LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO LOCALE E PER L ESTETICA DI FANO ADRIANO E CERQUETO FANO ADRIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO LOCALE E PER L ESTETICA DI FANO ADRIANO E CERQUETO FANO ADRIANO"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO LOCALE E PER L ESTETICA DI FANO ADRIANO E CERQUETO FANO ADRIANO

2 1. Lo statuto dei luoghi Metodologia Applicata 2. CONTESTO STORICO E SOCIO-ECONOMICO 6 3. LE LINEE GUIDA CARATTERISTICHE DEL PAESAGGIO 3.2 Caratteristiche dell ABITATO PAESE ESTETICA DEL PAESE RICOSTRUZIONE POST-SISMA DEL PAESE 3.3 ENERGIE E RIFIUTI 3.4 AREA SOCIALE 3.4 AREA SVILUPPO ECONOMICO TURISMO ATTIVITà PRODUTTIVE E ARTIGIANATO AGRICOLTURA, ALLEVAMENTO E FORESTE 4. CONCLUSIONI 23 INTRODUZIONE Il WWF per Borghi Attivi Pianificazione e partecipazione sono due temi da sempre al centro dell interesse del WWF. Lo sviluppo armonico di un territorio può avvenire solo attraverso una corretta pianificazione che tenga conto della sostenibilità ambientale delle scelte, delle valenze naturali e delle potenzialità dei luoghi su cui si interviene nonché delle esigenze delle comunità che li abitano. L individuazione di queste esigenze può avvenire attraverso processi di partecipazione che consentano di operare scelte condivise, superare i conflitti tra i vari portatori di interesse e responsabilizzare cittadini, operatori economici ed istituzioni. La volontà di attivare un progetto come Borghi Attivi in alcune realtà colpite dal terremoto dell aprile 2009 è nata come reazione a quanto si è visto nella fase post emergenza, quando è prevalsa una volontà, calata dall alto, che ha portato a creare nuovi nuclei abitativi (le famose new town ), completamente sganciati dal contesto esistente. Si è così accelerato un processo, in alcune aree già in atto, di perdita delle identità dei paesi e di coloro che li abitano, causato dallo stravolgimento dell unicità dei luoghi. E così, pur nella piena consapevolezza dei limiti e delle difficoltà di un progetto come quello che si è avviato, abbiamo tentato di dare la parola a chi questi luoghi li vive o vorrebbe tornare a vivere. Abbiamo tentato di dare a chi deve prendere le decisioni uno strumento per ascoltare chi quelle decisioni le vivrà in prima persona. È stata una vera e propria scommessa che per essere vinta necessita però di ulteriore impegno: il lavoro svolto avrà senso solo se si darà seguito alle idee, alle riflessioni ed alle proposte che si sono sviluppate in questo anno di confronto. L Amministrazione Comunale di Fano Adriano per Borghi Attivi Questa Amministazione Comunale, nella persona del Sindaco Adolfo Moriconi e della sua Giunta, ha deciso di aderire al Progetto Borghi Attivi riconoscendone fin da subito il valore. Tale iniziativa ha basato il proprio lavoro su una condivisione partecipata che ha visto i singoli residenti/turisti come protagonisti, dando loro la possibilità di esprimere il proprio parere e rendendoli partecipi dello sviluppo futuro del proprio paes. Soprattutto nei piccoli centri montani, come quelli di Fano Adriano e Cerqueto, è fondamentale il coinvolgimento in prima persona del cittadino, e la filosofia di metodo su cui fonda il Progetto da noi sostenuto ha il merito di aver riconosciuto tale necessità. 2 3

3 Statuto Partecipato dei Luoghi: Fano Adriano / Cerqueto Statuto Partecipato dei Luoghi: Fano Adriano / Cerqueto LO STATUTO PARTECIPATO DEI LUOGHI A FANO ADRIANO E CERQUETO I piccoli centri colpiti dal terremoto d Abruzzo del 2009 si trovano oggi in un momento chiave della propria storia. Il sisma ha inferto un durissimo colpo alle comunità locali, alla loro economia, alla loro visione del futuro, mettendo ancor più in luce fenomeni già in corso da decenni: declino numerico ed invecchiamento della popolazione, svuotamento dei centri storici, abbandono del territorio rurale. Queste piccole comunità, depositarie di storie e di identità straordinarie, si pongono oggi una serie di domande: quando si completerà la ricostruzione? Lavoratori, immigrati e profughi di altri centri, sono estranei o nuovi membri della comunità? I cambiamenti in corso cancelleranno il paesaggio e l identità locale? Cosa fare dei centri storici e del territorio attorno al paese? Cosa fare, in futuro, dei villaggi provvisori sorti a fianco ad esso? Domande cui non è certo facile dare una risposta. È necessario, quindi, promuovere processi di progettazione partecipata che consentano alle comunità di ri-disegnare il proprio futuro. Per rispondere a questa necessità il WWF di Teramo, sostenuto dal Centro di Educazione al Paesaggio Torre del Cornone di Fontecchio (AQ), ha lanciato, come capofila di una rete di associazioni, enti locali e CEA, il progetto Borghi Attivi: Statuto partecipato dei paesi d Italia (www.borghiattivi.it) che è stato finanziato dal bando per la Progettazione Sociale Emergenza Abruzzo dell ACRI (Associazione delle Casse di Risparmio). L intervento mira a coinvolgere le comunità locali di cinque paesi colpiti dal sisma - Civitella Casanova, Fontecchio, Fano Adriano, Pescomaggiore (L Aquila) e Santa Maria del Ponte (Tione) - in altrettanti percorsi di progettazione partecipata per elaborare il cosiddetto Statuto dei luoghi conosciuto in Gran Bretagna come Village Design Statement (VDS) che possiamo tradurre come dichiarazione sulla pianificazione del paese. Il VDS nasce per far fronte a problemi ben noti: i cambiamenti economici e demografici e nuove espansioni urbane, tendono ad inglobare o viceversa a svuotare - in Inghilterra come qui da noi - le aree rurali e portano alla perdita delle identità locali e del paesaggio rurale, allo sfaldamento delle comunità e al perdersi della loro visione del futuro. Esattamente come sta accadendo a tanti abitanti del territorio colpito dal sisma che oggi, sempre di più, si sentono stranieri in casa. Lo Statuto dei Luoghi diventa, quindi, mezzo e fine al tempo stesso: mezzo, in quanto porta le comunità a dichiarare le proprie idee per il futuro; fine, in quanto aiuta a ristabilire legami sociali durante l elaborazione delle linee guida e la riscoperta della identità locale. In una prima fase, si coinvolgono gli abitanti nel raccontare e raccontarsi il proprio paese, le abitudini, i problemi, i ricordi, l aspetto degli edifici, storici e moderni. Poi si passa a delineare assieme le azioni che si vorrebbe realizzare per migliorare il paese, il suo aspetto, il suo ambiente, il suo paesaggio e la sua economia. Infine, si compone una lista di suggerimenti, rivolti a tutti i cittadini, per far sì che le caratteristiche uniche del paese e del territorio vengano considerate, conservate e potenziate. Grazie a questo lavoro condiviso, ogni comunità elabora così una sorta di Atlante dei Luoghi (raccolta condivisa delle caratteristiche del paese e della sua gente) ed il proprio Statuto dei Luoghi (linee guida per lo sviluppo locale ispirate all Atlante) che viene adottato dalle Amministrazioni Locali, quale strumento di indirizzo per il rilancio dei paesi. Metodologia Applicata Nel Comune di Fano Adriano la fase di start up del progetto è stata affidata alla figura di un facilitatore 1 che, oltre a svolgere un preciso ruolo tecnico, ha avuto nell immediato il compito di creare una condizione minima di partenza per il coinvolgimento della popolazione. Inizialmente, infatti, nonostante l adesione entusiasta dell Amministrazione Comunale, la cittadinanza ha tardato a esprimere autonomamente una massa critica sufficiente all avvio delle attività. Tale circostanza ha richiesto un impegno preliminare al facilitatore per entrare in contatto diretto con i cittadini e sviluppare una dialettica finalizzata alla presa di coscienza dei potenziali benefici derivanti dall implementazione di un processo decisionale partecipato. Il risultato di questo lavoro, che ha richiesto un periodo di tempo non trascurabile, è stato quello di innescare l interesse e il coinvolgimento diretto di due realtà istituzionali del territorio, la ProLoco di Cerqueto (frazione di Fano Adriano) e l associazione culturale I Grignetti del borgo di Fano Adriano. Tali realtà si sono poi rivelate il vero incubatore sociale del progetto Borghi Attivi, dimostrando di saper mettere in gioco un elevato capitale sociale, fattore determinante per lo sviluppo dell intero percorso seguito dalla cittadinanza, fino alla stesura delle linee guida. Una volta sollevato l interesse degli abitanti storicamente più attivi, cioè gli animatori delle due associazioni, per far fronte alla timidezza iniziale mostrata dalla popolazione, si è preferito utilizzare come primo strumento di indagine quello del questionario semistrutturato. Il questionario in prima battuta, infatti, ha avuto una funzione comunicativa oltre che conoscitiva: nel porre le domande preliminari in qualche modo si è chiesto ai cittadini di scoprire Borghi Attivi, di unirsi alla sfida della partecipazione, non solo rispondendo ai quesiti. Tale strategia ha prodotto un discreto successo tanto da consentire la formazione di un gruppo di lavoro, rappresentativo delle tipologie sociali (pensionati, disoccupati, liberi professionisti, studenti, operatori turistici, casalinghe, ecc.), per lo sviluppo delle diverse aree tematiche di indagine; attività che ha portato alla elaborazione e somministrazione di un questionario più raffinato e l ideazione di una serie di laboratori sul campo con la partecipazione sia di cittadini che di turisti. I contenuti dei laboratori sono stati elaborati dal gruppo di lavoro locale, con la mediazione del facilitatore, in una logica di progressivo approfondimento della ricerca e della scoperta delle diverse espressioni e vocazioni del territorio comunale, sia da un punto di vista naturale che da quello delle aspirazioni sociali. Le attività in alcuni casi sono state svolte in occasione di ricorrenze o eventi particolari già programmati così da ottenere massima visibilità e partecipazione. Il livello di coinvolgimento è stato, infine, positivo tanto da interessare più della metà degli abitanti. I cittadini del Comune di Fano Adriano sono giunti così a formulare ed esprimere in modo razionale e condiviso una propria autentica visione del futuro della comunità. Gli strumenti utilizzati durante il percorso che hanno portato alla stesura partecipata delle Linee Guida sono stati sostanzialmente i seguenti: analisi desk; focus group; inchiesta attraverso questionari semistrutturati; interviste; tecniche di discussione semistrutturata: assemblee pubbliche, tavoli partecipativi e forum locali; workshop: open space technology, planning for real; laboratori tematici. Le attività sono state svolte principalmente in spazi e strutture pubbliche, a cominciare dal Municipio (la cui sede ha rappresentato un importante aiuto logistico) e dalle sedi delle associazioni locali (Pro Loco e Grignetti), ma anche strutture private, come i ritrovi tipici della vita di comunità a Fano Adriano. Un supporto non trascurabile è giunto dalla sede del WWF di Teramo, che ha avuto una funzione sia logistica, come luogo di incontri e di riunioni, che tecnica, come supporto ad alcune iniziative realizzate. Ma il luogo principale per lo svolgimento delle attività è stato, senza dubbio, rappresentato dalle piazze, dai vicoli e dagli spazi aperti di Fano Adriano e Cerqueto, teatri ricorrenti dei laboratori sul campo. Nel concludere questa nota metodologica, è necessario riportare due elementi di difficoltà che hanno condizionato il processo, ma che nel contempo sono fortemente rappresentativi delle peculiarità del territorio coinvolto. Il primo di questi elementi è dato dalla notevole disomogeneità del territorio comunale in cui convivono due realtà molto diverse sia da un punto di vista storico che sociale: da un lato Fano Adriano, sede del Comune, borgo principale facilmente accessibile dalla SS 80, fortemente connesso al sistema turistico generato dalla vicina presenza degli impianti di risalita di Prato Selva; dall altro la frazione di Cerqueto, a circa 1: Il Facilitatore è stato individuato in un professionista esterno alla comunità locale. 4 5

4 Statuto Partecipato dei Luoghi: Fano Adriano / Cerqueto Statuto Partecipato dei Luoghi: Fano Adriano / Cerqueto 12 Km di distanza, geograficamente le- comprende due piccoli borghi (Fano, polamento, non è affatto raro uscire a mano risiedevano nel nostro piccolo gato piuttosto al comprensorio di Pie- appunto, e Cerqueto), incastonati nel fare una passeggiata con il cane e non centro nei mesi più caldi (da giugno a tracamela, con una storia e una realtà superbo contesto ambientale del Parco incontrare nessuno (e non intendo solo settembre-ottobre) in cerca di frescura sociale quasi autonome rispetto alla Nazionale del Gran Sasso e dei Mon- cani!). Poi la tipica curiosità femminile per i loro animali, per poi tornare ver- sede comunale. Tale situazione di pro- ti della Laga, dove la millenaria opera mi ha portato ad indagare sul tema so i territori del Lazio (questo mi spie- fonda bipolarità ha reso necessaria una dell uomo si è inserita in maniera ar- per comprendere le ragioni di tutto ga finalmente perché, mentre in tutti i vera e propria duplicazione delle atti- monica nella natura integra ed incon- questo sfarzo (decisamente atipico per paesi circostanti si parla solo il dialetto vità in più di un momento dello svol- un piccolo borgo montano). Ho fatto del luogo, qui a Fano il dialetto locale gimento del progetto Borghi Attivi. Il lunghe chiacchierate con gli anziani si alterna al romano!). Gli anziani che secondo elemento di difficoltà è stato che ancora vivono qui, unici custodi hanno praticato la Transumanza rac- determinato dal fatto che i principali della memoria di ciò che è stato, ed ho contano che l attuale SS80 veniva per- animatori delle due associazioni locali, così conosciuto la storia recente del corsa due volte l anno, spesso a piedi o vero punto di forza del progetto, per mio amato paese. con carri, portando ricchezza al borgo Ho cercato, inoltre, di ovviare a una montano; che questa fiorente attività mia grande carenza (mea culpa!): la della Transumanza ha conosciuto una conoscenza della frazione Cerqueto. prima crisi negli anni per poi Di fatto Cerqueto non è vicinissimo al cessare nell immediato secondo dopo- mio paese (se non in linea d aria), e per taminata. La preparazione universitaria molti anni è stato per me un perfetto mi ha sempre spinto ad osservare il mio sconosciuto. Così, chiavi della macchi- motivi di esigenze lavorative, non risiedono in modo continuativo nei paesi di Fano e Cerqueto: ciò ha determinato una concentrazione dei lavori prevalentemente nei fine settimana e un vincolo temporale nell organizzazione e gestione del progetto, specialmente nelle fasi di start up. CONTESTO STORICO E SOCIO-ECONOMICO di Claudia Moriconi* piccolo paese da un punto di vista estetico-architettonico. Il centro storico, ben conservato e con alcuni elementi di rilevante interesse, ha chiare origini medievali e la prima espansione, adiacente a questo, è costituita principalmente da imponenti edifici isolati datati fine 800 primi 900 (Foto 1), il restante costruito è de- na in mano, sono partita e ho visitato quel piccolo borgo con occhi più attenti, scoprendo che, fatta eccezione per la grandezza degli edifici, Cerqueto presenta le stesse caratteristiche di Fano! Naturalmente anche qui non mi sono risparmiata qualche piacevolissima chiacchierata con gli anziani del paese. Ho scoperto, innanzitutto, che Fano e Cerqueto erano paesi di pastori. Le anziane persone con cui ho parlato del passato di questi paesi mi hanno raccontato di come fossero, fino a poco più di mezzo secolo fa, ricchi e popolati, di come le abitazioni fossero tutte abitate, le botteghe numerose (calzolai, fabbri, sarti, macellerie, alimentari, guerra; che la maggior parte dei pastori è fallita e i restanti hanno venduto il proprio bestiame, e ora ciò che li lega a Fano sono i ricordi e spesso un abitazione nella quale venire a trascorrere le vacanze (naturalmente fatta eccezione per quei pochi che sono rimasti a vivere qui, e grazie ai quali ho scoperto la storia del mio paese). Se fino agli anni l economia del luogo si era basata sulle attività agrosilvo pastorali, nel secondo dopoguerra lo sviluppo economico si concentrò go per la sua vicinanza alla catena del Gran Sasso. Cerqueto, invece, meno turistica, vive oggi anche di attività legate al settore primario. Ma questo non basta. Dopo l apertura al traffico veicolare del traforo del Gran Sasso, negli anni 80, le aree montane che prima godevano della presenza dell arteria viva e pulsante della Strada Maestra (la SS 80) sono oggi marginali. Dai tempi d oro della Transumanza la popolazione è diminuita, prima bruscamente intorno alla metà degli anni 50, poi più o meno costantemente (Grafico 1), fino a rendere Fano e Cerqueto oggi irriconoscibili a chi quel periodo d oro lo ha vissuto, lo ricorda e ne parla adesso con occhi lucidi che difficilmente trattengono le lacrime. (*Claudia Moriconi laurea in ingegneria Edile Architettura, vive a Fano Adriano con la sua famiglia) Sono una ragazza che va controcorrente. Finiti gli studi, dopo anni trascorsi in una grande e frenetica città, ho scelto di tornare a vivere nel paese che mi ha visto crescere. Questo paese è Fano Adriano. L intero territorio comunale, che da esso prende il nome, ha la particolare forma di un ferro di cavallo e gli anni 70 (foto 2). La fattezza e la mole delle abitazioni fanesi, quelle ultracentenarie, unite all aria che si respira in paese, fanno intuire un passato ricco e glorioso che stride con l attuale situazione di spo- persino mulini e fornaci) ed i terreni tutti coltivati. Ora di tutto questo resta solo la malinconia nei loro occhi. La vicinanza alla SS 80 (probabilmente corrispondente all antica strada consolare romana via Caecilia che a L Aquila si ricongiunge con la via Salaria) ha favorito il fenomeno secondo il quale molti allevatori di ovini dell agro ro- lungo direttrici che trascuravano le aree montane e le attività tradizionali non furono più in grado di fornire un reddito sufficiente a quello generato dagli altri settori. Oggi il sistema lavorativo di Fano vede prevalere il settore terziario, con attività legate al turismo, che puntano sulla posizione privilegiata di cui gode il bor- 6 7

5 Le linee guida: Caratteristiche del paesaggio Le linee guida: Caratteristiche del paesaggio LINEE GUIDA Le seguenti linee guida sono l elaborazione di un anno di attività svolte nel comune di Fano Adriano. L intero comune ha una popolazione di 363 residenti 2. Il grafico 2 mostra il numero dei residenti, il numero dei partecipanti al questionario e la percentuale dei cittadini che hanno partecipato in riferimento al numero dei residenti. I dati sono suddivisi per i due borghi e nel totale. Si può osservare l alta partecipazione dei cittadini, che nel borgo di Cerqueto raggiunge il 75%, dato che rispetta molto la forte esigenza dei cittadini del borgo di intervenire sulla riqualificazione del loro paese. Le linee guida sono così organizzate: 1. suddivisione delle linee guida in 5 aree tematiche: Caratteristiche del Paesaggio; Caratteristiche dell Abitato; Rifiuti ed Energia; Area Sociale; Sviluppo Economico; 2. le linee guida elaborate nel sottocapitolo Caratteristiche dell Abitato sono state raggruppare in tre paragrafi. Alcune riguardano il Paese (linee guida che regolano la vivibilità del paese in una visione generale); altre riguardano l Estetica (linee guida che regolano gli aspetti specifici dell architettura dei due borghi e a loro volta suddivise in linee guida nel borgo antico e linee guida fuori dal borgo antico); altre ancora riguardano la ricostruzione post-sisma. ordinaria (pulizia dei sentieri, recupero di alcune aree degradate) e il suo utilizzo per piccole coltivazioni (gli orti urbani). linee guida comuni a entrambi i borghi Tutelare e valorizzare il patrimonio agricolo e boschivo Il patrimonio agricolo e boschivo va tutelato attraverso una corretta manutenzione e gestione degli stessi. Recuperare le antiche fonti per fini turistici e di svago Recuperare le antiche fonti e valorizzarle per fini turistici e di svago (foto 4). Valorizzazione del patrimonio naturalistico La valorizzazione di elementi ambientali del territorio rappresenta sempre più un fattore chiave per la qualità della vita e la competitività. È quindi necessario promuovere il recupero e la valo- Come già riferito in precedenza, il Comune di Fano Adriano è composto da due borghi (Fano Adriano e Cerqueto) che, per posizione geografica e tradizioni, hanno maturato esigenze differenti. Questo tratto caratteristico è venuto fuori anche durante gli incontri svolti, generando delle linee guida specifiche per i due borghi. Così, oltre alle linee guida condivise, per alcune aree tematiche è nata l esigenza di creare dei box che mettessero in evidenza le richieste specifiche per ciascun borgo. 2: Dati anagrafici del 31/12/2011 Caratteristiche del paesaggio Siamo nel cuore del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, immersi nella natura incontaminata, tra lupi, cervi, camosci, falchi, faggete, pinete e pareti di roccia. In questo contesto si inserisce il territorio del comune di Fano Adriano con i suoi due centri abitati, quello di Fano Adriano, appunto, e quello di Cerqueto, entrambi di origine con caratteristiche proprie e peculiarità che li distinguono. L altitudine del luogo ha da sempre favorito l agricoltura e la transumanza, attività all epoca molto redditizie. Dal centro abitato fino alle zone più alte ed impervie non esisteva un fazzoletto di terra non utilizzato per coltivazioni o pascolo di bestiame. Ora i terreni sono per la maggior parte incolti ed abbandonati, non ci sono più pastori e pecore che trascorrono qui il periodo estivo (unica eccezione a questo è Cerqueto dove è presente un attività stanziale legata alla pastorizia); non ci sono più agricoltori che facevano di questo lavoro la fonte principale del proprio reddito, il solo ricordo del passato sono dei piccoli orti ad uso privato. L abbandono delle attività pratiche agricole ha condotto ad una progressiva riconquista del territorio ad opera delle piante spontanee. Questo fenomeno, da un lato positivo per l aumento della vegetazione di pregio, ha d altra parte contribuito ad una radicale modifica del paesaggio. Questa vocazione antica del territorio ricompare ancora oggi nelle esigenze dei cittadini che, per la maggior parte, ritiene la salvaguardia delle pratiche agricolo-pastorali di fondamentale importanza, non tanto per l economicità che i terreni hanno avuto in passato, piuttosto al suo elemento estetico, considerato come caratteristica da pre- Recuperare le aree incolte e abbandonate prossime e/o interne al centro abitato Per aumentare il decoro del Comune, ma anche per ridurre il rischio di dissesto idrogeologico, è importante recuperare le aree abbandonate prossime e/o interne al centro abitato. Il recupero va effettuato sia sulle aree demaniali che private per destinarle a uso agricolo. L attività di recupero può anche avvenire con l incentivazione di coltivazioni di colture tipiche (solina, patata turchesa, lampone, mirtillo, uva spina, ecc.) da vendere poi anche per turismo. Questa attività di recupero può diventare un opportunità sia per le aziende che già operano in tale settore, ma anche una buona occasione per i giovani che volessero avvicinarsi a una nuova professione, soprattutto in questi tempi di crisi occupazionale ed economica. rizzazione ambientale, la fruibilità dei servizi anche a fini turistici, attraverso interventi integrati che coinvolgano gli operatori pubblici e privati, creando così uno spazio attraente dove investire, lavorare e vivere. Si tratta di riqualificare e promuovere aree a valenza ambientale destinandole a luoghi di servizio alla popolazione e al turista (es: riqualificazione sentieristica e creazione di nuovi sentieri; creazione di punti di osservazione faunistici; ecc.). Linee guida Fano Adriano Riqualificazione dell area del vecchio distributore di benzina L area va riqualificata attraverso l eliminazione delle strutture presenti (foto 5). medievale. Si tratta di due piccoli centri storici incastonati nel cuore del Parco in un rapporto armonico di millenaria convivenza tra opera dell uomo e ambiente naturale. Il territorio comunale ha la forma che ricorda quella di un ferro di cavallo, e la lontananza tra i due centri ha fatto si che si sviluppassero servare e valorizzare anche in funzione turistica. Il paesaggio, dunque, viene percepito oggi come un luogo da valorizzare attraverso la sua manutenzione Rimuovere le baracche abbandonate e migliorare quelle in uso Le baracche inutilizzate ed abbandonate nelle campagne ed in paese devono essere rimosse e quelle ancora utilizzate devono essere migliorate per renderle più idonee al paesaggio (foto 3). Preservare i panorami del paese evitando interventi inadeguati Preservare i panorami del paese proibendo la costruzione di nuovi edifici o strutture che possano avere un impatto negativo sul paesaggio. 8 9

6 Le linee guida: Caratteristiche dell abitato Le linee guida: Caratteristiche dell abitato CARATTERISTICHE DELL ABITATO poca fine 800 primi 900 e si distingue per la presenza di imponenti edifici isolati, attualmente quasi tutti restaurati meno grandi) da cui partono e si diramano le varie vie (vie principali e vicoli secondari). In entrambi i centri storici per le nuove costruzione e linee guida per la ricostruzione di edifici già esistenti, sia nel centro storico che nella zione di giardini e orti condivisi su aree pubbliche. I giardini e gli orti condivisi vedono protagonisti tutti i cittadini quelle parti del comune in cui l accesso è consentito solo tramite delle scale (ad esempio realizzando lateralmente de- In questa sezione sono state raccolte le opinioni riguardanti l estetica e la cura dell abitato di chi, a vario titolo, vive o frequenta il paese (residenti, persone che possiedono un abitazione e trascorrono qui le loro vacanze, ecc.). È emersa una spiccata consapevolezza del valore e della bellezza del centro storico e la ferma volontà di mantenerne intatte le caratteristiche artistiche ed architettoniche, attraverso interventi di riqualificazione e, in qualche caso, di eliminazione delle ristrutturazioni non appropriate e delle aggiunte fatte in epoche differenti da quelle del costruito storico. Per quanto riguarda il borgo di Fano Adriano, esso ospita due nuclei: quello detto appunto Fano e quello detto Moreni, che si trova nella parte più bassa del paese. Il centro storico ha origini medievali ed è caratterizzato dall utilizzo, come principale elemento costruttivo, della pietra, alternata a volte dall utilizzo del mattone. La seconda espansione risale all e- ed intonacati intorno agli anni 70 (foto 6). Di quest ultimo periodo è anche il restante costruito del paese, di poco pregio architettonico, che si distingue anch esso per l utilizzo dell intonaco. Il borgo di Cerqueto è, invece, diviso in rioni, tra cui quello più caratteristico detto Castello (foto 7). Anche la pavimentazione originaria in lastre di pietra è rimasta solo in alcuni tratti, per essere sostituita, nei restanti, da un rivestimento in sanpietrini. La zona del paese di più recente costruzione presenta invece l asfalto. E comunque da tenere presente che, a seguito del recente sisma del 2009, il comune di Fano Adriano è stato duramente colpito. Circa il 50% delle abitazioni è risultata inagibile, con gravi conseguenze non tanto per il patrimonio architettonico, poiché si tratta fortunatamente di danni tutti riparabili (probabilmente saranno pochi se non nulli gli interventi di demolizione), ma più che altro per il patrimonio immobiliare. Molte delle abitazioni che prima dell evento calamitoso venivano sfruttate dai residenti o dai turisti per medi o lunghi soggiorni ora non possono essere utilizzate, con gravi conseguenze per la già precaria situazione economica e turistica. L analisi dei dati del questionario mostra chiaramente la volontà degli abitanti di mantenere intatte le caratteristiche storiche ed architettoniche del borgo attraverso la regolamentazione dei materiali per il recupero e il restau- periferia (ESTETICA); l ultima parte riguarda le linee guida relative alla ricostruzione post-sisma (RICOSTRUZIONE POST SISMA). PAESE linee guida comuni a entrambi i borghi Nuove possibilità abitative in paese con recupero di case del centro storico e limitate costruzioni nuove in aree già urbanizzate da completare Per offrire nuove possibilità abitative in paese la principale via da seguire è quella di recuperare le abitazioni già esistenti sia del centro storico che del territorio circostante. Recuperare, riqualificare e valorizzare gli spazi verdi, i giardini e gli orti Il decoro del paese passa anche dalla cura del proprio verde. Rendere la presenza degli orti urbani più diffusa. Coinvolgere le famiglie nella realizza- perchè realizzati e gestiti dai cittadini stessi riuniti intorno ad un progetto comune per rendere migliore il loro territorio. Gli orti e i giardini vanno dotati di acqua per innaffiare. Realizzare un censimento delle proprietà e favorire l affitto o la cessione degli orti a persone interessate del paese o di altre provenienze. Oltre alla riqualificazione e valorizzazione di spazi verdi e giardini pubblici, il Comune dovrebbe obbligare i cittadini a tenere puliti gli spazi privati entro il paese o nelle immediate vicinanze, anche ricorrendo a pesanti sanzioni. gli scivoli). In ogni caso la costruzione di rampe o dispositivi di mobilità deve comportarne l integrazione al contorno architettonico. Riqualificazione e sistemazione degli edifici abbandonati e diroccati Nel comune sono presenti numerosi edifici abbandonati che rendono i borghi meno decorosi. Si potrebbe incentivare la riqualificazione e sistemazione degli edifici con agevolazioni sul pagamento dell IMU. Il Comune potrebbe rilevare alcuni edifici privati (magari accedendo ai diversi bandi Regionali o Europei) e trasformarli in strutture di aggregazione o ricettive (tipo albergo diffuso). Rimuovere le baracche abbandonate e migliorare quelle in uso Eliminazione e sostituzione delle strutture in lamiera con strutture più decorose (ad esempio casette prefabbricate in legno) che abbiano una particolare attenzione all impatto visivo e all inserimento ambientale. qui le parti più antiche hanno origine medievale e il materiale più utilizzato ro degli edifici (vedere grafico 4 nelle Conclusioni). Si richiede, dunque, la creazione di un catalogo di materia- Rimozione e limitazione barriere architettoniche è la pietra locale. Per quanto riguarda li per infissi, tettoie, colori dei muri e I borghi vanno resi accessibili a tutti. È le successive espansioni, queste rispec- qualsiasi struttura abbia un impatto fondamentale l eliminazione di alcune chiano gli stessi periodi di costruzione esterno sull abitato. barriere che non consentono la libera e le stesse caratteristiche dell altro bor- Le seguenti linee guida sono state circolazione. Va comunque rispettata la go, con edifici però meno imponenti. suddivise in tre parti. La prima parte forma e la struttura degli spazi pubblici Per quanto riguarda l assetto del pae- riguarda il miglioramento dell aspetto nei centri storici, in particolare le piaz- se, Fano Adriano, a differenza di molti generale dei due borghi (PAESE); la se- ze e gli ambiti di relazione adiacenti a centri minori (tra cui Cerqueto), ha una conda parte prende in considerazione monumenti che devono essere tutelati chiara impostazione urbanistica che le linee guida relative all estetica dei in conformità con la loro immagine ori- prevede delle piazze centrali (più o due borghi, suddivisa in linee guida ginaria. Vanno eliminate le barriere in 10 11

7 Le linee guida: Caratteristiche dell abitato Le linee guida: Caratteristiche dell abitato Linee guida Fano Adriano Ripristino del collegamento Fano Adriano - Intermesoli. Riqualificazione dell area dove sussiste l Albergo Augusto con abbattimento e creazione di un area verde attrezzata con strutture ricreative (foto 8). Riqualificazione della zona di piazza Prato attraverso la ristrutturazione del muro (foto 9). Riqualificazione della zona Moreni (sistemazione strade e vicoli, isole ecologiche, sistemazione edifici abbandonati, ecc.) (foto 10). Riqualificazione della zona della cannalecchia (muro, via e fontana) (foto 11). Rimozione dell antenna locata vicino alla Ex scuola; il suo nuovo posizionamento potrebbe essere la zona del cimitero. Qualora non fosse possibile delocalizzarla si potrebbe intervenire con opere di mimetizzazione (integrazione estetica con il centro storico) (foto 12). ESTETICA per le nuove costruzioni nel borgo antico All interno del borgo, per nuove costruzioni si intende la ristrutturazione di edifici già esistenti o la costruzione di edifici su strutture abbattute. linee guida comuni a entrambi i borghi Facciate In fase di restauro, le facciate del centro storico devono essere conservate il più possibile simili a come sono oggi: dove c è l intonaco, conservare l intonaco (foto 22); dove c è la pietra a vista, conservare la pietra a vista (foto 23). La finitura a Bucciato, andrebbe progressivamente eliminata riportando gli edi- malte a base di calce idraulica e sabbia locale che, peraltro, hanno un colore perfettamente idoneo. Come tipologia di finiture per le facciate a pietra vista dovrebbe essere consentita solo la finitura che prevede la massima ripulitura della pietra riducendo l estensione delle fughe. Dove c è ancora l intonaco, mantenerlo privilegiando i colori tenui e comunque con tonalità simili ai colori già esistenti della malta antica e della pietra evitando le tonalità troppo eccentriche (foto 25). Vanno progressivamente sostituiti gli intonaci. All interno dei centri storici i colori esistenti erano solo quelli sabbia calcarea o pietra. I colori non devono essere tutti uguali per non avere un borgo completamente appiattito. E quindi opportuno, anche al di fuori dei centri storici, indicare una gamma di colori tenui, vicini a quelli antichi evitando quelli stridenti con il contesto. Linee guida Cerqueto Eliminazione progressiva delle tettoie in eternit, di tettoie in plastica, di infissi in alluminio (foto 13). Sostituzione delle vecchie staccionate in legno (foto 14). Valorizzazione e miglioramento (in molti casi ristrutturazione) di alcuni edifici che rappresentano un valore simbolico per Cerqueto: casa di Olimpia (casa in Rione Piano con gafio, foto 15), casa di Bruno, casa parrocchiale (foto 16). Il Comune potrebbe chiederne la proprietà e ristrutturarli attraverso fondi europei). Sistemazione dell ingresso, delle strade, delle vie e delle piazze del paese (foto 17). Sostituzione delle balaustre non a norma ed antiestetiche, installate negli anni sessanta e settanta (per esempio con muretti in pietra) (foto 18). Facilitare la circolazione nel Rione Castello a mezzi con ruote (carrozzine, carriole per l edilizia) eliminando le scale o realizzando opportuni scivoli laterali (foto 19). Riqualificazione fontana vecchia (foto 20) manutenedo il verde che c è intorno, sostituendo la vasca di raccolta con una più grande per evitare la continua fuoriuscita di acqua, piantumazione alberi per creare dell ombra (ovviamente autoctoni), illuminazione, sostituzione tettoia esistente con una in legno di quercia e copertura in coppi, posizionamento animali in ferro battuto, mascheramento del muro di cemento con vegetazione rampicante (autoctona). Ringhiere e cancelli Le ringhiere dovrebbero essere semplici e lineari in modo da fare vedere l interno, senza essere appesantite da molte decorazioni (foto 21a/21b). L intelaiatura deve essere fine e rettilinea. I cancelli più caratteristici sono quelli in legno e ferro. Portoni Nel caso vi siano portoni antichi, bisogna restaurarli e conservarli. Se ciò non è fattibile i portoni esterni devono essere comunque rifatti di legno ispirandosi ai modelli tradizionali. Grate di ferro e porte di vetro sono ammissibili su porte che non danno sulla strada pubblica. Valorizzare e tutelare i portali in pietra. Finestre Evitare gli infissi d alluminio (foto 26) o in PVC nel centro storico: i serramenti che erano in legno dovrebbero essere mantenuti tali. Gli infissi d alluminio e PVC che imitano il legno, sarebbe meglio evitarli nel centro storico, eventualmente possono essere utilizzati fuori dal centro storico. Le persiane tradizionalmente non era- fici alla loro origine (foto 24). Come legante per le fughe fra le pietre non deve essere usato il cemento che tende a disgregare le malte antiche sottostanti ma devono essere usate 12 13

8 Le linee guida: Caratteristiche dell abitato Le linee guida: Caratteristiche dell abitato no presenti e neppure lo sportello unico (foto 27). Le porte finestre dei balconi o le finestre più indicate sono quelle con gli scuri di legno che si aprono verso l interno (foto 28). Nel caso di finestre importanti come bifore o monofore antiche decorate, per quanto possibile bisogna evitare di far vedere l infisso (foto 29). Se vi è ancora l imbotto originario della finestra in pietra o la cornice, occorre mantenerne l aspetto ed i materiali originari. Gli imbotti di pietra delle finestre devono essere valorizzati e lasciati visibili e non intonacati (Foto 30/31). Balconi Dovrebbero essere ripresi nel centro storico i balconi tradizionali, a filo della facciata o con un davanzale di pietra leggermente sporgente (foto 32), evitando balconi di cemento armato troppo sporgenti (foto 33). Anticamente i balconi erano retti da travi di legno, col piano e la ringhiera pure in legno (chiamato gafio ); spesso erano sormontati da sporti del tetto particolarmente profondi (Foto 34). La pavimentazione dei balconi deve essere coerente per tipo, materiali e colori con i caratteri dell edificio. Tetti I tetti delle case devono essere ricoperti con tegole in cotto. Vanno definitivamente sostituite le tettoie in eternit. Recinzioni Le recinzioni tipiche sono quelle a pietre cementate con malta chiara e sono un elemento molto caratteristico da conservare e riprodurre. In generale sarebbero da evitare muri di recinzioni piastrellati o con superfici troppo lisce, in quanto estranee alle caratteristiche estetiche del borgo. Giardini Nella scelta del verde pubblico e privato sarebbero da privilegiare alcune specie di piante e fiori che si sposano bene con l ambiente del borgo e lo valorizzano. Gli spazi pubblici dovrebbero essere valorizzati con alberi tipici della zona come per esempio aceri e querce. Le potature degli alberi dovrebbero essere conservative e non distruttive, vale a dire che non si devono tagliare completamente i rami dell albero ma solo contenerne l espansione. In particolare per gli alberi presenti nella piazza del municipio e dei viali (foto 35). Per quanto riguarda le aiuole pubbliche, se il Comune non ha mezzi per mantenerle in proprio, potrebbe promuoverne l adozione da parte dei singoli cittadini. Arredi urbani In passato l arredo urbano era limitato a pochi elementi di carattere funzionale, legati a funzioni specifiche più che a prospettive decorative. Ciononostante la progettazione dell arredo urbano, se curata ed essenziale, può contribuire al miglioramento dell ambiente del centro storico, purché sia in grado di intervenire in modo integrato ed unitario, comprendendo l insieme dei segni che modificano o caratterizzano i centri storici odierni, quali insegne, cartellonistica, ecc. In presenza di arredi urbani storici si dovrà procedere al ripristino e all integrazione degli stessi e non alla loro indiscriminata sostituzione: vanno assolutamente preservati gli stemmi sopra le porte e le decorazioni sulle cornici di pietra; vanno valorizzati e tutelati i portali in pietra. Installare nuovi cestini per rifiuti in alcune zone del paese ed eventualmente anche spegni sigarette. Migliorare l area di raccolta rifiuti urbani, con cassonetti migliori, magari creando un isola ecologica con base e muretto in pietra. È indispensabile l interramento dei cavi aerei (sia elettrici che telefonici) tesi fra le case (foto 36). I canali di gronda devono essere realizzati in rame ed avere sezione semicircolare; i pluviali devono essere a vista, di sezione circolare, realizzati con gli stessi materiali dei canali di gronda. Dovrebbe essere vietata la realizzazione di canali di gronda e pluviali a sezione diversa da quella circolare e l impiego di altri materiali quali le materie plastiche, l acciaio inox, le lamiere zincate a vista, ecc (foto 37). I riferimenti stilistici dovranno essere appropriati, evitando anacronismi quali la collocazione di arredi (corpi illuminanti, panchine e simili) di stampo classicista ottocentesco; analogamente gli eccessi linguistici di alcuni elementi di design moderno possono risultare lesivi del carattere dei due borghi. Le panchine sarebbero meglio in legno con intelaiatura in ferro; da evitare le panchine interamente metalliche. Le targhe indicanti arti, mestieri, professioni e in genere qualunque attività devono essere non autoilluminate, realizzate in materiali lapidei, legno o metallo, con esclusione delle materie plastiche, dell alluminio anodizzato e dell acciaio inox. Nel caso di presenza di più targhe queste devono essere posizionate unitariamente nel rispetto della partitura della facciata e senza alterare o nascondere contorni lapidei o altri elementi di interesse architettonico e ambientale. Pavimentazione urbana Le pavimentazioni tipiche sono quelle con selci o comunque di blocchetti di pietra calcarea appena sbozzata; in ogni caso di dimensioni piccole e non grandi. La sabbia o il cemento di connessione tra i selci sarebbe meglio di colore chiaro (foto 38). Il porfido (foto 39), che non rappresenta il materiale di rivestimento della pavimentazione dei nostri luoghi, è presente in quasi tutte le piazze e strade del paese (particolarmente nel borgo di Cerqueto). Quindi una sua completa eliminazione appare irrealizzabile. Esso andrebbe sostituito progressivamente. Comunque, si possono già utilizzare altre tipologie di rivestimento per future pavimentazioni, ad esempio selciato/ acciottolato, soprattutto per aree adiacenti a fontane, monumenti, chiese, ecc. Per le strade in pendio è importante prevedere gradoni laterali per agevolare la salita o la discesa delle persone. I gradoni dovrebbero essere di fianco al muro corredati da corrimano; possono essere centrali solo nelle strade in cui si prevede percorrenza di auto; al posto dei gradoni possono andare bene anche pietre ruvide antiscivolo. Per le scale esterne di accesso alle case, così come per le gradinate pubbliche, evitare il cemento, le mattonelle o le lastre di pietra troppo lisce e lavorate ma conservare, dove presenti, i gradini di pietra originali, recuperare quelli che eventualmente fossero stati coperti da cemento negli anni passati o costruire nuovi gradini con bordi di pietra e selci (foto 40). ESTETICA per le nuove costruzioni fuori dal borgo antico Qualora ci fosse necessità di nuove costruzioni, costruire in aree residenziali già esistenti piuttosto che andare a consumare nuovo suolo. Per la costruzione di abitazioni unifamiliari (ville) garantire compattezza e continuità fra gli edifici con elementi omogenei (muri di recinzione, alberature, giardini etc.). Preparare una tabella dei colori anche per le case al di fuori del centro storico che riprenda i colori tenui degli edifici storici (color pietra e sabbia). Porre maggiore attenzione agli spazi pubblici di collegamento tra gli edifici (marciapiedi, sedute, verde pubblico...) che non deveno essere terra di nessuno. Promuovere l inserimento nei nuovi edifici di elementi che richiamino l identità delle case storiche del paese così da evitare un contrasto troppo forte fra antico e nuovo e favorire la continuità nella storia. Alcuni esempi: facciate con balconi di tipo locale non troppo sporgenti e con semplici ringhiere tradizionali di ferro; cornici alle finestre ed alle porte; tetti di legno con coppi; comignoli tradizionali; serramenti delle finestre con doppia anta e scuri che si aprono all interno; per le recinzioni bisogna ispirarsi il più possibile alle recinzioni del centro storico

9 Le linee guida: Caratteristiche dell abitato / Energia & Rifiuti Energia & Rifiuti ricostruzione post sisma Accelerare le procedure di ricostruzione. Nel recuperare o riutilizzare gli edifici escludere come destinazione d uso gli uffici ma includere i negozi e le botteghe, la ristorazione (bar, trattorie), i piccoli laboratori artigianali. Nella ricostruzione degli edifici privati, assicurarsi che vengano rispettati i canoni estetico-architettonici tradizionali locali. ENERGIA & RIFIUTI Sia nel questionario che durante gli incontri è venuta fuori, tra i cittadini del Comune di Fano Adriano, una forte esigenza di preservare il loro territorio anche da eventuali danni ambientali, ed orientare le azioni riguardanti l energia e i rifiuti verso soluzioni volte alla sostenibilità ambientale. Attualmente non esiste nel comune un sistema di raccolta differenziata vera e propria, ma solamente la presenza di cassonetti differenzia- Non meno sensibili si sono mostrati i cittadini sull argomento energia. Anche in questo caso c è l esigenza di attivare una serie di strategie volte al risparmio energetico (sia per il pubblico che per il privato) e un attenzione verso la produzione di energie alternative (Grafico 5). Riguardo ai pannelli foto- linee guida comuni a entrambi i borghi Energia Realizzare una campagna informativa su tutte le modalità di risparmio energetico nelle case, di produzione di Inoltre, operare al fine di migliorare il rendimento energetico degli edifici pubblici. Regolamentare l efficientamento energetico per gli edifici pubblici e privati in ristrutturazione o di nuova costruzione. I fondi risparmiati dall efficientamento tenere conto dell importanza del bosco per scopi ricreativi, turistici e conservazionistici. Rifiuti Promuovere la raccolta differenziata. Avviare una campagna di informazione su come differenziare e ridurre la produzione di rifiuti. Avviare la raccolta porta a porta e prevedere punti per la raccolta differenziata dedicati ai proprietari di seconde case a Cerqueto. Realizzare una raccolta differenziata con presenza di isole ecologiche a Fano Adriano. ti per plastica, vetro e carta. La gestione del servizio è affidata in appalto ad una ditta esterna. In linea generale sono emerse esigenze simili tra i due borghi, anche se, in merito alla gestione dei rifiuti, i cittadini del borgo di Fano Adriano preferiscono un attività di raccolta differenziata con la presenza di isole ecologiche diffuse in varie parti del paese (Grafico 3). Per i cittadini di Cerqueto, invece, è molto importante iniziare una raccolta differenziata porta a porta (Grafico 4). Va comunque messo in evidenza che, per entrambi i borghi, c è la necessita di realizzare incontri specifici per la cittadinanza sulla raccolta differenziata. voltaici, (soprattutto per uso privato) la loro diffusione può essere ostacolata dalla posizione geografica dei due borghi (entrambi esposti prevalentemente a Nord). Rimane comunque l esigenza, qualora fosse una soluzione praticabile, di rendere i pannelli fotovoltaici in armonia con l architettura del centro storico. Anche su questo tema è fortissima l esigenza di incontri che da un lato possano rendere i cittadini edotti sulle tecniche di risparmio energetico, dall altro possano informali sulle possiblità di accedere a finanziamenti o riduzioni nel energie alternative e di riscaldamento più sostenibile. Creare un portale digitale o analitico di informazione alla popolazione su come risparmiare energia elettrica e sui fondi e le agevolazioni per chi realizza opere sul risparmio energetico (sostituzione infissi, coibentazione, pannelli fotovoltaici ecc.). Dotare gli edifici pubblici di strumentazione per la copertura totale o parziale del proprio fabbisogno energetico, non soltanto per finalità di tutela ambientale, ma anche in un ottica di contenimento della spesa pubblica. degli edifici pubblici potrebbero essere utilizzati per il recupero e la tutela ambientale o per fini sociali e culturali. Regolamentare il montaggio di eventuali pannelli fotovoltaici e solari termici sugli edifici promuovendo l utilizzo di quelli inseriti nella falda del tetto così da evitare problemi di impatto visivo (foto 41). L eventuale installazione di centrali di produzione energetica alternativa (impianti fotovoltaici a terra, centralina a biomassa), va regolamentata e, comunque, va discussa con la cittadinanza la tipologia di produzione alternativa di energia e il posizionamento (foto 42). Le isole ecologiche vanno posizionate in più punti del paese e integrate con l architettura del borgo (pavimentazione e muretto di recinzione in pietra). Dotare di un compostatore domestico chiunque ne faccia richiesta. campo delle energie alternative. Regolare la TARSU premiando comportamenti virtuosi nella raccolta differenziata. Realizzare il Piano di Gestione Forestale per valutare la produttività del bosco per la produzione di legname/cippato a basso costo. Tale piano deve anche 16 17

10 Area Sociale Area Sociale AREA SOCIALE Lo spopolamento dei due centri ha portato, oltre ad una crisi a livello economico, anche ad una diminuzione dei servizi sociali rispetto al passato. Questo ha portato i cittadini a manifestare l esigenza di ripristinare alcuni di tali servizi, sia per la normale vita quotidiana, sia in considerazione dell importante ruolo che tali sevizi ricoprono nel turismo. In questa sezione, quindi, sono stati inseriti gli aspetti riguardanti la vita sociale del paese, dalla creazione di un giardino pubblico alla manutenzione di strade, dal servizio dei trasporti alla riqualificazione di aree per scopi sociali. l attuazione. È indubbio che tale iniziativa porterebbe visibilità al Comune e alle attività stesse, meritevoli per la capacità di offrire un importante servizio al cittadino. Inoltre, non è da sottovalutare come l attrattiva turistica potrebbe migliorare. Creazione di un centro di aggregazione sociale con collegamento internet In entrambi i borghi è emersa l esigenza di realizzare centri di aggregazione per giovani e anziani. L obiettivo è quello di creare uno spazio polifunzionale, recuperando i vari edifici abbandonati (per esempio la casa parrocchiale e la casa di Olimpia a Cerqueto, mentre a Realizzazione di spazi verdi e giardini pubblici nelle aree degradate All interno dei due borghi (particolarmente a Cerqueto) sono numerose le aree degradate a causa della presenza di edifici o terreni abbandonati. Molti cittadini hanno espresso l esigenza di riqualificare tali aree creando giardini pubblici attrezzati con percorsi sportivi. Il pericolo di creare tali aree è quello di non essere manutenute nel tempo e quindi di renderle inutilizzabili. Per ovviare a questo, si potrebbe creare un comitato cittadino che se ne occupi. Potenziamento dei collegamenti bus da e per Teramo Linee guida Fano Adriano Ripristinare il servizio di vendita di quotidiani o consultazione (in questo caso sarebbero acquistati dal comune) realizzando un accordo con un edicolante di Montorio o Teramo che fa arrivare i quotidiani tramite corriera o pulmino scolastico. Riqualificazione del campo sportivo nella zona di Villa Moreni (foto 43). Regolamentare l uso dell acqua durante i periodi estivi. Attivazione dell ex edificio scolastico per lo scopo per il quale è stato ristrutturato (foto 44). Regolamentazione della convivenza urbana con i cani di proprietà (uso del guinzaglio, uso di sacchetti e paletta per rimuovere gli eventuali escrementi, ecc.). Possibilità di un pulmino che (anche con il pagamento di un biglietto) nel periodo estivo permette di raggiungere Prato Selva. Sistemazione definitiva della strada che da Fano Adriano porta a Intermesoli (foto 45). linee guida comuni a entrambi i borghi Creare un collegamento di rete internet wifi diffuso nel paese Realizzare punti di ricezione internet diffusi in entrambi i borghi. Il servizio può essere offerto direttamente dal Comune o il Comune potrebbe essere il capofila di un accordo tra i vari operatori turistici presenti nel territorio comunale che ne sponsorizzerebbero Fano Adriano l Albergo Augusto o l ex locale Ballatore ), che dia la possibilità alle varie categorie sociali di ritrovarsi e organizzare attività di tipo culturale e ricreativo. È molto sentita la necessità di intensificare il collegamento con i servizi pubblici tra il comune e Teramo. Qualora non fosse possibile con la regolare corriera, si potrebbe utilizzare il pulmino scolastico con pagamento del biglietto. Zona a Traffico Limitato per il centro storico e regolamentazione del parcheggio nelle piazze Linee guida Cerqueto Ristrutturazione della Chiesa S.Rocco. Completamento progetto museo etnografico consistente in: sistemazione delle aree esterne e completamento dell arredo; effettuare il trattamento antitarme e il restauro degli oggetti in legno; inoltre, devono essere presi opportuni provvedimenti per rendere il museo facilmente visitabile nel corso dell anno e favorire le visite guidate organizzate dalle scuole. Potenziamento e/o istituzione dei seguenti servizi: Punto Informativo; servizio di polizia municipale; sevizio sanitario; sportello postale (anche una volta a settimana). Recupero delle case popolari per la ricezione turistica (magari la gestione può essere data direttamente alla ProLoco) (foto 46). Si richiede che il parcheggio delle auto nelle piazze sia regolamentato soprattutto nei mesi estivi e permesso solo per carico e scarico

11 Area sviluppo economico Area sviluppo economico AREA DI SVILUPPO ECONOMICO L economia del territorio si è basata per secoli sull agricoltura, sullo sfruttamento delle risorse boschive e soprattutto sull allevamento del bestiame (principalmente ovini). Il comune di Fano Adriano è stato per secoli caratterizzato dal fenomeno della Transumanza, secondo il quale i pastori (e le loro famiglie) risiedevano nel centro montano nei mesi più caldi (da Giugno a Settembre-Ottobre), per poi tornare verso i territori dell agro romano. Questo tipo di economia ha conosciuto una forte crisi intorno agli anni 30, per poi arrestarsi completamente nel secondo dopoguerra, quando lo sviluppo economico si è concentrato lungo direttrici che trascuravano le aree montane, e le attività tradizionali non sono più state in grado di fornire un reddito sufficiente e paragonabile a quello generato dagli altri settori economici. Da qui anche il conseguente spopolamento dei centri abitati. Per quanto riguarda Fano Adriano oggi il sistema lavorativo vede prevalere il terziario con attività connesse soprattutto al turismo. Questa scelta è legata al fatto che, da un punto di vista ambientale, il borgo è privilegiato per la sua vicinanza con la catena del Gran Sasso, di estremo interesse ambientale e luogo di fruizione turistica sia invernale che estiva. Oltre alle bellezze naturalistiche è, infatti, possibile ristorarsi e praticare sport presso gli impianti sciistici di Prato Selva o fare trekking sulla fitta rete di sentieri che interessano la zona. Ma la carenza di infrastrutture e la mancanza di servizi di informazione e di promozione sono oggi un punto debole dell attività turistica di Fano Adriano. Il sistema lavorativo di Cerqueto, invece, da sempre meno legato al turismo (ad eccezione di un debole tentativo negli anni 60-70), data la sua maggiore distanza dalle mete di alta montagna, vede ancora la presenza di un attività legata alla pastorizia e, comunque, di un sistema economico in cui prevale il settore primario. Sia dagli incontri svolti che dal questionario somministrato, i cittadini del comune di Fano Adriano hanno chiaramente espresso la necessità di rivalutare i loro borghi nel mercato del turismo. Un turismo, comunque, che deve legarsi alle tradizioni storiche e culturali del territorio e che cresca in piena sintonia con le bellezze naturali che il comune è in grado di offrire, anche in considerazione del fatto che il suo territorio ricade all interno di un Parco Nazionale. In questa sezione, quindi, sono riportate le linee guida non soltanto del settore turistico tout court ma anche di quelle attività che nel tempo hanno rappresentato una fonte economica per i cittadini (le attività artigianali, l allevamento, l agricoltura). Oggi tali attività, viste purtroppo marginalmente come risorsa economica, potrebbero avere nuova vita se collegate al turismo. linee guida comuni a entrambi i borghi TURISMO Serie di azioni per promuovere turisticamente il Comune di Fano Adriano Realizzare un sito internet specificatamente dedicato alla promozione turistica per facilitare la conoscenza di due borghi. Il sito potrebbe essere gestito e finanziato da tutti i proprietari di strutture ricettive del territorio. Nel caso, lo si potrebbe realizzare in accordo con gli altri borghi vicini (Intermesoli e Pietracamela). In tale sito sarebbero riportati gli itinerari, le passeggiate, le feste della zona, oltre alle disponibilità di posti per ogni singola struttura ricettiva in un dato periodo. Per facilitare l arrivo di turisti inserire un motore di ricerca nel sito del Comune dove siano riportate tutte le disponibilità di alloggio in paese in un dato giorno. Inserire il Comune in alcuni circuiti turistici già attivi come ad esempio: i pellegrinaggi delle chiese e degli eremi, i percorsi della transumanza, ecc. Per fare ciò può essere utile la redazione di semplici brochure con l offerta di pacchetti turistici che comprendano più località ma includano anche le attrazioni turistiche del comune. Proporre un gemellaggio tra il Comune di Fano Adriano e un Comune della costa abruzzese (Giulianova, Roseto, Vasto, ecc.). Realizzare materiali informativi sul paese e le sue bellezze architettoniche e naturalistiche, carte dei sentieri, pannelli con mappe (anche dentro il paese), segnaletica lungo i sentieri. Realizzazione di un video promozionale su Fano Adriano e Cerqueto. Maggiore cooperazione tra proprietari di strutture ricettive (alberghi, B&B, affittacamere) I proprietari di strutture ricettive del comune dovrebbero individuare forme di maggior coordinamento tra di loro per suddividere meglio eventuali richieste eccedenti in determinati periodi dell anno. Riqualificazione e potenziamento della rete sentieristica Va riqualificata la rete sentieristica già presente. In particolare vanno migliorati i sentieri che partono direttamente dal borgo (sia di Fano Adriano che di Cerqueto) cambiandone la segnaletica e pulendone il percorso. La manutenzione di questi sentieri può essere affidata: al Comune di Fano Adriano col suo personale; all Associazione Culturale i Grignetti con i suoi volontari; all Associazione ProLoco con i sui membri; agli operatori turistici della zona con personale retribuito tramite una raccolta fondi. Miglioramento e potenziamento della ricezione turistica La ricezione turistica potrebbe essere migliorata attraverso due azioni: creando una sorta di Albergo Diffuso mettendo in rete sia le seconde case che ristrutturando le abitazioni diroccate; favorendo una rete tra gli operatori turistici della zona (ristoratori, affittacamere, B&B, gestori di strutture, artigiani e agricoltori, ecc.). Potenziare il turismo naturalistico Il turismo naturalistico è in forte espansione. Un territorio come quello del Comune di Fano Adriano, a forte vocazione naturalistica, deve diventare una meta per questo tipo di turismo. Per poterlo fare bisogna migliorare la fruibilità dei sentieri, dei rifugi e della struttura di Prato Selva. Attivare una serie di operazioni per aumentare la vocazione turistica del paese Incentivare le attività commerciali (vendita di prodotti agroalimentari, gadget del Parco, prodotti artigianali, ecc.); aumentare i centri di aggregazione e gli spazi verdi collettivi; incentivare la presenza di un punto informativo turistico; migliorare la rete di collegamenti con altri centri urbani. Proporre un corso sul marketing turistico per gli operatori del territorio (ristoratori, B&B, affittacamere, artigiani, commercianti, ecc.) Oggi l attività promozionale di un prodotto, soprattutto se vuole ricevere consensi nel mercato, deve essere accompagnata da una adeguata conoscenza delle tecniche di marketing e non lasciata alla sola inventiva dell individuo. ATTIVITà PRODUTTIVE E ARTIGIANATO Individuare luoghi idonei a nuove attività artigianali Nel Comune di Fano Adriano esistono molti locali che potrebbero essere utilizzati per piccole botteghe artigiane. Questi locali potrebbero essere dati in locazione a prezzi agevolati a coloro che intendono aprire una nuova attività artigianale (esempio: laboratorio e vendita della lana e dei manufatti di lana). Realizzare percorsi formativi Il Comune potrebbe attivare corsi per trasmettere le tecniche lavorative nei settori dell artigianato e dell agricoltura. Anche in questo caso va affiancata una formazione sulle tecniche di marketing. AGRICOLTURA, ALLEVAMENTO, FORESTE Collegare l agricoltura / l allevamento al turismo Creare pacchetti di offerte turistiche che prevedano visite guidate, brevi stage formativi o percorsi di educazione ambientale all interno di aziende agricole. Per realizzare un progetto di que

12 Area sviluppo economico Conclusioni sto tipo, però, è necessario un coordinamento tra le imprese della ricettività, CONCLUSIONI La maggior parte dei residenti sia durante gli incontri sia rispondendo al della ristorazione e del commercio. Agricoltore custode del paesaggio Gli agricoltori potrebbero divenire dei custodi del paesaggio e lavorare nella manutenzione del territorio e dei sentieri. Ciò sarà possibile se si renderanno disponibili fondi nel Piano di Sviluppo Rurale finanziato dall Unione Europea. Realizzazione di un mercato domenicale (settimanale, quindicinale o mensile) Il mercato potrebbe essere una buona opportunità per la vendita dei prodotti locali, per il commercio e per il turismo. Queste linee guida riflettono le opinioni dei cittadini del Comune di Fano Adriano e cercano di fornire indicazioni nella progettazione di nuovi edifici, nella ristrutturazione di edifici esistenti e nello sviluppo economico, con lo scopo di tutelare e valorizzare il carattere unico dei due borghi. Come evidenziato dal grafico 6, infatti, il 71% dei cittadini tra coloro che hanno partecipato all attività di ricerca rispondendo al questionario ritiene che sarebbe utile per le imprese e i tecnici che lavoreranno nelle ristrutturazioni del paese disporre di una serie di linee guida estetico-architettonico, frutto delle riflessioni della popolazione locale. questionario ha evidenziato che le caratteristiche che rendono i due borghi unici sono l architettura e il territorio (sia naturalistico che agricolo e forestale ved. tabella). Il carattere del territorio, dunque, è auto percepito attraverso tali caratteristiche ed è opinione condivisa che ogni sforzo deve essere fatto per proteggerle. Oltre la metà delle persone che ha risposto al questio- A ciò si accompagna la necessità di un miglioramento della qualità delle infrastrutture presenti e dei servizi offerti, sia pubblici che privati (Grafici 8 e 9). Per quanto riguarda lo sviluppo economico, i risultati dei questionari evidenziano come l interesse maggiore sia Linee guida Fano Adriano - Turismo Realizzazione di un area camper (meglio se solo area sosta) nella zona del vecchio albergo Augusto o in zona Patella o nella zona Moreni (foto 47). Potenziare il turismo invernale, ottimizzando la struttura già presente in Prato Selva (foto 48). Valorizzazione storica, artistica e culturale dell Eremo dell Annunziata (potrebbe essere scelta come scenario per numerosi eventi teatro, poesia, musica, ecc.) (foto 49). Fano Adriano e Cerqueto sono due borghi che, come tutti i borghi di montagna, si caratterizzano per la tranquillità e il senso di comunità. Chiunque entra in contatto con questo territorio ne rimane rapito. È un luogo in cui la gente vorrebbe vivere, se ne avesse la possibilità. nario di indagine, inoltre, ha segnalato che per il futuro si dovrebbe circoscrivere lo sviluppo edilizio al recupero delle aree già edificate e al restauro del patrimonio immobiliare esistente, limitando al massimo un ulteriore consumo di suolo (Grafico 7). orientato verso le potenzialità turistiche, viste da molti come la più importante risorsa individuabile nel territorio (Grafico 10). Le prospettive di questo sviluppo devono passare attraverso la riqualificazione della stazione turistica di Prato Selva, ma soprattutto attraverso il miglioramento della fruibilità dei luoghi e la promozione delle bellezze paesaggistiche e storico culturali (Grafico 11). Qualsiasi strategia per il futuro delle comunità di Fano Adriano e Cerqueto, dunque, dovrebbe partire da quanto emerso dalla riflessione comune e poi Linee guida Cerqueto - Turismo confluito nelle presenti linee guida. Realizzazione di un area camper (meglio se solo area sosta) nella zona del campo sportivo. Completamento del progetto del Museo Etnografico consistente in: sistemazione delle aree esterne e completamento dell arredo; trattamento antitarme e restauro degli oggetti in legno; inoltre, devono essere presi opportuni provvedimenti per rendere il museo facilmente visitabile nel corso dell anno e favorire le visite guidate organizzate dalle scuole (foto 50). Invogliare i turisti che vengono durante l evento del Presepe vivente a soggiornare nel borgo (mettere in rete le seconde case, aumentare l ospitalità ricettiva, incrementare gli eventi) (foto 51). Linee guida Cerqueto - Attività Produttive e Artigianato Incentivare l insediamento di centri per l equitazione

13

14

15 IL WWF Nato nel 1961, con sede in Svizzera, il WWF (World Wide Fund for Nature) è la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della natura. Conta 24 organizzazioni nazionali e 5 affiliate, 222 uffici di programma in 96 paesi e più di 5 milioni di sostenitori in tutto il mondo che ogni anno finanziano oltre progetti concreti per la tutela della biodiversità e per creare un mondo dove l uomo possa vivere in armonia con la natura. In Italia il WWF è arrivato nel 1966 e si è strutturato con uno staff centrale a Roma e 19 sezioni regionali. L associazione è fortemente presente sul territorio grazie a più di 300 strutture territoriali, oasi naturalistiche, centri di educazione all ambiente e nuclei di vigilanza ambientale dove operano eco-volontari che agiscono con una incessante azione di denuncia, vigilanza e sensibilizzazione verso i cittadini. In provincia di Teramo è presente una Associazione locale, oltre all Oasi dei Calanchi di Atri, il Centro di Documentazione Ambientale di Teramo ed il Centro di Educazione Ambientale Monti della Laga a Cortino. WWF TERAMO Via De Vincentiis Teramo Casella postale n Teramo centro Tel/fax: Coordinamento del progetto: WWF Teramo - Dante Caserta, Pino Furia, Fausta Filippelli. Ideazione e coordinamento operativo del progetto: Centro di Educazione al Paesaggio Torre dei Cornone Alessio di Giulio - Cantone delle Terra 22, Fontecchio Ringraziamenti: Il Rural Community Council dell Essex (RCCE) con Michelle Gardiner e Sarah Sapsford che ci hanno aiutato per il viaggio di studio UK ed i gruppi VDS dei paesi di Cignal, Writtle,White Colne, Wickham Bishops e Great Bardfield. Gruppo di lavoro del progetto a Fano Adriano e Cerqueto: Pasqua Rosa Vanessa Ponziani, con la collaborazione di Claudia Moriconi e Domenico Cerasoli. Ringraziamenti: Giunti alla fine di questa esperienza ci si è resi conto di quanto fondamentali siano stati tutti coloro che, a vario titolo, hanno collaborato a questo Progetto. Si ringrazia l Amministrazione Comunale del Comune di Fano Adriano, il Sindaco Adolfo Moriconi e tutti i suoi collaboratori, per il sostegno e la fiducia mostrati nei confronti della nostra iniziativa. Si ringraziano tutti i membri dell Associazione Culturale I Grignetti di Fano Adriano e della ProLoco di Cerqueto per la fondamentale e preziosa collaborazione. Si ringrazia il gruppo di lavoro, fatto di cittadini innamorati del proprio paese, per l entusiasmo e la partecipazione dimostrati, sperando di non dimenticare nessuno in questa carrellata di nomi: Carlo Di Bonaventura, Domenico Di Marco, Giuseppe Mastrodascio, Antonio D Agostino, Regina Franciosi, Giorgia Soccorsi, Claudia Moriconi, Rossella Riccioni, Rosa Cuccagna, Angelo Mastrodascio, Bruno Riccioni, Antonella Di Marco, Daniele Di Carlo, Marco Pisciaroli, Pierluigi Valente e Giuseppe De Arcangelis. Infine, si ringrazia chi è stato il vero protagonista di questo Progetto, ovvero la popolazione dei due borghi, senza la quale nulla sarebbe stato possibile. Grazie per l accoglienza dimostrata, per il supporto e la collaborazione, nella speranza che il risultato di questo nostro lavoro insieme porti al più presto i propri frutti per lo sviluppo futuro di Fano Adriano e Cerqueto. Associazione Culturale di Fano Adriano ProLoco Cerqueto Scarica dal Tuo Smartphone le LINEE GUIDA dei Paesi di BORGHI ATTIVI in formato PDF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli