpo illuminante e al cavo, anche la morsettiera alla base del palo sarà di calasse II. L impianto cosi realizzato (classe II) non richiede la messa a terra, anzi la loro messa a terra è proibita. L esperienza ha, infatti, dimostrato che la probabilità che sull involucro siano riportate tensioni pericolose per l inefficienza dell impianto di terra, è maggiore della probabilità che la messa a terra sia utile in caso di cedimento dell isolamento doppio o rinforzato. La protezione con componenti di classe II permette di evitare la denuncia dell impianto di terra e le relative verifiche periodiche. Anche se l impianto realizzato in classe II non necessità dell installazione del dispositivo differenziale, sul quadro generale sarà installato un interruttore differenziale da 30 ma, al fine di garantire anche una protezione attiva contro i contatti diretti.

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli Progettazione di impianti elettrici industriali Prof. E. Cardelli 1 CAVI ELETTRICI Definizioni: con la denominazione di cavo elettrico si intende indicare un conduttore uniformemente isolato oppure un

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

L AZIENDA. l azienda. La lavorazione del rame e tutta la parte metallurgica è concentrata nella Veneta Trafili.

L AZIENDA. l azienda. La lavorazione del rame e tutta la parte metallurgica è concentrata nella Veneta Trafili. L AZIENDA l azienda Quartier Generale Via Orna 35, Brendola (VI) La Triveneta Cavi dal 1965 è una delle più importanti realtà nel mercato europeo della produzione di cavi bassa e media tensione destinati

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 INDICE pag. Premessa 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 6 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE NERE 6 7 RETE DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI Tubi rigidi Tubo medio RK 15 Sigla: RK15 Colore: grigio RA 735 Materiale: PVC unghezza di fornitura: verghe da 2 e 3 metri (±,5%) Normativa: EN 61386-1 (CEI 23-8); EN 61386-21 (CEI 23-81) CARATTERISTICHE

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA Normalmente, in presenza di un incidente di natura elettrica, si è abituati a far riferimento alla tensione quale causa dei danni (infatti si leggono o si ascoltano

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008 omune di Scandicci Viabilità area DR Data: 4-09-008 Descrizione: Larghezza carreggiata mt. 8,0 Arretramento punto luce mt. 1,5 Altezza punto luce mt. 10,0 Interasse mt. 4,0 - disposizione unilaterale Apparecchio

Dettagli