Nei borghi antichi la storia è vita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nei borghi antichi la storia è vita"

Transcript

1 PROVINCIA DI ROMA Vittorio Emiliani Pino Coscetta Nei borghi antichi la storia è vita Foto Filippo Coscetta

2 PROVINCIA DI ROMA Presidente Nicola Zingaretti Assessore Politiche del Territorio e Tutela Ambientale Michele Civita Consigliere provinciale con delega alla Valorizzazione dei Centri Storici Giuseppe Lobefaro Organizzazione e realizzazione del progetto Associazione Culturale Isola dei Ragazzi Campagna radiofonica Agenzia Area Ideazione e testi Vittorio Emiliani e Pino Coscetta Fotografie Filippo Coscetta Progetto grafico Effeci

3 Provincia di Roma Vittorio Emiliani Pino Coscetta Nei borghi antichi la storia è vita Foto Filippo Coscetta

4

5 Indice>>>> Nicola Zingaretti... Prefazione Giuseppe Lobefaro... Rivivere il borgo, oggi Vittorio Emiliani... Trenta centri, mille storie Pino Coscetta... Affile... Allumiere... Anguillara Sabazia... Anticoli Corrado... Arsoli... Artena... Camerata Nuova... Canale Monterano... Carpineto Romano... Castel Madama... Castel San Pietro Romano... Cervara di Roma... Gorga... Magliano Romano... Manziana... Marano Equo... Mazzano Romano... Monte Compatri... Montelanico... Olevano Romano... Pisoniano... Ponzano Romano... Rocca Canterano... Rocca di Cave... Rocca Priora... Sant'Oreste... Saracinesco... Segni... Tolfa... Torrita Tiberina... Biografie pag. 9 pag. 11 pag. 13 pag. 35 pag. 36 pag. 46 pag. 56 pag. 64 pag. 74 pag. 86 pag. 98 pag. 108 pag. 118 pag. 130 pag. 140 pag. 150 pag. 162 pag. 172 pag. 178 pag. 188 pag. 196 pag. 206 pag. 218 pag. 226 pag. 236 pag. 242 pag. 252 pag. 262 pag. 272 pag. 282 pag. 288 pag. 296 pag. 306 pag. 314

6 Provincia di Viterbo 6 1. Affile 2. Allumiere 3. Anguillara Sabazia 4. Anticoli Corrado 5. Arsoli 6. Artena 7. Camerata Nuova 8. Canale Monterano 9. Carpineto Romano 10. Castel Madama 11. Castel San Pietro Romano 12. Cervara di Roma 13. Gorga 14. Magliano Romano 15. Manziana 16. Marano Equo 17. Mazzano Romano 18. Monte Compatri 19. Montelanico 20. Olevano Romano 21. Pisoniano 22. Ponzano Romano 23. Rocca Canterano 24. Rocca di Cave 25. Rocca Priora 26. Sant'Oreste 27. Saracinesco 28. Segni 29. Tolfa 30. Torrita Tiberina

7 Provincia di Rieti Provincia dell Aquila Provincia di Frosinone Provincia di Latina Cartina base del Sistema Informativo Geografico della Provincia di Roma 7

8 8 Cervara di Roma

9 Un viaggio alla scoperta della bellezza di questo territorio. Perché la bellezza non va solo conosciuta e contemplata. Va anche svelata, coltivata, protetta. Penso alla bellezza di decine e decine di borghi e centri storici, all incredibile varietà di paesaggi, alla presenza di aree verdi e parchi naturali, alla naturale attrattiva del litorale romano. E penso all opportunità di sviluppo che da tutto questo può derivare. Parlare di bellezza può sembrare una facile suggestione. Ma è questo il compito di una buona amministrazione: valorizzare la bellezza e le potenzialità ancora inespresse del proprio territorio. Un compito assolutamente concreto e misurabile. Nicola Zingaretti (Presidente della Provincia di Roma) Dal discorso di insediamento in Consiglio Provinciale

10 10 Arsoli

11 Dal borgo al mondo di Giuseppe Lobefaro IComuni della Provincia di Roma non potevano non essere egemonizzati da un capoluogo così pesante, storicamente e politicamente. Per questo l Amministrazione Provinciale oggi, la Capitale Metropolitana domani, hanno fra i primi compiti quello di riequilibrare tale rapporto. Ma, per svolgere meglio questa funzione essenziale, hanno davvero bisogno di attuare uno dei detti più incisivi di Luigi Einaudi, grande economista e primo presidente della Repubblica: Conoscere per deliberare. Conoscere i Comuni della provincia romana, a cominciare da quelli più periferici, per lo più collinari e montani (come i primi 30 che abbiamo visitato), vuol dire raccogliere i dati fondamentali per disegnare la loro identità: storica, culturale, socio-economica, urbanistica, ambientale. Identità quanto mai importante oggi che siamo sempre più proiettati in una dimensione europea, internazionale, planetaria. Per la stessa Roma non è facile e però, guardando alle sue tradizioni cosmopolite, ci si riesce. Per questi Comuni è più difficile e però non meno necessario. Non per rinchiudersi poi in una identità provinciale o, addirittura, municipale, ma per stare meglio nel mondo. Dal borgo al mondo. Globale e Locale, Glocal. Grazie anche alle tecnologie in continuo sviluppo che dal più piccolo di questi Comuni consentono di navigare in internet facendo il giro del pianeta. E magari di telelavorare, di dar corso da casa, dall alto di quelle antiche mura, a occupazioni redditizie. Come stanno facendo coppie, gruppi, cooperative di giovani dai borghi dell Italia appenninica, senza più dover emigrare nelle sempre meno vivibili aree metropolitane. Magari promuovendo e vendendo così i prodotti tipici delle nostre colline e montagne tanto apprezzati nelle nostre grandi città e all estero: vino e olio d oliva di qualità, salumi pregiati, paste artigianali, conserve e composte di frutta biologica, formaggi genuini, erbe officinali, ecc. Già oggi questi borghi se ben conservati e restaurati sono apprezzati come residenze. Lo sarebbero di più se il sistema dei trasporti collettivi dell area romana fosse capillare ed efficiente. Già oggi questi borghi e i loro paesaggi sono apprezzati come luoghi di turismo naturalistico- 11

12 12 culturale e di soggiorno prolungato. Tutelare con attenzione il patrimonio di centri storici, rocche, abbazie, santuari, torri, e naturalmente di boschi italici, castagneti, uliveti e vigneti, non farli invadere dal cemento e dall asfalto, vuol dire dare basi serie alla riqualificazione e al rilancio di queste comunità, dalla Tolfa ai laghi settentrionali, alle valli del Tevere e dell Aniene, ai Monti Simbruini, ai Castelli, ai Monti Lepini. Fare sì che nei borghi antichi la storia torni ad essere vita quotidiana è una impresa entusiasmante.

13 Rivivere il borgo, oggi di Vittorio Emiliani Sarà stato il Eravamo impegnati in una campagna di rilevamento dei centri storici, delle torri, dei castelli, delle chiese, delle abbazie, dei boschi, dei dialetti, degli strumenti musicali antichi, del folklore e altro ancora sull Appennino bolognese. Una sera nella piazza del paese di Enzo Biagi, discutevamo dei risultati di quel censimento a tappeto operato risalendo la valle del Reno. C era molta gente. Ad un certo punto ad una ricercatrice scappò detto: E poi queste case di sasso sono tanto carine Si alzò un anziano del paese, emigrato a Bologna e tornato lassù per le vacanze, che ribatté: Saranno carine per voi di città. A noi ricordano la fame, il freddo, le malattie patite lì dentro. Preferiamo le case nuove dei geometri. In piazza scese un certo imbarazzo. Che si accrebbe quando un altro borghigiano, stavolta stanziale, enunciò questa sua verità: E come per le castagne: per voi cittadini sono buone. A noi fanno venire la nausea perché ci ricordano i tempi in cui mangiavamo solo castagne: pasta con la farina di castagne, pane di castagne e magari di ghiande, focacce e torte di castagne, il castagnaccio, un po d erba e quasi nient altro. Avevamo ragione noi e avevano ragione loro. Quel patrimonio di borghi e di boschi, magari di castagneti, dell Appennino andava sicuramente tutelato e non stravolto o manomesso. Ma bisognava farlo con attenzione, con sagacia, dotando di servizi igienici, di riscaldamento e di altro ancora quelle case di sasso altrimenti assai poco vivibili. Problemi che si sono posti lungo tutta la dorsale appenninica dove tanta storia è passata e dove, dagli anni 50 in qua, lo spopolamento, l abbandono è stato biblico. Con tanti ex contadini, taglialegna, boscaioli, muratori, artigiani finiti a popolare quartieri spesso per murati vivi, diceva sempre Antonio Cederna, delle periferie metropolitane, a cominciare da quelle romane. Oggi il vento sembra essere girato. Ciò che negli anni 70 pensavano (e pativano) gli ultimi abitanti rimasti su quelle colline e montagne, non lo pensano più, o quasi più, quanti risiedono oggi in quegli stessi borghi. Lo abbiamo constatato nel realizzare questa prima indagine-campione su 30 suoi Comuni, promossa dalla Provincia di Roma. Ci siamo resi via 13

14 14 via conto che tale ricerca andava incontro ad una domanda che nasce e sale dagli stessi residenti, a volte sparuti, di questi antichi abitati, per lo più cinti da mura: essi vogliono essere più conosciuti, più apprezzati, più considerati. Perché in questi borghi, in queste cittadine di collina e di montagna la storia è stata vita per secoli e secoli ed oggi, laddove, per decenni, hanno regnato l abbandono e la fuga, la storia torna ad essere vita e fra i residenti vecchi e nuovi riemerge e si rafforza una sorta di orgoglio borghigiano, un senso forte di appartenenza. Sentimenti che ci fanno pensare (o illudere? spero di no) che il peggio sia passato e che sia già cominciato un nuovo ciclo vitale. Per decenni, dopo l Unità d Italia, su queste alture della Provincia di Roma, che vanno dalla Maremma laziale alla zona settentrionale dei laghi, ai Monti Simbruini e Prenestini, ai Castelli e ai Monti Lepini, la popolazione ha tenuto. Fra il 1871 e il 1911 un solo Comune di questi trenta ha perso abitanti, una decina in tutto per la verità: Gorga sceso da 972 a 961. Nel mezzo secolo successivo hanno visto crescere la loro popolazione i Comuni più vicini a Roma come Anguillara Sabazia, Artena, Rocca Priora, Monte Compatri, Segni, Castel Madama, Olevano Romano, ecc. Per contro hanno conosciuto uno spopolamento sempre più accentuato i Comuni più alti e più lontani: Anticoli Corrado, Saracinesco, Castel San Pietro Romano, Marano Equo, Rocca Canterano, Cervara di Roma, Camerata Nuova. Una divaricazione accentuatasi nell ultimo mezzo secolo portando, ad esempio, a quasi gli abitanti di Anguillara Sabazia, a quelli di Artena, a quelli di Rocca Priora seguita da Monte Compatri (10.424). Mentre a poche centinaia, addirittura fra i 480 e i 165, si riducevano i residenti di Cervara, Camerata Nuova, Rocca di Cave, Rocca Canterano e, da ultimo, Saracinesco. Con problemi di crescita, quindi di sviluppo edilizio eccessivo e disordinato, di traffico e di parcheggi, di servizi sociali i primi verso i quali si è diretta l emigrazione di giovani coppie, di stranieri in possesso di un primo reddito, che nell area di Roma non trovavano case a prezzi o a fitti sostenibili. Con problemi di impoverimento, di invecchiamento della popolazione, di sopravvivenza i secondi peraltro circondati da una natura presso che intatta e quindi meta stagionale per molti romani. Ecco, i punti focali del nostro primo lavoro di rilevamento fotografico e documentale sono questi: 1) diventare tutti più consapevoli gli abitanti vecchi e nuovi, i residenti anche stagionali e naturalmente i politici dello straordinario valore di questi territori collinari e montani, di

15 questi paesaggi così diversi fra loro, di questi borghi e città storiche che formano una trama unica forse al mondo; 2) sulla base di questa accresciuta consapevolezza studiare e realizzare una pianificazione territoriale e paesaggistica che difenda tale patrimonio insidiato dalla trascuratezza, dalla disattenzione, dalla speculazione edilizia e non solo (si pensi, per esempio, alle cave, legali e abusive, o allo scasso e all inquinamento dei corsi d acqua); 3) studiare e realizzare finalmente una politica dei trasporti degna di una regione europea avanzata e che non continui a poggiare sull uso indiscriminato del mezzo privato o comunque di una motorizzazione spinta all eccesso. Pochi sanno che nel rapporto auto/abitanti l Italia batte sonoramente tutte le nazioni di più antico sviluppo industriale e terziario dove le auto sono, a volte, di un 30 per cento inferiori di numero alle nostre. Mentre noi risultiamo, all opposto, ultimi per rete ferroviaria, soprattutto per quella minore che costituisce invece la leva fondamentale di ogni buona politica urbanistica. I collegamenti su rotaia di Roma col suo intorno, a parte il raddoppio della linea per Viterbo fino a Cesano, sono vecchi e deboli, a volte inesistenti. Al contrario nelle stazioni delle maggiori città tedesche tutte, tranne Berlino (dove si sono riunificate due capitali), tenute sul milione di abitanti o poco oltre i trasporti su ferro nazionali, regionali, locali e cittadini sono perfettamente integrati, su diversi livelli. Con un sistema ferroviario che serve così la città-regione in modo capillare, ad Amburgo come a Monaco di Baviera, al nord come al sud. Il primo punto è dunque divenire tutti quanti più consapevoli delle ricchezze ereditate dal passato, vicino e lontano, spesso remoto, per studiare insieme come conservarlo, tutelarlo e valorizzarlo meglio. Facendo anzitutto circolare le notizie, i dati di fatto, le opportunità. Siamo nella Provincia di Roma la quale appare la più omogenea, in fondo, in una regione come il Lazio costruita invece a tavolino negli anni 20 del 900. La Provincia di Roma corrisponde infatti, largamente, a quella che storicamente è stata l area di Roma stessa. La cui opulenza in antico era tale per cui ville e castelli di famiglie nobiliari e cardinalizie andavano oltre, soprattutto a nord, verso la Tuscia, questi confini oggi provinciali. Crediamo che fare il punto come abbiamo cominciato a fare con questi primi 30 Comuni sul patrimonio di centri storici, anzitutto, sia decisamente utile per il futuro, nel breve e nel medio periodo. Ma questo discorso dobbiamo collocarlo nel contesto regionale e nazionale. E un dato ricorrente nel patrimonio, in sé straordinario, del nostro Paese: sono ben , secondo un ancora recente indagine 15

16 16 Istat i centri storici di ogni dimensione, da Roma a Cervara di Roma. Di essi circa 900 sono i più importanti, quasi sempre di una bellezza, nonostante tutto, da stordire, circa quelli minori (non per la loro attrattiva spesso formidabile, da Ariccia a Pienza, da Sabbioneta a Martina Franca) e ben i nuclei abitati che sono frazioni, villaggi, borghetti, nuclei isolati, ecc. La maggior parte di tali insediamenti abitativi si trova nell Italia del Nord (circa il 62 per cento) poiché soprattutto Lombardia e Piemonte registrano, dal Medio Evo, moltissimi Comuni e quindi una autentica polverizzazione degli insediamenti residenziali. Non solo: sono pure due regioni prealpine e alpine dove i micro-comuni risultano nettamente prevalenti. Il più piccolo Comune d Italia, Morterone con appena 33 abitanti, si trova a più di 1000 metri di altitudine in provincia di Lecco. Tuttavia anche in pianura vi sono Comuni di poche decine di abitanti, per esempio Maccastorna in provincia di Lodi: 69, di cui 14 immigrati. Un grande capitale, sino a ieri integro, costituito dal palinsesto che legava il paesaggio, per lo più agrario e agro-silvo-pastorale, e gli abitati antichi, grandi, medi, piccoli e minimi. Di essi almeno un migliaio di straordinaria bellezza. Una rete preziosa di centri che risalgono agli Etruschi, ai Greci e ai Romani (ben Comuni hanno questa origine, mentre altri risultano fondati fra l 800 dopo Cristo e il 1300) Eppure in Italia il dibattito sulla conservazione, sulla tutela attiva di questo tesoro diffuso appare ora flebile e arretrato. E invece, proprio nel Bel Paese o in quanto resta di esso, non possiamo e non dobbiamo assolutamente rassegnarci a tanta rovina, frutto della più incolta speculazione, di una finta modernità, in realtà tutta affaristica, ma, qualche volta, frutto anche di pura imbecillità, comunque di una visione dissipatrice di quel patrimonio di tutti rappresentato dall ambiente e dalla storia. Una nuova barbarie. Purtroppo questo capitale lo abbiamo in parte dissipato nel 900 e continuiamo ad impoverirlo. Nonostante che la popolazione italiana cresca ormai poco e soltanto per immigrazione. Nonostante che lo stock di abitazioni sia enormemente aumentato (oltre 130 milioni di vani), sia pure nel modo più squilibrato. Nonostante che gli alloggi vuoti o precariamente utilizzati siano centinaia e centinaia di migliaia, soltanto a Roma (e non si tratta unicamente di seconde o terze case). Una duplice dissipazione. Da una parte, constatiamo di continuo che le città edificate fino agli anni del Novecento sono sempre meno abitate in modo stabile, con numerosi vuoti o con utilizzazioni saltuarie, maga-

17 ri molto redditizie come le camere o i letti dati in affitto a studenti universitari fuori sede. Dall altra, tocchiamo con mano una crescita continua di nuovi quartieri, di centri commerciali, di multisala, di vere e proprie cattedrali dell iperconsumo, che condannano gli italiani a spostarsi di continuo in automobile e che agiscono pesantemente sulle stesse città vecchie che così perdono di continuo negozi (alimentari anzitutto), sale cinematografiche, e altro. Entrando in una sorta di cortocircuito che produce, alla fine, un generale black-out. Ma con alcuni dati in controtendenza rispetto a anni fa: la montagna si spopola ancora ma assai poco, la collina tende a ripopolarsi, aumenta peraltro il pendolarismo automobilistico (i treni locali sono purtroppo sporchi, lenti e con poche corse). Nel 2003 il Censis fondato e presieduto da Giuseppe De Rita ha svolto una interessante indagine campionaria sulla considerazione che hanno gli italiani del cosiddetto patrimonio storico minore, quello in cui rientrano i borghi storici dei quali ci stiamo occupando. Il primo dato che salta agli occhi è questo: gli italiani, in generale, amano i centri antichi, anche quelli minori, c è una maggioranza di loro che li ha visitati, spesso o a volte. Soprattutto nel Centro, cioè fra Toscana, Marche, Umbria e Lazio. Toscani, marchigiani, umbri e laziali hanno visitato i piccoli centri antichi spesso (29,4 per cento) o a volte (37,6 per cento). Una certa quota di loro vi ha soggiornato soprattutto negli agriturismo (risorsa crescente purché siano legati ad aziende agricole vere), in alberghi ricavati da edifici storici o in alloggi di proprietà. Altro dato importante per i sindaci e per gli amministratori di questi nostri borghi della Provincia di Roma: un 36 per cento degli intervistati risponde di sì in modo incondizionato alla prospettiva di soggiornare in un edificio storico ( Una opportunità che cercherei comunque di cogliere ). Naturalmente la propensione ad abitare la storia, come ormai si dice, cresce col crescere del reddito e soprattutto dell istruzione. Per l acquisto di un immobile collocato in un edificio storico i più positivi sono i giovani che dicono senz altro di sì al 61,6 per cento. Una quota che diminuisce col crescere dell età: gli anziani sono quelli che ricordano case antiche ricche di disagi, piene di spifferi gelati, umide, non risanate. Importante: soltanto una percentuale minima, neppure il 5 per cento degli intervistati, giudica negativamente la possibilità di acquistare un alloggio antico per via dei vincoli che inevitabilmente graverebbero sull immobile. Anche questo concorre a sfatare radicati luoghi comuni dimostrando che l italiano medio si è evoluto. Gli italiani 17

18 18 più desiderosi di abitare la storia sono quelli delle regioni del Centro in cui ricade il Lazio e del Mezzogiorno. Ma perché essi ritengono che lo Stato, le Regioni, i Comuni o le Province debbano investire maggiori somme nel recupero/restauro dei centri storici minori? La stragrande maggioranza di essi, addirittura l 85,5 per cento, risponde di sì perché rappresenta una ricchezza nazionale. Di più: una percentuale molto elevata, il 52 per cento, pensa che i vincoli delle Soprintendenze competenti debbano essere identici a quelli apposti sulle opere di maggior valore. Anni fa non sarebbe successo. Per decenni gli italiani consideravano importanti soltanto i monumenti, anzi i grandi monumenti e ritenevano che i proprietari di edifici antichi di tipo popolare potessero fare i loro comodi, abbattendoli, sventrandoli, stravolgendoli. Fra l altro, circa un 1/3 degli interrogati si spinge a dire che l opera di controllo delle Soprintendenze è adeguata o che dovrebbe essere anche più rigorosa al fine di impedire comportamenti scorretti. Tutto ciò fa capire che, malgrado tutto, una cultura della tutela ha fatto passi avanti. Noi ci auguriamo che gli abitanti di questi 30 Comuni della Provincia di Roma (circa agli ultimi rilevamenti) e i loro amministratori si rendano meglio conto, vedendo ora le fotografie dei loro borghi e centri storici, leggendo la documentazione storica e antropologica, di aver ereditato un patrimonio storico-artistico e paesaggistico quasi sempre di prim ordine e che tutelarlo in modo adeguato, arrestarne il degrado (quando c è), recuperarlo soprattutto a fini residenziali (come prima casa anzitutto) sia fondamentale. Per sé, per la propria famiglia, per gli altri. Perché questi centri sono stati creati nei secoli davvero a misura d uomo e, una volta dotati di servizi moderni (in modo sobrio), possono davvero essere abitati con agio e soddisfazione. Insomma, siamo convinti che sia diventata inattuale la risposta data a noi, nel 70, al paese di Enzo Biagi sull Appennino bolognese da quell anziano sulle case di sasso ricordate soprattutto per il freddo, la fame, le malattie. Per non parlare delle castagne tornate ad essere buone, per tutti, con una infinità di sagre paesane. Nel Lazio sono tanti i siti archeologici che, almeno in parte, ci ricordano le origini dei suoi 378 Comuni e delle numerose loro frazioni. La ricerca condotta nel 1996 da Daniela Primicerio (2) ci dice che essi sono ben 457 fra necropoli, ville, mausolei, sepolcreti, anfiteatri, ipogei, mura, ecc. mentre i musei archeologici o misti (archeologia e arte) risultano sulla novantina nella regione. Ovvio che in essa Roma faccia la parte del

19 leone, e però anche nel territorio esterno alla capitale vi sono molte tracce di quei remoti insediamenti storici e numerosi musei attrezzati. Erano allora oltre 200 i siti o i monumenti archeologici della Provincia escludendo ovviamente quelli romani che nel 96 risultavano (e sono sicuramente aumentati) 148. Nei 30 Comuni interessati a questa ricerca ritroviamo questo elenco interessante, oggi da allargare tuttavia: Allumiere: resti di un abitato proto-villanoviano (prima età del ferro) e necropoli. Anguillara Sabazia: resti di ville romane. Artena: mura ciclopiche e ruderi di ville romane. Canale Monterano: necropoli. Montecompatri: area archeologica di Gabii e necropoli dell età del ferro. Rocca di Papa: Necropoli di San Lorenzo Vecchio. Segni: area archeologica di Signia, Mura, Acropoli, Tempio e Cisterna. Tolfa: area archeologica etrusca Grotte Pinza, Area etrusca di Monte Pizzone; Area etrusca di Pian Cisterna; Area etrusco-romana Bagnarello; Necropoli di Ferrone; Necropoli di Pian Conserva; Necropoli di Pian Li Santi; Necropoli di San Pietro; Resti delle Terme di Stigliano; Resti di Santuario; Viadotto del Ponte del Diavolo presso Stigliano; Villa Romana. Ma altri ritrovamenti sono avvenuti in questi ultimi anni. Aggiungerei i tratti di mura pre-romane ad Affile, i ruderi di ville romane nella già citata Artena, le vasche termali e i ruderi di ville romane a Marano Equo, i resti di case romane pure a Pisoniano. A Gabii (Osteria dell Osa), nel Comune di Monte Compatri sulla Via Prenestina, è stata portata alla luce una vera e propria città reale - ne ha scritto un maestro dell archeologia come Mario Torelli (3) - poi rapidamente decaduta. La leggenda vuole che il pastore Faustolo mandasse a studiare i gemelli Romolo e Remo da lui raccolti sulla riva del Tevere proprio a Gabii. Coincidenza interessante: proprio a Gabii sulla via Prenestina è stato ritrovato nel 1990 un vaso arcaico con una scritta in lingua greca e, secondo Adriano La Regina che lo presentò all epoca, esso dimostra che la lingua greca arrivava a Roma anche da est e non soltanto dalle colonie campane. Mi sono dilungato per dimostrare con qualche esempio quanto ricca sia stata e sia la trama dei centri urbani ed extra-urbani o degli insediamenti di primigenie tribù nell intorno di Roma. Un patrimonio di valore eccezionale che le ricerche sono destinate ad incrementare (se verranno, s intende, debitamente finanziate proteggendo poi in modo adeguato gli scavi) e che deve stare a cuore agli amministratori provinciali e comunali 19

20 20 poiché da lì viene la nostra storia, sovente ancora da raccontare, e da lì possono venire i benefici di un turismo culturale, interno e ancor più internazionale, che rappresenta una delle maggiori risorse, se ben organizzato, per il prossimo futuro. Pochi sanno che l uomo di Neanderthal popolava diffusamente le fertili colline del comprensorio dei Castelli e che tribù dedite alla caccia e alla pastorizia si sono insediate stabilmente nelle valli del Tevere e dell Aniene, sui primi contrafforti dei Castelli, alla Tolfa (si veda infatti il numero dei siti presenti), a Monte Ravello e così via. Mentre i primi Latini occupano il territorio che va da Castel Gandolfo, Albano e Grottaferrata a Monte Compatri così ricca di storia. Del resto nell ultimo mezzo secolo gli studi e gli scavi hanno consentito di dare il giusto rilievo all influenza diretta del patriziato etrusco nella costruzione e gestione dell Urbs romana con alcuni re di origine tarquinate. In effetti nei territori che stiamo esaminando e che abbiamo fotografato e documentato s incrociano, convivono o confliggono per poi fondersi gradualmente, nel tempo, popolazioni assai diverse per origine, cultura, costumi, tradizioni. Le invasioni barbariche con gli eserciti diretti al cuore di Roma, l impaludamento delle campagne susseguente all abbandono delle colture (a cominciare dal mitico Agro romano, fino al mar Tirreno) e quindi malattie endemiche come la malaria, consigliano agli abitanti dell intorno di Roma di attestarsi in alto e di creare borghi fortificati. Anche così nascono o rinascono quei centri che ancor oggi vediamo cinti da alte mura. Che servono a proteggersi dalle invasioni di popoli del Nord e dei Saraceni penetrati dal mare verso l interno prima dell anno Le stesse mura borghigiane, poi serviranno (quando serviranno) da difesa nelle guerre sanguinose combattute fra le famiglie più potenti di Roma o fra il papato e i signori ad esso alleati e altri eserciti stranieri calati in Italia. Ma sono tante le storie che ci raccontano questi centri storici della Provincia di Roma. Essi fanno poi tutt uno con un paesaggio di coltivi, di ultimi ulivi, poi di castagneti verso l alto e infine col bosco italico vario e ricco di essenze. Pino Coscetta ha redatto schede ampie, diffuse e molto curate su ognuno dei nostri Comuni che troverete di seguito in ordine alfabetico. Qui andiamo in rapido volo dal Nord-Ovest alto sul Tirreno della Maritima (poi Maremma, laziale) fino al Sud-Est dei Castelli e dei Monti Lepini. Allumiere dal nome che mescola l allume e le miniere conosce insediamenti preistorici sul 2000 a.c. e dell età del bronzo, ma è con gli

21 Etruschi che si afferma fra il Colle di Mezzo e la Bandita Grande per giungere alle fattorie rurali e alle rustiche ville romane. I suoi monti risultano tanto ricchi di flora e di fauna (ci vivono il gatto selvatico e la martora, il nibbio reale e il raro capo vaccaio, e vi è tornato, o rimasto, il lupo) da meritare la creazione di un area protetta di livello regionale. Tolfa è già viva nella prima età villanoviana che precede l insediamento degli Etruschi: ci sono infatti, prima delle tombe colorate di questi ultimi, quelle a tumulo coi muraglioni a secco dei loro predecessori. Coi Romani tanto intelligenti da sfruttare a fondo, più razionalmente, quegli insediamenti minerari e industriali. Il territorio dell auspicato Parco naturale della Tolfa affacciato sul mare parte dalla macchia mediterranea odorosa di mirti, corbezzoli, allori per giungere al bosco vero e proprio. Ma vi sono interessanti oliveti, vigneti, coltivazioni e pascoli per bestiame brado della rustica razza maremmana che, dagli esami recenti del Dna effettuati qui e in Anatolia, gli Etruschi si sarebbero portati da quelle terre lontane migrando verso Occidente. Andando a est, verso i laghi, ecco Canale Monterano: qui hanno lasciato tracce (raschiatoi, selci lavorate, asce primitive) progenitori remoti. Poi, Etruschi e Romani. Al tempo delle invasioni dette barbariche, dei Longobardi in specie, che dentro queste mura gli abitanti fuggiti dalle insicure campagne tirano su case, chiese, palazzi, al punto da meritarsi la sede vescovile. In questo Comune è stata opportunamente creata la Riserva Naturale Regionale di Monterano, oltre mille ettari di area protetta tra i monti quasi intatti della Tolfa e i monti Sabatini, ricca di torrenti e di flora particolare, come le orchidee spontanee per una trentina di varietà. A Manziana ci sono tutte le attrattive dell Appennino: la pietra antica, il Lapis Anitianus, una selva sacra (il Bosco di Macchia Grande) e la Caldara fumante, misteriosa e suggestiva, oltre a pascoli popolati di manzi ben nutriti. Anche qui Etruschi e poi Romani. Ma il sito proprio di Manziana rimonta al Medio Evo, al 1234 allorché viene riconosciuto il Castrum Sanctae Pupae che papa Niccolò IV attribuirà all Arcispedale di Santo Spirito in Saxia ad un passo da San Pietro, meta dei pellegrini francigeni. Siamo già in una zona ambita dalla speculazione edilizia e l ultimo lembo della Sylva Manthiana di oltre 500 ettari va difeso in ogni modo (ci sono erbe rarissime) insieme alla Caldara già riconosciuta quale monumento naturale. Sul Lago di Bracciano e vicino a quello intatto di Martignano sorge Anguillara Sabazia sulle cui sponde ci fu un villaggio remoto, almeno 21

22 anni prima dell era volgare. Ma c è una Villa Angularia di epoca romana (I secolo a.c.) i cui resti testimoniano del nome e della prima vita comunitaria di questo centro diventato una cittadina per la copiosa immigrazione dall area romana, con tutti i pericoli che ne conseguono per l integrità del paesaggio a difesa del quale si batté una donna straordinaria, Angela Zucconi (Terni 1914-Anguillara 2000), già alta dirigente dell Olivetti a Ivrea, direttrice di quei servizi sociali d avanguardia, e fondatrice nel 1980 del trimestrale La Tribuna del Lago protagonista di campagne memorabili. Quanto mai utili e necessarie, anche oggi. Ad Angela Zucconi è intitolata la Biblioteca Comunale di Anguillara Sabazia. Tutt intorno il Parco regionale dei laghi di Bracciano e Martignano, nato fra mille polemiche per gli appetiti incessanti di costruttori e cacciatori. Esso ricomprende anche le alture già montagnose incombenti sui laghi con estesi boschi di castagni, di faggi e di querce. Uno dei paesaggi più belli della Provincia di Roma, e non solo. Nella sub-regione caratterizzata dal passaggio della consolare Via Flaminia ecco, venendo da ovest, Magliano Romano terra dei Falisci, guerrieri e contadini, coi quali i Romani hanno rapporti difficili. Gli sviluppi sono soprattutto medioevali e sono al solito travagliati, fino a regalare a questo orgoglioso Comune la denominazione di Magliano Pecorareccio durata fino al Come tutti i centri storici posti su di una grande via di comunicazione Magliano Romano sconta invasioni, scorrerie (anche saracene), massacri. Esso rientra nel Parco Regionale di Vejo caratterizzato da zone di pascolo fra le più ridenti. Il Parco, ricco di boschi termofili ospita lecci e roverelle, poi aceri, cerri, carpini neri e bianchi, ornielli e altre numerose essenze. Da curare e conservare con la massima attenzione. Leggermente più a nord si offre Mazzano in pieno corso del fiume Treja, che nasce dal Monte Lagusiello sopra il Lago di Bracciano e confluisce poi nel Tevere. Vicina a Vejo, Mazzano partecipa di quella grande civiltà etrusca che tanti reperti e capolavori ha portato al Museo Etrusco di Villa Giulia Roma (si pensi soltanto all Apollo e all Hermes di Vejo). Zona di pascoli e di coltivi, viene potenziata dai Longobardi e poi da varie famiglie patrizie. Il suo centro storico fruisce dell ambiente circostante protetto dal Parco regionale della Valle del Treja creato nel 1982 ed esteso per un migliaia di ettari. Qui la vegetazione si fa fluviale, con ontani, salici bianchi e rossi monumentali, pioppi neri o pioppi lombardi, alti e sottili (si ritrovano infatti soltanto qui e in Lombardia, gli inglesi li hanno importati secoli fa col nome di lombard poplar,

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI LAUREA in LINGUE E CULTURE PER IL TURISMO TESI DI LAUREA IN LINGUA E TRADUZIONE FRANCESE LA GROTTA DI SAN MICHELE

Dettagli

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013 dettagliata del Programma delle Visite Guidate Maggio-Giugno 2013 12-5-13: La necropoli Etrusca di Cerveteri La necropoli etrusca di Cerveteri è sicuramente una delle antiche necropoli più estese al mondo.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 MISURA

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA

LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA Lo scenario di questo viaggio in bicicletta è la verde Valle Umbra, fertile e ricca d'acqua. In questa Valle, circondata da montagne e colline coperte da oliveti e vigneti,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LeMOBYGuide. Isola d Elba L oasi verde che glorifica Napoleone. Volume 4

LeMOBYGuide. Isola d Elba L oasi verde che glorifica Napoleone. Volume 4 LeMOBYGuide Isola d Elba L oasi verde che glorifica Napoleone Volume 4 Un territorio eterogeneo Maggiore isola del Parco Nazionale dell Arcipelago toscano, l Elba è uno scrigno di gioielli paesaggistici

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Da sasso a eremo di San Valentino

Da sasso a eremo di San Valentino Da sasso a eremo di San Valentino Escursioni e Trekking intorno al lago di Garda: all'eremo di San Valentino. Da Gargnano (m. 65 s.l.m.) o da Sasso (m. 546), in una balconata sul lago di garda. Tenendo

Dettagli

Viterbo. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia

Viterbo. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia Partendo dalla Chiesa di S. Maria delle Fortezze scendiamo verso Via Garibaldi e Via dei Mille, per proseguire per via della Verità, alla scoperta

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

GITE GIORNALIERE 2010

GITE GIORNALIERE 2010 ASSESSORATO TERZA ETA CONSULTA TERZA ETA GITE GIORNALIERE 2010 L Assessorato alla Terza Età in collaborazione con Turismovest nei mesi di luglio, agosto e settembre organizza le gite giornaliere rivolte

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Le richieste di accesso al sistema di agevolazione tariffaria potranno essere effettuate a partire dall 11 aprile e fino al 31 luglio.

Le richieste di accesso al sistema di agevolazione tariffaria potranno essere effettuate a partire dall 11 aprile e fino al 31 luglio. PROVINCIA DI ROMA Assessorato alle Politiche dei Trasporti e della Mobilità Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità Servizio 3 Pianificazione dei sistemi di mobilità e trasporto pubblico

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3436 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BALBONI, SPECCHIA, ZAPPACOSTA, MULAS, BATTAGLIA Antonio, TOFANI e MORSELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 MAGGIO

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea-arcore@libero.it Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza Sabato 27 ottobre

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870 Universita degli studi di Roma La Sapienza - Facolta di Architettura L. Quaroni Corso di Laurea Specialistica Quinquennale in Architettura UE Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA a.a. 2008/2009 II semestre

Dettagli

La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare

La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare Tre giorni a piedi nella Costa degli Etruschi. Dall elegante Campiglia Marittima si entra nel Parco di San Silvestro tra le antiche

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

Tour della Liguria e della Toscana

Tour della Liguria e della Toscana Tour della Liguria e della Toscana Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Itinerario di 7 notti attraverso le bellezze artistiche, naturali ed enogastronomiche del Lazio Grand Tour del Lazio Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Bonjour Italie:

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud ViaLucmagn 3 Le capre dell Alp Puzzetta 5 Scendendo verso Sommascona La Via Maestra, che porta dal monastero dei Benedettini di Disentis (GR) a Olivone

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Dipartimento VI Governo del territorio, della mobilità e della sicurezza stradale Direzione

Dipartimento VI Governo del territorio, della mobilità e della sicurezza stradale Direzione 1 Rocca di Papa 49 Riqualificazione parco Lendisberg Am Dech 2 San Vito 6 Opere di stabilizzazione e recupero della costa nord-est del centro storico 3 Marino 106 Marino - accessibilità 4 Nazzano 60 Riqualificazioni

Dettagli

Visitando l Ungheria

Visitando l Ungheria Pubblicato su www.camperweb.it Visitando l Ungheria dal 25/4 al 30/4/2013 25/4 Partenza da Verona in prima mattinata alla volta di SOPRON Ci beviamo 700 km e arriviamo intorno alle 17.30. In questa cittadina

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno POSIZIONI E CONFINI Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno PAESAGGIO Montuoso (41%) Collinare(50%) Pianeggiante(9%) Territorio montuoso pianeggiante collinare

Dettagli

Toscana: Monte Amiata

Toscana: Monte Amiata Toscana: Monte Amiata Considerata fin dai tempi degli Etruschi come montagna sacra, l Amiata con le sue rigogliose faggete, le rocche dalle forme inconsuete, le ricche e fresche sorgenti, le miniere, e

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/ FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo degli usi e costumi della gente trentina a colloquio con Giovanni Kezich http://www.museosanmichele.it/ Il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina

Dettagli

I. Turismo e vacanze in Italia

I. Turismo e vacanze in Italia I. Turismo e vacanze in Italia Ogni anno tantissimi turisti passano le loro vacanze in Italia. Che cosa attira questi turisti? Il clima temperato, le bellezze naturali, la ricchezza del patrimonio storico,

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri Milano 2 h 30 m Venezia 2 h 30 m Firenze 20 MIN Pisa H San Gimignano CHIANTI CLASSICO Arezzo Siena 30 MIN Toscana Roma 2 h 30 m SAN RAFFAELLO CASTELLO DEL NERO SAN LUIGI SAN MICHELE Composta da 300 ettari

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

Umbria Domus. Il Castello sul Lago. Agenzia Immobiliare. www.umbriadomus.it - info@umbriadomus.it. 430 mq 8 8. Castello di origine medievale.

Umbria Domus. Il Castello sul Lago. Agenzia Immobiliare. www.umbriadomus.it - info@umbriadomus.it. 430 mq 8 8. Castello di origine medievale. Umbria Domus Agenzia Immobiliare Il Castello sul Lago 430 mq 8 8 Tipologia: Contratto: Superficie: Castello di origine medievale Vendita circa 430 mq Piani: 3 Terreno: Piscina: Stato: 65.068 mq no Abitabile

Dettagli

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante:

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante: L UMBRIA L'Umbria è una regione dell'italia centrale, posizionata nel cuore della penisola. E una tra le più piccole regioni italiane e l'unica non situata ai confini, terrestri o marittimi, della nazione.

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

LA PROVENZA - SOSPESI FRA CIELO, TERRA E ACQUA

LA PROVENZA - SOSPESI FRA CIELO, TERRA E ACQUA LA PROVENZA - SOSPESI FRA CIELO, TERRA E ACQUA Sul sellino e sui binari fra cavalli, tori, fenicotteri immersi nei colori amati dai grandi pittori e negli odori delle piante aromatiche (ca. 305 km, percorso

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61.

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61. PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia San Benedetto Belbo altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel.

Dettagli

PUGLIA SU DUE RUOTE NEL CUORE DEL MEDITERRANEO FRA ULIVI SECOLARI E COSTE MOZZAFIATO

PUGLIA SU DUE RUOTE NEL CUORE DEL MEDITERRANEO FRA ULIVI SECOLARI E COSTE MOZZAFIATO VIAGGIO IN BICI PUGLIA SU DUE RUOTE NEL CUORE DEL MEDITERRANEO FRA ULIVI SECOLARI E COSTE MOZZAFIATO (ca. 305-320 km, 08 giorni / 07 notti; viaggio individuale) DESCRIZIONE Alla scoperta del Sud Est italiano.

Dettagli

Bacino Competenza Anguillara Sabazia, Bracciano, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano

Bacino Competenza Anguillara Sabazia, Bracciano, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano Centri per l impiego di Roma e provincia Albano Laziale - Centro per l'impiego di Albano Laziale Bacino Competenza Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Genzano di Roma, Nemi Via San Francesco, 28-00041,

Dettagli

Passeggiando per Genzano

Passeggiando per Genzano Passeggiando per Genzano Genzano di Roma è un comune di 24.397 abitanti della provincia di Roma nel Lazio ed è situato sul versante esterno del cratere vulcanico del lago di Nemi. ...Forno antichi sapori...

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "../Downloads/ ilquotidiano.it"ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Laura Torelli Supervisione

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Turismo Scolastico Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Parco Archeologico di Roselle e Museo Storico Archeologico della Maremma: Una delle più importanti città della Dodecapoli

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse

TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse Ore 14:00 Assegnazione alloggi PROGRAMMA Dalle ore 8:00 alle ore 9:00 Accoglienza e consegna pettorali

Dettagli

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO un viaggio a piedi di 7 giorni Nelle ombre delle dolomiti a sud delle Alpi si cammina nel centro dell Alto Adige. Tra Bressanone,

Dettagli

PER NOI, UN COLPO DI FULMINE VETRICHINA IL CASALE

PER NOI, UN COLPO DI FULMINE VETRICHINA IL CASALE IL CASALE VETRICHINA Gli attuali proprietari di Vetrichina, Enzo e Patrizia Gazzo, di origine ligure. In passato la dimora è stata un elegante relais. PER NOI, UN COLPO DI FULMINE 6 IL MIO CASALE Dalle

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

seguendo le orme lasciate da Carlo Levi con il suo libro CRISTO SI E FERMATO AD EBOLI

seguendo le orme lasciate da Carlo Levi con il suo libro CRISTO SI E FERMATO AD EBOLI ZIGZAGANDO TRA LA BASILICATA E LA CALABRIA seguendo le orme lasciate da Carlo Levi con il suo libro CRISTO SI E FERMATO AD EBOLI Carlo Levi, scrittore, pittore, medico attraverso quest'opera racconta la

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

Etruschi. Mostra Multimediale Itinerante

Etruschi. Mostra Multimediale Itinerante Etruschi Etruschi Tour Itinerante Etruschi 3D Bruxelles Ottobre 2010 - Aprile 2011 Trento Settembre 2011 - Gennaio 2012 Stockholm Gennaio 2012 - Maggio 2012 Etruschi in Europa 3D è la mostra multimediale

Dettagli

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA Quest anno devo dire che stiamo usando tanto la moto, soprattutto perché le temperature miti stanno lottando con l inverno

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

Geografia dell Italia

Geografia dell Italia Geografia dell Italia 1. L Italia è un paese del sud dell Europa e fa parte dell Unione Europea sin dall inizio (1957). La capitale è Roma. L Italia è una penisola circondata dal Mediterraneo su tre dei

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Matera, la Cappadocia d Italia (Basilicata)

Matera, la Cappadocia d Italia (Basilicata) Matera, la Cappadocia d Italia (Basilicata) Sab 7 - Ven 13 Maggio 7 giorni - 6 notti Ore di cammino giornaliere:4-6,30 Difficoltà: Punti forti: la città di pietra, il suggestivo canyon viaggio semi itinerante

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

I GIORNO: Ore 14.30 Arrivo e sistemazione presso la struttura alberghiera Hotel****Casarossa

I GIORNO: Ore 14.30 Arrivo e sistemazione presso la struttura alberghiera Hotel****Casarossa Fondata da coloni Greci provenienti dalla regione dell Acaia alla fine dell VIII secolo a.c., Crotone fu una delle più importanti città della Magna Grecia. Situata sul versante est della Calabria, più

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

ESCURSIONI AL CHIARO DI LUNA 2015

ESCURSIONI AL CHIARO DI LUNA 2015 ESCURSIONI AL CHIARO DI LUNA 2015 Quando il giorno sembra ormai volto al termine, quando tutto sembra tacere e scomparire nell oscurità, c è un mondo che si risveglia e che si anima sotto il cielo stellato

Dettagli

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie ITINERARIO 6 LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie LA BAIA DEL CIOLO La Baia del Ciolo è un piccolo fiordo molto frequentato durante il periodo estivo. Affacciandosi dall alto

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

Residenza Al Castello

Residenza Al Castello Nel centro storico di Bellinzona, capitale del Canton Ticino Residenza Al Castello Il fascino di vivere in centro Vendesi lussuosi attici e appartamenti, consegna aprile 2011 Affittasi 4800 m 2 spazi commerciali,

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi BOLOGNA Forma Urbis 3 conventi e borghi 1088 data convenzionale di fondazione dello Studio Bolognese Alma Mater Studiorum La presenza dello Studio richiama studenti dall Italia e da ogni parte d Europa

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

IL CUORE DELL ALTO ADIGE

IL CUORE DELL ALTO ADIGE IL CUORE DELL ALTO ADIGE LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO - AI PIEDI DELLE DOLOMITI (07 giorni / 06 notti, viaggio individuale) DESCRIZIONE Nelle ombre delle Dolomiti a sud delle Alpi si cammina

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

9. SCHEDE DEI PERCORSI SUB-AREA SANDONATESE

9. SCHEDE DEI PERCORSI SUB-AREA SANDONATESE 9. SCHEDE DEI PERCORSI SUB-AREA SANDONATESE Il progetto di fattibilità presenta 9 percorsi nella sub-area sandonatese: Percorso 1 Piave Vecchia e fiume Sile - Comune di Musile di Piave Percorso di completamento

Dettagli

GIR DISANT ITINERARIO NATURALISTICO STORICO E RELIGIOSO DEL MONTE CORNIZZOLO FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA 2012.

GIR DISANT ITINERARIO NATURALISTICO STORICO E RELIGIOSO DEL MONTE CORNIZZOLO FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA 2012. FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA 2012 GIR DISANT ITINERARIO NATURALISTICO STORICO E RELIGIOSO DEL MONTE CORNIZZOLO 23-24 Giugno 2012 Il GIR DI SANT è un percorso simbolico che riscopre e riafferma la testimonianza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI LINGUA CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO ALUNNO 1 PROVA DI COMPRENSIONE DEL TESTO Leggi

Dettagli