guida delle valli occitane della provincia di Cuneo NUOVO, DA SEMPRE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "guida delle valli occitane della provincia di Cuneo NUOVO, DA SEMPRE."

Transcript

1 guida delle valli occitane della provincia di Cuneo NUOVO, DA SEMPRE.

2 La linea verde delimita la parte del territorio che è di competenza dell A.T.L. del Cuneese.

3 SOMMARIO L Occitania pag. 3 Benvenuti nelle Valli Occitane della Provincia di Cuneo!» 4 L Occitania a piedi» 5 VALLI PO, BRONDA, INFERNOTTO» 6 I nomi del Monviso» 7 Dal Mombracco al Buco di Viso» 8 Alla scoperta dell alta valle» 9 Pittori in cammino» 10 Fede religiosa e leggende» 11 VAL VARAITA» 12 Artigianato solare» 13 Sotto il Colle dell Agnello» 14 Casteldelfino e il bosco dell Alevé» 15 Poesia e nastri colorati» 16 Gigli e delfini» 17 Mistà e danza» 18 I suoni della valle» 19 VAL MAIRA» 20 Un inglese a Dronero» 21 Grandi maestri» 22 I ciciu del Santo» 24 Musei di valle» 26 Nel paese di Matteo Olivero» 27 Mangiar d oc» 28 Uno spazio tutto occitano» 29 VALLE GRANA» 32 Formaggio Castelmagno» 33 Santuario di Castelmagno» 34 Novè» 36 Feste in Coumboscuro» 37 Sulle tracce di Pietro» 38 Caraglio: seta, musica e arte» 39 VALLE STURA» 42 Musei in quota» 43 Vinadio in movimento» 44 Frontiere di burro» 45 Memoria delle Alpi in guerra» 46 Le meraviglie di Pedona» 47 Percorsi letterari e leggende» 48

4 VALLE GESSO pag. 52 L orso e la segale» 53 Memorie reali a Valdieri ed Entracque» 54 Sulle tracce di lupi e gipeti» 57 Le Parlate, teatro d oc» 58 Gastronomia di valle» 59 Storie di pastori e migranti» 60 VAL VERMENAGNA» 62 I Forti di Tenda» 63 Ubi stabant cahtari» 64 Pinocchio a Vernante» 65 Il genio di Nòto e Jòrs» 66 Paglia poesia parole» 67 VALLI AI PIEDI DELLA BISALTA» 68 Stazioni botaniche» 69 La certosa nei boschi» 70 Collezione fotografica al Parco» 71 Uomini illustri di Peveragno» 72 Musica nuova con i Gai Saber» 73 VALLI DEL KYÉ» 74 Itinerario partigiano» 75 Montagne bucate e mestieri d un tempo» 76 L arte di Giovanni Mazzucco» 77 Civiltà e gusti dell alpe» 78 BRIGASCO» 80 Un santuario del neolitico» 81 Foreste e villaggi arcaici» 82 Paradiso di speleologi e botanici» 83 Indirizzi Utili» 84 Redazione dei testi: introduzione e Valli Po, Bronda, Infernotto, Valle Varaita, Valle Maira, Valle Gesso a cura di Leda Zocchi (Ass. Arealpina); Valle Stura, Valle Grana, Valle Vermenagna, Valli della Bisalta, Valli del Kyè, Valli del Brigasco a cura di Fredo Valla (Ass. Arealpina) Materiale fotografico: A.T.L. del Cuneese, C.M.Valli Po, Bronda, Infernotto, C.M.Valle Varaita, C.M. Valle Maira, C.M.Valle Stura, C.M. Valli Monregalesi, C.M. Alta Val Tanaro, Ass. Culturale Marcovaldo, Chambra d Oc, Coumboscuro Centre Prouvençal, Espaci Occitan, Parco Naturale Alpi Marittime, Parco Naturale Alta Valle Pesio e Tanaro,Terme di Vinadio, Tiziana Aimar, Elisa Bono, Massimiliano Fantino, Roberto Gaborin, Laura Martinelli, Daniela Salvestrin, Marco Toniolo Progetto grafico: Madisonadv - Cuneo - Stampa: TEC Arti Grafiche - Fossano

5 L Occitania L Occitania è uno dei più vasti spazi linguistici europei. Si estende su tre stati, Francia, Spagna, Italia, con una superficie di circa kmq e una popolazione che supera i 10 milioni di abitanti. In Italia, oltre che nelle Valli occitane piemontesi delle province di Cuneo e Torino, comunità occitane si trovano in Liguria, a Triora e Olivetta San Michele. Un isola linguistica occitana di antichissima emigrazione è in Calabria, a Guardia Piemontese. Il nome Occitania è molto antico: risale per lo meno al XIV secolo, citato in vari documenti. Nel medievo la poesia dei trovatori diede lustro alla lingua d oc, che ebbe prestigio anche fuori dal suo territorio: in Galizia, Catalunya, Italia, Germania, Ungheria. Dante Alighieri, ad esempio, l ebbe in grandissima stima: nel Convivio (I, 13) disquisisce sul prezioso parlare di Provenza e nella Divina Commedia (Purgatorio, Canto XXVI) usa l occitano per far parlare il trovatore Arnaud Daniel, definito il miglior fabbro del parlar materno. Nei tempi moderni, Frederi Mistral ( ), poeta provenzale, ottenne per la sua opera in occitano il Premio Nobel per la letteratura (1904).

6 Benvenuti nelle Valli Occitane della Provincia di Cuneo! Ci troviamo nell estremo lembo orientale dell Occitania, territorio linguistico che si colloca per la maggior parte nel sud della Francia e si estende fino alla piccola valle d Aran in Catalunya (Spagna). Qui da noi l Occitania, con le sue tredici valli in territorio piemontese, con il suo paesaggio aspro e montuoso, si differenzia dal resto del territorio occitano. Arrivando dalla pianura padana, le valli si aprono a ventaglio verso ovest: la corona di cime chiude l orizzonte tingendosi di un tenue rosa nelle prime luci del mattino e scomparendo in controluce nel cielo della sera. Rimaste poco accessibili per lungo tempo, le valli hanno sviluppato peculiarità proprie, tanto nella lingua quanto nelle tradizioni. Ma chi pensasse a questi luoghi come a dei mondi isolati sbaglia: sentieri e strade sono state percorse incessantemente, fin dal Medioevo, da un versante all altro, sia in quello che oggi è territorio italiano, sia verso il territorio francese. Prova ne sono la lingua d oc che accomuna queste genti, il lascito artistico dei pittori che vi hanno operato, i mestieri itineranti che portavano le genti dal mare Mediterraneo alla montagna, da una valle all altra, dalle montagne alla pianura padana e oltre. Le montagne richiedono un passo lento e costante nel risalire verso la cima. Così ci vuole pazienza per scoprire, nei villaggi, nelle frazioni, nelle vallette laterali, le bellezze di questo territorio che domanda di essere percorso senza fretta, con occhio attento e passo silenzioso per cogliere la natura del luogo e i segni dell uomo che ha cercato di viverci. Le tredici valli conservano un patrimonio di bellezze naturali, geologiche, di carsismi, di flora, di fauna, di cultura architettonica, musicale, letteraria, 4 5

7 di tradizioni culinarie. Purtroppo, a causa dello spopolamento vissuto dalla fine della seconda guerra mondiale in poi, il mantenimento di queste ricchezze è affidato a un numero fin troppo esiguo di persone. Spesso i prati lasciano il posto alla macchia, i caprioli e i cinghiali si riprendono il terreno destinato agli orti. Una nuova consapevolezza del rispetto e della tutela sia dell ambiente sia delle tradizioni ha fatto sì che venissero costituiti parchi naturali e che sorgessero musei del territorio per conservare la memoria di ciò che è stato e ribadire che la montagna è una ricchezza che non dobbiamo lasciarci sfuggire di mano. (Info: L Occitania a piedi Nel settembre 2008 è stato inaugurato un percorso in 60 tappe, denominato Occitania a pè. La partenza è da Vinadio in Valle Stura e l arrivo è alla Vielha in Val d Aran. L itinerario supera le Alpi e i Pirenei, si snoda per colline e valli, attraversa località storiche e trasmette l emozione della poesia dei trovatori e di una lingua che è patrimonio dell umanità (Info: La bandiera dell Occitania

8 Valli Po, Bronda, Infernotto La Valle Po è una delle più corte valli occitane. Collocata al centro del ventaglio che idealmente formano queste vallate, in poche decine di chilometri raggiunge i 3841 m.s.l.m. con la cima del Monviso che domina l orizzonte verso occidente. Si trova qui la parte più alta del Parco del Po Cuneese, posto a tutela delle sorgenti del Po e della flora e fauna caratteristiche dell ambiente montano, ma anche di quello umido, che con le torbiere caratterizza alcuni di questi alti pianori. Già in epoche remote la valle conobbe insediamenti, di cui rimangono ancora le incisioni rupestri che ci parlano di uomini e di donne in preghiera verso il sole, la luna, le stelle. Alcune delle più significative si trovano sul Mombracco, montagna dalla caratteristica forma arrotondata che chiude la vallata nella parte più bassa. Altre testimonianze (coppelle) si possono vedere sul versante opposto della valle a Bric Lombatera. Numerosi siti ci parlano della civiltà contadina e pastorale, delle lotte di religione che non risparmiarono neppure la valle Po, della devozione religiosa che ha lasciato piloni, cappelle e luoghi di culto nei punti più belli della valle, come il santuario di San Chiaffredo. Il monachesimo medievale in Valle Po ha due siti di notevole pregio a Staffarda e Rifreddo. La storia ha segnato questi luoghi anche in epoche più recenti, ai tempi della guerra partigiana, che in Valle Infernotto e in alta Valle Po iniziò subito dopo l 8 settembre Alcuni dei sentieri percorribili ancor oggi sono stati utilizzati dai partigiani, come in precedenza dalle carovane del sale, dagli emigranti, dai pellegrini e dai cavatori di pietre. 6 7

9 I nomi del Monviso Il Monviso ha sempre suscitato nelle genti che lo hanno ammirato da lontano e da vicino un certo reverenziale timore, tanto che gli antichi lo credevano la montagna più alta del mondo. Viene citato da Virgilio nell Eneide, come Vesulus. Anche Dante, Petrarca e Leonardo da Vinci ci raccontano la meraviglia che suscitava il Monviso. G. Chaucer lo citò nei Racconti di Canterbury e Stendhal ne La Certosa di Parma. Il Monviso fu scalato per la prima volta dall inglese Matthews nel 1861 e nel 1863 da Quintino Sella che qui decise di fondare il C.A.I. Oggi nuovi orizzonti per un turismo a misura d uomo nascono dalla riproposta degli antichi sentieri che attraversano boschi e borgate, che uniscono pascoli e baite: Orizzonte Monviso è un percorso ad anello nell Alta Valle Po con deviazioni per scoprire realtà storiche e artistiche nascoste. (Info: Ufficio Turistico Valle Po / Comunità Montana Il Monviso

10 Dal Mombracco al Buco di Viso Si accede al Mombracco dai comuni di Sanfront, Rifreddo, Paesana, Barge, Envie, Revello. Questa particolare formazione geologica dalla forma a cupola che la caratterizza è chiamata anche Montagna di Leonardo perché il genio italiano parlò con ammirazione delle sue cave di pietra. Ancora oggi la montagna è sfruttata per la sua famosa quarzite rosa, di cui si può vedere l estrazione sulla cima. Un percorso ad anello, denominato Sentiero di Leonardo, permette di ritrovare su alcuni massi a mezza costa, che dominano la vallata, incisioni e coppelle preistoriche. Infatti il Mombracco è stato abitato fin dal neolitico, anche per la presenza di grotte e ripari sotto roccia che offrirono rifugio ai pastori ed alle loro famiglie. L ultimo di questi ripari, abitato fino agli anni 60 del secolo scorso, è Balma Boves, nel comune di Sanfront,le cui case sono state da poco trasformate in museo del territorio. Qui sono conservati attrezzi e strumenti utilizzati dalla civiltà contadina che viveva di pastorizia e castagne, con piccoli orti sui pendii digradanti (Info: Risalendo la valle si costeggia il Po, che qui scorre ancora impetuoso e riceve il suo primo affluente, il Lenta, che scende da Oncino.Si giunge così all ultimo paese della valle: Crissolo. Una strada a tornanti (parzialmente chiusa d estate per evitare l eccesso di veicoli nell alta parte del Parco del Po e percorribile con un comodo bus navetta) conduce fino a Pian del Re. Qui si allarga la torbiera in cui il Po, uscito da sotto uno degli enormi massi scesi dal Monviso, percorre i suoi primi metri e dove vive la salamandra nera, simbolo di questo territorio. Da Pian del Re numerosi sentieri conducono sulle cime circostanti: il Monviso, Punta Roma, Punta Udine e Granero e ai laghi che si estendono ai loro piedi. Incamminandosi da Pian del Re, un sentiero porta al Buco di Viso, primo tunnel delle Alpi, risalente al 1478 quando il Marchese di Saluzzo per potenziare il commercio del sale che arrivava dal delta del Rodano, decise di facilitare il percorso alle carovane e di creare un passaggio più sicuro e più breve sotto il Colle delle Traversette. In pochi anni il tunnel fu ultimato. Purtroppo la decadenza del Marchesato e gli inverni più rigidi dei secoli seguenti resero meno frequentato il Buco di Viso che solo recentemente è stato riaperto al passaggio, seppur in parte difficoltoso sul lato francese a causa di una frana non completamente rimossa. 8 9

11 Alla scoperta dell alta valle A Crissolo sorge il Santuario di San Chiaffredo, in occitano Chafre, Jaufre nel medioevo. La festa del santo si celebra a settembre. La tradizione identifica Chiaffredo con un soldato romano della Legione Tebea, come i commilitoni Maurizio, Magno, Ponzio, Dalmazzo, Costanzo, Mauro, Pancrazio, santi tipici della montagna occitana. Alcuni fuggirono verso le valli del Monviso, dove Chiaffredo, inseguito dai pagani, fu martirizzato. I numerosi ex voto esposti nel santuario raccontano guerre, dolori e speranze del popolo di queste montagne. Il ciclo della vita, il lavoro dei campi, la stalla, la scuola, le tradizioni sono illustrati nel Civico Museo Etnografico di Ostana (Info: Comune di Ostana con attrezzi, oggetti, ricostruzioni di ambienti e fotografie con didascalie in occitano e italiano. Da non perdere, in giugno, la presentazione dei quaderni tematici del Museo, a cura dell Associazione I Rënéis. A Ostana fervono iniziative comunitarie: feste campestri, canti corali, concorsi di letteratura, raduni di alpini, mostre fotografiche e cura dell ambiente. Un lavoro attento ha trasformato il paese in un laboratorio di architettura alpina e per queste caratteristiche Ostana ha ricevuto il riconoscimento per I Borghi più belli d Italia. Sulla destra dell asse vallivo, Oncino è stato per secoli il comune più importante dell alta valle, grazie ai pascoli e all abbondanza di bovini. Nel medioevo i monaci di Staffarda vi portavano le mandrie a pascolare. Presso il lago dell Alpetto sorse il primo rifugio del Club Alpino Italiano, oggi affiancato da un nuovo edificio. Sui crinali c è il Buco delle Fantine, fate piccole e pelose, ma operose e pulitissime, che al mattino facevano il bucato e i montanari, dalle case, vedevano i loro panni stesi ad asciugare. Da Oncino partono numerosi sentieri che oltrepassano il crinale verso la Valle Varaita.

12 Pittori in cammino Paesi e borgate della Valle Po nascondono piccoli tesori di arte popolare. Un artista originale operò fra Settecento e Ottocento: si firmava Giors Boneto pitore di Paizana, dal nome del suo paese natale. Fu pittore itinerante, esponente di quella schiera di artisti contadini che affrescavano soggetti sacri sui piloni e sulle facciate delle case in cambio di pochi denari, sovente della sola ospitalità. Giors Boneto dipinse dalla natia Valle Po fino alle pendici della Bisalta. Profonda fu la sua conoscenza della tecnica dell affresco che si accompagnava alla vastità dei soggetti: santi, Madonne, Cristo in croce, deposizioni, cherubini, serafini Il suo stile naïf, ma personale, è riconoscibile a distanza di secoli. In Alta Valle, opere di Boneto si possono vedere a Crissolo, Oncino, Ostana e Paesana: 44 affreschi firmati o attribuiti a partire dal E ancora più numerose sono le opere reperibili nella bassa valle Po e nelle vicine Varaita e Maira. Dobbiamo allo studioso Gianni Aimar, il censimento e la catalogazione del lavoro di questo artista. Pittore di buona scuola accademica fu invece Giovanni Borgna Netu ( ). A Martiniana Po si trovano la casa natale, con lapide celebrativa sulla facciata, e la tomba di famiglia da lui stesso affrescata. Cresciuto sui banchi dell Accademia delle Belle Arti di Torino, Borgna affrontò cicli di affreschi complessi e impegnativi in cappelle e chiese delle valli, della pianura vicina, fino al ponente ligure. In valle Po, la sua opera si può ammirare a Pratoguglielmo, Paesana, Sanfront, Envie, Calcinere, Rocchetta. Scorrendo l elenco delle località e delle opere dipinte nella sua breve carriera si rimane meravigliati dall attività frenetica del pittore: sono più di quaranta i luoghi delle province di Cuneo, Imperia, Savona,Torino e Asti che conservano affreschi dell artista

13 Fede religiosa e leggende Staffarda, Rifreddo, Revello e Barge furono sede di abbazie che oggi sono tra i monumenti medievali di maggior rilievo e la cui visita ci trasporta nell epoca d oro del Marchesato di Saluzzo. Ancor più antico è il Monastero di Pagno, fondato dai Longobardi, asilo di Beatrice, figlia del re Desiderio. Per lei i monaci dettarono un epigrafe ispirata ai versi di Virgilio. L importanza di Pagno venne meno nell 825 quando l abbazia fu affidata all abate valsusino della Novalesa. Dopo il mille, al termine delle scorrerie saracene, la famiglia marchionale contribuì alla fondazione di nuovi centri monastici. Nel XII secolo Manfredo I di Saluzzo chiamò i cistercensi a Staffarda, tra Saluzzo e Revello. L abbazia crebbe in possedimenti: un inventario della seconda metà del XII secolo rivela la consistenza del suo scriptorium, comprendente importanti codici miniati. In seguito i marchesi patrocinarono la creazione a Rifreddo del Monastero femminile di Santa Maria della Stella, di cui sono visibili la facciata della chiesa e alcuni muri con pregevoli manufatti in terracotta. A Revello, nel 1291, Tommaso I di Saluzzo e la moglie Aloisia di Ceva istituirono il Monastero delle Domenicane di Santa Maria Nova. Un monastero (il Convento della Trappa) sorse nel XIII secolo ad opera dei Certosini sul Mombracco. Oggi l eredità delle abbazie del Marchesato è raccolta dal nuovo Monastero Cistercense di Pra d Mill, immerso nei boschi di castagni sulle montagne di Bagnolo Piemonte (Info: La cristianizzazione del territorio, così evidente in chiese, cappelle e centri monastici, cela credenze più arcaiche. La mitologia delle antiche società agro-pastorali è sopravvissuta in forma orale con figure sovrannaturali, alcune benigne, altre spaventose. Oltre alle fantine dell alta valle, che insegnarono alle donne a tessere e a cucire, alle masche pelose e dispettose delle grotte del Mombracco, le leggende raccontano di uno zoo fantastico che va dal gatto pitois, con gli occhi di fuoco, alla serpe crestata di Envie, all uccello pitapenas dei paesi dell Infernotto, al terribile ravas, mangiatore di uomini che viveva in una grotta nei boschi di Barge, in una località dove nel Medioevo sorse una cappella intitolata alla Madonna della Rocca.

14 Val Varaita La Val Varaita è attraversata dall antica strada per la Francia che porta al Colle dell Agnello. Si estende da Piasco a Chianale. Il centro della valle è Sampeyre, cioè San Pietro, da Peire in occitano. Un evento di grande richiamo è la Baia di Sampeyre: si celebra ogni cinque anni nei giorni di carnevale per ricordare la cacciata dei Saraceni dalla Val Varaita, avvenuta verso l anno mille secondo la tradizione. Partecipano alla sfilata centinaia di figuranti, organizzati come un esercito con comandanti, guardie, cavalleria, fanti e i sapeurs che abbattono le barriere di tronchi lasciate dai Saraceni in fuga e bandiere (esposte nel Museo etnografico - Info: Anche i personaggi femminili sono riservati agli uomini. Il tutto in un tripudio di nastri ricamati a fiori, rosazze e coccarde di seta, accompagnati dalle musiche e dai balli occitani. A Bellino, Blins, più in alto nella Val Varaita, la baia si celebra ogni tre anni. Il cerimoniale rimanda ai miti primaverili e solari, propri delle comunità agricole arcaiche con i loro simboli di fertilità, mentre è pressoché assente l aspetto militare caratteristico della baia di Sampeyre. Una baia minore si celebrava anche a San Maurizio di Frassino. A Sampeyre, Casteldelfino e Pontechianale lo sviluppo turistico degli anni Sessanta ha in parte alterato l architettura originale, ma gli edifici storici dei paesi e delle borgate mostrano ancora l ampia varietà di soluzioni architettoniche del passato. In località Tè-nòu, sopra Torrette di Casteldelfino, presso un lariceto, sorge l unica frazione con i tetti parzialmente coperti a scandole (assicelle di larice). Nella valle si trova il Santuario di Valmala, dedicato alla Madonna della Misericordia e meta di pellegrinaggi, sul luogo dove la tradizione vuole che il 6 agosto 1834 la Madonna si sia rivolta ad alcune innocenti 12 13

15 pastorelle in occitano. Essa apparve come una signora piangente. Punto di accoglienza turistica è la Porta di Valle (Info: Via Provinciale Brossasco - Tel con caffetteria, libreria specializzata in editoria locale, montagna, cartine del territorio, prodotti locali, e sede dell agenzia turistica Segnavia che fa incoming e propone pacchetti turistici in valle Varaita, nelle altre valli occitane e nel saluzzese. Artigianato solare Caratteristica valligiana è la produzione di mobili rustici in uno stile ispirato al mobilio di un tempo e detto Val Varaita benché i decori, risalenti ai culti primordiali del sole e delle acque, siano comuni a tutto l arco alpino e si ritrovino nelle civiltà antiche del Mediterraneo. Madie, cassapanche, oggetti scolpiti del Queyras e della valle Varaita oggi sono nei Musei di Grenoble, Gap e Cuneo e in molte collezioni antiquarie d Europa e d America. Architettura tipica a Chianale

16 Sotto il Colle dell Agnello Chianale, a pochi km dal confine con la Francia, è il più alto paese della valle, dominato dal Colle dell Agnello (2748 m). Il paese è stato riconosciuto fra I borghi più belli d Italia. La sua architettura alpina è valorizzata dalle case in pietra, dalle lose dei tetti, dal ponte romanico che unisce le due parti del paese, attraversato dal fiume Varaita e dalle chiese risalenti agli anni del Delfinato. A Chianale convissero abbastanza pacificamente cattolici e ugonotti: di fianco alla chiesa romanica di Sant Antonio si trova una casa medievale indicata come tempio protestante. Il paese conserva con orgoglio le sue caratteristiche occitane, i toponimi e la parlata della gente. Nel Medioevo gravitò nell orbita di Briançon, facendo parte assieme agli altri comuni dell alta valle, all Alta Val Chisone, alla Valle di Oulx e al Queyras, della Repubblica degli Escartons, un esperienza di autonomia sopravvissuta fino al 1713, allorché i territori al di qua delle Alpi furono uniti ai possedimenti dei Savoia, oggi riproposta dalla proficua collaborazione fra Comunità Montana, i Comuni e il Parco del Queyras con progetti di tipo culturale, turistico ed economico. Una ricetta tipica di Chianale e della Val Varaita sono le raviole, preparate con patate e toma, formaggio fresco di latte di mucca. Ecco come: cuocere 1,5 kg di patate, passarle e mescolarle a 500 g di toma. Aggiungere un uovo e impastare. Aggiungere quindi 500 g di farina fino ad ottenere un impasto consistente.tagliare la pasta a fette di 3 cm. Infarinare la tornoira (tavola di legno dai bordi alti) e formare dei rotolini di 2 cm di diametro. Tagliare quindi a pezzetti arrotolando con il palmo della mano nella tipica forma a fuso delle raviòlas. Disporle sul tavolo e cospargerle di farina. Cuocere in acqua bollente salata e quando tornano a galla raccoglierle con la schiumarola. Condire le raviòlas con panna e burro fuso

17 Casteldelfino e il bosco dell Alevé Si chiama Alevé il bosco di pini cembri, elvo in occitano, sui monti di Casteldelfino e Sampeyre, fino ai 2700 m di quota: è una delle cembrete più estese delle Alpi, percorsa da sentieri che fanno capo al lago Bagnour, dove sorge un piccolo rifugio per escursionisti. Già nel 1387 gli statuti di Casteldelfino vietavano lo sfruttamento del bosco. Una passeggiata nell Alevè può farci incontrare volpi, camosci, marmotte e lepri. Un animale tipico, seppur difficile da incontrare, è la civetta capogrosso, mentre nelle ore calde della giornata è possibile scorgere il volo lento della poiana. I pinoli (garilhs) del cembro si mangiavano e davano olio per le lanterne. Con le gemme si facevano suffumigi per le vie respiratorie e con la resina si preparavano balsami e confetti medicamentosi. Il legno del cembro era adatto alla fabbricazione delle suole in legno (seps) degli zoccoli, calzati dai bambini e dagli anziani che ne apprezzavano la leggerezza e il calore. Soprattutto veniva usato per il mobilio: madie, cofanetti, tavoli, sedie, cassapanche. La sua pasta tenera si prestava all intaglio dei motivi tradizionali derivanti da primitivi culti solari: rosazze, serpentine, spirali. Il Museo del Mobile, a Castello di Pontechianale (Info: tel ), allestito in una dimora tradizionale, raccoglie esempi di mobili e decorazioni che i contadini della valle Varaita seppero sviluppare nei secoli con fitti intagli simili a ricami.ancor oggi la Val Varaita si distingue per le numerose aziende artigiane specializzate nel mobile rustico con attenzione sia alle forme tradizionali sia al moderno design. A Casteldelfino, il centro visita dell Alevè (Info: Parco del Po, tel ) offre un campione di foresta con gli animali tipici: gufo reale, capriolo, marmotta, lepre, cinghiale e prepara all escursione nella cembreta. L inverno è il periodo migliore per assaporarne i silenzi, rotti dai richiami della nocciolaia, uccello che dimentica i nascondigli dove ripone i pinoli, assicurando in questo modo la propagazione naturale del bosco. Accanto al centro visita lo Spazio Escartons, dove è possibile ricevere informazioni storiche. Nella chiesa di Sant Eusebio, ai piedi dei ruderi del castello delfinale, si trova il Museo della Religiosità Popolare, dedicato ai santi delle valli occitane.

18 Poesia e nastri colorati Alla letteratura occitana contemporanea la Val Varaita ha dato due poeti: Tavio Cosio di Melle e Antonio Bodrero (Barba Tòni Baudrier) di Frassino (Info: Il comune di Melle dedica a Tavio Cosio una manifestazione annuale con passeggiata letteraria nei luoghi che hanno ispirato la sua poesia e i suoi racconti. La sua opera è reperibile nelle librerie locali. Antonio Bodrero fu poeta, sostenitore della causa occitana e del piemontese. Stupiva per il suo anticonformismo. Chi lo ha conosciuto lo ricorda come un sapiente (barba appunto), ipnotico nel conversare di lingua, religione, politica, origine e storia delle parole. Alla apparente semplicità dei suoi versi si intreccia una grande profondità di pensiero. Sono versi che attingono ai misteri della montagna, alle divinità ancestrali e al mondo naturale. Poeta di paesaggi, pose sotto le barme le dimore dei sarvanòts (fauni), nei ciliegi infiorati vide focolari accesi alla gloria di Dio, nelle stelle i lumi delle baite dei trapassati : Que de quiar, benèit i ouèi, quouro n er un per meiro e la nouèch e i vitoun treiàven a fa stéle; dihen encàa i estéle quouro grinoùr i bòouco: Bafarà, mé pa tro; qui crè pa vène a vèire: nous sén i quiàr di meire, nove, di vosti rèire. (Quante luci, benedetti gli occhi, quando ce n era una per baita / e la notte i montanari giocavano a far stelle; / dicono ancora le stelle quando amore le guarda: / Ridete forte, ma non troppo; chi non crede venga a vedere: / noi siamo le luci delle baite, nuove dei vostri avi ) Di Bodrero è in preparazione l opera omnia. In particolari giorni di festa le donne di Casteldelfino, Pontechianale, Bellino e Sampeyre indossano il costume con cuffie lavorate al tombolo, scialli e grembiuli di seta su pesanti abiti neri di foggia monacale. L abito è ornato da bindels (nastri). A Sampeyre e a Frassino la cuffia è spesso sostituita da un fazzoletto (mochet de la testa). Caratteristico è l abito dell alta valle detto gonela con tre piegoni sul lato posteriore. L oreficeria che completa l abbigliamento è costituita da un lungo giro di grani dorati 16 17

19 con cuore o croce in oro.rare sono le occasioni in cui gli uomini indossano l antico costume: un abito nero con giacca a code, calze bianche al ginocchio e feluca. Gigli e delfini Sono simboli che compaiono, incisi nella pietra, sulle fontane, sui capitelli, sopra gli architravi nei paesi della Castellata: Casteldelfino, Pontechianale, Bellino. Il delfino ricorda il periodo in cui l Alta Valle Varaita fu parte del Delfinato, mentre il giglio allude al periodo successivo, quello del regno di Francia. Casteldelfino - Chateau Dauphin in epoca delfinese - fu la capitale dell Escarton della Val Varaita. Del periodo delfinese il paese conserva i ruderi del castello, gli affreschi della parrocchiale e, lungo la via maestra, nobili dimore e una fontana medievale. La borgata che ancor oggi si chiama Confine ricorda l antica frontiera con il Marchesato di Saluzzo. L architettura rurale occitana ha il suo santuario nelle borgate di Bellino, Blins in occitano, paese tra i più suggestivi. Pilastri rotondi, architravi megalitici, bifore, passaggi coperti, meridiane affrescate, tetti in lose e têtes coupées sono memoria del saper fare. Ma Blins è anche paese di scrittori. Nelle librerie della valle si trovano le opere di Janò di Vielm, all anagrafe Giovanni Bernard, autore di Steve (primo romanzo in occitano delle Valli) e de Lou Saber, dizionario enciclopedico con 12 mila termini nell occitano di Blins.Un altro libro importante è Nosto Modo, di Jean-Luc Bernard, che fu la prima opera a descrivere in modo sistematico la cultura materiale e orale di questo paese occitano. Nell antica scuola elementare di Celle di Bellino è allestito il Museo del Tempo e delle Meridiane (Info: tel tiscalinet.it ). La visita introduce all itinerario tra le meridiane affrescate su case e edifici religiosi in tutto il paese, che in passato ebbe alcune botteghe di gnomonisti. Pannelli fotografici suggeriscono una riflessione sul tempo, mentre un filmato scandisce lo scorrere delle stagioni con dodici proverbi in occitano.

20 Mistà e danza Nel Quattrocento il buon governo del Marchesato di Saluzzo e i rapporti con il Delfinato favorirono il fiorire delle arti. Chiese, pitture e sculture sono collegate da un itinerario artistico denominato Mistà, che in occitano significa immagine sacra. La scultura ebbe tra i principali interpreti la scuola degli Zabreri della Val Maira con fonti battesimali e portali con colonnine e capitelli scolpiti. Significative le chiese di Sampeyre, Villar, Casteldefino e Bellino. Le scuole artistiche del brianzonese influenzarono l arte della Castellata dove, a Bellino, Casteldelfino e Chianale, si incontrano numerose teste di pietra che risalgono alla consuetudine dei celto-liguri di appendere le teste dei nemici uccisi in battaglia attorno alle proprie case. Un caso a parte è il bel portale quattrocentesco in stile flamboyant della parrocchiale di Sant Andrea a Brossasco. Cinquecentesca, e legata al ricordo della peste, è la cappella di San Rocco a Brossasco. In pittura, i fratelli Tommaso e Matteo Biasacci di Busca lasciarono numerosi affreschi in Valle Varaita. L opera di questa famiglia di pittori itineranti, attivi tra il Piemonte meridionale e la Liguria di ponente, si può ammirare nella parrocchiale di Sampeyre (Madonna del Latte, Strage degli Innocenti, Fuga in Egitto, Adorazione dei Magi, Passione e Resurrezione del Cristo), nella chiesa di Casteldelfino e a Valmala. Lo stile è arcaico, di passaggio fra il romanico e il gotico, come le pitture della Parrocchiale di San Massimo a Isasca, e quelle sulla facciata della Parrocchiale di Rossana, con un bel portale gotico fiorito in terracotta. Le pitture di Rossana sono particolarmente curiose poiché mostrano figure angeliche che suonano strumenti della tradizione medievale, alcuni dei quali sono tornati in auge con la rinascita musicale occitana della fine degli anni Sessanta del secolo scorso. In realtà la musica in Valle Varaita non ha mai conosciuto momenti di vero oblio. Il repertorio di danze ballate in occasione di feste o semplicemente per divertirsi comprende decine di balli. I più noti sono: corenta, giga, contradança, 18 19

Bibliografia AA.VV. - C.A.I. Sez: di Cuneo- Montagne Nostre. Ist. Grafico Bertello, Borgo San Dalmazzo 1975 AA.VV. - C.A.I. Sez. di Mondovì- Pietre di Ieri. Civiltà contadina nelle Alpi Liguri. L Arciere,

Dettagli

LA GRISAILLE arte cultura turismo. tinerari

LA GRISAILLE arte cultura turismo. tinerari tinerari nell' ntico archesato di aluzzo 1 La Grisaille arte, cultura, turismo propone: ITINERARI FRA ARTE, STORIA E ARCHITETTURA LA CAPITALE DELL ANTICO MARCHESATO DI SALUZZO Alla scoperta dell affascinante

Dettagli

guida delle valli occitane della provincia di Cuneo NUOVO, DA SEMPRE.

guida delle valli occitane della provincia di Cuneo NUOVO, DA SEMPRE. guida delle valli occitane della provincia di Cuneo NUOVO, DA SEMPRE. La linea verde delimita la parte del territorio che è di competenza dell A.T.L. del Cuneese. SOMMARIO L Occitania pag. 3 Benvenuti

Dettagli

Cuneo e le sue valli:

Cuneo e le sue valli: Cuneo e le sue valli: crocevia tra storia e natura Benessere in alta quota Nella località Terme di Valdieri, nel cuore del Parco delle Alpi Marittime, sgorgano sorgenti solforose e acque termali; una passeggiata

Dettagli

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como *MUSEI E MONUMENTI MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO P. GIOVIO : contiene reperti archeologici di età preistorica, protostorica, egizia, etrusca e romana. MUSEO CIVICO STORICO G. GARIBALDI : raccoglie testimonianze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

ESCURSIONI AL CHIARO DI LUNA 2015

ESCURSIONI AL CHIARO DI LUNA 2015 ESCURSIONI AL CHIARO DI LUNA 2015 Quando il giorno sembra ormai volto al termine, quando tutto sembra tacere e scomparire nell oscurità, c è un mondo che si risveglia e che si anima sotto il cielo stellato

Dettagli

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA È guida ambientale escursionistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nella visita

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

Tutti i colori dell A. rpa. Percorsi didattici. tra musica, arte e natura.

Tutti i colori dell A. rpa. Percorsi didattici. tra musica, arte e natura. Tutti i colori dell A Percorsi didattici rpa tra musica, arte e natura. L arpa è uno strumento affascinante e misterioso, in cui musica, arte ed artigianato si legano in modo indissolubile fin dai tempi

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Percorso della guerra

Percorso della guerra Percorso della guerra Il percorso si snoda attraverso i territori dei cinque comuni ripercorrendo i principali eventi bellici che li hanno interessati. E un percorso adatto ad essere esplorato in più giorni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Parco Naturale Adamello Brenta

Parco Naturale Adamello Brenta Parco Naturale Adamello Brenta Villa Santi 2014, Settimane a tutta natura SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2014 Villa Santi è la Casa Natura del Parco Naturale Adamello Brenta nel comune di

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

I sogni dipinti del duca

I sogni dipinti del duca I sogni dipinti del duca sii depinta tutta a zigli nel campo celestro, mettendo de le stelle tra l uno ziglio e l altro Lo stesso Duca Galeazzo Maria indicava i motivi delle decorazioni delle sale della

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

CHRISTMAS TIME : FEEL THE MAGIC PARCO LETTERARIO FRANCESCO PETRARCA E DEI COLLI EUGANEI

CHRISTMAS TIME : FEEL THE MAGIC PARCO LETTERARIO FRANCESCO PETRARCA E DEI COLLI EUGANEI CHRISTMAS TIME : FEEL THE MAGIC PARCO LETTERARIO FRANCESCO PETRARCA E DEI COLLI EUGANEI DICEMBRE 2014 GENNAIO 2015 Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013, Asse 4 Leader Organismo

Dettagli

L impegno della Compagnia a favore del patrimonio artistico della provincia di Cuneo

L impegno della Compagnia a favore del patrimonio artistico della provincia di Cuneo Comunicato stampa L impegno della Compagnia a favore del patrimonio artistico della provincia di Cuneo Tra il 2002 e il 2006 realizzate 63 iniziative per uno stanziamento complessivo di oltre 6 milioni

Dettagli

BOARELLI 150 MONVISO, MONTAGNA SIMBOLO DEL PIEMONTE, A 150 ANNI DALLA PRIMA ASCESA FEMMINILE Alessandra BOARELLI - Cecilia FILLIA 1864-2014

BOARELLI 150 MONVISO, MONTAGNA SIMBOLO DEL PIEMONTE, A 150 ANNI DALLA PRIMA ASCESA FEMMINILE Alessandra BOARELLI - Cecilia FILLIA 1864-2014 BOARELLI 150 MONVISO, MONTAGNA SIMBOLO DEL PIEMONTE, A 150 ANNI DALLA PRIMA ASCESA FEMMINILE Alessandra BOARELLI - Cecilia FILLIA 1864-2014 Gruppo Boarelli 150 - Sezioni CAI Saluzzo, Barge, Savigliano,

Dettagli

Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015

Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015 Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015 Villa Santi è la Casa Natura del Parco Naturale Adamello Brenta nel comune di Montagne. È un antica casa rurale rinnovata

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede

DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede Varese Villa Panza Sacro Monte Campo dei Fiori il Forte di Orino - Durata 1 giorno Percorso: indirizzato a gambe un po allenate Sviluppo: 35

Dettagli

TREKKING IN VAL MASTALLONE

TREKKING IN VAL MASTALLONE TREKKING IN VAL MASTALLONE ITINERARIO N 1 : Santa Maria (Fobello) Colle d Egua Partenza: Santa Maria di Fobello Arrivo : Colle d Egua Codice catasto : 517 Tempo : 3 ore e 15 minuti Dislivello : 1064 m

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

DA VARESE, CITTA GIARDINO, un escursione sulle Vie della fede

DA VARESE, CITTA GIARDINO, un escursione sulle Vie della fede (Itinerario e-bike n. 2) DA VARESE, CITTA GIARDINO, un escursione sulle Vie della fede Varese FAI Villa e Collezione Panza Sacro Monte Campo dei Fiori il Forte di Orino Durata 1 giorno Percorso: indirizzato

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

Titolo: RESTAURIAMO va A SCUOLA anno scolastico 2015-16 Progetto di avvicinamento didattico al restauro, rivolto alla scuola primaria

Titolo: RESTAURIAMO va A SCUOLA anno scolastico 2015-16 Progetto di avvicinamento didattico al restauro, rivolto alla scuola primaria Associazione Culturale no-profit Sede Legale: Viale Aldo Moro 22 40127 Bologna C.F. 91319550371 info@restauriamo.eu www.restauriamo.eu Titolo: RESTAURIAMO va A SCUOLA anno scolastico 2015-16 Progetto di

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta Come in una storia, che permette letture sempre nuove e personali, la Bibbia si offre al lettore secondo lo stile del tempo in cui viene vissuta. Ogni lettura

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

Vendrogno e le sue 13 chiese

Vendrogno e le sue 13 chiese Vendrogno e le sue 13 chiese Sono ben 13 le chiese nel territorio del comune di Vendrogno. Partendo dal nucleo del paese e seguendo un itinerario che si snoda attraverso tutte le frazioni, si possono incontrare

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Scenari

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da

Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da 1 Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da questi ciabot, quando i nostri nonni li adoperavano per riempirli di foraggi o forse anche come umile

Dettagli

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud ViaLucmagn 3 Le capre dell Alp Puzzetta 5 Scendendo verso Sommascona La Via Maestra, che porta dal monastero dei Benedettini di Disentis (GR) a Olivone

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Castelmagno Santuario di San Magno Apertura: Note: Breve descrizione: Museo etnografico Muzeou dal travai d isi Apertura: Note: Breve descrizione:

Castelmagno Santuario di San Magno Apertura: Note: Breve descrizione: Museo etnografico Muzeou dal travai d isi Apertura: Note: Breve descrizione: Castelmagno Santuario di San Magno Via Don Mascarello 1 0171-986178 www.sanmagno.net Apertura: area sempre visitabile; edificio: giugno/settembre (solo domenica) e luglio/agosto (tutti i giorni) Note:

Dettagli

Villaggi Walser a due passi dal Cielo

Villaggi Walser a due passi dal Cielo Martedì 7 Luglio Villaggi Walser a due passi dal Cielo I Walser, popolo di coloni contadini dissodatori, arrivò nel medioevo nell alta Valle di Gressoney, allora disabitata, attraverso il Monte Rosa fondando

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Massa. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. SAPER D ITALIA - Le nostre radici all ombra del tricolore

Massa. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. SAPER D ITALIA - Le nostre radici all ombra del tricolore SAPER D ITALIA - Le nostre radici all ombra del tricolore Il percorso ad anello, con partenza dalla Biblioteca Civica, attraversa via Crispi e prosegue su viale Democrazia, sede del Liceo in cui insegnò

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Speciale Gruppi 2 0 1 5

Speciale Gruppi 2 0 1 5 La Nostra Toscana Chianti Valdarno Casentino Firenze Speciale Gruppi 2 0 1 5 In collaborazione con Informazioni e prenotazioni Mazzanti Viaggi - La Montagna Fiorentina Srl Via Kennedy, 5 50066 Reggello

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone)

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) IL TERRITORIO I paesi alpini in Europa sono sette: Italia, Francia, Austria, Germania, Slovenia,Croazia. Completamente all interno delle Alpi troviamo la Svizzera, l Austria

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

D&P Turismo e Cultura snc di Daniela Tisi & C.

D&P Turismo e Cultura snc di Daniela Tisi & C. D&P Turismo e Cultura snc di Daniela Tisi & C. La Società D&P turismo e cultura di Tisi Daniela & C. si occupa generalmente della valorizzazione del patrimonio culturale e della promozione turistica della

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM Con il sostegno di ==============================comunicato stampa Torino, 14 febbraio 2013 GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM DOMENICA 17 FEBBRAIO TOUR GUIDATI E GRATUITI CON LE GUIDE TURISTICHE DELL ASCOM

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino ESCURSIONI: la costa Cetraro Paese (3 km) Belvedere Paese (10 km) Uno dei paesi più popolosi della costa le cui origini sono circa del 13 secolo. Di grande interesse è il castello Aragonese originariamente

Dettagli

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Dalla Guerra alla Pace Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Rovereto e Vallagarina Folgaria Lavarone e Luserna Trento Rovereto e Vallagarina Attraversata durante

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA Nei tempi antichi i pellegrini partivano per i pellegrinaggi con una lettera del parroco o del vescovo che attestava la loro intenzione di compiere un

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ALTO MOLISE. Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura

ALTO MOLISE. Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura ALTO MOLISE Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura Il Molise, piccola e suggestiva regione dell'italia meridionale, è costituito in prevalenza da rilievi montagnosi e collinari e da 35

Dettagli

LA VALLE DI PALANFRÈ

LA VALLE DI PALANFRÈ LA VALLE DI PALANFRÈ Località di partenza: Palanfrè, Alpe di Palanfrè Epoca consigliata: giugno-settembre Tipo di itinerario: escursionistico Quota di partenza/arrivo: 1379 m - 2057 m Durata del percorso

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Voli : Malpensa / Madrid Madrid / Siviglia Siviglia / Barcellona Barcellona / Malpensa Viaggio di Nozze Mariella & Roberto

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61.

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61. PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia San Benedetto Belbo altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel.

Dettagli

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Per gruppi di catechismo e oratori PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Il, inaugurato nel novembre 2001, sorge nei Chiostri di Sant Eustorgio, uno dei luoghi più significativi della città per quanto

Dettagli