RELAZIONE TECNICA PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA PREMESSA"

Transcript

1 RELAZIONE TECNICA PREMESSA Il sottoscritto ing. Vincenzo Gigli, iscritto all Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lecce al n. 594, ha ricevuto incarico per la progettazione esecutiva dei lavori di Adeguamento dei recapiti finali e dei collettori esterni della rete di fognatura pluviale nell abitato. La progettazione della nuova rete pluviale è stata elaborata in modo tale da integrare e ottimizzare la rete esistente, in parte già realizzata con i precedenti stralci del progetto definitivo generale. A tal proposito è opportuno premettere che l abitato di Spongano è attualmente servito solo in parte da una rete di fognatura pluviale che copre parzialmente l abitato stesso. La città è dominata, per la sua posizione topografica, da un bacino imbrifero esterno di vaste proporzioni, per cui, in occasione di precipitazioni anche di non particolare intensità, le acque meteoriche provenienti dalla parte a monte e non regimentate investono l abitato e, in mancanza di una idonea rete di fognatura pluviale, scorrono superficialmente confluendo nei punti più depressi dell abitato stesso. Grazie all erogazione di un primo finanziamento di L , (il Comune di Spongano risulta incluso nel Piano Regionale di Risanamento delle Acque per un intervento complessivo per reti pluviali di L (tabella 13.18)) sono state progettate ed eseguite opere che hanno conferito un assetto più funzionale e completo alla rete cittadina, fino alla realizzazione del raddoppio del collettore terminale che conduce al recapito finale. E stata ampliata e razionalizzata, quindi, la rete primaria di fognatura pluviale rendendola abbastanza diffusa e capace, risolvendo così in buona parte il problema del ruscellamento superficiale, unitamente a numerosi problemi di ristagno locali grazie all aumento del numero delle opere di presa (caditoie). In sostanza con tale progetto sono stati realizzati 1

2 nuovi tronchi, variata o aumentata la sezione delle tubazioni in altri, modificate alcune pendenze, potenziato il collettore finale mediante raddoppio della condotta esistente. Erano pure previste delle opere da realizzare presso il suddetto recapito, eseguite solo in parte per mancanza di fondi. Con i finanziamenti successivi della Cassa DD.PP., di L e L , è stata poi data soluzione allo smaltimento delle acque piovane di una parte urbanisticamente meno recente del paese, convogliando le acque verso una vasca di sedimentazione con pozzo assorbente ubicati presso il piazzale dello stadio Comunale. Ciò premesso, al fine di ottimizzare la rete pluviale prevista nel progetto definitivo generale e sotto indicazioni dell Amministrazione del Comune di Spongano, si è predisposta la progettazione esecutiva di nuovi collettori o tronchi di fognatura bianca e l adeguamento dei recapiti finali attenendosi allo schema idraulico del progetto generale della fognatura pluviale integrando il percorso dei collettori sulla base di una puntuale verifica dell attuale stato dei luoghi e di uno studio approfondito degli eventi emergenziali che si sono avuti negli ultimi anni. DESCRIZIONE DELLA RETE DI PROGETTO La progettazione esecutiva riguarda i seguenti collettori o tronchi di fognatura bianca, progettati in amplamento alla rete pluviale esistente a servizio dell abitato di Spongano: - Collettore su Via Sant Angelo-via Passilli Ø 800: il collettore inizia all incrocio tra via Sant Angelo e e via Montegrappa, e percorrendo via Passilli confluisce mediante un pozzetto di sfocio sul collettore esistente in via Pellico; - Collettore su via San Leonardo Ø 630: il tronco di fogna bianca in progetto parte da un pozzetto di testata ubicato su 2

3 P.zza Vittoria e sfocia su collettore esistente all incrocio con via Basile; - Tronco su Via don Tonino Bello Ø 500: a partire da pozzetto di testata sito dopo circa 20 ml dall incrocio con via Garibaldi fino a sfociare nel Collettore di progetto su Via Estramurale (Circonvallazione); - Collettore su Via Estramurale (Circonvallazione) Ø 800: a partire dall incrocio con Via don Tonino Bello fino ad innestarsi nel collettore emissario esistente che sfocia al recapito finale in località Specchiaturi; I collettori sono previsti tutti in Polietilene ad alta densità e sono stati dimensionati e verificati nella Relazione Idraulica allegata al presente progetto. La lunghezza complessiva della rete di Fognatura pluviale prevista nel presente progetto è pari a ml ,74 così suddivisa per lunghezza e diametro di tubazione: Collettore Diametro esterno tubazione (mm.) Sviluppo rete (ml.) Collettore su Via Sant Angelo-via Passilli Ø Collettore su via San Leonardo Ø Tronco su Via don Tonino Bello Ø Collettore su Via Estramurale (Circonvallazione) Ø Totale 1.396,74 CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI E MATERIALI PRESCELTI PER LA RETE FOGNANTE Le fogne andranno poste in opera, preferibilmente, in asse stradale per quelle strade prive dei servizi di acquedotto, fognatura nera e gas metano, mentre saranno posate nello spazio disponibile per quelle strade 3

4 provviste dei servizi anzidetti, provvedendo all'eventuale rimozione e opportuno ricollocamento dei sottoservizi esistenti lungo il tracciato di interesse. Completano le opere anzidette pozzetti di ispezione, di incrocio, di confluenza e caditoie del tipo a griglia. Di seguito si elencano i materiali da utilizzare, le tecniche di lavorazione e le modalità di posa in opera degli stessi. Tubazioni La scelta delle tubazioni, dei manufatti d'ispezione e delle caditoie pluviali è stata effettuata in conformità a quanto dettato: - dai "Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2 lettere B), D) ed E) della legge 10 maggio 1976 n. 319, recante norme sulla tutela delle acque dall'inquinamento"; - dal Decreto del Ministero dei LL.PP del recante "Norme tecniche relative alle tubazioni". Per i tronchi in progetto, che interessano le strade del centro abitato, a causa della presenza di numerosi sottoservizi, per facilitare le operazioni di posa e per ridurre la larghezza degli scavi sono state impiegate tubazioni in polietilene ad alta densità per fognature non in pressione, di caratteristiche corrispondenti alle norme UNI EN 12666, SDR 33 rigidità anulare SN 22, con marchio di conformità di prodotto rilasciato secondo UNI CEI EN da Istituto o Ente riconosciuto e accreditato Sincert, con giunzioni eseguite mediante saldatura di testa (polifusione) o manicotti elettrosaldabili sino al diametro 315 a mezzo di apposita attrezzatura. Tale scelta è stata dettata dalla necessità di garantire una adeguata resistenza sia all azione abrasiva dell acqua piovana che ai carichi stradali. Altri vantaggi dovuti all utilizzo di tale tipo di tubazione sono quelli relativi ai seguenti aspetti: - ridotta scabrezza delle superfici interne che preserva la formazione di flora batterica scagionando così pericoli di corrosione; 4

5 - facilità di deflusso delle acque senza dar luogo a ristagni nei periodi non piovosi; - impermeabilità a liquidi; - uniformità strutturale in tutto il suo spessore. Lungo i tronchi è stato previsto l utilizzo di tubi pozzetto di linea in calcestruzzo vibrocompresso, modificati in superficie per consentire l'innesto dei pozzetti. Pozzetti di ispezione e incrocio Lungo i tronchi di progetto, in corrispondenza delle sezioni particolari (cambi di direzione o livelletta, innesto, confluenza) saranno realizzati dei pozzetti di ispezione in modo tale da favorire le operazioni di pulizia, sorveglianza e manutenzione dei tronchi; analoga previsione anche lungo i tratti rettilinei ad intervalli variabili (max 36 m). Detti pozzetti saranno del tipo prefabbricalo in calcestruzzo armato di forma quadrata con dimensioni nette interne di cm. 120x120 per le confluenze delle fogne aventi diametro di 500 e 600 mm mentre per le confluenze delle fogne aventi diametro di mm. 1000, con dimensioni interne di cm. 150x150. La soletta di copertura sarà di tipo carrabile dello spessore non inferiore a 20 cm. con passo d uomo per ispezione e foro per alloggiamento chiusino di ispezione per carreggiata stradale in ghisa sferoidale, per acquedotto a fognatura, costruito secondo le norme UNI EN 124/1995, classe di resistenza D 400 (traffico normale) con alta resistenza alla rottura, con bloccaggio a mezzo di barra elastica, passo d'uomo mm 600. I pozzetti saranno corredati di scaletta alla marinara con gradini in acciaio al fine di consentirne l'ispezione. I gradini dovranno essere inseriti lungo le pareti del pozzetto ogni 25 cm. e per tutta l'altezza dello stesso. I chiusini dei pozzetti di ispezione e le caditoie a griglia saranno in ghisa sferoidale a grafite sferoidale secondo le norme UNI 4544 e 5

6 rispondente alle indicazioni delle norme UNI EN 124. I chiusini saranno classe D400 (carico di rottura >40 t.) con luce netta di 600 mm., telaio quadrato munito di guarnizione antirumore in polietilene e coperchio antisdrucciolo di chiusura con dispositivo di blocco. Le caditoie saranno classe D 250 (carico di rottura >25 t.) con telaio quadrato concavo, delle dimensioni esterne di 57 x 57, e griglia concava con superficie antisdrucciolo. Caditoie Nel presente progetto è prevista la realizzazione di opere di sbarramento e intercettazione della portata costituite da caditoie a griglia. Tali manufatti, da collocarsi nelle posizioni riportate nelle planimetrie di posa e comunque lungo le strade principali maggiormente soggette al flusso dell'acqua piovana allo scopo di convogliare la stessa all'interno dei collettori, saranno costituiti da elementi gettati in opera in calcestruzzo, muniti di soprastante griglia di raccolta in ghisa sferoidale e tubazioni in PEAD del diametro interno 315 mm e relativi pezzi speciali, da allacciarsi alla condotta fognante. Si evidenzia che tutti le batterie di caditoie progettate hanno lunghezza tale da coprire l intera larghezza della sede stradale, partendo e terminando a filo marciapiede, laddove esistente, in modo tale da sbarrare completamente il flusso dell acqua piovana. Modalità di posa in opera Le tubazioni saranno posate in una trincea su apposito strato inferiore di livellamento costituito da magrone o misto cava, dello spessore di cm. 10, come riportato nella tavola dei particolari costruttivi. Le tubazioni saranno poi rincalzate con misto di cava fino ad un altezza del loro estradosso di circa cm. 20. Il rinterro del cavo così disposto si prevede che 6

7 venga interamente eseguito con materiale arido di cava proveniente da cave di prestito dotato di idonea composizione granulometrica, esente da argilla, compattato fine a raggiungere una densità pari al 90% della densità Proctor modificata, mediante pistonatura per strati di spessore non superiore a cm. 30; ciò in virtù del fatto che il materiale scavato, spesso ha caratteristiche non idonee al successivo riutilizzo in quanto di tipo roccioso o argilloso, come si evince dalle risultante della relazione geotecnica allegata. Cave e discariche II materiale di risulta proveniente dagli scavi e dalle demolizioni non reimpiegabile nei lavori successivi dovrà essere trasportato a rifiuto in apposita pubblica discarica autorizzata. Ripristini delle pavimentazioni stradali La pavimentazione stradale interessata dall'intervento sarà ripristinata con le seguenti modalità: - fondazione stradale in misto granulare stabilizzato con legante naturale, di idonea granulometria, lavorata e costipata (a 95% della densità Proctor) con idonee macchine, dello spessore di cm 15; - strato di collegamento (binder) dello spessore compattato di cm.7 in conglomerato bituminoso costituito da graniglia e pietrischetti della IV categoria prevista dalle norme C.N.R., sabbia e additivo, bitume di prescritta penetrazione, confezionato a caldo con idonei impianti, steso con vibrofinitrice previa perfetta pulizia del piano di posa e cilindrato con rullo di peso non inferiore a 5t. - manto di usura dello spessore compattato di cm. 3. eseguito con conglomerato bituminoso confezionato a caldo in appositi impiantì centralizzali con graniglie e pietrischetti silicei della prima categoria delle norme del C.N.R. a bitume di idonea penetrazione nella misura 7

8 del 5-6% sul peso del conglomerato, steso con vibrofinitrice e rullato con rullo di peso adeguato. Il manto di usura dovrà essere rifatto per una larghezza non inferiore a quella precedentemente demolita e precisamente pari a quella demolita maggiorata di 1 mt. Per il il tronco di fogna bianca in progetto previsto su via San Leonardo, a partire dal pozzetto di testata ubicato su P.zza Vittoria e per una lunghezza pari a circa 35 ml, la rete di progetto interessa una sede stradale realizzata in basolato calcareo: per questo tratto è prevista la rimozione, l accantonamento provvisorio e il successivo ricollocamento in opera del basolato in pietra calcarea precedentemente rimosso e accatastato nell'ambito del cantiere, mediante posa su sottofondo battuto di conglomerato misto di sabbia di cava e cemento dosato a ql 3, rilavorazione alla martellina, sigillatura dei giunti con malta liquida di cemento e polvere di pietra, anche a più ripresa fino a completa saturazione dei vuoti. Oltre ai collettori sopra descritti il progetto prevede anche l adeguamento dei recapiti finali esistenti, come di seguito. I RECAPITI FINALI ESISTENTI Allo stato attuale i recapiti finali delle acque pluviali sono costituiti dal vecchio storico sito di vasche naturali in località Specchiaturi, verso il quale viene convogliata una portata teorica di circa l/s, e dalla più recente vasca di sedimentazione presso lo Stadio, verso la quale viene convogliata una portata teorica di circa 400 l/s. Il recapito finale principale, posto in località Specchiaturi a circa 900 mt. dall abitato, risulta costituito da due grandi invasi scavati nella roccia ed a pareti naturali, acquisiti alla proprietà comunale in epoche successive e residuati da vecchie cave di tufina. Il recapito finale del piazzale stadio risulta costituito da una vasca di sedimentazione in cemento armato, che alla fine del percorso di chiarificazione fa sfociare le acque in 8

9 pozzo assorbente con immissione delle acque nella falda di acqua salata posta a circa metri di profondità. L ADEGUAMENTO DEI RECAPITI FINALI La soluzione progettuale. Recapito presso piazzale dello Stadio L adeguamento degli scarichi alla normativa di settore D.Lgs 152/99 impone la soppressione del pozzo assorbente finora utilizzato per l immissione in falda delle acque piovane ed il trattamento delle acque di prima pioggia prima dell avvio alla dispersione superficiale o subsuperficiale. Gli interventi previsti, pertanto, in corrispondenza del piazzale Stadio sono innanzi tutto la chiusura del pozzo assorbente, mediante taglio, dismissione e rimozione del tubo esistente, e la chiusura ermetica con idoneo tappo realizzato in ferro zincato a caldo e sigillato mediante saldatura. È inoltre prevista la realizzazione, per garantire l assorbimento della medesima portata in arrivo attuale, la realizzazione di un pozzo anidro di profondità di 25 ml rispetto al piano di campagna. Il pozzo drenante, infatti, per garantire una buona capacità di filtrazione, dovrà interessare l ammasso roccioso calcarenitico e calcareo, o meglio incassarsi in essi per qualche metro al fine di aumentare la superficie di filtrazione. Si presterà, infine, particolare attenzione nell isolare perfettamente i primi 6,00 metri di perforo con tubazione cieca e cementazione dell intercapedine, mentre per migliorae la permeazione nelle calcareniti, si riempirà l intercapedine, a parrtire dalla profondità di 6, ml fino a fine pozzo con ghiaia di idonea granulometria. Al fine di aumentare la portata teorica smaltibile presso tale recapito si è previsto altresì, in ragione delle caratteristiche dei litotipi presenti, di 9

10 rendere permeabile il fondo della vasca di trattamento esistente, mediante la foratura del fondo vasca (realizzazione di n.ro 4 scassi 100 cm * 200 cm) e riempimento con pietrame di diversa pezzatura per favorire la permeazione del acqua nel terreno. Recapito in località Specchiaturi L adeguamento di tale recapito finale, in applicazione di quanto prescritto dal piano Direttore circa il trattamento delle acque di prima pioggia secondo, prevede la realizzazione di una vasca, subito a monte del recapito, la cui funzione sarà quella funzione di contenere le acque di prima pioggia e di consentire il processo di grigliatura e dissabbiatura. A proposito si riporta quanto prescritto in appendice al PIANO DIRETTORE - STRALCIO DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE, Criteri per la disciplina delle acque meteoriche di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, di cui all Art. 39 D. L.gs 152/99 come novellato dal D. Lgs 258/2000 : 4. Disciplina e trattamento degli scarichi di acque meteoriche di dilavamento provenienti da reti fognarie separate 1. le acque di prima pioggia derivanti dagli scarichi di acque meteoriche di dilavamento provenienti da reti fognarie separate, di cui all'art.39, comma 1, lettera a) del Decreto Lgs n.152/99, come novellato dal D. Lgs 258/2000, devono essere sottoposti, prima del loro smaltimento, ad un trattamento di grigliatura e dissabbiatura. Nel caso di progetto si è previsto di intercettare le due condotte che convogliano le acque nel bacino naturale, di deviarle nella vasca di dissabbiatura di progetto disposta lateralmente al primo invaso ed in prossimità dell ingresso all area, e quindi di reimmetterle, dopo i necessari trattamenti, nel bacino attraverso un canale di sfocio a cielo aperto. In particolare lo schema funzionale della vasca di grigliatura e dissabbiatura, procedendo nel senso del flusso dell acqua, prevede: 1. una vasca di calma - di dimensioni 4,60 * 4,00 m dimensionato e progettato, con la funzione di mitigare la turbolenza del flusso di mandata dei collettori emissari, e consentire uno sfioro a gravità nel canale. Per tale 10

11 motivo è stato previsto un setto, come evidente dal seguente dettaglio di progetto, che interrompe la velocità dell acqua in arrivo e quindi in ragione del differente peso specifico si ha la precipitazione delle particelle solide più pesanti trasportate (1 trattamento di dissabbiatura); al fine di evitare il danneggiamento del fondo vasca in corrispondenza del punto di immissione dell'acqua dai collettori di fognatura pluviale esistenti, saranno allocati n.ro 6 cunei di rottura in acciaio zincato, allocati su piastra in acciaio ancorata sul fondo della vasca. Nel rispetto dei parametri dimensionali di progetto si è previsto quindi di inserire sul fondo della camera d'arrivo una lastra in acciaio zincato a caldo su cui sono posizionati i cunei, sempre in acciaio zincato a caldo, con funzione di ridurre l'impatto dell'acqua in entrata, salvaguardando la struttura in c.a. di fondo vasca. 2. la seconda sezione della vasca, dove l ingresso dell acqua dalla vasca di calma avviene per sfioro, tramite apposito setto in c.a. di altezza di 130 cm (corrispondente alla quota di scorrimento della condotta di ingresso) è stata progettata per sottoporre l acqua a trattamento di grigliatura passando attraverso una griglia di acciaio zincato a caldo orientata a maglia quadra con lato di 15 mm di lato; al fine di facilitare e migliorare le operazioni di rastrellamento e pulizia che avverrà dall'alto con l'operatore posto su apposita passerella in orsogrill di tipo pedonabile, si è previsto di dotare la griglia di cestello di raccolta in acciaio zincato; la griglia sarà ancorata sulle pareti della vasca e inclinata rispetto al fondo, tale posizione inclinata consentirà un più agevole intervento di pulizia mediante apposito rastrello azionato dall'alto dall'operatore; 3. la terza ed ultima sezione della vasca - canale di dissabbiatura (2 trattamento) prevede dimensioni e configurazione delle pendenze del fondo tale da consentire il transito ed il contestuale trattamento della portata di prima pioggia con una velocità inferiore a 0,3 m/s e quindi tale da consentire la precipitazione sul fondo della vasca delle sabbie, di granulometria maggiore di 200 micron; al termine del canale, l acqua sarà 11

12 convogliata nel bacino tramite un setto di sfioro posto alla quota di scorrimento della condotta di immissione in vasca. L intero perimetro della vasca sarà recintato con pannelli in orsogrill per garantire la messa in sicurezza dell opera, impedendo l accesso ai non addetti ai lavori ed eliminando il rischio di incidenti e/o cadute accidentali. Il tutto come meglio rappresentato e descritto negli elaborati di progetto. Lecce, novembre 2010 IL TECNIC0 Ing.Vincenzo Gigli 12

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO RETE SMALTIMENTO ACQUE METEORICHE

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO RETE SMALTIMENTO ACQUE METEORICHE RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO RETE SMALTIMENTO ACQUE METEORICHE 1. PREMESSA I lavori di rigenerazione del centro urbano di Surano prevedono un ampliamento della rete di fognatura bianca esistente, realizzando

Dettagli

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO  OLGIATE OLONA CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA Art. Descrizione u.m. Qt. / Unità / Totale 1,00 OPERE DI ALLESTIMENTO CANTIERE 1,01 Oneri relativi

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona UFFICIO TECNICO COMUNALE V Settore - Servizio Lavori Pubblici LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI ALCUNI TRATTI DELLA SEDE STRADALE DI VIA MEDIA PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMUNE DI URBINO Lavori di: ASFALTATURA STRADE URBANE ED EXTRAURBANE Impresa: COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Il Progettista: Computo: Descrizione: STRADE ASFALTATURA STRADE URBANE ED EXTRAURBANE Capitolo:

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE... 2 4. FOGNATURA... 2 4.1 MATERIALI DA UTILIZZARE

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PIANI URBANISTICI ATTUATIVI CIVILI Si deve prevedere la separazione delle reti in bianche e nere

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

C.C.I.A.A. MILANO LISTINO 3.2013

C.C.I.A.A. MILANO LISTINO 3.2013 C.C.I.A.A. MILANO LISTINO 3.2013 Progressivo C.C.I.A.A. B.07 opere di sistemazione esterna pavimentazione e fognature Voce C.C.I.A.A u.m Altezza Lunghezza Profondità totale prezzo unit. Euro prezzo totale

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI 11,0,611 spostamento e o sostituzione di sottoservizi esistenti e/o allacciamenti utenze, ivi compresa ogni opera provvisionale accessoria

Dettagli

Conferimento a discarica autorizzata per lo smaltimento dei seguenti rifiuti: macerie inerti provenienti da demolizioni, rimozioni, scavi t 10,57

Conferimento a discarica autorizzata per lo smaltimento dei seguenti rifiuti: macerie inerti provenienti da demolizioni, rimozioni, scavi t 10,57 L'Elenco prezzi unitari è stato redatto secondo: - Prezzi Informativi Opere Edili, Camera di Commercio Milano - 2014 - Listino prezzi per l'esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni, Comune di Milano

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R.

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R. Comune di Terni - Provincia di Terni VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA ai sensi del comma 16 art.24 L.R. 11/2005 FOGLIO 128 - PART 454-458-459-460-461-462

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l.

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l. 1A OPERE URBAN. PRIMARIA AREE IN CESSIONE 1 1.5.1.1.s Demolizione parziale di strutture di fabbricati fuori terra, escluso: l'eventuale ponteggio, le operazioni necessarie per líabbassamento dei materiali

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO RIFACIMENTO MARCIAPIEDI VIA MORA n. Rif. C.C.I.A.A. Descrizione N. Unità Quantità Prez. Unit. Totale FORMAZIONE MARCIAPIEDE 1 n.c. 2 n.c. 3 C2.4.23

Dettagli

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO Comune di VERRONE Provincia di BIELLA pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: STIMA SOMMARIA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE computo metrico estimativo, STRADA PRGC. Prezzi dedotti dal Prezziario della

Dettagli

TEC 0196 039 11 W I 039-11 P

TEC 0196 039 11 W I 039-11 P Pagina 2 di 6 18.02.002 Tubo in PVC per fognature serie SN 8. Tubo estruso con miscela a base di policloruro di vinile non plastificato (PVC rigido) con caratteristiche e spessori conformi alle norme UNI

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS)

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) Commissario Delegato O.P.C.M. 3974/2011 M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) INTERVENTO DI ADEGUAMENTO DEL MURO D ARGINE IN SINISTRA IDRAULICA DEL

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria "A.T.U. 4"

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria A.T.U. 4 Ambito di Trasformazione Urbanistica n. 4 OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA totale Euro A INSTALLAZIONE CANTIERE.000,00 B SISTEMAZIONE ED ALLARGAMENTO STRADA.37,59 C NUOVA CONDUTTURA DI FOGNATURA 2.040,2

Dettagli

ANALISI PREZZI UNITARI

ANALISI PREZZI UNITARI ANALISI PREZZI UNITARI I prezzi non previsti nel Prezziario Regionale sono stati ricavati con prezzi elementari della manod opera vigente nella Provicia di Chieti nell anno corrente, con materiali dei

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00 01 SCAVI, RINTERRI E DEMOLIZIONI 1 01.01 Scavo superficiale di scotico del piano di campagna per la pulizia del terreno e con l'asportazione di una coltre superficiale dello spessore massimo di 30 cm,

Dettagli

A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale lavori a base d'asta 1.344.

A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale lavori a base d'asta 1.344. RETI FOGNARIE VALMORBIA - DOSSO - ZOCCHIO: 1 S TRALCIO QUADRO ECONOMICO A) Lavori a base d'asta A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale

Dettagli

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE in colore nero i lavori da realizzare, senza possibilità di scomputo dagli oneri di urbanizzazione

Dettagli

2013 SETT - PROGETTO VIA GALOPPO Voci di elenco usate. N. Codice Descrizione UnM Prezzo % sicurezza

2013 SETT - PROGETTO VIA GALOPPO Voci di elenco usate. N. Codice Descrizione UnM Prezzo % sicurezza 2013 SETT - PROGETTO VIA GALOPPO Voci di elenco usate N. Codice Descrizione UnM Prezzo % sicurezza 1 02.01.007 Trasporto a qualsiasi distanza nell ambito del cantiere o a discarica o sito autorizzato fino

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di Livorno. Dipartimento n.6. U.Org.va urbanizzazioni. LOTTO IV - TRATTO C'''-D e C-C''

COMPUTO METRICO. Comune di Livorno. Dipartimento n.6. U.Org.va urbanizzazioni. LOTTO IV - TRATTO C'''-D e C-C'' Comune di Livorno Dipartimento n.6 U.Org.va urbanizzazioni pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: POTENZIAMENTO RETI ACQUEDOTTO E METANODOTTO A SERVIZIO NUOVE URBANIZZAZIONI DEL COMUNE DI LIVORNO LOTTO IV - TRATTO

Dettagli

FOGNARIO. Catalogo - Listino

FOGNARIO. Catalogo - Listino FOGNARIO Catalogo - Listino versione n 1 del 24/03/2010 F.lli Abagnale sas l AZIENDA Dall'inizio degli anni '70 la ditta Fratelli Abagnale opera nel settore delle costruzione di prefabbricati in cemento.

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI MANOMISSIONE SUOLO PUBBLICO

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI MANOMISSIONE SUOLO PUBBLICO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI MANOMISSIONE SUOLO PUBBLICO Art. 1 - Costituiscono oggetto del presente regolamento le autorizzazioni di manomissione di suolo e sottosuolo pubblico

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00 Computo metrico estimativo: A)- BASATI ( Via S. Ansano Fognature) 1)- Demolizione con mezzo meccanico di pavimentazione in calcestruzzo,compreso trasporto a discarica del materiale di risulta. Mq. 212,00

Dettagli

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 INDICE 1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE...4 3.1. Generalità...4 3.2. Pluviogramma di progetto...4 3.3. Dimensionamento della rete...5 4. RETE

Dettagli

CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez)

CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez) CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez) Voce di Capitolato Pozzetto prefabbricato in calcestruzzo vibrato a sezione circolare tronco-conica avente le seguenti

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Il Sistema Evolution Modì è la nuova soluzione per la realizzazione di vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane,

Dettagli

STIMA INCIDENZA MANODOPERA

STIMA INCIDENZA MANODOPERA Comune di ROCCABRUNA Provincia di CUNEO pag. 1 STIMA INCIDENZA MANODOPERA OGGETTO: COMMITTENTE: DECRETO 6000 CAMPANILI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE TRAMITE PAVIMENTAZIONE ARE BORGATE COMUNALI

Dettagli

CALCOLO ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. 321 mc * 5,31 euro (costo urb. primaria per sostituzione edilizia) = 1704,51 EURO

CALCOLO ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. 321 mc * 5,31 euro (costo urb. primaria per sostituzione edilizia) = 1704,51 EURO CALCOLO ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA Edificio A stato modificato: Superficie Piano Terra = 53,46 mq Superficie Piano Primo = 53,46 mq Volume edificio = (53,46 mq + 53,46 mq) * 3 m = 321,00

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA Collettore su Via Sant Angelo-via Passilli Ø 800 Collettore su via San leonardo Ø 630: Tronco su Via don Tonino Bello Ø 500

RELAZIONE IDRAULICA Collettore su Via Sant Angelo-via Passilli Ø 800 Collettore su via San leonardo Ø 630: Tronco su Via don Tonino Bello Ø 500 RELAZIONE IDRAULICA La progettazione esecutiva riguarda i seguenti collettori o tronchi di fognatura bianca, progettati in amplamento alla rete pluviale esistente a servizio dell abitato di Spongano: -

Dettagli

Un. Misura quantità. Prezzo un. Parziale Totale. n. elenco Descrizione

Un. Misura quantità. Prezzo un. Parziale Totale. n. elenco Descrizione SCAVI, RIPORTI, OPERE DI CONSOLIDAMENTO E CONTENIMENTO 1 Scavo di sbancamento a sezione libera in terreno di qualsiasi natura e consistenza e per profondità, il tutto per eseguire cassonetto stradale,

Dettagli

Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse. Computo metrico estimativo COMUNE DI VEDELAGO

Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse. Computo metrico estimativo COMUNE DI VEDELAGO COMUNE DI VEDELAGO SETTORE LAVORI PUBBLICI 1078-2015 Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse Computo metrico estimativo 30 ottobre 2015 Il progettista geom.

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE COMUNE DI ABBADIA SAN SALVATORE Provincia di Siena ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE PROGETTO

Dettagli

1 PREMESSE. 01.01 Chiusini e pozzetti

1 PREMESSE. 01.01 Chiusini e pozzetti 1 PREMESSE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare al progetto preliminare/definitivo/esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi

Dettagli

BRILLADA VITTORIO & C. S.n.c.

BRILLADA VITTORIO & C. S.n.c. 1 Demolizione di pavimento in cls, dello spessore fino a cm. 20 e smaltimento in discarica MC. 28,50 2 Demolizione di aree asfaltate dello spessore fino a cm. 15 e smaltimento in discarica MC. 18,92 3

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO 1.2.19.A 1.4.G.1.A 1.4.G.5 1.4.I.4.D1 Formazione di ponteggio tubolare di facciata per la realizzazione degli interventi interessanti la copertura dell'aula della scuola elementare (rif. intervento n.

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI 708.288,00 1 Demolizione di strutture esistenti:

Dettagli

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del Cortile delle Carrozze nel complesso della Venaria Reale. Il cortile attualmente è occupato da un cantiere per la sistemazione

Dettagli

PREVENTIVO DEI COSTI

PREVENTIVO DEI COSTI PREVENTIVO DEI COSTI Ai sensi dell art. 30 della Legge Urbanistica 1150/42 e successive modificazioni ed integrazioni i Piani Particolareggiati sono corredati di una Relazione sulle previsioni di massima

Dettagli

LAVORI - PROGETTO ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE - PERMESSO DI COSTRUIRE -

LAVORI - PROGETTO ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE - PERMESSO DI COSTRUIRE - Elaborato modificato con richieste Comune di Ferrara LAVORI - PROGETTO ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE - PERMESSO DI COSTRUIRE - COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE Il P.R.G.C. vigente del Comune di Orbassano, approvato G.R. con delib. N. 14-25592 del 7/10/1998, così come integrato dalle successive varianti parziali, individua

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - 1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA - Piano di manutenzione LOTTO 1 AMGA - Azienda Multiservizi SpA via del Cotonificio 60 - Udine PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE DI PIAZZALE

IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE DI PIAZZALE PREMESSA Il presente progetto prevede la realizzazione di un centro comunale di raccolta rifiuti differenziati. La struttura in oggetto sarà ubicata nel Comune di Lizzano nel lotto individuato nel N.C.E.U.

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza SYSTEM GROUP 07.2014 1 La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO...

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... Sommario 1 Premesse generali... 2 2 Quadro normativo di riferimento... 3 3 Inquadramento stato idraulico... 3 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... 4 3.2 Sezioni stradali in TRINCEA... 5 3.3 Caratteristiche

Dettagli