REGOLAMENTO FOGNATURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO FOGNATURA"

Transcript

1 REGOLAMENTO FOGNATURA Adottato con delibera C.C. n. 132 del

2 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Immissioni nei canali della fognatura. Tutti gli scoli delle acque di qualsiasi natura e delle materie fecali, provenienti da stabili di ogni specie, o da cortili o altri spazi scoperti fronteggianti, anche solo in parte, vie e spazi percorsi da canali di fognatura, devono essere immessi con appositi condotti dentro i canali stessi, secondo le prescrizioni del presente Regolamento. Dovunque quindi esistano, sono aboliti i pozzi neri ed i pozzi assorbenti di acque di qualsiasi natura, compresi quelli eventualmente esistenti negli scantinati, nonché le eventuali fosse biologiche e le fognature non incluse nella rete pubblica, salvo quelle su area privata afferenti alla fognatura pubblica. Per i fabbricati non compresi fra quelli indicati nel primo capoverso il Capo dell Amministrazione potrà stabilire ugualmente l obbligo di allacciamento al più vicino canale di fognatura, quando tale allacciamento si presenti tecnicamente possibile. Art. 2 Progetti di attacchi in sede stradale. I progetti relativi alla esecuzione del le opere per qualunque attacco in sede stradale sono compilati a cura Ufficio Tecnico Comunale mercè il corrispettivo dei compensi fissi di cui agli articoli seguenti, Si intendono per opere di attacco in sede stradale quelle che, partendo del muro di facciata, o comunque dai limite di proprietà, pervengono alla fogna. 2

3 Art. 3 Immissioni nei canali di fognatura a sistema misto. Nelle zone ove esiste rete di fognatura con separazione di acque nere e acque bianche tutte le acque provenienti da latrine, lavatoi, orinatoi, acquai, bagni, scaricatoi di acqua potabile ed ogni altro rifiuto liquido proveniente dalle abitazioni e le acque pluviali, cioè le acque meteoriche o di innaffiamento, provenienti da tetti, cortili, terrazze, giardini o da qualsiasi altra area scoperta, dovranno essere immesse nella rete di fognatura civica a sistema misto. Art. 4 Divieti e revoche di concessioni o tolleranze. E vietato di immettere le acque meteoriche in condotti che sbocchino comunque su suolo stradale, là ove esiste la fognatura. Le concessioni o tolleranza di siffatte condutture già esistente si intendono revocate di pieno diritto con la notifica delle ordinanze di cui agli art. 9 e 10. Si intendono revocate anche le concessioni o tolleranze di condutture di scarico di acque luride immettentesi entro i canali già esistenti i quali ora sono entrati a far parte della rete mista della città. Art. 5 Scarichi industriali, di autorimesse pubbliche o private. E vietato immettere nella fognatura stradale, sia bianca che nera o mista, gli scoli provenienti dai locali ove si esercitano industrie, laboratori nonché attività artigianali e commerciali, specie se essi contengono sostanze corrosive o comunque nocive allo murature delle fogne o alla pubblica salute, o che abbiano temperatura superiore alla normale o che possono interferire sfavorevolmente con l andamento dei processi di smaltimento e depurazione dei liquami. La immissione potrà essere concessa dal Capo dell Amministrazione in seguito a domanda scritta dal proprietario dello stabile, contenente le indicazioni dettagliate dell industria esercitata e la dichiarazione formale di ottemperare alle prescrizioni e condizioni seguenti, oltre a quelle che il Capo stesso dell Amministrazione troverà opportuno stabilire caso per caso. 3

4 In ogni caso: a. le acque industriali di qualsivoglia natura debbono avere apposite canalizzazioni ed immissioni nelle fognature, distinte da quelle che servono alle acque meteoriche ed alle acque luride, esse debbono, prima di uscire dallo stabile, passare in una cameretta facilmente ispezionabile, dalla quale il Capo dell Amministrazione ha il diritto in qualunque tempo di far prelevare, dai suoi incaricati, campioni delle acque stesse; b. le acque debbono; se necessario, prima dello scarico, essere sottoposte ad un trattamento chimico o altro, atto a ridarle innocue ed idonee ad essere convogliate nelle canalizzazioni chiuse o aperte di fognatura; c. il proprietario dello stabile è responsabile verso e verso i terzi dei danni che, per la natura degli scoli effettuati, potessero derivare; ed è tenuto all immediato rimborso delle spese che l Amministrazione avesse dovuto o dovesse sopportare per il restauro dei canali della fognatura in seguito ai guasti arrecativi dagli scarichi industriali, in base alla liquidazione redatte dall Ufficio Tecnico dell Amministrazione stessa; d. il proprietario dello stabile è tenuto a pagare: 1. le quote di cui ai numeri 1, 2 e 3 dell art. 7, da versarsi all atto della domanda; 2. le spese del progetto di ufficio dei lavori per l attacco esterno, le quali versate all atto della domanda, nella misura issa di L ; e. oltre il progetto delle opere di canalizzazione interna, l interessato deve produrre regolare progetto per la neutralizzazione delle acque industriali, da approvarsi parimenti dal Capo dell Amministrazione; f. il proprietario dello stabile è tenuto a versare all Amministrazione un deposito cauzionale a garanzia della esatta osservanza delle prescrizioni e degli obblighi fissati dal presente articolo, nella misura che è di volta in volta prescritta dal Capo dell Amministrazione e per tutta la durata della concessione. In caso di constatata inosservanza delle suesposte prescrizioni e condizioni, il Capo dell Amministrazione può ordinare la sospensione immediata degli scarichi, e, in caso di erdurante inadempienza, procedere d ufficio alla chiusura delle immissioni industriali in fognatura, senza alcuna responsabilità per le conseguenze e ponendo a carico del proprietario le spese relative, oltre l integrale risarcimento dei danni recati. 4

5 La facoltà di immissione di scarichi industriali nella fognatura mista come sopra, è sempre ed in qualsiasi epoca revocabile, qualora, pur essendo osservate le prescrizioni speciali, a giudizio insindacabile dell Amministrazione, ne derivasse o potesse derivarne danno alle persone o cose o qualora considerazioni riguardanti l igiene pubblica, la conservazione della fognatura od altre gravi ragioni lo consigliassero. La facoltà di immissione cessa di pieno diritto, cessando di esercitarsi nello stabile l industria per la quale fu concessa. Tanto nel caso di revoca che in quello di cessazione della concessione, nessun diritto potrà essere vantato dall industria le verso tran ne la restituzione del deposito cauzionale di cui alla lettera f. di questo articolo. Gli scoli provenienti da locali adibiti ad autorimesse pubbliche da impianti per distribuzione carburanti e da locali per lavaggio automezzi sono, agli effetti del presente regolamento, assimilati a quelli di cui parla il presente articolo. Le autorimesse ad uso privato che servono più di due automezzi possono essere pure soggette alle disposizioni sopracitate. Art. 6 Esecuzione delle opere di allacciamento e dei lavori di preparazione. Tutte le opere in sede stradale, sia di costruzione che di manutenzione, per gli scarichi di qualsiasi genere, sono eseguite esclusivamente dall Amministrazione, sia d ufficio che in seguito a formale domanda scritta con le modalità dell art. 12 e previo deposito dei contributi stabiliti dall art. 7 e restano di esclusiva proprietà dell Amministrazione. Le riparazioni alle tubazioni in sede stradale dal confine della proprietà al collettore principale sono eseguite dal Comun a proprie spese, sempreché non si constatino rotture, ingombri o danni di qualsiasi genere cagionati dagli utenti, che, in tal caso, saranno tenuti a pagare tutte le spese occorrenti, nonché i diritti di visita tecnica. Altrettanto dicasi per le condotte pubbliche attraversamenti zone di proprietà privata. Nel caso preveduto dal precedente comma verrà fatta contestazione al responsabile in via amministrativa, con invito ad anticipare le spese occorrenti ed i diritti di visita e con diffida che, in caso di inadempienza, si provvederà d ufficio dall Amministrazione, sempre quando l urgenza non 5

6 consigli di provvedere immediatamente. Dovendosi provvedere d ufficio, verrà redatto il verbale di constatazione previo invito al proprietario di assistervi. Le spese sono riscosse con le modalità di legge, salvo il provvedimento contravvezionale. Art. 7 Quote fisse a rimborso spese per gli attacchi. Per quanto riguarda le opere di fognatura in sede stradale, i proprietari degli edifici latistanti, per ogni condotto di scarico uscente dalla loro proprietà nella strada e da allacciarsi alla rete fognante, debbono corrispondere all Amministrazione le seguenti quote: 1. per allaccio condutture di acque pluviali: per ogni appartamento (ventunomila); per alberghi e pensioni (collegi, seminari) asili e scuole private, ogni camera (cinquemila); per ogni lavandino per solo uso personale esistente in locali commerciali o artigianali (ventunomila); 2. per allaccio di condutture nere: per ogni gabinetto o utenza tipo industriale (settantottomila); per ogni orinatoio negli esercizi o locali pubblici (sale cinematografiche da bello, stazioni, alberghi, ristoranti etc) (ventiseimila); Le quote ai num. 1 e 2 sono versate, ai sensi del precedente art. 6 all atto della domanda; esse son sono suscettibili di riduzioni, qualunque sia la entità degli attacchi. I progetti compilati dall Amministrazione a termini del presente articolo e del precedente art. 5 sono esecutivi non appena approvati dal Capo dell Amministrazione, senza aver bisogno di accetta zione o consenso da parte degli interessati, i quali restano obbligati al pagamento delle quote fisse e delle eventuali differenze per la quota supplementare, senza che possano muovere eccezioni o fare opposizioni, fatto loro salvo l esperimento dei gravami di legge per la restituzione di quanto credono di avere indebitamente pagato. 6

7 Art. 8 Obbligo ai proprietari di presentare le domande e rimborsare le spese degli attacchi. Il Capo dell Amministrazione, prima che per ciascuna strada si proceda alla costruzione dei nuovi tronchi di fognatura e alla restaurazione di quelli esistenti ovvero prima che sia disposto il funzionamento dei tratti già compiuti, ne dà avviso con apposito manifesto, ingiungendo ai proprietari frontisti dì presentare la domanda di cui agli art. 6 e 12 entro il termine indicato nello stesso manifesto e di versare le quote indicate all art. 7. In caso di inadempimento, salvo il procedimento contravvenzionale, sarà provveduto d ufficio all esecuzione dei lavori a spese del proprietario e tali spese, insieme ai contributi fissi determinati a norma dell art. 7, saranno riscossi con i privilegi fiscali a mente dell art 55 della Legge Comunale e Provinciale, T.U. 03/03/1934 n Art. 9 Esecuzione delle opere interne di allacciamento. Le opere interne di allacciamento delle condotte private all attacco della fogna pubblica devono essere eseguite dai proprietari interessati entro il termine stabilito dalle ordinanze emanate dal Capo dell Amministrazione, che saranno notificate ai proprietari interessati con le stesse comminatorie di cui al precedente articolo 8. Art. 10 Risanamento dell abitato. Il Capo dell Amministrazione può emanare speciali ordinanze: a. per soppressione di pozzi o cisterne che siano ritenuti pericolosi alla salute dei cittadini; b. per rimozione di cause di insalubrità delle acque o delle abitazioni, compresa la rimozione delle materie luride delle fogne già abbandonate o da abbandonarsi in seguito all allacciamento con la fognatura cittadina. I pozzi neri messi fuori uso devono essere disinfettati e riempiti di terra o di altri materiali; 7

8 c. per chiusura o ricostruzione di canali o tubi di scarico delle acque; d. per obbligo al proprietario, il cui immobile manchi di acqua potabile, di fornirsene in determinato tempo e di modificare i propri impianti sanitari adottando latrine con lavaggio a cacciata, sifoni e tubi aeratori; e. per obbligo al proprietario in soli casi contingibili e d urgenza, di non impedire al condomino o all inquilino od al proprietario di stabili contigui, vicini o interclusi, che lo chieda, il passaggio di tubi conduttori di acqua o condotti di fognatura per l allaccio alla sede stradale; f. per multe a carico di contravventori, che potranno estendersi fino al doppio delle quote fissate all art. 7; g. per l esecuzione, solo nei casi su accennati, a carico dei contravventori, delle opere disposte e non eseguite. Le ordinanze del Capo dell Amministrazione saranno immediatamente esecutorie, salvo, relativamente alle ordinanze di cui alla lettera e., all autorità giudiziaria o agli arbitri di determinare in seguito le relative indennità a norma di legge a carico dei privati interessati. Dette facoltà al Capo dell Amministrazione sono accordate rispettivamente dal giorno di pubblicazione del manifesto di cui all art. 8. Per i rioni da provvedersi in seguito di fognatura, tali facoltà decorreranno dal giorno nel quale il Capo stesso abbia disposto di iniziare entro l anno la costruzione della fognatura nuova o la riforma della vecchia in un determinato quartiere della città e saranno limitate ai fondi compresi nel quartiere stesso 8

9 TITOLO II NORME PER LE IMMISSIONI NELLE FOGNATURE CITTADINE Art. 11 Rimozione del pavimento stradale e dei chiusini delle fogne. E vietato ai privati rimuovere il pavimento stradale ed i chiusini delle pubbliche fogne, sia nere, bianche o miste. Art. 12 Modalità delle domande di concessione degli attacchi privati. Le domande di concessione di attacchi in sede stradale degli scarichi privati nelle fognature cittadine, di cui ai precedenti articoli 6 e 9, e per qualunque lavoro o variazione interessante la fognatura domestica, debbono essere corredate dai seguenti documenti e Indicazioni: a. nome, cognome e paternità del proprietario nel caso di stabilimento industriale, il nome della Ditta; b. designazione della via, corso o piazza e del numero civico a cui è riferito lo stabile; c. estratto mappale della proprietà, corredato della esatta intestazione catastale; d. nel caso di stabilimento industriale, chiare indicazioni sulla natura dello stesso; e. designazione delle strade verso le quali debbono avere luogo gli scarichi; f. indicazione dell uso cui sono destinati i fognoli o condotti, se cioè per acque bianche, acque nere od acque industriali; g. se lo stabile è fornito di acqua potabile dell acquedotto comunale, se vi esistono pozzi di acqua freatica o cisterna di acqua piovana; h. se lo stabile è fornito di fogna impermeabile, o con pozzo nero assorbente, o con sfioratore, e dove questo ultimo scarica; i. alla domanda va allegato in doppia copia (di cui una da restituirsi approvata) il progetto di tutte le opere di canalizzazione interna allo stabile fino al limite di proprietà verso strada, compilato e 9

10 firmato da un ingegnere, da un architetto o da un geometra, debitamente iscritto contenente una planimetria schematica in scala non inferiore a 1:200 dello stabile e sue adiacenze. In tale planimetria devono risultare, sempre schematicamente indicate, le canalizzazioni esistenti e quelle di prevista nuova costruzione, corredate delle indicazioni riguardanti il tipo, le pendenze e il diametro delle condotte da utilizzarsi nonché le bocche di ispezione lungo le vie stesse. Al progetto va allegata una relazione corredata dalle indicazioni seguenti: 1. numero delle bocche di immissione nelle fogne, 2. area complessiva della proprietà, 3. area coperta ed area sistemata a cortile o piazzale, 4. tipo e superficie di pavimentazione delle aree scoperte. Il progetto anzidetto, per poter essere eseguito, deve riportare l approvazione del Capo dell Amministrazione, su parere degli Uffici Tecnici e di Igiene. Se i proprietari non presentano in tempo utile le domande corredate da tutti i documenti richiesti e dalla prova del versamento delle quote di cui all art, 7, il Capo dell Amministrazione ordinerà la compilazione e l esecuzione dei progetti di canalizzazione interna ed esterna, indipendentemente dal procedimento contravvenzionale di cui all art. 37. Il contravventore, oltre a quanto deve in forza dell art. 7, pagherà all Amministrazione il 10% delle opere interne progettate d ufficio. Il progetto delle opere interne compilate d ufficio sarà notificato in copia all interessato, con invito ad eseguirlo entro un congruo termine perentorio stabilito volta per volta dal Capo dell Amministrazione; trascorso il quale senza che il diffidato abbia dato corso ai lavori, l Amministrazione procederà d ufficio all esecuzione di essi, addebitando al proprietario le relative spese liquidate in base ai prezzi vigenti aumentati del 20%. Per quanto riguarda le opere esterne la esecuzione avverrà subito dopo trascorso il termine assegnato dal manifesto di cui 8 e con le sanzioni in esso stabilite a carico dei contravveatori. 10

11 Art. 13 Concessione di nuovi attacchi. La concessione di scaricare nella fognatura cittadina si limita allo stabile per il quale venne richiesta e per quella consistenza di esso che risulta dai tipi depositati presso l Amministrazione. Non possono quindi allacciarsi altre parti degli stabili stessi e tanto meno degli stabili contigui, ancorché dello stesso proprietario, senza aver prima ottenuta speciale concessione dal Capo dell Amministrazione. Qualora i condotti di scarico esistenti non fossero sufficienti a ricevere le nuove immissioni, chi domanda di farlo deve assoggettarsi alla spesa necessaria per rendere i condotti atti al maggior servizio, rimborsandone l Amministrazione col pagamento della quota fissa di cui all art. 7. Art. 14 Immissioni negli imbocchi comunali e diametri delle tubazioni private. Consociazioni di proprie tari di fabbricati limitrofi. Le immissioni nelle fogne stradali debbono essere eseguite esclusivamente negli imbocchi costruiti a cura dell Amministrazione e le tubazioni private non possono eccedere i diametri degli imbocchi medesimi. A tal uopo, a richiesta, l Ufficio Tecnico dell Amministrazione fornisce tutte le indicazioni necessarie perché il progetto di fognatura interna dello stabile possa essere coordinato alle condizioni della fognatura esterna quando la posizione degli imbocchi lo richieda. Art. 15 Afflusso delle materie nelle fogne. Bocche di ispezione e pozzetto. All innesto della condotta lurida privata alla fogna pubblica è collocata una bocca di ispezione munita di chiusino. Quando la suddetta ispezione non fosse liberamente accessibile e dovesse trovarsi sotto il piano di pavimento o di terreno, verrà ospitata in un pozzetto in muratura, che verrà coperto con un chiusino comodamente alzabile. 11

12 Tanto la bocca di ispezione che il pozzetto saranno del tipo prescelto dall Amministrazione. Art. 16 Immissioni provvisorie. Ad evitare l inquinamento del suolo sul quale si voglia costruire un fabbricato i l Amministrazione può permettere l uso di una à più immissioni nella fognatura stradale, ove esista, a scarico provvisorio delle latrine per gli operai addetti alle nuove costruzioni. I condotti per tale scarico provvisorio debbono essere scelti, a cura del proprietario dello stabile, tra quelli destinati a servire in modo definitivo al fabbricato e sono eseguiti dall Amministrazione per i tratti in sede stradale previa esazione delle quote fisse stabilite dall art. 7. Il proprietario deve allacciarvi le latrine di servizio prima di uscire con la costruzione dal piano di terra. Per la scelta degli scarichi il proprietario dello stabile deve fornire in tempo utile all Ufficio Tecnico Comunale le necessarie indicazioni. Tutti gli scarichi debbono essere provvisti di acqua corrente in quantità sufficiente ad evitare l arresto delle deiezioni nei canali. Art. 17 Modificazioni agli scarichi provvisori. Qualora per fatto del proprietario dello stabile e con il consenso dell Amministrazione si debbano introdurre modificazioni agli attacchi in sede stradale di cui sopra, esse sono eseguite dall Amministrazione a spese del proprietario stesso. Art. 18 Allacciamento dei doccioni. I doccioni delle fronti dei fabbricati verso la pubblica via come pure le condutture che ora raccolgono le acque di pioggia dai tetti, devono essere allacciati alla fogna stradale bianca o mista a 12

13 seconda dei casi, con o senza sifone secondo che il Comune prescriverà. I doccioni debbono essere in numero e di sezione sufficiente a convogliare tutte le acque piovane; in proporzione media di cmq. i di sezione per ogni mq. d area coperta. E vietato introdurre in questi doccioni altre materie all infuori di acqua di pioggia. Art. 19 Acque, liquidi ed altri rifiuti dannosi. E assolutamente vietato di immettere nelle latrine, nelle bocche stradali o nelle fogne, acque o liquidi in genere che in qualsiasi modo ne danneggino i manufatti, come pure spazzature, immondizie, ceneri e corpi solidi. Ugualmente è vietato immettere sostanze capaci di interferire con il buon funzionamento dell impianto epurativo. Il proprietario dello stabile è responsabile verso l Amministrazione dei danni causati dalla trasgressione al presente disposto ed è tenuto al rimborso delle spese di riparazione, sopraluogo e progetto a tenore dell art. 6 senza pregiudizio delle sanzioni penali conseguenti alla trasgressione. Art. 20 Fognature dei cortili e nelle strade private. Alle disposizioni del presente Regolamento sono soggetti anche gli stabili fronteggianti cortili comuni e strade private. I proprietari degli indicati stabili debbono provvedere nei termini stabiliti dall art. 10 alla canalizzazione dei detti cortili comuni e strade private sino al ciglio della strada pubblica, rispettando le relative disposizioni del presente regolamento ed in particolare modo dell art. 14. Art. 21 Riunione degli scarichi di un solo edificio Quando un edificio è diviso in più parti appartenenti a diversi proprietari, questi sono obbligati a 13

14 riunire le rispettive canalizzazioni per acque bianche e nere, facendone la immissione nella rispettiva fogna stradale a norma degli art. 14 e 20, sempreché non vi ostino ragioni di carattere tecnico che verranno esaminate e stabilite insindacabilmente dall Amministrazione. 14

15 TITOLO III FOGNATURA INTERNA Art. 22 Chiusura idraulica delle latrine e degli orinatoi ed apparecchi di cacciata di acqua. Le latrine e gli orinatoi dovranno essere forniti singolarmente di chiusura idraulica permanente. Le latrine debbono essere provviste di serbatoio di acqua che possa erogare ogni volta, a mezzo.i apparecchi di cacciata, una quantità di acqua non inferiore a lt. 10, necessaria ad assicurare un efficace lavaggio. La immersione del sifone non deve essere inferiore a cm. 3. Il tubo di cacciata di acqua sarà sempre isolato, mediante interruzione costituita dal serbatoio,dal tubo della acqua potabile. Art. 23 Scarichi di acque di rifiuto. Le condutture di scarico dei bagni, acquaio lavandini, lavatoi ed ogni altro apparecchio in comunicazione con le canne di caduta con la fogna dovranno essere munite ciascuna di interruttori idraulici, o sifoni, ispezionabili. Art. 24 Tubi di caduta delle acque. I tubi di caduta che raccolgono le defluenze delle latrine, le acque di rifiuto dei laboratori, degli acquai, ecc., dovranno essere di materiale impermeabile, resistente ed inattaccabile dalle materie che vi si convogliano ed avere la superficie levigata ed uniforme. Detti tubi, di sezione costante, dovranno essere posti in opera solidamente p prolungati sopra il tetto o terrazzo con torrino munito di mitria o cappello di ventilazione. Ove sia richiesto dall Amministrazione, oltre allo sfiato delle condotte di scarico, dalla fogna 15

16 stradale deve partire una canna sussidiaria di aereazione di diametro non inferiore a m/m 80 e che deve anch essa, senza per altro raccogliere scarichi lungo il percorso, finire sopra il tetto o terrazzo. Art. 25 Fognoli di congiunzione con la fogna pubblica. I fognoli privati di congiunzione con la fogna pubblica saranno collocati in modo da attraversare la minor possibile area fabbricata e saranno poggiati su terreno resistente e di garantita stabilità. In caso di terreni cedevoli dovranno essere adottati di volta in volta quei provvedimenti più opportuni per assicurare la stabilità della condotta. Tali provvedimenti dovranno essere preventivamente esaminati ed approvati dall Ufficio Tecnico dell Amministrazione. I fognoli dovranno avere cunetta curvilinea, pareti completamente impermeabili e lisce, pendenza in qualsiasi punto del loro percorso sufficiente a garantire velocità non inferiori a quelle che si hanno nel tronco di fogna principale nel punto di immissione. I cambiamenti di direzione dovranno essere curvilinei. Gli innesti dei fognoli fra loro e con le fogne dovranno avvenire nel senso della confluenza con inclinazione di 45. Art. 26 Canali di gronda o di scolo. I piazzali interni, i cortili, i pozzi di luce e qualunque altra superficie di suolo privato dell area fabbricabile che rimanga scoperta devono essere provveduti di conveniente scolo delle acque meteoriche. Non potranno mai versarsi in tali scoli acque o materiale di rifiuto delle case. Tutte le coperture degli edifici debbono essere munite da ogni lato di canali di gronda o di scolo, sufficienti a ricevere ed allontanare rapidamente le acque pluviali. Nei canali di smaltimento delle acque pluviali è assolutamente vietato di immettere acque domestiche di rifiuto o di bagni ed è anche vietato di utilizzare le canne verticali di scarico delle acque pluviali come scaricatoi di fogne nere, di altre acque di rifiuto domestiche e di scarichi 16

17 privati. I tubi di scolo delle acque pluviali provenienti da terrazze e cortili, prima di immettersi nella fogna stradale o nel fognolo domestico, saranno muniti di pozzi di ispezione situati in pozzetti facilmente accessibili, ancorché di pozzetto di decantazione delle acque munito di griglia per trattenere fogliame e materiale vario che potrebbe ingombrare la rete. Art 27 Numero delle latrine nelle abitazioni. Ogni abitazione dovrà avere almeno una latrina; i dormitori, laboratori, opifici e simili avranno latrine separate per ciascun sesso ed almeno una ogni quaranta persone; per maschi si dovrà disporre anche un numero sufficiente di orinatoi. Art. 28 Prescrizione per gli ambienti di latrine. Ogni locale per latrina dovrà rispondere alle disposizioni stabilite dal Regolamento di igiene. Per le latrine esistenti e non conformi alla predetta disposizione deciderà di volta in volta l Amministrazione. Le pareti divisorie delle latrine con locali abitati non potranno essere in legname. Art. 29 Collaudo delle canalizzazioni interne. Per gli stabili di nuova costruzione la canalizzazione interna deve essere ultimata e constatata regolare dall Ufficio Tecnico dell Amministrazione e dall Ufficiale Sanitario prima della dichiarazione di abitabilità. Non sarà concessa la licenza di abitabilità ad appartamenti nuovi e ricostruiti fino a quando la canalizzazione - sia per le acque nere che per quelle bianche - non sarà completa, atta a funzionare ed a rispondere a tutte le norme del presente Regolamento e di quello di igiene. 17

18 Per la canalizzazione dei fabbricati già esistenti, si deve fare speciale domanda scritta al Capo dell Amministrazione entro 30 giorni dall ultimazione delle dette opere di canalizzazione, per ottenere la visita di verifica. Alla visita può presenziare il proprietario, od il suo tecnico che deve fornire le indicazioni opportune ai funzionari incaricati. La visita si limita alla constatazione della regolare esecuzione delle opere in relazione al presente regolamento, alla loro conformità al progetto approvato, nonché alla garanzia di buon funzionamento. Essa non esime il proprietario, però, da alcuna responsabilità per i difetti che potessero in seguito constatarsi, in quanto possano arrecar danno alla fognatura pubblica ovvero allo stesso stabile. Mancando la domanda dell interessato si procederà alla visita di ufficio come disposto al successivo art. 30. Art. 30 Visita alla fognatura interna. L Amministrazione può, a mezzo dei suoi incaricati, procedere d ufficio alla visita alla fognatura interna degli stabili in qualsiasi tempo, e ciò sia per constatare lo stato di manutenzione ed il funzionamento nei riguardi dell igiene, sia per esaminare se permangono le condizioni di fatto in base, alle quali la fognatura interna fu approvata. Quando la visita avesse dato luogo ad ingiunzioni per la esecuzione di opere occorrenti alla regolarità della canalizzazione, oppure non avesse potuto avere effetto per cause imputabili al proprietario, andranno considerate come visite tecniche straordinarie tutte quelle da farsi successivamente alla prima per la constatazione delle opere stesse, ed il proprietario dovrà pagare L per ciascuna visita successiva alla prima titolo di rimborso spese relative. 18

19 TITOLO IV POZZI NERI - CISTERNE - DISPERDIMENTO DELLE PLUVIALI - MODIFICHE ALLA FOGNATURA. Art. 31 Abolizione di pozzi neri o assorbenti e di cisterne. Nei quartieri provvisti di fognatura non è permesso di.costruire alcun pozzo nero, fossa biologica o pozzo assorbente per smaltire acque piovane o bianche, né di impiantare altro sistema di fognatura. Per l abolizione dei pozzi neri o assorbenti esistenti si applicano le disposizioni degli art 1 e 10 del presente regolamento. I proprietari degli stabili preesistenti al canale di fognatura dovranno, entro il termine indicato nella notifica dell avviso di cui all art. 8, avere provveduto a loro cura e spese all espurgo completo ed alla soppressione dei pozzi, all allacciamento della canalizzazione interna alla fognatura ed alla sistemazione di questa canalizzazione ai sensi del presente Regolamento. I pozzi neri, i pozzi assorbenti, nonché le cisterne di acqua piovana ed i canali relativi agli uni ed agli altri, dopo la soppressione, devono essere vuotati e disinfettati sotto la vigilanza dell Amministrazione. I manufatti già adibiti a cisterne possono essere destinati ad altro uso meno che a raccolta delle acque, previa esecuzione delle disposizioni tecniche ed igieniche disposte volta per volta dall Amministrazione. Art. 32 Casi in cui è riconosciuto tecnicamente difficile od eccessivamente oneroso regolare sbocco nella fognatura. E tuttavia in facoltà del Capo dell Amministrazione, su motivata proposta dell Ufficio Tecnico e di quello Sanitario, di escludere lo stabile nelle condizioni in parola dall obbligo di allacciamento alla fognatura nera. 19

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO ACQUEDOTTO CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO CITTÀ DI AOSTA REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO Via Parigi 196 11100 Aosta Tel. 0165.300.600 - Fax: 0165.554.961 www.comune.aosta.it

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO INDICE CAPO I CONDIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Distanze da confini e costruzioni

Distanze da confini e costruzioni Distanze da confini e costruzioni (Biagio Giancola) Voci di rinvio å Abusi edilizi å Convenzioni urbanistiche å Demanio å Luci e vedute å Piano regolatore generale å Vincoli urbanistici Normativa fondamentale

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Il CAPO AREA TECNICA Geom. Maniscalco Giovanni PREMESSA In forza della sopravvenuta legge

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Privacy in Condominio

Privacy in Condominio 1^ edizione! 1 Privacy in Condominio COSA SI PUO FARE E COSA NO Guida aggiornata al nuovo Vademecum del Palazzo emanato dall Autorità Garante per la tutela dei dati personali a seguito dell entrata in

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli