IL SISTEMA FINANZIARIO Schema generale. Università di Teramo Economia degli intermediari finanziari- Prof. Paolo Di Antonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA FINANZIARIO Schema generale. Università di Teramo Economia degli intermediari finanziari- Prof. Paolo Di Antonio"

Transcript

1 IL SISTEMA FINANZIARIO Schema generale 1

2 Il SISTEMA DEI CONTROLLI NEL SISTEMA FINANZIARIO Il sistema finanziario è una parte dell economia sottoposta ad un insieme articolato di controlli da parte dei pubblici poteri attraverso la presenza di sistemi di regolamentazione e di vigilanza sull attività finanziaria esercitata dai mercati e dagli intermediari finanziari nonchè dagli operatori non finanziari (imprese) quando questi si rivolgono ai risparmiatori. Le ragioni fondamentali del controllo pubblico sul sitema finanziario sono riconducibili ai seguenti quattro punti: la funzione monetaria ed il governo monetario dell economia; la tutela del risparmio e la protezione degli investitori; le esternalità negative; l asimmetria informativa ed il fallimento del mercato. 2

3 Il SISTEMA DEI CONTROLLI NEL SISTEMA FINANZIARIO Il sistema finanziario è una parte dell economia sottoposta ad un insieme articolato di controlli da parte dei pubblici poteri attraverso la presenza di sistemi di regolamentazione e di vigilanza sull attività finanziaria esercitata dai mercati e dagli intermediari finanziari nonchè dagli operatori non finanziari (imprese) quando questi si rivolgono ai risparmiatori. Le ragioni fondamentali del controllo pubblico sul sitema finanziario sono riconducibili ai seguenti quattro punti: la funzione monetaria ed il governo monetario dell economia; la tutela del risparmio e la protezione degli investitori; le esternalità negative; l asimmetria informativa ed il fallimento del mercato. 3

4 Il SISTEMA DEI CONTROLLI NEL SISTEMA FINANZIARIO L assetto istituzionale del sistema finanziario italiano prevede la presenza di diverse Autorità di controllo: Banca d Italia; CONSOB; ISVAP; COVIP; AGCM - Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. 4

5 AUTORITA DI CONTROLLO BANCA D ITALIA Nasce con legge 10 agosto 1893, n. 449, che autorizzava, al fine di costituire un istituto di emissione nuovo, la fusione della Banca nazionale nel Regno con la banca nazionale toscana e la Banca Toscana di Credito per le Industrie e il Commercio d Italia. Nel 1926 la Banca d Italia diveniva l unico istituto autorizzato all emissione di banconote sul territorio nazionale; la grande novità di quell anno comunque fu che le furono attribuiti, con largo anticipo rispetto agli ordinamenti di altri paesi, formali poteri di vigilanza sugli istituti di credito nazionali. Le principali aree di attività riguardano: l emissione di banconote: dal gennaio 2002 si incaricata della diffusione degli euro, distribuiti attraverso le Filiali dell Istituto, che immettono la valuta nel circuito degli scambi. La Banca provvede anche al ritiro e alla distruzione dei biglietti deteriorati. il controllo della politica monetaria e del cambio in qualità di membro del SEBC; attività di vigilanza finalizzata ad ottenere condizioni di stabilità e di efficienza del sistema finanziario; tutela della concorrenza monitorando la condotta di mercato delle istituzioni finanziarie. 5

6 AUTORITA DI CONTROLLO CONSOB La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, istituita con la legge n. 216 del 7 giugno 1974, è un autorità amministrativa indipendente, dotata di personalità giuridica e piena autonomia. Questa istituzione si occupa di attività di regolamentazione, autorizzazione, vigilanza e controllo sui mercati finanziari italiani con i principali obiettivi della tutela degli investitori, dell efficienza e della trasparenza del mercato mobiliare italiano. La Consob regolamenta: la prestazione dei servizi di investimento; i requisiti di capitale minimo delle società di gestione dei mercati regolamentati e delle società di gestione accentrata; la redazione e la pubblicazione dei prospetti e dei documenti d offerta; le procedure per lo svolgimento delle offerte; gli obblighi informativi delle società quotate, tra cui l informativa periodica (approvazione del bilancio, relazione semestrale e trimestrale) e quella sui fatti rilevanti. autorizza: l esercizio dei mercati regolamentati, la pubblicazione dei prospetti, l esercizio dell attività di gestione accentrata di strumenti finanziari e le iscrizioni agli Albi. 6

7 AUTORITA DI CONTROLLO CONSOB (segue) controlla: le informazioni contenute nei documenti contabili delle società quotate; l informativa che le società quotate forniscono al mercato; le operazioni di sollecitazione del pubblico risparmio (sollecitazioni all investimento e offerte pubbliche di acquisto e scambio). vigila: sulle società di gestione dei mercati, sui mercati regolamentati, sugli scambi organizzati di strumenti finanziari; sul regolare svolgimento delle contrattazioni nei mercati regolamentati; sulle società di gestione accentrata e sui sistemi di compensazione, liquidazione e garanzia, insieme con la Banca d Italia; sugli intermediari autorizzati; sui promotori finanziari; sulle società quotate; sui soggetti che promuovono sollecitazioni all investimento di strumenti finanziari; sulle società di revisione. e, ovviamente, in caso di violazione delle norme, ha facoltà di sanzionare i soggetti vigilati. 7

8 AUTORITA DI CONTROLLO ISVAP L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) nasce nel 1982 assorbendo una parte delle funzioni di indirizzo e di controllo del comparto assicurativo fino ad allora svolte direttamente dal Ministero dell Industria. Le funzioni dell ISVAP si possono riassumere: vigilanza: l ISVAP ha il compito di esercitare il controllo sulle imprese di assicurazione e sugli operatori del mercato assicurativo analisi e ricerca: l Istituto svolge una funzione i ricerca sul settore assicurativo sia al fine di controllo delle tariffe sia per fornire supporto tecnico al ministero dell Industria; tutela della concorrenza: per il settore assicurativo il meccanismo comporta la decisione dell Autorità garante sentito il parere dell ISVAP. 8

9 AUTORITA DI CONTROLLO COVIP Con la riforma del sitsema pensionistico e l istituzione dei fondi pensione, nasce nel 1993 la Commissione di Vigilanza su Fondi Pensione (COVIP) che opera a tutela degli iscritti alle forme di previdenza complementare, con lo scopo di perseguire la trasparenza, la correttezza dei comportamenti e la sana e prudente gestione delle forme pensionistiche complementari. A tal fine la Commissione dispone di ampi poteri di normazione secondaria, di regolazione e controllo, anche attraverso accertamenti ispettivi. In particolare, la COVIP svolge le seguenti funzioni: autorizza le forme pensionistiche complementari all esercizio dell attività dopo aver verificato il rispetto delle condizioni previste dalla legge e dalle istruzioni generali fornite dalla stessa Commissione. ( Albo delle forme pensionistiche complementari ) definisce inoltre le regole volte a garantire la trasparenza delle forme pensionistiche complementari in modo che siano chiare e comprensibili per l aderente; vigila attraverso la verifica e l analisi dei documenti, delle informazioni, dei bilanci e rendiconti annuali che le forme pensionistiche complementari sono tenute a trasmettere alla Commissione, nonché attraverso ispezioni effettuate presso le sedi delle stesse. pubblica e diffonde informazioni utili alla conoscenza della previdenza complementare e ha il potere Università di formulare di Teramo proposte Economia di modifica degli intermediari legislativa finanziari- materia. Prof. Paolo Di Antonio 9

10 AUTORITA DI CONTROLLO AGCM L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) è stata istituita nel 1990 con il compito di vigilare su tre aspetti rilevanti del funzionamento del mercato: le intese restrittive della concorrenza; gli abusi di posizione dominante; le operazioni di concentrazione tra imprese che comportino il pericolo di una riduzione della concorrenza. Gli obiettivi sottostanti questa attività sono sostanzialmente due: 1. garantire condizioni di libertà di impresa e di accesso al mercato e di pari opportunità di competizione; 2. tutelare i consumatori facendo in modo che la libera concorrenza si traduca in prezzi e qualità dei prodotti più favorevoli. Per quanto riguarda i settori bancario ed assicurativo, le competenze dell AGCM si incrociano con quelle della Banca d Italia e dell ISVAP. Per il settore bancario l iter procedurale prevede l obbligo per Banca d Italia di richiedere all AGCM il parere non vincolante sui casi esaminati. Per il settore assicurativo la situazione è rovesciata: la competenza di autorità garante e dell AGCM che è tenuta a chiedere il parere non vincolante all ISVAP. 10

11 LA BANCA I principi del Testo Unico: le fonti normative e la definizione di banca Fonti normative: Nuova Legge Bancaria (D.Lgs. n. 385/93) denominato Testo Unico in Materia Bancaria e Creditizia; Regolamento Attuativo della Seconda Direttiva Comunitaria (D.Lgs. n. 481/92); La banca viene definita come l impresa che è autorizzata all esercizio dell attività bancaria. Perciò: la banca è impresa; la banca esiste ed opera in forza di un autorizzazione formale; la definizione di banca rinvia direttamente alla nozione di attività bancaria. 11

12 LA BANCA I principi del Testo Unico: le fonti normative e la definizione di banca L attività bancaria: raccolta del risparmio ed esercizio del credito L attività bancaria è riservata alle banche: ciò è coerente con il fatto che l attività bancaria sia subordinata ad autorizzazione e sia regolata da una normativa specifica. Le banche esercitano ogni altra attività finanziaria nonché attività connesse e strumentali 12

13 LA BANCA I principi del Testo Unico: le fonti normative e la definizione di banca Le attività svolte dalle banche sono ammesse al mutuo riconoscimento e sottostanno al principio dell home-country control: raccolta di depositi o di altri fondi con obbligo di restituzione; operazioni di prestito (compreso in particolare il credito al consumo, il credito con garanzia ipotecaria, il factoring, le cessioni di credito pro soluto e pro solvendo, il credito commerciale); leasing finanziario; servizi di pagamento; emissione e gestione di mezzi di pagamento (carte di credito, travellers cheques, lettere di credito); rilascio di garanzie e di impegni di firma; operazioni per proprio conto o per conto della clientela in: strumenti di mercato monetario (assegni, cambiali, certificati di deposito, ); cambi; strumenti finanziari a termine ed opzioni, contratti su tassi di cambio e tassi di interesse; valori mobiliari; 13

14 LA BANCA I principi del Testo Unico: le fonti normative e la definizione di banca partecipazione all emissione di titoli e prestazione di servizi connessi; consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria, di strategia industriale e di questioni connesse, nonché consulenza e servizi nel campo delle concentrazioni e del rilievo di imprese; servizi di intermediazione finanziaria del tipo money broking ; gestione o consulenza nella gestione di patrimoni; custodia ed amministrazione di valori mobiliari; servizi di informazione commerciale; locazione di cassette di sicurezza. 14

15 LA BANCA I principi del Testo Unico: le condizioni per l autorizzazione all esercizio attività bancaria L autorizzazione viene concessa dalla Banca d Italia quando ricorrono le seguenti condizioni (ex art. 14 del D.lgs. 385/1993): la forma di società per azioni o di società cooperativa per azioni a responsabilità limitata; l esistenza di un capitale minimo versato richiesto; i requisiti di onorabilità stabiliti per i soci; la struttura proprietaria (composizione e ripartizione dei diritti proprietari) rispetti i vincoli di cui si tratterà in seguito; i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo abbiano i requisiti richiesti di onorabilità e professionalità. Banca d Italia autorizza se verifica le condizioni per sana e prudente gestione 15

16 LA BANCA I principi del Testo Unico: la partecipazione al capitale delle banche Problema dei rischi derivanti dalla possibilità che l esercizio dell attività bancaria venga controllato da soggetti portatori di interessi estranei, diversi o confliggenti con quelli istituzionali della banca Obiettivo di autonomia o separatezza, attraverso: autorizzazione preventiva all acquisizione di partecipazioni superiori al 5% del capitale della banca o che comportino il controllo della banca stessa; divieto all acquisto di partecipazioni superiori al 15% del capitale della banca o comunque di controllo ai soggetti che svolgono in misura rilevante attività di impresa in settori non bancari e non finanziari. 16

17 LA BANCA I principi del Testo Unico: la nozione di gruppo bancario Il gruppo bancario è composto alternativamente: dalla banca italiana capogruppo e dalle società bancarie, finanziarie e strumentali da questa controllate; dalla società finanziaria capogruppo e dalle società bancarie, finanziarie e strumentali da questa controllate, quando nell ambito del gruppo abbia rilevanza la componente bancaria. Alcune definizioni: Società finanziaria: società che esercita, in via esclusiva o prevalente, l attività di assunzione di partecipazioni aventi le caratteristiche indicate dalla Banca d Italia; una o più delle attività connesse al mutuo riconoscimento escluse la raccolta di depositi o di altri fondi con l obbligo di restituzione, i servizi di informazione commerciale e la locazione di cassette di sicurezza; Società strumentale: società che esercitano, in via esclusiva o prevalente, attività che hanno carattere ausiliario dell attività delle società del gruppo, comprese quelle di gestione di immobili e di servizi anche informatici. 17

18 LA BANCA I principi del Testo Unico: la nozione di gruppo bancario Nel gruppo si realizza un disegno imprenditoriale unitario e la capogruppo, che ha il ruolo di referente alla Banca d Italia ai fini della vigilanza consolidata, esercita attività di direzione e coordinamento ed un controllo strategico e gestionale, nell interesse della stabilità del gruppo. Le attività di intermediazione finanziaria possono quindi essere esercitate secondo due modelli istituzionali diversi: il modello della banca universale il modello del gruppo bancario Il livello di diversificazione raggiungibile dal gruppo è tuttavia maggiore di quello della banca universale 18

19 I servizi di investimento L articolo 1, comma 5, del TUF specifica che si intendono come servizi e attività di investimento, quando hanno per oggetto strumenti finanziari: a) negoziazione per conto proprio; b) esecuzione di ordini per conto dei clienti; c) sottoscrizione e/o collocamento con assunzione a fermo ovvero con assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente; c-bis) collocamento senza assunzione a fermo né assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente; d) gestione di portafogli; e) ricezione e trasmissione di ordini; f) consulenza in materia di investimenti; g) gestione di sistemi multilaterali di negoziazione. 19

20 I servizi di investimento Sono classificati invece come servizi accessori (art.1, comma 6 del TUF): a) la custodia e amministrazione di strumenti finanziari e relativi servizi connessi; b) la locazione di cassette di sicurezza; c) la concessione di finanziamenti agli investitori per consentire loro di effettuare un'operazione relativa a strumenti finanziari, nella quale interviene il soggetto che concede il finanziamento; d) la consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria, di strategia industriale e di questioni connesse, nonché la consulenza e i servizi concernenti le concentrazioni e l'acquisto di imprese; e) i servizi connessi all'emissione o al collocamento di strumenti finanziari, ivi compresa l'organizzazione e la costituzione di consorzi di garanzia e collocamento; f) la ricerca in materia di investimenti, l analisi finanziaria o altre forme di raccomandazione generale riguardanti operazioni relative a strumenti finanziari; g) l'intermediazione in cambi, quando collegata alla prestazione di servizi d'investimento; g-bis) le attività e i servizi individuati con regolamento del Ministro dell Economia e delle Finanze, sentite la Banca d Italia e la Consob, e connessi alla prestazione di servizi di investimento o accessori aventi ad oggetto strumenti derivati. 20

21 I servizi di investimento La negoziazione per conto proprio è l attività con cui l intermediario, su ordine del cliente, gli vende strumenti finanziari di sua proprietà ovvero li acquista direttamente dal cliente stesso (cd. in contropartita diretta). Cfr. sul punto l articolo 1, comma 5-bis: 5-bis. Per" negoziazione per conto proprio" si intende l attività di acquisto e vendita di strumenti finanziari, in contropartita diretta e in relazione a ordini dei clienti, nonché l attività di market maker. Con riferimento all attività di market making, il TUF precisa che: 5-quater. Per market maker si intende il soggetto che si propone sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, su base continua, come disposto a negoziare in contropartita diretta acquistando e vendendo strumenti finanziari ai prezzi da esso definiti. Nell attività di negoziazione per conto proprio, l intermediario: impegna posizioni proprie, cioè soddisfa le esigenze di investimento/disinvestimento della clientela con strumenti finanziari già presenti nel proprio portafoglio; esegue gli ordini dei clienti entrando nel contratto di compravendita come controparte diretta. 21

22 I servizi di investimento L esecuzione di ordini per conto dei clienti (Titolo III, Best execution, articoli da 45 a 47 del Regolamento Intermediari) Il servizio consiste nell attività di acquisto o vendita di strumenti finanziari per conto del cliente. Ricevuto l ordine, l intermediario lo esegue scegliendo tra più sedi di negoziazione: i mercati regolamentati; i sistemi multilaterali di negoziazione; l internalizzazione dell ordine. L intermediario che esegue l ordine deve porsi l obiettivo di perseguire nel miglior modo l interesse del cliente (best possible result) avendo riguardo a diversi fattori: il prezzo; i costi; la rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento; le dimensioni e la natura dell ordine; qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini della sua esecuzione (art. 45, comma 1). La scelta della sede di negoziazione dell ordine deve essere effettuata dall intermediario in base a criteri precisi e predeterminati, che costituiscono la sua strategia di esecuzione (execution policy). La strategia di esecuzione degli ordini (articolo 45, comma 3) risponde alle finalità di: a) individuare, per ciascuna categoria di strumenti, almeno le sedi di esecuzione che permettono di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per l'esecuzione degli ordini del cliente; 22 b) orientare la scelta della sede di esecuzione fra quelle individuate ai sensi della lettera a).

23 I servizi di investimento Il termine gestione di portafogli identifica... la gestione su base discrezionale e individualizzata, di portafogli di investimento che includono uno o più strumenti finanziari e nell ambito di un mandato conferito dai clienti (articolo 1, comma 5-quinquies del TUF). Il servizio di gestione è regolato dall articolo 24 del TUF, che garantisce tra l altro al cliente: la facoltà di impartire all intermediario istruzioni vincolanti in ordine alle operazioni da compiere; la facoltà di recedere in ogni momento dal contratto, fermo restando il diritto di recesso dell impresa di investimento, dalla SGR e della banca. Prima di prestare il servizio di gestione di portafogli, l intermediario è tenuto ad effettuare una valutazione di adeguatezza: deve cioè valutare, sulla base delle informazioni acquisite dal cliente, che il servizio in oggetto corrisponda ai suoi obiettivi di investimento, senza esporlo a rischi da lui non sopportabili o non comprensibili. 23

24 I servizi di investimento In aggiunta alle informazioni comuni a tutti i servizi, il contratto relativo alla gestione di portafoglio: a) indica i tipi di strumenti finanziari che possono essere inclusi nel portafoglio del cliente e i tipi di operazioni che possono essere realizzate su tali strumenti, inclusi eventuali limiti; b) indica gli obiettivi di gestione, il livello del rischio entro il quale il gestore può esercitare la sua discrezionalità ed eventuali specifiche restrizioni a tale discrezionalità; c) indica se il portafoglio del cliente può essere caratterizzato da effetto leva; d) fornisce la descrizione del parametro di riferimento, ove significativo, al quale verrà raffrontato il rendimento del portafoglio del cliente; e) indica se l intermediario delega a terzi l esecuzione dell incarico ricevuto, specificando i dettagli della delega; f) indica il metodo e la frequenza di valutazione degli strumenti finanziari contenuti nel portafoglio del cliente. Gli intermediari che offrono servizi di gestione di portafogli sono tenuti a fornire ai clienti rendiconti periodici, su supporto duraturo, del servizio svolto. 24

25 I servizi di investimento Il servizio finanziario di sottoscrizione e/o collocamento con o senza assunzione a fermo ovvero con assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente consiste nella distribuzione di strumenti finanziari, nell ambito di una offerta standardizzata, sulla base di un accordo con l emittente (o offerente). Si ha sottoscrizione quando i titoli offerti sono di nuova emissione e vengono immessi per la prima volta sul mercato. Si ha invece collocamento quando si tratta di titoli già emessi, che vengono successivamente venduti. Sia il collocamento che la sottoscrizione possono essere realizzati in forma pubblica (cioè rivolti a tutti gli investitori indistintamente) oppure in forma privata (cioè indirizzati ad una ristretta cerchia di investitori, di norma professionali). Nel caso di collocamento senza assunzione a fermo/di garanzia, l intermediario assume soltanto l impegno a ricercare presso il pubblico soggetti interessati ad acquistare/sottoscrivere i titoli: il rischio dell operazione resta dunque per intero in capo all emittente. Laddove invece l intermediario sottoscriva/acquisti a fermo i titoli, o presti una garanzia all emittente, si assume il rischio della buona riuscita dell operazione: ha dunque un interesse più stringente a collocare tutti i titoli in offerta. Nell ultimo caso le imprese di investimento si tutelano suddividendo il rischio tramite la costituzione di consorzi di garanzia che, al termine del periodo di collocamento, si 25 assumono l impegno a sottoscrivere tutti gli strumenti finanziari rimasti invenduti.

26 I servizi di investimento Nella prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini, previsto dall articolo 1, comma 5, del TUF, l impresa di investimento si limita a ricevere e a trasmettere tempestivamente gli ordini di acquisto, vendita sottoscrizione all impresa autorizzata alla negoziazione o al collocamento. 26

27 I servizi di investimento Un aspetto di grande interesse delle disposizioni MiFID è costituito dall elevazione della consulenza a servizio di investimento principale - come tale soggetto ad autorizzazione - in ragione della sempre maggiore influenza che essa esercita sulle decisioni di investimento. Si torna dunque in qualche misura al quadro regolamentare vigente nel nostro Paese nei primi anni Novanta. La Legge 1/1991 (Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari) aveva infatti incluso la consulenza in materia di valori mobiliari tra le attività cd. di intermediazione mobiliare (oggi servizi di investimento), riservandone l esercizio a banche e SIM previo rilascio di apposita autorizzazione. Diversamente dalla pregressa scelta italiana, la Direttiva 93/22/CEE aveva previsto la collocazione della consulenza tra i servizi cd. accessori, con la conseguenza che essa potesse essere esercitata liberamente da chiunque, non essendo soggetta a riserva né a specifica autorizzazione. Def. MiFID... prestazione di raccomandazioni personalizzate ad un cliente, dietro sua richiesta o per iniziativa dell impresa di investimento, riguardo ad una o più operazioni relative a strumenti finanziari (Direttiva 2004/39/CE, articolo 4). 27

28 I servizi di investimento A seguito del recepimento della MiFID nell ordinamento italiano, la facoltà di prestare consulenza in materia di investimenti è accordata alle imprese di investimento munite di specifica autorizzazione e alle persone fisiche in possesso di particolari requisiti di onorabilità, professionalità, indipendenza e solidità patrimoniale. Il nuovo articolo 18-bis del TUF, che istituisce l Albo delle persone fisiche consulenti finanziari. Alla tenuta di tale Albo... provvede un organismo i cui rappresentanti sono nominati dal Ministro dell Economia e delle Finanze, sentite la Banca d Italia e la Consob (comma 2). L organismo è dotato di personalità giuridica ed è costituito in forma di associazione, con autonomia statutaria e organizzativa; vigila sul rispetto delle regole di condotta nel rapporto con il cliente e sulle modalità di tenuta della documentazione concernente l attività svolta dai consulenti e di aggiornamento professionale degli stessi; delibera la sospensione dell attività o la radiazione dall Albo nei casi di violazione delle regole di condotta. Compete alla Consob determinare con regolamento principi e criteri relativi alla formazione dell Albo; all iscrizione dei consulenti; alle cause di incompatibilità; alle modalità di tenuta della documentazione da parte dei consulenti sull attività svolta; ai compiti dell organismo. 28

29 I servizi di investimento Benché la ricerca costituisca nella pratica un elemento di grande importanza per la fornitura del servizio di consulenza, le due nozioni sono tenute ben distinte dal legislatore comunitario. Mentre la consulenza è caratterizzata - come si diceva sopra - da requisiti di personalizzazione, la ricerca in materia di investimenti è espressamente destinata al pubblico. La Direttiva di secondo livello la identifica infatti con le ricerche o altre informazioni che raccomandino o suggeriscano... una strategia di investimento riguardante uno o diversi strumenti finanziari o gli emittenti di strumenti finanziari... destinate a canali di distribuzione o al pubblico (Direttiva 2006/73/CE, articolo 24, comma 1). Collegata alla definizione di ricerca, le norme comunitarie propongono una definizione di analista finanziario come il... soggetto rilevante che produce la parte sostanziale della ricerca in materia di investimenti. Essendo classificata tra i servizi cd. Accessori, l attività di ricerca può essere svolta anche da soggetti non autorizzati alla prestazione dei servizi di investimento. 29

30 Classificazione della clientela La tutela dell investitore è sicuramente da annoverare tra i principali obiettivi della MiFID. Il concetto è chiaramente espresso dal Considerando 31 della Direttiva di primo livello, ove il legislatore comunitario chiarisce che... uno degli obiettivi della presente Direttiva è proteggere gli investitori. Le misure destinate a proteggere gli investitori dovrebbero essere adeguate alla specificità di ciascuna categoria... (clienti al dettaglio, professionali e controparti).... La disciplina italiana precedente l entrata in vigore della MiFID suddivideva gli investitori in due categorie: i clienti non professionali e gli operatori qualificati. Le nuove norme distinguono invece tre tipologie: i clienti al dettaglio, i clienti professionali e le controparti qualificate. 30

31 Classificazione della clientela La Direttiva di primo livello (2004/39/CE) qualifica infatti come professionale il cliente... che possiede l esperienza, le conoscenze e la competenza necessarie per prendere le proprie decisioni in materia di investimenti e valutare correttamente i rischi che assume.... Nella categoria dei clienti professionali rientrano di diritto: gli enti creditizi; le imprese di investimento; le imprese di assicurazione; gli OICR, le SGR, i fondi pensione e le loro società di gestione; i governi nazionali e regionali; gli enti pubblici incaricati della gestione del debito pubblico; gli enti dediti alla cartolarizzazione di attivi; le banche centrali e le istituzioni internazionali e sovranazionali (Banca Mondiale, FMI, BCE, BEI, etc.) 31

32 Classificazione della clientela Le controparti qualificate si configurano nella MiFID come un sottoinsieme della categoria dei clienti professionali. L attribuzione dello status di controparte qualificata risulta rilevante con riferimento alla prestazione di specifici servizi di investimento e dei relativi servizi accessori: la negoziazione per conto proprio, l esecuzione di ordini per conto dei clienti, la ricezione e trasmissione di ordini. Facendo riferimento all articolo 6, comma 2 quater del TUF, il Regolamento individua come controparti qualificate: le imprese di investimento, le banche, le imprese di assicurazione, gli OICR, le SGR, le società di gestione armonizzate, i fondi pensione, gli intermediari finanziari iscritti negli elenchi di cui agli articoli 106, 107 e 113 del TUB, le società di cui all articolo 18 del TUB3, gli istituti di moneta elettronica, le fondazioni bancarie, i Governi nazionali e i loro corrispondenti uffici, compresi gli organismi pubblici incaricati di gestire il debito pubblico, le banche centrali e le organizzazioni sovranazionali di carattere pubblico; le imprese la cui attività principale consiste nel negoziare per conto proprio merci e strumenti finanziari derivati su merci; 32

33 Classificazione della clientela le imprese la cui attività esclusiva consiste nel negoziare per conto proprio nei mercati degli strumenti finanziari derivati e - per meri fini di copertura - nei mercati a pronti, purché esse siano garantite da membri che aderiscono all organismo di compensazione di tali mercati i soggetti come in precedenza elencati, residenti in Paesi non aderenti all Unione Europea. 33

34 Classificazione della clientela La categoria dei clienti al dettaglio include i soggetti diversi dai clienti professionali e dalle controparti qualificate; comprende altresì tutti coloro che richiedono di essere trattati come tali, in linea generale o per singole operazioni (articolo 4, comma 1, numero 12 della Direttiva 2004/39/CE). La definizione di cliente al dettaglio è recepita nell ordinamento italiano dall articolo 26, primo comma, lettera e) del Nuovo Regolamento Intermediari. 34

35 Soggetti abilitati a svolgere i servizi di investimento L articolo 1, comma 1, lettera (r) del TUF elenca i soggetti abilitati alla prestazione dei servizi finanziari: le SIM, le imprese di investimento comunitarie con succursale in Italia, le imprese di investimento extracomunitarie, le SGR, le società di gestione armonizzate, le SICAV gli intermediari finanziari iscritti nell'elenco previsto dall'articolo 107 del T.U.B. le banche italiane, comunitarie con succursale in Italia ed extracomunitarie, autorizzate all'esercizio dei servizi o delle attività di investimento. 35

36 Società di intermediazione mobiliare (SIM) E l impresa d investimento italiana per antonomasia, nata come nuova figura giuridica con la legge n.1/91. Ai sensi dell articolo 19, comma 1, del TUF, l esercizio da parte di una SIM dei servizi e delle attività di investimento è autorizzato dalla Consob, sentita la Banca d Italia, quando ricorrono le seguenti condizioni: a) sia adottata la forma di società per azioni; b) la denominazione sociale comprenda le parole società di intermediazione mobiliare ; c) la sede legale e la direzione generale della società siano situate nel territorio della Repubblica; d) il capitale versato sia di ammontare non inferiore a quello determinato in via generale dalla Banca d'italia (cfr. sotto); e) venga presentato, unitamente all'atto costitutivo e allo statuto, un programma concernente l'attività iniziale, ivi compresa l illustrazione dei tipi delle operazioni previste, delle procedure adottate per l esercizio dell attività e dei tipi di servizi accessori che si intende esercitare, nonché una relazione sulla struttura organizzativa, ivi compresa l illustrazione dell eventuale affidamento a terzi di funzioni operative essenziali; f) i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo abbiano i requisiti di professionalità, indipendenza ed onorabilità indicati nell'articolo 13 (del TUF, ndr.); g) i titolari di partecipazioni abbiano i requisiti di onorabilità stabiliti dall'articolo 14 (del TUF, ndr.); h) la struttura del gruppo di cui è parte la società non sia tale da pregiudicare l'effettivo esercizio della vigilanza sulla società stessa e siano fornite almeno le informazioni richieste ai sensi dell'articolo 15, comma 52. Per quanto si riferisce alla dotazione di capitale, la Banca d Italia ha fissato con Regolamento del 29 ottobre 2007 i seguenti importi minimi: 36

37 Società di intermediazione mobiliare (SIM) euro per le SIM che intendano prestare esclusivamente il servizio di consulenza in materia di investimenti, a condizione che non detengano, neanche in via temporanea, disponibilità liquide e strumenti finanziari di pertinenza della clientela e non assumano rischi in proprio; le limitazioni richiamate devono formare oggetto di espressa previsione statutaria euro per le SIM che intendano prestare - anche congiuntamente - i servizi di collocamento di strumenti finanziari senza assunzione a fermo né assunzione di garanzia nei confronti dell emittente, gestione di portafogli, ricezione e trasmissione di ordini, sempre a condizione che non detengano, neanche in via temporanea, disponibilità liquide e strumenti finanziari di pertinenza della clientela e non assumano rischi in proprio. Anche in questo caso, le limitazioni richiamate devono formare oggetto di espressa previsione statutaria. Il medesimo importo minimo di capitale è richiesto anche qualora la SIM presti il servizio di consulenza in materia di investimenti. 1 milione di euro per le SIM che intendono prestare, anche congiuntamente: a) i servizi previsti ai punti precedenti, in mancanza delle condizioni indicate; b) il servizio di sottoscrizione e/o collocamento di strumenti finanziari con assunzione a fermo, o con assunzione di garanzia nei confronti dell emittente; c) il servizio di negoziazione per conto proprio; d) il servizio di esecuzione di ordini per conto dei clienti; e) il servizio di gestione di 37 sistemi multilaterali di negoziazione.

38 Società di intermediazione mobiliare (SIM) I soggetti che svolgono la funzione di amministrazione, direzione e controllo di una SIM devono avere requisiti di onorabilità e professionalità previsti dall articolo 13 del TUF. In particolare: il requisito di onorabilità prevede l assenza delle condizioni di ineleggibilità contemplate per gli amministratori delle Spa dall articolo 2383 del C.C., delle misure di prevenzione a loro carico ex legis (1423/56 e 575/65), di condanne per i reati previsti dall art.3 del DM 468/98 in materia bancaria, finanziaria o assicurativa. il requisito di professionalità prevede diversi gradi di professionalità a seconda degli incarichi ricoperti: gli amministratori e sindaci devono avere un esperienza professionale di almeno un triennio maturata presso imprese del settore, od essere docenti universitari di materie di settore od avere esercitato funzioni amministrative o dirigenziali presso pubbliche amministrazioni; l esperienza nel settore sale a cinque anni per potere coprire la carica di presidente del consiglio d amministrazione, mentre l amministratore delegato ed il direttore generale oltre ad un esperienza professionale quinquennale devono avere una specifica preparazione professionale in materia creditizia, finanziaria od assicurativa. I soci delle sim che detengono almeno il 5% del capitale sociale con diritto di voto od allorché le azioni possedute permettano di avere una posizione di controllo sulla società devono avere i requisiti Università di onorabilità di Teramo previsti Economia dall articolo degli intermediari 14 del finanziari- TUF. Prof. Paolo Di Antonio 38

39 L impresa d investimento comunitaria ed extracomunitaria La realizzazione del mercato unico dei servizi di investimento nell ambito dell Unione Europea, recepita nel nostro Paese con il Decreto Legislativo n.415/96, ha portato al riconoscimento del diritto di prestare i propri servizi all interno dei singoli Paesi dell Unione Europea e di accedere ai relativi mercati regolamentati a tutte le imprese comunitarie operanti nel settore. In pratica gli operatori degli altri Paesi comunitari possono prestare i propri servizi con o senza apertura di succursali in Italia e sulla base della sola autorizzazione dell autorità del proprio Paese d origine. Inoltre il legislatore, volendo sviluppare ulteriormente il mercato mobiliare ha autorizzato all operatività nel nostro Paese anche le imprese di investimento extracomunitarie tramite un apposito regime autorizzativo. Il Decreto Legislativo n.48/98 ex art.1 ha confermato quanto già previsto dal precedente Dlgs raggruppando sotto la dizione impresa di investimento la nostra società di intermediazione mobiliare sopra descritta e la impresa di investimento comunitaria ed extracomunitaria. La prima viene definita come impresa, diversa dalla banca, autorizzata a svolgere i servizi di investimento, avente sede legale e direzione generale in un medesimo Stato comunitario diverso dall Italia. La seconda come impresa, diversa dalla banca, autorizzata a svolgere servizi di investimento avente sede legale in un Paese extracomunitario. 39

40 L impresa d investimento comunitaria ed extracomunitaria Per l impresa d investimento comunitaria, vale il principio dell accesso liberalizzato è stato possibile sulla base di tre principi del diritto comunitario: il mutuo riconoscimento, l unica autorizzazione ottenuta nel Paese d origine, ed il principio del controllo demandato alle autorità del Paese in cui l impresa di investimento ha la sede legale. Per quanto attiene la vigilanza, l impresa d investimento comunitaria deve rispettare le norme prudenziali elaborate dall autorità del Paese d origine, mentre deve rispettare le norme comportamentali elaborate dalla Consob. L impresa d investimento extracomunitaria non beneficia del mutuo riconoscimento e della unica autorizzazione originaria, ma deve ottenere dalla Consob, sentita la Banca d Italia, l autorizzazione ad operare nel nostro Paese sia che voglia operare con una stabile organizzazione che senza. Per quanto attiene la vigilanza l impresa d investimento extracomunitaria deve sottostare sia alle norme prudenziali che a quelle comportamentali elaborate dalle autorità di controllo del nostro Paese; tuttavia i nostri organi di controllo dovranno attuare forme di cooperazione e scambi d informazioni con le autorità di vigilanza del Paese d origine. 40

41 La banca Il recepimento della Direttiva comunitaria n.22/93, tramite il Dlgs n. 415/96, ha riconosciuto all impresa banca l operatività sull intera gamma delle attività di intermediazione finanziaria, fino ad allora riservate agli agenti di cambio ed alle società di intermediazione mobiliare. Successivamente il Dlgs n. 58/98 ha compreso le attività di intermediazione finanziaria nei servizi di investimento. Pertanto dal 1996 le banche italiane, le banche comunitarie e quelle extracomunitarie possono offrire nel nostro Paese anche i servizi di investimento. Per un maggiore approfondimento sulla normativa bancaria demandiamo alla lettura del Decreto Legislativo n.385/93 ovvero del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TUB) recentemente integrato dalla Legge 262/2005 in materia di tutela del risparmio. 41

42 La società fiduciaria La società fiduciaria è un soggetto giuridico sorto con la legge n.1966/39 che esercita in forma d impresa l amministrazione di beni per conto terzi. Successivamente la società fiduciaria ha specializzato la propria attività in due tipi di servizi: la gestione di portafogli d investimento su base individuale e l amministrazione di beni in nome proprio per conto terzi. A seguito dell emanazione della legge n.1/91 che riservava in via esclusiva l attività di gestione di portafogli individuale alla SIM, la società fiduciaria dovette effettuare una scelta di campo e precisamente: proseguire nell attività di amministrazione di beni di terzi in nome proprio, con il diritto del fiduciante (il cliente) di dare istruzioni circa l amministrazione dei suoi beni al fiduciario (la società fiduciaria), configurandosi così un amministrazione statica dei beni del fiduciante; proseguire nell attività di gestione di portafogli d investimento su base individuale in nome proprio e per conto del cliente tramite l intestazione fiduciaria. In tal caso la società fiduciaria, costituita sotto forma di società per azioni, veniva iscritta in un apposita sezione dell albo delle SIM cui era riservata l attività di gestione individuale di portafoglio per conto terzi. Pertanto in base alla legge 1/91 la società fiduciaria, iscritta nell apposita sezione dell albo delle SIM, effettuava gestione di portafoglio individuale in nome proprio e per conto del cliente, mentre la SIM effettuava la gestione di portafoglio individuale in nome del cliente. 42

43 La gestione collettiva del risparmio L articolo 33 del TUF prevede che la prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio sia riservata alle società di gestione del risparmio (SGR) ed alle società di investimento a capitale variabile (SICAV). Nel nostro Paese ha avuto un maggiore sviluppo la società di gestione di fondi comuni di investimento rispetto alla società d investimento a capitale variabile. Pertanto il legislatore ha tenuto conto di questa realtà, permettendo una maggiore diversificazione delle attività per la società di gestione del risparmio, naturale evoluzione della società di gestione dei fondi comuni di investimento prevista dalla legge n.77/83, per i fondi comuni aperti e dalla legge n.86/94 per i fondi comuni chiusi. Sul punto costituisce un utile riferimento anche il Regolamento Banca d Italia del 24 aprile 2005, in materia di gestione collettiva del risparmio. 43

44 La società di gestione del risparmio La società di gestione del risparmio (SGR), già ampiamente diffusa nel nostro Paese come società di gestione fondi, è l unico operatore cui è riservata l intera gamma dei servizi di gestione collettiva del risparmio. L articolo 33, commi da 2 a 4, del TUF, come recentemente modificato prevede che le SGR possano: a) prestare il servizio di gestione di portafogli; b) istituire e gestire fondi pensione; c) svolgere le attività connesse o strumentali stabilite dalla Banca d'italia, sentita la Consob; d) prestare i servizi accessori di cui all'articolo 1, comma 6, lettera a), limitatamente alle quote di Oicr di propria istituzione; e) prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti; e-bis) commercializzare quote o azioni di Oicr propri o di terzi, in conformità alle regole di condotta stabilite dalla Consob, sentita la Banca d Italia. 44

45 La società di gestione del risparmio Per potere essere iscritta nell albo delle società di gestione del risparmio tenuto dalla Banca d Italia, la neo SGR deve avere i seguenti requisiti (cfr. art. 34 del TUF): 1) La società deve essere costituita sotto forma di società per azioni; 2) La sede legale e la direzione generale deve essere situata in Italia; 3) La denominazione sociale deve contenere la dizione società di gestione del risparmio ; 4) Il capitale sociale minimo, interamente versato, deve essere pari a quanto stabilito dalla Banca d Italia, attualmente almeno un milione di euro; 5) I soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo devono avere i requisiti di onorabilità e professionalità stabiliti dall articolo 13 del Tuf; 6) I soci che detengono almeno il 5% del capitale sociale con diritto di voto, od allorché le azioni possedute permettano di avere una posizione di controllo sulla società, devono avere i requisiti di onorabilità previsti dall articolo 14 del TUF. 45

46 La società di investimento a capitale variabile La società di investimento a capitale variabile (Sicav) è l altro soggetto giuridico abilitato a prestare il servizio di gestione collettiva del risparmio. Il TUF ne ha confermato l idoneità, pur limitando la sua attività all investimento collettivo del patrimonio raccolto mediante offerta al pubblico delle proprie azioni (ex art.43 comma 1 lettera f). Per potere essere iscritta all albo tenuto dalla Banca d Italia la Sicav deve avere ai seguenti requisiti. 1) La società deve essere costituita sotto forma di società per azioni; 2) La sede legale e la direzione generale deve essere situata in Italia; 3) La denominazione sociale deve contenere la dizione società di investimento a capitale variabile ; 4) Il capitale sociale minimo, interamente versato, deve essere pari a quanto stabilito dalla Banca d Italia, attualmente almeno un milione di euro; 5) I soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo devono avere i requisiti di onorabilità e professionalità stabiliti dall articolo 13 del Tuf; 6) I soci che detengono almeno il 5% del capitale sociale con diritto di voto, od allorché le azioni possedute permettano di avere una posizione di controllo sulla società, devono avere i requisiti di onorabilità previsti dall articolo 14 del TUF. 46

47 La società di investimento a capitale variabile Di fatto le Sicav fungono da contraltare ai fondi comuni di investimento, prodotti di una società di gestione del risparmio. Tra i due prodotti, sebbene servano ambedue per gestire il risparmio gestito, sussiste una notevole differenza. L investitore in un fondo comune di investimento è titolare di una quota del fondo patrimoniale, completamente separato dal patrimonio della società di gestione, mentre l investitore in una società di gestione a capitale variabile è socio della società di gestione, ed il fondo patrimoniale coincide con il capitale sociale della sicav. 47

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

05/12/13 *** NORMATTIVA - Stampa ***

05/12/13 *** NORMATTIVA - Stampa *** DECRETO LEGISLATIVO 24 febbraio 1998, n. 58 Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52. Vigente al: 5-12-2013

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni D.L.vo 1 agosto 2003, n.274.attuazione della direttiva 2001/107/CE e 2001/108/CE, che modificano la direttiva 85/611/CEE in materia di coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative

Dettagli

Fondi Pensione Aperti

Fondi Pensione Aperti Fondi Pensione Aperti Massimo Nicoletti Milano 07 novembre, 2014 2 Cenni sulla Previdenza Fonte 3 Cenni sulla Previdenza Fonte Insurance Companies 4 FPA: elementi identificativi e modalità di costituzione

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 5 giugno 2014

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 5 giugno 2014 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività produttive Ufficio Reddito d impresa Roma, 5 giugno 2014 OGGETTO: Addizionale dell imposta sul reddito delle

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Il Governatore della Banca d Italia

Il Governatore della Banca d Italia Il Governatore della Banca d Italia Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito "Testo Unico"). In particolare,

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Impatto della MiFID sul sistema organizzativo interno degli intermediari. La consulenza e l impatto nell operatività dei promotori finanziari Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti abilitati e degli agenti di cambio.

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 Delibera n. 19461 1 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013 ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013 INFORMAZIONI IN MERITO ALLA PROCEDURA DI NOMINA DEI SINDACI DI UNICREDIT S.P.A. UniCredit S.p.A. - Sede Sociale: Via Alessandro Specchi 16-00186 Roma - Direzione Generale:

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 7 maggio 2015, n. 66 Norme per l'attuazione della direttiva 2013/14/UE, che modifica le direttive 2003/41/CE, 2009/65/CE e 2011/61/UE, e per l'adeguamento alle disposizioni del regolamento

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking )

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Frequently Asked Questions PREMESSA...2 1. IMPRESE INTERESSATE DAL DIVIETO...2 1.1. INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d Italia 216 del 5 agosto 1996

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1 Profili della disciplina sulle banche Lezione 1 1 Testo Unico Bancario (D. lgs. n. 385 del 1993). Testo Unico Finanziario (D. lgs. n. 58 del 1998) La disciplina bancaria il Testo Unico Bancario: (art.

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03).

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Regolamento attuativo dell art. 37 del decreto legislativo 24

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Ottobre 2014

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

MINISTERO DEL TESORO. 17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996;

MINISTERO DEL TESORO. 17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO DECRETO 21 novembre 1996, n. 703 (G.U. 22 febbraio 1997, 44) Regolamento recante norme sui criteri e sui limiti di investimento delle risorse dei fondi di pensione e sulle regole in

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria LA CONSULENZA FINANZIARIA La normativa regolamentare della consulenza finanziaria Edoardo Guffanti - Nunzia Melaccio Commissione Banche e Intermediari Finanziari ODEC Milano 22 marzo 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli