Marketing e Direzione d Impresa Lezione 27 Il brand. Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing e Direzione d Impresa Lezione 27 Il brand. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28"

Transcript

1 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 27 Il brand Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

2 Sillabo finale 2/12 Intervento BMS 3/12 Lezione 5/12 No Lezione 6/12 Intervento Locatelli su Energy Economics dalle alle 14.00, aula 1.1 9/12 No Lezione 11/12 Visita BMS 11/12 Lezione dalle

3 Il valore della marca Approccio indiretto: valutazioni di fonti potenziali di valore della marca Approccio diretto: valutazione dell effettiva influenza della conoscenza della marca sulla risposta del consumatore 3

4 Monitoraggio del brand La gestione del brand richiede un monitoraggio del brand equity che si distingue in: Brand tracking, controlli a intervalli regolari che mirano a valutare l effetto sul brand del complesso delle attività di marketing. Si basano su metodi quantitativi di raccolta delle informazioni presso i clienti Brand audit, controlli periodici più approfonditi effettuati in occasione di cambiamenti rilevanti. Puntano ad analizzare le fonti di valore della marca nella prospettiva sia dell impresa sia del cliente. E costituito da due fasi: Inventario di marca Esplorazione della marca 4

5 Brand audit Inventario di marca Profilo completo e aggiornato di tutti i prodotti e servizi venduti dall impresa e contrassegnati da una marca Identificazione di tutti i programmi di mkt di supporto, incluse le associazioni di marca Obiettivo: determinare tutti i possibili elementi su cui si basano le percezioni attuali dei clienti Esplorazione di marca Comprensione di ciò che i clienti pensano e provano nei confronti di marca e categoria 5

6 La valutazione della marca Una marca può essere comprata e venduta, per cui necessita di una valutazione, che si basa su: Guadagni della marca, pari ai ricavi totali, meno i ricavi non correlati alla marca, i costi di vendita e di marketing, i costi di produzione, gli oneri finanziari e quelli fiscali Forza della marca, che considera, sulla base dei risultati di un questionario, i valori di: Leadership della marca all interno del suo mercato Stabilità della marca nel tempo Mercato, in termini di crescita e barriere all ingresso Diffusione geografica della marca Tendenza, in termini di capacità di mantenere attuale la marca Sostegno, in termini di entità e coerenza delle attività di marketing Protezione legale della marca Tasso di attualizzazione 6

7 La valutazione della marca Capitalizzazi one: 167 B$ Fonte: Kotler & Keller (2007) 7

8 Gestione del valore della marca Rafforzare la marca: azioni di mkt coerenti volte a trasmettere il significato della marca Cosa rappresenta, quali benefici o bisogni è in grado di soddisfare In che modo la marca offre prodotti superiori, quali associazioni devono essere mantenute nella mente dei consumatori Rivitalizzare la marca: rispondere a cambiamenti nelle preferenze dei consumatori, all ingresso di nuovi concorrenti e ad altri sviluppi nell ambiente di mkt Continuum dal ritorno alle origini alla reinvenzione della marca 9

9 La crisi della marca Tanto maggiore è il valore della marca, tanto migliori le sue speranze di superare i momenti di crisi più difficili Le crisi si superano con reazioni tempestive e sincere 10

10 La strategia di marca Numero e natura di elementi di marca distintivi e comuni ai vari prodotti dell impresa Introdurre un nuovo prodotto: 1. Sviluppando nuovi elementi di marca per il nuovo prodotto 2. Applicando elementi di marca esistenti 3. Adottando una combinazione di elementi nuovi e esistenti 11

11 Estensione della marca Si ha quando un impresa utilizza una marca esistente (marca madre) per lanciare un nuovo prodotto Diverse forme di estensione: - estensione di linea: la marca madre viene estesa a un nuovo prodotto della stessa categoria, ma è rivolto a un nuovo segmento di mercato (Yogurt Danone) - estensione di categoria: la marca madre viene estesa ad un nuovo prodotto di una categoria diversa (Honda) Sottomarca: ossia la combinazione di una marca nuova con una esistente, può essere vista come un estensione di marca (Adobe Acrobat) 12

12 Estensione della marca Linea di marca: tutti i prodotti con la stessa marca Assortimento di marca: tutte le linee di marca offerte da un determinato venditore Varianti di marca: linee specifiche per particolari rivenditori o canali distributivi Prodotto in licenza: prodotto il cui nome o marca è stato concesso a terzi 13

13 Scelta del nome 1. Denominazioni di marche individuali (House of brands) ciascun prodotto dotato di un nome distinto Politica seguita dalla P&G (Dash, General, Bio Presto, Perlana, Vernel) Vantaggi: non lego reputazione dell azienda al singolo prodotto 2. Denominazione dell impresa per tutti i prodotti (Branded house) Politica seguita da General Electric Vantaggi: Minor costo di introduzione del nuovo prodotto, più facile accettazione da parte dei clienti 14

14 Scelta del nome 3. Denominazioni separate per linee di prodotti molto diverse Politica seguita dalla Sears (Kenmore per gli elettrodomestici, Keprybroke per l abbigliamento femminile, Hormart per l arredamento) Vantaggi: bassi costi di introduzione di nuovi prodotti, facile riconoscibilità 4. Denominazione dell impresa unita a denominazioni individuali dei prodotto Politica seguita dalla Kellogg s (Kellogg s Rice Crispies, Kellogg s Corn Flakes) Vantaggi: Il nome dell impresa legittima i nuovi prodotti, il nome specifico lo personalizza 15

15 Pro e contro le marche individuali Vantaggi: la reputazione dell impresa non è legata all accettazione del singolo prodotto consente di individuare la migliore denominazione per ogni nuovo prodotto, senza gravarlo di possibili implicazioni negative connesse all impresa l impresa ottiene più spazio di esposizione e rende il distributore maggiormente dipendente dalle marche dell impresa pochi consumatori sono così attaccati a una marca da rinunciare a provarne un altra per catturarli la stessa impresa può offrire diverse marche creare nuove marche aumenta la motivazione e l efficienza dell organizzazione dell impresa 16

16 Pro e contro le marche individuali Rischi: scarsa differenziazione cannibalizzazione non accettazione delle nuove marche frammentazione dell immagine riduzione delle economie di scala 17

17 18

18 Estensione della marca Vantaggi: - risparmio nei costi di promozione - aumento delle probabilità di accettazione del prodotto - ritorni positivi per la marca madre Svantaggi: - diluizione della marca: i consumatori non associano più una marca ad un prodotto o linea di prodotti - Cannibalizzazione: i cons. smettono di acquistare le vecchie versioni - fallimenti di prodotto e di marketing 19

19 Estensione della marca Il successo di un estensione di marca si ha quando la marca madre gode di una buona reputazione e i clienti percepiscono una rispondenza tra marca madre e prodotto cui viene estesa La rispondenza può derivare da similarità nelle caratteristiche del prodotto, nelle situazioni d uso o negli utilizzatori Le marche di elevata qualità possono essere estese più facilmente di quelle di qualità media, ma tutte hanno dei limiti Una marca che rappresenta il campione di una categoria di prodotto difficilmente può essere estesa al di fuori di tale categoria Il fallimento di un estensione nuoce alla marca madre solo se tra i due prodotti vi è una forte analogia La strategia pubblicitaria migliore per un estensione consiste nel sottolineare le informazioni sul nuovo prodotto 20

20 Portafoglio di marca Proliferazione di marche nella stessa categoria di prodotto per: Incrementare la presenza sugli scaffali dei punti vendita Attirare i consumatori alla ricerca della varietà Accrescere la concorrenza all interno dell impresa Produrre economie di scala nelle attività pubblicitarie, di vendita, di merchandising e di logistica 21

21 Portafoglio di marca In presenza di più marche della stessa impresa in una determinata categoria di prodotto, occorre ottimizzare la gestione del portafoglio di marca puntando sui seguenti principi: Massimizzare la copertura del mercato Minimizzare la sovrapposizione delle marche Garantire che ciascuna marca sia rivolta ad un segmento sufficientemente ampio da coprire i costi di marketing e di produzione Qualora il portafoglio non segua tali principi, è bene procedere all eliminazione o al riposizionamento di alcune marche 22

22 Portafoglio di marca In genere, in ogni portafoglio di marca esistono marche caratterizzate da specifici ruoli: Marche di affiancamento: vengono utilizzate in risposta ai prodotti dei concorrenti, quando non si vuole alterare il posizionamento delle marche prestigiose. Non devono essere troppo attraenti, per non cannibalizzare le marche prestigiose, ma neanche troppo mediocri, per non ridurre il valore complessivo del portafoglio (Es. seat) Mucche da mungere: marche in fase di declino o in maturità, che richiedono un supporto di marketing limitato e che mantengono una quota di clienti che altrimenti andrebbe persa (VW) Marche per l ingresso in fascia bassa: puntano ad attirare nuovi clienti che col tempo potrebbero spostarsi sui prodotti delle marche di fascia alta del portafoglio (Es. skoda) Marche prestigiose di fascia alta: rivolte a clienti di alto reddito, danno prestigio all intero portafoglio e possono favorire l incremento di vendite dei prodotti delle altre marche del portafoglio (Es. Audi) 23

23 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 27 Web marketing, viral marketing, guerrilla marketing Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

24 Ambiti dell e-business e-business: complesso di attività economiche, effettuate da individui, imprese ed enti no-profit, che si avvalgono del supporto di Internet e-commerce: attività di commercio (realizzazione di transazioni) svolte via Internet e-marketing: attività di marketing (informazione, comunicazione, promozione, vendita) svolte via Internet e-government: adempimenti burocratici e comunicazioni al cittadino tramite Internet Il complesso delle attività economiche legate a Internet, in Italia, hanno generato un reddito pari a circa il 4% del PIL 26

25 Peculiarità di Internet Internet sviluppa in maniera esponenziale le caratteristiche di altri mezzi di comunicazione: Amplia la quantità di informazioni e di utenti contattabili, grazie a costi marginali «quasi» nulli Aumenta la disponibilità temporale dei servizi, grazie alla globalizzazione e all automatizzazione Migliora notevolmente la qualità delle interazioni: Garantisce una sufficiente libertà nell interazione Rende possibile la tracciabilità delle interazioni Veicola contenuti multimediali anche complessi Riduce i tempi dell interazione Permette interazioni many-to-many, sia per comunicare sia per cooperare Permette di standardizzare e personalizzare le interazioni 27

26 Vantaggi di Internet per i consumatori Possibilità di interazione h24*g7 con le imprese Maggiore quantità di informazioni relative al prodotto Maggiori possibilità di confronto del prodotto con quelli concorrenti Maggiore varietà di prodotti acquistabili (specie quando si vive in zone meno sviluppate) Maggiore possibilità di personalizzazione dei prodotti Meno spostamenti 28

27 Vantaggi di Internet per i consumatori Minor tempo per la realizzazione della transazione Maggiore standardizzazione della transazione Possibilità di interazione in tempo reale con una comunità di clienti Tracciabilità degli acquisti effettuati Prezzi più bassi Trasforma experience good in search good (!!) 29

28 L acquirente sperimentatore Per l acquirente sperimentatore, comprare online permette di soddisfare il bisogno di fare nuove esperienze Tra il 20 e il 30% degli acquirenti web desidera l eccitazione della ricerca almeno quanto l effettiva acquisizione del prodotto 30

29 Criticità di Internet per i consumatori Problematiche infrastrutturali Digital divide, aggravato da possibili problemi di accessibilità dei siti Difficoltà a esaminare approfonditamente i prodotti Possibile difficoltà a contattare il venditore, specie nella fase post-acquisto Possibilità di truffe Necessità di sicurezza, in termini di autenticazione, integrità, irripudiabilità Possibilità di violazioni della privacy Danni al prodotto e ritardi legati alla fase di spedizione (per i beni tangibili) Difficoltà in caso di insoddisfazione Potenziale mancanza di rapporti umani 31

30 Vantaggi di Internet per le imprese Possibilità di effettuare ricerche di mercato più ampie e meno costose Possibilità di inserire una quantità di informazioni potenzialmente infinita Utenza potenzialmente universale Agevola la comunicazione diretta con i clienti Personalizzazione delle interazioni con i clienti Facilita e rende sicura la riscossione dei pagamenti 32

31 Vantaggi di Internet per le imprese Agevola la collaborazione con i clienti nella definizione dell offerta Agevola la selezione, la comunicazione e la collaborazione con i dipendenti Agevola la comunicazione e la collaborazione con i fornitori Miglioramento dei processi di approvvigionamento Miglioramento dei processi logistici Trasforma experience good in search good (!!) 33

32 Criticità di Internet per le imprese Rischi in termini di sicurezza Forte concorrenza sui prezzi Conflitti con dettaglianti convenzionali Problemi legali irrisolti (es. pirateria e file sharing) Difficoltà a vendere specifici prodotti con processo d acquisto tradizionale (vestiti, ecc ) 34

33 Storia di Internet (1) 1957 Il Dipartimento della Difesa (DoD) USA avvia il progetto l ARPA (Advanced Research Projects Agency) 1962 Il DoD conferisce l incarico di ideare un sistema che garantisca la stabilità delle comunicazioni in caso di guerra e, soprattutto, di attacchi nucleari 1969 Vengono creati i primi quattro nodi per le connessioni con mini computer Honeywell DDP-516 con 12K di memoria e AT&T fornisce linee sperimentali da 50kbps 1970 ARPANET crea Network Control Protocol (NCP), il primo protocollo per la trasmissione host to host a pacchetti 1984 Il numero degli host supera le 1000 unità 35

34 Storia di Internet (2) 1991 Il CERN di Ginevra sviluppa il World Wide Web 1993 Nasce Mosaic, il primo browser a larga diffusione per la navigazione sul Web 1994 Nascono le prime chat basate su tecnologie peer-to-peer (p2p) Nasce Yahoo!, il primo motore di ricerca a larga diffusione Primo acquisto B2C effettuato in rete 1997 Nascita del primo blog, Nascita di Google 1999 Nasce Napster, il primo sistema di scambio di file basato su tecnologie p2p a larga diffusione Marzo 2000 Esplode la bolla di Internet 36

35 La (prima?) bolla di Internet 37

36 Storia di Internet (3) 2001 Viene coniato il termine «Web 2.0» per indicare la nuova versione del web orientata alla collaborazione e alla semantica Nasce Wikipedia, un enciclopedia collaborativa online basata sulla tecnologia wiki 2003 Lancio di Second Life, il primo mondo virtuale a larga diffusione Nasce Skype, il primo sistema di telefonate basate su VOIP a larga diffusione 2004 Nasce Facebook, il primo sito di social networking a diffusione capillare 2005 Nascita di Youtube, il primo sito di condivisione video a diffusione capillare 2006 Nascita di Twitter, il primo sito di microblogging a larga diffusione Viene coniato il termine «crowdsourcing» per indicare la crescente devoluzione agli utenti di alcune fasi del processo di sviluppo e commercializzazione dei prodotti/servizi 39

37 Utenti Internet (1) Fonte: 40

38 Utenti Internet (2) Dati relativi al 2007 Fonte: 41

39 Utenti Internet (3) Fonte: Audiweb Trends Maggio

40 Utenti Internet (4) Fonte: Audiweb Trends Maggio

41 Tipologie di transazioni Consumatore C2C C2B B2C Consumatore Impresa B2E B2G B2B Impresa Dipendente G2C G2B G2E Stato G2G Stato 44

42 Tipologie di transazioni Tipologia di transazione Modello di business Valore aggiunto rispetto ai modelli tradizionali Esempi B2B Business to Business Commercio tra aziende, anche di natura e caratteristiche totalmente differenti Disintermediazione Standardizzazione degli scambi Verticalnet B2C Business to Consumer Commercio diretto ai consumatori presenti sulla rete Vendita diretta dei prodotti dell impresa Amazon C2C Consumer to Consumer Commercio di prodotti tra consumatori attraverso un sito web Vendita diretta di prodotti dei consumatori, in cambio di un percentuale fissa o variabile sugli scambi Ebay 45

43 Tipologie di transazioni Tipologia di transazione Modello di business Valore aggiunto rispetto ai modelli tradizionali Esempi C2B Consumer to Business Determinazione di un offerta diretta ad aziende da parte dei consumatori Percentuale fissa o variabile sugli scambi Priceline B2G Business to Governement Supporto nella fornitura di servizi da parte dello Stato Fornitura di prodotti di supporto via web IBM B2E Business to Employees Fornitura di prodotti a valore aggiunto da parte di un azienda verso i suoi dipendenti Aumento di produttività Fidelizzazione Miglioramento della cultura di impresa Intranet aziendali 46

44 Tipologie di transazioni Tipologia di transazione Modello di business Valore aggiunto rispetto ai modelli tradizionali Esempi G2B Government to Business Fornitura di servizi da parte dello Stato verso le aziende nazionali Aumento del livello di servizio verso le imprese Siti agenzie di sviluppo G2E Governement to Employees Fornitura di prodotti a valore aggiunto da parte dello Stato verso i suoi dipendenti Aumento produttività Informazione e informatizzazione interna Intranet statali G2C Government to Citizen Fornitura di servizi dallo Stato verso i cittadini Aumento del livello di servizio verso i cittadini Sito INPS G2G Government to Government Fornitura di servizi da uno Stato ad enti governativi nazionali e non Diminuzione sprechi Aumento dell informazione Rapporti tra ambasciate e ministeri 47

45 B2C: Dimensioni del mercato italiano Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

46 B2C: Struttura del mercato italiano Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

47 B2C: Processo di acquisto Selezione venditore Selezione prodotti Compilazione ordine Registrazione Emissione ordine Conferma ordine Pagamento Consegna Assistenza post-vendita Impresa Acquirente Internet Service Provider Banca Spedizioniere 50

48 B2C: Fonti di valore percepito

49 B2C: Scelta del prodotto Il nostro prodotto è vendibile in modalità online? Chi può essere interessato al nostro prodotto, tenendo conto del nostro livello di servizio (lingua del sito, tempo di evasione degli ordini, spesa media richiesta)? Che vantaggio concreto possiamo offrire in rete? Se il nostro prodotto non è adatto per essere venduto online, in quale altro modo possiamo utilizzare la rete strategicamente? 52

50 B2C: Scelta del prodotto Beni fisici (prodotti alimentari, prodotti di nicchia) Beni/servizi digitalizzabili (assicurazione, biglietto aereo) Beni/servizi digitali Problemi di Digital Right Management (musica, film) 53

51 B2C: Scelta del prodotto Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

52 B2C: Scelta della gamma Nessun prodotto venduto online (brand site): vetrina dei prodotti venduti offline, strumenti di profilazione e fidelizzazione della clientela, servizi a supporto della vendita offline Vendita di prodotti propri, al fine di ampliare la quota di mercato, con maggiori margini sulle vendite Vendita di prodotti altrui, replicando sul web le forme di intermediazione tradizionali, in cambio di parte del margine sulle vendite Mall virtuali: centri commerciali virtuali, in cui il singolo negozio è gestito autonomamente, ma con limitazioni nella personalizzazione dell offerta. Sfruttano economie di scala tecnologiche e logistiche, riducono investimento iniziale e garantiscono un certo livello di visibilità 55

53 B2C: Mall virtuali Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

54 B2C: Grande distribuzione non alimentare Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

55 B2C: Grande distribuzione alimentare Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

56 B2C: Scelta del prezzo Nel fissare il prezzo, l impresa deve tener conto del fatto che i consumatori possono effettuare facilmente confronti con altre imprese Tecniche di fissazione del prezzo: prezzo nullo prezzo fisso promozioni rivolte a specifici acquirenti aste online negoziazione co-acquisto (gruppi d acquisto) fissazione del prezzo da parte dell acquirente Modello freemium 59

57 Il modello freemium Software base gratuito Feature limited (e.g. a "lite" version of software, such as Skype) Capacity limited (e.g. SQL Server Express, ristretto a database di 10GB o meno) Seat limited (e.g. usabile da una sola postazione) Customer class limited (e.g. solo per uso didattico) Effort limited (e.g. tutto gratis, ma per attivare le funzionalità bisogna faticare di più, mentre la versione premium avrebbe accesso semplice a ogni funzionalità) Support limited (e.g. assistenza limitata o assente) Time or bandwidth limited (e.g. servizio completo per tempo limitato) Pubblicità (e.g. banner, pop-up, o barre di ricerca) Software premium a pagamento 60

58 B2C: Spesa media per settore Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

59 B2C: Modalità di pagamento Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

60 B2C: Scelta della distribuzione Pure click Offerta del prodotto esclusivamente attraverso il canale online Brick-and-click Offerta del prodotto sia attraverso il canale online sia attraverso i canali tradizionali. Possibili diverse opzioni: prodotti o condizioni differenti sui diversi canali stessi prodotti e condizioni, ma con margini minori per gli intermediari ricezione degli ordini online, consegna merce nei punti vendita Brick-and-mortar Presentazione del prodotto sul canale online, vendita solo attraverso i canali tradizionali 63

61 B2C: Scelta della distribuzione Fonte: Osservatorio B2C Politecnico di Milano

62 Piano di web-marketing Omologo del piano di marketing tradizionale, ma orientato al canale online Fortemente orientato sul cliente Nella fase strategica e operativa deve tener conto delle caratteristiche specifiche di Internet Nella fase analitica, può avvalersi di metodologie e potenzialità di Internet in tale ambito 65

63 Ricerche di mercato online Può fornire informazioni su clienti, concorrenti, ambiente. Vantaggi: Costi minori rispetto a questionario postale e tassi di risposta maggiori rispetto a questionario telefonico Tempi più brevi di raccolta ed elaborazione dei dati Maggiore versatilità Svantaggi Campionatura distorta, a meno di combinazione con questionari tradizionali Minore sincerità delle risposte (?) Criticità della standardizzazione nella formulazione 66

64 Comunicazione online La comunicazione online ha lo scopo di trasmettere i messaggi dell impresa, rendendoli visibili ai clienti obiettivo, e di migliorare il CRM e l immagine dell impresa Sfrutta le caratteristiche di Internet come: Comunicazioni many-to-many Tempistica di interazione ridotta Possibilità di personalizzazione delle interazioni Possibilità di standardizzazione delle interazioni Veicolazione di contenuti multimediali Tracciabilità delle azioni 67

65 Crescita della comunicazione online Fonte: PriceWaterHouse I media del futuro (2009) 68

66 Comunicazione online su mobile Fonte: PriceWaterHouse I media del futuro (2009) 69

67 Ragioni del successo della comunicazione online 70

68 Strumenti di comunicazione online Sito web Posizionamento nei motori di ricerca Banner, Interstitial e Pop up Presenza su portali marketing Community, veicolate anche attraverso siti di social networking, virtual word e social gaming Multicanalità, ossia integrazione con i media tradizionali 71

69 Sito web: Progettazione Scelta del nome del dominio Scelta dei servizi di hosting Definizione degli obiettivi del sito Raccolta, classificazione e organizzazione delle informazioni Realizzazione del progetto grafico Selezione delle tecnologie per la realizzazione del sito Realizzazione del sito e pubblicazione Verifica delle performance del sito Aggiornamento del sito Manutenzione del sito 72

70 Sito web: Fattori critici del design Contesto (aspetto grafico e strutturale generale) Contenuto (elementi multimediali interni) Comunità (funzionalità di supporto alla comunità) Customizzazione (capacità di adattarsi alle caratteristiche dei singoli utenti) Comunicazione (funzionalità che permettono l interazione tra l impresa e i clienti) Connessione (capacità di legarsi ad altri siti) Commercio (capacità di attivare transazioni) 73

71 Prestazioni di un sito Facilità d uso 1. Sito visualizzabile in tempi brevi 2. Pagina iniziale di facile comprensione 3. Accesso alle altre pagine in modo agevole, veloce e intuitivo Qualità estetica 1. Pagine dall aspetto pulito e non troppo dense di contenuti 2. Caratteri e dimensioni del testo che ne facilitino la lettura 3. Uso coerente di grafica colori e suoni 74

72 I contenuti I consumatori ritornano su siti con contenuti nuovi I più attraenti sono: Informazioni approfondite con link e siti correlati Informazioni aggiornate su argomenti di interesse Offerte gratuite sempre nuove Concorsi e premi Elementi umoristici Giochi 75

73 Sito web: Tracking Utilizzo dei log per conoscere: data e ora delle richieste del singolo utente URL di provenienza dell utente Tipo e versione del browser utilizzato dall utente Indirizzo IP dell utente Numero di byte trasferiti e ricevuti Codice di risposta del server Tempo impiegato dal server per rispondere alla richiesta Permette di ottenere: - una maggiore informazione sull utilizzo del sito da parte dei utenti - una classificazione più dettagliata degli utenti, anche grazie ai cookies - un monitoraggio puntuale della funzionalità del sito 76

74 Posizionamento nei motori di ricerca Anzitutto, registrazione del sito nei motori di ricerca Miglioramento della posizione del sito nella lista dei risultati generati da un motore di ricerca (ranking) attraverso indicizzazioni a pagamento (pay-per-click) attraverso operazioni iterative volte a comprendere le logiche del processo di indicizzazione (serch engine optimization): scelta opportuna del titolo, delle parole chiave e dei meta-tag del sito, livello adeguato di usabilità, scambio di link 77

75 Posizionamento nei motori di ricerca Il processo di indicizzazione varia a seconda dell algoritmo alla base del motore di ricerca, che può utilizzare spider, opinioni degli utenti o altro Inoltre, ogni motore di ricerca varia l algoritmo nel tempo L utilizzo di tecnologie semantiche migliorerà notevolmente le prestazioni dei motori di ricerca Possibilità di rivolgersi ad aziende specializzate 78

76 Posizionamento nei motori di ricerca Perché sono importanti i motori di ricerca? 80% del traffico in Internet è generato da ricerche sui motori 90% degli utenti consulta al massimo i primi 30 risultati di una ricerca Fonte: StatCounter GlobalStat 79

77 Banner, interstitial e pop up Banner: spazi di advertising rettangolari, contenenti testo, immagini o video, che, con il click, reindirizzano al sito Interstitial: spazi di advertising che compaiono automaticamente sulla stessa finestra del browser, per un tempo limitato, quando si cerca di accedere ad un sito Pop up: spazi di advertising che compaiono automaticamente su una nuova finestra del browser quando si cerca di accedere ad un sito Il costo di queste forme di advertising cambia a seconda delle caratteristiche peculiari dell oggetto e della popolarità del sito che li ospita 80

78 Presenza su portali Sito web generalista, contenente diverse funzionalità, come motore di ricerca, mailbox, notizie, meteo, oroscopo, etc. Possono essere: orizzontali: rivolti ad un pubblico generale verticali: rivolti a tematiche specifiche Punto di accesso a Internet di molti navigatori 81

79 marketing Utilizzo di comunicazioni via per contattare: clienti già acquisiti o contattati attraverso azioni di permission marketing. Fanno parte della mailing list dell impresa clienti potenziali, i cui dati sono acquisibili da società specializzate Costo ridotto e possibilità di segmentazione della clientela Modalità: invio di messaggio pubblicitario diretto, sintetico e con link a sito invio di messaggio elaborato, su tematiche di interesse dell utente, con link pubblicitari allegati (newsletter) Efficacia ridotta da spamming e da filtri antispamming 82

80 marketing Fonte: European Marketing Consumer Report

81 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 29 Pricing e Comunicazione Esterna Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

82 Condizioni per la discriminazione Le condizioni di base per la discriminazione sono: L impresa deve essere dotata di potere di mercato, altrimenti il prezzo coincide sempre con il costo marginale Per semplicità, considereremo solo casi di monopolio L impresa deve conoscere esattamente, o almeno parzialmente, il prezzo di riserva di ciascun cliente, o di ciascuna classe di clienti, relativamente all unità marginale di prodotto acquistato L impresa deve essere in grado di impedire la rivendita del prodotto da parte dei clienti che lo hanno acquistato a prezzi più bassi verso clienti che lo acquisterebbero a prezzi più alti (assenza di arbitraggio) 85

83 Condizioni per la discriminazione Vi sono diverse tecniche per ostacolare l arbitraggio: Lo Stato può impedire la rivendita o consentire alle imprese di agire, anche collettivamente, per impedirla Se l impresa vende servizi, è difficile avere arbitraggio Se il prodotto è affetto da alti costi di transazione, è difficile avere arbitraggio L impresa può inserire clausole contrattuali che impediscono la rivendita L impresa può annullare la garanzia, in caso di rivendita L impresa può adulterare il prodotto, in modo da impedire alcuni usi alternativi, per i quali vende prodotti specifici a prezzi maggiori L impresa può integrarsi verticalmente con alcuni clienti, in modo da impedire loro di attuare l arbitraggio 86

84 Condizioni per la discriminazione Altre condizioni che possono favorire la discriminazione sono: Il mercato è segmentabile in classi di clienti, caratterizzati da differenti sensibilità al prezzo ed intensità di domanda Nei segmenti di fascia alta, non vi sono concorrenti che offrono prodotti sostituti a prezzi più bassi Il costo derivante dall implementazione della discriminazione deve essere inferiore ai ricavi ottenibili dalla stessa La discriminazione non deve causare motivi di insoddisfazione e risentimento da parte dei clienti La forma di discriminazione prescelta non deve essere illegale 87

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 27 Web marketing, viral marketing, guerrilla marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 27 Web marketing, viral marketing, guerrilla marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing e Direzione d Impresa Lezione 27 Web marketing, viral marketing, guerrilla marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ambiti dell e-business e-business: complesso

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 26 Il brand. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 26 Il brand. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 26 Il brand Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Fiat: «Chi compra una nostra auto pagherà benzina e gasolio 1 euro al litro per tre

Dettagli

Indice generale. Parte I Il negozio... 1. Introduzione...xv. Capitolo 1 L e-commerce... 3

Indice generale. Parte I Il negozio... 1. Introduzione...xv. Capitolo 1 L e-commerce... 3 Introduzione...xv A chi può essere utile...xv A cosa può servire...xv Tredici capitoli e altrettanti buoni motivi per leggere questo libro...xvi Parte I Il negozio...xvi Parte II Il marketing...xvi Ringraziamenti...xvii

Dettagli

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale progetto realizzato con il contributo Segreteria organizzativa Adeguarsi al cambiamento E-commerce e organizzazione

Dettagli

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi informativi Aziendali Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi informativi Aziendali Capitolo III Business digitale Sommario Business Digitale E-commerce Sistemi di pagamento Rete

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

COMPANY PROFILE KATE BUSINESS

COMPANY PROFILE KATE BUSINESS COMPANY PROFILE SERVIZI. Orientamento e Consulenza per l Avvio di Impresa - Online. Per chi ha intenzione di avviare un attività in proprio. L idea viene analizzata e sviluppata e vengono fornite informazioni

Dettagli

LISTINO SERVIZIO CHECK WEB

LISTINO SERVIZIO CHECK WEB LISTINO SERVIZIO CHECK WEB TIPOLOGIA DI SITO O PORTALE WEB (*) * Qualora sia stato richiesto il preliminare check web gratuito in forza del contributo camerale, nel report consegnato verrà qualificata

Dettagli

Il commercio elettronico: quali passi compiere per aprire la propria vetrina sul web

Il commercio elettronico: quali passi compiere per aprire la propria vetrina sul web 2012 Il commercio elettronico: quali passi compiere per aprire la propria vetrina sul web Progetto finanziato da Reggio Emilia 1 Sommario Le tipologie di e-commerce Gli strumenti per l allestimento di

Dettagli

Internet marketing lez 2: domanda di mercato

Internet marketing lez 2: domanda di mercato Università di Pisa Master OS a.a. 2005/2006 Internet marketing lez 2: domanda di mercato Dott. Roberto Cucco cucco@ec.unipi.it Domanda di mercato Quantità di beni e servizi richiesti in un determinato

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

ecommerce B2c Riccardo Mangiaracina Politecnico di Milano riccardo.mangiaracina@polimi.it

ecommerce B2c Riccardo Mangiaracina Politecnico di Milano riccardo.mangiaracina@polimi.it ecommerce B2c Riccardo Mangiaracina Politecnico di Milano riccardo.mangiaracina@polimi.it ecommerce B2c - Definizione Con il termine ecommerce B2c si fa riferimento a: le vendite di prodotti e servizi

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Cap.12 Raggiungere nuovi clienti attraverso il marketing digitale

Dettagli

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B)

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B) Conoscere l e-commerce Fare e-commerce significa condurre affari su Internet Fra le attività principali vendita di prodotti e servizi marketing on-line collaborazione con aziende esterne gestione della

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L.

IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L. Progetto alternanza scuola lavoro 2012-2013 IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L. Intempra Intempra

Dettagli

Dalla connessione ai social network. Federico Cappellini

Dalla connessione ai social network. Federico Cappellini Dalla connessione ai social network Federico Cappellini Internet Internet è una rete mondiale di computer ad accesso pubblico Conta circa 2 miliardi e 300 milioni di utenti nel mondo Permette lo scambio

Dettagli

Contratto di Fornitura Servizi

Contratto di Fornitura Servizi Contratto di Fornitura Servizi TRA H2biz S.r.l., con sede legale in Napoli alla via Kerbaker 91, Partita Iva e C.F. 06149921212, iscritta alla Camera di Commercio di Napoli, in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA COMMERCIALE e-commerce La soluzione impresa per la gestione delle vendite con internet

SCHEDA TECNICA COMMERCIALE e-commerce La soluzione impresa per la gestione delle vendite con internet SCHEDA TECNICA COMMERCIALE e-commerce La soluzione impresa per la gestione delle vendite con internet PERCHE E-COMMERCE? Vendere sulla rete non è solo avere un sito con un catalogo e la possibilità di

Dettagli

La vendita online b2c

La vendita online b2c La vendita online b2c PROBLEMATICHE (I) 1. Le caratteristiche del prodotto è adatto alla vendita online? 2. Il mercato in cui si opera come avviene la vendita tradizionale? quali concorrenti (tradizionali

Dettagli

Commercio elettronico e Web 2.0

Commercio elettronico e Web 2.0 Commercio elettronico e Web 2.0 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caso di studio: Google Google è uno degli

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Marketing nel commercio elettronico Parte 2

Marketing nel commercio elettronico Parte 2 Marketing nel commercio elettronico Parte 2 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Obbiettivi della ricerca

Dettagli

E-COMMERCE INTRODUZIONE GENERALE CAPITOLO 06 TIPOLOGIE DI COMMERCIO ELETTRONICO

E-COMMERCE INTRODUZIONE GENERALE CAPITOLO 06 TIPOLOGIE DI COMMERCIO ELETTRONICO This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Workshop L' e-commerce fa bene all'impresa. Achille Ferraro Web Marketing Manager

Workshop L' e-commerce fa bene all'impresa. Achille Ferraro Web Marketing Manager Workshop L' e-commerce fa bene all'impresa Achille Ferraro Web Marketing Manager E-COMMERCE Che cosa è l' E-commerce L'insieme delle transazioni per la commercializzazione di beni e servizi tra produttore

Dettagli

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it SOLUZIONI WEB per il BUSINESS Italiainfiera, società di consulenza per il marketing e la comunicazione on line, opera professionalmente dal 1999 fornendo competenze altamente qualificate alle aziende interessate

Dettagli

VALE SERVICE CATALOGO DEI SERVIZI

VALE SERVICE CATALOGO DEI SERVIZI VALE SERVICE CATALOGO DEI SERVIZI Il web è sempre più presente nelle nostre vite e nel nostro lavoro. Lo utilizziamo ogni giorno per dare e ricevere informazioni. È fondamentale per conoscere prodotti

Dettagli

Università di Pisa Master OS a.a. 2005/2006. Internet marketing. Dott. Roberto Cucco cucco@ec.unipi.it. Marketing concept e marketing management

Università di Pisa Master OS a.a. 2005/2006. Internet marketing. Dott. Roberto Cucco cucco@ec.unipi.it. Marketing concept e marketing management Università di Pisa Master OS a.a. 2005/2006 Internet marketing Dott. Roberto Cucco cucco@ec.unipi.it Marketing concept e marketing management Marketing: molte definizioni e nessuna traduzione Marketing

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

ORDINE ARCHITETTI LUCCA. in collaborazione con ROME BUSINESS SCHOOL MANAGEMENT PER LO STUDIO DI ARCHITETTURA

ORDINE ARCHITETTI LUCCA. in collaborazione con ROME BUSINESS SCHOOL MANAGEMENT PER LO STUDIO DI ARCHITETTURA ORDINE ARCHITETTI LUCCA in collaborazione con ROME BUSINESS SCHOOL MANAGEMENT PER LO STUDIO DI ARCHITETTURA ( Come promuovere e organizzare in modo efficace la propria attività, per acquisire e soddisfare

Dettagli

BASE STANDARD PREMIER. PREZZO 400 / mese 1000 / mese 2500 / mese SEO (SEARCH ENGINE OPTIMIZATION)

BASE STANDARD PREMIER. PREZZO 400 / mese 1000 / mese 2500 / mese SEO (SEARCH ENGINE OPTIMIZATION) BASE STANDARD PREMIER PREZZO 400 / mese 1000 / mese 2500 / mese SEO (SEARCH ENGINE OPTIMIZATION) PREVIA ANALISI SEO INTERNO Numero di parole, frasi, keyword o criteri di ricerca consigliati per ciascun

Dettagli

browser Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero

browser Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 7. Ricerca delle informazioni in rete, browsers, portali, motori di ricerca browser Un browser è un programma

Dettagli

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale Un gruppo compatto e professionale, un esperienza pluriennale, un approfondita conoscenza del mondo della comunicazione in tutte le sue sfaccettature,

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing Lezione 16 Marketing relazionale e Internet Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing nel 21mo secolo La new economy si basa sulla rivoluzione digitale

Dettagli

Commercio elettronico B2C: e-tailing e servizi online

Commercio elettronico B2C: e-tailing e servizi online Commercio elettronico B2C: e-tailing e servizi online Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it E-tailing retailing

Dettagli

Servizi della NETWEB srl

Servizi della NETWEB srl RIF.2010 Servizi della NETWEB srl La Net Web srl progetta e realizza soluzioni web based personalizzate che permette ai propri clienti di utilizzare internet in modo anticonformista ed innovativo. Le attività

Dettagli

Questionario per i commercianti

Questionario per i commercianti Questionario per i commercianti Paese * : Sesso: Uomo Donna Età: 20-35 36-50 51-65 più di 65 In quale di questi settori si colloca la sua attività commerciale? Agricoltura, attività in campo forestale,

Dettagli

Il marketing prima e dopo il web 2.0

Il marketing prima e dopo il web 2.0 COMUNICAZIONE E MARKETING Prof. ssa Pina Lalli Il marketing prima e dopo il web 2.0 Margherita Caponigro, Sabrina Lombardo, Matteo Margheri Maria Maddalena Meneghetti, Giorgia Scancella La prima sfida

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

un nuovo look per il tuo business

un nuovo look per il tuo business GRAFICA 3 un nuovo look per il tuo business La grafica deve essere espressione ed evoluzione di una precisa e ben definita identità aziendale, per comunicarne filosofia ed essenza attraverso la forza espressiva

Dettagli

CARTELLA STAMPA. Aiutiamo le aziende a comunicare attraverso internet. Alessandro Reggiani, Amministratore Delegato Primi sui Motori S.p.A.

CARTELLA STAMPA. Aiutiamo le aziende a comunicare attraverso internet. Alessandro Reggiani, Amministratore Delegato Primi sui Motori S.p.A. CARTELLA STAMPA Aiutiamo le aziende a comunicare attraverso internet. Alessandro Reggiani, Amministratore Delegato Primi sui Motori S.p.A. INDICE La società La storia Il mercato di riferimento Il modello

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

COMUNICARE TRAMITE I SOCIAL MEDIA E VENDERE ON-LINE PROVINCIA DI CREMONA - VENERDÌ 22 FEBBRAIO 2013 2

COMUNICARE TRAMITE I SOCIAL MEDIA E VENDERE ON-LINE PROVINCIA DI CREMONA - VENERDÌ 22 FEBBRAIO 2013 2 COMUNICARE TRAMITE I SOCIAL MEDIA E VENDERE ON-LINE PROVINCIA DI CREMONA - VENERDÌ 22 FEBBRAIO 2013 2 IL NOSTRO PROGETTO DI SOCIAL MEDIA MARKETING Consiste nel promozionare tramite il web, u3lizzando principali

Dettagli

Lanciare un'iniziativa di commercio elettronico

Lanciare un'iniziativa di commercio elettronico Lanciare un'iniziativa di commercio elettronico Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Passi preliminari Passi

Dettagli

ESPERTO NELLA REALIZZAZIONE DI PORTALI WEB COMMERCIALI IN JOOMLA

ESPERTO NELLA REALIZZAZIONE DI PORTALI WEB COMMERCIALI IN JOOMLA ESPERTO NELLA REALIZZAZIONE DI PORTALI WEB COMMERCIALI IN JOOMLA Modulo 1 - Moduli obbligatori (Totale 8 ore Teoria 8 ore Pratica 0 ore) Diritti e Doveri dei lavoratori Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Modulo

Dettagli

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Privacy policy del sito web Bitmama S.r.l. In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito Bitmama, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta

Dettagli

Marketing. Lezione 15 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi

Marketing. Lezione 15 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing Lezione 15 Marketing relazionale e Internet Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing nel 21mo secolo La new economy si basa sulla rivoluzione digitale

Dettagli

INFORMATICA WEB MARKETING WORDPRESS

INFORMATICA WEB MARKETING WORDPRESS Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Poste CENTRO FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSI SETTEMBRE - DICEMBRE 2011 Repubblica di San Marino INFORMATICA WEB MARKETING WORDPRESS Patente Europea

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

Arredoufficio On line S.a.s.

Arredoufficio On line S.a.s. ARREDOUFFICIO ON LINE S.A.S. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ La società nasce nel 1999 da un idea imprenditoriale di Gianfranco Comelli, che, forte di una lunga esperienza nel settore dell arredamento d interni,

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0?

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? A) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA RICERCA E IL TARGET 1. Il campione analizzato La ricerca, svolta

Dettagli

L e-business. Electronic Business. Metodi dell e-business. E-commerce. qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo

L e-business. Electronic Business. Metodi dell e-business. E-commerce. qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo L e-business Electronic Business Claudio Fornaro ver. 1.3 Definito genericamente come: qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo In genere si fa e-business per mezzo del Web:

Dettagli

SEARCH ENGINE MARKETING

SEARCH ENGINE MARKETING SEARCH ENGINE MARKETING il marketing mix ideale per il business in Rete Search Engine Marketing motori di ricerca, portali web, community risultati di ricerca naturali e pubblicità annunci pubblicitari

Dettagli

Modelli di e-business Introduzione ai settori industriali. Michele Gorgoglione michele.gorgoglione@poliba.it

Modelli di e-business Introduzione ai settori industriali. Michele Gorgoglione michele.gorgoglione@poliba.it Modelli di e-business Introduzione ai settori industriali Michele Gorgoglione michele.gorgoglione@poliba.it Sommario Internet La new economy la bolla finanziaria dopo il 2001 Il commercio elettronico nel

Dettagli

Esperienza, cultura e innovazione per progetti ad alto contenuto tecnologico.

Esperienza, cultura e innovazione per progetti ad alto contenuto tecnologico. Esperienza, cultura e innovazione per progetti ad alto contenuto tecnologico. Chi siamo Galeola S.r.l. è una azienda di consulenza informatica che si occupa di progetti ad alto contenuto tecnologico, riunendo

Dettagli

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014 La rivoluzione digitale: Una grande opportunità Stefano Nocentini Maggio 2014 Indice 2 1 ASPETTI GENERALI DELLA RIVOLUZIONE DIGITALE 2 COSA E IL CLOUD 3 POSSIBILI SERVIZI AGGIUNTIVI PER IL CLOUD DI FIEG

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 28 Ebusiness, Pricing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 28 Ebusiness, Pricing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 28 Ebusiness, Pricing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 E-mail marketing Fonte: European E-mail Marketing Consumer Report 2010 2

Dettagli

Portali interattivi per l efficienza aziendale

Portali interattivi per l efficienza aziendale Portali interattivi per l efficienza aziendale Il contesto Aumento esponenziale dei dati e delle informazioni da gestire Difficoltà nel cercare informazioni Difficoltà nel prendere decisioni Web 2.0 e

Dettagli

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di:

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: DAVVERO GRANDI. INDICE google ADWORDS 4 facebook & TWITTER 8 Il meglio del Web Marketing... GOOGLE AdWOrds

Dettagli

Corso di Web Marketing Milano, 04 ottobre 2010

Corso di Web Marketing Milano, 04 ottobre 2010 Corso di Web Marketing Milano, 04 ottobre 2010 INTRODUZIONE CONTENUTO DEL CORSO Introduzione Presenza online: perché? Il sito web La scelta del dominio La posta elettronica Tipologie di sito Blog: alcuni

Dettagli

Privacy Policy and Cookies. Privacy Policy di www.gruppoprogettomb.com

Privacy Policy and Cookies. Privacy Policy di www.gruppoprogettomb.com Privacy Policy and Cookies Privacy Policy di www.gruppoprogettomb.com Quest applicazione (di seguito Applicazione ) raccoglie alcuni Dati Personali. Tali Dati Personali sono raccolti per le finalità e

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

Scoprite chi siamo e cosa facciamo

Scoprite chi siamo e cosa facciamo Scoprite chi siamo e cosa facciamo Atrativa è una realtà che nasce per soddisfare i bisogni delle aziende che necessitano di specifici servizi web e consulenze professionali, col fine di migliorare la

Dettagli

CMS SelfComposer. Il CMS Italiano per le Aziende e le Istituzioni. I dettagli funzionali del CMS più apprezzato da Aziende ed Istituzioni

CMS SelfComposer. Il CMS Italiano per le Aziende e le Istituzioni. I dettagli funzionali del CMS più apprezzato da Aziende ed Istituzioni CMS SelfComposer Il CMS Italiano per le Aziende e le Istituzioni I dettagli funzionali del CMS più apprezzato da Aziende ed Istituzioni che vanta ad oggi più di 1300 installazioni in tutto il territorio

Dettagli

il Web Marketing!" #r$%&'()"!)*à ()v'+*" +'#'%%)*à

il Web Marketing! #r$%&'()!)*à ()v'+* +'#'%%)*à Cristian Iobbi Simone Antonelli 1. Cos è? è il segmento delle attività di marketing dell azienda che sfrutta il canale online per studiare il mercato e sviluppare i rapporti commerciali tramite il Web.

Dettagli

Mada B2b (business to business) è l applicativo per siti on-line di distributori, gestisce la pre-vendita e la vendita con i rivenditori.

Mada B2b (business to business) è l applicativo per siti on-line di distributori, gestisce la pre-vendita e la vendita con i rivenditori. Mada B2b (business to business) è l applicativo per siti on-line di distributori, gestisce la pre-vendita e la vendita con i rivenditori. L applicazione WEB avrà un area riservata ai soli clienti, che

Dettagli

Percorsi Digital Marketing

Percorsi Digital Marketing Percorsi Digital Marketing Percorsi di di Digital Academy, in area Marketing Luglio 2015 Indice DIGITAL ACADEMY... 3 1 DIGITAL MARKETING ESSENTIALS... 3 2 SOCIAL MEDIA MARKETING... 4 3 SVILUPPARE CONTENUTI

Dettagli

Prof: Emanuele Giovannetti

Prof: Emanuele Giovannetti ECONOMIA DEI NETWORKS Prof: Emanuele Giovannetti Il commercio elettronico permette all acquirente un facile confronto dei prezzi. Cerchiamo allora di capire i MODELLI DI PREZZO e le FORME di CONCORRENZA

Dettagli

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce pag. 1 E COMMERCE: ALCUNI DATI IMPORTANTI (ITALIA) - Osservatorio B2C del Politecnico di Milano CRESCITA SUL 2013:

Dettagli

Web. Hosting. Application

Web. Hosting. Application amministrazione siti CMS e CRM CONSULENZA WEB APPLICATION WEB DESIGN WEB MARKETING HOSTING GRAFICA Web. Hosting. Application EXPLICO Explico è la Web Agency, costituita nel 99 da professionisti specializzati

Dettagli

Seguiamo da oltre 10 anni piccole e grandi aziende nella loro crescita, elevando con il nostro lavoro le loro potenzialità.

Seguiamo da oltre 10 anni piccole e grandi aziende nella loro crescita, elevando con il nostro lavoro le loro potenzialità. Eurobusiness Eurobusiness è una realtà multidisciplinare con sede tra Monza e Milano, che offre soluzioni dagli elevati standard estetici e tecnologici per supportare il vostro business: dalla realizzazione

Dettagli

Applicazioni Business to Consumer

Applicazioni Business to Consumer Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A3_1 V1.4 Applicazioni Business to Consumer Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per

Dettagli

THE DIGITAL MARKETING HUB. hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON

THE DIGITAL MARKETING HUB. hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON THE DIGITAL MARKETING hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON 1 che quantifica il ritorno degli investimenti Il fatto che qualunque strategia di in una azienda

Dettagli

Introduzione al Commercio elettronico

Introduzione al Commercio elettronico Introduzione al Commercio elettronico Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è il commercio elettronico

Dettagli

STARBYTES è il servizio di lavoro on line realizzato da Reply Spa.

STARBYTES è il servizio di lavoro on line realizzato da Reply Spa. PRIVACY POLICY Le seguenti previsioni relative al trattamento dei dati personali sono indirizzate a tutti gli Utenti del sito www.starbytes.it ("Sito"), coerentemente con quanto previsto dal relativo Regolamento

Dettagli

Economia e Politica agroalimentare

Economia e Politica agroalimentare Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Agraria Economia e Politica agroalimentare Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari E-Commerce New economy Il concetto di "New

Dettagli

Facciamo CRESCERE il Vostro business

Facciamo CRESCERE il Vostro business Facciamo CRESCERE il Vostro business Chi Siamo Perla Studio è un agenzia di comunicazione. E dal 2000 che si occupa di pubblicità sotto ogni forma e con qualsiasi strumento: Design Internet Advertising

Dettagli

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1 TECNOFER 85 S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Tecnofer 85 è un azienda commerciale che tratta prodotti di ferramenta, nasce nel 1985 come fornitore di aziende artigiane per iniziativa dell attuale titolare

Dettagli

Come trovare nuovi clienti in 5 mosse

Come trovare nuovi clienti in 5 mosse Come trovare nuovi clienti in 5 mosse Validità: Febbraio 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. SISECO non offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AZIENDALE E-COMMERCE

AMMINISTRAZIONE AZIENDALE E-COMMERCE ` This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING

SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING OUTSOURCING OUSOURCING: affidamento a terzi dell attività di sviluppo e/o esercizio e/o assistenza/manutenzione del sistema informativo o di sue parti Scelta

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Obiettivi web Marketing

Obiettivi web Marketing Il Web Marketing Obiettivi web Marketing Brand Awareness Generare extra-revenue (E-commerce) Web Marketing diretto/indiretto Visibilità promozione vendita (ecommerce) Proprio Sito Distributori (sales)

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

Figura 1 - Pagina del catalogo elettronico dedicata ai mobili per uffici direzionali. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Pagina del catalogo elettronico dedicata ai mobili per uffici direzionali. Politecnico Innovazione 1 MASCAGNI S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ L azienda è interamente di proprietà della famiglia Mascagni, ha iniziato la propria attività nel 1930 con la produzione di cornici e complementi d arredo, è ora

Dettagli

E-COMMERCE: COSA SIGNIFICA VENDERE ON LINE

E-COMMERCE: COSA SIGNIFICA VENDERE ON LINE E-COMMERCE: COSA SIGNIFICA VENDERE ON LINE E-commerce: cosa significa vendere on line.... Cos è il commercio elettronico....2 Comprare on line: un nuovo mondo o no?... 2.2. L accoglienza del cliente...

Dettagli

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO CLIC web searching people social media marketing display adv SEO search engine optimization pay per click analytics DEM Newslettering Web Performance (Pay per Lead, Pay per Sale) social media marketing

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo Giulio Finzi Segretario Generale Netcomm Perugia- 15 Dicembre 2011 La nostra missione è contribuire allo sviluppo dell

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli