LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE"

Transcript

1 LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente complesso e farraginoso. Diverse norme sono mutate, ultimamente, con la riforma pensionistica. Esistono diverse forme che possono determinare la pensione quali: la pensione di vecchiaia; la pensione di anzianità; la pensione ai superstiti; la pensione di invalidità: inidoneità alle mansioni o a proficuo lavoro; la pensione di inabilità; causa di servizio; equo indennizzo; pensione privilegiata; totalizzazione Comunità Europea trattenimento in servizio; integrazione al minimo della pensione; cumulo pensione e reddito di lavoro. Quanto riportato in questa rubrica, ha l obiettivo di una lettura facilitata sul sistema previdenziale per i dipendenti pubblici, al fine di una migliore comprensione e capacità di orientamento.

2 LA PENSIONE DI VECCHIAIA La pensione di vecchiaia spetta al dipendente che cessa dal servizio per aver maturato i limiti anagrafici e contributi previsti dalla attuale legge. Requisiti I requisiti richiesti per ottenere la pensione dipendono dal sistema di calcolo da utilizzare per determinare l importo del trattamento. Attualmente i sistemi di calcolo sono tre: 1. sistema retributivo: applicabile ai dipendenti che al 31 dicembre 1995 hanno maturato un anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni; 2. sistema misto: applicabile ai dipendenti che al 31 dicembre 1995 hanno maturato un anzianità contributiva inferiore ai 18 anni; 3. sistema contributivo: applicabile ai dipendenti assunti a decorrere dall 1 gennaio Sistema retributivo e misto: requisiti il compimento di 65 anni per gli uomini e di 60 anni per le donne: il possesso di almeno 20 anni di contribuzione. Sistema contributivo: requisiti il compimento di 65 anni per gli uomini e di 60 anni per le donne, il possesso di almeno 5 anni di contribuzione (per le donne l importo di pensione non deve essere inferiore a 1,2 volte l ammontare dell assegno sociale); oppure il possesso di 40 anni di contribuzione indipendentemente dall età anagrafica; oppure il compimento dell età prevista per le pensioni di anzianità (da 58 a 62 anni), il possesso di 35 anni di contributi. Decorrenza Dall 1 gennaio 2008 la decorrenza per la pensione di vecchiaia è in base alle cosiddette finestre di seguito indicate: REQUISITI MATURATI ENTRO DECORRENZA DI PENSIONE 1 Trimestre 1 luglio dell'anno in corso 2 Trimestre 1 ottobre dell'anno in corso 3 Trimestre 1 gennaio dell'anno successivo 4 Trimestre 1 aprile dell'anno successivo Dipendenti che hanno raggiunto i requisiti entro il Tali dipendenti accedono al trattamento pensionistico, esclusivamente, dal giorno successivo a quello della cessazione dal servizio.

3 LA PENSIONE DI ANZIANITA La pensione di anzianità spetta al dipendente che cessa dal servizio prima del compimento dell età anagrafica prevista per accedere al trattamento di vecchiaia. Requisiti Fino al , i requisiti richiesti per ottenere la prestazione erano: il compimento di 57 anni di età: il possesso di almeno 35 anni di contribuzione oppure il possesso di 39 anni di contribuzione indipendentemente dall età anagrafica; Dall , i requisiti per accedere al pensionamento anticipato sono i seguenti: Periodo Quota Requisito dal 1/1/2008 al 30/06/2009 / 58 età + 35 contributi dal 1/7/2009 al 31/12/ età + 36 contributi oppure 60 età + 35 contributi dal 1/1/2011 al 31/12/ età + 36 contributi oppure 61 età + 35 contributi dal 1/1/ età + 36 contributi oppure 62 età + 35 contributi oppure 40 anni di contributi a prescindere dall'età anagrafica Finestre di accesso alla pensione di anzianità Vi è una diversità fra: i dipendenti che hanno maturato i requisiti per la pensione entro il 31 dicembre 2007; i dipendenti che maturano i requisiti dal 1 gennaio Maturazione requisiti al 31 dicembre 2007: Per i dipendenti che hanno maturato i requisiti per la pensione entro il 31 dicembre 2007 l accesso al pensionamento di anzianità avviene con le decorrenze in vigore, in ciascun anno, alla suddetta data: 1 luglio; 1 ottobre; 1 gennaio; 1 aprile; Maturazione requisiti dal 1 gennaio 2008:

4 Per i dipendenti che maturano i requisiti dal 1 gennaio 2008, l accesso al pensionamento di anzianità avviene nel modo seguente: Contributi Requisii maturati entro Finestra di accesso alla pensione Meno di 40 anni di contributi 30 giugno 1 luglio anno successivo Meno di 40 anni di contributi 31 dicembre 1 gennaio del 2 anno successivo Contributi Requisii maturati entro Finestra di accesso alla pensione Almeno 40 anni di contributi 31 marzo 1 ottobre dello stesso anno Almeno 40 anni di contributi 30 giugno 1 gennaio anno successivo Almeno 40 anni di contributi 30 settembre 1 aprile anno successivo Almeno 40 anni di contributi 31 dicembre 1 luglio anno successivo

5 LA PENSIONE AI SUPERSTITI Questo sistema pensionistico spetta: ai superstiti del pensionato; oppure ai superstiti del dipendente deceduto; Chi ha diritto Gli aventi diritto sono individuati nel seguente ordine: il coniuge, anche se separato legalmente (nel caso in cui la responsabilità della separazione sia stata addebitata al coniuge superstite oppure sia intervenuto divorzio, la pensione spetta soltanto a determinate condizioni); i figli minorenni, i figli maggiorenni se studenti di scuola media superiore o professionale fino a 21 anni oppure universitari fino a 26 anni, i figli inabili ed a carico del genitore al momento del decesso; i genitori di età superiore a 65 anni, non titolari di pensione ed a carico del figlio al momento del decesso; i fratelli celibi e le sorelle nubili non titolari di pensione ed a carico del lavoratore o del pensionato al momento del decesso. Requisiti I superstiti possono ottenere la pensione se il defunto era già titolare di trattamento pensionistico oppure aveva maturato 15 anni di contribuzione o 5 anni di cui 3 versati nell ultimo quinquennio. Importo I superstiti hanno diritto ad una percentuale della pensione di cui era titolare il defunto o che sarebbe spettata al lavoratore deceduto nella seguente misura: coniuge 60%; 1 figlio 70%; coniuge con 1 figlio 80%; coniuge con due o più figli 100%; 2 figli 80%; 3 o più figli 100%; genitori, fratelli, sorelle 15%. La somma delle percentuali non può, comunque, essere superiore al 100% della pensione spettante al defunto. L importo della pensione ai superstiti può subire delle riduzioni del 25%, del 40% o del 50% nel caso in cui il beneficiario percepisca altri redditi. Il coniuge superstite che contrae nuove nozze perde il diritto alla pensione e percepisce un assegno pari a due annualità del trattamento percepito. Decorrenza La pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello del decesso del pensionato o del lavoratore.

6 LA PENSIONE DI INVALIDITA : inidoneità alle mansioni o a proficuo lavoro La pensione di invalidità spetta al dipendente che cessa dal servizio per inidoneità permanente all attività lavorativa. Quali i casi di cessazione dal servizio: I casi di cessazione dal servizio per inidoneità sono due: 1. inidoneità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro; 2. inidoneità assoluta e permanente alle mansioni svolte. Requisiti Per ottenere la pensione di inidoneità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro è necessario essere in possesso di un anzianità contributiva pari a 15 anni. Nel caso di inabilità assoluta e permanente alle mansioni, l Azienda Sanitaria deve adibire il dipendente ad altre mansioni più congeniali al suo stato di salute e, solo nel caso in cui ciò non fosse possibile, l Azienda può procedere alla risoluzione del rapporto di lavoro per inidoneità e l interessato può richiedere il relativo trattamento pensionistico. I requisiti richiesti per tale prestazione sono 20 anni di anzianità contributiva. Domanda Il dipendente interessato deve inoltrare la domanda per la concessione della pensione di invalidità all INPDAP allegando il verbale di visita medica attestante lo stato di inabilità assoluta e permanente alle mansioni o a proficuo lavoro e la delibera del collocamento a riposo per inidoneità. Il procedimento per ottenere la prestazione può essere avviato d ufficio quando, il dipendente abbia usufruito del periodo massimo di assenza per malattia pari a 18 mesi.

7 LA PENSIONE DI INABILITA La pensione di inabilità spetta al dipendente che cessa dal servizio per inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa non derivante da causa di servizio,ai sensi dell art.2,comma 12 della legge 8/agosto 1995 n Requisiti I requisiti per ottenere la pensione sono: il possesso di 5 anni di anzianità contributiva di cui almeno 3 maturati nel quinquennio precedente la decorrenza della pensione; la cessazione del rapporto di lavoro per infermità non dipendente da causa di servizio; il riconoscimento dello stato di assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa. Domanda Il dipendente deve inoltrare la domanda per la concessione della pensione di inabilità alla propria Azienda Sanitaria, anche nel caso in cui sia già intervenuta la cessazione del rapporto di lavoro. L istanza può essere presentata in carta semplice, deve essere corredata dal certificato medico redatto su apposito modello e attestante l inabilità a svolgere qualsiasi tipo di lavoro. Se l interessato risulta in attività di servizio non esistono termini per la presentazione della domanda, mentre nel caso in cui si sia verificata la risoluzione del rapporto di lavoro è necessario richiedere la prestazione entro due anni dalla cessazione. I superstiti non hanno la facoltà di presentare la domanda di inabilità ma possono ottenere il trattamento indiretto o di reversibilità solo se il diretto interessato abbia presentato la domanda prima del decesso. Importo La misura della pensione varia in base ai vari sistemi di calcolo in essere al dipendente: sistema retributivo: a coloro ai quali si applica il sistema retributivo, ossia coloro che possono far valere 18 anni di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, la pensione è calcolata aumentando la contribuzione maturata alla cessazione dal servizio del periodo mancante al limite dell età pensionabile. L anzianità utile non può comunque essere superiore a 40 anni, l importo della pensione non può superare l 80% della base pensionabile né l importo dell eventuale pensione privilegiata; sistema misto o contributivo: a coloro ai quali si applica il sistema misto o contributivo, ossia coloro che hanno maturato un anzianità contributiva inferiore a 18 anni al 31 dicembre 1995 o abbiano iniziato a lavorare a partire dal 1 gennaio 1996, la pensione è calcolata aumentando la contribuzione maturata alla cessazione dal servizio del periodo mancante al compimento dei 60 anni di età.

8 CAUSA DI SERVIZIO La causa di servizio è il riconoscimento che spetta ad ogni dipendente a causa di una infermità contratta durante lo svolgimento dell attività lavorativa; Requisiti I presupposti per ottenere tale riconoscimento sono due: i fatti di servizio devono provocare, in maniera esclusiva o insieme ad altri fattori, l infortunio o la malattia; non deve sussistere la responsabilità del dipendente nella determinazione dell evento dannoso. Domanda Il dipendente deve presentare la domanda: entro 6 mesi dalla data in cui si è verificato l evento o da quella in cui ha avuto conoscenza dell infermità; entro 5 anni se la malattia si è manifestata dopo la cessazione dell attività lavorativa. In caso di decesso del dipendente, la domanda può essere inoltrata dagli aventi diritto entro sei mesi dal decesso. Il dipendente che ha ottenuto il riconoscimento della dipendenza delle lesioni da causa di servizio ha diritto ai seguenti benefici economici: equo indennizzo; pensione privilegiata se le lesioni hanno determinato inabilità al servizio; retribuzione integrale durante i periodi di aspettativa per malattia previsti dai contratti. Costituisce, anche, causa di servizio l infortunio in itinere, ossia l evento dannoso che si verifica durante il normale percorso di andata e ritorno dalla propria abitazione alla sede di servizio. ************** N.B. Legge 6 agosto 2008, n. 133: "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria"pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 195 del 21 agosto Suppl. Ordinario n. 196 Art. 70: Esclusione di trattamenti economici aggiuntivi per infermità dipendente da causa di servizio 1. A decorrere dal 1 gennaio 2009 nei confronti dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche ai quali sia stata riconosciuta un'infermità dipendente da causa di servizio ed ascritta ad una delle categorie della tabella A annessa al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni, fermo restando il diritto all'equo indennizzo e' esclusa l'attribuzione di qualsiasi trattamento economico aggiuntivo previsto da norme di legge o pattizie. 1-bis. Le disposizioni del presente articolo non si applicano al comparto sicurezza e difesa. 2. Con la decorrenza di cui al comma 1 sono conseguentemente abrogati gli articoli 43 e 44 del testo unico di cui al regio decreto 30 settembre 1922, n e gli articoli 117 e 120 del Regio decreto 31 dicembre 1928, n e successive modificazioni ed integrazioni.

9 EQUO INDENNIZZO L equo indennizzo è un beneficio di natura risarcitoria, erogato una tantum al dipendente pubblico che ha subito una menomazione per causa di servizio. Domanda La domanda per la concessione dell equo indennizzo può essere presentata: contestualmente alla presentazione della richiesta di riconoscimento della dipendenza dell infermità da causa di servizio; durante il procedimento di riconoscimento della causa di servizio; entro 6 mesi dalla data di notifica o comunicazione di riconoscimento della dipendenza da causa di servizio. In caso di decesso del dipendente, la domanda può essere inoltrata dagli aventi diritto entro sei mesi dal decesso. Aggravamento dell Infermità In caso di un aggravamento di un infermità, il dipendente può chiedere all Azienda Sanitaria la revisione dell equo indennizzo. La revisione può essere richiesta una sola volta ed entro cinque anni dalla data di comunicazione del provvedimento riguardante la prima concessione. Ricorsi Contro il provvedimento definitivo di concessione dell equo indennizzo è ammesso il ricorso dinnanzi al Giudice ordinario previo tentativo obbligatorio di conciliazione dinanzi alla Direzione Provinciale del Lavoro. Importo I criteri di calcolo per determinare l importo dell equo indennizzo variano a seconda della data di presentazione della domanda ed in base alle categorie cui sono ascritte le menomazioni. Le categorie sono indicate nella tabelle A e B del DPR (Decreto del Presidente della Repubblica) n. 834/1981 e successive modifiche ed integrazioni. Sono previste delle riduzioni dell'importo del beneficio in base all'età del dipendente.

10 PENSIONE PRIVILEGIATA La pensione privilegiata spetta al dipendente che, a causa di infermità o lesioni subite per fatti di servizio, sia divenuto inabile in maniera assoluta e permanente al servizio. I requisiti I requisiti per ottenere la pensione sono: la dipendenza da causa di servizio dell infermità contratta; l inabilità assoluta e permanente; la cessazione dal servizio. Non è previsto un requisito minimo di durata del servizio. Domanda L interessato deve presentare la domanda per la concessione della pensione di privilegio all Inpdap entro il termine di 5 anni dalla data di cessazione dal servizio. Tale termine è elevato a dieci anni in caso di morbo di Parkinson. In caso di provvedimento negativo, è possibile presentare ricorso amministrativo al Comitato di Vigilanza entro 30 giorni dalla ricezione del provvedimento oppure, non essendo tale ricorso obbligatorio, agire direttamente davanti alla Corte dei Conti. Importo Per i dipendenti statali, l importo della pensione è pari all 80% della base pensionabile maggiorata del 18% se le infermità contratte sono elencate nella 1 categoria della tabella A annessa al DPR (Decreto del Presidente della Repubblica) n. 834/1981. Se le lesioni subite sono ascrivibili a categorie diverse dalla prima, la pensione privilegiata è pari ad 1/40 della base pensionabile per ogni anno utile di servizio ma non può essere inferiore a 1/3 né superiore a 8/10 della base stessa. Per i dipendenti della sanità, viene aumentata di 1/10 l aliquota utilizzata per il calcolo della pensione ordinaria e che non può comunque essere inferiore al 66,67% né superiore al 100%. Se l interessato ha ottenuto l equo indennizzo per le stesse infermità per cui viene concessa la pensione privilegiata, su quest ultima verrà recuperato il 50% dell importo dell indennizzo. Tale recupero non viene effettuato se la pensione privilegiata è di reversibilità. Assegni accessori Ai titolari di pensione privilegiata possono spettare gli ulteriori assegni accessori: assegno d incollocabilità; assegno di cura; assegno d integrazione; assegno per cumulo di infermità; indennità speciale annua; indennità di assistenza ed accompagnamento; assegno di superinvalidità.

11 Aggravamento In caso di aggravamento delle menomazioni contratte, il titolare della pensione privilegiata può richiedere in qualsiasi momento la revisione del provvedimento. L istanza deve essere presentata sempre all Inpdap.

12 PENSIONE PRIVILEGIATA INDIRETTA E DI REVERSIBILITA ai superstiti del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di servizio. ai superstiti del titolare della pensione privilegiata. Domanda La domanda deve essere presentata all INPDAP entro cinque anni dalla data in cui si è verificato il decesso. L importo della pensione indiretta o di reversibilità è pari all importo della pensione diretta di privilegio.

13 CUMULO O TOTALIZZAZION DEI CONTRIBUTI Che cosa é La totalizzazione è un istituto che permette al dipendente in servizio alla data del 25/10/1998 di cumulare i periodi assicurativi presenti presso gli Istituti previdenziali degli Stati appartenenti all Unione Europea al fine di perfezionare i requisiti contributivi necessari per accedere al pensionamento. richiedere la totalizzazione CE Possono richiedere la totalizzazione CE: i dipendenti con iscrizione all INPS in Italia e in un regime speciale per pubblici dipendenti all'estero; i dipendenti con iscrizione all INPDAP in Italia e in un regime speciale per pubblici dipendenti all'estero; i dipendenti con iscrizione all INPDAP in Italia e in un regime assicurativo generale all'estero; i dipendenti che hanno diverse posizioni assicurative sia in Italia ed in altri Stati membri, sia nel regime speciale per pubblici dipendenti che nel regime di assicurazione generale; i pensionati che alla data del 25/10/1998 erano in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi richiesti dalle leggi nazionali per ottenere la pensione. In mancanza di tali requisiti, l istanza di totalizzazione sarà considerata come domanda di liquidazione della prestazione a carico dello Stato estero. Domanda La domanda può essere presentata alla sede Inpdap competente in qualsiasi momento e non é necessario attendere il momento del pensionamento.

14 PERMANENZA IN SERVIZIO Che cosa é Il trattenimento in servizio è la possibilità del dipendente di proseguire l attività lavorativa per un biennio oltre il limite massimo di età per il collocamento a riposo. Il dipendente può pertanto lavorare fino a 62 anni per le donne e 67 anni per gli uomini, previa istanza all Azienda Sanitaria di appartenenza 6 mesi prima del raggiungimento dei 60 o 65 anni di anzianità. Ultime modifiche legislative: Legge 6 agosto 2008, n. 133: "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria"- pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 195 del 21 agosto Suppl. Ordinario n All'articolo 16 comma 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 503, e successive modificazioni, dopo il primo periodo sono aggiunti i seguenti: «In tal caso e' data facoltà all'amministrazione, in base alle proprie esigenze organizzative e funzionali, di accogliere la richiesta in relazione alla particolare esperienza professionale acquisita dal richiedente in determinati o specifici ambiti ed in funzione dell'efficiente andamento dei servizi. La domanda di trattenimento va presentata all'amministrazione di appartenenza dai ventiquattro ai dodici mesi precedenti il compimento del limite di età per il collocamento a riposo previsto dal proprio ordinamento.». 8. Sono fatti salvi i trattenimenti in servizio in essere alla data di entrata in vigore del presente decreto e quelli disposti con riferimento alle domande di trattenimento presentate nei sei mesi successivi alla data di entrata in vigore del presente decreto. Legge 15/2009: Delega al Governo finalizzata all ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni nonché disposizioni integrative delle funzioni attribuite al Consiglio nazionale dell economia e del lavoro e alla Corte dei conti Art. 6.: (Princìpi e criteri in materia di dirigenza pubblica. Modifica all articolo 72, comma 11, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n Al comma 11 dell articolo 72 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, le parole: «dell anzianità massima contributiva di 40 anni» sono sostituite dalle seguenti: «dell anzianità massima di servizio effettivo di 40 anni».

15 INTEGRAZIONE AL MINIMO DELLA PENSIONE L integrazione al trattamento minimo è un aumento dell importo della pensione che spetta al pensionato, a decorrere dal 1 gennaio 1995 ed entro determinati limiti di reddito personale e coniugale. Per i pensionati non coniugati oppure legalmente separati, il limite di reddito è pari a 2 volte il trattamento minimo annuo. Per i pensionati coniugati e non legalmente separati, si tiene in considerazione, oltre al reddito personale, anche quello del coniuge ed il limite è pari a 4 volte il trattamento minimo annuo. Nel caso in cui i redditi del pensionato e quelli del coniuge siano di ammontare inferiore al limite di legge, l integrazione al minimo è concessa nella misura pari alla differenza tra il limite di reddito e il reddito effettivamente percepito (integrazione parziale). Per l individuazione del limite di reddito, non bisogna considerare: i redditi esenti da Irpef (pensione di guerra, rendita Inail, assegno di invalidità civile) ; i trattamenti di fine rapporto; i redditi della casa di abitazione; l importo della pensione da integrare al trattamento minimo. Se successivamente alla liquidazione della pensione integrata al minimo (o parzialmente integrata), il limite di reddito viene superato, è necessario darne comunicazione all Inpdap e la pensione viene bloccata all importo in pagamento al 31 dicembre dell anno precedente alla cessazione dal diritto. L integrazione al trattamento minimo non spetta ai titolari di pensione calcolata con il sistema contributivo, cioè a coloro che hanno iniziato l attività lavorativa dal 1 gennaio 1996.

16 CUMULO DI PENSION E REDDITI DI LAVORO A decorrere dal 1 gennaio 2003 vige il seguente regime di cumulo: la pensione di vecchiaia e la pensione di anzianità con 40 anni di contributi oppure con 37 anni di contributi unitamente a 58 anni di età è interamente cumulabile con i redditi da lavoro dipendente o autonomo; la pensione di anzianità con meno di 40 anni di contributi oppure con meno di 37 anni di contributi unitamente a 58 anni di età non è cumulabile con i redditi da lavoro dipendente; la pensione di anzianità con meno di 40 anni di contributi oppure con meno di 37 anni di contributi unitamente a 58 anni di età ed un reddito da lavoro autonomo comporta una trattenuta sulla pensione pari all importo più basso tra il 30% della quota eccedente il trattamento minimo ed il 30% del reddito da lavoro autonomo; la pensione di invalidità con meno di 40 anni di contributi ed un reddito da lavoro dipendente comporta una trattenuta sulla pensione pari al 50% della quota eccedente il trattamento minimo; la pensione di invalidità con meno di 40 anni di contributi ed un reddito da lavoro autonomo comporta una trattenuta sulla pensione pari all importo più basso tra il 30% della quota ecced N.B. Legge 6 agosto 2008, n. 133: "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria"pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 195 del 21 agosto Suppl. Ordinario n. 196 Art. 19: Abolizione dei limiti al cumulo tra pensione e redditi di lavoro 1. A decorrere dal 1 gennaio 2009 le pensioni dirette di anzianità a carico dell'assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima sono totalmente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente. A decorrere dalla medesima data di cui al primo periodo del presente comma sono totalmente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente le pensioni dirette conseguite nel regime contributivo in via anticipata rispetto ai 65 anni per gli uomini e ai 60 anni per le donne a carico dell'assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima nonche' della gestione separata di cui all'articolo 1, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, a condizione che il soggetto abbia maturato i requisiti di cui all'articolo 1, commi 6 e 7 della legge 23 agosto 2004, n. 243 e successive modificazioni e integrazioni fermo restando il regime delle decorrenze dei trattamenti disciplinato dall'articolo 1, comma 6, della predetta legge n. 243 del Con effetto dalla medesima data di cui al primo periodo del presente comma relativamente alle pensioni liquidate interamente con il sistema contributivo: a) sono interamente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente le pensioni di vecchiaia anticipate liquidate con anzianità contributiva pari o superiore a 40 anni; b) sono interamente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente le pensioni di vecchiaia liquidate a soggetti con età pari o superiore a 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne. 2. I commi 21 e 22 dell'articolo 1 della legge 8 agosto 1995, n. 335, sono soppressi. 3. Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 1965, n. 758.

17 ente il trattamento minimo ed il 30% del reddito da lavoro autonomo.

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

Rinnovo 2015 - Tabelle

Rinnovo 2015 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2015 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 0,3% Limiti di reddito INVCIV totali 0,5% Indennità

Dettagli

PUBBLICO IMPIEGO. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni.

PUBBLICO IMPIEGO. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. PUBBLICO IMPIEGO FINESTRE DI ACCESSO ALLA PENSIONE DI ANZIANITA Fino al 31/12/2007 Dal 1/1/2008 al 30/06/2009 e anagrafici 57 + 35 [con età anagrafica gradualmente innalzata da 53 (1998) a 57 (2004)] 58

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI 1 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N 42/2006 LEGGE N 247/2007 DECRETO LEGGE N 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N 214/2011 2 1 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184.

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. Attuazione della delega conferita dall'articolo 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

Rinnovo 2014 - Tabelle

Rinnovo 2014 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2014 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,2% Limiti di reddito INVCIV totali 2,0% Indennità

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Sono da ricomprendere nell'ambito di applicazione della predetta normativa le seguenti categorie di lavoratori.

Sono da ricomprendere nell'ambito di applicazione della predetta normativa le seguenti categorie di lavoratori. Circolare INPS, 30 gennaio 2002, n. 29, Direzione Centrale delle Prestazioni - "Articolo 80, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388. Maggiorazione del periodo di servizio effettivamente svolto dai

Dettagli

Rinnovo 2016 - Tabelle

Rinnovo 2016 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2016 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 0,0% Limiti di reddito INVCIV totali 0,0% Indennità

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI Coordinamento Nazionale FLP-Interno Ministero dell'interno - Palazzo Viminale - Palazzina F, 1 piano, stanza n. 50-00184 Roma Tel. 06.46547989 fax 06.46547954 flp_interno@icloud.com www.flp-interno.it

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

Rinnovo 2013 - Tabelle

Rinnovo 2013 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2013 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 3,0% Limiti di reddito INVCIV totali 3,2% Indennità

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

Rinnovo 2006 - Tabelle

Rinnovo 2006 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2006 - Tabelle Decreto 18 novembre 2005 G.U. n. 278 del 29 novembre 2005 A cura della Direzione Centrale per le Pensioni

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME a ipost LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME indice 5 Presentazione 6 Dalla Riforma Amato al Protocollo sul Welfare: evoluzione e cambiamento del sistema

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Per l applicazione di tali norme anche al personale militare di carriera cessato dal servizio prima del gennaio 1970

Per l applicazione di tali norme anche al personale militare di carriera cessato dal servizio prima del gennaio 1970 SOMMARIO: Natura - Procedura per la concessione e termine di presentazione della domanda - Il provvedimento e l'istanza di rigetto - Il calcolo - Riduzioni - Regime tributario - Il concetto di interdipendenza

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

Rinnovo 2011 - Tabelle

Rinnovo 2011 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2011 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,4% Limiti di reddito INVCIV totali 1,0% Indennità

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA

PENSIONE DI VECCHIAIA LE NUOVE PENSIONI Sintesi delle nuove regole per andare in pensione, contenute nel Decreto legge "Monti", n. 201, ovvero "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici",

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 99 Settembre 2014 Quando si lavora dopo la pensione "Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio ed il bisogno"! A questa massima

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA

FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA Alcune categorie di lavoratori dipendenti sono iscritte a Fondi speciali di previdenza, gestiti dall'inps. I Fondi sono sostitutivi o integrativi dell'assicurazione generale

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

Disabilità e provvidenze economiche

Disabilità e provvidenze economiche Aggiornato ad Aprile 2006 Disabilità e provvidenze economiche Pensione non reversibile a favore di Ciechi civili (ciechi assoluti e ciechi parziali). - CIECHI ASSOLUTI La pensione non reversibile è concessa

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI manovre correttive 2010/2011 e decreto salva-italia A cura di Giuliano Coan Esperto Previdenzialista 1 decreto legge n. 201 del 6/12/2011,

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Speciale rinnovo 2012 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2012 pensioni erogate dall'inps Numero 40 Febbraio 2012 Speciale rinnovo 2012 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^10 del 2 febbraio 2012, le tabelle per il rinnovo delle pensioni per l'anno 2012.

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME

SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME o del terrorismo o del dovere ed equiparati o del servizio IN AGGIUNTA ALLA PENSIONE PRIVILEGIATA ED ALL EQUO INDENNIZZO DESTINATARI ISTITUTI (*)

Dettagli

Roma, 17 giugno 2010. Prot. n. 302/A. Al Consiglio Nazionale della Fnsi. Alle Associazioni Regionali di Stampa. Ai Comitati di Redazione

Roma, 17 giugno 2010. Prot. n. 302/A. Al Consiglio Nazionale della Fnsi. Alle Associazioni Regionali di Stampa. Ai Comitati di Redazione Federazione Nazionale della Stampa Italiana Il Segretario Generale Roma, 17 giugno 2010 Prot. n. 302/A Al Consiglio Nazionale della Fnsi Alle Associazioni Regionali di Stampa Ai Comitati di Redazione Oggetto:

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2011, n. 0163/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di incentivi all

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli