Schema della presentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schema della presentazione"

Transcript

1 Presentazione COMUNE DI GRADARA (PU) Effettuazione delle Indagini di Microzonazione Sismica (MZS 1 Livello) Walter Borghi

2 Schema della presentazione 1^ PARTE GENERALE SCOPO: fornire una traccia metodologica e operativa per gli studi MZS 1 Livello -Finalità - Programma Regionale MZS Soggetto attuatore/realizzatore -LineeGuidaICMS edelaboratimzs - Validazione/Certificazione MZS 2^ PARTE SPECIFICA -MetodologiadilavoroMZS (4 fasi) - Descrizione delle fasi di lavoro - Acquisizione dati(cartografie, indagini) - Presentazione elaborati e risultati MZS

3 Microzonazione Sismica - MZS STUDIO FINALIZZATO A SUDDIVIDERE IL TERRITORIO IN MICROZONE QUALITATIVAMENTE OMOGENEE PER LE QUALI IPOTIZZARE L OCCORRENZA DI EFFETTI LOCALI CAPACI DI MODIFICARE (amplificazione) LE CARATTERISTICHE DEL MOTO SISMICO ATTESO O PRODURRE DEFORMAZIONI PERMANENTI RILEVANTI DEL TERRITORIO (es. cedimenti, liquefazione) MZS LIVELLO 1(propedeuticoailivelli2 e 3) raccoltadeidatipreesistenti, elaboratiper suddividereilterritorioin microzone qualitativamente omogenee

4 MZS GRADARA (PU) Programma Regionale MZS annualità 2011 OPCM 3907/10 DGR 967/11 DGR 163/11 Disciplina i i contribuiti per inteventi di di prevenzionedalrischiosismico(art.1) con finanziamentodiindaginidimzs (art. 2) 2) Approvazione elenco Comuni MZS Istituzione Commissione Tecnica Regionale Approvazione schema di diprotocollo intesa Regione Anci- Ordine Geologi Schema contratto Comune-Geologi

5 Il Soggetto Attuatore Comune di GRADARA (PU) TERRITORIO COLLINARE FORMAZIONI MIO-PLIOCENICHE SUPERFICIE : Km2 ABITANTI : 4764 (2010) NUCLEI : GRADARA FANANO SANTO STEFANO GRANAROLA

6 Standard MZS - Linee Guida ICMS - I livello LIVELLO 1 raccoltadeidatipreesistenti, elaboratiper suddividereilterritorioin microzone qualitativamente omogenee Indirizzi e Criteri per la Microzonazione Sismica (anno 2008) Dipartimento della Protezione Civile Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Presidenza del Consiglio dei Ministri

7 ELABORATI MZS CARTA DELLE INDAGINI (1:10.000) CARTA GEOLOGICO-TECNICA (1:10.000) SEZIONI GEOLOGICHE CARTA MICROZONE OMOGENEE IN PROSPETTIVA SISMICA (MOPS) (1:10.000) RELAZIONE ILLUSTRATIVA DATABASE INDAGINI

8 ELABORATI MZS MOPS: DOCUMENTO FONDAMENTALE MZS 1 1 LIVELLO SUDDIVISIONE DEL TERRITORIO IN IN 3 CATEGORIE FONDAMENTALI (Linee Guida ICMS) 1 ZONE STABILI (Vs 800 m/s Acclività < 15 ) 2 ZONE STABILI SUSCETTIBILI DI DI AMPLIFICAZIONE (Vs < 800 m/s) 3 ZONE SUSCETTIBILI DI DI INSTABILITA (frane, cedim. liquef. faglie a/c) a/c)

9 VALIDAZIONE-CERTIFICAZIONE MZS GRADARA Art. 8 Schema Disciplinare Art. 6 OPCM 3907/2010 CommissioneTecnicaMZS c/o c/o Dipartimento Protezione Civile Presidenza Consiglio Ministri Commissione Tecnica Regionale MZS MZS CERTIFICATO DI CONFORMITA REDATTO DA REGIONE MARCHE

10 METODOLOGIA DI LAVORO 4 FASI 1^ FASE: Definizione aree oggetto di MZS (Art. 3 Schema Disciplinare) 2^ FASE:Acquisizionedatidisponibili(indagini, cartografie) 3^ FASE: Catalogazione e georeferenziazione(wgs84) indagini 4^ FASE:RedazioneelaboratiMZS

11 1^ FASE : AREE OGGETTO DI MZS Art. 3 Schema Disciplinare Incarico: l area è individuata nell ambito del confronto fra Ente Attuatore ed il Soggetto Realizzatore con la supervisione della Commissione Tecnica Regionale per gli studi di MZS N. 3 AREE MZS ( 4.8 Km2 ) AREE RESIDENZIALI AREE INDUSTRIALI/COMMERCIALI AREE CON ATTIVITA SCOLASTICHE/RICREATIVE AREE CON ATTIVITA ISTITUZIONALI % TERRITORIO COMUNALE

12 AREE OGGETTO DI MZS Fanano Gradara Granarola Santo Stefano

13 AREA 1 : GRADARA FANANO Fanano AREA Km2 Gradara

14 AREA 2 : SANTO STEFANO AREA Km2

15 AREA 3 : GRANAROLA AREA Km2

16 2^-3^ FASE : ACQUISIZIONE DATI CARTOGRAFIA PRG CARTOGRAFIA CARG MARCHE INDAGINI GEOGNOSTICHE INDAGINI GEOFISICHE

17 2^-3^ FASE : CARTOGRAFIA PRG (2008) adeguato al PPAR: - Carta Geologica-Litotecnica(1:10.000) - Carta Geomorfologica(1:10.000) - Carta della Pericolosità Geologica(1:10.000) - Carta della Pericolosità Sismica(1:10.000) CARG Regione Marche -ComunediGradara(1:10.000)

18 2^-3^ FASE : LE INDAGINI RACCOLTA ANALISI CATALOGAZIONE GEOREFERENZAZIONE (WGS 84)

19 2^-3^ FASE : LE INDAGINI UTILIZZATE 177 punti di di indagine CPT 50% totale indagini

20 BANCA DATI INDAGINI GEOREFERENZIATE

21 DISTRIBUZIONE SONDAGGI E INDAGINI SISMICHE GRADARA - FANANO n.17 Sondaggi n. 6 MASW n. 5 HVSR

22 DISTRIBUZIONE SONDAGGI E INDAGINI SISMICHE SANTO STEFANO n.12 Sondaggi n. 2 HVSR

23 DISTRIBUZIONE SONDAGGI E INDAGINI SISMICHE GRANAROLA n. 1 HVSR

24 LE INDAGINI SISMICHE Vs < 800 m/s

25 4^ FASE ELABORATI MZS

26 CARTA DELLE INDAGINI 1:10.000

27 CARTA GEOLOGICO-TECNICA 1: LEGENDA

28 CARTA GEOLOGICO-TECNICA 1: Substrato geologico arenaceo Substrato geologico argilloso-marnoso Coltri Coltri eluvio-colluviali Depositi alluvionali Corpi Corpidi difrana Falda< m

29 CARTA GEOLOGICO-TECNICA 1: CONSISTENZA -ADDENSAMENTO DEI TERRENI (criteri speditivi)

30 CARTA delle MOPS 1: IL TERRITORIO STUDIATO E STATO SUDDIVISO IN: Zone stabili suscettibili di amplificazione Vs < 800 m/sec Zone suscettibili di instabilità

31 CARTA delle MOPS 1: zone stabili suscettibili di amplificazione 5 ZONE

32 CARTA delle MOPS 1: zone stabili suscettibili di amplificazione Substrato coesivo costituito da strati di argillemarnoses.c. con copertura di spessore 3.0 m

33 CARTA delle MOPS 1: zone stabili suscettibili di amplificazione Substrato granulare costituito da strati arenaceo-sabbiosi addensaticon copertura di spessore 3.0 m

34 CARTA delle MOPS 1: zone stabili suscettibili di amplificazione copertura (AL-ALS) da poco a moderatamente consistente di spessore m Substrato coesivo costituito da strati di argillemarnoses.c.

35 CARTA delle MOPS 1: zone stabili suscettibili di amplificazione copertura (AL-ALS) da poco a moderatamente consistente di spessore m Substrato granulare costituito da strati arenaceo-sabbiosi addensati

36 CARTA delle MOPS 1: zone stabili suscettibili di amplificazione Deposito alluvionale costituito da prevalenti terrea granafine (AL) pococonsistentiloc. attraversatedaghiaie, sabbie, sabbie limose (spessore m e falda<15 m)

37 CARTA delle MOPS 1: zone suscettibili di instabilità Prevalentementedistribuitelungoi versantia prevalente litologia argilloso-marnosa(pliocene)

38 CARTA delle MOPS 1: zone suscettibili di instabilità FRANE

39 CARTA delle MOPS 1:10.000

40 CONCLUSIONI LA MZS DI 1^ LIVELLO DEL TERRITORIO COMUNALE STUDIATO HA CONSENTITO DI INDIVIDUARE ZONE SUSCETTIBILI DI INSTABILITA E ZONE SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONI DEL MOTO SISMICO LE ZONE SUSCETTIBILI DIAMPLIFICAZIONI SONO RICONDUCIBILI AD EFFETTI INDOTTI DA CONDIZIONI MORFOSTRATIGRAFICHE CONNESSE ALLA PRESENZA DI UN SUBSTRATO GEOLOGICO NON RIGIDO, ALLA PRESENZA DI SEDIMENTI ALLUVIONALI E COLTRI DI RICOPRIMENTO CON SCADENTI E/O MEDIOCRI CARATTERISTICHE MECCANICHE LO STUDIO DOVRA ESSERE APPROFONDITO AI LIVELLI SUPERIORI DI MZS CON INDAGINI SPECIFICHE

41 BIBLIOGRAFIA Gruppo di Lavoro MS (2008) - Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile (2008); G. Martini, S. Castanetto, G. Naso La carta geologico-tecnica per gli studi di MS (supplemento alla rivista ingegneria sismica 2/2011); M. Mucciarelli, P. Tiberi Microzonazione Simica Cagli, Offida, Serra dé Conti, Treja (Regione Marche, GNDT, INGV, 2004); M. Mucciarelli P. Tiberi Scenari di pericolosità sismica della fascia costiera marchigiana - La microzonazione sismica di Senigallia (Regione Marche, INGV, 2007) A. Marcellini, P. Tiberi La microzonazione sismica di Fabriano (Regione Marche, GNDT, 2000)

42 FINE

Ordinanza n. 70 del 13 novembre 2012. Approvazione Programma per gli studi di microzonazione sismica

Ordinanza n. 70 del 13 novembre 2012. Approvazione Programma per gli studi di microzonazione sismica IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 70 del 13 novembre 2012 Approvazione Programma

Dettagli

I principali riferimenti normativi

I principali riferimenti normativi I principali riferimenti normativi Delibera dell Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna n. 112 del 2 Maggio 2007 Indirizzi per gli studi di microzonazione sismica in Emilia Romagna per la pianificazione

Dettagli

Corso di aggiornamento professionale LINEE GUIDA REGIONALI IN MICROZONAZIONE SISMICA

Corso di aggiornamento professionale LINEE GUIDA REGIONALI IN MICROZONAZIONE SISMICA Corso di aggiornamento professionale LINEE GUIDA REGIONALI IN MICROZONAZIONE SISMICA Normativa regionale e nazionale in Microzonazione Sismica DGR Lazio n. 545/2010 e OPCM n. 3907/2010 Antonio Colombi

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7, OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Microzonazione sismica Linee guida per l

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Indagini di Microzonazione Sismica

Indagini di Microzonazione Sismica Indagini di Microzonazione Sismica Standard di Informatizzazione Carta delle Indagini Carta Geologico-Tecnica Carta Microzone Omogenee in Prospettiva Sismica, MOPS (1 livello) Carta di Microzonazione Sismica

Dettagli

già Unica eccezione il substrato:

già Unica eccezione il substrato: Da Standard MS_3.0 La carta delle MOPS è costruita sulla base degli elementi predisponenti alle amplificazioni e alle instabilità sismiche già riportati nella CGT_MS. Ciò che differenzia la CGT dalle MOPS

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA

LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA Commissione Tecnica per il supporto e il monitoraggio degli studi di Microzonazione Sismica (articolo 5, comma 7 dell OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI

Dettagli

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Seismic microzonation and thick anthropic cover M. Moscatelli (CNR IGAG) in collaborazione con A. Pagliaroli (CNR IGAG) e G. Raspa (SAPIENZA Univ.

Dettagli

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura)

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Esempio 11 (ANGELUCCI) Nel sito in esame sono state eseguite solo misure HVSR, ma non si dispongono di altre indagini geognostiche o

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

Iter di approvazione studio Microzonazione Sismica (MS) -1 livello e analisi Condizione Limite per l Emergenza (CLE)

Iter di approvazione studio Microzonazione Sismica (MS) -1 livello e analisi Condizione Limite per l Emergenza (CLE) Iter di approvazione studio Microzonazione Sismica (MS) -1 livello e analisi Condizione Limite per l Emergenza (CLE) Affidamento degli incarichi ai professionisti: (da comunicare alla Regione Calabria

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 2.1 Classificazione sismica... 6 3. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 8 3.1. DESCRIZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI. Laurea in Scienze Geologiche PRESTAZIONI PROFESSIONALI SVOLTE NEL TERRITORIO COMUNALE DI MORROVALLE:

INFORMAZIONI GENERALI. Laurea in Scienze Geologiche PRESTAZIONI PROFESSIONALI SVOLTE NEL TERRITORIO COMUNALE DI MORROVALLE: CURRICULUM PROFESSIONALE Procedura di cottimo fiduciario per l affidamento di incarico finalizzato alla effettuazione delle indagini di microzonazione sismica (MZS) del (MC) INFORMAZIONI GENERALI PROFESSIONISTA

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

GEOLOGI MARCHE. Bilanci di fine anno Buoni propositi per il 2011. Risorse per il territorio e la sostenibilità ambientale

GEOLOGI MARCHE. Bilanci di fine anno Buoni propositi per il 2011. Risorse per il territorio e la sostenibilità ambientale RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE DEI GEOLOGI DELLE MARCHE SETTEMBRE-DICEMBRE 2010 47 Risorse per il territorio e la sostenibilità ambientale Bilanci di fine anno Buoni propositi per il 2011 Poste Italiane

Dettagli

GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria)

GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria) INCARICO PROFESSIONALE PER LO STUDIO GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria) 1. Quadro normativo 2. Programmazione

Dettagli

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Studi di Microzonazione sismica: Teoria e Applicazioni GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Prof. Claudio Eva Corso di aggiornamento per geologi: Aosta 18-19 Ottobre 2011 Elementi legislativi

Dettagli

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 INDICE 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.2 Metodologia di lavoro e Contenuti ai sensi della L.R. 12/05 ed alla D.G.R. 9/2616/2011... 5 2. INTERVENTO DI

Dettagli

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30 Workshop Strategie di Mitigazione del Rischio sismico La Microzonazione sismica: esperienze, risultati, applicazioni dal 2008 al 2013 Roma, 22-23 maggio 2013 CNR, Piazzale A. Moro 1 Le categorie di sottosuolo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO REGIONE CALABRIA LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO Indice dei Contenuti iii INDICE DEI CONTENUTI Documento... i Indice dei Contenuti... iii Indice delle Figure...

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9 Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOMORFOLOGICI PER I DIFFERENTI

Dettagli

INDICE TAVOLE ED ALLEGATI

INDICE TAVOLE ED ALLEGATI INDICE RELAZIONE RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA A PREMESSA; B ASPETTI NORMATIVI; C INDAGINI ESEGUITE; D - INQUADRAMENTO MORFOLOGICO, GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO; E MODELLO DEL SOTTOSUOLO - ASSETTO LITOSTRATIGRAFICO,

Dettagli

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura Comune di Cigole PROVINCIA DI BRESCIA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NORME GEOLOGICHE 1 Caratterizzazione geotecnica del territorio All'interno del territorio comunale, possono essere distinte 3 diverse

Dettagli

MODULI DI ANALISI EDIFICATORIA AREE D ESPANSIONE con valutazioni sismiche

MODULI DI ANALISI EDIFICATORIA AREE D ESPANSIONE con valutazioni sismiche MODULI DI ANALISI EDIFICATORIA AREE D ESPANSIONE con valutazioni sismiche PSC VILLANOVA SULL ARDA Approvato con delibera del C.C. N... del... Villanova... pag. 1 Cignano... pag. 9 Soarza... pag. 12 Sant

Dettagli

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio Regione Autonoma Valle d Aosta Comune di AYAS Région Autonome Vallée d Aoste Commune de AYAS Progetto REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA REGIONE LOMBARDIA... Progetto ampliamento capannone industriale Ottobre 2011 Provincia di MILANO Via Passavone Robecco S/N MI Proprietà RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA COSMOGRAFICA ALBERTINI S.p.A. Via Passavone,

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA LOCALITA': SAN NICOLO DI CELLE PROPRIETA': COMUNE DI DERUTA OGGETTO: VARIANTE AL PRG PARTE OPERATIVA TAV: RGG_00 SCALA: Varie FILE: 061-2014 DATA: Novembre 2014 OPERA:

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Andrea Casella Geologo

Andrea Casella Geologo Andrea Casella Geologo studio tecnico Piazza Berlinguer 38, 56010 Metato (San Giuliano Terme - PI) COMUNE DI EMPOLI (FI) PIANO URBANISTICO ATTUATIVO EX SEDE FABBRICA FIAMMIFERI ANGIOLO ROSSELLI E F.LLI

Dettagli

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni Corso di Aggiornamento Professionale I CONTENUTI DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA ALLA LUCE DELLA NORMATIVA VIGENTE Roma, 29 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Via Appia

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Relazione Tecnica: allegato A

Relazione Tecnica: allegato A COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Regione Lombardia Provincia di Milano Relazione Tecnica: allegato A RELAZIONE GEOLOGICA e GEOTECNICA IL SINDACO IL SEGRETARIO IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO COMUNE DI BELLINZAGO

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 2 2 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE 3 3 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PRESENZA DI ELEMENTI ANTROPICI 5

INDICE 1. PREMESSA 2 2 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE 3 3 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PRESENZA DI ELEMENTI ANTROPICI 5 INDICE 1. PREMESSA 2 2 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE 3 3 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PRESENZA DI ELEMENTI ANTROPICI 5 4. POZZO ACQUEDOTTISTICO 6 5. COMPONENTE IDROGEOLOGICA SEZIONE

Dettagli

Regione Lombardia COMUNE DI PIETRA DE GIORGI

Regione Lombardia COMUNE DI PIETRA DE GIORGI Regione Lombardia COMUNE DI PIETRA DE GIORGI (Pavia) AGGIORNAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (D.G.R. 22 dicembre 2005 n.8/1566 Criteri ed indirizzi per la definizione

Dettagli

Verifica sismica di un fabbricato

Verifica sismica di un fabbricato Dott. Alessandro LORE' geologo L'Aquila Studio: Via Manieri 18, loc. S. Elia Cellulare: 335.8124319 E-mail: geol.alessandro.lore@gmail.com Cod. Fisc.: LROLSN67S04B220Q P. IVA: 01328660665 Regione: Provincia

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

Piano Operativo Comunale

Piano Operativo Comunale ALLEGATO 1 Relazione geologica sismica Variante al Piano Operativo Comunale L.R. 20/2000 e s.m. ai sensi dell art. 34 Adozione C.C. n.171 del 18.12.2008 Approvazione C.C. n. 57 del 28.05.2009 Comune di

Dettagli

Variante al Piano di Localizzazione degli Impianti di Telefonia Mobile del Comune di Prato

Variante al Piano di Localizzazione degli Impianti di Telefonia Mobile del Comune di Prato ASSESSORATO ALL AMBIENTE Servizio Ambiente e Qualità luoghi di lavoro Variante al Piano di Localizzazione degli Impianti di Telefonia Mobile del Comune di Prato Criteri per l attribuzione della fattibilità

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA

ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA Roma, giugno 2012 ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI ATTO DI INDIRIZZO PER LE PROCEDURE OPERATIVE DI IMPIEGO DEI GEOLOGI IN EMERGENZA SISMICA

Dettagli

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 . conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 1 Terremoto dell Aquila 6 aprile 2009 Mr = 5,9 Mw = 6,3 Tr = 300-350

Dettagli

MICROZONAZIONE SISMICA DI LIVELLO 2

MICROZONAZIONE SISMICA DI LIVELLO 2 COMUNE di PAESE Provincia di Treviso MICROZONAZIONE SISMICA DI LIVELLO 2 Piano di lottizzazione in via Asiago - ATR/27 D.G.R. 1572 del 3 settembre 2013 Committente: Severin Costruzioni Generali srl! via

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA Comune di Carimate (CO) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA ai sensi della D.G.R. n. 8/7374 del 28 maggio 2008 Relazione Area Studi

Dettagli

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 INDICE 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 2 CARTA DELLA PERICOLOSITÀ IDRAULICA pag. 11 2.1 Analisi qualitativa del rischio. Le casse di espansione e i benefici sulla

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1

INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1 INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1 3. BANCA DATI MULTIMEDIALE ALFANUMERICA 2 3.1.1 Creazione della tabella di riferimento per l archiviazione

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOFISICA DEI TERRENI STABILI SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA MICROZONAZIONE SISMICA DI PRIMO LIVELLO

CARATTERIZZAZIONE GEOFISICA DEI TERRENI STABILI SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA MICROZONAZIONE SISMICA DI PRIMO LIVELLO CARATTERIZZAZIONE GEOFISICA DEI TERRENI STABILI SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA MICROZONAZIONE SISMICA DI PRIMO LIVELLO Dario Albarello Dip. di Scienze Fisiche, della Terra e dell Ambiente

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PAVIMENTAZIONE LUNGO VIA MAINARDI E VIA FRANCESCO ROSSI, RIPRISTINO DELLA MURA E DEL CAMMINAMENTO SOTTO VIA FRANCESCO ROSSI

PROGETTAZIONE DELLA PAVIMENTAZIONE LUNGO VIA MAINARDI E VIA FRANCESCO ROSSI, RIPRISTINO DELLA MURA E DEL CAMMINAMENTO SOTTO VIA FRANCESCO ROSSI Studio Associato G.I.G.A. Dr. C. Fabbri - Dr. L. Ugolini RILIEVI GEOLOGICI - IDROGEOLOGIA - GEOLOGIA DELLE COSTRUZIONI, MINERARIA, URBANISTICA, AMBIENTALE - MECCANICA DELLE TERRE E DELLE ROCCE _ Forlì,

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 3.2 AZIONE SISMICA Le azioni sismiche di progetto si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione, che è descritta dalla probabilità

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

Microzonazione sismica

Microzonazione sismica Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7 dell OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Microzonazione sismica Versione 3.0

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. LITOLOGIA... 3 3.3 CARATTERISTICHE SISMICHE DEL TERRENO... 15 4. MODELLAZIONE STRATIGRAFICA... 21 6. CONCLUSIONI...

SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. LITOLOGIA... 3 3.3 CARATTERISTICHE SISMICHE DEL TERRENO... 15 4. MODELLAZIONE STRATIGRAFICA... 21 6. CONCLUSIONI... SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. LITOLOGIA... 3 3. CARATTERISTICHE SISMICHE... 5 3.1 sismicità...5 3.2 STIMA DELLA PERICOLOSITA SISMICA DEL SITO...8 3.3 CARATTERISTICHE SISMICHE DEL TERRENO... 15 4. MODELLAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITA' AI SENSI DEL DPGR 53/R

COMUNE DI SCANDICCI RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITA' AI SENSI DEL DPGR 53/R COMUNE DI SCANDICCI Indagini Geologico Tecniche di supporto al Progetto unitario di iniziativa pubblica relativo all'area di Trasformazione TR 04c bis --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Microzonazione sismica

Microzonazione sismica Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7 dell OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) Microzonazione sismica STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Versione 2.0beta-II

Dettagli

GABRIELE TARABUSI. Committente: Studio NO GAP Progetti s.r.l. - Bologna

GABRIELE TARABUSI. Committente: Studio NO GAP Progetti s.r.l. - Bologna GABRIELE TARABUSI RELAZIONE GEOLOGICA PER IL Piano Urbanistico Attuativo, Proprietà CMRE srl e Altri Località Osteria Nuova, Comune di Ozzano dell Emilia (BO) Committente: Studio NO GAP Progetti s.r.l.

Dettagli

Committente: Studio di Architettura Laurent

Committente: Studio di Architettura Laurent Committente: Studio di Architettura Laurent Nuova autorimessa dei vigili del fuoco volontari, ampliamento centrale termica con nuovo deposito pellet e rifacimento manto Comune di Oyace (AO) Indagine sismica

Dettagli

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01 Provincia di Pavia Regione Lombardia COMUNE DI TORRE BERETTI E CASTELLARO A cura di: COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA (ai sensi dell'art. 57 comma 1 della L.R. 12/2005 - DGR N. VIII/1566 del

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI BONDENO. Comune di Bondeno. Piazza G. Garibaldi civ. 1. 44012 Bondeno (FE) VARIANTE URBANISTICA

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI BONDENO. Comune di Bondeno. Piazza G. Garibaldi civ. 1. 44012 Bondeno (FE) VARIANTE URBANISTICA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI BONDENO Comune di Bondeno Piazza G. Garibaldi civ. 1 44012 Bondeno (FE) VARIANTE URBANISTICA SULL AREA SITA IN SANTA BIANCA VIA CENTRALE CIV. 7 RELAZIONE

Dettagli

1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3

1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2. - METODOLOGIA PER L ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA... 3 2.3. - ANALISI DI PRIMO LIVELLO - CARTA DELLA PERICOLOSITÀ

Dettagli

Comune di Albiolo Componente geologica PGT Piano delle Regole Pag.1

Comune di Albiolo Componente geologica PGT Piano delle Regole Pag.1 Pag.1 INTRODUZIONE AMBITO DI APPLICAZIONE Le presenti norme costituiscono parte integrante del Piano di Governo del Territorio, in dettaglio del Piano delle Regole, come definito nella L.R. 11 marzo 2005,

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

Consolidamento frane Montecatini Alto Comune di Montecatini Terme COMUNE DI MONTECATINI TERME. Provincia di Pistoia

Consolidamento frane Montecatini Alto Comune di Montecatini Terme COMUNE DI MONTECATINI TERME. Provincia di Pistoia COMUNE DI MONTECATINI TERME Provincia di Pistoia Opere di salvaguardia e messa in sicurezza delle Mura di Via Mura Pietro Grocco e Fratelli Guermani in loc. Montecatini Alto RELAZIONE GEOLOGICA Indice

Dettagli

di un intervento di stabilizzazione

di un intervento di stabilizzazione La caratterizzazione geofisica finalizzata alla progettazione di un intervento di stabilizzazione M. Bavusi, G. Potenza1 1, D. Lacava 2, E.F. Finizio, S. Laurita, G. Calvello 3 G. Colangelo 4 1 G. & G.I.S.

Dettagli

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO Sede : via T. Nani, 7 23017 Morbegno (SO) Tel 0342 610774 Fax: 0342 1971501 VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO STUDIO DI APPROFONDIMENTO AI SENSI DELL ALLEGATO 2 ALLA D.G.R. 30 NOVEMBRE 2011

Dettagli

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO SISMICO DELL EDIFICIO SCOLASTICO DENOMINATO SCUOLA ELEMENTARE GIANNI RODARI (VIA QUAGLIATI

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL.

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. AREA VIABILITA' SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITA' II EX S.S. N 31 BIS DEL MONFERRATO. COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. PROGETTO DEFINITIVO Revisione n 01 Descrizione

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

Microzonazione sismica

Microzonazione sismica Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7 dell OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) Microzonazione sismica STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Versione 2.0

Dettagli

Elaborati del Piano Strutturale.

Elaborati del Piano Strutturale. Elaborati del Piano Strutturale. Il Piano Strutturale è costituito dai seguenti elaborati: QUADRO CONOSCITIVO Q.C. 01 - Relazione Illustrativa del Quadro Conoscitivo Documento. Allegato QC 1a - Foto satellitare

Dettagli

SEMINARIO TECNICO INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE.

SEMINARIO TECNICO INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE. Associazione Geologi Messina Associazione Ingegneri per l Ambiente ed il Territorio Ordine degli Ingegneri della Provincia di Messina Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia SEMINARIO TECNICO PROGETTARE

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

COMUNE DI GIULIANOVA (Provincia di Teramo)

COMUNE DI GIULIANOVA (Provincia di Teramo) COMUNE DI GIULIANOVA (Provincia di Teramo) Realizzazione Studio di Microzonazione Sismica Livello 1 ai sensi della O.P.C.M. 13 novembre 2010, n. 3907 e della D.G.R. 20 maggio 2011, n. 333 Località: Comune

Dettagli

CONOSCENZE, VALUTAZIONI, TRASIMENO

CONOSCENZE, VALUTAZIONI, TRASIMENO CONOSCENZE, VALUTAZIONI, PROPOSTE PER IL FUTURO DEL TRASIMENO Il contesto geologico del Lago Trasimeno Campagne di esplorazione del Servizio Geologico e Sismico e risorse finanziarie utilizzate 2 campagne

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PER AMPLIAMENTO FABBRICATO AD USO ARTIGIANALE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PER AMPLIAMENTO FABBRICATO AD USO ARTIGIANALE di Morbin Francesco e C. REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PER AMPLIAMENTO FABBRICATO AD USO ARTIGIANALE RELAZIONE GEOLOGICA E CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica

Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica A cura di: Maurizio D Orefice & Roberto Graciotti ISPRA - Dipartimento difesa del suolo Servizio Geologico

Dettagli

R E G I O N E L A Z I O

R E G I O N E L A Z I O R E G I O N E L A Z I O DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE AREA DIFESA DEL SUOLO O.P.C.M. n. 3907 del 13 novembre 2010 Programma degli Interventi su Edifici Strategici ai fini di Protezione Civile ai sensi dell

Dettagli

NUOVO TEMPIO CREMATORIO NEL CIMITERO DI VIGO VANGADIZZA PROGETTO PRELIMINARE

NUOVO TEMPIO CREMATORIO NEL CIMITERO DI VIGO VANGADIZZA PROGETTO PRELIMINARE PREMESSA La presente relazione, accompagna il Progetto Preliminare riferito alla realizzazione di un nuovo impianto crematorio in adiacenza al Cimitero Comunale del Comune di Legnago nella frazione di

Dettagli

NUOVO POLO OSPEDALIERO S. GIUSEPPE VIALE G. BOCCACCIO EMPOLI FABBRICATO I

NUOVO POLO OSPEDALIERO S. GIUSEPPE VIALE G. BOCCACCIO EMPOLI FABBRICATO I NUOVO POLO OSPEDALIERO S. GIUSEPPE VIALE G. BOCCACCIO EMPOLI FABBRICATO I VARIANTE ALL ARTICOLO 82 DEL R.U. DEL COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE DI FATTIBILITA GEOLOGICO-IDRAULICA Ottobre 2008 Emesso da: Dr.

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

I N D I C E 1 PREMESSA...3

I N D I C E 1 PREMESSA...3 Indagini geologiche a supporto della Variante al R.U. Comunale ai sensi dell art. 17 L.R. 1/2005 Adeguamento del tracciato in variante SRT 439 Comune di Calcinaia Pag. 1 I N D I C E 1 PREMESSA...3 2 INQUADRAMENTO

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli