COMUNE DI MONTEFORTE CILENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MONTEFORTE CILENTO"

Transcript

1

2 COMUNE DI MONTEFORTE CILENTO Provincia di Salerno PROGETTO DEI LAVORI PER LA RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO A SERVIZIO DEL TERRITORIO COMUNALE. Premessa Le carenze del sistema fognario e di gestione delle acque cittadine costituiscono un problema annoso. Nel territorio del Comune di Monteforte Cilento esistono infatti zone in cui gli impianti fognari e di depurazione delle acque non sempre risultano adeguati a sostenere gli scarichi degli insediamenti abitativi. In alcune aree vi verificano problemi di smaltimento delle acque piovane perché i canali esistenti, in condizioni di ingenti precipitazioni, non sono sempre in grado di far fronte alle esigenze di raccolta e deflusso. Inoltre, là dove non esiste un allacciamento diretto alla rete fognaria la manutenzione dei filtri depuratori da parte dei residenti è talvolta inadeguata, con possibili rischi per la salute del territorio. Per far fronte a questa situazione, il Comune di Monteforte Cilento ha avviato una serie di interventi, sia di natura tecnico-operativa, sia di natura normativa, che prevedono da un lato l'estensione della rete fognaria e la riorganizzazione delle acque reflue, dall'altro la regolamentazione della gestione delle acque nei nuovi insediamenti. Una delle sfide che nei prossimi anni l'amministrazione comunale si appresta ad affrontare in materia ambientale riguarderà infatti proprio la riduzione degli impatti ecologici e il completamento e la riqualificazione generale delle reti fognarie. L obiettivo è quello di garantire il collegamento dei nuovi interventi edilizi alla rete fognaria, operando soprattutto sulle aree sottoposte a maggior pressione per carenza di manutenzione e controllo dei depuratori. La fognatura da realizzare sarà del tipo separato e sarà realizzata con tubi del diametro di 400 mm. Nel caso della fognatura in progetto per il calcolo della portata pluviale non si farà riferimento ai metodi classici dell invaso o della corrivazione visto l esigua estensione del bacino imbrifero. Infatti, per bacini inferiori ai 30 Ha è possibile usare una formula empirica che suddivide l area del bacino in due parti: quella coperta dai fabbricati 1

3 alla quale viene associata una portata di l/sha; e quella scoperta alla quale viene associata una portata di l/sha. Tale semplificazione è giustificata dal fatto che per superfici molto piccole i metodi teorici non hanno una buona attendibilità e quindi si può determinare la portata pluviale a prescindere dalla legge di pioggia. Il calcolo delle portate fecali presenta notevoli incertezze sia perché non è facile prevedere quale percentuale di acqua potabile non raggiunge le fogne sia per le difficoltà di stima delle eventuali perdite delle fogne stesse. Occorrerebbe quindi valutare l acqua che si perde per evaporazione, quella presa per innaffiamento e cosi via. Il calcolo delle portate fecali medie viene condotto sulla scorta dei dati forniti dal PRGA, adoperando la formula: d P = ε m Ab [l/s] dove : d è la dotazione idrica giornaliera pro-capite, pari a 200 l/ab.giorno; Ab è il numero di utenti serviti dalla fogna nell area considerata; ε è un coefficiente riduttivo che tiene conto dell acqua dispersa per evaporazione ed infiltrazione nel suolo, nella fattispecie si assume pari a Per la determinazione del coefficiente di punta C p, necessario alla determinazione delle portate fecali di punta P 1 = C p P m, si può far riferimento all espressione empirica C p = 20 Ab -0.20, che fornisce in genere valori inferiori a quelli relativi all acquedotto interno, come effettivamente deve essere dato lo sfalsamento che si stabilisce tra acqua fornita all utenza e liquami di fogna raccolti. Nella fognatura in progetto verranno convogliate le acque degli scarichi dei servizi igienici degli stabilimenti industriali di prossima realizzazione e quelli dei fabbricati rurali presenti nella zona interessata dall intervento, nonché le acque meteoriche raccolte dalle coperture dei fabbricati e dalle pavimentazioni ad essi adiacenti, sia industriali che rurali, mentre quelle raccolte nel bacino imbrifero al di fuori delle zone coperte da pavimentazione non potranno essere convogliate nella rete fognaria, ma fatte defluire lungo i canali di scolo naturali diffusamente presenti nella zona. Per quanto riguarda gli scarichi prodotti dai processi industriali, questi dovranno essere trattai da appositi depuratori all interno degli stabilimenti, e le acque depurate potranno essere convogliate in appositi canali di scolo che le convoglieranno nel recapito finale. È da precisare che le portate fecali di punta saranno ben poca cosa rispetto alle portate pluviali, tanto che potrebbero non considerarsi all atto del dimensionamento dello speco, è invece importante la determinazione delle loro velocità medie, perché occorre valutare la possibilità di inserire eventuali pozzetti di lavaggio che nei periodi asciutti effettuino la pulizia dei tronchi di fognatura. 2

4 Rapporto delle opere con il piano del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Il comune di Monteforte Cilento ricade all interno del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano e le opere da realizzare sono localizzate all interno del centro storico e lungo le strade comunali carrabili incluse nelle seguenti zone del Piano Parco: D.. Zone urbane e urbanizzabili (rete fognaria) C2 Zone di protezione (impianto di depurazione esistente) Stralcio piano parco Ortofoto con individuazione del depuratore esistente Impianto di depurazione esistente 3

5 IL PROGETTO Centro storico Lo schema idraulico realizzato, prevede il convogliamento delle acque in una sola tubazione (sistema misto). Questa circostanza se da un lato consente alla rete di autopulirsi in occasioni di pioggia, dall altro crea notevoli problemi mandando in pressione le tubazioni e facendo riversare nelle strade i liquami che la fognatura non è in grado di smaltire. Si rende quindi necessario intervenire creando una rete fognaria separata per garantire l igienicità e la salute pubblica e nel contempo preservare l impianto di depurazione da fenomeni di dilavamento dei fanghi. Il tutto sarà possibile mettendo in opera un nuovo tubo per il trasporto delle acque bianche e ripristinando le strade attraversate. Il ripristino sarà effettuato rimuovendo i materiali esistenti (cubetti) e mettendo in opera una pavimentazione di caratteristiche uguali a quella esistente. 4

6 Tratto impianto di sollevamento-collettore Allo stato attuale la parte dell abitato posizionato a sud-est, è servito da collettori fognari che hanno come recapito un pozzetto di raccolta dal quale per mezzo di un impianto di sollevamento, i liquami vengono trasportati nella rete a gravità. Tale sistema porta in ogni caso a grandi problemi legati sia alla manutenzione, che all economicità del sistema. È stato, quindi previsto l eliminazione dell impianto di pompaggio realizzando un tratto di rete fognaria che, utilizzando un percorso alternativo, consente di superare il dislivello in contropendenza. Vista punto di massima altezza In particolare a partire dall impianto di sollevamento esistente (che a questo punto avrà esclusivamente la funzione di accumulo), partirà una condotta fognaria del d=400 mm in pvc che a gravità raggiungerà il collettore principale esistente in prossimità del colatore lungo il quale passa la condotta principale che raggiunge l impianto di depurazione. Un primo tratto sarà localizzato lungo la strada carrabile per poi deviare su una strada secondaria (sterrato) al di sotto di quella principale. Collettore fognario acque nere Tratto in contropendenza da superare con tecnice spingitubo Per superare il dislivello altimetrico (contropendenza rispetto al deflusso naturale del liquido) è stato pensato di non realizzare scavi di altezze importanti che comprometterebbero sia la sede stradale che la sicurezza dei lavoratori. La posa della tubazione avverrà tramite macchina spingi tubo, che oltre a garantire l integrità della sede stradale consentirà una rapida installazione delle tubazioni, garantendo nel contempo la sicurezza delle lavorazioni e della circolazione stradale. 5

7 Punto di max dove la condotta devia su sterrato Sarà eseguita una trivellazione orizzontale per con pressotrivella, previa realizzazione di uno sbancamento nel terreno per alloggiamento della trivella. La trivellazione avverrà mediante inserimento nella macchina di tronchi di tubazione in acciaio della lunghezza di m 3 o m 6 e diametro 500 mm con all interno le cloche per la perforazione. Il tubo infisso sarà saldato per ogni troncone garantendo la monoliticità dell elemento nel suo complesso. La perforazione sarà eseguita senza arrecare danno o ingombro alcuno della superficie della strada. In prossimità del punto di cambio di pendenza, la tubazione lascerà la strada principale per proseguire lungo una strada sterrata e raggiungere quindi il collettore che convoglia le acque nere al depuratore. Lungo il percorso saranno realizzati pozzetti di ispezione con elementi prefabbricati. La strada interessata sarà interamente pavimentata (binder+tappetino) previa scarificazione superficiale dello strato di conglomerato bituminoso. 6

8 Smaltimento acque meteoriche zona centro storico Le utenze del nucleo antico, sono tutte servite dalla rete fognaria comunale, che raccoglie sia le acque nere che quelle di pioggia in un unico condotto. Tale circostanza, in occasione di eventi meteorologici importanti, crea gravi problemi al funzionamento della rete, mandandola in pressione e provocando quindi il sollevamento dei chiusini con conseguente fuoriuscita di liquido fognario. Problemi vengono creati anche all impianto di depurazione al quale arrivano liquami diluiti che comportano un dilavamento dei fanghi e quindi una sensibile diminuzione della capacità depurativa del sistema. Per ovviare a tale conseguenza, con il presente intervento è stata prevista la realizzazione di una rete parallela a quella esistente, alla quale sarà riservata la funzione di trasporto delle acque meteoriche. Innesto con la strada carrabile al di sotto del nucleo antico Punto di scarico acque bianche Questo concetto sarà esteso all intera rete del nucleo antico e le acque raccolte saranno indirizzate al colatore esistente, materializzato sulla sede stradale con un tombino nel quale già sono indirizzate parte delle acque meteoriche raccolte dalla strada bitumata. Scalinata di accesso al borgo antico Punto di scarico acque bianche 7

9 Questa canalizzazione interesserà, come area terminale del centro antico, una scalinata completamente dissestata. Successivamente alla posa della condotta fognaria, si provvederà al ripristino della stessa scala, rimontando le alzate in pietra e pavimentando la pedata con acciottolato. Regimentazione acque metoriche SP 13b Per la strada in oggetto, è stato previsto la raccolta delle acque di pioggia mettendo in opera una tubazione in pvc del d=400 mm e caditoie. Per l esecuzione delle lavorazioni è stata prevista la demolizione del muretto che fa da parapetto per consentire la realizzazione di un marciapiede protetto con una ringhiera metallica. Tale marciapiede sarà realizzato impiegando pietra locale e cordoli in pietra calcare. 8

10 Principali materiali previsti nel progetto Le tubazioni saranno in PVC rigido conformi norma UNI EN , con contenuto minimo di PVC pari all'80%, per condotte di scarico interrate di acque civili e industriali, giunto a bicchiere con guarnizione elastomerica secondo UNI EN 681-1, contrassegnati ogni metro con marchio del produttore, diametro, data di produzione e marchio di conformità di prodotto IIP UNI e/o equivalente marchio di rilasciato da organismo riconosciuto nell'ambito della comunità europea. Rigidità anulare SN 8 kn/m²dn 400. Per la realizzazione dei lavori saranno eseguiti scavi in zone disagiate relative al centro antico con notevoli problemi sia di spazi che di transito di persone. Lo strato di allettamento e rinfianco delle tubazioni, sarà realizzato con sabbia di cava, mentre il riempimento del cavo con misto cementato lungo le strade carrabili e in cemento nel centro storico in considerazione della poca profondità di posa della tubazione stessa. I pozzetti saranno realizzati con elementi prefabbricati in cemento vibrato con pareti non inferiori a cm 15 e fondo non inferiore a cm 10, con impronte laterali per l'immissione di tubi delle dimensioni 100x100x90 cm. La soletta superiore sarà del tipo pesante per traffico carrabile realizzato con elementi prefabbricati in cemento vibrato con asola preformata per l'alloggiamento di chiusini in ghisa sferoidale di misura da lato a cm 50 fino a lato cm 120.I chiusini di ispezione saranno in ghisa sferoidale GS 500, costruito secondo le norme UNI EN 124 classe D 400 (carico di rottura 40 tonnellate), con coperchio autocentrante sul telaio, telaio a struttura alveolare, giunto in Polietilene antirumore e antibasculamento, marchiato a rilievo con: norme di riferimento (UNI EN 124), classe di resistenza (D 400), 9

11 marchio fabbricante e sigla dell ente di certificazione. Lungo la strada carrabile, per la raccolta delle acque meteoriche, saranno installate griglie bocca di lupo in ghisa sferoidale: costruita secondo le norme UNI EN 124 classe C 250 (carico di rottura 25 tonnellate), ampia capacità di drenaggio, marchiata a rilievo con norme di riferimento (UNI EN 124), classe di resistenza C 250, marchio fabbricante e sigla dell ente di certificazione. Per la raccolta delle acque meteoriche lungo le scalinate saranno messe in opera delle griglie in ghisa sferoidale: costruita secondo le norme UNI EN 124 classe C250, asole ad ampio deflusso disposte su due file, marchiata a rilievo con norme di riferimento (UNI EN 124), classe di resistenza (C250), marchio fabbricante e sigla dell ente di certificazione; sistema di fissaggio degli elementi consecutivi su longheroni a sezione T o profili L 30x30x3 mm.dimensioni: larghezza 300 mm, lunghezza 750 mm. 10

12 Impianto di depurazione A servizio della rete fognaria esistente, è attivo un impianto di depurazione che, durante la stagione estiva non è in grado di sopportare il carico che gli viene inviato. Dettaglio vasca di depurazione Impianto di depurazione esistente (vista dall alto) Dettaglio sedimentazione Con il presente intervento si propone la realizzazione di un modulo monoblocco in grado di migliorare ed aumentare la capacità depurativa comunale. In particolare per quanto riguarda l impianto di depurazione, si è pensato di installare uno modulare del tipo monoblocco il quale oltre a garantire le caratteristiche di seguito riportate nella presente, possa in ogni modo essere reso completamente by passabile in periodi di minor carico incidente all impianto. Spazio destinato ad accogliere il nuovo modulo Spazio destinato ad accogliere il nuovo modulo 11

13 L impianto darà collocato in adiacenza delle vasche esistenti nello spazio compreso tra il confine di proprietà (individuato dalla recinzione in rete metallica) e la parete della vasca. Vantaggi del Complesso Impiantistico proposto : 1. Interramento per una buona valutazione di Impatto Ambientale; 2. Completa assenza di odori causati da effetti di aerosol; 3. Assenza di rumori; 4. Risparmio energetico; 5. Completa automazione del funzionamento del processo; 6. Conseguimento dei limiti imposti dalle norme vig. in materia; 7. Minimo ingombro dell area posta a servizio; Sulla scorta dei dati di progetto acquisiti, ed in relazione alla popolazione residente anche futura, si è ritenuto sufficiente prevedere un Impianto da 500 ab/eq. Posto in parallelo in modo da dare all impianto la massima costanza di funzionamento tale da sopportare eventuali variazioni di carichi incidenti di punta riferiti al carico organico in ingresso. SCELTA E DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROPOSTO Per le considerazioni fatte in premessa, il processo che si adotta e del tipo Biologico a fanghi attivi ad aerazione estesa, da effettuarsi all interno di bacini monoblocco realizzati in acciaio al carbonio opportunamente trattati, che dopo l assemblaggio in cantiere dello stesso e delle relative macchine preposte a servizio possa essere in grado di effettuare gli interi cicli di trattamento mediante la gestione imposta mediante un quadro elettromeccanico. DESCRIZIONE DELLE PRINCIPALI FASI DEL PROCESSO : POZZETTO SCOLMATORE (ESISTENTE) CANALE DI GRIGLIATURA (ESISTENTE) POZZETTO DI RIPARTIZIONE LIQUAMI AI DUE SISTEMI (DA REALIZZARE) NUOVO IMPIANTO MONOBLOCCO DA 500 AB/EQ (DA INSTALLARE) N 1 MODULO DI OSSIDAZIONE BIOLOGICA ; N 1 MODULO DI SEDIMENTAZIONE/CHIARIFICAZIONE ; N 1 IDRAULICA DI RICIRCOLO E SUPERO FANGHI; N 1 IDRAULICA DI INSUFFLAZIONE ARIA; VASCA DI CLORAZIONE (ESISTENTE) SISTEMA DI ESSICCAMENTO FANGHI A SERVIZIO NUOVO IMPIANTO (DA INSTALLARE). 1. POZZETTO DI RIPARTIZIONE LIQUAMI : Si rende necessario la realizzazione di un pozzetto di ripartizione liquami da porre a valle del canale di grigliatura realizzato in c.l.s. e corredato di un ingresso principale e n 2 uscite regolabile realizzate mediante tubazioni di livello a cannocchiale regolabili. 12

14 Tale pozzetto avrà le dimensioni tali da contenere la totalità della portata di punta effluente all impianto nell arco della giornata. Dati di progetto : Ab/Eq. Max. : 500; Dotazione idrica pro capite : 160 lt/ab x gg.; Coefficiente di afflusso 0.8 Q. max. giorn. : 64 mc x g; Q.media : mc/h; Q. punta : mc/h ; DATI E PARAMETRI DI PROGETTO LINEA GRANDI IMPIANTI A DUE E A TRE VASCHE Numero di abitanti equivalenti u.m Dotazione idrica L/d*ab Portata idraulica m 3 /d Portata idraulica di punta m 3 /h 1,8 2,3 3,8 5,7 9,5 Carico organico g BOD/ab*g Carico organico giornal. kg BOD/d 5,4 7, Volume ossidante tot. m 3 10, Tempo detenzione ossid. ore Carico del fango kg.bod/kg. ss*d 0,1 0,1 0,09 0,1 0,13 Carico volumetrico kgbod/m 3 Ox*d 0,51 0,48 0,46 0,51 0,64 Concentrazione del fango kg. SS/m Carico idraulico sediment. m 3 /h/m 2 0,16 0,14 0,14 0,22 0,36 Superficie decantatore m 2 3,5 5,5 8,7 8,7 8,7 DESCRIZIONE DEL CICLO DI FUNZIONAMENTO Il sistema di seguito relazionato consente la depurazione vera e propria dei liquami civili opportunamente pretrattati dai vari sistemi di grigliatura. Nella fase di ossidazione totale a fanghi attivi, realizzata mediante n 1 vasca di ossidazione separata dalla sedimentazione, dove avviene l incontro tra la miscela fango attivo proliferata ed il liquame grezzo da depurare in arrivo costantemente tramite il partitore di portata idraulico. La fase di ossidazione viene dotata di un sistema di distribuzione dell aria a spirale stretta, mediante diffusori d aria posti sul fondo dei moduli. I diffusori pur essendo posti sul fondo della vasca, nelle operazioni di manutenzione (sostituzioni e/o pulizia), non obbligano di un arresto del sistema causa di fondamentale importanza per il ripristino in quanto vantano di un attacco a snodo completamente di facile rimozione. OSSIDAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI : Questa fase costituisce il nucleo principale del processo di depurazione del refluo : 13

15 La fase gassosa, costituita dalla quantità di aria da inviare all interno della massa liquida, al fine di garantire la giusta concentrazione di ossigeno disciolto necessario allo sviluppo delle reazioni biologiche di degradazione del carico inquinante; La fase liquida, che costituisce il mezzo veicolante delle sostanze inquinanti e che è necessario depurare prima di avviare al proprio recettore; La fase solida, costituita dalla massa di microrganismi aerobici dotati di capacità di trattenimento delle sostanze organiche (fango attivo). N 1 BACINO DI OSSIDAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI Q.TA : N 1 DIMENSIONI CADAUNO: Larghezza.: 250 cm; Lunghezza.: 800 cm; Altezza totale : 250 cm; Altezza battente.: 235 cm; Sistema di aerazione del tipo a spirale stretta N 9 diffusori in epdm inintasabili ; Q. max.: 15 Nmc/h di O2; Sistema di iniezione : N 1 Elettrosoffiante a canali laterali silenziata posta nel locale tecnico pot. : 2 Kw volt. 50 hz; SEDIMENTAZIONE FINALE / CHIARIFICAZIONE Dopo la fase di ossidazione biologica, la miscela fango attivo effluente depurato accede alla fase di sedimentazione/chiarificazione dove avviene la separazione tra il fango attivo ed il mezzo liquido, quest ultimo viene reccolto in apposite canalette ed indirizzato al trattamento successivo di disinfezione. Il fango attivo che si deposita alla base del bacino di sedimentazione, viene ricircolato e miscelato all interno della vasca di ossidazione e/o predenitrificazione, in modo da garantire alte concentrazioni microbiche. Quest azione di ricircolo rende possibile la facilità e la rapidità di innesco delle reazioni biologiche, dato che i microrganismi presenti nel fango sono già efficienti ed adatti alle particolari condizioni di esercizio. Lo scarico delle acque depurate ed ormai chiarificate avviene per semplice sfioro tramite l apposito profilo thompson posto prima della canala di raccolta. Pertanto le acque dopo il trattamento vengono fatte pervenire entro il bacino di disinfezione esistente, dove a mezzo di un reagente sterilizzante in questo caso si prevede il dosaggio di ipoclorito di sodio in soluzione commerciale al 15/16 % per l inibizione di eventuali microrganismi patogeni ancora presenti quali bacilli, salmonelle etc. etc. La realizzazione di quanto fino a questo momento descritto passa attraverso un accurato dimensionamento del volume utile della vasca di ossidazione e della vasca di sedimentazione, in modo da trovare il giusto equilibrio fra le esigenze della tecnica e quella dell utenza. N 1 BACINO DI SEDIMENTAZIONE/CHIARIFICAZIONE POSTI Q.TA N 1 14

16 Larghezza : 250 cm; Lunghezza : 400 cm; Altezza totale : 250 cm; Altezza battente : 235 cm; Questo particolare bacino è costruito tipologicamente come la precedente differenziandosene per l inserimento di un particolare fondo a tramoggia per facilitare la raccolta dei fanghi dall apposita elettropompa, ed evitare fenomeni di bulking. CORREDI INTERNO VASCA DIFFUSORE CALANDRATO IN ACCIAIO DI DIMENSIONI φ 400 x h mm E RELATIVA STRUTTURA DI ANCORAGGIO IN ACCIAIO; STRAMAZZI THOMPSON E CANALA DI RACCOLTA CHIARIFICATO SU TUTTI E QUATTRO I LATI; PARASCHIUME SU TUTTI E QUATTRO I LATI; ELETTROPOMPA SOMMERGIBILE A GIRANTE ARRETRATA PER RICIRCOLO E SUPERO MISCELA AREATA; TRATTAMENTO DEI FANGHI : Le modeste dimensioni dell impianto non rendono necessarie l applicazione di particolari macchinari costosi come ad esempio una filtropressa per l essiccazione dei fanghi. Pertanto si è ritenuto prevedere l installazione di un'altra stazione filtrante a sacchi sempre da alloggiare all interno del locale tecnico ed alimentata dalla stessa elettropompa di ricircolo posta a servizio dell impianto monoblocco. AUTOMAZIONE DEL SISTEMA : Il funzionamento viene gestito dal quadro comando posto nel locale tecnico costituito nel seguente modo : Armadio in poliestere rinforzato con oblò trasparente in vetro a completa protezione stagna IP 65 con interruttore generale bloccaporta, il tutto da porre a servizio della gestione di tutte le utenze installate al processo depurativo tutte eccetto nessuna. I componenti usati saranno delle migliori marche compreso i selettori e i dispositivi di segnalazione (amperometro e voltometro), timer, terne di fusibili per ogni utenza, termiche per ogni utenza, contattori per ogni utenza ecc.; Ogni morsetto di ammaraggio avrà la propria indicazione al fine di risalire al corretto schema di realizzazione oltre a presentarlo al momento del colludo; lo stesso sarà certificato in merito alle normative vig. D.L. 46/90 Ispsel e succ. agg; In particolare il circuito ausiliare sarà realizzato a 24 volt.; Viene inoltre predisposto un particolare sistema di allarme sonoro e ottico per eventuale avarie degli organi elettromeccanici. 15

17 RAPPORTO DELLE OPERE CON IL PIANO STRALCIO DELL AUTORITA DI BACINO Tratto 2 Zona P3 (Pericolosità da frana ELEVATA) Per garantire il servizio fognario a tutta l area a monte, è stato progettato un tratto di rete da realizzare in parte con macchina spingituto, in parte con scavo di modeste dimensioni. Tale tratto di rete raggiungerà il collettore esistente che è localizzato in prossimità del colatore naturale. Quindi ricadrà in zona P4 per una lunghezza di circa 25 ml. In questo ultimo tratto saranno predisposte le seguenti opere: Realizzazione pozzetto di monitoraggio all inizio e alla fine del tratto che ricade in zona P4; Messa in opera di tubazioni in pvc collegate ai pozzetti con giunti flessibili. Nella fase di gestione dell opera saranno effettuati monitoraggi con cadenza mensile confrontando la portata in ingresso con quella in uscita Per la realizzazione dei lavori si procederà secondo le indicazioni della relazione geologica vale a dire: fronti di scavo contenuti da realizzare durante la stagione estiva e impiegando opere di contenimento per la sicurezza degli operai. Tratto 4 Zona P4 (Pericolosità da frana MOLTO ELEVATA) La fogna in oggetto andrà a sostituire la tubazione esistente, quindi sarà realizzata nello stesso scavo. In ogni caso la tubazione sarà avvolta da misto cementato al fine di evitare cedimenti e quindi potenziali danneggiamenti ad opera di carichi stradali. In ogni caso si procederà secondo le indicazioni della relazione geologica vale a dire: fronti di scavo contenuti da realizzare durante la stagione estiva e impiegando opere di contenimento per la sicurezza degli operai. Le acque continueranno ad essere indirizzata nel colatore esistente (Verifica canale Scarico Tratto 4 El.n 9: Calcoli idraulici). 16

18 Tratto 5 Zona P4 (Pericolosità da frana MOLTO ELEVATA) Il tratto di rete fognaria ricade in zona che dal punto di vista della pericolosità della frana, è classificata P4 (molto elevata). Allo stato attuale le acque di pioggia che investono la sede stradale non sono regimentate e quindi ruscellando sulla pavimentazione stradale raggiungono il recapito finale (Verifica canale Scarico Tratto 5 El.n 9: Calcoli idraulici). Con l intervento in oggetto, le acque di pioggia saranno canalizzate con netto miglioramento delle condizioni di sicurezza per la circolazione stradale. Tale canalizzazione, avverrà mediante la posa in opera di una tubazione in pvc del diametro 400 mm. La posa del tubo avverrà immediatamente al di sotto della pavimentazione stradale, quindi sicuramente all interno dello spessore della fondazione stradale. Inoltre tale intervento sarà realizzato a tergo del muro esistente, quindi in un ammasso che sicuramente non sarà roccioso ma sicuramente di riempimento. Una volta posato il tubo, i vuoti saranno riempiti con cemento, garantendo in questo modo sia l integrità della tubazione che la tenuta idraulica. Durante le lavorazioni saranno impiegati piccoli mezzi meccanici, alfine di ridurre in modo significativo le vibrazioni indotte all ammasso roccioso. In ogni caso dalla relazione geologica si evince la compatibilità dell intervento con la pericolosità del sito. 17

19 Depuratore Zona P3 (Pericolosità da frana ELEVATA) Il depuratore esistente è localizzato in adiacenza al colatore naturale ed è composto da una vasca di sedimentazione, grigliatura e depurazione. Per garantire la depurazione delle acque si rende necessario inserire un impianto monoblocco con struttura in acciaio in adiacenza alla vasca esistente. Per consentire l installazione del monoblocco, si rende necessario realizzare uno scavo di sbancamento per una lunghezza di circa 15 metri e una larghezza di circa 4 metri. La posa del sistema depurativo, avverrà previa realizzazione di un muro di sostegno e una platea di base su pali al fine di scaricare i carichi in profondità. Da ciò si può concludere che i pali per l allestimento della platea sulla quale verrà poggiata la vasca da realizzarsi, dovranno avere una lunghezza non inferiore ai 12 metri lineari; in tal caso avranno la duplice funzione di: 1. Trasmettere completamente i carichi sulla formazione lapidea inalterata; 2. Evitare completamente fenomeni di risonanza (seppur contenuti) in seguito a sollecitazioni sismiche che possano indurre eventuali riattivazioni del corpo di frana nella parte superficiale. La vasca di ampliamento verrà appoggiata su di una platea a sua volta attestata su pali adeguatamente dimensionati, tale da superare in toto lo spessore superficiale di coltre mobilizzabile; ciò garantirà la distribuzione dei carichi direttamente sulle porzioni lapidee del substrato, evitando nel contempo qualsiasi sovraccarico statico sulla porzione di versante interessata e garantendo la salvaguardia della struttura anche in caso di eventuali riattivazioni del corpo di frana. Per mantenere il corpo di frana il più possibile asciutto nell area a monte del depuratore, allo stato attuale interessata da una copertura boschiva ad alto fusto, si prevede la realizzazione di canali di drenaggio ortogonali al versante, atti a convogliare le acque di ruscellamento superficiali e smaltirle correttamente nel prospiciente valloncello. In questo caso le frane infatti, pur con cinematismi differenti, sono correlabili alla presenza in affioramento e subaffioramento di depositi terrigeni in facies di flysch, caratterizzati da una forte eterogeneità granulometrica e in termini di comportamento geotecnico e gli stessi sono fortemente condizionati soprattutto da aliquote di acqua meteorica di infiltrazione che imbibisce e tende a plasticizzare i depositi. Le soluzioni progettuali adottate, pertanto, consentiranno una sostanziale mitigazione dello stato di disordine idraulico in cui versa questa porzione di versante. 18

20 QUADRO ECONOMICO RIEPILOGATIVO Le somme necessarie per la realizzazione delle opere in oggetto ammontano complessivamente a di cui per lavori, a disposizione dell'amministrazione come risulta dal seguente quadro economico: A) LAVORI IN APPALTO 1 Spese di esecuzione B) SOMME A DISPOSIZIONE DELLA STAZIONE APPALTANTE 1 Imprevisti e/o lavori da pagarsi a fattura Spese generali (12%di A1) I.V.A. sui lavori (10%) (A1+B1) I.V.A. su spese generali (21%) Totale B TOTALE INVESTIMENTO (A+B)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO  OLGIATE OLONA CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA Art. Descrizione u.m. Qt. / Unità / Totale 1,00 OPERE DI ALLESTIMENTO CANTIERE 1,01 Oneri relativi

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Proprietà ANCONAMBIENTE S.p.A. Via Del Commercio 27, 60127 ANCONA RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria "A.T.U. 4"

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria A.T.U. 4 Ambito di Trasformazione Urbanistica n. 4 OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA totale Euro A INSTALLAZIONE CANTIERE.000,00 B SISTEMAZIONE ED ALLARGAMENTO STRADA.37,59 C NUOVA CONDUTTURA DI FOGNATURA 2.040,2

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 INDICE 1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE...4 3.1. Generalità...4 3.2. Pluviogramma di progetto...4 3.3. Dimensionamento della rete...5 4. RETE

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

FOGNARIO. Catalogo - Listino

FOGNARIO. Catalogo - Listino FOGNARIO Catalogo - Listino versione n 1 del 24/03/2010 F.lli Abagnale sas l AZIENDA Dall'inizio degli anni '70 la ditta Fratelli Abagnale opera nel settore delle costruzione di prefabbricati in cemento.

Dettagli

*********************************

********************************* FILTRO PERCOLATORE AEROBICO (FPAL N 9000 NR) USCITA BASSA SCARICO SU SUOLO/SUBIRRIGAZIONE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

Messaggio municipale

Messaggio municipale Torricella-Taverne, 20 aprile 2014 Messaggio municipale No. 106-2014 che chiede la concessione di un credito di CHF 351'000.00 per la sostituzione della canalizzazione delle acque miste fognarie e il rifacimento

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Appalto per: OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA DOCUMENTI

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA OGGETTO: Lavori di urbanizzazione primaria della collina Coppolino villaggio S. Lucia sopra Contesse - completamento e la messa in esercizio della rete fognante, acque

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene Depurazione acque reflue Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene : sistemi prefabbricati in polietilene per la depurazione delle acque reflue ISEA è stata la prima azienda in Italia a progettare

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez)

CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez) CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez) Voce di Capitolato Pozzetto prefabbricato in calcestruzzo vibrato a sezione circolare tronco-conica avente le seguenti

Dettagli

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO Comune di VERRONE Provincia di BIELLA pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: STIMA SOMMARIA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE computo metrico estimativo, STRADA PRGC. Prezzi dedotti dal Prezziario della

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

N Impianto Specifiche Tecniche

N Impianto Specifiche Tecniche N Impianto Specifiche Tecniche 1 DEGRASSATORE Il volume interno utile espresso in metri cubi risulta individuato dal prodotto del numero degli abitanti equivalenti moltiplicato per il fattore 0,07, Volume

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PIANI URBANISTICI ATTUATIVI CIVILI Si deve prevedere la separazione delle reti in bianche e nere

Dettagli

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara 2. RELAZIONI TECNICHE SPECIALISTICHE 2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA Pagina 1 DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario Relazione impianto idrico - fognario Sommario 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 2 2. RETE ADDUZIONE ACQUA... 2 3. SISTEMA PER IL RECUPERO DELL ACQUA PIOVANA PER USI INDOOR... 3 4. PRODUZIONE DI ACQUA CALDA

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Selargius Provincia di Cagliari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEI CONTROLLI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Completamento Via della Resistenza Realizzazione

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

CATALOGO ACQUE PIOVANE

CATALOGO ACQUE PIOVANE CATALOGO ACQUE PIOVANE TUBI per DRENAGGIO o CORRUGATI o IN CEMENTO FORATI TUBI in PLASTICA per CONVOGLIAMENTO ACQUE PIOVANE o PVC o PVC per acque nere o CORRUGATI o RACCORDERIE FOSSI e CANALI in CLS o

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO DELLE OPERE DI NORMALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA NERA, ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE E COSTRUZIONE DEL COLLETTORE EMISSARIO A SERVIZIO DELL AGGLOMERATO DI PORTO CESAREO - PROGETTO

Dettagli

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI 11,0,611 spostamento e o sostituzione di sottoservizi esistenti e/o allacciamenti utenze, ivi compresa ogni opera provvisionale accessoria

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

Sollevamento e antirigurgito

Sollevamento e antirigurgito Sollevamento e antirigurgito Impianti di sollevamento e dispositivi antirigurgito SINKAMAT-K - Impianto di sollevamento da interro e sottolavello MULI-MINI Duo - Impianto di sollevamento per acque grigie

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Inerente l esecuzione di pavimentazioni di tipologia industriale di strade e piazzali, della realizzazione di canalizzazioni per l installazione delle reti dei servizi, della formazione

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Impianti di accumulo e trattamento delle acque di Prima Pioggia

Impianti di accumulo e trattamento delle acque di Prima Pioggia Impianti di accumulo e trattamento delle acque di Prima Pioggia Normativa La gestione delle acque di prima pioggia è uno degli obiettivi primari ai fini della tutela dei corpi idrici ricettori. Tali acque,

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE in colore nero i lavori da realizzare, senza possibilità di scomputo dagli oneri di urbanizzazione

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

P.A.C. 57 VIA UDINE RELAZIONE TECNICA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

P.A.C. 57 VIA UDINE RELAZIONE TECNICA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE P.A.C. 57 VIA UDINE ELABORATO N. O4 agg.5 RELAZIONE TECNICA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE Pordenone, 05/03/2013 I RICHIEDENTI I PROGETTISTI 1 L'area si trova

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

AL COMUNE DI CONSELICE

AL COMUNE DI CONSELICE AL COMUNE DI CONSELICE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO VIA MERLO, COMPARTI 39/A-39/B PROPRIETA': Cooperativa Ceramica d'imola S.c. Via Vittorio Veneto, 13 40026 Imola (Bo) R.E.A. BO 5545 - C.F. e Reg. Impr.

Dettagli