Roma - Via Don Pasquino Borghi,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma - Via Don Pasquino Borghi, 165 e-mail: rmic8b0005@istruzione.it www.icpallavicini.it"

Transcript

1 Roma - Via Don Pasquino Borghi,

2 IL TERRITORIO L Istituto Comprensivo G. Pallavicini fa parte della Rete Interscolastica del XII Municipio di Roma ScuoleInsieme, del XX Distretto Scolastico e comprende l utenza dei quartieri Mostacciano ed Eur Papillo appartenenti al XII Municipio. Il territorio in cui si trova la nostra Istituzione Scolastica è caratterizzato da un tessuto sociale in cui prevale il ceto medio e medio alto. All interno di queste categorie sono presenti percentuali significative d attività lavorative che si collocano nell area della libera professione. Negli ultimi anni sono venuti ad integrarsi, con il tessuto sociale preesistente, nuclei familiari provenienti da paesi stranieri i cui componenti svolgono attività lavorativa nel quartiere. Inoltre molti bambini provenienti da tali paesi sono entrati a far parte delle famiglie del nostro territorio e, conseguentemente, la scuola ha registrato un aumento della presenza di alunni stranieri con difficoltà linguistica. Strutture del territorio Il territorio del XII Municipio è sufficientemente coperto dal punto di vista delle Istituzioni scolastiche, anche se l ulteriore espansione del territorio residenziale sta iniziando a creare situazioni di sovraffollamento delle strutture esistenti. Sono di seguito segnalati i centri di interesse culturale e ricreativo maggiormente frequentati dagli alunni presenti nel territorio: Strutture di integrazione formativa Biblioteca Pier Paolo Pasolini Museo Pigorini Museo delle arti e tradizioni popolari Museo dell Alto Medioevo Museo della Civiltà Romana Il Planetario Istituto di Geofisica Centri e attrezzature sportive Roma XII (tutte le discipline sportive) Special Olympics Team Sport (calcio e atletica leggera) Piscina delle Rose Scuola di canoa (laghetto dell EUR) Centro sportivo Papillo Centro sportivo Tre Fontane Centro sportivo All round 2 di 86

3 Centro sportivo 09 Centro sportivo Torrino Sporting Club Centro sportivo Fitness Club Sono inoltre presenti sul territorio numerosi luoghi di culto, una multisala cinematografica, quattro auditorium e vari parchi urbani. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Il Piano dell Offerta Formativa (POF), è la carta di identità culturale e progettuale della nostra istituzione scolastica e come tale ci distingue e ci caratterizza rispetto ad altri istituti. E elaborato dal Collegio dei Docenti, sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola, e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio di Istituto, tenuto conto delle esigenze, delle proposte e dei bisogni dell utenza. In particolare il POF deve esplicitare: Le finalità educative condivise I percorsi specifici finalizzati all educazione e alla formazione dell individuo Le scelte didattiche e amministrative funzionali al conseguimento degli obiettivi Le risorse necessarie alla realizzazione del piano stesso Pertanto, in coerenza con le disposizioni in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche (DPR 275/99) e secondo i principi sanciti dalla Costituzione (art.3, 33 e 34) il nostro Istituto si propone di: concorrere alla costruzione di identità libere e consapevoli formare alla cittadinanza e alle relazioni interpersonali nel rispetto reciproco e nella solidarietà promuovere un sapere organico e critico basato sulla conoscenza, sulla capacità 3 di 86

4 di interpretazione e sulla sistemazione consapevole dei molteplici linguaggi che caratterizzano la comunicazione potenziare l autonomia personale e il senso di responsabilità verso sé e verso gli altri si ispira ai principi di: uguaglianza e integrazione senza distinzione di sesso, cultura, religione, lingua, opinioni politiche, condizioni fisiche, psicologiche, sociali ed economiche trasparenza nel motivare le ragioni delle scelte educative efficienza nell erogare il servizio secondo criteri di obiettività, efficacia ed equità partecipazione nella costruzione di relazioni con le famiglie e con le altre realtà intende assicurare: il rispetto della libertà di scelta educativa delle famiglie l accoglienza e l integrazione di tutti gli alunni, attraverso iniziative apposite,definite annualmente nella programmazione, con particolare attenzione agli alunni diversamente abili pari opportunità di crescita culturale, a misura dei bisogni, delle potenzialità dei ritmi e degli apprendimenti degli alunni la gestione partecipata della scuola all interno degli organi collegiali l adeguamento degli orari di lavoro di tutto il personale per garantire un funzionamento finalizzato all efficienza e all efficacia del servizio L azione educativa e formativa è condivisa dall intera comunità scolastica: Gli alunni: primi fruitori dell Istituzione scolastica, sono i destinatari del Piano dell Offerta Formativa, modulato secondo le esigenze e i bisogni di tipo culturale e formativo manifestati dagli stessi alunni. I genitori: chiamati ad interagire con tutte le altre componenti della scuola, non sono degli 4 di 86

5 estranei, ma parte attiva, vigili collaboratori per costruire insieme, nella scuola, uno stile fondato su un sereno rapporto di partecipazione, ascolto e disponibilità. I docenti assumono l impegno di: predisporre e concretizzare gli obiettivi del progetto dell Offerta Formativa; elaborare opportuni itinerari educativi e didattici da attuare nelle classi; valutare con attenzione e sensibilità i risultati intermedi e finali. qualificare sempre più la loro professionalità attraverso una costante attività di aggiornamento. Il personale ATA amministrativo e ausiliario: opera nel rendere la scuola efficiente in ordine ai servizi amministrativi, ai servizi generali, all accoglienza, alla sorveglianza e alla pulizia testimonia il senso dell ordine dell Istituzione scolastica, considerata bene comune, appartenente a tutti e verso la quale tutti devono mostrare rispetto. Le scelte amministrative e gestionali per il raggiungimento degli obiettivi formativi sono coordinate e pianificate dal: Il Dirigente scolastico: in coerenza con il profilo delineato nell art 25 del DL 165/2001 e nel rispetto delle competenze degli organi collegiali, assicura il funzionamento generale dell unità scolastica, promuove e sviluppa l autonomia sul piano gestionale e didattico. Due docenti collaboratori: coadiuvano il Dirigente scolastico nello svolgimento delle sue funzioni organizzative ed amministrative. Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi: sovrintende ai servizi amministrativi-contabili e ne cura l organizzazione. Ha autonomia operativa e responsabilità diretta nella definizione ed esecuzione degli atti amministrativi, contabili, di ragioneria e di economato anche con rilevanza esterna. 5 di 86

6 PRESENTAZIONE DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA L Istituto Comprensivo G. Pallavicini ha sede in Roma, Via Don Pasquino Borghi n. 165 e comprende: Scuola dell Infanzia BEATA VERGINE DEL CARMELO Piazza Beata V. del Carmelo Tel. Fax INFRASTRUTTURE -n.3 aule -n.1 aula polivalente -Laboratorio mosaico -Giardino - Attrezzature ludiche -Mensa RISORSE GESTIONE UMANE INTERNE ESTERNE ORARI -n. 75 alunni -Associazione -Entrata: -n. 6 insegnanti di La dalle ore classe ciliegia (teatro); alle ore n. 1 insegnante di -Didattica Moderna -Uscita: Religione Cattolica (inglese); dalle ore n. 1 collaboratore -ASD Eurosport alle ore16.00 scolastico Prescuola: pre-postscuola; dalle ore alle ore08.00 Attività: -Postscuola: Motricità: Ballo per dalle ore adulti alle ore18.00 Scuola dell Infanzia CASALE Via Giachino Tel. Fax INFRASTRUTTURE -n.2 aule -n.1 aula polivalente -Giardino ed area RISORSE GESTIONE UMANE INTERNE ESTERNE ORARI -n. 47 alunni -Associazione -Entrata: -n. 4 insegnanti di La ciliegia (teatro) dalle ore08.00 classe -Didattica Moderna alle ore n. 1 insegnante di (inglese) -Uscita: 6 di 86

7 esterna -Attrezzature ludiche -Mensa Religione Cattolica -n. 1 collaboratore Scolastico -ASD Eurosport 2001 pre-postscuola dalle ore alle ore Postscuola: dalle ore alle ore Scuola dell Infanzia e Primaria PAPILLO Via Alberto Moravia,401 Tel.-Fax INFRASTUTTURE -n.3 aule infanzia -n.7 aule primaria -n.1 aula multimediale n. 1 laboratorio di informatica -Biblioteca -Palestra -Giardino -Attrezzature ludiche -Mensa RISORSE GESTIONE UMANE INTERNE ESTERNE ORARI -n.75 alunni -Associazioni Scuola infanzia: infanzia La ciliegia (teatro) -Entrata: -n. 121 alunni dalle ore primaria -Mirabelli: alle n.14 insegnanti di educazione -Uscita: classe primaria musicale; dalle ore15.45 n.6 insegnanti - Massimo Gai: alle ore scuola infanzia Tao Lung; Scuola primaria: -n. 3 insegnanti di -ASD Beagle: -Entrata: sostegno pre-postscuola alle ore n. 2 AEC Tiro con Arco junior -Uscita: -n. 3 insegnanti di F alle ore Religione Cattolica Kung Fu bambini; -Prescuola: -n. 3 collaboratori -Dinamo Sport dalle ore Scolastici MiniBasket; alle ore Postscuola: dalle ore alle ore di 86

8 Scuola Primaria G.PALLAVICINI Via Don Pasquino Borghi,165 Tel Fax INFRASTRUTTURE -n.23 aule -Biblioteca -Lab. informatico -Lab. Scientifico -Lab. Ceramicaarte-immagine -Attrezzatura musicale -Palestra -Spazi liberi interni -Sala Riunioni -Giardino -Mensa RISORSE GESTIONE UMANE INTERNE ESTERNE ORARI -n.501 alunni -ASD Eurosport Tempo 40 ore -n 39 insegnanti di Entrata: classe MiniBasket dalle ore n. 2 insegnanti di Ginnastica artistica alle ore Religione Cattolica Calcetto -Uscita: -n. 7 insegnanti di Pallacanestro dalle ore sostegno pre-postscuola; alle ore n. 2 insegnanti di -ASD Beagle Tempo 27 ore attività Pallavolo -Entrata: parascolastiche ore 8,20 - Cravero uscita ore 13,45 -n.3 AEC Coro e percursioni -Prescuola: -n. 1 assistente alla Coro Pallavicini dalle ore comunicazione Musica e alle ore n. 6 collaboratori Movimento -Postscuola: Scolastici -Accademia delle dalle ore Arti alle ore Corso di Arte visiva 8 di 86

9 Scuola Secondaria di primo grado V. BACHELET Via Beata V. del Carmelo,35 Tel. Fax INFRASTRUTTURE -n.20 aule -Biblioteca in via di riorganizzazione -Lab. Informatico* -Lab. Multimediale* -Lab. Artistico con forno per ceramica -Lab. Scientifico* -Laboratorio musicale* -Palestra -Auditorium -Giardino -Mensa RISORSE GESTIONE UMANE INTERNE ESTERNE ORARI -n. 469 alunni Attività orario extra- Tempo normale: -n.40 insegnanti Curriculare: -Entrata: -n. 2 insegnanti di -Centro sportivo alle ore Religione Cattolica Studentesco**: Uscita: -n7 insegnanti di pallavolo-minivolley alle ore sostegno -ASD Bachelet: Tempo prolungato: -n.2 AEC Coro Bachelet -Entrata: -n.1 assistenti alla LaborArte alle ore comunicazione L arte e la creatività -Da lunedì a giovedì -n. 6 collaboratori nella moda. Uscita: Scolastici Corso preparatorio alle ore campionato under -Venerdì 14 Uscita: -ASD Beagle: alle ore Aikido kung Fu-Wing Chun *Il nostro Istituto, grazie a progetti elaborati da docenti e sovvenzionati dal MIUR, da privati e Enti Locali, si è dotato di vari laboratori: musicale, scientifico, per le tecnologie dell informazione e della comunicazione. Inoltre l Istituto è dotato di Lavagne Interattive Multimediali (LIM), per l uso delle quali, più docenti hanno seguito un corso di formazione : n mobile per la scuola secondaria di primo grado n. 1 per la scuola primaria Pallavicini n. 1 per la scuola primaria Papillo 9 di 86

10 ** Il Centro Sportivo Studentesco organizzato dal prof. Alessi e dalla prof.ssa Casella offre corsi di Pallavolo e Minivolley. SCELTE D INDIRIZZO LINEE GUIDA DEL POF Indirizzi generali per le attività della scuola La seguente proposta di indirizzi generali all offerta formativa dell Istituto Pallavicini è stata elaborata dal gruppo di lavoro individuando quattro obiettivi formativi per le attività della scuola: 1. Successo formativo sostegno delle diverse abilità recupero di abilità di base in ambito curricolare ed extracurricolare potenziamento dell eccellenza 2. Promozione e sviluppo dei principi e dei valori della cittadinanza, della solidarietà, dell accoglienza formazione della persona: sapere, saper essere, saper fare secondo i principi e i valori della Costituzione Italiana, della Carta dei Diritti dell Unione Europea, della Carta Internazionale dei Diritti umani 3. Intercultura ed integrazione: potenziamento delle lingue europee; offerta di pari opportunità culturali; potenziamento e sostegno di attività finalizzate all integrazione dei ragazzi diversamente abili; 4. Valorizzazione ed ottimizzazione delle risorse professionali e strumentali: Potenziamento attività dei laboratori tecnico-scientifici ed artistici; Potenziamento delle strutture e delle attrezzature sportive; Partecipazione a progetti e bandi-concorso territoriali, nazionali, europei; 10 di 86

11 Ampliamento offerta formativa in orario extracurricolare con utilizzo di risorse interne e/o esterne ed apertura al territorio; Scelte generali di gestione ed amministrazione E stata inoltre individuata la necessità di fissare una condizione trasversale di tracciabilità del sistema formativo che caratterizzi il servizio scolastico dell Istituto Comprensivo. TRACCIABILITÀ Chi - Che Cosa Quando - Perchè - Come POLITICA PER LA QUALITÀ -ANNO SCOLASTICO L Istituto C. G. Pallavicini, avendo aderito al Progetto qualità di Rete ScuoleInsieme, ha adottato un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001:2008 a partire dal 1 settembre 2011 consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di gestione per la qualità riconosciuto in ambito internazionale, al fine di garantire la qualità dei servizi erogati dall Istituzione Scolastica e di conseguire elevati livelli di soddisfazione dei propri Utenti di riferimento. Nella fase iniziale e successivamente all inizio di ogni anno scolastico, al fine di avviare una gestione improntata ai principi di efficacia ed efficienza, La Direzione dell ISA11 sancisce le linee guida e le strategie relative alle attività nelle quali si concretizza l operato dell Istituto. MISSION: Creare opportunità per lo sviluppo armonico e per il raggiungimento del successo formativo degli alunni valorizzandone le diversità 11 di 86

12 Pertanto, in coerenza con le disposizioni in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche (DPR 275/99) e secondo i principi sanciti dalla Costituzione (art.3, 33 e 34) il nostro Istitutosi propone di: concorrere alla costruzione di identità libere e consapevoli, formare alla cittadinanza e alle relazioni interpersonali nel rispetto reciproco e nella solidarietà, promuovere un sapere organico e critico basato sulla conoscenza, sulla capacità di interpretazione e sulla sistemazione consapevole dei molteplici linguaggi che caratterizzano la comunicazione, potenziare l autonomia personale e il senso di responsabilità verso sé e verso gli altri. FLESSIBILITÁ TRASPARENZA ORGANIZZAZIONE CONTINUITÁ OBIETTIVI PER LA QUALITÀ PER L ANNO SCOLASTICO N OBIETTIVO RESPONSABILE TEMPI. 1 Promuovere l autonomia dell Istituto come FS POF capacità progettuale attraverso lo DS Maggio 2012 svolgimento di progetti: almeno 80% degli alunni dovrà partecipare ad un progetto d Istituto in orario curricolare o extracurricolare 2 Facilitare le relazioni positive interne ed esterne attraverso una comunicazione DSGA Maggio 2012 trasparente ed efficace: tenere aggiornate le bacheche dei plessi dell Istituto e registrare gli accessi al sito Web FS COMUNICAZIONE DS 3 Sviluppare azioni di aggiornamento o autoaggiornamento e formazione per il personale: attivare almeno un corso di aggiornamento o autoaggiornamento interno e promuovere la partecipazione di almeno 20% Docenti/ATA a corsi di formazione di RETE o esterni. FS FORMAZIONE DS Giugno di 86

13 4 riconoscimento della certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 RQI Novembre di 86

14 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE D ISTITUTO Le Funzioni Strumentali e i singoli docenti hanno come finalità principale quella di sottoporre a valutazione il livello di raggiungimento degli obiettivi indicati nel Piano dell Offerta formativa. In particolare: -predisporre strumenti adeguati di verifica; -raccogliere ed elaborare dati; -individuare punti di forza e di debolezza; -pubblicare e diffondere i risultati; -dare vita a gruppi di miglioramento su temi specifici. Per valutare l efficienza e l efficacia del sistema scolastico e migliorare la qualità del servizio si procederà, durante l anno scolastico in corso, ad una valutazione d Istituto. La modalità d indagine prevista consist nella diffusione di un questionario assolutamente anonimo alle famiglie e ai docenti.saranno presi in esami i seguenti indicatori. Per le famiglie: clima relazionale strutture, risorse e servizi area della didattica offerta di attività extracurricolari Per i docenti: clima relazioni socio professionali strutture, risorse e servizi area didattica, offerta extracurricolare funzionamento organi collegiali, formazione professionale. Per quanto riguarda ampliamento dell Offerta Formativa sarà effettuato un monitoraggio in itinere ed una valutazione finale attraverso questionari di gradimento. 14 di 86

15 AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE La scuola dell autonomia richiede figure professionali molto competenti nella mediazione culturale, ma anche soggetti esperti di organizzazione, attenti alle relazioni, abili nell uso delle tecnologie, capaci di documentare ed utilizzare proficuamente le esperienze proprie ed altrui. A tal fine l aggiornamento professionale di tutto il personale della scuola è un importante elemento di qualità del servizio scolastico; esso è finalizzato a fornire a tutto il personale strumenti culturali e scientifici per sostenere l innovazione e dare a tutti gli operatori più ampi margini di autonomia operativa, anche in relazione alla diffusione delle tecnologie dell informazione e comunicazione. La Funzione Obiettivo strumentale della Formazione e Aggiornamento si occuperà dello sviluppo professionale del personale docenti e non docente attraverso le seguenti fasi di lavoro: Accertare i bisogni formativi dei docenti predisponendo adeguati strumenti di rilevazione e di monitoraggio; Elaborare la mappa delle professionalità per sfruttare le eventuali risorse formative presenti nell Istituto; Predisporre una ricognizione delle offerte formative disponibili sul territorio a partire dalla rete scolastica di cui il nostro Istituto è parte; Sostenere le azioni generali di formazione e la progettualità individuale. Per quanto concerne le iniziative delle Rete Interscolastica Scuoleinsieme sono stati predisposti per l anno scolastico i seguenti corsi di formazione e aggiornamento. AMBITO FORMATIVO Nuove tecnologie Amministrazione e contabilità Didattica Qualità FORMAZIONE PROMOSSA DALLA RETE E DALL I.C. PALLAVICINI - ANNO SCOLASTICO TITOLO DEL CORSO E-learning e multimedialità per una nuova didattica Nuove norme sulle procedure contabili e tracciabilità dei flussi finanziari Processi di comprensione del testo apprendimento e valutazione Corso di formazione per Responsabili Qualità delle Istituzioni Scolastiche (primo livello) SCUOLA CAPOFILA IC Marta Russo IC Orsa Maggiore IC Via Laurentina NUMERO ORE IC Orsa Maggiore 20 DATA da gennaio a marzo 2012 da novembre 2011 a gennaio 2012 da dicembre 2011 ad aprile 2012 da gennaio ad aprile 2012 SEDE IC Marta Russo IC Orsa Maggiore IC Via Laurentina da definire 15 di 86

16 Qualità Nuove Tecnologie Qualità Qualità Corso di formazione ed approfondimento per Responsabili Qualità delle Istituzioni Scolastiche (secondo livello) Uso della LIM IC Orsa Maggiore LSS Cannizzaro da settembre ad aprile 2012 da gennaio/febbraio ad aprile 2012 FORMAZIONE PROMOSSA ALL INTERNO DELL I. C. PALLAVICINI - ANNO SCOLASTICO Autoaggiornamento: Per una scuola di qualità Autoaggiornamento: Enjoy learning English I.I.C. I.C.Pallavicin i P a l l a v i c i n i da gennaio/febbraio ad aprile 2012 da gennaio/febbraio ad aprile 2012 da definire LSS Cannizzaro I.C.Pallavicini I.C.Pallavicini 16 di 86

17 LA COMUNICAZIONE NELL ISTITUTO Nella comunità scolastica la comunicazione è un processo di condivisione di informazioni, conoscenze ed esperienze. L utilizzazione di regole, comunemente accettate, favoriscono lo scambio e la cooperazione, elementi imprescindibili nel contesto scolastico. A tale proposito è stata istituita la Funzione Strumentale della Comunicazione con il precipuo compito di aggiornare e di archiviare i dati, le informazioni relative alle azioni dell Istituto e i risultati raggiunti al fine rendere più agevole e fruibili le informazioni. l Istituto ha sviluppato ed implementato un sistema di comunicazione tale da garantire un adeguato trasferimento delle informazioni tra le varie funzioni e risorse interne che prevede l utilizzo del sito web. Esso si sta realizzando e conterrà al proprio interno un apposita area riservata e protetta finalizzata allo scambio di informazioni tra tutti gli utenti scolastici. Inoltre si dedicherà uno spazio pubblico per la diffusione di notizie o documenti di interesse generale. È responsabilità della Funzione Strumentale della Comunicazione curare la gestione del sito web e tenerlo aggiornato.. Per facilitare la comunicazione con la Rete ScuoleInsieme inoltre nella homepage del sito web d Istituto sarà attivo un collegamento con il sito web della Rete e viceversa da esso è possibile raggiungere con apposito link il sito dell Istituto. RISORSE UMANE Staff di dirigen za DIRIGENTE SCOLASTICO Collaboratore Vicario del Dirigente Collaboratore del Dirigente Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Coordinatore per la scuola Dott.ssa Maria Maddalena Franzoni Nucci Maria Luisa Grazia Cardaci Maria Rita Ciancarelli Vilma Sessa dell Infanzia Responsabile Qualità Istituto Matticari Adele Incaricato Qualità Castorina Andrea Coordi Scuola primaria Papillo Borgia Lina Scuola dell infanzia Papillo Bagnoni Ornella 17 di 86

18 natori di Plesso Funzi oni stru ment ali Com miss ioni Resp onsa bili aule labor Scuola dell infanzia Beata Vergine Scuola dell infanzia Casale POF - Monitoraggio - Autovalutazione Istituto Continuità accoglienza e orientamento Diverse abilità e disagio Sessa Vilma Drago Maria Baroncelli Cristina Scanzani Barbara De Marco Maria Rosaria Barachini Carla Formazione ed aggiornamento Giorgione Livio Qualità e rete scolastica ScuoleInsieme Matticari Adele Informatica Castorina Andrea Programmazione e valutazione Scaccia Silvia Comunicazione Di Pumpo Vincenzo POF e autovalutazione: Celani Agnese, Capobianchi Fabiana, Romano Maria, Frese Evelina,Cecchini Ilaria, Nucci Maria Luisa Programmazione e valutazione Continuità Orientamento Comunicazione - gestione sito web Organizzazione didattica Gruppo qualità Informatica Pallavicini Informatica Bachelet Informatica Papillo Scientifica Pallavicini Scientifica Bachelet Musicale Bachelet Di Lella Maria Consiglia, Cobellis Miranda, Poldiallai Valetina, Rossi Tiziana, Falcetelli Solidea, Maggi Lucia, Medulla Alessandra Cardaci Grazia,Drago Maria, Ariano Patrizia,Conversano Vittoria, Falcetelli Solidea, Carrisi Cinzia, Abbatiello Maria Rosa, Abbazia Lucia, Perna Maria. Alessandrini Iolanda, Mallozzi Rosalia, Maggi Lucia, Graf Maria Pia Canali Raffaella, Castellani Federica, Piraino Tiziana, Casalino Anna Rita, Pileri Sandra. Cardaci Grazia Poldiallai Valentina Dirigente Scolastico(DS) Matticari Adele (RQI), Castorina Andrea(IQ) Ciancarelli Maria(RFA) Nucci Maria Luisa (Vicaria) Matticari Adele Castorina Andrea Conversano Vittoria Pimpini Elisa Di Loreto Antonietta Lopergolo Marilena 18 di 86

19 atori sub cons egna tari Respo nsabili Sussidi Sub conseg natari GLH d Isti tuto Artistica Bachelet Biblioteca Pallavicini Biblioteca Papillo Sportiva Bachelet Sportiva Pallavicini Mosaico Beato vergine Auditorium Pallavicini Auditorium Bachelet Pallavicini Bachelet Papillo primaria Beata Vergine Papillo Infanzia Casale Dirigente Scolastico Presidente Consiglio Istituto Docente Primaria Docente Secondaria I grado Docente Sostegno Docente Infanzia Belvedere Silvana Canali Raffaella Fasano Gerardina Alessi Alessandro Corazzi Adriana Sessa Vilma Tonziello Vincenzo Castorina Andrea Tonziello Vincenzo Cardaci Grazia Risa Monica Sessa Vilma Bagnoni Ornella Drago Maria M. M. Franzoni De Marco Maria Rosaria Barachini Carla Isaia Cristina Tessitore Maria Laura COORDINATORI CONSIGLI DI CLASSE - SEGRETARI CONSIGLIO DI CLASSE Segretario informatico: Giorgione Livio CLASSE COORDINATORI SEGRETARI 1 A Scanzani Barbara Briatico Giuseppe 2 A Di Loreto Antonietta Cecchini Ilaria 3 A Piraino Tiziana Spina Valentina 1 B Baroncelli Cristina Belvedere Silvana 2 B Scalia Nunziata Maria Anna Lawrycenko Luciana Veronica 3 B Alessandrini Iolanda Diana Rita 1 C Falcetelli Solidea Palmese Lucia 2 C Cardaci Grazia Carmela Maggi Lucia 3 C Mallozzi Rosalia Castorina Andrea 2 D Di Lella Maria Consiglia Penna Caroppi Anna Rita 3 D Calabrese Maria Alessi Alessandro 1 E Margotti Daniela Casella Rita 19 di 86

20 2 E Villa Sara Giorgioni Livio 3 E Trotta Amalia Mittica Maria 1 F Ferlazzo Floriana Lopergolo Maria Maddalena 2 F Graf Maria Pia Capasso Maria luisa 3 F Castrovilli Teresa Barachini Carla 1 G Savoia Maria Domenica Rocco Anna 2 G Frese Evelina Pallotta Carmela 3 G Casalino Anna Rita Ciraolo Calogero Presidenti Interclasse CLASSI PLESSO PRESIDENTE SEGRETARIO 1 Pallavicini Baisi Patrizia Rossi Tiziana 2 Pallavicini Nappi Giuseppina Silvestrelli Paola 3 Pallavicini Delfino Daniela Fortunati Carla 4 Pallavicini Celani Agnese Pinto Soccorsa Caterina 5 Pallavicini Gargiuli Anna Maria Milione Rita 1-2 Papillo Conversano Vittoria Gerace Giuseppina Papillo Pileri Sandra Fasano Gerardina Presidenti Intersezione Plesso Presidente Segretario Beata Vergine Sessa Vilma Ronga Carmela Papillo Bagnoni Ornella Ariano Patrizia Casale Drago Maria Dattoli Anna Maria Commissione mensa: genitori Comitato di garanzia: da eleggere tra i rappresentanti di classe Addetti alla sicurezza: Dirigente Scolastico- Franzoni Maria Maddalena RSPP Responsabile del servizio di protezione e prevenzione- Orlandi Fernando Addetti per i servizi di protezione e prevenzione (ASPP): Di Loreto Antonietta, Barachini Carla, Canali Raffaella, Abbazia Lucia, Capobianchi Fabiana, Drago Maria, Gancitano Gaetana, Abbatiello Maria Rosa. Ariano Patrizia, Tessitore Maria Laura Addetti alla tutela della salute dei non fumatori: 20 di 86

21 Nucci Mari Luisa, Cardaci Grazia, Sessa Vilma, Borgia Lina, Bagnoni Ornella Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza:da eleggere in assemblea del personale Addetti primo soccorso: Pallavicini: Lisi Franca Beata Vergine: Torri Antonio Casale: Gangitano Gaetana Papillo: Mastrogiacomo Daniela Bachelet: Barbieri Anna Maria PERSONALE AMMINISTRATIVO Direttore dei servizi generali amministrativi:maria, Rita Ciancarelli Assistenti amministrativi: Area alunni: Vania Liscio, La Rosa Antonietta Area personale: Francesca Pellecchia -Francesca Placidi- Maria Grazia Pastecchi Area comunicazione: Federici Maria, Proietti Giulia Maria Area contabile-patrimoniale: Tiziana Tucciarone Gli uffici di segreteria hanno sede presso la scuola G.Pallavicini Via don Pasquino Borghi,165 E mail: Tel / Fax di 86

22 Orario per il pubblico esterno: Giorno dalle / alle Personale e Didattica Martedì 14:30 15:30 Personale e Didattica Mercoledì e Giovedì 8:30 10:30 DSGA Mercoledì previo 10:00 13:00 appuntamento DS Mercoledì previo appuntamento 10:00 13:00 Orario per il personale interno: Giorno dalle / alle Personale e Didattica Lunedi - martedì - giovedì 12:00 13:15 Personale e Didattica Mercoledì 14:30 15:00 DSGA Mercoledì previo 10:00 13:00 appuntamento DS Mercoledì previo appuntamento 10:00 13:00 22 di 86

23 SCELTE DIDATTICHE-EDUCATIVE D ISTITUTO In linea con il documento Indicazioni Nazionali per la Costruzione del Curricolo si elabora la programmazione didattica annuale, che si sviluppa in Percorsi di Apprendimento disciplinari, aperti alla interdisciplinarietà. Lo sviluppo di questi percorsi tiene conto sia della continuità verticale tra i diversi ordini di studi (scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado), sia della progressività degli apprendimenti. Il regolamento sull obbligo scolastico (22/8/2007 G. U. n /8) in riferimento alle Indicazioni Nazionali, prevede l acquisizione di competenze chiave che possono essere sintetizzate in quattro assi culturali, all interno dei quali, la programmazione curriculare ha il suo sviluppo: Asse dei linguaggi. Asse matematico. Asse scientifico tecnologico. Asse storico-culturale. Dal punto di vista progettuale, le fasi dell apprendimento devono essere le seguenti: Conoscenze pregresse: Che cosa sai? Mapping: Devi sapere che. Applicazione: Quel che devi fare. Esperienza: Prova anche tu. Ricostruzione: Che cosa hai fatto e perchè? Generalizzazione: Inventa una regola. OBIETTIVI FORMATIVI e DIDATTICI D ISTITUTO: di tipo cognitivo L'alunno mostra di saper richiamare autonomamente conoscenze e abilità disciplinari in contesti d'aula, di laboratorio, di realtà extrascolastica per: 23 di 86

24 - RISOLVERE PROBLEMI - STABILIRE RELAZIONI DI CAUSA-EFFETTO - PORSI DOMANDE SENSATE - INTERPRETARE DATI, EVENTI E FENOMENI - ESPRIMERE ED ARGOMENTARE LE PROPRIE OPINIONI - FORMULARE IPOTESI - COMUNICARE CON APPROPRIATEZZA DI LINGUAGGIO VERBALE - ESPRIMERSI UTILIZZANDO CODICI DIVERSI di tipo meta cognitivo IMPEGNO : porta a termine il lavoro assegnato. Accetta le indicazioni dell'insegnante per migliorare il proprio lavoro. Sa riconoscere i propri successi ed insuccessi. MOTIVAZIONE : durante l'attività scolastica si attiva per superare ostacoli pur diconseguire lo scopo proposto. E' interessato ad approfondire gli argomenti trattati a scuola. ATTENZIONE : è concentrato sul lavoro. ORGANIZZAZIONE : è sempre fornito del materiale necessario. Sa organizzare il materiale di cui è fornito. AUTONOMIA : tenta di risolvere il compito affidatogli. Di fronte a una situazione nuova cerca il modo di affrontarla (di tipo socio - emotivo - affettivo). RISPETTO DI SÈ E DEGLI ALTRI : nell'affermarsi tiene conto degli altri e della situazione in cui si trova. Interagisce con gli altri nei tempi e nei modi opportuni. Ha cura delle propria persona, delle proprie cose e di quelle altrui. ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ : in situazioni conflittuali sa autocontrollarsi. COLLABORATIVITÀ : sa cooperare nel gruppo. Gli Obiettivi Formativi di Istituto sono trasversali rispetto a tutte le discipline 24 di 86

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli