> Gruppo AcegasAps < IL SISTEMA FOGNARIO. Area Padova. iservizi. Supplemento. Iniziative per lo Sviluppo Sostenibile NUOVA EDIZIONE 2013.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "> Gruppo AcegasAps < IL SISTEMA FOGNARIO. Area Padova. iservizi. Supplemento. Iniziative per lo Sviluppo Sostenibile NUOVA EDIZIONE 2013."

Transcript

1 > Gruppo AcegasAps < IL SISTEMA FOGNARIO Area Padova iservizi Supplemento Iniziative per lo Sviluppo Sostenibile NUOVA EDIZIONE 2013 iquaderni

2 CONTENUTI Fognature efficienti evitano malattie e cattivi odori La Venere Cloacina proteggeva le fogne di Roma La depurazione dei reflui a tutela di uomo e ambiente Depurazione specifica per ogni tipo di liquame Colonie di batteri famelici divorano la parte inquinata Lo sviluppo urbanistico mette a dura prova la rete fognaria Consigli per il risparmio e per la sicurezza Nelle pagine centrali l'illustrazione "Fognatura e depurazione a Padova"

3 Fognature efficienti evitano malattie e cattivi odori Una rete fognaria efficiente è un requisito importante per la qualità della vita. All inizio del 900, quando in molte zone d Italia i centri abitati non disponevano di fonti di approvvigionamento idrico sicure e di una rete fognaria, le condizioni igieniche in cui vivevano gli abitanti erano disastrose, si moriva ancora a causa della malaria o di altre gravi malattie endemiche. La raccolta e il trattamento delle deiezioni e delle acque di scarico è un problema di fondamentale importanza. Oggi, nei centri abitati, i liquami sono raccolti, depurati e lavorati per mezzo di apposite infrastrutture e impianti, garantendo una migliore qualità della vita. Un impianto efficiente mette al riparo da gravi malattie infettive e da cattivi odori. Nelle zone dove manca un impianto di eliminazione dei reflui si usano le cosiddette fosse biologiche. Costruzioni interrate in prossimi- tà delle abitazioni, che possono essere realizzate con mattoni, calcestruzzo o metallo; le dimensioni e la capacità di questi grandi recipienti sono proporzionate al numero degli abitanti serviti. Le deiezioni e le acque che provengono da water, bidè, vasche da bagno, docce e lavabi, entrano nella fossa e sono aggredite da particolari batteri che vivono nelle sostanze di rifiuto solide prodotte dall uomo. Il loro compito è di degradare una parte dei materiali inquinanti, in modo particolare le masse solide, liquefacendole e consentendone il loro deflusso naturale verso la fogna, oppure nel terreno. Il sistema, ovviamente, non è applicabile alle comunità più grandi, dove gli scarichi fognari non possono essere riversati direttamente nell ambiente, dal momento che diventerebbero un grave problema per la salute dell uomo. 2,6 miliardi di persone al mondo non hanno ancora accesso agli impianti igienicosanitari di base. L' Ordine Mondiale della Sanità e Unicef hanno stabilito un obiettivo di sviluppo del millennio: dimezzare, entro il 2015, il numero di persone prive di accesso all acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari di base. Nonostante dal 1990 al miliardi di persone abbiano guadagnato l accesso a impianti igienicosanitari adeguati, questi risultati non sono ancora sufficienti per raggiungere l obiettivo di sviluppo del millennio. I paesi dell Asia meridionale e dell Africa sub-sahariana sono le regioni dove meno della metà della popolazione ha accesso agli impianti igienico-sanitari di base. 3

4 La Venere Cloacina proteggeva le fogne di Roma La Cloaca Massima dell antica Roma è una delle più antiche condotte fognarie conosciute, di cui possiamo ammirare ancora oggi molti tratti del percorso. Il suo nome, in latino, significa letteralmente Fogna massima. Fu costruita alla fine del VI secolo a.c., ai tempi degli ultimi re di Roma (Tarquinio Prisco e Tarquinio il Superbo), mettendo a frutto l esperienza maturata dagli Etruschi nel campo dell ingegneria idraulica. Si trattava per lo più di un canale a cielo aperto, che raccoglieva le acque dei corsi naturali pro- 4 venienti dalle colline, drenando la pianura acquitrinosa del Foro Romano e il Velabro (la zona pianeggiante tra il colle del Palatino e del Campidoglio). Questo canale, scavato nel sottosuolo, riversava le proprie acque nel fiume Tevere. Il suo percorso, preservato per tutta l età imperiale, fu progressivamente coperto per lasciare spazio allo sviluppo del centro cittadino. Le tracce archeologiche rivelano interventi di manutenzione realizzati in epoche diverse, con diversi materiali e tecniche costruttive. Ad esempio, si ha notizia di un ispezione e di lavori di drenaggio e spurgo ordinati nel 33 a.c. da Marco Vipsanio Agrippa. A seguito della caduta dell Impero Romano (fine del V secolo), il funzionamento della fognatura iniziò a presentare diversi problemi, a causa dell assenza di manutenzione. Nell epoca del suo maggior splendore, anche la Cloaca Massima aveva una divinità protettrice, la Venere Cloacina, alla quale era dedicato un piccolo altare, collocato esattamente nel punto in cui il condotto entrava nel Foro Romano, davanti la Basilica Emilia.

5 La depurazione dei reflui a tutela di uomo e ambiente L ambiente naturale, non è in grado di sostenere i crescenti livelli di inquinamento delle acque e dell aria, senza subire alterazioni tali da mettere in forse la disponibilità e la qualità di tali elementi. Anche se nessuna tecnica depurativa consente di eliminare completamente i fenomeni di inquinamento, il sistema permette di separare alcuni elementi (aria, acqua, suolo, ecc.) da altri (sostanze inquinanti), in modo da riutilizzare i materiali di scarto e renderli meno nocivi per l ambiente e per l uomo. I trattamenti depurativi applicati ai reflui delle città consentono di ridurre la concentrazione degli inquinanti a tutela dell uomo e della natura, rispettando i limiti imposti dalla legge. Gli inquinanti presenti nelle acque di rifiuto urbane sono, soprattutto, sostanze organiche: olio, grassi, proteine, carboidrati e batteri. Se i pericoli maggiori derivano dai batteri, è proprio attraverso essi che avviene la demolizione delle sostanze organiche presenti nel liquame che giunge agli impianti di trattamento. Il principio fondamentale su cui si basa la depurazione consiste nell assecondare e controllare la crescita dei batteri, all interno di un ambiente artificiale che riproduce le caratteristiche salienti dell ecosistema naturale. In questo modo è possibile trasformare le sostanze organiche inquinanti in una serie di composti che, trattati in maniera adeguata, non sono pericolosi per l ambiente e, addirittura, possono essere impiegati in nuove attività produttive (come nel caso dei fanghi disidratati, che rappresentano un eccellente fertilizzante usato in agricoltura). Per la depurazione delle acque utilizzate nei processi industriali non esiste una tipologia fissa di impianti, poiché questi variano secondo gli inquinanti presenti negli scarichi. 5

6 Depurazione specifica per ogni tipo di liquame Le fogne sono formate da numerose tubazioni che raccolgono le acque dagli scarichi dei singoli edifici e dalla sede stradale Per rete di fognatura si intende il complesso di canalizzazioni, generalmente sotterranee, che raccolgono e allontanano dai luoghi abitati le acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e quelle reflue provenienti dalle attività umane in genere. Il percorso compiuto dalle acque all interno della rete fognaria che si articola in varie tubature (dette tronchi) tra loro connesse, è definito per quello che riguarda la direzione e il verso. In generale, il funzionamento delle canalizzazioni è a pelo libero; solo in casi particolari, e sempre per tratti di breve lunghezza, il loro funzionamento può essere in pressione. 6 Una rete fognaria si dice a sistema misto quando lo stesso condotto raccoglie sia le acque di tempo asciutto (acque di uso domestico, di innaffiamento o lavaggio stradale e simili) sia quelle di pioggia. Si dice a sistema separato se le acque di uso domestico sono raccolte in una apposita rete distinta da quelle che raccoglie le acque di scorrimento superficiale, sia di lavaggio e simili sia quelle pluviali. Un centro urbano può essere servito in parte con sistema misto e in parte con sistema separato. Le acque reflue che confluiscono nella rete fognaria sono di quattro tipi: Acque reflue Acque nere, che contengono anche elementi solidi organici. Acque bianche, costituite da acqua meteorica (pioggia, neve, grandine, ecc.). Acque grigie, in pratica, acque saponate provenienti da docce, vasche e scarichi di lavatrici. Acque industriali, inquinate da numerosissimi prodotti tossici da raccogliere e smaltire attraverso condotte particolari e sistemi di depurazione specifici.

7 Le fogne sono formate da numerose tubazioni che raccolgono le acque dagli scarichi dei singoli edifici e dalla sede stradale. La rete è collegata alla superficie mediante pozzetti di ispezione, collocati nei punti più importanti, e pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, che rappresentano contemporaneamente una chiusura idraulica e un ostacolo alla caduta di materiali solidi (terra, foglie, sabbia) nelle condotte. Tutti i liquami sono convogliati nei collettori, canalizzazioni di dimensioni maggiori che costituiscono l ossatura principale della rete; queste strutture, spesso sono collegate a scaricatori di piena che hanno il compito di ridurre la portata quando essa supera determinati valori. Ad ogni modo il diametro dei collettori deve essere adeguato al volume dei reflui trasportati, per consentire il loro deflusso in un grande canale sotterraneo che, partendo dal termine della rete fognaria, trasporta le acque raccolte al recapito finale. Quest ultimo, generalmente, è un bacino idrico (mare, fiume, torrente, canale, ecc.) dove le acque, dopo un adeguato trattamento di depurazione, sono definitivamente versate. 7

8 8

9 9

10 Colonie di batteri famelici divorano la parte inquinata I microrganismi trasformano le sostanze inquinanti in elementi assolutamente innocui generando come prodotto di scarto, i fanghi 10 A completamento del ciclo idrico, l acqua già utilizzata per le attività quotidiane, cioè, gli scarichi domestici e le acque meteoriche defluite nei tombini, passando attraverso le tubazioni sotterranee della rete fognaria cittadina, giungono agli impianti di trattamento. Il processo di depurazione inizia con la sgrigliatura che permette di isolare, all interno di un compattatore, i materiali più grossolani; questa frazione solida è poi depositata in appositi cassonetti e avviata allo smaltimento. Dopo aver attraversato una seconda griglia dalle maglie più strette, il sistema di pompaggio fa confluire il liquame in una grande vasca di pretrattamento, dove i residui sabbiosi e oleosi possono essere agevolmente rimossi, dal momento che i primi si depositano sul fondo, mentre i secondi galleggiano in superficie, non essendo solubili: l immissione di aria compressa spinge le sostanze grasse verso i divisori laterali, in modo da agevolare la loro raccolta. Nella fase successiva, anche i

11 AcegasAps gestisce l intero ciclo idrico integrato delle acque nel padovano, controllando complessivamente oltre chilometri di rete fognaria. Ogni anno grazie agli impianti di depurazione di Ca Nordio, Guizza, Abano Terme sono trattati oltre 29 milioni di metri cubi di acque reflue fanghi, dopo la decantazione sul fondo del sedimentatore, sono raccolti in apposite tramogge. A questo punto, attraverso i processi di nitrificazione e denitrificazione a fanghi attivi, inizia il trattamento biologico dei liquidi fognari. In pratica, all interno di un bacino artificiale, si riproducono (amplificandole) le caratteristiche dell ecosistema naturale, formato da colonie di batteri: fiocchi gelatinosi che divorano la materia organica inquinante presente nel liquame. I microrganismi trasformano le sostanze inquinanti in elementi assolutamente innocui (anidride carbonica, acqua, ecc.), generando come prodotto di scarto i fanghi. L immissione di ossigeno in queste vasche garantisce la proliferazione dei batteri e la sospensione omogenea delle particelle organiche. Nell ultimo bacino, denominato sedimentatore, i fanghi attivi decantano sul fondo, mentre l acqua ormai depurata defluisce mediante condotte in canali di scolo destinati a sfociare lontano dai centri abitati. I fanghi accumulati sono detti di ricolloco, poiché una parte di essi è immessa nuovamente nel reattore biologico. La frazione restante, invece, è riscaldata e avviata a un processo di digestione anaerobica, dal quale si origina il biogas che è sfruttato per la produzione di energia elettrica. Alla fine, il fango, raffreddato e ormai privo di batteri, è disidratato in grandi centrifughe, in modo da perdere parte della componente liquida, e da poter essere impiegato come concime in agricoltura. 11

12 12 Lo sviluppo urbanistico mette a dura prova la rete fognaria

13 La realizzazione e la gestione di un adeguato sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue in un territorio molto popolato come quello di Padova rappresentano un problema sicuramente complesso, che implica lo studio di particolari soluzioni da sviluppare in simbiosi con il territorio e il tessuto urbanistico cittadino. Il drenaggio urbano della città ha subito modifiche in senso negativo dall intenso quanto confuso sviluppo urbanistico avvenuto nel secondo dopoguerra. In quegli anni l assetto idraulico del territorio peggiorò sensibilmente, sia a causa della drastica diminuzione degli invasi disponibili per eliminare gli eventi di piena, sia per la generalizzata pavimentazione del suolo cittadino, che divenne sempre più impermeabile, modificando i tempi di deflusso delle acque verso le inadeguate canalizzazioni esistenti. La rete fognaria separata fu costruita solo nelle zone principali dei centri storici, mentre nelle periferie si utilizzarono generalmente fossi e canali consorziali, originando estesi bacini di acque cosiddette miste. Gli aspetti negativi quindi si intrecciarono, aumentando la già precaria situazione: peggiorò il deflusso degli eventi di piena con frequenti allagamenti e aumentarono i problemi igienici causati dal diffuso inquinamento derivato dagli scarichi fognari a cielo aperto. Attualmente, il sistema fognario del comune di Padova gestito da AcegasAps è costituito da due collettori principali che conferiscono al depuratore di Ca Nordio: il collettore Centro Storico (acque nere) raccoglie i reflui provenienti dal centro storico, dai quartieri Sant Osvaldo, Forcellini e Terranegra-San Gregorio. Il collettore Fossetta (acque miste) raccoglie i reflui provenienti dalla Zona Nord di Padova, Zona Industriale Padova (Zip), Zona di Camin e dall area del Comune di Noventa Padovana. Nel depuratore di Ca Nordio, i reflui sono sottoposti a un trattamento biologico a fanghi attivi, con recapito finale nel Canale Roncajette. La zona Guizza è servita, invece, da un depuratore locale di tipo biologico a fanghi attivi con recapito finale nello Scolo Amolari: soddisfa le esigenze di 15 mila abitanti. Alcune delle zone periferiche del Comune di Padova sono servite dai depuratori dei Comuni di Albignasego, Cadoneghe e Ponte San Nicolò. Le sempre più restrittive direttive comunitarie riguardanti gli impianti di depurazione, di pari passo con l incremento demografico e delle attività produttive nell area urbana di Padova, hanno imposto la realizzazione della terza linea di trattamento del depuratore di Ca Nordio. Nel luglio 2012 la Regione Veneto ha approvato il progetto di ampliamento e completamento del depuratore di Ca Nordio, grazie al quale la capacità complessiva dell impianto salirà a abitanti equivalenti. Inoltre, il progetto prevede la confluenza a Ca Nordio anche tutti i reflui che attualmente sono trattati negli impianti di depurazione periferici (Guizza, Ponte San Nicolò e Albignasego), fatto che comporterà necessariamente il trasferimento a Cà Nordio dei liquami attraverso condotte di nuova costruzione, di cui AcegasAps sta eseguendo la progettazione. 13

14 Non gettare assolutamente nel water pannolini, buste di plastica e qualsiasi altro materiale diverso dalla carta igienica. Quando utilizzi lo sciacquone, non sprecare più acqua di quanta effettivamente serva per la pulizia del water; esistono in commercio sciacquoni a quantità differenziata. A volte non serve un grande utilizzo d acqua. Non abbandonare rifiuti al suolo perché potrebbero ostruire le caditoie. I fanghi di fosse biologiche e pozzi neri devono essere smaltiti annualmente. Non gettare olio alimentare nel lavello o nel water. Verifica di frequente lo stato della cassetta del water e in caso di perdite, anche modeste, intervieni immediatamente. 14

15 iquaderni Speciale de iservizi Testi di Marco Gerometta e Chiara Crestani Fotografie e grafica Damiano Rotondi Vignette Marco Frison Illustrazione delle pagine centrali Lucio Delconte iservizi Registrazione al Tribunale di Padova n del Direttore responsabile Maurizio Stefani Editore AcegasAps SpA Trieste Ristampa dicembre 2012 Stampa Grafiche Gemma - Camposampiero PD

16 AcegasAps Sede Legale e Direzione Generale Via del Teatro, Trieste T F I E Uffici Amministrativi, Reti e Impianti di Padova Corso Stati Uniti, 5/A Padova T F E

> Gruppo AcegasAps < IL SISTEMA FOGNARIO. Area Trieste. iservizi. Supplemento. Iniziative per lo Sviluppo Sostenibile NUOVA EDIZIONE 2013.

> Gruppo AcegasAps < IL SISTEMA FOGNARIO. Area Trieste. iservizi. Supplemento. Iniziative per lo Sviluppo Sostenibile NUOVA EDIZIONE 2013. > Gruppo AcegasAps < IL SISTEMA FOGNARIO Area Trieste iservizi Supplemento Iniziative per lo Sviluppo Sostenibile NUOVA EDIZIONE 2013 iquaderni CONTENUTI 3 4 5 6 10 12 14 Fognature efficienti evitano malattie

Dettagli

La tutela delle acque fluviali, lagunari e marine

La tutela delle acque fluviali, lagunari e marine La tutela delle acque fluviali, lagunari e marine Città di Chioggia 22 maggio 2009 Il sistema idraulico/fognario di Padova ed il completamento ed ampliamento del Depuratore di Cà Nordio - In data 13 febbraio

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

08/04/2014. Gli scarichi idrici

08/04/2014. Gli scarichi idrici Gli scarichi idrici A seconda della loro origine, le acque di scarico domestiche possono essere: acque nere, quelle provenienti dai servizi igienici; acque grigie, quelle provenienti da lavandini, docce

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE. Impianto di biotrattamento delle acque reflue Perarolo di Vigonza (PD)

LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE. Impianto di biotrattamento delle acque reflue Perarolo di Vigonza (PD) LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Impianto di biotrattamento delle acque reflue Perarolo di Vigonza (PD) Dove finisce l acqua che usiamo Le acque di scarico provenienti dalle abitazioni o da altre utenze assimilabili

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE DI ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 03-04-2006, e successive modifiche ed integrazioni. Immobile sito nella frazione

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE Note per la compilazione: Si propongono i seguenti stampati, PRECISANDO CHE

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP. VIA N.ro civico TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP. VIA N.ro civico TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE Catasto scarichi - Scheda ac. reflue domestiche Pag. 1 CATASTO SCARICHI - ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASMILABILI SCHEDA INSEDIAMENTO Data compilazione: 1. GENERALITA 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

A.R.P.A. Regione Piemonte

A.R.P.A. Regione Piemonte Al Signor Sindaco del Comune di Corio Pagina 1/5 Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche o ad esse assimilabili in ricettore diverso dalla pubblica fognatura (ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

Relazione tecnica del processo depurativo

Relazione tecnica del processo depurativo Relazione tecnica del processo depurativo La presente Relazione ha lo scopo di illustrare il processo depurativo, dell impianto di trattamento acque reflue civili, sito in Riva Ligure (IM). L impianto

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E ASET S.p.A. REGOLAMENTO FOGNATURA E DEPURAZIONE - --------------------------------------------------------------------------------- ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E DEFINIZIONE CONTRIBUTI Modificato con Del.

Dettagli

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI.

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. DEVONO ESSERE UTILIZZATI COME BASE DI RIFERIMENTO PER L APPROFONDIMENTO

Dettagli

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) 81.10 Art. 1. Art. 2. Art. 3. I. Disposizioni generali La presente legge vale per l intero territorio comunale.

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993 REGOLAMENTO DI UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA Castano Primo, luglio 1993 1 INDICE CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Regolamento Art. 2 - Obbligo di immissione nella pubblica fognatura Art. 3

Dettagli

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì SANITARIO II AGGIORNAMENTO 14/02/2014

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì SANITARIO II AGGIORNAMENTO 14/02/2014 Sussidi ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO SANITARIO II AGGIORNAMENTO 14/02/2014 IMPIANTO DI SCARICO DELLE ACQUE

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 30.04.1999 1 CAPO

Dettagli

SCARABELLO E. SERVICE

SCARABELLO E. SERVICE SCARABELLO E. SERVICE AUTOSPURGHI, VIDEOISPEZIONI, BONIFICHE AMBIENTALI SMALTIMENTO REFLUI INDUSTRIALI, RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI. AZIENDA CERTIFICATA UNI ISO EN9001/2000 La nostra società Scarabello

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Introduzione Introduzione Gli impianti di depurazione della Business Unit Ambiente di CURRENTA sono specifici per il trattamento

Dettagli

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LINEE GUIDA 5.1 Definizioni Acque di prima pioggia Sono identificate nei primi 5 mm

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

Acque 2 sotterranee. Descrizione sintetica del ciclo produttivo e dell utilizzo dell acqua (da non compilare nel caso di usi civili)

Acque 2 sotterranee. Descrizione sintetica del ciclo produttivo e dell utilizzo dell acqua (da non compilare nel caso di usi civili) 1 Mod.AUA_Scheda_A_Scarichi_acque_reflue SCHEDA A SCARICHI DI ACQUE REFLUE 1 A.1 Quadro sinottico degli scarichi finali che nell impianto/stabilimento/attività sono presenti i seguenti scarichi, indicati

Dettagli

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella AZIONI STRUTTURALI La maggior parte delle azioni strutturali previste dalla normativa e pianificazione settoriale e messe in campo nella Regione

Dettagli

Tecnozeta s.a.s. di Zanello Ing. Stefano & C.

Tecnozeta s.a.s. di Zanello Ing. Stefano & C. ELABORATO: Tipo. Doc. Nr. Elab Rev. CAZZARO COSTRUZIONI S.R.L. REL 002 00 Via Manetti, 38/A 35010 Trebaseleghe (PD) Tel. 049/9385009 Fax. 049/9385685 Comune di Treviso Viale della Repubblica, 242 RELAZIONE

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

AREA TECNICA SETTORE IMPIANTI DI DEPURAZIONE E RETI DI FOGNATURA RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA

AREA TECNICA SETTORE IMPIANTI DI DEPURAZIONE E RETI DI FOGNATURA RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA AREA TECNICA SETTORE IMPIANTI DI DEPURAZIONE E RETI DI FOGNATURA RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA SITUAZIONE DELLA RETE FOGNARIA IN COMUNE DI GUDO VISCONTI (MI). Ing. Davide Pirolo 1 RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, 283 70024

Dettagli

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Art. 11 - Allacciamento alla pubblica fognatura di insediamenti produttivi e produttivi assimilabili a civili Gli scarichi provenienti da insediamenti

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

Impianto di compostaggio anaerobico

Impianto di compostaggio anaerobico Impianto di compostaggio anaerobico la valorizzazione dei rifiuti organici, ecologicamente ed economicamente affidabile, permette di produrre compost di qualità e biogas a CO 2 neutrale per la generazione

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

IMPIANTI AUTOLAVAGGI

IMPIANTI AUTOLAVAGGI GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI AUTOLAVAGGI 2014 Impianto per autolavaggio 2 Rototec Impianti autolavaggi - 2014 Il crescente interesse verso la tutela e la salvaguardia dell ambiente si sta focalizzando sempre

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 1.1 SEDE INSEDIAMENTO RAGIONE SOCIALE _ INDIRIZZO N. COMUNE PROVINCIA C.A.P. CODICE FISCALE P.IVA TEL. _ FAX _ E.MAIL _ RESPONSABILE DATA INIZIO ATTIVITÀ 1.2 SEDE LEGALE

Dettagli

OLTREPÒ PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme -14 ottobre 2004 ore 14,40

OLTREPÒ PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme -14 ottobre 2004 ore 14,40 OLTREPÒ PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme -14 ottobre 2004 ore 14,40 FOGNATURE MISTE O SEPARATE: È UN PROBLEMA? Regione Lombardia Sede territoriale di Pavia Dirigente della Struttura Sviluppo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA UTENZE DOMESTICHE E ASSIMILATE Il presente opuscolo ha lo scopo di dare delle indicazioni di massima al cliente per la corretta

Dettagli

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi R IFIUTI PE R IC OLOS I Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi Firenze, 13 dicembre 2007 R elazione a cura di: Dott. Chim. R enato Bargna CS A srl e-mai: r.bargna@

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA Bollo Protocollo Al Sindaco del Comune di Russi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Provincia di Brescia Settore Ambiente Ufficio Acqua Via Milano n.13 25126 Brescia OGGETTO: Decreto

Dettagli

Leader del drenaggio. I PICCOLI DEPURATORI INNO-CLEAN +, chiaro, no?

Leader del drenaggio. I PICCOLI DEPURATORI INNO-CLEAN +, chiaro, no? KESSEL presenta I PICCOLI DEPURATORI INNOCLEAN, chiaro, no? Piccoli depuratori Piccolo depuratore SBR completamente biologico conf. DIN 4261 e normativa EN 12566 parte 3 Estremamente solido e permanentemente

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE. Allegato A alla Deliberazione n 5 dell Assemblea d Ambito del 12.03.2010

REGOLAMENTO DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE. Allegato A alla Deliberazione n 5 dell Assemblea d Ambito del 12.03.2010 REGOLAMENTO DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE Allegato A alla Deliberazione n 5 dell Assemblea d Ambito del 12.03.2010 CAPO 1 - DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art.1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

IL 03.07.05 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012

IL 03.07.05 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012 Documento elaborato da: Responsabile qualità e ambiente Attuazione: Responsabile reparto acque reflue in conformità con le

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene Depurazione acque reflue Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene : sistemi prefabbricati in polietilene per la depurazione delle acque reflue ISEA è stata la prima azienda in Italia a progettare

Dettagli