DAL TURISMO AI TURISMI Trasformazioni sociali e sfide culturali di Vittorio Filippi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL TURISMO AI TURISMI Trasformazioni sociali e sfide culturali di Vittorio Filippi"

Transcript

1 DAL TURISMO AI TURISMI Trasformazioni sociali e sfide culturali di Vittorio Filippi Premessa Nel giugno del 1791, nel pieno degli eventi scaturiti dalla rivoluzione francese, un abate padovano, Giuseppe Toaldo, rilevava che il viaggiatore è divenuto un capo di moda: una certa smania, o vogliamla dir mania. Ha invaso gli spiriti; e, come al tempo delle Crociate, le persone di ogni condizione, i ragazzi stessi, colti da una spezie di sonnambulismo vanno correndo qua e là i paesi gli uni dietro gli altri, e dove gli uni vanno, e gli altri vanno, e lo perché non sanno: gioco che può in fine interessare e ferire, dopo tant altre piaghe, l economia, la morale, forse la politica stessa (1). L abate Toaldo visse nel periodo in cui si andava sviluppando la prima fase della storia sociale del turismo, quella legata al Grand Tour dei giovani aristocratici europei. Ma le sue parole ironiche non sono contro il viaggiatore turistico, ma contro un turismo che oggi diremmo di massa nel senso peggiore del termine, eterodiretto e senza solide motivazioni culturali. Viceversa Toaldo è a favore di un turismo preparato e coscienzioso nell approccio alle altre culture che si vanno scoprendo. Insomma un turismo sostenibile, per dirla in termini attuali, e cioè un turismo attento a rispettare e soprattutto a capire le dimensioni antropologiche e naturalistiche dei luoghi che vanno a conoscere (2). Eppure le critiche e i timori dell abate Toaldo, lette duecentoundici anni dopo, appaiono profetiche: viaggiare, dicono le statistiche, è davvero divenuto una mania : secondo i calcoli dell Organizzazione Mondiale del Turismo (W.T.O.), si muovono oggi dai propri paesi per turismo quasi 700 milioni di persone. E dato che i movimenti interni sono di otto volte superiori a quelli internazionali, si può stimare che le persone che viaggiano in un anno siano circa 5600 milioni. Non solo: ci lavorano 127 milioni di persone (un lavoratore su quindici) e con i suoi 476 miliardi di dollari di entrate annue, il turismo è la voce principale degli scambi economici mondiali, in altre parole il motore più potente della cosiddetta globalizzazione. Si pensi che nel 1950 i viaggi internazionali interessavano appena 25 milioni di persone, saliti a 70 solo dieci anni dopo e via crescendo fino ai quasi 700 milioni attuali. E per il futuro la W.T.O. prevede (al 2020) un flusso di 1561 milioni di turisti internazionali, più del doppio quindi di quelli attuali, mentre il primo paese turistico sarà la Cina e non più, come oggi, la Francia (3). Insomma sembra proprio che tutti vadano (e soprattutto andranno) in giro per il mondo (non è proprio vero: l 80% degli spostamenti internazionali riguarda i fortunati cittadini di soli venti paesi), così che il viaggio turistico diventa come il misurar la cella del detenuto che cammina su e giù dove altri prigionieri altrettanto nobili e liberi hanno già lasciato un solco, come scrive ironicamente uno studioso americano (4). Ma non è un discorso solo quantitativo, di volumi crescenti di flussi turistici che, confermando evidentemente la famosa asserzione di Schumpeter secondo il quale il capitalismo democratizza il consumo, pongono anche problemi di sostenibilità ambientale, culturale e sociale del turismo stesso (5). In realtà se il turismo è una manifestazione culturale di consumo, allora anche il turismo risente, da qualche tempo almeno, di una pluralizzazione profonda che porta alla moltiplicazionedifferenziazione delle fruizioni turistiche. Dal turismo (balneare di massa, si potrebbe dire) ai turismi (di nicchia per luoghi e tipologie di turisti e tempi e modalità di consumo), parallelamente al grande passaggio dalla massificazione fordista alla personalizzazione spinta del prodotto e del servizio. 1

2 Il fordismo, qui inteso come un grande ed efficace sforzo di massificazione e standardizzazione dei consumi e degli stili di vita, entra in crisi a partire dagli anni Settanta, quando la complessità considerata come la somma di varietà, variabilità ed indeterminatezza investe anche i consumi esasperandone la tendenza alla personalizzazione ed individualizzazione. Consumi e consumatori ipermoderni si frammentano ed alzano le aspettative; anzi, è la maggiore esigenza della domanda che porta a stili di vita e di consumo che trovano la propria soddisfazione proprio nel ritagliare modalità di consumo almeno apparentemente fatte su misura. E decisamente alle spalle l era orientata al prodotto in cui Ford poteva proporre per le sue auto qualsiasi colore, purché sia nero, ed in cui l obiettivo dei neoconsumatori (gli italiani negli anni Sessanta) era di avere esattamente come gli altri, perché ciò era il vero segno dell avvenuta integrazione nel mondo dell acquisita opulenza (6). Anche il turismo, come forma moderna di consumo, ha percorso lo stesso sentiero, diversificandosi nella fruizione a partire dagli anni Ottanta: come dire che, nel turismo postfordista, l homo turisticus amplia la propria esperienzialità, passando appunto alla galassia dei mille turismi possibili, in ciò favorito da un mondo in cui tutto si presenta ad essere turisticizzato, a divenire oggetto di consumo turistico, perfino la morte sui campi di battaglia (7). Dal turismo ai turismi: linee di storia sociale Il turismo come fenomeno socioculturale parte (anche linguisticamente) con il Grand Tour che, a cavallo tra il 1600 e il 1700, portava a spasso per l Europa i giovani aristocratici inglesi, francesi e tedeschi: era un viaggio d istruzione che completava il loro percorso educativo e li preparava alla loro futura, intensa vita di relazione. L Italia era la meta preferita, perché ricca di opere d arte e di vestigia da conoscere e visitare (8). La rivoluzione francese cambia le coordinate sociali: si estingue il Grand Tour mentre la borghesia soprattutto francese e tedesca va in Inghilterra a capire il senso della rivoluzione industriale, realizzando i primi viaggi d affari. Gli aristocratici rimasti si rifugiano invece nel magico mondo dei bagni termali, mentre il romanticismo esalta la conoscenza erudita dei luoghi carichi di segni e testimonianze storiche ed artistiche. Ma gli ideali romantici spingono anche verso la natura da scoprire e da conoscere, specie la montagna da parte dei turisti britannici che lanciano la moda dei club alpini, dei Grand Hotel e delle guide. E a proposito di guide nasce nell Ottocento la regina delle guide stampate, quel Baedeker inizialmente dedicato alla regione del Reno. In un certo senso la guida forniva un minimo di sicurezza ai primi viaggi di aristocratici e di redditieri, più di quelle garanzie che accompagnavano il giovane nobile nel Grand Tour. Ma se alla base c è spesso l ozio da godere e da esibire, con gli anni Venti del Novecento entrano nella grande giostra del turismo anche le classi subalterne, piccolo borghesi e perfino operaie. Qui l obiettivo non è l ozio ma il riposo, realizzato nelle ferie pagate che compensano le durezze del lavoro taylorfordista. Gli Stati stessi, democratici e totalitari, attivano e promuovono forme di turismo popolare, come le colonie marine e i treni speciali per le vacanze: nell Italia fascista il dopolavorismo nasce nel Tali tendenze prendono compiutamente corpo dopo la seconda guerra mondiale, e realizzano quello che venne definito turismo di massa, riferendosi a processi di diffusione nella società e di concentrazione nel tempo dei comportamenti turistici (9). Sociologicamente, il turismo di massa è sì democratico ma è anche eterodiretto e standardizzato con una logica appunto fordista. Il tempo della vacanza diventa un prodotto preconfezionato (un pacchetto ) da acquistare e a cui delegare in toto curiosità, progettazione e spirito di scoperta autentica. Di sicuro non è più una prova, un cimento, un esperienza, anche un rischio, tutti significati che appaiono nell antico termine inglese travail (viaggio), così come to fare (andare) e to fear (temere) usano la stessa radice (10). 2

3 D altro canto il fare turismo diventa una realtà di gruppo da quando Thomas Cook comincia, nel 1845, ad organizzare pionieristicamente vacanze e gite in ferrovia, attivando quel turismo di massa che trova nel gruppo non solo il mezzo per ridurre i costi, ma anche per creare socialità e proteggersi dall estraneità dell ambiente che va a visitare (grazie anche alla rassicurante mediazione dell inevitabile accompagnatore) (11). Periodizzando, si può dire che gli anni Sessanta rappresentano il periodo in cui trionfa ciò che viene definito - non senza disprezzo turismo di massa, colto come fenomeno connotato pesantemente dalla banalità, dalla manipolazione e dalla mercificazione. I turisti sono delle frettolose orde dorate (12) che pensano di visitare e conoscere riducendo il viaggio a una veloce serie di cose da vedere (il sightseeing) classificate secondo la loro importanza. La realtà si trasforma così in immagini addomesticate, una sorta di approssimativo pret à porter di cose da vedere di facile consumazione da parte delle citate orde che hanno ormai rinunciato alla faticosa e lunga ricerca dell autentico. Ciò trascina due conseguenze: da un lato si apre la strada all artificiale, all evento o al luogo creato semplicemente per attirare turisti, ma che non rimanda più a nessuna realtà. Dall altro al turista si offre di muoversi come se fosse a casa sua, in amichevoli bolle ambientali come, ad esempio, le megastrutture che i francesi chiamano significativamente coquille hotelière (conchiglia alberghiera), da cui mettere fuori la testa per poi prudentemente ritirarsi all interno per godere degli irrinunciabili standard di sicurezza e comodità (13). A partire dagli anni Settanta, comunque, iniziano a virare alcune prospettive culturali e pratiche che avevano contraddistinto il turismo di massa del decennio precedente. Innanzitutto si comincia a superare quell approccio negativo che aveva stigmatizzato il turismo di massa in termini puramente negativi, come il trionfo del conformismo e dell alienazione (anche nel cosiddetto tempo libero). A partire dalle riflessioni di Burgelin e di altri autori, si sviluppano riflessioni più positive sul turismo, osservando che si può uscire dalla trappola massificante del sightseeing recuperando il senso profondo dell autenticità, della scoperta, perfino dell avventura (14). E in particolare circa il tasto dell autenticità si rileva che l esperienza turistica, pur in termini di crescente massificazione, non è necessariamente banale e leggera, perché il turista può anche, se vuole, non accontentarsi della scena (front) che gli è stata industrialmente predisposta per suo uso e consumo, ma entrare nel retroscena (back) e raggiungere gradi elevati di conoscenza della realtà che sta visitando, avvicinandosi così al vecchio ruolo di quel viaggiatore preindustriale che sapeva arrivare all autentico (15). E, andando oltre, alla fine degli anni Settanta Cohen individua cinque tipi di turismo (ricreativo, d evasione, esperienziale, sperimentale ed esistenziale) che rappresentano un continuum di fruizioni che vanno da quelle più leggere a quelle più impegnative ed alternative rispetto al proprio mondo di vita quotidiana (16). In secondo luogo, sempre a partire dagli anni Settanta, il turismo inizia ad essere percepito come una necessità, come un qualcosa cioè a cui non si può rinunciare. Lo prova il fatto che, in caso di crisi economica, la contrazione dei consumi turistici risulta minore rispetto alla contrazione di tanti altri consumi. In altri termini l homo turisticus è divenuto una parte di tutto rispetto della più generale categoria dell opulento homo consumans, ed anzi lo caratterizza fortemente. Se alla metà degli anni Sessanta, nel periodo del boom economico, andavano in vacanza undici milioni di italiani, vent anni dopo si arriva a ventisei milioni di vacanzieri, con uno sventagliamento sociale estremamente più variegato. Ma se, come confermano le statistiche, il turismo appare davvero di massa negli anni Ottanta andava in vacanza un italiano su due, oggi sono quasi due su tre per altri versi non risulta più di massa nel senso di standardizzato e guidato dall offerta. Oggi, come titolava il Censis, si è passati dalle vacanze ai turismi, intendendo lo spostamento da una concezione stanziale e stereotipata del 3

4 fare turismo (la vacanza) ad una pluralità di motivazioni, mete, tempi, vettori e modalità che tendono alla personalizzazione e alla segmentazione dei mille turismi pensabili in una società che sembra sapere moltiplicare all infinito le occasioni che generano il turismo (17). Non solo: le crescenti esigenze e sensibilità di segmenti crescenti di turisti ha spostato l asse del mercato turistico dall offerta alla domanda. La prima non può più, come Ford, proporre un unico colore delle auto con la sicurezza che questo verrà sicuramente accettato. Adesso è l offerta che deve chinarsi verso una domanda satura di offerte standard, che non reagisce più per imitazione, ma che appare capricciosa ed imprevedibile nell elaborare nuove forme turistiche di cui è avida. Negli anni Novanta come rilevano gli studi periodici che seguono l evoluzione del turismo in Italia si compie la differenziazione delle motivazioni, dei fruitori, della ricettività, delle modalità di fruizione, dei condizionamenti socioculturali. La tabella qui sotto riportata sintetizza schematicamente il passaggio sociale e storico del turismo italiano dagli anni Cinquanta un mix di turismo d élite e di turismo sociale allo sventagliamento di mille turismi degli anni Novanta (18). Vale la pena di sottolineare due trend finali riportati nella tabella: il primo dice che, se l élite diventa massa, democratizzando così un Grand Tour oggi alla portata di tutti o quasi, d altro canto, e senza contraddizione, nuove élite si riformano creando nuovi turismi riservati dove però la discriminazione non sta più, necessariamente, sul piano economico della spesa. Inoltre anche per il turismo assume rilevanza la marca, che connota e fidelizza il servizio offerto. Sono due tendenze che caratterizzano gli attuali consumi ipermoderni, in cui la loro democratizzazione non porta certo a inediti egualitarismi, ma riproduce nuove e sottili differenziazioni basate sull accesso agli aspetti espressivi, simbolici e comunicativi del consumo stesso. Inoltre la marca segna il passaggio ad una nuova concezione della pubblicità in cui, andando oltre il singolo prodotto o servizio, propone valori, stili di vita, un estetica, perfino un etica ed una Weltanschaung che sostituiscono quei valori forti (come le ideologie) che avevano connotato il passato (19). Fonte: v. nota n. 18. TABELLA Dietro quello che è possibile definire come i turismi (o, come è stato detto da Urry, il postturismo ) stanno almeno tre nuove esigenze nel nuovo consumo turistico. La prima rimanda alle vacanze vere ; la seconda a vacanze più soggettive e flessibili; la terza all interesse per le culture, le tradizioni, l ambiente e l ecologia (20). Siamo, come si vede, agli antipodi del turismo standardizzato e massificato che occidentalizza tutto ciò che tocca. Il desiderio di autenticità è coglibile dalla brochure con cui la Kestours presenta un viaggio ai Caraibi: I Caraibi sono una destinazione tropicale Formiche, mosche, scarafaggi sono un fastidio nei climi caldi. La fornitura di acqua corrente e l elettricità sono discontinue. Il volo dura 8 ore e, sebbene siate accolti da moderni jet, il viaggio può essere noioso e protrarsi per le formalità dell arrivo I Caraibi sono molto diversi dalla Gran Bretagna. Per godere pienamente le vacanze, dovete accettare le privazioni come un cambiamento e un esperienza di arricchimento interiore, piuttosto che come occasione per reclamare (21). E accanto a questo desiderio di autentico, che avvicina l attuale turista all antico viaggiatore dell impegnativo Grand Tour, vi è la sensibilità antropologica per gli ambienti naturali e umani che si va a conoscere, e che si vuole cogliere senza quel comodo diaframma delle bolle ambientali che colonizza, altera e deturpa luoghi, popolazioni e culture investite dai flussi turistici. Certamente, è stato rilevato, Fare turismo per interesse autentico nei confronti della realtà vissuta non comporta 4

5 bandire le sorprese, e scongiurare gli imprevisti. L insolito, l inatteso, l improvvisato, il détour rispetto al tour, hanno un valore pedagogico Mai come in questo caso il viaggio diventa metafora della vita, dove gli imprevisti, nel bene e nel male, sono da mettere in conto (22). Ma al di là della ricerca dell autentico, del responsabile, del personalizzato, che fa sì che i turismi culturali, d avventura e naturalistici siano quelli che oggi registrano gli incrementi più ampi all interno della travel industry mondiale come di casa nostra (23), rimane il fatto che anche il cosiddetto post-turismo, come tutti i consumi, risente di quel processo culturale di dedifferenziazione che, disgregando le gerarchie e i confini, mescola in modo libero ed eclettico a mò di pastiche o di collage tipologie turistiche assai diverse tra loro. L alfabeto dei turismi non si è quindi solamente ampliato o moltiplicato, ma ha mescolato con fantasia cultura, sport, avventura, trasgressione, religione, ricerca di senso, natura, e così via. Lo sguardo del turista non si è semplicemente esteso, ma è divenuto trasversale a tante altre pratiche sociali e culturali: d altro canto per la maggior parte del tempo siamo turisti, che ci piaccia o meno, rileva Urry; come dire che oggi tutto, inesorabilmente, tende a diventare turismo (24). La ricerca dell autentico : il caso del turismo sostenibile La ricerca dell autentico ha preso la forma del turismo sostenibile (dal latino sustinere, e quindi reggibile, anche se c è una ricca moltiplicazione linguistica: appropriato, compatibile, dolce, ecologico, durevole, etico, responsabile, solidale, eccetera), termine modellato dall idea di sviluppo sostenibile e prodotto per la prima volta nell 87 dalla Commissione mondiale per l ambiente e lo sviluppo che in un documento intitolato Our Common Future parlò di uno sviluppo che non intacchi la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro bisogni. Qualche anno prima l Organizzazione Mondiale del Turismo aveva espresso le stesse esigenze preoccupate. Il punto di partenza, come s è detto, è che il turismo, soprattutto di massa, non è affatto un attività leggera per l ambiente inteso in senso lato ma è, viceversa, un industria pesante (25). Pesante perché ha un impatto sull ambiente naturale, sulla società e sulla cultura locale, che spesso non sono in grado di reggere senza danni la visita turistica. L ambiente, ad esempio, ha una sua capacità di carico (carrying capacity) che, se superata, rivela fragilissime e delicate le aree naturali, urbane e monumentali. Venezia insegna, ma gli esempi possono essere moltissimi: dai consumi elevatissimi di acqua per le piscine degli alberghi nel deserto o dei campi di golf, all inquinamento da scarichi di auto o alla cementificazione delle coste per creare megastrutture alberghiere (un quinto delle barriere coralline egiziane è ormai danneggiato, e la cifra può raddoppiare tra pochi anni). Ma anche le società e le culture locali visitate dal turismo possono rivelarsi fragili, come e più dell ambiente naturale. Possono aversi gravi fenomeni di deculturazione, di disgregazione comunitaria, di perdita irreversibile dei riferimenti valoriali tradizionali. Il turismo del business irrispettoso introduce con violenza nuovi valori, nuove gerarchie, nuovi lavori, trasformando la società locale in un mercato perfettamente funzionale al turismo così come il selvaggio in costume tradizionale chiede di essere pagato per la foto. Il turismo può portare trasgressione, criminalità, lievitazione dei prezzi, disgregazioni familiari, alterazioni del mercato del lavoro e delle professioni, impoverimenti delle tradizioni alimentari, e più in generale la mercificazione delle culture attraverso la loro riduzione a mero folclore ad uso turistico e la banalizzazione dei luoghi e della loro complessità storica a divertimentifici, nonluoghi secondo la definizione dell antropologo Augé senza radici e senza centro (26). Come s è accennato, nella definizione di turismo sostenibile coniata nell 87 si indica una tipologia di attività economica che soddisfa i bisogni delle presenti senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri. A questo indirizzo si ispira quella progettualità turistica che mette a bilancio la salvaguardia dell ambiente, da intendersi come insieme di risorse naturali e di valenze 5

6 simboliche che costituiscono lo scenario concreto per ciascuna specifica comunità di cultura. L innovazione, risultato del mutamento sociale, e la tradizione, che si esprime nella persistenza culturale, vanno coniugate in una logica di comunità, perché n insorgano processi di sradicamento e, al tempo stesso, non venga meno la solidarietà fra le generazioni a cui si sostiene lo spirito di comunità. Turismo è dialogo fra culture diverse, ciascuna delle quali è richiamata al rispetto delle identità collettive (27). Paesi recettori e paesi emittenti di flussi turistici debbono porre la massima cura per conciliare i bisogni del turista e i valori delle comunità locali, sia dal punto di vista materiale che extra-materiale. Una buona informazione è la base per la formazione dell utente e dell offerente di servizi turistici. Per cui, ciascuno secondo sua competenza, avrà modo di organizzarsi perché trovino realizzazione i principi essenziali del turismo sostenibile, rispettoso delle risorse naturali, nella loro limitatezza, dei beni culturali, in cui si materializza l identità storica, degli usi e costumi di una nazione, capisaldi dell appartenenza. Secondo l esperienza dell English Tourist Board, in sintesi, le considerazioni a cui attenersi per una ponderata programmazione degli interventi in campo turistico dovrebbero essere i seguenti: 1. L ambiente possiede un valore intrinseco, che viene reso disponibile come risorsa turistica, ma questa opzione non può andare a scapito delle future generazioni pregiudicandone il godimento. 2. Il turismo va concepito nel vantaggio reciproco delle comunità locali e dei visitatori. 3. Vanno graduati gli impatti, in modo tale che l esercizio durevole dell attività turistica non abbia come conseguenza il progressivo depauperamento delle risorse ambientali. 4. Il turismo deve mantenersi coerente con le specificità culturali e naturali dei luoghi. 5. Nelle località turistiche va conservata l armonia fra i bisogni dei visitatori, della comunità ospitante e dell ambiente interessato. 6. Gli adattamenti, indispensabili, non devono avvenire al prezzo di questi principi irrinunciabili. 7. E dovere di tutti, operatori turistici, comunità locali, istituzioni pubbliche, di rispettare questi principi collaborando per la loro concreta realizzazione. Si tratta di valutare non solo l impatto ambientale di questi processi, ma altresì di prevenire e ridurre al minimo i costi provocati dall impatto culturale (disgregazione comunitaria, valorizzazione dei riferimenti tradizionali). E la preoccupazione espressa ripetute volte nei documenti dichiarativi dell Organizzazione Mondiale del Turismo, fino alla Dichiarazione di Osaka del 1994, nella quale 96 paesi associati richiamavano i governi a essere innanzitutto coscienti del ruolo fondamentale del turismo quando formulano le loro politiche e definiscano una politica mettendo l accento sul turismo. In definitiva, la complessità dei fenomeni associati a questa, che è la maggiore industria del mondo, deve indurre i responsabili a ogni livello di gestione del territorio a una maggiore consapevolezza circa le conseguenze sul turismo di ogni loro scelta, in qualsiasi ambito di attività. Alla fin fine, il turismo che si ricerca impegnativamente come autentico si coniuga in sostenibile, cioè reggibile per l ecosistema e per le società locali e le loro culture, che sempre mescolano ambienti, storia, comunità e persone. E la ricchezza delle culture sta proprio nella loro specificità, nella differenza: se vogliamo scoprire in cosa consiste l uomo, dice Geertz, possiamo trovarlo solo in ciò che sono gli uomini: e questi sono soprattutto differenti (28). Il turismo che si vuole autentico sta proprio in questa curiosità (e sensibilità) profondamente antropologica: scoprire ed apprezzare le differenze umane ed ambientali, e permettere che anche i posteri le possano apprezzare per ciò che esse realmente sono. Così il viaggio diventa un arte : come scrisse Goethe, Per nature che amano sostare e soffermarsi sulle cose, un viaggio è inestimabile: anima, corregge, istruisce ed educa (29). Insomma il turista dell autentico è per definizione un consumatore pensoso che sembra presentare precise caratteristiche professionali e di status sociale ma che, soprattutto come rileva 6

7 una ricerca sui visitatori dei siti archeologici italiani ha motivazioni legate al senso della scoperta, alla conoscenza di un popolo attraverso la sua storia e cultura, all approfondimento di nozioni apprese durante gli studi (30), oltre a saper apprezzare l offerta enogastronomica. Secondo un recente calcolo di Aci e Censis, in Italia vi sono 37 distretti artistico-culturali con 3700 alberghi, 3500 ristoranti e 39 milioni di presenze, e ben 26 di questi distretti fanno dell enogastronomia un ulteriore fattore attrattivo (31). Tuttavia il turismo sostenibile non è solo un discorso di ecoturismo (che si celebra quest anno) o di turismo storico o museale: è, più in generale, un diverso sguardo del turista per usare le parole di Urry un modo radicalmente differente di capire il senso del viaggio da parte del diffuso homo turisticus, per cui la vacanza non sia un vacuum consumista (questa ne è l etimologia), ma porti alla paziente comprensione dell alterità umana ed ambientale ed alla profonda umanizzazione di cui può essere capace il turismo (32). Le emozioni simulate: il turismo dei parchi di divertimento Dall autentico all inautentico si potrebbe dire, per simmetria, trattando del turismo dei parchi di divertimento. La cosa non sorprenda: il turismo, per sua natura, è sempre stato un fenomeno sociale ambivalente, oscillando tra polarità contrapposte come soggetto e massa, autentico e artificiale, vero e falso, appartenenza ed estraniazione. Così, mentre il turismo di massa era prevalentemente celebrativo, i turismi attuali rispondono a logiche di creatività, di innovazione, di differenziazione. Tuttavia il parco mescola un po tutti questi aspetti, socializzando un area (già del turismo di massa come quella del Garda o dei litorali veneti e romagnoli) e ponendosi come prodotto turistico assoluto nella misura in cui rompe i legami con l ambiente e la società locale divenendo completamente autoreferenziale. Insomma il parco, isola fantastica e ipertecnologica ma recintata, diviene il simbolo manifesto della rivolta fino a quel momento rimasta latente del prodotto turistico contro l antico produttore, la comunità locale, che ora viene esclusa a forza dal suo stesso spazio (33). Oggi solo in Italia, vi sono 106 parchi a tema con un fatturato tra i 400 e i 500 miliardi (di lire) all anno. Negli Stati Uniti, patria di questo disneyano (in origine) segmento turistico, l industria dell entertainment ha sostituito l industria bellica come motore dello sviluppo tecnologico e alla metà degli anni Novanta occupava quattro milioni e mezzo di addetti, più dell industria dell auto, mentre in Europa la Francia risulta il paese leader (34). In Italia l area del distretto del piacere secondo la fortunata definizione di Bonomi comprende ben quindici province (tutte ai primi posti per qualità della vita) comprese nel quadrilatero che va da Gardaland a Rimini e Cattolica includendo Bologna e Venezia. La capitale, ovviamente, è Gardaland, che non solo richiama più di tre milioni di visitatori all anno, ma ha generato un microdistretto di altri sei parchi in un raggio di venti chilometri. Come scrive Bonomi, Partendo dal vero falso, il mitico balcone di Giulietta e Romeo (non è certo infatti che quella visitata a Verona sia la vera casa dei Capuleti) si è innestata un industria basata sul vero falso globale, l invenzione di spazi tematici in grado di attrarre varie fasce di consumatori e di rispondere ai loro desideri creando in un parco la zona western, la zona araba, la zona africana, la zona Hawaii, la zona egiziana, la zona inglese: le sei aree tematiche che si sono via via sviluppate nei primi anni di vita del parco (35). Questo quadrilatero che, postfordisticamente, è stato anche definito come la fabbrica libertina, produce un indotto sia di tipo materiale-produttivo che occupazionale di tutto rispetto. Il primo è dato dal fatto che tutte le aziende italiane che costruiscono giostre, attrazioni e tecnologie immaginifiche (il cosiddetto imagineering) sono in Emilia e Veneto (in particolare il distretto della creazione di giostre è in provincia di Rovigo), ed esportano l 80/90% della produzione in tutto il mondo, perfino negli Stati Uniti (36). Inoltre è nato un mondo del lavoro sui generis fatto di direttori artistici, 7

8 professionisti del live, animatori, estetiste, sex worker, manutentori, cubiste, pierre, eventologi, addetti al suono, baristi e così via, che devono curare la particolarissima merce dell attenzione, della socialità, del sensazionale, per evitare che l economia del piacere, non rinnovandosi, collassi nella noia (37). E stato sottolineato come alla base dei parchi di divertimento vi siano più fattori generativi: la centralità del tempo libero come motore dell identità personale e la crescita della socialità ludicoricreativa; la citata diversificazione del fare turismo; le sfide economiche che impongono la pluralizzazione dell offerta turistica; i problemi ambientali (come la mucillagine dell 89) che obbligano a trovare alternative alla balnearità; la gemmazione di nuovi parchi da precedenti iniziative; infine la antica tradizione giostraia nostrana che passa attraverso l ottocentesco luna park (38). Tuttavia c è dell altro: il turismo dei parchi è la visibilizzazione matura di un postfordismo dove l economia produce desideri, organizza divertimenti, suscita emozioni. Il turismo di questo tipo esplica in pieno quella che è stata chiamata da due studiosi americani l economia delle esperienze, in cui l impresa va oltre l offerta di beni e servizi: produce soprattutto, come una regista, esperienze possibilmente memorabili da offrire al cliente coinvolgendolo emotivamente (39). Così, nota Rullani, il fordismo, nato in una fabbrica di auto, tramonta nei parchi di divertimento, spostando l accento dalla materialità dei prodotti di massa all immaterialità delle esperienze, dei desideri, delle comunicazioni: le nuove fabbriche dell immateriale sono formate da spiagge, discoteche, parchi a tema, industrie del corpo (fitness, salute) e della bellezza (moda, alimentazione, terme) (40). Insomma se la fabbrica fu la misura dell uomo: si impose e di tutto il resto fece una vanità, come disse Bataille, oggi la vanità è una merce importante e il turismo, trasformando natura e cultura in divertimento ed esperienze, vende l ingresso in mondi simulati da un insieme di immagini e sensazioni in cui l uomo contemporaneo riscopre il gioco (41). Il risultato di questa parabola è coglibile in queste osservazioni di Bonomi. Non è più il turista massificato dai contorni sociobiografici e comportamentali prevedibili e per questo facile da organizzare: la pensione tutto compreso, la pasta fatta a mano dalla proprietaria, le ore dell abbronzatura, il riposo pomeridiano, la passeggiata serale, il liscio, il rito del pranzo e della cena da consumare con gli altri, la bottiglia avanzata sempre sullo stesso tavolo, lo shopping lungo i banconi dei mercati rionali. Non è ancora completamente dispiegato ma viene avanti impetuosamente un turismo basato su un consumattore di appartenenza che cerca sul territorio, e su questo territorio più che altrove, le sue modalità di fruizione del tempo e dello spazio, e che attraversa e vuole molteplici luoghi per un identità frammentata e mutante (42). A questo punto il quadro provvisoriamente almeno può chiudersi: la moltiplicazione dei turismi, e in particolare l emergere di un turismo che riguarda quel collodiano paese dei balocchi che è oggi il megaparco generoso di mondi sostitutivi, risponde ai bisogni di consumattori con identità frammentate ed in veloce, continuo divenire. Oltre i turismi: riscoprire il senso del turismo Sintetizzando al massimo, le derive storiche appaiono almeno due: da un lato il turismo è divenuto, e ancor più diventerà, un volano economico di proporzioni gigantesche; dall altro il turismo non esiste più, esiste un ventaglio amplissimo ed ampliabile di esperienze turistiche tra loro diversissime, che spaziano dalla miseria del turismo pedofilo alla nobiltà irriducibile del turismo culturale, religioso, esistenziale. Già oggi, in Italia, viaggi e turismo producono più reddito di agricoltura ed industria della moda messe insieme. Per il futuro, prevede Attali, il turismo diverrà nel 2010 il primo settore dell economia mondiale con un miliardo e mezzo di turisti (43). Insomma, per usare ancora le parole di Urry, lo sguardo del turista si poserà dappertutto, pur cambiando il modo di guardare. Se ad 8

9 esempio si sfogliano gli ultimi rapporti dell Osservatorio Turistico dell Emilia Romagna, si vedrà come parlino al plurale i turismi e contemplino spiagge, città d arte, Appennini, terme, parchi di divertimento, congressi, fiere, agriturismi. Si è ben lontani dal monolitismo balneare alla pelle di sole che ha guidato diversi decenni di storia turistica, specie proprio nella riviera romagnola (44). Addirittura, secondo la futurologia di Attali, il turismo tenderà all irripetibile, all esagerato, all incredibile (come i turismi estremi), ma anche al virtuale. Insomma sempre di più, come è stato detto, il turismo è tutto e tutto è turismo (45). E all interno di questo indistinto tutto aumenterà la ricerca dell autentico, del sostenibile, del culturale: secondo la Commissione Europea tra il 45 e il 50% delle mete turistiche sarà scelto in funzione del richiamo culturale che gli heritage site avranno. Ma, come s è visto, cresce anche il richiamo del falso vero e del vero falso dei parchi a tema e di luoghi simili, luoghi o meglio, nonluoghi alla Augé in cui regredire, essere stimolati, simulare nella virtual reality. Se allora si è, o si diviene, turisti a tempo pieno, allora è bene cominciare ad imparare a fare i turisti, possibilmente rendendo fattibile il voyage impossible di cui scrive Augé. Il viaggio impossibile è quello che non faremo mai più, quello che avrebbe potuto farci scoprire paesaggi nuovi e altri uomini, che avrebbe potuto aprirci lo spazio degli incontri. E esistito un tempo e alcuni europei, allora, hanno senza dubbio provato fuggevolmente quel che sentiremmo oggi se un segnale incontestabile ci provasse l esistenza di esseri viventi e comunicanti da qualche parte nello spazio. Ma, in attesa di questo improbabile o lontano incontro, già la nostra fantascienza gli da i colori della guerra. E noi, che cosa abbiamo fatto dei nostri viaggi e delle nostre scoperte? Quale piacere potremmo provare oggi di fronte allo spettacolo stereotipato di un mondo globalizzato e in gran parte miserabile? Intendiamoci bene: viaggiare, sì, bisogna viaggiare, bisognerebbe viaggiare. Ma soprattutto non fare del turismo. Le agenzie che hanno suddiviso la Terra in percorsi, in soggiorni, in club accuratamente preservati da ogni prossimità sociale indesiderata, che hanno trasformato la natura in un <<prodotto>>, sono le prime responsabili della trasformazione del mondo in finzione, della sua derealizzazione in realtà, della conversione degli uni in spettatori e degli altri in spettacolo. Com è noto, chi confonde il suo ruolo è immediatamente stigmatizzato e, se possibile, rimpatriato in charter. Il mondo esiste ancora nella sua diversità. Ma questo ha poco a che vedere con il caleidoscopio illusorio del turismo. Forse uno dei nostri compiti più urgenti consiste nell imparare di nuovo a viaggiare, per imparare di nuovo a vedere. (46). Ecco, imparare a vedere, adottare uno sguardo nuovo, che sappia cogliere l umanità profonda che può produrre l incontro turistico. Non turisti per caso quindi riprendendo il titolo della simpatica trasmissione di Roversi e Blady ma turisti con lo spirito antico di quell homo viator che nel muoversi sa trovare un equilibrio profondo tra sé stesso, gli altri ed il creato. E ciò perfino nel viaggio virtuale delle ipermoderne tecnologie immaginifiche. Ulderico Bernardi, professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi, Università di Venezia. Vittorio Filippi, professore a c. di Sociologia e di Sociologia del turismo, Università di Venezia. 9

10 1) Del Viaggiare, lezione accademica tenuta il 28 giugno 1791, citata in Bernardi U., Del viaggiare. Turismi, culture, cucine, musei open air, Angeli, Milano 1997, p. 11; 2) Bernardi U., op. cit., pp ; 3) W.T.O., International Tourism : A Global Perspective, 1997 ; W.T.O., Tourism: 2020 Vision, June 1998; il sito della W.T.O. è: 4) Leed E. J., La mente del viaggiatore. Dall Odissea al turismo globale, Il Mulino, Bologna 1992, p. 347; 5) Come è stato detto, il turismo è un industria pesante, come si può cogliere dall impatto che ha sull ambiente naturale e su quello socioculturale: Canestrini D., Andare a quel paese. Vademecum del turista responsabile, Feltrinelli, Milano 2001, pp ; 6) Cozzi G., Ferrero G., Le frontiere del marketing, Giappichelli, Torino 1996; 7) E il turismo noir o tanaturismo: Seaton A. V., War and Thanatourism: Waterloo , Annals of Tourism Research 1, 1999, pp ; 8) De Seta C., L Italia del Grand Tour. Da Montaigne a Goethe, Electa, Napoli 1992; 9) Savelli A., Sociologia del turismo, Angeli, Milano 1998, p. 102; 10) Leed E. J., cit., p. 15 e p. 20; 11) Brendon P., Thomas Cook: 150 Years of Popular Tourism, Secker & Warbourg, London 1991; 12) Turner L., Ash J., The Golden Hordes: International Tourism and The Pleasure Periphery, Constable, London 1975; 13) L espressione bolle ambientali è di E. Cohen, in Towards a Sociology of International Tourism, Sociological Research, 39, 1972; 14) Burgelin O., Le tourisme jugé, Communication, 10, 1967 ; inoltre Savelli A., cit. pp ; 15) MacCannell D., Staged Authenticity : Arrangements of Social Space in Tourist Settings, American Journal of Sociology, 3, 1973; Cohen E., Rethinking the Sociology of Tourism, Annals of Tourism Research, 1, 1979; 16) Cohen E., A Phenomenology of Tourist Experiences, Sociology, 13, 1979; 17) Censis, Come cambia il turismo. Dalle vacanze ai turismi, Quindicinale di note e commenti, 8, 1983; 18) Presidenza del Consiglio dei Ministri, VIII Rapporto sul turismo italiano, Mercury, Firenze 1998, pp ; 19) Codeluppi V., La sociologia dei consumi. Teorie classiche e prospettive contemporanee, Carocci, Roma 2002, pp ; dello stesso autore, Il potere della marca. Disney, Mcdonald s, Nike e le altre, Bollati Boringhieri, Torino 2001, cap. primo; 20) Munt J., Pacchetti turistici post-moderni per le nuove classi medie, Annuali Italiani del Turismo Internazionale, 1, 1995; Urry J., Lo sguardo del turista. Il tempo libero e il viaggio nelle società contemporanee, SEAM, Roma 2000, cap. quinto; 21) Kestours, The Caribbean holiday guide, 1991/1992, riportato da Munt J., cit., pp ; 22) Canestrini D., cit., p. 108; 23) Higgins B. R., The Global Structure of the Nature Tourism Industry: Ecotourists, Tour Operators, and Local Businesses, in 24) Urry J., cit., pp ; 25) Canestrini D., cit. pp ; 26) Augé M., Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, Eleuthera, Milano 1993; Canestrini D., Turpi tropici. Cinque storie dell altra faccia dell Eden, Zelig, Milano 1997; 10

11 27) Bernardi U., cit. cap. secondo; 28) Geertz C., Interpretazioni di culture, Il Mulino, Bologna 1987, p 94; 29) Bianchi M., L arte del viaggio. Ragioni e poesia di un turismo sostenibile, MC, Milano 1999; 30) Schouten F. F. J., Heritage as Historical Reality, in D. T. (ed), Heritage, Tourism and Society, Mansell, London New York, 1995, pp. 29; Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato, IX Rapporto sul turismo italiano 2000, Mercury, Firenze 2000, cap. diciottesimo; 31) La ricerca di Aci Censis sui 299 distretti turistici italiani si trova in 32) Zamagni V., Mussoni M., Benzi G., (a cura di), Per un turismo autenticamente umano, Fara, Rimini 2001; 33) Savelli A., Parco separato e territorio aperto:problemi di strategia nelle aree turistiche, in Minardi E., Lusetti M. (a cura di), I parchi di divertimento nella società del loisir, Angeli, Milano 1998, p. 17; 34) Ministero dell Industria, op. cit., cap. diciannovesimo; 35) Bonomi A., Il distretto del piacere, Bollati Boringhieri, Torino 2000, p. 32; 36) Possamai P., Il made in Italy fa affari su giostre e ottovolanti, la Repubblica, 28/1/2002; 37) Minardi E., Lusetti M. (a cura di), Luoghi e professioni del loisir, Sociologia del lavoro, 62, 1996, parti seconda e terza; 38) Lusetti M., Verso le città del quaternario: i parchi ricreativi-tematici come metafora di una società leisure oriented, in Minardi E., Lusetti M. (a cura di), I parchi di divertimento nella società del loisir, cit., pp ; 39) Pine II J. B., Gilmore H. J., L economia delle esperienze, Etas, Milano 2000; 40) Rullani E., Economia del piacere: produrre e consumare nell epoca del postfordismo, Mittelforum, 24, 2000; 41) Censis, 34 rapporto sulla situazione sociale del paese, Angeli, Milano 2000, p. 479; 42) Bonomi A., cit., p. 61; 43) Attali J., Dictionnaire du XXI siècle, Fayard, Paris 1998, pp ; 44) Triani G., Pelle di luna pelle di sole. Nascita e storia della civiltà balneare , Marsilio, Venezia 1988; 45) Munt J., cit., p. 12; 46) Augé M., Disneyland e altri nonluoghi, Bollati Boringhieri, Torino 1999, pp

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA VI Mercury S.r.l. RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

Marketing del turismo culturale. Scaletta Seminario con il prof. Giancarlo Dall Ara Modena, 17 aprile 2010

Marketing del turismo culturale. Scaletta Seminario con il prof. Giancarlo Dall Ara Modena, 17 aprile 2010 Marketing del turismo culturale Scaletta Seminario con il prof. Giancarlo Dall Ara Modena, 17 aprile 2010 I temi dell incontro Il mktg turistico applicato al patrimonio culturale Le nuove tendenze L analisi

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese

Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese Stefan Marchioro Direttore Turismo Padova Terme Euganee Docente a contratto di Economia e Marketing del Turismo presso l

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ V E R S O BENVENUTI DA NOI - RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO - 16 comuni + 120 realtà ristorative + 2000 imprese + 4000 posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ RISTORANTI E AGRITURISMI AZIENDE & ARTIGIANI

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo.

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. 13 marzo 2012 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Gli alimenti sani non sono tutti uguali: imparare a riconoscerne

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

Testata: GUIDA VIAGGI Link: http://www.guidaviaggi.it/detail.lasso?id=125416&-session=givi:5fe36f1d18af61d5a6yqff4024c3

Testata: GUIDA VIAGGI Link: http://www.guidaviaggi.it/detail.lasso?id=125416&-session=givi:5fe36f1d18af61d5a6yqff4024c3 Testata: GUIDA VIAGGI Link: http://www.guidaviaggi.it/detail.lasso?id=125416&-session=givi:5fe36f1d18af61d5a6yqff4024c3 08/10/2010-15:36 Al via il portale Talenti Italiani Il t.o. Un Altracosatravel apre

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT 1 TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO (ORGANIZZAZIONE MONDIALE DEL TURISMO) stima nel 2010 900 miliardi di dollari da turismo internazionale 1 miliardo di arrivi internazionali 225 milioni

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese?

Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese? Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese? Posizione del gruppo: CONTRO Composizione del gruppo: Michele Petrucci 73604 Valentina Viandante 74093 Corinne

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi Ischia, 25 ottobre 2014 (Rif. 1914v114) Indice 2 Obiettivi e metodologia pag. 3 Le principali evidenze 4 La frequentazione dell isola di

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLEGATO D: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE PRIMA Classe prima ACQUISIRE O MIGLIORARE IL SENSO DI RESPONSABILITA 1. Periodo nel corso dell intero anno, ma soprattutto durante il primo quadrimestre

Dettagli

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE 735 736 738Università degli Studi di Torino MASTER IN ECONOMIA, MANAGEMENT, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TURISMO MASTER MINT www.mastermint.unito.it MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE Comportamento del

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa Le vie del cioccolato Cioccolato patrimonio storico culturale da tutelare Partendo dal presupposto che il cioccolato è un invenzione europea

Dettagli

ALLE PENDICI DEL SAN GIORGIO E DEL FREIDOUR 1 SOGGIORNO 2 PARCHI SOGGIORNI DIDATTICI TRA PIOSSASCO E CANTALUPA

ALLE PENDICI DEL SAN GIORGIO E DEL FREIDOUR 1 SOGGIORNO 2 PARCHI SOGGIORNI DIDATTICI TRA PIOSSASCO E CANTALUPA ALLE PENDICI DEL SAN GIORGIO E DEL FREIDOUR 1 SOGGIORNO 2 PARCHI SOGGIORNI DIDATTICI TRA PIOSSASCO E CANTALUPA Il soggiorno Attività didattiche di più giorni per permettere alle scuole di usufruire delle

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti umani versus diritti culturali Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti culturali I diritti culturali, rappresentano il diritto di accesso alle risorse culturali appropriate, e in questo, designano

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Sociologia. Relazione Orientamento

Sociologia. Relazione Orientamento Sociologia Relazione Orientamento 1 SI, VIAGGIARE 2 TURISMO Cosa intendiamo per turismo? Quali sono gli errori comuni? 3 EPOCHE DEL TURISMO: PROTOTURISMO(Antica Roma e rivoluzione industriale) TURISMO

Dettagli

4.3 Ultima fase: lo scioglimento

4.3 Ultima fase: lo scioglimento 4.3 Ultima fase: lo scioglimento È poco usuale pensare la fine delle relazioni. Ma, se la relazione educativa è un processo, e un processo affettivo, ha una fine che sancisce delle acquisizioni, degli

Dettagli

Cento anni: un punto di partenza

Cento anni: un punto di partenza Cento anni: un punto di partenza Non so se quando -cento anni fa- un piccolo gruppo di appassionati, decise di dar vita al club degli automobilisti italiani avrebbe mai immaginato che l oggetto della loro

Dettagli

Dal marketing al societing: 10 tesi

Dal marketing al societing: 10 tesi Dal marketing al societing: 10 tesi Il marketing opera in una società che sta vivendo un momento di cambiamento di grande portata. Siamo di fronte a una transizione d epoca accelerata dalla pervasiva diffusione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città Genus Bononiae per le Scuole - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città I Sevizi educativi di Genus Bononiae. Musei nella Città hanno elaborato per l anno scolastico 2015-2016 una nuova offerta

Dettagli

L intervenire secondo il modello empaticorelazionale

L intervenire secondo il modello empaticorelazionale L intervenire secondo il modello empaticorelazionale Il progetto amico Prof. Nicola Cuomo Dott.ssa Alice Imola Dip. Di Scienze dell Educazione Università di Bologna No insegnante No educatore No terapista

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

Brief per il laboratorio

Brief per il laboratorio Brief per il laboratorio Il materiale allegato, campagne pubblicitarie per incentivare il turismo, realizzate da nazioni, regioni e una provincia, è stato selezionato per la sua qualità. Si tratta infatti

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI?

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? PRODOTTO ITALIA: I TREND DELLA DOMANDA ESTERA DATI DELL OSSERVATORIO MERCATI ESTERI TTG ITALIA A cura di Paola Tournour-Viron per

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI Le strategie di valorizzazione turistica Dott. Sebastiano MANGIAGLI IL FENOMENO TURISTICO 2 IL FENOMENO TURISTICO Tipologie di viaggiatori VIAGGIATORI Visitatori, che attivano la domanda turistica (per

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica

operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica libri di base Piero Alacchi operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica MURSIA INDICE COMPETENZE DI RIFERIMENTO... 5 Capitolo 1 I soggetti dell attività economica 1.1 L attività economica... 9 1.2

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Parte Quarta Il turismo sostenibile: perché? Equità sociale e economica: gli stakeholders

Parte Quarta Il turismo sostenibile: perché? Equità sociale e economica: gli stakeholders Parte Quarta Il turismo sostenibile: perché? Equità sociale e economica: gli stakeholders Contraddizione tra globale e locale Marca differenze tra paesi Ricchi e Poveri Monopolio (Multinazionali del Turismo

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

Benvenuti in BPER Banca.

Benvenuti in BPER Banca. Benvenuti in BPER Banca. Passato Presente e Futuro si intrecciano a formare una storia unica che parla di evoluzione, conquiste e risultati tangibili. Il Presente si arricchisce del Passato, ascolta il

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli