I BORGHI DI ECCELLENZA identità locali, cultura e tradizioni popolari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I BORGHI DI ECCELLENZA identità locali, cultura e tradizioni popolari"

Transcript

1 PROGETTI DI ECCELLENZA Schema di domanda per la presentazione delle iniziative progettuali come da Protocollo di intesa del 24 giugno 2010 I BORGHI DI ECCELLENZA identità locali, cultura e tradizioni popolari

2 SEZIONE 1. SCHEDA ANAGRAFICA DELL INTERVENTO 1.1 Titolo dell iniziativa I BORGHI DI ECCELLENZA identità locali, cultura e tradizioni popolari 1.2 Soggetti presentatori Regione Autonoma della Sardegna Referente: Dott. Paolo Carlo Sau Telefono: Fax: Altri Partner associati pubblici o privati: Enti locali territoriali (Comuni) e operatori turistici esercenti nei territori dei predetti Enti Ente/società Regione Molise - Ufficio Promozione Turistica Referente: Dott.ssa Maria Ivana Cima Telefono: Fax: e.mail: Ente/società Regione Liguria - Dipartimento Agricoltura, Turismo e Cultura - Settore Politiche turistiche Referente: Dott.ssa Antonella Grassi Telefono: Fax: e.mail: Multiregionale 1.3 Tempi di realizzazione del progetto Data inizio Data fine Durata in mesi mesi X 1.4 Ambito territoriale di riferimento Regionale X Le Regioni. partecipanti a progetti di eccellenza consimili inseriscono, nell ambito del progetto ritenuto più idoneo, la linea di intervento comune denominata Creare sinergie interregionali Regione X:. 1.5 Settori specifici di intervento turismo congressuale e fieristico X turismo e natura turismo religioso, valorizzando in particolare le radici storiche e cristiane; turismo sociale con particolare riferimento ai circuiti di turismo accessibile o sociale, comprendenti località di mare, montagna e laghi; X turismo culturale, città d'arte e patrimonio diffuso, valorizzando il patrimonio artistico e storico del

3 paese attraverso nuovi itinerari che tocchino località che non hanno ancora conosciuto uno sviluppo maturo del turismo culturale; turismo balneare e montano, nonché di laghi e fiumi con particolare riferimento alle realtà minori; turismo della salute e benessere sviluppo di servizi turistici nel Mezzogiorno e nelle aree depresse o colpite da eventi calamitosi; X sviluppo del potenziale turistico ancora parzialmente inespresso, con particolare riferimento all'offerta di itinerari di turismo enogastronomico, turismo sportivo e golf, turismo legato allo shopping ed al lusso delle grandi città, turismo giovanile, turismo delle famiglie; realizzazione di nuovi porti turistici e progetti di servizio alle strutture turistiche portuali; realizzazione di circuiti ed itinerari di offerta turistica alla quale possono accedere anche turisti con il proprio animale domestico al seguito

4 1.6 Criteri di eccellenza X carattere e qualità dei processi innovativi dell'offerta turistica, con particolare riferimento alle metodologie di progettazione e attuazione; X ambito interregionale della proposta progettuale; X sostenibilità ambientale e capacità di impatto sociale degli interventi; X capacità di utilizzare le nuove tecnologie; X impatto sull'attrazione dei flussi turistici dall'estero, in particolare dai nuovi mercati di provenienza della domanda turistica, e sulla destagionalizzazione; stretta interrelazione geografica e funzionale con reti infrastrutturali e di trasporto; X nel caso di progetti che non esauriscano la loro finalità in un'unica soluzione, la capacità di prosecuzione in autofinanziamento dell'iniziativa al termine del periodo assistito da contributo statale; X progetti a valenza pluriennale; 1.7 Tipologie di intervento X realizzazione di opere strutturali e infrastrutturali (per gli interventi infrastrutturali specificare il livello di progettazione esistente: preliminare - definitivo esecutivo) X creazione di servizi X realizzazione di strutture - riqualificazione di quelle esistenti - acquisizione di impianti, attrezzature, arredi per l'erogazione di servizi turistici X attività di commercializzazione e di promozione integrata X sviluppo e promozione attraverso le nuove tecnologie X adeguamento e sviluppo degli standard qualitativi, organizzativi, gestionali e commerciali X interventi di qualificazione e riqualificazione delle risorse professionali 1.8 Sintesi dell intervento I borghi ed i centri storici rappresentano da sempre il tratto distintivo del turismo italiano; ma di questo non vi è sempre stata consapevolezza. Infatti, soltanto negli ultimi anni ha iniziato ad essere riconosciuta l importanza attribuita ai borghi, quale fenomeno turistico. Sono diverse le ricerche e gli studi condotti da importanti enti, istituti, fondazioni nazionali che testimoniano il ruolo dei borghi, accostandoli sempre di più ad un prodotto specifico meritevole di attenzione.

5 Ciò nonostante il prodotto turistico borghi appare di difficile valorizzazione, a causa di misure inadeguate e approcci metodologici non sempre coerenti e strumenti di marketing insufficienti rispetto alla valorizzazione e alla promozione turistica di questa particolare tipologia di offerta turistica italiana. I borghi possono concretamente rappresentare un interessante opportunità di valorizzazione turistica dei territori in cui sono localizzati. Se opportunamente organizzati e strutturati a sistema/rete, per essere a tutti gli effetti un prodotto autonomo, più autentico e reale, ovvero resi accessibili, fruibili e ospitali a turisti e visitatori possono trasformarsi in reali mete turistiche e diventare attrattive forme di turismo. Pensare turisticamente ai borghi come prodotti turistici, significa che questi potranno soddisfare esigenze e bisogni, più o meno palesati, di differenti categorie di visitatori e turisti, verosimilmente interessati a luoghi autentici, identitari e di scoperta ed attratti, nelle loro esperienze di viaggio, dalla dimensione antropologica, sociale, storica, culturale e tradizionale. Partendo dall esperienza del progetto interregionale Ospitalità nei Borghi - Itinerari turistici culturali nei centri storici minori, poi evoluto e rafforzato nel progetto Itinerari culturali e tematici nei borghi storici italiani, le Regioni Sardegna, Molise e Liguria, intendono concretamente sviluppare, valorizzare e promuovere il turismo nei propri borghi e centri storici, quali tratti distintivi dell identità regionale e nazionale. In particolare, il progetto denominato I borghi di eccellenza è finalizzato al miglioramento ed al potenziamento della qualità turistica del tessuto urbano, sociale, storico, culturale ed economico di un campione rappresentativo di borghi delle diverse regioni coinvolte. Per quanto riguarda la Regione Sardegna il campione è stato così individuato: 6 comuni Bandiera Arancione (Aggius, Galtelli, Gavoi, Laconi, Oliena e Sardara), uno dei comuni maggiormente rappresentativi del club I borghi più belli di Italia (Castelsardo) ed il Borgo di Sant Elia (Cagliari). Per quanto riguarda la Regione Molise il campione è stato così individuato: 4 piccoli comuni che hanno ottenuto importanti marchi di qualità (Agnone, Frosolone Bandiera arancione, Oratino I Borghi più belli d Italia e Scapoli), più eventuali altri comuni. Per quanto riguarda al Regione Liguria il campione verrà individuato all interno un cluster molto rappresentativo di borghi e di centri storici dei Comuni Bandiera Arancione e dei Comuni I Borghi più belli d Italia. Il progetto, pertanto, si rivolge ai suddetti comuni, che hanno intrapreso volontariamente un concreto percorso di valorizzazione turistica che li ha portati a conseguire importanti riconoscimenti, di fatto, premiando e qualificando tali scelte di sviluppo turistico. Uno dei presupposti per realizzare questo tipo di progetto è costituito dall individuazione di differenti tipologie di interventi materiali ed immateriali, che dovranno necessariamente attuarsi attraverso il pieno coinvolgimento dei suddetti comuni. In particolare, l attenzione sarà focalizzata su un modello di intervento che ha, nei principi del turismo sostenibile, gli elementi di base per la formulazione di una governance turistica da cui perverrà la condivisione degli interventi e delle attività da realizzare. Obiettivo finale è la diffusione del turismo di qualità, attraverso la realizzazione di una serie di interventi che consentano il miglioramento complessivo dell offerta turistica dei suddetti comuni e la definizione di un prodotto autonomo e autentico frutto di una governance efficace a fini dello sviluppo di un turismo identitario, coerente con le azioni della Programmazione Regionale. Si tratta, nello specifico, di un progetto da svilupparsi necessariamente secondo un percorso di progettazione integrata, incentrato su un idea di fondo: la valorizzazione turistica dei borghi che costituiscono il tratto forte e identitario delle regioni aderenti al progetto di eccellenza che vengono solitamente individuati come di interesse minore, rispetto alle grandi città d arte, ma che tuttavia (possono) rappresentare la possibilità di innescare intorno alle loro attrattive dei processi di crescita e di sviluppo sociale, economico e turistico. Il tema del progetto, articolato in più fasi, ed attualmente con un buon grado di attuazione, fa riferimento ad un cluster molto significativo (Comuni Bandiera Arancione e Comune maggiormente rappresentativo I Borghi più belli d Italia, Comuni che hanno ottenuto altri importanti marchi di qualità), coerente con gli indirizzi di valorizzazione turistica del Mezzogiorno

6 (provenienti dalla programmazione nazionale ), che è quello delle Identità locali, cultura e tradizione popolari, meritevole di ulteriore sviluppo. Il tema individuato favorisce inoltre la connessione tra aree ambientali, siti archeologici, piccoli centri, aree urbane, aree rurali, aree costiere e interne. Vi è quindi la concreta possibilità di realizzare una rete di comuni che unisce idealmente alcuni dei territori più nascosti, addentrandosi tra le peculiarità e realtà tipiche spesso sconosciute agli occhi dei viaggiatori/turisti: territorio incontaminato, distese verdi ricche di foreste, sistemi naturalistici, monumenti naturali, montagne,paesaggio costiero, laghi, fiumi, panorami unici, cultura, archeologia, memoria storica (villaggi, borghi, eredità mineraria, centri storici (anche medioevali), identità, saperi (tradizioni, folklore, etc.), artigianato tipico e artistico, sapori e produzioni enogastronomiche. Il progetto vuole infine intercettare, sul mercato turistico nazionale ed internazionale, quella fascia di turismo, con un trend sempre più in evoluzione, alla ricerca di nuove motivazioni di visite e soggiorno nelle località turistiche anche minori. Una riproposizione del progetto è in grado di promuovere la creazione di reti e circuiti turistici fortemente connotati sotto il profilo tematico - tipologico e di soddisfare gli obiettivi di sostenibilità dell offerta e di destagionalizzazione della domanda.

7 SEZIONE 2. PIANO OPERATIVO 2.1 Descrizione dell intervento Il progetto I borghi di eccellenza prevede la realizzazione delle seguenti macro linee di intervento che potranno essere specificamente declinate dalle singole Regioni partners in relazione alle esigenze del proprio contesto territoriale, economico e sociale di riferimento. Linea di intervento 1: Interventi materiali per la riqualificazione turistica dei borghi e dei loro centri storici Le azioni da realizzare nell ambito di questa linea d intervento sono finalizzate, in linea generale, alla riqualificazione ed al miglioramento estetico e funzionale dei borghi e dei loro centri storici dei comuni campione, così come individuati dalle singole Regioni partners. Le Regioni partners dovranno comunque declinare le singole azioni in base al proprio contesto di riferimento. Le azioni saranno concertate, nel rispetto degli obiettivi sotto elencati, con le singole Amministrazioni comunali coinvolte nel progetto e dettagliate in specifici Protocolli di Intesa da stipularsi con ciascuna Amministrazione. 1.R1 Risultati: miglioramento estetico e funzionale dei borghi e dei loro centri storici aumento della attrattività e dell appeal turistico delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici incremento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici aumento della visibilità e accessibilità dei luoghi di interesse turistico 1.R1.01 Obiettivi: realizzazione di piccoli interventi di riqualificazione, recupero e riuso di strutture pubbliche esistenti realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica riferita sia ai singoli borghi, sia alla rete dei borghi di eccellenza e agli itinerari ad essa collegati realizzazione di interventi di arredo urbano realizzazione di opere di valorizzazione per il miglioramento estetico e funzionale dei centri storici realizzazione di opere di riqualificazione e recupero del tessuto insediativo, sociale ed economico imprenditoriale dei centri storici riqualificazione e recupero di strutture esistenti e di acquisizione di impianti, attrezzature, arredi per l'erogazione di servizi alle attività economiche e imprenditoriali dei centri storici 1.R1.01.A1 Attività: Le singole attività saranno definite nel singoli Protocolli di Intesa da sottoscrivere con le Amministrazioni comunali coinvolte. Linea di intervento 2: Interventi immateriali per la comunicazione e la promozione turistica dei borghi e dei loro centri storici Le azioni da realizzare nell ambito di questa linea d intervento sono finalizzate, in linea generale, al miglioramento della visibilità e della capacità attrattiva dei borghi e dei loro centri storici, quale parte di un sistema più ampio, ovvero di un prodotto autonomo e reale, qual è quello che si intende definire con il presente progetto. In tale ottica saranno approntate azioni promozionali e realizzati idonei strumenti di comunicazione e promozione che favoriscano la conoscenza e la visibilità dei borghi, dei loro centri storici e delle eccellenze turistiche ad essi collegati 1.R2 Risultato: aumento della visibilità e della notorietà dei borghi e dei loro centri storici incremento della percezione dei borghi quale prodotto turistico di eccellenza 1.R2.02 Obiettivo: realizzazione di azioni promozionali e pubblicitarie (partecipazione a fiere e borse nazionali ed internazionali, educational tour e road show itineranti)

8 realizzazione di strumenti promozionali tradizionali e di comunicazione attraverso l utilizzo di nuove tecnologie, con particolare riferimento ai portali turistici regionali 1.R2.02.A1 Attività: programmazione e attuazione di campagne di comunicazione e promozione Linea di intervento 3 - Interventi comuni con le Regioni partners 1.R3 Risultato: Creare sinergie infraregionali 1.R3.03 Obiettivo: disciplinare del marchio I borghi di eccellenza formazione per l accoglienza promozione congiunta 1.R3.03.A3 Attività: costituzione gruppo di lavoro per individuazione standard e criteri di qualità per la definizione dei borghi di eccellenza ed la definizione del modello di adesione seminari in ciascuna regione partners, realizzazione di una guida dell accoglienza azioni dirette a partecipare a fiere, individuazione itinerari come percorsi turistici di eccellenza, sito e materiale pubblicitario Seguono i singoli Piani Operativi delle Regioni partecipanti al progetto I Borghi di eccellenza REGIONE SARDEGNA Linea di intervento 1: Riqualificazione e valorizzazione turistica dei borghi e dei loro centri storici Le azioni da realizzare nell ambito di questa linea d intervento sono finalizzate alla riqualificazione ed al miglioramento estetico e funzionale di 6 comuni Bandiera Arancione (Aggius, Galtelli, Gavoi, Laconi, Sardara, Oliena), di uno dei comuni maggiormente rappresentativi del club I borghi più belli di Italia (Castelsardo) e del Borgo di Sant Elia (Cagliari). Le azioni saranno concertate, nel rispetto degli obiettivi sotto elencati, con le singole Amministrazioni comunali coinvolte e dettagliate in uno specifico Protocollo di Intesa da stipularsi con ciascuna Amministrazione. 1.R1.SAR Risultati: miglioramento estetico e funzionale dei borghi e dei loro centri storici aumento della attrattività e dell appeal turistico delle strutture pubbliche e private esistenti incremento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche esistenti aumento della visibilità e accessibilità dei luoghi 1.R1.01.SAR Obiettivi: realizzazione di piccoli interventi di riqualificazione, recupero e riuso di strutture pubbliche esistenti realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica riferita sia ai singoli borghi, sia alla rete dei borghi di eccellenza e agli itinerari ad essa collegati realizzazione di interventi di arredo urbano realizzazione di opere di valorizzazione per il miglioramento estetico e funzionale dei centri storici; realizzazione di opere di riqualificazione e recupero del tessuto insediativo, sociale ed economico imprenditoriale dei centri storici riqualificazione e recupero di strutture esistenti e di acquisizione di impianti, attrezzature, arredi per l'erogazione di servizi alle attività economiche e imprenditoriali dei centri storici 1.R1.01.A1.SAR Attività: Le singole attività saranno definite nel Protocollo di Intesa da sottoscrivere con i Comuni coinvolti. Linea di intervento 2: Comunicazione e promozione turistica dei borghi e dei loro centri storici

9 Le azioni da realizzare nell ambito di questa linea d intervento sono finalizzate al miglioramento della visibilità e della capacità attrattiva dei borghi e dei loro centri storici. In tale ottica saranno approntate azioni promozionali e realizzati strumenti di comunicazione e promozione che favoriscano la conoscenza dei borghi, dei loro centri storici e delle eccellenze turistiche ad essa collegate, quale parte di un sistema più ampio, ovvero di un prodotto autonomo e reale 1.R2.SAR Risultato: Aumento della visibilità e della notorietà dei borghi e dei loro centri storici Incremento della percezione dei borghi quale prodotto turistico di eccellenza 1.R2.02.SAR Obiettivo: miglioramento della qualità dei servizi offerti dai comuni individuati e dagli operatori turistici esercenti nei comuni medesimi attraverso lo sviluppo e la promozione delle seguenti attività (connettività, qualificazione professionale, adeguamento standard qualitativi, organizzativi, gestionali e commerciali; promozione integrata) definizione, sviluppo e implementazione di un prodotto autonomo ed identitario I borghi di eccellenza basato sulla condivisione di linee guida e disciplinari per l organizzazione, la gestione e la promozione turistica unitaria e coordinata (ad esempio, servizi di visite guidate, percorsi educativi, ecc.) strutturazione e promozione di itinerari turistici tematici (ad esempio, per caratteristiche omogenee: periodo storico-culturale, per qualità strutturali ed architettoniche, ecc.) all interno dei borghi (pedonali, ciclabili, etc.) e attraverso i borghi che consentano, inoltre, un collegamento sistemico tra i borghi medesimi; attività di marketing per la comunicazione, la promozione e la valorizzazione dei borghi (ideazione di un logotipo/marchio dei borghi, in un ottica di immagine coordinata per la realizzazione di pubblicazioni, depliant, opuscoli, video promozionali, portale web, cartellonistica, pannelli, segnaletica, ecc.). 1.R2.02.A2.SAR Attività: programmazione e attuazione di azioni di marketing incentrare sulla promozione e comunicazione esterna Linea di intervento 3: Azioni finalizzate alla definizione di un club di prodotto de I Borghi di eccellenza della Sardegna 1.R3.SAR Risultato: Realizzazione club di prodotto I borghi di eccellenza 1.R3.03.SAR Obiettivo: predisposizione del disciplinare di adesione e marchio I borghi di eccellenza formazione per l accoglienza nei singoli borghi aderenti al club promozione congiunta 1.R3.03.A3.SAR Attività: costituzione gruppo di lavoro per individuazione standard e criteri di qualità per la definizione dei borghi di eccellenza ed la definizione del modello di adesione seminari in ciascun comune, scambio di esperienze e realizzazione di una guida dell accoglienza azioni dirette a partecipare a fiere, individuazione itinerari come percorsi turistici di eccellenza, sito web e materiale pubblicitario Metodologia tecnico-attuativa Le linee di intervento 1 e 2 verranno attuate con il coinvolgimento dei Comuni suddetti, mediante la sottoscrizione di un Protocollo di Intesa che individua obiettivi, impegni, risorse finanziarie assegnate ai Comuni medesimi, quali Enti delegati, per l attuazione degli interventi specifici delle singole realtà comunali, mentre rimane in capo alla Regione Sardegna la realizzazione di un intervento a regia regionale per lo sviluppo del progetto, oltre quelli da realizzare in sinergia con le altre Regioni partner.

10 La delega delle risorse ai Comuni coinvolti potrà avvenire soltanto a seguito della stipula di un disciplinare specifico di affidamento che dovrà elencare puntualmente sia gli interventi materiali ed immateriali da realizzare direttamente, sia quelli da destinare eventualmente ai soggetti privati localizzati nelle aree di intervento (borghi e centri storici), previo esperimento di procedura ad evidenza pubblica predisposta a cura del Comune medesimo. Il piano economico finanziario ipotizzato prevede la seguente ripartizione: ,29 finanziamento statale (90%) ex Protocollo di Intesa del 24/06/ ,59 cofinanziamento regionale (10%) ,88 importo totale ,88 per la realizzazione di interventi prevalentemente immateriali a regia regionale e per quelli da sviluppare in comune alle Regioni partners ( ,00) ,00 per la realizzazione di interventi specifici delle singole realtà comunali prevalentemente materiali (investimenti) delegati ai comuni sottoscrittori del Protocollo di Intesa o Accordo di Programma da suddividere equamente ( ,00). L utilizzo delle risorse prevede un cofinanziamento del 30% suddiviso a sua volta tra contribuzione pubblica (Comuni) e privati (operatori economici e soggetti privati). REGIONE MOLISE Linea di intervento 1: Riqualificazione dei centri storici dei quattro comuni coinvolti Le singole azioni da attuare nell ambito di questa linea d intervento, finalizzata alla riqualificazione ed al miglioramento estetico dei centri storici, saranno concordate, nel rispetto degli obiettivi sottoelencati, con le amministrazioni comunali interessate e dettagliate nel protocollo d intesa da stipularsi con ciascun Comune. 1.R1.MOL Risultati: aumento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche esistenti aumento della visibilità e accessibilità dei luoghi. miglioramento estetico e funzionale dei borghi 1.R1.01.MOL Obiettivi: realizzazione di piccoli interventi di recupero e riuso di strutture pubbliche esistenti realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica riferita sia ai singoli borghi, sia alla rete dei borghi di eccellenza e agli itinerari ad essa collegati. realizzazione di arredo urbano 1.R1.01.A1.MOL Attività: Le singole attività saranno definite nel Protocollo d intesa da sottoscrivere con i quattro Comuni coinvolti. Linea di intervento 2: Campagna di comunicazione e promozione Le azioni da attuarsi nell ambito di questa linea d intervento sono finalizzate al miglioramento della capacità attrattiva del dei borghi e del territorio molisano, che continua a soffrire di scarsa notorietà. In tale ottica saranno realizzati strumenti di comunicazione e promozione che favoriscano la conoscenza della rete dei borghi e delle eccellenze turistiche ad essa collegate. Oltre che attraverso gli strumenti tradizionali, quali opuscoli, carte turistico - geografiche, DVD, pubblicazioni, la divulgazione del prodotto turistico avverrà soprattutto attraverso i portali turistici istituzionali. 1.R2.MOL Risultato: aumento della notorietà del territorio regionale 1.R2.02.MOL Obiettivo: realizzazione di strumenti promozionali tradizionali, quali pubblicazioni, opuscoli, video e divulgazione attraverso l utilizzo di nuove tecnologie, con particolare riferimento ai portali turistici istituzionali

11 1.R2.02.A2.MOL Attività: diffusione del materiale promozionale Linea di intervento 3: Azioni finalizzate all assegnazione di marchi di qualità per altri comuni molisani L obiettivo di questa linea d intervento è quella di migliorare la qualità dell accoglienza dei borghi molisani ai fini dell assegnazione di marchi di qualità. Saranno pertanto attuati progetti quali Bandiere arancioni in Molise e/o azioni mirate all assegnazione di analoghi marchi di qualità. 1.R3.MOL Risultato: assegnazione di marchi di qualità 1.R3.03.MOL Obiettivo: miglioramento della qualità dell accoglienza nei borghi 1.R3.03.A3.MOL Attività: attuazione Progetto Bandiere arancioni nel Molise seconda fase in collaborazione con il Touring Club Italiano e/o analoghe iniziative. Metodologia tecnico-attuativa L attuazione delle linee di intervento 1 e 2 prevede il trasferimento di fondi ai quattro comuni coinvolti nel progetto (Agnone, Scapoli, Frosolone e Oratino), a seguito di sottoscrizione di un protocollo d intesa nel quale saranno dettagliate le azioni da realizzare e le modalità di erogazione dei fondi stessi. Resta in capo alla Regione Molise l attuazione della linea d intervento 3., oltre a quella comune da realizzare con le regioni partner ,00 finanziamento statale (90%) ex Protocollo di Intesa del 24/06/ ,000,00 cofinanziamento regionale (10%) ,00 per la realizzazione di interventi specifici delle singole realtà comunali prevalentemente materiali (investimenti) delegati ai comuni sottoscrittori del Protocollo di Intesa e per gli interventi di cui alla linea d intervento n ,00 per la realizzazione di interventi da sviluppare in comune con le Regioni partner. REGIONE LIGURIA Linea di intervento 1: Riqualificazione e valorizzazione turistica dei borghi e dei loro centri storici Le azioni da realizzare nell ambito di questa linea d intervento sono finalizzate alla riqualificazione ed al miglioramento estetico e funzionale dei borghi dei centri minori per il raggiungimento di standard di sostenibilità ambientale. Le azioni saranno concertate, nel rispetto degli obiettivi sotto elencati, con le singole Amministrazioni comunali coinvolte e dettagliate in uno specifico Protocollo di Intesa da stipularsi con ciascuna Amministrazione. 1.R1.LIG Risultati: miglioramento estetico e funzionale dei borghi e dei loro centri storici aumento della attrattività e dell appeal turistico delle strutture pubbliche e private esistenti incremento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche esistenti aumento della visibilità e accessibilità dei luoghi 1.R1.01.LIG Obiettivi: realizzazione di opere di valorizzazione per il miglioramento estetico e funzionale dei centri storici riqualificazione e recupero di strutture esistenti e di acquisizione di impianti, attrezzature, arredi per l'erogazione di servizi alle attività economiche e imprenditoriali dei centri storici realizzazione di piccoli interventi di riqualificazione, recupero e riuso di strutture pubbliche esistenti

12 realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica riferita ai singoli borghi e agli itinerari ad essa collegati 1.R1.01.A1.LIG Attività: Le singole attività saranno definite nel Protocollo di Intesa da sottoscrivere con i Comuni coinvolti. Linea di intervento 2: Azioni finalizzate all assegnazione di marchi di qualità per i comuni liguri L obiettivo di questa linea d intervento è quella di incentivare il raggiungimento di standard di qualità dei borghi liguri al fine del riconoscimento del Borghi d eccellenza tramite l acquisizione del marchio Bandiere arancioni e/o I Borghi più belli d Italia. Saranno pertanto attuate azioni mirate all assegnazione di analoghi marchi di qualità. 1.R2.LIG Risultato: assegnazione di marchi di qualità 1.R2.02.LIG Obiettivo: miglioramento della qualità dell accoglienza nei borghi 1.R2.02.A1.LIG Attività: Attuazione Progetto Bandiere arancioni in collaborazione con il Touring Club Italiano analoghe iniziative. e/o Linea di intervento 3: Interventi per la comunicazione e la promozione turistica dei borghi e dei loro centri storici Le azioni da realizzare nell ambito di questa linea d intervento sono finalizzate al miglioramento della visibilità e della capacità attrattiva dei borghi e dei loro centri storici, quale parte di un sistema più ampio, ovvero di un prodotto autonomo e reale, in un ottica di destagionalizzazione dei flussi turistici e di sostenibilità ambientale. Saranno quindi approntate azioni promozionali e realizzati strumenti di comunicazione e promozione che favoriscano la conoscenza dei borghi attraverso la creazione di itinerari e manifestazioni e culturali, valorizzando anche gli aspetti ambientali e di qualità. 1.R3.LIG Risultato: aumento della visibilità e della notorietà dei borghi e dei loro centri storici incremento della percezione dei borghi quale prodotto turistico di eccellenza 1.R3.03.LIG Obiettivo: strutturazione e promozione di itinerari turistici tematici (itinerari del gusto, storici, artistici, musicali, ecc.) che consentano un collegamento sistemico tra i borghi liguri; definizione, sviluppo e implementazione di un prodotto autonomo ed identitario I borghi di eccellenza basato sulla condivisione di linee guida e disciplinari per l organizzazione, la gestione e la promozione turistica unitaria e coordinata (ad esempio, servizi di visite guidate, percorsi educativi, ecc.) attività di marketing per la comunicazione, la promozione e la valorizzazione dei borghi (ideazione di un logotipo/marchio dei borghi, in un ottica di immagine coordinata per la realizzazione di pubblicazioni, depliant, opuscoli, video promozionali, portale web, cartellonistica, pannelli, segnaletica, ecc.). 1.R3.03.A3.LIG Attività: programmazione e attuazione di azioni di marketing incentrare sulla promozione e comunicazione esterna. Metodologia tecnico-attuativa Il progetto prevede il coinvolgimento diretto dei comuni interessati al raggiungimento degli standard di qualità. Gli obiettivi, impegni, risorse finanziarie assegnate ai comuni per l attuazione degli interventi specifici saranno indicati nel Protocollo di Intesa che dovrà essere sottoscritto dalle parti. La delega delle risorse ai suddetti Comuni potrà avvenire soltanto a seguito della stipula di un disciplinare specifico di affidamento che dovrà elencare puntualmente sia gli interventi materiali ed immateriali da realizzare direttamente, sia quelli da destinare ai soggetti privati, previo esperimento

13 di procedura ad evidenza pubblica predisposta a cura del comune medesimo. Il piano economico finanziario ipotizzato prevede la seguente ripartizione: ,84 per la realizzazione di interventi specifici delle singole realtà comunali prevalentemente materiali (investimenti) delegati ai comuni sottoscrittori del Protocollo di Intesa o Accordo di Programma. L utilizzo delle risorse potrà prevede un cofinanziamento pubblico e/o privato ,00 per la realizzazione di interventi interregionali da sviluppare in comune alle Regioni partners

14 2.2 Rappresentazione grafica del Quadro Logico Scopo iniziativa Realizzazione Rete I borghi di eccellenza Linee di intervento LdI 1: Interventi materiali per la riqualificazione turistica dei borghi e dei loro centri storici LdI 2: Interventi immateriali per la comunicazione e la promozione turistica dei borghi e dei loro centri storici LdI 3: Interventi comuni con le Regioni partners Risultati Risultati LdI 1: miglioramento estetico e funzionale dei borghi e dei loro centri storici aumento della attrattività e dell appeal turistico delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici incremento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici aumento della visibilità e accessibilità dei luoghi di Interesse turistico Risultati LdI 2: aumento della visibilità e della notorietà dei borghi e dei loro centri storici incremento della percezione dei borghi quale prodotto turistico di eccellenza Risultati LdI 3: creare sinergie infraregionali Obiettivi operativi Obiettivi operativi LdI 1: realizzazione di piccoli interventi di riqualificazione, recupero e riuso di strutture pubbliche esistenti realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica riferita sia ai singoli borghi, sia alla rete dei borghi di eccellenza e agli itinerari ad essa collegati realizzazione di interventi di arredo urbano realizzazione di opere di valorizzazione per il miglioramento estetico e funzionale dei centri Attività Obiettivi operativi LdI 2: realizzazione di azioni promozionali e pubblicitarie realizzazione di strumenti promozionali tradizionali e di comunicazione attraverso l utilizzo di nuove tecnologie, con particolare riferimento ai portali turistici regionali Obiettivi operativi LdI 3: disciplinare del marchio I borghi di eccellenza formazione per l accoglienza promozione congiunta Attività LdI 1: Le singole attività saranno definite nel singoli Protocolli di Intesa da sottoscrivere con le Amministrazioni comunali coinvolte. Attività LdI 2: programmazione e attuazione di campagne di comunicazione e promozione Attività LdI 3: costituzione GdL per individuazione standard e criteri di qualità per la definizione dei borghi di eccellenza ed la definizione del modello di adesione seminari in ciascuna regione partners, realizzazione di una guida

15 Scopo iniziativa Realizzazione Rete I borghi di eccellenza della Sardegna Linee di intervento LdI 1: Interventi materiali per la riqualificazione turistica dei borghi e dei loro centri storici LdI 2: Interventi immateriali per la comunicazione e la promozione turistica dei borghi e dei loro centri storici LdI 3: Interventi comuni con le Regioni partners Risultati Risultati LdI 1: miglioramento estetico e funzionale dei borghi e dei loro centri storici aumento della attrattività e dell appeal turistico delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici incremento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici aumento della visibilità e accessibilità dei luoghi di Interesse turistico Risultati LdI 2: aumento della visibilità e della notorietà dei borghi e dei loro centri storici incremento della percezione dei borghi quale prodotto turistico di eccellenza Risultati LdI 3: creare sinergie infraregionali Obiettivi operativi Obiettivi operativi LdI 1: realizzazione di piccoli interventi di riqualificazione, recupero e riuso di strutture pubbliche esistenti realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica riferita sia ai singoli borghi, sia alla rete dei borghi di eccellenza e agli itinerari ad essa collegati realizzazione di interventi di arredo urbano realizzazione di opere di valorizzazione per il miglioramento estetico e funzionale dei centri Attività Obiettivi operativi LdI 2: realizzazione di azioni promozionali e pubblicitarie realizzazione di strumenti promozionali tradizionali e di comunicazione attraverso l utilizzo di nuove tecnologie, con particolare riferimento ai portali turistici regionali Obiettivi operativi LdI 3: disciplinare del marchio I borghi di eccellenza formazione per l accoglienza promozione congiunta Attività LdI 1: Le singole attività saranno definite nel singoli Protocolli di Intesa da sottoscrivere con le Amministrazioni comunali coinvolte. Attività LdI 2: programmazione e attuazione di campagne di comunicazione e promozione Attività LdI 3: costituzione GdL per individuazione standard e criteri di qualità per la definizione dei borghi di eccellenza ed la definizione del modello di adesione seminari in ciascuna regione partners, realizzazione di una guida

16 Scopo iniziativa Realizzazione Rete I borghi di eccellenza del Molise Linee di intervento LdI 1: Riqualificazione centri storici LdI 2: Campagna di comunicazione e promozione LdI 3: Azioni finalizzate all assegnazione di Marchi di qualità Risultati Risultati LdI 1: aumento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche esistenti aumento della visibilità ed accessibilità dei luoghi miglioramento estetico e funzionale dei borghi Risultati LdI 2: aumento della notorietà dei borghi e del territorio Regionale Risultati LdI 3: assegnazione Marchi di qualità Obiettivi operativi Obiettivi operativi LdI 1: realizzazione di piccoli interventi di recupero e riuso di strutture pubbliche realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica realizzazione di arredo urbano estetico e funzionale dei centri storici Obiettivi operativi LdI 2: realizzazione di strumenti promozionali Obiettivi operativi LdI 3: attuazione progetto Bandiere arancioni nel Molise e/o analoghe iniziative Attività Attività LdI 1: verranno definite nei protocolli d intesa da sottoscrivere con i Comuni Attività LdI 2: diffusione materiale Attività LdI 3: attuazione progetti

17 Scopo iniziativa Realizzazione Rete I borghi di eccellenza della Liguria Linee di intervento LdI 1: Riqualificazione e valorizzazione turistica dei borghi e dei loro centri storici LdI 2: Azione finalizzata per l assegnazione di marchi di qualità per i Comuni liguri LdI 3: Campagna di comunicazione e promozione Risultati Risultati LdI 1: miglioramento estetico e funzionale dei borghi e dei loro centri storici aumento della attrattività e dell appeal turistico delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici incremento della fruibilità per fini turistici delle strutture pubbliche e private localizzate presso i borghi ed i loro centri storici aumento della visibilità e accessibilità dei luoghi di Interesse turistico Risultati LdI 2: assegnazione Marchi di qualità Risultati LdI 3: visibilità dei borghi e dei loro centri storici incremento della percezione dei borghi quale prodotto turistico d eccellenza Obiettivi operativi Obiettivi operativi LdI 1: realizzazione di piccoli interventi di riqualificazione, recupero e riuso di strutture pubbliche esistenti realizzazione di cartellonistica e segnaletica turistica riferita sia ai singoli borghi, sia alla rete dei borghi di eccellenza e agli itinerari ad essa collegati realizzazione di interventi di arredo urbano realizzazione di opere di valorizzazione per il miglioramento estetico e funzionale dei centri Attività Obiettivi operativi LdI 2: miglioramento della qualità dell accoglienza nei borghi Obiettivi operativi LdI 3: costituzione gruppo di lavoro per individuazione standard e criteri di qualità per la definizione dei borghi di eccellenza ed la definizione del modello di adesione Attività LdI 1: saranno definite nei protocolli d intesa da sottoscrivere con i Comuni Attività LdI 2: attuazione progetto Bandiere arancioni e/o analoghe iniziative comunicazione esterna Attività LdI 3: costituzione GdL per individuazione standard e criteri di qualità per la definizione dei borghi di eccellenza ed la definizione del modello di adesione seminari in ciascuna regione partners, realizzazione di una guida

18 2.3 Pianificazione territoriale Linea di intervento /Obiettivi Codifica Descrizione Liguria Molise Sardegna 1 LINEA DI INTERVENTO: 1.R1 RISULTATO Obiettivo operativo Attività N N.R1 LINEA DI INTERVENTO: RISULTATO Obiettivo operativo Attività

19 2.4 Pianificazione temporale (relativa al Quadro Logico GENERALE) PROGRAMMAZIONE PIANIFICAZIONE TEMPORALE Linea di intervento /Obiettivi Indicatore di realizzazione Codific a Descrizione Denominazione U.tà di misura Valore target I II III. IV I II III IV I II III IV 1 LINEA DI INTERVENTO: Interventi materiali per la riqualificazione turistica dei borghi e dei loro centri storici 1.R1 RISULTATO 1.R1.1 Obiettivo operativo X X X X X X X X X X N LINEA DI INTERVENTO: Interventi immateriali per la comunicazione e la promozione turistica dei borghi e dei loro centri storici N.R1 RISULTATO N.R1.1 Obiettivo operativo X X X X X X X N LINEA DI INTERVENTO: Interventi comuni con le Regioni partners N.R1 RISULTATO N.R1.1 Obiettivo operativo X X X X X X 2.5 Gantt di progetto SCHEDULAZIONE OBIETTIVI/ATTIVITA Codifica Descrizione DATA INIZIO DATA FINE I II III. IV I II III IV I II III IV 1 LINEA DI INTERVENTO 2 LINEA DI INTERVENTO N LINEA DI INTERVENTO

20 SEZIONE 3. PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO 3.1 Scheda di sintesi di costi REGIONE SARDEGNA LINEA DI INTERVENTO ATTIVITA IMPORTI PARZIALI LINEA DI INTERVENTO 1 Riqualificazione e valorizzazione turistica dei borghi e dei loro centri storici Le singole attività saranno definite nel Protocollo di Intesa da sottoscrivere con i Comuni coinvolti ,00 TOTALE LINEA ,00 LINEA DI INTERVENTO 2 Comunicazione e promozione turistica dei borghi e dei loro centri storici Programmazione e attuazione di azioni di marketing incentrare sulla promozione e comunicazione esterna ,88 TOTALE LINEA ,88 Costituzione gruppo di lavoro per individuazione standard e criteri di qualità per la definizione dei borghi di LINEA DI INTERVENTO 3 eccellenza ed la definizione Azioni finalizzate alla definizione del modello di adesione di un club di prodotto de I Seminari in ciascun comune, scambio di esperienze e ,00 Borghi di eccellenza della realizzazione di una guida Sardegna dell accoglienza Azioni dirette a partecipare a fiere, individuazione itinerari come percorsi turistici di eccellenza, sito web e materiale pubblicitario TOTALE LINEA ,00 TOTALE GENERALE , Piano finanziario REGIONE SARDEGNA Quota a carico Regione legge 27 Investimenti Sardegna dicembre 2006, n. 296 Cofinanziame nto pubblicoprivato TOTALE ANNO 2012 Linea di intervento LINEA DI INTERVENTO , , , , ,00 LINEA DI INTERVENTO 2 0,00 0, ,35 0,00 0,00 LINEA DI INTERVENTO 3 0,00 0, ,00 0,00 0,00 TOTALE , , , , ,00 Investimenti Quota a carico legge 27 dicembre 2006, n. 296 Regione Sardegna Cofinanziamento pubblico-privato TOTALE ANNO 2013 Linea di intervento LINEA DI INTERVENTO , , , , ,00 LINEA DI INTERVENTO 2 0,00 0, ,76 0,00 0,00 LINEA DI INTERVENTO 3 0,00 0, ,00 0,00 0,00 TOTALE , , , , ,00 Linea di intervento Investimenti Quota a carico legge 27 dicembre 2006, n. 296 Regione Sardegna Cofinanziamento pubblico-privato TOTALE ANNO 2014

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi Bando e Regolamento L Associazione culturale La rosa e la spina di Villanuova sul

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Form di presentazione progetto

Form di presentazione progetto Form di presentazione progetto Il presente form deve essere compilato in tutte le sue parti e inviato con allegati (CV referente, altri CV persone chiave) a info@piazzevive.it entro il 6 dicembre 2013.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli