L'oligopolio di Cournot

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'oligopolio di Cournot"

Transcript

1 L'oligopolio di Cournot Esaminiamo la soluzione di Cournot al problema della formazione dei prezzi e delle quantità di equilibrio in oligopolio. Partiamo dal caso più semplice, quello in cui gli oligopolisti sono solo due. Si parla in questo caso di duopolio. Il modello di Cournot si basa sull'ipotesi seguente: ciascun duopolista (sia il duopolista A che il duopolista B) crede che il suo rivale continuerà a produrre una certa quantità, indipendentemente dalla quantità che egli stesso produce. Sulla base di tale ipotesi, ciascun duopolista calcola la quantità da produrre per massimizzare i propri profitti individuali. educendo la quantità fissa del rivale B dalla quantità totale indicata dalla funzione di domanda di mercato per ciascun prezzo, A può innanzi tutto ricavare la propria ipotizzata funzione di domanda individuale. Tale funzione di domanda individuale, data la quantità che A congettura sarà prodotta da B, è chiamata funzione di domanda residuale. A può quindi procedere ad eguagliare il suo ricavo marginale al suo costo marginale. Tuttavia, nessun duopolista congettura correttamente la quantità che il rivale produrrà. Infatti B generalmente non mantiene l'output costante, ma a sua volta produce la quantità che massimizza i suoi profitti sulla base della ipotesi che A produca un output fisso. i conseguenza la coppia di output realizzata in generale non dura, ossia non è fissa: ogni duopolista, quando scopre la quantità effettivamente realizzata dal rivale, adegua le proprie aspettative a tale quantità, mantenendo l'ipotesi che essa resterà fissa. Solo quando entrambi, adattando il proprio output al simultaneo output dell'altro, raggiungono l output di equilibrio, allora l'ipotesi che essi fanno sull'altro è "quasi corretta". Infatti è diventato vero che l'altro continua a produrre una quantità fissa, anche se la ragione non è nel fatto che segue una politica di output fisso, indipendentemente dall'output del rivale. Rappresentiamo geometricamente le funzioni di reazione, assumendo che la funzione di domanda sia lineare e che i produttori abbiano costi marginali costanti e dello stesso livello. output di B F F 3 output di A Augustin Cournot, Recherche sur les principes mathématiques de la théorie de richesses, 838.

2 Misuriamo sull'ascissa l'output di A subordinato a quello di B. Chiamiamo F la curva che indica l'output di A in funzione di quello di B ed F la curva che esprime l'output di B in funzione dell'output di A. F ed F sono chiamate funzioni di risposta ottima o di reazione. Entrambe le funzioni declinano monotonicamente, come indicato nella figura. Infatti più uno produce, meno produrrà l'altro, perché quest'ultimo ipotizza che la propria funzione di domanda individuale sia collocata più a sinistra. Le due curve si intersecano e l'intersezione segna un equilibrio stabile. In altri termini, alla destra dell'intersezione l'output di A tende a cadere e quello di B a crescere, mentre alla sinistra l'output di A tende a crescere e quello di B a cadere, così che l'equilibrio viene restaurato in caso di disturbi. Il punto mostra l'output di B che indurrebbe A a non produrre nulla, mentre il punto mostra l'output che B produce se A non produce nulla. La prima di queste due quantità è l'output concorrenziale dell'industria, mentre la seconda quantità è l'output monopolistico di B. L'output concorrenziale supera quella monopolistico. Per la stessa ragione l'output di A nel punto 3 deve essere più piccolo che nel punto. Il punto corrisponde all'output concorrenziale e il punto 3 all'output monopolistico di A. Le funzioni di reazione (F e F ) sono lineari se ipotizziamo, come abbiamo fatto, funzioni di domanda lineari e costi marginali costanti. i conseguenza il punto di equilibrio stabile è l'unico punto di intersezione. Inoltre egli output individuali degli oligopolisti, date le identiche funzioni di costo, sono uguali. E' facile inoltre mostrare che sulla base di queste ipotesi l'output duopolistico aggregato è pari a due terzi dell'output concorrenziale, mentre l'output monopolistico è pari a metà dell'output di concorrenza pura. Sulla base di analoghe ipotesi per l'oligopolio caratterizzato dalla presenza di molti oligopolisti (invece di due soli), l'output oligopolistico aggregato sarà n volte l'output concorrenziale, dove n indica il numero dei produttori. n + Per chiarire il problema partiamo da funzioni di domanda lineari e da costi marginali costanti pari a C. Sia la funzione di domanda di mercato: P a - bx a - b ( + ), dove P è il prezzo, X è l output complessivo dei due duopolisti e + sono i due output individuali. Sia a che b sono costanti positive. Il duopolista a cui applico l'indice tratta come è costante. Allora P a - b ( + ) è la funzione di domanda, vista da A, sulla base dell'ipotesi che. Il ricavo totale di A sarà: P a - b - b La condizione di massimizzazione dei profitti per A è l'uguaglianza di ricavo marginale e costo marginale, che abbiamo supposto uguale a C. Allora a - b - b C. Quindi la funzione di reazione di A sarà: b ()

3 dove è espresso in funzione di. Per ragioni analoghe la funzione di reazione di B sarà: () b Si ha equilibrio quando e (cioè le quantità di produzione del rivale che vengono congetturate sono effettivamente quelle che si verificano, per entrambi i duopolisti). Quindi Sostituisco in () : b b da cui risulta che in equilibrio (dove ): ovvero: Sostituendo in (), risulta che anche L'output totale sarà:. b 3 a C X NC + 3 b ( a C) Ove X NC è la quantità totale dell equilibrio di Nash-Cournot. Il risultato ottenuto ci dice che in un duopolio di Cournot in cui le due imprese sostengono costi marginali uguali (duopolio simmetrico), le imprese producono la stessa quantità di output in equilibrio. Esse dunque si divideranno esattamente in due il mercato. eterminiamo ora il profitto che ciascuna impresa realizzerà producendo la quantità appena determinata. Per fare questo occorre prima determinare il prezzo di equilibrio. Sostituendo X NC all interno della funzione di domanda di mercato si ottiene: a C P NC + a b 3 espressione che può essere utilizzata per il calcolo del profitto di A nel modo seguente: NC NC NC P NC a + C 3 ( a c) C. C + ;

4 In modo analogo si potrà calcolare anche il profitto dell impresa B. NC ( a c) Si noti come il profitto di duopolio appena calcolato sia inferiore a quello di monopolio, M ( a c) che avevamo visto essere:. Il caso in cui le imprese hanno costi diversi Analogamente a quanto visto in precedenza, nel caso in cui i costi marginali non siano uguali (ovvero nel caso in cui C C ) le funzioni di reazione delle due imprese saranno: b b Infatti per massimizzare i profitti ciascuna impresa ha uguagliato il ricavo marginale al proprio costo marginale. Si può notare che più alti sono i costi dell impresa, più a sinistra sarà spostata la sua funzione di reazione. X F X Sostituendo a la funzione di reazione di B e a la funzione di reazione di A si ottengono le quantità prodotte in equilibrio da ciascuna impresa, che sono rispettivamente per A e B:

5 e + C + C Si può notare come in questo caso la quantità prodotta da ciascuna impresa dipenda direttamente dai costi sostenuti dall impresa rivale, oltre che dai propri costi. Se i costi dell impresa rivale aumentano allora la produzione dell impresa i cui costi non sono variati aumenterà anch essa, mentre diminuisce la produzione del rivale. Quindi il caso di un duopolio asimmetrico mostra che esiste un vantaggio per l impresa più efficiente (quella con i costi marginali più bassi), la quale produrrà una quantità maggiore della rivale, realizzando così una quota di mercato maggiore. Il caso in cui le imprese sono numerose Quando gli oligopolisti sono n la funzione di domanda è: P a - b ( n ) Il ricavo totale di A sarà pertanto: a -b - b ( n ) Per massimizzare il profitto, l'oligopolista A sceglie la quantità da produrre uguagliando il ricavo marginale al costo marginale. Ipotizziamo ora per semplicità che il costo marginale sia uguale per tutte le imprese. Quindi: a - b - b ( n ) C a b ( b n ) - C (3) In equilibrio tutti gli n sono uguali e quindi la (3) diventa: da cui si ricava che: a b (n - ) - C b 5

6 ( n + ) b La produzione totale del settore X sarà pari a n. Quindi: X n ( n +). b Si vede che all'aumentare del numero di oligopolisti la quantità offerta aumenta. Cosa succede ai prezzi? ato che la funzione di domanda del mercato è P a - bx, avremo che: P a - b n ( n +) a - b n( ) ( n + ) a + nc a n + C. n + n + n + Si vede quindi che il prezzo scende all'aumentare del numero degli oligopolisti presenti sul mercato. L equilibrio con leadership Nel duopolio di Cournot le imprese prendono le loro decisioni sulla quantità da produrre simultaneamente in base alla loro curva di reazione. Vediamo ora il modello di duopolio di Stackelberg (93), che modifica quello di Cournot sulla base dell ipotesi che le decisioni sull output da produrre siano prese dalle due imprese sequenzialmente. Se A, che sceglie per prima, decide quanto output produrre sapendo che B reagisce lungo la sua funzione di reazione (F ), mentre B, che decide dopo A, sa correttamente che A manterrà costante l output che ha già prodotto, allora A è in grado di scegliere il punto lungo la F che è ottimo dal proprio punto di vista, e questo punto segna l'equilibrio. Si dice in questo caso che A è il leader e B il follower (naturalmente le posizioni potrebbero essere rovesciate). Il modello leader-follower è sostanzialmente un gioco a due stadi in cui nel primo stadio il leader (impresa A) sceglie la quantità da produrre che non potrà più essere variata nel secondo stadio. Nel secondo stadio il follower (impresa B) sceglie quanto produrre dopo aver osservato la scelta fatta dal leader sulla base della propria funzione di reazione. opo che entrambe le imprese hanno scelto la quantità da produrre, l output totale viene venduto sul mercato e le imprese raccolgono i profitti. L equilibrio, come mostreremo fra poco, corrisponde a produzione e profitti di A maggiori di quelli di B. Rappresentiamo ora formalmente questo modello mantenendo le stesse ipotesi fatte nel duopolio di Cournot per quanto riguarda la forma della curva di domanda (lineare) e la struttura dei costi marginali (uguali e costanti). Partiamo dalla solita curva di domanda. P a - b ( + ). 6

7 Vediamo le cose dal punto di vista del leader, in quanto è l attore che decide per primo. Egli tiene conto del fatto che il follower sceglierà sulla base della sua funzione di reazione. Sostituendo quindi a la funzione di reazione del follower si ottiene la curva di domanda che il b leader assume. P a - b ( + ( ) ) a b b P a b P a + C b. + b ata la funzione di domanda, il leader sceglierà la quantità da produrre in base all obiettivo di massimizzare i profitti. Il suo ricavo totale (P ) sarà: a + C b RT -. Per massimizzare i profitti, il leader uguaglia il ricavo marginale al costo marginale: a + C b / C / e sceglie quindi di produrre:. b Per ottenere la produzione del follower, che agisce sulla base della propria funzione di reazione conoscendo quanto il leader ha già prodotto, si deve inserire il valore della produzione del leader nella funzione di reazione del follower: ( ) b b b L offerta totale ( + ) sarà pari a: X S 3a 3C 3( ) + + b Il prezzo di equilibrio sarà: P S 3( ) a-b a + 3C Infine si può calcolare anche il profitto realizzabile dalle due imprese. Nel caso del leader si avranno profitti pari a (P-C), quindi: a + 3C ( C) b b 7

8 Nel caso del follower invece si avranno profitti pari a (P-C) : a + 3C ( C) 6b Chiaramente, il follower producendo la metà del leader con gli stessi costi, ha profitti dimezzati. In conclusione, il leader produce più del follower e fa un profitto maggiore semplicemente grazie al vantaggio della prima mossa (first mover advantage), pur non avendo vantaggi di costo. Considerazioni e confronti Si può notare che in questo modello l impresa leader produce più del duopolista di Cournot. Infatti: S > NC. b Il follower invece produce meno: NC S >. Inoltre l output totale, nella condizione di asimmetria tra le imprese, è maggiore dell output delle due imprese che competono alla Cournot, in quanto: S 3 NC X > X. i conseguenza il prezzo è inferiore, con vantaggio per i consumatori: P S a + 3C 8 < P NC a + C. 3 Tornando al primo aspetto, in particolare ai risultati relativamente cattivi ottenuti dal follower, si noti che mentre nel modello di Cournot l impresa B non sapeva quanto A stesse producendo simultaneamente, in questo caso lo sa, data la sequenzialità delle mosse. B sa che A ha fatto una scelta non reversibile di produrre. Nel contesto di Cournot tale impegno non sarebbe b credibile, in quanto tale livello produttivo non è la migliore risposta a. Ma A non sceglie la migliore risposta alla mossa di B (il leader dovrebbe ridurre la produzione al livello 3 ), mantenendo invece la produzione originaria. b E quindi fondamentale l assunzione che il leader possa rendere credibile un certo specifico piano di produzione. Ma quale può essere la fonte di tale credibilità? Per esempio può avere fatto investimenti non reversibili in capacità produttiva o aver mostrato nella storia passata di mantenere le promesse fatte. Oppure può essere consapevole del fatto che mettendosi a giocare alla Cournot l esito del gioco sarebbe meno positivo rispetto ai risultati ottenuti giocando da leader. Infatti si può

9 notare come in equilibrio il leader riesca a realizzare un profitto maggiore del duopolista alla Cournot: leader > NC > follower 6b. L instabilità della collusione Nell equilibrio di Cournot si è ipotizzato che le due imprese producano la quantità che massimizza il loro profitto senza accordarsi o cooperare. Introduciamo ora la possibilità per le imprese di cooperare (o colludere). Ipotizziamo che le due imprese si accordino nel modo seguente: esse producono insieme una quantità complessivamente pari a quella di monopolio e si dividono poi il mercato in due. Teniamo ferme per semplicità le ipotesi fatte precedentemente sulla funzione (lineare) di domanda di mercato e la struttura (simmetrica e costante) dei costi marginali delle due imprese. La stipulazione di un accordo di questo tipo (che di solito avviene segretamente) è chiamata collusione. Il gruppo di imprese che agisce in maniera coordinata è definito cartello. ata la quantità di monopolio: M b avremo che, colludendo, ciascuna impresa produrrà: CO CO Calcoliamo ora il profitto di collusione ipotizzando che il prezzo di mercato sia quello di monopolio: CO M a + C P P CO CO CO P CO CO a + C C C Lo stesso valore sarà ottenuto dall impresa, dato che l accordo prevedeva di dividersi esattamente a metà il mercato. Notiamo peraltro che: CO CO NC > ossia che colludendo le due imprese potranno realizzare un profitto maggiore di quello che farebbero competendo sulle quantità come previsto dal modello di Cournot. 9

10 Le due imprese hanno effettivamente un incentivo a cooperare, come sembrerebbe a prima vista, dato che possono realizzare profitti maggiori rispetto a quelli che ottengono non cooperando (ossia nella situazione dell equilibrio di Cournot)? Per rispondere a questa domanda è necessario considerare se la collusione rappresenta un equilibrio stabile. Bisogna quindi analizzare cosa succede al profitto dell impresa se essa, dopo avere stipulato un accordo collusivo con l impresa, decide di deviare da tale accordo, smettendo di cooperare, mentre l impresa continua rispettarlo. CO Se mentre continua a produrre l impresa devia, sceglierà lungo la sua funzione di reazione ( ) la quantità ottima da produrre per massimizzare i profitti, data la quantità di b collusione prodotta dall impresa rivale. 3 a C b. Inserendo nella funzione di domanda l offerta complessiva X mercato in questo caso: 5( ) P a-b ( ) + CO si ricava il prezzo di 3a 5C P + 8 Il profitto dell impresa, che devia cercando di ottenere il massimo profitto in modo non cooperativo mentre la rivale tiene fede al patto, sarà quindi pari a: P C 3a + 5C C al momento che: ( 3a + 5C ) C ) ( ( a C) > 7,b 6 CO ( ) 7,b l impresa deviando può ottenere un profitto maggiore di quello che otterrebbe se rispettasse l accordo di collusione stabilito con l impresa. E allora dimostrato che effettivamente esiste un incentivo a deviare per l impresa (e simmetricamente per l impresa ) e che dunque l equilibrio di collusione non è stabile. Qual è il profitto dell impresa B, nell ipotesi che venga tradita da A? 0

11 T 3a + 5C 8 ( ) ( 3a 3C) 8 C 3 3a + 5C C 8 6 ( ) 6 ( ) 0,7b E chiaro che: ( ) NC T <. 0,7b L impresa B pertanto teme che questo risultato possa verificarsi. Non conviene quindi nemmeno a lei cooperare. altra parte se l impresa A si attenesse in prima istanza all accordo collusivo, converrebbe a B romperlo, per ottenere profitti più alti. Per non cadere in questa trappola, ad A non conviene cooperare. Idem come sopra. Se questa è la logica che guida le imprese, non ci sarà cooperazione, e prevarrà l equilibrio di Cournot, che corrisponde ad una comportamento indipendente e non cooperativo da parte di entrambe le imprese. E chiaro che siamo nel contesto di un gioco del tipo dilemma del prigioniero. La strategia di non cooperazione è una strategia dominante e un equilibrio di Nash. Individualmente ogni impresa ha vantaggio nel non cooperare, anche se collettivamente le imprese stanno peggio non cooperando. Impresa B Coopera Non coopera Impresa A Coopera ; 0,7b ; 7,b Non coopera 7,b ; 0,7b ; Nella realtà, tuttavia, i cartelli esistono e le imprese oligopoliste colludono (anche se effettivamente queste alleanze non risultano stabili). Come spiegare questo fatto? Abbiamo visto che se il gioco è ripetuto (e percepito come tale dai giocatori-imprese oligopoliste) ed è possibile ai giocatori punire le mosse ostili del rivale (cioè le deviazioni dalla cooperazione) finisce col prevalere la cooperazione, in particolare la strategia migliore è occhio per occhio (tit for tat). Tale strategia, nel caso dell oligopolio, dà risultati positivi per le imprese oligopoliste (maggiori profitti), ma negativi per la società, in quanto i consumatori devono subire prezzi monopolistici e una restrizione dell offerta che comporta una perdita secca di benessere. Tuttavia in altri tipi di gioco, come per esempio la collaborazione o meno nella ricerca, la cooperazione può

12 essere positiva sia per le imprese che per la società, in quanto consente di risparmiare evitando costose duplicazioni di spese, che costituirebbero uno spreco sociale. A conclusione di questa breve trattazione dell oligopolio, si può affermare che la teoria economica non è in grado di prevedere quali saranno gli esiti del confronto tra gli attori. In altre parole, non è possibile prevedere quale tipo di gioco prevarrà. I modelli di teoria dei giochi servono come razionalizzazioni e-post di pattern di competizione effettivamente prodottisi nella storia dei diversi settori industriali caratterizzati dalla concorrenza tra pochi. Ma quale gioco si andrà a giocare? Nella realtà operano spinte divergenti, che portano ora in una direzione ora in un'altra. L orizzonte temporale può rivelarsi in una certa fase molto breve, in un'altra fase più ampio. Talora qualcuno riesce ad affermarsi come leader, grazie a costi più bassi o a una prima mossa favorevole, in altre circostanze le posizioni sono sostanzialmente simmetriche. L oligopolio può essere ristretto, o più allargato. Forse l unica previsione robusta è che all aumentare del numero degli attori l esito del confronto tra i produttori è più favorevole ai consumatori. In generale, compito dell analista sarà quello di tirar fuori dalla sua scatola di strumenti quelli più adatti ad interpretare la realtà.

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Oligopolio non cooperativo

Oligopolio non cooperativo Oligopolio non cooperativo Introduzione Gianmaria Martini La teoria dell'oligopolio non cooperativo studia l'interazione strategica tra imprese che hanno potere di mercato (sono quindi price maker), sono

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10 Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio Cap. 10 Fino a ora abbiamo considerato le variabili che potevano influenzare il comportamento degli individui dati loro obiettivi (max utilità

Dettagli

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Pagine di apertura VII XXII 26-05-2003 14:45 Pagina VII Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Capitolo 1 L economia di mercato

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta Capitolo 8 Il monopolio e la concorrenza imperfetta In alcuni casi, è ragionevole pensare che le imprese possano influenzare il prezzo Oppure, in alcuni casi è ragionevole aspettarsi che le imprese prendano

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE V LE FORME DI MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 1.1. Le

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.)

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) 1) Scrivete la funzione di profitto di un'impresa e definite i termini che la

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 10 Pensare in maniera strategica: l oligopolio La teoria dei giochi La teoria dei giochi non cooperativi offre gli strumenti matematici per analizzare situazioni in cui l utilità dei vari individui

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D Università Carlo Cattaneo - LIUC Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D 26 Novembre 2009 Informazioni generali Testo: Garavaglia C. (2006), Economia Industriale: Esercizi e Applicazioni, Carocci

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato Economia Politica Lezioni 12-16 Le forme di mercato Frank: Capitolo 11 (par. 1-9) Capitolo 12 (par. 1-9) Capitolo 13 (par 1-3; Appendice 13.2) Per esercitarsi: Capitolo 11: Domande 1,2,4,7-10, 12; Problemi

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Soluzioni del compito di Economia Industriale del 24/11/03

Soluzioni del compito di Economia Industriale del 24/11/03 Soluzioni del compito di Economia Industriale del 2/11/03 1. Esercizio. Le imprese Energia e Eléctricité des Alpes si suddividuono potenzialmente il mercato dell energia elettrica. La funzione di costo

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

7 a Esercitazione: testo

7 a Esercitazione: testo 7 a Esercitazione: testo A cura di Monica Bonacina Corso di Microeconomia A-K, a.a. 2012-2013 Questo eserciziario sostituisce gli esercizi di ne capitolo del vostro libro di testo. La struttura degli esercizi

Dettagli

Da Solow alla curva IS

Da Solow alla curva IS Da Solow alla curva IS Luigi Balletta, Salvatore Modica 30 giugno 2014 Indice 1 Dal lungo al breve periodo 1 2 Paradosso del risparmio 2 3 Risparmi e investimenti 3 4 Domanda eettiva 4 5 Spostamenti della

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Esercitazione 10 maggio 2016 (Viki Nellas)

Esercitazione 10 maggio 2016 (Viki Nellas) Esercitazione 10 maggio 2016 (Viki Nellas) Esercizio 1 Si consideri un duopolio in cui le imprese sono caratterizzate dalla seguente funzione di costo totale (identica per entrambe) Esse offrono un prodotto

Dettagli

Capitolo 9 Concorrenza perfetta

Capitolo 9 Concorrenza perfetta Capitolo 9 Concorrenza perfetta Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.9 McGraw-Hill, 2001 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO definire

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Pubblicità (Forma di investimento strategico) Introduzione L intensità

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 014-15 CL Economia e Commercio CL Scienze Statistiche Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

INTERAZIONE STRATEGICA: LA COMPETIZIONE DI PREZZO E IL PARADOSSO DI BERTRAND

INTERAZIONE STRATEGICA: LA COMPETIZIONE DI PREZZO E IL PARADOSSO DI BERTRAND INTERAZIONE STRATEGICA: LA COMPETIZIONE DI PREZZO E IL PARADOSSO DI BERTRAND ECONOMIA INDUSTRIALE UNIVERSITA Bicocca Christian Garavaglia - Maggio 2006 Caso Britannica-Encarta Fino ad inizi anni 90, i

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Esercizi per seconda prova parziale: impresa, oligopolio, monopolio, giochi

Esercizi per seconda prova parziale: impresa, oligopolio, monopolio, giochi Esercizi per seconda prova parziale: impresa, oligopolio, monopolio, giochi 1b. Un impresa concorrenziale ha una tecnologia con rendimenti di scala costanti. Ciò implica che il costo medio (AC) e marginale

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Funzionamento di un mercato ben organizzato Nel Pitgame i giocatori che hanno poche informazioni private interagiscono

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

Una tassonomia dei mercati

Una tassonomia dei mercati Monopolio capitolo 15 Una tassonomia dei mercati concorrenza perfetta monopolio oligopolio concorrenza monopolistica 1 Concorrenza perfetta tanti venditori, tanti compratori bene omogeneo (identico o perfettamente

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005 A Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES Istruzioni: rispondete alle domande segnando con una crocetta la lettera

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Teoria dei giochi Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Situazione strategica Sette persone si recano insieme al ristorante

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile Economia e Statistica Regionale Modelli teorici, modelli statistici ed evidenze empiriche Roberto Basile Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Economia Dispense preparate per il corso di

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 LA CONCORRENZA DEI PREZZI Differenziazione/Oligopolio Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 4635 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 Economia industriale: Prof. Gianmaria Martini

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

CORSO DI ECONOMIA ESEMPI NUMERICI

CORSO DI ECONOMIA ESEMPI NUMERICI CORSO D ECONOMA ESEMP NUMERC Margherita Balconi e Roberto Fontana 1 TEORA DEL CONSUMATORE ESEMPO # 1 (con funzione di utilita Cobb-Douglas) Alessia ha 16 anni, e consuma esclusivamente libri (X) e concerti

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli