7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA"

Transcript

1 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle reflue provenienti dalle attività umane in genere. Una rete è articolata in tronchi tra loro connessi, nei quali il percorso che le acque devono compiere è definito. Le canalizzazioni funzionano a pelo libero ; in casi particolari,, il loro funzionamento può essere in pressione. Le reti di fognatura a sistema misto sono quelle che raccolgono, nella stessa canalizzazione, sia le acque di tempo asciutto che quelle di pioggia. uelle a sistema separato raccolgono le acque di uso domestico in un apposita rete, distinta da quella che raccoglie le acque di scorrimento superficiale TUBAZIONI IN GHISA SFEROIDALE Le tubazioni in ghisa sferoidale prodotte da Sertubi S.p.A. e conformi alla norma UNI EN 598 serie pressione, sono particolarmente versatili e adatte per l impiego sia in impianti separati (acque nere e acque bianche) sia in quelli misti, nonché in reti di fognature con funzionamento a gravità oppure in pressione. Sia per il giunto AJ che per il giunto TJ, Sertubi ha adottato, per gli impieghi relativi alle fognature, un elastomero in NBR particolarmente adatto per questi usi. La ghisa sferoidale costituisce l anima del tubo, ossia è il materiale che sopporta con elevati coefficienti di sicurezza ogni sforzo meccanico, sia esso il peso del terreno di ricoprimento che le eventuali sollecitazioni addotte dal traffico veicolare, nonché quelle dovute alle pressioni ed eventuali sovrapressioni causate ad esempio dall arresto improvviso di pompe. Le reti di fognatura sono completate dalle opere di smaltimento dei liquami e comprendono gli impianti di trattamento depurativo. Si adotta la seguente terminologia: - Fogne: canalizzazioni elementari che raccolgono le acque provenienti da fognoli di allaccio e/o caditoie e le convogliano ai collettori; - Collettori: ossatura principale della rete, raccolgono le acque provenienti dalle fogne e, quando conveniente, direttamente quelle che provengono dai fognoli e/o caditoie; - Emissario: raccoglie le acque al termine della rete e le adduce al recapito finale; - Impianto di depurazione: insieme di unità operatrici destinate a trattare le acque in osservanza delle disposizioni emanate dalle Autorità competenti. Per la resistenza ai liquidi convogliati, i tubi sono rivestiti internamente con un forte spessore di malta cementizia, prodotta con cemento alluminoso e applicata per centrifugazione. Inoltre, le parti metalliche che possono entrare in contatto con il fluido trasportato sono rivestite con vernice epossidica Per la protezione esterna, normalmente è applicato per metallizzazione uno strato di zinco di 200 gr/m2 (piü del 50% di quanto richiesto dalla norma) a sua volta ricoperto con uno strato di resina sintetica di colore rosso NORME DI RIFERIMENTO - EN 598 : tubi, raccordi e accessori di ghisa sferoidale e loro assemblaggi per fogna Dimensioni di accoppiamento e accessori di giunto. - UNI 9163 : tubi, raccordi e accessori di ghisa sferoidale per condotte in pressione. Giunto elastico automatico - DIN : (paragrafo 2.2) «Giunti automatici» CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI DELLE FOGNATURE La circolare Min.ro LLPP 7 gennaio 1974 n , fissa alcuni aspetti interessanti, oltre a concetti e definizioni di cui al capitolo «Generalità» di questo catalogo sono considerati anche i valori delle velocità e i diametri

2 Per le velocità: - la velocità relativa alla portata media non sarà REALIZZAZIONE DI POZZETTI inferiore a 0,5 ; quando ciò non si potesse realizzare, dovranno essere interposti adeguati sistemi di lavaggio; - la velocità relativa alle portate di punta non dovrà di norma essere superiore a 4 ; - per le portate pluviali e di scorrimento superficia le la velocità non dovrà superare i 5. Le velocità di esercizio, a prescindere da detti limiti che hanno un valore indicativo, dovranno comunque essere correlate alla resistenza all usura dei materiali di cui le fogne sono rivestite. Per i diametri: - per le fognature miste, il diametro minimo da adottare è di 300 mm; - per le reti separate nere, il diametro minimo sarà di 200 mm; - per le reti separate bianche il diametro minimo sarà di 300 mm. I pozzetti di ispezione non potranno distare fra loro più di m quando le sezioni non siano praticabili (altezza inferiore a 1,05 m); potranno disporsi a maggiore distanza, comunque non superiore a 50 m, per le fogne praticabili. Per altezze del collettore o dell emissario superiore a 2 m potrà accettarsi che i pozzetti distino fra loro al massimo 150 m IDRAULICA Per quanto concerne l idraulica in generale si rimanda al catalogo Sertubi «TUBI E RACCORDI IN GHISA SFEROIDALE CONDOTTE D ACUA», che si adatta anche alle condotte per fognatura in pressione e del quale riportiamo le tabelle proposte per le perdite di carico. Tali tabelle sono calcolate a partire dall equazione di Darcy-Weisbach, valida nel moto permanente o mediamente permanente sia in regime laminare che turbolento: dove: ΔΗ : perdita di carico, in metri D : diametro della condotta, in metri λ : coefficiente di resistenza o di attrito, adimensionale : velocità media del fluido, in Y : accelerazione di gravità (9,81 ec2) L : lunghezza del tratto di condotta, in metri Per la determinazione del coefficiente di resistenza in regime turbolento è normalmente utilizzata la relazione di Colebrook-White : dove: D : diametro della condotta, in metri λ : coefficiente di attrito, adimensionale ε : scabrezza della tubazione in metri Re : numero di Reynolds, con: U : velocità media del fluido, in ec v : viscosità cinematica del fluido (1, m2/sec)

3 Il valore della scabrezza _ dipende dal tipo di tubazione utilizzata e, in particolare, dal tipo di rivestimento interno adottato. Il testo di idraulica «Meccanica dei fluidi» di E. Marchi e A. Rubatta propone di utilizzare per i tubi in ghisa rivestiti in malta cementizia un valore complessivo della scabrezza di 0,1 mm. Tale scabrezza è confermata anche da altri autori. Per le condotte funzionanti a gravità, vari autori suggeriscono di utilizzare scabrezze più elevate in ragione di aspetti costruttivi (camerette di ispezione, deficienze di allineamento, etc.) oppure dei fluidi trasportati (trasporto solido, depositi di grasso e sostanze biologiche sulle pareti, etc.). La definizione della scabrezza è demandata alla sensibilità del progettista che deciderà in funzione delle numerose condizioni locali. La tabella riportata sotto è tratta da «Sistemi di fognatura Manuale di progettazione» (Centro Studi Deflussi Urbani, Hoepli) alori dei parametri di scabrezza consigliati per le reti fognarie Le tabelle riportate nel seguito sono calcolate considerando una scabrezza ε=1 mm (10 volte la scabrezza utilizzata per le condotte di mandata). Per una rapida valutazione delle condizioni di scorrimento a riempimenti parziali, si può utilizzare il diagramma di figura 1, tratto dallo stesso «Manuale di progettazione». Sul tema esistono altre esperienze che possono anche considerare una variabilità delle scabrezze in funzione del riempimento. Il tema è, comunque, dibattuto e per questo rimandiamo ai testi specializzati. Scale di deflusso normalizzate (formula di Glauckler- Strickler o di Manning)

4 7.4.6 TABELLA PERDITE DI CARICO PER CONDOTTE IN PRESSIONE J ε = 0,1 mm DN 80 DN 100 DN 125 DN 150 DN 200 DN 250 DN 300 DN 350 0,1 0,12 0,16 0,2 0,24 27,4 0,29 0,28 19,8 0,28 29,8 0,31 0,32 13,1 0,27 21,3 0,3 32,1 0,33 0,36 13,9 0,28 22,7 0,32 34,2 0,36 0,4 14,8 0,3 24 0,34 36,2 0,38 0,44 8,6 0,27 15,5 0,32 25,3 0,36 38,1 0,4 0,48 9 0,29 16,3 0,33 26,5 0, ,42 0,52 9,4 0,3 17 0,35 27,7 0, ,43 0,56 4,5 0,26 9,8 0,31 17,7 0,36 28,8 0,41 43,4 0,45 0,6 4,7 0,27 10,1 0,32 18,4 0,37 29,9 0,42 45,1 0,47 0,64 4,9 0,27 10,5 0,33 19,1 0, ,44 46,7 0, ,28 10,9 0,35 19,7 0,4 32 0,45 48,2 0,5 0,72 5,2 0,29 11,2 0,36 20,3 0, ,47 49,7 0,52 0,76 5,3 0,3 11,5 0,37 20,9 0, ,48 51,2 0,53 0,8 3,4 0,27 5,5 0,31 11,9 0,38 21,5 0, ,49 52,6 0,55 0,84 3,5 0,28 5,6 0,32 12,2 0,39 22,1 0,45 35,9 0, ,56 0,88 3,5 0,29 5,8 0,33 12,5 0,4 22,6 0,46 36,8 0,52 55,4 0,58 0,92 3,6 0,3 5,9 0,34 12,8 0,41 23,2 0,47 37,7 0,53 56,7 0,59 0,96 2 0,26 3,7 0,3 6,1 0,34 13,1 0,42 23,7 0,48 38,6 0, ,6 1 2,1 0,27 3,8 0,31 6,2 0,35 13,4 0,43 24,3 0,49 39,4 0,56 59,3 0,62 1,04 2,1 0,27 3,9 0,32 6,3 0,36 13,7 0,44 24,8 0,5 40,2 0,57 60,6 0,63 1,08 2,2 0,28 4 0,32 6,5 0, ,44 25,3 0,52 41,1 0,58 61,8 0,64 1,12 2,2 0,28 4 0,33 6,6 0,37 14,2 0,45 25,8 0,53 41,9 0, ,66 1,16 2,3 0,29 4,1 0,34 6,7 0,38 14,5 0,46 26,3 0,54 42,7 0,6 64,2 0,67 1,2 2,3 0,29 4,2 0,34 6,8 0,39 14,8 0,47 26,8 0,55 43,5 0,61 65,4 0,68 1,3 1,3 0,26 2,4 0,31 4,4 0,36 7,2 0,4 15,4 0,49 27,9 0,57 45,4 0,64 68,2 0,71 1,4 1,4 0,27 2,5 0,32 4,6 0,37 7,4 0,42 16,1 0,51 29,1 0,59 47,2 0, ,74 1,5 1,4 0,28 2,6 0,33 4,7 0,39 7,7 0,44 16,7 0,53 30,2 0, ,69 73,6 0,77 1,6 1,5 0,29 2,7 0,34 4,9 0,4 8 0,45 17,3 0,55 31,2 0,64 50,7 0,72 76,2 0,79 1,7 1,5 0,3 2,8 0,36 5,1 0,41 8,3 0,47 17,8 0,57 32,3 0,66 52,3 0,74 78,7 0,82 1,8 1,6 0,31 2,9 0,37 5,2 0,43 8,5 0,48 18,4 0,59 33,3 0,68 53,9 0,76 81,1 0,84 1,9 1,6 0,32 3 0,38 5,4 0,44 8,8 0,5 18,9 0,6 34,2 0,7 55,5 0,79 83,5 0,87 2 1,7 0,33 3,1 0,39 5,5 0,45 9 0,51 19,5 0,62 35,2 0, ,81 85,8 0,89 2,1 1,7 0,34 3,1 0,4 5,7 0,46 9,3 0, ,64 36,1 0,74 58,5 0, ,91 2,2 1,8 0,35 3,2 0,41 5,8 0,48 9,5 0,54 20,5 0, , ,85 90,2 0,94 2,3 1,8 0,36 3,3 0,42 6 0,49 9,7 0, ,67 37,9 0,77 61,4 0,87 92,3 0,96 2,4 1,8 0,37 3,4 0,43 6,1 0,5 10 0,56 21,4 0,68 38,8 0,79 62,8 0,89 94,4 0,98 2,5 1,9 0,38 3,4 0,44 6,3 0,51 10,2 0,58 21,9 0,7 39,6 0,81 64,2 0,91 96,5 1 2,6 1,9 0,38 3,5 0,45 6,4 0,52 10,4 0,59 22,4 0,71 40,5 0,82 65,6 0,93 98,5 1,02 2,7 2 0,39 3,6 0,46 6,5 0,53 10,6 0,6 22,8 0,73 41,3 0,84 66,9 0, ,04 2,8 2 0,4 3,7 0,47 6,7 0,54 10,8 0,61 23,3 0,74 42,1 0,86 68,2 0, ,06 2,9 2,1 0,41 3,7 0,48 6,8 0, ,62 23,7 0,76 42,9 0,87 69,4 0, ,08 3 2,1 0,42 3,8 0,48 6,9 0,56 11,2 0,64 24,2 0,77 43,6 0,89 70, ,1 3,2 2,2 0,43 3,9 0,5 7,2 0,58 11,6 0, ,8 45,2 0,92 73,2 1, ,14 3,4 2,2 0,45 4,1 0,52 7,4 0,6 12 0,68 25,8 0,82 46, ,5 1, ,18 3,6 2,3 0,46 4,2 0,53 7,6 0,62 12,4 0,7 26,6 0,85 48,1 0,98 77,8 1, ,22 3,8 2,4 0,47 4,3 0,55 7,8 0,64 12,8 0,72 27,4 0,87 49,5 1,01 80,1 1, ,25 4 2,4 0,49 4,4 0,57 8,1 0,66 13,1 0,74 28,1 0,9 50,8 1,04 82,3 1, ,28 4,2 2,5 0,5 4,6 0,58 8,3 0,67 13,5 0,76 28,9 0,92 52,1 1,06 84,4 1, ,32 4,4 2,6 0,51 4,7 0,6 8,5 0,69 13,8 0,78 29,6 0,94 53,4 1,09 86,5 1, ,35 4,6 2,6 0,52 4,8 0,61 8,7 0,71 14,1 0,8 30,3 0,96 54,7 1,11 88,5 1, ,38 4,8 2,7 0,54 4,9 0,62 8,9 0,72 14,4 0, ,99 55,9 1,14 90,5 1, ,41 5 2,8 0,55 5 0,64 9,1 0,74 14,8 0,84 31,7 1,01 57,1 1,16 92,5 1, ,44 5,2 2,8 0,56 5,1 0,65 9,3 0,76 15,1 0,85 32,3 1,03 58,3 1,19 94,4 1, ,

5 TABELLA PERDITE DI CARICO PER CONDOTTE IN PRESSIONE ε= 0,1 mm DN 400 DN 450 DN 500 DN 600 DN 700 DN 800 DN 900 DN 1000 J 0, , , , ,35 0,12 79,1 0, , , , ,39 0,16 56,9 0,29 92,4 0, , , , ,46 0,2 35,5 0,28 48,5 0,31 64,3 0, , , , , ,51 0,24 39,2 0,31 53,6 0,34 70,9 0, , , , , ,57 0,28 42,6 0,34 58,3 0,37 77,1 0, , , , , ,61 0,32 45,8 0,36 62,6 0,39 82,9 0, , , , , ,66 0,36 48,8 0,39 66,8 0,42 88,3 0, , , , , ,7 0,4 51,7 0,41 70,7 0,44 93,5 0, , , , , ,74 0,44 54,4 0,43 74,4 0,47 98,4 0, , , , , ,78 0, ,45 77,9 0, , , , , , ,82 0,52 59,5 0,47 81,4 0, , , , , , ,85 0,56 61,9 0,49 84,7 0, , , , , , ,89 0,6 64,3 0,51 87,9 0, , , , , , ,92 0,64 66,6 0, , , , , , , ,95 0,68 68,8 0, , , , , , , ,98 0,72 70,9 0,56 96,9 0, , , , , , ,01 0, ,58 99,7 0, , , , , , ,04 0,8 75 0, , , , , , ,07 0, , , , , , , , ,1 0,88 78,9 0, , , , , , , ,13 0,92 80,8 0, , , , , , ,15 0,96 82,7 0, , , , , , , , ,5 0, , , , , , , ,2 1,04 86,3 0, , , , , , , ,23 1, , , , , , , ,25 1,12 89,8 0, , , , , , , ,28 1,16 91,5 0, , , , , , , ,3 1,2 93,1 0, , , , , , , ,32 1,3 97,2 0, , , , , , ,38 1, , , , , , , , ,44 1, , , , , , , , ,49 1, , , , , , , ,54 1, , , , , , , , ,59 1, , , , , , , , ,64 1, , , , , , , , , , , , , , , , ,73 2, , , , , , , ,77 2, , , , , , , , ,82 2, , , , , , , , ,86 2, , , , , , , , ,9 2, , , , , , , , ,94 2, , , , , , , , ,98 2, , , , , , , , ,02 2, , , , , , , , ,06 2, , , , , , , , , , , , , , , ,13 3, , , , , , , , ,2 3, , , , , , , , ,27 3, , , , , , , , ,34 3, , , , , , , , , , , , , , , , ,47 4, , , , , , , , ,54 4, , , , , , , , ,6 4, , , , , , , , ,66 4, , , , , , , , , , , , , , , ,6 5, , , , , , , ,

6 TABELLA PERDITE DI CARICO PER CONDOTTE IN PRESSIONE ε=0,1 mm DN 80 DN 100 DN 125 DN 150 DN 200 DN 250 DN 300 DN 350 J 5,4 2,9 0,57 5,2 0,66 9,5 0,77 15,4 0, ,05 59,5 1,21 96,3 1, ,5 5,6 2,9 0,58 5,3 0,68 9,7 0,79 15,7 0,89 33,6 1,07 60,7 1,24 98,1 1, ,53 5,8 3 0,59 5,4 0,69 9,8 0,8 16 0,9 34,2 1,09 61,8 1,26 99,9 1, , ,61 5,5 0,7 10 0,82 16,3 0,92 34,9 1,11 62,9 1, , ,59 6,2 3,1 0,62 5,6 0,72 10,2 0,83 16,5 0,94 35,5 1, , , ,61 6,4 3,2 0,63 5,7 0,73 10,4 0,84 16,8 0,95 36,1 1,15 65,1 1, , ,64 6,6 3,2 0,64 5,8 0,74 10,5 0,86 17,1 0,97 36,7 1,17 66,1 1, , ,67 6,8 3,3 0,65 5,9 0,75 10,7 0,87 17,4 0,98 37,2 1,19 67,1 1, , ,69 7 3,3 0,66 6 0,76 10,9 0,89 17,6 1 37,8 1,2 68,2 1, , ,72 7,2 3,4 0,67 6,1 0, ,9 17,9 1,01 38,4 1,22 69,2 1, , ,74 7,4 3,4 0,68 6,2 0,79 11,2 0,91 18,2 1,03 38,9 1,24 70,2 1, , ,77 7,6 3,5 0,69 6,3 0,8 11,4 0,93 18,4 1,04 39,5 1,26 71,2 1, , ,79 7,8 3,5 0,7 6,4 0,81 11,5 0,94 18,7 1, ,27 72,1 1, , ,82 8 3,6 0,71 6,4 0,82 11,7 0,95 18,9 1,07 40,6 1,29 73,1 1, , ,84 8,4 3,6 0,73 6,6 0, ,98 19,4 1,1 41,6 1, , , ,89 8,8 3,7 0,74 6,8 0,86 12,3 1 19,9 1,13 42,6 1,36 76,8 1, , ,94 9,2 3,8 0,76 7,9 0,88 12,6 1,02 20,4 1,15 43,6 1,39 78,6 1, , ,98 9,6 3,9 0,78 7,1 0,9 12,9 1,05 20,8 1,18 44,6 1,42 80,4 1, , , ,8 7,3 0,92 13,1 1,07 21,3 1,21 45,6 1,45 82,1 1, , ,07 10,5 4,1 0,82 7,4 0,95 13,5 1,1 21,8 1,24 46,8 1,49 84,2 1, , , ,2 0,84 7,6 0,97 13,8 1,13 22,4 1,27 47,9 1,52 86,3 1, , ,17 11,5 4,3 0,86 7,8 0,99 14,1 1,15 22,9 1,3 49 1,56 88,3 1, , , ,4 0,88 8 1,02 14,5 1,18 23,4 1,33 50,1 1,6 90,3 1, , ,27 12,5 4,5 0,9 8,2 1,04 14,8 1,2 23,9 1,35 51,2 1,63 92,2 1, , , ,6 0,92 8,3 1,06 15,1 1,23 24,4 1,38 52,3 1,66 94,1 1, , , ,8 0,95 8,7 1,1 15,7 1,28 25,4 1,44 54,3 1,73 97,8 1, , , ,99 9 1,14 16,3 1,32 26,3 1,49 56,3 1, , , , ,1 1,02 9,3 1,18 16,8 1,37 27,2 1,54 58,2 1, , , , ,3 1,06 9,6 1,22 17,4 1,41 28,1 1,59 60,1 1, , , ,5 1,09 9,9 1,26 17,9 1, ,64 61,9 1, , , ,6 1,12 10,2 1,3 18,4 1,5 29,8 1,69 63,6 2, , , ,8 1,15 10,5 1,33 18,9 1,54 30,6 1,73 65,4 2, ,4 21 5,9 1,18 10,7 1,37 19,4 1,58 31,4 1, , , ,1 1, ,4 19,9 1,62 32,2 1,82 68,7 2, , ,2 1,24 11,3 1,43 20,3 1,66 32,9 1,86 70,3 2, , ,4 1,27 11,5 1,47 20,8 1,69 33,6 1,9 71,8 2, , ,5 1,29 11,8 1,5 21,2 1,73 34,4 1,94 73,4 2, ,6 1, ,53 21,7 1,77 35,1 1,98 74,9 2, ,8 1,35 12,2 1,56 22,1 1,8 35,8 2,02 76,3 2, ,9 1,37 12,5 1,59 22,5 1,83 36,4 2,06 77,8 2, ,4 12,7 1,62 22,9 1,87 37,1 2,1 79,2 2, ,2 1,42 12,9 1,65 23,3 1,9 37,8 2,14 80,6 2, ,3 1,45 13,2 1,67 23,7 1,93 38,4 2, , ,4 1,47 13,4 1,7 24,1 1, , ,5 1,5 13,6 1,73 24,5 2 39,7 2, ,6 1,52 13,8 1,76 24,9 2,03 40,3 2, ,8 1, ,78 25,3 2,06 40,9 2, ,9 1,57 14,2 1,81 25,6 2,09 41,5 2, ,59 14,4 1, ,12 42,1 2, ,1 1,61 14,6 1,86 26,4 2,15 42,7 2, ,2 1,63 14,8 1,89 26,7 2,18 43,2 2, ,3 1, ,91 27,1 2,21 43,8 2, ,5 1,7 15,4 1,96 27,8 2,26 44,9 2, ,7 1,74 15,8 2,01 28,5 2, ,6 46 8,9 1,78 16,1 2,06 29,1 2, ,1 1,82 16,5 2,1 29,8 2, ,3 1,86 16,9 2,15 30,4 2,

7 TABELLA PERDITE DI CARICO PER CONDOTTE IN PRESSIONE J ε=0,1mm DN 400 DN 450 DN 500 DN 600 DN 700 DN 800 DN 900 D , , , , , , , ,7 5, , , , , , ,56 5, , , , , , , , , , , , ,66 6, , , , , ,49 6, , , , , ,53 6, , , , , ,57 6, , , , , , , , , ,41 7, , , , ,44 7, , , , ,48 7, , , , ,51 7, , , , , , , ,58 8, , , ,36 8, , , ,42 9, , , ,48 9, , , , , , ,58 10, , , , ,54 11, , , ,47 12, , ,

8 7.4.7 TABELLA PERDITA CARICO PER CONDOTTE A GRAITA A SEZIONE PIENA DN 200 DN 250 DN 300 DN 350 DN 400 DN 450 PENDENZA 5 24,9 0,79 45,1 0,92 73,2 1, , , , ,4 0,87 49,5 1,01 80,2 1, , , , ,6 0,94 53,5 1,09 86,7 1, , , , ,6 1,01 57,2 1,17 92,7 1, , , , ,6 1,07 60,7 1,24 98,4 1, , , , ,4 1,13 64,0 1, , , , , ,1 1,18 67,2 1, , , , ,8 1,24 70,2 1, , , , , ,4 1,29 73,1 1, , , , , ,9 1,34 75,8 1, , , , , ,4 1,38 78,5 1, , , , , ,9 1,43 81,1 1, , , , , ,3 1,47 83,6 1, , , , , ,6 1,52 86,1 1, , , , , ,9 1,56 88,4 1, , , , , ,2 1,60 90,7 1, , , , , ,2 1, , , , , , ,6 1, , , , , , ,5 2, , , , , , ,1 2, , , , , , ,6 2, , , , , , ,2 2, , , , , , ,2 3, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , TABELLA PERDITA CARICO PER CONDOTTE A GRAITA A SEZIONE PIENA DN 500 DN 600 DN 700 DN 800 DN 900 DN 1000 J , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ε=1 mm ε=1 mm

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata CALCOLO IDRAULICO Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata d acqua prevista. Nello specifico il calcolo riguarda la progettazione della sezione della tubazione

Dettagli

R.2.3 Relazione tecnica idraulica

R.2.3 Relazione tecnica idraulica Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.3 Relazione tecnica idraulica Rovato, novembre

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA 4

RELAZIONE IDRAULICA 4 Corso Nizza, 88 12100 Cuneo (CN) Tel. 0171-326711 Fax 0171-326710 e mail: acda@acda.it ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CUNEO ALLA DIRETTIVA 91/271/CE IMPRESA MANDATARIA: COSTITUENDA ASSOCIAZIONE

Dettagli

7.2 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE ACQUA

7.2 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE ACQUA 7.2.1 LIMITI DI UTILIZZAZIONE 7.2.1.1 DEIAZIONI ANGOLARI I giunti base AJ, TJ ed MJ proposti da SERTUBI Spa consentono una deviazione angolare, i valori della quale sono specificati nella tabella. Per

Dettagli

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 INDICE 1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE...4 3.1. Generalità...4 3.2. Pluviogramma di progetto...4 3.3. Dimensionamento della rete...5 4. RETE

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI.

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. DEVONO ESSERE UTILIZZATI COME BASE DI RIFERIMENTO PER L APPROFONDIMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE... 2 4. FOGNATURA... 2 4.1 MATERIALI DA UTILIZZARE

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

1: Ambito di applicazione

1: Ambito di applicazione Allegato 2 al Regolamento Fognatura Indirizzi e vincoli relativi alle modalità di realizzazione di canalizzazioni fognarie, a servizio di aree di nuova lottizzazione a destinazione residenziale e non,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E ASET S.p.A. REGOLAMENTO FOGNATURA E DEPURAZIONE - --------------------------------------------------------------------------------- ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E DEFINIZIONE CONTRIBUTI Modificato con Del.

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PIANI URBANISTICI ATTUATIVI CIVILI Si deve prevedere la separazione delle reti in bianche e nere

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza SYSTEM GROUP 07.2014 1 La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme MANUALE D'USO 1 Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme degli elementi di raccolta, convogliamento,

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. I raccordi e i pezzi speciali devono rispondere alle stesse caratteristiche dei tubi.

RELAZIONE TECNICA. I raccordi e i pezzi speciali devono rispondere alle stesse caratteristiche dei tubi. RELAZIONE TECNICA 1. - Rete fognaria 1.1. - Descrizione generale Lo smaltimento delle acque piovane è realizzato mediante caditoie di tipo stradale poste ai margini della carreggiata ovvero tramite canalette

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE INDICE 1

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Realizzazione di urbanizzazioni primarie nel piano di zona della nuova 167, 2 e 3 triennio.

COMUNE DI BARLETTA. Realizzazione di urbanizzazioni primarie nel piano di zona della nuova 167, 2 e 3 triennio. INDICE 1. IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 2 2. PROCESSO DI FUNZIONAMENTO... 4 ~ 1 ~ 1. IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Le specifiche di progetto sono le seguenti

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E COLLAUDO DELLE FOGNATURE NELL AMBITO DELLE LOTTIZZAZIONI PRIVATE Redatte a cura del Prof. Ing. Carlo Ciaponi -

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

ORGANISMO DI BACINO N 37

ORGANISMO DI BACINO N 37 ORGANISMO DI BACINO N 37 CONCESSIONE DI PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E GESTIONE DELLA RETE DEL GAS METANO E CAVIDOTTO MULTISERVIZIO DEI CENTRI ABITATI DELLE AREE COMMERCIALI E PRODUTTIVE DEI COMUNI APPARTENENTI

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua. Aprile 2010 www.tubi.net

Sistema di rallentamento dell acqua. Aprile 2010 www.tubi.net Sistema di rallentamento dell acqua Aprile 2010 www.tubi.net Introduzione La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione di depositi persistenti

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO DELLE CONDOTTE FOGNARIE PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE DI CALCOLO DELLE CONDOTTE FOGNARIE PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO PIANO PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI "CANELLITALY" - COMPARTO 1 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA (articolo 37 del Decreto del Presidente della

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. IL PROGETTISTA Geom. Carluccio Bottero

PROGETTO DEFINITIVO. IL PROGETTISTA Geom. Carluccio Bottero SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CALCOLI ESECUTIVI DELLA CONDOTTA

Dettagli

PIANO ATTUATIVO ATR10

PIANO ATTUATIVO ATR10 STUDIO DI INGEGNERIA CIVILE-IDRAULICA Dott. Ing. Michele Giorgio Via Stelvio, 2 24125 Bergamo Tel 035-402214 Fax 035-402214 P. IVA 02685550168 C.F.: GRG MHL 71D15 A794F e-mail: michele.giorgio@sfera.biz

Dettagli

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA...

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... 3 1.3 DIMENSIONAMENTO DELLA RETE FOGNARIA NERA... 4 1.4 DIMENSIONAMENTO

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

08/04/2014. Gli scarichi idrici

08/04/2014. Gli scarichi idrici Gli scarichi idrici A seconda della loro origine, le acque di scarico domestiche possono essere: acque nere, quelle provenienti dai servizi igienici; acque grigie, quelle provenienti da lavandini, docce

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto RELAZIONE IDRAULICA Descrizione sommaria delle opere Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto realizzato con il lotto 1, e da qui indirizzate al collettore

Dettagli

Fognature. Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle. 3.1 Classificazione delle reti

Fognature. Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle. 3.1 Classificazione delle reti 3 Fognature Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle abitazioni e le acque delle precipitazioni dalla zona urbana e farle defluire nel ricettore idrico più

Dettagli

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - 1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA - Piano di manutenzione LOTTO 1 AMGA - Azienda Multiservizi SpA via del Cotonificio 60 - Udine PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI RELAZIONE SUL CALCOLO DELLA RETE DI FOGNA BIANCA E DELLA RETE DI FOGNA NERA OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO di iniziativa PRIVATA COPARTO C2.4 -

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO CERBONI GIUSEPPE - PULETTI CLOTILDE - GAUDENZI ALFREDO PROGETTO PIANO ATTUATIVO

Dettagli

ALLEGATO 2 - AL REGOLAMENTO FOGNATURA

ALLEGATO 2 - AL REGOLAMENTO FOGNATURA ALLEGATO 2 - AL REGOLAMENTO FOGNATURA Criteri per la realizzazione di canalizzazioni fognarie, a servizio di aree di nuova lottizzazione a destinazione residenziale e produttiva, da cedersi in proprietà

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

Tecnozeta s.a.s. di Zanello Ing. Stefano & C.

Tecnozeta s.a.s. di Zanello Ing. Stefano & C. ELABORATO: Tipo. Doc. Nr. Elab Rev. CAZZARO COSTRUZIONI S.R.L. REL 002 00 Via Manetti, 38/A 35010 Trebaseleghe (PD) Tel. 049/9385009 Fax. 049/9385685 Comune di Treviso Viale della Repubblica, 242 RELAZIONE

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

Indice. Il mercato del ripristino. p. 1. p. 2. Gli ambiti di applicazione. p. 4. Tubi prefabbricati in PRFV per relining. p. 6

Indice. Il mercato del ripristino. p. 1. p. 2. Gli ambiti di applicazione. p. 4. Tubi prefabbricati in PRFV per relining. p. 6 h Sistema NC Line Indice Il mercato del ripristino Gli ambiti di applicazione Tubi prefabbricati in PRFV per relining Il dimensionamento dei tubi NC Line Esempi di pezzi speciali Posa dei tubi NC Line

Dettagli

LINEE GUIDA DI PROGETTAZIONE E VERIFICA DELLE RETI DI DRENAGGIO DELLE ACQUE METEORICHE A SERVIZIO DI AREE DI NUOVA LOTTIZZAZIONE

LINEE GUIDA DI PROGETTAZIONE E VERIFICA DELLE RETI DI DRENAGGIO DELLE ACQUE METEORICHE A SERVIZIO DI AREE DI NUOVA LOTTIZZAZIONE INDICE 1. MODALITA DI REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE A SERVIZIO DI AREE DI NUOVA LOTTIZZAZIONE DA CEDERSI IN PROPRIETA AL COMUNE E IN GESTIONE A HERA MODENA S.R.L. 3 1.1 Ambito di applicazione... 3

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli