Piano dell OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2014/15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2014/15"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE C. E. GADDA Via L. da Vinci, Paderno Dugnano (MI) Tel Fax cegaddaiisgadda.it, Posta certificata: C.F Cod. scuola : MIIS04100T MITD MIPS Piano dell OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2014/15 Indirizzi: Liceo linguistico, Liceo scientifico Istituto tecnico - settore Economico: Amministrazione, Finanza e Marketing settore Tecnologico: Grafica e Comunicazione Nel 2012 l Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia ha attribuito all Istituto C.E.Gadda l Attestato di Internazionalizzazione Progetto ESABAC: dall a. s. 2014/2015, nei percorsi del Liceo linguistico e dell Istituto tecnico Amministrazione Finanza e Marketing, è possibile conseguire simultaneamente il Diploma di Istruzione Superiore della Repubblica Italiana e il Baccalauréat francese

2 INDICE Capitoli/Paragrafi Pagina PREMESSA Alcune riflessioni sulla cultura dell istituto Tipologia e finalità dell istituto 3 1. IL GADDA OGGI 4 La sede Come raggiungerci Orario delle lezioni Modalità di ricevimento del pubblico 2. LA STORIA Progetto Esabac 2.2. Attestato di eccellenza 3. GLI SPAZI DISPONIBILI LA MAPPA FORMATIVA Il liceo linguistico 4. 2 Il liceo scientifico 4. 3 Gli istituti tecnici Amministrazione, finanza e marketing Grafica e comunicazione 4.4 Insegnamento Cittadinanza e Costituzione 5. GLI INTERVENTI DIDATTICI ED EDUCATIVI INTEGRATIVI 5.1. Organizzazione dei corsi di recupero 5.2. Modalità e tempi di valutazione dell apprendimento 5.3. Criteri di promozione e non promozione 5.4. Criteri di assegnazione del voto di comportamento 5.5. Criteri di attribuzione dei crediti formativi e scolastici ORGANIGRAMMA Profili funzionali 6.2. Commissioni 6.3. Servizi per studenti e famiglie 6.4 Approfondimenti per esame di Stato 7. INTEGRAZIONI ANNUALI 31 2

3 PREMESSA Alcune riflessioni sulla cultura dell istituto L Istituto C. E. Gadda propone un idea di studio come fondamento di crescita interiore e di dignità umana. La famiglia e l ambiente nei quali l'adolescente vive appartengono a una determinata cultura che comprende tradizioni, costumi, abitudini, atteggiamenti, modelli di valutazione, conoscenze; pertanto, è in rapporto con tali fattori che l'adolescente sviluppa la propria peculiare personalità, inconfondibile rispetto alle altre. L'inserimento nel nuovo ambiente, l'instaurarsi di nuovi contatti umani, la necessità di utilizzare nuovi mezzi e strumenti determinano la trasformazione del modo di pensare, di parlare e di agire. L'adolescente che arriva per la prima volta al Gadda entra in contatto con una nuova cultura con la quale, non senza difficoltà, deve imparare a confrontarsi. Oggi l ideale educativo è riferito a un soggetto capace di conoscere e valutare realtà complesse, di orientarsi in un mondo di valori concorrenziali, disponibile ad apprezzare anche ciò che è nuovo e diverso, senza sminuire la propria identità e la propria cultura. Al Gadda si cerca di educare i ragazzi verso una dimensione locale, nazionale ed europea, nell intento di promuovere una comprensione reciproca volta al riconoscimento e all accettazione delle differenze. Il Gadda non è un istituzione isolata dal resto della società, ma opera a contatto costante con l ambiente extrascolastico e collabora con agenzie educative riconducibili ad altri ambiti della società, in rapporto di reciproco influsso. L istituto cerca di fare da filtro, nel rispetto della specificità di ciascuno, per permettere al discente di conoscere e interpretare la realtà in autonomia, con metodo sistematico e non dispersivo, senza oscillare tra una moda e l altra. L educazione dell'adolescente non passa esclusivamente attraverso la scuola, ma necessita della costante collaborazione della famiglia. Il processo educativo può essere, almeno in parte, visto come un progressivo avvicinamento tra il comportamento reale e quello ideale; a ciò contribuisce anche il meccanismo di controllo sociale (famiglia, gruppi, istituzioni) che, attraverso la sanzione dei comportamenti e degli atteggiamenti negativi e i meccanismi di gratificazione per quelli positivi, ottiene, in tempi più o meno lunghi, l inserimento organico dell individuo nella società. Affinché si possano raggiungere i migliori risultati non solo conoscitivi, ma soprattutto nella crescita globale dell'adolescente come persona, è evidente la necessità che tutti gli attori si impegnino in un assoluta collaborazione basata sulla condivisione degli obiettivi e delle strade da percorrere insieme per perseguirli, in un contesto di massima fiducia, facendo cadere la logica della contrapposizione dei ruoli, spesso conflittuale, sempre deleteria e sterile. Tipologia e finalità dell istituto L Istituto C. E. Gadda si pone come un istituzione educativa erogatrice di un servizio finalizzato all arricchimento umano, culturale e professionale degli alunni. Per il raggiungimento di tale fine, l Istituto progetta e pone in essere le necessarie iniziative didattico-pedagogiche sia al proprio interno, sia stabilendo collaborazioni con le famiglie, sia con le espressioni della società nella sua articolazione territoriale. In questo modo l Istituto tende a caratterizzarsi come luogo privilegiato di educazione e formazione, volto a rendere gli studenti consapevoli e autonomi nel loro sviluppo, valorizzandone potenzialità e capacità intrinseche, in una prospettiva di sviluppo in chiave locale, nazionale ed europea. Inoltre, l Istituto, poiché ritiene lo studente la figura centrale dell intero sistema educativo, cerca di ovviare a eventuali problemi adolescenziali. Pertanto ricerca i processi più idonei a favorire: il conseguimento di identità personali, attraverso lo studio e l acquisizione di conoscenze, competenze e capacità; 3

4 il contenimento dell insuccesso e della dispersione scolastica attraverso azioni di accoglienza, orientamento, riorientamento e potenziamento, facilitando anche eventuali passaggi ad altri indirizzi di studi; la certificazione delle competenze, l analisi dei fattori motivazionali, attitudinali, nonché nelle variabili in fatto di aspirazioni e capacità in una logica di educazione flessibile; il progressivo prevalere di criteri per il riconoscimento e il rispetto delle diversità individuali e culturali. L Istituto si richiama alla sua tradizione più che trentennale di scuola-laboratorio, caratterizzata da una continua analisi dei bisogni formativi, dalla collegiale definizione di obiettivi, contenuti e metodi declinati in forma di progettazione e programmazione. Allo stesso spirito di ricognizione della realtà la scuola si richiama per adeguare costantemente la propria struttura alle necessità sociali, economiche e culturali del territorio, senza subordinarsi acriticamente a esse. 1. IL GADDA OGGI La sede ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE C. E. GADDA Liceo Linguistico e Liceo Scientifico Istituto tecnico Settore economico - Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto tecnico Settore tecnologico - Indirizzo Grafica e Comunicazione Via Leonardo da Vinci n. 18, Paderno Dugnano (MI) Tel Fax / sito: Posta certificata: C.F Cod. scuola : MIIS04100T MITD MIPS Come raggiungerci La scuola è adiacente al Parco del Seveso, immersa in un ampia area verde, con antistante un parcheggio comunale. In treno Trenord - 15 minuti a piedi dalla stazione di Paderno Dugnano 4

5 In auto - Uscita n. 4 della S.S superstrada Milano-Meda. In bus Diverse linee comunali, provinciali e regionali, prevedono fermate in prossimità dell'istituto. Orario delle lezioni Prima ora Seconda ora Terza ora Intervallo Quarta ora Quinta ora Sesta ora Intervallo SOLO PER LE CLASSI DEL TECNICO Settima ora Ottava ora Sia i licei che gli istituti tecnici hanno un orario di lezione che si svolge dal lunedì al venerdì; per gli istituti tecnici, Amministrazione, Finanza e Marketing, Grafica e Comunicazione, sono previsti rientri pomeridiani (7^ - 8^ ora). Al mattino l ingresso per tutti gli studenti sarà possibile dalle h Modalità di ricevimento del pubblico Dirigente scolastico Il dirigente scolastico riceve i genitori e gli studenti solo su appuntamento. Chi fosse interessato deve rivolgersi, anche telefonicamente, in segreteria docenti e concordare l'orario con l ufficio. Vicario 5

6 Il vicario riceve i genitori su appuntamento; gli studenti possono recarsi in vicepresidenza solo ed esclusivamente durante gli intervalli. I genitori devono prenotare il colloquio, anche telefonicamente, attraverso la segreteria docenti. Docenti L'orario di ricevimento dei docenti viene reso noto alle famiglie tramite circolare, una copia della quale è appesa nelle aule. I docenti potranno ricevere indicativamente fino a 5 famiglie durante l'ora settimanale assegnata, per permettere una comunicazione didatticamente significativa. Chi fosse interessato deve comunicare al docente la propria richiesta mediante i moduli che saranno a disposizione nelle bidellerie dei piani. Sono inoltre previsti due colloqui pomeridiani dopo la pagella del primo periodo, uno per i genitori degli studenti del biennio, uno per i genitori degli studenti del triennio. Segreteria La segreteria è aperta tutti i giorni nei seguenti orari: e LA STORIA L I.I.S.S. C. E. GADDA si presenta come una struttura complessa nell articolazione degli spazi e nell organizzazione delle attività scolastiche sia sul piano didattico sia su quello gestionale. L Istituto ha alle spalle una storia di ricerca e innovazione iniziata nel 1976, durante la quale, in fasi successive, si è andata maturando e definendo una proposta sempre più articolata e una concezione sempre più chiara delle funzioni in cui si esplica l attività scolastica, delle reciproche interconnessioni, delle figure e degli organismi cardine di un meccanismo assai complesso. Gli schemi seguenti offrono l opportunità di seguire, secondo una scansione temporale, l evolversi della riflessione sulla didattica e sull organizzazione. 6

7 ANNI DIDATTICA/ATTIVITÀ STRUTTURA/STRUMENTI Eliminazione degli esami di riparazione a settembre. Elaborazione di un progetto maxisperimentale su tre indirizzi: economico aziendale, giuridico amministrativo, linguistico moderno. Programmazioni biennio unitario propedeutico. Attivazione tirocini in azienda e studi professionali - alternanza Scuola/Mondo del Lavoro Attuazione trienni sperimentali:economicoaziendale; Giuridico-amministrativo; Linguistico moderno. Attivazione indirizzo grafico Revisione globale progetto di sperimentazione. Alternanza Scuola/Mondo del Lavoro. Attivazione stage all estero per il triennio linguistico. Attività di orientamento/riorientamento Iniziative con Enti locali. Progetto Accoglienza: Progetto START Antidispersione. Introduzione Area di progetto nelle classi quinte. Attivazione di progetti europei (Petra e Lingua). Giornale studentesco. Laboratorio teatrale. Ridefinizione per moduli dell impianto dell indirizzo grafico. Attivazione di corsi post-diploma nel settore grafico in collaborazione con in Consorzio di Formazione Professionale di Cormano. Partecipazione a progetti di educazione ambientale (COMENIUS). Progetto Lingua Impianto primi laboratori. Acquisto macchine da scrivere e da calcolo. Trasferimento nella sede di via Leonardo da Vinci Potenziamento strutture informatiche. Potenziamento dei laboratori. Acquisto volumi per la biblioteca ed inserimento della biblioteca nel sistema bibliotecario territoriale Sportello studenti. Ulteriore potenziamento delle strutture informatiche e multimediali. Acquisto di un laboratorio multimediale per l indirizzo linguistico. Progetto Tutti in rete. Pagina WEB dell Istituto. Potenziamento del laboratorio Grafico dell indirizzo Grafico con messa in rete dei Macintosch. 7

8 Attivazione del Liceo Scientifico. Prima fase di realizzazione del progetto Leonardo (scambi studenteschi fra l indirizzo Grafico e l Istituto Bobygrafiska di Sunne, Svezia). Inizio della riformulazione della programmazione didattica del biennio nell ambito del progetto territoriale Siforint di cui la scuola è capofila. Progetto pilota invalsi classi prime e terze per la valutazione. Stage presso il Dipartimento di matematica del Politecnico di Milano. Modulo CLIL (Content and language Integrated Learning) nell indirizzo Grafico. Stage all estero per gli indirizzi Scientifico e Grafico: lezione in lingua straniera per le discipline scientifiche e artistiche. Approfondimento dello studio della lingua straniera con insegnante madrelingua per il Liceo Scientifico. Corso integrativo di laboratorio di chimica per il Liceo Scientifico. Progetto Teorema Bicocca. Progetto Efficienza energetica nelle scuole. Progetto Scommettiamo sul futuro. Progetto Musica-arte-letteratura. Progetto Il quotidiano in classe. Progetto Abilmente Collaborazione con CAP (Consorzio per le Acque Potabili) e Assessorato all ambiente del Comune di Paderno Dugnano. Conseguimento della Certificazione della Qualità secondo la norma ISO 9001/2000 (giugno 2003). Informatizzazione degli scrutini a partire dall anno scolastico Rifacimento del sito dell Istituto. Sportello ascolto genitori per dispersione scolastica. 8

9 2010/2015 Riforma secondaria secondo grado: licei Linguistico e Scientifico, istituti tecnici Amministrazione, finanzia e marketing e Grafica e comunicazione. Stage presso Università milanesi. Partecipazione al concorso I giovani e le scienze. Frequenza, da parte di diversi studenti, di un anno scolastico all estero, con la collaborazione di Intercultura e del Rotary Varedo - Seveso Progetto Il quotidiano in classe. Progetto L altro a scuola gruppo intercultura. Progetto Martina (classi prime e seconde), per la prevenzione dei tumori giovanili. Progetto Unplagged, per la prevenzione delle tossicodipendenze. Alcuni studenti fungono da guide in siti storico-artistici e naturalistici del territorio Progetto Supermilano, in collaborazione con il Comune. Alcuni studenti insegnano lingue straniere e matematica nelle scuole primarie e secondarie del distretto. Alcuni studenti fungono da guide alla Mostra Magretti in scuole di grado inferiore del Comune. Collaborazione con il FAI per lo studio della collezione grafica Lazzaroni Scambio linguistico-culturale di quattro settimane tra alunni che studiano spagnolo come seconda lingua e due studenti spagnoli del liceo Lope de Vega di Benidorm. Rassegna Cinematografica in lingua originale (inglese, francese, spagnolo, tedesco) presso il cinema Area Metropolis 2.0 in collaborazione con Cineteca Italiana e la Rete Intercultura di Paderno Dugnano. Progetto ESABAC nel Liceo Linguistico e nell indirizzo Amministrazione, finanza e Marketing. Attivazione di Learning week. Sportello ESAGONO, in collaborazione con AFOL Nord Milano, per l orientamento in entrata. Progetti finanziati dalla Provincia e dal Comune di Paderno Dugnano. Collaborazione con la polizia locale e le Forze dell ordine. Formazione sulla sicurezza stradale patrocinata dal MIUR, rivolta ad alcune classi del biennio. Programmazioni disciplinari del primo e del secondo biennio e delle classi quinte. Programmazione dell insegnamento Cittadinanza e costituzione. Rifacimento del sito dell Istituto. Autorizzazione per l attivazione del corso ESABAC. Sportello ESAGONO per orientamento in entrata L Istituto ottiene l attestato di Internazionalizzazione CertINT2012 9

10 2.1. PROGETTO ESABAC L EsaBac (ESAME DI STATO italiano e BACCALAURÉAT francese) è una proposta educativa che consente agli allievi italiani e francesi di conseguire simultaneamente due diplomi a partire da un solo esame: l Esame di Stato italiano e il Baccalauréat francese. Questo doppio rilascio di diplomi, reso possibile grazie all accordo intergovernativo firmato il 24 febbraio 2009 dal Ministero italiano dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR), e dal Ministero francese dell Educazione nazionale, convalida un percorso scolastico bi-culturale e bilingue. Si tratta di un percorso di formazione integrato all'esame di Stato, di una durata di tre anni (triennio). All'inizio del triennio, gli allievi devono avere un livello di lingua B1 in francese; la formazione ricevuta permette loro di raggiungere almeno il livello B2 al momento dell'esame. Il piano di studi deve prevedere - a partire dal terzo anno - lo studio in lingua francese della letteratura dal Medioevo a oggi (4 ore settimanali) e della storia (2 settimanali). Per le altre materie, gli allievi seguono i programmi nazionali. L Esame di Stato è integrato da una quarta prova così strutturata: - quattro ore per Lingua e letteratura francese (scelta tra analisi del testo e saggio breve); - due ore per Storia in francese (scelta tra composizione e studio analisi di documenti scritti e/o iconografici). Le competenze relative alla lingua e letteratura francese sono verificate anche in sede di Colloquio dell Esame di Stato. I candidati che hanno superato con successo sia le prove dell Esame di Stato sia le due prove specifiche dell EsaBac conseguono il diploma d Esame di Stato ed il Baccalauréat. Un eventuale valutazione negativa delle prove d esame EsaBac non inficia la validità dell Esame di Stato italiano. Le indicazioni operative prevedono che le scuole aderenti al progetto assicurino: il coinvolgimento di almeno un intera classe; il rispetto dei vincoli del monte ore annuale delle due discipline interessate (4 ore per Letteratura francese, 2 ore per Storia in francese); l adesione al piano di formazione incrociata, a cui parteciperanno i docenti di Lingua francese, e congiunta, a cui parteciperanno i docenti di Storia veicolata in francese; l adesione alle indicazioni di lavoro per le due discipline coinvolte, fornite dalla Commissione Tecnica. Il percorso EsaBac permette agli allievi di acquisire la lingua e la cultura del Paese partner studiando in modo approfondito, in una prospettiva europea ed internazionale, i contributi della letteratura italiana e della letteratura francese. Il programma di storia ha l ambizione di costruire una cultura storica comune ai due Paesi, di fornire agli allievi le chiavi di comprensione del mondo contemporaneo e di prepararli ad esercitare le loro responsabilità di cittadini europei. Nell anno scolastico 2013/14 l Istituto è stato autorizzato dal MIUR per attuare l EsaBac in alcune classi prime dell amministrativo e del linguistico, a partire dall a. s. 2015/16. 10

11 2.2 ATTESTATO DI ECCELLENZA Attestato di internazionalizzazione Nel 2012, l Ufficio Scolastico della Lombardia ha attribuito all Istituto C. E. Gadda il prestigioso attestato di internazionalizzazione 2012 (CertINT2012), con il quale vengono premiati annualmente gli istituti di ogni ordine e grado che si sono distinti per scelte che favoriscono l internazionalizzazione e l intercultura. Queste le motivazioni del riconoscimento: per aver adottato misure e azioni per favorire la comunicazione e la circolazione delle conoscenze in una società caratterizzata da ampi scambi internazionali; per aver realizzato percorsi di educazione interculturale; per aver assunto la diversità come paradigma dell identità stessa della scuola nel segno del pluralismo e dell attenzione a tutte le differenze. 3. Gli spazi disponibili L Istituto C. E. Gadda offre, da questo punto di vista, spazi dotati di strumentazioni adeguate al settore disciplinare di riferimento, nonché la possibilità di usufruire di sussidi didattici avanzati. La sede dell Istituto è una struttura moderna, funzionale, che consente un facile accesso anche ai portatori di handicap, grazie alla presenza di rampe inclinate e di un ascensore. L Istituto dispone di un ampio spazio verde, attrezzato per vari sport, e di un parcheggio interno coperto, non custodito, per cicli e motocicli, a cui si aggiunge un vasto parcheggio esterno per automobili. La sede dell Istituto è facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto pubblico. A disposizione degli utenti vi sono macchine erogatrici di bevande calde e fredde e un servizio di ristorazione attivo dalle ore 8 fino alle L Istituto può contare sulla disponibilità dei seguenti spazi: N 48 aule, di cui due con servizi igienici adiacenti attrezzati per alunni diversamente abili. N 6 aule per classi bilingue. N 1 Laboratorio di fisica. Dotato di 4 banconi attrezzati per svolgere esperienze di gruppo, possiede le apparecchiature e la strumentazione utili a illustrare sperimentalmente buona parte del programma di fisica di tutti gli indirizzi. N 2 Laboratori di chimica. Adiacenti e comunicanti, dispongono di banconi attrezzati per esperienze individuali o di gruppo. Le esperienze condotte consentono di acquisire modalità tecniche per svolgere semplici analisi qualitative e quantitative. N 1 Laboratorio di biologia. Pensato per un impiego integrato con i laboratori di chimica, è possibile svolgervi osservazioni scientifiche e semplici esperimenti. N 2 Laboratori di lingue. Il primo è attrezzato con 30 postazioni per attività audiovisive e collegamento a Internet; il secondo, multifunzionale, è attrezzato con 15 postazioni doppie dotate di monitor con funzione audio video lettore Cd, Cdrom, Dvd, collegamento a Internet. Ai laboratori linguistici accedono in modo particolare le classi della sperimentazione linguistica, ma è utilizzato in modo sistematico anche dalle classi di altri indirizzi. N 2 Laboratori di informatica. Dotati di collegamento in rete, uno dei quali con 20 postazioni e l altro con 15 postazioni, i laboratori sono usati intensamente per esercitazioni tanto di informatica quanto di altre materie. N 3 Laboratori di grafica. I primi due sono dotati rispettivamente di 10 tavoli luminosi e di 20 Mac con server. Il terzo dispone di 21 PC collegati in rete con sistema operativo Window 7, server, videoproiettore, 4 tavoli luminosi, stampante a colori. N 1 Aula informatica docenti. Dispone di PC collegati in rete con accesso a Internet, una copiatrice multifunzione e una stampante a uso esclusivo dei docenti. N 1 Sala docenti. 11

12 N 1 Sala ricevimento parenti. N 1 Infermeria. N 1 Centro stampa. N 1 fotocopiatrice per gli studenti (funzionante con tessera prepagata). N 1 Sala audiovisivi/proiezioni con PC, videoproiettore e accesso a Internet. N 2 Aule LIM con Lavagna interattiva multimediale e collegamento a Internet. N 1 Aula assistenti tecnici. N 1 Aula video con TV, videoregistratore DVD e DVX. N 1 Aula Magna, dotata di PC con videoproiettore e collegamento a Internet. N 2 Sale riunioni per docenti, dotate di PC con programma RIDER OCR, scanner e stampante collegata in rete. N 1 Sala bar con piatti caldi e freddi. N 2 Palestre e N 2 Campi esterni. Le palestre interne possono essere suddivise in due campi ciascuna, permettendo a più classi di fare lezione contemporaneamente. Nella parte esterna gli studenti possono sfruttare un'area adibita allo sport, con due campi da basket, uno da tennis, uno di pallavolo, una pista da 100 mt., una pista per il salto in lungo e infine uno spazio per il lancio del peso. Uffici: - presidenza; - vicepresidenza; - ufficio del D.S.G.A.; - amministrativi (didattica, studenti, personale docente e ATA); - commissione Scuola/Mondo del Lavoro - commissione orientamento. N 1 Biblioteca in rete con volumi disponibili. La Biblioteca dell IIS C. E. Gadda costituisce la seconda biblioteca del territorio di Paderno Dugnano e aggiunge il proprio patrimonio documentario, che ammonta a più di volumi, a quello delle quaranta biblioteche associate al Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest. Il Patrimonio si caratterizza in particolare per la presenza qualificata di libri, quotidiani e riviste in lingua straniera. È dotata di cinque PC con collegamento a Internet. La biblioteca è costituita da: una sala archivio, in cui i volumi sono classificati con il sistema Dewey e in cui gli utenti possono trovare anche libri di testo, riviste specializzate, CD multimediali, quotidiani; una sala lettura disponibile per la consultazione di enciclopedie, dizionari, volumi in lingua italiana straniera esclusi dal prestito e dotata di due PC con lettore CD e collegamento Internet; un emeroteca, con riviste e quotidiani in lingua italiana e straniera. Nel patrimonio della biblioteca è confluito nel 1988 il Fondo Fortini, quale segno di stima da parte di questo insigne intellettuale nei confronti dell Istituto Gadda. 4. LA MAPPA FORMATIVA L Istituto di Istruzione Superiore Statale Carlo Emilio Gadda propone quattro diversi indirizzi di studio di carattere sia liceale (liceo linguistico e liceo scientifico) che tecnico (indirizzo Amministrazione, finanza e marketing e Grafica e Comunicazione). 4.1 IL LICEO LINGUISTICO Risultati specifici di apprendimento di fine quinquennio. Liceo linguistico Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità, a maturare le competenze necessarie per acquisire la padronanza comunicativa di tre 12

13 lingue, oltre l italiano e per comprendere criticamente l identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse (D.P.R. n.89 del 15 marzo 2010, art. 6 comma 1). Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: avere acquisito in due lingue moderne strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento; avere acquisito in una terza lingua moderna strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento; saper comunicare in tre lingue moderne in vari contesti sociali e in situazioni professionali utilizzando diverse forme testuali; riconoscere in un ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate ed essere in grado di passare agevolmente da un sistema linguistico all altro; essere in grado di affrontare in lingua diversa dall italiano specifici contenuti disciplinari; conoscere le principali caratteristiche culturali dei paesi di cui si è studiata la lingua, attraverso lo studio e l analisi di opere letterarie, estetiche, visive, musicali, cinematografiche, delle linee fondamentali della loro storia e delle loro tradizioni; sapersi confrontare con la cultura degli altri popoli, avvalendosi di occasioni di contatto e di scambio. Piano degli studi 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura latina 2 2 Lingua straniera 1* Lingua straniera 2* Lingua straniera 3* Storia e Geografia 3 3 Storia Filosofia Matematica ** Fisica Scienze naturali*** Storia dell Arte Scienze motorie e sportive Religione/Ora alternativa Totale ore settimanali * È compresa un ora settimanale di conversazione con l insegnante madrelingua. ** Con elementi di informatica. *** Biologia, Chimica, Scienze della Terra. Profilo culturale ed educativo Per questo indirizzo, di marcata impronta umanistica, il modello ministeriale prevede: un monte ore totale di 27 nel biennio e 30 nel triennio; lo studio di tre lingue straniere con la presenza del docente madrelingua a fianco dell insegnante curricolare; l inserimento del latino nel biennio iniziale. 13

14 Il triennio si caratterizza per la forte presenza dell area linguistico-letteraria, integrata dall apporto dell area scientifica e storico-filosofica, che sostengono il solido impianto culturale del curricolo. A integrazione dell offerta formativa, gli studenti potranno accedere agli esami di certificazione esterna per le lingue straniere; i docenti curano la preparazione dei candidati e forniscono l assistenza per le procedure di iscrizione; l Istituto è sede di certificazione Trinity e collabora con il British Council, il Goethe Institut, l Institut Français, l Instituto Cervantes. Il possesso degli attestati di certificazione sostituisce, presso alcune Facoltà universitarie, un esame di lingua straniera o dà diritto a crediti, a seconda del Corso di Laurea. È inoltre attivo il progetto EsaBac che offre la possibilità di ottenere un doppio diploma, italiano e francese (cfr. punto 2.1) Si offre inoltre la possibilità di realizzare uno scambio di quattro settimane con un liceo spagnolo per alcuni allievi che studino spagnolo come seconda lingua. Al termine del quinquennio, lo studente consegue il Diploma di Liceo Linguistico, col quale può accedere a qualsiasi corso universitario, oppure inserirsi direttamente nel mondo del lavoro, orientandosi verso carriere afferenti al campo della comunicazione e delle pubbliche relazioni, e comunque laddove sia richiesta una specifica padronanza delle lingue straniere. Tali competenze si declinano nell ambito di una formazione più ampia, critica, non disgiunta da capacità operative. Programmazione didattica e proposte formative La programmazione del liceo linguistico dell Istituto Gadda è stata formulata a partire dalla riflessione collegiale da parte dei docenti sul percorso culturale e legislativo che ha ispirato la riforma scolastica del In particolare, essa fa riferimento: alle Raccomandazioni del Consiglio di Lisbona del 2000 e alle Raccomandazione del Parlamento Europeo e Consiglio Europeo del 18 dicembre 2006, dove vengono indicate le competenze chiave per l apprendimento permanente; al D.M. n. 139 del 22 agosto 2007 sull obbligo scolastico, gli assi culturali e le competenze essenziali in uscita dalla scuola dell obbligo; alla conseguente Certificazione dell assolvimento dell obbligo (DM n.9 del 27 gennaio 2010), dove vengono indicate le competenze chiave di cittadinanza. Tali competenze chiave di cittadinanza sono state la base per i docenti per stabilire le competenze trasversali (di natura metacognitiva, relazionale, di autonomia e creatività) perseguite nel liceo linguistico al fine di garantire la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l inclusione sociale ed occupazione. L individuazione delle competenze trasversali è avvenuta alla luce della esperienza pluriennale dell indirizzo linguistico maturata nei corsi maxisperimentali dell Istituto e sulla base del Profilo educativo e professionale dello studente (allegato A allo schema del Regolamento dei Licei del 4 febbraio 2010) e delle Indicazioni nazionali (D.P.R. n. 89 del 15 marzo 2010). Accanto alle discipline che costituiscono il piano degli studi, l Istituto offre agli studenti la possibilità di arricchire la loro formazione attraverso varie attività: Stage lavorativo-formativo presso biblioteche, aziende, studi privati o Enti Pubblici. I tirocini, in genere di tre settimane, organizzati prevalentemente al termine del quarto anno per gli alunni che ne fanno richiesta, consentono agli studenti di aver un approccio diretto al mondo del lavoro. Stage di potenziamento linguistico all estero. Nel corso del triennio si propongono soggiorni, generalmente di due settimane, nei Paesi delle lingue studiate. 14

15 4.2 IL LICEO SCIENTIFICO Risultati specifici di apprendimento di fine quinquennio. Liceo scientifico Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale (D.P.R. n.89 del 15 marzo 2010, art. 8 comma 1). Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver acquisito una formazione culturale equilibrata nei due versanti linguisticostorico-filosofico e scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero, anche in dimensione storica, e i nessi tra i metodi di conoscenza propri della matematica e delle scienze sperimentali e quelli propri dell indagine umanistica; saper cogliere i rapporti tra il pensiero scientifico e la riflessione filosofica; comprendere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi della matematica, anche attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale; usare tali strutture in particolare nell individuare e risolvere problemi di varia natura; saper usare strumenti di calcolo e di rappresentazione per la modellizzazione e la risoluzione di problemi; aver raggiunto una conoscenza sicura dei contenuti fondamentali delle scienze fisiche e naturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia) e, anche attraverso l uso sistematico del laboratorio, una padronanza dei linguaggi specifici e dei metodi di indagine propri delle scienze sperimentali; essere consapevoli delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico nel tempo, in relazione ai bisogni e alle domande di conoscenza dei diversi contesti, con attenzione critica alle dimensioni tecnico-applicative ed etiche delle conquiste scientifiche, in particolare di quelle più recenti. saper cogliere la potenzialità delle applicazioni dei risultati scientifici nella vita quotidiana Piano degli studi 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura 4 italiana Lingua e cultura latina Lingua e cultura straniera 3 (inglese) Storia e Geografia 3 3 Storia Filosofia Scienze naturali* Fisica Matematica** Disegno e storia dell'arte Scienze motorie e sportive Religione/Ora alternativa Totale ore settimanali

16 * Biologia, Chimica, Scienze della Terra. ** Con Informatica al primo biennio. Profilo culturale ed educativo Il Liceo Scientifico offre un percorso che rispetta le caratteristiche formative del corso di studi tradizionale integrandole con metodologie di insegnamento attive, in linea con le richieste del mondo universitario e del mercato del lavoro.le competenze acquisite al termine del quinquennio di studio consentono agli studenti di: possedere gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale e critico di fronte alla realtà; acquisire in modo sicuro il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nell ambito dei vari contesti sociali e culturali; possedere, nella lingua straniera studiata, competenze tali da attivare la comprensione di differenti codici comunicativi, che potranno poi essere approfonditi all università o nel proprio ambito di lavoro; possedere gli strumenti matematici necessari per la comprensione delle discipline scientifiche e per operare nel campo delle scienze applicate; affrontare la risoluzione di problemi con spirito di osservazione e autonomia sulla base delle conoscenze e competenze acquisite; affrontare sulla base di conoscenze e competenze adeguate i test d ingresso alle diverse facoltà universitarie. La possibilità di scegliere tra i diversi metodi di studio quello più adatto a uno specifico campo disciplinare dota gli studenti di quella flessibilità mentale indispensabile per accrescere le capacità di apprendimento. Lo studente è in grado di proseguire gli studi in qualunque facoltà universitaria, in particolare in quelle scientifiche. Tuttavia, non è precluso l inserimento diretto nel mondo del lavoro in quei settori in cui si richiedano abilità comunicative e capacità progettuali. Programmazione didattica e proposte formative Il nuovo Liceo scientifico, secondo quanto indicato dalla riforma entrata in vigore nell a.s. 2010/2011, si caratterizza per un incremento delle ore di Matematica, Fisica e Scienze soprattutto nel primo biennio, nel corso del quale è stata mantenuta l impronta laboratoriale che già caratterizzava l Istituto. Il Liceo scientifico comunque conserva la tradizionale impostazione liceale, che garantisce una solida preparazione anche nell area linguistica e comunicativa. Accanto alle discipline che costituiscono il piano degli studi, l Istituto offre agli studenti la possibilità di arricchire la loro formazione attraverso varie attività, su delibera del consiglio di classe: Progetto Archeologia - percorso di carattere artistico, storico e culturale focalizzato sulle civiltà antiche. Stage scientifico-naturalistico di alcuni giorni presso enti o associazioni specializzate nel campo della didattica ambientale. Stage lavorativo-formativo presso biblioteche, aziende, studi privati o Enti Pubblici - I tirocini, in genere di tre settimane, organizzati prevalentemente al termine del quarto anno per gli alunni che ne fanno richiesta, consentono agli studenti di aver un approccio diretto al mondo del lavoro. Stage di potenziamento linguistico in Inghilterra o paese anglofono - nel corso del triennio, si propone un viaggio di istruzione soggiorno con corso d inglese e soggiorno in famiglia. Viaggio di istruzione all estero - si propone la visita di una capitale europea. 16

17 4.3. GLI ISTITUTI TECNICI Nel Regolamento sul riordino degli istituti tecnici (emanato con DPR n.88 del 15 marzo 2010, art.8 comma 3) viene esplicitato il nesso tra l identità degli Istituti tecnici e gli indirizzi dell UE; si richiamano la Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio d Europa del 18 dicembre 2006 sulle Competenze chiave per l apprendimento permanente e la Raccomandazione del 23 aprile 2008 sulla costituzione del Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (EQF). Nel Regolamento viene definita l identità degli istituti tecnici e il loro compito. In particolare, si afferma (cfr. pp. 6-7): Agli istituti tecnici è affidato il compito di far acquisire agli studenti non solo le competenze necessarie al mondo del lavoro e delle professioni, ma anche le capacità di comprensione e applicazione delle innovazioni che lo sviluppo della scienza e della tecnica continuamente produce. L impostazione delle linee guida ha come base il profilo educativo, culturale e professionale definito dal D.L. del 17 ottobre 2005 n.226, allegato A (Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relative al secondo ciclo): Esso è finalizzato: a) alla crescita educativa, culturale e professionale dei giovani, per trasformare la molteplicità dei saperi in un sapere unitario, dotato di senso, ricco di motivazioni; b) allo sviluppo dell autonoma capacità di giudizio; c) all esercizio della responsabilità personale e sociale. Tali indicazioni devono leggersi come obiettivi trasversali da raggiungersi attraverso l apporto di ogni disciplina, come da programmazione dell Istituto Gadda. Esse si pongono anche come guida per impostare metodologie che privilegino la didattica di laboratorio (anche per le discipline di istruzione generali), le esperienze in contesti applicativi, il lavoro per progetti, un collegamento con il mondo del lavoro e delle professioni (attraverso stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro; come da D.L. n.77 del 15 aprile 2005), l uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. Tale impostazione risponde alla pluriennale esperienza dell Istituto Gadda, nato come scuola maxisperimentale e caratterizzato da una didattica che ha da sempre privilegiato l aspetto laboratoriale, la didattica progettuale, il collegamento con il mondo del lavoro, il ricorso a metodologie partecipative e l uso di metodi induttivi. Il testo ministeriale recita infatti: I percorsi degli istituti tecnici sono connotati da una solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea, costruita attraverso lo studio, l approfondimento, l applicazione di linguaggi e metodologie di carattere generale e specifico, correlati a settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese. Tale base ha l obiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita, di studio e di lavoro sia abilità cognitive idonee per risolvere problemi, sapersi gestire autonomamente in ambiti caratterizzati da innovazioni continue, assumere progressivamente anche responsabilità per la valutazione e il miglioramento dei risultati ottenuti. Organizzazione del curricolo a. Raccordo tra area di istruzione generale e area di indirizzo. In linea di continuità con i quattro assi culturali della legge sull obbligo scolastico (D.M. n.139, del 22/08/2007), nel primo biennio vi è la preminenza dell area di istruzione generale; nel triennio viene dato più spazio alle materie professionali (che nel biennio hanno solo funzione orientativa). b. Rapporto tra formazione scientifica e tecnologica. Il primo biennio è caratterizzato dalla presenza di materie prettamente scientifiche con valore propedeutico allo studio tecnologico; nel triennio il rapporto scienzatecnica è tutto risolto all interno delle discipline tecnologiche. c. Integrazione delle scienze, come già da programmazione nei corsi maxisperimentali. 17

18 d. Insegnamento della legalità, della cittadinanza, della Costituzione, conoscenza dell ambiente e del territorio, secondo l esperienza della programmazione dei già corsi maxisperimantali e. Formazione per la sicurezza AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni sul piano tecnologico e organizzativo, soprattutto in riferimento alle potenzialità delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (Information Communication Technologies ICT-). L indirizzo Amministrazione, finanza e marketing persegue lo sviluppo di competenze relative alla gestione aziendale nel suo insieme e all interpretazione dei risultati economici, con le specificità relative alle funzioni in cui si articola il sistema azienda (amministrazione, pianificazione, controllo, finanza, commerciale, sistema informativo, gestioni speciali). L Istituto garantisce il quinquennio dell ordinamento Amministrazione, finanza e marketing; propone dal terzo anno l articolazione Relazioni internazionali per il marketing (per gli iscritti dall a.s.2014/2015) E stata autorizzata dalle competenti autorità provinciali anche l articolazione Sistemi informativi aziendali, che può essere attivata su eventuale richiesta dell utenza. Per completezza si riporta di seguito il piano di studi di tutte le articolazioni: Piano degli studi Insegnamenti generali comuni 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate ( Scienze della Terra e 2 2 Biologia) Scienze integrate ( fisica) 2 Scienze integrate ( chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica 2 2 Seconda lingua comunitaria 3 3 (francese/spagnolo/tedesco) Economia aziendale 2 2 Scienze motorie e sportive Religione cattolica / ora alternativa TRIENNIO - Articolazione AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Informatica 2 2 Seconda lingua comunitaria (francese/spagnolo/tedesco) Economia aziendale Diritto Economia politica Articolazione RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Seconda lingua comunitaria Terza lingua straniera Economia aziendale Diritto Relazioni internazionali* Tecnologia della comunicazione

19 Articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Seconda lingua comunitaria 3 Informatica Economia aziendale Diritto Economia politica *attività di laboratorio in compresenza con gli insegnanti tecnico-pratici. / Ore settimanali 32 per tutte le articolazioni Profilo culturale ed educativo Il corso sviluppa la capacità di interpretare le problematiche economiche e giuridiche attuali, fornendo gli strumenti per agire in un contesto aziendale in continua e rapida trasformazione. Al termine del biennio, il corso si articola secondo le diverse opzioni Amministrazione, Finanza e Marketing; Relazioni internazionali per il Marketing; (Sistemi informativi aziendali). Le articolazioni sono caratterizzate da un insieme di discipline comuni e da un area d indirizzo specifico che determina profili culturali e professionali diversi. L area comune permette nel quinquennio di : formare una mentalità aperta e flessibile, in grado di operare in vari contesti con autonomia e responsabilità; avere una conoscenza organica ed interdisciplinare dei fenomeni organizzativi, gestionali e giuridici. L insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche è supportato da attività sia teoriche sia pratiche nel laboratorio d informatica le studio delle lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre a dare una dimensione europea alla formazione, fornisce competenze comunicative anche in contesti di tipo tecnico-economico. Il Diplomato in Amministrazione Finanze e Marketing ha competenze generali nel campo economico nazionale ed internazionale, nella normativa civilistica e fiscale, nei sistemi di organizzazione, programmazione e amministrazione dell azienda. Integra queste competenze professionali con quelle linguistiche ed informatiche per operare in contesto aziendale in evoluzione ed aperto sulle dinamiche di globalizzazione del mercato. Nell articolazione Relazioni internazionali per il marketing, lo studente si specializza sia nella comunicazione aziendale con l apprendimento di tre lingue straniere, sia nella gestione di rapporti aziendali nazionali ed internazionali nei diversi contesti lavorativi. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, lo studente si specializza nella gestione del sistema informativo aziendale esercitando le capacità di scegliere ed adattare software applicativi rispondenti alle esigenze aziendali. E in grado di collaborare alla realizzazione di nuove procedure nell ambito del sistema di archiviazione, della comunicazione in rete e nella sicurezza informatica. Le tre articolazioni offrono quindi una molteplicità di sbocchi professionali che spaziano dal campo amministrativo a quello gestionale e bancario, dal settore bancario a quello assicurativo, dal commercio nazionale ed internazionale all economia no-profit. Riguardo alla prosecuzione degli studi, la formazione acquisita orienta verso varie facoltà universitarie, da quelle giuridiche ed economiche a quelle più indirizzate verso la comunicazione e le pubbliche relazioni od ancora verso percorsi caratterizzati da discipline informatiche e gestionali. L ampliamento dell offerta formativa prevede: esami di certificazione europea per le lingue studiate: i docenti curano la preparazione dei candidati e forniscono l assistenza per le procedure di iscrizione; l Istituto è sede di certificazione Trinity e collabora con il British Council, il Goethe Institut, l Institut Français, l Instituto Cervantes. Il possesso degli attestati di certificazione sostituisce, presso alcune Facoltà universitarie, un esame di lingua straniera o dà diritto a crediti, a seconda del Corso di Laurea. il progetto EsaBac che offre la possibilità di ottenere un doppio diploma, italiano e francese (cfr. punto 2.1). l organizzazione di stage lavorativi di tre settimane in aziende di settore che consentono agli studenti di aver un approccio diretto al mondo del lavoro. Tale esperienza si 19

20 connota per la valenza sia formativa che orientativa; i tirocini sono organizzati al termine del quarto anno GRAFICA E COMUNICAZIONE Nel settore tecnologico i risultati di apprendimento sono definiti a partire dai processi produttivi reali e tengono conto della continua evoluzione che caratterizza l intero settore, sia sul piano delle metodologie di progettazione, organizzazione e realizzazione, sia nella scelta dei contenuti, delle tecniche di intervento e dei materiali. Il riferimento ai processi produttivi riflette, in tutti i percorsi del settore, la dinamicità propria dei contesti, con l introduzione graduale alle tematiche dell innovazione tecnologica e del trasferimento dei saperi dalla ricerca alla produzione. Questa impostazione facilita apprendimenti efficaci e duraturi nel tempo, in quanto basati su una metodologia di studio operativa, essenziale per affrontare professionalmente le diverse problematiche delle tecnologie, l approfondimento specialistico e gli aggiornamenti. Lo studio delle tecnologie approfondisce i contenuti tecnici specifici dell indirizzo e sviluppa gli elementi metodologici e organizzativi che, gradualmente nel quinquennio, orientano alla visione sistemica delle filiere produttive e dei relativi segmenti; viene così facilitata anche l acquisizione di competenze imprenditoriali, che attengono alla gestione dei progetti, alla gestione di processi produttivi correlati a funzioni aziendali, all applicazione delle normative nazionali e comunitarie, particolarmente nel campo della sicurezza e della salvaguardia dell ambiente. Le discipline di indirizzo sono presenti nel percorso fin dal primo biennio in funzione orientativa e concorrono a far acquisire agli studenti i risultati di apprendimento dell obbligo di istruzione; si sviluppano nel successivo triennio con gli approfondimenti specialistici che sosterranno gli studenti nelle loro scelte professionali e di studio. L indirizzo Grafica e Comunicazione integra competenze specifiche nel campo della comunicazione interpersonale e di massa, con particolare riferimento all uso delle tecnologie produttive nei settori della grafica, dell editoria, della stampa e ai servizi a essi collegati, dalla progettazione alla pianificazione dell intero ciclo di lavorazione dei prodotti. Piano degli studi 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia,cittadinanza e costituzione Geografia 1 Matematica Educazione civica-giuridico-economica 2 2 Scienze della Terra e Biologia 2 2 Scienze integrate (fisica)* 3 3 Scienze integrate (chimica)* 3 3 Tecnologie informatiche* 3 Scienze e tecnologie applicate 3 Tecnologie e tecniche di 3 3 rappresentazione grafica* Complementi di matematica 1 1 Teoria della comunicazione 2 3 Progettazione multimediale Tecnologie dei processi di produzione Organizzazione e gestione dei processi 4 produttivi Laboratori tecnici Scienze motorie e sportive Religione cattolica / ora alternativa Totale ore settimanali *di cui 2 in compresenza con gli insegnanti tecnico-pratici 20

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli