Indagini finanziarie: l ambito applicativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagini finanziarie: l ambito applicativo"

Transcript

1 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N Indagini finanziarie: l ambito applicativo Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Indagini finanziarie In tema di accertamento da indagini finanziarie una delle questioni più dibattute è quella del valore presuntivo dei prelevamenti effettuati sui conti correnti e della necessità del contraddittorio. È noto che il Legislatore ha previsto che tali prelevamenti si presumono ricavi o compensi, a meno che la parte contribuente non fornisca adeguata giustificazione dell'utilizzo di tali somme. Il potenziamento dei controlli basati sulle verifiche finanziarie ha, quindi, come effetto un incremento del contenzioso per quanto l'applicazione delle presunzioni e la valenza del contraddittorio. Su tale materia è intervenuta anche la Cassazione che con la Sentenza , n ha ampliato l'ambito di applicabilità della presunzione di cui all'art. 32, D.P.R. 600/1973 a una platea più vasta di contribuenti. Accertamento bancario L esame dei conti correnti bancari del contribuente consente all Amministrazione Finanziaria di reperire informazioni utili alla stesura dell'avviso di rettifica. L utilizzo degli accertamenti bancari in ambito tributario, da strumento occasionale di indagine, sta assumendo i connotati di una consueta prassi investigativa. I dati e gli elementi rinvenuti dal Fisco in sede di accertamento bancario possono essere utilizzati ai fini della rettifica della base imponibile dichiarata dal contribuente se questi non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione della base imponibile stessa o che non hanno rilevanza allo stesso fine. Le norme che regolano le indagini finanziarie sono, precisamente: art. 32, co. 1, nn. 2) e 7), D.P.R. 600/1973 (in materia di imposte dirette); art. 51, co. 2, nn. 2) e 7), D.P.R. 633/1972 (in materia di Iva). 1

2 Gli artt. 32 e 51 sopra citati prevedono ampi poteri istruttori esercitabili dall'amministrazione Finanziaria la quale può richiedere agli intermediari bancari e finanziari dati e notizie relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata, ivi compresi i servizi prestati, con i loro clienti. Avvio delle indagini L'indagine finanziaria può essere attivata su richiesta: dell'agenzia delle Entrate; della Guardia di Finanza; della Commissione tributaria. L'art. 7 del D.Lgs. n. 546 del 1992 riconosce al giudice tributario i poteri ciascuna imposta, ma la richiesta di indagini può essere tesa unicamente all integrazione delle carenze probatorie delle parti e non anche alla ricerca di materia imponibile. Richiesta di dati L'art. 32, co. 1, D.P.R. 600/1973, rubricato "Poteri degli uffici" prevede espressamente che: I dati ed elementi attinenti ai rapporti ed alle operazioni acquisiti e rilevati rispettivamente a norma del numero 7) e dell'articolo 33, secondo e terzo comma, o acquisiti ai sensi dell'articolo 18, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, ossia i dati relativi a rapporti e operazioni finanziarie, sono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti dagli artt. 38, 39, 40 e 41 se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito soggetto ad imposta o che non hanno rilevanza allo stesso fine; alle stesse condizioni sono altresì posti come ricavi o compensi a base delle stesse rettifiche ed accertamenti, se il contribuente non ne indica il soggetto beneficiario e sempreché non risultino dalle scritture contabili, i prelevamenti o gli importi riscossi nell'ambito dei predetti rapporti od operazioni. In modo speculare, ai fini Iva, l'art. 51, co. 2, D.P.R. 633/1972 disciplina l'attribuzione ed i poteri degli uffici. 2

3 IMPOSTE DIRETTE Ai fini delle imposte dirette, l'art. 32, co. 1, n. 2), D.P.R. 600/1973 prevede che: gli accrediti effettuati sui rapporti finanziari, qualora il contribuente non dimostri di averne tenuto conto ai fini della determinazione del reddito o che le operazioni, cui gli stessi si riferiscono, non hanno rilevanza fiscale, si considerano ricavi o compensi; i prelevamenti effettuati e non risultanti dalle scritture contabili, in assenza di indicazione del beneficiario da parte del contribuente, sono considerati ricavi o compensi. IVA Ai fini Iva, l'art. 51, co. 2, n. 2), secondo periodo, D.P.R. 633/1972 non effettua, invece, alcuna distinzione fra ricavi e compensi ma, implicitamente, si riferisce a tutti i soggetti sottoposti all'imposta. Ne consegue che i versamenti effettuati devono essere considerati, in difetto di giustificazione da parte del contribuente, cessioni di beni e/o prestazioni di servizio rese "in nero", mentre i prelevamenti effettuati vanno, invece, considerati acquisti e/o utilizzi di prestazioni di servizio "in nero", sempreché il contribuente non fornisca prova di averne tenuto conto nelle dichiarazioni ovvero che non si riferiscono ad operazioni imponibili. In virtù delle medesima disposizioni di legge (comma primo, n. 7) gli Uffici possono richiedere dati, notizie e documenti ai seguenti operatori finanziari: banche; società Poste Italiane S.p.A. (per le attività finanziarie e creditizie); SIM (imprese di investimento mobiliare); OICR (organismi di investimento collettivo del risparmio); SGR (società di gestione del risparmio); società fiduciarie; società ed enti di assicurazione per le attività finanziarie; altri intermediari. Secondo l Agenzia delle Entrate (circolare n. 32/E/2006), sono da includere nella categoria altri intermediari finanziari : i soggetti iscritti nell'elenco generale di cui all'art. 106, comma 1, del TUB (per effetto del D.Lgs. 141/2010, è ora previsto l'albo unico degli intermediari finanziari); i soggetti che svolgono attività finanziaria non nei confronti del pubblico; i soggetti che rilasciano garanzie a favore di Istituti di credito nell'interesse degli appartenenti ai soggetti stessi (ossia le c.d. cooperative di garanzia collettiva fidi, esercenti in via esclusiva la 3

4 predetta attività, iscritte, a seguito del D.Lgs. 141/2010, nell'elenco di cui all'art. 112 TUB); i soggetti che esercitano l'attività di cambia-valute; gli operatori professionali in oro, di cui agli artt. 1 e 2 della L. 7/2000; gli istituti di moneta elettronica (IMEL), di cui all'art. 114-bis del TUB, come disciplinati dalla circ. Banca d'italia 26 marzo 2004 n Oggetto di indagine La legge autorizza gli Uffici finanziari a richiedere dati, notizie e documenti concernenti qualsiasi rapporto intrattenuto e operazione effettuata dai clienti, ivi compresi i servizi prestati e le garanzie prestate da terzi. In pratica, gli organi di verifica possono acquisire: tutte le informazioni relative a flussi finanziari, disponibilità di qualsiasi genere, titoli e valori riconducibili ai contribuenti monitorati (circ. GdF n. 1/ Parte V, cap. 1). Ambito delle indagini (GdF - Circ. n. 1/2008) operazioni di natura finanziaria (transazioni caratterizzate da movimenti di denaro); operazioni relative a mezzi di pagamento (incassi, pagamenti, trasferimenti in denaro contante, assegni, vaglia, bonifici e gestione di carte di credito); operazioni relative a servizi accessori (locazione di cassette di sicurezza, consulenza in materia di strategia d'impresa e di emissione e collocamento di strumenti finanziari, domiciliazione di bollette e di utenze, intermediazione di cambi, concessione di finanziamenti agli investitori per consentire loro di eseguire un'operazione inerente gli strumenti finanziari); operazioni extra - conto (per esempio, richiesta di assegni circolari e in valuta estera, cambio di assegni, acquisto o vendita di valuta estera, di titoli e di certificati di deposito, consegna di effetti al dopo incasso, i pagamenti per cassa, richiesta di vaglia e buoni postali). 1 gennaio 2012 Dal 1 gennaio 2012, tutti gli intermediari finanziari sono obbligati a comunicare all'anagrafe Tributaria le movimentazioni che hanno interessato i rapporti di cui all'art. 7, comma sesto, del D.P.R. n. 605 del 1973 oltre che ogni informazione relativa ai predetti rapporti necessaria ai fini dei controlli fiscali. Di conseguenza, gli operatori finanziari sono attualmente tenuti alla comunicazione periodica: delle movimentazioni che hanno interessato i rapporti di natura finanziaria effettuati dai contribuenti per conto proprio ovvero per conto o per nome di terzi; 4

5 di ogni informazione relativa ai predetti rapporti necessari ai fini dei controlli fiscali; dell importo delle operazioni finanziarie sopra esposte. I dati raccolti non possono essere utilizzati in maniera indiscriminata dall Agenzia delle Entrate, che deve sempre richiedere le preventive autorizzazioni. Ai sensi dell art. 11, comma 4, del D.L. Salva Italia : Oltre che ai fini previsti dall art. 7, undicesimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, le informazioni comunicate ai sensi dell art. 7, sesto comma, del predetto decreto e del precedente comma 2 sono utilizzate dall Agenzia delle entrate per la individuazione dei contribuenti a maggior rischio di evasione da sottoporre a controllo. L esplicito riferimento all art. 7, comma undicesimo, del D.P.R. n. 605, comporta che le comunicazioni all Anagrafe tributaria sono utilizzabili soltanto ai fini: delle richieste e delle risposte in via telematica di cui all art. 32, primo comma, n. 7, del D.P.R. n. 600/73 e succ. mod. e all art. 51, secondo comma, n. 7, del D.P.R. n. 633/72 e successive modificazioni. Queste disposizioni prevedono tassativamente la preventiva autorizzazione del direttore centrale dell accertamento dell Agenzia delle Entrate o del direttore regionale della stessa oppure, per il corpo della Guardia di Finanza, del comandante regionale; fuori dalle suddette ipotesi, le relative comunicazioni possono essere utilizzate dall Agenzia solo per la individuazione dei contribuenti a maggior rischio di evasione da sottoporre a successivo controllo fiscale. L accertamento basato sulle indagini finanziarie Nel corso del procedimento di accertamento l'amministrazione Finanziaria può invitare i contribuenti a fornire dati e notizie rilevanti, anche con riferimento agli elementi informativi acquisiti attraverso le indagini bancarie e finanziarie. A tal proposito: la documentazione bancaria (ottenuta dai verificatori secondo la procedura di cui all'art. 32, co. 1, n. 7), D.P.R. 600/1973 e art. 51, co. 2, n. 7), D.P.R. 633/1972) viene analizzata dagli stessi per riscontrare direttamente le movimentazioni attive (accreditamenti) e passive (prelevamenti); può accadere che i verificatori siano in grado di fornire immediata rilevanza alle stesse movimentazioni in quanto, ad esempio, non coerenti con la contabilità del soggetto sottoposto ad ispezione o perché, con riguardo alle persone fisiche, non risultino compatibili con la loro complessiva capacità contributiva; 5

6 se, invece, a tali movimentazioni gli organi di controllo non sono in grado di fornire immediata rilevanza ed attinenza ai fini dell'accertamento, gli stessi possono interpellare preventivamente il contribuente. I dati acquisiti nel corso delle indagini bancarie e finanziarie possono essere utilizzati dai verificatori per rettificare il reddito dichiarato dal contribuente, considerando come ricavi tutti gli accreditamenti non risultanti dalle scritture contabili, qualora il soggetto verificato non dimostri che ne ha tenuto conto in sede di dichiarazione del reddito ovvero che non hanno rilevanza a tal fine. Di contro, è opportuno ricordare che per le imprese anche gli importi relativi ai prelevamenti sono considerati ricavi qualora il contribuente non sia in grado di indicare il soggetto beneficiario di tali importi in modo da consentire l'effettuazione dei riscontri del caso. Presunzioni derivanti da accertamenti bancari In merito alla tipologia di presunzioni derivanti dagli accertamenti bancari la Corte di Cassazione con la Sentenza , n ha affermato che: le presunzioni legali di cui all'art. 32, D.P.R. 600/1973 inerenti alle movimentazioni bancarie che non trovano riscontro nelle scritture contabili hanno portata generale e non possono ritenersi circoscritte ai possessori di reddito d'impresa e di lavoro autonomo. La Suprema Corte, infatti, ha ritenuto che le presunzioni in esame hanno valenza generale e che a diverse conclusioni non si può pervenire nemmeno sulla base della circostanza che l'art. 32, D.P.R. 600/1973 contiene un espresso riferimento ai "ricavi" e alle scritture contabili. In particolare: prelevamenti per i prelevamenti, la presunzione di maggior reddito può operare solo per possessori di reddito d'impresa o di lavoro autonomo, "non potendosi certamente in via generale e per qualsiasi contribuente presumere la produzione di un reddito da una spesa, e potendo viceversa una simile presunzione trovare giustificazione per imprenditori o lavoratori autonomi, per i quali le spese non giustificate possono infatti ragionevolmente ritenersi costitutive di investimenti". A sostegno di questa tesi, la Suprema Corte ha evidenziato che la circostanza che il citato art. 32 faccia riferimento, con riguardo ai prelevamenti, ai "ricavi" e alle scritture contabili deve ritenersi limitativo unicamente della possibilità per l'ufficio di desumere "reddito" dai prelevamenti, non potendosi certamente in via generale 6

7 e per qualsiasi contribuente presumere la produzione di un reddito da una spesa e potendo, viceversa, una simile presunzione trovare giustificazione per imprenditori o lavoratori autonomi per i quali le spese non giustificate possono, infatti, ragionevolmente ritenersi costitutive di investimenti. Versamenti quanto sopra esposto non impedisce all'ufficio "di desumere per qualsiasi contribuente che i versamenti operati sui propri conti correnti, e privi di giustificazione, costituiscano reddito, dovendosi ritenere tale attività accertativa pienamente consentita dalla norma in esame e assolutamente ragionevole". Questa limitazione non impedisce, pertanto, che i versamenti operati sui conti bancari di un privato, e privi di giustificazione, costituiscano reddito. In sintesi, se i versamenti possono essere usati dal Fisco come base dell'accertamento sintetico per qualunque contribuente, lo stesso non può dirsi per i prelievi i quali possono essere utilizzati come base per gli accertamenti di maggior reddito dei soli imprenditori. Contraddittorio La Suprema Corte, nella citata sentenza inoltre, fa una ulteriore precisazione: il contraddittorio tra l'ufficio e il contribuente non è obbligatorio, ma "costituisce oggetto di una facoltà per il primo, e non di un diritto per il secondo. L'orientamento della Cassazione, che ha suscitato critiche in dottrina e nella giurisprudenza di merito, genera notevoli perplessità anche alla luce delle sentenze delle sezioni unite numero 26635, 26636, e del 2009 concernenti la procedura di accertamento sulla base degli studi di settore, nelle quali è stata affermata l'indefettibilità del contraddittorio, in ossequio al principio del giusto procedimento amministrativo. Tale affermazione appare di portata generale, anche al di fuori degli accertamenti "standardizzati". Peraltro l'agenzia delle Entrate ha correttamente evidenziato, nella detta circolare, che il contraddittorio rappresenta «un passaggio opportuno per provocare la partecipazione del contribuente, finalizzato a consentire un esercizio anticipato del suo diritto di difesa, potendo lo stesso fornire già in sede precontenziosa la prova contraria e rispondente a esigenze di economicità processuale». - Riproduzione riservata - 7

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta:

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta: Milano, 13 ottobre 2011 CIRCOLARE CLIENTI N. 14/2011 LA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE MODIFICATA DAL D. L. N. 98/2011 E DALLA L. N. 148/2011 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 138/2011 - C.D. MANOVRA DI

Dettagli

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Informativa per la clientela di studio N. 83 del 13.07.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

Indagini finanziarie senza limiti

Indagini finanziarie senza limiti Indagini finanziarie senza limiti Estendibili anche ai privati non titolari di partita IVA I dati e le notizie dei conti correnti bancari intestati al contribuente in proprio possono essere legittimante

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI L UTILIZZAZIONE DELLE INDAGINI FINANZIARIE NELL ACCERTAMENTO TRIBUTARIO prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta

Dettagli

Circolare N. 10/2007 LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI - DISPOSIZIONI IN VIGORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI

Circolare N. 10/2007 LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI - DISPOSIZIONI IN VIGORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco!

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! DE PROFUNDIS C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! C era una volta il segreto bancario Periodo 1974-1982 Art. 34 del D.P.R. 600/73 Ufficio imposte dirette poteva chiedere

Dettagli

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Rapporti bancari Dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Rapporti bancari: dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Gentile

Dettagli

CIRCOLARE A.F. Conto corrente sotto la lente del fisco. N. 07 del 19 gennaio 2012. Ai gentili clienti Loro sedi. Premessa

CIRCOLARE A.F. Conto corrente sotto la lente del fisco. N. 07 del 19 gennaio 2012. Ai gentili clienti Loro sedi. Premessa CIRCOLARE A.F. N. 07 del 19 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Conto corrente sotto la lente del fisco Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la manovra salva Italia ha previsto

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Circolare N.157 del 9 Novembre 2012 Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Conto corrente sotto la lente del fisco

Conto corrente sotto la lente del fisco COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro - Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it

Dettagli

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Come Come operano le le presunzioni previste dall art. dall art. 32 32 del del dpr dpr 600 600 e dall art. dall art. 51 51 del del dpr dpr 633? 633?

Dettagli

I Pareri della Fondazione Studi

I Pareri della Fondazione Studi ANNO 2014 NUMERO 4 I Pareri della Fondazione Studi n.4 del 13.10.2014 ACCERTAMENTI BANCARI: I PRELIEVI NON SONO MAGGIOR REDDITO La Consulta mette un freno alle presunzioni di maggior reddito sui prelevamenti

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE. 11 febbraio 2010 Milano/Sala Convegni Scuola di Alta Formazione

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE. 11 febbraio 2010 Milano/Sala Convegni Scuola di Alta Formazione S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LE INDAGINI FINANZIARIE Cap. Fabrizio Buonadonna Capo Sezione Operazioni Nucleo di Polizia Tributaria Milano Guardia di Finanza 11 febbraio 2010 Milano/Sala Convegni Scuola

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO COMUNICAZIONI DEGLI OPERATORI FINANZIARI ALL'ANAGRAFE TRIBUTARIA SUI RAPPORTI INTRATTENUTI CON I CLIENTI PROVVEDIMENTO ATTUATIVO RIFERIMENTI NORMATIVI CLASSIFICAZIONE DT ACCERTAMENTO COLLEGAMENTI

Dettagli

Le nuove indagini da risultanze bancarie o finanziarie

Le nuove indagini da risultanze bancarie o finanziarie L Iva n.12/2006 IN PRATICA Accertamento Le nuove indagini da risultanze bancarie o finanziarie di Saverio Cinieri La novità Soggetti obbligati Contribuenti che intrattengono rapporti o effettuano operazioni

Dettagli

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi di Giuseppe Marino, avvocato tributarista in Roma 1. Premessa.

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Informativa n. 3/2014

Informativa n. 3/2014 Informativa n. 3/2014 Sommario Premessa 2 Sospesa la ritenuta del 20% sui redditi esteri 2 Studi di settore ridotti se la professione è part-time 2 Al via il nuovo reclamo 3 San Marino esce dalla Black

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI

LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI 3 modulo LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI a cura del Dott. Giovanni Barbato I NUOVI ACCERTAMENTI BANCARI ALLA LUCE DELLA FINANZIARIA 2005 Il riferimento normativo (legge 311/2004)

Dettagli

Il monitoraggio fiscale

Il monitoraggio fiscale Forum Banche e P.A. 2015 Il monitoraggio fiscale Roma, 23 novembre 2015 1 L art. 9 della legge 6 agosto 2013, n. 97 («legge europea 2013») ha profondamente modificato il sistema del cd. monitoraggio fiscale

Dettagli

Circolare N.135 del 11 Settembre 2013

Circolare N.135 del 11 Settembre 2013 Circolare N.135 del 11 Settembre 2013 Anagrafe dei conti correnti. Si parte del prossimo 31 ottobre 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, a breve, entrerà in vigore il Sistema

Dettagli

Contrasto evasione fiscale: le comunicazioni dei rapporti finanziari all'anagrafe tributaria

Contrasto evasione fiscale: le comunicazioni dei rapporti finanziari all'anagrafe tributaria Stampa Contrasto evasione fiscale: le comunicazioni dei rapporti finanziari all'anagrafe tributaria admin in Le comunicazioni dei rapporti finanziari all anagrafe tributaria saranno utilizzate anche per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006

LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006 LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006 1 PREMESSA Le disposizioni che disciplinano la possibilità, per l Agenzia delle Entrate e per la Guardia di Finanza, di procedere

Dettagli

Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013

Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013 CIRCOLARE A.F. N. 135 del 11 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014. Avv. Prof. Stefano Loconte

FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014. Avv. Prof. Stefano Loconte INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014 Avv. Prof. Stefano Loconte ACCERTAMENTO BANCARIO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI PRESUPPOSTI: Art. 32 D.P.R. 600/73 comma 1 I dati,

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

Febbraio 2013. Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria

Febbraio 2013. Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria Febbraio 2013 Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Antonio Caramia, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 2 2 A g o s t o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 2 2 A g o s t o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 2 2 A g o s t o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 27/2013 Oggetto COMUNICAZIONE INTEGRATIVA ANNUALE ALL ARCHIVIO DEI RAPPORTI FINANZIARI. APPROFONDIMENTO SUL CASO DEI CONTI

Dettagli

I NUOVI ACCERTAMENTI DOPO LA FINANZIARIA

I NUOVI ACCERTAMENTI DOPO LA FINANZIARIA QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti di oggi Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Il bilancio di esercizio e le novità Secondo delle livello riforme

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 20 4 AGOSTO 2011 L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti

Dettagli

OGGETTO: Fisco: i dati bancari spiati

OGGETTO: Fisco: i dati bancari spiati Roma, 31.12.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Fisco: i dati bancari spiati Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla che la Legge di Stabilità 2015, andando

Dettagli

RISOLUZIONE N. 160/E

RISOLUZIONE N. 160/E RISOLUZIONE N. 160/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 Oggetto: Interpello Art.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Riscossione dei compensi dovuti per attività di lavoro autonomo

Dettagli

Difesa dagli accertamenti bancari

Difesa dagli accertamenti bancari 1520 APPROFONDIMENTO Difesa dagli accertamenti bancari di Emanuele Rossi (*) Fra le varie tipologie d accertamento, quella fondata sulle indagini finanziarie risulta una delle più insidiose. Sia con riferimento

Dettagli

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Pagina 1 di 8 Numero : -------------2012 Gruppo : STUDI DI SETTORE Oggetto : GLI STUDI DI SETTORE DOPO LA MANOVRA MONTI Norme e prassi : ART.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 17 del 9 maggio 2013 Comunicazioni degli operatori finanziari all Anagrafe tributaria sui rapporti intrattenuti con i clienti - Provvedimento attuativo INDICE

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni STUDIO BROELTDDDDDDDDDDDDDDD STUDIO BORLETTO Dott. Alfio Via Santa Maria 23 10060 SCALENGHE (TO) Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni 1 PREMESSA L

Dettagli

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI 3 C:\Users\Administrator\Desk... CIRCOLARE n. 11/2010 Spett.li Clienti Loro SEDI Pesaro, 07 settembre 2010 1. Ultime novità fiscali; 2. Ripristinato il limite di Euro 5.000 per i trasferimenti in contante

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Revisione contabile E in corso di emanazione un

Dettagli

LE NUOVE DISPOSIZIONI PER I LAVORATORI AUTONOMI

LE NUOVE DISPOSIZIONI PER I LAVORATORI AUTONOMI Via G.Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.studiomorelli.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott. Vincenzo

Dettagli

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE DECRETO BERSANI E LIBERE PROFESSIONI ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE Il decreto legge n. 223 del 04 luglio 2006 (in G.U. n. 153 del 04/07/2006) ha determinato la giusta reazione

Dettagli

NORMATIVA ANAGRAFE dei RAPPORTI

NORMATIVA ANAGRAFE dei RAPPORTI NORMATIVA ANAGRAFE dei RAPPORTI ANAGRAFE dei RAPPORTI SOGGETTI OBBLIGATI 1/2 1. Banche 2. Poste Italiane spa 3. Soggetti ex art. 106 TUB 4. Soggetti ex art. 107 TUB 5. Soggetti ex art. 113 TUB 6. Soggetti

Dettagli

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste Ai gentili clienti Loro sedi Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie Premessa modeste L accertamento bancario, come noto, è la procedura che permette ai verificatori di reperire dati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

RELAZIONE LAVORI 2010-2011 GRUPPO FISCALITA

RELAZIONE LAVORI 2010-2011 GRUPPO FISCALITA Responsabile Stefano Stefanoni Team: PROMOZIONE RELAZIONE LAVORI 2010-2011 GRUPPO FISCALITA Italo Calegari, Francesco Delzano, Pietro Isacchi, Luigi Moro, Angelo Ondei, Sara Pagani, Guido Pedrotti, Pietro

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L attività istruttoria tributaria. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli L attività istruttoria tributaria. I PARTE 1 Poteri

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. 2014/58231 Disposizioni di attuazione dell articolo 1 del decreto-legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n. 227, sostituito dall articolo 9, comma

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 90 25.03.2014 Il reato di omessa dichiarazione Dal 18 settembre 2011 soglia di punibilità più bassa Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati

Dettagli

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015 Anche per il 2015, gli enti sportivi ( associazioni e società sportive ) sono interessati da rilevanti novità, che vanno a regolamentare alcune situazioni e fattispecie per le quali si avvertiva da tempo

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

Roma, 11 aprile 2013 C NOTA

Roma, 11 aprile 2013 C NOTA Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 aprile 2013 C NOTA Adempimenti all Archivio dei rapporti finanziari da parte di soggetti che svolgono in Italia attività di prestazione di servizi di pagamento

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE Prefazione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Presentazione alla prima edizione CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO - APPROFONDIMENTI- Articolo 38 vecchio e nuovo a confronto Accertamenti relativi ad annualità per le quali il termine di dichiarazione non è ancora decaduto

Dettagli

Contenuti della relazione

Contenuti della relazione Contenuti della relazione 1. COSA È L INDAGINE FINANZIARIA 2. L EVOLUZIONE LEGISLATIVA DELLE INDAGINI FINANZIARIE 3. LE NOVITÀ APPORTATE DALLA FINANZIARIA 2005 4. L ANAGRAFE DEI RAPPORTI 5. UTILIZZO DELLE

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

Roma,05 novembre 2009

Roma,05 novembre 2009 RISOLUZIONE N. 274/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 procedura di reso nella vendita per corrispondenza

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2008/31934 Disposizioni integrative del provvedimento del 19 gennaio 2007 in attuazione dell art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, così come modificato

Dettagli

LETTERA INFORMATIVA N. 1 DEL 2006. 5 Gennaio 2006 INDAGINI BANCARIE: HOLDING DI PARTECIPAZIONI

LETTERA INFORMATIVA N. 1 DEL 2006. 5 Gennaio 2006 INDAGINI BANCARIE: HOLDING DI PARTECIPAZIONI LETTERA INFORMATIVA N. 1 DEL 2006 5 Gennaio 2006 INDAGINI BANCARIE: HOLDING DI PARTECIPAZIONI Questa newsletter contiene indicazioni generali la cui applicazione dipende dalle singole circostanze. La newsletter

Dettagli

Roma,28 dicembre 2007

Roma,28 dicembre 2007 CIRCOLARE N. 75/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 dicembre 2007 Oggetto: Negoziazione di quote di partecipazione in società mediante atti pubblici o scritture private autenticate Imposta

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6.

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. ABROGAZIONI 1 1. SINTESI Con la re-istituzione dell imposta sulle successioni

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

SLIDE 1 APRILE 2014 1

SLIDE 1 APRILE 2014 1 1 1 2 PRINCIPI GENERALI IL RISPETTO DI OBBLIGHI FORMALI RISPONDE ALL ESIGENZA DI TUTELA DI DUE TIPI DI INTERESSI INTERESSE COLLETTIVO PRINCIPIO DI LEGALITA Garanzia che i beneficiari delle agevolazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MACERATA SECONDA SEZIONE SENTENZA FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MACERATA SECONDA SEZIONE SENTENZA FATTO riunita con l intervento dei Signori: - CIOTTI ARMANDO Presidente - POLCI LEIDE Relatore - LANDI ALBERTO Giudice ha emesso la seguente (OMISSIS.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE

Dettagli

IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI

IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI Vicenza Palazzo delle Opere Sociali 18 novembre 2008 IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI Il valore normale dei fabbricati: la presunzione del Fisco Il quadro normativo e il riferimento ai valori OMI Emanuele

Dettagli

Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie

Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie Incontro organizzato da ALVEC Sirmione, 20 gennaio 2007 Dott. Renzo Parisotto ACCERTAMENTI BANCARI Inquadramento normativo Le

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone: Prot. n. 73782/2015 Integrazione al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 25 marzo 2013, recante disposizioni di attuazione dell articolo 11, commi 2 e 3, del decreto-legge 6 dicembre

Dettagli

LE INDAGINI FINANZIARIE

LE INDAGINI FINANZIARIE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MATERA Ente Pubblico non economico LE INDAGINI FINANZIARIE Elaborato a cura della Commissione di Studio Contenzioso Tributario dell Ordine

Dettagli

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA 1. Per la redazione dell elaborato peritale dovrà essere rispettato quanto previsto all art. 195, 3 comma c.p.c. Pertanto all udienza di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari ANNO 2012 Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari Le novità introdotte dal Decreto «Salva Italia» e dalle manovre fiscali successive Milano 16 aprile 2012 Avv. Giampaolo

Dettagli

Soggetto interessato. Intestazione documento di spesa

Soggetto interessato. Intestazione documento di spesa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 03.12.2015 Bonus ristrutturazione: detrazione fiscale delle spese Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% La detrazione fiscale delle

Dettagli

Informativa n. 4 /2013

Informativa n. 4 /2013 Informativa n. 4 /2013 Sommario Premessa Tobin tax: aggiornamento dell elenco dei Paesi per lo scambio di informazioni Deduzione Irap sul costo del lavoro: regole e chiarimenti Studi di settore 2012: correttivi

Dettagli

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 05.04.2012 Incassi superiori a 1000 euro: gli adempimenti per gli operatori Oltre alla comunicazione all AE, sono previsti altri adempimenti

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 9 febbraio 2006

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 9 febbraio 2006 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO RISOLUZIONE N. 301/E Roma, 15 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di Interpello n. 954-787/2007 - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 INPS D.lgs. 21 aprile 1993,

Dettagli

Circolare del 5 Maggio 2007 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 5 Maggio 2007 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 5 Maggio 2007 a cura dello Studio De Vito e Associati ANAGRAFE DEI CONTI Sono intervenuti in questa circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr. Davide Tersigni. 00198 Roma 20122

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Febbraio 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI L Agenzia delle Entrate pesa la sostenibilità delle liti tributarie L Agenzia delle Entrate ha impartito agli uffici

Dettagli

Deduzione spese e componenti negative di reddito per le oper...

Deduzione spese e componenti negative di reddito per le oper... Deduzione spese e componenti negative di reddito per le operazioni con Hong Kong Quale comportamento deve tenere l'imprenditore nazionale per dedurre i costi e le spese sostenute con imprese residenti/localizzate

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli