Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe"

Transcript

1 Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso? Possiamo senz altro dire che il Fair Trade è parecchio diffuso in Europa, essendo presente in quasi tutti i paesi dell Unione. Solamente la WFTO ha membri in ben 16 paesi europei. Quella del Fair Trade in Europa è una crescita qualitativa e quantitativa se si considera che negli che negli ultimi 10 anni questo segmento di mercato è riuscito ad approdare anche nei Paesi dell'est Europa e che le vendite sono cresciute in maniera esponenziale dappertutto. Gli ultimi dati a nostra disposizione, riferiti al 2013, ci dicono che le vendite dei prodotti a marchio FLO sono aumentate del 21% in Austria, del 9% in Belgio, del 13% in Danimarca, del 3% in Francia, del 23% in Germania, del 17% in Italia, del 6% in Olanda, del 9% in Norvegia, del 6% in Spagna e Portogallo, del 29% in Svezia, in Repubblica Ceca il risultato è stato eccezionale con un umento del 142%. Questi risultati sono stati raggiunti anche grazie a una costante crescita delle Botteghe del Mondo (BdM) che attualmente sono circa 3000 in tutto il territorio dell'unione con una diffusione capillare nei paesi del Centro-Nord Europa. Quali sono secondo lei le milestones che possiamo rintracciare nello sviluppo del Comes a partire dall'europa? Sono tante e distribuite nell'arco di oltre mezzo secolo di storia a partire dal Che è stato l'anno in cui i pionieri del Fair Trade parteciparono alla conferenza UNCTAD (L agenzia delle Nazioni Unite per Commercio e Sviluppo) a Ginevra, usando lo slogan Trade not aid contro i Paesi industrializzati, che rispetto ai temi dello sviluppo e degli squilibri Nord/Sud tendevano ad ignorare problemi fondamentali come i prezzi dei prodotti o l accesso dei Paesi del Sud ai mercati, preferendo offrire loro aiuti allo sviluppo e prestiti. Il Commercio Equo europeo ha mantenuto questa sua anima politica, centrata sulla critica alle regole del commercio internazionale, e ha dimostrato che è possibile fare economia rispettando criteri di equità sociale. Oltre trent'anni dopo, nel 1997, nasce per iniziativa di vari certificatori Fair Trade nazionali, già operativi da alcuni anni in vari paesi europei, la Fairtrade International, che controlla l ente di certificazione FLO (Fairtrade Labelling Organization), il principale certificatore di FT. Contemporaneamente a Garstang, in Inghilterra, nasce la prima Città Equa Solidale, il primo passo che darà vita alla Fair Trade Town Campaign, attiva in città e in ben 70 paesi, ma in particolare in Europa, che ne costituisce ancora la guida principale. Nel 2004 nasce (promosso da WFTO e Fairtrade International) il Fair Trade Advocacy Office, che si occupa delle attività di advocacy e campagne per il FT europeo e non solo, e di rappresentare il FT nelle sedi dell UE. Tre anni dopo, nel 2007, le organizzazioni di FT europee creano WFTO- Europa quale associazione dotata di un proprio statuto e propri organi di rappresentanza, formalizzando quello che fino ad allora era una semplice riunione che si svolgeva durante le Assemblee mondiali di WFTO. Infine nel 2014 si avvia il sistema di certificazione delle organizzazioni FT promosso da WFTO, diverso complementare rispetto a quello attuato da FLO. Come si distinguono i vari Paesi: esistono modelli nazionali? Relativamente. Esistono modelli nazionali che tra di loro presentano alcune differenze sistematiche. Le fra queste principali riguardano il rapporto tra Botteghe del Mondo ed importatori: in alcuni paesi, come Olanda e Austria, le reti nazionali di BdM sono molto strutturate, ed hanno criteri in base ai quali riconoscono gli importatori nazionali di FT. Altre differenze riguardano l uso della

2 certificazione che è molto diffusa, soprattuto quella Flo, nella maggioranza dei Paesi europei; il coinvolgimento con movimenti sociali attivi sulle tematiche internazionali e le campagne sociali, più presenti nel sud Europa; la diffusione che varia da paese a Paese; la tipologia dei lavoratori delle BdM, che in alcuni Paesi sono solo volontari in altri seguono tendenze alla professionalizzazione. Quali sono le eccellenze dell'equo e solidale fra i ventotto paesi membri dell'ue? L'Italia come è messa? Non ci sono dati assoluti, ma gruppi di paesi più virtuosi in alcuni rami del FT. Penso a Olanda, Belgio, Germania, Austria per diffusione, ruolo e protagonismo delle BdM, e la presenza di grandi organizzazioni di importazione FT. L'Inghilterra è prima per diffusione nella grande distribuzione e fatturato di vendite raggiunto. La Svizzera eccelle per percentuali acquisite da alcuni prodotti FT nella grande distribuzione. Italia, Belgio, Germania per il cosiddetto Domestic Fair Trade. L'Italia è messa molto bene anche per quel che riguarda la presenza delle BdM, la loro professionalizzazione e la loro dimensione e media: si pensi che alcune tra le BdM più grandi d'europa sono italiane. Nel nostro Paese c'è anche un alto livello di unitarietà del movimento e di dialogo interno al FT nazionale, nonché una buona presenza di importatori, tra i quali il secondo al mondo per fatturato. Il network italiano si distingue anche per la notevole partecipazione alla dimensione internazionale del FT (WFTO) soprattutto per quanto riguarda il forte interesse alla dimensione sociale e politica del FT. C'è ancora molto da fare, soprattutto rispetto al FT del Centro e del Nord Europa che ci batte in quanto a vendite totali e pro-capite, presenza dei prodotti FT nella grande distribuzione, crescita attuale del FT e supporto delle istituzioni pubbliche al FT. Bruxelles è un interlocutore attento riguardo al settore dell'equo e solidale? Esistono politiche europee per tutelarlo e promuoverlo? Su questo punto siamo di fronte a una situazione controversa. L UE ha manifestato attenzione al FT, lo ha riconosciuto come pratica positiva e come interlocutore, e lo ha incluso nella attività finanziabili, ma finora è assolutamente indifferente alla possibilità che i suoi valori, princìpi e proposte sposino le proprie politiche commerciali internazionali. Il commercio dell'unione è ancora fortemente centrato su un modello neoliberale che contrasta con l utilizzo di prodotti FT negli acquisti pubblici. Si sono perfino intentate azioni legali che poi sono state rigettate portando a riconoscere la possibilità e l utilità del FT. Direi, per rispondere alla domanda, che c'è buon dialogo, anche grazie al notevole lavoro del Fair Trade Advocacy Office, qualche finanziamento effettivamente utile, ma scarse, se non nulle, influenze nella propria politica commerciale. C'è e si percepisce una dimensione europea del Fair Trade? Se sì quale ruolo può giocare il FT - anche solo come modello - nelle politiche europee di cooperazione e sviluppo? C è certamente una dimensione europea che può essere sintetizzata in: forte attenzione all attività di advocacy, forte riconoscimento del ruolo delle BdM, forte tendenza alla professionalizzazione delle organizzazioni FT e capacità di interlocuzione con la Grande Distribuzione, attenzione all economia solidale in generale. Il FT sta già giocando un certo ruolo nelle politiche europee di cooperazione allo sviluppo. Prima di tutto perché sta portando l attenzione allo sviluppo invece che all assistenza, in secondo luogo perché dà priorità all empowerment delle potenzialità produttive ed ai piccoli produttori locali, infine perché è una rete che continua a favorire lo sviluppo di alleanze e filiere tra produttori del Sud e consumatori e grossisti del Nord.

3 Recentemente è stato a Cuba per conoscere una realtà produttiva del Commercio equo e solidale. Che cosa l'ha colpita maggiormente? L'apertura diplomatica ed economica con gli Stati Uniti e la fine prossima di un embargo che dura dal 1960, come potrà favorire, se lo favorirà, l'avvio del Commercio Equo e Solidale da Cuba? Cuba rimane un Paese dalla realtà sociale e politica controversa, ma estremamente interessante ed originale. Il FT vi è poco diffuso, ma ci sono interlocutori di alto livello che svolgono un ruolo particolare, che è quello sviluppare prodotti ed attività che hanno impatti sociali positivi anche fuori dal Paese. Penso all azione della medicina sociale e preventiva e della ricerca connessa, svolta all estero dai produttori cubani coinvolti nel FT. Oltre gli evidenti limiti e i problemi della situazione politico-sociale di Cuba, colpisce l evidente coerenza tra gli obiettivi del FT ed i livelli di tutela dei lavoratori praticata nelle aziende visitate. L embargo pone enormi problemi tecnicoeconomici anche ai nostri partner cubani di FT, quindi la fine del blocco imposto dagli Stati Uniti, oggi ipotizzabile, ma tutt altro che scontata, non potrà che portare benefici anche allo sviluppo del FT a Cuba. Occorre però ricordare che per le sue condizioni sociali (Scuola, Sanità, Diritti dei lavoratori) nettamente migliori rispetto alla totalità dei Paesi del Sud del mondo, Cuba non è un target prioritario per il FT, potrebbe però svolgere un ruolo importante nel favorire lo sviluppo di un settore di imprenditoria privata attenta agli aspetti sociali ed ambientali, ed a esportazioni di qualità verso il Nord, laddove il sistema cubano evolva effettivamente verso la liberalizzazione delle attività economiche. Crede ci sia l'esigenza o la possibilità di sviluppare il modello del Fair Trade non solo nel Sud del mondo, ma anche in contesti europei meno sviluppati? Questa è una possibilità, ma da curare con attenzione, onde evitare confusione. Penso che il modo migliore per coinvolgere gli ambiti europei meno sviluppati nel FT che esistono anche in paesi come l Italia sia quello di instaurare una forte, esplicita e strutturata alleanza con l economia solidale. È necessario che le organizzazioni FT, ovvero importatori, BdM o similari, affianchino alla vendita dei prodotti FT tradizionali, la vendita di prodotti nazionali dell economia solidale. Attuino, cioè, quello che è conosciuto come domestic Fair Trade. La grande distribuzione europea, e non solo, ha in qualche modo cercato di far proprie le istanze e le fette di mercato di chi acquista ComES offrendo, oltre a linee di prodotti bio, anche linee di prodotti Fair. Tuttavia le etichette e le certificazioni richiedono uno sforzo di consapevolezza che il consumatore spesso non è in grado di fare. Quali suggerimenti può dare a un consumatore medio europeo per acquistare equo e solidale e far si che buona parte del prezzo pagato rimanga a chi ha prodotto quel bene? La significativa crescita registrata dalle vendite FT in epoca di forte crisi come quella attuale è dovuta in gran parte all aumento di referenze e di vendite fatta dalla grande distribuzione. L etichetta equasolidale, però, da sola non basta, anche se è vero che la sensibilità dei consumatori verso di FT è in aumento, così come la visibilità dei prodotti equi e solidali anche nella grande distribuzione, dove, però, il rischio di confusione o imitazioni è sempre presente. Per questo la maggioranza della organizzazioni FT pone grande attenzione alle attività educative o informative rivolte ai consumatori. Il consiglio al consumatore è fatto di tre parti: tutelare il proprio interesse di consumatore verificando sempre l origine dei prodotti che compra, non solo per scegliere FT, ma per avere consapevolezza del luogo di provenienza dei prodotti che acquista, dato che da ciò dipende in parte la qualità alimentare, la salubrità, il gusto del prodotto. Secondo, tutelare il proprio interesse di cittadino nel cercare prodotti che non siano realizzati in palese contraddizione con i propri valori, il

4 che comporta inevitabilmente di affrontare una serie di domande: che cosa c è dietro questo prodotto? chi l ha realizzato?. Terzo, tutelare la propria salute e sostenibilità economica chiedendosi quanto spende in alimenti, e quanto in altre attività/azioni/prodotti, per ricercare il giusto equilibrio tra i primi e i secondi ed evitare di trovare insostenibili i costi di prodotti alimentari di qualità. Questi potrebbero risultare leggermente più alti di altri laddove si consumano cifre ben superiori, e spesso inadeguate, per altri prodotti di consumo corrente (mobilità, comunicazione, abbigliamento, divertimento ). Quali sono le priorità del WFTO Europa? Sostenere un network di Advocacy valido. Diffondere ed applicare sistema di certificazione WFTO delle organizzazioni FT. Rappresentare e promuovere all esterno, in particolare verso l UE, il FT. Rafforzare le reti nazionali di FT perché siano al contempo di luoghi di autogoverno e promozione del FT a livello nazionale; e validi interlocutori a livello internazionale. Promuovere buone prassi per favorire l accesso al mercato delle organizzazioni FT in generale e, in particolare, nelle aree dell UE dove è meno sviluppato. Regolare e sviluppare il Domestic Fair Trade e creare un'alleanza con l economia solidale. Km zero e commercio equo e solidale, sembra un dilemma senza soluzione tra ambientalisti e terzomondisti. Secondo lei avrebbe senso parlare di KM EQUO? Il dilemma si risolverebbe facilmente se ci si fermasse a pensare che il FT costituisce il Km. Zero, o per meglio dire la filiera corta della maggioranza dei prodotti che quotidianamente consumiamo e che vengono da fuori Europa, dal cotone al caffè. Quindi il FT non è affatto in contrasto, in linea di principio, con il Km. Zero. Anche per questo in alcuni paesi, tra i quali l Italia, si è esplicitamente deciso di non importare prodotti freschi dall estero che siano prodotti anche in Italia. Secondo me il termine Km. Equo è più chiaro ed inclusivo di Km. Zero. La soluzione migliore, secondo me, continua a rimanere Filiera Corta, in quanto, come dimostrato da tutti gli studi che vi si sono dedicati, la distanza percorsa da un prodotto per essere consumato è solo uno dei fattori, e non sempre il più importante o incisivo, che ne determinano l impatto ambientale. Molto dipende dal mezzo di trasporto e dalle modalità di coltivazione. La denominazione di filiera è più appropriata anche perché riguarda non solo i km. percorsi, ma anche i passaggi socio-economici che un prodotto deve fare per arrivare da noi. Inoltre, se in linea di principio il concetto di Km. zero è pienamente condivisibile, esso può trasformarsi facilmente in pratiche contrarie al commercio equo quali un autarchia che vede con sospetto tutto ciò che viene da fuori, o che se ne disinteressa completamente, dopo secoli passati a forzare il Sud del mondo a trasformarsi in piantagioni per rifornire i nostri mercati, noi che siamo i principali inquinatori, li abbandoniamo al loro destino non volendoli più importare. Inoltre non dobbiamo mai dimenticare il significato degli slogan utilizzati dalla Lega Nord in alcune occasioni elettorali, tipo + polenta cous cous. Un recente articolo del The Guardian e un altro di D di Repubblica raccontano di un crisi del Fair Trade e rivelano ombre sulle certificazioni etiche? Vuole spiegarci meglio? Questo è un tema facile da affrontare per chi conosce bene il FT, complesso e difficilmente sintetizzabile in poche righe per chi non lo conosce. Mi limito quindi a dire che il FT è studiato, analizzato e documentato in numerosissimi studi di impatto svolti da università, ricercatori, giornalisti ed istituti di ricerca di tutto il mondo, ben rappresentati, tra l altro dal prossimo Fair Trade Symposium, ospitato dal Politecnico di Milano durante la prossima World Fair Trade Week, maggio. In secondo luogo, basare conclusioni generali sul FT sulla base del fatto che alcuni tra essi evidenziano problemi, contraddizioni o inefficacia del FT non ha nulla di scientifico, ma è frutto o di forte ignoranza o di interessi contro il FT. In terzo luogo sarebbe come buttare via tutta la

5 politica, tutta la religione o tutte le forze dell ordine a causa di noti e ripetuti episodi di corruzione e violenza che caratterizzano politici, preti, poliziotti. Ciò detto non ha senso nascondere che il FT non solo può essere soggetto ad errori o inefficienze, ma che ha alcuni punti deboli, costituiti in particolare da un sistema di certificazione che se da un lato ha permesso la grande espansione del FT sia nel Sud che nel Nord del mondo, dall'altra può essere sensibile ai problemi che caratterizzano tutte le certificazione che hanno a che fare con prodotti che si vendono, e cioè essere sensibile alle quantità, avere forme di dipendenza o sensibilità verso grandi attori economici, guardare più (o solo) al mercato e meno alla dimensione politico-sociale del FT. Inoltre il FT ha delle note debolezze nella parte più locale al Sud della propria filiera, laddove i propri prodotti vengono realizzati in vari passaggi da aziende, piccoli produttori o singoli lavoratori del Sud del mondo, ove non sempre gli attori del FT riescono a svolgere lavori di monitoraggio e controllo sufficienti. In ogni caso il FT deve porre grande attenzione a tutte le ricerche, ed in particolare agli studi critici, evitando di autopromuoversi come privo di problemi, e rispondendo a tutte le critiche come avvenuto anche nel caso degli articoli citati.

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

La storia del commercio equo e solidale

La storia del commercio equo e solidale Pagina 1 di 5 La storia del commercio equo e solidale 60 anni di fair trade: breve storia del movimento del commercio equo e solidale (versione ufficiale di IFAT scritta nel Gennaio 2004 ed aggiornata

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

Programma della lezione

Programma della lezione Programma della lezione 1) Introduzione: la necessità di scelte concrete per una economia di giustizia. A Villaguardia, si è svolta nello scorso mese di settembre una fiera piuttosto inusuale e dal nome

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Il boom mondiale del fair trade

Il boom mondiale del fair trade È di circa 100 milioni in Italia e 660 milioni in Europa il giro d affari del commercio equo-solidale. Un fenomeno, nato nel Centro e Nord Europa, che si sta sviluppando in tutti i Paesi occidentali. E

Dettagli

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO organizzato da World Fair Trade Organisation e Agices-Equo Garantito nell ambito della World Fair Trade Week

Dettagli

1 In questa fase non è intenzione del Direttivo AGICES proporre nuove variazioni alla Carta dei Criteri rispetto a quelle di

1 In questa fase non è intenzione del Direttivo AGICES proporre nuove variazioni alla Carta dei Criteri rispetto a quelle di Con le pagine che seguono il direttivo di AGICES propone ai suoi Soci, ma anche a tutto il Movimento del Commercio Equo e Solidale italiano una visione di sviluppo della rete delle nostre Organizzazioni

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Definizione Con il termine Commercio Equo e Solidale (CEES) si definisce una modalità di relazione commerciale tra i produttori del Sud del mondo e i consumatori finali del Nord

Dettagli

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 PREMESSA Le analisi dell'innocenti Report Card 9 coprono una gamma limitata ma significativa di indicatori del benessere dell'infanzia

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Relazione al T.U. Promozione e sviluppo dell economia e della responsabilità sociale delle imprese cons. Civico Mattia

Relazione al T.U. Promozione e sviluppo dell economia e della responsabilità sociale delle imprese cons. Civico Mattia Relazione al T.U. Promozione e sviluppo dell economia e della responsabilità sociale delle imprese cons. Civico Mattia Ogni volta che acquistiamo un prodotto, nel gesto semplice con cui ci affacciamo al

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

LA SANITA ITALIANA OGGI

LA SANITA ITALIANA OGGI CHIANCIANO 8-12 maggio 2004 XLI CONGRESSO NAZIONALE FEDER.S.P.E V. LA SANITA ITALIANA OGGI a cura di Marco Perelli Ercolini La Sanità italiana è una buona Sanità. E una Sanità medio-alta con dei costi

Dettagli

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 Premessa Social Watch è una rete internazionale di organizzazioni della società civile con membri in

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale Area tematica Politica regionale Obiettivi Il programma rientra nell'obiettivo Cooperazione territoriale dei Fondi Strutturali 2007-2013

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Analisi CSR per Ctm altromercato

Analisi CSR per Ctm altromercato Analisi CSR per Ctm altromercato Marzo 2006 L analisi della responsabilità sociale il nostro modello...1 Le fasi del processo di analisi...2 Analisi della responsabilità sociale per Ctm altromercato...3

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 1 COSA S INTENDE CON FAIR TRADE Cos è FT per la gente della strada 20 Un movimento di cooperative, associazioni, organizzazioni non profit che commercializza

Dettagli

Proposte didattiche A. S. 2009-2010

Proposte didattiche A. S. 2009-2010 Proposte didattiche A. S. 2009-2010 2010 La cooperativa Altrospazio AltroSpazio sorge dalla cooperativa Spaccio Acli A. Grandi nata nel 1949 a Lainate. La prima Bottega del Mondo di AltroSpazio apre a

Dettagli

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale.

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione, in coerenza con i principi internazionali

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

La certificazione AEO, un biglietto da visita per gli operatori doganali

La certificazione AEO, un biglietto da visita per gli operatori doganali La certificazione AEO, un biglietto da visita per gli operatori doganali Roma 19 marzo2009 Dott. Giovanni MOSCA - Ufficio tecnologie e supporto dell attività di verifica Passi necessari per divenire un

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

COMMERCIO. COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry

COMMERCIO. COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry COMMERCIO EQUO - SOLIDALE COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA DI PISA: Istituto universitario pubblico che si propone di sperimentare percorsi formativi nella

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Proposta di revisione delle regole in tema di prezzo al pubblico e prezzo trasparente

Proposta di revisione delle regole in tema di prezzo al pubblico e prezzo trasparente Assemblea dei Soci AGICES Genova, 4-6 aprile 2008 Proposta di revisione delle regole in tema di prezzo al pubblico e prezzo trasparente A) Il prezzo al pubblico Cari Soci, come previsto e a conclusione

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

giusta Fai la spesa Inchiesta

giusta Fai la spesa Inchiesta Fai la spesa giusta Qual è la politica etica del tuo supermercato? Cosa c è dietro alle promozioni? La nostra inchiesta traccia il profilo di sei grandi insegne. Coop è la migliore. 20 Altroconsumo 278

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Social Watch: Italia al 72 posto

Social Watch: Italia al 72 posto Social Watch: Italia al 72 posto E' dietro a Grecia, Slovenia, Cipro e Repubblica Dominicana secondo l Indice calcolato nell ultimo rapporto della rete internazionale. Anche i paesi poveri possono raggiungere

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI Introduzione Questo documento propone una panoramica delle principali conclusioni e raccomandazioni indicate dall Agenzia Europea per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli

CAPITALI CORAGGIOSI: COMMERCIO EQUO, FINANZA SOLIDALE E CORPORATE GOVERNANCE

CAPITALI CORAGGIOSI: COMMERCIO EQUO, FINANZA SOLIDALE E CORPORATE GOVERNANCE CAPITALI CORAGGIOSI: COMMERCIO EQUO, FINANZA SOLIDALE E CORPORATE GOVERNANCE 1 AGENDA Introduzione al Commercio Equo e Solidale Mandacarù, un profilo L organizzazione e la corporate governance di Mandacarù

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sul commercio equo e solidale e lo sviluppo (2005/2245(INI)) Il Parlamento europeo,

Risoluzione del Parlamento europeo sul commercio equo e solidale e lo sviluppo (2005/2245(INI)) Il Parlamento europeo, P6_TA(2006)0320 Commercio equo e sviluppo Risoluzione del Parlamento europeo sul commercio equo e solidale e lo sviluppo (2005/2245(INI)) Il Parlamento europeo, vista la sua risoluzione del 2 luglio 1998

Dettagli

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile EARTH e le organizzazioni firmatarie invitano le istituzioni europee a dare avvio a uno studio su scala

Dettagli

Il mercato tedesco del vino

Il mercato tedesco del vino Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco del vino Berlino, marzo 2013 2 INDICE 1. Importanza del mercato

Dettagli

FATTI& CIFRE. Homo faber fortunae suae. www.autopromotec.it. 25ª Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell Aftermarket Automobilistico

FATTI& CIFRE. Homo faber fortunae suae. www.autopromotec.it. 25ª Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell Aftermarket Automobilistico 25ª Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell Aftermarket Automobilistico Prefazione All interno di Fatti&Cifre sono stati raccolti tutti i numeri della rassegna Autopromotec, che anche per questa

Dettagli

A relazione dell'assessore Balocco:

A relazione dell'assessore Balocco: REGIONE PIEMONTE BU47 20/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n. 24-511 Adesione al Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale GECT (EGTC) previsto nell'ambito del progetto CODE24

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Local Fairtrade I diritti nel cibo

Local Fairtrade I diritti nel cibo Local Fairtrade I diritti nel cibo di Guido Mosca e Andrea Nicolello Rossi Padova, 23 Ottobre 2014 PREMESSA FAIRTRADE ITALIA: certificazione equo-solidale cooperazione internazionale ambientaliste finanza

Dettagli

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore PROGRAMMA Modulo 1) Economia dello sviluppo: teorie economiche prevalenti, istituzioni e ruolo del commercio internazionale nello sviluppo economico a livello locale. Docente: Prof. Mario Pianta (Università

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0242

PROGETTO DI LEGGE N. 0242 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8485 PROGETTO DI LEGGE N. 0242 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Ciocca, Alloni, Baldini, Barboni, Brambilla, Buffagni, Busi, Del Gobbo,

Dettagli

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana.

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Marina Murat Prof. di Economia Internazionale Università di Modena e Reggio Emilia marina.murat@unimore.it Migrazioni, immigrati, emigrati.

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2 Mercato libero dell energia elettrica e del gas: evoluzione dalla liberalizzazione, passaggi dal servizio di Maggior Tutela e confronto con altri Paesi europei. Indice: Indice; p. 1 Introduzione; p. 2

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Date di vigenza che interessano il documento:

Date di vigenza che interessano il documento: Documento vigente Date di vigenza che interessano il documento: 01/03/2007 entrata in vigore Regione Umbria LEGGE REGIONALE 6 Febbraio 2007, n. 3 Diffusione del commercio equo e solidale in Umbria. Pubblicazione:

Dettagli

Oltre la retorica del caffè

Oltre la retorica del caffè Oltre la retorica del caffè La Ricerca Azione: strumento strategico per progettare, intervenire e investire. a cura di excursus. spazio di formazione partecipata Indice Excursus La Ricerca Azione come

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA I CONFERENZA NAZIONALE SULL ALCOL Più salute meno rischi Costruire alleanze per il benessere e la sicurezza SCHEDA ALCOL: L ATTIVITA

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko Milano, Auditorium Assolombarda 29 aprile 2015

Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko Milano, Auditorium Assolombarda 29 aprile 2015 CONSUMATORI E SOSTENIBILITA : STATO DELL ARTE E TENDENZE EVOLUTIVE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko Milano, Auditorium Assolombarda 29 aprile 2015 La sostenibilità è sempre più importante Le

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013

RAPPORTO ANNUALE 2013 RAPPORTO ANNUALE 2013 Il Commercio Equo e Solidale in Italia A cura dell Assemblea Generale Italiana Commercio Equo e Solidale (AGICES) Indice 3 4 6 8 10 12 14 16 18 20 23 Orgogliosi della nostra storia

Dettagli

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1 Creditreform Italia 1 Creditreform in Europa Creditreform nata in Germania nel 1879 Servizi di Informazioni Commerciali, Recupero Crediti e Marketing 543.000.000 fatturato totale 170.000 clienti 200 sedi

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

Cosa sono i PGS? Introduzione ai Sistemi di Garanzia Partecipativa

Cosa sono i PGS? Introduzione ai Sistemi di Garanzia Partecipativa Cosa sono i PGS? Introduzione ai Sistemi di Garanzia Partecipativa «La certificazione è una procedura con cui una terza parte indipendente dà assicurazione scritta che un prodotto, un servizio, un processo

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE POTENZIALITÀ DI CONSUMO DI CAFFÈ DA COMMERCIO EQUO

VALUTAZIONE DELLE POTENZIALITÀ DI CONSUMO DI CAFFÈ DA COMMERCIO EQUO gusto e aspetto in tazzina (cremosità), al caffè da noi normalmente utilizzato. Sarà necessario percorrere questa strada. Temiamo infatti che, così come la scelta del prodotto equo da parte di un consumatore

Dettagli

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo UNI-EN ISO TR 14021 International Organization for Standardization Autodichiarazioni ambientali per prodotti e servizi di consumo a scopo informativo senza obbligo di verifica esterna indipendente. Ad

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali Il sistema dei viaggi organizzati nel mondo e verso l Italia Il sistema dei

Dettagli

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE È obbligatorio rispondere alle domande contrassegnate con un asterisco. 1. INFORMAZIONI SUI PARTECIPANTI

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

CIDSE International Cooperation for Development and Solidarity

CIDSE International Cooperation for Development and Solidarity CIDSE International Cooperation for Development and Solidarity Indirizzo Rue Stévin 16 B-1000 BRUXELLES Telefono +32.2.230.7722 Fax +32.2.230.7082 E Mail postmaster@cidse.org Sito web www.cidse.be Storia

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: BIO-logica-MENTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione Culturale [E] 04- Educazione al cibo OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini:

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: INDAGINI Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: L indagine, promossa nell ambito del Tavolo termale del Progetto turismo della Provincia di Padova, ha avuto l obiettivo di integrare

Dettagli

ESTRATTO PER PUNTI RISTORO

ESTRATTO PER PUNTI RISTORO Guida Espositore Sostenibile Estratto per Punti Ristoro Mod. 10-01 Rev. 1 14/07/2015 Pag. 1/10 ANTICA FIERA DI PORTOMAGGIORE Da Venerdì 18 a Lunedì 21 Settembre 2015 ESTRATTO PER PUNTI RISTORO www.delphiinternational.it/

Dettagli

L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico

L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico AICEL Associazione Italiana del Commercio Elettronico - è un progetto nato dalla necessità degli operatori

Dettagli

Sapi informa. Standard di qualità: un fattore vincente AZIENDA

Sapi informa. Standard di qualità: un fattore vincente AZIENDA Standard di qualità: un fattore vincente AZIENDA La crisi economica mondiale ha toccato ormai tutti i settori commerciali cambiando di conseguenza anche le abitudini del consumatore. Questi cerca di spendere

Dettagli

L Alleanza Slow Food dei Cuochi

L Alleanza Slow Food dei Cuochi L Alleanza Slow Food dei Cuochi Photos Oliver Migliore, Alberto Peroli Manifesto e regolamento internazionale Le tappe del progetto Nel 2006 oltre 1000 cuochi provenienti da 150 paesi si sono riuniti a

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Il commercio equo e solidale

Il commercio equo e solidale Il commercio equo e solidale Da sinistra: Paola, Alessandra, Ilaria, Antonietta, Lucia Alessandra e Ilaria presentano, con l'aiuto di diapositive, la realtà del Commercio equo e solidale oggi nel mondo

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

Il volontariato per il futuro della Puglia

Il volontariato per il futuro della Puglia Il volontariato per il futuro della Puglia Il presente documento è scaturito dalla riunione del 25 giugno 2012 tra Forum regionale del Terzo Settore pugliese, Osservatorio regionale del Volontariato (

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 ECOMONDO 2011 La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 Il tema della sostenibilità, insieme a quello dell innovazione,

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli