Locali. Dipendenti Dello Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Locali. Dipendenti Dello Stato"

Transcript

1 IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta

2 Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di asilo e di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali Giudiziari Cassa Pensione Sanitari Cassa Trattamenti Pensionistici ai Cassa Trattamenti Pensionistici ai Dipendenti Dello Stato

3 Cassa Trattamenti Pensionistici ai Dipendenti Dello Stato Ai fini pensionistici sono computabili Ai fini pensionistici sono computabili di diritto ai sensi degli artt.8 e 9 del DPR 1092/73, i servizi civili di ruolo, dalla data di decorrenza economica fino alla data di cessazione dal servizio.

4 Cassa Trattamenti Pensionistici ai Dipendenti Dello Stato Dal 01/01/1988 per il personale Dal 01/01/1988 per il personale scolastico, a qualunque titolo assunto, vi è l obbligo del versamento dei contributi in conto entrate Tesoro ora INPDAP (art.24, comma 15 legge 67/88)

5 Per gli iscritti alla CTPS L aliquota contributiva di finanziamento è pari al 33,00% dal 01/01/2007: 24,20% a Carico dell Ente, 8,80% a carico del lavoratore

6 Cassa Trattamenti Pensionistici ai Dipendenti Dello Stato Ai sensi dell art.2, comma 1 legge 335/1995, con effetto dal 1 gennaio 1996 è istituita presso l INPDAP la gestione separata dei trattamenti pensionistici ai dipendenti dello Stato, nonché alle altre categorie di personale i cui trattamenti di pensione sono a carico del bilancio dello Stato. Ai sensi dell art.2, comma 3 della legge 335/1995, le Amministrazioni Centrali e Periferiche,.. continuano a espletare in regime convenzionale le attività connesse alla liquidazione dei trattamenti di quiescenza dei dipendenti dello Stato.

7

8 Cassa Trattamenti Pensionistici ai Dipendenti Dello Stato ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE SCUOLA 01/09/2000 Informativa n 47 del 3 ottobre 2000

9 Informativa n 27 del 11 marzo 2002 La liquidazione e il pagamento di tutte le tipologie di pensione è di competenza SEDE INPDAP TERRITORIALMENTE COMPETENTE

10 I SISTEMI DI CALCOLO DEL TRATTAMENTO DI PENSIONE

11 I SISTEMI DI CALCOLO RETRIBUTIVO CONTRIBUTIVO MISTO

12 IL SISTEMA RETRIBUTIVO Fino al Si calcola moltiplicando: la retribuzione alla cessazione i rendimenti percentuali (art.44 DPR 1092/73) determinati in base all anzianità contributiva maturata al 1992 X

13 IL SISTEMA RETRIBUTIVO Dal Quota A (art. 13 lettera a del D.Lgs. 503/92): Si calcola moltiplicando: la retribuzione alla cessazione X i rendimenti percentuali determinati in base all anzianità contributiva maturata al Quota B (art. 13 lettera b del D.Lgs. 503/92): Si calcola moltiplicando: la retribuzione media X i rendimenti percentuali determinati in base all anzianità contributiva maturata dal alla cessazione

14 IL SISTEMA RETRIBUTIVO A chi si applica? Si applica a coloro che possono far valere un anzianità contributiva, al 31 dicembre 1995, pari o superiore a 18 anni (art. 1 c. 13 della Legge 8 agosto 1995, n.335).

15 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO Dal Durante la vita lavorativa vengono accantonati i contributi pensionistici, i quali, rivalutati ogni anno secondo l indice PIL, costituiranno il Montante Contributivo. Si calcola moltiplicando: Montante contributivo X Il coefficiente di trasformazione, legato all età alla data del pensionamento (art.1 comma 6 della Legge 8 agosto 1995, n.335, così come modificati dal 01/01/2010 dall art.1 comma 14 legge 247/2007)

16 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO A chi si applica? Si applica a coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31/12/1995 o che optino per tale sistema (art.1 c. 23 della Legge 8 agosto 1995, n.335).

17 IL SISTEMA MISTO Periodi che si collocano entro il Sistema retributivo Periodi che si collocano dopo il Sistema contributivo

18 IL SISTEMA MISTO A chi si applica? Si applica a coloro che possono far valere un anzianità contributiva, al 31 dicembre 1995, inferiore a 18 anni (art.1 c. 12 della Legge 8 agosto 1995, n.335).

19 misto Contributivo Retributivo Quale pensione?

20 Quale pensione nel retributivo? Pensione di Vecchiaia Anzianità Inabilità

21 La pensione di vecchiaia 2Si acquisisce in seguito alla cessazione dal servizio per raggiunti limiti di età con almeno 15 anni di servizio (14 anni 11 mesi 16 gg) (art.2, comma 3, lettera c D.Lgs. 503/92) e (art. 59 comma 1 lettera b Legge 449/97) 2Per coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31/12/1992 sono richiesti almeno 20 anni. 2Fino al 31/12/2009 le donne, ancorché dimissionarie, conseguono il diritto a pensione, con gli stessi requisiti, dal compimento dei 60 anni (Art. 2,comma 21 Legge 335/95)

22 La pensione di vecchiaia L articolo 22 ter della legge 102/2009 introduce, a decorrere dal 1 gennaio 2010 per le lavoratrici iscritte alle forme esclusive dell Assicurazione generale obbligatoria per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti nuovi requisiti anagrafici per la maturazione del diritto ad un trattamento pensionistico di vecchiaia nonché per quello previsto dall art. 1, comma 6, lettera b) della legge 23 agosto 2004 n. 243 e successive modificazioni (requisiti anagrafici per le destinatarie di un sistema contributivo).

23 La pensione di vecchiaia In particolare le disposizioni in esame, che per esplicita disposizione legislativa si aggiungono al già richiamato art. 2, comma 21 della legge n. 335/1995, individuano, per l anno 2010 e per l anno 2011, il requisito anagrafico di 61 anni per accedere al pensionamento di vecchiaia ovvero per il collocamento a riposo per raggiunti limiti di età. A decorrere dall anno 2012, ai sensi dell art.12, comma 12 sexies il requisito anagrafico delle lavoratrici viene ulteriormente elevato a 65 anni.

24 La pensione di vecchiaia Per un immediata visualizzazione dei nuovi requisiti, si riporta la seguente tabella: Anni Età 2010/ Dal

25 La pensione di vecchiaia Per espressa previsione normativa: Restano ferme la disciplina vigente in materia di decorrenza del trattamento pensionistico e le disposizioni vigenti relative a specifici ordinamenti per i quali sussistono limiti di età differenti.

26 La pensione di vecchiaia Quali sono i requisiti della pensione di vecchiaia per il personale scolastico? Per i collocamenti a riposo d ufficio per raggiunti limiti di età o per conclusione di un periodo di trattenimento in servizio del personale a tempo indeterminato del comparto scuola, il diritto al trattamento di quiescenza si consegue con l anzianità, per il personale con almeno un giorno di anzianità contributiva al , di anni 14, mesi 11, giorni 16 alla data del collocamento a riposo (31 agosto). Per coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31/12/1992 sono richiesti almeno 20 anni.

27 La pensione di vecchiaia Quali sono i requisiti della pensione di vecchiaia per il personale scolastico a decorrere dal 2013? A partire dal 1 gennaio 2013, ai sensi dell art. 18 comma 4 della legge n.111/2011 per i collocamenti a riposo d ufficio per raggiunti limiti di età il diritto al trattamento di quiescenza si consegue con un età anagrafica di 65 anni e 3 mesi e un anzianità, per il personale con almeno un giorno di anzianità contributiva al , di anni 14, mesi 11, giorni 16 alla data del collocamento a riposo (31 agosto). Per coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31/12/1992 sono richiesti almeno 20 anni.

28 La pensione di vecchiaia Per un immediata visualizzazione dei nuovi requisiti, si riporta la seguente tabella: Anno Età e 3 mesi

29 La pensione di vecchiaia Quali sono le decorrenze della pensione di vecchiaia per il personale scolastico fino al 2011? Si applicano le disposizioni di cui all art.59, comma 9 della legge 27/12/1997, n 449 in favore del personale che compia il 65 anno di età nel periodo intercorrente tra il 1 settembre e il 31 dicembre successivo che, con apposita domanda, intende avvalersi del disposto di cui al richiamato art. 59, comma 9. La pensione,in questo caso, decorre dal 1 settembre dell anno in cui si raggiunge il limite di età.

30 La pensione di vecchiaia Quali sono le nuove decorrenze della pensione di vecchiaia per il personale scolastico dal 2012? L art.1, comma 21 del decreto legge n. 138 del 13 agosto 2011, convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011 n ha introdotto a decorrere dal 1 gennaio 2012, per il personale del comparto scuola e AFAM, la c.d. finestra mobile, prevedendo l accesso al pensionamento dalla data di inizio dell anno scolastico dell anno successivo a quello in cui si maturano i requisiti per la pensione. Pertanto per coloro che maturano i requisiti a partire dal 1 gennaio 2012, l accesso al trattamento pensionistico avverrà al primo settembre dell anno successivo alla maturazione dei requisiti.

31 La pensione di vecchiaia Tutto il personale scolastico e AFAM che ha maturato i requisiti entro il , potrà accedere al pensionamento il 1 settembre dell anno in cui decide di cessare dal servizio. Esempio: dipendente che compie i 65 anni a novembre 2011 potrà cessare il con decorrenza del trattamento pensionistico dal

32 La pensione di vecchiaia 2La nuova disposizione in materia di decorrenza dei trattamenti si applica al personale del comparto scuola e AFAM che matura i requisiti minimi per l accesso al pensionamento a decorrere dall anno 2012

33 La pensione di vecchiaia Resta, in ogni caso, confermato che nei casi in cui il diritto al pensionamento sia stato acquisito anteriormente, ancorché a diverso titolo (pensione di anzianità), la pensione di vecchiaia, in base ai requisiti della normativa vigente, ha la decorrenza correlata alla data di maturazione dei requisiti contributivi ed anagrafici minimi prescritti per la pensione di anzianità.

34 La pensione di anzianità Si acquisisce in seguito alla cessazione dal servizio prima di aver raggiunto il limite di età, per il collocamento a riposo d ufficio, se in possesso di determinati requisiti anagrafici e/o di servizio.

35 I requisiti anagrafici e/o di servizio per la pensione di anzianità dal 1 gennaio 2008 (Art. 1, comma 6 lettera a) legge 243/2004 modificato dall art. 1 della legge 247/2007 e dall art. 18 comma 4 della legge 111/2011) Nuovi requisiti per le pensioni di anzianità DAL AL ETA SERVIZIO SOLO SERVIZIO 01/01/ /06/ /07/ /12/ /01/ /12/ /01/ /12/2014 QUOTA QUOTA QUOTA e 3 mesi e 3 mesi

36 La pensione di anzianità Quali sono i nuovi requisiti e le decorrenze della pensione di anzianità per il personale scolastico fino al 2011? Nulla è innovato in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici del personale scolastico, nei confronti dei quali continuano a trovare applicazione le disposizioni previste dall articolo 59, comma 9 della legge n. 449/1997 che consentono l accesso al pensionamento all inizio del nuovo anno scolastico (rispettivamente 1 settembre) ancorché i requisiti prescritti vengano maturati entro il 31 dicembre del medesimo anno.

37 La pensione di anzianità Quali sono le nuove decorrenze della pensione di anzianità per il personale scolastico dal 2012? L art.1, comma 21 del decreto legge n. 138 del 13 agosto 2011, convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011 n ha introdotto a decorrere dal 1 gennaio 2012, per il personale del comparto scuola e AFAM, la c.d. finestra mobile, prevedendo l accesso al pensionamento dalla data di inizio dell anno scolastico dell anno successivo a quello in cui si maturano i requisiti per la pensione. Pertanto per coloro che maturano i requisiti a partire dal 1 gennaio 2012, l accesso al trattamento pensionistico avverrà al primo settembre dell anno successivo alla maturazione dei requisiti.

38 La pensione di anzianità Tutto il personale scolastico e AFAM che ha maturato i requisiti entro il , potrà accedere al pensionamento il 1 settembre dell anno in cui decide di cessare dal servizio. Esempio: dipendente che compie i 65 anni a novembre 2011 potrà cessare il con decorrenza del trattamento pensionistico dal

39 La pensione di anzianità 2La nuova disposizione in materia di decorrenza dei trattamenti si applica al personale del comparto scuola e AFAM che matura i requisiti minimi per l accesso al pensionamento a decorrere dall anno 2012

40 NORMATIVA DI SALVAGUARDIA At.1, comma 3 legge 243/2004 Nei confronti di coloro che al 31 dicembre 2007 avevano già maturato i requisiti per il diritto a pensione, si continua ad applicare la previgente normativa anche in materia di accesso al pensionamento. Trattandosi di finestre a partire dalle quali si può accedere al trattamento pensionistico, la decorrenza è immediata ad eccezione dell ipotesi in cui l interessato abbia maturato i requisiti nel 4 trimestre dell anno; in questo caso la prima data utile è il 1 aprile 2008.

41 NORMATIVA DI SALVAGUARDIA At.1, comma 9 legge 243/2004 Oltre alla salvaguardia dei diritti acquisiti al 31 dicembre 2007, il legislatore ha previsto delle situazioni particolari nelle quali si prescinde dai nuovi requisiti richiesti a decorrere dal 1 gennaio 2008 e, pertanto, continuano a conseguire con 35 anni di contributi e 57 anni di età il diritto al trattamento di anzianità: le lavoratrici dipendenti, a condizione che optino per la liquidazione del trattamento pensionistico secondo le regole di calcolo contributivo previste dal Dlgs. n. 180/1997.

42 NORMATIVA DI SALVAGUARDIA legge 243/2004 così come modificato dalla legge 247/2007 I lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria entro il 20 luglio 2007; la stesura originaria della legge n. 243/2004 individuava la data del 1 marzo 2004 quale termine ultimo entro il quale doveva essere stata autorizzata la prosecuzione volontaria. A tale proposito si precisa che per data di autorizzazione si deve fare riferimento alla data di presentazione della relativa domanda.

43 PENSIONE DI INABILITA Pensione di inabilità normale agli iscritti alla Cassa Trattamenti Pensionistici Statali (art. 42 D.P.R. 1092/73) E la prestazione che spetta agli iscritti cessati dal servizio per infermità non dipendente da causa di servizio: servizio effettivo richiesto 15 anni (14 anni 11 mesi e 16 gg) decorrenza dal giorno successivo alla cessazione (art.1 comma 32 L. 335/95) e (art. 59 comma 1 lettera b L. 449/97)

44 PENSIONE DI INABILITA (Art. 2 comma 12 Legge 335/95) Pensione di inabilità assoluta agli iscritti a tutte le casse pensioni gestite dall INPDAP Iscritti cessati dal servizio per infermità, non dipendente da causa di servizio, per la quale gli interessati si trovino nell'assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa: servizio effettivo richiesto almeno 5 anni, di cui 3 nell ultimo quinquennio decorrenza dal giorno successivo alla cessazione dal servizio, ovvero dal 1 giorno del mese successivo dalla data della domanda, se prodotta dopo il collocamento a riposo

45 PENSIONE AI SUPERSTITI La pensione di reversibilità Spetta ai superstiti del titolare di pensione. La pensione indiretta Spetta ai superstiti dell assicurato che, alla data di morte, poteva vantare ameno 15 anni di servizio, oppure 5 anni di cui almeno 3 nei 5 anni precedenti la data di morte Art.1, comma 41 legge 335/1995

46 AVENTI DIRITTO CONIUGE FIGLI GENITORI FRATELLI E SORELLE FIGLI MINORI DI 18 ANNI FIGLI STUDENTI FIGLI INABILI A CARICO ULTRASESSANTACINQUENNI A CARICO NON TITOLARI DI PENSIONE FINO A 26 ANNI SE UNIVERSITARI FINO A 21 ANNI SE STUDENTI DI SCUOLA MEDIA SUPERIORE INABILI A CARICO NON TITOLARI DI PENSIONE

47 ALIQUOTE DI REVERSIBILITA CON LIMITI IN BASE AL REDDITO CONIUGE SOLO 60% CONIUGE CON UN FIGLIO 80% CONIUGE CON 2 O PIU FIGLI 100% FIGLIO SOLO 70% 2 FIGLI 80% 3 O PIU FIGLI 100% GENITORI FRATELLI E SORELLE 15%

48 PENSIONE AI SUPERSTITI Ai sensi dell art. 18 comma 5 della legge n. 111/2011 le pensioni ai superstiti aventi decorrenza dal 1 gennaio 2012 sono soggette ad una riduzione dell aliquota percentuale, rispetto alla disciplina generale, nei casi in cui il matrimonio con il dante causa sia stato contratto ad un età del medesimo superiore a 70 anni, la differenza di età tra i coniugi sia superiore a 20 anni ed il matrimonio sia stato contratto per un periodo di tempo inferiore ai dieci anni. In tal caso la riduzione dell aliquota di reversibilità è pari al 10% in ragione di ogni anno di matrimonio con il dante causa mancante rispetto al numero di dieci. Nei casi di frazione di anno la predetta riduzione percentuale è proporzionalmente rideterminata. La riduzione non si applica nei casi di presenza di figli di minore età, studenti, ovvero inabili. Resta in ogni caso confermato il regime di cumulabilità di cui all articolo 1, comma 41, della legge n. 335/1995 (tabella F), ove applicabile secondo le regole generali.

49 Il calcolo della pensione con il sistema retributivo

50 la misura della pensione è determinata dall importo delle retribuzioni percepite nell ultima parte della vita lavorativa rapportata ai rendimenti percentuali maturati in base all anzianità contributiva.

51 Le retribuzioni: due basi pensionabili La 1 a da utilizzare per i rendimenti maturati fino al 31 dicembre 1992( quota A di pensione) art.13 lettera a D.L.vo 503/92 La 2 a da utilizzare per i rendimenti maturati dal 1 gennaio 1993 alla cessazione (quota B di pensione) art.13 lettera b D.L.vo 503/92

52 La base pensionabile, per la quota A di pensione, è costituita da: Iscritti a: CTPS 2Ultimo stipendio percepito all atto della cessazione dal servizio + 18%; 2Ind.Int.Spec. (art.15 comma 3 L.724/94) X 12 mensilità con esclusione degli accessori Altri assegni o indennità possono essere considerati solo se una disposizione di legge ne preveda espressamente la valutazione nella base pensionabile (art.42 DPR 1092/73 e art.15 L.177/76)

53 La base pensionabile, per la quota B di pensione, è costituita da: Media delle retribuzioni annue X 12 mensilità ( Stato) percepite durante il periodo detto di riferimento precedente la decorrenza della pensione, debitamente rivalutate. Dal 01/01/1996 sono considerati anche gli elementi accessori corrisposti Per i dipendenti dello Stato solo per la parte eccedente il 18% previsto dall art.15 L. 177/76 (art.2 commi 9, 10 e 11 L.335/95)

54 Individuazione delle retribuzioni percepite nel periodo di riferimento Art.7 comma 1 D.L.vo 503/92 Art.7 comma 2 D.L.vo 503/92 Per coloro con anzianità Per coloro con anzianità inferiori a 15 anni pari o superiore a 15 anni al 31/12/1992 al 31/12/1992 Tutte le retribuzioni percepite dal 1/1/93 alla decorrenza della pensione Con eventuale correttivo previsto dal D.Lgs. 373/93 Le retribuzioni percepite nei 10 anni (3600 giorni) precedenti la decorrenza della pensione

55 Prevista per coloro che possono vantare un anzianità pari o superiore a 15 anni al 31/12/1992 (Art.7 comma 3 D.L.vo 503/92) e (Art.1 comma 17 L. 335/95) Il periodo è determinato, dalla somma del 50% del periodo dal 1/1/93 al 31/12/95 (Art.7 comma 3 D.L.vo 503/92) del 66,6% del periodo dal 1/1/96 alla decorrenza della pensione (Art.1 comma 17 L. 335/95) La fase transitoria termina per le pensioni con decorrenza 06/10/2008

56 MENO DI 15 ANNI AL 31/12/1992

57 PIU DI 15 ANNI AL 31/12/1992

58 E la percentuale di incremento delle retribuzioni pensionabili, che determinano la pensione nel sistema CHE COSA retributivo. E? Ogni mese di anzianità contributiva, determina un aumento percentuale tale da raggiungere: l 80% complessivo con 40 anni di servizio. Per gli iscritti alla CTPS

59 Cassa Trattamenti Pensionistici ai Dipendenti dello Stato Aliquote di rendimento Ogni anno di anzianità di servizio, fino al quindicesimo, determina un rendimento del 2,333%, (art.44 D.P.R 1092/73) se effettuato entro il 31/12/1994; dal 01/01/1995 il rendimento del 2% ( art. 17,L.724/94) Ogni anno di anzianità di servizio, dal sedicesimo fino al quarantesimo, determina un rendimento del 1,8% (art.44 D.P.R 1092/73) e ( art. 2, comma 19 L.335/95).

60 Le aliquote utilizzate per il calcolo delle due quote di pensione La 1 a per le anzianità maturate fino al 31 dicembre 1992 (quota A di pensione) (art. 13 lettera a del D.L.vo 503/92) La 2 a per l anzianità maturata dal 1 gennaio 1993 alla cessazione (quota B di pensione) (art. 13 lettera b del D.L.vo 503/92)

61 LE QUOTE DI PENSIONE 1 a quota = 1 a base pensionabile X aliquota al 31/12/ a quota = 2 a base pensionabile X aliquota dal 1/1/1993 = PENSIONE ANNUA LORDA :12 (Stato) PENSIONE LORDA MENSILE

62

63 Durante la vita lavorativa vengono accantonati i contributi pensionistici, i quali, rivalutati ogni anno secondo l indice PIL, costituiranno il Montante Contributivo. Si calcola moltiplicando: Montante contributivo X Il coefficiente di trasformazione, legato all età alla data del pensionamento (art.1 comma 6 della Legge 8 agosto 1995, n.335, così come modificati dal 01/01/2010 dall art.1 comma 14 legge 247/2007) Si applica a coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31/12/1995 o che optino per tale sistema (art 1 comma 23 L. 335/95).

64 Quale pensione nel contributivo? Pensione di Vecchiaia Inabilità

65 PENSIONE DI VECCHIAIA FINO AL 31/12/2007 La pensione di vecchiaia si consegue, previa risoluzione del rapporto di lavoro, al compimento del 57 anno di età (sia uomini che donne) a condizione che risultino versati almeno 5 anni di contribuzione effettiva e che l importo della pensione risulti non inferiore a 1,2 volte l importo dell assegno sociale (art.1 commi 19 e 20 L.335/95) Si prescinde dal requisito dei 57 anni con 40 anni di contribuzione, e dall importo della pensione dal 65 anno di età Ai fini del computo dei 40 anni non si considerano i periodi di contribuzione volontaria. La contribuzione accreditata prima di 18 anni è moltiplicata per 1,5 (art.1 comma 7 L.335/95)

66 PENSIONE DI VECCHIAIA DAL 01/01/2008 La pensione di vecchiaia si consegue, previa risoluzione del rapporto di lavoro, al compimento del 60 anno di età per le donne e al compimento del 65 anno di età per gli uomini a condizione che risultino versati almeno 5 anni di contribuzione effettiva e che l importo della pensione risulti non inferiore a 1,2 volte l importo dell assegno sociale. (art.1, comma 6, lettera b) L.243/2004) e (art.1,comma 20 L.335/95) Si prescinde dal requisito dei 60 e 65 anni con 40 anni di contribuzione, e dall importo della pensione dal 65 anno di età Ai fini del computo dei 40 anni non si considerano i periodi di contribuzione volontaria. La contribuzione accreditata prima di 18 anni è moltiplicata per 1,5 (art.1 comma 7 L.335/95)

67 La pensione di vecchiaia Quali sono i requisiti della pensione di vecchiaia per il personale scolastico a decorrere dal 2013? A partire dal 1 gennaio 2013, ai sensi dell art. 18 comma 4 della legge n.111/2011 per i collocamenti a riposo d ufficio per raggiunti limiti di età il diritto al trattamento di quiescenza si consegue con un età anagrafica di 65 anni e 3 mesi e un anzianità, per il personale con almeno un giorno di anzianità contributiva al , di anni 14, mesi 11, giorni 16 alla data del collocamento a riposo (31 agosto). Per coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31/12/1992 sono richiesti almeno 20 anni.

68 La pensione di vecchiaia Per un immediata visualizzazione dei nuovi requisiti, si riporta la seguente tabella: Anno Età e 3 mesi

69 La pensione di vecchiaia Quali sono le decorrenze della pensione di vecchiaia per il personale scolastico fino al 2011? Si applicano le disposizioni di cui all art.59, comma 9 della legge 27/12/1997, n 449 in favore del personale che compia il 65 anno di età nel periodo intercorrente tra il 1 settembre e il 31 dicembre successivo che, con apposita domanda, intende avvalersi del disposto di cui al richiamato art. 59, comma 9. La pensione,in questo caso, decorre dal 1 settembre dell anno in cui si raggiunge il limite di età.

70 La pensione di vecchiaia Quali sono le nuove decorrenze della pensione di vecchiaia per il personale scolastico dal 2012? L art.1, comma 21 del decreto legge n. 138 del 13 agosto 2011, convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011 n ha introdotto a decorrere dal 1 gennaio 2012, per il personale del comparto scuola e AFAM, la c.d. finestra mobile, prevedendo l accesso al pensionamento dalla data di inizio dell anno scolastico dell anno successivo a quello in cui si maturano i requisiti per la pensione. Pertanto per coloro che maturano i requisiti a partire dal 1 gennaio 2012, l accesso al trattamento pensionistico avverrà al primo settembre dell anno successivo alla maturazione dei requisiti.

71 La pensione di vecchiaia Tutto il personale scolastico e AFAM che ha maturato i requisiti entro il , potrà accedere al pensionamento il 1 settembre dell anno in cui decide di cessare dal servizio. Esempio: dipendente che compie i 65 anni a novembre 2011 potrà cessare il con decorrenza del trattamento pensionistico dal

72 La pensione di vecchiaia 2La nuova disposizione in materia di decorrenza dei trattamenti si applica al personale del comparto scuola e AFAM che matura i requisiti minimi per l accesso al pensionamento a decorrere dall anno 2012

73 PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA La pensione di vecchiaia si consegue, previa risoluzione del rapporto di lavoro, con almeno 35 anni di contribuzione, ma con un età anagrafica pari a quella prevista per i nuovi trattamenti di anzianità.(art.1, comma 6, lettera b) L.243/2004 così come modificato dall art.1 della legge 247/2007 e lla art.18 comma 4 della legge n. 111/2011). Opzione al sistema contributivo DAL AL ETA SERVIZIO 01/01/ /06/ /07/ /12/ /01/ /12/ /01/ /12/2014 QUOTA QUOTA QUOTA e 3 mesi e 3 mesi 35

74 La pensione di vecchiaia anticipata Quali sono i nuovi requisiti e le decorrenze della pensione di anzianità per il personale scolastico fino al 2011? Nulla è innovato in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici del personale scolastico, nei confronti dei quali continuano a trovare applicazione le disposizioni previste dall articolo 59, comma 9 della legge n. 449/1997 che consentono l accesso al pensionamento all inizio del nuovo anno scolastico (rispettivamente 1 settembre) ancorché i requisiti prescritti vengano maturati entro il 31 dicembre del medesimo anno.

75 La pensione di vecchiaia anticipata Quali sono le nuove decorrenze della pensione di anzianità per il personale scolastico dal 2012? L art.1, comma 21 del decreto legge n. 138 del 13 agosto 2011, convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011 n ha introdotto a decorrere dal 1 gennaio 2012, per il personale del comparto scuola e AFAM, la c.d. finestra mobile, prevedendo l accesso al pensionamento dalla data di inizio dell anno scolastico dell anno successivo a quello in cui si maturano i requisiti per la pensione. Pertanto per coloro che maturano i requisiti a partire dal 1 gennaio 2012, l accesso al trattamento pensionistico avverrà al primo settembre dell anno successivo alla maturazione dei requisiti.

76 La pensione di vecchiaia anticipata Tutto il personale scolastico e AFAM che ha maturato i requisiti entro il , potrà accedere al pensionamento il 1 settembre dell anno in cui decide di cessare dal servizio. Esempio: dipendente che compie i 65 anni a novembre 2011 potrà cessare il con decorrenza del trattamento pensionistico dal

77 La pensione di vecchiaia anticipata 2La nuova disposizione in materia di decorrenza dei trattamenti si applica al personale del comparto scuola e AFAM che matura i requisiti minimi per l accesso al pensionamento a decorrere dall anno 2012

78 IL MONTANTE CONTRIBUTIVO IL COEFFICIENTE DI TRASFORMAZIONE

79 DETERMINAZIONE DEL MONTANTE CONTRIBUTIVO L IMPONIBILE ANNUO comprensivo della 13^ (art.1 comma 8 L.335/95); MASSIMALE CONTRIBUTIVO (art.2 comma 18 L.335/95); L ALIQUOTA DI COMPUTO (art.1 comma 10 L.335/95); P.I.L. (art.1 comma 9 L.335/95).

80 La progressione del Montante

81 Art.1, comma 6 L. 335/95 Ar.1, comma 14 L. 247/07 Età Anni Coeff. di Trasformazione Età Anni Coeff. di Trasformazione 57 4,720 % 57 4,419 % 58 4,860 % 58 4,538 % 59 5,006 % 59 4,664 % 60 5,163 % 60 4,798 % 61 5,334 % 61 4,940 % 62 5,514 % 62 5,093 % 63 5,706 % 63 5,257 % 64 5,911 % 64 5,432 % 65 6,136 % 65 5,620 %

82 Pensione annua lordo con i coefficienti di trasformazione dell art.1, comma 6 legge 335/1995 applicabili fino al 31/12/2009 Montante Contributivo Euro ,89 X Età al pensionamento anni 60 coeff. trasf. 5,163% = Pensione annua lorda x 13 Euro 2.449,27 Pensione annua lorda x 12 Euro 2.226,86

83 Pensione annua lordo con i coefficienti di trasformazione dell art.1, comma 14 legge 247/2007 applicabili dal 01/01/2010 Montante Contributivo Euro ,89 X Età al pensionamento anni 60 coeff. trasf. 4,798% = Pensione annua lorda x 13 Euro 2.276,12 Pensione annua lorda x 12 Euro 2.101,03

84

85 Sistema Misto = Sistema Retributivo + Sistema Contributivo Si applica a coloro che possono far valere un anzianità contributiva,al 31 dicembre 1995, inferiore a 18 anni art.1 comma 12 L.335/95

86 Quale pensione nel misto? Pensione di Vecchiaia Anzianità Inabilità

87 SONO LE STESSE DI QUELLE PREVISTE NEL SISTEMA RETRIBUTIVO

88 1 base pensionabile 2 base pensionabile X X Coeff. al 31/12/1992 = 1 quota di pensione Coeff.dal 1/1/93 al 31/12/95 = 2 quota di pensione Quota di Pensione retributiva + Montante Contributivo dal 1/1/1996 X Coeff.di Trasformazione = : 13 X 12 ( per statali ) 3 quota di pensione Quota di Pensione contributiva = Totale Pensione Mista

89 D.L. 78 DEL 31 MAGGIO 2010 CONVERTITO CONVERTITO CON MODIFICHE NELLA LEGGE 122 DEL 30 LUGLIO 2010 LA PENSIONE DIFFERITA Circolare 18 dell 8 ottobre 2010 E possibile per l INPDAP attribuire il diritto alla pensione di anzianità o vecchiaia, in presenza dei requisiti contributivi minimi prescritti, indipendentemente dal fatto che l interessato, al raggiungimento del requisito anagrafico minimo previsto dalla legge, sia ancora in attività di servizio o abbia cessato il rapporto di lavoro.

90 D.L. 78 DEL 31 MAGGIO 2010 CONVERTITO CONVERTITO CON MODIFICHE NELLA LEGGE 122 DEL 30 LUGLIO 2010 LA PENSIONE DIFFERITA Circolare 18 dell 8 ottobre 2010 Il diritto ad una pensione deve essere garantito dalla sussistenza di una contribuzione previdenziale nell ammontare minimo prescritto dalla legge, fermo restando che l erogazione di tale trattamento, sia esso di vecchiaia che di anzianità, può avvenire solo al compimento del prescritto requisito anagrafico, ancorché non raggiunto in costanza di attività lavorativa.

91 D.L. 78 DEL 31 MAGGIO 2010 CONVERTITO CONVERTITO CON MODIFICHE NELLA LEGGE 122 DEL 30 LUGLIO 2010 LA PENSIONE DIFFERITA Circolare 18 dell 8 ottobre 2010 Per gli iscritti alla Cassa Stato (CTPS), per contro, la costituzione della posizione assicurativa presso l'lnps operava d'ufficio in tutti i casi di cessazione senza aver maturato diritto a pensione presso questo Istituto; di conseguenza per le cessazioni intervenute entro la data del 30 luglio 2010, l'lnpdap continua ad effettuare la costituzione della posizione assicurativa presso l'lnps mentre per quelle intervenute a partire dal 31 luglio 2010 l'istituto riconosce, a domanda, il diritto al trattamento pensionistico, sempre in presenza dei prescritti requisiti minimi contributivi. al raggiungimento del requisito anagrafico.

92 Quali sono i provvedimenti, ai fini pensionistici, da richiedere in attività di servizio?

93 Computo Riscatto Sistemazione Contributiva Ricongiunzione di periodi assicurativi Totalizzazione Regol. CE 1606/98 Prosecuzione Volontaria Accredito figurativo maternità (art.25 Dlgs. 151/2001)

94 Computo Solo iscritti alla CTPS Art. 8 DPR 1092/73 Tutti i servizi prestati in qualità di dipendente statale di ruolo e non di ruolo (con ritenute in conto entrate Tesoro ) si computano ai fini del trattamento di quiescenza (servizi utili ex se ) Art. 11 DPR 1092/73 Servizi resi allo Stato con iscrizione all INPS o ad altri fondi Art. 12 DPR 1092/73 Servizi resi ad enti diversi

95 Domanda FASI DEL PROCEDIMENTO artt. 11 e 12 d.p.r. 1092/73 Certificazione dei servizi Periodi di servizio e tipo di ritenuta previdenziale Istruttoria all INPS

96 Risposta INPS Prospetto (CER): tipo di contribuzione (OBG); periodi; contributi (diritto/misura) in settimane Confronto certificazione servizi/risposta INPS

97 Comunicazione all interessato dei periodi di servizio preruolo valutati anni, mesi, giorni Richiesta all INPS di rimborso dei contributi versati

98 Il calcolo dei periodi e/o servizi utili a pensione, si articola secondo le seguenti modalità:

99 individuazione dei periodi richiesti, certificati e assicurati; esclusione delle contemporaneità; riconoscimento dei periodi da computare;

100 Certificati e assicurati (contribuzione INPS) Certificati e non assicurati (privi di contribuzione INPS) Computo artt. 11, 12 T.U. Riscatto art. 14 T.U. art. 28 L. 177/76

101 Riscatto Iscritti Casse Pensioni INPDAP Riscatto periodi di servizio Riscatto titoli di studio

102 Riscatto Servizi Periodo di interruzione del servizio; Periodi di iscrizione agli albi professionali; Periodi di servizio part-time; Periodi di astensione facoltativa per maternità; Periodi di sistemazione contributiva Periodi di servizio prestato presso scuole legalmente riconosciute

103 Riscatto Iscritti CTPS Riscatto del periodo tra la decorrenza economica e quella giuridica (art.142 DPR 1092/73)

104 Decorrenza giuridica Data di nomina Decorrenza economica Data inizio servizio Qualora la decorrenza giuridica non coincida con quella economica è possibile regolarizzare per tale periodo (non coperto da effettivo servizio) la contribuzione pensionistica

105 La valutazione dei periodi non coperti da effettivo servizio avviene a domanda ai sensi del combinato di cui agli artt. 8, comma 2 e 142, comma 2 onere calcolato con onere calcolato con riferimento alla situazione retributiva esistente all atto della domanda di riscatto

106 Riscatto Iscritti CTPS Riscatto Servizio prestato presso scuole legalmente riconosciute

107 Art. 116 DPR 31/5/74, n. 417 Art. 23 DPR 31/5/74, n. 420 Il personale docente (DPR 417/74) e quello non docente (DPR 420/74) può riscattare ai fini del trattamento pensionistico i servizi prestati presso scuole legalmente riconosciute

108 Servizio retribuito Riscatto L eventuale posizione INPS non verrà annullata e potrà dare un trattamento autonomo di pensione INPS, indipendentemente dal divieto di cui all art. 6 T.U.

109 Riscatto Iscritti CTPS Riscatto Titoli

110 RISCATTO PERIODI DI STUDI SUPERIORI NORMATIVA DI RIFERIMENTO Art. 13 T.U. 1092/73 Art. 2 comma 4 D. L. 1/10/82 n. 694 convertito, con modificazioni, nella legge 29/9/82 n. 881 D.M. 8/4/83 D.M. 9/5/92 D. Lgs. n. 184/97

111 Quali periodi di studi superiori sono riscattabili ai sensi dell art. 13 T.U. 1092/73?

112 I periodi di tempo corrispondenti alla durata legale degli studi universitari (diploma di laurea) e dei corsi speciali di perfezionamento (diploma specializzazione post - laurea) di

113 Qual è il requisito richiesto per il riscatto di tali periodi?

114 Che siano condizione necessaria per l ammissione in servizio

115 Come è calcolato il periodo da riscattare?

116 dall inizio dell anno accademico di iscrizione.

117 Quali sono le modalità di calcolo dell onere di riscatto di tali periodi?

118 Le modalità di calcolo del contributo di riscatto variano in rapporto alla data di presentazione dell istanza di riscatto.

119 MODALITA DI CALCOLO DOMANDE PRESENTATE DAL 1/6/74 AL 3/10/82 DOMANDE PRESENTATE DAL 4/10/82 AL 11/7/97 DOMANDE PRESENTATE DAL 12/7/97

120 Condizioni necessarie Riscatto periodi di studio superiori DOMANDE PRESENTATE DAL 1/6/74 AL 15/12/82 Ammissione in servizio DOMANDE PRESENTATE DAL 16/12/82 AL 11/7/97 Ammissione in servizio / sviluppi di carriera DOMANDE PRESENTATE DAL 12/7/97 Nessuna condizione

121 Quali altre tipologie di riscatto prevede l art. 13 del T.U. 1092/73?

122 Riscatto Periodi di iscrizione ad albi professionali, ove tale periodo sia richiesto come condizione necessaria per l ammissione in servizio Periodi di periodi di pratica necessari per il conseguimento dell abilitazione professionale

123 Art. 13 T.U. 1092/73 SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE

124 Sentenza 9-15 febbraio 2000, n. 52 (G.U. 23/2/2000, n. 9 - Serie speciale) Illegittimità del combinato disposto dell art. 13, 1 comma, DPR 1092/73 e dell art. 2 del D.Lgs. 30/4/97, n 184, nella parte in cui non consentono al dipendente dello Stato di riscattare, ai fini del trattamento di quiescenza, il periodo di durata legale del corso di studi svolto presso l Accademia di belle arti ovvero presso istituti o scuole riconosciuti di livello superiore (post - secondario), quando il relativo diploma o titolo di studio di specializzazione o di perfezionamento sia richiesto, in aggiunta all altro titolo di studio per l ammissione in servizio di ruolo o per lo svolgimento di determinate funzioni.

125 Sentenza 9-15 febbraio 2000, n. 52 (G.U. 23/2/2000, n. 9 - Serie speciale) I corsi speciali annuali istituiti dalle Università e dagli Istituti di alta formazione artistica e musicale (AFAM) in applicazione della legge 4 giugno 2004, n. 143, possono essere valorizzati, in sede pensionistica, in virtù dell'ampliamento della facoltà di riscatto di diplomi, titoli e corsi sancito dalla citato sentenza della Corte Costituzionale n.52/2000; di conseguenza la facoltà di riscatto di detti corsi è riservata al personale della scuola con incarico annuale ovvero assunto a tempo indeterminato, in quanto il relativo titolo conseguito è necessario per l'inserimento nelle graduatorie provinciali permanenti atte al conferimento di incarichi annuali e alle nomine a tempo indeterminato.

126 Domande presentate dal 12 luglio 1997 riferimento del riscatto Normativa di riferimento del riscatto dei periodi di studio universitario D.Lgs 30/4/97 n. 184, art. 2

127 Riscatto Iscritti CTPS Riscatto Titoli di Studio

128 Titoli di studio CTPS Diploma di laurea Diploma di specializzazione Diplomi Universitari Dottorati di ricerca

129

130 In vigore a far data dal 12/7/1997 Attuazione della delega conferita dall art. 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria ai fini pensionistici.

131 D. Lgs. n. 184/97 CAPO II DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RISCATTO

132 LA FACOLTA DI RISCATTO DEL CORSO DI LAUREA COSI COME DISCIPLINATA PER GLI ISCRITTI AL FPLD A DECORRERE DAL 12/7/97 VIENE ESTESA AGLI ISCRITTI AI FONDI ESCLUSIVI DELL AGO DEVONO CONSIDERARSI IMPLICITAMENTE ABROGATE LE DISPOSIZIONI DI LEGGE CHE HANNO REGOLAMENTATO LA STESSA MATERIA NEI REGIMI PENSIONISTICI ESCLUSIVI (art. 10 D.Lgs. 184/97)

133 D.Lgs 30/4/97 n. 184 Art. 2, comma 2 CORSI DI STUDIO UNIVERSITARIO Sono riscattabili, in tutto o in parte omissis i periodi corrispondenti alla durata dei corsi legali di studio universitario a seguito dei quali siano stati conseguiti i diplomi previsti dall art. 1 della L. 19/11/90, n. 341

134 Di quali corsi universitari si tratta?

135 D.U. (che si consegue dopo un corso di durata non inferiore a 2 e non superiore a 3 anni) D.L. (che si consegue dopo un corso di durata non inferiore a 4 e non superiore a 6 anni) D.S. (successivo alla laurea ed al termine di un corso di durata non inferiore a 2 anni) D.R. (corsi regolati da specifiche disposizioni di legge)

136 Circolare INPDAP n. 12 del 24/2/99 rigida interpretazione del dettato normativo Riscatto dei soli titoli di studio universitario di cui all art. 1. L. 341/90

137 Informativa n. 5 del 24/1/2000 Interpretazione più estensiva del dettato normativo Riscatto di qualsiasi titolo di studio rilasciato dalle Università o da Istituti di livello universitario, secondo i diversi ordinamenti didattici succedutisi nel tempo

138 Il periodo da riscattare è calcolato dall inizio dell anno accademico d iscrizione Non è più richiesto il requisito che i titoli conseguiti siano condizione necessaria per l ammissione in servizio o per la progressione in carriera La facoltà di riscatto può essere esercitata anche per due o più corsi di studio universitario

139 Quali altre tipologie di riscatto prevede il D. Lgs. n. 184/97?

140 Art. 3, comma 1 Art. 3, comma 2 Riscatto di periodi di lavoro all estero Riscatto di periodi di aspettativa

141 Art. 3, comma 1 La facoltà di riscatto di cui all art. 51, comma 2 della legge 30/4/69, n. 153, omissis è estesa agli iscritti ai Fondi esclusivi dell AGO.

142 Art. 3, comma 2 Ai lavoratori, collocati in aspettativa ai sensi della legge 11/2/80, n. 26, come integrata dalla legge 25/6/85, n. 333, è data facoltà di procedere al riscatto, in tutto o in parte, dei periodi di fruizione dell aspettativa medesima, che non siano coperti da contribuzione obbligatoria, volontaria o figurativa presso forme di previdenza obbligatoria.

143 RIFERIMENTI NORMATIVI L. 11/2/80, n. 26 (c.d. Legge Signorello ) Norme relative al collocamento in aspettativa dei dipendenti dello Stato il cui coniuge, anche esso dipendente dello Stato, sia chiamato a prestare servizio all estero. L. 25/6/85, n. 333 Estende i benefici di cui alla legge 11/2/80, n. 26, ai dipendenti statali il cui coniuge presti servizio all estero per conto di soggetti non statali.

144 ART. 3, COMMA 2 : DESTINATARI Gli iscritti alla CTPS Gli iscritti alla CPUG I Segretari Comunali I dipendenti di Enti Pubblici riguardati dalla legge 20/3/75, n. 70 ( INPS, INAIL, INPDAP)

145 Riscatto di periodi di lavoro all estero Periodi di lavoro subordinato non coperti da assicurazione sociale Periodi oggetto di riscatto non sono soggetti ad alcuna limitazione temporale L onere di riscatto è dovuto nella misura intera

146 I PERIODI OGGETTO DI RISCATTO NON SONO SOGGETTI AD ALCUNA LIMITAZIONE TEMPORALE

147 Quali sono le modalità di calcolo dell onere di riscatto di tali periodi?

148 Le modalità di calcolo del contributo di riscatto variano in rapporto alla data di presentazione dell istanza di riscatto.

149

150 è disciplinato ART. 2, COMMI 3,4 e 5

151 e avviene in base alle norme che disciplinano la liquidazione delle pensioni con il sistema retributivo o con quello contributivo, tenuto conto della collocazione temporale dei periodi riscattati

152 Sistema di calcolo di liquidazione della pensione Retributivo Misto Contributivo Lavoratori con almeno 18 anni di anzianità contributiva al 31/12/95 Lavoratori con meno di 18 anni di anzianità contributiva al 31/12/95: Retributivo fino al 31/12/95; Contributivo dal 1/1/96 Lavoratori neo assunti dal 1/1/96 in poi, privi di qualsiasi anzianità contributiva al 31/12/95

153 CALCOLO RETRIBUTIVO DEL CONTRIBUTO DI RISCATTO avviene con i criteri della riserva matematica di cui all art. 13 della Legge n. 1338/62 applicando i coefficienti attuariali di cui alle tabelle approvate con D. M. 19/2/81, differenziate per uomini e donne

154 CALCOLO RETRIBUTIVO CON I CRITERI DELLA RISERVA MATEMATICA DI CUI ALL ART. 13 DELLA L. 1338/62 (Per i periodi precedenti al 1/1/96) In relazione alla collocazione temporale del periodo da riscattare, dovrà essere determinata la retribuzione pensionabile della sola quota A), se il periodo ricade interamente entro il 31/12/92; della sola quota B), se il periodo è interamente successivo al 31/12/92; di entrambe le quote A) e B), se il periodo si colloca a cavallo della suddetta data.

155 La ricerca del coefficiente attuariale deve avvenire tenendo in considerazione: l età anagrafica dell interessato; l anzianità contributiva complessiva; ALLA DATA DELLA DOMANDA DI RISCATTO il sesso dell interessato

156 CALCOLO PERCENTUALE CON I CRITERI DELL ART. 2, COMMA 5, DEL D. Lgs 184/97. L onere relativo ai periodi successivi al 31/12/95, da valutare ai fini pensionistici con il sistema contributivo, va determinato utilizzando l aliquota contributiva di finanziamento vigente nel Fondo alla data di presentazione della domanda di riscatto, complessivamente considerata (quota a carico dell Ente e del lavoratore)

157 Per gli iscritti alla CTPS L aliquota contributiva di finanziamento è pari al 33,00% dal 01/01/2007: 24,20% a Carico dell Ente, 8,80% a carico del lavoratore

158 La retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo percentuale è quella assoggettata a contribuzione obbligatoria nei 12 mesi meno remoti rispetto alla data della domanda.

159 Applicando l aliquota contributiva alla retribuzione annua, si ricava il contributo annuo, da rapportare proporzionalmente alla durata del periodo oggetto di riscatto: l importo ottenuto corrisponde all onere da porre a carico del richiedente.

160 Circolare 11 giugno 2004, n 38 Termini per la presentazione di domande di riscatto del personale statale

161 Gli iscritti alla gestione separata dei trattamenti pensionistici del personale delle Amministrazioni statali, cessati per motivi diversi dai limiti di età, possono esercitare la facoltà di riscatto e/o computo di periodi o servizi in costanza di attività lavorativa ovvero entro il termine perentorio di 90 giorni dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro. Qualora detto personale cessi per limiti di età, ai sensi dell articolo 147 del D.P.R. 29 dicembre 1973 n. 1092, la domanda di computo o di riscatto deve essere presentata almeno due anni prima della risoluzione del rapporto di lavoro per raggiungimento del limite di età previsto per la cessazione dal servizio.

162 A quale tipologia di riscatto si applica l articolo 147 del D.P.R. 29 dicembre 1973 n : Il DPR individua espressamente le tipologie di servizi o titoli di studio ammessi al computo (articoli 11 e 12) ovvero al riscatto mediante pagamento di un onere (articoli 13 e 14).

163 A quale tipologia di riscatto non si applica: Tipologie di riscatto innovative dell ordinamento pensionistico dei pubblici dipendenti, rispondenti alla logica di ridurre la disparità e la frammentazione delle discipline esistenti tra i diversi regimi previdenziali, nonché di uniformare le regole che disciplinano le varie forme di contribuzione. Alla luce di quanto sopra esposto, a decorrere dalla data di emanazione della presente circolare, tutte le istanze volte alla valorizzazione dei periodi o servizi riscattabili ai sensi dei citati decreti legislativi o di altre norme diverse dal citato DPR n. 1092/73, dovranno essere considerate utilmente prodotte, indipendentemente dalla causa di cessazione, purché presentate in attività di servizio e, comunque, entro novanta giorni dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro o dalla morte dell iscritto.

164 In particolare, le nuove tipologie di riscatto ammesse a valutazione sono: i periodi di aspettativa di cui alla legge n.26/1980, come integrata dalla legge n. 333/1985, chiesti per seguire il coniuge che svolge attività lavorativa all estero; i periodi successivi al 31 dicembre 1996, nella misura massima di 3 anni, in cui il rapporto di lavoro si interrompa o sospenda in base a norme di legge o di contratto; i periodi intercorrenti tra un rapporto di lavoro e l altro in caso di lavori discontinui, stagionali o temporanei per periodi successivi al 31 dicembre 1996; i periodi di non effettuazione della prestazione lavorativa, successivi al 31 dicembre 1996, non coperti da contribuzione obbligatoria, nei casi di lavoro a tempo parziale di tipo verticale, orizzontale o ciclico; i periodi lavorativi prestati all estero presso Paesi non legati all Italia da convenzioni internazionali in materia di sicurezza sociale; il diploma universitario, conseguibile con corso non inferiore a due anni e non superiore a tre; il diploma di laurea; il diploma di specializzazione; il dottorato di ricerca, i cui corsi sono regolati da specifiche disposizioni di legge; i periodi corrispondenti all astensione facoltativa per maternità collocata temporalmente al di fuori del rapporto di lavoro (ora congedo parentale previsto dall articolo 35 del Dlgs n. 151/2001). il diploma di laurea e per quello di specializzazione, ancorché titoli già previsti dal DPR n. 1092/1973, in quanto il Dlgs n. 184/1997 ha sostanzialmente innovato i requisiti per l ammissibilità al riscatto prevedendo, per le domande presentate dal 12 luglio 1997.

165 Per il personale statale il servizio militare comunque prestato è utile ex se ai fini pensionistici.

166 Decorrenza servizio di leva e di richiamo dal giorno di arrivo ( giunto ) al reparto di prima destinazione Volontario o di carriera dalla data di arruolamento Ufficiali in S.p.e. dalla data del dalla data del decreto di nomina

167 Ricongiunzione Iscritti Casse Pensioni INPDAP Ricongiunzione Legge 29/79 Ricongiunzione Legge 45/90

168 Ricongiunzione Legge 29/79 Art. 6 Art. 2

169 Ricongiunzione Legge 29/79 Art. 6 Enti soppressi

170 Ricongiunzione Legge 29/79 Art. 2 INPS ENPALS INPDAI (dal 1/1/2003 INPS)

171 D.L. 78 DEL 31 MAGGIO 2010 CONVERTITO CONVERTITO CON MODIFICHE NELLA LEGGE 122 DEL 30 LUGLIO 2010 Ricongiunzione art.2 legge 29/79 L art. 12, comma 12 decies stabilisce che, per le domande presentate dal 31 luglio 2010, l onere per la ricongiunzioni ai sensi dell art. 2 della legge 29/79 andrà determinato in base ai coefficienti contenuti nelle tabelle vigenti alla data di presentazione dell istanza di ricongiunzione (attualmente le tabelle sono aggiornate dal DM 31 agosto 2007).

172 Ricongiunzione Legge 45/90 Ricongiunzione dalle casse pensioni dei liberi professionisti INARCASSA Cassa Geometri ENPAM Ecc.

173 Modalità di versamento del contributo di riscatto e di ricongiunzione

174 C.T.P.S. RISCATTI Pagamento in unica soluzione Entro il termine di 90 giorni dalla notifica Rinuncia al provvedimento di riscatto Entro il termine di 90 giorni dalla notifica

175 C.T.P.S. RISCATTI Pagamento rateale In mancanza del versamento in unica soluzione o della rinuncia al riscatto, il contributo sarà trattenuto mediante trattenute mensili sullo stipendio per un numero di mesi pari a quello del periodo riscattato, decorrenti dal 5 mese successivo dalla data di notifica. Ai sensi dell art.1, comma 77 della legge 247/07, per le domande di riscatto del diploma di laurea presentate dal 1 gennaio 2008, vi è la possibilità di pagare l onere del riscatto in dieci anni senza interessi.

176 C.T.P.S. RICONGIUNZIONI Pagamento in unica soluzione Entro il termine di 90 giorni dalla notifica Rinuncia al provvedimento di riscatto Entro il termine di 90 giorni dalla notifica

177 C.T.P.S. RICONGIUNZIONI Pagamento rateale In mancanza del versamento in unica soluzione o della rinuncia al riscatto, il contributo sarà trattenuto mediante trattenute mensili sullo stipendio per un numero di mesi pari a quello del periodo riscattato, decorrenti dal 5 mese successivo dalla data di notifica.

IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA. A cura di: Alessandra Carta

IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA. A cura di: Alessandra Carta IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di di asilo e di di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili

Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili Servizi Utili (ex se) i servizi di ruolo e a tempo indeterminato prestati nelle amministrazioni statali, con

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI 1 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N 42/2006 LEGGE N 247/2007 DECRETO LEGGE N 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N 214/2011 2 1 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

I Dipendenti dello Stato

I Dipendenti dello Stato I Dipendenti dello Stato In Servizio Presso le scuole Pescara 13-14 Marzo 2006 1 Lo Stato e i suoi dipendenti Fino al 31/12/1995 Con i propri dipendenti lo Stato non instaurava solo un rapporto di lavoro

Dettagli

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Messaggio N. 008381 del 15/05/2012 INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Ai Direttori Centrali Ai Direttori Regionali Ai Direttori Provinciali Ai Direttori delle Agenzie Oggetto: Chiarimenti

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere Riscatto di laurea Requisiti e calcolo dell onere Il riscatto Si definisce riscatto l operazione che consente la copertura contributiva di alcuni periodi privi di assicurazione La facoltà di riscatto può

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184.

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. Attuazione della delega conferita dall'articolo 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria.

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria. ISTITUTO Roma, 17 maggio 2006 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Generale Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

La contribuzione da riscatto

La contribuzione da riscatto La contribuzione da riscatto Legge 12 agosto 1962, n. 1338 - Disposizioni per il miglioramento dei trattamenti di pensione dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti.

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche.

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche. In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

COME COSTRUIRE LA PENSIONE

COME COSTRUIRE LA PENSIONE COME COSTRUIRE LA PENSIONE INPDAP informa PENSIONE: RISCATTI E RICONGIUNZIONI Riscatto Ricongiunzione Totalizzazione periodi assicurativi esteri Totalizzazione Contribuzione figurativa Prosecuzione volontaria

Dettagli

SENZA DOMANDA DELL INTERESSATO (D UFFICIO)

SENZA DOMANDA DELL INTERESSATO (D UFFICIO) SENZA DOMANDA DELL INTERESSATO (D UFFICIO) 1. Tutti i periodi di servizio pre-ruolo prestati fino al 31/12/1995 con ritenuta in conto entrate del tesoro e dal 01/01/1996 con ritenuta C.T.P.S.; Nota: Dal

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Statali di ogni ordine e grado della provincia LORO SEDI e,p.c. All U. S. R. per la Calabria Via Lungomare 259 88100 CATANZARO

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). Personale appartenente al Comparto Difesa, Sicurezza e soccorso pubblico

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). Personale appartenente al Comparto Difesa, Sicurezza e soccorso pubblico In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma -Settore Previdenza- Guida al sistema previdenziale del personale docente e tecnico-amministrativo Redazione a cura del personale del Settore Previdenza (aggiornata all

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET)

FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) Il Fondo di previdenza per il personale addetto ai pubblici servizi di trasporto è sostitutivo dell' Assicurazione generale obbligatoria (AGO). A questo

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

INFORMATIVA N. 68. Roma, 22/07/2002

INFORMATIVA N. 68. Roma, 22/07/2002 Roma, 22/07/2002 Alla Direzione Centrale per la Segreteria del Consiglio di Amministrazione Organi Collegiali e Affari Generali SEDE Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

Pag. 1 di 5 FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI SOGGETTI ASSICURATI SOGGETTI ESCLUSI

Pag. 1 di 5 FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI SOGGETTI ASSICURATI SOGGETTI ESCLUSI FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) Il Fondo di previdenza per il personale addetto ai pubblici servizi di trasporto è sostitutivo dell' Assicurazione generale obbligatoria (AGO). A questo

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014 Direzione Centrale Previdenza Roma, 05/06/2014 Circolare n. 73 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60 PENSIONI Dlgs 165/97, armonizzazione regimi previdenziali personale militare, di polizia e vigili del fuoco Sulla G.U. n. 139 del 17.6.1997 è stato pubblicato il Dlgs n. 165 del 30.4.1997 di attuazione

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 18 DEL 22 DICEMBRE 2009

NOTA OPERATIVA N. 18 DEL 22 DICEMBRE 2009 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica UFFICIO I Gestione del rapporto contributivo e contenzioso Roma, 22 dicembre 2009 Ai Alle Agli

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE MODIFICHE PRINCIPALI PENSIONI DI VECCHIAIA Nuovi requisiti amministrativi, di età per l accesso al pensionamento e nuovi sistemi di calcolo PENSIONE

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato ISTITUTO Roma lì, 23/05/2005 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori delle

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 20/03/2014 Circolare n. 33 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA Con la totalizzazione il dipendente può cumulare i contributi versati presso due o più enti previdenziali per ottenere un unica pensione (decreto legislativo 42 del 2 febbraio

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Roma, 05/11/2010 Circolare n. 142 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR COSA È Il trattamento di fine rapporto (Tfr) è una somma che viene corrisposta al lavoratore dipendente al termine del rapporto

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli