PROGRAMMA ELETTORALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ELETTORALE"

Transcript

1 PROGRAMMA ELETTORALE A. AMMINISTRARE È ANCHE QUESTIONE DI METODO B. STRATEGIE - VILLAR PEROSA OLTRE I SUOI CONFINI C. TEMI DI SVILUPPO E INTERVENTI PRIORITARI D. QUALITÀ URBANA E SERVIZI E. VILLAR E IL GRANDE PATRIMONIO AMBIENTALE F. LE REALTÀ PRODUTTIVE G. VILLAR PEROSA, LA CULTURA, IL VALORE DELLA SUA COMUNITÀ H. DA PROBLEMI A OPPORTUNITÀ I. LA MACCHINA COMUNALE L. STRUMENTI E BUONE PRATICHE

2 A. AMMINISTRARE È ANCHE QUESTIONE DI METODO Per amministrare è necessario avere un metodo, essere consapevoli delle modalità che si vogliono adottare. Il nostro gruppo si contraddistingue per una pratica amministrativa che si può riassumere nelle seguenti parole chiave: Programmazione: per agire in modo efficace è necessario prima di tutto individuare gli obiettivi da raggiungere, valutare le priorità e organizzare in anticipo gli interventi. In una parola: programmare. Senza un impostazione di questo tipo si rischia di intervenire in modo improvvisato e di sprecare risorse, mancando i risultati sperati. Partecipazione / consultazione: promuoviamo un idea di cittadinanza intesa come diritto delle persone di sentirsi parte di una comunità, di partecipare allo sviluppo collettivo, di accrescere la propria consapevolezza e la responsabilità verso il bene comune. Vogliamo mettere in pratica la partecipazione attiva e diffusa da parte di tutti alla vita della comunità. Monitoraggio del lavoro dell amministrazione: i cittadini devono poter verificare costantemente l attuazione del programma da parte dell amministrazione, la risoluzione dei problemi, l avanzamento dei progetti in cantiere. Tale verifica è utile affinché l amministrazione possa proseguire in modo coerente ed efficace il proprio operato, ma anche perché i cittadini si sentano parte di un cammino comune. Investire sulle persone e non solo sulle cose: in questi anni le amministrazioni pubbliche hanno posto al centro dell attenzione le opere (costruzione di edifici o infrastrutture). La ricerca di fondi e gli interventi di spesa hanno avuto questo come obiettivo, mentre sono stati pochi i provvedimenti a favore delle persone o per la gestione delle opere stesse. Al contrario, per noi è importante investire sugli individui, sulle donne e sugli uomini, sui giovani e gli anziani, sulla formazione, sulla creazione di posti di lavoro, sulla cultura, sullo sport. Solo così è possibile arginare la precarietà di lavoro attuale e garantire una gestione positiva delle opere già realizzate, come ad esempio la Finestra sulle Valli; Finanziamenti e occasioni da cogliere: il nostro gruppo di lavoro si caratterizza per l alta competenza professionale in materia di ricerca fondi e finanziamenti. Nel prossimo periodo sarà importante cogliere tutte le opportunità messe a disposizione dal nuovo settennato di finanziamenti europei ( ), presentando progetti integrati di sviluppo che interessino Villar Perosa e la Valle Chisone. Sarà altresì necessario cogliere tutte le occasioni che si presenteranno lungo il cammino, operando in rete con i comuni limitrofi e con altri territori. Anche per questo la competenza e la professionalità saranno elementi fondamentali. 2

3 B. STRATEGIE - VILLAR PEROSA OLTRE I SUOI CONFINI Villar Perosa deve tornare a giocare un ruolo decisivo nel contesto della valle. In questi ultimi anni il paese ha perso la spinta propulsiva che lo rendeva centro vitale del territorio. Villar non ha avuto un ruolo chiave né nella promozione dello sviluppo né nella sfera culturale, sociale, ricreativa. Riteniamo invece che la Valle Chisone abbia bisogno di una Villar Perosa attiva, propositiva e capace di porsi come punto di riferimento. Il numero di abitanti, le sue attività produttive e la sua posizione strategica all imbocco della valle sono potenzialità che Villar Perosa ancora non riesce a sfruttare pienamente. Vogliamo promuovere un diverso modo di rapportarsi con gli altri enti territoriali (regione, provincia / città metropolitana) per non essere subordinati a politiche che portano pochi benefici a livello locale e limitano l autonomia degli enti. Vogliamo che il nostro progetto di territorio, la nostra cultura e la nostra identità siano considerati alla pari degli altri progetti urbani, perché rappresentano valori ambientali di interesse generale. Per questo motivo abbiamo aderito ad Alpes, la rete di municipi montani che si riconosce in concetti come autonomia, libertà, partecipazione, energia e sussidiarietà. Collegare fra loro i comuni montani e accrescere la consapevolezza delle loro risorse è fondamentale per rapportarsi in modo proficuo con la città, soprattutto in un momento in cui stiamo assistendo invece ad un drastico ridimensionamento del ruolo politico delle realtà locali (ne è un esempio eclatante la storia recente delle Comunità Montane). Infine, Officina Villar desidera aderire al Patto dei Sindaci, il movimento europeo che vede coinvolte più di 5000 autorità locali e regionali, impegnate ad aumentare l efficienza energetica e l utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori. Attraverso il loro impegno, i firmatari del Patto intendono raggiungere e superare l obiettivo europeo che riguarda la riduzione del 20% delle emissioni di CO 2 entro il Questa rete è fondamentale per attivare politiche di sostenibilità energetica e per reperire fondi e finanziamenti destinati dalla Comunità europea a tale scopo. C. TEMI DI SVILUPPO E INTERVENTI PRIORITARI Alla base delle nostre politiche sul territorio c è la volontà di ridare una prospettiva alle nuove generazioni che desiderano rimanere o ritornare in valle. Per consentire questo è necessario lavorare perché a Villar Perosa sia possibile intraprendere nuove attività e professioni, trovare occasioni di formazione, di cultura e di svago. Per favorire il radicamento nei confronti del proprio luogo di 3

4 origine, è fondamentale saper mantenere vivo un territorio. In questo senso intendiamo impegnarci sui seguenti temi: Villar Perosa e la fabbrica: non possiamo abbandonare al proprio destino il più importante fattore di ricchezza di Villar. Due sono le modalità che intendiamo usare per affrontare la crisi di questo settore: la prima è quella di garantire un sostegno costante ai lavoratori e alle lavoratrici tramite un confronto fermo con la proprietà e la dirigenza in merito ai programmi e alle volontà industriali di investimento; la seconda è quella di attivare un tavolo di lavoro con gli imprenditori al fine di prevedere un programma di investimenti pubblici, non solo comunali, che, oltre a supportare gli investimenti privati, contribuiscano a rendere il territorio attrattivo dal punto di vista delle imprese. Alcuni esempi di questo sono: la realizzazione di infrastrutture come un nuovo ponte sul Chisone, che andrebbe a collegare via Dante Alighieri alla nuova strada dell Inverso; l incremento della formazione professionale; la riqualificazione degli spazi urbani che fanno da contorno alle fabbriche; la realizzazione di sistemi di produzione di energia innovativi e sostenibili. Villar Perosa fra sport, ambiente e turismo: crediamo che l unione di questi tre elementi costituisca una forza determinante per Villar Perosa. A tal proposito ci impegniamo a potenziare le strutture sportive in modo da renderle adatte a ospitare tornei nazionali e internazionali, campi scuola sportivi estivi, ritiri per squadre di livello nazionale. Il polo sportivo, unito al Parco del Bacino e alla struttura della Finestra sulle Valli, possono diventare un centro sportivo, culturale e ricreativo molto forte, capace di attrarre nuove forme di turismo. Contemporaneamente vogliamo favorire la capacità di accoglienza turistica attraverso la realizzazione di forme di ricettività che non implichino grandi investimenti: area camper, campeggio e albergo diffuso. Su quest ultimo tema vogliamo prevedere forme di incentivi fiscali per chi intraprende attività ricettive all interno dei propri immobili (prima o seconda casa): bed & breakfast, affitta camere, alloggi vacanze. Grazie a diverse figure professionali presenti all interno del nostro gruppo, possiamo elaborare a costo zero un progetto articolato in varie parti e capace di prevedere il coinvolgimento di diversi soggetti, quali le società sportive e le associazioni, nella ricerca dei fondi necessari. Tale progetto deve prevedere i seguenti interventi: Area sportiva: - realizzazione di una foresteria per l accoglienza di squadre, gruppi sportivi, gruppi di altro genere; - realizzazione di un area campeggio; - rifacimento del manto di erba sintetica del campo da hockey; - manutenzione della pista d atletica; 4

5 - potenziamento dei campi da calcio; - riqualificazione e potenziamento dei servizi (spogliatoi, tribune e così via). Area Bacino: - realizzazione di un area camper; - gestione dell area attrezzata, area camper e parcheggio; - introduzione di tariffe per il parcheggio nei fine settimana con l unico scopo di garantire un servizio attrezzato di qualità. La Finestra sulle Valli: oggi la Finestra sulle Valli è un esempio concreto di cosa significhi amministrare un comune senza progettualità, realizzando un opera senza avere una chiara idea di gestione e rendendo un costo ciò che dovrebbe essere una risorsa. La nostra idea è quella di trasformare questo spazio in un luogo di incontro pubblico e gratuito, in particolare per i più giovani, un luogo che andrebbe ripensato proprio dal punto di vista dell offerta culturale, non solo per il paese ma anche per la valle. La biblioteca va rafforzata nel suo servizio, sia per quanto riguarda gli orari di apertura, sia per quanto concerne la sua dotazione di libri e attrezzature. In particolare pensiamo a una sala studio con orario continuato ed eventualmente a spazi per incrementare e qualificare il servizio di doposcuola (in accordo con gli attuali promotori di tale attività). La Finestra sulle Valli può rappresentare un occasione feconda per creare servizi, attività e quindi entrare nel mondo del lavoro. La sua posizione all ingresso del paese, la sua vicinanza agli impianti sportivi e al Bacino ne fanno un punto ideale di accoglienza al turista. È possibile riattivare un servizio informazioni con una vetrina di prodotti tipici: una vendita diretta, tramite distributori automatici, di latte fresco, burro, formaggio prodotti dalle nostre aziende agricole locali. Tutto ciò deve avvenire attraverso una gestione che non gravi sulle casse del Comune. Abbiamo già cominciato a lavorare in questo senso, coinvolgendo i giovani di Villar nel riprogettare l utilizzo di tale struttura, per farla diventare prima di tutto un loro spazio di aggregazione. Attraverso la gestione di attività che producono introiti (bar, ristorazione, corsi, spettacoli, cinema, feste, vendita di prodotti) si potranno offrire servizi senza un costo aggiuntivo per le casse comunali. Vogliamo che la Finestra sulle Valli sia un luogo sempre in fermento, vissuto e pieno di attività. Un centro giovanile gestito da giovani, per i giovani e non solo, capace di offrire servizi a tutta la comunità, dai più piccoli agli adulti alla terza età. Uno spazio che può diventare un punto di riferimento per tutta la valle e che potrebbe essere attrattivo anche per i pinerolesi e i turisti di passaggio. 5

6 Villar Perosa e la scuola: l attenzione al mondo della scuola, per quanto riguarda sia gli edifici sia le attività e i servizi, per noi è fondamentale. Il radicamento delle persone al territorio inizia dai banchi di scuola: vogliamo collaborare e sostenere tutti i progetti che rafforzano questo legame (laboratorio di storia, conoscenza del territorio, oasi). Un intervento immediato deve coinvolgere gli spazi aperti, come il cortile, che ospitano le ore ricreative e interrompono la lunga giornata trascorsa all interno della scuola. Inoltre, un supporto specifico va fornito all associazione attiva nel servizio del doposcuola. Tramite un sostegno maggiore in termini di spazi, attrezzature e risorse umane, desideriamo potenziare tale servizio introducendo anche quello relativo al prescuola. Riteniamo inoltre importante prestare una forte attenzione ai ragazzi con disabilità e alle loro famiglie, cercando di venire incontro per un supporto reale e garantendo l integrazione alla vita della comunità anche al di fuori degli orari scolastici (ad esempio per l estate ragazzi, per le attività sportive, per le attività ricreative e culturali). Per quanto riguarda l edificio scolastico, nonostante ci siano stati molti investimenti in questi anni, è evidente la necessità di una riqualificazione in termini energetici di tutto il complesso. Anche sulla viabilità degli spazi adiacenti alle scuole occorre intervenire in modo risolutivo, in particolare nelle fasce orarie di entrata e uscita degli alunni. Le professionalità presenti all interno del nostro gruppo ci permettono di ipotizzare soluzioni alternative già da subito, da condividere con genitori, insegnati e ragazzi. Villar Perosa e il ponte: la strada nazionale, anche dopo la costruzione di quella nuova dell Inverso, è rimasta una strada di attraversamento con traffico pesante (TIR) che impedisce una vera riqualificazione urbana e una valorizzazione del commercio. Il nostro impegno è quello di ricercare i finanziamenti per la realizzazione del ponte che andrebbe a collegare via Dante Alighieri alla nuova strada dell inverso con i seguenti benefici: - valorizzare l area industriale in termini di accessibilità e logistica; - eliminare il traffico pesante sulla strada nazionale con la possibilità di interventi di riqualificazione (area riservata a ciclisti, spazi pedonali, parcheggi, viale alberato, sistemazione dei marciapiedi anche per facilitare i disabili); - valorizzare il centro sportivo nel suo complesso, che verrebbe a trovarsi sulla nuova porta di Villar; - creare una connessione diretta tra il paese e l inverso anche per quanto riguarda i percorsi ciclabili e pedonali, risolvendo il problema della pericolosità dell attuale ponte. Un progetto di questa importanza deve essere attentamente valutato, sia in termini di sostenibilità finanziaria, sia in termini di sostenibilità urbanistica e ambientale per evitare di creare problematiche più grandi di quelle che si vuole 6

7 risolvere. A tale scopo prepareremo un disegno strategico e funzionale di questa parte di Villar, sia per giustificare l opera ed ottenere i finanziamenti, sia per valutare gli effetti positivi e negativi, così da ottimizzare i primi e mitigare i secondi. D. QUALITÀ URBANA E SERVIZI Salute e sicurezza: il Sindaco ha il compito di tutelare la salute e la sicurezza dei propri cittadini. Per realizzare questo importante dovere intendiamo intraprendere azioni volte a limitare e mitigare le situazioni di inquinamento e di ridotta sicurezza presenti sul territorio di Villar Perosa. Vogliamo lavorare per diffondere una cultura di promozione dei comportamenti sani. In primo luogo e in modo risoluto chiediamo la riapertura del poliambulatorio, affinché venga destinato principalmente ai servizi per la salute. La proprietà è passata all ASL a tale scopo e il Comune deve ottenere che gli impegni siano rispettati in tempi brevi. Parallelamente, contribuiremo in modo forte e convinto alle lotte volte a impedire un ulteriore indebolimento del servizio sanitario nella valle; in primo luogo difenderemo la presenza degli ospedali di Pomaretto e di Torre Pellice. È necessario, poi, che siano verificate tutte le forme di inquinamento che possono nuocere alla salute degli abitanti di Villar Perosa: Elettromagnetismo: vogliamo operare una verifica costante della situazione dei campi elettromagnetici provocati dal ripetitore sito nei pressi della scuola materna (intervenendo immediatamente qualora si riscontrassero situazioni pericolose). Inoltre, si desidera intraprendere un azione di formazione della cittadinanza (e delle scuole in particolare) sui rischi dei campi elettromagnetici domestici legato alla telefonia mobile, reti wireless. Altre forme di inquinamento: vogliamo operare in modo preventivo e monitorare le situazioni che possono danneggiare la salute: qualità dell aria in via Nazionale, presenza di gas radon negli ambienti domestici e di lavoro, verifica di situazioni di inquinamento acustico. Altri punti all ordine del giorno sui temi della sicurezza sono: - sicurezza idrogeologica: l adeguamento del Piano Regolatore alla normativa di salvaguardia dai rischi idrogeologici è il primo atto necessario per una buona prevenzione (si pensi alle frane che ultimamente hanno interessato le strade in direzione delle borgate); revisione e aggiornamento del Piano di Protezione Civile in collaborazione con l Unione dei comuni; 7

8 - sicurezza stradale: vogliamo predisporre un piano della mobilità comunale nel quale individuare le principali criticità e le priorità di intervento per tutelare i pedoni, in modo che anche i più giovani possano girare in sicurezza, così come i ciclisti. Vogliamo un progetto con una realizzazione graduale di una rete di percorsi protetti tra scuole, palestre, campi sportivi, Finestra sulle Valli, Oasi. Percorsi che permettano anche ai più giovani l utilizzo della bicicletta per spostarsi in paese e alle persone con disabilità di potersi muovere con meno ostacoli; - sicurezza personale, sicurezza delle proprie abitazioni, azioni contro atti di vandalismo: è necessario operare un censimento degli episodi di illegalità subiti dai cittadini e dai beni villaresi, in collaborazione con le forze dell ordine e con i cittadini. Altrimenti non è possibile comprendere quali siano le effettive criticità e iniziare a intraprendere delle azioni concrete che incidano sull eliminazione di tale fenomeno. Questo per valutate le soluzioni che rispondono meglio al mantenimento della tranquillità di tutti (richiesta di controlli maggiori da parte delle forze dell ordine, presidio del territorio da parte delle stesse, miglioramento dell illuminazione pubblica, video sorveglianza, ma anche azioni di solidarietà di vicinato e responsabilizzazione sui beni pubblici). E. VILLAR E IL GRANDE PATRIMONIO AMBIENTALE Il patrimonio ambientale deve essere una risorsa e non un costo. Pertanto esso deve essere valorizzato e tutelato e soprattutto posto come elemento di forza nei rapporti con gli altri Enti (regione, provincia / città metropolitana). Da un lato è necessario tutelare il patrimonio; dall altro è possibile farlo diventare una risorsa ecologica, energetica, turistica, agricola importante. Il futuro sostenibile del ciclo dell energia si basa su due principi: l uso delle energie rinnovabili e la diffusione dei luoghi di produzione con la localizzazione vicino ai luoghi di consumo. I territori in montagna partono avvantaggiati dal fatto di disporre di risorse rinnovabili importanti (biomassa, acqua, sole e vento). Una nuova politica energetica potrebbe colmare l attuale svantaggio della montagna dato dalla lontananza dalle grandi centrali di produzione di energia elettrica tradizionale. L utilizzo delle risorse rinnovabili non è però esente da rischi e impatti ambientali. L uso delle biomasse deve avvenire in modo consapevole, con un progetto di territorio che preveda una filiera del legno e sappia valorizzare quest ultimo in quanto materiale di pregio così che il suo utilizzo non impoverisca ma anzi valorizzi il patrimonio boschivo. In questo settore le nuove proprietà boschive di Pra Martino (alcune decine di ettari), che il comune di Villar ha ottenuto dopo anni di contenzioso, sono un patrimonio fondamentale. Potrebbe nascere un progetto pilota che unisca la costruzione di una filiera del 8

9 legno sulle proprietà pubbliche con una valorizzazione turistica di Pra Martino stessa, progetto, quest ultimo, che andrebbe attentamente studiato e valutato. È necessario evitare uno sfruttamento intensivo di tutti i corsi d acqua con impianti medio grandi che vanno a vantaggio solo di grandi investitori; le ricadute positive sul territorio sono pochissime mentre molte sono le ripercussioni sulle funzioni ecologiche, fruitive e paesaggistiche delle aste fluviali. Non bisogna altresì ricadere nell errore di pensare ad uno sfruttamento delle fonti di energia rinnovabile capace di recare introiti immediati per le casse comunali ma che, sul medio lungo periodo, non condurrebbe a un ciclo virtuoso e a sviluppo di attività ma favorirebbe il rischio di esaurire le risorse. Infine, per una buona politica energetica vogliamo favorire una coesione di valle indispensabile per attivare azioni comuni che si orientino verso uno sviluppo sostenibile. F. LE REALTÀ PRODUTTIVE L agricoltura Desideriamo valorizzare le aziende agricole di qualità presenti sul territorio e quelle che intendono insediarsi, tramite le seguenti azioni: - maggiore presenza e progettualità all interno del Gruppo di Azione Locale (GAL); - supporto a chi intende partecipare ai bandi per ottenere finanziamenti europei gestiti dal GAL; - creazione di possibilità di promozione e vendita di prodotti (promozione di Gruppo di Acquisto Solidale, distributore automatico di latte e yogurt, vetrina dei prodotti locali). Inoltre riteniamo utile consolidare e favorire la tradizione dell orto di casa, come espressione di una visione di territorio sostenibile. Verranno valutate le esigenze delle famiglie che non hanno la possibilità di avere un orto (chi abita in alloggio, chi non ha un giardino o un terreno di proprietà) e si provvederà a trovare un terreno adeguato alle richieste. Infine si vuole intraprendere un azione di semplificazione amministrativa per le opere accessorie agli orti (barriere anti intrusione animali selvatici, piccole costruzioni per ricovero animali, deposito attrezzi e così via), che devono potersi realizzare senza ricorrere a costose e lunghe pratiche burocratiche e comunque salvaguardando il paesaggio rurale e il decoro urbano. Il commercio Per favorire il rafforzamento del settore commerciale, oltre a politiche di sviluppo e di riqualificazione urbana, che sono indispensabili ma che hanno pochi effetti nel breve periodo, si intende intervenire alleggerendo la tassa rifiuti, 9

10 anche se gli spazi di manovra concessi ai comuni sono molto pochi. Insieme ai commercianti, vogliamo progettare e promuovere manifestazioni e strategie per favorire la fedeltà dei villaresi ai propri negozi e attrarre altri clienti: ad esempio forme di comunicazione comuni che accrescano l immagine di Villar come centro commerciale naturale, fortemente diverso e alternativo ai normali centri commerciali anonimi a cui ultimamente siamo abituati. Per quanto riguarda la riqualificazione urbana sia dell asse di via Nazionale sia della Piazza Centenario si vuole verificare le progettazioni che il comune ha nel cassetto e non realizzate, discuterle con i commercianti, e cercare i fondi per una loro attuazione. E chiaro che una più alta qualità urbana, un organizzazione dei parcheggi (anche per il carico e scarico), percorsi pedonali comodi e sicuri, sono elementi importanti per dare forza a tutto il settore. G. VILLAR PEROSA, LA CULTURA, IL VALORE DELLA SUA COMUNITÀ Non possiamo parlare di sviluppo, di futuro o di autonomia senza investire su storia e cultura. Vogliamo partire subito con un cammino di crescita di comunità attraverso incontri, tavole rotonde, lavori di ricerca, per porre le basi per un nuovo modello di crescita locale. In un momento di precarietà e povertà generali, crediamo che la cultura vada alimentata, perché capace di dispiegare risorse creative, proporre nuove visioni e produrre pensiero critico in un tempo sempre più individualista e incapace di fare comunità. La Finestra sulle Valli ed il Parco del Bacino possono essere la giusta sede per promuovere un offerta di qualità che vada in questa direzione: concerti, spettacoli teatrali, conferenze, oltre al potenziamento del fruttuoso lavoro portato avanti dall Unitre e al riconoscimento del ruolo svolto con disponibilità dagli anziani di Villar Perosa. Occorre lavorare sulle risorse locali, partire dalle tante, buone espressioni creative e culturali (musica, teatro, arte, ricerca) che già esistono ed incentivarle, fornire loro terreno fertile per crescere, farsi conoscere, alimentarsi a vicenda, in una rete che faccia da cassa di risonanza alle idee e alle iniziative locali, creando occasioni di incontro e di scambio con esperienze che vengono da fuori, in un ottica di reciproca crescita e di arricchimento, fino a pensare ad una Villar Perosa che si fa Luogo di accoglienza e incontro delle tante eccellenze artistiche, musicali, culturali del territorio Pinerolese. Il volontariato e le associazioni: sono un patrimonio importante per Villar Perosa, sono la dimostrazione della voglia di partecipazione, di aggregazione, di solidarietà e di vitalità della comunità villarese. E testimoniano la volontà di autonomia e di indipendenza dell operare, indispensabili perché si possano esprimere le singole vocazioni e capacità. Intendiamo valorizzare e investire sulle associazioni mantenendo la loro libertà, perché in un disegno come il 10

11 nostro, che prevede il coinvolgimento e partecipazione della cittadinanza, le Associazioni sono un elemento insostituibile. Pensiamo che una maggiore coesione tra le varie realtà, per esempio attraverso un punto di coordinamento gestito fra loro, possa facilitare le collaborazioni, sinergie a vantaggio della collettività e diventare anche punto di apertura verso l esterno, per far conoscere attività, contatti, eventi. Per quanto riguarda il sostegno e la distribuzione di fondi pubblici, questi devono essere dati in base al valore del servizio che le singole associazioni offrono alla collettività ed alla coerenza con le politiche che l Amministrazione sta portando avanti, secondo priorità discusse e condivise da tutti. H. DA PROBLEMI A OPPORTUNITÀ Pra Martino Pra Martino di proprietà comunale è sicuramente una grossa opportunità. E potrebbe essere proprio il primo passo per la riqualificazione e la valorizzazione di un luogo che ha sempre avuto importanza, nella storia di Villar e nell immaginario villarese. Noi lo pensiamo come luogo di vocazione turistica ambientale, come centro di attrazione per visitatori, scuole, famiglie, gruppi, attività che potrebbero essere integrate con altre, per esempio con quella di polo esemplare per la filiera del legno. Si tratta infatti della seconda proprietà pubblica di boschi per estensione in tutto il Piemonte, aspetto fondamentale in un settore dove la frammentazione è una delle cause della difficoltà di valorizzazione del territorio. Il nodo fondamentale da sciogliere sarà comunque quello della ricerca di finanziamenti, dove le professionalità specifiche di Officina Villar potranno giocare un ruolo decisivo e la ricerca di partner privati. Sarà inoltre un buon punto di partenza per aprire alla cittadinanza i tavoli di decisione condivisa: saranno i cittadini a proporre e valutare che cosa fare. Area Boge Per prevedere funzioni e obiettivi di quest area dismessa occorre prima individuare una visione strategica più ampia. È impensabile adibire semplicemente questa zona al commercio, con il rischio di mettere in crisi i commercianti già attivi sul territorio. Fondamentale è invece attivare un tavolo di dialogo con i privati così da concordare strategie che tengano conto del mondo del lavoro e si orientino alla produzione e all innovazione. 11

12 I. LA MACCHINA COMUNALE Tasse comunali: dopo anni di estrema confusione dovuta a politiche nazionali sempre diverse, è difficile assicurare con certezza quali tasse entreranno in vigore nei prossimi anni. Ci impegniamo a cercare di non aumentare la pressione fiscale complessiva e a riequilibrare il carico, allo scopo di favorire le attività e le situazioni maggiormente in difficoltà o da valorizzare perché utili alle politiche comunali: commercio, ricettività, famiglie. Efficienza della macchina comunale: vogliamo attuare una revisione completa e approfondita di tutti i costi della macchina comunale: forniture (contratti telefonici, elettrici, riscaldamento) e servizi. Inoltre, bisogna cogliere la sfida dell efficientamento energetico degli edifici comunali. Partiremo subito con un Piano di Azione per l Energia Sostenibile (vedi adesione al Patto dei Sindaci) in cui sarà valutata la priorità dell azione in base all efficacia energetica e al risparmio per le casse comunali. L. STRUMENTI E BUONE PRATICHE Intendiamo attivare da subito strumenti di lavoro e di buone pratiche come: Bilancio partecipato: è una forma di partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica del paese, che si articola in alcune fasi: 1. informazione ai cittadini sullele componenti del un bilancio comunale e sui principali titoli di spesa; 2. distribuzione delle risorse sui singoli titoli di spesa attraverso un azione di partecipazione e di condivisione delle scelte con la cittadinanza; 3. assegnazione di una quota delle risorse comunali per interventi, politiche, opere definiti insieme alla cittadinanza tramite un percorso di partecipazione. Il Consiglio dei borghi: lo Statuto Comunale prevede che ogni borgo elegga suoi rappresentanti con funzioni di tramite tra i cittadini e l Amministrazione. Lo stesso statuto però rimanda ad un regolamento mai scritto, che preveda funzioni e modalità di elezione. Riteniamo importante ripartire da questa idea, ampliandola e specificandola attraverso un confronto con la cittadinanza. Non si può imporre uno strumento di partecipazione quale dovrebbe essere il Consiglio dei Borghi, ma devono essere i borghi ad organizzare e definire le proprie funzioni. L Amministrazione deve avere il ruolo di garante e di tutela degli interessi di tutti. Proponiamo un consiglio dei borghi perché pensiamo che sia un buon modo per coinvolgere e creare una cittadinanza attiva e responsabile, ma metodo, forme di gestione, compiti e funzioni sono da definire insieme. Anche 12

13 gli ambiti di azione sono da decidere con i Borghi stessi: possono essere di semplice rappresentanza delle esigenze dei singoli cittadini o di gruppo, oppure possono riguardare l organizzazione di solidarietà di vicinato, di eventi e manifestazione, di manutenzione e cura del territorio, delle strade, dei giardini. Tra gli strumenti che vogliamo mettere a disposizione del Consiglio dei Borghi, c è quello della segnalazione diretta dei problemi e delle necessità. Da costruire sulla base di altre esperienze municipali già sperimentate altrove (per esempio quella del comune di Sanfront), questo strumento si basa sull idea che tutti i cittadini possano evidenziare alcune concrete problematiche presenti sul territorio (dalla panchina in cattivo stato all assenza di un marciapiede in un luogo pericoloso, alla scarsa manutenzione del verde). La segnalazione viene raccolta dal Consiglio dei Borghi e portata all attenzione dell amministrazione comunale, anche attraverso strumenti informatici come il sito del Comune, in modo che tutti i cittadini siano a conoscenza delle problematiche e delle soluzioni via via adottate. Ogni mese Amministrazione e i Borghi si incontrano per definire le priorità e le modalità di azione per risolvere tali problematiche. IL NOSTRO PROGRAMMA È AMBIZIOSO, ma è solo con idee radicate nella realtà e che sappiano guardare al futuro che possiamo pensare di garantire un cambiamento, una svolta alla vita di Villar Perosa. Ci candidiamo per questo motivo: dare una nuova prospettiva e una visione di sviluppo territoriale, avvalendoci delle nostre professionalità e delle nostre competenze e valorizzando quelle di tutti i cittadini e le cittadine, la vera ricchezza sulla quale abbiamo deciso di scommettere. 13

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Scheda 5 «Smart City» SMART LIVING. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 5 «Smart City» SMART LIVING. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 5 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Con Smart Living si intendono stili di vita basati sull utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT), legate ai comportamenti

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la A TUTTO SPORT! Azioni sportive per una comunità in movimento PREMESSA Lo sport è un veicolo per le relazioni e, allo stesso tempo, un promotore di impegno e identità attivi; un punto di partenza dal quale

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

1.12 SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA EDILIZIA

1.12 SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA EDILIZIA 1.12 SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA EDILIZIA 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO L estrema frammentazione delle normative edilizie costituisce un ostacolo al corretto svolgimento dell attività di trasformazione

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014 www.lorenapesaresi.eu Il PD nel PSE per l Europa Lavoro. Il PSE vuole una nuova politica industriale, la promozione di tecnologie verdi e tutele per i lavoratori; rilancio

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it 1 I nostri obiettivi www.matelica5stelle.it 2 Ambiente Ogni aspetto della nostra vita - la sua stessa qualità - è riconducibile all ambiente a. Edilizia: promuovere un edilizia sostenibile, che punti al

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Città di Sesto San Giovanni

Città di Sesto San Giovanni Il forum dei ragazzi INDICAZIONI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI SESTO SAN GIOVANNI L assemblea del Forum dei Ragazzi, dopo aver ricevuto dall Amministrazione Comunale l incarico di elaborare indicazioni

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Il menù l ho fatto io

Il menù l ho fatto io Città di Torino Provincia di Torino Regione Piemonte DorS MIUR Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Camera di Commercio di Torino Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino ASL TO1 Dipartimento

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO Modello 2 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO BARGO AI GIOVANI SOGGETTO PROPONENTE/TITOLARE Associazione di volontariato I GIULLARI EVENTUALI SOGGETTI PARTNER O ATS AREA DI INTERVENTO

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Associazione Culturale Michele Testa Tor Sapienza. Con i Patrocini di

Associazione Culturale Michele Testa Tor Sapienza. Con i Patrocini di Con i Patrocini di Festa provinciale dell arte di vivere bene lungo il fiume Aniene Un progetto realizzato con Centro Culturale Municipale Giorgio Morandi Il progetto in sintesi Vorremmo contribuire a

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO)

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) Votazioni del giorno 31/05/2015

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli