Consiglio regionale del Veneto 6HWWLPD&RPPLVVLRQHFRQVLOLDUH. Missione di st udio 2005 Spagna 4XDGHUQRGLPLVVLRQH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio regionale del Veneto 6HWWLPD&RPPLVVLRQHFRQVLOLDUH. Missione di st udio 2005 Spagna 4XDGHUQRGLPLVVLRQH"

Transcript

1 Consiglio regionale del Veneto 6HWWLPD&RPPLVVLRQHFRQVLOLDUH Missione di st udio 2005 Spagna 4XDGHUQRGLPLVVLRQH DFXUDGHOODVHJUHWHULDGHOOD6HWWLPD&RPPLVVLRQHFRQVLOLDUH ',5(=,21(5(*,21$/(5$33257,($77,9,7,67,78=,21$/,

2 SOMMARIO VIAGGIO DI STUDIO DELLA SETTIMA COMMISSIONE CONSILIARE...3 PROGRAMMA DEFINITIVO...5 INCONTRO CON AQUA DI BARCELLONA...6 VISITA ALL IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE DI LIOBREGAT...12 INCONTRO CON LA SOCIETA CLABSA GESTORE DELLE FOGNATURE DI BARCELLONA...15 VISITA AL DEPOSITO DEL PARCO DI JOAN MIRO...25 VISITA ALLO STABILIMENTO DI PRODUZIONE DI TUBI IN GHISA SFEROIDALE...27 APPENDICE...35 %$5&(//21$ 6$17$1'(5 Quaderno di missione - 2

3 9,$**,2',678',2'(//$6(77,0$&200,66,21(&216,/,$5(,163$*1$ VISITA IMPIANTI BARCELLONA E SANTANDER ± La missione si suddivide in due parti e comprende la visita a Barcellona di alcuni impianti gestiti dalla Società Agua de Barcelona, società leader nel settore della gestione del ciclo integrale dell acqua in Spagna e in diversi Paesi Sudamericani, e la visita allo stabilimento Saint-Gobain Canalizacion dislocato nelle città di Santander. 3ULPDSDUWH%DUFHOORQD QRYHPEUH QRYHPEUH Incontro con il gestore della società Agua de Barcelona (www.agbar.es) La società, considerata leader del settore della gestione del ciclo integrale dell acqua in Spagna e in diversi Paesi Sudamericani, conta oltre 230 imprese associate e il suo sviluppo, iniziato 130 anni fa, ne ha fatto un leader mondiale che l ha portata a servire oltre 37 milioni di utenti in tutto il mondo. Il gruppo Agbar è proiettato ad una filosofia d impresa che fa dell eccellenza l obiettivo produttivo con processi d innovazione tecnologica di assoluta avanguardia. La visita consente di conoscere la dimensione di questa impresa e l efficiente modo di fare impresa, di visitare gli avanzatissimi impianti di potabilizzazione e i laboratori di controllo delle acque. Incontro con CLABSA. Clabsa, società mista del settore gestione acque, fanno parte oltre ad Agbar di cui sopra, anche il Comune di Barcellona e FCC. Quest ultima nasce nel 1900 come società di costruzioni e presto diventa una delle più importanti società quotate alla borsa spagnola. Nel 1911 inizia la sua attività nei servizi pubblici e con essa inizia la diversificazione produttiva che la porta a indirizzare oltre il 53% degli affari nel settore dell eliminazione dei residui solidi, dell abbattimento dell inquinamento delle acque pubbliche e nel trattamento delle acque potabili. La presenza di questa impresa non si limita al mercato spagnolo ma si estende in molti paesi europei, asiatici e sudamericani. L incontro consentirà, nel corso di una presentazione tecnica, di conoscere le moderne tecnologie impiegate in questi campi e di visitare il centro di telecontrollo del sistema fognario cittadino. Verrà inoltre visitato uno dei 23 depositi antinondazione costruiti sottoterra allo scopo di comprenderne appieno tutti i vantaggi derivanti da questo tipo di soluzione tecnologica. Quaderno di missione - 3

4 6HFRQGDSDUWH6DQWDQGHU QRYHPEUH Visita allo stabilimento Saint-Gobain-Canalizacion Il programma prevede la visita allo stabilimento Saint-Gobain-Canalizacion di Santander (700 Km a nord-ovest di Barcellona) importante stabilimento per la produzione di tubi in ghisa sferoidale impiegati in moderni impianti d irrigazione tra i più avanzati tecnologicamente. L impiego di questa tecnica, denominato PAM IRRIGAL, oltre a rispondere e risolvere esigenze di qualsiasi genere in questo settore offre, a costi di gran lunga minori, un prodotto assolutamente compatibile con l ambiente per flessibilità, sicurezza e riciclabilità. (/(1&23$57(&,3$17, Maurizio CONTE Giuseppe BERLATO SELLA Andrea ASTOLFI Giovanni GALLO Franco FRIGO Guido DRAGHI Presidente Settima Commissione consiliare Vicepresidente Settima Commissione Consigliere Consigliere Consigliere Segreteria Settima Commissione Quaderno di missione - 4

