Localismi e nuovi sviluppi rurali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Localismi e nuovi sviluppi rurali"

Transcript

1 Localismi e nuovi sviluppi rurali Elina CAROLI (cultrice della materia presso la cattedra di Sociologia dell'ambiente e del territorio (Prof.ssa Luciana Bozzo) della Facoltà di Architettura del Politecnico di Bari) sessione tematica : ricerca In epoca di globalizzazione, il rapporto tra città e campagna si può leggere a partire dal successo dei movimenti identitari e dalla riscoperta e valorizzazione del locale in ogni sua forma. Mentre da più parti si paventa l uniformazione culturale, proliferano i prodotti locali, non ultime le identità stesse. Nuovi stili di vita e nuove forme di turismo ne decretano il successo. Alla base di questi processi sta forse la ricerca, tutta urbana e postmoderna, di un tempo più lento, di una vita più autentica, di sapori più genuini, di elementi tradizionalmente legati ai piccoli centri e alla campagna. Questo ritorno è da osservare in tutta la sua complessità, rappresentando una possibilità di sopravvivenza locale e sviluppo alternativo, diffuso a livello globale, ma anche forse, in ultima analisi, l ennesimo piegare il territorio alle logiche dominanti. Questo articolo analizza il caso del Salento in Puglia, inserendolo in un contesto più vasto. Rinascimento locale Nel suo libro del 1967 su un piccolo comune bretone del Finistère e la sua metamorfosi in chiave moderna, Edgar Morin constatava l arrivo di «questa nuova tappa del moderno in cui ci si rivolgerà verso il passato perché è morto, verso le radici perché sono minacciate, verso l identità perché si fa incerta, e noi forse sentiamo già qui i primi effluvi di questo neo-arcaismo che è il neo-moderno» 1. Quarant anni più tardi, la tendenza è confermata ed assistiamo, come afferma l antropologo francese Jean-Loup Amselle, all «irruzione della società di conservazione» 2. La minaccia, avvertita a livello planetario, è quella dell omogeneizzazione culturale, eppure, nonostante identità, culture, lingue, tradizioni siano pensate attraverso metafore di tipo biologico come specie in via d estinzione, il numero di quelle riconosciute, protette, valorizzate, grazie anche all attività di organizzazioni internazionali, non fa che aumentare. Oggi, «all enunciato di leggi universali si sostituisce l affermazione di specificità culturali» 3. In questi decenni, il processo preconizzato da Morin si è 1 Edgar Morin, Commune en France. La métamorphose de Plozévet, Fayard, Paris, 1967, pp Mia la traduzione, come nel resto del testo. 2 Jean-Loup Amselle, L art de la friche. Essai sur l art africain contemporain, Flammarion, Paris, 2005, p Jean-Loup Amselle, L Occident décroché. Enquête sur les postcolonialismes, Stock, Paris, 2008, p

2 radicalizzato e sempre più forte si è sentita incombere la minaccia, benché il suo potere fosse più apparente che reale e, soprattutto, i suoi effetti controintuitivi. Di fronte allo spettro dell omogeneizzazione culturale, dell occidentalizzazione del mondo, della sua mcdonaldizzazione o anche a dispetto delle supposte «invasioni barbariche» di immigrati che invece che acculturarsi, annacquerebbero le identità autoctone, il locale risorge, a livello globale, in tutti i suoi aspetti e si organizza in cittadelle che, anche qualora comunichino multiculturalmente, come si dice, lo fanno da dentro le loro mura. Per farsi un idea di questi successi del locale, basti pensare al caso delle lingue minoritarie e regionali in Europa 4 o alle politiche dell Unesco di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale immateriale, senza citare la nascita di varie leghe e l affermarsi di movimenti secessionisti. Anche il successo del turismo culturale e dell etnoturismo, alla ricerca di culture «autentiche», si fonda d altronde su questo timore generalizzato che «suscita l urgenza di andare a vedere e raccogliere ciò che il mondo globalizzato di domani non ci permetterà più di vedere» 5. Dovunque, mondialmente, si assiste a rinascite e renaissances locali del tutto assimilabili nelle loro parabole : da un periodo di declino, oblio, ostilità esterne dovute spesso, in passato, a politiche accentratrici e rinnegazioni interne si è passati negli ultimi decenni alla riscoperta, alla valorizzazione e alla promozione degli elementi più minuti e squisitamente locali : ciò ha segnato, per tornare sui luoghi della nostra prima citazione, un certo successo della regione bretone. Altri esempi possono essere trovati ovunque : nell estate 2007, in Francia, il Courrier international uscì con un numero speciale dedicato ai popoli amerindiani, emblematicamente intitolato «Fieri di essere indiani. Politica, identità, cultura». Anche in questo caso, i resoconti mostrano come, mezzo secolo fa, questi popoli stessero per essere culturalmente, economicamente e politicamente assimilati e si immaginasse che sarebbero presto totalmente scomparsi, dato che le loro lingue non erano più parlate, le loro tradizioni erano dimenticate ed essi stessi erano dunque vittime di un vero e proprio genocidio culturale. Oggi, invece, vincono delle importanti battaglie politiche e affermano le loro identità etniche ; le loro lingue sono insegnate a scuola e perfino all università e le loro musiche rivivono. Alla fine di questo excursus, gli autori del dossier parlano di rinascimento, fierezza in vetrina, etnoturismo e boom economico. Mutatis mutandis e tornando a luoghi più familiari, il cosiddetto rinascimento pugliese, di cui si parla in campo culturale, musicale, enogastronomico, cinematografico e turistico, è un altro esempio paradigmatico di queste tendenze : al suo interno, si distingue il caso di un altro finis terrae, quello salentino. 4 Vd. Cécile Canut, Diiana Bodourova et Elina Caroli, Langues à l encan. Une nuovelle Europe des langues?, Michel Houdiard Editeur, Paris, Anne Doquet, «Dans les coulisses de l authenticité africaine», Les Temps Modernes, 2002, , pp

3 L alternativa meridiana 6 Il successo proteiforme che conosce ultimamente il Salento deve essere letto, per essere capito appieno, all interno di un quadro che comprenda l affermarsi nella regione di un neo-meridionalismo che, in alcuni casi, assume i tratti di un sud-alternismo, secondo la recente formula di Amselle 7. Questo è sicuramente il caso del pensiero meridiano del sociologo barese Franco Cassano che, a partire dal 1996, anno di pubblicazione del suo libro omonimo, ha riacceso il dibattito locale intorno alla questione meridionale, finendo per inserirla, tuttavia, nel contesto delle critiche alla globalizzazione e al dominio dell Ovest e/o del Nord (ciò che Danilo Zolo chiama universalismo atlantico 8 ). Il pensiero sul Sud di Cassano nasce così, inizialmente, dalla critica al turbocapitalismo unidimensionale che si sviluppa al centro del sistema, chiamato anche impero 9 : la corsa a cui si sarebbe obbligati, sarebbe per il sociologo, all origine delle patologie del Sud d Italia così come dei Sud del mondo. Negli stessi termini, proprio in quello storico 1989 che avrebbe ridato speranze e centralità al Sud d Italia in un Mediterraneo post-muro, Serge Latouche criticava dalla Francia l occidentalizzazione del mondo e l omologazione planetaria : l industrializzazione sarebbe la via reale imboccata universalmente e a qualunque costo, secondo un mimetismo tecnologico fabbricatore di cattedrali nel deserto, seguendo il falso mito del ritardo come male incurabile e ossessione che spingerebbe i cosiddetti sottosviluppati a lanciarsi in una corsa infinita o la cui fine viene posticipata man mano che si avanza verso il traguardo 10. Una volta compreso che è inutile partecipare laddove regole e vincitori li dettano sempre gli altri e dove si diventa poveri naufraghi 11 prostituiti del sistema, la modernità alternativa che invoca Cassano e che ha, tra l altro, non pochi punti in comune con quella descritta dal subalternista 6 Per un analisi più dettagliata e approfondita della situazione salentina e delle politiche identitarie, di marketing territoriale e di patrimonializzazione che sono state sviluppate a partire dalla Grecìa salentina e dal 1996, rimando alla mia tesi di dottorato, sostenuta il 18 aprile 2008 all EHESS di Parigi, dal titolo: L alternative méridienne. La construction du griko et de la pizzica comme éléments d une culture du Mezzogiorno. Vd., inoltre, Elina Caroli, «Entre renaissance culturelle et persistance de la question méridionale», Articulo - revue de sciences humaines [En ligne], , mis en ligne le 04 octobre 2008, consulté le 31 décembre URL : 7 Jean-Loup Amselle, L Occident, op. cit., pp Cf. Franco Cassano, Danilo Zolo (a cura di), L alternativa mediterranea, Feltrinelli, Milano, Franco Cassano, Il pensiero meridiano, Laterza, Bari, 1996, p Serge Latouche, L Occidentalisation du monde. Essai sur la signification, la portée et les limites de l uniformisation planétaire, Editions La Découverte, Paris, 1989, p.73, p.80 e p Ecco un altro termine comune ai due intellettuali. Cf. Serge Latouche, La planète des naufragés. Essai sur l aprèsdéveloppement, Editions La Découverte, Paris,

4 indiano Partha Chatterjee in un lecture tour in Africa nello stesso non solo si oppone alla fallita industrializzazione forzata dei giardini delle Esperidi, ma invoca il valore delle tradizioni e dei legami sociali, elogia la lentezza e, soprattutto, invita a riguardare i luoghi (in una formula semanticamente due volte valida) di un Sud che deve diventare soggetto autonomo del pensiero. La necessità dell autonomia è, infine, un altro tema fondamentale classico del meridionalismo che Cassano riprende nel suo Homo civicus del contro l idea di una passività ontologica imputata al Sud dai suoi detrattori. Già nel 1955, infatti, Carlo Levi legava il nuovo meridionalismo incarnato, secondo lui, in quegli anni, dal movimento contadino che si affacciava per la prima volta da protagonista sulla scena nazionale alla fiducia nel mondo contadino, nella sua autonomia e nella sua capacità di sviluppo 14. Il mercato mondiale delle identità Quello di Cassano è un pensiero che, fino alle sue più recenti formulazioni 15, rimane essenzialmente teorico. Eppure, al di là del momento analitico, questo pensiero ha creato un fermento che, uscito dagli atenei e entrato nei palazzi della politica fino a replicarsi nei discorsi pubblici di operatori culturali, assessori, sindaci e finanche registi e musicisti, ha portato al passaggio, nel Salento, dal pensiero all azione meridiana 16. Nella provincia di Lecce, è stato perfino suggerito che il libro del 1996 di Cassano fosse utilizzato dagli assessori alla cultura come una sorta di manuale 17. Epicentro di quella che è stata definita come una vera rivoluzione territoriale 18 è stata la Grecìa salentina: associazione di nove piccoli comuni della provincia di Lecce nel 1996; consorzio nel 1998 ed, infine, nel 2001, unione, arrivata, non senza ambiguità e polemiche, a quota undici comuni Vd. (sito visitato il 30 dicembre 2009) 13 Franco Cassano, Homo civicus. La ragionevole follia dei beni comuni, Dedalo, Bari, Cf. la prefazione di Carlo Levi alla prima edizione de L uva puttanella di Rocco Scotellaro, apparsa nel 1956 per i tipi di Laterza (p.26). 15 Vd. Franco Cassano, Tre modi di vedere il Sud, Il Mulino, Bologna, Giovanni Pizza, «Lettera a Sergio Torsello e Vincenzo Santoro sopra il tarantismo, l antropologia e le politiche della cultura», in Vincenzo Santoro e Sergio Torsello (a cura di), Il ritmo meridiano. La pizzica e le identità danzanti del Salento, Edizioni Aramirè, Lecce, 2002, p Vincenzo Santoro e Sergio Torsello (a cura di), op. cit., p Gino L. Di Mitri, «Fieri, perduti, reinventati o della retorica identitaria», Melissi, 12-13, , p La popolazione dei comuni varia dalle quasi duemila unità di Martignano, ai quasi diecimila abitanti di Martano o di Cutrofiano. Vd., per ulteriori dati sulla Grecìa, il sito ufficiale: 4

5 Come raccontano i suoi protagonisti, ovvero i sindaci dei piccoli centri, tutti compresi tra Lecce e Maglie, nel cuore del Salento, secondo la promozione che ne viene fatta, e dunque nel triangolo immaginario che lega il capoluogo di provincia a Otranto e Gallipoli (non a caso, tre dei poli principali, insieme a Ugento, di attrazione del turismo salentino), l obiettivo comune era superare i campanilismi e puntare sulle risorse locali per ottenere uno sviluppo alternativo e, più in particolare, attirare i flussi turistici dalle coste verso l interno, aiutando così la provincia intera a destagionalizzare la sua offerta. Nel corso di questo quindicennio, la Grecìa ha vinto la sfida, se è vero che è ormai annoverata tra i principali temi del turismo nel Salento, a fianco, per esempio, del rinomato barocco 20. «La sola materia prima di cui dispone l area per uno sviluppo sociale, culturale, civile ma anche economico» 21 era, come affermava Manera, ex-sindaco di Sternatia ed ex-presidente dell Unione, il dialetto griko, assurto, grazie alla l.482/99, al rango di lingua. Le popolazioni dei comuni inclusi nell'unione della Grecìa salentina, fanno oggi parte delle dodici minoranze linguistiche storiche tutelate dallo stato italiano. Tuttavia, il griko, fin dall inizio è stato più uno strumento per catalizzare attenzione e fondi che un elemento realmente presente nella vita delle comunità, se non a livello ideologico, e le operazioni sviluppatesi a questo riguardo hanno inevitabilmente creato dibattiti e dissidi all interno e fra gli stessi comuni. Non solo nei nove paesi iniziali il griko non era ugualmente parlato (per quanto riguarda percentuali di locutori e varianti) e in alcuni non si parlava affatto da secoli, ma, negli ultimi anni, altri due paesi, tra cui Cutrofiano che è tradizionalmente considerato non di area grika, sono entrati nell Unione. Dopo secoli, invariabilmente descritti nelle pubblicazioni sul griko, di riduzione continua dell area di effettiva diffusione della lingua, la cui origine, tra l altro, resta controversa, si assiste oggi a un espansione che però nulla ha a che vedere con la reale presenza del griko, nonostante questo sia professato. L inclusione dei comuni nell unione amministrativa è, invece, frutto di un volontarismo politico eretto su delle basi d ordine economico. Se si considerano le effettive pratiche linguistiche della comunità, ci si rende conto che pochissimi sono i locutori e che questi ultimi comunque compiono un alternanza di codice in cui, anche quando non si usi l italiano, è preferito di gran lunga il dialetto salentino. Anche tra gli insegnanti nelle scuole e tra gli stessi uomini politici 20 Vd. le pubblicazioni curate dall Associazione Mecenate90 per la Provincia di Lecce : Piano per lo sviluppo del sistema turistico-culturale della Provincia di Lecce. Rapporto finale.analisi di scenario. Volume I e Strategie e aree prioritarie di intervento. Volume II (2002); I distretti turistico-culturali : un nuovo modello di sviluppo economico locale per la provincia di Lecce. Rapporto finale (2003). 21 Massimo Manera, «Dalla polis greca all area metropolitana. Storia e problemi di un processo evolutivo», in Atti del convegno-seminario Armonizzare Babele. Lingue e culture minoritarie per costruire la nuovs Europa, giugno 2001, Corigliano d Otranto, Editrice Salentina, Galatina, 2001, p

6 promotori è diffusa la consapevolezza che l insegnamento del griko alle nuove generazioni non porterà mai a un vero riutilizzo nella vita quotidiana 22. Come diceva Manera, il griko è un mezzo per comunicare con le proprie radici; in altri termini, più che la lingua materna degli abitanti di questi comuni, sarebbe da considerare una lingua di lignaggio 23 che può anche essere l opposto della prima: può succedere infatti che a scuola si insegni una lingua materna che i genitori degli allievi non conoscono affatto. Aggiungiamo, infine, che il griko oggi è una lingua a pezzi, inadeguata, anche solo lessicalmente, a esprimere la vita quotidiana nella sua interezza e complessità. Ecco perché, anche chi si definisce esperto di griko vede come un impresa sisifea la traduzione in griko degli atti ufficiali, pur prevista dalla l.482/99. Eppure, i sindaci della Grecìa hanno affermato che nei loro comuni il griko era parlato: ecco perché il sindaco Fiore di Corigliano d Otranto sosteneva che, non essendo più l effettivo uso di una stessa lingua, quella grika, a unire i paesi della Grecìa istituzionale, il trait d union era invece da trovare nell accettazione condivisa del «dovere istituzionale di recuperare questa lingua» 24. La Grecìa salentina è, in fin dei conti, il risultato di un progetto politico di marketing territoriale i cui protagonisti però si trovano adesso di fronte al difficile compito di rendere la realtà conforme alle loro dichiarazioni ufficiali sullo stato linguistico delle comunità interessate; altrimenti, come affermava ancora Fiore, «avremo dichiarato il falso» 25. Ciononostante, l operazione griko si è dimostrata estremamente redditizia: direttamente, attraverso fondi e finanziamenti pubblici, e indirettamente, grazie anche all appeal turistico dell identità grika, per mezzo della quale la Grecìa ha saputo differenziarsi dal resto del territorio. Questo è vero anche quando la diversità si fa similitudine se non totale identità, come nel caso del rapporto con i Greci, estasiati dal ritrovare dei fratelli, monumenti viventi della grecità, al di là del mare. Intervistato in un documentario trasmesso a più riprese dal terzo canale dell emittenza pubblica greca, un abitante della Grecìa afferma : Emì den imasta Greci ma i veri Greci! ( Noi non siamo greci ma i veri greci! ) 26. L esito di questo connubio tra esaltazione di alcuni abitanti della Grecìa (soprattutto i più anziani, che acquistano anche nuovo prestigio all interno delle comunità in quanto locutori), comunicazione pubblica di politici ed operatori culturali, spesso più attenti al risvolto economico della faccenda, e fondamentalismo (o sentimentalismo) delle radici greco può essere esemplificato dalla presentazione che fa degli abitanti dell unione amministrativa dei comuni 22 Comunicazioni personali. Anno scolastico Cf. Patrick Sériot, «Diglossie, bilinguisme ou mélange de langues : le cas du surzyk en Ukraine», La linguistique, vol. 41, fasc.2/2005, p Vd. l intervento di Salvatore Fiore in Atti del convegno-seminario Armonizzare Babele, op. cit., p ibid. 26 Si tratta del documentario di G. Logothetis Viaggio nella Magna Grecia, prodotto nel 1997 per il canale greco ET3, più volte riproposto, specialmente durante i mesi estivi, in questi ultimi anni. 6

7 della Grecìa, il sito ufficiale di promozione turistica della regione Puglia in cui ci si riferisce a questi ultimi in quanto etnia grico-salentina 27. A parte i viaggiatori 28, richiamati nel Salento alla scoperta, tra l altro, di nuove etnie antiche, questi stessi luoghi pullulano anche, soprattutto in estate, di migliaia di giovani festanti. Oltre al griko, infatti, un altro patrimonio salentino rivalorizzato per lo sviluppo alternativo della Grecìa e del Salento, è stato quello legato al fenomeno del tarantismo 29, rivisitato e rivissuto in chiave positiva ed edonistica come «una grande festa di suoni e di genti che non ha nulla a che vedere con il rituale del tarantismo» 30 : ad affermarlo, recentemente, reagendo sicuramente alle critiche che da più parti sono mosse alla Notte della taranta, festival di cui il sindaco di Melpignano si dice padrino, è lo stesso Sergio Blasi. Eppure il suo comune, a seguito del successo crescente del concertone che chiude il festival, è ormai identificato con il regno della taranta e largamente si è attinto alla tradizione, soprattutto demartiniana, del tarantismo. Tant è che ormai si assiste ad un diffuso uso del termine taranta al posto di pizzica per indicare il genere musicale e coreutico. Ciò che è vero, nell affermazione di Blasi, consiste nell aver svuotato questa tradizione di ciò che era privazione, povertà e dolore e nell averla resa un simbolo identitario positivo per l intera comunità. Come per il griko, un tempo considerato un greco bastardo, di cui era vietato l uso a scuola, anche con la pizzica tarantata si è passati dalla vergogna dei balli nei bassi delle famiglie delle tarantate - o fuori dalla piccola cappella di San Paolo a Galatina, all orgoglio dei giovani, ballerini e musicisti delle lunghe notti salentine. Come per le operazioni riguardanti il griko, le critiche non mancano : soprattutto, nei due casi, si sottolinea che esperienze di oggi e gli oggetti patrimonializzati non hanno niente in comune con le pratiche del passato. Forse, aveva ragione Morin quando affermava che «è perché il passato è morto che esso resuscita esteticamente» 31. Dal palco dell edizione 2004 del concertone di Melpignano, Giovanni Lindo Ferretti esortava i salentini a non vendere la loro identità per un piatto di lenticchie: ora, non sappiamo cosa rappresenti per Ferretti un In alcune pubblicazioni locali, viene riproposta la dicotomia, di cui non si sottolineerà mai abbastanza l origine discorsiva e i fini distintivi, tra l esperienza colta dei viaggiatori e quella volgare dei turisti. Cf. AA.VV., Salento d autore. Guida ai piaceri intellettuali del territorio, Manni, Lecce, Anche in questo caso, non potendoci soffermare su questo aspetto, vd. Elina Caroli, «La tarentule est vivante, elle n est pas morte. Musique, tradition, antropologie et tourisme dans le Salento (Pouilles, Italie)», Cahiers d études africaines, ( Tourismes. La quête de soi par la pratique des autres ), 2009, pp Vd. Sergio Blasi, «Dalla festa la sfida del nuovo Sud», in Dario Quarta (a cura di), La Notte della Taranta Breve storia per testi e immagini dei dieci anni che hanno rivoluzionato la musica popolare salentina, Guitar edizioni, Lecce, 2007, pp.3-5. Vd. anche 31 Edgar Morin, op. cit., p

8 piatto di lenticchie, ma è pur vero che le operazioni di marketing territoriale e identitario hanno fruttato alla Grecìa e al Salento ben più che un piatto di lenticchie. Non a tutti, è ovvio. Ma si tratta di un ammissione esplicita di molti dei protagonisti; Blasi, in primis, che cita sempre Cassano per spiegare le politiche di rivalorizzazione di un territorio povero, secondo l economia classica, e che afferma che il Salento ha saputo ricollocarsi negli orizzonti rinnovati della contemporaneità, dopo anni di dipendenza al rimorchio del continente 32. Blasi sa benissimo che quella creata a partire da elementi selezionati e promossa nella Grecìa è un identità per vivere e per vendere 33. Per vivere e sopravvivere, facendo diventare redditizio ciò che altrimenti deperirebbe, di fronte al rischio di scomparire, risucchiati dall omologazione culturale o soggiogati dall economismo secondo le cui regole il Salento sarebbe fuori competizione. E in ciò che il caso salentino non si discosta da altri movimenti che, dovunque nel mondo, spingono le popolazioni locali a una nuovo orgoglio e ad una nuova opportunità di rinascita investendo sul territorio, a partire da un rapporto e un uso diverso delle tradizioni e del passato (recuperati, però, reificandoli, essenzializzandoli e estetizzandoli, com è evidente nel caso dell etnicizzazione delle comunità grike o nella riproposizione folklorica dell esorcismo coreuticomusicale descritto da de Martino 34 ). E per questo che possiamo includere gli abitanti dei comuni griki e salentini in quello che Amselle chiama forum mondiale delle identità o, meglio, mercato mondiale delle identità 35. Ne Il pensiero meridiano, Cassano affermava che la modernizzazione al Sud è avvenuta trasformando qualsiasi cosa in prodotto; le critiche rivolte alla patrimonializzazione del tarantismo, però, vertono proprio essenzialmente sull averlo fatto diventare una merce tra altre. Come se tutti i tentativi di emanciparsi dal sistema neoliberale non portassero che ad esservi di nuovo inglobati. E il prezzo del successo, per tutti questi movimenti ma è anche, non bisogna dimenticarlo, la condizione materiale della loro sopravvivenza. In altre parole, si crea un industria non delocalizzabile puntando sull unicità e la diversità dei tratti identitari locali 36. A questo proposito, 32 Vd. Vincenzo Camerino, Nelle utopie del Sud e del cinema. La vita, le passioni, le speranze, Libreria Icaro Editore, Lecce, 2005, p Vincenzo Santoro e Sergio Torsello, op. cit., p Ernesto de Martino, La terra del rimorso. Contributo a una storia religiosa del Sud, Il Saggiatore, Milano, Jean-Loup Amselle, Branchements. Anthropologie de l universalité des cultures, Flammarion, Paris, 2001, pp Un caso estremo di questa strategia è quello delle De.Co. (Denominazioni Comunali), concepite come ulteriori armi di protezione dei prodotti locali: le De.Co. non sono marchi di qualità bensì semplici certificazioni d origine che collegano indissolubilmente un prodotto al suo territorio d origine. Nel Salento, Specchia, che fa inoltre parte del club I borghi più belli d Italia, protegge in questo modo il suo olio d oliva e una trentina di erbe officinali. Vd. Roberto De 8

9 consideriamo inoltre che, come ricorda Robert E. Wood, il turismo è la principale industria a livello globale. Sviluppandosi, la diversificazione del suo prodotto si è accentuata. Così, quello del turismo culturale o etnico è diventato un segmento del mercato sempre più importante 37. In conclusione, potremmo affermare che la modernità alternativa ricercata nel Salento attraverso la rivitalizzazione delle tradizioni, sulla scorta delle teorizzazioni di Cassano, non è tanto alternativa quanto si potrebbe credere, dato che il processo resta all interno della mercificazione che vorrebbe combattere o, comunque, ne produce altra 38. Questo dunque l aspetto criticabile. Ciò che è positivo è che oggi, comunque, un certo marketing identitario può essere lo strumento per riscoprire le culture e le tradizioni locali e può permettere alle comunità locali di riconsiderare in modo positivo la loro storia, ribaltando lo stigma a cui erano soggette in passato. Inoltre, come è stato notato a proposito del rapportarsi di una società alla sua cultura tradizionale, «il modo di mantenere i suoi membri interessati alla perpetuazione della loro cultura è di implicare i giovani nel marketing della cultura, in particolare sotto forma di spettacoli turistici, attraverso la musica, le loro danze, la loro cucina ( ). Ciò permette ai giovani di avere delle entrate e perciò la capacità di partecipare al mercato globale più largo» 39. La riscoperta del territorio, tra immagine e realtà Un esempio emblematico di quanto appena detto è senza dubbio quello della società di Corigliano d Otranto Kalòs irtate (dall espressione grika «benvenuti»), fondata nel 2002 da cinque giovani del piccolo comune griko che decisero di investire sul territorio e sul «cuore» : il cuore del paese, con l organizzazione dell ospitalità in un albergo diffuso ; il cuore del territorio, con visite e percorsi culturali alla scoperta di una terra che da «terra bruciata» da cui i giovani devono emigrare Donno, De.Co. Denominazioni Comunali. Sviluppo locale e strumenti di marketing territoriale, Veronelli Editore, Treviolo (Bg), Robert E. Wood, «Tourism and the State: Ethnic Options and Constructions of Otherness», in Michel Picard, Robert E. Wood (éds), Tourism, Ethnicity, and the State in Asian and Pacific Societies, Honolulu: University of Hawaii Press, 1997, p Il poeta-contadino di Calimera Cici Cafaro, intervistato nel documentario del 2006 di Carlo Pisanelli Il sibilo lungo della taranta, dice che quando era piccolo c erano le tarante mentre adesso il tarantismo è diventato un grande divertimento perché le tarante non ci sono più ma sono diventate merce saporita da cui tirar profitto. Il simbolo principale del tarantismo del passato, la taranta, è oggi utilizzato perfino sulle bottiglie di vino locale o diventa il fulcro di spettacoli (come quello teatrale di degustazione di prodotti tipici dei cantieri Koreja di Lecce, Il pasto della tarantola ). 39 Firat citato in Picard et Wood, op. cit., p.viii. 9

10 alla volta di qualche città con più attrattiva, si fa «terra di speranze» 40. Nella campagna tra Sternatia e Martignano, un giovane imprenditore ha puntato egualmente sul territorio costruendo il Grikò country hotel, dieci stanze dedicate ai paesi della Grecìa, con la vocazione di richiamare in ogni dettaglio (dall arredamento alla gastronomia) il territorio locale e di guidare gli ospiti alla scoperta della natura e della cultura salentina 41. Infine, molti abitanti dei piccoli e piccolissimi centri puntano nel Salento sul B&B con l auspicio che gli amministratori locali riescano nell obiettivo prioritario di destagionalizzare il turismo. Il successo della musica salentina è un ottimo biglietto da visita per la regione, così come lo sono le produzioni televisive e cinematografiche che sempre più spesso scelgono di girare in questi luoghi 42. Persino i piccoli treni locali delle sud-est sono stati «messi in patrimonio» grazie al ruolo da veri protagonisti che hanno avuto nel docu-fiction Italian sud-est del Con un movimento tipico del turismo, di riconversione di ciò che il progresso renderebbe obsoleto, i piccoli convogli della sud-est che spesso fanno impazzire i pendolari a causa di ritardi, guasti e quant altro, vengono promossi in quanto mezzo privilegiato perché lento di disvelamento di un territorio undiscovered. Jean-Didier Urbain distingue, infatti, la storia industriale e tecnologica dei trasporti, funzionale e selettiva, da quella turistica che è, al contrario, integrativa 43, tant è vero che oggi si parla di rinascimento ferroviario (pensiamo ai casi celeberrimi dell Orient Express o della Transiberiana o al Trinighellu corso, motrice più un solo vagone, molto simile al caso salentino). Laddove imperversano le vite di corsa 44 di Bauman, il successo dei treni è in primo luogo imputabile alla «loro lentezza in un epoca consacrata alla velocità» 45. D altronde, «poco importa ai turisti di essere puntuali» 46 se, con lentezza, scoprono paesaggi segreti e pittoreschi o borghi dimenticati e magici, 40 Vd Un caso televisivo nazionale fu quello della fiction Mediaset Il giudice Mastrangelo. Ricordiamo che recentemente la Puglia si è dotata di una film commission il cui slogan è : «La Puglia è tutta da girare», da filmare, quindi, ma anche da visitare. A questo proposito, si veda la pubblicazione sul cinema in Puglia che propone dieci itinerari turistici sui luoghi di realizzazione di celebri film : AA.VV., Effetto Puglia. Guida cineturistica a una regione tutta da girare, Laterza, Bari, Jean-Didier Urbain, L idiot du voyage. Histoires de touristes, Payot & Rivages, Paris, 1993, p Vd. Zygmunt Bauman, Vite di corsa. Come salvarsi dalla tirannia dell effimero, Il Mulino, Bologna, Vd. l editoriale del numero speciale della rivista francese di viaggi e turismo Ulysse, consacrato ai treni come mezzo privilegiato di scoperta del territorio e come oggetto turistico in sé (n. 111H octobre 2006). 46 C. Marcelin, «Le tortillard préféré des Corses», Ulysse, n. 111H, octobre 2006, pp

11 da dietro i finestrini di treni che sono essi stessi, come i luoghi che attraversano, «una sopravvivenza di altri tempi e altri ritmi», come afferma Goffredo Fofi riguardo i treni delle sud-est 47. La lentezza, un ritmo diverso che permetta percezioni e conoscenze differenti rispetto a quelle possibili abitualmente, in contesti urbani, la magia di luoghi promossi come al di là del tempo e arcaici (si pensi alle descrizioni estetizzanti del Salento magico e sensuale dei film di Edoardo Winspeare o anche, per esempio, al penchant arcaicizzante, dominato dalla magia, di L anima gemella di Sergio Rubini) attirano. D altronde, anche la pizzica è spesso esaltata nella sua presunta origine dionisiaca e nelle sue capacità liberatorie per il soggetto danzante. Sic et simpliciter, al di là delle sfrenatezze dei balli in piazza, spesso è una dimensione più autentica che si cerca in questi luoghi, lontani dalla vita frenetica urbana. Tant è vero che, nelle stesse metropoli, diventa un imperativo ricercare condizioni favorevoli alla lentezza, come nel caso dei quartieri lenti à la Shiodome nel cuore di Tokio e degli edifici concepiti esplicitamente per far rallentare gli abitanti delle città giapponesi 48. Ciò spiega inoltre il successo del Salento ed in generale di altri luoghi pugliesi, come la Valle d Itria, tra gli stranieri che vi acquistano anche, sempre più spesso, delle residenze secondarie. Che la Puglia sia assurta ad una dimensione internazionale lo dimostra, per esempio, l uscita, nell estate 2008 in Francia, di un numero della rivista Ulysse la cui copertina era dedicata alla Puglia, «l Italie sécrète», «"finis terrae" italiano, sorta d ultima frontiera ancora poco attraversata dai turisti» 49. La regione è presentata come undiscovered eppure il ricco dossier di Ulysse, in otto articoli, è la prova irrefutabile di un meccanismo già in moto. I commentatori locali si dilungano nel descrivere, lusingati, l acquisto di una masseria del XVI secolo, nella campagna di Tricase, da parte dell attrice inglese premio Oscar, Helen Mirren. La regina si dice «incantata» dal Salento che le avrebbe fatto scoprire una dimensione più autentica della vita 50. Sulla stessa pagina del quotidiano che dava notizia dell innamoramento della Mirren, un altro articolo riportava invece il caso dell acquisto di un trullo abbandonato nella campagna di Ostuni da parte di Raz Degan. Il modello e attore di origine israeliana si diceva similmente incantato da questa «terra magica», la Puglia, una regione dove, a suo giudizio, il tempo scorre ancora con un ritmo differente, grazie al quale egli aveva potuto ritrovare l essenza della sua mediterraneità Fluid Video Crew, Marco Saura, Caterina Tortosa, Italian Sud Est. Appunti di viaggio per un docu-western salentino, Manni, Lecce, 2003, p Carl Honoré, Eloge de la lenteur, Marabout, Hachette Livres, 2005, pp Jean-Christophe Rampal, «Les Pouilles, dernier arrêt avant l Orient», Ulysse, n 125, 2008, p Vd. Antonio Andrea Ciardo, «Un posto nel cuore del Salento per la regina Helen», La Gazzetta del Mezzogiorno, 30 marzo 2007, p Vd. Osvaldo Scorrano, «Il mio trullo magico», La Gazzetta del Mezzogiorno, 30 mars 2007, p

12 Questi casi non sono certo isolati, rappresentando solo la punta di un iceberg, due casi visibili di un reticolo invisibile di residenze spesso inimmaginabili. Oggi la Puglia segue la Toscana nella lista delle regioni più desiderate dagli stranieri alla ricerca di seconde case da acquistare. La regione sarebbe, anzi, divenuta già troppo cara, proprio come la Toscana o anche le Marche, segno evidente che ormai il processo in queste regioni è compiuto e il successo fin troppo istituzionalizzato 52. Si dovrebbe riflettere sul fascino che il Salento, la Puglia ed il Sud in generale esercitano su stranieri stregati dal pittoresco delle loro contrade, le stesse spesso cariche di problemi strutturali e straordinari per i loro abitanti locali. Spesso, anche nell entusiasmo delle élites locali che vedono come un successo delle proprie politiche l acquisto di ruderi sperduti da parte di stranieri molto ricchi e un po folli, si nasconde una visione estetizzante della nostra terra che dimentica la dimensione sociale e i problemi politici ed economici. Non a caso, siamo partiti da una questione meridionale ancora aperta e che questo famoso «rinascimento» locale di cui tanto si parla, non cancella, purtroppo. «Di ritorno nei vecchi centri» o nelle campagne abbandonate dai loro abitanti, la comunità mondiale dei gentrifiers che «sono di qui e di altrove» 53 e la loro passione per queste terre non possono rappresentare, da soli, una vera rinascita. Quando la gentrificazione si applica alla campagna, bisogna ammettere, se si condivide il punto di vista di Jean-Didier Urbain che a questa questione ha dedicato una monografia, che i residenti secondari, soprattutto se stranieri, si occupano poco o per niente della vita locale, essendo «contemporaneamente dentro e fuori. Di qui e non di qui» 54. Forse la domanda da porsi è : «chi gode di questo rinascimento?». E corretto definire «rinascimento all italiana» l acquisto di un villaggio, abbandonato nel XIX secolo dagli abitanti forzati ad emigrare, da parte di uno straniero per cinque milioni di euro, al fine di farne un albergo diffuso, costruito all insegna dell autenticità e la salvaguardia delle buone vecchie cose d altri tempi, di cui però non beneficeranno che «turisti ad alto reddito», essendo «questo patrimonio terribilmente romantico» diventato intoccabile 55? Un tempo, il poeta salentino Vittorio Bodini esprimeva tutto il paradosso di una terra nello stesso tempo seducente e maledetta affermando perentoriamente : «Qui non vorrei morire dove vivere mi 52 Vd. Federica Brunini, «Febbre d Abruzzo», L Espresso, n 34, a. LIII, 30 août 2007, pp Jacques Donzelet,, «La ville à trois vitesses : relégation, périurbanisation, gentrification», Esprit, n 303, mars-avril 2004, p Jean-Didier Urbain, Paradis verts. Désirs de campagne et passions résidentielles, Payot, Paris, 2002, p Cf. Emma Tassy, «Une renaissance à l italienne», Ulysse, n 123H, 2008, pp

13 tocca, mio paese, così sgradito da doverti amare» 56. Rispondendo a quanti esaltino acriticamente questo «rinascimento», ed il suo discorso è estensibile al ritorno a dimensioni piccole e locali come reazione, difesa e vittoria contro le tendenze dominanti della contemporaneità, Goffredo Fofi sostiene che il Salento è di moda e i Salentini ne gioiscono e non sembrano ancora rendersi conto dei pericoli insiti in questo successo, per loro e per la loro terra. Secondo Fofi, il Salento era uno dei pochi luoghi rimasti, non ancora divorati dall aggressività del benessere, di un benessere che diventa mera festa del consumo. Il punto di vista di Fofi è estremamente negativo ma, in chiusura, può essere un valido spunto di riflessione : il Salento, come la Lucania, è ancora bellissimo, dice Fofi, mostra un paesaggio che è ancora paesaggio e propone un rapporto uomo-ambiente di misura ed armonia antiche ma già si è entrati in una fase discendente (legata alla fase ascendente del turismo e del marketing territoriale, secondo Fofi) il cui cardine è il denaro Vittorio Bodini, Tutte le poesie, Besa, Nardò, 1997, p Fluid Video Crew, Marco Saura, Caterina Tortosa, op. cit., p

14 AA.VV., Effetto Puglia. Guida cineturistica a una regione tutta da girare, Laterza, Bari, 2009 AA.VV., Salento d autore. Guida ai piaceri intellettuali del territorio, Manni, Lecce, 2004 Amselle, Jean-Loup, L Occident décroché. Enquête sur les postcolonialismes, Stock, Paris, 2008 Amselle, Jean-Loup, L art de la friche. Essai sur l art africain contemporain, Paris : Flammarion, 2005 Amselle, Jean-Loup, Branchements. Anthropologie de l universalité des cultures, Flammarion, Paris, 2001 Bauman, Zygmunt, Vite di corsa. Come salvarsi dalla tirannia dell effimero, Il Mulino, Bologna, 2008 Blasi, Sergio, «Dalla festa la sfida del nuovo Sud», in Dario Quarta (a cura di), La Notte della Taranta Breve storia per testi e immagini dei dieci anni che hanno rivoluzionato la musica popolare salentina, Guitar edizioni, Lecce, 2007, pp.3-5 Bodini, Vittorio, Tutte le poesie, Besa, Nardò, 1997 Brunini, Federica, «Febbre d Abruzzo», L Espresso, n 34, a. LIII, 30 août 2007, pp Camerino, Vincenzo, Nelle utopie del Sud e del cinema. La vita, le passioni, le speranze, Libreria Icaro Editore, Lecce, 2005 Canut, Cécile, Bodourova, Diiana et Caroli, Elina, Langues à l encan. Une nuovelle Europe des langues?, Michel Houdiard Editeur, Paris, 2009 Caroli, Elina, «La tarentule est vivante, elle n est pas morte. Musique, tradition, antropologie et tourisme dans le Salento (Pouilles, Italie)», Cahiers d études africaines, ( Tourismes. La quête de soi par la pratique des autres ), 2009, pp Caroli, Elina, «Entre renaissance culturelle et persistance de la question méridionale», Articulo - revue de sciences humaines [En ligne], , Caroli, Elina, L alternative méridienne. La construction du griko et de la pizzica comme éléments d une culture du Mezzogiorno, Paris, EHESS, 2008 (tesi di dottorato in antropologia sociale e etnologia non pubblicata) Cassano, Franco, Tre modi di vedere il Sud, Il Mulino, Bologna, 2009 Cassano, Franco, Homo civicus. La ragionevole follia dei beni comuni, Dedalo, Bari, 2004 Cassano, Franco, Il pensiero meridiano, Laterza, Bari, 1996 Cassano, Franco, Zolo, Danilo (a cura di), L alternativa mediterranea, Feltrinelli, Milano,

15 Ciardo, Antonio Andrea, «Un posto nel cuore del Salento per la regina Helen», La Gazzetta del Mezzogiorno, 30 marzo 2007, p. 25 De Donno, Roberto, De.Co. Denominazioni Comunali. Sviluppo locale e strumenti di marketing territoriale, Veronelli Editore, Treviolo (Bg), 2008 De Martino, Ernesto, La terra del rimorso. Contributo a una storia religiosa del Sud, Il Saggiatore, Milano, 1961 Di Mitri, Gino L., «Fieri, perduti, reinventati o della retorica identitaria», Melissi, 12-13, , pp Donzelet, Jacques, «La ville à trois vitesses : relégation, périurbanisation, gentrification», Esprit, n 303, mars-avril 2004, pp Doquet, Anne, Dans les coulisses de l'authenticité africaine. Les Temps Modernes, 2002, pp Fluid Video Crew, Saura, Marco, Tortosa, Caterina, Italian Sud Est. Appunti di viaggio per un docu-western salentino, Manni, Lecce, 2003 Honoré, Carl, Eloge de la lenteur, Marabout, Hachette Livres, 2005 Latouche, Serge, La planète des naufragés. Essai sur l après-développement, Editions La Découverte, Paris, 1991 Latouche, Serge, L Occidentalisation du monde. Essai sur la signification, la portée et les limites de l uniformisation planétaire, Editions La Découverte, Paris, 1989 Manera, Massimo, «Dalla polis greca all area metropolitana. Storia e problemi di un processo evolutivo», in Atti del convegno-seminario Armonizzare Babele. Lingue e culture minoritarie per costruire la nuovs Europa, giugno 2001, Corigliano d Otranto, Editrice Salentina, Galatina, 2001 Morin, Edgar, Commune en France. La métamorphose de Plozévet. Paris, Fayard, 1967 Pizza, Giovanni, «Lettera a Sergio Torsello e Vincenzo Santoro sopra il tarantismo, l antropologia e le politiche della cultura», in Vincenzo Santoro e Sergio Torsello (a cura di), Il ritmo meridiano. La pizzica e le identità danzanti del Salento, Edizioni Aramirè, Lecce, 2002, pp Rampal, Jean-Christophe, «Les Pouilles, dernier arrêt avant l Orient», Ulysse, n 125, 2008, p. 5 Scorrano, Osvaldo, «Il mio trullo magico», La Gazzetta del Mezzogiorno, 30 mars 2007, p. 25 Sériot, Patrick, «Diglossie, bilinguisme ou mélange de langues : le cas du surzyk en Ukraine», La linguistique, vol. 41, fasc.2/2005, pp Tassy, Emma, «Une renaissance à l italienne», Ulysse, n 123H, 2008, pp

16 Urbain, Jean-Didier, Paradis verts. Désirs de campagne et passions résidentielles, Payot, Paris, 2002 Urbain, Jean-Didier, L idiot du voyage. Histoires de touristes, Payot & Rivages, Paris, 1993 Wood, Robert E., «Tourism and the State: Ethnic Options and Constructions of Otherness», in Michel Picard, Robert E. Wood (éds), Tourism, Ethnicity, and the State in Asian and Pacific Societies, Honolulu: University of Hawaii Press, 1997, pp

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Cieg, zop, mat, a so tutt mé

Cieg, zop, mat, a so tutt mé Comune di Pesaro Servizio Politiche dei Beni Culturali Concorso letterario riservato agli studenti delle scuole superiori Omaggio a Odoardo Giansanti Cieg, zop, mat, a so tutt mé era l'alba del secolo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli