Novità di VMware vsphere Piattaforma WHITE PAPER TECNICO V 1/ULTIMO AGGIORNAMENTO MAGGIO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novità di VMware vsphere 5.0 - Piattaforma WHITE PAPER TECNICO V 1/ULTIMO AGGIORNAMENTO MAGGIO 2011"

Transcript

1 Novità di VMware vsphere Piattaforma WHITE PAPER TECNICO V 1/ULTIMO AGGIORNAMENTO MAGGIO 2011

2 Indice Introduzione Miglioramenti delle macchine virtuali Scalabilità delle macchine virtuali e supporto di nuovi dispositivi... 3 Compatibilità con le versioni precedenti di VMware Tools e Virtual Hardware Gestione e ottimizzazione SSD migliorate Nuova interfaccia CLI Nuovo comando "esxcli" Output del comando "esxcli" formattato Autenticazione del comando "esxcli"... 5 Utilizzo di altri comandi con "esxcli" Comando "localcli" Firewall ESXi GUI del firewall VMware ESXi Interfaccia CLI del firewall VMware ESXi....7 Interfaccia di terze parti....7 Image Builder Formato del packaging VIB....7 Profili immagine e archivi Image Builder Interfaccia PowerCLI di Image Builder Server Auto Deploy... 9 Funzionamento di Auto Deploy Motore delle regole di Auto Deploy Vantaggi di Auto Deploy Auto Deploy e Host Profiles vcenter Update Manager Integrazione migliorata con i cluster vsphere Servizio di download di Update Manager (UMDS) migliorato Miglioramenti dell'interfaccia utente di Update Manager Supporto degli aggiornamenti da VMware ESX/ESXi 4.x a VMware ESXi Aggiornamento di VMware Tools migliorato Conclusione WHITE PAPER TECNICO / 2

3 Introduzione VMware vsphere 5.0 ("vsphere") introduce numerosi miglioramenti e nuove funzionalità per ampliare le funzionalità e i vantaggi offerti da vsphere 4.1. Queste novità si basano sulle funzionalità principali di vsphere per fornire scalabilità migliorata, prestazioni superiori e maggiore facilità di provisioning, monitoraggio e risoluzione dei problemi. Nel presente documento vengono descritti i miglioramenti e le nuove funzionalità: Miglioramenti delle macchine virtuali Gestione e ottimizzazione SSD migliorate Miglioramenti della riga di comando Firewall VMware ESXi vsphere Image Builder Server vsphere Auto Deploy vsphere Host Profiles VMware vcenter Update Manager Miglioramenti delle macchine virtuali vsphere 5.0 consente di compiere un grande passo in avanti nelle aree della scalabilità e delle prestazioni delle macchine virtuali. Offre supporto di macchine virtuali di dimensioni notevolmente maggiori e di nuovi dispositivi e compatibilità migliorata con le macchine virtuali eseguite su versioni precedenti di VMware Tools e Virtual Hardware. Scalabilità delle macchine virtuali e supporto di nuovi dispositivi In vsphere 5.0 è ora possibile gestire su una macchina virtuale praticamente qualsiasi carico di lavoro. Oltre al supporto di macchine virtuali di dimensioni maggiori, ora ogni macchina virtuale supporta funzionalità e dispositivi aggiuntivi precedentemente non disponibili, tra cui: Fino a 32 CPU virtuali (vcpu) e fino a 1 TB di RAM Funzionalità grafiche migliorate, incluso il supporto di grafica 3D che offre agli utenti desktop un'esperienza ricca di funzionalità Copertura più ampia dei dispositivi, incluso il supporto di dispositivi 3.0 USB, lettori di smart card e EFI BIOS Supporto di una nuova interfaccia utente per la configurazione di vcpu multicore Supporto di nuovi sistemi operativi guest incluso Mac OS X Server v10.6 ("Snow Leopard") Compatibilità con le versioni precedenti di VMware Tools e Virtual Hardware Oltre ad offrire miglioramenti della scalabilità e il supporto di nuovi dispositivi, vsphere 5.0 continua a supportare l'hosting di macchine virtuali con versioni precedenti di VMware Tools e di Virtual Hardware. Grazie a questo supporto non è necessario aggiornare tutte le macchine virtuali quando si passa a vsphere 5.0. È possibile continuare a eseguire le macchine virtuali con la versione 4.x di VMware Tools e le versioni 4 e 7 dell'hardware virtuale in una configurazione completamente supportata. Tuttavia, è necessario aggiornare la versione di VMware Tools e Virtual Hardware per poter trarre vantaggio dai miglioramenti e dalle nuove funzionalità di vsphere 5.0. WHITE PAPER TECNICO / 3

4 VERSIONE VSPHERE 4.X VSPHERE 5.0 VMware Tools 4.x Sì Sì VMware Tools 5.0 Sì Sì VMFS-3 Sì Sì VMFS-5 No Sì Virtual Hardware 1 3, 4, 7 4, 7, 8 Tabella 1. Compatibilità con vsphere 4.x e vsphere 5.0 Gestione e ottimizzazione SSD migliorate vsphere 5.0 fornisce nuove forme di gestione e ottimizzazione SSD. VMkernel riconosce automaticamente e contrassegna con tag i dispositivi SSD locali di un host ESXi o di rete. Inoltre, l'utilità di pianificazione VMkernel è stata modificata per consentire l'estensione dello swap ESXi a dispositivi SSD locali o di rete, permettendo l'overcommit di memoria e riducendo l'impatto sulle prestazioni. Nuova interfaccia CLI vsphere 5.0 introduce una nuova interfaccia CLI. La necessità di utilizzare diversi strumenti per la riga di comando, ognuno con una sintassi specifica, ha costituito a lungo un notevole problema per gli amministratori di vsphere. Inoltre, erano richiesti comandi diversi per gestire un host localmente e in remoto. vsphere 5.0 segna l'inizio dell'impegno di standardizzazione di VMware per fornire una singola interfaccia CLI sia per l'amministrazione locale che remota e contribuire a ridurre il numero complessivo di strumenti per l'interfaccia CLI. Nuovo comando "esxcli" Il nuovo comando "esxcli" fornisce un'interfaccia intuitiva che consente l'individuazione automatica in tempo reale della sintassi del comando. Sebbene abbia un aspetto simile al suo predecessore in vsphere 4.x, il nuovo comando "esxcli" ha una sintassi migliorata ed è stato esteso per includere funzionalità aggiuntive precedentemente non disponibili, tra cui la capacità di configurare le policy di rete e di sicurezza, gestire VIB e configurare e gestire il firewall VMware ESXi. Il comando "esxcli" è disponibile su tutti gli host VMware ESXi tramite la shell di VMware ESXi. È disponibile anche come parte del pacchetto vcli opzionale che può essere installato su qualsiasi server Windows o Linux supportato, oppure tramite vsphere Management Assistant (vma). Struttura dei comandi esxcli esxcli opzioni di connessione spazio dei nomi [<spazio dei nomi>] cmd [<opzioni comando>] Comandi di esempio: # esxcli--server storage filesystem list # esxcli--server vihost esx01 network ip interface list Figura 1. Comando "esxcli" 1. VMware ESXi 5.0 supporta l'aggiornamento di Virtual Hardware versione 3 e successive WHITE PAPER TECNICO / 4

5 Output del comando "esxcli" formattato Oltre a fornire un aspetto coerente sia per l'amministrazione CLI locale che remota, il nuovo comando "esxcli" offre la possibilità di formattare l'output del comando. Utilizzando l'opzione "--formatter", gli amministratori possono scegliere di formattare l'output del comando come XML, coppia chiave-valore o elenco di valori separati da virgola. Il formattatore "esxcli" migliora la capacità dell'utente di analizzare l'output del comando, semplificando lo scripting e migliorando la generazione di report. Opzione del formattatore esxcli # esxcli--formatter=csv --format-param=fields= Name,Mac Address,Enabled network ip interface list Name,MACAddress,Enabled vmk0,00:1a:64:d0:bf:00,true, vmk1,00:50:56:71:38:bc,true, vmk2,00:50:56:79:70:28,true, vmk3,00:50:56:71:d0:fe,true, Figura 2. Opzione del formattatore "esxcli" Autenticazione del comando "esxcli" È necessario eseguire l'autenticazione ogni volta che si esegue un comando "esxcli". Gli utenti possono scegliere di eseguire l'autenticazione per un singolo host VMware ESX o un vcenter Server. vsphere 5.0 fornisce le seguenti opzioni per la gestione dell'autenticazione degli utenti: Se è stato effettuato l'accesso localmente tramite la shell di VMware ESXi, il comando "esxcli" utilizzerà le credenziali dell'utente collegato. Se vengono eseguiti comandi in remoto, è possibile specificare le credenziali nel comando stesso. È possibile salvare le credenziali dell'utente in un "file di sessione" e specificare il nome del file di sessione come parametro della riga di comando. Se i comandi vengono eseguiti in remoto da un server Windows, è possibile configurare l'autenticazione " PassThroughAuth" di Windows. Se si utilizza vma, è possibile utilizzare l'autenticazione "fast pass". Quando si lavora in remoto, se con il comando "esxcli" non vengono fornite le credenziali di autenticazione, verrà richiesto di specificare nome utente e password. Utilizzo di altri comandi con "esxcli" In vsphere 5.0, il nuovo comando "esxcli" sostituisce gli impopolari comandi di tipo "esxcfg-*. Tuttavia, non fornisce ancora una serie completa di funzionalità della riga di comando. Il comando "esxcli" continuerà ad essere migliorato nelle versioni future, fino a sostituire completamente i comandi non "esxcli". Fino ad allora, il comando "esxcli" sarà utilizzato insieme ai comandi "vicfg-" e ad altri strumenti CLI noti, quali "vmware-cmd" e "vmkfstools", per risolvere i problemi e amministrare gli host VMware ESXi. Naturalmente, è anche possibile continuare a utilizzare vsphere PowerCLI. Comando "localcli" Oltre al nuovo comando "esxcli", è stato aggiunto un nuovo comando "localcli" in vsphere 5.0. Il comando "localcli" è pressoché identico al comando "esxcli", con l'unica eccezione che evita il processo "hostd" locale sul server. Il comando "localcli" è destinato all'uso nelle situazioni in cui il daemon "hostd" dell'host VMware ESXi non funziona. Si consiglia di non utilizzare il comando "localcli" senza la direzione dei servizi globali VMware, poiché potrebbe causare instabilità dell'host. WHITE PAPER TECNICO / 5

6 Firewall ESXi vsphere 5.0 fornisce ora un nuovo firewall che protegge l'interfaccia di gestione di un host ESXi. Questo firewall offre funzionalità di controllo dell'accesso per la piattaforma VMware ESXi simili a quelle disponibili sulla piattaforma VMware ESX. Tuttavia, la tecnologia utilizzata per sviluppare questo firewall è diversa dalle tabelle IP eseguite su un sistema operativo console nell'ambiente VMware ESX. In VMware ESXi, la funzionalità di controllo dell'accesso viene fornita tramite un modulo firewall di livello vmknic (adattatore di rete VMkernel). Questo modulo viene inserito tra un vmknic e un switch virtuale e controlla che i pacchetti siano conformi alle regole firewall. In base al risultato, determina se bloccare o lasciar passare i pacchetti. Di seguito sono riportate le funzionalità principali del nuovo firewall: Si tratta di un firewall stateless orientato al servizio. Supporta funzionalità aggiuntive per limitare l'accesso a servizi specifici in base all'indirizzo IP e alla subnet mask. La GUI di configurazione è simile al firewall VMware ESX. Il firewall può essere configurato utilizzando la nuova interfaccia CLI "esxcli". Per il firewall viene fornito il supporto di Host Profiles. Il firewall VMware ESXi garantisce la sicurezza dell'interfaccia di gestione e semplifica la gestione delle regole firewall tramite una GUI familiare orientata ai servizi. Questa GUI, insieme alla capacità di conservare le impostazioni del firewall, costituisce un aiuto estremamente valido durante la transizione dalla piattaforma VMware ESX a VMware ESXi. Nella sezione seguente vengono fornite informazioni tecniche dettagliate sulla GUI del firewall, sulla CLI e sull'interfaccia di terze parti che consentono agli amministratori di comprendere più facilmente i meccanismi di gestione delle regole firewall e il processo di configurazione. GUI del firewall VMware ESXi Come il firewall VMware ESX, il firewall VMware ESXi può essere gestito dalla visualizzazione host e cluster del client vsphere. Dopo aver selezionato l'host e la scheda di configurazione, l'amministratore di VI può verificare diversi servizi e le impostazioni del firewall dal profilo di sicurezza. La figura 3 mostra la schermata del profilo di sicurezza di un host, con i dettagli sui servizi e sulle regole firewall disponibili. Gli amministratori possono avviare o arrestare ognuno di questi servizi, oltre a concedervi l'accesso tramite i parametri del firewall. Figura 3. Schermata di Security Profile (Profilo di sicurezza) WHITE PAPER TECNICO / 6

7 Interfaccia CLI del firewall VMware ESXi Per i comandi di configurazione del firewall viene fornito uno spazio separato dei nomi firewall, come mostrato nella figura 4. esxcli rete firewall ruleset allowedip get set refresh load unload list set add list remove rule list Figura 4. Struttura dei comandi firewall "esxcli" Il comando "get" (esxcli network firewall get) può essere utilizzato per raccogliere le informazioni sulle impostazioni correnti del firewall. Il comando "set" (esxcli network firewall set) consente agli utenti di configurare le regole firewall. Gli amministratori possono utilizzare questa opzione dell'interfaccia CLI semplice e intuitiva per gestire le regole firewall. Interfaccia di terze parti Gli amministratori che desiderano definire nuovi servizi firewall possono farlo utilizzando file di descrizione xml. Una volta creato un file xml con un nuovo servizio e una regola firewall in /etc/vmware/cartella del firewall, gli amministratori possono eseguire il comando refresh "esxcli" per caricare il nuovo servizio e la configurazione del firewall. Ciò garantisce la sicurezza e fornisce agli amministratori di VI la possibilità di creare nuovi servizi e le relative regole firewall in fase di runtime. Image Builder vsphere 5.0 introduce VMware ESXi Image Builder. Image Builder è un set di comandi dell'interfaccia CLI PowerShell che consente ai clienti di personalizzare le immagini VMware ESXi. Con Image Builder, è possibile creare immagini di installazione VMware ESXi con un set personalizzato di aggiornamenti, patch e driver. Formato del packaging VIB L'immagine di installazione VMware ESXi comprende una serie di componenti software in pacchetti separati detti VIB (VMware Installation Bundle). Quando viene installato un host VMware ESXi, il programma di installazione formatta l'unità di avvio ed estrae i VIB dal supporto di installazione all'unità di avvio (oppure direttamente nella memoria con Auto Deploy). Una volta estratti i VIB, l'host viene avviato e l'hypervisor viene caricato. Nelle versioni precedenti di VMware ESXi nasceva un problema ogni volta che un amministratore doveva aggiungere o modificare uno dei componenti dei VIB, ad esempio per aggiungere nuovi driver per un nuovo adattatore di rete. vsphere 5.0 pone fine a questo inconveniente fornendo agli utenti Image Builder, che consente di personalizzare le immagini di installazione di VMware ESXi. WHITE PAPER TECNICO / 7

8 Novità di VMware vsphere Piattaforma Profili immagine e archivi Image Builder Utilizzando Image Builder, i clienti inseriscono i VIB VMware ESXi negli archivi software. L'amministratore utilizza quindi l'interfaccia PowerCLI di Image Builder per riunire i VIB provenienti da archivi separati con l'immagine di installazione VMware ESXi predefinita, per creare un profilo immagine personalizzato che può essere utilizzato per installare gli host VMware ESXi. È possibile utilizzare più archivi e profili immagine. Ad esempio, è possibile creare un profilo immagine separato per l'installazione di VMware ESXi su server su rack, mentre un altro profilo immagine viene utilizzato per l'installazione di VMware ESXi su server blade. Archivi Profilo immagine Generazione di una nuova immagine Host Windows con PowerCLI e snap-in Image Builder VIB ESXI VIB driver Image Builder Immagine ISO Immagine avviabile PXE VIB OEM Figura 5. Image Builder Interfaccia PowerCLI di Image Builder Image Builder utilizza un'interfaccia PowerCLI per definire e gestire gli archivi e creare i profili immagine. Oltre a identificare i VIB che costituiscono il profilo immagine, Image Builder consente anche di definire relazioni tra i vari componenti VIB, garantendo il rispetto delle dipendenze e l'installazione dei componenti nell'ordine desiderato. Lo snap-in dell'interfaccia PowerCLI di Image Builder è incluso in PowerCLI. Comandi PowerCLI di Image Builder PowerCLI C:\> Connect-VIServer PowerCLI C:\> Get-EsxImageProfile MyProfile format -list PowerCLI C:\> Add-EsxSoftwarePackage --ImageProfile MyProfile --SoftwarePackage newpackage PowerCLI C:\> Export-EsxImageProfile --ImageProfile MyProfile --ExportToBundle --FilePath C:\ESXiImages Figura 6. Comandi PowerCLI di Image Builder WH ITE PAPE R TECN I CO / 8

9 Server Auto Deploy Il server vsphere Auto Deploy semplifica la distribuzione degli host VMware ESXi nell'ambiente in uso. Utilizzando il server Auto Deploy, è possibile eseguire il provisioning del software VMware ESXi su centinaia di host fisici. È possibile specificare l'immagine da distribuire e l'host per cui eseguire il provisioning dell'immagine. Inoltre, se necessario, è possibile specificare Host Profiles da applicare all'host e un'ubicazione per ogni host. Funzionamento di Auto Deploy Quando viene attivata la configurazione di un host fisico per Auto Deploy, Auto Deploy utilizza l'infrastruttura di avvio PXE insieme a vsphere Host Profiles per eseguire il provisioning e la personalizzazione dell'host. Nessuna informazione sullo stato viene memorizzata sull'host stesso, ma è il server Auto Deploy che gestisce le informazioni sullo stato per ogni host. Quando un host fisico viene avviato, ne viene eseguito l'avvio PXE sulla rete dove un server DHCP assegna un indirizzo IP e reindirizza l'host a un server TFTP che ordina all'host di eseguire un avvio HTTP dal server Auto Deploy. Quindi, il server Auto Deploy invia l'immagine software VMware ESXi alla memoria dell'host di destinazione. Una volta che l'intera immagine risiede nella memoria, VMware ESXi viene avviato e contatta VMware vcenter Server, dove Host Profiles può essere utilizzato per configurare automaticamente l'host. Una volta configurato, l'host viene inserito nella cartella o nel cluster VMware vcenter appropriato ed è disponibile per ospitare macchine virtuali. Image Builder Auto Deploy vcenter Server Profilo immagine Profilo host Motore delle regole VIB ESXI VIB driver "Intermediario" Immagine gpxe TFTP Richiesta DHCP DHCP VIB OEM Figura 7. Architettura di Auto Deploy Motore delle regole di Auto Deploy Il server Auto Deploy utilizza un motore delle regole per identificare l'immagine e l'host Profile da distribuire su un host specifico. Gli amministratori utilizzano l'interfaccia PowerCLI Auto Deploy per definire le regole per l'assegnazione di profili immagine e Host Profiles agli host. WHITE PAPER TECNICO / 9

10 Comandi PowerCLI di Auto Deploy PowerCLI C:\> Connect-VIServer PowerCLI C:\> Add-EsxSoftwareDepot C:\ESXiImages\ESXi-Image1.zip PowerCLI C:\> New-DeployRule --Name Host-Group1 --Item Image1-Profile --Pattern ipv PowerCLI C:\> Add-DeployRUle Host-Group1 Figura 8. Comandi PowerCLI di Auto Deploy Nell'ambito della richiesta di avvio HTTP, l'host VMware ESXi fornisce al server Auto Deploy le informazioni sul server, inclusi il tipo di hardware (marca/modello) e la relativa configurazione TCP/IP. Il motore delle regole del server Auto Deploy confronta queste informazioni con le regole predefinite per identificare l'immagine e gli Host Profiles corretti per l'host. Con Auto Deploy, è possibile utilizzare più set di regole per gestire diversi tipi di hardware dei server nell'ambiente in uso. Ad ogni avvio del server, il motore delle regole garantirà la distribuzione dell'immagine appropriata in base alle caratteristiche hardware del server. Vantaggi di Auto Deploy Il server Auto Deploy offre numerosi vantaggi: Separa l'host VMware ESXi dal server fisico ed elimina il disco di avvio Poiché l'immagine host viene caricata in rete direttamente nella memoria host, non è più richiesta un'unità di avvio dedicata per ogni host. In un ambiente con centinaia di host, ciò consente una notevole riduzione dello spazio richiesto su disco e il miglioramento dell'affidabilità del sistema grazie all'eliminazione della rotazione dei supporti. Facilita la distribuzione e la ridistribuzione di un numero elevato di host VMware ESXi Auto Deploy fornisce una struttura di distribuzione flessibile che può essere utilizzata per installare un numero qualsiasi di host. Facilita il ripristino degli host VMware ESXi Poiché l'immagine host VMware ESXi è separata dal server fisico, anche il ripristino degli host VMware ESXi risulta più semplice. In caso di guasti hardware, è sufficiente avviare l'immagine host da un nuovo server. Elimina l'alterazione della configurazione La distribuzione e la configurazione degli host VMware ESXi vengono eseguite da Auto Deploy direttamente con Image Builder e Host Profiles. Ogni avvio dell'host rappresenta un'installazione completamente nuova. Semplifica l'installazione di patch e aggiornamenti Con Auto Deploy, per applicare le patch è sufficiente aggiornare semplicemente l'immagine Host Profile con Image Builder e riavviare l'host VMware ESXi. WHITE PAPER TECNICO / 10

11 Auto Deploy e Host Profiles Il server Auto Deploy utilizza Host Profiles per configurare gli host VMware ESXi una volta installati e avviati. Per rispondere alle esigenze di configurazione degli host VMware ESXi distribuiti con Auto Deploy sono stati apportati notevoli miglioramenti a Host Profiles in vsphere 5.0. Innanzitutto, Host Profiles è stato esteso per includere ulteriori impostazioni di configurazione non incluse nelle versioni precedenti, ad esempio il supporto di iscsi, FCoE, multipathing di storage, impostazioni di singoli dispositivi e impostazioni del modulo kernel. Inoltre, per gli attributi di configurazione specifici di un host, Host Profiles consente ora di creare file delle risposte per singoli host. Il file delle risposte viene utilizzato per memorizzare gli attributi specifici di un host non condivisi con gli altri host. Ciò facilita la distribuzione automatica degli host con Auto Deploy, poiché le impostazioni specifiche di un host possono essere applicate utilizzando il file delle risposte e la configurazione condivisa restante può essere quindi applicata utilizzando Host Profiles. vcenter Update Manager vcenter Update Manager è stato ulteriormente ottimizzato in vsphere 5.0. Integrazione migliorata con i cluster vsphere La nuova versione di Update Manager include una migliore integrazione con i cluster vsphere. Update Manager ora esegue il monitoraggio della capacità disponibile del cluster e utilizza le informazioni sulla capacità di riserva per ottimizzare il numero di host su cui è possibile applicare patch contemporaneamente. Ciò consente il patching ottimale dei cluster, senza alcun rischio di downtime delle macchine virtuali. Nei casi in cui le finestre di manutenzione sono limitate e il downtime delle macchine virtuali non è critico, Update Manager ora è in grado di applicare patch a un intero cluster con un'unica operazione, consentendo il patching rapido e simultaneo di tutti gli host di un cluster. Servizio di download di Update Manager (UMDS) migliorato Update Manager 5.0 fornisce anche maggiore flessibilità di configurazione del servizio di download di Update Manager (UMDS). Ora gli utenti possono definire più URL da cui l'host può scaricare gli aggiornamenti. Inoltre, gli amministratori ora possono filtrare gli aggiornamenti scaricati in modo da includere solo le patch o gli aggiornamenti applicabili al proprio ambiente. Miglioramenti dell'interfaccia utente di Update Manager L'utility Update Manager è stata aggiornata in modo da semplificare l'aggiornamento e la gestione della configurazione dell'utility stessa. Con la nuova utility Update Manager, gli utenti possono ora modificare la password del database Update Manager, configurare l'autenticazione proxy e gestire i certificati SSL. Supporto degli aggiornamenti da VMware ESX/ESXi 4.x a VMware ESXi 5.0 Update Manager 5.0 fornisce anche il supporto dell'aggiornamento degli host VMware ESX/ESXi 4.x a VMware ESXi 5.0. Gli amministratori possono utilizzare Update Manager per accelerare la migrazione degli host VMware ESX/ESXi 4.x esistenti a VMware ESXi 5.0, inclusa la migrazione di componenti di terze parti, quali Cisco Nexus 1000V e EMC PowerPath. Aggiornamento di VMware Tools migliorato Oltre a facilitare l'aggiornamento degli host VMware ESX/ESXi, Update Manager semplifica anche l'aggiornamento di VMware Tools all'interno delle macchine virtuali, consentendo di pianificare in anticipo l'aggiornamento e di eseguirlo alla data/ora stabilita senza che sia richiesta la presenza dell'amministratore. WHITE PAPER TECNICO / 11

12 Conclusione vsphere 5.0 perfeziona l'ampia gamma di funzionalità fornita in vsphere 4.1. vsphere 5.0 supporta macchine virtuali con massimo 32 vcpu e 1 TB di RAM rendendo possibile la virtualizzazione anche dei carichi di lavoro più complessi. Oltre a supportare macchine virtuali di dimensioni straordinarie, vsphere 5.0 estende ulteriormente le funzionalità delle macchine virtuali in modo da includere il supporto della grafica 3D, dei dispositivi USB 3.0 e dei lettori di smart card. vsphere 5.0 offre una nuova interfaccia CLI migliorata che per la prima volta fornisce una struttura di comandi coerente sia per la gestione locale che remota degli host VMware ESXi. Il nuovo firewall basato sui servizi migliora la sicurezza dell'host VMware ESXi ed offre una maggiore facilità d'uso. La nuova versione di Image Builder semplifica definitivamente la personalizzazione delle immagini di installazione di VMware ESXi, fornendo uno snap-in dell'interfaccia PowerCLI che consente agli amministratori di creare e utilizzare immagini di installazione personalizzate. Il server Auto Deploy semplifica la distribuzione e la configurazione di un numero elevato di host VMware ESXi sfruttando l'infrastruttura di avvio di rete basata su PXE per la distribuzione in tempo reale di VMware ESXi. Per rendere disponibile il supporto di Auto Deploy, vcenter Host Profiles è stato aggiornato in modo da includere ulteriori parametri di configurazione, quali iscsi, FCoE, multipathing e impostazioni a livello di kernel. Inoltre, Host Profiles ora include il supporto di file delle risposte per ogni host, che possono essere utilizzati insieme a Auto Deploy per applicare le impostazioni specifiche di un host. Infine, anche vsphere 5.0 Update Manager include numerosi miglioramenti per potenziare le funzionalità di aggiornamento, patching e manutenzione degli host e di aggiornamento dell'hardware delle macchine virtuali e di VMware Tools all'interno delle macchine virtuali. VMware, Inc Hillview Avenue Palo Alto CA USA Tel Fax VMware Inc. - Via Spadolini, 5 - Edificio A Milano - Tel. (+39) (+39) Fax: (+39) Copyright 2011 VMware, Inc. Tutti i diritti sono riservati. Questo prodotto è protetto dalle leggi sul copyright vigenti negli Stati Uniti e in altri Paesi e da altre leggi sulla proprietà intellettuale. I prodotti VMware sono coperti da uno o più brevetti, come indicato nella pagina VMware è un marchio registrato o un marchio di VMware Inc. negli Stati Uniti e/o in altre giurisdizioni. Tutti gli altri marchi e nomi menzionati possono essere marchi delle rispettive società. Cod. articolo: VMW-TWP-VSPHERE5-0-WHATSNEW-PLATFORM-A4-101-WEB

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Per iniziare con Parallels Desktop 9

Per iniziare con Parallels Desktop 9 Per iniziare con Parallels Desktop 9 Copyright 1999-2013 Parallels Holdings, Ltd. and its affiliates. All rights reserved. Parallels IP Holdings GmbH. Vordergasse 59 CH8200 Schaffhausen Switzerland Tel:

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Guida dell'utente di Norton Save and Restore

Guida dell'utente di Norton Save and Restore Guida dell'utente Guida dell'utente di Norton Save and Restore Il software descritto in questo manuale viene fornito con contratto di licenza e può essere utilizzato solo in conformità con i termini del

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc.

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc. Copyright Acronis, Inc., 2000-2011.Tutti i diritti riservati. Acronis e Acronis Secure Zone sono marchi registrati di Acronis, Inc. Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright Parallels Holdings, Ltd. c/o Parallels International GMbH Vordergasse 59 CH-Schaffhausen Svizzera Telefono: +41-526320-411 Fax+41-52672-2010 Copyright 1999-2011

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

CA Business Intelligence

CA Business Intelligence CA Business Intelligence Guida all'implementazione Versione 03.2.00 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence Versione del documento: 4.1 Support Package 3-2014-03-25 Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Sommario 1 Cronologia

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Il software descritto nel presente

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

ReadyNAS per reti domestiche

ReadyNAS per reti domestiche ReadyNAS per reti domestiche Manuale del software Modelli: Serie Ultra (2, 4, 6) Serie Ultra Plus (2, 4, 6) Pro Pioneer NVX Pioneer 350 East Plumeria Drive San Jose, CA 95134 USA Dicembre 2010 202-10764-01

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli