I borghi. più belli d Italia. Friuli Venezia Giulia. la bellezza a due passi da casa!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I borghi. più belli d Italia. Friuli Venezia Giulia. la bellezza a due passi da casa!"

Transcript

1 I borghi più belli d Italia Friuli Venezia Giulia la bellezza a due passi da casa!

2 I borghi più belli C lauiano, Cordovado, Fagagna, Gradisca d Isonzo, Poffabro, Polcenigo, Sesto al Reghena, Toppo e Valvasone sono I Borghi più belli d Italia in Friuli Venezia Giulia. È un onore e un impegno far parte di questo club formatosi nel 2001 su impulso della Consulta del Turismo dell Associazione Nazionale dei Comuni Italiani. Un onore perché viene riconosciuto il valore in termini di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni di piccoli centri di provincia. Un impegno perché l ammissione non è per sempre: è necessario dimostrare di esserne degni nel tempo con azioni concrete volte a mantenere e accrescere la qualità della vita e del tessuto urbano. Per far parte de I Borghi più belli d Italia occorre rispettare una serie di requisiti di carattere strutturale, come l armonia architettonica del paese e la qualità del patrimonio edilizio pubblico e privato, e altri di carattere generale relativi alla vivibilità del borgo in termini di attività e di servizi al cittadino. Per quanto il Friuli Venezia Giulia offra molte altre località ricche di bellezze artistiche, storiche, paesaggistiche e culturali, il comitato de I Borghi più belli d Italia ha valutato i nove paesi scelti come una piacevole occasione di scoperta sia per i turisti sia per gli abitanti della regione proprio per le loro unicità. Clauiano perché ha saputo custodire una schietta ruralità, Cordovado per l equilibrio tra verde e architettura, Fagagna perché ha salvaguardato la sua natura accogliente, Gradisca d Isonzo per il suo scrigno barocco rispettoso della storia, Poffabro per l architettura spontanea unica nel suo genere, Polcenigo scrigno di bellezze naturali e sorgente di esperienze autentiche, Sesto al Reghena sorta all ombra materna dell Abbazia di Santa Maria, Toppo dove l archeologia e le rassegne d arte si sposano con la natura e il volo a vela, Valvasone perché ha conservato la compattezza del suo borgo medievale e dei suoi tesori d arte. Questo è dunque un invito a gustare la vita dei borghi e a valorizzarne la filosofia. 2

3 Clauiano (Comune di Trivignano Udinese) piéris e clàps, ruralità di pietre e sassi Cordovado nella quiete della campagna friulana Fagagna il paese delle cicogne Gradisca d Isonzo barocco di frontiera Poffabro (Comune di Frisanco) la magia della pietra e del legno Polcenigo acque fresche e ritmi lenti Sesto al Reghena nelle terre degli Abati Toppo (Comune di Travesio) in volo sul feudo Valvasone (Comune di Valvasone Arzene) piccolo mondo antico 3

4 Clauiano amma li turchi! Quel lacerante grido che accumunò tanti paesi friulani dati alle fiamme nel 1477, risuonò di certo anche a M Clauiano, raso al suolo dalle orde saracene. Poi venne la ricostruzione. Premiante. La nuova struttura urbanistica infatti eliminò ogni soluzione rilevatasi debole o rischiosa nel corso della scorreria ottomana e delle diverse invasioni barbariche che afflissero l area durante l intero medioevo e fino al XV secolo. Poco alla volta si delineò un affascinante borgo di piéris e clàps, pietre e sassi. Gli edifici furono costruiti in muratura con coppi sul tetto, stretti gli uni agli altri in vere e proprie cortine difensive, sviluppate intorno alle due chiese di San Giorgio, a sud, e San Martino, a nord. Il borgo si ingrandì riprendendo la vita laboriosa che lo aveva reso un centro di riferimento. Non a caso sin dal medioevo nella chiesa di San Giorgio Casa Osso, affresco di San Martino, opera recente di Gianni Di Lena, e iscrizione. Questa fa riferimento alla confraternita dei calzolai di Udine che nel Seicento possedeva, oltre a casa Osso, diversi terreni e botteghe a Clauiano come testimonia anche l iscrizione di Casa Miani. si svolgevano adunate per prendere decisioni sulle questioni interne, ma anche su quelle dei paesi limitrofi. Fra le prime abitazioni in muratura ci furono Casa Gardellini con una struttura a L addossata ad altre cinquecentesche facenti parte di Casa Beltramini con la tipica corte interna, ben difesa, e Casa Tonutti Campagnolo dove si è conservato un affresco del XV secolo raffigurante una Madonna con Bambino fra due Santi. Nel Seicento Clauiano ebbe un importante fase di sviluppo durante la quale i due nuclei posti a nord e a sud del paese finirono per fondersi così che dal secolo successivo il borgo assunse la forma odierna. A questo periodo 4

5 risalgono molte parti del complesso a corte di Casa Colussi, Dri e Minin, la Casa Palladini con il tipico focolare, il fogolâr, dalla grande cappa che si sviluppa nei due piani successivi e si conclude con un elegante camino dalle forme venete, e il palazzo a tre piani dei nobili della Porta con annessi casa dell ortolano, stalla, prigione e foledôr, vale a dire la tinaia costruita abitualmente nei pressi del corpo principale dell abitazione. Del Settecento è Villa Ariis con il portale ad arco a tutto sesto sovrastato da una doppia finestra con balaustra in pietra e l attiguo, notevole, foledôr, Villa Manin con facciata impreziosita da lesene e timpano superiore e Casa Zof Piano che, dicono gli anziani, fosse in origine un convento ed è caratterizzata da un portale ad arco ribassato in pietra. Allo stesso periodo, ma di origini più antiche, risalgono Casa Barnaba Manin, Casa Calligaris Chiesa campestre di San Marco. I ritrovamenti archeologici segnalano una piccola costruzione già nel periodo romano. L edificio è del 300, con interni affrescati, un catino absidale in pietra, un gradino in muratura con funzioni di panca tutto intorno alle pareti e un altare del 500, eredità dei restauri in seguito al passaggio dei turchi. Foffani e Casa Bosco. Alla prima metà del XVIII secolo risale anche, nella via principale del paese, l attuale chiesa di San Giorgio Martire che scelse un barocco sobrio, mantenuto per interni ed esterni. L edificio, dalla storia ben più antica addirittura d epoca longobarda, custodisce una fonte battesimale del 500 attribuita a Carlo da Corona, una tela di Osvaldo Gortanutti del 1690 con l adorazione dei Magi e un gonfalone del 700 usato per le processioni. Per inciso, l altra chiesa attorno a cui si sviluppò Clauiano pure essa del periodo longobardo e dedicata a San Martino, fu demolita nel

6 Il nome Il toponimo Clauiano, a differenza di molti altri, è di immediata interpretazione: risale all epoca romana e fa riferimento al nome del possessore di un fondo di rilievo nella zona dell attuale borgo, chiamato appunto Claudius o Clavilius, da Clavius. A metà 800 Clauiano raggiunse il suo massimo sviluppo e famiglie importanti come i Manin, i Mattioli, i de Checo, i Bassi, i Bearzi e i De Vit vi costruirono abitazioni con ampi rustici. Furono loro a dare una svolta all economia del paese edificando una filanda vista la presenza in zona di numerosi filari di gelso, le cui foglie erano il cibo dei bachi da seta. Oggi gli abitanti di Clauiano dimostrano attenzione alla loro storia lastricando le strade con pietra piasentina o sassi del vicino torrente Torre, ripiantando quei gelsi di cui la zona era ricca e che furono un ottima fonte di sostentamento sino a pochi decenni or sono, valorizzando l area antistante la chiesa di San Giorgio, recuperando i muri a vivo delle case, gli antichi affreschi e le pitture, le meridiane, i loggiati e i numerosi archi d ingresso alle case. Esempio della stessa cura è l aver riportato alla luce il disegno del vecchio stagno della piazza. Lì si raccoglieva l acqua piovana usata per abbeverare gli animali e lavare i panni. Oggi si è sostituito l azzurro dell acqua con il verde dell erba, mantenendo sincero il sapore rurale del borgo. Le origini Seppure l attuale struttura del borgo risalga al tardo medioevo, la sua origine è decisamente più antica. I primi insediamenti in loco sono chiaramente d epoca romana, come testimoniano le macerie ritrovate nei pressi della chiesa di San Marco. La prima citazione ufficiale, però, si legge in una pergamena del 13 luglio Quel giorno il Patriarca di Aquileia Poppone inaugurò la ricostruita basilica e istituì il Capitolo al quale donò, per il mantenimento, un ampio territorio comprendente anche Cleuian, l attuale Clauiano, appunto. 6

7 La curiosità Clauiano permette un singolare percorso storico di architettura rurale attraverso i portali. Ne vanta d ogni tipo, databili fra la fine del Quattrocento e l Ottocento. Sono archi a tutto sesto, architravati, ribassati, in mattoni, pietra, legno o misti. Le chiavi di volta, con stemmi o semplici ornamenti, sono accompagnate o meno da capitelli e sovrastate da finestre e da balaustre in pietra o ferro. La tradizione Iniziata nel 2006, la manifestazione Immaginare il tempo è già una tradizione. Festeggia l equinozio d autunno con un fine settimana dedicato ad arte, cultura ed enogastronomia, ogni anno con un tema diverso. Ha anche il merito di aprire al pubblico case e palazzi del borgo. Come si raggiunge In auto: A4, uscita Palmanova; A23 uscita Udine sud In treno: linea Venezia-Trieste- Palmanova, stazione di Cervignano e Palmanova, autobus di linea Grado- Cervignano-Udine Altitudine 43 m s.l.m. Comune di Trivignano Udinese Provincia di Udine Distanze in km Gorizia 30, Udine 20, Aquileia 20, Palmanova 4 Abitanti (500 circa nel borgo) Patrono S. Marco, 25 aprile Il pozzo a ridosso della chiesa di San Giorgio Borgo San Martino Iscrizione confraternita dei calzolai di casa Miani 1615 con chiave di volta Informazioni turistiche Municipio tel fax Biblioteca Comunale tel , giovedì cell Ufficio di Informazione e accoglienza turistica Palmanova tel. e fax Internet

8 Cordovado antico castello di Cordovado vide innumerevoli assalti ai quali si oppose L con determinazione. Una storia gloriosa, iniziata ben prima dell anno Mille quando i vescovi di Concordia lo fortificarono e scelsero come il più importante castrum della pianura, sede di poteri civili, militari ed ecclesiastici e dove loro stessi risiedevano spesso, soprattutto d estate. Da allora fu in piena funzione fino al 1420 quando, passato sotto il dominio veneziano, la sua valenza strategica diminuì. A questo si aggiunga la tremenda pestilenza del 1454: il castello poco a poco perse d importanza sino all abbandono totale prima d essere addirittura abbattuto, in parte a fine Seicento e in parte, il mastio vescovile, a metà Ottocento. Ora ne rimangono il fossato, le mura e le torri portaie. Quella dell orologio del XIII-XIV secolo con porta a sesto acuto, posta a nord, conserva ancora i camminamenti interni in legno per le guardie. Statua in ferro dello Spaccafumo. Era il fornaio di Cordovado descritto da Ippolito Nievo ne Le confessioni di un italiano, uomo che dal prodigioso correre che faceva quando lo inseguivano, avea conquistato la gloria d un tal soprannome. Oggi è anche un dolce artigianale ricco d energia con fichi secchi, uvetta, noci, nocciole, pinoli, mandorle, arancini e miele. In una posizione singolare, completamente addossata alla torre, vi è la chiesa di San Girolamo menzionata per la prima volta in un documento del Costituita da un unico vano rettangolare, è in mattoni a vista con copertura con capriate di legno e tetto spiovente in coppi ed è caratterizzata da un entrata asimmetrica rispetto alla facciata, sormontata da un rosone. Nello stesso documento è citata anche la chiesa di Santa Caterina, costruita a metà del 300 in mezzo ai campi e poi assorbita dal borgo nuovo. Rimaneggiata a fine 500 e restaurata dopo il 1976, è completamente affrescata. Notevole è la pala dell altare raffigurante Santa Caterina con 8

9 corona regale in testa accanto a Madonna e Bambino, Santa Apollonia e Santa Lucia. Addossato al lato ovest della torre portaia nord è appoggiato Palazzo Bozza-Marrubini, d origine quattrocentesca ma ristrutturato in forma signorile a fine 500 come degna casa del capitano e del gastaldo. Al suo interno gli affreschi d inizio 700 di Gio.Francesco Zamolo da Venzone forniscono una precisa testimonianza di come fossero strutturati in passato gli edifici all interno delle mura di Cordovado. Su parte dell area prima occupata dal castello, nella seconda metà del 700 fu costruito Palazzo Freschi-Piccolomini. Eretto in uno stile veneziano classico a tre piani, ha una facciata dominata da tre alte e strette finestre ad arco a tutto sesto che sovrastano il portale in bugnato a cui si accede da Cordovado è zona d acque, rogge, risorgive e laghi artificiali grazie alle vecchie cave. Conta ben 23 fontanelle pubbliche. Una terra verde dai numerosi grandi alberi, secolari e plurisecolari: il bagolaro di parco Mainardi, la sofora pendula e quella japonica di parco Cecchini, i cipressi calvi di parco della Madonna, il platano alla torre nord del castello, il tiglio ibrido quasi centenario di piazza al Tiglio. una scalinata. Il retro e i lati dell edificio sono percorsi da porticati del 500 costruiti sull antico fossato e congiunti alla villa. Tutt intorno vi è un parco all inglese con alcuni degli alberi secolari vanto di Cordovado. Nell area del borgo antico si trova anche la chiesa di Sant Andrea, il vecchio duomo che sorse dopo la peste del I lavori infatti furono conclusi nel 1477, forse sui resti di quell antica pieve menzionata in una bolla papale del Le due navate laterali sono state aggiunte alla fine del 500. A fine 500 l apparizione della Madonna a una popolana cambiò lo sviluppo del paese, spostandolo a nord. A fianco del capitello ove accadde il mira 9

10 Il nome Il toponimo Cordovado ha origini latine come curtis de vado. Curtis significa corte e indica un grande complesso agricolo mentre vadum fa riferimento alla sua posizione, vale a dire un guado sull antico ramo maggiore del Tagliamento. colo, infatti, fu costruito il santuario della Beata Vergine inaugurato nel L arrivo di moltissimi fedeli anche da lontano, portò a edificare alloggi per gli officianti, i nobili e i poveri, ricoveri per i cavalli, un osteria e nuovi spazi di commercio. Il palazzo, sede del municipio, dal 1884 altri non è che l hospitio per persone nobili con letti, et in somma con tutte le comodità allora costruito. Palazzo Cecchini-Mainardi era invece la dimora dei cinque padri officianti del santuario, più tardi riconvertita, con adattamenti e ampliamenti vari, in convento per i padri domenicani che vi risedettero dal 1714 al 1806, quando furono cacciati da un editto napoleonico. Il santuario è un esempio di barocco veneto con pianta ottogonale ornato di stucchi, tele, bassorilievi, affreschi e statue che danno l idea della ricchezza d un tempo. In centro, lungo la strada principale, si nota la mole imponente del cinquecentesco Palazzo Beccaris-Nonis, costruito e abitato da importanti nuclei della borghesia locale. Fra i luoghi di culto di Cordovado da segnalare anche la nuova chiesa di Sant Andrea, attuale duomo. Inaugurata nel 1966 in stile romanico-gotico contiene numerose opere plastiche, pittoriche e vetraie del veronese Pino Casarini, vetrate istoriate di Albertella, gruppi in terracotta e croce di Italo Costantini. Le origini È molto probabile che Cordovado fosse fortezza vescovile già prima del Mille perché era in posizione strategica rispetto ai vicini possedimenti dell abbazia di Sesto, legata al patriarca, con cui ci fu perenne conflitto. A ogni modo il primo documento rimasto ove è nominata è una bolla di Papa Urbano III del 1186 dove è indicata come facente parte dei beni del vescovo di Concordia. Nello stesso scritto si cita anche una preesistente pieve di Sant Andrea che forse risaliva al IV-V secolo. Il castello vero e proprio invece fu citato ufficialmente solo nel 1276 perché vi ebbe luogo l investitura dell abate di Sesto. 10

11 La curiosità A un miglio da Cordovado c è la fontana di Venchieredo, incantevole sfondo per l inizio del tormentato amore fra Leopardo Provedoni e Doretta di Vinchiaredo narrato da Ippolito Nievo ne Le confessioni di un italiano e a cui anche Pier Paolo Pasolini, di casa in queste terre, dedicò la poesia Limpida fontana di Venchieredo. Questo e altri luoghi, come il vicino mulino di Stalis e il sito del castello di Fratta, confluiscono nel Paesaggio letterario nieviano. La tradizione La prima domenica di settembre Cordovado si immerge nella storia con la Rievocazione Storica e Palio dei Rioni organizzata dalla Pro Loco in collaborazione con i rioni Borgo, Saccudello, Suzzolins e Villa Belvedere. Come si raggiunge In auto: A4, uscita Portogruaro. Strada regionale 463 Portogruaro-S. Vito In treno: linea Portogruaro-Casarsa, stazione di Cordovado-Sesto Altitudine 15 m s.l.m. Distanze in km Udine 45, Pordenone 30, Casarsa della Delizia 17 Abitanti Comune di Cordovado Provincia di Pordenone Patrono Sant Andrea, 30 novembre Informazioni turistiche Punto Turistico c/o Biblioteca civica Palazzo Cecchini, tel Internet Torre sud del castello Palazzo Bozza nel borgo Castello Stemma della comunità 11

12 Fagagna Poco più di seimila abitanti e due castelli. Succede a Fagagna, dove la storia ha fatto vivere insieme cinque antiche e distinte borgate sino a fonderle in un unica realtà. I patriarchi di Aquileia, possessori dell area dal 983, vi fecero costruire parecchie abitazioni affidate a piccoli feudatari che dovevano risiedervi stabilmente con compiti di custodia e difesa. Erano perciò chiamati feudi d Abitanza e tutti assieme formavano un consorzio d Abitanza. Quello di Fagagna è il più numeroso e ben documentato del Friuli Venezia Giulia. Le loro casette costruite fra il XIII e il XIV secolo su un ampio terrazzamento sotto il castello costituirono un borgo chiuso da una seconda cerchia muraria. Più a nord sorgeva il complesso della Brunelde, casa-forte dei nobili di Arcano, molto potenti nel medioevo. Citato per la prima volta nel 1208, fu ampiamente rimaneggiato nei primi vent anni del Il paese delle cicogne. Così è chiamata Fagagna dove è facile veder volare questi uccelli che hanno qui un oasi floro-faunistica tutta per sé, i Quadris, con un suggestivo ambiente lacustre e paludoso e quel che resta degli antichi boschi. Come compagnia, pure una colonia di Ibis Eremita, loro parente a forte rischio d estinzione. 500 ed è oggi di vero interesse per la storia delle tipologie residenziali. Nel 1420 il paese passò sotto il dominio della Serenissima, senza combattimenti. Una delegazione di fagagnesi, infatti, in rappresentanza del consiglio dei dodici, quattro nobili e otto popolari, che ormai reggeva la Comunità, si presentò spontaneamente al comandante veneto impegnato nell assalto di Udine e giurò fedeltà. Evitò così ogni spargimento di sangue al borgo formato da cinque piccoli villaggi (Paludo, Sacavan, Sospia, Portafrea, Riolo), un gruppetto di casali in aperta campagna intorno al mulino Lini e le case della cortina di San Giacomo poste subito sotto il castello, sempre meno importante. 12

13 Di esso oggi rimangono la vecchia torre trasformata in campanile, i resti del poderoso bastione semicircolare con tre feritoie, alcune case trasformate in trattoria, il torrione centrale e la trecentesca chiesa di San Michele. Con molte pietre del maniero ormai in rovina, fra il 1490 e il 1505 fu costruito il Palazzo della Comunità con la loggia aperta per le funzioni pubbliche e il salone del Consiglio al primo piano con quattro monofore e una trifora sovrastata dal leone di San Marco, emblema della Serenissima. Il castello di Villalta, invece, resiste al tempo anche se con una storia molto travagliata. Costruito almeno fra il X e il XII secolo, ebbe il suo splendore nel corso del 200 e fu distrutto una prima volta nel 1310 dal conte di Gorizia. Ripristinato, fu nuovamente demolito nel 1353 dal patriarca Nicolò di Lussemburgo e poi di nuovo nel 1385 nel corso della guerra per la nomina a Porta della sinagoga. È l unica delle tre antiche torri portaie del castello di Fagagna ancora esistente. Superati i suoi due archi, il più interno a sesto acuto è trecentesco, si scendeva alle case della cortina di San Giacomo e all abitato di Sacavan. patriarca di Filippo d Alençon. Nel 1511, l ultimo anno orribile: l incendio nel corso della rivolta del Giovedì Grasso, quando i popolani della zona assaltarono e saccheggiarono ben venti castelli, e un mese dopo un terremoto. Infine, la ricostruzione con le linee attuali, alcuni secoli di calma e poi una serie di storie fosche e truci che accompagnarono il castello fino al 900. Di Fagagna non si possono poi dimenticare i numerosi luoghi di culto fra i quali la medievale chiesa della Madonna della Tavella immersa nella campagna di Madrisio e la piccola chiesa di San Leonardo del 300 nel borgo Riolo. 13

14 Il nome Un tempo l intera zona era coperta da rigogliosi boschi, in particolare da alberi di faggio che in latino si diceva fagus. Il nome del borgo deriva appunto da fagus, quindi Faganeu e infine Fagagna, denominazione che dunque serba in sé un riferimento alla bellezza della natura circostante. Dalla storia più recente, emerge la figura di Fabio Asquini, intraprendente spirito illuministico. Avviò una fiorente attività vinicola nel 1753 portando il suo Picolit in mezza Europa fino al Verso il 1760 si interessò al nuovo combustibile, la torba, di cui erano ricche le sue terre per estrarlo sistematicamente. Nel 1779 fondò la Nuova Olanda che produsse laterizi fino a metà 800. Intraprese anche una produzione di maioliche e stufe ma con poca fortuna, introdusse per primo la coltivazione della patata in Friuli e promosse la sericoltura attraverso l innesto di gelsi e l allevamento dei bachi da seta. A fine 800, la contessa Cora Slocomb di Brazzà aprì una scuola di merletti, attiva fino agli anni Sessanta, per dare sostentamento alle figlie dei contadini e degli operai. Lavorarono persino per la regina Margherita. Imperdibile infine Cjase Cocèl, il museo della vita contadina. È un antica abitazione rurale risalente in alcune sue parti al 600 dove sono stati ricostruiti aia, stalla, granaio, casa, mulino, fucina, podere, osteria e latteria, tanto rinomata a Fagagna per i suoi formaggi. Tutto è vivo e funzionate, allietato dagli animali che si muovono placidi, da artigiani che svolgono mestieri ormai superati e fragranti odori di un tempo che fu. Le origini È probabile che il castello di Fagagna sorgesse all inizio del X secolo come fortificazione di una più semplice difesa eretta per arginare le invasioni degli Ungari. La zona, abitata sin dal I secolo d.c. e con la pieve di Santa Maria Assunta risalente al V-VI secolo, ma segnalata nelle cronache dal 1247, è citata per la prima volta nel 983 in un elenco di castelli donati dall imperatore Ottone II di Sassonia alla chiesa di Aquileia. L altro maniero, quello di Villalta, fu menzionato a partire dal Di Borgo Paludo e Borc di Piç, nuclei della libera Comunità costituitasi entro il 1420, si ha notizia dal

15 La curiosità Il borgo serba ben 5 organi di grande valore storico e artistico, testimoni della storia dell arte organaria dal 700 al 900: l organo barocco di Pietro Nacchini del 1752 nella parrocchiale di Madrisio, il rinascimentalebarocco di Francesco Comelli del 1788 nella chiesa di Santa Maria Assunta, l operistico di Gaetano Callido del 1792 a Villalta, il rococò di Valentino Zanin del 1827 nella chiesa di Ciconicco e il romantico di Beniamino Zanin del 1903 nella chiesa di San Giacomo. La tradizione La prima domenica di settembre c è la tradizionale festa del paese caratterizzata dal 1891 dalla corsa degli asini con carretto e fantini in piazza Unità d Italia. La seconda domenica al Palio, sfida tra i quattro borghi, si affianca un breve spettacolo ideato, scritto e realizzato dalle stesse contrade fagagnesi, con testi, musiche, scenografie e costumi giudicati da un apposita giuria. La pieve Il granaio di Cjase Cocèl Chiesa della Madonna di Taviele Come si raggiunge In auto: A4, uscita Palmanova; A23 uscita Udine sud In treno: stazione di Udine, poi autobus di linea Udine- Spilimbergo-S. Daniele Altitudine m s.l.m. Distanze in km Trieste 67, Udine 15, Spilimbergo 20 Abitanti Patrono S. Giacomo, 25 luglio Comune di Fagagna Provincia di Udine Informazioni turistiche Municipio tel Pro Loco tel Internet 15

16 Gradisca Gradisca d Isonzo Il compatto centro storico accoglie con un impianto urbano regolare dai larghi assi viari paralleli intersecati da strette calli: immediata la similitudine con gli accampamenti militari. Proprio così la Repubblica di Venezia, insediatasi nel Friuli patriarcale nel 1420, volle lo sviluppo di Gradisca, fondata nel 1479, che doveva permettere facili spostamenti di truppe ai confini dei suoi possedimenti, insidiati dai Turchi. La cinta muraria alta venti metri rispetto al fossato sottostante era munita di sette torri circolari d avvistamento e due porte d entrata. Di quel periodo è la Casa dei Provveditori, residenza dei rappresentanti del governo veneto, con un tipico impianto massiccio del tardo Quattrocento e un barbacane a rinforzare l angolo mentre settecentesche sono le finestre a trabeazione rettangolare della facciata e il balconcino a ringhiera in ferro In Piazza Unità d Italia svetta la colonna con il Leone di San Marco, immagine simbolo di Gradisca quale eredità del dominio della Serenissima, durato circa un secolo. In questo caso, però, è opera più recente: fa parte del monumento alla Redenzione di Gradisca, inaugurato nel 1924, lavoro del concittadino e scultore Giovanni Battista Novelli. battuto. Dal XV secolo sopravvivono anche i soffitti a volta del piano terra e le due bifore a sesto del lato settentrionale di Palazzo Coassini, già Palazzo del Fisco, la cui facciata fu rifatta nel 700, e la chiesa della Beata Vergine Addolorata, costruita fra il 1481 e il Trasformata in magazzino per decreto napoleonico nel 1810, perse gli oggetti sacri, il grandioso altare maggiore e quelli laterali, venduti dai francesi, mentre la statua della Madonna Addolorata fu messa in salvo. La chiesa fu riconsacrata nel 1850 dopo che i coniugi Francesco Giovanni e Anna Coassini la ricomprarono e donarono alla città, ma di nuovo fu magazzino durante la prima guerra mondiale e ad 16

17 dirittura incendiata con i fatti della vicina Caporetto per essere ricostruita e pacificata nel Il pericolo turco a cui si deve il centro fortificato di Gradisca non destituì il potere della Serenissima. Fu Massimiliano I d Asburgo a farlo nel 1511, dando inizio a una fase di tensioni con la repubblica veneta sfociato nelle guerre gradiscane ( ). Il borgo ne uscì così danneggiato da essere venduto nel 1647 dall impero austriaco, impegnato in Germania nella guerra dei Trent anni, ai nobili stiriani Eggenberg. In questo periodo, terminato nel 1717 a causa della mancanza di eredi maschi con il ritorno nelle mani degli Asburgo, i ceti dominanti locali raggiunsero una notevole autonomia e il centro da militare divenne amministrativo ed economico. L area era conosciuta come un vero e proprio granaio, rinomata per i vini rossi, per la lavorazione e commercializzazione della seta e contrabbandi d ogni Enoteca La Serenissima : la prima enoteca pubblica d Italia aperta nel 1965 nel quattrocentesco Palazzo dei Provveditori della Serenissima. Vi si possono assaporare i migliori vini bianchi e rossi della zona, scelti tramite il severo Premio Noè, e accompagnarli con le eccellenze alimentari regionali. Ospitate pure mostre e selezioni di livello. sorta. Entro la fine del 600 erano sorti tutti i palazzetti nobiliari più rappresentativi: l imponente Palazzo de Comelli-Stuckenfeld con lo squadrato portale sormontato da una balaustra su cui si affaccia una porta finestra ad arco conclusa da un ulteriore trabeazione, e su suo stile Casa de Portis, Casa de Salamanca e Casa Wassermann, seguite a inizio 700 da Casa de Brumatti, Casa Brumat, Casa Spangher e Casa Ciotti. Al XVII secolo risalgono pure, entrambi pressoché intatti, la slanciata Loggia dei Mercanti, con tre archi bugnati dal fusto rustico, e il Palazzo del Monte di Pietà, con eleganti cornici marcapiano in pietra bianca del Carso e un portale a chiave 17

18 Il nome Il toponimo sembrerebbe di origine slava. Potrebbe risalire a gradišče vale a dire luogo fortificato e per estensione aver indicato un paese, un forte, un castello, o a gradiscje e così rimandare alle rovine d un castello. Vi è anche chi sostiene derivi da warda o wardicula, che in gotico e longobardo significano piccolo posto di osservazione. di volta sul quale spicca un gran baldacchino barocco con scolpita una Pietà. Fra inizio 600 e il 1725 si formò l attuale Palazzo Torriani, l edificio più rappresentativo di Gradisca, avamposto della cultura veneta con la sua concezione palladiana con corpo centrale e ali laterali simmetriche. Oggi ospita il municipio, la Galleria d Arte Contemporanea Spazzapan e il Museo Civico. A metà 600 risalgono anche la severa Casa Toscani, che serba, affacciato sul cortile interno, un doppio loggiato con il secondo ordine ad archi ribassato molto simile a soluzioni tipiche stiriane e carinziane dell epoca, e Palazzo de Fin-Patuna già proiettato dal barocco al rococò. Nel 1754 Gradisca subì la battuta d arresto: l imperatrice Maria Teresa d Asburgo decise l unione delle contee di Gorizia e Gradisca. Quest ultima non era più strategica perché l impero aveva eroso la Serenissima e si era esteso per gran parte dell Italia settentrionale. Tale cambiamento autorizzò il borgo a demolire un tratto delle mura in cui era vissuto per secoli. La verde Spianata così creata divenne il centro della vita sociale cittadina. Le origini È molto probabile che Gradisca d Isonzo fosse già abitata in epoca romana e longobarda e quindi soggetta a quelle scorribande, in particolare di Avari (VII secolo) e di Ungari (fra il IX e il X secolo), che tanto spaventarono le genti del luogo. Per molto tempo però rimase un insediamento rurale sotto l influenza di centri vicini più importanti come Farra d Isonzo. Era una semplice villa e così è nominata per la prima volta nel più antico rotolo censuale del Capitolo di Aquileia, redatto il 20 luglio 1176 dall imperatore Federico Barbarossa e contenente l elenco delle terre soggette ai patriarchi di Aquileia. La vera storia del borgo iniziò con il passaggio, nel 1420, alla Repubblica di Venezia che la inserì subito nella linea difensiva in costruzione per fronteggiare le invasioni turche. Dapprima si trattò di terrapieni e palizzate, poi, dopo il 1479, si provvide a erigere una vera fortezza con cinte murarie, torrioni e un profondo fossato. Gradisca divenne l inespugnabile. 18

19 La curiosità Molti dei palazzi di Gradisca inglobano abitazioni precedenti. Succede pure nel Duomo dedicato ai Santi Apostoli Pietro e Paolo, caratterizzato da un bella facciata barocca. Esso nasce per ampi rimaneggiamenti successivi e incorpora la cappella di Sant Anna, dagli eleganti stucchi fine 600. Nella cappella, nota anche come Torriana perché da qui la nobile famiglia seguiva le celebrazioni, è custodito il monumentale sepolcro di Nicolò II della Torre. La tradizione Il teatro a Gradisca fu sempre molto amato. Già nel 1792 i locali dell antico granaio pubblico furono destinati a buon uso di Teatro e luogo per divertimenti. La Società del Teatro di Gradisca dal 1850 propose arte lirica e drammatica (con Eleonora Duse nel 1873), feste da ballo e manifestazioni patriottiche e i gradiscani Costumi di Comelli furon famosi in tutta Europa. Abbattuto durante la Grande Guerra, fu prontamente ricostruito. Palazzo Torriani Il teatro Ritratto di fine 500-inizio 600 di Giovanni Battista Corona, capitano delle milizie urbane Come si raggiunge In auto: A34, uscita Gradisca d Isonzo In treno: linea Trieste-Udine, stazioni di Sagrado o Gorizia Altitudine 34 m s.l.m. Distanze in km Trieste 40, Gorizia 12, Udine 30 Abitanti Comune di Gradisca d Isonzo Provincia di Gorizia Patrono SS. Pietro e Paolo, 29 giugno Informazioni turistiche Ufficio IAT informazioni e Accoglienza Turistica Pro Loco tel Municipio tel Internet go.it 19

20 Poffabro Poffabro è un museo a cielo aperto grazie al suo isolamento nel cuore della Val Colvera durato secoli e secoli. Solo nel 1888 infatti fu costruita una strada che rese agevole scendere in pianura dai pendii della Prealpi Carniche. Ebbe così inizio l emigrazione volta ad allontanarsi da un luogo tanto bello eppure tanto povero. Oggi è in atto il processo inverso. Molti emigrati ritornano e di nuovi se ne aggiungono, affascinati dal verde e dalla tranquillità della valle e, soprattutto, dallo stile del paese. Poffabro vanta un ineguagliabile architettura spontanea, dove la severità della pietra tagliata a vivo e degli archi in sasso è riscaldata da finestre e ballatoi in legno con le tipiche assi di protezione poste in verticale, rallegrati da immancabili vasi fioriti. L insieme è un armonioso movimento di piani rialzati, scalinate tortuose e semplici pilastri che Il monastero. Lo spirito religioso della valle si è mantenuto sempre vivo tanto che in anni recenti è stato eretto il Monastero Santa Maria dove le Monache Benedettine sono dedite alla preghiera e a numerosi lavori che rendono dolce il soggiorno dei turisti: confetture di frutta, infusi e tisane oltre a svariati manufatti da regalare. si rincorrono a formare case di pianta cinque-seicentesca poste in linea o avviluppate in corti interne. Non vi sono edifici che svettano sugli altri o che si distinguono per magnificenza: ogni casa nasce dalle sole risorse del luogo e si nota, palpabile, la fatica affrontata nei secoli da uomini a contatto con una natura ostica. Il risultato è un architettura semplice e austera, intima e familiare. Uno scrigno appartato dove gli abitanti hanno mantenuto vive le tradizioni passate. E ancora le mantengono. 20

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Rif 698 - CASTELLO PIACENTINO Trattativa Riservata PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Piacenza - Piacenza - Emilia-Romagna www.romolini.com/it/698 Superficie: 3150 mq Terreno: 5 ettari Camere:

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 PIENZA: la città ideale di Paolo Castellani febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 Su una collina allungata a dominio della Val d Orcia, persa in una sinfonia di colli dolcissimi e di bianchi calanchi, tra file

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

Vendrogno e le sue 13 chiese

Vendrogno e le sue 13 chiese Vendrogno e le sue 13 chiese Sono ben 13 le chiese nel territorio del comune di Vendrogno. Partendo dal nucleo del paese e seguendo un itinerario che si snoda attraverso tutte le frazioni, si possono incontrare

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Chiesa san Clemente Chiostro piccolo Cortile e Loggia dei frati Chiostro grande Situazione oggi Progetto del chiostro grande Associazione

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

CHIGIANO IL BORGO ROSA

CHIGIANO IL BORGO ROSA CHIGIANO IL BORGO ROSA Un angolo di serenità tra le colline marchigiane Vista del borgo dalla strada provinciale Siamo nelle Marche, tra le colline dell Appennino, a 40 minuti dal mare Adriatico e altrettanti

Dettagli

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita Rif 0348 Vecchia Cantina in vendita www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita 150.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Torrita di Siena Siena Toscana Italia Superficie

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana Nel lontano 1200, un re della dinastia etiope Zaguè, di nome Lalibela, decise di costruire nella sua città una copia dei monumenti esistenti a Gerusalemme. Ci mise tutto il suo impegno e la sua fede disponendoli

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Cos è il Piano di Gestione Obbligo principale di un sito UNESCO è quello di

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

DISCOVERING PUGLIA IN SALENTO CALENDARIO DICEMBRE 2013 E GENNAIO 2014 Sintesi

DISCOVERING PUGLIA IN SALENTO CALENDARIO DICEMBRE 2013 E GENNAIO 2014 Sintesi DISCOVERINGPUGLIAINSALENTO CALENDARIODICEMBRE2013EGENNAIO2014 Sintesi SABATO7DICEMBRE2013 Treappuntamentiinautonomia CONAUTOPROPRIA 1)Sabato7dicembre2013 ore15.00 VisitaguidataalBorgodiMelpignano Luogod

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri)

L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri) L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri) Aspetti della vegetazione nei dintorni di Velate: -bosco misto con affioramenti calcarei; -faggeto

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61.

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61. PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia San Benedetto Belbo altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel.

Dettagli

PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE

PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE DISO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Palazzo Baronale Miglietta All

Dettagli

La nostra piccola storia

La nostra piccola storia Il culto alla Beata Vergine Addolorata La nostra piccola storia Comunità Santissima Trinità Comerio, Gavirate, Groppello, Oltrona e Voltorre Il cristianesimo era arrivato a Milano prima del 200 e nella

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo rurale 1.1 Territorio rurale: analisi degli insediamenti e degli edifici isolati di interesse storico Frazione : CAPOLUOGO Toponimo: CHIESA S. BARTOLOMEO

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com FERRARA Città d arte e della bicicletta. BATTAGLIE STORICHE Ferrara, per la sua posizione strategica è stata coinvolta in molte battaglie, famosa rimane la guerra di Ferrara ( del 1308 ) tra la repubblica

Dettagli

PRO LOCO CITTA DI FONTANA LIRI. Assessorato alle Politiche Giovanili Comune di Fontana Liri FONTANA LIRI STORIA ARTE CULTURA

PRO LOCO CITTA DI FONTANA LIRI. Assessorato alle Politiche Giovanili Comune di Fontana Liri FONTANA LIRI STORIA ARTE CULTURA PRO LOCO CITTA DI FONTANA LIRI Assessorato alle Politiche Giovanili Comune di Fontana Liri FONTANA LIRI STORIA ARTE CULTURA La storia Sede di uno dei più antichi insediamenti umani nel Lazio, Fontana Liri

Dettagli

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como *MUSEI E MONUMENTI MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO P. GIOVIO : contiene reperti archeologici di età preistorica, protostorica, egizia, etrusca e romana. MUSEO CIVICO STORICO G. GARIBALDI : raccoglie testimonianze

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Percorso della guerra

Percorso della guerra Percorso della guerra Il percorso si snoda attraverso i territori dei cinque comuni ripercorrendo i principali eventi bellici che li hanno interessati. E un percorso adatto ad essere esplorato in più giorni,

Dettagli

V i a g g i o P a r r o c c h i a l e 2 0 1 6 Viterbo e i suoi splendidi dintorni

V i a g g i o P a r r o c c h i a l e 2 0 1 6 Viterbo e i suoi splendidi dintorni V i a g g i o P a r r o c c h i a l e 2 0 1 6 Viterbo e i suoi splendidi dintorni 26 30 aprile [partenza puntuale da Piazza Tommaseo alle ore 8.00] 1 Viterbo è definita da secoli la città dei Papi, il

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

Storia di Portobuffolè

Storia di Portobuffolè Storia di Portobuffolè Nel primo secolo d.c., lo scrittore Tito Livio, informa che sulla sinistra del fiume Livenza, si trovava un villaggio di pescatori e agricoltori (chiamato Portus Liquentiae ), un

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

I. Presentazione generale della Toscana

I. Presentazione generale della Toscana I. Presentazione generale della Toscana UN PO DI STORIA La Toscana è la terra dove tanto tempo fa nasce la civlità etrusca. Gli Etruschi sono un popolo molto civile, esperto in agricoltura, nella lavorazione

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara è ubicata nell'omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei

Dettagli

Pacchetti turistici e visite guidate nelle terre marchigiane

Pacchetti turistici e visite guidate nelle terre marchigiane Pacchetti turistici e visite guidate nelle terre marchigiane 3 GIORNI / 2 NOTTI ANCONA-RECANATI- LORETO-CINGOLI-JESI- MONTE S. GIUSTO-MOGLIANO :: ITINERARIO :: Proposta per gruppi 1 GIORNO: LORENZO LOTTO

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA F IRENZE CAPOLAVORO

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

F.S. La mitica II D a Verona 3

F.S. La mitica II D a Verona 3 Visita guidata autogestita II D 15 febbraio 2008 P R O G R A M M A 8.28 Partenza da Padova in treno 9.33 Arrivo a Verona Porta nuova 9.50 ARENA ROMANA (1-2) MUSEO LAPIDARIO MAFFEI Raduno alle 8.00 in stazione

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Repertorio Cartografico REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Geografia regionale Il Friuli Venezia Giulia è una regione autonoma a statuto speciale con circa 1,2 milioni di abitanti, formata dal Friuli (che costituisce

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Tour della Liguria e della Toscana

Tour della Liguria e della Toscana Tour della Liguria e della Toscana Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

PER I PIÙ ALLENATI CHE VOLESSERO PROSEGUIRE IL CAMMINO,

PER I PIÙ ALLENATI CHE VOLESSERO PROSEGUIRE IL CAMMINO, La Greenway 7. PER I PIÙ ALLENATI CHE VOLESSERO PROSEGUIRE IL CAMMINO, DA COPERSITO È POSSIBILE RAGGIUNGERE LA CHIESA DELL ACQUA SANTA. LA STRADA, CHE CORRE TRA CAMPI, VIGNETI E ULIVETI, NEL PRIMO TRATTO

Dettagli

Villino Liberty, costruzione del 1910, di ca 250 mq coperti con annessa dependance di ca 50 mq ed altra costruzione (rudere, unità collabente) di ca 80 mq, (ex abitazioni dei coloni) per complessivi 380

Dettagli

CEFALA DIANA. Le Terme Arabe

CEFALA DIANA. Le Terme Arabe CEFALA DIANA Cefalà Diana è un centro abitato sito a Km 36 da Palermo, raggiungibile dalla strada statale 121 Palermo Agrigento, adagiato sulle pendici orientali del Massiccio di Rocca Busambra, fra i

Dettagli

EDILIZIA PER RISTRUTTURAZIONI E RESTAURI

EDILIZIA PER RISTRUTTURAZIONI E RESTAURI EDILIZIA PER RISTRUTTURAZIONI E RESTAURI Chiesa del Suffragio - Forlì Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo della Chiesa del Suffragio Costruita a partire dal 1723 su progetto

Dettagli

L affascinante Lago di Garda e l Opera lirica di Verona

L affascinante Lago di Garda e l Opera lirica di Verona L affascinante Lago di Garda e l Opera lirica di Verona Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

Maremma nel cuore. Tradizioni rurali, religiosità, Natura e Storia si intrecciano in modo indissolubile in un'affascinante pieve medievale.

Maremma nel cuore. Tradizioni rurali, religiosità, Natura e Storia si intrecciano in modo indissolubile in un'affascinante pieve medievale. Maremma nel cuore (Foto e spiegazioni nella sezione Idee in pratica ) Tradizioni rurali, religiosità, Natura e Storia si intrecciano in modo indissolubile in un'affascinante pieve medievale. testo Annarita

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

PRATO ACCADEMICO PADOVA

PRATO ACCADEMICO PADOVA PRATO ACCADEMICO FOTO DI GABRIELE CROPPI Una città antica, culla di università e commerci, che ha sempre avuto una particolare attenzione per l arte, la cultura e la scienza. Da scoprire a piedi, con lentezza

Dettagli

Turismo Adulti. l incanto degli antichi Borghi

Turismo Adulti. l incanto degli antichi Borghi Turismo Adulti l incanto degli antichi Borghi Massa Marittima Città d arte adagiata tra le Colline Metallifere, antico feudo vescovile, ricca di bellezze storiche ed architettoniche che narrano un illustre

Dettagli

VIAGGIO NEI LUOGHI DI CIMA DA CONEGLIANO

VIAGGIO NEI LUOGHI DI CIMA DA CONEGLIANO VIAGGIO NEI LUOGHI DI CIMA DA CONEGLIANO 20 22 I portici del Duomo, Conegliano Il Duomo di Conegliano 25 L innominabile diceva che il Veneto è la vena rossa d Italia, ma nella provincia di Treviso, direi,

Dettagli

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016 TTIVITà DIDTTICHE 2015/2016 Per le strade e i musei di Torino, dall NTICO EGITTO alla MGI del CINEM, dalle TMOSFERE BROCCHE ai PROTGONISTI del RISORGIMENTO: attività ludico-culturali per bambini e ragazzi

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

ITINERARIO PLEIN-AIR: APPUNTAMENTO DI PRIMAVERA NEI MONTI DAUNI Troia, Giovedì 30 Aprile Domenica 3 Maggio 2015

ITINERARIO PLEIN-AIR: APPUNTAMENTO DI PRIMAVERA NEI MONTI DAUNI Troia, Giovedì 30 Aprile Domenica 3 Maggio 2015 ITINERARIO PLEIN-AIR: APPUNTAMENTO DI PRIMAVERA NEI MONTI DAUNI Troia, Giovedì 30 Aprile Domenica 3 Maggio 2015 Un itinerario per scoprire i borghi più suggestivi dei Monti Dauni e le migliori tradizioni

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

UN ANTICA ELEGANZA MICHELE LIBERATORI

UN ANTICA ELEGANZA MICHELE LIBERATORI MICHELE LIBERATORI UN ANTICA ELEGANZA UN COMPLESSO DI ORIGINE LONGOBARDA, VICINO AREZZO, è STATO RISTRUTTURATO DALLO STUDIO LIBERATORI&ROMUALDI CON UNA GRANDE ATTENZIONE VERSO IL PASSATO 74 ristrutturare

Dettagli

PERCORSO DANTESCO A VERONA

PERCORSO DANTESCO A VERONA PERCORSO DANTESCO A VERONA In giro per Verona sulle orme di Dante SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CAVALCHINI - MORO PIAZZA BRA Al tempo di Dante non esistevano i palazzi che vediamo ora, c'erano solo

Dettagli

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Rif 374 - CASTELLO GALLENGA STUART Trattativa Riservata CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Perugia - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/374 Superficie: 3500 mq Terreno: 6 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli