PIANO della OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO della OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San Michele del Carso Milano Tel Fax c.f m ail: i tcm o t w e b: s ti tutom o re s chi.it SISTEMA QUALITÀ CERTIFICATO UNI EN ISO 9001:2008 N PIANO della OFFERTA FORMATIVA 1

2 2

3 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO NICOLA MORESCHI La nascita della scuola è collocata nel contesto del grande sviluppo dell industria e del terziario (in particolare le banche e le assicurazioni), della crescita demografica e delle trasformazioni dell assetto urbanistico che si verificarono a Milano negli ultimi decenni dell Ottocento. In questo quadro si avvertiva l opportunità per la città di sviluppare, in termini quantitativi e qualitativi, la formazione di addetti al settore commerciale e amministrativo che fossero provvisti delle specifiche competenze e delle capacità pratiche rispondenti alle necessità del mondo del lavoro. A queste esigenze cercò di rispondere Nicola Moreschi, nel 1898 con la creazione di una Scuola tecnica d indirizzo economico (corrispondeva alla fascia d età della Media Unica di oggi) e nel 1901 con la costituzione di una Scuola superiore biennale per il commercio. L iniziativa fu promossa dai soggetti attivi nel territorio (Camera di Commercio, Cassa di Risparmio, Associazione Industriali), che appoggiarono Moreschi con entusiasmo, e solo in seguito ebbe il riconoscimento Ministeriale. Con successive trasformazioni, il biennio divenne un Istituto quadriennale preceduto da un Corso preparatorio di altri quattro anni. Nel 1916 l Istituto, classificato di terzo grado come gli Istituti tecnici, venne denominato Regio Istituto di Studi Commerciali; nel 1930, un anno dopo la morte del fondatore, fu dedicato a Nicola Moreschi. Nel frattempo la normale vita scolastica era stata sconvolta e segnata dalla Grande Guerra, che vide l Istituto versare un cospicuo contributo di sangue tra ex allievi ed allievi, anche giovanissimi, caduti sul fronte. Nel 1927 l Istituto occupò la sede attuale, in un area per secoli ai margini della città, all esterno dei Bastioni spagnoli. Ai tempi della peste vi era stato allestito un lazzaretto, di cui è testimonianza la cappelletta (del 1640). In seguito vi fu collocato un grande cimitero. Dagli ultimi decenni di fine Ottocento il quartiere si trasformò profondamente: prima furono costruiti il Macello e il Foro Boario, poi il carcere di S.Vittore (1879). In seguito al Piano regolatore del Beruto (approvato definitivamente nel 1889), si cominciarono ad abbattere i Bastioni, si tracciarono le linee dei nuovi quartieri residenziali esterni, si costruirono nuovi edifici lungo l asse stradale in direzione di Magenta e Novara. Sul terreno (prima occupato dai Bastioni) tra le attuali Piazza Aquileja e Via Biffi, il Comune cominciò nel 1912 a erigere una grande costruzione; sospesi durante la Guerra, i lavori vennero poi ripresi e terminarono nel L intento era quello di assicurare una sede a Rettorato, uffici, Facoltà di Lettere e Giurisprudenza della Regia Università; questa in realtà solo dal 1924 al 1926 utilizzò l edificio, poi occupato dal Regio Istituto diretto da Moreschi. A realizzare l obiettivo di una nuova sede più spaziosa e adeguata, già accarezzato da Moreschi, fu il nuovo direttore Arturo Loria, che guidò l Istituto dal 1923 al Assai attivo e dedito al suo ruolo, Loria riuscì a superare vari ostacoli e ad ottenere in occasione del trasferimento numerosi contributi straordinari; grazie ad essi il Moreschi fu dotato di numerose aule speciali e di preziose attrezzature. I documenti e i registri dell epoca dimostrano il rigore dell Istituto sul piano disciplinare e didattico, fatto che gli assicurò a buon diritto la reputazione di scuola seria ed esigente, che assicurava una valida preparazione. Alcuni documenti dell epoca, conservati nell archivio, confermano anche la costante attenzione del regime fascista per la scuola, vista come uno strumento importantissimo per la propaganda e come fucina dei nuovi italiani. Anche il Moreschi nel 1938 fu coinvolto dalla immediata applicazione al sistema scolastico delle Leggi razziali antisemite. I drastici provvedimenti discriminatori del regime, che avrebbero trovato un applicazione sempre più ramificata e puntigliosa negli anni seguenti, comportarono l espulsione immediata dalle scuole di ogni ordine e grado di docenti, presidi, impiegati, bidelli eb rei fin dall inizio dell anno scolastico 1938/39; agli studenti fu impedita l iscrizione e quindi la frequenza 3

4 nelle scuole pubbliche e fu consentita la prosecuzione degli studi esclusivamente nelle scuole ebraiche. All Istituto di Via S. Michele del Carso furono colpiti dalle Leggi razziali il Preside Loria, il Prof. Levi (studioso e poliglotta autore di numerose opere) e la Prof.ssa Della Pergola; questi docenti in seguito insegnarono nella scuola superiore ebraica fondata nel novembre 1938 in Via Eupili. Loria, che tanto si era prodigato per il Moreschi, non resse al trauma della cacciata dal suo istituto e morì l anno successivo. Dalla scuola furono espulsi inoltre vari studenti; in base alle ricerche effettuate, risulta che sicuramente a nove studenti e ad una studentessa già frequentanti non fu consentita l iscrizione per l a.s. 1938/39. Uno di questi studenti, Giorgio Latis, fu in seguito protagonista di drammatiche vicende di cui si tratta in un capitolo successivo. Anche il Moreschi, sia inteso come edificio che nel senso di comunità di studenti, professori, tecnici, impiegati e bidelli, subì le conseguenze della seconda guerra mondiale. Ben presto la vita quotidiana di tutti fu segnata da una serie di crescenti disagi, dalle restrizioni alimentari legate all introduzione della tessera annonaria ( dal marzo 42 anche i ragazzi in crescita dovettero accontentarsi di 150 grammi di pane al giorno, di cui il 25% di farina di mais) ai limiti assai severi delle ore di riscaldamento consentite. I pesanti e ricorrenti bombardamenti su Milano provocarono in alcuni casi danni collaterali all Istituto, pur non colpito direttamente (ad es. nell ottobre 42, per alcune settimane, i vetri delle finestre andati in pezzi furono sostituiti dalla carta); la conseguenza più seria però fu il massiccio fenomeno dello sfollamento, che coinvolse tutto il personale e molti studenti. Alcuni allievi, anzi, per ridurre i rischi si trasferirono stabilmente altrove e il numero dei frequentanti subì un calo consistente. Nei sotterranei dell Istituto fu allestito un rifugio antiaereo, che fu utilizzato dagli abitanti della zona; sui muri sono ancora leggibili le scritte dell epoca. L archivio della scuola, per cautelarsi dai rischi di incendio, fu trasferito a Stradella. Un altro problema era costituito dal continuo aumento dei prezzi (che continuarono a galoppare anche dopo la fine della guerra), col conseguente aggravio dei costi del materiale di cancelleria ecc. Dopo l 8 settembre 43 e la costituzione della R.S.I., parte dell Istituto fu requisita dal Ministero delle finanze repubblichino; molti strumenti di grande valore furono nascosti per evitare furti o requisizioni, mentre i mobili degli spazi sgombrati vennero accatastati nelle palestre. In seguito però anche le palestre vennero requisite, e si dovette trasportare tutto negli umidi scantinati. L Istituto dovette poi aiutare, concedendo l esenzione dalle tasse scolastiche o erogando dei sussidi, gli studenti sinistrati, profughi, figli di prigionieri di guerra o di mutilati. Ancora dopo la fine della guerra c erano studenti che aspettavano il ritorno del padre dai campi di prigionia. Nonostante tutte le difficoltà, comunque, il Moreschi non chiuse mai i battenti ma continuò ad offrire il suo servizio ai milanesi. Uno degli studenti ebrei a cui dal settembre 1938 fu impedito di frequentare il Moreschi (gli mancava l ultimo anno) si chiamava Giorgio Latis. Era uno studente dalla intelligenza vivace; incostante nello studio, era tuttavia dotato di notevoli capacità di recupero e capace di esiti brillanti nelle materie che più gli interessavano, aiutato in questo dalla sua curiosità culturale e dal fatto di essere un lettore assiduo. Tra i suoi amici figurano Vittorio Sereni e Giorgio Strehler, poi destinati a un ruolo culturale di grande rilievo. Terminati gli studi privatamente, riuscì a lavorare fino al settembre 43 (nonostante le restrizioni sempre più rigide che colpivano gli ebrei) e nel frattempo allestì con i cugini degli spettacoli colti di marionette, che venivano rappresentati nei salotti milanesi (ad es. testi di Lorca e Cocteau o una sua riduzione teatrale del Racconto di Natale di Dickens). Nel novembre 1943 accompagnò i genitori e la sorella nell espatrio clandestino in Svizzera, e tornò indietro credendoli al sicuro; invece i gendarmi svizzeri respinsero i Latis, che alla frontiera italiana furono arrestati dalle S.S. Dopo un paio di mesi di detenzione a S.Vittore furono spediti ad Auschwitz con uno dei treni della morte nazisti; i genitori all arrivo furono subito destinati alle camere a gas, mentre la sorella di Latis sopravvisse fino all agosto 44. Giorgio anziché pensare a salvarsi entrò nella Resistenza; arrestato e detenuto a S.Vittore, riuscì a fuggire. Aderì al Partito d Azione e fu inviato in Piemonte, dove fu protagonista di imprese coraggiose, collaborando con i più noti esponenti delle diverse componenti della Resistenza. La 4

5 lotta clandestina non spense i suoi interessi culturali e la sua vena creativa, come testimoniano numerosi abbozzi di racconti e un dialogo cui lavorò fino alle ultime settimane di guerra. Il 26 aprile 1945, ultimo giorno di scontri a Torino tra partigiani e nazifascisti, Giorgio Latis nel corso di una missione fu fermato alle porte della città e immediatamente fucilato. Ne l 1996 gli fu attribuita la medaglia d argento alla memoria. Dopo la guerra cominciò per l Italia, tra speranze, tensioni e fatiche, il periodo della difficile ricostruzione del paese. Anche per il Moreschi il ritorno alla normalità si presentava come un impresa ardua: con mezzi finanziari sempre insufficienti a fronteggiare l inflazione occorreva riparare i danni e ricostituire l indispensabile patrimonio di suppellettili, libri, strumenti, dotazioni didattiche della scuola, ricollocandoli nei locali di nuovo interamente a disposizione dopo requisizioni e coabitazioni forzate. Il Preside D Amia tempestava con le sue richieste Ministero ed Enti finanziatori (la Cassa di Risparmio e la Camera di Commercio), spalleggiato dal nuovo CdA che era presieduto dall industriale Enrico Falck e di cui faceva parte anche un altro imprenditore di rilievo, Senatore Borletti. Nel clima teso del dopoguerra potevano verificarsi episodi come quello dell aprile 1946: la grande rivolta dei detenuti di S.Vittore, che costò tre morti e un centinaio di feriti; per domare i carcerati ribelli furono impiegati numerosi reparti dell Esercito dotati di mortai, autoblindo, mitragliatrici. L Istituto, collocato sulla prima linea di fuoco, restò chiuso per tre giorni. Finalmente nel dicembre 1948, con una cerimonia alla presenza delle autorità, il Preside potè dichiarare la sua soddisfazione: il Moreschi era ormai perfettamente funzionante, con un corpo docente stabile e tutte le attrezzature ricostituite. Negli anni successivi il Moreschi continuò il suo cammino, riflettendo le trasformazioni proprie della scuola italiana in un periodo di grandi cambiamenti, a volte turbinosi e negli ultimi anni alquanto accelerati. Gli anni della scolarizzazione di massa portarono ad un consistente aumento degli allievi ( ben 1394 nell anno scolastico 1976/77, con una media di 27,88 studenti per classe). La contestazione studentesca si manifestò in quegli anni anche nell Istituto, che tuttavia in seguito riuscì a riapprodare, col procedere degli anni 80, alla tradizionale atmosfera di serietà e rigore. Molti sono stati i cambiamenti dal punto di vista degli indirizzi introdotti e dell ordinamento degli studi, comprese le prove finali dell ultimo anno, molte anche le iniziative varate in questi anni sul piano didattico e culturale. Il Moreschi, che ha celebrato nel 1998 il centenario della fondazione, deve ora affrontare le sfide di un mondo del lavoro molto mutato, in cui sono assolutamente necessarie sia la competenza che la duttilità. Non resta quindi che augurare a tutti coloro che operano e studiano al Moreschi la stessa tenacia e lungimiranza che hanno consentito ai loro predecessori di ottenere risultati di rilievo nella realtà milanese. In conseguenza dei profondi e dinamici cambiamenti intervenuti nella realtà economico-sociale il curricolo di studio dell'indirizzo per «ragioniere e perito commerciale» degli I.T.C. non risponde più né alle esigenze del mondo del lavoro né alle aspettative della società più in generale che richiedono ai neo-diplomati conoscenze, competenze e abilità nuove Con decreto ministeriale del 31 gennaio 1996 n,122, sono stati istituzionalizzati piani di studio, quadri orario e programmi di insegnamento previsti dal progetto sperimentale IGEA ormai da anni largamente attuato negli I.T.C. In riferimento al DPR 275/99 in merito alla autonomia scolastica e al DM n 139, 22 agosto 2007, Sperimentare l obbligo di istruzione, negli anni viene attuata una sperimentazione didattica in un corso del biennio e in una classe terza del corso IGEA. Il progetto Politica ambientale ha come aspetto saliente la interdisciplinarietà e prende avvio dai documenti del Consiglio e del Parlamento europeo in materia di sostenibilità, di politiche 5

6 energetiche innovative e sicurezza dell approvvigionamento, di competitività e di efficienza energetica. È, questa, l opportunità per implementare una metodologia di apprendimento per competenze di base da promuovere alla conclusione del primo biennio. Il progetto ha il contributo di Regione Lombardia. Negli anni La sperimentazione prosegue con l attuazione del progetto, finanziato da Provincia di Milano, AMBIENTE E COMPLESSITÀ. La politica ambientale nell ecosistema urbano milanese. La metodologia didattica che supporta il progetto è la trasversalità per processi cognitivi. Negli anni si conclude la fase di sperimentazione con il progetto, finanziato da Provincia di Milano, Benessere a scuola e mitigazione del rischio ambientale nell area: studio delle specie vegetali adatte al giardino della scuola. Il collegio dei docenti e il Consiglio di Istituto, nell anno scolastico si esprimono a favore di un nuovo scenario formativo: il nuovo corso di liceo Scientifico che prende avvio nell anno scolastico L Istituto Tecnico Commerciale assume la denominazione di Nicola Moreschi. Istituto di Istruzione Superiore 6

7 FINALITÀ DELL ISTITUTO La nostra idea di formazione è indirizzata all'acquisizione di una solida preparazione nell'ambito delle discipline linguistiche, letterarie, economicogiuridiche, scientifiche e tecnologiche; di strumenti culturali e metodologici flessibili necessari per la comprensione della realtà con atteggiamento razionale, critico, creativo e progettuale. L istituto individua e propone differenti strategie per il raggiungimento del successo formativo di ogni studente e attua strategie inclusive al fine di realizzare appieno il diritto all apprendimento per tutti gli studenti in situazioni di difficoltà. I CdCredigono piani di studio personalizzati e individualizzati. Profilo settore economico Il percorso offerto dall Istituto tecnico ad indirizzo economico permette una formazione che riguarda competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra inoltre le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per imparare ad operare all interno dell dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. La scelta del nostro Istituto è che lo studente al termine del percorso sia in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; gestire adempimenti di natura fiscale; collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; conoscere l attività di marketing; collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. Nell articolazione Relazioni internazionali per il marketing, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della comunicazione aziendale, con l utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici, sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e 7

8 all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing consegue i risultati di apprendimento descritti di seguito specificati in termini di competenze. Riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati. Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. Orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. Analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. Nelle articolazioni Relazioni internazionali per il marketing e Sistemi informativi aziendali, le competenze di cui sopra sono differentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del profilo di riferimento. 8

9 RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO A conclusione del percorso quinquennale il Diplomato consegue i risultati di apprendimento descritti di seguito, specificati in termini di competenze. Valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro. Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell apprendimento permanente. Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo. Riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione. Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete. Padroneggiare la lingua inglese e, ove prevista, un altra lingua comunitaria per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER). Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell espressività corporea e l importanza che riveste la pratica dell attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo. Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative. Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni. Utilizzare i concetti e i modelli delle scienze sperimentali per investigare fenomeni sociali e naturali e per interpretare dati. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare. 9

10 Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio. Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento. Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento 10

11 SETTORE ECONOMICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Amministrazione, Finanza e Marketing è l indirizzo generale che si articola in: Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali Il quinto anno è previsto l insegnamento in lingua inglese di almeno un argomento di una disciplina non linguistica (CLIL). QUADRO ORARIO insegnamenti del primo biennio comuni agli indirizzi del settore economico DISCIPLINE PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA ore settimanali CLASSE SECONDA ore settimanali Lingua e letteratura italiana 4 4 Storia 2 2 Lingua inglese 3 3 Seconda lingua comunitaria 3 3 Matematica 4 4 Informatica 2 2 Geografia 3 3 Scienze integrate (Scienze della 2 2 Terra e Biologia) Scienze integrate (Fisica) 2 / Scienze integrate (Chimica) / 2 Diritto ed economia 2 2 Economia aziendale 2 2 Scienze motorie e sportive 2 2 Religione cattolica o attività alternative 1 1 TOTALE ORE SETTIMANALI

12 QUADRO ORARIO Insegnamenti del secondo biennio e quinto anno del settore economico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO DISCIPLINE Lingua e letteratura Italiana Secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario CLASSE TERZA CLASSE QUARTA CLASSE QUINTA ore settimanali ore settimanali ore settimanali Storia Lingua inglese Seconda lingua Comunitaria Matematica Informatica 2 2 Economia Aziendale Diritto Economia Politica Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative TOTALE ORE SETTIMANALI

13 QUADRO ORARIO Insegnamenti del secondo biennio e quinto anno del settore economico RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING DISCIPLINE SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO Secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario CLASSE TERZA CLASSE QUARTA CLASSE QUINTA Lingua e letteratura Italiana ore settimanali ore settimanali ore settimanali Storia Lingua inglese Seconda lingua Comunitaria Terza lingua Straniera Matematica Economia aziendale e geo-politica Diritto Relazioni Internazionali Tecnologie della Comunicazione Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative TOTALE ORE SETTIMANALI

14 QUADRO ORARIO Insegnamenti del secondo biennio e quinto anno del settore economico SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO DISCIPLINE Secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario CLASSE TERZA CLASSE QUARTA CLASSE QUINTA ore settimanali ore settimanali ore settimanali Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Seconda lingua 3 comunitaria Matematica Informatica Economia aziendale Diritto Economia politica Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative TOTALE ORE SETTIMANALI Di cui in compresenza con l insegnante tecnico pratico 297 ore nell ambito del triennio L attività didattica di laboratorio prevede la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici per gli insegnamenti dell area di indirizzo. 14

15 PROFILO DEL LICEO SCIENTIFICO Il Liceo Scientifico per tradizione offre una formazione che affianca la preparazione umanistica a quella scientifica e consente agli studenti di affrontare gli studi universitari di qualsiasi area. Questa tradizione è stata confermata anche nel Liceo Scientifico della Riforma, che ha dato più spazio alle discipline scientifiche, mantenendo comunque un impianto solidamente umanistico. La proposta formativa di questo Liceo accompagna lo studente in un percorso di costruzione di un bagaglio di conoscenze, competenze e metodi che gli consentano di interpretare la realtà culturale del mondo che lo circonda e di indagarla con strumenti appropriati. Il progetto formativo è certamente ambizioso e si presta ad essere declinato con modalità diverse. La scelta del nostro Liceo è che lo studente, al termine del corso liceale: comprenda l unitarietà del sapere, declinato attraverso le varie discipline, ciascuna con i suoi metodi e i suoi linguaggi, per giungere ad una sintesi personale. Questo obiettivo costituisce, come già chiarito, la specificità dell ordine di studi ed è il primo punto preso in considerazione dalle Indicazioni Nazionali, che esordiscono affermando che il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Al fine di raggiungere questo obiettivo, il nostro Istituto cura la collaborazione tra i dipartimenti disciplinari e favorisce le iniziative volte all approfondimento delle tematiche interdisciplinari; abbia la capacità di approfondire l oggetto del suo studio utilizzando gli strumenti adeguati. Lo studente deve, infatti, essere protagonista del suo percorso di crescita ed utilizzare gli attrezzi, che le diverse discipline gli forniscono, per cimentarsi nello studio della realtà. Didattica laboratoriale, problem solving, modellizzazione di situazioni reali costituiscono metodologie didattiche capaci di porre lo studente al centro dell azione educativa.; sia capace di sostenere i convincimenti liberamente assunti, argomentando con proprietà e rispetto delle posizioni altrui. Lo sviluppo di una capacità critica, la spinta a domandarsi il perché delle cose, la ricerca di posizioni personali sulle varie tematiche affrontate, costituiscono un percorso che va costruito quotidianamente attraverso lo stimolo offerto dal confronto con gli insegnanti ed i compagni. Per sostenere le proprie posizioni è necessario che lo studente sviluppi le sue capacità argomentative e usi in modo appropriato i linguaggi disciplinari; sia aperto alla realtà circostante e curioso delle sue implicazioni culturali e sociali. La scuola è certamente un mondo, ma acquista significato se non rimane isolata, se è pronta ad aprirsi, a cogliere le opportunità che un contesto, fortunatamente ricco e dinamico, offrono quotidianamente. Da qui discende la scelta di stimolare gli studenti ad accogliere gli inviti della realtà culturale cittadina, fatta di mostre, teatri, progetti messi a punto dalle varie università, realtà solidali e quant altro, per vivere il clima culturale della città, percepirne gli indirizzi, scambiare conoscenze ed esperienze. Negli ultimi due anni del ciclo, in particolare, le iniziative di orientamento aiutano lo studente ad aprire bene gli occhi sulle proposte postdiploma, per saggiarne le opportunità con uno sguardo consapevole che lo guidi nella progettazione del proprio futuro. 15

16 QUADRO ORARIO Liceo Scientifico Primo Biennio Secondo Biennio I II III IV V Attività e Insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti Lingua e Letteratura Italiana Lingua e Cultura Latina Lingua e Cultura Straniera Storia/Geografia 3 3 Storia Filosofia Matematica * Fisica Scienze Naturali** Disegno e Storia dell Arte Scienze Motorie e Sportive Religione Cattolica o Attività alternative Totale ore settimanali * con Informatica nel primo biennio ** Biologia, Chimica, Scienze della Terra È previsto l insegnamento in lingua straniera inglese di almeno un argomento di una disciplina non linguistica (CLIL) 16

17 PROGETTUALITÀ E INNOVAZIONE La scuola della Riforma esige l adozione di una didattica che non sia semplicemente un trasferimento di saperi, ma che, attraverso percorsi didattici innovativi, possa creare e sviluppare competenze solidamente acquisite. Tali percorsi didattici possono scaturire dalle proposte dei docenti o, in alternativa, sfruttare la ricchezza dell offerta dei diversi enti formativi e istituzionali presenti nel territorio. La caratteristica che accomuna i progetti adottati all interno dell Istituto è l adesione agli obiettivi specifici del percorso scolastico e la loro natura laboratoriale, in quanto tutti prevedono il coinvolgimento diretto dei singoli studenti e la loro partecipazione attiva per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Altro elemento fondamentale è l apertura alla realtà esterna, presentata attraverso lo studio di fatti scientifici o culturali, o attraverso l adesione ad iniziative esterne. I progetti vengono proposti dai docenti agli organi collegiali di competenza (Collegio Docenti, Dipartimenti di Materia, Consigli di Classe) e in queste sedi approvati. SISTEMA QUALITÀ CERTIFICATO ENTE DI CERTIFICAZIONE TUV ITALIA L Istituto nell anno scolastico 2002/2003 ha chiesto e ottenuto la certificazione di Qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000 Ogni anno a partire dal 2002/2003, la scuola si sottopone all Audit di sorveglianza interno ed esterno effettuato dall ente di certificazione TUV ITALIA e ogni 3 anni al rinnovo del certificato, ottenendo sempre con giudizio positivo la conferma della certificazione. Nell anno scolastico 2010/2011 l Istituto si uniforma alla norma UNI EN ISO 9001:2008 La certificazione attraverso gli Audit interni ed esterni, permette il monitoraggio costante della organizzazione e della gestione della scuola nell ottica di un miglioramento continuo. INCLUSIONE Piano annuale dell inclusione (P.A.I). QUADIS - riprogettazione e miglioramento (qualità dell integrazione degli alunni con disabilità): attività di autoanalisi e autovalutazione di Istituto sull inclusione (delibera del Collegio dei Docenti 7 ottobre 2014) 17

18 EDUCAZIONE AL BENESSERE CIC - Sportello ascolto (per tutti) Affettività (classi prime, seconde e terze) Prevenzione alcool (classi seconde) Educare alla Legalità (classi terze e quarte) Solidarietà - La donazione del sangue e del midollo (classi quarte e quinte) Informazione HIV ed MTS (classi quinte) Prevenzione fumo (prime e seconde) Educazione ambientale (due classi) Violenza sulle donne (classi terze) MUSICA PIANO E PIANIFICATORI dall Età napoleonica al Piano di governo del Territorio a Milano (classi quinte) ORIENTAMENTO in entrata scelta indirizzo (classi seconde Settore economico) LINGUE Preparazione esami certificazioni e approfondimento competenze linguistiche (PET, FCE) Mediterraneo (due classi) Intercultura Stage linguistici 18

19 ORGANIZZAZIONE Dirigente scolastico (Ds): prof.ssa Maria Paola Morelli. Collaboratori del Dirigente scolastico: prof.ssa Carmela Cecchin (vicario); prof.ssa Enrica Morelli. Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA): rag. Maria Grisi. Funzioni strumentali al POF (delibera del Collegio docenti del 9 settembre 2014) Studio della dislessia e BES: prof.ssa Cinzia Vizzari. Gestione della Scuola e del POF : prof.ssa Annalisa Ponti. Gestione stage aziendali: prof.ssa Rosanna Calderara, prof.ssa Grazia Rita Zirilli. Referente Area Tecnologia e Comunicazione (TIC): prof. Giovanni Santoro. Il Dirigente scolastico delega per ogni Consiglio di Classe un docente con funzione di coordinatore: CLASSE COORDINATORE SEGRETARIO 1A SIRONI CENSORI 2A NAPOLITANO CORTINOVIS 1B MAGGI CHINE 2B CALDERISI FERRARI 1C ALESSIO MONTELEONE STEF. 2C CENSORI TREZZA 1D DEHO CORTINOVIS 2D GIOVANNINI SECHI 1E DIBISCEGLIA CARIANI 2E LIVETTI SECHI 2F AULETTA FOLLADORI 2G CORICA LOTTI 3A PONTI MARTINELLI 4A MALAFRONTE VITALE 5A TESTA LIGUORI 3B ROMANO AMATO 4B POMPONIO FERRARIO 5B CALDERARA FERRARIO 3C MONTELEONE STEF. MANTOVANI 4C MAZZETTI TRAPASSO 5C MANINI LOTTI 3D CONTI FERNANDEZ 4D BLOISE LA PLACA 4S CORONGIU MOCHI 5S CALDERONI MARTINELLI 3RA OSIO AMATO 4RA MARTINO TESTA 4RB ZANDALASINI CARIANI 5R CONSONNI VALIANTE 1 A LS MACCHI DEL POPOLO 1 B LS BIGNOTTI INGLESE 1 C LS MAURO TANCA 1 D LS COREGGI GRAMIGNI 2 A LS CAVALLARO D ELIA 2 B LS CASTELLANO CAVALLARO 19

20 2 CLS MIGNANO MAURO 2 DLS NOTARBARTOLO PAVESI 2 E LS MONTELEONE M. L. BOTTIGLIERO 3 A LS MORELLI ZUCCHELLI 3 B LS BOTTIGLIERO ADAMI 3 C LS MENICAGLI MIGNANO 3 DLS BARILLÀ PORCILE 4 A LS SANTORO DEL POPOLO 4 B LS TRENTIN ADAMI 4 CLS GRAMIGNI PORCILE 5 ALS VIZZARI SANTORO 5 BLS BARILLÀ TRENTIN 5CLS CELINO MARTINO Scansione temporale del calendario didattico Orario settimanale delle lezioni: lunedì-venerdì Quadrimestri: 12 settembre-19 dicembre 2014; 7 gennaio-6 giugno 2015 (delibera del Collegio dei Docenti del 9/09/2014) 20

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli