LICEO SCIENTIFICO CHARLES DARWIN RIVOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO CHARLES DARWIN RIVOLI"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO CHARLES DARWIN RIVOLI CONTRATTO INTEGRATIVO RIGUARDANTE I CRITERI GENERALI DELL'ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL'ARTICOLAZIONE DELL'ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA Il giorno.. alle ore nel locale.. viene sottoscritta la presente intesa, finalizzata alla stipula del Contratto Collettivo Integrativo del liceo scientifico C. DARWIN. La presente intesa sarà inviata ai Revisori dei Conti, corredata della relazione tecnica del D.S.G.A, per il previsto parere. Art. 1 - Finalità del presente accordo Come previsto dall art.4 del CCNL, le finalità del presente accordo sono: migliorare la qualità del servizio scolastico, e in particolare dei servizi generali affidati ai collaboratori scolastici, agli uffici amministrativi e agli assistenti tecnici; sostenere i processi innovatori in atto all interno della scuola e in particolare l ampliamento e il miglioramento dell offerta formativa per gli studenti; valorizzare la professionalità del personale. Art. 2 - Campo di applicazione Le disposizioni contenute nel presente contratto si applicano a tutto il personale docente e ATA ivi compreso quello a tempo determinato. Art. 3 - Controversie interpretative Per risolvere eventuali controversie interpretative delle norme contenute nel presente contratto, le parti che lo hanno sottoscritto, si incontrano per definire consensualmente il significato della clausola contestata. Art. 4 - Durata dell accordo e revisioni Il presente accordo ha durata dalla data della sottoscrizione fino a nuova contrattazione. All'inizio del nuovo anno scolastico le parti avvieranno congiuntamente: - la verifica sulla sua applicazione e sui suoi risultati; - la trattativa per rinnovare o confermare le norme contenute nell'accordo. Art. 5 - Sicurezza nei luoghi di lavoro Per tutto quanto concerne la sicurezza sui luoghi di lavoro i diritti/doveri/obblighi delle parti, si fa riferimento alla normativa vigente. 1

2 DIRITTI SINDACALI Art. 6 - Assemblee sindacali La dichiarazione individuale e preventiva di partecipazione alle assemblee, espressa in forma scritta dal personale che intende parteciparvi durante il proprio orario di servizio fa fede ai fini del computo del monte ore individuale ed è irrevocabile. I partecipanti alle assemblee non sono tenuti ad apporre firme di presenza, né ad assolvere ad ulteriori adempimenti. Nel caso di assenza per sopravvenuta malattia o per altro motivo manifestatosi dopo la dichiarazione di partecipazione non si terrà conto nel calcolo del monte ore. Nelle assemblee sindacali, se la partecipazione del personale A.T.A. è totale, i servizi che devono essere garantiti e i contingenti del personale chiamati a garantirli sono i seguenti: - Vigilanza dell ingresso della scuola e centralino n. 1 Collaboratore scolastico. In assenza di disponibilità volontarie, si procede a individuare un collaboratore seguendo il criterio della rotazione. E possibile una modifica temporanea dei turni di lavoro giornalieri senza far ricorso al lavoro straordinario per garantire i servizi minimi. Art. 7 - Permessi Sindacali 1. Alla R.S.U. spetta un monte ore di permessi sindacali ad anno scolastico pari a 30 minuti per ogni dipendente in servizio a tempo indeterminato (che si ottiene moltiplicando 30 ore per il numero dei dipendenti diviso 60, uguale ore a disposizione). 2. Il contingente dei permessi di spettanza della R.S.U. è da questa autonomamente gestito, nel rispetto del tetto massimo attribuito; 3. La comunicazione da parte della R.S.U. al Dirigente Scolastico deve essere presentata 24 ore prima della data per la quale si richiede il permesso. Art. 8 - Bacheca Sindacale 1. Il Dirigente Scolastico (di seguito indicato come D.S.) assicura al Piano Terra di ciascuna sede, in collocazione idonea e in luogo accessibile a tutti la predisposizione di una bacheca riservata alla esposizione di materiale sindacale, assicura inoltre uno spazio dedicato all'interno del sito web istituzionale. 2. La R.S.U. ha il diritto di affiggere nella suddetta bacheca materiale di interesse sindacale e del lavoro, in conformità alla legge sulla stampa e senza la preventiva autorizzazione del Dirigente Scolastico. Art. 9 - Agibilità sindacale 1. I lavoratori facenti parte della R.S.U. hanno il diritto di comunicare durante l orario di servizio con gli altri lavoratori della propria istituzione scolastica per motivi di interesse sindacale senza pregiudizio per il proprio e altrui lavoro. 2. Alla R.S.U. è concesso l utilizzo di un locale idoneo per riunioni ed incontri in caso di necessità, nonché l utilizzo di un armadio per la raccolta del materiale sindacale. 3. Alla R.S.U., per motivi di carattere sindacale, è consentito l uso gratuito del telefono, del fax, della fotocopiatrice e l uso del computer con collegamento a internet. Art Relazioni sindacali a livello dell istituzione scolastica 1. Il D.S. comunica alla R.S.U. tutte le circolari riguardanti il personale e le risorse di cui l istituto dispone. 2. Di norma 48 ore prima degli incontri di trattativa il D.S. fornisce la documentazione relativa alle materie in discussione 3. Informazione preventiva - viene concordato il seguente calendario per discutere le materie previste: 2

3 Criteri di permessi per l aggiornamento Proposte di formazione delle classi in funzione della determinazione degli organici Entro il mese di ottobre Entro 10 giorni dal termine delle iscrizioni il D.S. rende l informativa sul numero di iscritti Almeno 5 giorni prima della chiusura delle aree per l inserimento dei dati da parte della scuola il D.S. completa l informativa comunicando le proposte di formazione delle classi Il D.S. comunica ogni altra variazione operata dall Amministrazione scolastica 4. Contrattazione - verranno forniti gli elementi necessari utili alla contrattazione stessa: Modalità e criteri di applicazione dei diritti sindacali Attuazione della normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro Criteri e modalità relativi alla organizzazione del lavoro e all articolazione dell orario del personale docente e ATA, nonché i criteri per l individuazione del personale docente e ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto Criteri generali per l impiego delle risorse, ivi comprese quelle di cui all art.4 comma 3 del CCNL , del fondo in relazione alle diverse professionalità Entro il mese di ottobre Entro il mese di ottobre Entro il mese di ottobre Entro il mese di ottobre 5. Informazione successiva - viene concordato il seguente calendario: Nominativi del personale utilizzato nelle attività e progetti retribuiti con il Fondo d Istituto Verifica dell attuazione della contrattazione integrativa sull utilizzo delle risorse Criteri di individuazione e modalità di utilizzazione del personale in progetti derivanti da specifiche disposizioni legislative, nonché da convenzioni, intese e accordi stipulati dalla singola istituzione scolastica Entro il 30 giugno Entro il 30 giugno Entro il 30 giugno Art Criteri generali per gli incontri di contrattazione 1. Gli incontri per la contrattazione, indetti formalmente dal D.S., avvengono su richiesta di qualsiasi delle parti con preavviso di almeno otto giorni. Almeno 48 ore prima degli incontri il Dirigente Scolastico fornisce la documentazione relativa. Agli incontri può partecipare il D.S.G.A. 2. Il D.S. può essere assistito durante la contrattazione da personale al quale ha affidato specifici compiti di collaborazione. Tali assistenti non hanno comunque diritto di parola al di fuori dei loro compiti di consulenza. 3

4 3. Analogamente la R.S.U. potrà essere assistita durante la contrattazione da personale al quale ha affidato specifici compiti di collaborazione. Tali assistenti non hanno comunque diritto di parola al di fuori dei loro compiti di consulenza. 4. Al termine degli incontri è redatto un verbale. 5. Gli incontri possono concludersi con un accordo/intesa oppure un disaccordo. In caso di disaccordo, nel relativo verbale devono essere riportate le diverse posizioni. ARTICOLAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE Art Orario di lavoro L'attività di insegnamento del personale docente si svolge in 18 ore settimanali articolate, di norma, in non meno di cinque giorni. Le eventuali variazioni d orario potranno andare in vigore solamente dal lunedì successivo alla comunicazione e, comunque, non prima di 3 giorni dalla modifica. L attività funzionale all insegnamento è disciplinata dall art. 29 del CCNL Le riunioni collegiali verranno effettuate in giorni della settimana diversi, adottando un criterio di rotazione e comunque mai di sabato. Per l'orario di apertura dell'istituto fare riferimento al Regolamento di Istituto. Art Completamento dell'orario cattedra e ore eccedenti In tutti i casi in cui l'orario di insegnamento del docente è inferiore alle 18 ore settimanali il completamento avviene attraverso le ore a disposizione, secondo un calendario che copra il più possibile in modo omogeneo tutte le ore di lezione. Le ore eccedenti alle 18 saranno assegnate solo sulla base di una dichiarazione di disponibilità del docente interessato. Art Supplenze in orario straordinario I docenti che lo desiderano possono dichiarare la propria disponibilità ad effettuare, in orario straordinario, supplenze ai colleghi temporaneamente assenti (fino ad un massimo di sei ore settimanali per un complessivo settimanale di ventiquattro ore). AI docente, per lo svolgimento di detta attività, viene corrisposto il compenso previsto dal CCNL. E' data facoltà al docente di recuperare l'ora prestata, in alternativa al pagamento, previo accordo con l ufficio di presidenza e compatibilmente con le esigenze di servizio. Per il personale in part-time si recepiscono e fanno proprie le norme del contratto nazionale e si stabilisce che: non possono fare straordinario i lavoratori con part-time orizzontale; possono accedere allo straordinario, purché non abbia carattere di continuità i lavoratori in parttime verticale o ciclico solo nei giorni di servizio. Art Ferie in periodi di non sospensione delle attività didattiche Non dovendosi determinare oneri aggiuntivi per la corresponsione di compensi per ore eccedenti, la fruizione di ferie in periodi di svolgimento dell attività didattica potrà essere concessa compatibilmente con l effettiva possibilità di effettuare le sostituzioni con il personale disponibile. La richiesta dovrà essere presentata almeno 3 giorni prima del giorno di cui si fa richiesta. Art Permessi brevi per visite e/o analisi e terapie mediche 4

5 E possibile fruire di permessi brevi per una quota non superiore al 50% dell orario della mattinata (fino a un massimo di 2 ore) per visite e/o analisi e terapie mediche. Tali permessi opportunamente documentati e certificati non sono soggetti a recupero. I permessi brevi accordati dal DS per assenza dagli organi collegiali (collegi, consigli di classe, dipartimenti) previsti dal Piano annuale delle Attività dovranno essere recuperati in ore di supplenza. Art Scambio ore tra docenti E data la possibilità di effettuare scambi di ore tra i docenti della stessa classe o della stessa materie previa autorizzazione della Vicepresidenza e avvertendo gli studenti almeno il giorno prima di quello per il quale è previsto lo scambio. Art Aggiornamento La richiesta di permesso per partecipare ad attività di formazione in servizio deve essere presentata 3 giorni prima della data prevista per il corso e la partecipazione sarà autorizzata per non più di un docente al giorno (o per 2 docenti se impegnati nello stesso giorno in ore non coincidenti) e sempre che sia possibile la sostituzione. In caso di più domande presentate per la stessa giornata si terrà conto del numero di corsi già fruiti e, in caso di parità, si procederà al sorteggio. Art Modalità di utilizzazione del personale in rapporto al POF Per tutte le attività previste dal POF la risorsa primaria è costituita dal personale docente dell'istituzione scolastica. In assenza di specifiche professionalità o di dichiarata disponibilità, il D.S. può far ricorso a risorse esterne sia attraverso collaborazioni plurime (art. 35 del CCNL ) con docenti di altre istituzioni scolastiche sia attraverso altre risorse esterne in possesso delle competenze richieste come previsto anche dal decreto 44/2001. Per quanto riguarda le modalità di utilizzazione del personale docente si procederà sulla base delle seguenti priorità: 1. docenti del consiglio di classe per tutte le attività connesse alla realizzazione del progetto formativo previsto dal consiglio di classe 2. docenti interni disponibili e con idonee competenze 3. docenti appartenenti ad altra istituzione scolastica in possesso delle competenze richieste 4. esperti esterni non appartenenti al mondo della scuola in possesso delle competenze richieste. Art Criteri per l individuazione del personale docente da utilizzare nelle attività retribuite con il Fondo d Istituto Per tutte le attività retribuite con il Fondo d'istituto, l'individuazione e l'assegnazione del personale docente è effettuata dal D S., salvo i casi in cui la norma contrattuale prevede procedure diverse oppure tali attività rientrino tra quelle disciplinate dal precedente art.16 del presente atto di contrattazione. La designazione avviene previo accertamento: 1- della competenza specifica a svolgere l'incarico; 2- della disponibilità del docente; 3- dell esperienza pregressa. In presenza della disponibilità di docenti che non abbiano acquisito ancora esperienza nel compito, si favorirà il loro coinvolgimento per favorirne la crescita professionale. Per il personale in part-time si recepiscono e fanno proprie le norme del contratto nazionale e si stabilisce che non possono avere incarichi aggiuntivi di carattere continuativo, fatta eccezione per 5

6 attività intrinsiche alla funzione docente. Art Criteri riguardanti l assegnazione dei docenti alle classi Fatta salva la continuità didattica (all'interno del biennio e del triennio), dove è possibile, le cattedre verranno assegnate ai docenti dal D.S., tenuto conto degli eventuali desiderata e della necessità di equilibrio nei C.d.C. e nella scuola. Art Criteri di utilizzazione del personale docente nelle attività di recupero Le attività di recupero (corsi e sportelli) saranno realizzate dal personale docente dell istituto che si sia reso disponibile e l assegnazione di corsi e sportelli verrà effettuata dai dipartimenti, sulla base delle competenze specifiche e della disponibilità dei docenti stessi. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA Il personale ATA è tenuto a rendersi riconoscibile esponendo il tesserino di riconoscimento fornito dall Istituto. L Amministrazione fornisce ai collaboratori scolastici tutti i DPI previsti dal Documento di Valutazione del Rischio e si impegna a sostituire i capi usurati su segnalazione del personale interessato. Art Obiettivi specifici relativi all attività del personale ATA L attività del personale ATA viene organizzata alla luce dei seguenti obiettivi specifici: - garantire l accessibilità ordinaria dell istituto dalle ore 8 alle ore 16 - garantire standard di pulizia adeguati - garantire l accesso ai servizi di segreteria in ogni giornata lavorativa per n 3 ore giornaliere - garantire un servizio informazioni tramite centralino e portineria finalizzato a fornire all utenza dati sulle attività e iniziative in atto - garantire le funzioni relative al servizio di prevenzione e protezione, di primo soccorso e di assistenza ai disabili - garantire all utenza da parte del personale di segreteria un servizio di consulenza in grado di soddisfare le esigenze di alunni, genitori, dipendenti e soggetti esterni - coordinare gli acquisti raccordando le richieste degli utenti con le disponibilità di bilancio, acquisendo informazioni da soggetti esterni, rendendo disponibili i beni richiesti in tempi brevi - garantire la funzionalità e l accesso dei sistemi di fotocopiatura e stampa - garantire tutti i servizi e le funzioni relative alla tutela della sicurezza dei lavoratori e degli studenti secondo quanto prevede la normativa vigente - garantire la funzionalità delle attrezzature in dotazione e della struttura edilizia curandone direttamente la piccola manutenzione e sovrintendendo a quella affidata a soggetti esterni. Art Assegnazione delle mansioni Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (di seguito indicato come D.S.G.A), se delegato dal DS, assegna all inizio dell anno scolastico a ogni dipendente le mansioni e l orario di servizio valido per l intero anno scolastico. Assistenti amministrativi L attività degli assistenti amministrativi viene organizzata in 3 aree: 1. alunni e famiglie-manutenzione e sicurezza 2. stato giuridico ed economico del personale dipendente 3. programma annuale e organi collegiali A ogni area vengono assegnati almeno n 2 assistenti amministrativi. Assistenti tecnici 6

7 L attività degli assistenti tecnici è organizzata nelle seguenti aree: 1. area informatica 2. area linguistica 3. area chimica 4. area audiovisivi 5. area disegno 6. area fisica Il D.S.G.A, di concerto con il Dirigente Scolastico, assegna a ogni assistente la responsabilità specifica di un laboratorio e lo affianca con un altro assistente che lo sostituisce in caso di assenza. Collaboratori scolastici L attività dei collaboratori scolastici viene organizzata secondo le modalità indicate nelle seguenti tabelle: 1) Turno antimeridiano A ORARIO 7, ,30 APERTURA SCUOLA ACCENSIONE LUCI PT CONTROLLO ACCESSI INGRESSO PRINCIPALE E INFORMAZIONI ore pulizie PULIZIE 1.30 ORARIO 7,30 8-8,30 8, ,30 B APERTURA SCUOLA ACCENSIONE LUCI. PRIMO E SECONDO PIANO CONTROLLO ACCESSO INGRESSO LATO BAR PIANO TERRA SORVEGLIANZA PIANO TERRA PULIZIE 1.30 ORARIO 7, ,30 C APERTURA SCUOLA ACCENSIONE LUCI PALESTRE E P SEMINTERRATO SORVEGLIANZA PIANO SEMIN. MARTEDI 1^ ORA : PULIZIA LOC. 12 VENERDI 3^ ORA : PULIZIA LOC. 12 SABATO 3^ ORA: PALESTRINA PULIZIE 1.30 D E ORARIO 8 8,45 8, SORVEGLIANZA PALESTRE P. INTERRATO UFFICI A DISPOSIZIONE PULIZIE 2 ORARIO ,30-8, UFFICI PULIZIA RAMPE SCALA ACCESSO UFFICI PULIZIE 2 ORARIO 8, ,30 F PULIZIA LABORATORI PULIZIE 2 ORARIO G SORVEGLIANZA 2 PIANO PULIZIE 2 ORARIO H SORVEGLIANZA 1 PIANO PULIZIE 2 totale ore pulizie 14,30 2) Turno pomeridiano ORARIO 12-13,15 13,15-18 I L CONTROLLO ACCESSI INGRESSO PRINCIPALE, INFORMAZIONI E FOTOCOPIE PULIZIE SETTORE + ATRIO ORARIO 12-13,15 13,15 14,30 14,30-18 PULIZIE SETTORE + WC INSGNANTI P. TERRA + ATRIO CONTROLLO ACCESSI INGRESSO PRINCIPALE, INFORMAZIONI, FOTOCOPIE PULIZIE VERIFICA CHIUSURA P. PRIMO ORARIO 12-14,30 14,30 15,45 15, ,45 4,45 7

8 M N PULIZIE SETTORE + SEGRET. AMMINISTRATIVA + LOC. 20 PRIMO PIANO + ATRIO CONTROLLO ACCESSI INGRESSO PRINCIPALE PULIZIE VERIFICA CHIUSURA P. SEMINT. ORARIO 12-15,45 15,45-17, PULIZIE SETTORE + SEGRET. DIDATTICA + CORRIDOIO UFFICI + ATRIO CONTROLLO ACCESSI INGRESSO PRINCIPALE PULIZIE VERIFICA CHIUSURA P. SECONDO ORARIO O PULIZIE SETTORE + ATRIO CONTROLLO ACCESSI INGRESSO PRINCIPALE totale ore pulizie 22 4,45 4,45 Art Turni e orario di lavoro L orario di lavoro del personale ATA è funzionale al servizio e si articola su 36 ore settimanali, di norma suddiviso su sei giorni e per sei ore giornaliere. Per andare incontro alle esigenze di singoli operatori, se l efficienza del servizio non ne risente, è possibile articolare l orario su cinque giorni alla settimana oppure su base plurisettimanale. L orario di servizio giornaliero lavoro dal lunedì al venerdì va dalle ore 7.00 alle ore 18.00, nella sede di Rivoli e dalle 7.00 alle nella scuola di Sangano, tranne nel mese di agosto. Il sabato dalle 7.00 alle a Rivoli e alle a Sangano. Sono fatte salve tutte le cause di forza maggiore che dovessero intervenire, nel corso del presente anno scolastico. Nei vari turni verrà assegnato prioritariamente il personale in base alla disponibilità individuale e alla professionalità necessaria durante il turno in considerazione. I turni di lavoro assegnati sono definitivi per l anno scolastico e possono variare solo in funzione delle esigenze di servizio, ricorrendo al lavoro straordinario e/o al cambio di turno e, fatte salve le esigenze di servizio, su richiesta del dipendente al D.S.G.A. L organizzazione dell orario di lavoro deve tener conto dei seguenti vincoli: Assistenti amministrativi: presenza in servizio di almeno 2 assistenti amministrativi entro le ore Presa di servizio entro le ore 8.45 per tutto il personale. Assistenti tecnici: presenza in servizio entro le ore 8.00 Collaboratori scolastici: - presa in servizio di almeno 2 operatori entro le ore 7.30 per garantire l apertura dell istituto alle ore 8.00; - presa in servizio di almeno 1 operatore entro le ore 8.00 per garantire la sorveglianza prima, durante e dopo l ingresso degli allievi; - presa in servizio di almeno 2 operatori entro le ore per garantire la sorveglianza all ingresso principale e il servizio di informazioni fino alle ore 16.00; - presa in servizio di almeno 3 operatori entro le ore per svolgere i servizi di pulizia e garantire la chiusura della scuola alle ore Se l orario individuale giornaliero supera le 7 ore e 12 minuti (vedi art. 50 comma 3) è prevista una pausa minima di 30 minuti. Il C.d.I. valuterà la possibilità di effettuare chiusure anche in altri periodi di sospensione dell attività didattica durante l anno scolastico (es.: vacanze natalizie e pasquali, settimana di ferragosto). Orario di lavoro flessibile L'orario di lavoro è funzionale all'orario di servizio e di apertura della scuola all'utenza. L'orario flessibile consiste nell'articolare l'orario del personale su diverse soluzioni di ingresso e/o di uscita, distribuendolo anche su cinque giornate lavorative. I dipendenti che ne facciano richiesta vanno favoriti nell'utilizzo dell'orario flessibile compatibilmente con le esigenze di servizio. Riduzione dell orario a 35 ore settimanali 8

9 Le parti concordano che, in base all art. 55 comma 1 del CCNL, l'orario di lavoro del personale ATA impegnato su più turni giornalieri ha diritto alla riduzione d'orario a 35 ore settimanali nel periodo di funzionamento della attività didattica (fino a conclusione degli Esami di Stato). L'orario di lavoro verrà concordato tra il DS e I lavoratori compatibilmente con le esigenze di servizio. Ritardi Il ritardo sull orario d ingresso comporta l obbligo del recupero (art. 54 comma 1 del CCNL). Se il ritardo rispetto all inizio del servizio non supera i 15, questo dovrà essere recuperato al termine della giornata in cui si è verificato. L eventuale esubero rispetto a 15 verrà recuperato, in accordo con il D.S.G.A., cumulando le frazioni di ritardo fino al raggiungimento della mezz ora, entro l ultimo giorno del mese successivo a quello in cui si è verificato. Nel caso di mancato recupero attribuibile ad inadempienza del dipendente, si opera proporzionale decurtazione della retribuzione cumulando le frazioni di ritardo fino ad una ora di lavoro o frazione non inferiore alla mezz ora entro i due mesi successivi. Articolazione orario assistenti tecnici L orario di lavoro degli assistenti tecnici è articolato nel seguente modo: - assistenza tecnica alle esercitazioni didattiche per almeno 24 ore in compresenza del docente; - le restanti ore saranno dedicate alla manutenzione e riparazione delle attrezzature tecnicoscientifiche e alla preparazione dei materiali per le esercitazioni. Nei periodi di sospensione della attività didattica gli assistenti tecnici saranno utilizzati in attività di manutenzione del materiale tecnico-scientifico-informatico e in progetti coerenti con l area esercitata o uffici di loro competenza. In considerazione dell ampia e diffusa dotazione tecnologica, le attività di manutenzione e supporto alla didattica possono essere svolte nelle classi. Art Orario del D.S.G.A L orario del D.S.G.A è articolato su 6 giorni lavorativi con presa di servizio entro le ore Il D.S.G.A, d intesa con il D.S., organizza la propria presenza in servizio e il proprio tempo di lavoro secondo criteri di flessibilità, assicurando il rispetto delle scadenze amministrative e la presenza negli OO.CC., nei quali è componente di diritto e/o ai quali è chiamato a partecipare. Art Lavoro straordinario e riposi compensativi TETTO MASSIMO STRAORDINARIO (compatibilmente con le risorse) per gli AA: 20 ore retribuibili per gli AT: 10 ore retribuibili per i CS: 25 ore retribuibili Il controllo dello straordinario avverrà tramite monitoraggio periodico. Il personale in condizione di part-time avrà un monte ore proporzionato all orario di servizio prestato. Ai sensi dell art. 54 comma 3 del CCNL 2006/09, il lavoro straordinario, preventivamente autorizzato dal Dirigente, prestato per la sostituzione di colleghi assenti o per altre esigenze di servizio, può essere retribuito su richiesta del personale. Le ore di straordinario tramutate in compensazione potranno essere fruite dai dipendenti mediante riposi compensativi da utilizzare prioritariamente durante la sospensione dell attività didattica; solo in casi motivati e compatibilmente con le esigenze di servizio si potranno concedere i riposi durante i periodi di svolgimento delle lezioni garantendo, comunque, una rotazione di tutto il personale. I riposi compensativi dovranno essere fruiti entro il termine dell anno scolastico in cui sono maturati. Collaboratori scolastici: per assicurare la pulizia dei locali, nel caso di assenza di un collaboratore scolastico, il D.S.G.A. assegna il reparto della persona assente ad un collega che effettua lo straordinario nella misura di 1 ora e mezza, stante, comunque, l'obbligo contrattuale della pausa di mezz'ora dopo le 7 ore e 9

10 12'. Lo straordinario può anche essere attribuito a due o tre persone che si dividono l'incarico per un totale complessivo di un'ora e trenta. L individuazione del personale che deve effettuare lo straordinario avviene, in un primo momento, attraverso un calendario di disponibilità rese dal personale stesso; in assenza di disponibilità, l esigenza del servizio viene coperta attribuendo l incarico a rotazione e in base all elenco alfabetico, con esclusione di coloro che si trovino in particolari situazioni previste dalle L.1204/71, 903/77, 104/92. Per il personale in part-time si recepiscono e fanno proprie le norme del contratto nazionale e si stabilisce che: non possono avere incarichi aggiuntivi di carattere continuativo; non possono fare straordinario i lavoratori con part-time orizzontale; possono accedere allo straordinario, purché non abbia carattere di continuità i lavoratori in part-time verticale o ciclico solo nei giorni di servizio. Il tetto massimo sarà proporzionale all'orario di servizio. Le eventuali ore di straordinario non utilizzate vengono ridistribuite previo accordo con le RSU ed eventuale riunione con il personale interessato e tenendo conto dell esigenze di servizio. Art Permessi brevi per visite e/o analisi e terapie mediche E possibile fruire di permessi brevi per una quota non superiore al 50% dell orario di servizio per visite e/o analisi e terapie mediche. Tali permessi opportunamente documentati e certificati non sono soggetti a recupero. Art Modalità di fruizione delle ferie Entro il 15 aprile di ogni anno il personale ATA manifesta la richiesta di ferie estive. Ogni dipendente richiede almeno 3 settimane di ferie, anche frazionate (ogni giorno conta 1,2 se l orario è distribuito su cinque giorni) ma con almeno quindici giorni consecutivi, nel periodo compreso tra il 30 giugno e il primo settembre, così come è previsto dall art.19 del CCNL Entro il 30 aprile il D.S.G.A. dispone il piano delle ferie estive. Nel caso in cui tutto il personale della stessa qualifica richieda lo stesso periodo, sarà modificata dapprima la richiesta dei dipendenti disponibili al cambio e, in mancanza di disponibilità, si procederà secondo il criterio della rotazione annuale, in stretto ordine alfabetico, tenendo in considerazione eventualmente situazioni di vincolo oggettivo documentato. Al personale della stessa qualifica è consentito, a domanda, scambiare con un collega il turno di ferie, previa autorizzazione del D.S.G.A. Dovrà comunque essere sempre garantita la presenza di due assistenti amministrativi, quattro collaboratori scolastici e due assistenti tecnici fino alla conclusione degli Esami di Stato. Successivamente sarà sufficiente la presenza di almeno un assistente amministrativo e due collaboratori scolastici. Nei periodi di Natale, Pasqua le ferie e i riposi compensativi saranno usufruiti in modo da assicurare un approfondita pulizia di tutti i reparti e il mantenimento di un servizio minimo negli uffici. I giorni di ferie non usufruiti potranno essere effettuati non oltre il mese di aprile dell anno successivo. Art Apertura e chiusura dell Istituto - Chiusure prefestive Il personale della scuola può accedere all'istituto dalle ore La scuola resterà chiusa durante i prefestivi deliberati dal Consiglio d Istituto. Il personale ATA coprirà le giornate o le ore non lavorate con i giorni di ferie, di recupero festività o con ore di riposo compensativo. Art Attività retribuibili con il Fondo d Istituto ed incarichi specifici. 10

11 La tipologia delle prestazioni aggiuntive e degli incarichi specifici (art. 47 del CCNL ) da assegnare è individuata dal DSGA, nell ambito della pianificazione dei servizi generali amministrativi e prevede: - N 5 incarichi ai collaboratori scolastici, relativi al servizio di informazione e di fotocopie - N 4 incarichi agli assistenti amministrativi (vicedirettore e 3 coordinatori di area) - N 4 incarichi agli assistenti tecnici, relativi al coordinamento del piano acquisti, alla manutenzione delle attrezzature, degli arredi e dell immobile, al supporto per i progetti informatici e multimediali, alla ricognizione inventariale quinquennale. Verranno contrattati preventivamente con la RSU i criteri per l individuazione del personale da utilizzare nelle attività retribuite con il Fondo. Nel caso che sulla stessa prestazione e/o incarico si avvicendino più soggetti, il compenso verrà ripartito in relazione alla durata dell incarico. Per ogni prestazione aggiuntiva richiesta al personale ATA, devono essere definite preventivamente, in relazione alle caratteristiche del lavoro da svolgere, il numero delle ore da prestare in eccedenza all orario di servizio (straordinario) e/o l eventuale numero delle ore da corrispondere come intensificazione. Il riposo compensativo può essere concesso, compatibilmente con le esigenze del servizio, solo per le ore eccedenti l orario d obbligo (straordinario). IMPIEGO DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA Art Criteri generali per l utilizzo delle risorse I criteri per l'erogazione del Fondo d'istituto sono stabiliti avuto riguardo : 1) al Piano dell Offerta formativa deliberato dal Collegio docenti per l anno scolastico in corso 2) alle esigenze funzionali alla logistica; 3) all'organizzazione del Servizio, come previsto dal Piano delle Attività per il personale ATA. Art Criteri di ripartizione del fondo Il fondo sarà ripartito come nell allegata tabella B che per eventuali ed eccezionali modifiche è soggetta a contrattazione. Art Assegnazione degli incarichi Tutti gli incarichi comportano l assunzione di ulteriori responsabilità rispetto all espletamento dei normali compiti e vengono conferiti dal D.S. Per quanto riguarda il personale ATA il D.S. procederà, sentito il D.S.G.A, sulla base dei seguenti criteri: - disponibilità degli interessati - documentazione che attesta il possesso dei requisiti richiesti (è ammessa l autocertificazione secondo le norme vigenti) - possibilità per ciascun lavoratore di accedere a un solo incarico Il Dirigente Scolastico affida l incarico per contratto individuale e ha la facoltà di revoca dello stesso in caso di assenze prolungate e continuative che rendano impossibile l assolvimento dell incarico e il raggiungimento degli obiettivi, oppure in presenza di mancato rendimento e di sanzioni disciplinari. In tal caso verrà data comunicazione alla RSU. 11

12 Art Utilizzazione disponibilità eventualmente residuate Nel caso in cui alcune attività non esaurissero le disponibilità di cui allo specifico finanziamento del fondo d'istituto, le disponibilità residuate confluiranno nella parte generale ed indifferenziata del fondo di Istituto e verranno utilizzate nell esercizio successivo, salvo quelle con vincolo di destinazione. Delegazione di parte pubblica: IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Delegazione di parte sindacale: LA RSU SCUOLA:... con l assistenza del D.S.G.A I RAPPRESENTANTI DELLE OO.SS. PROVINCIALI:

13 SOMMARIO Art. 1 - Finalità del presente accordo 1 Art. 2 - Campo di applicazione...1 Art. 3 - Controversie interpretative...1 Art. 4 - Durata dell accordo e revisioni...1 Art. 5 - Sicurezza nei luoghi di lavoro...1 DIRITTI SINDACALI...2 Art. 6 - Assemblee sindacali...2 Art. 7 - Permessi Sindacali...2 Art. 8 - Bacheca Sindacale...2 Art. 9 - Agibilità sindacale...2 Art Relazioni sindacali a livello dell istituzione scolastica...2 Art Criteri generali per gli incontri di contrattazione...3 ARTICOLAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE...4 Art Orario di lavoro...4 Art Completamento dell'orario cattedra e ore eccedenti...4 Art Supplenze in orario straordinario...4 Art Ferie in periodi di non sospensione delle attività didattiche...4 Art Permessi brevi per visite e/o analisi e terapie mediche...4 Art Scambio ore tra docenti...5 Art Aggiornamento...5 Art Modalità di utilizzazione del personale in rapporto al POF...5 Art Criteri per l individuazione del personale docente da utilizzare nelle attività retribuite con il Fondo d Istituto...5 Art Criteri riguardanti l assegnazione dei docenti alle classi...6 Art Criteri di utilizzazione del personale docente nelle attività di recupero...6 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA...6 Art Obiettivi specifici relativi all attività del personale ATA...6 Art Assegnazione delle mansioni...6 Art Turni e orario di lavoro...8 Art Orario del D.S.G.A...9 Art Lavoro straordinario e riposi compensativi...9 Art Permessi brevi per visite e/o analisi e terapie mediche...10 Art Modalità di fruizione delle ferie...10 Art Apertura e chiusura dell Istituto - Chiusure prefestive...10 Art Attività retribuibili con il Fondo d Istituto ed incarichi specifici IMPIEGO DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA...11 Art Criteri generali per l utilizzo delle risorse...11 Art Criteri di ripartizione del fondo...11 Art Assegnazione degli incarichi...11 Art Utilizzazione disponibilità eventualmente residuate

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA Art. 1 Criteri di assegnazione del personale docente ai corsi e alle classi 1. Il

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 -

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - ART. 19 Orario 1. All inizio dell anno scolastico vene definito l orario

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO E-mail Intranet: UDEE057002@istruzione.it Tel. 0432-906427 Fax 0432-906436 E-mail Internet: cdcodroipo@cdcodroipo.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie Prot. n. 3631/C16 Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie 35136 PADOVA - Via delle Cave, 174 Tel. 049/720744 - Fax 049/8685112

Dettagli

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO il CCNL Comparto Scuola 2006-2009; VISTA la Sequenza Contrattuale Docenti dell 8.04.2008; VISTA la Sequenza Contrattuale

Dettagli

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Prot. n. 6173 del 20/11/2013 Il Dirigente Scolastico Visto il D.Lgs 297/1994; Vista la Legge 59/1997 art. 21; Visto il DPR 275/1999 art. 14; Visto il D.Lgs 165/201 art. 25; Visto il CCNL 2006/2009; Visto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 230 DEL 14.11.2002.

Dettagli

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA (ai sensi dell art. 3, comma 1, lettera f del CCNL 15/03/2001) L anno 2002 il mese

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI Prot. n. 4369/A 26 Concordia Sagittaria, 24 novembre 2015 Ai rappresentanti sindacali Al personale dell Istituto All albo dell Istituto INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

Titolo 1 Utilizzo del personale

Titolo 1 Utilizzo del personale CONTRATTAZIONE D ISTITUTO sull utilizzo del personale in applicazione del POF e sull impiego delle risorse finanziarie a.s. 2014-15 Il giorno 1 ottobre, 8 ottobre 2014 e 14 gennaio 2015 presso l Istituto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE Art. 1 -Definizioni Art. 2 -L orario di servizio Art. 3 -L orario di apertura al Pubblico Art. 4 -L orario di lavoro straordinario

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO LICEO STATALE P. GOBETTI Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico sez. Coreutica Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Umane Economico Sociale Via Spinola di S.Pietro, 1-16149 Genova - Tel.0106469787 -Fax

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ENTE PARCO GALLIPOLI COGNATO PICCOLE DOLOMITI LUCANE Località Palazzo,snc 75011 ACCETTURA (MT) tel/fax 0835675015 email : info@parcogallipolicognato.it P.IVA 01025390772 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO

Dettagli

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015 Oggetto: Piano di lavoro personale A.T.A. a.s. 2015/16 Agli interessati e p.c. Alla RSU Atti Albo Il Dirigente Scolastico VISTO il CCNL 2006/09, con riferimento

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI Prot. n. 2066/A1a 16.05.2011 Vista la legge 508 del 1999;

Dettagli

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 Sito internet: http://icsorbolomezzan.scuolaer.it e-mail: pric81400t@istruzione.it Prot. n. 4918/C14

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie

Dettagli

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO 00142 Roma - Via Francesco Morandini, 38 - XIX Distretto e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A.

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015 Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. VISTO il CCNL 2006/2009 e successive modificazioni ed integrazioni Art.1 Riunione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 17 MONTORIO Via Dei Gelsi, 20 37141 Montorio-Verona Sito web: www.scuolemontorio.org e-mail ministeriale: vric88800v@istruzione.it Tel. 045.557507/045.8840944 Fax. 045.8869196

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 L'anno 2010, il giorno 14, del mese di dicembre alle ore 11,00 nei locali dell'istituto Statale d Arte Bruno Munari di Vittorio Veneto tra la delegazione

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec. ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.it Contratto Integrativo d Istituto sui criteri generali per la ripartizione

Dettagli

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA MUNICIPALE n. 53 del 28/05/2010 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO PERSONALE DI COMPARTO Art. 1- PERMESSI RETRIBUITI

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Lettera c): criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali Sono inseriti

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA PERSONALE ATA A.S. 2013-2014

PIANO DELLE ATTIVITA PERSONALE ATA A.S. 2013-2014 Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli tel. 0119586756 fax 0119589270 SCIENTIFICO - LINGUISTICO SCIENZE UMANE - ECONOMICO SOCIALE sede di SANGANO 10090 Via S. Giorgio Tel. e fax 0119087184 email: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio V Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza Corso Telesio, n. 17, 87100 - COSENZA - Tel. 0984 894111 Prot. n 8950 Cosenza, lì 20 ottobre 2015 Ai Dirigenti Scolastici di ogni

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie e incarica

Dettagli

VERBALE ESAME CONGIUNTO

VERBALE ESAME CONGIUNTO VERBALE ESAME CONGIUNTO Il giorno 27/03/2013, presso l ITIS E. Mattei di San Donato Milanese tra la delegazione di parte pubblica rappresentata dal Dirigente Scolastico prof. Paiano Giacomo e la delegazione

Dettagli

1.Criteri di assegnazione del personale

1.Criteri di assegnazione del personale ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARMIGIANINO P.le Rondani, 1 43100 Parma - Tel. 0521/233874 Fax 0521/233046 e-mail: pric83600p@istruzione.it PEC: pric83600p@pec.istruzione.it web: www.icparmigianino.it Codice

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011/2012

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Completo di Mornago Via Volta, 9-21020 MORNAGO (VA) 0331-903068 - 0331-903727 : segreteria@iccmornago.it; dirigenza@iccmornago.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

INTEGRATIVO DI ISTITUTO PER L'IMPIEGO DELLE RISORSE FINANZIARIE RIFERITE AL FONDO D'ISTITUTO PERSONALE A.T.A. ANNO SCOLASTICO 2008/09 (CCNL

INTEGRATIVO DI ISTITUTO PER L'IMPIEGO DELLE RISORSE FINANZIARIE RIFERITE AL FONDO D'ISTITUTO PERSONALE A.T.A. ANNO SCOLASTICO 2008/09 (CCNL ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOLIERA VIA ROMA N. 134 41019 SOLIERA (MO) TEL. 059 567234 FAX 059 567471 C.F. 81001280361 C.M. MOIC808007 Email: ufficio@icsoliera.191.it CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PER

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Città di Salve Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 5 del 21 /01/2014 Indice: ART. 1: Orario di servizio Titolo

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 L anno 2011 il giorno 19 del mese di dicembre alle ore 10,00 nei

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014 BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013 Regole generali relative all orario di lavoro ottobre 2014 1 INDICE 1. ORARIO DI LAVORO pag. 3 2. ORARIO DI LAVORO PERSONALE APPARTENENTE AI LIVELLI IV-VIII pag. 3 2.1 Flessibilità

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione, decorrenza e durata Il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della ALLEGATO TECNICO ALL ACCORDO NAZIONALE 12 MARZO 2009 tra il Ministero dell istruzione, della ricerca e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2, comma 3, della

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L'anno 2013, il mese di Marzo, il giorno 08 nei locali del Liceo Scientifico Statale G.Galilei di Pescara,

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 ATTIVITA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1) CALENDARIO SCOLASTICO Definito per le parti di propria competenza, dal Ministro dell Istruzione, dalla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE (Docenti)

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE (Docenti) CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE (Docenti) L'anno 2014, il mese di marzo, il giorno 7, in Gorizia, presso la sede dell'istituto Statale d'istruzione Superiore

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DIVISIONE AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Ufficio Personale Tecnico Amministrativo Via Duomo 6 13100 Vercelli Tel 0161/261539 Fax 0161/213290 Decreto Rettore Repertorio nr. 21 del 28.01.2004 Prot. n. 1913

Dettagli

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola dell INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA di I GRADO Via Milazzo,21-03030

Dettagli

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte)

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) pag. 1 di 6 Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione E. Maggia -Stresa Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TRATTAMENTO ECONOMICO

Dettagli

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Pablo Neruda Via Casal del marmo n. 212-00135 Roma 06/30812886-06 30819741 fax 06/30812292

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato A

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME (approvato con delibera della Giunta comunale nr 66 del 14.05.2001 con le modifiche apportate con delibere della Giunta comunale nr 123 del 13.10.2008 e nr 101

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO)

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO) Prot. n. 4051 /A 01 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il CCNL; VISTO il Piano dell offerta formativa deliberato dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 17 febbraio 2012 alle ore 13,15 nel locale di Presidenza viene sottoscritta la presente Ipotesi di accordo, finalizzata alla

Dettagli

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico - Visto l art. 8, comma 7, del regolamento relativo all istruzione professionale (DPR 15/03/2010, n. 87) - Vista la Direttiva Ministeriale n.

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO Ministero della Pubblica Istruzione I. C. Galilei Via Quadrelli, 2 21052 Busto Arsizio Tel:0331 340120 Fax: 0331 340120 e-mail uffici: vaic860001@istruzione.it CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO A.S. 2013/2014

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE SUI CRITERI PER LA FRUIZIONE

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it

Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it LICEO GINNASIO STATALE "G.D.ROMAGNOSI" Viale Maria Luigia, 1-43100 Parma Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it PROT. N.2596/1 Parma 02.10.2013 OGGETTO : Adozione piano di lavoro

Dettagli

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014 Unione Europea Repubblica Italiana Regione Sicilia REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N.65 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA «S. BIVONA» Contrada Soccorso s. n. tel./ fax 092571895-092573400

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

NORME COMUNI. Art. 1 Obiettivi del contratto integrativo

NORME COMUNI. Art. 1 Obiettivi del contratto integrativo MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO III ISTITUTO STATALE D ARTE Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Telefono e fax 067480609 - E-mail: info@terzoisa.org Distretto

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli