Economia del Micromarketing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia del Micromarketing"

Transcript

1 Economia del Micromarketing Cristina Ziliani, Ph.D Professore Associato di Marketing Università di Parma Laurea Magistrale in Trade Marketing e Strategie Commerciali Indirizzo MIDA a.a Obiettivi Conoscere gli orientamenti recenti del Marketing, sempre più fondati sulla segmentazione e personalizzazione, resi economicamente praticabili dall'avanzamento delle nuove tecnologie dell'informazione, dei nuovi media, delle tecniche di analisi e segmentazione della clientela, in prospettiva storica: Direct marketing, Database marketing, marketing relazionale, one-to-one e Internet marketing Imparare a sviluppare attività di promozione e comunicazione mirata per le imprese industriali e commerciali, affianco o in sostituzione delle azioni più tradizionali sui mass media o di marketing indifferenziato. Particolare attenzione si presta agli sviluppi del micro-marketing nel settore del largo consumo e nelle aziende commerciali 1

2 Organizzazione corso Lezione frontale, discussione di casi, esercitazioni Per i frequentanti: tutto il materiale utilizzato e realizzato in aula, letture assegnate a casa e appunti Non frequentanti: C. Ziliani, E-marketing, McGraw-Hill, 2001, Capitoli 1,2,3,5,6 più: A. De Luca, Il direct marketing Interattivo, IPSOA, 2007, Capitoli 2,3,9,10,11, più: C. Ziliani, Loyalty marketing, EGEA, 2008,Capitoli 2 e 3. Prova d esame: scritta Esercitazione per Frequentanti Fare ricerca e preparare un elaborato di 5-6 pagine word e una presentazione di 15 minuti (7-8 slides) per spiegare il significato delle seguenti forme di micromarketing: INTERACTIVE MARKETING Adv on line, Search Engine Marketing, Marketing, Performance Marketing, Web Site, Web Analytics, Database Management COMMUNITY MARKETING & NEW MEDIA Non conventional Marketing, Social Networks, Blog, Podcasting, Istant Messagging, Videosharing MOBILE MARKETING SMS e MMS Marketing, Proximity Marketing, Digital Signage, Mobile Payments DIGITAL TV IPTV, DTT, Web TV, Content, Business Models INTERACTIVE PROMOTION Games & Viral Marketing, Advergame, Contest 2

3 Le tappe della storia del Direct Marketing 1450 Joannes Gutemberg inventa la stampa e caratteri mobili 1498 La stamperia Aldine Press di Aldo Manuzio crea i primi libri portatili stampati, simili a quelli odierni. Produce stampe di classici greci e latini, poi dizionari. E nota per avere inventato il corsivo Nel 500 e 600 circolavano in Europa cataloghi di prodotti rari e di lusso, dai libri agli strumenti chirurgici alle porcellane orientali, mobili e vino Fino all 800 gli utilizzatori dei cataloghi erano una ristretta fascia di privilegiati, i pochi in grado di leggere e scrivere e acquistare beni costosi 1744 Benjamin Franklin pubblica un catalogo di near 600 volumes in most faculties and sciences. Fu il primo ideatore del concetto di soddisfatti o rimborsati, pilastro delle vendite per corrispondenza 1775 Giardinieri e serre inglesi pubblicano cataloghi di fiori, piante e semi di 18 pagine e li spediscono perfino nelle Colonie, incluso il Nord America L Orvis pubblica il suo primo catalogo di articoli per la pesca e simili 1845 Tiffany & Company crea un Catalog of Useful and Fancy Article rivoluzionario per le piccole dimensioni e per l inclusione di centinaia di articoli di lusso importati dall Europa Il servizio postale Pony Express si estende su miglia e in 18 mesi dall istituzione consegna circa lettere e simili 1863 L introduzione del penny post è un incentivo per le vendite per corrispondenza 1865 Dopo la Guerra Civile americana le vendite per corrispondenza si espandono grazie alla crescita e all innovazione nell industria manifatturiera: si vendono libri, sementi, bazar, medicinali, macchine da cucire, strumenti musicali e altro 1867 L invenzione della macchina da scrivere rende possibile il direct mail come lo conosciamo oggi 1872 Montgomery Ward, la cui attività esiste ancora oggi, proponeva un catalogo di una sola pagina contenente alcune decine di prodotti da un dollaro 3

4 L Il primo treno postale veloce parte dalla Grand Central Station diretto a Chicago, coprendo 900 miglia e 33 tonnellate di posta. All arrivo, l ingegnere a capo del convoglio sviene, esausto, tra la folla festante 1877 Con la pubblicazione del suo secondo catalogo, Tiffany s inaugura la tradizione del catalogo annuale 1884 John Patterson acquista la National Manufacturing Company in disgrazia, ne muta il nome in National Cash Register e ne fa uno dei primi produttori di beni strumentali (B2B) ad utilizzare il direct marketing 1886 Un capostazione di nome Richard Warren Sears si dà alle vendite per corrispondenza grazie ad una partita di orologi irreclamata. La sua azienda si chiamerà The R.W. Sears Watch Company 1893 Il nome cambia in Sears, Roebuck and Company 1897 Il catalogo Sears aveva già 700 pagine e 6000 prodotti 1898 La C.W. Post incomincia ad utilizzare i buoni sconto per vendere i cereali da colazione (penny-off coupons) Homer J. Buckley usa per la prima volta l espressione direct mail. E il fondatore della Buckley-Dement di Chicago, la prima agenzia pubblicitaria al servizio del direct mail 1912 L.L. Bean fonda una delle società di vendite per corrispondenza di maggiore successo di tutti i tempi 1913 A 12 mesi dal lancio del servizio Parcel Post, si sono spediti 300 milioni di colli 1917 La famiglia Simons fonda la Omaha Steaks International: all epoca vendono localmente carne di manzo a ristoranti e altre istituzioni 1918 Si inaugura il primo servizio di posta aerea tra New York, Philadelphia e Washington D.C Harry Sherman e Maxwell Sackheim fondano il The Book-of-the- Month Club. Inventeranno anche la versione negativa con la quale si manda regolarmente merce al cliente fintanto che questi non disdice esplicitamente Nel 1927 Sears spediva 10 milioni di lettere, 15 milioni di cataloghi 1928 Le Poste americane introducono la bulk mail di terza classe, pensata specificamente per l invio di materiale pubblicitario 1936 Sotto la spinta della ripresa economica post Depressione e della esposizione centenaria del Texas, Neiman-Marcus pubblica il primo catalogo di Natale di grande formato (12 x 10.5 ) 4

5 Fine anni 30 Harry e David lanciano il fruit of the month club, per la consegna a domicilio di frutta fresca Appaiono le prime regole di gestione del file clienti: 12 month prune rule Recency-Frequency-Monetary Poche e di bassa qualità le liste disponibili Attenzione alla retention dei clienti già acquisiti Primi anni 40 Nasce la Televisione commerciale e una miriade di aziende di vendita diretta che propongono beni di consumo di modesto valore Fine anni 40 Il direct mail migliora in qualità e quantità: si creano le brochure a 4 colori e nuove tecniche promozioniali come bollini, gettoni, riffe, buoni sconto, inserti 1948-primi anni 50 Nascono i primi sistemi di TV via cavo, Community Antenna Television (CATV) in Pennsylvania e Oregon. La paura delle radio di subire la concorrenza della TV porta al limite dei 60-secondi per gli spot. Gli editori incominciano ad usare il telemarketing per raccogliere nuovi abbonati e riattivare quelli persi Metà anni 50 Appaiono le carte di credito Diners Club, BankAmericard (later to become Visa), American Express, Carte Blanche and Mastercharge (later to become MasterCard). Anni A grande richiesta, la Omaha Steaks International inaugura la vendita per corrispondenza rivolta al grande pubblico 1953 Harold Mertz fonda la Publishers Clearing House con un primo mailing che propone abbonamenti scontati su 20 riviste. E ora la maggiore azienda di abbonamenti a riviste al mondo Metà anni 50 Reader s Digest inizia la propria attività. Per incentivare gli abbonamenti, spedisce 100 milioni di monetine da un centesimo chiedendo ai lettori di tenerne una come portafortuna e usare l altra per l abbonamento a penny to seal the bargain 1955 Columbia House, un rivenditore di dischi, in risposta ad un crescente mercato dei giovani, lancia il Columbia Record Club che offre 3 dischi gratis in cambio dell acquisto del quarto. Il sistema ha effetti positivi sulla domanda Fine anni 50 La divisione libri della Time-Life incomincia le vendite dirette di libri tematici (natura, scienza, storia ecc.) utilizzando i dati sugli abbonati alle riviste della casa madre 1956 Pan American World Airlines lancia una linea telefonica inbound per le prenotazioni attiva 24 ore su I pionieri delle vendite televisive notturne Samuel J. e Raymond Popeil incominciano la vendita delle O-matic (Veg-o-matic, Dial-o-matic, etc). Il loro stile di vendita diventa parte della cultura popolare Crescita del direct marketing dovuta all espansione dell economia del dopoguerra e al miglioramento delle liste Lista Polk e Donnelley, prima lista su fonti esterne Le Poste autorizzano la spedizione all occupant Evoluzione e differenziazione nel campo del list brokerage 5

6 Anni Reader s Digest è il primo ad utilizzare l elemento della lotteria per stimolare gli abbonamenti Anni 60 AT&T introduce i servizi telefonici ad ampio raggio WATS, servizio economico per grandi volumi di chiamate, che segna l inizio dello sviluppo dei servizi di telemarketing locali e nazionali Anni L informatica, e la nascita dei numeri verdi, delle carte di credito e il lavoro fuori casa delle donne contribuiscono all affermazione del direct marketing come componente abituale della vita degli americani, canale e attività di vendita 1961 Viene usata per la prima volta l espressione direct marketing da Lester Wunderman (l inventore del numero verde e della cartolina per la risposta) in un discorso tenuto allo Hundred Million Club (ora the Direct Marketing Club of New York) 1962 Le poste americane adottano il cartoon Mr. Zip per diffondere l uso del CAP 1965 Si costituisce la Direct Marketing Educational Foundation Anni : AT&T introduce il servizio di numero verde, un nuovo strumento di comunicazione per le imprese che risponde alle esigenze di una generazione indaffarata e orientata alla comunicazione, nonché dei clienti business 1967: diviene obbligatorio il codice postale sulla corrispondenza e la spedizione per codici omogenei 1969 Sheraton Corporation è la prima catena di alberghi ad offrire e promuovere il servizio di numero verde Si sviluppa l interesse per i criteri di segmentazione Il Census Bureau incomincia a produrre dati demografici per cluster territoriale Aumentano i costi della spedizione postale Aumento del disturbo percepito dai consumatori L attenzione si sposta sulla creazione di liste più specifiche ed efficaci La principale pubblicazione di settore cambia nome e diviene Direct Marketing 6

7 Anni 70 Anni 70 Rapido aumento tariffe postali Nascita di cataloghi specializzati e di nicchia, il che genera liste specifiche Sviluppo dell informatica e applicazione delle tecniche statistiche Diffusione delle carte di credito (cambia la percezione del pagamento) Numeri verdi Aumenta il numero delle donne lavoratrici e il costo della benzina Si accentua la ricerca dell efficacia Reader s Digest sperimenta la regressione multipla CHAID (Chi-squared automatic interaction detector) Mail Preference Service 1976 Il gruppo editoriale Time usa la pubblicità televisiva a risposta diretta per vendere abbonamenti a Sports Illustrated 1979 La competizione The Best of Direct Mail viene ribattezzata ECHO ed estesa a tutti i media diretti Anni 80 Anni 80 Si sviluppa fortemente la pubblicità sulla TV via cavo, grazie alla possibilità di isolare segmenti molto specifici di spettatori. Nasce il Videotex (minitel in Francia, videotel in Italia) 1981 American Airlines lancia American Advantage il primo programma Frequent Flier 1982 The Home Shopping Network inizia la propria attività, introducendo una nuova forma di vendite televisive 1989 Nasce il World Wide Web e la società del primo browser, Netscape Primi anni 90 America Online si quota in Borsa mentre il web viene aperto agli usi commerciali. Per la prima volta i consumatori che fanno acquisti da casa negli USA superano i 100 milioni IBM inventa il DB2. Il database diventa lo strumento principe per il direct marketing Nascono società specializzate nelle analisi di database: National Demographic & Lifestyles (garanzie) ACORN (geomarketing) Le analisi e le tecniche dei direct marketers si consolidano e si diffondono fuori dal settore delle vendite per corrispondenza. I primi ad adottare il direct/database marketing: compagnie aeree, società di carte di credito, sigarette, compagnie telefoniche, case automobilistiche Il vecchio mail order, diventato direct marketing, si evolve in database marketing 7

8 Anni Maturità e saturazione dei mercati Individualità dei consumatori Segmentazione spinta - proliferazione prodotti Innovazione tecnologica potenza elaboratori Globalizzazione Intensità della concorrenza Confronto tra brand loyalty e store loyalty Attenzione alla retention - importanza della relazione Applicazione dell IT al marketing per aumentarne efficacia e differenziazione Interattività Internet Proliferazione dei media e differenziali di efficacia Problemi legati alla privacy Social media Lester Wunderman videotex Veg-o-matic 8

9 Un po di linguaggio Mail order: vendite per corrispondenza Catalog sales o catalog business: vendite tramite catalogo Direct mail: tutte le forme di comunicazione pubblicitaria spedite direttamente a potenziali clienti attraverso il servizio postale pubblico o privato Telemarketing: vendita di prodotti e servizi con l impiego del telefono per contattare i potenziali clienti; Direct response: una reazione diretta da parte di un cliente potenziale/cliente/altro operatore verso l ente che ha compiuto una azione promozionale di tipo push Definizioni di Direct Marketing 1. Un sistema di marketing interattivo che ricorre a uno o più mezzi pubblicitari per ottenere una risposta misurabile e/o una transazione, in qualsiasi luogo (DMA, 1981) 2. Un processo di marketing relazionale basato sull informazione, che si realizza nel rispetto della privacy dei clienti (Peppers e Rogers, 1999) 3. Un modo di acquisire e conservare clienti attraverso tre attività: l analisi delle informazioni sui singoli clienti, la definizione di strategie e la loro implementazione per ottenere una risposta diretta dai clienti stessi (Tapp, 2001) 9

10 Analizziamo le seguenti definizioni DATABASE MARKETING Il database marketing consiste nell applicazione dell analisi statistica ad insiemi di dati disaggregati trattati informaticamente. E impiegato per sviluppare attività di marketing efficienti che si rivolgano in modo diretto a clienti attuali e potenziali univocamente individuati. Si realizza tramite un piano di contatto con il detto target in un lasso di tempo definito, allo scopo di indurre l acquisto ripetuto di beni e servizi tra loro in relazione e/o di sostenere l immagine di marca/dell impresa ed alimentare la relazione di fiducia con il cliente. Analizziamo le seguenti definizioni Micromarketing: orientamento dell impresa a riconoscere, misurare e sfruttare l eterogeneità della clientela per rivolgere azioni mirate a specifici segmenti target con finalità di retention, extention e acquisition (Ziliani) 10

11 CRM: un modo di identificare, acquisire e conservare i clienti; un insieme di strumenti per l automatizzazione delle attività di contatto con i clienti stessi nel marketing, nelle vendite e nel servizio clienti; l insieme di strumenti per l integrazione dei dati e delle informazioni che viaggiano in entrambe le direzioni attraverso i diversi canali che collegano l impresa al mercato (Greenberg) Il CRM quindi è sia un approccio di marketing che mira a costruire, sviluppare e mantenere e ottimizzare le relazioni tra l impresa e il cliente, sia un insieme di strumenti per integrare i canali di vendita e i punti di interazione tra azienda e cliente (De Luca) Marketing interattivo Campo della comunicazione Si ha comunicazione interattiva quando il processo ha tre caratteristiche: 1) la capacità di rivolgersi al singolo individuo, 2) di memorizzare la risposta data dal singolo 3) di incorporare tale risposta nelle comunicazioni/interazioni successive L interattività c è sempre stata, ma oggi: a) realizzarla costa meno b) è utile per la creazione di valore e vantaggio competitivo E un insieme di logiche e strumenti che serve sia l approccio di mass marketing che quello di marketing relazionale 11

12 I fondamenti del marketing interattivo 1 2 Identificare Differenziare Personalizzare Interagire 4 Learning relationship 3 Esempi di ruoli diversi assegnati al direct marketing Esempi Land Rover Disney Developments Cheer Free Amazon Philip Morris Hi-Bred International 12

13 Esempi - continua Area di impatto Uso tattico del database Uso strategico del database Prodotto Analisi delle vendite Analisi per lo sviluppo di nuovi prodotti Prezzo Progettazione di promozioni di prezzo Elasticità incrociata della domanda rispetto ai prezzi Promozione Progettazione promozioni Analisi dell efficacia degli strumenti promozionali Canali di distribuzione Pubblicità cooperativa Analisi dell efficacia dei canali Acquisition Conversione di prospects in clienti Aumento della redditività della base clienti Retention Offerte mirate Customer relationship marketing Servizio ai clienti Accesso a informazioni sui clienti da Analisi della customer satisfaction parte degli addetti al servizio clienti Ricerche di mercato Costruzione accurata di campioni per aumentare il tasso di risposta Arricchimento del database con dati esterni per analisi e modelli Altre definizioni One-to-one marketing Loyalty marketing Cos è l economia del micromarketing? Lo studio delle logiche, delle metodologie, delle tecnologie, dei media e dei modelli di business su cui si basa la realizzazione delle attività di micromarketing 13

14 Quali elementi in comune? Raccolta di informazioni dettagliate sui singoli clienti Apprezzamento della diversità dei clienti tra loro Segmentazione Scelta di segmenti target per azioni di marketing mirate Varietà di obiettivi: retention, extention, acquisition Tecnologie per raccogliere, conservare e analizzare i dati Mezzi di comunicazione, canali di contatto diretti Proposte di marketing ad hoc, personalizzate, mirate Processo iterativo: apprendo, segmento, personalizzo, misuro, affino la proposta, ecc. Perchè oggi il micromarketing? I fenomeni che stimolano l adozione del micromarketing Ridotta crescita della domanda, sostituibilità tra prodotti, affollamento competitivo, necessità di differenziazione Componente informativa dei prodotti Loyalty Effect (Reichheld) ed enfasi sulla retention della clientela -> la storia dei paradigmi di marketing Crescente importanza dei servizi e della distribuzione -> Empowerment dei clienti Disponibilità di tecnologie di raccolta dati e contatto con il cliente ->Information Revolution Investimenti in customer service Multicanalità retailers (Web) Crisi rapporto costo/efficacia old mass media Moda (Fig. 1) 14

15 Il ruolo del Direct Marketing Il Direct Marketing può essere presente nell impresa a tre livelli: 1. Tutta l impresa funziona secondo un approccio di direct marketing. 2. Il direct marketing è una componente importante della strategia di marketing dell impresa e serve ad orientare gli altri investimenti di marketing. 3. L impresa non ha una strategia di direct marketing ma usa uno o più strumenti di comunicazione diretta accanto a quelli tradizionali. Livello core business strategia generale dell impresa Livello strategico strategia generale dell impresa Livello tattico strategia generale dell impresa strategia di micro marketing strategia di micro marketing strategia di mass marketing strategia di mass marketing decisioni operative di mass marketing leve di micro marketing leve di mass marketing 15

16 General strategy Analysis of market needs Analysis of attractiveness Competitive analysis Choice of marketing strategy Plan P P P P Confronto con il Marketing Marketing Direct marketing Stesse finalità e stesso processo strategico Modalità: creando prodotti, sviluppando la marca e la quota di mercato Focus: prodotti Segmentazione: secondo le caratteristiche socio-demografiche e di comportamento del cliente Comunicazione: mass media Analisi di mercato: classiche Misure: difficili e indirette Costo/cliente: basso Modalità: analizzando dati individuali di cliente contenuti in un database e basando su questi programmi e iniziative Focus: clienti Segmentazione: anche secondo importanza del cliente per l impresa Distribuzione: spesso diretta Comunicazione: direct media Analisi di mercato: database Misure: puntuali Costo/cliente:elevato 16

17 1912 Il Caso L.L. Bean Leon Leonwood Bean (L.L.Bean), la caccia e la Maine Hunting Shoe "Sell good merchandise at a reasonable profit, treat your customers like human beings, and they will always come back for more." 1917 il punto vendita di Freeport, Maine 1961 fattura 2 milioni $ 1967 Leon Gorman 1968 la lista clienti diventa un database (1 mio) 1980 si spediscono 25 milioni di cataloghi 1985 call centre per ordini telefonici sito web 2007 fattura 1,5 miliardi $ La Rivoluzione dell Informazione Informazione 17

18 dall essere organizzata intorno ai flussi fisici e monetari, l economia sta passando ad un organizzazione sui flussi di informazioni (Peter Drucker). alla società degli atomi, basata essenzialmente sulla produzione di beni fisici, si va sostituendo la società dei bit, fondata sulla produzione di informazioni e di conoscenze, ovvero di prodotti e servizi derivanti dalle informazioni (Nicholas Negroponte). l esplosione della varietà e quantità di informazione disponibile per un numero sempre maggiore di soggetti, a prescindere dalla localizzazione fisica, è la rivoluzione dell informazione. (Blattberg). rivoluzione digitale, perché l informazione che viene resa disponibile dalle ICT ha a che fare con dati e testi, ma anche con tutto quanto è trasformabile in sequenze di bit 18

19 Effetti e peculiarità della Rivoluzione dell Informazione Informazione L innovazione nelle ICT è veloce, e la rivoluzione in atto è più veloce delle precedenti. L innovazione nelle ICT ha una dinamica dei costi peculiare. L innovazione nelle ICT è pervasiva, e la rivoluzione non ha confini settoriali né geografici. L innovazione nelle ICT riduce i costi di un input particolare: l informazione, e la rivoluzione modifica la struttura dei mercati L innovazione nelle ICT è ancora in atto, e la rivoluzione è solo agli inizi La legge di Moore Transistor per chip Pentium Pro Pentium i i i Year 19

20 Utilità UTILITA = UTILIZZATORI 2 La Legge di Metcalfe Utilizzatori Le tecnologie dell informazione e della comunicazione informare applications accedere access technologies conservare core technologies 20

21 Core technologies tecnologie di lettura ottica e magnetica elaborazione dati conservazione dati Access technologies tecnologie di rete e della comunicazione Applications DSS (sistemi di supporto alle decisioni) MIS (management information systems) altri software applicativi L impatto delle ICT sulla strategia 1. le ICT possono migliorare notevolmente il processo decisionale strategico dell impresa 2. le ICT sono una risorsa indispensabile per l attuazione efficace di una predefinita strategia 3. le ICT possono essere fonte di innovazione, capace di modificare i prodotti e i processi dell impresa, se non addirittura del settore 4. le ICT mettono in grado l impresa di costituirsi un patrimonio informativo utilizzabile come vera e propria risorsa. 21

22 3. Le ICT come fonte di innovazione INNOVAZIONE DI PRODOTTO realizzazione di prodotti o servizi nuovi basati fortemente sulle tecnologie informatiche, che sostituiscono o migliorano le prestazioni di quelli precedenti (editoria, trading online). aggiunta al prodotto, che rimane sostanzialmente invariato, di informazioni e servizi aggiuntivi basati sull informazione, che lo rendono più appetibile per il mercato (Federal Express) 3. Le ICT come fonte di innovazione INNOVAZIONE DI PROCESSO razionalizzazione del processo interno di produzione dei beni o servizi dell azienda (Barilla). cambiamento nelle modalità di relazione dell impresa con l esterno, ad esempio a monte, a valle o verso i concorrenti (Benetton, e-procurement). 22

23 Marketing relazionale: importanza della fedeltà dei clienti le risorse immateriali dell impresa perché la fiducia è una risorsa la catena soddisfazione-fedeltà La misura della fedeltà le tipologie di fedeltà benefici economici del cliente fedele La resource-based view dell impresa specificità imperfezione dei mercati non perfettamente mobili relazioni di rete relazioni tra risorse causal ambiguity non perfettamente imitabili eterogeneità delle risorse diversa redditività = vantaggio competitivo storia, caso e tempo 23

24 I vantaggi economici del cliente fedele secondo Reichheld - maggiori entrate, date dalla ripetizione degli acquisti - recupero di una quota maggiore dei costi di acquisition - pubblicità gratuita (word of mouth) - minori costi di servizio - minori cosi cosiddetti di remarketing - ampliamento graduale del paniere di spesa - acquisto non solo in offerta speciale ma tutto l anno - soddisfazione del personale - -minori costi di acquisizione di nuovi clienti -minori costi legati all insoddisfazione Relazioni durature e proffitabilità di cliente

25 La catena soddisfazione-fedelt fedeltà cliente soddisfaz.ne fiducia fedeltà impresa Comportamentale Cognitiva Impatto della intensità competitiva Definire la loyalty Come si definisce fedeltà è il punto nodale; Come la si misura è pure cruciale e spesso è ciò che si riesce a misurare che determina come la si definisce Non tutte le definizioni di fedeltà hanno senso come obiettivi: The best customers, we are told, are loyal ones It depends on what loyal means, and on how these loyal customers score relatively to the company s goals (duwlings and Hummond) La fedeltà è sia una ATTITUDE sia un BEHAVIOUR e il rapporto tra le due è mediato da caratteristiche dell individuo, situazioni e circostanze A seconda della definizione adottata le implicazioni di marketing e di loyalty marketing - sono diverse 25

26 Conceptual models of loyalty (Uncles, Dowling and Hammond) We speak about brand or store loyalty, but loyalty is a feature of PEOPLE, not something inherent to objects Three conceptualisations of loyalty: An attitude that sometimes leads to a relationship with a brand, expressed by a favourable set of stated beliefs. Example: A deeply held commitment to rebuy or repatronize a preferred product/service consistently in the future,despite situational influences and marketing efforts aimed to cause switching Less applicable for FMCG and grocery retailing Revealed behaviour, based on pattern of past purchases (See what loyalty exibit). Example: An ongoing propensity to buy the brand, usually as one of several (polygamy) It is not worth the time and trouble to search for alternatives Relationship between attitude and buying behaviour moderated by the individual s characteristics (desire for variety, need to conform, habit), circumstances (budget, time pressure) and/or purchase situation (availability, use occasion, promotion) (contingency approach) Relazione tra soddisfazione e fedeltà Il concetto di fedeltà è strettamente legato a quello di soddisfazione monopolio o scarsità di alternativa elevatore di marca alto costo di sostituzione del fornitore alta Settori poco competitivi Fedeltà bassa insoddisfatto Soddisfazione Settori molto competitivi soddisfatto commodity o bassa differenziazione molte alternative basso costo di sostituzione del fornitore 26

27 Recenza Frequenza- Spesa ID Cognome Data ultima visita Numero visite ultimi 6 mesi Spesa totale ultimi 6 mesi Recenza numero giorni Numero medio visite asettima na Spesa per singola visita in $ Spesa settiman ale in $ 1 Beck 17 Jun Dale 2 Jun Hall 30 May Kent 16 Jun Oak 15 Jun Park 2 Feb Rice 29Mar Snow 18 May Teal 14 Jun Wade 11 Apr Review period: January 2 June 17 Weeks in review period:24 Review period last date: 17 June Libreria Decile Spesa media annua n. Medio transazioni in un anno Scontrino medio 1 1,

28 Fig. 9 Analisi della clientela Decile n di clienti n. Visite nell anno n. Transazio ni settimana Spesa media per visita Spesa totale di decile % su totale % cumulata 1 2,671 83,7 1,61 45,45 10,161,647 59,4 59,4 2 2,671 42,1 0,81 27,69 3,113,702 18,2 77,6 3 2, ,46 24,41 1,564,890 9,1 86,8 4 2,671 14,7 0,28 22,70 891,308 5, ,671 9,6 0,18 21,25 544,806 3,4 95,3 6 2,671 6,3 0,12 20,55 345,851 2,0 97,4 7 2,671 4,4 0,08 18,58 218,307 1,3 98,6 8 2, ,06 16,58 132,857 0,8 99,4 9 2, ,04 13,67 73,003 0,4 99,8 10 2,671 1,3 0,03 8,06 27,984 0,2 100% Tot 26,710 19,1 0,37 33,47 17,074, Fonte aziendale Segmenti di clienti per profittabilità Questo 28% dei clienti ha perso il 22% dei profitti 28

29 Il valore restituito dal cliente all impresa Visione tradizionale: il fatturato e l utile Nuovi approcci: Il customer lifetime value (LTV) Con la perdita di un cliente non viene meno solo una vendita, ma l intero flusso di acquisti che un cliente avrebbe generato nel corso della propria vita (utile) se fosse rimasto cliente La customer equity Lifetime value complessivo di tutti I clienti attuali e potenziali dell impresa, al netto dei costi di acquisizione. E elevato se è elevata la fedeltà dei clienti profittevoli. Serve a valutare le prospettive dell impresa (Es. Cadillac) La Share of wallet (quota di clientela) La percentuale degli acquisti che quel cliente effettua presso l azienda nella categoria di prodotto trattata dall azienda stessa (es. Banche, supermercati, benzine, ecc). Si sviluppa ampliando l offerta e adottando tecniche di up selling e cross selling (vedi Amazon) 29

Economia del Micromarketing

Economia del Micromarketing Economia del Micromarketing Il ruolo del Micromarketing nella strategia aziendale Database e analisi clienti Cristina Ziliani, Ph.D Professore Associato di Marketing Università di Parma Laurea Magistrale

Dettagli

La realizzazione di un azione di micromarketing + le analisi di Tesco

La realizzazione di un azione di micromarketing + le analisi di Tesco La realizzazione di un azione di micromarketing le analisi di Tesco Il piano di micromarketing IL PIANO DI MARKETING: è un documento scritto che riassume gli obiettivi strategici dell impresa e specifica

Dettagli

Il computer come medium - 4

Il computer come medium - 4 Economia del Micromarketing Modulo di Database e Internet Marketing 2 Il computer come medium - 4 La trasformazione del computer in medium di massa nasce con il World Wide Web, la interfaccia grafica che

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

1.3.1. Elementi caratterizzanti il marketing diretto interattivo

1.3.1. Elementi caratterizzanti il marketing diretto interattivo 1. IL MARKETING DIRETTO 1.1. Concetto e definizione di marketing diretto pag. 3 1.1.1. Direct e data base di marketing pag. 5 1.2. Evoluzione del concetto di marketing diretto pag. 8 1.2.1. La comunicazione

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi

La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi Marco Bianchi Crema - CartaSi Responsabile Marketing Customer Base Francesco Renne - ICTeam Amministratore Delegato

Dettagli

INEA - Istituto Nazionale di Economia Agraria Rete Nazionale per lo sviluppo rurale

INEA - Istituto Nazionale di Economia Agraria Rete Nazionale per lo sviluppo rurale alcune definizioni contenute nella Direttiva 97/7/CE riguardante la protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza: VENDITE A DISTANZA UN SISTEMA DI VENDITA O DI PRESTAZIONE DI SERVIZI CHE

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 14 sessione: 9/6/2009 1 Il settore finanziario Campione: 130 istitituzioni

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Company Profile. www.valuelab.it

Company Profile. www.valuelab.it Company Profile www.valuelab.it 1 Profilo VALUE LAB è una innovativa società di consulenza di management e IT solutions specializzata in Marketing, Vendite e Retail. Aiutiamo le Aziende di produzione,

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices. Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International

Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices. Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International Agenda Il paradigma omni-channel visione o realtà? Errori da evitare

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

17 aprile 2011. Antonio Votino. Responsabile Divisione Loyalty & Direct Marketing. @ICTeam_loyalty

17 aprile 2011. Antonio Votino. Responsabile Divisione Loyalty & Direct Marketing. @ICTeam_loyalty Università degli Studi di Macerata Facoltà di Economia Ciclo seminari Idee e strumenti per il management 2012 Seminario: Percorsi della loyalty nella distribuzione, applicazioni al settore farmacie. La

Dettagli

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club Salvatore Pane Milano, 30 settembre 2004 Carrefour Mondo: 10.270 pdv in 30 nazioni Dati aggiornati al 31/03/2004

Dettagli

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI.

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. 1. Introduzione: Gli obiettivi dell implementazione di un sistema

Dettagli

Strategie per il web marketing

Strategie per il web marketing Strategie per il web marketing Fasi dell orientamento d impresa Per comprendere in che misura (rivoluzionaria) internet ed il web in particolare, ha contributo allo sviluppo del mercato dei servizi e/o

Dettagli

Vendita a Distanza. by marco merlo - mls list 1

Vendita a Distanza. by marco merlo - mls list 1 Vendita a Distanza. La vendita a distanza è un mondo affascinante, una sfida e ci vuole tempo per comprendere tutte le dinamiche e sfaccettature ad essa legate. Per organizzarla bisogna essere un po creativi,

Dettagli

Indagine 2012 sul direct marketing multicanale in Italia: evoluzione, soddisfazioni ed attese

Indagine 2012 sul direct marketing multicanale in Italia: evoluzione, soddisfazioni ed attese Indagine 2012 sul direct marketing multicanale in Italia: evoluzione, soddisfazioni ed attese Ricerca di CRIBIS D&B con il patrocinio di AIDiM, Associazione Italiana Direct Marketing e di ANVED,Associazione

Dettagli

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ACQUISIRE NUOVI CLIENTI INTRODUZIONE L acquisiszione di nuovi clienti e il processo di ricerca di nuove relazioni di business, di valutazione delle esigenze dei clienti e delle relative offerte dei fornitori,

Dettagli

Percorsi Digital Marketing

Percorsi Digital Marketing Percorsi Digital Marketing Percorsi di di Digital Academy, in area Marketing Luglio 2015 Indice DIGITAL ACADEMY... 3 1 DIGITAL MARKETING ESSENTIALS... 3 2 SOCIAL MEDIA MARKETING... 4 3 SVILUPPARE CONTENUTI

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

Digital Marketing Master 14 gg

Digital Marketing Master 14 gg Digital Marketing Master 14 gg Master specialistico in Marketing Digitale, progettato per coloro che desiderano approfondire i fondamentali della strategia, del e del business online. Chi dovrebbe partecipare

Dettagli

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi LA STRATEGIA DI INTERNET FASI DELLA STRATEGIA Analisi MARKETING Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi Posizionamento:

Dettagli

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012 Elisa Fontana 1 Contenuti Chi siamo CRM, Customer experience, Customer Engagement Il consumatore e i Social Network I social network generano

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management SDG SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management People Process Performance Svelare il vero valore dei «dark data» 10% Use Analytics Today Missing new insights Not utilizing all the information

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali Corso Sistemi Informativi Aziendali,. Sistemi informativi aziendali di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Marzo 2009 Corso Sistemi Informativi Aziendali - Il customer relationship management

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Quando il marketing chiede il permesso. Di Patrizia Menchiari

Quando il marketing chiede il permesso. Di Patrizia Menchiari Quando il marketing chiede il permesso Di Patrizia Menchiari Sempre più aziende, in modo particolare nel campo dell e-business, scelgono la comunicazione interattiva basata sul consenso e sulla fiducia,

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER di Riccardo Pio Campana* Come si configurava il dirigente privato nel passato e come lo si configura oggi, l obiettivo di questo lavoro è proprio quello di inquadrare giuridicamente

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Integrare l email Marketing in un processo strategico I casi Telepass e Bticino. MagNews 25 febbraio 2015 www.magnews.it info@magnews.

Integrare l email Marketing in un processo strategico I casi Telepass e Bticino. MagNews 25 febbraio 2015 www.magnews.it info@magnews. Integrare l email Marketing in un processo strategico I casi Telepass e Bticino MagNews è una società specializzata in Email Marketing e Progetti di Digital Marketing. Dal 2000 sviluppiamo una piattaforma

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

Campaign Management: il caso Vodafone Omnitel. franco.renne@icteam.it

Campaign Management: il caso Vodafone Omnitel. franco.renne@icteam.it Campaign Management: il caso Vodafone Omnitel franco.renne@icteam.it 2 Aprile 2003 Presentazione ICTeam è una società di informatica... Franco Renne è un informatico... e non è un esperto di marketing...

Dettagli

IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L.

IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L. Progetto alternanza scuola lavoro 2012-2013 IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L. Intempra Intempra

Dettagli

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing Lezione 16 Marketing relazionale e Internet Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing nel 21mo secolo La new economy si basa sulla rivoluzione digitale

Dettagli

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Innovazione Strategica e Organizzativa d Impresa Agenda Obiettivi di Marketing e Vendite Piano di Marketing Automation Strumenti

Dettagli

Marketing. Lezione 15 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi

Marketing. Lezione 15 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing Lezione 15 Marketing relazionale e Internet Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing nel 21mo secolo La new economy si basa sulla rivoluzione digitale

Dettagli

Lo scenario internazionale del loyalty marketing

Lo scenario internazionale del loyalty marketing Lo scenario internazionale del loyalty marketing Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma XI Convegno Il Futuro del Micromarketing Parma, 21 ottobre 2011 Fonti e metodologia L Osservatorio

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

L Efficacia del Direct Marketing sui risultati di business dell azienda

L Efficacia del Direct Marketing sui risultati di business dell azienda L Efficacia del Direct Marketing sui risultati di business dell azienda Agenda 1. Il Direct Marketing nel panorama di mezzi 2. Come usare il Direct Marketing 3. Quando usare il Direct Marketing LO SCENARIO

Dettagli

ScontiBancoPosta: l evoluzione della specie per i Loyalty program

ScontiBancoPosta: l evoluzione della specie per i Loyalty program ScontiBancoPosta: l evoluzione della specie per i Loyalty program FISIONOMIA DEL PROGRAMMA ScontiBancoPosta è un programma di comarketing coalition finalizzato ad acquisition & loyalty, che utilizza come

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPEN B2B L OFFERTA DEDICATA A TUTTI I PARTNER COMMERCIALI DI OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. La nostra parola

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni LA STORIA // IL NETWORK // SERVIZI DI STAMPA // DIRECT MARKETING

Dettagli

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma Convegno Promozioni efficaci? Il volantino: istruzioni

Dettagli

Marketing nel commercio elettronico Parte 1

Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Marketing Marketing: insieme

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Digital marketing: scenari

Digital marketing: scenari Università Degli Studi Di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Sociali - Corso di Laurea in Culture Digitali e Della Comunicazione Digital marketing: scenari Dall Internet Marketing a Digital Marketing.

Dettagli

Come trovare nuovi clienti in 5 mosse

Come trovare nuovi clienti in 5 mosse Come trovare nuovi clienti in 5 mosse Validità: Febbraio 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. SISECO non offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Director marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director I servizi di Marketing Marco Vecchiotti - Director 2012 Data4Value: Soluzioni di Marketing nel gruppo CRIF 2 3 2012 I servizi Data4Value Ottimizzazione delle performance di business sul territorio Ottimizzazione

Dettagli

La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni.

La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni. La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni. Sara Fusco Presidente F.P.E. Srl Milano, 14 maggio 2010 KIDS. GENERAZIONE 0-12 MILANO, 14-15 MAGGIO 2010

Dettagli

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni?

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Milano, 4 Giugno 2002 Obiettivi dell incontro Obiettivi dell incontro Condividere alcune riflessioni

Dettagli

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Perché alcuni personaggi di film per ragazzi crescono? Perché nel 2009 Disney decide di realizzare un nuovo

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Automotive Tools. Strumenti operativi a supporto del settore automotive

Automotive Tools. Strumenti operativi a supporto del settore automotive Automotive Tools Strumenti operativi a supporto del settore automotive Il perché di una partnership: Una forte esperienza Automotive intelligo Fondata nel 2006 e con un team di ricerca con più di 20 anni

Dettagli

MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE

MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE Innovative tecniche statistiche che consentono di mirare le azioni di marketing, vendita e comunicazione valorizzando i dati dei database

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO ANALISI A CASCATA DELL AMBIENTE COMPETITIVO ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO Cap. 5: Analisi della domanda/ segmentazione

Dettagli

Progetto Screening. Postel. Antonio Federici ASP Lazio Fabio Lotti Postel

Progetto Screening. Postel. Antonio Federici ASP Lazio Fabio Lotti Postel Progetto Screening Postel Antonio Federici ASP Lazio Fabio Lotti Postel Modello organizzativo di riferimento : Comunicazione di massa: tra una istituzione e una popolazione. La variabilità è data dalle

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente Sommario Presentazione dell edizione italiana xix Prefazione xxi Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente 1 L MARKETING CONCEPT 3 Che cos è il Marketing concept 8 IL CASO DELLA AT&T

Dettagli

Indice. Gli Autori. Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana. Ringraziamenti dell Editore. Guida alla lettura

Indice. Gli Autori. Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana. Ringraziamenti dell Editore. Guida alla lettura Indice Gli Autori Prefazione all edizione originale Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XV XVII XIX XXI XXIII Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing

Dettagli

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela ABI CRM 2005 Roma, 14 dicembre 2005 Il Gruppo Banca CR Firenze Cassa di Risparmio di Firenze Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

Dettagli

Oggi le sfide da affrontare

Oggi le sfide da affrontare Come costruire passo dopo passo un sistema efficace di CRM per fidelizzare e contattare periodicamente i tuoi clienti Terzo Workshop FBA Roma 17 marzo 2013 Bari 7 aprile 2013 A cura di Alessandra Salimbene

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Cap.12 Raggiungere nuovi clienti attraverso il marketing digitale

Dettagli

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Il marketing dei servizi Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Evoluzione delle relazioni e OBIETTIVI del mkg relazionale L evoluzione delle relazioni con la clientela Clienti come

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Customer Rela onship Management

Customer Rela onship Management Customer Rela onship Management CoregainCRM. Più centralità al cliente. Più reddi vità all azienda. Customer Relationship Management CoregainCRM, la soluzione di Customer Relationship Management che consente

Dettagli

L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti:

L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti: L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti: Enfasi sulla crescente globalizzazione del contesto competitivo (Think global act local) Segmentazione e personalizzazione

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Modulo Campaign Activator

Modulo Campaign Activator Modulo Campaign Activator 1 Che cosa è Market Activator Market Activator è una suite composta da quattro diversi moduli che coprono esigenze diverse, ma tipicamente complementari per i settori marketing/commerciale

Dettagli