1. PREMESSA 2. TUBAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. PREMESSA 2. TUBAZIONI"

Transcript

1

2 1. PREMESSA Oggetto della seguente relazione è il dimensionamento della rete di distribuzione interna di gas metano, distribuito dalla rete cittadina, a servizio del palazzo sede del Comune di Mesagne sito in Mesagne (BR) alla via Roma, 4, esclusivamente per ciò che riguarda il rifacimento dell allaccio tra il contatore e le caldaie poste a piano terra all interno del vano macchine per l impianto di solar cooling. L impianto alimenterà n. 2 caldaie a basamento a gas di tipo B della potenza termica nominale di kw cadauna. 2. TUBAZIONI L impianto avrà origine dal contatore, installato in apposita nicchia in spazio esterno ai locali della proprietà e sarà realizzato con tubazioni in acciaio UNI 8863 serie leggera, tubazioni in rame e tubazioni in polietilene. Gli utilizzatori saranno collegati alla rete di distribuzione interna con tubazione in rame installata a vista per ogni caldaia. Si riportano di seguito le prescrizioni minime per l installazione delle tubazioni: - Tubazioni a vista Le tubazioni installate a vista dovranno avere andamento rettilineo verticale ed orizzontale ed essere opportunamente ancorate per evitare scuotimenti vibrazioni o oscillazioni. Gli elementi di ancoraggio dovranno essere distanti l uno dall altro non più di 2.5 m per i diametri di tubazione sino a 33.7 mm e di 3.0 m per diametri maggiori. Queste tubazioni saranno collocate in posizione tale da evitare urti e danneggiamenti e, ove necessario, protette. Nell attraversamento di muri pieni, muri di mattoni e pannelli prefabbricati, la tubazione non dovrà presentare giunzioni o saldature e sarà protetta con tubo guaina passante e murato con malta di cemento. 1

3 Nell attraversamento di muri perimetrali esterni, l intercapedine fra tubo guaina e tubazione gas dovrà essere sigillata con materiali non indurenti (ad esempio cemento plastico) in corrispondenza della parte interna del locale. Non sarà assolutamente usato gesso come materiale sigillante. Le guaine di cui sopra, saranno costituite da tubi di PVC non propaganti la fiamma, con diametro interno maggiore di almeno 10 mm del diametro esterno della tubazione del gas. I tubi del gas non saranno a contatto con tubazioni dell acqua; per eventuali parallelismi ed incroci il tubo del gas, se in posizione sottostante, dovrà essere protetto con opportuna guaina impermeabile, in materiale incombustibile o non propagante la fiamma. Le tubazioni del gas non saranno utilizzate come dispersori, conduttori di terra o conduttori di protezione di impianti ed apparecchiature elettriche (CEI 64-8), telefono compreso. Le tubazioni del gas non saranno allocate nelle canne fumarie. Nel caso di parallelismi, sovrappassi e sottopassi fra i tubi del gas ed altre canalizzazioni preesistenti, la distanza minima, misurata fra le due superfici affacciate, deve essere tale da consentire gli eventuali interventi di manutenzione su entrambi i servizi. - Tubazioni sotto traccia Le tubazioni sotto traccia potranno essere installate nei pavimenti, nelle pareti perimetrali, nelle tramezze fisse e nel solaio, purché siano rispettate le seguenti condizioni. Le tubazioni sotto traccia saranno posate ad una distanza non maggiore di 200 mm dagli spigoli paralleli alla tubazione e con elementi atti a permetterne l individuazione del percorso, ad eccezione dei tratti terminali per l allacciamento degli apparecchi, tratti che dovranno essere più brevi possibile. Nel caso di posa sotto traccia entro la fascia di 200 mm, ubicata nella zona più bassa di una parete, si userà l accortezza di collocare la tubazione nella metà superiore di tale fascia onde evitare danneggiamenti per possibili interventi di manutenzione. Nel caso ciò non sia possibile, allora sarà necessario apporre una segnalazione permanente che segnali in modo chiaro l ubicazione della tubazione. 2

4 La tubazione sottotraccia dovrà essere annegata in malta di cemento di spessore non inferiore a 20 mm dopo che la stessa si è posata su uno strato di 20 mm e dopo che ne è stata verificata la tenuta idraulica. Le tubazioni sottotraccia non potranno essere installate sulle pareti esterne dei muri perimetrali e nelle intercapedini comunque realizzate. Potrà essere evitata la formazione delle tracce solo per le tubazioni a pavimento nell ipotesi che esse siano poggiate direttamente sulla caldana del solaio e ricoperte con almeno 20 mm di malta cementizia. 3. GIUNZIONI, RACCORDI E PEZZI SPECIALI, RUBINETTI - Per tubi di acciaio Le giunzioni dei tubi di acciaio saranno realizzate mediante raccordi con filettatura conforme alla norma UNI ISO 7/1, o a mezzo saldatura di testa per fusione. La tenuta delle giunzioni filettate sarà garantita da appositi composti non indurenti (UNI EN 751-1), eventualmente accompagnati da fibra di supporto specificata dal produttore (canapa, lino, fibra sintetica) o nastri di fibra sintetica non tessuta impregnati di composto di tenuta (UNI EN 751-2). Potrà anche essere utilizzato nastro di PTFE non sinterizzato, conforme alla UNI EN Tutti i raccordi ed i pezzi speciali saranno realizzati in acciaio oppure in ghisa malleabile; quelli di acciaio con estremità filettate (UNI ISO 50, UNI ISO 4145) o saldate (UNI ISO 3419), quelli di ghisa malleabile con estremità unicamente filettate (UNI 5192). I rubinetti saranno di acciaio, di ottone o di ghisa sferoidale, con sezione libera di passaggio non minore dei 75% di quella del tubo sul quale verranno inseriti; dovranno essere di facile manovrabilità e manutenzione e con possibilità di rilevare facilmente le posizioni di aperto e di chiuso. - Per tubi di rame Le giunzioni delle tubazioni di rame saranno realizzate mediante giunzione capillare con brasatura dolce o forte (UNI EN ISO 4063), per mezzo di raccordi 3

5 conformi alla UNI EN ed esclusivamente mediante brasatura forte per mezzo di raccordi conformi alla norma UNI EN Le giunzioni dei tubi di rame potranno essere realizzate anche con giunzione meccanica per mezzo di raccordi di compressione smontabili conformi alla UNI EN , con il divieto di essere usate nelle tubazioni interrate. I raccordi ed i pezzi speciali potranno essere di rame, ottone o di bronzo. Le giunzioni miste, tubo di rame con tubo di acciaio, ed anche quelle per il collegamento di rubinetti, raccordi portagomma ed altri accessori, saranno realizzate con raccordi misti ( a giunzione capillare o meccanici sul lato tubo di rame e filettati sull altro lato) secondo la UNI EN Per tubi di polietilene Le giunzioni dei tubi di polietilene possono essere realizzate mediante: o raccordi di polietilene conformi alla UNI EN con saldatura per elettrofusione realizzata in conformità alla UNI 10521; o raccordi di polietilene conformi alla UNI EN con saldatura per fusione a mezzo di elementi riscaldati conformemente alla UNI 10520; o raccordi meccanici conformi alla UNI EN ; o raccordi meccanici con giunzioni miste polietilene-metallo, conformi alla UNI I raccordi meccanici possono essere installati fuori terra o in pozzetti di ispezione. I dispositivi di intercettazione (rubinetti) per i tubi di polietilene possono essere di materiali plastici conformi alla UNI EN , o in alternativa metallici conformi alla UNI EN 331, sempre con le medesime condizioni di posa di cui in della UNI CIG I rubinetti in materiale plastico possono essere installati solo in pozzetti dedicati oppure, se espressamente previsto dal fabbricante, anche direttamente nel terreno. In ogni caso deve essere garantita la manovrabilità dei rubinetti. 4. ACCESSORI Le diramazioni che alimenteranno gli utilizzatori saranno sezionate singolarmente da rubinetti a chiusura rapida del tipo a sfera, omologati per l uso 4

6 specifico. Ogni apparecchio servito dalla rete si potrà intercettare a mezzo di rubinetto installato immediatamente a monte dell apparecchio, sulla tubazione che costituisce la parte fissa dell impianto. Tali rubinetti saranno ubicati in posizione facilmente accessibile e ben visibile. 5. PROVA DI TENUTA DELL IMPIANTO Prima della messa in servizio dell impianto di distribuzione interna di gas, e quindi prima di collegarlo al contatore e prima che siano allacciati gli apparecchi, si provvederà a verificarne la tenuta. Per le parti non in vista dell impianto, la prova dovrà essere fatta prima della copertura della tubazione. La prova sarà effettuata con le seguenti modalità: - si tapperanno provvisoriamente tutti i raccordi di alimentazione degli apparecchi ed il collegamento al contatore, e si chiuderanno i relativi rubinetti; - si immetterà nell impianto aria o altro gas inerte, fino a che si raggiungerà una pressione di almeno 100 mbar; - dopo il tempo di attesa necessario per stabilizzare la pressione (comunque dopo un tempo non minore di 15 min), si effettuerà una prima lettura della pressione, mediante un manometro ad acqua o apparecchio equivalente, di sensibilità minima di 0,1 mbar (1 mm H 2 O). - trascorsi 15 min dalla prima, si effettuerà una seconda lettura: il manometro non dovrà accusare nessuna caduta di pressione visibile fra le due letture. Se si verificheranno delle perdite, queste dovranno essere ricercate con l ausilio di soluzione saponosa o prodotto equivalente ed eliminate; le parti difettose dovranno essere sostituite e le guarnizioni rifatte. E vietato riparare dette parti con mastici, ovvero cianfrinarle. Eliminate le perdite, si rifarà la prova di tenuta dell impianto. 6. APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE E VENTILAZIONE DEI LOCALI La classificazione degli apparecchi a gas è stabilita dalla norma UNI

7 Apparecchi di utilizzazione E prevista l installazione dei seguenti apparecchi utilizzatori: Apparecchio CALDAIA A BASAMENTO Tipo B a servizio dell impianto di climatizzazione (ramo 1) CALDAIA A BASAMENTO Tipo B a servizio dell impianto di climatizzazione (ramo 2) Potenza termica kw kw Ubicazione In base a quanto prescritto al punto della UNI-CIG 7129/2001, gli apparecchi di cottura dovranno sempre evacuare i prodotti della combustione in atmosfera esterna mediante apposite cappe, che dovranno essere collegate a camini singoli, a canne fumarie ramificate collettive ad uso esclusivo delle cappe o direttamente in atmosfera esterna. Eventuali cappe aspiranti elettriche dovranno evacuare in apposito camino singolo o direttamente in atmosfera esterna. Le cappe filtranti (cioè prive di scarico in atmosfera esterna) non sono idonee allo scopo. In caso non esista la possibilità di installazione della cappa, è consentito l impiego di un elettroventilatore, installato su finestra o su parete affacciata sull esterno, da mettere in funzione contemporaneamente all apparecchio, purchè siano tassativamente rispettate le prescrizioni inerenti le ventilazioni avanti riportate. La caldaia sarà installata all esterno, e fermo restando tutte le altre modalità di installazione, dovrà essere protetta con coperture idonee a salvaguardarla dagli agenti atmosferici e dalle condizioni ambientali, in conformità a quanto previsto dalle istruzioni fornite a corredo dal costruttore. Installazione Sarà compito dell installatore controllare che ogni apparecchio di utilizzazione sia idoneo per il gas con cui viene alimentato. I dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione automatica facenti parte di un apparecchio utilizzatore possono essere modificati solo dal costruttore. Gli apparecchi fissi e quelli ad incasso devono essere collegati all impianto con tubo metallico rigido e raccordi di cui al punto 3, oppure con tubo flessibile di acciaio inox a parete continua, di cui alla norma UNI 9891 munito di estremità filettate con idonee guarnizioni di tenuta. 6

8 7. VENTILAZIONE DEI LOCALI E indispensabile che nei locali in cui saranno installati apparecchi a gas, tra cui anche quelli di cottura, possa affluire almeno tanta aria quanta ne viene richiesta dalla regolare combustione del gas e dalla ventilazione del locale. Il locale destinato a cucina, in cui sarà installato l apparecchio di cottura richiede pertanto (punto UNI 7129/2001) un apertura permanente praticata sul muro verso l esterno avente i seguenti requisiti: a) sezione libera totale netta di passaggio di almeno 6 cmq per ogni kw di portata termica installata, con un minimo di 100 cm 2. Per installazione di apparecchi funzionanti a gas combustibile, privi sul piano di lavoro del dispositivo di sicurezza per assenza di fiamma, le sezioni libere di ventilazione relative ai soli suddetti apparecchi, anche se si prevede la ventilazione naturale indiretta di cui al punto 4.3 della UNI CIG 7129/2001, saranno maggiorate del 100%. La sezione minima, quindi, in questi casi, non può essere inferiore a 200 cm 2. Nel caso di gas aventi densità relativa non maggiore di 0,8, la sezione relativa alla maggiorazione può essere realizzata per mezzo di aperture nella parte alta del locale, senza le ulteriori maggiorazioni previste alla successiva lettera d); tali aperture potranno essere realizzate, oltre che su pareti esterne, anche su serramenti che danno verso l esterno, purché sia garantito il libero passaggio verso l esterno; b) essere realizzate in modo che le bocche di apertura sia all interno che all esterno della parete, non possano essere ostruite; c) essere protette, per esempio con griglie, reti metalliche, ecc. in modo tale però da non ridurre la sezione libera totale netta sopraindicata; d) essere situate ad una quota prossima al livello del pavimento e tale da non provocare disturbo al corretto funzionamento dei dispositivi di evacuazione dei prodotti della combustione; ove questa posizione non sia possibile si deve aumentare almeno del 50% la sezione delle aperture di ventilazione. Nel caso di installazione di un elettroventilatore, quale ausilio meccanico per la evacuazione dei prodotti della combustione dell apparecchio di cottura, l apertura di ventilazione del locale, nel caso non sono presenti altri apparecchi, avrà le caratteristiche di cui al punto precedente. La caldaia, di tipo B, sarà installata all esterno. 7

9 8. EVACUAZIONE DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE Le caldaie scaricheranno i prodotti della combustione direttamente in atmosfera esterna all edificio, tramite un apposito sistema fornito direttamente dal costruttore costituito da elementi in acciaio del diametro di 254 mm. La lunghezza del tratto verticale delle condotte di scarico deve essere pari ad almeno tre diametri e superare la copertura del locale tecnico per almeno 1 m. 9. RIFERIMENTI NORMATIVI PRINCIPALI - UNI CIG Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. 10. ALLEGATI Relazione di calcolo Schema rete impianto gas Calcolo aperture di ventilazione dei locali Allegati obbligatori 8

10 Schema di impianto interno gas Relazione di calcolo Riferimento : Rete distribuzione del gas alle caldaie Lavoro : Rete interna di distribuzione del gas metano per il palazzo sede del Comune di Mesagne ubicato in via Roma, 4 in Mesagne (BR) Tipo gas: Metano (CH4); Densità: 0,554; Famiglia: 2; Massa volumica: 0,679 kg/mc; Viscosità: 15,71 mm^2/s; Potere Calorifico inferiore: 35,9 MJ/mc; Potere Calorifico superiore: 39,9 MJ/mc; Perdita di pressione massima ammessa: 50 Pa (0,5 mbar); Portata totale gas : 23,72 Nmc/h

11 Tabella dati tronchi N. Da Rif Portata Nm3/h Lunghezza m Tubazione DN D int. mm Vel. m/s Pdc Tr. Pa Pdc Perc. Pa 1 0 A1 23,72 0,2 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 0, A1 23,72 1,0 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 2, A1 23,72 29,0 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 18, A1 23,72 1,0 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 2, A1 23,72 1,0 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 2, A1 23,72 1,0 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 2, A1 23,72 1,0 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 1, A1 23,72 1,0 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 2, A2 23,72 4,7 PE1555B 90 73,6 1,55 3, A1 23,72 0,8 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 2, A1 23,72 2,5 ACCIAIOM 65 68,9 1,77 2, A3 11,86 0,8 RAME-B 54 50,0 1,68 2,69 45, A4 11,86 1,5 ACCIAIOM 50 53,1 1,49 1, A3 11,86 0,8 RAME-B 54 50,0 1,68 2,31 46,67 Perdite di carico localizzate N. Lunghezza m L.Eq. Agg. m N.Curve N.Gomiti N.Raccordi N.Rubinetti L.Eq. Total m 1 0, ,7 2 1, ,0 3 29, ,2 4 1, ,0 5 1, ,0 6 1, ,5 7 1, ,5 8 1, ,5 9 4, ,7 10 0, ,3 11 2, ,5 12 0, ,6 13 1, ,5 14 0, ,1

12 Analisi percorso più sfavorito N. Portata Nm3/h Lunghezza m L.Eq. Total m Tubazione DN D int. mm Pdc Tronco Pa 1 23,72 0,2 1,7 ACCIAIOM 65 68,9 0, ,72 1,0 4,0 ACCIAIOM 65 68,9 2, ,72 29,0 35,2 ACCIAIOM 65 68,9 18, ,72 1,0 4,0 ACCIAIOM 65 68,9 2, ,72 1,0 4,0 ACCIAIOM 65 68,9 2, ,72 1,0 5,5 ACCIAIOM 65 68,9 2, ,72 1,0 2,5 ACCIAIOM 65 68,9 1, ,72 1,0 5,5 ACCIAIOM 65 68,9 2, ,72 4,7 7,7 PE1555B 90 73,6 3, ,72 0,8 5,3 ACCIAIOM 65 68,9 2, ,72 2,5 5,5 ACCIAIOM 65 68,9 2, ,86 1,5 3,5 ACCIAIOM 50 53,1 1, ,86 0,8 3,1 RAME-B 54 50,0 2,31 TOTALE PERDITA DI PRESSIONE: 46,67 Pa Riepilogo utenze N. Rif P.Termica P.Termica Portata Tipo utenza W Kcal/h Nm3/h 12 C ,86 Riscaldamento 14 C ,86 Riscaldamento TOTALE PORTATA GAS: 23,72 Nm3/h Computo tubazioni Tipo tubazione: ACCIAIOM Descrizione: Tubazione in acciaio UNI 8863 serie MEDIA Peso totale: 254 Kg DN50: m 1,5 DN65: m 38,5 Tipo tubazione: PE1555B Descrizione: Tubazioni di polietilene per la distribuzione di gas combustibilli UNI EN SDR 17.6 DN90: m 4,7 Tipo tubazione: RAME-B Descrizione: Tubazioni in rame UNI 6507 serie B (PESANTE) DN54: m 1,6

13

14 Apparecchi installati CALCOLO APERTURE DI VENTILAZIONE DEI LOCALI Potenza termica kw area min. calcolo [cmq] UNI 7129/2008 area min. norma [cmq] area ventilazione [cmq] Caldaia ramo 1 112,10 6x112,10 672,6 >672,6* Caldaia ramo 2 112,10 6x112,10 672,6 >672,6* * L'area di ventilazione risulta maggiore di 1345,2 cmq poiché il vano macchine (superficie in pianta = 7,50 x 6,85 mq e altezza > 2,50 m) sede di installazione delle caldaie è circondato da rete metallica di protezione a celle aperte.

15 Modulo per la compilazione degli Allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità (ai sensi dell art. 7, comma 1, D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) Sez. I: Riferimenti inerenti alla documentazione. Quadro A Dichiarazione di conformità (1) n 01/2012 Committente: Comune di Mesagne (Provincia di Brindisi); relativamente all impianto di utenza a gas installato nei locali siti nel Comune di Mesagne alla via Roma, 4 di proprietà di (nome cognome indirizzo) Comune di Mesagne via Roma, 4 Mesagne (BR) Progetti: Progetto impianto interno gas (2) rif. Gas Mesagne Progetto camino/canna fumaria (3) rif.. Progetto di prevenzione incendi (4) rif.. Quadro B: Dichiarazioni precedenti (5) Impianto interno gas: rif. n data.. /. /.. impresa / ditta.... Camino/Canna fumaria: rif. n data.. /. /.. impresa / ditta.. Quadro C (6) (facoltativo) Progetto impianto interno gas/camino o canna fumaria esistente rif.. Certificato di prevenzione incendi (CPI) rif.. Relazione tecnica (D.M. 13/12/93) rif... Allegato II al D.M. 26/11/98 (UNI 10738) rif... Sez. II: Relazione schematica Quadro A - Impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) = kw tot Scenario A Scenario B Nuovo impianto gas con apparecchi collegati per complessivi kw tot. Tipo di intervento effettuato Modifica impianto gas esistente Installazione/allacciamento di apparecchi gas Installazione di un tratto di tubazione Installazione di un pezzo speciale Collegamento degli apparecchi alla canna fumaria Realizzazione delle aperture di ventilazione Realizzazione delle aperture di aerazione Camino singolo; canna collettiva; canna collettiva ramificata eseguito come : solo predisposizione (senza collegamento agli apparecchi con terminale chiusi con tappo saldato ). collegamento di..... sostituzione di. adeguamento alla noma/regola tecnica altro (7) Scenario C Esecuzione effettuata in conformità di un progetto Esecuzione e dimensionamento a cura dell installatore Altro (7) Nota: La relazione schematica dell intervento effettuato può considerasi esaustiva spuntando in modo sequenziale gli Scenari A, B, C. Quest allegato obbligatorio si compone di n.5 fogli (14) 1

16 Modulo per la compilazione degli Allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità (ai sensi dell art. 7, comma 1, D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) Sez. II: Relazione schematica Quadro B : Disegno dell impianto realizzato (8): Nel caso in cui non si realizza il disegno dettagliato dell intervento tutti i materiali utilizzati devono essere riportati nell elenco di cui alla sez. III. Riferimenti a certificati o attestati ecc. sono obbligatori nel caso di utilizzo di materiali non riconducibili alla norma di installazione adottata. N.B.: I RUBINETTI D INTERCETTAZIONE NON SONO ACCESSIBILI A TERZI Quest allegato obbligatorio si compone di n.5 fogli (14) 2

17 Modulo per la compilazione degli Allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità (ai sensi dell art. 7, comma 1, D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) Sez. III: Tipologia dei prodotti /materiali impiegati Quadro A: Apparecchiature Dichiaro che le apparecchiature installate sono provviste di marcatura CE e predisposte per il tipo di gas utilizzato. Rif.(9) Q.tà Ubicazione Apparecchiatura Tipo H1 2 esterno caldaia a basamento Apertura di ventilazione effettiva B Modello Marca Immergas Ares 43 Duplex Portata Termica (kw) Tipo di collegamento Installato/Preesist ente/installabile Ventilazione (cm 2 ) Scarico tubo installato 672,6 canna fumaria Apertura di aerazione effettiva > 1345,2cm 2 nota: vano tecnico completamente aperto sui lati e protetto da rete metallica Sez. III: Tipologia dei prodotti_ Quadro B: materiali e componenti utilizzati. Dichiaro che i materiali, le tubazioni, le giunzioni, i raccordi ed i pezzi speciali utilizzati sono previsti dalla norma di installazione: UNI ; D.M. 12/04/96; Altro (attestati, marchi e/o certificati di prova ecc.) Elenco materiali /pezzi speciali (10). (Da compilare obbligatoriamente in mancanza del disegno e/o nel caso di utilizzo di materiali non riconducibili alla norma di installazione adottata). Rif.(9) Ubicazione Componente Materiale Dimensioni Q.tà Lunghezza (m) Installazione A1 esterno tubo acciaio DN a vista A2 esterno tubo polietilene DN sottotraccia A3 esterno tubo rame DN a vista A3 esterno tubo acciaio DN a vista B1 esterno gomito acciaio DN a vista B2 esterno manicotto acciaio DN a vista B3 esterno T acciaio DN a vista B4 esterno gomito acciaio DN a vista B5 esterno riduzione ottone DN65-DN a vista B6 esterno riduzione acciaio DN65-DN a vista C1 esterno valvola a sfera acciaio DN a vista C2 esterno valvola a sfera ottono DN a vista D1 esterno attraversamento polietilene DN incassato E1 esterno contatore di a vista sottrazione F1 esterno giunto dielettrico acciaio DN a vista F2 esterno giunto dielettrico ottono DN a vista G1 esterno pozzetto interrato ispezionabile I1 esterno condotto di scarico alluminio DN a vista J1 esterno aperture di ventilazione rete metallica 60 mq Attestati/ marchi / certificati di prova (11) (obbligatorio per materiali non previsti dalla norma di installazione) Note : Quest allegato obbligatorio si compone di n.5 fogli (14) 3

18 Modulo per la compilazione degli Allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità (ai sensi dell art. 7, comma 1, D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) Sez. IV: Verifica della tenuta/collaudo (12) Dichiaro di aver e effettuato con esito positivo la prova di tenuta delle tubazioni gas a p 100 mbar di aria; tenuta camino/canna fumaria a....; Data della compilazione / / ; Il Responsabile tecnico : firma:.... Il Committente (per presa visione) firma:..... Note:.. Sez. V: Verifica preliminari alla messa in esercizio (prova di funzionalità) (13) Dichiaro di aver e effettuato con esito positivo la prova di l assenza di dispersioni di gas alla pressione di esercizio ; la corretta ventilazione/aerazione dei locali ; l idoneità dei locali d installazione ; il buon funzionamento delle apparecchiature la funzionalità del sistema fumario la compatibilità della sezione dell impianto eseguito con quello preesistente altro.. Data della compilazione././.. ; Il Responsabile tecnico : firma:.... Il Committente (per ricevuta):.... firma:..... Note:.. Legenda: Questo allegato obbligatorio si compone di n 5 Fogli. Rif. (1) Il modulo ministeriale dichiarazione di conformità ed il modulo degli allegati obbligatori devono essere numerati in modo univoco al fine di facilitarne la gestione e la rintracciabilità. Rif. (2) Per l impianto interno gas, il progetto è richiesto nel caso di ampliamenti e nelle nuove realizzazioni, se la portata termica complessiva è maggiore di 34,8 kw. Alla voce rif. (vedi modulo), vanno riportati i seguenti dati: numero e data del progetto, nome del progettista e numero di iscrizione all albo. Rif. (3) Per i sistemi fumari il progetto è richiesto quando si realizzano nuovi camini singoli o collettivi allorché collegati ad una o più apparecchiature aventi una portata termica complessiva maggiore di 34,8 kw. Alla voce rif. (vedi modulo), vanno riportati i seguenti dati: numero e data del progetto, nome del progettista e numero di iscrizione all albo. Nota: le canne di esalazione (singole o collettive) per cappe non sono soggette a progetto. Rif. (4) Il progetto di prevenzione incendi è obbligatorio per impianti di portata termica maggiore di 116 kw ( kcal/h) (vedi D.M ) al fine del rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI). Quest allegato obbligatorio si compone di n.5 fogli (14) 4

19 Modulo per la compilazione degli Allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità (ai sensi dell art. 7, comma 1, D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) Nota: Per certificare gli impianti termici non soggetti alla Legge 46/90 è ritenuto idoneo il modello MOD.DICH.IMP. predisposto dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile in allegato alla Lettera Circolare prot. n. P559/4101 sott. 72/E.6 del 22 marzo Alla voce rif. (vedi modulo) vanno riportati i seguenti dati: il protocollo e la data del parere di conformità rilasciato dal Comando Provinciale VVF. Rif. (5) Poiché l impianto gas può essere realizzato in tempi diversi e da più installatori e giacché la Legge 46/90 impone per ogni intervento, una specifica dichiarazione di conformità dei lavori effettivamente realizzati, l insieme delle dichiarazioni, rilasciate dai singoli operatori, attesta il rispetto della regola dell arte. Se disponibili, devono essere riportati gli estremi dell ultima dichiarazione di conformità esistente, specificando se la stessa è riferita all impianto interno gas o al sistema fumario. Rif.. (6) La compilazione da parte dell installatore del quadro C della sez. I è facoltativa ciò nonostante si segnala quanto segue: - certificato di prevenzione incendi (CPI): alla voce rif. (vedi modulo) vanno riportati il numero di protocollo e la data del rilascio del CPI (ove esistente). - la sostituzione di un generatore di calore di portata termica maggiore di 35 kw deve essere fatta in ottemperanza a quanto riportato nel modulo C del D.M. 13/12/93. Per un intervento effettuato in mancanza del modulo C possono essere applicate sanzioni di tipo economiche sia a carico l utente sia per l installatore. Alla voce rif. (vedi modulo) vanno riportati i seguenti dati: il numero di protocollo, la data di deposito in comune, nome del progettista e numero di iscrizione all albo. (ove esiste) - per gli impianti o sezioni di impianto domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 vanno richiamati gli esiti inerenti ad eventuali verifiche effettuate ai sensi del D.M. 26/11/98 di cui all Allegato II (UNI 10738). Alla voce rif. (vedi modulo) vanno riportati i seguenti dati: numero del protocollo, data, ragione sociale dell impresa o del professionista che ha eseguito la verifica (ove esiste). Rif. (7) Utilizzare la voce Altro per comporre scenari inerenti interventi non espressamente previsti nel modulo. Rif. (8) La sez. II Relazione schematica _ Quadro B (nel seguito chiamata disegno ) e la Sez. III Tipologia dei prodotti/materiali impiegati _ Quadro B: Materiali utilizzati (nel seguito chiamata tabella materiali ), possono essere compilati entrambi o in alternativa. Il disegno e la tabella materiali possono essere omessi entrambi solo alla presenza di un progetto. Nel caso di esecuzione del disegno, lo stesso dovrà contenere (ben leggibili) almeno tutte le informazioni previste nelle voci della tabella materiali. Rif. (9) Nel caso di esecuzione del disegno in forma schematica, la compilazione della tabella materiali completa la descrizione dell impianto svolgendo la funzione di una legenda. In questo nella prima colonna deve essere inserito per ogni componente il riferimento che permette di individuare la posizione di tale componente sul disegno. Rif. (10) La tabella materiali deve essere sempre compilata in mancanza del disegno o nel caso di utilizzo di materiali non riconducibili alla Norma d installazione adottata. Rif. (11) Nei casi di utilizzo di componenti non riconducibili alla norma d installazione adottata, nell ultima colonna devono essere riportati gli estremi di eventuali certificati, rilasciati da laboratori o Enti autorizzati, o gli estremi delle dichiarazioni dei fornitori che attestano la conformità del prodotto alla regola dell arte per l utilizzo specifico (ad esempio la certificazione di durabilità rilasciata dal fabbricante del sistema raccordi a pressare). Rif. (12) La sez. IV è riservata all attestazione degli esiti positivi dei test di verifica della tenuta o di collaudo relativi all intervento effettuato, nel rispetto della norma o regola tecnica vigente. Al riguardo si evidenzia che le condizioni di prova per quanto attiene pressioni di verifica, tempi o perdite ammesse (solo per i camini) variano in funzione al tipo di intervento o di impianto realizzato. In particolare: un impianto interno gas di tipo domestico deve essere collaudato a 100 mbar per 15 minuti; un impianto soggetto alle disposizioni del D.M. 12/04/96 deve essere collaudato ad : i. 1 bar e per un tempo pari a 24 ore se le tubazioni di adduzione gas sono di 6a specie ed interrate; ii. iii. iv. 1 bar e per un tempo pari a 4 ore se le tubazioni di adduzione gas sono di 6a specie e non interrate; 1 bar e per un tempo pari 30 minuti se le tubazioni di adduzione gas sono di 7a specie ed interrate; 0,1 bar e per un tempo pari 30 minuti se le tubazioni di adduzione gas sono di 7a specie e non interrate. Per il recupero dei camini esistenti, sono richieste, ai sensi della UNI 10845, le pressioni di prova che eseguono: i. 40 Pa con una perdita ammessa per m 2 di 2 dm 3 /s, se il camino funziona in pressione negativa ed è collegato ad un apparecchio munito di ventilatore; ii. iii. 200 Pa con una perdita ammessa per m 2 di 0,12 dm 3 /s, se il camino funziona in pressione positiva quando il condotto fumario è esterno all edificio; 200 Pa con una perdita ammessa per m 2 di 0,006 dm 3 /s, se il camino funziona in pressione positiva quando il condotto fumario è addossato o interno all edificio. Rif.(13) Nella sezione V sono riportate le verifiche da effettuare prima di mettere in esercizio gli apparecchi di utilizzazione. Questo quadro va compilato solo dopo l attivazione della fornitura del combustibile gassoso. Rif. (14) Per una migliore garanzia della integrità del documento è consigliato numerare tutte le pagine che compongono l insieme degli allegati obbligatori annotando, nell ultima, di quante pagine esso si compone. Nota. La documentazione non ha scadenza e deve essere conservata fino a quando l impianto non viene totalmente modificato. Quest allegato obbligatorio si compone di n.5 fogli (14) 5

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data Allegato a: Dichiarazione di Conformità (ai sensi della Legge 46/90) Attestato di corretta esecuzione impianto gas di cui al modello "B" (Del. N 40/04 dell'aeeg) Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione

Dettagli

Allegati Tecnici Obbligatori Foglio 1 di. (DM 37/08) Impresa/Ditta. Resp.Tecnico/Titolare. Committente.

Allegati Tecnici Obbligatori Foglio 1 di. (DM 37/08) Impresa/Ditta. Resp.Tecnico/Titolare. Committente. Allegati Tecnici Obbligatori Foglio 1 di. (DM 37/08) Impresa/Ditta Resp.Tecnico/Titolare Sez. I: Riferimenti inerenti alla documentazione. Quadro A: Dichiarazione di conformità (1) n. Committente Progetti:

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato Rif. (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i

Dettagli

Tipo di intervento effettuato. Eseguito come: Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione. Cod. rich. Venditore )

Tipo di intervento effettuato. Eseguito come: Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione. Cod. rich. Venditore ) ) ) ) ) ) Cod. rich. Venditore ) Impresa / Ditta Resp.Tecnico / Titolare ) ) ) ) ) )Cod. rich. GESAM S.p.A. ) Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A Dichiarazione di Conformità (1) n

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*)=............

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Art. 9 della Legge n 46 del 5 marzo 1990

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Art. 9 della Legge n 46 del 5 marzo 1990 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Art. 9 della Legge n 46 del 5 marzo 1990 Il sottoscritto.. titolare o legale rappresentante dell impresa (ragione sociale).operante nel settore

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato (A) Per una migliore garanzia della integrità del documento è consigliato numerare tutti

Dettagli

Note Allegati obbligatori

Note Allegati obbligatori Note Allegati obbligatori (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i lavori (realizzazione, modifica, sostituzione apparecchi, ecc.), deve essere calcolata sommando

Dettagli

Committente Ubicazione impianto di utenza: Comune di: ( ) Via n.

Committente Ubicazione impianto di utenza: Comune di: ( ) Via n. Dati dell'installatore (1) Nominativo titolare/legale rappresentante Impresa/ditta (ragione sociale) Responsabile tecnico/titolare Sede: Comune di: CAP prov. Via n. tel cell fax email Dati del committente

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Modulo predisposto dal CIG ESEMPIO DI COMPILAZIONE L esempio di compilazione degli allegati tecnici secondo il nuovo modulo predisposto dal CIG e dall

Dettagli

Relazione schematica opere eseguite: tipologia materiali utilizzati

Relazione schematica opere eseguite: tipologia materiali utilizzati Allegati alla dichiarazione di conformità alla regola dell arte delle opere eseguite, di cui al D.MSE 22 gennaio 2008, n. 37 (allegato all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui

Dettagli

Commissionato da : Nel comune di PR Via n scala piano Interno di proprietà di (nome, cognome, o ragione sociale e indirizzo) DICHIARA

Commissionato da : Nel comune di PR Via n scala piano Interno di proprietà di (nome, cognome, o ragione sociale e indirizzo) DICHIARA MINISTRO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE Allegato I di cui all art. 7 del Decreto 22 gennaio 2008 n.37 Il sottoscritto Titolare

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Cod. rich. Venditore PDR Committente Impresa / Ditta Responsabile tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla seguente tipologia di intervento : impianto

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Modulo predisposto dal CIG ESEMPIO DI COMPILAZIONE L esempio di compilazione degli allegati tecnici secondo il modulo predisposto dal CIG e dall UNI,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008)

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008) Il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa (rag. sociale) Operante nel settore Con sede nel comune di: (prov. ) Via nr. P.IVA: Cod. Fisc. Tel. Fax E-mail Iscritta nel registro delle imprese

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) SEZIONE 1 Quadro A: dati dell impresa installatore IMPRESA / DITTA

Dettagli

1 321/000000 info@iltubo.it 01234567890 Roma n. 181251 RM 54874

1 321/000000 info@iltubo.it 01234567890 Roma n. 181251 RM 54874 Allegato I/40 ATTESTAZIONE DI CORRETTA ESECUZIONE DELL'IMPIANTO (rilasciata ai sensi della Deliberazione n. 40/2014/R/gas dell Autorità per l Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico) Sezione da compilarsi

Dettagli

ACCERTAMENTI DOCUMENTALI. ai sensi della. DELIBERAZIONE AEEG N. 40/04 s.m.i.

ACCERTAMENTI DOCUMENTALI. ai sensi della. DELIBERAZIONE AEEG N. 40/04 s.m.i. ACCERTAMENTI DOCUMENTALI ai sensi della DELIBERAZIONE AEEG N. 40/04 s.m.i. PRINCIPALI ELEMENTI DI AUTOCONTROLLO AI FINI DELLA CORRETTA COMPILAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ACCERTARE 1 PREMESSA Nelle pagine

Dettagli

ACCERTAMENTI DOCUMENTALI. ai sensi della. DELIBERAZIONE AEEG N. 40/04 s.m.i.

ACCERTAMENTI DOCUMENTALI. ai sensi della. DELIBERAZIONE AEEG N. 40/04 s.m.i. ACCERTAMENTI DOCUMENTALI ai sensi della DELIBERAZIONE AEEG N. 40/04 s.m.i. PRINCIPALI ELEMENTI DI AUTOCONTROLLO AI FINI DELLA CORRETTA COMPILAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ACCERTARE 1 PREMESSA Nelle pagine

Dettagli

LA COMPILAZIONE E LA VERIFICA DELL ALLEGATO I/40

LA COMPILAZIONE E LA VERIFICA DELL ALLEGATO I/40 Delibera 40/14 La modulistica per gli installatori LA COMPILAZIONE E LA VERIFICA DELL ALLEGATO I/40 Moreno Barbani Responsabile Emilia Romagna Bologna, 9 settembre 2014 Linee Guida CIG n. 11. Accertamenti

Dettagli

La norma UNI 7129/08 Prima parte: Impianto interno Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione

La norma UNI 7129/08 Prima parte: Impianto interno Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione La norma UNI 729/08 Prima parte: Impianto interno Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione www. impiantitalia.it R08 La norma UNI 729/08 La norma definisce i criteri

Dettagli

Allegati Tecnici Obbligatori (Decreto 37/08, Delibera AEEG n. 40/14 e succ. integrazioni e modifiche)

Allegati Tecnici Obbligatori (Decreto 37/08, Delibera AEEG n. 40/14 e succ. integrazioni e modifiche) Tab. 1 Allegati Tecnici Obbligatori (Decreto 37/08, Delibera AEEG n. 40/14 e succ. integrazioni e modifiche) Impresa/Ditta Responsabile Tecnico/Titolare.. Dichiarazione di conformità n Modulo Allegato

Dettagli

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 Quesito QET.001 ELETTROTECNICA Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 I conduttori attivi devono

Dettagli

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 La UNI 7129 edizione 2008 è la più importante

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ESEMPIO DI COMPILAZIONE L esempio di compilazione degli allegati tecnici secondo un modello predisposto dal CIG e dall UNI, unitamente alla compilazione

Dettagli

OPERE DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO AL SERVIZIO CENTRALE TERMICA SITA NEL COMPLESSO DEL MONASTERO DI SANTA MARIA IN VALLE PROGETTO GAS

OPERE DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO AL SERVIZIO CENTRALE TERMICA SITA NEL COMPLESSO DEL MONASTERO DI SANTA MARIA IN VALLE PROGETTO GAS OPERE DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO AL SERVIZIO CENTRALE TERMICA SITA NEL COMPLESSO DEL MONASTERO DI SANTA MARIA IN VALLE PROGETTO GAS Comune di: CIVIDALE DEL FRIULI Provincia di : UDINE Committente/i:

Dettagli

Il sottoscritto (*) residente in: via n. piano interno comune CAP (provincia ) tel. (tel. cellulare e-mail ) Codice Fiscale / Partita IVA:

Il sottoscritto (*) residente in: via n. piano interno comune CAP (provincia ) tel. (tel. cellulare e-mail ) Codice Fiscale / Partita IVA: Allegato H/40 (sezione da compilarsi a cura del venditore) Ragione sociale del venditore Codice del Punto di Riconsegna o codice assegnato dal distributore alla richiesta di attivazione/riattivazione della

Dettagli

Multistrato per gas Il quadro normativo

Multistrato per gas Il quadro normativo Multistrato per gas Il quadro normativo DM. 37/2008 (in vigore dal 27/03/2008 ex L. 46/1990) Il DM 37/2008 si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione

Dettagli

Milano - 18 giugno 2014

Milano - 18 giugno 2014 Milano - 18 giugno 2014 Linee Guida CIG N. 11 Esecuzione degli accertamenti documentali di sicurezza degli impianti di utenza a gas. (Realizzate ai sensi della Delibera AEEG n. 40/14 in ambito CIG P.C.

Dettagli

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 La PROVA DI TENUTA di un impianto gas è una verifica che deve essere eseguita obbligatoriamente su un NUOVO IMPIANTO interno di adduzione

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico BQ Press GAS in accoppiamento a tubi di rame conformi alla norma UNI 1057 nei diametri da 12 a 54 mm può essere utilizzato per la realizzazione di impianti a gas per usi domestici, non superiori la portata

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing.

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing. UNI 11528:2014 Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio ing. ALBERTO MONTANINI Presidente Assotermica Presidente Commissione Post-Contatore

Dettagli

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione.

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0016-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione UNI 7129/01

Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione UNI 7129/01 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione UNI 7129/01 Progettazione, installazione e manutenzione Terza edizione DICEMBRE 2001 CLASSIFICAZIONE ICS: 91.140.40 SOMMARIO La norma

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER L'OTTENIMENTO DEL PARERE DI CONFORMITA' DI CUI ALL'ART. 2 DEL D.P.R. 12 GENNAIO 1998 N 37

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER L'OTTENIMENTO DEL PARERE DI CONFORMITA' DI CUI ALL'ART. 2 DEL D.P.R. 12 GENNAIO 1998 N 37 RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER L'OTTENIMENTO DEL PARERE DI CONFORMITA' DI CUI ALL'ART. 2 DEL D.P.R. 12 GENNAIO 1998 N 37 UBICAZIONE: PROPRIETA': Amministrazione Comunale di Caorso DITTA:

Dettagli

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas Compilazione dei documenti previsti

Dettagli

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Tutti i contatori per gas combustibile sono strumenti di misura di precisionee pertanto vanno movimentati con le dovute cautele, sia durante le

Dettagli

Elenco Prezzi. descrizione articolo RETE ADDUZIONE GAS METANO CENTRALE TERMICA

Elenco Prezzi. descrizione articolo RETE ADDUZIONE GAS METANO CENTRALE TERMICA 28 - Impianti gas RETE ADDUZIONE GAS METANO CENTRALE TERMICA FP - 28-1G Fornitura e posa in opera di sportello in lamiera zincata per l'alloggiamento del contatore di misura del gas metano a servizio della

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0013-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge Sicurezza al 300% con EMIFLEX 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge CHIARIMENTI TECNICI NORMATIVE GAS EMIFLEX è l azienda leader in Italia nella progettazione e produzione

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione.

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0007-2010 Data 12/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale

Dettagli

NORME TECNICHE IMPIANTI GAS. Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. (Indice di norme integrale in formato pdf)

NORME TECNICHE IMPIANTI GAS. Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. (Indice di norme integrale in formato pdf) NORME TECNICHE IMPIANTI GAS Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (Indice di norme integrale in formato pdf) N.B. Per aprire i files delle norme, che sono in formato PDF,

Dettagli

Impianti di adduzione gas realizzati con sistemi di tubazioni multistrato metallo-plastici UNI TS 11343

Impianti di adduzione gas realizzati con sistemi di tubazioni multistrato metallo-plastici UNI TS 11343 Impianti di adduzione gas realizzati con sistemi di tubazioni multistrato metallo-plastici UNI TS 1 1 1 Questa presentazione illustra i principali contenuti delle norme tecniche di volta in volta richiamate

Dettagli

SOMMARIO. 1. Normativa... 2 2. Premessa... 2 3. Dati di ingresso... 3 4. Dimensionamento della condotta... 4 5. Prova di tenuta...

SOMMARIO. 1. Normativa... 2 2. Premessa... 2 3. Dati di ingresso... 3 4. Dimensionamento della condotta... 4 5. Prova di tenuta... SOMMARIO 1. Normativa... 2 2. Premessa... 2 3. Dati di ingresso... 3 4. Dimensionamento della condotta... 4 5. Prova di tenuta... 6 1. Normativa Legge n.1083 del 6/12/1971 Legge n. 46 del 05/03/1990 D.M.

Dettagli

RELAZIONE GENERALE E SPECIALISTICA DEL PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE GENERALE E SPECIALISTICA DEL PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO TERMICO Soluzione Ingegneria Ing. Mario Zito Via della Madonna n 105, 51100 Pistoia Tel/fax 0573.977477 0573.25014 RELAZIONE GENERALE E SPECIALISTICA DEL PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO TERMICO S. Domenico ASP Via

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione NORMA TECNICA ATA AUTORI TITOLO SOMMARIO 31/12/2001 CIG Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione. Progettazione, installazione e manutenzione. Gas plants for domestic use fed

Dettagli

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE STATO DELL ARTE A SEGUITO VARIAZIONI AVVENUTE NEGLI ANNI RIPORTIAMO UNA BREVE CRONISTORIA NORMATIVA ART. 5 COMMA 10 DPR 412 IN TUTTI I CASI DI NUOVA INSTALLAZIONE

Dettagli

UNI 7129/92. Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129/92. Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione 1 Generalità 1.1 Scopo UNI 7129/92 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per

Dettagli

NOTA INFORMATIVA 30 aprile 2006.

NOTA INFORMATIVA 30 aprile 2006. NOTA INFORMATIVA La norma UNI 7129 ha già avuto tre edizioni; la prima nel 1972, la seconda nel 1992 e la terza nel 2001. La terza edizione del 2001 non rappresentava una revisione globale della norma

Dettagli

La norma UNI 7129/08. La norma UNI 7129/08

La norma UNI 7129/08. La norma UNI 7129/08 La norma UNI 729/08 Installazione dell impianto interno: disposizioni generali, i rubinetti www. impiantitalia.it R08 77 77 La norma UNI 729/08 Installazione dell impianto interno: disposizioni generali,

Dettagli

La norma UNIUNI-CIG 7129/08 Prima parte: Impianto interno

La norma UNIUNI-CIG 7129/08 Prima parte: Impianto interno La norma UNIUNI-CIG 729/08 Prima parte: Impianto interno Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione www. impiantitalia.it R08 La norma UNIUNI-CIG 729/08 La norma definisce

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

PROGETTO DI NORMA CIG E01.08.929.0

PROGETTO DI NORMA CIG E01.08.929.0 Ente Federato all UNI 20097 San Donato Milanese P.zza M. Boldrini, 1 Tel 02 55700101 Fax 02 52037621 www.cig.it PROGETTO DI NORMA CIG E01.08.929.0 IMPIANTI A GAS DI PORTATA TERMICA MAGGIORE DI 35 KW PROGETTAZIONE,

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA Requisiti fisico-meccanici I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per il trasporto di gas combustibili sono prodotti

Dettagli

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita IN GAS DOPPIO IN GAS DOPPIO Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita VALVOLA A SFERA CW 617 N UNI EN 5-4 CESTELLO DI ISPEZIONE Plastica DADI DI FISSAGGIO CW 6 N UNI EN 4 SEDI LATERALI P.T.F.E.

Dettagli

Relazione di calcolo

Relazione di calcolo Relazione di calcolo Software EC750 - Aperture e scarichi EDIFICIO INDIRIZZO INTERVENTO Villetta singola via Roma, 25-28021 Borgomanero (NO) Sostituzione generatore COMMITTENTE Alberto Rossi INDIRIZZO

Dettagli

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Modifi che ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell articolo 12 della legge 18 giugno 2009,

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS Via della Madonna n 105, 51100 Pistoia Tel/fax 0573.977477 0573.25014 RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS S. Domenico ASP Via Colle dei Fabbri n 8 51017 Pescia (PT) Premessa di carattere generale La presente

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE D.M. 22.1.2008, n 37

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE D.M. 22.1.2008, n 37 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE D.M. 22.1.2008, n 37 Dichiarazione di conformità n. 001/2010 Il sottoscritto Antonio Verdi titolare o legale rappresentante dell'impresa

Dettagli

Milano 27 novembre 2012

Milano 27 novembre 2012 Convegno La nuova norma UNI 10738 Le verifiche e i nuovi materiali negli impianti gas Mario Volongo - Area tecnica CIG 1 Un po di storia sui materiali utilizzati negli impianti a gas 2 Centrali termiche

Dettagli

Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL)

Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL) Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL) antincend...page 1 of 19 Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL) ottobre 2008 Il riscaldamento

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

La corr etta corr installazione degli installazione La corretta La corr installazione degli impianti termici impianti impianti termici ad uso

La corr etta corr installazione degli installazione La corretta La corr installazione degli impianti termici impianti impianti termici ad uso LINEE GUIDA La corretta installazione degli impianti termici ad uso riscaldamento e/o produzione di acqua calda di portata termica inferiore o uguale a 35 kw (30.000 kcal/h) alimentati a gas 2ª edizione

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 Sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione www. impiantitalia.it R08 1 1 La terza parte della norma definisce i criteri dei sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione collegati ad

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE MANUALE TECNICO GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE GREENOx/GREENOx.e/K A TRE GIRI DI FUMO DUAL GRX/DUAL

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE LEGGE 457/78 7 Biennio Ex Programma di intervento n.7071-7111

PROGRAMMA REGIONALE LEGGE 457/78 7 Biennio Ex Programma di intervento n.7071-7111 Tav: Revisione: AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, 14-10134 Torino P. I.V.A.: 00499000016 C0841001 1 Internet: http:// www.atc.torino.it E-mail: costruzioni@atc.torino.it

Dettagli

Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278. German p.i. Puntscher

Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278. German p.i. Puntscher Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278 German p.i. Puntscher L importanza della canna fumaria La canna fumaria viene sempre citata nei regolamenti edilizi

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina Sistemi di evacuazione Sistema cappa cucina EVACUAZIONE VAPORI DI COTTURA Tutte le cucine sono dotate di cappa d aspirazione per il convogliamento verso l esterno dei prodotti della combustione, dei cattivi

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Gianni Bettini Vicenza, 25 giugno 2005 1di 24 Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Di quali centrali termiche stiamo parlando?

Dettagli

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia Decreto Ministero dell Interno 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili

Dettagli