IL Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL 03.07.05 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012"

Transcript

1 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012 Documento elaborato da: Responsabile qualità e ambiente Attuazione: Responsabile reparto acque reflue in conformità con le norme: ISO EMAS III OHSAS

2 Sommario Obiettivo... 3 Definizioni... 3 Documenti richiamati... 3 Cronologia delle revisioni... 3 Nuovi allacciamenti alla fognatura pubblica Svolgimento dell iter... 4 Disposizioni tecnico-giuridiche per la realizzazione dei nuovi allacciamenti alla fognatura pubblica 6 Obbligo di allacciamento... 6 Pozzi neri... 6 Servizio di smaltimento dei fanghi di depurazione... 6 Separatori... 6 Condizioni generali... 7 Tubazione... 7 Pozzetti... 8 Manutenzione... 9 Disposizioni relative all immissione... 9 Rinnovo degli allacciamenti Impianti di sollevamento per acque reflue Valvole di rigurgito Sanzioni Esempio di planimetria per la domanda all allacciamento Disegni tipo Schema di corretto deflusso acque reflue Allacciamenti successivi in pozzetti esistenti Allacciamento acque miste Variante Allacciamento acque miste Variante Allacciamento separato di acque bianche e nere Pozzo drenante per acqua piovana Riempimento dello scavo Sezioni dello scavo Pagina 2

3 Obiettivo Obiettivo della presente IL (istruzione di lavoro) è la regolamentazione degli allacciamenti alla fognatura pubblica, eseguiti in un momento successivo. L iter per il rilascio dell autorizzazione e, di conseguenza, per il collaudo dei lavori eseguiti è disciplinato e uniformato come segue tra servizio manutenzione e ufficio tecnico del Comune di Brunico e l Azienda Pubbliservizi. Definizioni Non presenti Documenti richiamati PL Acque reflue Documenti esterni rilevanti REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DI CUI ALL ART. 4 DELLA LEGGE PROVINCIALE 18 GIUGNO 2002, N. 8 RECANTE DISPOSIZIONI SULLE ACQUE (approvata con delibera del consiglio comunale n. 13 del ) Cronologia delle revisioni Revisione Data Motivo della revisione / Note Autore 00 01/09/2010 Prima stesura fp 01 02/05/2011 Adeguamento alle nuove disposizioni del regolamento fognario, definizione dell iter per il rilascio dell autorizzazione e il collaudo fp successivo 02 24/10/2011 Adeguamento procedura ufficio tecnico fp 03 18/01/2012 Eliminazione Formulario presentazione domanda fp Pagina 3

4 Nuovi allacciamenti alla fognatura pubblica Svolgimento dell iter Il presente iter disciplina i rapporti tra enti pubblici (Comune e Azienda Pubbliservizi Brunico) e coloro i quali fanno richiesta di allacciamento alla fognatura pubblica sul territorio comunale di Brunico. I soggetti interessati sono pertanto: richiedente (progettista, impresa di costruzione o proprietario) servizio urbanistica ed edilizia, responsabile: p.i. Matthias Plaikner servizio manutenzione, responsabile: geom. Umberto Olivotto Azienda Pubbliservizi Brunico, geom. Patrick Fumanelli, responsabile reparto acque reflue Fasi dell iter Consegna della domanda per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica prima della vera e propria fase dei lavori. Immediatamente prima dell inizio dei lavori, dev essere presentata domanda per l autorizzazione all allacciamento presso il servizio manutenzione del Comune di Brunico (il modulo è disponibile per il download nell area dedicata sul sito del Comune). I seguenti documenti costituiscono parte integrante della domanda: estratto di mappa planimetria dettagliata in scala 1:200 codice fiscale 2 marche da bollo da 14,62 cad. coordinate bancarie Regolamento fognario art.5 par.3 30 giorni di tempo per il rilascio del parere! Trasmissione della domanda all Azienda Pubbliservizi La domanda presentata viene inoltrata dal servizio manutenzione all Azienda Pubbliservizi in formato PDF, allo scopo di consentire la predisposizione delle condizioni per l allacciamento alla fognatura. Predisposizione delle condizioni La domanda viene verificata dall Azienda Pubbliservizi in merito ad eventuali errori tecnici. Successivamente vengono predisposte le condizioni per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria, trasmesse quindi al servizio manutenzione per l evasione. Rilascio dell autorizzazione per l allacciamento alla fognatura pubblica L autorizzazione è rilasciata dal servizio manutenzione, in seguito alla ricezione delle condizioni. Una copia è trasmessa all Azienda Pubbliservizi. Pagina 4

5 Denuncia di inizio lavori Almeno 5 giorni lavorativi prima dell inizio dei lavori, il richiedente o l impresa edile incaricata deve consegnare la denuncia di inizio lavori al servizio manutenzione. Inoltro della denuncia di inizio lavori all Azienda Pubbliservizi Il servizio manutenzione trasmette la denuncia di inizio lavori all Azienda Pubbliservizi, affinché possano essere effettuati i controlli in loco e presi accordi con l impresa edile. Denuncia di fine lavori A conclusione dei lavori per l allacciamento alla rete fognaria, l impresa esecutrice deve effettuare la denuncia di fine lavori presso il servizio manutenzione, accludendo i seguenti documenti: certificato di regolare esecuzione dei lavori verbale di esecuzione dei test di fumo di segnalazione e traccianti colorati verbale di esecuzione della prova di pressione di tutti i componenti (pozzetti e condotte) Regol. fognario art. 5 par. 5 Regol. fognario art. 9 par. 4 Regol. fognario art. 12 par. 8 Certificato di regolare esecuzione Sulla base della denuncia di fine lavori e della documentazione presentata, l Azienda Pubbliservizi esegue un controllo in loco e, in presenza di un esecuzione dei lavori a regola d arte, rilascia il verbale di collaudo per la regolare esecuzione del nuovo allacciamento alla rete fognaria, che dev essere successivamente trasmesso al servizio manutenzione. Rilascio della licenza d uso Il servizio manutenzione informa il servizio urbanistica ed edilizia in merito all avvenuto collaudo. Quest ultimo procede con il rilascio della licenza d uso. Pagina 5

6 Disposizioni tecnico-giuridiche per la realizzazione dei nuovi allacciamenti alla fognatura pubblica Obbligo di allacciamento 1. L obbligo di allacciamento è previsto nei seguenti casi: Regolamento fognario art.12 par.8 edifici distanti meno di 200 m in linea d aria dalla fognatura pubblica (zona con obbligo di allacciamento); edifici situati al di fuori della zona con obbligo di allacciamento, ma che devono essere allacciati per motivi igienico-sanitari; edifici situati nell ambito della zona con obbligo di allacciamento, che possono far confluire le acque reflue alla rete fognaria pubblica solo tramite un impianto di sollevamento (dislivello inferiore a 20 cm); scarichi per cui si rende necessaria la realizzazione di opere straordinarie, come attraversamenti e sottopassaggi di torrenti, fiumi, autostrade ecc., se l allacciamento è sostenibile dal punto di vista tecnico-economico. Pozzi neri 1. I pozzi neri non possono essere allacciati alla fognatura pubblica e, in caso di necessità, devono essere ripuliti da 1 a 4 volte all anno. Sul territorio comunale, il servizio di smaltimento dei fanghi di depurazione è curato dall Azienda Pubbliservizi Brunico. 2. Il materiale spurgato dev essere eliminato regolarmente e non può essere smaltito nella rete fognaria o nei corsi d acqua sotterranei o superficiali. 3. I pozzi neri esistenti devono essere dismessi, al più tardi, entro 90 giorni dalla messa in funzione della fognatura pubblica. Servizio di smaltimento dei fanghi di depurazione 1. Sul territorio comunale, il servizio di smaltimento dei fanghi di depurazione per i pozzi neri è curato dall Azienda Pubbliservizi Brunico su incarico dell amministrazione comunale. 2. Per il computo tariffario si fa riferimento al consumo d acqua potabile, calcolando in via forfetaria 50 m³ per abitante equivalente. In assenza di un contatore per l acqua potabile, ne viene installato uno dall Azienda Pubbliservizi. 3. È da versare esclusivamente l importo parziale relativo al trattamento delle acque reflue coefficiente d (senza il servizio di fognatura coefficiente f.) Separatori 1. Separatori di grasso Regolamento fognario art.16 Nelle cucine di alberghi, esercizi di ristorazione, ecc., che preparano oltre 200 pasti al giorno, nonché nelle aziende di lavorazione della carne, devono essere predisposti separatori di grasso in conformità con le norme vigenti. Pagina 6

7 Il materiale di spurgo dev essere smaltito nel depuratore consortile da idonea impresa autorizzata. 2. Separatori di oli minerali Per gli scarichi di garage privati e officine con autolavaggio, devono essere predisposti separatori di oli minerali. Anche nei garage con più di 100 posti auto devono essere previsti separatori di oli minerali. Il collaudo dell impianto di separazione degli oli è eseguito dalla Provincia Autonoma di Bolzano Ripartizione 29, Ufficio Tutela acque. Il materiale di spurgo dev essere smaltito, come rifiuto speciale, da un impresa autorizzata. Condizioni generali 1. Gli insediamenti temporanei, quali cantieri per nuove costruzioni, manifestazioni all aperto, ecc., devono essere muniti di idonei sistemi di raccolta e smaltimento delle acque reflue, che possono coincidere con l allacciamento definitivo alla rete Regolamento fognario art. 11 fognaria o essere costituiti da strutture provvisorie per la derivazione delle acque reflue nella fognatura. 2. Il proprietario dell immobile deve predisporre a proprie spese l allacciamento alla fognatura pubblica fino al punto di consegna. 3. L allacciamento deve avvenire in un pozzetto presente nella rete fognaria pubblica. 4. Il tracciato della linea di allacciamento non deve passare su terreni privati. Qualora l allacciamento sia comunque effettuato su un fondo privato, è necessario il consenso del proprietario. 5. Qualora il pozzetto d ispezione sia collocato su un fondo privato o pubblico, dev essere richiesto il consenso del proprietario o del Comune di Brunico. 6. Le acque bianche e quelle acque nere devono essere separate in maniera inconfondibile all interno del fondo, provvedendo alla dispersione nel terreno delle acque superficiali che non richiedono alcun trattamento (ad es. acqua piovana dal tetto), se le condizioni del suolo e lo spazio lo consentono. 7. Tutti gli elementi dell impianto di drenaggio sono soggetti al collaudo da parte del Comune o di un loro incaricato. 8. Il titolare dell allacciamento è obbligato a fornire tutte le informazioni necessarie alla verifica dell impianto, assicurando libero accesso a tutte le parti dell impianto in questione. 9. Le infrastrutture sotterranee esistenti devono essere localizzate e segnalate prima dell inizio dei lavori. 10. L inizio e la fine dei lavori devono essere denunciati al servizio manutenzione del Comune di Brunico. Regolamento fognario art. 7 par. 1 Tubazione 1. L allaccio al pozzetto pubblico deve avvenire nell innesto laterale appositamente previsto. In sua assenza, l allacciamento dev essere effettuato mediante carotaggio e inserimento nella canaletta. Qualora ciò non fosse possibile, il carotaggio dovrà essere praticato al di sopra Pagina 7

8 dell innesto del fondo del pozzetto (vedi tavola Allacciamenti successivi in pozzetti esistenti ). 2. L allacciamento alla condotta pubblica dev essere documentato con materiale fotografico. 3. Dovrà essere data dimostrazione, per mezzo di test di fumo di segnalazione e di traccianti colorati, della corretta separazione delle acque bianche da quelle nere. Inoltre, se richiesto, dovrà essere eseguita un ispezione televisiva della condotta pubblica. Tutte queste verifiche sono a carico del titolare Regolamento fognario art.9 par.4 dell allacciamento e devono essere verbalizzate. 4. È inoltre necessario dimostrare la tenuta stagna di tutti gli elementi dell allacciamento. 5. In linea di principio, il tracciato della tubazione dev essere rettilineo. 6. In caso di cambio della direzione superiore a 45, devono essere previste aperture per ispezioni ovvero raccordi con cambi di direzione minima (15 ). 7. Una tubazione può confluire in un altra solo tramite un apposito innesto (raccordo) o all interno di un pozzetto. 8. Il diametro del tubo non può essere ridotto nella direzione di flusso. 9. Le tubazioni delle acque reflue non possono passare attraverso locali soggetti a particolari norme igienico-sanitarie. 10. Sono vietati i collegamenti diretti tra condotte d acqua potabile e condotte di acque reflue, prevedendo almeno una distanza minima tra loro di 1,0 m. 11. Tutte le condotte di allacciamento devono essere a prova di gelo e protette dai danni d assestamento: non è ammessa la completa muratura del tubo. la posa della condotta in prossimità del rinterro di un edificio deve avvenire su un terreno portante (piano delle fondamenta, costipamento del rinterro eseguito a strati). 12. Non è consentita l installazione di sifoni. Regolamento fognario art Il passaggio alla condotta a caduta deve essere effettuato per mezzo di un arco portante o consolidato, assicurando la possibilità d ispezione. 14. Il diametro interno di ogni condotta dev essere dimensionato in modo tale che la quantità di acque nere accumulate possa essere smaltita senza problemi: le misure minime sono fissate in 150 mm per la tubazione di allaccio e in 125 mm per quella di caduta. 15. Al fine di evitare intasamenti, dev essere garantita una pendenza minima dell 1,0%. 16. Per le condotte di acque reflue non sono ammesse tubazioni in calcestruzzo normale e giunti scanalati. 17. L innesto dev essere praticato nella direzione di scorrimento della condotta principale. Pozzetti 1. Prima dell innesto nella fognatura pubblica, dev essere prevista la possibilità d ispezione (pezzo d ispezione) ovvero un pozzetto di controllo per acque bianche e nere, in modo da garantire la possibilità di controllo, spurgo e manutenzione periodica. 2. Se, per motivi di spazio, l installazione di un pozzetto d ispezione non fosse realizzabile, è possibile prevederne uno, provvisto di pezzo d ispezione, all interno dell edificio. Pagina 8

9 3. I pozzetti d ispezione all interno degli edifici devono poter essere chiusi a tenuta di gas e d acqua; in caso di pericolo di rigurgito, i chiusini dovranno essere assicurati con viti resistenti alla pressione. Non sono ammessi pozzetti nei serbatoi e nelle caldaie. 4. Ai piedi della condotta di caduta dev essere montato un pezzo d ispezione con chiusino ermetico. Il diametro interno della tubazione di allaccio dev essere mantenuto anche dopo tale pezzo d ispezione. 5. Nei seguenti casi, devono essere previsti pozzetti d ispezione esternamente all edificio: sulla tubazione d allaccio (su fondo privato), immediatamente prima dell innesto nel pozzetto della fognatura pubblica; in caso di cambio di pendenza, diametro o direzione delle tubazioni d allaccio; nei punti d incontro di tubazioni importanti. 6. I pozzetti accessibili di profondità superiore a 1,20 m devono essere provvisti di gradini o scale in materiale inossidabile. 7. Il chiusino deve avere un diametro interno di 600 m; la sua portata dev essere adeguata al carico che dovrà presumibilmente supportare. Manutenzione Regolamento fognario art Il titolare dell allaccio deve provvedere all uso e alla manutenzione dell impianto di acque reflue conformemente con le disposizioni vigenti. 2. Il titolare dell allaccio risponde nei confronti del Comune in caso di danni e pregiudizi alla rete fognaria pubblica, riconducibili a un uso scorretto o a una manutenzione inadeguata. Il proprietario dell immobile risponde dei costi per la rimozione di tali danni. Disposizioni relative all immissione 1. È vietato smaltire nella fognatura pubblica sostanze solide o liquide che potrebbero avere conseguenze negative su materiali edili, manutenzione o esercizio dell impianto, come: gas e vapori; sostanze velenose, infiammabili, esplosive e radioattive; sostanze maleodoranti che possono arrecare fastidio (liquame, ecc.); pezzi grossolani che possono causare otturazioni delle tubazioni; oli, grassi, emulsioni bituminose e di catrame; quantitativi rilevanti di liquidi con una temperatura superiore a 40 C; liquidi acidi e alcalini in concentrazioni nocive (> 0,5 per mille); acqua contenente cemento proveniente da cantiere o utilizzata per il lavaggio degli impianti di preparazione del calcestruzzo; scarti di cucina. 2. Non sono ammessi tritarifiuti per scarti di cucina, rifiuti, carta, ecc. Regolamento fognario art.15 Pagina 9

10 Rinnovo degli allacciamenti Regolamento fognario art.5 1. Di regola, in caso di sostituzione della rete fognaria pubblica (collettore, canale di allaccio), il collegamento tra il nuovo canale di allaccio e la tubazione esistente è a carico del proprietario dell immobile. 2. Sostituzione e manutenzione della linea d allaccio spettano al proprietario dell immobile. L esecuzione dev essere eseguita esclusivamente da un azienda specializzata, previa denuncia al comune (Domanda per l allacciamento alla fognatura pubblica). Impianti di sollevamento per acque reflue Valvole di rigurgito 1. Le acque reflue, che ricadono sotto al livello di rigurgito, devono essere condotte alla fognatura pubblica mediante un impianto automatico, senza causare ulteriori rigurgiti. 2. Il punto massimo della tubazione a pressione deve risultare 1 m sopra al livello del rigurgito. 3. Nel punto di culmine dev essere previsto un sistema di aerazione o un allargamento del diametro della tubazione a scendere, onde evitare il riflusso. 4. Alla condotta a pressione non possono essere allacciate tubazioni a scorrimento libero. 5. Le valvole di rigurgito o antiritorno devono essere installate solo se assolutamente necessarie. La manutenzione spetta al titolare dell allacciamento. Sanzioni Regolamento fognario art In caso d inosservanza della presente linea guida, in seguito a sollecito scritto e trascorso senza esito il termine suppletorio, il provvedimento previsto può essere messo in atto dal comune stesso o da un suo incaricato a spese del soggetto obbligato. In caso di pericolo imminente, si può prescindere dalla determinazione di un termine per l adempimento successivo. 2. In caso d inosservanza delle disposizioni del presente regolamento fognario, si applicano le sanzioni amministrative di cui dell art. 57, par. 2 della Legge provinciale. Pagina 10

11 Esempio di planimetria per la domanda all allacciamento I nuovi allacciamenti alla fognatura pubblica sono soggetti ad autorizzazione. La domanda dev essere presentata al servizio manutenzione del Comune di Brunico, corredata di planimetria in scala 1:200, contenente precise informazioni sul progetto. Il formulario è scaricabile sul sito internet del Comune di Brunico. Esempio di planimetria Serb atoio RW? Pozzo drenante Pagina 11

12 Disegni tipo Le seguenti tavole devono essere considerate come esempi cui fare riferimento, senza alcuna pretesa di esaustività, per ottenere una panoramica generale della materia in forma sintetica. Pagina 12

13 Schema di corretto deflusso acque reflue Ambiti di competenza Pagina 13

14 Allacciamenti successivi in pozzetti esistenti Pagina 14

15 Allacciamento acque miste Variante 1 Pagina 15

16 Allacciamento acque miste Variante 2 Pagina 16

17 Allacciamento separato di acque bianche e nere Pagina 17

18 Pozzo drenante per acqua piovana Pagina 18

19 Riempimento dello scavo Pagina 19

20 Sezioni dello scavo Pagina 20

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI NULLAOSTA ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE ALLEGATO INFORMATIVO Area territoriale Saccisica ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI 1 RIFERIMENTI

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n.

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n. MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecnico OGGETTO: Richiesta di Autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica D.Lgs n. 152 del 03.04.2006 e s.m.i. Regolamenti

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE... 2 4. FOGNATURA... 2 4.1 MATERIALI DA UTILIZZARE

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

Comune di Selma REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI

Comune di Selma REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI Regolamento per le canalizzazioni Pagina 1 di 15 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 Scopo...4 Art. 2 Compiti del Comune e

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

Oggetto: Domanda di Autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche che non recapitano nella rete fognaria

Oggetto: Domanda di Autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche che non recapitano nella rete fognaria RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE (ai sensi del D.Lgs. n. 152 del 03-04-2006) (MODELLO DA UTILIZZARE PER IL COMUNE DI TEOLO) Marca da bollo RISERVATO ALL'UFFICIO Protocollo:

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Comune di Cama REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI

Comune di Cama REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Comune di Cama REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Regolamento canalizzazioni del Comune di Cama pagina 1 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 Art. 1 Base legale 3 Art. 2 Canalizzazione pubblica 3 Art. 3 Obbligo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA VENETO ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA UTENZE DOMESTICHE E ASSIMILATE Il presente opuscolo ha lo scopo di dare delle indicazioni di massima al cliente per

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO OGGETTO: autorizzazione allo scarico di ACQUE REFLUE DOMESTICHE in corpo

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI

REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Regolamento canalizzazioni Pagina 1 di 15 Indice 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 SCOPO DEL REGOLAMENTO... 4 1.2 BASI LEGALI... 4 1.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI DEL COMUNE DI MESOCCO

REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI DEL COMUNE DI MESOCCO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI DEL COMUNE DI MESOCCO Regolamento per le canalizzazioni del Comune di Mesocco Pagina 1 di 13 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NELLA PUBBLICA FOGNATURA GESTITA DA VERITAS

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NELLA PUBBLICA FOGNATURA GESTITA DA VERITAS UNITA LOCALE RIVIERA DEL BRENTA E DEL MIRANESE ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NELLA PUBBLICA FOGNATURA GESTITA DA VERITAS UTENZE DOMESTICHE E ASSIMILATE La presente istruzione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA UTENZE DOMESTICHE E ASSIMILATE Il presente opuscolo ha lo scopo di dare delle indicazioni di massima al cliente per la corretta

Dettagli

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria.

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO NELLA RETE FOGNARIA DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE Tipo di autorizzazione: nuova rinnovo

Dettagli

Comune di Verdabbio REGOLAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO

Comune di Verdabbio REGOLAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO Comune di Verdabbio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO Verdabbio - Regolamento acque scarico.doc Pagina 1 di 13 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1. SCOPO DEL REGOLAMENTO... 4

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITATE IN PUBBLICA FOGNATURA.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITATE IN PUBBLICA FOGNATURA. Città di Lecce All UFFICIO AMBIENTE Via Rubichi n. 01 73100 LECCE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITATE IN PUBBLICA FOGNATURA sottoscritt nat_

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n..

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative Questi interventi hanno lo scopo di predisporre un adeguata preparazione delle condotte perché si realizzino le

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE D.LGS. 152/2006

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E ASET S.p.A. REGOLAMENTO FOGNATURA E DEPURAZIONE - --------------------------------------------------------------------------------- ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E DEFINIZIONE CONTRIBUTI Modificato con Del.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 COMUNE DI MERCALLO No bollo PROVINCIA DI VARESE Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 Cod.fisc.: 83003793570 - E-mail: ed.pubblica@comune.mercallo.va.it Spettabile COMUNE DI MERCALLO Via

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali.

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Spett.le Comune di OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Il sottoscritto (Cognome e Nome) (Codice Fiscale) Nato a (Comune o Stato Estero)

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 30.04.1999 1 CAPO

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993 REGOLAMENTO DI UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA Castano Primo, luglio 1993 1 INDICE CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Regolamento Art. 2 - Obbligo di immissione nella pubblica fognatura Art. 3

Dettagli

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SCHEMA DI COLLAUDO IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 160/2010, lettera b) Il presente modello deve essere presentato ogni qualvolta

Dettagli

CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato

CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE NELLA RETE

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

08/04/2014. Gli scarichi idrici

08/04/2014. Gli scarichi idrici Gli scarichi idrici A seconda della loro origine, le acque di scarico domestiche possono essere: acque nere, quelle provenienti dai servizi igienici; acque grigie, quelle provenienti da lavandini, docce

Dettagli

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 97 di data 26/10/1986 Entrato in vigore 21/11/1986 (Seduta G.P. del 21/11/1986

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE.

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Spett. le Amia spa 54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Il sottoscritto nato il / / a Prov.

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE

SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA Via Rati 66 Tel. 010/91701 Fax 010/9170225 C.F. 80007570106 P.I. 00845470103 SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE Istanze di autorizzazione per scarichi derivanti da

Dettagli

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i DOMANDA DI NULLA OSTA ALL'ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ( Art. 23 del Regolamento di Fognatura ) Rumiz CAFC S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito 04.2009 w w w. t u b i. n e t Pozzetto di cacciata per lo scarico automatico di acqua Pulizia Automatica / Subirrigazione Cos è? E un pozzetto in PE

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

www.nicoll.it VALVOLE ANTIRIFLUSSO ACCESSORI PER EDILIZIA E FOGNATURA COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI Materiale Video Documentazione tecnica

www.nicoll.it VALVOLE ANTIRIFLUSSO ACCESSORI PER EDILIZIA E FOGNATURA COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI Materiale Video Documentazione tecnica www.nicoll.it ACCESSORI PER EDILIZIA E FOGNATURA COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI Materiale Video Documentazione tecnica 107 Utilizzo, installazione, benefici UTILIZZO La valvola antiriflusso ispezionabile senso

Dettagli

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE DI ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 03-04-2006, e successive modifiche ed integrazioni. Immobile sito nella frazione

Dettagli

DOMANDA PER NULLA OSTA

DOMANDA PER NULLA OSTA REVISIONE 05 - del 03.01.2012 Spettabile ACQUE NORD s.r.l. Via San Bernardino n. 50 28922 VERBANIA Alla cortese attenzione del Presidente DOMANDA PER NULLA OSTA NUOVO ALLACCIAMENTO di scarichi civili alla

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE (La domanda dovrà essere compilata

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) AREA TECNICA U.O. Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ED ASSIMILABILI IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA

Dettagli

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE modello 1 A.O Domanda per ottenere il Nulla Osta all allaccio in fognatura pubblica per lo scarico di reflui domestici provenienti da unità abitative residenziali modello (ai sensi dell art. 45 del D.Lgs.

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

CHIEDE per l insediamento sito in Via/Piazza n. Marca da Bollo da. 14,62 (da apporre solo se l oggetto della richiesta è edilizia residenziale)

CHIEDE per l insediamento sito in Via/Piazza n. Marca da Bollo da. 14,62 (da apporre solo se l oggetto della richiesta è edilizia residenziale) Marca da Bollo da. 14,62 (da apporre solo se l oggetto della richiesta è edilizia residenziale) Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) - Tel 0516979208 Fax 0516979222 Partita I.V.A. 00508891207

Dettagli

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm)

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Protocollo COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Riservato all Ufficio ALL UFFICIO URBANISTICA DEL COMUNE DI CAVE RIFERIMENTO DI ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia:

Dettagli

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:...,

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:..., Riservato ad AMSC S.p.A. Marca da Bollo 14,62 Al Presidente del CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE DEL LAGO DI VARESE E LAGO DI COMABBIO Piazza Libertà n 1 21100 VARESE Tramite

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Messaggio municipale

Messaggio municipale Torricella-Taverne, 20 aprile 2014 Messaggio municipale No. 106-2014 che chiede la concessione di un credito di CHF 351'000.00 per la sostituzione della canalizzazione delle acque miste fognarie e il rifacimento

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO COMUNALE PER LE OPERE DI FOGNATURA E LO SCARICO DI REFLUI IDRICI NEI COLLETTORI DELLA FOGNATURA, NEL SOTTOSUOLO E NEI

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Art. 11 - Allacciamento alla pubblica fognatura di insediamenti produttivi e produttivi assimilabili a civili Gli scarichi provenienti da insediamenti

Dettagli