IL SISTEMA FOGNARIO DI SIRACUSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA FOGNARIO DI SIRACUSA"

Transcript

1 IL SISTEMA FOGNARIO DI SIRACUSA Problematiche Operative nella Gestione della rete e degli impianti di Sollevamento Gruppo di Lavoro Jansiti Fiore Sipala Blanco - Lo Presti - Lo Re Siragusa - Spada Sudato - Trimarchi Catania, 21 Maggio 2009

2 SAI8 S.p.A. è il Gestore del Servizio Idrico Integrato dell ATO di Siracusa

3 Una continuità con l esperienza espressa da SO.GE.A.S. S.p.A. in 16 anni di attività Un apertura all intero territorio dell ambito

4 La composizione della società SO.GE.A.S S.p.A 82% Capitale sociale SACECCAV Depurazione Sacede S.p.A. 18 %

5 ORGANIGRAMMA AZIENDALE CdA Amministratore Delegato Direttore Generale Sicurezza C.F.O. Direzione Infrastrutture Direzione Gestione

6 ORGANIGRAMMA AZIENDALE Direzione Gestione Jansiti Area Gestione Utenza Area Gestione Operativa Fiore Controlli Int. Rapp. Enti Acquedotto Qualità Fognatura Laboratorio Depurazione Rifiuti SIT Modellazione Processo Manutenzione

7 ATO n. 8 Siracusa Popolazione ab. ( utenti) 21 comuni modalità: Consorzio Tariffa base S.I.I. 0,85 euro/mc Copertura del servizio: - acqua potabile 97% - fognatura 93% - depurazione 65% Città di Siracusa SOGEAS SpA S.I.I. città di Siracusa ( ab., 30 % ATO) Fatturato 12,5 MLeuro Tariffa media 0,84 euro/mc 85 collaboratori

8 La Gestione Avverrà prendendo in carico i comuni per fasi successive: entro il 1 anno: Siracusa, Augusta, Noto, Buccheri; entro il 2 anno: Pachino, Buscemi, Sortino, Cassaro, Ferla, Floridia, Avola, Carlentini, Priolo Gargallo; entro il 3 anno: Solarino, Portopalo di Capo Passero, Francofonte, Melilli, Rosolini, Lentini, Palazzolo Acreide, Canicattini Bagni.

9 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA FOGNARIO DI SIRACUSA Fogna Primaria Al recapito finale Fogna Secondaria Fogna Terziaria Centrali di Sollevamento La rete fognaria della città di Siracusa si sviluppa nel seguente modo: Le fogne terziarie, secondarie, primarie ed i collettori giungono alle centrali di sollevamento; Da qui tramite sollevamenti in cascata, giungono al recapito finale; Una larga parte dei collettori fognari della città di Siracusa, per le caratteristiche geomorfologiche del territorio sono quindi in pressione;

10 SERVIZIO FOGNATURA CITTA DI SIRACUSA Numero centrali di sollevamento: 54 Numero di pompe installate: 160 Sviluppo rete: 300 km

11 Schema Fognario della città di Siracusa Zona Balneare

12 SCHEMA FOGNARIO CITTA DI SIRACUSA CENTRO

13 PROBLEMATICHE Idrauliche Le problematiche sono di due tipi: Di Processo Le portate idrauliche nell emissario finale dipendono dal numero di pompe contemporaneamente in funzione Le problematiche di processo sono dovute alla scarsa ventilazione dei collettori

14 FUNZIONAMENTO ASINCRONO DELLE CENTRALI Le portate idrauliche sollevate dipendono unicamente dal livello idrico in ogni singola centralina

15 PROBLEMATICHE Elevato numero di picchi idraulici Ingolfamento delle centrali di confluenza Ridotte capacità di accumulo nelle ore di massima portata

16 SOLUZIONE ADOTTATA Sistema di Telegestione centralizzato Funzionamento sincrono delle centrali

17 TELEGESTIONE Sistema di telecontrollo tiene conto di: Portate in arrivo; Volume disponibile; Caratteristiche idrauliche Pompe Condotte di Mandata

18 FUNZIONAMENTO SINCRONO DELLE CENTRALI SE ΣQi < Qm Telegestione Set - Point POMPE IN MARCIA Qi Qi Qi Qi

19 VANTAGGI Maggiore uniformità nella distribuzione oraria delle portate; Globalmente maggiori volumi di riserva per la laminazione delle portate di punta

20 PROBLEMATICHE Idrauliche Le problematiche sono di due tipi: Di Processo Le portate idrauliche nell emissario finale dipendono dal numero di pompe contemporaneamente in funzione Le problematiche di processo sono dovute alla scarsa ventilazione dei collettori

21 PROBLEMATICHE DI PROCESSO La scarsa ventilazione provoca L innesco di processi riduttivi della sostanza organica; Lo sviluppo di gas che nelle centrali di sollevamento provocano esalazioni tossiche e nocive; La corrosione delle apparecchiature impiantistiche; La maggiore richiesta di Ossigeno negli impianti di trattamento;

22 CRITERI DI INDAGINE Valutazione delle caratteristiche relative alla setticizzazione dei liquami; Monitoraggio del potenziale redox in funzione della concentrazione di ossigeno disciolto; Determinazione del coefficiente di richiesta immediata di Ossigeno; Scelta del sistema ottimale di diffusione

23 L importanza del potenziale Redox Il potenziale Redox deriva dall'unione e abbreviazione dei due termini "riduzione" e "ossidazione e viene misurato in mv. Il potenziale redox indica la capacità di una sostanza a modificarsi, rilasciando o acquisendo ossigeno. Redox positivi reazioni di ossidazione liquame ben ossigenato e non maleodorante Redox negativi reazioni di riduzione liquame settico sviluppo di gas tossici e maleodoranti

24 TEST ESEGUITI Campionamento e Misurazioni di Campo Preso un campione rappresentativo di refluo urbano sono stati determinati: Il potenziale Redox iniziale; La concentrazione iniziale dell ossigeno disciolto; L odore emanato dal liquame;

25 TEST ESEGUITI Prove Bench Scale Simulazione del processo reale a scala di laboratorio: Il liquame prelevato in campo, posto in costante agitazione, viene insufflato con aria mediante un setto poroso a bolle medie, monitorando il potenziale redox e O2 disciolto Dopo un certo intervallo di tempo T1 il liquame raggiunge un valore di redox prossimo alla neutralità e non emana più cattivo odore Successivamente si è rilevato il tempo T2 durante il quale il refluo permane in condizioni di ossidazione I dati acquisiti sono utilizzati per stabilire i parametri di processo ottimali su scala reale

26 Valutati: TEST ESEGUITI Applicazione su Scala Reale Il volume di ogni singola centrale di sollevamento; La portata confluita Il tempo di permanenza dei liquami T1R Si determina sulla base dei risultati Bench Scale: Il fabbisogno di ossigeno La relativa portata d aria necessaria Si verifica che: Il tempo T2R impiegato dal liquame per raggiungere la centrale successiva sia inferiore al tempo T2 determinato su scala di laboratorio

27 LA REGOLAZIONE IN CAMPO Per il dimensionamento dell impianto di areazione, ci si è posti nelle condizioni più gravose, ovvero massima portata confluente alle centrali e relativo tempo di permanenza. Tutti gli altri casi sono regolati automaticamente da un sistema di telecontrollo che gestisce l impianto di areazione in funzione di un set-point di potenziale Redox pre-impostato

28 SOLUZIONI IMPIANTISTICHE sistema di agitazione per evitare la sedimentazione di particelle più o meno grossolane al fondo. sistema di areazione per il trasferimento dell ossigeno necessario al processo. centralina Redox per la rilevazione del potenziale. centralina Ossigeno per la rilevazione dell ossigeno disciolto.

29 RISULTATI Riduzione degli Odori Riduzione delle esalazioni tossiche Risparmio energetico negli impianti di trattamento

30 O = I + a Fa + b Md + 4,6 m N-NH 3 O = fabbisogno complessivo medio di ossigeno espresso in Kg/die di O2 I = richiesta immediata di ossigeno di composti quali solfuri, solfiti etc., trascurabile se non in presenza di liquami settici a = coefficiente di ossidazione per sintesi Kg O 2 / Kg BOD 5 degradato; Valori 0,50 0,65 Fa = BOD 5 abbattuto nel sistema espresso in Kg/die b = coefficiente di assorbimento dell ossigeno per respirazione endogena Kg O 2 /Kg SS x die; Valori 0,08 0,15 Md = massa complessiva di microorganismi presenti nel sistema misurata in Kg di SSV 4,6 = ossigeno occorrente per ossidare completamente 1 Kg di N-NH 3 in nitrati m Il Fabbisogno di Ossigeno nel dimensionamento degli impianti biologici a fanghi attivi = grado di nitrificazione richiesto dipendente dal fattore di carico organico con cui lavora l impianto N-NH 3 = richiesta di ossigeno dovuta all ammoniaca presente nel liquame

31 CONCLUSIONI Funzionamento sincrono delle pompe Maggiore costanza delle portate Prove Bench Scale e Telecontrollo Riduzione della setticizzazione dei liquami lungo la rete fognaria Riduzione dei consumi energetici

Dove alloggiare e dormire

Dove alloggiare e dormire web - Il portale di Dove alloggiare e dormire Dove alloggiare e dormire nella provincia di. L'offerta alberghiera è ampia e va dagli hotel a cinque stelle alle pensioni a una stella; se lo preferite, potrete

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA ASSESSORATO AMBIENTE TUTELA AMBIENTALE - PARCHI E RISERVE ECOLOGIA PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SMALTIMENTO

Dettagli

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Ing. Giorgio MARTINO ACEA ATO2 Spa Roma -Regione Lazio Sala Tevere 25 luglio 2013

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SIRACUSA - ORGANICO DI DIRITTO - ANNO SCOLASTICO 2007/08 PAG. 1 CIRCOLO DIDATTICO SREE008006 SIRACUSA 3' "L.CAPUANA" -VIA AUGUSTA, 15 -SIRACUSA -DIST.059 :ALUNNI A TEMPO

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E IMPROVEMENT FUNZIONALE MEDIANTE L OTTIMIZZAZIONE DELLA FORNITURA DI ARIA

RISPARMIO ENERGETICO E IMPROVEMENT FUNZIONALE MEDIANTE L OTTIMIZZAZIONE DELLA FORNITURA DI ARIA RISPARMIO ENERGETICO E IMPROVEMENT FUNZIONALE MEDIANTE L OTTIMIZZAZIONE DELLA FORNITURA DI ARIA Collaborazione di Ricerca Triennale sperimentata sull impianto a scala reale per un anno STRUMENTAZIONE DI

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

IGIENE E SANITA' PUBBLICA

IGIENE E SANITA' PUBBLICA IGIENE E SANITA' PUBBLICA (Fonte dei seguenti dati: Sito web della AUSL 8 di Siracusa) AREA DI IGIENE E SANITA' PUBBLICA VACCINAZIONI IN ETA' PEDIATRICA VACCINAZIONI IN ETA' ADULTA VACCINAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

SISTEMI DEPURATIVI ALTO SEVESO E LIVESCIA RAPPORTO ANNUALE SUI RISULTATI DELLA DEPURAZIONE

SISTEMI DEPURATIVI ALTO SEVESO E LIVESCIA RAPPORTO ANNUALE SUI RISULTATI DELLA DEPURAZIONE Rapporto File RPRD0115 Rapporto Annuale sui Risultati della Depurazione Data 22.04.15 Lariana Depur SpA Anno 2014 Pag. 1 di 46 SISTEMI DEPURATIVI ALTO SEVESO E LIVESCIA RAPPORTO ANNUALE SUI RISULTATI DELLA

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013 RUOLO DELLA PROVINCIA DI TRENTO NELLA GESTIONE DEI DEPURATORI E OTTIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DEI DATI DI FUNZIONAMENTO PER FAVORIRE UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEGLI IMPIANTI Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA 5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMESIOAMEO DELLA SEZIOE BIOLOGICA 5.3.1 CODIZIOI ESIE ( 20 C Dati di progetto Carichi idraulici Portata idraulica giornaliera m 3 /d 12 500 Portata idraulica oraria M24 m 3

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE 20 OTTOBRE 2015 PADIGLIONE EXPO VENEZIA, SALA CONFERENZE VIA GALILEO FERRARIS,

Dettagli

Longarone, 4 novembre 2011

Longarone, 4 novembre 2011 Acqua buona, città pulite, servizi di qualità, prezzi equi oggi e nel futuro nei Comuni che ci affidano la gestione dei servizi pubblici locali. Longarone, 4 novembre 2011 Il contesto in cui opera Etra

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Facoltà di Ingegneria Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale a.a. 2010/2011 Corso di Gestione dei Servizi e delle Tecnologie Ambientali 6 CFU Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Ing.

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

1. PREMESSA GENERALE

1. PREMESSA GENERALE 1. PREMESSA GENERALE Il territorio della Provincia di Siracusa si presta in modo ottimale al riconoscimento come Distretto Turistico Territoriale in quanto presenta una vasta offerta di elementi di attrazione

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI

L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI Raffaello Cossu,, Roberto Raga 1 Andrea Dal Maso, Moreno Zanella 2 1 Dipartimento IMAGE Università di Padova 2 Spinoff

Dettagli

Ing. Alice Balducci PHYSIS srl

Ing. Alice Balducci PHYSIS srl Workshop INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE: BEST PRACTICES EUROPEE Festival dell Acqua, L Aquila 10 Ottobre 2013 Ing. Riccardo Gori Università di Firenze Ing. Alice Balducci PHYSIS

Dettagli

Metodi e strumenti per l efficienza di settore

Metodi e strumenti per l efficienza di settore Metodi e strumenti per l efficienza di settore A cura di Yos Zorzi SINERGIA s.r.l. In sintesi Inquadramento sulle attività di smaltimento delle acque reflue urbane in Emilia Romagna I costi di depurazione

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

Il progetto Seminare Acqua

Il progetto Seminare Acqua Il progetto Seminare Acqua Conililcontributo contributodi: di: Con Il progetto Obiettivo: Parlare di di acqua e dei servizi ad ad essa collegati e creare uno strumenti di di conoscenza per la la cittadinanza

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Presentazione PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Il progetto Più Efficienza con Meno Energia si pone lo scopo di migliorare la performance dell impianto di depurazione aumentando l efficienza dello

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO Cavo di sollevamento Motoriduttore Tubazione d aria Struttura di sostegno Flangia Corpo miscelatore a iperboloide Distributore dell aria ad anello Basamento HYPERDIVE La struttura

Dettagli

17. Il processo di inquinamento

17. Il processo di inquinamento 17. Il processo di inquinamento Gli inquinanti emessi da una sorgente vengono immessi nell'ambiente dove si propagano con velocità e per distanze che dipendono dal tipo d'inquinante e dal tipo di flusso,

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001. Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014

SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001. Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014 SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001 E APPLICATIVI DI SUPPORTO Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014 Il territorio del Gruppo copre 186 comuni nelle province di Milano, Monza e Brianza, Pavia, Como e Varese I NUMERI

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

Ruolo delle E.S.Co. e Certificati Bianchi nel Servizio Idrico Integrato

Ruolo delle E.S.Co. e Certificati Bianchi nel Servizio Idrico Integrato Ruolo delle E.S.Co. e Certificati Bianchi nel Servizio Idrico Integrato ing. Alessandro Zago Edilvi S.p.A. Divisione E.S.Co. zago@edilvi.it «Energia e Acqua» Milano, 09 ottobre 2015 Chi siamo Impresa di

Dettagli

SUPERVISIONE, AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DI UN IMPIANTO DI TRATTAMENTO E BONIFICA DI ACQUE DI SCARICO CIVILI E INDUSTRIALI

SUPERVISIONE, AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DI UN IMPIANTO DI TRATTAMENTO E BONIFICA DI ACQUE DI SCARICO CIVILI E INDUSTRIALI SUPERVISIONE, AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO DI UN IMPIANTO DI TRATTAMENTO E BONIFICA DI ACQUE DI SCARICO CIVILI E INDUSTRIALI Nel corso degli anni 2000 2007 s.d.i. automazione industriale ha realizzato,

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONE 1 (Prof. Ing. Giordano Urbini; Ing. Cristiana Morosini) EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE (BASI TEORICHE ESEMPIO DI CALCOLO) 1. OBIETTIVI E CAMPI

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

La conceria e l impatto ambientale

La conceria e l impatto ambientale La conceria e l impatto ambientale 1 Inquinamento da attività conciaria L industria conciaria, pur non essendo peggiore di molte altre attività industriale, è considerata altamente inquinante. Ciò è dovuto

Dettagli

Problematiche relative al trasporto ed al deposito di materiale solido all'interno di fognature unitarie: aspetti gestionali ed esperienze operative

Problematiche relative al trasporto ed al deposito di materiale solido all'interno di fognature unitarie: aspetti gestionali ed esperienze operative ACEA ATO2 S.p.A. Problematiche relative al trasporto ed al deposito di materiale solido all'interno di fognature unitarie: aspetti gestionali ed esperienze operative Ing. Alessandro Zanobini, Ing. Massimo

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

Via Chiari n. Oggetto: CONSULENZA TECNICA GESTIONE IMPIANTO DEPURAZIONE MEDIANTE : SOPRALLUOGHI, CAMPIONAMENTII E ANALISI E NS. SISTEMA TELECONTROLLO

Via Chiari n. Oggetto: CONSULENZA TECNICA GESTIONE IMPIANTO DEPURAZIONE MEDIANTE : SOPRALLUOGHI, CAMPIONAMENTII E ANALISI E NS. SISTEMA TELECONTROLLO Brescia li, Spettle Ns Rif ce VsRif Via n 25 B (BS) Via Chiari n Oggetto: CONSULENZA TECNICA GESTIONE IMPIANTO DEPURAZIONE MEDIANTE : SOPRALLUOGHI, CAMPIONAMENTII E ANALISI E NS SISTEMA TELECONTROLLO Con

Dettagli

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE)

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) popolazione servita (max.) ab.eq. 45.000,00 dotazione idrica l/ab/d 350,00 coeff. di afflusso 0,80 tipo di fognatura mista portata di

Dettagli

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Relatore Roberto Ricci ENEA - Bologna Gruppo di ricerca Roberto Ricci Luca Luccarini

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5.1 Obiettivi del Piano d Ambito Nel piano d ambito 2002 sono illustrati gli obiettivi generali della pianificazione d ambito (tecnico-impiantistici

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI rev. 01 - gen. 2006 1 1 INQUADRAMENTO INQUADRAMENTO GENERALE GENERALE 22 OBIETTIVI

Dettagli

CO.R.D.A.R. Valsesia S.p.A.

CO.R.D.A.R. Valsesia S.p.A. CO.R.D.A.R. Valsesia S.p.A. AVVISO PER LE UTENZE INDUSTRIALI Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) Tutti gli scarichi di acque reflue industriali aventi come recapito finale le reti fognarie per le acque

Dettagli

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010.

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. (Determinazione ENEA n. 267 / 2006/ D.G.) Ing. R. Pica, ENEA novembre

Dettagli

Piano di ambito. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99.

Piano di ambito. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99. Obiettivi Stabilisce il modello gestionale ed organizzativo del SII; Determina i livelli dei servizi all utenza; Determina il programma

Dettagli

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Rapporto sui sistemi depurativi a servizio delle reti fognanti

Dettagli

*********************************

********************************* FILTRO PERCOLATORE AEROBICO (FPAL N 9000 NR) USCITA BASSA SCARICO SU SUOLO/SUBIRRIGAZIONE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura

Dettagli

Analisi di benchmarking per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti di depurazione

Analisi di benchmarking per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti di depurazione Analisi di benchmarking per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti di depurazione Francesco Bosco ACEA S.p.A. La gestione dei sistemi fognari e depurativi: sostenibilità ambientale,

Dettagli

Requisiti di installazione EnGen TM -2500

Requisiti di installazione EnGen TM -2500 Requisiti di installazione EnGen TM -2500 Per installazioni di field test nel progetto ene.field* *ene.field è un progetto finalizzato alla diffusione di m-chp a fuel cells. I sistemi di ene.field sono

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI INTRODUZIONE La depurazione delle acque di scarico costituisce uno dei problemi ambientali più rilevanti. Gran parte dei rifiuti delle attività umane, siano esse domestiche

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

Automazione e Telecontrollo dei piccoli impianti di Depurazione Una nuova strategia verso il risparmio energetico e l ottimizzazione della gestione

Automazione e Telecontrollo dei piccoli impianti di Depurazione Una nuova strategia verso il risparmio energetico e l ottimizzazione della gestione ATO2 Basso Valdarno Automazione e Telecontrollo dei piccoli impianti di Depurazione Una nuova strategia verso il risparmio energetico e l ottimizzazione della gestione Rev.4 Agosto 2010 1 SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASC SETTIC SETTIC BICAMERALI TRICAMERALI A FANGI ATTIVI VASC SETTIC VASC BIOLOGIC TIPO IMOFF VASC SETTIC Divisione Depurazione 33 Degrassatore Tricamerali 1. SETTIC 2. BICAMERALI 3. TRICAMERALI 34 Divisione

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

Esperienze di start-up di impianti MBR

Esperienze di start-up di impianti MBR Esperienze di start-up di impianti MBR Michele Torregrossa Università di Palermo Esperienze di start-up di impianti MBR Obiettivo Studio delle condizioni di avviamento più adeguate per il raggiungimento

Dettagli

TARIFFE ACQUEDOTTO POTABILE

TARIFFE ACQUEDOTTO POTABILE Acquedotto potabile uso domestico e assimilato Descrizioni aggiuntive netto di IVA U.M 1 Scaglione

Dettagli

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 4 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 5 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 6 5 REALIZZAZIONE DI

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA REGIONE UMBRIA AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.3 AGENZIA REGIONALE PER L AMBIENTE (ARPA)

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Direzione Generale AVVISO PUBBLIC.O RECLUTAMENTO DI MEDIATORI INTERCULTURALI (LINGUISTICO CULTURALE) DA INSERIRE NELL'ELENCO

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 conv. in L. 46/2004, art.1, c.1 - CB-NO/Torino Anno 7 n. 26 DEA edizioni s.a.s. Strada del Portone, 127-10095 Grugliasco (TO) marzo 2014 anno vii numero

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Chi sono? Marco Rusconi Ingegnere, responsabile del settore contratti di Idrolario Srl (project manager per l esecuzione degli interventi di piano d ambito e delle manutenzioni

Dettagli

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE Paola Foladori, Gianni Andreottola Università degli Studi di Trento via Mesiano 77, Trento Giuseppe Bonacina ABB SpA,

Dettagli

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI DI PROGETTO... 3 3. EFFICIENZA DEPURATIVA... 5 4. DESCRIZIONE E DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 LINEA LIQUAMI... 5 4.1.1 Sollevamento ed accumulo acque di prima

Dettagli

3. Il sistema di depurazione delle acque reflue prodotte negli impianti di produzione CdR

3. Il sistema di depurazione delle acque reflue prodotte negli impianti di produzione CdR 3. Il sistema di depurazione delle acque reflue prodotte negli impianti di produzione CdR Gli impianti di produzione CdR rientrano pienamente nella tipologia degli impianti industriali che potremmo considerare,

Dettagli

IMPIANTO DI DEPURAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE SSB AQUATO STABI-KOM. Depurazione. biologica delle acque reflue in. impianti nuovi e preesistenti

IMPIANTO DI DEPURAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE SSB AQUATO STABI-KOM. Depurazione. biologica delle acque reflue in. impianti nuovi e preesistenti IMPIANTO DI DEPURAZIONE L'originale! Depurazione biologica delle acque reflue in impianti nuovi e preesistenti IMPIANTO DI DEPURAZIONE SSB AQUATO STABI-KOM AQUATO STABI-KOM la nuova generazione di impianti

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE/assimilabili... sottoscritt.. nat a.. il.. residente in..

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE/assimilabili... sottoscritt.. nat a.. il.. residente in.. Bollo * DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE/assimilabili... sottoscritt.. nat a.. il.. residente in.. via. n. cap. nella sua qualità di legale rappresentante

Dettagli

6 Piano degli interventi

6 Piano degli interventi 6 Piano degli interventi 6.1 Metodologia per l individuazione degli interventi Nel Piano degli interventi si tende ad individuare gli investimenti, intesi come nuove opere o azioni di ripristino di opere

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Depurazione delle acque 1 Parametri generali

Depurazione delle acque 1 Parametri generali Depurazione delle acque 1 Parametri generali Le colonie di batteri che formano il fango contengono un elevato numero di microrganismi diversi ognuno con proprie caratteristiche (tempo di generazione, fabbisogno

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

POSSIBILI IMPIANTI APPLICATIVI

POSSIBILI IMPIANTI APPLICATIVI POSSIBILI IMPIANTI APPLICATIVI Impianti da posizionare a valle del trattamento secondario a fanghi attivi ed idonei a decolorare drasticamente le acque reflue el fine di renderle idonee al loro riutilizzo

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

STUDIO PREFATTIBILITÀ AMBIENTALE IMPIANTO DEPURAZIONE

STUDIO PREFATTIBILITÀ AMBIENTALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMPATTI... 3 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 4 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 5 5 MODIFICAZIONI PAESAGGISTICHE

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

ITT Water & Wastewater

ITT Water & Wastewater ITT Water & Wastewater Incontro sul tema Tecnologie innovative per la movimentazione ed il trattamento dei fluidi Il risparmio energetico nel trattamento delle acque reflue Francesco Pirozzi dell Università

Dettagli

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS (Integrated Fixed-Film Activated Sludge) MODELLO DI DIMENSIONAMENTO/VERIFICA DI PROCESSO Ing.G.Mappa Tecnologia MBBR (Moving Bed

Dettagli

Ing. FRANCESCO RODRIQUEZ. GORI SpA. ACEAGORI Servizi S.c.a.r.l.

Ing. FRANCESCO RODRIQUEZ. GORI SpA. ACEAGORI Servizi S.c.a.r.l. IL TELECONTROLLO NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI GORI Ing. FRANCESCO RODRIQUEZ GORI SpA ACEAGORI Servizi S.c.a.r.l. L ATO 3 CAMPANIA IN CIFRE 76 Comuni 59 - Provincia di Napoli 17 - Provincia di Salerno

Dettagli

CASE STORY 4 IMPLEMENTAZIONE EXPERIOR IMPIANTO P3

CASE STORY 4 IMPLEMENTAZIONE EXPERIOR IMPIANTO P3 Oggetto: IMPLEMENTAZIONE PACCHETTO EXPERIOR SU UN SOLLEVAMENTO FOGNARIO DI ESISTENTE DENOMINATO P3 PREMESSA L impianto in oggetto è gestito da Tecnocasic, società per azioni controllata dal CACIP, operante

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso Il bacino imbrifero ALTO LURA Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso ALTO LURA S.r.l. Alto Lura S.r.l., ex Consorzio per la raccolta e la depurazione

Dettagli

IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO

IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO Infrazioni comunitarie in materia di qualità TORINO delle -acque 14 aprile potabili 2011 e di adempimenti relativi alle

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

PROCEDURA --------------------------------------

PROCEDURA -------------------------------------- PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI (AREE O FABBRICATI) FUNZIONALI ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -------------------------------------- La PROVINCIA DI GENOVA, nella sua qualità

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli