Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe"

Transcript

1 Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso? Possiamo senz altro dire che il Fair Trade è parecchio diffuso in Europa, essendo presente in quasi tutti i paesi dell Unione. Solamente la WFTO ha membri in ben 16 paesi europei. Quella del Fair Trade in Europa è una crescita qualitativa e quantitativa se si considera che negli che negli ultimi 10 anni questo segmento di mercato è riuscito ad approdare anche nei Paesi dell'est Europa e che le vendite sono cresciute in maniera esponenziale dappertutto. Gli ultimi dati a nostra disposizione, riferiti al 2013, ci dicono che le vendite dei prodotti a marchio FLO sono aumentate del 21% in Austria, del 9% in Belgio, del 13% in Danimarca, del 3% in Francia, del 23% in Germania, del 17% in Italia, del 6% in Olanda, del 9% in Norvegia, del 6% in Spagna e Portogallo, del 29% in Svezia, in Repubblica Ceca il risultato è stato eccezionale con un umento del 142%. Questi risultati sono stati raggiunti anche grazie a una costante crescita delle Botteghe del Mondo (BdM) che attualmente sono circa 3000 in tutto il territorio dell'unione con una diffusione capillare nei paesi del Centro-Nord Europa. Quali sono secondo lei le milestones che possiamo rintracciare nello sviluppo del Comes a partire dall'europa? Sono tante e distribuite nell'arco di oltre mezzo secolo di storia a partire dal Che è stato l'anno in cui i pionieri del Fair Trade parteciparono alla conferenza UNCTAD (L agenzia delle Nazioni Unite per Commercio e Sviluppo) a Ginevra, usando lo slogan Trade not aid contro i Paesi industrializzati, che rispetto ai temi dello sviluppo e degli squilibri Nord/Sud tendevano ad ignorare problemi fondamentali come i prezzi dei prodotti o l accesso dei Paesi del Sud ai mercati, preferendo offrire loro aiuti allo sviluppo e prestiti. Il Commercio Equo europeo ha mantenuto questa sua anima politica, centrata sulla critica alle regole del commercio internazionale, e ha dimostrato che è possibile fare economia rispettando criteri di equità sociale. Oltre trent'anni dopo, nel 1997, nasce per iniziativa di vari certificatori Fair Trade nazionali, già operativi da alcuni anni in vari paesi europei, la Fairtrade International, che controlla l ente di certificazione FLO (Fairtrade Labelling Organization), il principale certificatore di FT. Contemporaneamente a Garstang, in Inghilterra, nasce la prima Città Equa Solidale, il primo passo che darà vita alla Fair Trade Town Campaign, attiva in città e in ben 70 paesi, ma in particolare in Europa, che ne costituisce ancora la guida principale. Nel 2004 nasce (promosso da WFTO e Fairtrade International) il Fair Trade Advocacy Office, che si occupa delle attività di advocacy e campagne per il FT europeo e non solo, e di rappresentare il FT nelle sedi dell UE. Tre anni dopo, nel 2007, le organizzazioni di FT europee creano WFTO- Europa quale associazione dotata di un proprio statuto e propri organi di rappresentanza, formalizzando quello che fino ad allora era una semplice riunione che si svolgeva durante le Assemblee mondiali di WFTO. Infine nel 2014 si avvia il sistema di certificazione delle organizzazioni FT promosso da WFTO, diverso complementare rispetto a quello attuato da FLO. Come si distinguono i vari Paesi: esistono modelli nazionali? Relativamente. Esistono modelli nazionali che tra di loro presentano alcune differenze sistematiche. Le fra queste principali riguardano il rapporto tra Botteghe del Mondo ed importatori: in alcuni paesi, come Olanda e Austria, le reti nazionali di BdM sono molto strutturate, ed hanno criteri in base ai quali riconoscono gli importatori nazionali di FT. Altre differenze riguardano l uso della

2 certificazione che è molto diffusa, soprattuto quella Flo, nella maggioranza dei Paesi europei; il coinvolgimento con movimenti sociali attivi sulle tematiche internazionali e le campagne sociali, più presenti nel sud Europa; la diffusione che varia da paese a Paese; la tipologia dei lavoratori delle BdM, che in alcuni Paesi sono solo volontari in altri seguono tendenze alla professionalizzazione. Quali sono le eccellenze dell'equo e solidale fra i ventotto paesi membri dell'ue? L'Italia come è messa? Non ci sono dati assoluti, ma gruppi di paesi più virtuosi in alcuni rami del FT. Penso a Olanda, Belgio, Germania, Austria per diffusione, ruolo e protagonismo delle BdM, e la presenza di grandi organizzazioni di importazione FT. L'Inghilterra è prima per diffusione nella grande distribuzione e fatturato di vendite raggiunto. La Svizzera eccelle per percentuali acquisite da alcuni prodotti FT nella grande distribuzione. Italia, Belgio, Germania per il cosiddetto Domestic Fair Trade. L'Italia è messa molto bene anche per quel che riguarda la presenza delle BdM, la loro professionalizzazione e la loro dimensione e media: si pensi che alcune tra le BdM più grandi d'europa sono italiane. Nel nostro Paese c'è anche un alto livello di unitarietà del movimento e di dialogo interno al FT nazionale, nonché una buona presenza di importatori, tra i quali il secondo al mondo per fatturato. Il network italiano si distingue anche per la notevole partecipazione alla dimensione internazionale del FT (WFTO) soprattutto per quanto riguarda il forte interesse alla dimensione sociale e politica del FT. C'è ancora molto da fare, soprattutto rispetto al FT del Centro e del Nord Europa che ci batte in quanto a vendite totali e pro-capite, presenza dei prodotti FT nella grande distribuzione, crescita attuale del FT e supporto delle istituzioni pubbliche al FT. Bruxelles è un interlocutore attento riguardo al settore dell'equo e solidale? Esistono politiche europee per tutelarlo e promuoverlo? Su questo punto siamo di fronte a una situazione controversa. L UE ha manifestato attenzione al FT, lo ha riconosciuto come pratica positiva e come interlocutore, e lo ha incluso nella attività finanziabili, ma finora è assolutamente indifferente alla possibilità che i suoi valori, princìpi e proposte sposino le proprie politiche commerciali internazionali. Il commercio dell'unione è ancora fortemente centrato su un modello neoliberale che contrasta con l utilizzo di prodotti FT negli acquisti pubblici. Si sono perfino intentate azioni legali che poi sono state rigettate portando a riconoscere la possibilità e l utilità del FT. Direi, per rispondere alla domanda, che c'è buon dialogo, anche grazie al notevole lavoro del Fair Trade Advocacy Office, qualche finanziamento effettivamente utile, ma scarse, se non nulle, influenze nella propria politica commerciale. C'è e si percepisce una dimensione europea del Fair Trade? Se sì quale ruolo può giocare il FT - anche solo come modello - nelle politiche europee di cooperazione e sviluppo? C è certamente una dimensione europea che può essere sintetizzata in: forte attenzione all attività di advocacy, forte riconoscimento del ruolo delle BdM, forte tendenza alla professionalizzazione delle organizzazioni FT e capacità di interlocuzione con la Grande Distribuzione, attenzione all economia solidale in generale. Il FT sta già giocando un certo ruolo nelle politiche europee di cooperazione allo sviluppo. Prima di tutto perché sta portando l attenzione allo sviluppo invece che all assistenza, in secondo luogo perché dà priorità all empowerment delle potenzialità produttive ed ai piccoli produttori locali, infine perché è una rete che continua a favorire lo sviluppo di alleanze e filiere tra produttori del Sud e consumatori e grossisti del Nord.

3 Recentemente è stato a Cuba per conoscere una realtà produttiva del Commercio equo e solidale. Che cosa l'ha colpita maggiormente? L'apertura diplomatica ed economica con gli Stati Uniti e la fine prossima di un embargo che dura dal 1960, come potrà favorire, se lo favorirà, l'avvio del Commercio Equo e Solidale da Cuba? Cuba rimane un Paese dalla realtà sociale e politica controversa, ma estremamente interessante ed originale. Il FT vi è poco diffuso, ma ci sono interlocutori di alto livello che svolgono un ruolo particolare, che è quello sviluppare prodotti ed attività che hanno impatti sociali positivi anche fuori dal Paese. Penso all azione della medicina sociale e preventiva e della ricerca connessa, svolta all estero dai produttori cubani coinvolti nel FT. Oltre gli evidenti limiti e i problemi della situazione politico-sociale di Cuba, colpisce l evidente coerenza tra gli obiettivi del FT ed i livelli di tutela dei lavoratori praticata nelle aziende visitate. L embargo pone enormi problemi tecnicoeconomici anche ai nostri partner cubani di FT, quindi la fine del blocco imposto dagli Stati Uniti, oggi ipotizzabile, ma tutt altro che scontata, non potrà che portare benefici anche allo sviluppo del FT a Cuba. Occorre però ricordare che per le sue condizioni sociali (Scuola, Sanità, Diritti dei lavoratori) nettamente migliori rispetto alla totalità dei Paesi del Sud del mondo, Cuba non è un target prioritario per il FT, potrebbe però svolgere un ruolo importante nel favorire lo sviluppo di un settore di imprenditoria privata attenta agli aspetti sociali ed ambientali, ed a esportazioni di qualità verso il Nord, laddove il sistema cubano evolva effettivamente verso la liberalizzazione delle attività economiche. Crede ci sia l'esigenza o la possibilità di sviluppare il modello del Fair Trade non solo nel Sud del mondo, ma anche in contesti europei meno sviluppati? Questa è una possibilità, ma da curare con attenzione, onde evitare confusione. Penso che il modo migliore per coinvolgere gli ambiti europei meno sviluppati nel FT che esistono anche in paesi come l Italia sia quello di instaurare una forte, esplicita e strutturata alleanza con l economia solidale. È necessario che le organizzazioni FT, ovvero importatori, BdM o similari, affianchino alla vendita dei prodotti FT tradizionali, la vendita di prodotti nazionali dell economia solidale. Attuino, cioè, quello che è conosciuto come domestic Fair Trade. La grande distribuzione europea, e non solo, ha in qualche modo cercato di far proprie le istanze e le fette di mercato di chi acquista ComES offrendo, oltre a linee di prodotti bio, anche linee di prodotti Fair. Tuttavia le etichette e le certificazioni richiedono uno sforzo di consapevolezza che il consumatore spesso non è in grado di fare. Quali suggerimenti può dare a un consumatore medio europeo per acquistare equo e solidale e far si che buona parte del prezzo pagato rimanga a chi ha prodotto quel bene? La significativa crescita registrata dalle vendite FT in epoca di forte crisi come quella attuale è dovuta in gran parte all aumento di referenze e di vendite fatta dalla grande distribuzione. L etichetta equasolidale, però, da sola non basta, anche se è vero che la sensibilità dei consumatori verso di FT è in aumento, così come la visibilità dei prodotti equi e solidali anche nella grande distribuzione, dove, però, il rischio di confusione o imitazioni è sempre presente. Per questo la maggioranza della organizzazioni FT pone grande attenzione alle attività educative o informative rivolte ai consumatori. Il consiglio al consumatore è fatto di tre parti: tutelare il proprio interesse di consumatore verificando sempre l origine dei prodotti che compra, non solo per scegliere FT, ma per avere consapevolezza del luogo di provenienza dei prodotti che acquista, dato che da ciò dipende in parte la qualità alimentare, la salubrità, il gusto del prodotto. Secondo, tutelare il proprio interesse di cittadino nel cercare prodotti che non siano realizzati in palese contraddizione con i propri valori, il

