COMUNE DI NOLA (NA) CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NOLA (NA) CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI NOLA (NA) CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/9/2014 1

2 PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - I consiglieri comunali in aula, i consiglieri comunali in aula. Segretario facciamo l appello. Si procede all appello nominale. SEGRETARIO GENERALE - 13 ce la facciamo perché ne siamo 25, 13 presenti, 12 assenti la seduta è valida. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consiglieri se pigliate posto in aula per cortesia. Allora buongiorno consiglieri, buongiorno ai cittadini, volevo solo un attimo ricordare che è prossima la scadenza per la ricontazione praticamente da fare entro il 7 di ottobre delle spese elettorali, ancora una volta insomma voglio ricordare ai consiglieri che non l hanno ancora fatta, e quelli tutti chiaramente che non l hanno ancora fatta. Prima di entrare nell ordine del giorno volevo dare la parola al sindaco per una comunicazione. SINDACO Voglio rendere dotto un poco il consiglio comunale sulla questione ASI perché è una questione che sta creando parecchi problemi proprio all interno della zona ASI, tra le tante problematiche che attanagliano l ASI, negli ultimi anni c è quella relativa a dissesto di una strada importante dell ASI, che provoca continui incidenti e che praticamente interrompe talvolta anche, diciamo, la strada di comunicazione presso per le aziende che sono collocate all interno dell ASI, con la strada con la bretella Nola-Villa Literno. Questa situazione va avanti da anni, noi come comune di Nola insieme anche ad altri comuni che fanno parte dell ASI ci siamo resi parte diligente sia presso la regione Campania che presso la Prefettura di Napoli per vedere, praticamente, in qualche modo di risolvere la questione. Il presidente Caldoro alcuni mesi fa prese un impegno preciso ai fini dello stanziamento di un importante cifra per la riqualificazione di questa strada e infatti la regione Campania aveva impegnato 3 milioni e 8 per come finanziamento per riqualificazione di questa strada. Non può portare non può trasferire questi soldi all ASI perché purtroppo l ASI è indebitata per 15 milioni di euro, ragion per cui c è non la possibilità, la certezza che nel momento in cui la regione trasferisce i 3 milioni e 8 di euro all ASI per il riassestamento della strada, così come addirittura 7 milioni per la zona di Caivano, i creditori praticamente fanno pignoramenti presso terzi e pignorano queste somme. Domani c è un importante riunione in Prefettura anche perché, chiaramente, c è la possibilità che questa strada debba essere chiusa perché è veramente pericolosa. Ne approfitto per dire che come comune di Nola siamo stati insieme ad altri comuni convocati a fine luglio e ad agosto presso la regione Campania e presso la sede dell ASI per ricostituire li organi dell ASI, come comune di Nola, ma devo dire anche tutti gli altri comuni, hanno però chiaramente detto che non è possibile la ricostituzione degli organi se prima non si verifica un poco tutta la questione relativa alla posizione debitoria perché chiaramente c è il rischio 2

3 che i comuni dovrebbero coprire questi debiti fatti da questi 15 anni di commissariamento. Quindi io ho chiesto alla regione Campania di farci conoscere in che modo vuole intervenire anche rispetto alla posizione debitoria e chiaramente un intervento della Corte dei Conti affinché si accertino le responsabilità di coloro i quali hanno effettivamente fatto questi debiti. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Grazie sindaco. Il segretario ha già approntato l entrata di tutti voi ah, sì allora la parola al consigliere Scala. Facciamo un attimo in modo che verbalizza pure il segretario che è assente Scala aspettiamo un attimo il segretario sì, così la verbalizziamo, un attimo a prendere i documenti. CONSIGLIERE SCALA Sì, posso? PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Un attimo solo. Dove sta il segretario? Professoressa Scala prego, tanto sbobiniamo è registrato. CONSIGLIERE SCALA Eh, sì, grazie, grazie presidente. Buongiorno a tutti, scusate se non mi alzo ma qua siamo un po strettini, comunque ho preso la parola per giustificare il consigliere Emma vecchioni, ha partorito da poco e ha bisogno di un po di riposo. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Sì, già l abbiamo giustificata la volta scorsa, sì. CONSIGLIERE SCALA E approfitto per ringraziare il sindaco per questo intervento, ha fatto bene, se ci sono debiti che escano fuori e che escano fuori soprattutto i colpevoli. Sono d accordo con l intervento fatto dal sindaco anche perché veniamo da anni e anni di commissariamento, non sempre il commissario era lo stesso, ma ci sono state anche lì alterne vicende e non diciamo altro, grazie. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Grazie professoressa CONSIGLIERE SCALA Alterne vicende, e chiudo. Ha fatto bene comunque PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Grazie. CONSIGLIERE SCALA - sindaco, va bene, e chiudo, grazie. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Grazie, la parola al consigliere D Avino. Devi accendere forse, no, prova, prova. CONSIGLIERE D AVINO Buongiorno, buongiorno a tutti, sto qui per l ennesima volta, salendo per le scale trovo i nostri ottimi operatori ecologici, caro sindaco, che qui logicamente hanno qualche mal di pancia perché aspettano quello che gli tocca perché logicamente in modo civile, in modo serio possiamo fare anche una delegazione in modo da dialogare e dire le verità a queste persone che con tanti sacrifici portano avanti la famiglia, mi dicevano stamattina che avanzano dei soldi dalla Campania Felix, che c è un atto scritto, non so di chi era la firma, durante la campagna elettorale avete preso un impegno da dare il giusto riconoscimento perché gli tocca, quindi non è 3

4 niente in più, quindi gli tocca a questi ragazzi, quello di dare i soldi e gli ora salendo per le scale, stiamo a 6-7 mesi dalle votazioni e questi si sentono presi in giro e mi dispiace anche perché perché sono persone comunque calme, allo stesso tempo gli dobbiamo dire la verità perché questi stanno aspettando logicamente ansiosamente anche con molta serietà, quindi stanno tutti qua, io credo di dare innanzitutto di delegare, anche tu sindaco, di fare una riunione con i ragazzi, veniamo anche uno di noi come delegato e diciamo la verità a questi ragazzi perché sono di Nola e fanno il giusto dovere per SINDACO Bravo. CONSIGLIERE D AVINO - Caro sindaco, bravo, io ti ringrazio che mi dici bravo, però il bravo lo devi dire a loro che seriamente stanno qua, vedi, in religioso silenzio educatamente stanno aspettando una tua dichiarazione, però una vera e propria verità, questa è la cosa importante, poi dopo iniziamo il consiglio comunale, tanto il tempo c è, la giornata è lunga, quindi è meglio dare prima visibilità a loro e poi noi possiamo aspettare, assolutamente sindaco. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - La parola al sindaco per la replica. SINDACO Allora il comune di Nola nei confronti degli operaio della Buttol non ha un solo euro di debito, il debito è di Campania Felix ed è relativo ad un primo stipendio risalente non so a quanti anni fa in un cambio di gestione, non mi ricordo quando in un cambio tra una ditta e l altra uno stipendio andò indietro. Come sapete c è stato un lodo arbitrale, un lodo arbitrale per debiti contratti dal comune di Nola, in particolare dal dottor Paolino Sant Aniello che era dirigente per un periodo dall architetto Giacomo Stefanile dirigente per un periodo e nella massima urgenza, nel periodo di massima urgenza dell emergenza rifiuti anche il compianto sindaco Napolitano fece un ordine di servizio, per, diciamo queste somme siamo stai la Campania Felix ha fatto un lodo arbitrale e questo lodo arbitrale è stato definito con sentenza di primo grado, c è un appello in corso, noi abbiamo proposto a Campania Felix anche una transazione nel momento in cui chiaramente ci fa risparmiare rispetto a quello che è la somma che gli arbitri hanno fissato nel lodo arbitrale, siamo in attesa che Campania Felix ci faccia sapere se accetta o meno la nostra proposta, l impegno che abbiamo preso nei confronti dei lavoratori e che anche questa mattina noi ribadiamo è che nel momento in cui si farà la transazione noi nella transazione assicureremo che quello le prime somme con quella somma i primi pagamenti saranno effettuati a favore dei lavoratori di Campania Felix per quello stipendio che loro hanno il diritto di avere e che devono avere, ma non dal comune di Nola in quanto debitore, ma da Campania Felix. I lavoratori la questione la sanno bene perché ogni volta che vengono da noi sono ricevuti e noi chiariamo le idee, non ci nascondiamo mai, voglio dire che i lavoratori sono pagati regolarmente ogni mese nel momento in 4

5 cui noi diamo ordine che vengano fatti gli stipendi per i dipendenti comunali vengono anche pagati automaticamente gli stipendi per i lavoratori tramite la Buttol quindi il comune di Nola dal 2009, quindi nel momento in cui io mi sono insediato ad oggi non è debitore nei confronti di Campania Felix di un solo euro e ribadisco ancora una volta che il lodo arbitrale è un lodo relativo alla gestione , dal 2009 in poi il comune di Nola non ha debiti nei confronti di Campania Felix. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Grazie sindaco. La parola al consigliere Cutolo Arturo. CONSIGLIERE CUTOLO Grazie presidente, buongiorno, buongiorno a tutti, buongiorno ai colleghi consiglieri, al sindaco, agli assessori che vedo n numero molto nutrito stamattina e speriamo in un valido confronto, soprattutto con gli assessori che sono i diretti responsabili della gestione del proprio assessorato. Io volevo solo spendere qualche parola sulla questione che poc anzi è stata posta in essere, la scorrettezza innanzitutto è quella di fare i nomi, anche perché quando si sbaglia c è sempre qualcuno che dovrebbe controllare, probabilmente se si è sbagliato qualcun altro non ha controllato. Sindaco, per gentilezza ribadiamo il fatto che quando uno di noi interviene l altro sta zitto, poi se vuole replicare lo può fare, se no diventa un discorso quasi personale. La scorrettezza innanzitutto è quella di fare i nomi, anche perché ripeto se si sbaglia ci deve essere sempre qualcuno al di sopra che dovrebbe controllare che non si sbagli e mettere questo ammesso che sia sbagliato, poi questo è da verificare, ma proprio scorrettezza più grande è quella che in corso di campagna elettorale è stata fatta una riunione, addirittura è stato stilato un documento con il quale l amministrazione uscente si impegnava, nel caso avesse vinto le elezioni, di liquidare queste somme, io lo faccio non ce l ho appresso perché non sapevo poi glielo faccio avere sindaco, anzi le faccio un manifesto, gli faccio un manifesto, oltre a questo visto che noi stiamo nel campo delle comunicazioni e abbiamo toccato una problematica così importante volevo dire che questi operatori ecologici vivono una situazione oltre al fatto che hanno un loro diritto che è stato calpestato e continua a essere calpestato giorno dopo giorno hanno un sistema di partecipazione al lavoro inefficientissimo, sindaco le volevo far notare che lei in una delibera ultima ha rinnovato il contratto di fitto della piattaforma ecologica, se così si può chiamare, uno spazio angusto senza attrezzature, senza bagni, senza docce, senza vasche per eventuale pergolato eventuale, che i camion perdono tutte le volte che si va lì a fare lo sversamento dai camion piccoli a quello grande, lei ha rinnovato un contratto a una persona a lei molto vicina per una somma di 50 mila euro all anno se ricordo, 55 senza bagni, 55 mila euro all anno, questo potrebbe essere anche un regalo, potrebbe essere un riconoscimento voglio dire di ordine diretto, non lo so, però pagare 55 5

6 mila euro a una famiglia di Nola per avere in gestione uno spazio angusto senza i servizi e soprattutto senza i servizi di raccoglimento degli scoli che ci sono, io invito i consiglieri comunali, soprattutto il presidente della commissione, diciamo, del ramo, ad andare a fare visita a questa piattaforma, è la vergogna di questa città guardate, è una vergogna, è proprio una vergogna. Presidente io la invito, io più volte ho fatto proposte di comporre delle commissioni itineranti, però pare che quando si parla di problemi veri pare che quell orecchio non è tanto attento, non registra tanto perché poi rimangono solo proposte, voi dovete sapere che delle commissioni noi facciamo decine e decine di proposte, che vanno chiaramente nell indirizzo di migliorare i servizi, e di migliorare la vivibilità della città, dei cittadini, ma puntualmente vengono ignorate, per cui la nostra, vedete, è una presenza quasi astratta perché tutto quello che diciamo, tutto quello che proponiamo viene chiaramente non viene recepito dall altra parte, per cui oggi noi andiamo ad approvare anche una delibera, una delibera che pone una famiglia nella condizione di avere una risorsa che potrebbe essere chiaramente investita sui lavoratori, vabbè questo poi ne parleremo più avanti, oltre al fatto della premialità, pare che in commissione vi ho comunicato che la premialità che ci viene conferita per la percentuale di raccolta differenziata non viene riversata nelle bollette dei cittadini ma viene assorbita dalla ditta, voi questo lo dovete sapere. La vostra ditta recupera la premialità che dovrebbe essere nostra, dei cittadini, noi dovremmo risparmiare sulle bollette e invece li abbiamo regalati alla ditta, questo poi è un altro mistero di questa amministrazione. Mi riservo di intervenire più avanti, grazie. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - La parola al sindaco. SINDACO Caro Arturo mi sfidi su un campo, quello dell onestà e della lealtà che non mi fa proprio paura soprattutto nei tuoi confronti, l isola ecologica a parte che questa famiglia Castagnino non è assolutamente una famiglia vicino a me, anzi ho fatto il contratto 5 anni fa e Castagnino notoriamente con la sua famiglia aveva votato alla coalizione che era, diciamo, contro di noi, insomma, quindi lo sapevano tutti era schierato, ma perché fittammo questa cosa, quest isola ecologica? Perché il comune di Nola in precedenza, non sono certo ma probabilmente quando era assessore forse Cutolo, fittò un isola ecologica in zona agricola via Taranto, via Taranto, intervenne la procura intervenne la Procura, chiuse l isola ecologica e quindi obbligò il comune di Nola a cercare un qualche luogo idoneo almeno temporaneamente per essere destinato ad isola ecologica, quel luogo era l unico luogo idoneo a Nola perché? Perché praticamente aveva una destinazione mi pare a fabbriche di pellame e quindi aveva quei requisiti che furono certificati anche dall Asl, che potevano praticamente in quel momento fare che potevano in quel momento rappresentare i requisiti minimi necessari per destinare quel luogo ad isola ecologica. Quindi rispedisco al mittente 6

7 tutte le accuse fatte, tutte le accuse fatte, io non sono abituato né a mettere i miei familiari nelle cooperative o nei posti appartenenti al comune, non sono abituato a fittare ai miei familiari o ai miei amici, praticamente, locali del comune, quindi sono proprio accuse che non mi appartengono proprio. Quindi le rispedisco esattamente al mittente, lì da dove sono venute. CONSIGLIERE CUTOLO E d obbligo rispondere, anche perché il sindaco quando parla e dice PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere Cutolo, Cutolo, consigliere non gliel ho data ancora la parola. SINDACO Il fitto non è assolutamente di 55 mila euro è di 40 mila euro, è stato richiesto il parere all agenzia e noi facciamo i contratti stabilendo che poi all esito del parere dell agenzia il contratto sarà eventualmente adeguato a quello che è, diciamo, il prezzo fissato dall agenzia. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Un attimo solo, volevo solo ricordare che ai sensi dell articolo 26 del regolamento del consiglio comunale, le comunicazioni vengo fatte, così anche come ci faceva ricordare nel precedente consiglio comunale il consigliere Tripaldi, a seguito di quelle fatte o dal presidente o dal sindaco, il sindaco ha fatto una comunicazione sulla zona ASI, la consigliera Scala ha risposto, poi siamo entrati in questa parte dei lavoratori della Buttol che per carità il loro problema è il nostro problema però cerchiamo di non dilungarci molto anche perché abbiamo un consiglio comunale molto lungo quindi, consigliere Cutolo cerchiamo di non ribattere e anche ahimè cerchiamo di rispettare anche i tempi perché non sono comunicazioni che praticamente sono attinenti a quelle dell ordine del giorno, quindi cerchiamo di essere brevi, grazie. CONSIGLIERE CUTOLO Va bene, grazie presidente guardate è così semplice sconfessare quando si fanno degli interventi, che io ho qua la delibera che impegna la somma, imputare la spesa di 55250,00 euro e c è anche il capitolo vabbè questo poi è una delibera pubblica questa, non è ma è 55, vabbè comunque questo poi quelle cose vere diventano opinioni. Allora per quanto riguarda la questione che ha tirato in ballo il sindaco il sottoscritto ha lasciato un segno in questo ente, un segno di onestà indelebile, qui sono depositati tutti i documenti della gestione Cutolo per quanto riguarda l emergenza rifiuti e voglio ricordare al sindaco che mentre lui si sollazzava con gli incarichi professionali regalati dalla politica., il sottoscritto affrontava una questione molto seria, quella dell emergenza rifiuti in questa città, quando in questa ed in tantissime altre città c erano cumuli di immondizia che arrivavano anche al secondo piano, il sottoscritto vedetevi un po le andatevi a leggere le carte così potreste imparare qualcosa, risolse insieme a una squadra di volontari, l emergenza rifiuti in questa città senza spendere un centesimo e qualcuno mi può fare da testimone, non a caso il consigliere Giugliano, allora presidente della circoscrizione Piazzolla può 7

8 essere testimone di questa gestione, per cui il sottoscritto non ha nulla da temere, anzi il sottoscritto è una bandiera di onestà che ha lasciato un segno indelebile, sindaco e faresti bene a imitarla questa bandiera, grazie. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - La parola al sindaco. SINDACO Quei 55 mila euro una parte era relativa ai canoni del 2013, per quanto riguarda poi l aspetto professionale, caro Arturo, ti devo dire che io non ho mai abusato della diciamo è la mia professione, avevo una convenzione con il comune di Nola peraltro a prezzi stracciatissimi, mila euro all anno, quindi facevo io un piacere al comune di Nola, io non ho mai abusato, spero che tu anche nell ambito del tuo luogo di lavoro possa dire la stessa cosa, di non aver mai abusato della tua carica e quindi di poter essere veramente una bandiera di onestà così come tu dici. 8

9 1 punto all ordine del giorno. Oggetto: Delibera di giunta municipale numero 16 del 14/2/2014, decreto legislativo 12/4/2006 numero 163 articolo 128 del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, 9 giugno Adozione schema del programma triennale e dell elenco annuale Proposta al consiglio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Passiamo al primo capo all ordine del giorno. Delibera di giunta municipale numero 16 del 14/2/2014, decreto legislativo 12/4/2006 numero 163 articolo 128 del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, 9 giugno Adozione schema del programma triennale e dell elenco annuale Proposta al consiglio. Relaziona l assessore alle finanze Antonio Iossa la Polizia, è la Polizia la parola all assessore Iossa, prego. CONSIGLIERE IOSSA Allora buongiorno, buongiorno a tutti, allora iniziamo appunto con la prima delibera propedeutica alla redazione del bilancio di previsione per l anno 2014, tale delibera risale al 14 febbraio 2014 e praticamente contiene appunto il piano triennale dei lavori pubblici. Allora l assessore ai lavori pubblici visto l articolo 128 comma 11 del decreto legislativo 12/4/2006 non è una relazione è una lettura dopo sì prego nel quale dispone che gli enti pubblici tra cui gli enti locali sono tenuti a predisporre ed approvare un programma triennale dei lavori corredato di un elenco dei lavori da realizzare nell anno stesso secondo gli schemi tipo, definiti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, infatti esso è allegato appunto alla delibera. Visto il decreto ministeriale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 9 giugno 2005 pubblicato sula gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 30 giugno 2005 recante procedure e schemi tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale dei suoi aggiornamenti annuali e dell elenco annuale dei lavori pubblici, con il quale vengono definiti i contenuti delle varie schede da predisporre e da approvare, infatti le schede sono allegate appunto alla delibera. Dato atto che in applicazione delle norme sopra citate occorre procedere all approvazione dello schema del programma triennale per il periodo e dell elenco annuale dei lavori di competenza dell anno 2014 di questo ente in tempo utile per consentire la pubblicazione per 60 giorni nella sede dell amministrazione, i termini sono stati rispettati perché risale al 14 febbraio Prima della data di approvazione dovrà avvenire contestualmente al bilancio di previsione costituendone allegato. Visti gli schemi del programma triennale e dell elenco annuale annuale 2014 redatti dal responsabile della struttura competente a cui è affidata la predisposizione del programma triennale e dell elenco annuale sulla base delle proposte inviate dai responsabili del procedimento di cui all articolo 10 comma 3 del decreto legislativo 12/4/2006 numero 163, dato 9

10 atto che detto schema allegato quale parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione si compone delle schede richieste dal decreto ministeriale 9 giugno 2005, visto che lo stesso è stato predisposto tenendo conto delle disposizioni legislative al riguardo e dagli indirizzi programmatici di questa amministrazione forniti tenendo conto anche delle opere in corso di realizzazione del vigente programma triennale , dato atto che alla presente deliberazione sono allegati i pareri di legge previsti dall articolo 49 del decreto legislativo 267 del 2000 vale a dire il Tuel, visto il decreto legislativo del 18/8/2000 numero 267 il decreto legislativo , visto il decreto ministeriale del Ministero delle infrastrutture 9 giugno 2005 propone, uno, adottare gli allegati schemi del programma triennale dei lavori pubblici per il triennio e l elenco annuale dei lavori da realizzare nell anno 2014 che si compone delle schede numerate dal numero 1 al numero 3 così come richiesto dal decreto ministeriale del ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 9 giugno Stabilire che i suddetti schemi saranno pubblicati ai sensi dell articolo 5 comma 1 del decreto ministeriale 9 giugno 2005 all albo pretorio di questa amministrazione e resi disponibili nel sito internet per 60 giorni. Stabilire che eventuali osservazioni e /o proposte di modifica al piano triennale siano inviate al responsabile del programma triennale dei lavori pubblici nei tempi previsti dalla normativa vigente in materia, rendere la presente deliberazione immediatamente eseguibile con separate ed unanime votazione ai sensi dell articolo 134 comma 4 del decreto legislativo 267/2000. Questa è la delibera che la giunta vi propone per l approvazione. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Ci sono interventi da fare? interventi? Sì, prego, la parola al consigliere Scala. Il microfono dovresti averlo sul banco. CONSIGLIERE SCALA Sì, grazie, allora io ringrazio l assessore per la lettura veloce, faccio presente che forse per colpa mia, sicuramente è così, io non ho avuto questo allegato, come non ho avuto altri allegati e ho detto anche per colpa mia, poi ne riparliamo quindi, però io vorrei sapere dall assessore competente quali sono le priorità, sempre seguendo il decreto legislativo 163 del Se per voi sono prioritari determinati lavori, lavori importanti, e quali volete fare, come appunto quelli di manutenzione, oppure completamento di altri lavori. Insomma io voglio sapere praticamente che cosa farete, che cosa avete fatto per quanto concerne quel piano triennale e che cosa farete e poi vorrei sapere quali sono i lavori di singolo importo superiore a 100 mila euro, non sono competente, c è un riferimento, vorrei sapere a che cosa ci si riferisce, non sono io competente, so che questo è un allegato importantissimo ed essenziale e forse, non so, presidente se posso approfittare di questo intervento per dilungarmi anche sugli altri allegati che io non ho avuto neanche per posta elettronica. Io so che un buon bilancio PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Dipende a quali allegati si riferisce però. 10

11 CONSIGLIERE SCALA - che un buon bilancio a cui sicuramente voi siete abituati, si compone di tutte queste parti, mi riferisco a un bilancio trasparente nell interesse della città appunto come siete abituati. Il bilancio di previsione annuale 2014, il riepilogo spese per interventi, ci siamo, il bilancio pluriennale, la relazione previsionale e programmatica, la relazione tecnica al bilancio, io ho quella dell assessore, non ho il parere tecnico dell ufficio competente che poi vorrei sentire, la tabella dei parametri di deficitarietà, la dichiarazione sulla verifica della quantità e qualità delle aree dei fabbricati, la ripartizione dei proventi, sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, e me lo dirà l assessore sicuramente come verranno poi ripartite e come verranno impiegati, c è il riferimento nella relazione dei revisori dei conti, io solo lì ho potuto capire qualcosa, solo da quello. Servizio mensa, quindi i servizi sportivi, l addizionale comunale Irpef, le tariffe, Tosap, queste ci sono, il canone iniziativa pubblicitaria, il fabbisogno del personale e sicuramente l assessore dopo mi farà capire bene le variazioni sempre grazie al revisore dei conti, io lì ho potuto capire da quelle variazioni, solo dai numeri che cosa si intende fare, programma triennale, l ho detto, delle opere pubbliche. Poi abbiamo la definizione delle rate di pagamento della Tari e questo ne abbiamo parlato e altri allegati che riguardano appunto Tasi, tari eccetera eccetera, mi sembra che di tutti questi allegati ci sia ben poco, ci sia ben poco e ne abbiamo poco o niente discusso nella competente commissione. Ringrazio però il presidente che solo ieri mi ha dato la relazione del parere dei revisori dei conti, grazie al presidente Giugliano ma l ho avita ieri. Quindi noi ci stiamo mettendo, come si suol dire, sotto i piedi quello che è il regolamento di contabilità che voleva che noi avessimo ben 20 giorni prima i documenti necessari e gli allegati e non ci avete dato la possibilità di poter presentare qualche emendamento perché ci dobbiamo attenere al regolamento di contabilità, ci sono dei tempi e poi non c erano i documenti, sindaco mi dispiace, con tutte le ragioni di questo mondo, forse tu sicuramente ti sarai attivato, avrai detto predisponete il tutto, ma io ti devo dire francamente che leggendo adesso e ancora stamattina Giovanni Mascolo mi ha fatto qualche fotocopia per capire qualcosa, gentilmente, perché abbiamo preso dagli atti che erano lì alla presidenza. Ritorno alla prima domanda che riguarda il piano triennale dei lavori pubblici, assessore, le priorità gentilmente, che cosa intendete fare, qualunque cosa nell interesse della città ci fa piacere, grazie. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - prima di dare la parola all avvocato Vitale volevo precisare che dalla mia posta elettronica sono partiti gli allegati di bilancio il 19 di settembre e il parere dei revisori dei conti il 25 settembre sicuramente CONSIGLIERE SCALA Allora vi do la mia password e vi do tutto e vedete se è arrivato o no. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Solo a lei non è arrivato. 11

12 CONSIGLIERE SCALA la do pubblicamente, la do alla città. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Eh, solo a lei non è arrivato. CONSIGLIERE SCALA la posso dare alla città. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Solo a lei non è arrivato. La parola prego, la parola al consigliere Vitale, prego. CONSIGLIERE VITALE una risposta da parte dell assessore? PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Ma sentiamo un attimo l avvocato. CONSIGLIERE SCALA - Ma voglio la risposta, la programmazione PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - ma l assessore ai lavori pubblici o alle finanze, scusate? CONSIGLIERE SCALA - La programmazione da parte dell assessore. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - lei ha fatto una domanda all assessore di riferimento, però facciamo concludere un attimo l intervento e poi facciamo una sola risposta. Avvocato vitale, prego. CONSIGLIERE VITALE Credo che è opportuno un attimo capire la no, no, no, no no PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Se facciamo una serie di interventi facciamo una sola risposta all assessore. Avvocato Vitale, prego. CONSIGLIERE VITALE Allora io credo che questa deliberazione non è andata in commissione consiliare quindi oggi soltanto abbiamo una serie di indicazioni che ci vengono fornite con questa proposta di delibera adottata dalla giunta. Leggo negli allegati alla deliberazione del 14 febbraio 2014 l elenco annuale delle opere a farsi, per un importo complessivo di 26 milioni di euro, 26 milioni 037, allora la mia necessità di ottenere chiarimenti poiché ci sono una serie di numeri, progetti di 6 milioni, 8 milioni ed altro, ma su questi progetti abbiamo una indicazione esatta dello stato di progettazione, se c è un progetto preliminare, un progetto definitivo, uno studio di fattibilità, abbiamo delle indicazioni precise, lavoro per lavoro? Quindi su questo se l assessore ai lavori pubblici può cortesemente darci un indicazione più precisa rispetto a quella che è stata riportata nell elenco, rispetto al quale poi una volta che otteniamo questi chiarimenti siamo anche in grado di poter, eventualmente, valutare queste priorità se ci sono o meno rispetto ai singoli stati di progettazione, grazie, grazie. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Ci sono altri interventi per questo capo? E poi facciamo rispondere all assessore? Architetto Pizzella prego CONSIGLIERE PIZZELLA Prova sì, buongiorno a tutti, allora io leggo la relazione dei revisori su questo argomento, a parte che non mi trovo sulla data di approvazione di adozione del 12

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli