L. Landi SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L. Landi SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI"

Transcript

1 SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI L. Landi a Department of Engineering, University of Perugia,

2 Panoramica Progettazione delle SRP/CS fattibile con normative differenti, che danno risultati affidabilistici differenti: Breve Introduzione alla nuova nomenclatura degli MSO Implementazione di approccio ibrido alla progettazione di SRP/CS Metodologia tabellare di ausilio alla progettazione delle SF di SRP/CS basata su dati reali di "occurrence" (prob. di accadimento)

3 Norme differenti, visioni differenti La progettazione affidabilistica delle SF delle SRP/CS è uno dei problemi emergenti per la difficile individuazione dei requisiti minimi delle SF per la DM e normative correlate Due approcci principali possibili per la progettazione: ISO :2008 Safety of machinery Safety-related parts of control systems Part 1: General principles for design (type B). punto di vista elettro-meccanico, utilizzabile con tutti I tipi di tecnologie PL IEC 62061:2005 Safety of machinery - Functional safety of safety-related electrical, electronic and programmable electronic control systems. punto di vista meramente elettronico ed elettrotecnico, non utilizzabile quando ci sono componenti meccanici s (idraulica e/o pneumatica) SIL

4 Altre norme e TR rilevanti ISO 12100:2010 (Type A standard) Safety of machinery - General principles for design - Risk assessment and risk reduction La Direttiva Macchine specifica che deve essere eseguita una analisi dei rischi non come debba essere fatta ISO/TR :2012 Safety of machinery Risk assessment Part 2: Practical guidance and examples of methods. Il TR fornisce altre possibilità per redigere l analisi dei rischi The ISO fornisce il contesto teorico, la ISO 13849:1 (tipo B) da una possibile soluzione IEC/ISO 17305:2014. Safety functions of control systems, Joint Working Group 1 (draft 2014) Primi risultati in 5 anni

5 Esiste una possibile soluzione per la progettazione unificata delle SF Se si osservano le vecche norme europee per la progettazione delle SRP/CS (EN 954-1:1996), il concetto base su cui si basava la progettazione affidabilistica era quello di categoria da cui scaturiva un grado di robustezza al guasto pericoloso. Oggi si ha la pretesa di calcolare la robustezza del sistema in base a calcoli affidabilistici del sistema (sia ISO che IEC). HP: il PL e SIL sono comparabili in termini di probabilità di guasto pericoloso per ora (PFH D ) Il PFH D minimo richiesto per la corretta riduzione dei rischi dipende dalla norma con cui si effettua l analisi dei rischi. In molti casi reali di progettazione delle SF il risultato dell affidabilità minima richiesta DIPENDE dalla norma utilizzata

6 Analisi dei rischi ed OCCURRENCE Cercando di unificare I due approcci teorici, si deve presentare preliminarmente il concetto di OCCURRENCE di un evento pericoloso espresso nella ISO (norma tipo A). Analisi dei rischi per ISO 12100:2010 Severity of harm (Gr. lesione) Exposure to hazard (Esp. pericolo) Possibility to avoid the hazard Occurrence (Probabilità di accadimento) Definizione di Occurrence (point ), Fattori rilevanti da considerare: 1. reliability and other statistical data, 2. accident history, 3. history of damage to health, 4. comparison of risks.

7 Probability of Occurrence Elementi per Il calcolo del PFH D minimo richiesto Severity (S or Se) ISO : livelli dove S2 è permanent IEC 62061: livelli dove Se4 è più grave Exposure (F or Fr) ISO : livelli dove F2 è frequent IEC 62061: livelli di Fr con valori numerici Possibility of avoiding the hazard harm (P or Av) ISO : livelli dove P2 è few chance of avoid hazard IEC 62061: livelli di Av, avoid harm Occurrence of hazard (Pr) Informative Annex A of ISO : Occurrence is missing IEC 62061: livelli di Pr

8 Il problema Se si legge la ISO 13849:1 c è scritto che la metodologia fornisce: only an estimation of risk reduction and is intended as guidance to the designer and standard maker in determining the PL r for each necessary safety function to be carried out by an SRP/CS. Informative Annex A of ISO : Occurrence non considerato se severity S2 si ha sempre PLr = c o peggio 1

9 Altri approcci IEC 62061:2005 Tutti I fattori sono ugualmente importanti ISO/TR :2012 Se Occurrence bassa è possibile ridurre il risk index CL Fr + Pr +Av

10 Riassumendo IEC 62061: casi e 4 severity ISO/TR :2012: 12 casi e 2 severity ISO :2008: 4 casi e 2 severity Troppo approssimativo 1. Analisi dei rischi con IEC (SIL) Approccio ibrido proposto 3. Passaggio al PLr (architettura) 2. Definizione del PFHD con IEC 3. PLr conversion

11 Alcuni casi particolari Caso 1: relazioni multiple, risolto con requisito ad architetture differenti Case 2: nessuna corrispondenza, risolto somma de requisiti Da ISO Da IEC 62061

12 Esempio applicativo The SF function being analysed here is velocità limitata del mandrino portautensili dovuta all utensile being applied in different modi operativi sicuri (MSO). SF: When exceeding the maximum processing speed of the tool, a controlled stopping of the tool spindle shall takes place according to IEC :2009, Usually the maximum processing speed shall be provided in the tool parameters of the tool management (manual human data input). Risk estimation ISO leads for long stays during some operation to: S2- F2 -P2 and then to PLr=e. This is far away from both, and from the state of the art of all the tooling machine technologies and from technical achievability. If the risk estimation of IEC is used, we can find: CL=Fr + Pr +Av=4+1+5=10 with a possible severity Se=4 we have a SIL 2 and then with the partial merging approach PLr=d. Then we have to define, if we have to use a category 2 or 3 system. But when fixed or moveable guards are in operation (for example full enclosure with interlocked guards and guard locking during automatic machining), one can have longer stays according to IEC 62061, because the severity Se=3 is sufficient. Differenz fondamentale è è possibile prendere in considerazione dati sul campo, ad esempio mancanza di incidenti per la particolare SF nel particolare MSO, quindi si giustifica Pr=1.

13 Progettazione e Validazione di una SF Migliore approccio possibile di oggi: singola tabella Semplicissimo da capire a prima vista Difficilissimo da mettere in pratica Irrealistico Può dare immensi problemi interpretativi sulla singola SF

14 Progettazione e Validazione di una SF Metodologia utilizzabile per riassumere I requisiti tecnici principali per una SF generica in una generica normativa di tipo C, sono da considerare: La stessa SF in zone differenti della macchina (zona di lavoro, manutenzione.) possono portare a differenti PLr secondo la singola analisi del rischio, La stessa SF in differenti MSO (auto, manual, setup) possono portare a differenti PLr secondo la singola analisi del rischio. Ad esempio other protective measure come gli schermi possono influenzare la stima del rischio (parametro P, possibilità di evitare), Spiegazione dettagliata di come va ridotto il rischio per una SF e di possibili requisiti addizionali. Altre informazioni utili per il progettista per alcune SF, non sono requisiti ma sono utili per CS, Classificazione con parametri ISO S, F, P, accompaganta da descrizione a volte, Additional explanations che portano a modifiche sostaznziali del risultato. Tenendo conto di queste possiamo passare da PL r teorico ad uno realistico (OCCURRENCE)

15 Sdivisione a seconda della zona Progettazione e Validazione di una SF Esempio tabella 1, versione semi definitiva Realistic layout taken from ISO FDIS

16 Progettazione e Validazione di una SF SF_table 2: metodo tabellare per la progettazione e validazione delle SF

17 Progettazione e Validazione di una SF SF_table 2: metodo tabellare per la progettazione e validazione delle SF Esempio

18 Conclusioni Si è cercata una possibile soluzione ai problemi applicativi dovuti alla progettazione di SF delle SRP/CS utilizzando soltanto la ISO E stato proposto un approccio ibrido ISO /IEC partial merging basato sul PFH d, che è base matematica condivisa in entrambe le norme, la riduzione dei rischi da risultati comparabili sia in termini di PL o SIL Introdotta metodologia di progettazione e validazione tabellare utilizzabile per tutte le norme di tipo C. Con questa si ottiene un giusto compromesso fra validazione teorica e stato dell arte (già testata per transfer, centri di lavoro ed alesatrici). Contributo degli autori fornito durante I lavori del lavori del ISO/TC 39/SC 10/WG4 (ISO/CD for milling machines).

19 Annex

20

21

22

23

24

LA SICUREZZA DEI SISTEMI DI COMANDO E CONTROLLO. Quale norma utilizzo per il calcolo?

LA SICUREZZA DEI SISTEMI DI COMANDO E CONTROLLO. Quale norma utilizzo per il calcolo? LA SICUREZZA DEI SISTEMI DI COMANDO E CONTROLLO Quale norma utilizzo per il calcolo? Matteo Marconi AC&E S.r.l. Una pietra miliare il punto 1.2 della 2006/42/CE 1.2. SISTEMI DI COMANDO 1.2.1. Sicurezza

Dettagli

Aspetti metodologici innovativi per la valutazione dei rischi nell'ambito della Nuova Direttiva Macchine

Aspetti metodologici innovativi per la valutazione dei rischi nell'ambito della Nuova Direttiva Macchine ISPESL - Politecnico di Bari - ARPA Puglia La sicurezza delle macchine tra nuova Direttiva Macchine e Testo Unico Aspetti metodologici innovativi per la valutazione dei rischi nell'ambito della Nuova Direttiva

Dettagli

CONVEGNO La sicurezza dei prodotti: in particolare delle macchine Bologna, 5 Maggio 2011

CONVEGNO La sicurezza dei prodotti: in particolare delle macchine Bologna, 5 Maggio 2011 CONVEGNO La sicurezza dei prodotti: in particolare delle macchine Bologna, 5 Maggio 2011 Functional Safety EN ISO 13849-1 Ing. Paolo Carlo De Benedetto Safety Specialist - Pilz Italia S.r.l. Procedura

Dettagli

Sicurezza Funzionale Macchinari

Sicurezza Funzionale Macchinari Sicurezza Funzionale Macchinari Uno degli aspetti fondamentali della sicurezza dei macchinari è l affidabilità delle parti di comando legate alla sicurezza, ovvero la Sicurezza Funzionale, definita come

Dettagli

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 VINCOLI DI PROGETTAZIONE PER LA PARTE DI COMANDO E CONTROLLO ESPRESSI NELLA ATTUALE DIRETTIVA MACCHINE 1998/37/CE E NELLA NUOVA 2006/42/CE 1.2.1. Sicurezza e affidabilità dei

Dettagli

ATEX ed Ambienti Confinanti DCS Safety System Sistemi di Sicurezza e Controllo in ambienti a rischio esplosione

ATEX ed Ambienti Confinanti DCS Safety System Sistemi di Sicurezza e Controllo in ambienti a rischio esplosione TUSL - TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO In ambito lavorativo, il Dlgs. 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute preventivo e permanente,

Dettagli

Norma UNI EN ISO 13849-1

Norma UNI EN ISO 13849-1 Sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma UNI EN ISO 13849-1 Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza. Parte 1: principi generali per la progettazione. Per.Ind. Antonio Rigutto

Dettagli

Sicurezza delle Macchine

Sicurezza delle Macchine Automatisation Sicurezza delle Macchine Indicazioni per l applicazione delle norme EN 62061 ed EN ISO 13849-1 SIGLA EDITORIALE Sicurezza delle macchine Indicazioni per l applicazione delle norme EN 62061

Dettagli

SIEMENS. Safety Integrated. Think innovation! Enjoy greater flexibility in machine safety. Siemens AG 2010. Alle Rechte vorbehalten.

SIEMENS. Safety Integrated. Think innovation! Enjoy greater flexibility in machine safety. Siemens AG 2010. Alle Rechte vorbehalten. SIEMENS Safety Integrated Think innovation! Enjoy greater flexibility in machine safety. Safety Integrated - Soluzioni di sicurezza "La prevenzione degli infortuni non deve essere concepita come un obbligo

Dettagli

Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM

Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM Le linee Guida nel panorama della standardizzazione Europea e Internazionale Ing. Gianosvaldo

Dettagli

Sistemi di Sicurezza ad Alta Affidabilita Safety Integrity Level (SIL) RASSEGNA DELLA NORMATIVA. Ing. Domenico Barone Studio db

Sistemi di Sicurezza ad Alta Affidabilita Safety Integrity Level (SIL) RASSEGNA DELLA NORMATIVA. Ing. Domenico Barone Studio db Sistemi di Sicurezza ad Alta Affidabilita Safety Integrity Level (SIL) RASSEGNA DELLA NORMATIVA Ing. Domenico Barone Studio db Seminario 3ASI CESNEF Milano 30.06.04 1. Incidenti rilevanti accaduti nell

Dettagli

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 Per_Ind_Valeri_Vanni - PL.doc PAG. 1 DI 8 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 LA EN 954-1 VA IN PENSIONE A fine 2011,

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Sicurezza Funzionale per l industria l di processo 30 Ottobre 2013 Valutazione dei parametri SIL per Elementi Finali di Sistemi Strumentati di Sicurezza Carlo Tarantola CTAI

Dettagli

C.B.Ferrari Via Stazione, 116-21020 Mornago (VA) Tel. 0331 903524 Fax. 0331 903642 e-mail cbferrari@cbferrari.com 1. Cause di squilibrio a) Asimmetrie di carattere geometrico per necessità di progetto

Dettagli

Come progettare un circuito di sicurezza secondo la EN 62061:2005

Come progettare un circuito di sicurezza secondo la EN 62061:2005 Come progettare un circuito di sicurezza secondo la EN 62061:2005 Sistemi di sicurezza industriale Fabrizio Castelli Industrial Safety Systems. Made by by SICK. Ciclo di vita della sicurezza IEC 61508

Dettagli

Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza. Siemens AG 2011. All Rights Reserved.

Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza. Siemens AG 2011. All Rights Reserved. Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza L aiuto di Siemens Cosa offre Siemens in supporto alla progettazione Supporto globale per l uso ottimale della Sicurezza

Dettagli

Come progettare un circuito di sicurezza Secondo la EN ISO 13849-1:2006

Come progettare un circuito di sicurezza Secondo la EN ISO 13849-1:2006 Come progettare un circuito di sicurezza Secondo la EN ISO 13849-1:2006 Sistemi di sicurezza industriale Fabrizio Castelli Industrial Safety Systems. Made by by SICK. Realizzare la sicurezza funzionale

Dettagli

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF Machines 2010 :Nuova legge in Europa :Nuove norme Quasi-macchine MTTFd B10d CCF Documenti DC SIL PL : Nuovi obblighi per progettisti, utilizzatori, costruttori, importatori di macchine: - Nuova Direttiva

Dettagli

Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale

Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale ABB, da sempre attenta al mondo della sicurezza, offre un portafoglio di prodotti e di soluzioni di automazione innovativo e completo in grado di rispondere

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti e della Sicurezza Industriale: Fault Tree Analysis (FTA) I/E e Safety Instrumented System (SIS)

Corso di Progettazione di Impianti e della Sicurezza Industriale: Fault Tree Analysis (FTA) I/E e Safety Instrumented System (SIS) Corso di Progettazione di Impianti e della Sicurezza Industriale: Fault Tree Analysis (FTA) I/E e Safety Instrumented System (SIS) Negli impianti a rischio di incidente rilevante, al fine di prevenire

Dettagli

Sicurezza delle Macchine

Sicurezza delle Macchine Sicurezza delle Macchine Indicazioni per l applicazione delle norme EN 62061 ed EN ISO 13849-1 2 o Edizione Fachverband Automation S I G L A E D I T O R I A L E Sicurezza delle Macchine Indicazioni per

Dettagli

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine 8 Preventa Moduli di sicurezza Configuratori di sicurezza PLC di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine Preventa, una soluzione globale di sicurezza per tutte le fasi del ciclo di vita delle

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

Machinery safety directives

Machinery safety directives Machinery safety directives General directives, national (Italy) Italian directives: D.Lgs. 81/2008, ha abrogato e sostituito, tra gli altri, il D.Lgs. 626/94. Direttiva macchine: Direttiva 98/37/CE recepita

Dettagli

Macchine ad Impatto Impact machines

Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad impatto S6 S5 S4 Queste macchine sono idonee per marcare, rivettare, ribadire, cianfrinare, numerare, fustellare, tranciare ecc. ed in tutte quelle operazioni

Dettagli

ANALISI DEI PERICOLI Hazard Analysis

ANALISI DEI PERICOLI Hazard Analysis 7.4 ANALISI DEI PERICOLI Hazard Analysis Identificazione Valutazione Misure di Controllo Identification Assessment Control Measures Taccani 1 7.4.2 Identificare i pericoli e i livelli accettabili Identify

Dettagli

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 ILARIA CIABATTI Verification of analytical methods

Dettagli

TORINO, 04 MARZO 2009. Ing. Gino Zampieri e Ing. Stefano Piccagli

TORINO, 04 MARZO 2009. Ing. Gino Zampieri e Ing. Stefano Piccagli TORINO, 04 MARZO 2009 Ing. Gino Zampieri e Ing. Stefano Piccagli AC&E AC&E S.r.l è una consolidata realtà composta da 10 ingegneri e tecnici che opera sia a livello nazionale che internazionale; la società

Dettagli

Fieldbus Foundation e la sicurezza

Fieldbus Foundation e la sicurezza Fieldbus Foundation Freedom to choose. Power to integrate Italia Fieldbus Foundation e la sicurezza Safety Integrity System Alberto Digiuni Filedbus Foundation Italia La sicurezza Cosa è la sicurezza?...

Dettagli

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on 1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on LETTERHEAD PAPER of the applicant 2. Elenco documenti che

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Workshop 2012 Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di TERAMO Workshop 2012 I settori: -Sicurezza -Automazione

Dettagli

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE Sicurezza delle Macchine e marcatura CE (direttiva 2006/42/CE) Reggio Emilia 16-23 - 29 Giugno 2015 Il corso affronta nel dettaglio e con taglio operativo, i principali standard (UNI, ISO, ecc) la cui

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Software Embedded Integration Testing Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Chi siamo Skytechnology è una società di ingegneria che opera nell area dei sistemi embedded aiutando i propri Clienti

Dettagli

IMM Drukmat voor het beveiligen van gevaarlijke zones rondom machines. Indien men op de mat staat schakelt de mat de noodstop in.

IMM Drukmat voor het beveiligen van gevaarlijke zones rondom machines. Indien men op de mat staat schakelt de mat de noodstop in. IMM Drukmat voor het beveiligen van gevaarlijke zones rondom machines. Indien men op de mat staat schakelt de mat de noodstop in. Verkrijgbaar in diverse maten kan door ons geleverd worden voor zelf montage

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Esempio di applicazione delle norme EN ISO e EN IEC 62061

Esempio di applicazione delle norme EN ISO e EN IEC 62061 Esempio di applicazione delle norme EN ISO 13849-1 e EN IEC 62061 Esempio: Pressa per cuscinetti Valutazione del rischio Secondo EN ISO 14121 Valutazione del rischio Funzione di sicurezza SF: Il movimento

Dettagli

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide Newsletter Application 4/2007 OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella APPLICABILITÀ: CONTROLLO NUMERICO itnc 530 DA VERSIONE SOFTWARE 340 49x-03 REQUISITI HARDWARE: MC 420

Dettagli

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Roma, 10 novembre 2008 Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Ing. Gabriele Ridolfi RFI Direzione Tecnica Mail: g.ridolfi@rfi.it Processo Omologativo:

Dettagli

CMI-T / CMI-TC / CMI-TD

CMI-T / CMI-TC / CMI-TD Range Features Ceramic arc tube ensures colour uniformity and stability throughout lamp life Very high luminous efficiency in a compact lamp format Excellent colour rendering UV-stop quartz reduces colour

Dettagli

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013 SEMINARIO TECNICO Milano 4 dicembre 2013 LA MANOMISSIONE DEI CIRCUITI DI SICUREZZA NELLE MACCHINE Relatore Dott. Ing. Federico Dosio Copyright F.D. - All rights reserved. - 1-11/17/2013 1 DIRETTIVA 2006/42/CE

Dettagli

Sicurezza Funzionale Industria di Processo

Sicurezza Funzionale Industria di Processo Funzionale Industria di Processo La Funzionale è definita come la porzione della sicurezza globale correlata al processo che dipende dal corretto funzionamento del Sistema di e degli altri livelli di protezione.

Dettagli

La sicurezza dell uomo e della macchina IV Edizione

La sicurezza dell uomo e della macchina IV Edizione La sicurezza dell uomo e della macchina IV Edizione Per un mondo industriale sicuro! TECHNO GR SAFETY SERVICE Partner per la sicurezza industriale per tutto il ciclo di vita della macchina. Analisi del

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE. Criteri di sicurezza e. Valutazione del Rischio. secondo la UNI EN ISO 12100

La Direttiva Macchine 2006/42/CE. Criteri di sicurezza e. Valutazione del Rischio. secondo la UNI EN ISO 12100 CCIA Reggio Emilia 27 Novembre 2012 La Direttiva Macchine 2006/42/CE Criteri di sicurezza e Valutazione del Rischio secondo la UNI EN ISO 12100 Ing. Enrico Ippolito Via Saffi 44/c Parma Tel 0521-286188

Dettagli

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride.

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. 5 12 ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. UN BAMBINO/ONE CHILD Su questo gioco può salire al massimo un bambino.

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrara-Ravenna Pipeline located

Dettagli

Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED)

Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED) Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED) Alimentatori elettronici con tensione di uscita stabilizzata per moduli LED di segnalazione. Led driver with

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi 17/07/2012 1 Dott.ssa Francesca Leonardi RSPP-RSGSSL Istituti Clinici Zucchi. ORGANISMO AZIENDA SANITARIA : COGENZA

Dettagli

QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine utensili

QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine utensili DIT Dipartimento Innovazione Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti, Prodotti e Insediamenti Antropici QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine

Dettagli

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio)

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio) SMICC INTRODUZIONE Le normative applicabili all interno delle Organizzazioni crescono in numero e complessità di giorno in giorno: per evitare che questa situazione crei strutture sempre più difficili

Dettagli

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS Elevatore elettrico electric lifting trolley 175 kg Art. -CEAC041 Lifting trolley with rolls Il carrello elevatore elettrico viene utilizzato sia per il trasporto delle salme su barelle, sia in abbinamento

Dettagli

Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy D. Dallefrate, Milano 21/6/2012

Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy D. Dallefrate, Milano 21/6/2012 Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy D. Dallefrate, Milano 21/6/2012 1 Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy Sommario Il problema La soluzione Gli strumenti Esempi applicativi

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi SAFETY SERVICE Valutazione dei rischi AZIENDA: DATA: MACCHINA: REFERENTE (Cliente): IL TECNICO VERBALIZZANTE (Safety Service): IL RESPONSABILE TECNICO (Safety Service): IL RESPONSABILE DEL SERVICE: TRASMESSO

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

CERTIFICATO C E R T I F I C A T E Certificato No.: Certificate No.: Nome ed indirizzo del richiedente: Name and Address of the certificate holder: Data della domanda: Date of submission: TÜV IT 14 MAC

Dettagli

Unbounce Optimization

Unbounce Optimization Unbounce Optimization Alberto Mucignat Milano, 01 dicembre 2015 Doralab - Experience Design Company User Intelligence User Experience Design Business value 2 3 Full stack UX design Architettura dell informazione

Dettagli

LA FORZA DI ESSERE NATI CARROZZIERI

LA FORZA DI ESSERE NATI CARROZZIERI LA FORZA DI ESSERE NATI CARROZZIERI the strength of a body repair background La Spanesi é un azienda in costante sviluppo che ha raggiunto oggi posizioni di primo piano nel settore delle attrezzature per

Dettagli

MODALITA DI IMPIEGO PD

MODALITA DI IMPIEGO PD MODALITA DI IMPIEGO PD MISURA CONCORDANZA/ 1. Accendere il dispositivo tramite interruttore a slitta situato sul lato destro; 2. All atto dell accensione il dispositivo esegue un test di funzionamento

Dettagli

ACQUISTI PORTALE. Purchasing Portal

ACQUISTI PORTALE. Purchasing Portal ACQUISTI PORTALE Purchasing Portal Il portale acquisti della Mario De Cecco è ideato per: The Mario De Cecco purchase portal is conceived for: - ordinare on line in modo semplice e rapido i prodotti desiderati,

Dettagli

Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo

Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo Padova, 14 Ottobre 2011 Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo Ing. Giuseppe Migale Laboratorio sicurezza ottica e fotometria IMQ IMQ S.p.a. Via Quintiliano 43, 20138 - Milano 1 Principali

Dettagli

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating.

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating. DIRECTIVE 29/125/EC - REGULATION EU 547/212 Pentair informs you about the new requirements set by Directive 29/125/EC and its Regulation EU 547/212 regarding pumps for water. Here below you find a brief

Dettagli

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal Portale Materiali Grafiche Tamburini Documentazione utente italiano pag. 2 Grafiche Tamburini Materials Portal English user guide page 6 pag. 1 Introduzione Il Portale Materiali è il Sistema Web di Grafiche

Dettagli

Posta elettronica per gli studenti Email for the students

Posta elettronica per gli studenti Email for the students http://www.uninettunouniverstiy.net Posta elettronica per gli studenti Email for the students Ver. 1.0 Ultimo aggiornamento (last update): 10/09/2008 13.47 Informazioni sul Documento / Information on the

Dettagli

AGLI INSIEMI DI MACCHINE

AGLI INSIEMI DI MACCHINE Ernesto Cappelletti (ErnestoCappelletti) APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE AGLI INSIEMI DI MACCHINE 6 October 2010 Gli insiemi di macchine o le installazioni complesse normalmente chiamati anche

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2001 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for the transportation system for

Dettagli

Introduzione alla Sicurezza

Introduzione alla Sicurezza 2007 2008 Introduzione alla Sicurezza Introduzione alla Sicurezza 1- Progettare in sicurezza. La struttura normativa Europea. Qualsiasi prodotto o macchinario, per essere liberamente commercializzato all

Dettagli

Camera di Commercio di Napoli 27 novembre 2008

Camera di Commercio di Napoli 27 novembre 2008 Evoluzione normativa per il successo sostenibile e la Responsabilità Sociale Camera di Commercio di Napoli 27 novembre 2008 Stefano Sibilio Ente Nazionale Italiano di Unificazione Fondazione : 1921 Riconoscimento:

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 User satisfaction survey Technology Innovation 2010 Survey results Ricordiamo che l intervallo di valutazione

Dettagli

SKILL D9 - D10. Design: Angelo Didonè e Massimo Costaglia. forza e intersezione tra i due progetti. supporto lombare integrato nello stesso.

SKILL D9 - D10. Design: Angelo Didonè e Massimo Costaglia. forza e intersezione tra i due progetti. supporto lombare integrato nello stesso. 32 SKILL D9 - D10 Design: Angelo Didonè e Massimo Costaglia Dai concetti di qualità e alto design che troviamo nella sedia Integra nasce il progetto SKILL. Meccanismo sincronizzato EXTRA, sedile con traslatore

Dettagli

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 Skytechnology srl Skytechnology è una società di ingegneria,

Dettagli

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE PER VERRICELLI WINDLASS LIGHTING SYSTEM

SISTEMA DI ILLUMINAZIONE PER VERRICELLI WINDLASS LIGHTING SYSTEM Istruzioni per l uso Instructions for use SISTEMA DI ILLUMINAZIONE PER VERRICELLI WINDLASS LIGHTING SYSTEM WLS WINDLASS LIGHTING SYSTEM - 1 - Rev.01-2013 Italiano SISTEMA DI ILLUMINAZIONE PER VERRICELLI

Dettagli

PICK & PLACE SYSTEMS

PICK & PLACE SYSTEMS PICK & PLACE SYSTEMS 2 TWINPACK TWINPACK Twinpack progetta, produce e installa macchine per l applicazione di maniglie, fasce adesive per multimballi, film termoriducenti e clusteratrici. La storia di

Dettagli

pod coffee machines macchine per caffé IN CIALDE pod coffee machines macchine per caffé in cialde

pod coffee machines macchine per caffé IN CIALDE pod coffee machines macchine per caffé in cialde Non accontentatevi! Non sono tutte uguali le macchine per caffè, noi le facciamo per il nostro caffè. Costruite su misura per un risultato perfertto. Per la casa, per l ufficio, per il bar. Don t be satisfied!

Dettagli

Le nuove norme EN ISO 13849-1:2006 e CEI EN 62061:2005

Le nuove norme EN ISO 13849-1:2006 e CEI EN 62061:2005 Le nuove norme EN ISO 13849-1:2006 e CEI EN 62061:2005 Analisi ed applicazione pratica di calcolo sulle macchine utensili. Centro Congressi Borgo della Quercia 10 Aprile 2008 Relatore: Ing. E. Moroni I.C.E.P.I

Dettagli

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER Breve presentazione su: - High Level Structure delle ISO per gli standard del sistema di gestione - Principali cambiamenti nel DIS 9001:2015 e DIS 14001:2015 - Piano per la revisione e il periodo di transizione

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

Il Tolerance Management nell Ingegneria di prodotto e di processo. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Il Tolerance Management nell Ingegneria di prodotto e di processo. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Il Tolerance Management nell Ingegneria di prodotto e di processo Tolerance Management e Sistemi di Misurazione Enrico Savio Professore Associato di Tecnologie e Sistemi di Lavorazione Università degli

Dettagli

Applicazioni pratiche della ISO/TR 16907, Machine tools Numerical compensation of geometric errors

Applicazioni pratiche della ISO/TR 16907, Machine tools Numerical compensation of geometric errors Convegno QUALITÀ, SICUREZZA E AMBIENTE: LE NORME A SUPPORTO DELLA COMPETITIVITÀ NEL SETTORE DELLE MACCHINE UTENSILI BI-MU 2014 Applicazioni pratiche della ISO/TR 16907, Machine tools Numerical compensation

Dettagli

L ANALISI DEL RISCHIO

L ANALISI DEL RISCHIO Sistemi di produzione L ANALISI DEL RISCHIO Sistemi di produzione Analisi del rischio 1 Il Decreto Legislativo n. 626/94 Si tratta senz altro della più importante legge del nostro ordinamento in fatto

Dettagli

Componenti per applicazioni di sicurezza

Componenti per applicazioni di sicurezza Componenti per applicazioni di sicurezza Catalogo 0-0 Sommario generale 0 Componenti per applicazioni di sicurezza Sicurezza delle persone e delle macchine I supporti Preventa e le funzioni di sicurezza

Dettagli

AUTOMAZIONI PER PORTE BATTENTI

AUTOMAZIONI PER PORTE BATTENTI AUTOMAZIONI PER PORTE BATTENTI AUTOMATIONS FOR SWING DOORS Modernità, compattezza ed affidabilità: tre semplici concetti che riassumono al meglio le automazioni per porte battenti myone. Se a queste caratteristiche

Dettagli

DNV BUSINESS ASSURANCE

DNV BUSINESS ASSURANCE DNV BUSINESS ASSURANCE CERTIFICATO CE DI TIPO EC TYPE-EXAMINATION CERTIFICATE Certificato No. / Certificate No. 2666-2013-CE-ITA-ACCREDIA Questo certificato è di 5 pagine / This certificate consists of

Dettagli

Introduzione alla Sicurezza

Introduzione alla Sicurezza 6 Introduzione alla Sicurezza - Prefazione Scopo di questa sezione è di fornire al costruttore di macchine una rapida introduzione su alcune normative relative alla sicurezza macchine, chiarire alcuni

Dettagli

Progettazione dei sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN IEC 62061

Progettazione dei sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN IEC 62061 Pubblicato il 22/06/2010 Aggiornato al: 25/05/2010 Progettazione dei sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN IEC 62061 di Gianfranco Ceresini 1 Riduzione del rischio (attraverso i sistemi

Dettagli

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE ALLEGATO I (previsto dall'art. 3, comma 3, lettera a)) Requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute relativi alla

Dettagli

ZD ZOBBIO TRANSFER MACHINES

ZD ZOBBIO TRANSFER MACHINES ZD ZOBBIO TRANSFER MACHINES CONVENTIONAL AND CNC TRANSFER MACHINES MANUFACTURE AND OVERHAUL MACCHINE TRANSFER TRADIZIONALI E CNC USATE E NUOVE ZD ZOBBIO TRANSFER MACHINES COMPANY AZIENDA ZD ZOBBIO MACCHINE

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

VBX. Alesatrice Spianatrice Verticale CNC CNC Vertical Boring Machine VBX

VBX. Alesatrice Spianatrice Verticale CNC CNC Vertical Boring Machine VBX VBX Alesatrice Spianatrice Verticale CNC CNC Vertical Boring Machine VBX VBX300 500 SPECIFICHE TECNICHE / Specifications VBX300 VBX500 CAPACITÀ DI LAVORO WORKING CAPACITY Capacità di alesatura 30-400 mm

Dettagli

ITALTRONIC SUPPORT XT SUPPORT XT

ITALTRONIC SUPPORT XT SUPPORT XT SUPPORT XT 289 CARATTERISTICHE GENERALI Norme EN 60715 Materiale Blend (PC/ABS) autoestinguente GENERAL FEATURES Standard EN 60715 Material self-extinguishing Blend (PC/ABS) Supporti modulari per schede

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Decode NGS data: search for genetic features

Decode NGS data: search for genetic features Decode NGS data: search for genetic features Valeria Michelacci NGS course, June 2015 Blast searches What we are used to: online querying NCBI database for the presence of a sequence of interest ONE SEQUENCE

Dettagli

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE ATEX 99/92/CE Decreto legislativo n 81/2008 Titolo XI - Protezione da atmosfere esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE Utilizzatori AREE PERICOLOSE ATEX 1999/92/CE Dlgs. 81/2008 titolo XI (già Dlgs. 233/2003)

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2009-2010 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Rho - Malpensa Pipeline

Dettagli