4 che comporta inevitabilmente di affrontare una serie di domande: che cosa c è dietro questo prodotto? chi l ha realizzato?. Terzo, tutelare la propria salute e sostenibilità economica chiedendosi quanto spende in alimenti, e quanto in altre attività/azioni/prodotti, per ricercare il giusto equilibrio tra i primi e i secondi ed evitare di trovare insostenibili i costi di prodotti alimentari di qualità. Questi potrebbero risultare leggermente più alti di altri laddove si consumano cifre ben superiori, e spesso inadeguate, per altri prodotti di consumo corrente (mobilità, comunicazione, abbigliamento, divertimento ). Quali sono le priorità del WFTO Europa? Sostenere un network di Advocacy valido. Diffondere ed applicare sistema di certificazione WFTO delle organizzazioni FT. Rappresentare e promuovere all esterno, in particolare verso l UE, il FT. Rafforzare le reti nazionali di FT perché siano al contempo di luoghi di autogoverno e promozione del FT a livello nazionale; e validi interlocutori a livello internazionale. Promuovere buone prassi per favorire l accesso al mercato delle organizzazioni FT in generale e, in particolare, nelle aree dell UE dove è meno sviluppato. Regolare e sviluppare il Domestic Fair Trade e creare un'alleanza con l economia solidale. Km zero e commercio equo e solidale, sembra un dilemma senza soluzione tra ambientalisti e terzomondisti. Secondo lei avrebbe senso parlare di KM EQUO? Il dilemma si risolverebbe facilmente se ci si fermasse a pensare che il FT costituisce il Km. Zero, o per meglio dire la filiera corta della maggioranza dei prodotti che quotidianamente consumiamo e che vengono da fuori Europa, dal cotone al caffè. Quindi il FT non è affatto in contrasto, in linea di principio, con il Km. Zero. Anche per questo in alcuni paesi, tra i quali l Italia, si è esplicitamente deciso di non importare prodotti freschi dall estero che siano prodotti anche in Italia. Secondo me il termine Km. Equo è più chiaro ed inclusivo di Km. Zero. La soluzione migliore, secondo me, continua a rimanere Filiera Corta, in quanto, come dimostrato da tutti gli studi che vi si sono dedicati, la distanza percorsa da un prodotto per essere consumato è solo uno dei fattori, e non sempre il più importante o incisivo, che ne determinano l impatto ambientale. Molto dipende dal mezzo di trasporto e dalle modalità di coltivazione. La denominazione di filiera è più appropriata anche perché riguarda non solo i km. percorsi, ma anche i passaggi socio-economici che un prodotto deve fare per arrivare da noi. Inoltre, se in linea di principio il concetto di Km. zero è pienamente condivisibile, esso può trasformarsi facilmente in pratiche contrarie al commercio equo quali un autarchia che vede con sospetto tutto ciò che viene da fuori, o che se ne disinteressa completamente, dopo secoli passati a forzare il Sud del mondo a trasformarsi in piantagioni per rifornire i nostri mercati, noi che siamo i principali inquinatori, li abbandoniamo al loro destino non volendoli più importare. Inoltre non dobbiamo mai dimenticare il significato degli slogan utilizzati dalla Lega Nord in alcune occasioni elettorali, tipo + polenta cous cous. Un recente articolo del The Guardian e un altro di D di Repubblica raccontano di un crisi del Fair Trade e rivelano ombre sulle certificazioni etiche? Vuole spiegarci meglio? Questo è un tema facile da affrontare per chi conosce bene il FT, complesso e difficilmente sintetizzabile in poche righe per chi non lo conosce. Mi limito quindi a dire che il FT è studiato, analizzato e documentato in numerosissimi studi di impatto svolti da università, ricercatori, giornalisti ed istituti di ricerca di tutto il mondo, ben rappresentati, tra l altro dal prossimo Fair Trade Symposium, ospitato dal Politecnico di Milano durante la prossima World Fair Trade Week, maggio. In secondo luogo, basare conclusioni generali sul FT sulla base del fatto che alcuni tra essi evidenziano problemi, contraddizioni o inefficacia del FT non ha nulla di scientifico, ma è frutto o di forte ignoranza o di interessi contro il FT. In terzo luogo sarebbe come buttare via tutta la

5 politica, tutta la religione o tutte le forze dell ordine a causa di noti e ripetuti episodi di corruzione e violenza che caratterizzano politici, preti, poliziotti. Ciò detto non ha senso nascondere che il FT non solo può essere soggetto ad errori o inefficienze, ma che ha alcuni punti deboli, costituiti in particolare da un sistema di certificazione che se da un lato ha permesso la grande espansione del FT sia nel Sud che nel Nord del mondo, dall'altra può essere sensibile ai problemi che caratterizzano tutte le certificazione che hanno a che fare con prodotti che si vendono, e cioè essere sensibile alle quantità, avere forme di dipendenza o sensibilità verso grandi attori economici, guardare più (o solo) al mercato e meno alla dimensione politico-sociale del FT. Inoltre il FT ha delle note debolezze nella parte più locale al Sud della propria filiera, laddove i propri prodotti vengono realizzati in vari passaggi da aziende, piccoli produttori o singoli lavoratori del Sud del mondo, ove non sempre gli attori del FT riescono a svolgere lavori di monitoraggio e controllo sufficienti. In ogni caso il FT deve porre grande attenzione a tutte le ricerche, ed in particolare agli studi critici, evitando di autopromuoversi come privo di problemi, e rispondendo a tutte le critiche come avvenuto anche nel caso degli articoli citati.

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 1 COSA S INTENDE CON FAIR TRADE Cos è FT per la gente della strada 20 Un movimento di cooperative, associazioni, organizzazioni non profit che commercializza

Dettagli

Proposte didattiche A. S. 2009-2010

Proposte didattiche A. S. 2009-2010 Proposte didattiche A. S. 2009-2010 2010 La cooperativa Altrospazio AltroSpazio sorge dalla cooperativa Spaccio Acli A. Grandi nata nel 1949 a Lainate. La prima Bottega del Mondo di AltroSpazio apre a

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

COMMERCIO. COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry

COMMERCIO. COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry COMMERCIO EQUO - SOLIDALE COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA DI PISA: Istituto universitario pubblico che si propone di sperimentare percorsi formativi nella

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO organizzato da World Fair Trade Organisation e Agices-Equo Garantito nell ambito della World Fair Trade Week

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Birulò GAS Fratello Sole GAS Amici di Banca Etica GasSestri GAS Castelletto GAS Impronta GasOsa Gaspacho GAS Le Primule Gas Levante

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

La storia del commercio equo e solidale

La storia del commercio equo e solidale Pagina 1 di 5 La storia del commercio equo e solidale 60 anni di fair trade: breve storia del movimento del commercio equo e solidale (versione ufficiale di IFAT scritta nel Gennaio 2004 ed aggiornata

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY: UNA MODA VELOCE A KM ZERO La Moda si sta direzionando sempre più

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Al servizio di gente unica Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Dati aggiornati al 30/07/2012 Premessa La Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale.

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione, in coerenza con i principi internazionali

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

Local Fairtrade I diritti nel cibo

Local Fairtrade I diritti nel cibo Local Fairtrade I diritti nel cibo di Guido Mosca e Andrea Nicolello Rossi Padova, 23 Ottobre 2014 PREMESSA FAIRTRADE ITALIA: certificazione equo-solidale cooperazione internazionale ambientaliste finanza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Prodotti e consumi sostenibili: Resoconto del Tavolo. verso una politica integrata di prodotto nella Provincia di Torino

Prodotti e consumi sostenibili: Resoconto del Tavolo. verso una politica integrata di prodotto nella Provincia di Torino Gruppi di approfondimento sui temi emersi durante il 7 Forum Plenario di Agenda 21 Environnement Park -Torino, 15 aprile 2003 Resoconto del Tavolo Prodotti e consumi sostenibili: verso una politica integrata

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

LINEE GUIDA. Indice. 1 - Chi siamo. 2 - Finalità e attività. 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S.

LINEE GUIDA. Indice. 1 - Chi siamo. 2 - Finalità e attività. 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S. Indice LINEE GUIDA 1 - Chi siamo 2 - Finalità e attività 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S. 5 - Criteri per la selezione dei prodotti e dei fornitori 6 - Fasi di un ordine 1 - Chi siamo Un gruppo

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana.

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Marina Murat Prof. di Economia Internazionale Università di Modena e Reggio Emilia marina.murat@unimore.it Migrazioni, immigrati, emigrati.

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico

L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico AICEL Associazione Italiana del Commercio Elettronico - è un progetto nato dalla necessità degli operatori

Dettagli

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA PRESENTAZIONE BiSTUDIO Via Arona 11 47838 Riccione (RN) Tel. 0541643881 Fax 0541663476 e-mail: info@bistudio.it internet: www.bistudio.it Partita Iva Codice Fiscale Iscrizione

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA

LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA Programma Operativo Nazionale Obiettivo C Azione C.3 Annualità 2010/2011 LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA Obiettivo C- Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani"

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Comune di Abbiategrasso. Abbiategrasso, idee e azioni per essere slow: il progetto CRESCO

Comune di Abbiategrasso. Abbiategrasso, idee e azioni per essere slow: il progetto CRESCO Abbiategrasso, idee e azioni per essere slow: il progetto CRESCO Assemblea Cittaslow Siena, 10 giugno 2010 Abbiategrasso è una città di 31 mila abitanti, situata ad una ventina di chilometri da Milano.

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

EDUCARSI AL FUTURO. Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti

EDUCARSI AL FUTURO. Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti Allegato n. 1 EDUCARSI AL FUTURO Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti Ai Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti di: Ancona, Arezzo, Bari, Bergamo, Bologna,

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e lavoro NOTA di contesto: la scuola attiva da anni un

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale

EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale Adelphi Consult GmbH Managing Director Walter Kahlenborn 1 Per parlare di EMAS bisogna soffermarsi sui problemi che esistono e definiscono gli obiettivi

Dettagli