5 352*5$00$'(),1,7,92 27/11 3DUWHQ]DGD9HQH]LD (h ) $UULYRD%DUFHOORQD 6LVWHPD]LRQHLQKRWHO³%DUFHORQD6DQWV ±3OD]D3DLVRV&DWDODQV±%DUFHOORQD 9LVLWDJXLGDWDPXVHRGHOO DFTXDGL%DUFHOORQDHDOOD7RUUH³$JXD GL%DUFHOORQD 28/11 Incontro con il gestore $*8$'(%$5&(/21$ Presentazione di $*8$'(%$5&(/21$ (www.agbar.es) 9LVLWDDOO LPSLDQWRGLSRWDELOL]]D]LRQH 9LVLWDDOODERUDWRULRFRQWUROORDFTXH Discussione Cena offerta dalla società del gres spa di Bergamo c/o ristorante tipico Per le visite agli impianti di Barcellona l accompagnatore ed interprete sarà l ing. Marras 29/11 Incontro con&odevd(società mista composta da Agbar, Comune di Barcellona e FCC), JHVWRUHGHOOHIRJQDWXUHFLWWDGLQH Presentazione di &ODEVDHYLVLWDDOWHOHFRQWUROORIRJQDWXUH 9LVLWDDGGHLGHSRVLWLDQWLLQQRQGD]LRQHVRWWHUUDQHL Partenza per l aereoporto ed imbarco per Santander (h ) Sistemazione in hotel ( Bahia Avda Alfonso, XII, Santander) 30/11 Ore LVLWDVWDELOLPHQWRD6DQWDQGHUGL produzione tubi in ghisa sferoidale, vedi link allegato, accompagnati dal dott. Alberto Nucca della Saint Gobain Condotte. Pranzo offerto dalla Saint Gobain c/o il ristorante all interno dello stabilimento Maison Espana. Ore &RQIHUHQ]DFRORVWDELOLPHQWRVXOWHPD Il processo produttivo della ghisa sferoidale relatore dott. Alberto Nucca. 01/12 Partenza da Santander e rientro a Venezia Via Barcellona (h x il gruppo Seta spa), rientro a Venezia Via Madrid (h x il gruppo Regione Veneto) Quaderno di missione - 5

6 Barcellona Lunedì 28 novembre 2005,1&21752&21$48$',%$5&(//21$ UHOD]LRQDXQGLULJHQWHGHOODVRFLHWjIXQJHGDDFFRPSDJQDWRUHHGLQWHUSUHWHO LQJ0DUUDV 3UHVHQWD]LRQH,O*UXSSR$*%$5 Il gruppo Agbar è oggi a capo di una grande holding costituita da più di 230 imprese e con più di 130 anni di storia che opera in tutti gli ambiti relazionali con i servizi per la collettività: ciclo integrale dell acqua, sanità, certificazioni e ispezioni, costruzioni e installazioni, trasporti e manutenzione. Il gruppo Agbar è leader mondiale sia nel ciclo dell acqua, ambito che costituisce il punto essenziale delle sue attività, sia nei settori dei servizi per la salute, certificazioni, costruzioni e reti di comunicazione. La sua espansione nell ambito internazionale, compreso il nord e sud del continente americano, Asia ed Europa, consolida il suo predominio e il suo potenziale di accrescimento come gruppo che presta il suo servizio a più di 37 milioni di abitanti in tutto il mondo. Con un organico di più di impiegati, un capitale sociale di milioni di Euro e un fatturato consolidato attribuito alla società primaria di 198 milioni di Euro nel 2004, il Gruppo Agbar ha fissato un indice di crescita e parametri di valori che le permettono di progredire giorno per giorno, adattandosi alle necessità di un mondo in costante evoluzione, e occupare una posizione di predominio nella maggioranza degli ambiti di svolgimento e sviluppo della sua attività. /DVRFLHWj$*%$5$48$ Agbar Acqua è costituita dall insieme di società appartenenti al Gruppo Agbar che si dedicano alla gestione del ciclo integrale dell acqua, cioè, all estrazione, trasporto, potabilizzazione e distribuzione di acqua potabile, così come alla depurazione dei reflui, riutilizzo e restituzione ai corpi ricettori naturali con il minimo impatto ambientale. Vi è un lungo percorso fra l acqua al suo stato naturale e al complesso uso sociale che ne facciamo. Da quasi più di un secolo, nel gruppo Agbar, si è assicurato la corretta gestione dell acqua già dall inizio, con profondo rispetto per l ambiente utilizzando acqua in perfette condizioni per un uso giornaliero di tutta la società. Restituendo, infine, l acqua nelle migliori condizioni, concludiamo un ciclo che ci permette di tornare a ricominciare. L esperienza della nostra impresa madre, Aigues di Barcellona, con più di 130 anni di storia, assicura l affidabilità necessaria per garantire la continuità del servizio e la responsabilità con le organizzazioni con le quali collaboriamo. Agbar Acqua è presente in diversi paesi del mondo, offrendo un servizio unico, vicino, rapido ed efficace a più di 35 milioni di persone. 3UHVHQ]DLQ6SDJQD Riconosciuto come uno dei leader mondiali del settore, Agbar Acqua è il primo operatore privato per la gestione dell acqua urbana in Spagna. Presente in tutte le comunità autonome spagnole, serve più di 15 milioni di abitanti in quasi paesi e città, che contano da a più di 3 milioni di abitanti. Quaderno di missione - 6

7 3UHVHQ]D,QWHUQD]LRQDOH L insediamento di Agbar Acqua nel mondo è un riflesso della sua grande capacità di adattamento alle varie realtà sociali e tecnologiche. Più di 20 milioni di persone in Andorra, Argentina, Cile, Brasile, Colombia, Cuba, Messico e Uruguay usufruiscono del servizio integrale di uno dei gruppi più all avanguardia inseriti nella collettività e che assicura la corretta gestione nel rispetto dell ambiente. Oltre alla mera gestione, Agbar Acqua promuove l educazione e la sensibilizzazione ad un uso responsabile dell acqua, contribuendo, in questo modo, ad una società futura più rispettosa con i suoi fiumi e laghi. &RVWUX]LRQH Acsa Agbar Costruzioni S.A. è la società del Gruppo Agbar che svolge l attività in questo settore, sia nella gestione di ogni tipo di progetti e opere, così come nella prestazione di servizi e contratti associati alla propria attività costruttrice. Offre un importante valore aggiunto ai suoi clienti, tanto a pubblici organismi come a enti privati, basato sulla sua esperienza e capacità di gestione, che gli permette di apportare tecniche e innovazioni in progetti di opere civili, ambientali e di edilizia, o con nuove formule di finanziamento nell ambito delle concessioni o edifici residenziali, aggiungendo piena garanzia di efficienza, qualità, sicurezza e rispetto per l ambiente.,qvwdood]lrqh L integrazione del gruppo Emte in Agbar ha comportato la costituzione di un piano comune per lo sviluppo delle linee guida relative all ingegneria di sistema e manutenzione, consolidando la posizione del Gruppo Agbar fra i cinque primi gruppi spagnoli in questo settore aprendo nuove aspettative nelle aree di grandi infrastrutture elettriche e ferroviarie, pubbliche e nei settori turistico e industriale. Per mezzo della più avanzata tecnologia e di un equipe altamente specializzata, le imprese del settore offrono soluzioni integrali ed efficienti in ambito dell ingegneria di sistema, automatismi e controllo di gestione dei servizi urbani, installazione e sfruttamento di stazioni e reti integrate di vigilanza continua, gestione del territorio mediante telerilevamento, installazioni meccaniche, installazioni e mantenimento di reti elettriche così come servizi di consulenza e assistenza tecnica nel campo dell ingegneria idraulica, sanitaria e ambientale. 0DQXWHQ]LRQH Questa attività presta servizi di fornitura, installazione, noleggio e manutenzione di contatori per la registrazione dei consumi di acqua per i settori domestico, commerciale, industriale e pubblico. Inoltre presta servizi di: fornitura, installazione e noleggio per giardini interni ed esterni. 5LIRUQLPHQWR 5LIRUQLPHQWRHSRWDELOL]]D]LRQH Le fonti attuali di approvvigionamento di acqua in Barcellona provengono sia da acque superficiali che sotterranee. Quaderno di missione - 7

8 $FTXHVXSHUILFLDOLLO7HUHLO/OREUHJDW Il fiume Ter è regolato dai laghi artificiali di Sau, Susqueda e il Pasteral e l acqua prelevata è potabilizzata nell impianto di Cardedeu. Per quanto riguarda il fiume Llobregat, la portata di acqua è regolata dai laghi artificiali di Sant Ponç e Baells. L utilizzo di quest acqua è possibile grazie agli impianti di potabilizzazione di Sant Joan Despl e di Abrera. $FTXHVRWWHUUDQHH$FTXLIHULGHOGHOWDGHO/OREUHJDWHGHO%HVzVHDFTXHIUHDWLFKH L estrazione dell acqua da queste sorgenti si esegue mediante pozzi ed è riservata al rifornimento di settori limitati, oppure per soddisfare la richiesta in caso di urgenza, come in caso di improvvise perturbazioni climatiche. Attualmente e a causa del sovrasfruttamento della sorgente del Llobregat, si sta sostituendo l uso delle acque sotterranee con le acque superficiali. Si utilizza anche come fonte di approvvigionamento l acqua sotterranea di bassa qualità del sottosuolo della città, destinata ad usi che non necessitano la qualità come per il consumo umano, bensì per l irrigazione, pulizia delle strade e fognature, fontane ornamentali e differenti usi industriali. 3RWDELOL]]D]LRQH L approvvigionamento di acqua che comporta i requisiti igienico-sanitari di potabilità è organizzato da Aigues de Barcellona S.A. (AGBAR), impresa concessionaria di questo servizio. /DUHWHGLIRJQDWXUD )RJQDWXUHHGHSXUD]LRQH Solitamente, infrastrutture come la rete fognaria, molto importante per il buon funzionamento di una grande città, sono quasi sconosciute dalla maggior parte della gente. Non è solo un elemento passivo che si limita a trasportare in mare le acque bianche e nere della città, ma permette anche di gestire la riduzione dei rischi di inondazioni o prevenire possibili contaminazioni causate da scarichi incontrollati. Quaderno di missione - 8

9 Barcellona dispone di una rete fognaria unitaria, cioè, trasporta contemporaneamente acque nere e meteoriche. In caso di piogge torrenziali, i reflui potrebbero superare la capacità del sistema provocando inondazioni e scaricare direttamente in mare tramite sfioratori. Per controllare queste variazioni di portate d acqua, si stanno costruendo diversi bacini di raccolta in linea con le tubazioni. La rete fognaria si espande in 1596 km dei quali un 69% si può visitare, con una portata annua media di m3 di acqua. Della gestione di questa rete si incarica l Unità Operativa di Saneamiento e CLABSA che realizzano una gestione integrale e avanzata del drenaggio urbano. $FTXHQHUH Le acque nere domestiche si trasportano a mezzo delle fognature di ciascun immobile fino alla rete del sistema fognario globale ove si uniscono ai reflui industriali. Per quanto riguarda le acque meteoriche, entrano nella rete attraverso i canali fognari oppure attraverso le caditoie stradali. &LUFXLWRGHODVDJXDVUHVLGXDOHV\SOXYLDOHV /DJHVWLRQHGHOVLVWHPDIRJQDULR(,3(&/$% Barcellona dispone di un Progetto speciale di sistema fognario (PECLAB97) per la gestione centralizzata della rete fognaria comunale. Tramite questo progetto si pianificano e si disegnano le nuove installazioni e soprattutto si controlla la sua operatività, il che permette l ottimizzazione del suo funzionamento. Il PECLAB97 include diversi sistemi informativi che rendono possibile una corretta gestione della rete fognaria: Quaderno di missione - 9

10 œ Sistema informativo territoriale del sistema fognario dibarcellona œ Sistema informativo di modelli idrologici, idraulica e di qualità dell acqua œ Sistema informatico di telecontrollo 'HSXUD]LRQH Dopo essere state utilizzate, parte delle acque residuali di Barcellona e di altri punti dell area metropolitana sono trasportate attraverso la rete fognaria fino alla stazione del depuratore del Besòs, dove sono qui trattate mediante un sistema fisico-chimico. (VTXHPDGHOFRQWUROLQWHJUDGR 3UHYHQ]LRQHGDJOLHIIHWWLGHOOHLQRQGD]LRQLLEDFLQLGLUDFFROWD Barcellona, oltre a quelli di cui dispone già, avrà prossimamente una serie di bacini di raccolta interrati, costruiti con i seguenti obiettivi: œ Laminare i picchi di portata d acqua che raggiungono il depuratore del Besòs per migliorarne l efficacia œ Aumentare la capacità di regolazione della rete fognaria œ Controllare le possibili inondazioni durante le piogge torrenziali œ Evitare gli allagamenti da parte di acque non trattate del sistema fognario Attualmente sono già stati costruiti tre di questi depositi: œ Il deposito di Viladomat ( m3 di capacità) œ Il deposito di Zona Univrsitaria ( m3) œ Il deposito di Bori Fontestà ( m3) Quaderno di missione - 10

11 Grazie a 18 chiuse controllate informaticamente e alla costruzione di 3,8 km di collettori, questi depositi permetteranno la ritenzione e regolazione delle acque di pioggia. [ 8ELFDFLyQGHORVGHSyVLWRVGHUHJXODFLyQ Quaderno di missione - 11

12 Barcellona Lunedì 28 novembre ,6,7$$//,03,$172',327$%,/,==$=,21(',/,2%5(*$7 UHOD]LRQDXQGLULJHQWHGHOODVRFLHWjIXQJHGDDFFRPSDJQDWRUHHGLQWHUSUHWHO LQJ0DUUDV 3UHVHQWD]LRQH L'impianto di potabilizzazione di Liobregat è un complesso insieme di sezioni di trattamento, dedicato a trattare in prevalenza acque superficiali, provenienti dal Fiume omonimo. In realtà, il sistema di approvvigionamento della Città di Barcellona potrebbe definirsi di tipo misto, in quanto l'acquedotto dispone anche di una serie di pozzi, che vengono attivati in caso di emergenza qualitativa delle acque del fiume, oppure di magra dello stesso. Una opzione gestionale interessante messa in atto dal Gestore è quella di provvedere alla ricarica della falda sotterranea utilizzando le acque del fiume nei momenti di piena, tramite gli stessi pozzi destinati all'emungimento, che sono quindi dotati di pompe a flusso invertibile. L'impianto si sviluppa secondo uno schema tradizionale, e si sviluppa secondo la sequenza classica dei trattamenti, che vede l'opera di presa seguita da una sezione di dissabbiatura a gravità, e quindi le sezioni di decantazione, flocculazione, disinfezione, controllo qualità ed ozonizzazione finale. In particolare il trattamento con ozono, utilizzato in Italia ed in Veneto in poche situazioni ed in taluni casi in via soltanto sperimentale, è invece stato adottato nell'impianto come trattamento standard. Grande attenzione viene infatti posta agli aspetti organolettici e di trasparenza dell'acqua potabilizzata: per ottenere il massimo del rendimento nella resa sui parametri odore, colore, gusto, il trattamento di ossidazione spinta con ozono è fra i più efficaci. Quaderno di missione - 12 Opera di presa dal Fiume Per ulteriore verifica, presso l'impianto viene effettuato un controllo finale qualitativo da un vero e proprio pool di assaggiatori, che devono apprezzare il gusto, la trasparenza e l'eventuale presenza di odori nell'acqua destinata al consumatore finale. Tale gruppo viene completamente rinnovato ogni sei mesi. Il trattamento con ozono presenta altresì dei rischi poichè nelle acque grezze si ritrovano talvolta alcuni metalli pesanti che, pur essendo presenti all'ingresso all'impianto in forma non tossica, possono assumere una forma chimica tossica dopo l'ossidazione spinta con ozono: è il caso del

13 Cromo trivalente, non tossico, presente in alcuni pozzi di Barcellona, che dopo il trattamento con ozono assume la forma esavalente, riconosciuta come cancerogena. I livelli di inquinanti residui vengono peraltro costantemente controllati dal laboratorio di analisi presente all interno dello stesso impianto, che dispone di attrezzature piuttosto avanzate, che consentono l analisi volta ad accertare anche la presenza di microinquinanti in tracce, in ragione degli standards richiesti dalla normativa. Il sistema di controllo pubblico della qualità dell'acqua erogata presenta una sostanziale differenza rispetto a quanto in uso in Italia: infatti, tale controllo viene effettuato dal Ministero della Sanità sull'acqua in ingresso all'impianto, e poi solo sull'acqua erogata ai rubinetti dei cittadini; non è previsto alcun controllo nè sul processo di potabilizzazione, nè sulla gestione generale dell'impianto. Per quanto riguarda il controllo sull'acqua erogata, le stesso presenta un'altra singolarità: è affidato infatti ai farmacisti, che provvedono a confezionare i campioni per le analisi più complesse e ad inviarli ai laboratori pubblici, nonchè ad effettuare direttamente, con semplici metodi colorimetrici, le analisi più semplici. Vasche di chiarificazione/flocculazione Quaderno di missione - 13

14 Barcellona Lunedì 28 novembre 2005 ',6(*8,726,5,3257$12$/&81(,00$*,1,5,35(6('85$17(,/6235$//82*2 Plastico dell impianto di potabilizzazione Opera di presa dal fiume Sala controllo e gestione dell impianto Il Presidente Conte ringrazia il relatore Quaderno di missione - 14

15 Barcellona Martedì 29 novembre 2005,1&21752&21/$62&,(7$ &/$%6$*(6725('(//()2*1$785( ',%$5&(//21$ UHOD]LRQDO LQJ-RUGL/RSH]*LVSHUWGHOOD&ODEVDIXQJHGDDFFRPSDJQDWRUHHGLQWHUSUHWHO LQJ0DUUDV 3UHVHQWD]LRQH &/$%6$VRFLHWjPLVWDFRPSRVWDGD$JEDU&RPXQHGL%DUFHOORQDH)&& CLABSA è un'azienda mixed della città di Barcellona: azionista pubblico (Consiglio di città di Barcellona con 17,5% del capitale di parte) ed azionisti riservati (AGBAR 60% e FCC 22,5%). Questa azienda ha una concessione comunale per 15 anni ( ) per progettare, controllare e gestire il sistema fognario della città di Barcellona. Il ruolo principale di CLABSA è quello di un consulente locale ed utilizzatore finale delle tecnologie dell'amministrazione e di progettazione integrata per i sistemi dell'acqua di scarico, applicate ad un luogo pilota a Barcellona. 2ELHWWLYL CLABSA realizza sia la direzione gestionale avanzata (programmazione, controllo e tecnologia) delle fognature urbane (GADU), sia un processo completo di evacuazione controllata delle acque pluviali e residuali della città di Barcellona. Attraverso la gestione avanzata la società si propone di raggiungere i seguenti obiettivi: Migliorare l ambiente (riduzione e controllo degli allagamenti del sistema fognario, specialmente in caso di pioggia). Ridurre il rischio da inondazioni (riduzione e controllo della frequenza delle inondazioni e dei suoi effetti). Ridurre il costo degli investimenti (ottimizzazione e riduzione economica dei numerosi investimenti in infrastrutture e impianti di fognature urbane). Migliorare l informazione al cittadino e la sicurezza dei lavoratori (sia con il tempo asciutto che in periodi di pioggia o emergenza). Quaderno di missione - 15

16 Ottimizzare l impianto (utilizzoottimale delle installazioni esistenti, protezione delle infrastrutture danneggiate e miglioria della conservazione). Effetto moltiplicatore con altri servizi pubblici (vi sono interrelazioni esistenti fra il sistema fognario e altri servizi urbani). CLABSA elabora annualmente un Piano di qualità ambientale dettagliando e pianificando gli obiettivi da raggiungere per l anno in corso. Distinguiamo i dati tecnici relativi ad alcuni di questi obiettivi come, per esempio: Â % di straripamento evitati merito ai bacini di raccolta % di inquinamento evitato a fiumi e mari proveniente dalla materia in sospensione di tutta l acqua pluviale Annualmente si verifica il grado di soddisfazione degli utenti finali per il servizio di fognatura. Iniziando da un indagine effettuata ad un gruppo di cittadini statisticamente rappresentativo, si sono ottenute una serie di misure (precauzioni) sul tema sistema fognario e il suo forte impatto ambientale. A far emergere la soddisfazione globale per le fognature di Barcellona è la valutazione positiva rispetto alle migliorie ambientali che riducono l inquinamento nelle spiagge e nel fiume Besòs. /DUHWH La rete fognaria essendo nel sottosuolo della città, potrebbe essere, uno dei servizi urbani più sconosciuti. All uopo si presentano alcuni dei dati più significativi del sistema fognario di Barcellona. La storia del sistema fognario di Barcellona è legata a quella della città. Già dalla sua fondazione da parte dei Romani, Barcellona disponeva di fognature ma è dal XIX secolo che inizia la storia moderna del sistema fognario di Barcellona, con la stesura nel 1891 del primo Piano di Risanamento di Pere Garcia Fària. Nell arco dei 200 anni seguenti si sono elaborati diversi piani di risanamento fino al 1997, anno che si produsse ilpeclab (Piano speciale del sistema fognario di Barcellona) proponendone l attuazione nel periodo dal 1997 al 2019 iniziato comunque nell anno Quaderno di missione - 16

17 Le fognature di Barcellona offrono il servizio a circa abitanti e a imprese commerciali e industriali ubicati in circa immobili nell ambito comunale. ÂLa rete fognaria di Barcellona (che viene trattata già dal SITE) si estende per km di lunghezza in una varia tipologia di scarichi e collettori: 29% tubazioni piccole (diámetro <=80cm) 16% tubazioni medie e fognature non visitabili (sezione < 1 m2) 35% fognature visitabili (1m2 < sezione < 1,5 m2) 10% collettori (1,5 m2 < sezione < 4 m2) 10% grandi collettori (sezione > 4m2) ÂImboccature, griglie e pozzi: imboccature e grate pozzetti di ispezione ÂSezioni: sezioni differenti nella rete fognaria ÂBacini di raccolta anti alluvioni - anti DSU: Escola Industrial Bori i Fontestà Zona Universitaria Doctors Dolça Villalba dels Arcs Joan Miró Taulat ÂPunti di misurazione del livello d acqua dei collettori. 130 punti fissi di misurazione ÂStrumenti di utilizzo per le acque residuali e pluviali: 33 Chiuse 18 Stazioni di pompaggio 54 Valvole 6LVWHPDGLLQIRUPD]LRQHWHUULWRULDOH6,7( Il Sistema di Informazione Territoriale della rete fognaria di Barcellona, SITE, ha il compito di dare una conoscenza precisa, esaustiva e aggiornata della rete fognaria e della sua relazione con il territorio. Il Sistema si occupa a raccogliere e a fornire informazioni relative alla cartografía urbana che si considerano di un certo interesse, assieme ai dati completi della rete fognaria e installazioni relative al drenaggio e risanamento. Il SITE è il primo sistema di informazioni fondamentali e necessarie per introdurre una gestione avanzata del drenaggio urbano. Si occupa di una completa base di dati grafici, testuali e relativi agli elementi ubicati nel territorio (collettori, conche idrologiche, pozzi, chiuse, stazioni remote, pompaggio, sifoni, etc.). In generale, ha la capacità di inventariare, rappresentare graficamente, referenziare con i dati cartografici urbani, programmare consulenze, fare programmi e saper rispondere a tutte le domande relative alla rete. Quaderno di missione - 17

18 La documentazione che detiene il SITE ha un importante valore sia per il costo del conseguimento sia per il valore intrinseco, come descrizione completa della rete sia virtuale che reale. (Ciò nonostante il SITE allo stato attuale, a livello di inventario, non è completamente aggiornato). L obiettivo è quello di essere di supporto alle attività della gestione avanzata del sistema fognario: programmazione, costruzione, sfruttamento e manutenzione: Â Il peso dell informazione è costituita dalla rete attuale, cioè, collettori, pozzi, imboccature, salti d acqua, sifoni, pompe, macchine fotografiche particolari, congiunzioni, punti di scarico ambientali, chiuse, valvole, etc.; con le sue caratteristiche strutturali, di localizzazione, dati idraulici, altimetrici, stato di conservazione e, se necessario, fotografie. Â Dispone anche del tracciato delle opere sia in corso che terminate, le zone danneggiate, i promotori, i contrattisti, la direzione d opera, il risparmio (il mercato), l andamento economico, etc. Â Altro gruppo d informazione è costituito dai tracciati e caratteristiche tecniche ed economiche fondamentali dei progetti di risanamento, per seguire il suo percorso fino al completamento dell opera. Â E soprattutto dalle reti precedenti che si dispone di informazioni di programmazione generale della rete a lungo termine frutto del Piano Speciale del sistema fognario di Barcellona PECLAB 97 e dei suoi successivi aggiornamenti. Â L altro grosso gruppo d informazione è composto dalle stesse installazioni di telecontrollo del sistema fognario: stazioni remote, pluviometri, piezometri, stazioni di qualità, valvole e chiuse. Sommariamente il SITE incorpora informazioni geografiche di altri servizi affini al sistema fognario presente nel sottosuolo della città. Precisamente troviamo informazioni su: Â Idrogeologia (pozzi, miniere, rive, sondaggi, piezometri, etc.) Â Rete d acqua freatica (incurvature, punti di irrigazione, depositi, valvole, contatori, progetti, opere, etc.) Â Rete di tubazioni a fibra ottica per il sistema fognario (tracciati, incurvature, progetti, opere, ispezioni di manutenzione, etc.) Â Rete di raccolta pneumatica per spazzatura (scarichi, centraline, tracciati, valvole, progetti, opere, etc.) Â Controllo di tracimazioni industriali (imprese registrate, tracimazioni di fogne) Â Rifugi di guerra, inventario storico e dettagli più significativi. 6LVWHPDLQIRUPDWLFR Il Sistema Informatico del sistema fognario di Barcellona offre la base tecnologica principale per lo sviluppo di una gestione avanzata del drenaggio urbano (fognatura). Le attività che si realizzano nella gestione tecnica del sistema fognario di Barcellona richiedono un sistema informatico aggiornato che permetta l informazione di fluire facilmente e che l accesso sia flessibile e prossimo all utenza sia di CLABSA sia delle organizzazioni collaboratrici La base informatica di CLABSA si è sviluppata secondo un modello composto dai seguenti sistemi integrati: S.Territoriale, S.Telecontrollo, S.Sfruttamento Centralizzato, S.Manutenzione, S.Modale, S.Gestione Quaderno di missione - 18

19 Tecnica e Amministrativa, S.Controllo di allagamenti e S.Allertamento idrologico del fiume Besòs. Tutti questi Sistemi funzionano in una rete di comunicazione di computers comuni con hardware, software, data base, applicazioni e comunicazioni speciali per la funzione (scopo) principale e per l interrelazione con gli altri. 6LVWHPL 6LVWHPD,QIRUPDWLFR 7HUULWRULDOH 6,7(: Creazione, manutenzione e consultazione di dati georelativi, tipologie di schemi e piani. 6LVWHPD,QIRUPDWLFRGL7HOHFRQWUROOR6,7&2: Telemetría e telesupervisura di piogge, piene, qualità dell acqua, stato degli impianti, allarmi, etc e installazioni di regolazione e controllo telecomandati (chiuse, pompaggio, depositi). 6LVWHPD,QIRUPDWLFR GHOO LPSLDQWR FHQWUDOL]]DWR 6,(&: Previsione meteo-pluviométrica, previsione di alluvioni e straripamenti contaminati, emergenze, conseguimento di depositi di attuazione, regolazione in tempo reale, ottimizzazione globale. 6LVWHPD,QIRUPDWLFRGL0DQXWHQ]LRQH6,0$1: Supporto nelle attività di manutenzione delle installazioni di sistemi fognari e alla strumentazione idraulica, meccanica ed elettronica del sistema di telecontrollo della rete. 6LVWHPD,QIRUPDWLFR GL 0RGXOLVWLFD 6,02: Modello idrologico, idraulico e di qualità dell acqua per la simulazione matematica e l analisi del comportamento della rete. Misurazioni, preventivi, controlli di progetti e opere, computi strutturali. 6LVWHPD,QIRUPDWLFR GL *HVWLRQH 7HFQLFD H $PPLQLVWUDWLYD 6,*7$: Office automation, disegni e grafici, controlli amministrativi e finanziari, sviluppo di applicazioni informatiche, multimediali e internet. 6LVWHPDGH&RQWUROORGLDOODJDPHQWL6,&$ 6LVWHPD GH $OOHUWD LGURORJLFD GHO SDUFR IOXYLDOH %HVzV 6$+%(: Lo scopo del sistema di allertamento è per assicurare che in qualsiasi momento non vi sia personale all interno del parco fluviale Besòs, nelle situazioni che la stessa permanenza sia pericolosa. Quaderno di missione - 19

20 ,GHSRVLWLGL%DUFHOORQD I depositi di regolazione delle acque pluviali sono elementi della rete fognaria con due funzioni molto concrete: [ 1 ] In primo luogo, il loro volume di ritenzione permette una laminazione del contenuto, in maniera che il valore massimo della portata di uscita dal deposito ha una notevole riduzione rispetto a quello dell entrata. Questo ovviamente ha degli effetti positivi nella rete sotterranea, in quanto può fungere da scaricatore in caso di alluvioni. [ 2 ] La seconda funzione è ambientale: la ritenzione di acqua piovana altamente contaminata per l attraversamento della città, evita l inquinamento su spiagge, fiumi e porti. Quest acqua trattenuta esce poco per volta in maniera che possa essere trattata da un depuratore. Inoltre, l acqua trattenuta diminuisce il suo grado di contaminazione, dovuto alla sedimentazione provocata dalla ritenzione. Le tipologie dei depositi sono molto varie, ma fondamentalmente si distinguono fra depositi a cielo aperto, laddove si dispone di un area sufficientemente ampia, e interrati, dei quali criteri urbanístici portano ad utilizzare la parte superiore come parco, campo sportivo, strade, etc. [ Tutti i depositi costruiti, in progetto o pianificati, dispongono di un sistema di pulizia automatico programmabile, capace di trascinare mediante una ondata d acqua i fanghi depositati nel fondo. Dispongono di collettori d entrata e uscita che li collegano agli assi primari della rete fognaria. Tutte le entrate e uscite si possono aprire e chiudere mediante chiuse. Il sistema de telecontrollo Quaderno di missione - 20

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI Criteri ecosostenibili di progettazione e realizzazione di infrastrutture idriche Arrigo Domaschio Resp. Mercato Edilizia Saint-Gobain

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Per la serie impianti indispensabili per le abitazioni, parliamo di impianto idrico-sanitario, ossia di quell impianto che rifornisce le abitazioni di acqua potabile. Purtroppo

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE La rubrica Materiale del mese è curata da: Matech materiali innovativi g Alessio Cuccu MaTech Parco Scientifico e Tecnologico Galileo Corso Stati Uniti,14 35127 Padova Tel.+39.049.8705973 - Fax.+39.049.8061222

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano Vasche volano di prima pioggia Soluzioni automatizzate per un problema urbano IL CONCETTO Eliminare un rischio per l ambiente Qualunque siano la forma o le dimensioni di una vasca volano di prima pioggia....itt

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano Vasche volano di prima pioggia Soluzioni automatizzate per un problema urbano IL CONCETTO Eliminare un rischio per l ambiente Qualunque siano la forma o le dimensioni di una vasca volano di prima pioggia.

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Meeting Internazionale. Barcellona. 10,11 e 12 Giugno 2010

Meeting Internazionale. Barcellona. 10,11 e 12 Giugno 2010 Meeting Internazionale Barcellona 10,11 e 12 Giugno 2010 Giovedì 10: -19:00h: Arrivo all albergo (ancora da determinare) e check-in. -20:00h: Giro turistico sulle nostre barche per la montagna di Montjüic,

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua Società Metropolitana Acque Torino S.p.A. Concorrente Breve presentazione del soggetto concorrente Il Gruppo SMAT è leader nel campo del servizio idrico integrato nel quale opera progettando, realizzando

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

BARCELLONA. La mini guide di

BARCELLONA. La mini guide di La mini guide di BARCELLONA Barcellona, è la seconda città per grandezza della Spagna, dopo Madrid. Meta molto amata dai turisti italiani, è adorata per il clima mite, per la vicinanza al mare, per l architettura

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 INDICE 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 1.2 Impianti di scarico dei servizi e degli accessori sanitari pag. 3 1.3 Impianto di scarico delle acqua meteoriche

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Il servizio idrico integrato è costituito dall'insieme dei servizi pubblici di captazione,

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

HIDROBOX: SISTEMA DI DRENAGGIO URBANO SOSTENIBILE

HIDROBOX: SISTEMA DI DRENAGGIO URBANO SOSTENIBILE HIDROSTANK HIDROBOX: SISTEMA DI DRENAGGIO URBANO SOSTENIBILE INTRODUZIONE: I SISTEMI ATTUALI DI DRENAGGIO PIOVANO Nelle zone urbane si producono costantemente gravi problemi di allagamenti e degradazioni

Dettagli

La pubblicazione è realizzata con particolare attenzione alla scelta del supporto cartaceo ed ai processi di stampa per ridurne l impatto ambientale. Quest opera è protetta dalla legge sul diritto d autore.

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO INFORMAZIONI INFRASTRUTTURALI AMBITO N 36 dotazioni di infrastutture rete gas metano si

Dettagli

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe TCNGA e DSGN Modulo C Unità 2 Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe 1 Modulo C Unità 2 RRTÀ CARATTRSTC D MATRA 2 a tecnologia è la scienza che studia i materiali, la composizione, le caratteristiche,

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7 TECNOLOGIA MECCANICA Parte 7 La principale differenza è legata alle forme che sono generalmente faae in leghe metalliche (acciai legac) in modo da essere uclizzate per un numero elevato di geg. Si uclizzano

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Studio di Ingegneria e Consulenza 01P COMUNE DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SOMMARIO PREMESSA... 3 IRRIGAZIONE DI SUPERFICI SPORTIVE...

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme MANUALE D'USO 1 Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme degli elementi di raccolta, convogliamento,

Dettagli

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 La UNI 7129 edizione 2008 è la più importante

Dettagli

IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE R La necessità di proteggere l ambiente È generalmente accertato che le acque di scarico che contengono: acque contaminate, acqua piovana o

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità!

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! 1 Elemento Monoblocco>> > Préfaest garantisce! Calcestruzzo con alte prestazioni per una eccellente resistenza. Fabbricato con un calcestruzzo armato ad alte

Dettagli

Disfunzioni delle reti fognarie, interventi strutturali e manutentivi

Disfunzioni delle reti fognarie, interventi strutturali e manutentivi Convegno La manutenzione dei collettori di fognatura per un moderno ed efficace sistema di drenaggio urbano Disfunzioni delle reti fognarie, interventi strutturali e manutentivi Bergamo 27 settembre 2013

Dettagli

SPAGNA: CATALOGNA (Aprile 1999)

SPAGNA: CATALOGNA (Aprile 1999) SPAGNA: CATALOGNA (Aprile 1999) BARCELLONA & COSTA BRAVA (gita del 1999) PAGINA DELLA SPAGNA BARCELLONA: "Parco Güell", ideato da Gaudí PREMESSA: Sono stato in Spagna (in Catalogna) nell'aprile del 1999

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

FOGNARIO. Catalogo - Listino

FOGNARIO. Catalogo - Listino FOGNARIO Catalogo - Listino versione n 1 del 24/03/2010 F.lli Abagnale sas l AZIENDA Dall'inizio degli anni '70 la ditta Fratelli Abagnale opera nel settore delle costruzione di prefabbricati in cemento.

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

TECNOLOGIA AVVENIRISTICA

TECNOLOGIA AVVENIRISTICA TECNOLOGIA AVVENIRISTICA vonroll hydro è una società del gruppo vonroll infratec (holding) ag www.vonroll-hydro.ch vonrollecosys Il sistema a protezione integrale vantaggioso I tubi in ghisa duttile vonrollecopur

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile FACOLTÀ: INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile INSEGNAMENTO: Progettazioni Idrauliche NOME DOCENTE: Prof. Ing. Francesco ARISTODEMO indirizzo e-mail: francesco.aristodemo@uniecampus.it

Dettagli

VIAGGIO D'ISTRUZIONE BARCELLONA - 6 GIORNI

VIAGGIO D'ISTRUZIONE BARCELLONA - 6 GIORNI VIAGGIO D'ISTRUZIONE BARCELLONA - 6 GIORNI 1 GIORNO: PALERMO - BARCELLONA Raduno dei partecipanti all'aeroporto di Palermo. Incontro con il nostro assistente e disbrigo delle operazioni d'imbarco. Partenza

Dettagli

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI Per disporre di dati reali che consentono di classificare le proprietà di vari materiali, occorre eseguire sui materiali delle prove specifiche in laboratori molto attrezzati.

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Sistemi di automazione e controllo di processo

Sistemi di automazione e controllo di processo Sistemi di automazione e controllo di processo Profilo dell azienda S o l u z i o n i i n d u s t r i a l i La società INDAS d.o.o., ubicata a Novi Sad, capoluogo della regione della Vojvodina, è una delle

Dettagli

PANNELLO SOLARE TERMICO

PANNELLO SOLARE TERMICO pannello solare termico.solar PANNELLO SOLARE TERMICO Dal sole all acqua.solar PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL COLLETTORE SOLARE Il collettore solare trasforma la radiazione solare in calore. L'elemento

Dettagli

Livello e corso di studio Laurea Magistrale in Ingegneria Civile LM 23 ICAR/02. Settore scientifico disciplinare (SSD) Anno di corso 2

Livello e corso di studio Laurea Magistrale in Ingegneria Civile LM 23 ICAR/02. Settore scientifico disciplinare (SSD) Anno di corso 2 Insegnamento Costruzioni idrauliche Livello e corso di studio Laurea Magistrale in Ingegneria Civile LM 23 Settore scientifico disciplinare (SSD) ICAR/02 Anno di corso 2 Numero totale di crediti Propedeuticità

Dettagli

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LINEE GUIDA 5.1 Definizioni Acque di prima pioggia Sono identificate nei primi 5 mm

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli