REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ASCENSORI. Stato delle Revisioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ASCENSORI. Stato delle Revisioni"

Transcript

1 Pag 1di 15 Stato delle Revisioni Rev. N o par. N o Pag. N o Motivo Data 0 Edizione Originale 10/03/ Adeguamenti richiesti da ACCREDIA 09/11/ Ulteriori adeguamenti richiesti da ACCREDIA 02/05/2013 Redazione: Approvazione: Responsabile Qualità Andrea Gandolfi Direzione Tecnica Giuseppe Buccheri

2 Pag 2di 15 1 Sommario 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ DI GESTIONE DEL REGOLAMENTO RIFERIMENTI NORMATIVI DEFINIZIONI ATTIVAZIONE E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE PREMESSA CONDIZIONI DI FORNITURA E PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA ESECUZIONE DELLA VERIFICA DI CERTIFICAZIONE Verifica documentale Verifica Funzionale EMISSIONE DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ESITO NEGATIVO DELLA PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE UTILIZZO DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ED APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE RIFERIMENTO ALLA CONFORMITÀ AL DPR 162/ ELENCO DELLE CERTIFICAZIONI EMESSE VALIDITÀ DELLA CERTIFICAZIONE RILASCIATA PROCEDURA DI REVOCA ARCHIVIAZIONE E CUSTODIA DEI DOCUMENTI IMPEGNI DI PRO CERT IMPEGNI DEL CLIENTE RICORSI E RECLAMI RISERVATEZZA DURATA DEL CONTRATTO ED ALTRE CONDIZIONI RESPONSABILITÀ CIVILE E FORO COMPETENTE/ARBITRATO ALLEGATO 1 DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA UFFICIALE ALLEGATO VI ESAME FINALE ALLEGATO X VERIFICA CE DI UN UNICO PRODOTTO (MODULO G)... 15

3 Pag 3di 15 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento ha lo scopo di regolamentare contrattualmente il servizio di valutazione della Conformità degli ascensori in servizio permanente negli edifici e nelle costruzioni elencati nell art. 1 della Direttiva Ascensori 95/16/CE recepita con DPR. 30 aprile 1999, n. 162, secondo quanto previsto dall art. 6 del DPR stesso. Per la definizione degli Ascensori coperti dal presente Regolamento, vale quanto riportato nell Articolo 2 del DPR 162/99 modificato dal DPR 214/10. Ai fini del presente Regolamento per Certificazioni CE degli Ascensori si intendono ricomprese tutte le attività di valutazione della conformità che comportano l emissione da parte di PRO CERT, dei documenti definiti al punto 5.4. Il presente Regolamento costituisce parte integrante del contratto tra PRO CERT e il committente. 2.1 MODALITÀ DI GESTIONE DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento è a disposizione degli interessati, nell ultima revisione disponibile, sul sito internet: I clienti possono comunque richiederne una copia cartacea. Le revisioni del Regolamento sono sottoposte allo stesso iter previsto per l emissione. Le parti modificate rispetto alla revisione precedente sono evidenziate graficamente mediante una linea verticale posta lateralmente al testo che ha subito modifiche. Qualora intervengano modifiche al prodotto e/o ai requisiti per la certificazione, le parti interessate vengono informate delle proposte di variazione, consentendo loro di esprimere opinioni al riguardo. I commenti ricevuti sono considerati da PRO CERT per la definizione delle nuove procedure. Procert informa tramite e mail delle avvenute modifiche ai requisiti di certificazione. In assenza di comunicazioni da parte degli interessati entro 15 gg Pro Cert ritiene accettate le notificate modifiche. 3 RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 95/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 giugno 1995, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli ascensori; DPR 162/99 (Decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162) Regolamento recante norme per l attuazione della Direttiva 95/16/CE sugli ascensori e di semplificazione dei procedimenti per la concessione del nulla osta per ascensori e montacarichi nonché della relativa licenza di esercizio, modificato dal DPR 214/10 (Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 214) Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione della Direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la Direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori ; Direttiva 2006/42/CE del 17 maggio 2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa alle macchine e che modifica la Direttiva 95/16/CE (rifusione) Regolamento e relative prescrizioni delle autorità competenti (quali organismi ministeriali, ecc); norme UNI, EN, ecc specifiche di riferimento e relative Linee Guida. Il presente Regolamento è altresì conforme, alla norma UNI CEI EN 45011:1990 Criteri generali per gli organismi di certificazione dei prodotti, per le parti applicabili.

4 Pag 4di 15 4 DEFINIZIONI La terminologia utilizzata da PRO CERT nello svolgimento delle attività di verifica è in accordo al DPR 162/99 e ai seguenti documenti legislativi e normativi nella revisione corrente: UNI CEI EN ISO/IEC Valutazione della conformità Vocabolario e principi generali In particolare si riportano le seguenti definizioni: ascensore: un apparecchio di sollevamento che collega piani definiti, mediante un supporto del carico e che si sposta lungo guide rigide e la cui inclinazione sull orizzontale è superiore a 15 gradi, destinato al trasporto di persone", di persone e cose e soltanto di cose, se il supporto del carico è accessibile, ossia se una persona può entrarvi senza difficoltà, ed è munito di comandi situati all interno del supporto del carico o a portata di una persona all interno del supporto del carico montacarichi: un apparecchio di sollevamento a motore, di portata non inferiore a 25 kg, che collega piani definiti mediante un supporto del carico che si sposta lungo guide, o che si sposta lungo un percorso perfettamente definito nello spazio e la cui inclinazione sull orizzontale è superiore a 15 gradi, destinato al trasporto di sole cose, inaccessibile alle persone o, se accessibile, non munito di comandi situati all interno del supporto del carico o a portata di una persona all interno del supporto del carico; ascensori e montacarichi in servizio privato: gli ascensori, montacarichi e apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s installati in edifici pubblici o privati, a scopi ed usi privati, anche se accessibili al pubblico installatore dell'ascensore: il responsabile della progettazione, della fabbricazione, dell'installazione e della commercializzazione dell'ascensore, che appone la marcatura CE e redige la dichiarazione CE di conformità 5 ATTIVAZIONE E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE 5.1 PREMESSA L installatore o suo mandatario (in seguito cliente o Installatore ) sceglie, secondo quanto previsto dall art. 6 del DPR 162/99, le procedure di valutazione della conformità al fine dell apposizione della marcatura CE sull ascensore. Si presentano per l installatore le seguenti differenti procedure di valutazione per le quali PRO CERT è organismo notificato: Allegato VI: Esame finale Allegato X: Verifica CE di un unico prodotto (modulo G) 5.2 CONDIZIONI DI FORNITURA E PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Su richiesta del Cliente, PRO CERT formula una offerta in cui sono precisate le condizioni economiche e le modalità di svolgimento della procedura di valutazione scelta dal cliente. Nel caso di accettazione dell offerta, il cliente deve presentare domanda ufficiale a PRO CERT compilando e firmando l apposito modulo Domanda di Certificazione Ascensori (qualora il cliente sia già a conoscenza delle condizioni economiche e delle modalità di intervento può inoltrare a PRO CERT direttamente il suddetto modulo) che deve contenere almeno le seguenti indicazioni: nome e indirizzo del richiedente procedura di valutazione della conformità prescelta

5 Pag 5di 15 descrizione dell impianto ascensore norma di riferimento utilizzata per la costruzione e installazione dell ascensore oggetto della certificazione richiesta luogo di installazione dell ascensore Ai sensi del DPR 162/99 è fatto divieto di presentare analoghe domande di valutazione di conformità, per gli stessi prodotti, ad altri Organismi Notificati. Il Cliente, sottoscrivendo il modulo di Domanda, accetta le disposizioni del DPR 162/99, il presente Regolamento e gli importi relativi all attività richiesta. Al ricevimento del modulo di Domanda Ufficiale debitamente compilato e firmato, PRO CERT invia al Cliente la relativa conferma d ordine e procede all apertura della commessa; qualora dall analisi dei documenti inviati emergano differenze rispetto ai dati forniti all atto dell offerta, è facoltà di PRO CERT richiedere tutte le integrazioni o modifiche necessarie prima della sottoscrizione e del formale avvio dell iter. Il richiedente è tenuto a verificare la correttezza dei dati contenuti nella conferma d ordine ed avvisare di eventuali incongruenze entro sette giorni dal ricevimento facendo particolare attenzione alle condizioni economiche e ai dati tecnici. Decorsi sette giorni dal ricevimento della conferma d ordine, in caso di difformità tra quanto indicato nella richiesta e quanto indicato nella conferma d ordine, fa fede la conferma d ordine. In base alla procedura di valutazione di conformità prescelta, deve essere fornita a PRO CERT, a cura del cliente e in accompagnamento alla Domanda, la documentazione tecnica relativa all impianto oggetto della verifica e/o la documentazione del sistema qualità; in allegato al presente Regolamento sono descritti in dettaglio i documenti da allegare alla Domanda Ufficiale per ogni tipo di procedura di valutazione. La mancata consegna anche parziale di tale documentazione a PRO CERT, entro le tempistiche indicate da PRO CERT, comporta l impossibilità da parte di PRO CERT all emissione del certificato/attestato richiesto. Il cliente potrà attivare nuovamente un iter di certificazione presentando a PRO CERT una nuova Domanda Ufficiale dopo avere concordato nuovamente le condizioni economiche e operative. 5.3 ESECUZIONE DELLA VERIFICA DI CERTIFICAZIONE PRO CERT pianifica l attività di verifica di certificazione in base agli accordi con il Cliente, e individua il valutatore per l esecuzione della verifica. Il valutatore designato per la verifica prende contatto con il Cliente concordando la data e l ora in cui sarà effettuata la verifica. Il Cliente può fare obiezione, in forma scritta, sulla nomina del Valutatore e richiederne la sostituzione, per motivate giustificazioni, quali il caso di palese conflitto di interessi o di precedenti comportamenti non etici. L attività di valutazione della conformità è svolta conformemente alle pertinenti disposizioni del DPR 162/99 e si articola nelle seguenti due fasi: Verifica della completezza della documentazione inviata e controllo della conformità della stessa. Verifica Funzionale dell ascensore (per gli All. VI, X) secondo quanto previsto ai successivi e del presente Regolamento. Delibera della certificazione Verifica documentale

6 Pag 6di 15 La verifica documentale consiste nell'esame della documentazione tecnica, oltre a ogni altro documento inerente all ascensore e rilevante al fini della procedura di valutazione prescelta secondo la elencazione contenuta nella Direttiva stessa e riportata in Allegato al presente Regolamento. Per quanto riguarda l allegato X: per ogni singolo requisito essenziale di sicurezza (RES) previsto dall'allegato I del DPR 162/99, la documentazione tecnica deve prevedere: la applicabilità del singolo requisito essenziale di sicurezza (RES) all ascensore oggetto della domanda di certificazione; l'eventuale applicazione di norme tecniche armonizzate; in assenza di norme tecniche armonizzate, l'indicazione delle valutazioni relative ai rischi inerenti all ascensore ed alle misure adottate al fine di eliminarli o ridurli al minimo, compatibilmente con la funzione della macchina; le prove alle quali è stata sottoposto l ascensore, al fine di accertarne la conformità ai requisiti essenziali di sicurezza RES o alle norme tecniche eventualmente richiamate. Per quanto riguarda l allegato VI: la verifica documentale consiste nell esame della documentazione volto a verificare se l'ascensore è conforme all'ascensore modello approvato in conformità dell'allegato V, parte B oppure dell allegato XIII. Le Istruzioni per l'uso dell ascensore devono contenere: un Libretto di istruzioni contenente i disegni e gli schemi necessari all utilizzazione normale, alla manutenzione, all ispezione, alle verifiche periodiche e alla manovra di soccorso; un Registro su cui annotare le riparazioni e, se de caso, le verifiche periodiche; come indicato al p.to 6.2 dell'all. I al DPR 162/99. Al termine della verifica documentale, PRO CERT notificherà per iscritto al richiedente le eventuali non conformità rilevate, ed in particolare: l'eventuale incompletezza della documentazione; l'esistenza di eventuali non conformità rispetto ai RES; l'eventuale non pertinenza delle norme tecniche richiamate ed applicate o l'eventuale non conformità a norme tecniche pur pertinenti. Le non conformità ai requisiti essenziali di sicurezza rilevate da PRO CERT nel corso della verifica documentale saranno comunicate formalmente per iscritto al Cliente affinché questi possa apportare le misure correttive. Qualora eventuali non conformità rendessero necessaria la ripetizione della Verifica Documentale saranno nuovamente addebitati al Cliente le corrispondenti voci previste nella Offerta di cui al 5.2 del presente Regolamento. In caso di rilievo di non conformità il richiedente avrà la facoltà di adeguarsi ai rilievi eliminando le non conformità e di proseguire nella procedura di certificazione, o, in alternativa, di rinunciare al proseguimento della procedura di certificazione. In tal caso il richiedente dovrà comunicare in forma scritta con raccomandata A/R la propria rinuncia al proseguimento della procedura ed il proprio recesso dal rapporto contrattuale con PRO CERT.

7 Pag 7di 15 Nel suddetto caso di rinuncia saranno comunque dovuti ad PRO CERT gli importi relativi alle prestazioni effettuate fino a quel momento. La rinuncia da parte del richiedente comporta l'applicazione prevista dal successivo 5.5 per le ipotesi di esito negativo della procedura. Nel caso di esito positivo della verifica documentale, si procederà successivamente alla verifica funzionale dell ascensore nel luogo della sua installazione indicato dal richiedente (secondo la procedura di valutazione della conformità di cui agli Allegati VI e X) Verifica Funzionale Nel caso di esito positivo della verifica documentale, si procederà successivamente con la verifica funzionale dell ascensore. Tale verifica comporterà le seguenti operazioni: accertamento della corrispondenza dell ascensore alla descrizione contenuta nella documentazione tecnica; effettuazione degli esami e delle prove funzionali giudicate significative al fine della verifica dei requisiti essenziali di sicurezza e di salute; verifica che le norme eventualmente utilizzate siano state applicate correttamente; verifica della assenza di ulteriori rischi; Al termine della suddetta verifica, PRO CERT notificherà al richiedente le eventuali non conformità rilevate. I diritti ed i doveri del richiedente a seguito del rilievo delle non conformità sono disciplinati secondo quanto previsto al precedente in tema di verifiche documentali. Pertanto il richiedente dovrà o conformarsi alle prescrizioni di PRO CERT eliminando le non conformità e proseguendo nella procedura. L attestato di certificazione verrà rilasciato una volta risolte tutte le non conformità segnalate. 5.4 EMISSIONE DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE A fronte del buon esito delle verifiche, esami e prove eseguite e previsti dalle Procedure di valutazione prescelte il Comitato di Certificazione delibera l emissione dell Attestato di Certificazione con le modalità previste dal modulo di valutazione stesso. Gli attestati rilasciati da PRO CERT ai fini della marcatura CE e del suo mantenimento secondo i vari Allegati, sono i seguenti: Attestato di Esame Finale (Allegato VI) Attestato di conformità (Allegato X) Il rilascio degli Attestati è subordinato al pagamento dell importo concordato per l attività di verifica eseguita. 5.5 ESITO NEGATIVO DELLA PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE Qualora la procedura di valutazione della conformità dia esito negativo e/o il cliente rinunci a risolvere le non conformità evidenziate e a proseguire nella procedura di certificazione, PRO CERT non può dar corso al rilascio dell'attestato e procederà secondo quanto previsto rispettivamente per la relativa procedura di valutazione nel DPR 162/99. Nei casi di esito negativo della procedura di valutazione PRO CERT fornirà al cliente i motivi dettagliati per tale rifiuto, In tale caso il Cliente può dare avvio a una procedura di ricorso come descritto al successivo 12.

8 Pag 8di 15 Qualora il cliente desideri proseguire con la certificazione PRO CERT, deve presentare una nuova Domanda Ufficiale e ripetere l iter certificativo ex novo. 5.6 UTILIZZO DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ED APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE Una volta ottenuto l Attestato, l Installatore appone la Marcatura CE all'ascensore secondo le modalità indicate all Allegato III del DPR 162/99 e redige una Dichiarazione CE di conformità contenente gli elementi indicati nell'allegato II del DPR 162/99, secondo quanto previsto nell'allegato di riferimento (Allegato VI, X) In applicazione delle Direttive e Regolamenti comunitari, l apposizione di ogni altra marcatura può avvenire purchè detti marchi non compromettano la visibilità, la leggibilità e il significato della marcatura CE. 5.7 RIFERIMENTO ALLA CONFORMITÀ AL DPR 162/99 Ad ogni Ascensore che ha ottenuto le certificazioni «CE» secondo le previste procedure di valutazione riportate al punto 5.1 del presente regolamento, viene apposta la Marcatura «CE» secondo quanto previsto dalla Direttiva. Ove previsto, la marcatura «CE» deve essere associata al numero identificativo di PRO CERT, quale Organismo Notificato alla Comunità Europea, unitamente alla marcatura europea «CE», conformemente all'allegato III della Direttiva Ascensori. Per tutto il periodo di validità dell Attestato, il cliente può fare riferimento all Attestato ottenuto nelle dichiarazioni CE di conformità rilasciate, nelle proprie pubblicazioni di carattere tecnico e pubblicitario, nella propria corrispondenza, ecc, soltanto a condizione che ogni riferimento sia corretto nei modi e non induca ad errate interpretazioni (deve essere chiaro che l Attestato riguarda esclusivamente quel determinato ascensore e non altri prodotti). Ogni eventuale riferimento ad Attestati non ancora formalmente redatti e notificati sarà considerato abusivo agli effetti della legge e della presente regolamentazione contrattuale con la conseguenza che PRO CERT si riserva, in tal caso, il diritto di risolvere il contratto e di richiedere il risarcimento dei danni per l'inadempimento all'obbligo sopra specificato e per le relative conseguenze nei confronti del nome, della reputazione e dell'immagine di PRO CERT. È possibile la riproduzione dell Attestato rilasciato da PRO CERT, purché riproduca integralmente l originale (non sono ammesse copie parziali); sono consentiti ingrandimenti/riduzioni purché il documento risulti leggibile e la sua struttura non risulti modificata. Analogamente per quanto riguarda il marchio PRO CERT fornito solo su richiesta. Il marchio può essere utilizzato a colori, in tal caso dovranno essere rispettati i colori propri del marchio stesso, oppure in versione monocromatica (di qualsiasi colore). Le presenti prescrizioni si applicano anche nel caso in cui si faccia uso di marchi trasferibili (ad es. adesivi). In caso di sospensione o ritiro/annullamento dell attestato, il cliente deve cessare immediatamente di fare qualsiasi riferimento alla certificazione. 5.8 ELENCO DELLE CERTIFICAZIONI EMESSE A seguito della concessione della certificazione, PRO CERT aggiorna il proprio database contenente i dati relativi alla corretta e univoca identificazione dell attestato rilasciato:

9 Pag 9di 15 identificazione dell'ascensore; il fabbricante / installatore / proprietario; il luogo di fabbricazione / installazione; il tipo di controllo cui l'ascensore è stato sottoposto; la data di emissione dell attestato. Il database viene tenuto aggiornato in funzione non solo dell'emissione di nuovi attestati, ma anche dell'eventuale revisione, sospensione o ritiro degli Attestati preesistenti. PRO CERT rende disponibile al Ministero dello Sviluppo Economico, l'elenco delle Certificazioni emesse. Tale elenco contiene generalmente: la ragione sociale dell'organizzazione ed il suo indirizzo; identificazione del fabbricante o suo mandatario il numero dell Attestato; identificazione dell impianto certificato; la data di emissione dell Attestato; la data di scadenza dell Attestato, ove presente; direttiva di riferimento. I dati di cui sopra possono essere forniti da PRO CERT, su richiesta a chiunque ne faccia richiesta previa motivazione del motivo della richiesta. 6 VALIDITÀ DELLA CERTIFICAZIONE RILASCIATA La validità dell Attestato è subordinata al rispetto dei requisiti riportati nel rispettivo Allegato. 7 PROCEDURA DI REVOCA In conformità a quanto previsto nel DPR 162/99, PRO CERT prevede e disciplina una procedura per la revoca, quando necessario, dell Attestato emesso. La procedura dì revoca verrà attivata da PRO CERT ogniqualvolta quest'ultimo venga a conoscenza, in qualsiasi modo, di comportamenti del Cliente o di terzi consistenti in un utilizzo dell'attestato illegittimo o, comunque, non conforme a quanto disposto dal DPR stesso e dal presente Regolamento come, a titolo meramente esemplificativo: il riferimento dell'attestato nella dichiarazione di conformità e nelle relative comunicazioni commerciali a prodotti diversi dal tipo certificato; il riferimento dell'attestato ad esemplari del medesimo tipo sottoposti a successive modifiche, senza che sia stata attivata la procedura di cui al 15. riferimenti di qualsiasi tipo a procedure di valutazione della conformità ancora in corso nella documentazione di accompagnamento dell ascensore ai fini della sua immissione in commercio e/o in servizio ogni utilizzo diretto o indiretto dell'attestato tale da determinare affidamenti ingannevoli negli acquirenti o negli utilizzatori. e in generale in tutti i casi di inosservanza degli impegni assunti per il mantenimento della certificazione, nel rispetto delle procedure di valutazione della conformità applicata. La procedura di revoca si articola nelle seguenti fasi:

10 Pag 15 10di Richiesta di informazioni: PRO CERT richiede formalmente all installatore informazioni circostanziate inerenti i comportamenti di cui ha avuto notizia. Tali informazioni devono essere comunicate ad PRO CERT entro il termine perentorio di 7 giorni dal ricevimento della richiesta. Contestazione diffida sospensione In caso di mancato ricevimento delle suddette comunicazioni o di ricevimento di comunicazioni ritenute non soddisfacenti, PRO CERT provvede immediatamente a contestare all installatore il comportamento illegittimo o non conforme alle norme del presente Regolamento, diffidando lo stesso dal proseguirlo ed eventualmente indicando le modalità per rimuovere gli effetti di tale comportamento. Nel casi ritenuti, ad insindacabile giudizio di PRO CERT, di maggiore gravità, viene altresì disposto, a titolo cautelare, provvedimento di sospensione dell'attestato rilasciato. Per effetto della sospensione: l'attestato non può essere utilizzato l Installatore è tenuto a cessare immediatamente l apposizione della marcatura CE, ad eliminare ogni riferimento all Attestato sospeso nei cataloghi e nelle pubblicità in genere, a sospendere immediatamente la immissione in commercio dei prodotti cui si riferisce l Attestato sospeso (qualora la sospensione sia stata causata da difetti del prodotto che possono rappresentare pregiudizio agli utilizzatori, PRO CERT richiede all Installatore di ritirare dal commercio tutte le unità di prodotto medesimo, entro il termine che verrà indicato da PRO CERT e di bloccare l utilizzo degli impianti fino ad eliminazione dei difetti stessi). Successivamente alla comunicazione del provvedimento di sospensione, l installatore ha facoltà di far pervenire a PRO CERT entro il termine perentorio di 15 giorni, scritti e documenti finalizzati a dimostrare l'insussistenza o l'infondatezza dei comportamenti contestati. Entro 60 giorni dal termine per l'invio di scritti di cui al punto precedente, l'istituto adotta provvedimento di: revoca ed archiviazione dell'eventuale provvedimento di sospensione, qualora al termine della istruttoria interna il comportamento contestato all installatore risulti conforme agli obblighi previsti dal presente Regolamento, o comunque, gli effetti del comportamento siano stati rimossi; revoca dell'attestato qualora all'esito della istruttoria interna vengano accertati comportamenti illegittimi o non conformi a quanto previsto dal presente Regolamento. Ai sensi della disposizione del DPR 162/99, il provvedimento di revoca con le relative motivazioni viene immediatamente notificato all'interessato ed al Ministero dello Sviluppo Economico. A seguito di revoca dell'attestato, il cliente perde il diritto di utilizzo del Marchio PRO CERT e il ritiro dell autorizzazione a fare riferimento ad esso e all Attestato stesso, nei modi descritti al 5.7. In ogni caso PRO CERT si riserva il diritto di perseguire innanzi alle competenti sedi giurisdizionali e/o amministrative, nazionali e comunitarie, ogni comportamento lesivo del proprio nome della propria immagine e della propria onorabilità professionale. 8 ARCHIVIAZIONE E CUSTODIA DEI DOCUMENTI PRO CERT conserva per un periodo di 10 anni dalla data di rilascio dell Attestato la documentazione tecnica e ogni altro documento oggetto della procedura per la certificazione CE, gli originali degli atti rilevanti per la procedura ed un esemplare dell'attestato rilasciato.

11 Pag 15 11di Gli Attestati rilasciati da PRO CERT e i documenti pertinenti, devono essere conservati dall installatore, insieme con la Documentazione Tecnica e/o la Documentazione relativa al Sistema Qualità e relativi adeguamenti, raccolta in un Fascicolo Tecnico (FT), per almeno 10 anni dalla data di commercializzazione/fabbricazione e rimanere a disposizione delle autorità competenti per i necessari controlli. 9 DIRITTI E DOVERI DI PRO-CERT PRO CERT si impegna a svolgere il servizio descritto nel presente regolamento; PRO CERT si impegna inoltre ad operare nel rispetto dei principi di: indipendenza (PRO CERT garantisce che la propria struttura organizzativa e le persone incaricate delle attività di valutazione (sia interne che esterne), agiscano in condizioni da garantire indipendenza di giudizio rispetto ai compiti assegnati). PRO CERT si impegna ad accettare eventuali segnalazioni motivate da parte del cliente, relativamente alla sussistenza di incompatibilità di incarico, che potrebbero compromettere quanto sopra. imparzialità (PRO CERT garantisce che la propria struttura organizzativa e le persone incaricate delle attività di valutazione agiscono in condizioni da garantire un giudizio imparziale). L imparzialità viene inoltre garantita grazie al coinvolgimento di appositi organi di controllo delle modalità di erogazione dei servizi PRO CERT. riservatezza (tutto il personale PRO CERT, compreso il personale impiegato per le verifiche, si impegna a mantenere il segreto d ufficio su tutte le informazioni di carattere riservato del cliente di cui può venire a conoscenza nei suoi rapporti con il cliente stesso; in particolare, informazioni relative al prodotto o all organizzazione, non sono divulgate a terzi, senza aver ottenuto il consenso scritto del cliente PRO CERT fornirà tali informazioni solo nel caso in cui vengano richieste dagli enti di accreditamento, dalle autorità competenti o dalle autorità giudiziarie, in quest ultimo caso PRO CERT ne darà avviso al cliente, salvo diversa disposizione da parte delle autorità giudiziarie); PRO CERT si impegna ad informare il cliente dell eventuale rinuncia, sospensione, revoca o mancata conferma dell abilitazione di cui alle attività oggetto del presente contratto da parte dell autorità competente; PRO CERT non è in alcun modo responsabile per eventuali danni causati al cliente dalla rinuncia, sospensione, revoca o mancata conferma dell abilitazione; nei suddetti casi, il cliente ha facoltà di rinunciare al rapporto contrattuale con PRO CERT, senza necessità di preavviso e senza oneri aggiuntivi; PRO CERT garantisce adeguate coperture assicurative, relativamente ai rischi derivanti al cliente dalle proprie attività; PRO CERT si impegna ad eseguire le attività di valutazione richieste in modo conforme alle disposizioni prescritte dalla legislazione italiana e in modo da arrecare il minimo disturbo al regolare svolgimento delle attività del cliente; PRO CERT garantisce che tutto il personale ispettivo (sia interno che esterno) impiegato per le attività di valutazione è stato opportunamente edotto e informato circa i rischi generali e specifici alle attività di valutazione stesse, nonché circa il documento di valutazione dei rischi (DVR). 10 DIRITTI E DOVERI DEL CLIENTE Il cliente, per tutto il periodo di validità dell attestazione di conformità rilasciata, si impegna a: non formulare analoga domanda di certificazione per le stesse tipologie di prodotti ad altro Organismo notificato;

12 Pag 15 12di rispettare quanto previsto dalle Leggi e dai Regolamenti in materia di impianti ascensori e montacarichi; accettare, senza costi aggiuntivi per il cliente, l eventuale presenza di ispettori dell organismo di accreditamento/controllo in veste di osservatori, che saranno notificati da PRO CERT, e accettare altresì, ispettori PRO CERT in affiancamento/addestramento e ispettori PRO CERT in veste di osservatori (per attività di monitoraggio in campo); fornire tutte le informazioni/documenti che PRO CERT potrà richiedere circa aspetti attinenti all oggetto del regolamento e che PRO CERT ritiene necessarie alla buona esecuzione della verifica; consentire al personale ispettivo PRO CERT designato libero accesso, in condizioni di sicurezza, agli impianti oggetto della verifica mettendo a disposizione i documenti necessari per lo svolgimento della stessa; mettere a disposizione del personale ispettivo PRO CERT, all atto della verifica, la documentazione richiesta dalla relativa procedura di valutazione di conformità prescelta che dovrà essere consegnata in copia a PRO CERT; ai sensi della vigente legislazione in materia di sicurezza e prevenzione degli infortuni sul lavoro, fornire a PRO CERT le necessarie informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente di lavoro in cui è destinato ad operare il personale PRO CERT, nonché sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate e si impegna altresì a coordinarsi e a operare con PRO CERT ai fini del rispetto delle norme di prevenzione e di sicurezza; accettare gli esiti della valutazione di conformità e le conseguenti decisioni di PRO CERT e impegnarsi a risolvere le non conformità emerse nel corso delle attività di valutazione, secondo i tempi e modi concordati; consentire a PRO CERT l effettuazione di attività di valutazione, integrative rispetto a quanto previsto contrattualmente, qualora sia necessario verificare la risoluzione delle non conformità in funzione della loro gravità e/o numerosità, effettuare approfondimenti a seguito di informazioni e/o reclami pervenuti a PRO CERT o qualora vi sia richiesta da parte dell ente di accreditamento/autorità competente, a seguito di informazioni e/o reclami a loro pervenuti, relativi alle attività coperte dal regolamento, che possano mettere in dubbio la conformità ai requisiti di riferimento; tali valutazioni saranno a carico del cliente; attenersi al rispetto del presente regolamento e informare della ricaduta dei suoi contenuti, tutto il personale che svolge mansioni che sono riferibili ai requisiti indicati; assolvere al pagamento delle quote pattuite nei tempi e secondo le modalità concordate; non usare l attestazione di conformità, il marchio o altra forma di comunicazione ad essi attinente in modo tale da portare discredito o perdita di fiducia nei confronti di PRO CERT e/o del servizio di valutazione considerato; possedere la revisione aggiornata del presente regolamento. Quest ultima è sempre disponibile sul sito web di PRO CERT. Il cliente deve inoltre provvedere a quanto segue: registrare eventuali reclami ricevuti dai propri clienti concernenti l'ascensore oggetto dell attestato; eseguire appropriate indagini su tali reclami e tenerne registrazione; adottare se necessario azioni correttive a seguito di tali reclami e tenerne registrazione. Dette registrazioni devono essere disponibili per esame da parte degli ispettori di PRO CERT.

13 Pag 15 13di In caso di mancato rispetto anche di uno solo degli impegni di cui sopra da parte del cliente, PRO CERT ha facoltà di sospendere l intervento ed è liberato da qualsiasi obbligo previsto nel presente Regolamento, potendo peraltro avvalersi della facoltà di risolvere il Contratto. 11 RICORSI E RECLAMI Il Cliente può in ogni momento presentare reclamo relativo all operato di PRO CERT o ricorso contro una decisione di PRO CERT. Il reclami/ricorsi per poter essere ricevuti formalmente devono essere presentati in forma scritta. Nel caso di ricorso il cliente deve presentare l istanza entro 15 giorni dalla data del ricevimento del documento che contiene le decisioni contestate, il ricorso deve contenere il riferimento dell atto contro cui viene presentato e la motivazione deve essere supportata da evidenze documentali, se esistenti. I reclami/ricorsi vengono registrati dalla Segreteria ed esaminati dal Direttore Tecnico, che svolge le opportune indagini avvalendosi di personale competente che non sia stato direttamente coinvolto nelle attività/decisioni oggetto della contestazione. PRO CERT si impegna a processare il reclamo/ricorso tempestivamente e a trasmettere una risposta scritta al reclamante/ricorrente, indicando le soluzioni adottate e le azioni conseguenti, entro 30 giorni dal ricevimento del reclamo/ricorso. Qualora il reclamante non risulti soddisfatto della risposta ricevuta, può presentare appello per iscritto, indirizzandolo al Presidente del Comitato di Salvaguardia per l Imparzialità, che a sua volta, eseguiti gli approfondimenti del caso, fornirà risposta all Organizzazione entro due mesi dalla data dell appello. Tutti i reclami/ricorsi sono oggetto di relazione al Comitato per la Salvaguardia dell imparzialità da parte del Direttore Tecnico. 12 RISERVATEZZA PRO CERT opera nella piena conformità ed applicazione del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 circa il trattamento dei dati forniti dal Cliente. In particolare si rimanda ad una espressa condivisione degli art del citato Decreto Legislativo. PRO CERT si impegna a mantenere la assoluta riservatezza sulle informazioni e la documentazione ricevute nel corso del rapporto contrattuale e durante lo svolgimento di tutte le attività di certificazione CE, in maggior modo quelle di carattere riservato (proprietà industriale, brevetti ecc..) salvo quando prescritto da disposizioni di legge o da disposizioni degli organismi di accreditamento e/o notifica. In tali casi eccezionali, PRO CERT metterà al corrente il Cliente circa le informazioni rese note a terzitale impegno riguarda anche tutto il personale ed i collaboratori esterni dell'istituto, ivi compresi i laboratori di prova ed eventuali altri organismi la cui collaborazione fosse ritenuta necessaria nel corso della certificazione. 13 DURATA DEL CONTRATTO ED ALTRE CONDIZIONI Ai sensi del presente Regolamento, il rapporto contrattuale inizia alla data di accettazione da parte di PRO CERT del conferimento dell'incarico secondo quanto previsto al 5.2. Gli obblighi di PRO CERT nel confronti del committente si esauriscono con la notifica dell'attestato. Qualora, a seguito delle comunicazione di modifiche apportate all ascensore che ha formato oggetto della verifica, PRO CERT debba, secondo quanto previsto al 15, esaminare tali modifiche ed informare

14 Pag 15 14di l installatore o il suo mandatario circa la permanenza o meno della validità dell'attestato, PRO CERT effettuerà le prestazioni necessarie a tal fine e le relative prestazioni saranno tariffate alle condizioni che sono state precisate in sede di "offerta" e sono state integralmente accettate dal committente. Le parti si impegnano inoltre a rispettare integralmente le obbligazioni assunte al sensi del presente Regolamento per tutto il periodo di utilizzo dell'attestato con riferimento a tutto quanto concerne le condizioni e le modalità di uso dell attestato medesimo nonché le eventuali modifiche dell ascensore oggetto dell attestato. Pertanto le parti potranno esercitare i propri diritti derivanti dal presente Regolamento anche dopo il rilascio dell'attestato e per tutto il periodo sopra indicato. 14 RESPONSABILITÀ CIVILE E FORO COMPETENTE/ARBITRATO PRO CERT non è responsabile di nessuna perdita o danno, sostenuti da chiunque, e dovuti ad un atto di omissione od errore qualsiasi, o in qualche modo causati durante lo svolgimento della valutazione, o altri servizi legati all attività di certificazione, fatta eccezione al caso di negligenza da parte di PRO CERT. In caso di negligenza da parte di PRO CERT, adeguate coperture assicurative sono state prese per coprire eventuali responsabilità di PRO CERT stessa. L emissione di un Attestato di certificazione non assolvono il cliente dagli obblighi di legge derivanti dai prodotti/servizi forniti e dagli obblighi contrattuali verso i propri clienti stessi. Nel caso di controversie attinenti a termini di legge, il Foro competente è quello di Modena. Quest ultima clausola avendo natura vessatoria deve essere esplicitamente approvata nei relativi documenti contrattuali. 15 ALLEGATO 1 DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA UFFICIALE Elenco documenti da consegnare e allegare alla Domanda Ufficiale e da rendere disponibile in occasione della verifica: 15.1 ALLEGATO VI - ESAME FINALE oppure Descrizione generale del modello di ascensore riportante le caratteristiche e le possibilità di estensione delle stesse Dati tecnici (tipo di impianto, sistema di azionamento, portata e n. passeggeri, velocità nominale, n. ingressi e piani serviti, corsa, ecc) Disegni di installazione Schemi elettrici e/ idraulici Risultati delle prove o dei calcoli eseguiti o fatti eseguire dall installatore Attestato di Esame CE del Tipo dell ascensore modello (in presenza di ascensore modello) oppure Certificato di Approvazione del Sistema di Garanzia Qualità secondo l Allegato XIII della Direttiva unitamente a Dichiarazione CE di Conformità attestante che la progettazione è conforme alle disposizioni della Direttiva

15 Pag 15 15di Certificato CE di Esame della Progettazione (rilasciato da Organismo Notificato) attestante che la progettazione è conforme alle disposizioni della Direttiva, qualora la progettazione non sia pienamente conforme alle norme armonizzate Dichiarazione CE di conformità dei Componenti di Sicurezza: paracadute cabina, contrappeso, limitatore di velocità, valvola di blocco, dispositivi di blocco porte di piano, ammortizzatori a caratteristica non lineare/idraulici/a molla con ritorno ammortizzato, dispositivi di sicurezza con componenti elettronici Certificati costruzione/prova dei materiali utilizzati nella fabbricazione: funi, catene, tubazioni flessibili, vetro, REI porte di piano, apparecchiature antideflagranti, ecc Fac simile del Manuale Istruzioni per l uso dell ascensore o documento analogo avente i seguenti contenuti: informazioni, disegni e schemi per l uso normale dell ascensore, e per le operazioni di manutenzione, ispezione, riparazione, verifiche periodiche e le operazioni di soccorso Dichiarazione dell installatore che attesti l avvenuto reciproco scambio di informazioni con il responsabile della realizzazione dell impianto ai sensi dell art. 4.4 del DPR 162/99 circa l uso previsto dell ascensore anche in riferimento all idoneità delle strutture dell edificio a sopportare i carichi indotti e alle altre leggi/norme relative al luogo di installazione Fac simile Dichiarazione CE di Conformità dell installatore (discrezionale) 15.2 ALLEGATO X - VERIFICA CE DI UN UNICO PRODOTTO (MODULO G) Descrizione generale dell ascensore Dati tecnici (tipo di impianto, sistema di azionamento, portata e n. passeggeri, velocità nominale, n. ingressi e piani serviti, corsa, ecc) Disegni di installazione Schemi elettrici e/ idraulici Se non sono state impiegate le norme armonizzate, documento di Analisi dei Rischi e illustrazione delle soluzioni adottate per ottemperare ai Requisiti Essenziali di Sicurezza (RES) della Direttiva Risultati delle prove o dei calcoli eseguiti o fatti eseguire dall installatore Attestati di Esame CE del Tipo e Dichiarazione CE di conformità dei Componenti di Sicurezza: paracadute cabina, contrappeso, limitatore di velocità, valvola di blocco, dispositivi di blocco porte di piano, ammortizzatori a caratteristica non lineare/idraulici/a molla con ritorno ammortizzato, dispositivi di sicurezza con componenti elettronici Certificati di costruzione/prova dei materiali utilizzati nella fabbricazione: funi, catene, tubazioni flessibili, vetro, REI porte di piano, apparecchiature antideflagranti, registrazione paracadute/valvola di blocco, ecc Fac simile del Manuale Istruzioni per l uso dell ascensore o documento analogo avente i seguenti contenuti: informazioni, disegni e schemi per l uso normale dell ascensore, e per le operazioni di manutenzione, ispezione, riparazione, verifiche periodiche e le operazioni di soccorso Dichiarazione dell installatore che attesti l avvenuto reciproco scambio di informazioni con il responsabile della realizzazione dell impianto ai sensi dell art. 4.4 del DPR 162/99 circa l uso previsto dell ascensore anche in riferimento all idoneità delle strutture dell edificio a sopportare i carichi indotti e alle altre leggi/norme relative al luogo di installazione Fac simile Dichiarazione CE di Conformità dell installatore (discrezionale)

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI CERTIFICAZIONE CE DEGLI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI CERTIFICAZIONE CE DEGLI ASCENSORI REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI Edizione 2 01/01/2013 Rev 3 24/11/2014 Pagina 1 REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI 3 24/11/2014 2 18/08/2014 1 18/03/2014 0 01/01/2013 Nuova edizione

Dettagli

0 del 10.10.2012 DT DIRETTORE OA. 1 del 22.04.2013 DT DIRETTORE OA. 2 del 31.07.2014 DT DIRETTORE OA. 3 del 06.02.2015 DT DIRETTORE OA

0 del 10.10.2012 DT DIRETTORE OA. 1 del 22.04.2013 DT DIRETTORE OA. 2 del 31.07.2014 DT DIRETTORE OA. 3 del 06.02.2015 DT DIRETTORE OA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ASCENSORI AI SENSI DEL DPR 162/99 ALLEGATO X Rev. Redazione Verifica Approvazione 0 del 10.10.2012 DT DIRETTORE OA 1 del 22.04.2013 DT DIRETTORE OA 2 del 31.07.2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ASCENSORI. Stato delle Revisioni

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ASCENSORI. Stato delle Revisioni Pag 1di 17 Stato delle Revisioni Rev. N o par. N o Pag. N o Motivo Data 0 Edizione Originale 10/03/2012 1 Adeguamenti richiesti da ACCREDIA 09/11/2012 2 Ulteriori adeguamenti richiesti da ACCREDIA 02/05/2013

Dettagli

Codice Edizione Data RGA 02 03 01 Luglio 2013 emesso verificato Approvato Responsabile Qualità Bernardinello Mirko

Codice Edizione Data RGA 02 03 01 Luglio 2013 emesso verificato Approvato Responsabile Qualità Bernardinello Mirko GENESIA CERTIFICAZIONI Srl Organismo di Ispezione Notificato CE n 1792 abilitato dal Ministero dello Sviluppo Economico REGOLAMENTO ESECUZIONE ATTIVITA DI Codice Edizione Data RGA 02 03 01 Luglio 2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI Pagina 1 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI TABELLA DELLE REVISIONI 2 18/08/2014 1 18/03/2014 0 01/01/2013 NUOVA EDIZIONE RESPONSABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni Pag 1di 11 Stato delle Revisioni Rev. N o par. N o Pag. N o Motivo Data 0 Prima emissione 10/03/2012 1 Adeguamenti richiesti da Accredia 09/11/2012 2 Ulteriori adeguamenti richiesti da Accredia 02/05/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni Pag 1 di 11 Stato delle Revisioni Rev. N o par. N o Pag. N o Motivo Data 0 Prima emissione 10/03/2012 1 Adeguamenti richiesti da Accredia 09/11/2012 2 Ulteriori adeguamenti richiesti da Accredia 02/05/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO TABELLA DELLE REVISIONI

REGOLAMENTO REGOLAMENTO TABELLA DELLE REVISIONI REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI CERTIFICAZIONE CE DEGLI ASCENSORI TABELLA DELLE REVISIONI Rev. Par. Pag. Data Sintesi modifica Integrazione contenuti del Regolamento per la 0 / / certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA RG-K

REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA RG-K REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA ASCENSORII Rev. Data Descrizione della Modifica Elaborato Verificato Approvato 00 14/10/13 Riedizione del Sistema 01 10/10/14 Aggiunto capitolo 16 Pagina 1 di

Dettagli

VERIFICHE INDUSTRIALI S.r.l. REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE ASCENSORI

VERIFICHE INDUSTRIALI S.r.l. REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE ASCENSORI VERIFICHE INDUSTRIALI S.r.l. REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE ASCENSORI Verifiche Industriali S.r.l. Via Pattaro Buzzaccarini, 35 35124 Padova info@verifiche-industriali.com N rev. Data Modifiche Verificato

Dettagli

RC 01. CERTAT s.r.l.

RC 01. CERTAT s.r.l. RC 01 Società CERTAT s.r.l. n identificazione n. 1752 TERNI Via Mentana, 50 Revisioni Data Emissione Approvazione 0 19 aprile 2012 RSQ AU 1 01 febbraio 2013 RSQ AU 2 28 novembre 2013 RSQ AU INDICE 1. Scopo

Dettagli

IO-02 REGOLAMENTO CERTIFICAZIONE PRODOTTO

IO-02 REGOLAMENTO CERTIFICAZIONE PRODOTTO REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA ASCENSORII Rev. Data Descrizione della Modifica Elaborato B. Sgaragli Verificato C. Lattanzi Approvato F. Cesaretti 00 09/04/14 Riedizione del Sistema 01 30/12/14

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO VERIIFIICHE PERIIODIICHE E STRAORDIINARIIE VP_VS

REGOLAMENTO VERIIFIICHE PERIIODIICHE E STRAORDIINARIIE VP_VS REGOLAMENTO VERIIFIICHE PERIIODIICHE E STRAORDIINARIIE Rev. Data Descrizione della Modifica Elaborato Verificato Approvato 00 12/09/12 Riedizione del Sistema 01 22/04/13 Aggiornamenti in seguito all esame

Dettagli

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5 REGOLAMENTO VIS SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 6. Attestato finale e verbale di verifica periodica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI Pagina 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 ITER DI CERTIFICAZIONE... 2 2.1 Richiesta di certificazione e presentazione della domanda... 2 2.2 Obblighi da parte del richiedente... 2 2.3 Documentazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÁ VERIFICHE ELETTRICHE REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE ELETTRICHE. 1. Scopo e campo di applicazione 2. 2. Termini e definizioni 2

MANUALE DELLA QUALITÁ VERIFICHE ELETTRICHE REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE ELETTRICHE. 1. Scopo e campo di applicazione 2. 2. Termini e definizioni 2 1 di 7 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Termini e definizioni 2 3. Responsabilità 3 4. Controllo del regolamento 3 5. Modalità di svolgimento delle verifiche 3 6. Verbale di verifica 4 7. Registro

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI ASCENSORI DIR. 95/16/CE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI ASCENSORI DIR. 95/16/CE 1 di 17 REGOLAMENTO GENERALE PER LA DI N revisione MOTIVO DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 Prima emissione 05/11/2012 Responsabile Gestione Qualità Osservazione 05/03/2013 Responsabile 01 Accredia (modifiche

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

REGOLAMENTO 02 VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ELEVATORI

REGOLAMENTO 02 VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ELEVATORI REGOLAMENTO 02 VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ELEVATORI Copia controllata n :4 INDICE 1. Scopo e Campo Di Applicazione...2 2. Modalità di gestione del regolamento...2 3. Riferimenti normativi...2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

Regolamento per la Certificazione di Prodotto degli ascensori. Copertina PG 21. Regolamento per la Certificazione di prodotto di ascensori

Regolamento per la Certificazione di Prodotto degli ascensori. Copertina PG 21. Regolamento per la Certificazione di prodotto di ascensori Regolamento per la Certificazione di Prodotto degli ascensori Copertina 1 di 11 Regolamento per la Certificazione di prodotto di ascensori Redatto da: Approvata da: Autorizzata da: RTCA Dott.Ing. Enrico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DEGLI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DEGLI ASCENSORI pag. 1 di 12 Data Rev. Verificato Approvato Motivazioni delle modifiche rispetto la precedente revisione 04/09/2012 01 Ing. Renzo Fioramonti Ing. Fausto Linguiti Migliore definizione delle attività in

Dettagli

MOD 36 Regolamento Contrattuale per le Verifiche Periodiche e Straordinarie di Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10

MOD 36 Regolamento Contrattuale per le Verifiche Periodiche e Straordinarie di Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10 MOD 36 Regolamento Contrattuale Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10 (MOD 04) Stato delle Revisioni Rev. Data Motivo Aggiornamento RQ Approvazione DT 00 27-04-2013 Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL REGOLAMENTO CERT.IM. SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 5.1 Controlli per marcature CE e certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ASCENSORI (Direttiva 95/16/CE D.P.R. n. 162/99) INDICE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ASCENSORI (Direttiva 95/16/CE D.P.R. n. 162/99) INDICE Foglio 1 di 9 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA

Dettagli

Regolamento esterno per la certificazione di prodotto di ascensori

Regolamento esterno per la certificazione di prodotto di ascensori Procedura CERTIFICAZIONI PC012rev03 CE - 03/09/2015 - Pagina 1 (11) Regolamento esterno per la certificazione di prodotto di ascensori Elenco delle principali modifiche rispetto alla precedente revisione

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE 12.09.2013 Rev.0.1 Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI ASCENSORE. Direttiva 95/16/CE DPR 30 aprile 1999 n. 162 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI ASCENSORE. Direttiva 95/16/CE DPR 30 aprile 1999 n. 162 e s.m.i. Pag. 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DEGLI Direttiva 95/16/CE DPR 30 aprile 1999 n. 162 e s.m.i. MATRICE DELLE REVISIONI Rev. Data DESCRIZIONE delle MODIFICHE Redatto da Approvato da 00 10/12/12 Nuova emissione

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE 10.06.2013 Rev.0.0 Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA ASCENSORII RG-K

REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA ASCENSORII RG-K REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA I Rev. Data Descrizione della Modifica Elaborato Verificato Approvato 00 05/11/12 Riedizione del Sistema 01 21/03/13 Aggiornati 9.2, 9.3 e 9.4 02 31/07/14 Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE TABELLA DELLE REVISIONI Rev. Par. Pag. Data Sintesi modifica 0 / / 2009-10-09 Prima emissione 1 1, 3, 5 3, 4, 5 2010-10-12 Eliminato

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO R 02-TP

INDICE REGOLAMENTO R 02-TP REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI CERTIFICAZIONE / ISPEZIONE TABELLA DELLE REVISIONI Rev. Par. Pag. Data Sintesi modifica 0 / / 2012-07-26 Prima emissione 1 2 3 4 1, 4, 5,7, 12, 14 1, 4, 5.3,

Dettagli

Regolamento Certificazione di Prodotto DIRETTIVA ASCENSORI

Regolamento Certificazione di Prodotto DIRETTIVA ASCENSORI Regolamento Certificazione di Prodotto DIRETTIVA ASCENSORI COPIA CONTROLLATA N 1 COPIA NON CONTROLLATA INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 4. DEFINIZIONI 5. IMPARZIALITA

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI ASCENSORI Pag. 1 di 10 PER LE VERIFICHE DEGLI ASCENSORI Revisione Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 00 19/03/2004 01 12/03/2010 02 12/02/2013 03 15/05/2013 04 30/08/2013 05 10/12/2013 06 05/03/2014 Inserite

Dettagli

MOD 37 Regolamento Contrattuale per la Certificazione di Elevatori Direttiva 95/16/CE

MOD 37 Regolamento Contrattuale per la Certificazione di Elevatori Direttiva 95/16/CE MOD 37 Regolamento Contrattuale per la Certificazione di Elevatori Direttiva 95/16/CE (MOD 05) Stato delle Revisioni Rev. Data Motivo Aggiornamento RQ Approvazione DT 00 27-04-2013 Definizione 01 11-10-2013

Dettagli

Compilazione (data e firma) Verifica (data e firma) Approvazione (data e firma)

Compilazione (data e firma) Verifica (data e firma) Approvazione (data e firma) Procedura CERTIFICAZIONI PC213 rev00 CE - 29/05/2015 Pagina 1 (7) Regolamento per la certificazione relativa all accordo preventivo per l installazione di ascensori in deroga (con fossa e/o testata ridotta)

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Regolamento RG04 ISPEZIONI

Regolamento RG04 ISPEZIONI www.sferacert.it S e de: Vi a T r i t o n e 4 / A 9 0 1 4 7 P A L E RM O / 0 9 1 6 9 1 0 9 6 0 Regolamento RG04 ISPEZIONI Regolamento per la erogazione dei servizi di ispezione impianti ai sensi del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 06 09/12/2013 7 emissione Per. Ind. Mattia Ing. Alberto G. Lipani Miraglia 05 12/08/2013 6 emissione Per. Ind. Mattia Ing Giuseppe Morello Ing.

Dettagli

Regolamento Valutazione di Conformità: ASCENSORE. Regolamento R.AS_01. Data Descrizione Redazione Approvazione

Regolamento Valutazione di Conformità: ASCENSORE. Regolamento R.AS_01. Data Descrizione Redazione Approvazione Regolamento COPIA N. CONSEGNATA A DATA Revisione N. Data Descrizione Redazione Approvazione REV. 1 Adeguamento Reg. 01 RDQ AMM. UNICO Accredia REV. 0 30/09/2014 Prima emissione RDQ AMM. UNICO Pagina 1

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 CONDIZIONI GENERALI...2 3.1 FASI DI CERTIFICAZIONE... 2 4 OBBLIGHI DEL FABBRICANTE...2 4.1 Accettazione delle condizioni...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI ASCENSORI, SERVOSCALA E PIATTAFORME ELEVATRICI

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI ASCENSORI, SERVOSCALA E PIATTAFORME ELEVATRICI Pag. 1 di 10 ASCENSORI, SERVOSCALA E PIATTAFORME ELEVATRICI Revisione Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 00 19/03/2004 01 12/03/2010 02 12/02/2013 03 15/05/2013 04 30/08/2013 05 10/12/2013 06

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

Regolamento Verifiche Periodiche e Straordinarie ASCENSORE

Regolamento Verifiche Periodiche e Straordinarie ASCENSORE Regolamento COPIA N. CONSEGNATA A DATA Revisione N. Data Descrizione Redazione Approvazione REV. 1 Adeguamento Reg.01 Accredia RDQ AMM. UNICO REV. 0 30/09/2014 Prima emissione RDQ AMM. UNICO 1. SCOPO E

Dettagli

IMQ S.p.A. con socio unico I-20138 Milano via Quintiliano, 43 tel. 0250731 (r.a.) - fax 0250991500 e-mail: info@imq.it - www.imq.

IMQ S.p.A. con socio unico I-20138 Milano via Quintiliano, 43 tel. 0250731 (r.a.) - fax 0250991500 e-mail: info@imq.it - www.imq. Oggetto: GARANZIA QUALITA TOTALE (Allegato XIII - Dir. 95/16/CE) ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE L attività di valutazione della conformità prevede il seguente iter: a. Ricezione e accettazione della Domanda di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02 Pag. 1 di 8 REGOLAMENTO ESECUZIONE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE ASCENSORI Revisione N. Data MOTIVAZIONE 00 10/12/2012 Prima emissione 01 15/11/2013 Aggiornamenti in seguito ad esame documentale

Dettagli

Regolamento Generale RG 02 Regolamento per l esecuzione delle verifiche periodiche e straordinarie di ascensori e montacarichi

Regolamento Generale RG 02 Regolamento per l esecuzione delle verifiche periodiche e straordinarie di ascensori e montacarichi INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 RIFERIMENTI NORMATIVI 4 TERMINI E DEFINIZIONI 5 MODALITA OPERATIVE 5.1 Attivazione ed effettuazione del servizio 5.2 Gestione delle anagrafiche e delle commesse

Dettagli

PG 22 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO

PG 22 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO Copertina 1 di 15 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO Redatto da: Approvata da: Autorizzata da: Sostituto RTAM Dott.Ing.

Dettagli

PG 22 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO

PG 22 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO Copertina 1 di 14 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO Redatto da: Approvata da: Autorizzata da: Sostituto RTAM Dott.Ing.

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ASCENSORI (Direttiva 95/16/CE D.P.R. n. 162/99) INDICE 7. ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA E CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ASCENSORI (Direttiva 95/16/CE D.P.R. n. 162/99) INDICE 7. ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA E CERTIFICAZIONE Foglio 1 di 9 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento 2.1 Definizioni Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento

Dettagli

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi 2 3 Definizioni 2 4 Condizioni generali 3 4.1 Requisiti 3 4.2 Accesso agli schemi di certificazione/qualificazione 3 5 Processo di certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI. Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI. Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 SOMMARIO CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI Pag. 1 di 17 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 RIFERIMENTI... 2 2 PROCESSO DI EROGAZIONE... 3 2.1 PREMESSA... 3 2.1.1 Certificazione... 3 2.1.2 Ispezione...

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONI DELLE VERIFICHE ISPETTIVE E DELLE CERTIFICAZIONI ASCENSORI DI TORAMO CERTIFICAZIONI S.r.l.

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONI DELLE VERIFICHE ISPETTIVE E DELLE CERTIFICAZIONI ASCENSORI DI TORAMO CERTIFICAZIONI S.r.l. REGOLAMENTO VERIFICHE ISPETTIVE E CERTIFICAZIONI ASCENSORI REG-01 Rev. 04 del 22/04/2013 REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONI DELLE VERIFICHE ISPETTIVE E DELLE CERTIFICAZIONI ASCENSORI DI TORAMO CERTIFICAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG45 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESPERTI

Dettagli

0.0 SOMMARIO. Allegato E al Manuale della Qualità (MQ rev. 4) RG 04 REGOLAMENTO GENERALE Certificazioni di prodotto Direttiva Ascensori 95/16/CE

0.0 SOMMARIO. Allegato E al Manuale della Qualità (MQ rev. 4) RG 04 REGOLAMENTO GENERALE Certificazioni di prodotto Direttiva Ascensori 95/16/CE Pag. 1 di 17 0.0 SOMMARIO 0.0 SOMMARIO... 1 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3.0 TERMINI E DEFINIZIONI... 3 4.0 CONDIZIONI GENERALI... 5 5.0 DOMANDA PER LA CERTIFICAZIONE...

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Regolamento Marcatura CE (All. IX DIR. 2006/42/CE) Esame CE del Tipo (All. Vb DIR. 95/16/CE) Regolamento R.AS_03

Regolamento Marcatura CE (All. IX DIR. 2006/42/CE) Esame CE del Tipo (All. Vb DIR. 95/16/CE) Regolamento R.AS_03 Regolamento COPIA N. CONSEGNATA A DATA Revisione N. Data Descrizione Redazione Approvazione REV. 1 Aggiornamento conforme al RDQ AMM Unico Reg.01 Accredia REV. 0 30/09/2014 Prima emissione RDQ AMM Unico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1. Scopo e campo di applicazione Questa sezione definisce il regolamento adottato dalla OMNIA s.r.l. per le verifiche degli impianti di messa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DI ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Emanato con D.R. Rep. n. 16022/2010 prot. n. 7682 del 26/05/2010. Entrato in vigore l'11/06/2010. Regolamento

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0020CR_00_IT

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0020CR_00_IT Regolamento per la gestione delle attività di ispezione di materiali, prodotti e servizi nel settore industriale per l impiantistica, le opere e le costruzioni 00 24/04/2013 Annulla e sostituisce il documento

Dettagli

REGOLAMENTO per il rilascio del certificato di costanza di prestazione del prodotto per la marcatura CE Sistema 1 e 1+ Edizione 3 1/5/2014

REGOLAMENTO per il rilascio del certificato di costanza di prestazione del prodotto per la marcatura CE Sistema 1 e 1+ Edizione 3 1/5/2014 REGOLAMENTO per il rilascio del certificato di costanza della prestazione per la marcatura CE dei prodotti per le costruzioni di cui al Regolamento (UE) N. 305/2011 secondo i sistemi 1 e 1+ Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO ASCENSORI

REGOLAMENTO ASCENSORI Deliberazione della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 67 del 20/10/2005 CITTA di CANICATTI (Provincia di Agrigento) *** UFFICIO TECNICO III Direzione Gestione del Territorio

Dettagli

REGOLAMENTO CERTIFICAZIONE ASCENSORI

REGOLAMENTO CERTIFICAZIONE ASCENSORI Pag. 1 di 10 Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 00 19/03/2004 Prima emissione Pag. 2 di 10 INDICE 1. PRESENTAZIONE DI CERTIFICAZIONE EUROPEA VERIFICHE IMPIANTI CEVI S.R.L.... 3 2. SCOPO

Dettagli

Regolamento per la certificazione di prodotto, Direttiva Macchine 2006/42/CE

Regolamento per la certificazione di prodotto, Direttiva Macchine 2006/42/CE Procedura CERTIFICAZIONI PC174rev06 CE - 03/09/2015 Pagina 1 (17) Regolamento per la certificazione di prodotto, Direttiva Macchine 2006/42/CE Elenco delle principali modifiche rispetto alla precedente

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LE ATTIVITA DI VERIFICA PERIODICA E STRAORDINARIA DI ASCENSORI E MONTACARICHI

REGOLAMENTO GENERALE PER LE ATTIVITA DI VERIFICA PERIODICA E STRAORDINARIA DI ASCENSORI E MONTACARICHI REGOLAMENTO 1/11 REGOLAMENTO GENERALE PER LE ATTIVITA DI VERIFICA PERIODICA E STRAORDINARIA DI ASCENSORI E INDICE DELLE REVISIONI Motivo della revisione Emesso Controllato Approvato 6 5 Integrazioni in

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE Via Alessandro Volta, 14 18038 Sanremo (IM) +39 0184 506492 - +39 0184 540731 www.tecnicasrl.net info@tecnicasrl.net REGOLAMENTO GENERALE per la VERIFICA e CERTIFICAZIONE ai sensi del D.P.R. 162/1999 e

Dettagli

MANUALE PER LE ATTIVITÀ IN QUALITÀ DI ORGANISMO DI ISPEZIONE. REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7

MANUALE PER LE ATTIVITÀ IN QUALITÀ DI ORGANISMO DI ISPEZIONE. REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3. RESPONSABILITÀ... 3 4. DISTRIBUZIONE... 3 5. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti condizioni verranno applicate a tutte le offerte emesse dall Organismo Notificato NWE. L O.N. offre

Dettagli

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 1 Regolamento CE 303/2008 2aprile 2008 Si ricorda che deve essere certificato la persona fisica che svolge le seguenti attività: a) Controllo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Pagina 1 di 8 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

in G.U. n. 292 del 15-12-2.010 sommario Art. 1 Finalità DPR 214-10 Pag: 1

in G.U. n. 292 del 15-12-2.010 sommario Art. 1 Finalità DPR 214-10 Pag: 1 DPR 214-10 Pag: 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DIRETTIVA PED 97/23/CE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DIRETTIVA PED 97/23/CE Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO GENERALE PER LA 97/23/CE INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento di DE 3.2 Documenti di riferimento

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/ CONSULENTI SENIOR DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/ CONSULENTI SENIOR DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG04 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI VERIFICA PERIODICA E VERIFICA STRAORDINARIA SU IMPIANTI ASCENSORE DPR 162/99 e DPR 214/10

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI VERIFICA PERIODICA E VERIFICA STRAORDINARIA SU IMPIANTI ASCENSORE DPR 162/99 e DPR 214/10 Pag. 1 di 9 REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI VERIFICA PERIODICA E VERIFICA STRAORDINARIA SU IMPIANTI ASCENSORE DPR 162/99 e DPR 214/10 MATRICE DELLE REVISIONI Rev. Data DESCRIZIONE delle MODIFICHE Redatto

Dettagli