L ITALIA DEI BORGHI. Francesco Quagliuolo Amministratore Delegato Borghi Srl UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ITALIA DEI BORGHI. Francesco Quagliuolo Amministratore Delegato Borghi Srl UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA."

Transcript

1 L ITALIA DEI BORGHI 15 Dicembre 2012 Francesco Quagliuolo Amministratore Delegato Borghi Srl

2 LA VALORIZZAZIONE DI BORGHI E CENTRI STORICI Valorizzazione e riqualificazione dei contesti storici contribuiscono al rilancio delle aree interne segnate da declino economico, depauperamento demografico e sociale, abbandono del patrimonio. Borghi e centri storici costituiscono un importante opportunità di valorizzazione dell identità dei luoghi e di sviluppo turistico. La valorizzazione e la riqualificazione di borghi e centri storici si realizza attraverso interventi in grado di sviluppare effetti diffusi, con importanti ricadute sociali per il territorio e per le comunità residenti. 2

3 PER UN APPROCCIO ALLA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO STORICO È opportuno procedere alla valorizzazione e alla riqualificazione secondo un approccio integrato e multisettoriale che permetta di integrare vari settori di attività e azioni differenziate che contribuisca a migliorare la competitività economica del territorio storico. Analisi delle potenzialità del contesto e valutazione delle risorse specifiche Elaborazione di un tematismo indicativo per le azioni di rifunzionalizzazione Realizzazione delle opere e degli interventi programmati Azioni di sostegno e coinvolgimento della comunità locale Gestione e manutenzione delle opere 3

4 Borghi con finalità turistico immobiliare Borghi produttivi UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA PER UNA TIPOLOGIA DEI BORGHI Rispondono a una domanda crescente connessa a nuove tendenze e stili di vita e all esclusività dell esperienza di viaggio e/o di residenzialità. Iniziative animate dalla volontà di valorizzare borghi e contesti storici di particolare valenza per la localizzazione di attività manifatturiere, formative o di ricerca/innovazione, favorendo lo start-up di iniziative e progetti. Borghi ad arte e creativi Borghi con finalità sociali Le iniziative intendono favorire lo sviluppo di attività legate alle arti, alla cultura e all intrattenimento, promuovendo la localizzazione in Borghi e piccoli comuni di attività di produzione artigianale, di formazione professionale e/o artistica in differenti ambiti, di riutilizzo del patrimonio abitativo per sperimentazioni artistiche, produzioni culturali, attività formative e stage su cantieri di recupero, etc. Il progetto di valorizzazione fa leva su un ancor più ampio coinvolgimento dei soggetti della comunità locale che si esplica nella possibilità di partecipare alle attività proposte in relazione alle esigenze specifiche e alla volontà di contribuire alla crescita della comunità. 4

5 Borghi con finalità turistico immobiliare Borghi produttivi Borghi ad arte e creativi Borghi con finalità sociali UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA PER UNA TIPOLOGIA DEI BORGHI Albergo diffuso Sextantio SpA S.Stefano Sessanio (AQ) Matera (MT) Abruzzo Basilicata Castello di Postignano Sellano (PG) Umbria I borghi della Valnerina e Casteldilago Casteldilago (TR) Umbria Fractional Ownership: Borgo di Vagli (AR) Toscana Castelnuovo dei Sabbioni Cavriglia (AR) Toscana Ospitalità diffusa - borghi del Matese Molise Progetto WE-Campania Comuni Irpini AV Campania Borgo di Solomeo (PG) Umbria Borgo il Pischiello (PG) Umbria Provvidenti - Borgo della Musica (CB) Molise Aliano (MT) Basilicata Borgata Paralup Rittana (CN) Piemonte Riace città futura (RC) Calabria Mondavio: borgo solidale Valdivetrica (PU) Marche 5

6 UN CASO DI SUCCESSO PATTO DEL MATESE Un caso di successo è quello realizzato nel Molise Patto Territoriale per l occupazione del Matese: 15 comuni coinvolti; Recupero e ristrutturazione di circa 40 lotti abitativi da destinare a microricettività turistica; Creazione di circa 500 posti letto nelle strutture recuperate; 34 piccoli interventi infrastrutturali per la microricettività; Creazione di 50 nuovi posti di lavoro; Realizzazione di percorsi di formazione manageriale; Creazione di un consorzio di operatori con oltre 70 piccole e piccolissime attività ricettive, artigianali, enogastronomiche; Supporto tecnico e assistenza agli operatori turistici; Investimenti infrastrutturali per 3.9 Mln, per un contributo pubblico di 2.9 Mln. 6

7 UN CASO DI SUCCESSO - SEXTANTIO Un caso di successo è il progetto Sextantio dell albergo diffuso, che si esplica in una vasta azione di trasferimento di valore nei settori: sviluppo dell economia locale nei settori del turismo (a Santo Stefano di Sessanio è stato riscontrato un incremento esponenziale delle presenze). Incremento del valore degli immobili (90% circa) Recupero di professionalità in fase di dismissione e sviluppo dell indotto Impatto sull agricoltura (con un programma di rimessa a coltura di sementi in disuso e di recupero della filiera alimentare e delle tradizionali tecniche di trasformazione. 7

8 CONDIZIONI DI FATTIBILITÀ Elementi di progetto Esistenza di tematismi Borgo inserito in circuiti turistici di eccellenza, ma non esposto a flussi di massa Disponibilità, il più possibile esclusiva, del patrimonio immobiliare Residenzialità e abbandono Il successo delle iniziative di valorizzazione è connesso alla capacità di accrescere la qualità della vita della popolazione residente. Alcune formule progettuali dimostrano che lo sviluppo può essere garantito anche attraverso il recupero di borghi abbandonati. Risorse economiche Nella maggior parte dei casi, il capitale proviene da investitori privati. Tuttavia il successo sarà garantito dall integrazione di risorse private e di forme di finanziamento pubblico. 8

9 IMPATTI DELLE AZIONI DI VALORIZZAZIONE Impatti su popolazione e occupazione Coinvolgimento delle maestranze locali Gestione dei servizi e manutenzione delle opere realizzate Le possibili utenze 9

10 PER LA DEFINIZIONE DI UNA POLICY Azioni di valorizzazione integrata Integrazione interventi, attori (pubbliciprivati), risorse; semplificazione processi. Azioni di networking Azioni di comunicazione Azioni di formazione Azioni di qualità e certificazione Coordinamento, creazione di una rete di esperienze, progetti interregionali. Promozione e la diffusione delle conoscenze, diffusione di best practices. Accompagnamento per progetti pilota, formazione per lo sviluppo di figure professionali e imprenditoriali Politiche e disciplinari di qualità, marchi nazionali, promozione qualità e innovazione. 10

11 GRAZIE DELL ATTENZIONE 15 Dicembre 2012

PER UNA CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA E FUNZIONALE DEI BORGHI ITALIANI

PER UNA CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA E FUNZIONALE DEI BORGHI ITALIANI PER UNA CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA E FUNZIONALE DEI BORGHI ITALIANI 18 Ottobre 2012 Michele Esposto Presidente Borghi Srl esposto@iborghisrl.it Si propone una classificazione tipologica delle iniziative

Dettagli

Sextantio spa. da progetto culturale a modello di sviluppo sul territorio: la Tutela dei Borghi Minori Italiani. Concept

Sextantio spa. da progetto culturale a modello di sviluppo sul territorio: la Tutela dei Borghi Minori Italiani. Concept Sextantio spa da progetto culturale a modello di sviluppo sul territorio: la Tutela dei Borghi Minori Italiani Concept i borghi sono un patrimonio italiano importante, sistematicamente violato, ma che

Dettagli

RICCIA IL BORGO DEL BENESSERE

RICCIA IL BORGO DEL BENESSERE RICCIA IL BORGO DEL BENESSERE info@iborghisrl.it GLI STEP PROGETTUALI info@iborghisrl.it Novembre 2009 - Candidatura del PAI "Distretto del benessere" Novembre 2012 - Progettazione partecipata per la selezione

Dettagli

Vivere l Irpinia Modelli e Strategie di intervento per la valorizzazione dei borghi Michele Esposto Presidente Borghi Srl 5 febbraio 2013 - Avellino

Vivere l Irpinia Modelli e Strategie di intervento per la valorizzazione dei borghi Michele Esposto Presidente Borghi Srl 5 febbraio 2013 - Avellino Giornata di studi dedicata alla promozione e valorizzazione dei Borghi dell Irpinia Vivere l Irpinia Modelli e Strategie di intervento per la valorizzazione dei borghi Michele Esposto Presidente Borghi

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Albergo diffuso. Caratteristiche ed esempi

Albergo diffuso. Caratteristiche ed esempi . Caratteristiche ed esempi Introduzione Vorrei poter raccogliere nella mia mano le vostre case per sparpagliarle come un seminatore su foreste e prati: Vorrei che le valli fossero le vostre strade, e

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Geografia della Cultura

Geografia della Cultura Geografia della Cultura Fondi e progetti in sei regioni italiane 8 Master Economia e Management dell Arte e dei Beni culturali GEOGRAFIA DELLA CULTURA Qual è il valore del Sistema Cultura in Italia? Analisi

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

Borghi srl Sede Legale Via Piave, 10-71100 Foggia Sede Operativa Viale Tiziano, 80-00196 Roma

Borghi srl Sede Legale Via Piave, 10-71100 Foggia Sede Operativa Viale Tiziano, 80-00196 Roma PERCHÉ IL RATING? Il modello di Rating per i Borghi italiani è uno strumento di analisi e di valutazione delle potenzialità e delle criticità attinenti iniziative di sviluppo turistico ed immobiliare che

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

RISORSA SUD. Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia

RISORSA SUD. Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia Presentazione 10 settembre 2015, ore 11 SVIMEZ Via di Porta Pinciana, 6 Roma #RisorsaSud Tre aree di intervento Rilancio degli investimenti produttivi

Dettagli

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo SCHEDA N 6 Perugia - Italia PROMOTORE Comune di Perugia Abitanti 157.000, capoluogo di regione TEMPI Anno di avvio 2002 Anno di conclusione In corso di elaborazione Orizzonte temporale 2013 Note: Il Piano

Dettagli

Conferenza di apertura Bergamo, 25 settembre 2015. Avv. Stefano Mantella Direttore centrale strategie immobiliari e innovazione

Conferenza di apertura Bergamo, 25 settembre 2015. Avv. Stefano Mantella Direttore centrale strategie immobiliari e innovazione Conferenza di apertura Bergamo, 25 settembre 2015 Avv. Stefano Mantella Direttore centrale strategie immobiliari e innovazione Azioni per la migliore gestione del patrimonio immobiliare pubblico I DRIVER

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

PROTOCOLLO R.e.p.i.e.

PROTOCOLLO R.e.p.i.e. PROTOCOLLO R.e.p.i.e. L innovazione per rilanciare il comparto dell edilizia WWW.R.E.P.I.E.IT 1. PARTE GENERALE 2. OPERATORI ECONOMICI 3. AFFIDAMENTO LAVORI 4. OPERATORI FINANZIARI 5. FORNITORI TECNOLOGIA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE IL TURISMO, RISORSA PER LO SVILUPPO DELL ITALIA

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

Progetto Bollenti Spiriti. Giovani Open Space. Comune di Barletta

Progetto Bollenti Spiriti. Giovani Open Space. Comune di Barletta Regione Puglia Progetto Bollenti Spiriti Giovani Open Space Comune di Barletta Programma regionale per le Politiche giovanili Bollenti Spiriti Delibera Cipe n. 35/2005. Ripartizione delle risorse per interventi

Dettagli

Connessione sicura Username e password personalizzate

Connessione sicura Username e password personalizzate ! Connessione sicura Username e password personalizzate " Esisistono due livelli di credenziali di accesso, in ottemperanza della legge sulla privacy: 1. Livello Amministrazione - è ad uso del RESPONSABILE

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

<< BOLLETTINO N. 910 DEL 01.07.2014 >> Numero Avvisi di Gara in trasmissione: 25 - (dal Cod. 23955 al Cod. 23979) REGIONE LAZIO

<< BOLLETTINO N. 910 DEL 01.07.2014 >> Numero Avvisi di Gara in trasmissione: 25 - (dal Cod. 23955 al Cod. 23979) REGIONE LAZIO > Numero Avvisi di Gara in trasmissione: 25 - (dal Cod. 23955 al Cod. 23979) REGIONE LAZIO ENTE: PROVINCIA DI FROSINONE (FR) - Recapiti: Piazza Gramsci, 13-03100 -

Dettagli

JESSICA- Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas

JESSICA- Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas www.pwc.com JESSICA- Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas Cagliari 13 Giugno 2011 Contenuti Il Contesto Come funziona JESSICA FSU Efficienza Energetica /Energia Rinnovabile Progetti

Dettagli

I BORGHI DEL MOLISE: NUOVE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO

I BORGHI DEL MOLISE: NUOVE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO 05 GIUGNO 2013 MILANO Micaela Fanelli - Sindaco di Riccia (CB) - Delegato per le politiche Comunitarie - Membro dell Ufficio di Presidenza ANCI I BORGHI DEL MOLISE: NUOVE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO CHE

Dettagli

Progettazione e consulenza per dare valore all identità di un territorio e delle persone che lo vivono.

Progettazione e consulenza per dare valore all identità di un territorio e delle persone che lo vivono. Progettazione e consulenza per dare valore all identità di un territorio e delle persone che lo vivono. Multidisciplinarità per realizzare progetti complessi e articolati, che richiedono l integrazione

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

POLIS INNOVAZIONE&SVILUPPO srl COMPANY PROFILE

POLIS INNOVAZIONE&SVILUPPO srl COMPANY PROFILE POLIS INNOVAZIONE&SVILUPPO srl COMPANY PROFILE INDICE 1. Il Profilo societario ed i servizi... 3 1.1. Il Profilo societario... 3 1.2. I Servizi... 3 1.2.1. Servizi alla Pubblica Amministrazione... 3 1.2.2.

Dettagli

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie Pagina1 Formazione e Informazione Itinerante sui LL.PP. per la Pubblica Amministrazione, Liberi professionisti, Imprese Giornata di Studio Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche:

Dettagli

presenta L Albergatore Day 2015

presenta L Albergatore Day 2015 presenta L Albergatore Day 2015 Cos è L unico evento dell anno dedicato al mondo degli Alberghi, curato ed organizzato da oltre 10 anni da Federalberghi Roma, con l obiettivo di favorire occasioni d incontro

Dettagli

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori Un villaggio di idee llll percorso IInFormatiivo dii sviilluppo llocalle SIICIILIIA 2015 Processo Informale di Concertazione verso la creazione della Rete delle Comunità per lo sviluppo sostenibile e integrato

Dettagli

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7.

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7. Elementi di sintesi del piano Progetto di Innovazione Industriale Efficienza energetica per la competitività e lo sviluppo sostenibile Industria 2015 1 Agenda 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche

Dettagli

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI. NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI. NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI PER L ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI NEL COMPARTO NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto INDICE 1. Contesto di riferimento 2. Obiettivi del progetto 3. Gli

Dettagli

Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA. Ing. Claudia Bettiol

Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA. Ing. Claudia Bettiol Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA Table of Content Stato Attuale e Scenari 3 Tematiche 4 L opportunità 5 Strategie congiunte Il Quadro d insieme 6

Dettagli

Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto

Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto 1. INFORMAZIONI GENERALI SUL REGIME DI AIUTO DA ATTIVARE 1.1 PISL: ContrATTO IMPrESA Contributo all Azione Territoriale per l Occupazione qualificata.

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM CONVEGNO AREE INDUSTRIALI E POLITICHE DI PIANO 30 gennaio 2014 Roma Università Roma Tre Dipartimento di Architettura Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

Comune di Monte S. Maria Tiberina Provincia di Perugia

Comune di Monte S. Maria Tiberina Provincia di Perugia Comune di Monte S. Maria Tiberina Provincia di Perugia UFFICIO TECNICO COMUNALE Via Santa Croce, 12 06010 Monte Santa Maria Tiberina (PG) Tel. 075/8571003-4 - Fax: 075/8571070 - E-mail: tecnicomsmt@libero.it

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

AGEVOLAZIONI ATTIVE DELLA REGIONE PUGLIA

AGEVOLAZIONI ATTIVE DELLA REGIONE PUGLIA AGEVOLAZIONI ATTIVE DELLA REGIONE PUGLIA TITOLO II, CAPO III Aiuti agli investimenti alle Micro Piccole e Medie Imprese Regione: Puglia TITOLO II, CAPO VI Aiuti agli investimenti delle PMI turistiche Regione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Annalisa Del Prete, Catia Zumpano - 1 Aprile 2014, Sala Cavour- Mipaaf Indice - L approccio di genere nelle politiche

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero A cura del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Dott. Geom. Alessio Gallo Iscritto al collegio dei Geometri e dei Geometri

Dettagli

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Prof. Gianfranco Viesti Presidente dell ARTI (in collaborazione con Prof. Pierfelice Rosato, Un. Salento) Forum Regionale del Turismo Bari 24 maggio

Dettagli

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale 1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale Piano di azione promuovere la razionalizzazione e il rinnovamento dell offerta culturale Valorizzare le attività culturali come fattore

Dettagli

P I E R F R A N C E S C O M I L A N A

P I E R F R A N C E S C O M I L A N A P I E R F R A N C E S C O M I L A N A DATI ANAGRAFICI Nato a Roma il 24 gennaio 1960 Residente in Roma Via Siviglia 10 00144 C.F. MLN PFR 60 A 24 H 501 L P. iva 10042291004 ESPERIENZE PROFESSIONALI Torriani

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

Un modello di sviluppo territoriale turistico e culturale: dall'analisi strategica al modello operativo. Fabio Guerra. Roma, 27 febbraio 2015

Un modello di sviluppo territoriale turistico e culturale: dall'analisi strategica al modello operativo. Fabio Guerra. Roma, 27 febbraio 2015 Un modello di sviluppo territoriale turistico e culturale: dall'analisi strategica al modello operativo Fabio Guerra Roma, 27 febbraio 2015 Argomenti trattati: Programmazione strategica: - La definizione

Dettagli

Weekend PASS in breve

Weekend PASS in breve Weekend PASS in breve è un prodotto promo/incentivazionale presente sul mercato italiano da quasi 10 anni, utilizzato da importanti aziende per fidelizzare e gratificare i propri clienti. è un voucher

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca 4 aprile 2014 i 100 anni Maserati Da dove veniamo? Declino & trasformazione 1974 1975

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

CONSIDERAZIONI GENERALI

CONSIDERAZIONI GENERALI CONSIDERAZIONI GENERALI Un marchio di fabbrica nazionale Una straordinaria concentrazione di valori artistici, storici e paesaggistici caratterizza in modo singolare il nostro Paese nel mondo. Non di soli

Dettagli

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Intervento a Metano e Trasporti per il governo della

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese Paola Casagrande Responsabile Settore Offerta Turistica Regione

Dettagli

1 Agevolazioni a favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'obiettivo «Convergenza».

1 Agevolazioni a favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'obiettivo «Convergenza». 1 Agevolazioni a favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'obiettivo «Convergenza». SETTORI DI ATTIVITÀ: Artigianato, Commercio, Pubblico, Industria, Servizi/No

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 213 Sommario IL MERCATO DEL PROJECT

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO

I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO 1. IMPRESE AL CENTRO PROGETTO SVILUPPO DEL MANIFATTURIERO - Alessandro Spada, Consigliere Incaricato Sviluppo manifatturiero e Internazionalizzazione

Dettagli

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom Roma, 23 aprile 2004 Michele Resta Area Attrazione Investimenti Sviluppo Italia: una mission, tre linee

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico

Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico Tavolo n. 1. La dimensione strutturale dell economia di Jesi prima riunione Jesi, 7 ottobre 2008 Il processo del piano Il piano strategico sarà condotto

Dettagli

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1 ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO pg 1 TIPOLOGIA DELLA SCUOLA MEDIA Aree disciplinari e diversi percorsi di studio Conoscenza di sé le proprie attitudini il proprio modo di porsi nei confronti dell impegno

Dettagli

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione Accordo di partenariato 2014-2020 I fondi europei per la coesione 4 Novembre 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione(o politica regionale comunitaria)

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

Un piano per. Struttura di Missione per. dell edilizia 42.200 8.500 41.370. 368.000 classi 7.880.000 alunni. a.s. 2014/2015. Oltre 21.

Un piano per. Struttura di Missione per. dell edilizia 42.200 8.500 41.370. 368.000 classi 7.880.000 alunni. a.s. 2014/2015. Oltre 21. Struttura di Missione per dell edilizia Un piano per Ministero dello Sviluppo Economico 42.200 8.500 41.370 368.000 classi 7.880.000 alunni Oltre 21.000 a.s. 2014/2015 Struttura di Missione per la riqualificazione

Dettagli

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA IL MODELLO DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO DELLE MARCHE E LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA Simona Teoldi ECONOMIA E CULTURA Cultura come volano trasversale

Dettagli

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione)

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Giovanni B. Montironi 7.09.1998 Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Su iniziativa della Amministrazione

Dettagli

UBI Comunità al servizio del non profit. 23 ottobre 2014

UBI Comunità al servizio del non profit. 23 ottobre 2014 UBI Comunità al servizio del non profit 23 ottobre 2014 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 1 Gruppo bancario cooperativo italiano per capitalizzazione Circa 3,7 mln di clienti:

Dettagli

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Città di Noto STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Azione di promozione e di marketing internazionale del Distretto del Sud Est per l incremento e la destagionalizzazione dei flussi turistici Noto, 27 novembre

Dettagli

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA CULTURALE, SCIENTIFICO, TURISTICO, SPORTIVO ED ENOGASTRONOMICO

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

FIA - Fondo Investimenti per l Abitare. Made Expo 2015. Milano, 20 Marzo 2015. Strettamente Riservato e Confidenziale

FIA - Fondo Investimenti per l Abitare. Made Expo 2015. Milano, 20 Marzo 2015. Strettamente Riservato e Confidenziale FIA - Fondo Investimenti per l Abitare Made Expo 2015 Milano, 20 Marzo 2015 Strettamente Riservato e Confidenziale 1 Il Fondo Investimenti per l Abitare in sintesi Il Fondo Investimenti per l Abitare («FIA»):

Dettagli