elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone."

Transcript

1 MOLECOLA IONE IDOGENO + La molecola dello ione idroeno molecolare, +, è la più semplice fra le molecole. Essa è infatti composta da nclei di idroeno ( protoni) ed n solo elettrone. Anche nello stdio di qesto sistema semplice, il pnto di partenza è sempre costitito dalla approssimazione adiabatica di Born- Oppenheimer. Come sappiamo, qesta approssimazione consente di ridrre lo stdio di n sistema composto da elettroni e nclei interaenti fra di loro, nello stdio di de sistemi formalmente disaccoppiati: il sistema elettronico a nclei fissi ed il sistema composto dai soli nclei che interaiscono tramite n potenziale schermato dali elettroni. Occpiamoci per il momento di stdiare il sistema elettronico, discteremo il moto dei nclei nei prossimi pararafi. e r r r p O p Fira : rappresentazione schematica dello ione idroeno molecolare Consideriamo qindi i nclei in posizione fissate e stdiamo la molecola nel sistema di riferimento solidale con il so centro di massa, praticamente coincidente con il baricentro dei de protoni. Indichiamo con ed i vettori di posizione dei de protoni rispetto all oriine del sistema di riferimento, con la loro distanza relativa e con r il vettore di posizione dell elettrone. Siamo interessati ali stati stazionari del sistema elettronico, ossia voliamo calcolare atostati ed atovalori dell hamiltoniano elettronico ˆ e : ˆ ψ ( r) Eψ ( r) e e e e () dove: ˆ e ˆ e e e m r r + () (notiamo che nel seito di qesto pararafo e nei sccessivi, dedicati ali stati elettronici molecolari, ometteremo per brevità l'indice e). Nell'espressione () di Ĥ il primo termine è associato all eneria cinetica dell elettrone, i de termini sccessivi corrispondono all interazione elettrostatica attrattiva fra l elettrone e ciascno dei de protoni, mentre l ltimo termine esprime l interazione elettrostatica replsiva fra i de protoni. Il nostro scopo ora è risolvere l'eqazione () associata al problema 68

2 69 elettronico. Qesto rislta particolarmente semplice nel caso in qestione dato che c è n solo elettrone. Fira 3: Eneria potenziale dell'elettrone lno l asse molecolare. In qesto caso è possibile ottenere na solzione esatta introdcendo le coordinate ellittiche: r + r r r λ e µ Notiamo, però che qesto è l nico caso in fisica molecolare in ci è possibile trovare na solzione esatta del problema elettronico (anche in fisica atomica è possibile la solzione esatta solo nel caso dell atomo di idroeno). Pertanto non ci interessa illstrare in dettalio come pò essere ottenta qesta solzione, dal momento che è na procedra applicabile solo per qesta molecola. Tttavia, notiamo che è molto importante avere a disposizione na solzione esatta perché qesto consente di testare i metodi approssimati che dobbiamo necessariamente svilppare per stdiare ttte le altre molecole. Pertanto, possiamo dire che lo stdio dello ione molecolare + rappresenta per la fisica molecolare qello che lo stdio dell'atomo d idroeno rappresenta per la fisica atomica. Il nostro obiettivo qi è qello di illstrare e disctere nel caso particolare e semplice dello ione molecolare + i metodi approssimati che possono essere adoperati in enerale per stdiare il problema elettronico nelle molecole. La più semplice approssimazione per li stati elettronici nella molecola + è fornita dal metodo LCAO (Linear Combination of Atomic Orbitals) ià citato nel pararafo 3.4. Essa consiste nello scrivere li orbitali molecolari dell nico elettrone come combinazione lineare di orbitali idroenoidi centrati s onno dei de nclei. Scriviamo qindi ψ r ) c ϕ ( r ) + c ϕ ( r ) (3) ( nlm n' l', m ' l dove ϕ nlm eϕ l n l sono le atofnzioni dell'atomo di idroeno. In realtà, il ml' metodo LCAO pò essere svilppato in vari modi: sia fissando i valori dei coefficienti della combinazione lineare slla base di alcne assnzioni fisiche o di dati empirici, sia ricorrendo ad na procedra variazionale. Inoltre, in qest ltimo caso, esistono varie strateie per sceliere i parametri variazionali. Pertanto di seito illstreremo alcne fra le varianti più semplici del metodo LCAO, evidenziando come opportne scelte dei l 69

3 70 parametri variazionali siano in rado di prodrre risltati di estrema accratezza. Nella nostra discssione ci limiteremo a considerare lo stato fondamentale ed il primo stato eccitato, mentre accenneremo solo brevemente ai risltati per i sccessivi stati eccitati. Entrambi li stati più bassi in eneria (fondamentale e primo eccitato) possono essere ottenti, in prima approssimazione, come combinazione lineare di orbitali s. Assmiamo qindi n n ed l l 0 e per brevità introdciamo la seente notazione: r r, r r. Inoltre indicheremo con εs e m e l'eneria dello stato fondamentale dell'atomo di idroeno, ε s, a0 m a0 con ao raio di Bohr, a0 0.59A o : me -r ϕ ( ) ( ) ( ) e /a 0 r ϕs r ϕs r 3 πa0 (4) -r ϕ ( ) ( ) ( ) e /a 0 r ϕs r ϕs r 3 πa0 Pertanto ϕ eϕ sono fnzioni reali, normalizzate ma non ortoonali. Di conseenza è conveniente introdrre la seente definizione enerale di interale di overlap: S ϕ ( r ) ( r ) dr (5) * nlm ϕn' l' ' l m l Esso misra il rado di sovrapposizione dei de orbitali atomici onno centrato s no dei de nclei. Il so valore dipende dalla distanza fra i de nclei e dal tipo di orbitale (ossia dai nmeri qantici): è evidente infatti che per si ottiene S 0 (le fnzioni d onda non si sovrapponono, neanche in minima parte) mentre per 0, se i de orbitali atomici hanno li stessi nmeri qantici, si ha S, ossia si ha na completa sovrapposizione deli orbitali. In enerale: 0 S ( ). Notiamo che il valore dell interale di overlap ioca n rolo centrale nell istararsi del leame molecolare. Nel caso specifico che stiamo disctendo (nn, ll 0, mlm l0), essendo ϕ eϕ fnzioni reali, si ottiene: S ϕ r r dr r r dr s ( ) ϕs ( ) ϕ ( ) ( ) ϕ (5 ) Notiamo che nel caso che stiamo trattando, qello di na molecola omoncleare, e limitandosi a considerare i de orbitali molecolari più bassi in eneria (per ci li orbitali atomici ϕ eϕ hanno li stessi nmeri qantici) i coefficienti c e c possono essere determinati anche solo in base a considerazioni di simmetria. Infatti, tento conto dell'esistenza di n centro di simmetria deve essere: 70

4 7 c c Di conseenza, assmendo c e c reali (visto che anche le fnzioni (4) lo sono) si ottiene: c c c ± c ossia: c ± c Qindi le de combinazioni lineari indipendenti dei de orbitali ϕ eϕ danno loo ai seenti de orbitali molecolari: ψ( r) c ϕ ( r) + ϕ ( r) (4 ) ψ ( r) c ϕ ( r ) ϕ ( r) [ ] [ ] dove, in accordo con le notazioni introdotte nel pararafo precedente, l indice indica l orbitale molecolare pari e l indice qello dispari. Possiamo ora determinare c e c applicando la condizione di normalizzazione per ψ : ψ ( r ) dr cϕ ( ) ± ( ) ( ) + ( ) ± ( ) ( ) r cϕ r dr c ϕ r dr c ϕ r dr c ϕ r ϕ r dr tenendo conto che ϕ e ϕ sono fnzioni normalizzate, si ha: c ( ± S) Otteniamo dnqe: c e ( + S) c (6) ( S) ψ ( r, ) ψ ( r, ) [ ] [ ϕ ] s ( r ) + ϕs ( r ) + S( ) [ ] [ ( ) ( ϕ )] s r ϕs r S( ) (7) L eneria dell elettrone in no stato ψ normalizzato è data da: E ψ ( r ) ˆ ψ ( r ) dr (8) Calcoliamo dnqe i valori E ed E corrispondenti ali stati ψ e ψ : r ˆ ψ ( ) ψ ( r ) dr c ± c r ˆ ϕ( ) ϕ( r ) dr + c ϕ r ˆ ( ) ϕ( r ) dr + Conviene introdrre le seenti definizioni: ϕ r ˆ ( ) ϕ( r ) dr + ϕ ( r ) ˆ ( r ) dr ϕ 7

5 7 ˆ ϕs( r ) ϕs( r ) dr ˆ ϕs( r ) ϕs( r ) dr ϕ ( r ) ˆ ϕ ( r ) dr s s (9) dove (qesto non è vero in enerale ma è vero nel caso che stiamo considerando in ci ϕ e ϕ hanno li stessi nmeri qantici e sono centrati s nclei identici). Notiamo inoltre che in enerale * (come conseenza dell hermiticità di Ĥ ) e che l alianza di e nel nostro caso vale in qanto li orbitali ϕ sono reali. Gli interali e sono detti interali di risonanza o di interazione, infatti essi sono entrambi nlli per qando li atomi sono isolati e non interaiscono fra loro. Con qeste definizioni si ha: ˆ ψ ( r ) ψ ( r ) dr c + ± c c Otteniamo dnqe: e qindi: E E c c + c c E ( ) E ( ) ( ) + + S( ) ( ) S( ) ( ) ( ) (30) Nelle espressioni (7) delle fnzioni d'onda e (30) dell'eneria abbiamo esplicitato la dipendenza dalla distanza relativa dei de nclei, proprio per sottolineare il fatto che sia la fnzione d onda elettronica che l eneria dipendono da tale distanza. Osserviamo che per si ottiene: ( ) E ( ) ( ε E ) s Notiamo ancora che alcni atori (alcni libri di testo), invece di considerare deli orbitali molecolari ψ / normalizzati, così come espressi dalle (7), assmono le seenti espressioni non normalizzate per li orbitali molecolari ψ / : ψ ( r, ) ( ) ( ) ϕ s r + ϕ s r ψ ( r, ) ϕs( r ) ϕs( r ) Nel qal caso, l eneria elettronica invece che dalla (8) è data da: 7

6 73 E ( ) ˆ ψ r ψ ( r ) dr ψ ( r ) ψ ( r ) dr che fornisce lo stesso risltato della (30), na volta tento conto che per c / si ottiene: ψ ( r ) ψ ( r ) dr + ± S ± S e: ( r ) ˆ ψ ψ ( r ) dr ± imane in oni caso disctibile la scelta di considerare deli orbitali molecolari non normalizzati e ancor peio con norma dipendente dalla distanza interatomica. Prima di procedere lteriormente è opportno sottolineare che le espressioni (7) e (30) per le fnzioni d onda e le corrispondenti enerie sono state ricavate semplicemente tenendo conto della presenza di n centro di simmetria e della condizione di normalizzazione per ψ. Tttavia le stesse espressioni possono essere ottente applicando na procedra variazionale, la qale presenta il vantaio di essere applicabile, con alcne semplici modifiche, anche in assenza di n centro di simmetria, oltre che qello di essere implementabile razie all introdzione di lteriori parametri variazionali. Applichiamo pertanto al caso in qestione la procedra variazionale esposta in enerale nel Cap.. Scriviamo dnqe: ψ ( r ) cϕ ( r ) + cϕ ( r ) (3) E ψ, ˆ ψ E ψ, ψ ψ, ˆ ψ E( c + c + ccs) c + c + cc ψ, ψ (3) dove, nell ltimo passaio si è tento conto delle definizioni (5) e (9) di S, e, che e che ϕ e / ϕ sono reali e normalizzate a. Trattando c e c come parametri variazionali, dobbiamo determinarne i valori che minimizzano l eneria. Imponiamo qindi le condizioni: E E 0 e 0 (33) c c Derivando la (3) rispetto a c e c ed imponendo le (33) si ottiene il seente sistema lineare ed omoeneo nelle de inconite c, c c ( E) + c ( ES) 0 c ( ) + ( ) ES c E 0 (34) la ci condizione necessaria e sfficiente per l esistenza di solzioni comporta l eqazione secolare: 73

7 74 E ES ES E 0 ( E) ( ES) 0 (35) dove si è tento conto che. Svilppando la (35) si ottiene l eqazione: E ( S ) E( S) + 0 le ci de radici sono E ed E espresse dalle (30). Sostitendo qesti valori di E nelle (34) si ottenono ( c, c ) e ( c, c ) e qindi le espressioni (7) per ψ e ψ. Fira 4 Andamento deli orbitali molecolari ψ ed ψ di + per n valore fissato della distanza interncleare Fira 5 Densità di probabilità dell'elettrone neli stati Ψ e Ψ di + (a): distribzione lno la linea coninente i protoni; (b) e (c): distribzione in n piano contenente l'asse di leame, rappresentata come crve di livello di isodensità (b) o come densità di pnti (scatter plot) (c) 74

8 75 L andamento di ψ e di ψ lno l asse della molecola per n valore fissato di è riportato in Fi. 4. La fnzione ψ è pari rispetto al centro della molecola cioè è invariante per inversione dell asse della molecola (ossia ψ ( r ) ψ ( r ) ) mentre ψ è dispari. L andamento della densità di probabilità di presenza dell'elettrone lno l asse della molecola è riportato in Fi. 5 per onno dei de stati ed. Vediamo che ψ e ψ presentano picchi molto accentati si de protoni, risltato atteso data la forma del potenziale in Fi. 3. Tttavia è importante notare che la fnzione d'onda dispari ψ, dovendo annllarsi nel centro della molecola ( ψ ha n piano nodale perpendicolare all asse della molecola e passante per il centro della molecola stessa) comporta na scarsa probabilità di presenza dell'elettrone nella reione fra i de nclei. Il contrario accade per la fnzione d'onda pari ψ che invece è associata ad na sinificativa probabilità di presenza dell'elettrone in qesta reione. Qesta differenza di comportamento delle fnzioni d'onda è all'oriine della differenza di eneria fra li stati ψ e ψ. Infatti, nello stato ψ l elettrone scherma efficacemente la replsione Colombiana fra i protoni ed anzi aisce da atentica colla, in qanto le forze elettrostatiche tendono a spinere i protoni verso l elettrone. Per qesto motivo qesto stato viene detto leante (bondin). Nello stato ψ l elettrone semmai tende ad allontanare i de protoni e qesto comporta E < E per n qalnqe valore di. Per qesto motivo, stati di qesto tipo venono detti anti-leante o anti-bondin. In oni caso sottolineiamo che E ed E dipendono da, distanza interncleare. E () 0 () E ε s 0 () E Fira 6 Andamento di E( ) ed E( ). Lo zero dell'eneria è posto al valore del livello eneretico ε s dell'atomo di idroeno. 75

9 76 Poichè nello stato ψ prevale la replsione fra protoni l'eneria in qesto stato amenta al diminire di. Il contrario accade nello stato ψ, dove per distanze randi e medie prevale l'attrazione elettrostatica fra nclei indotta dalla presenza dell'elettrone, motivo per ci l'eneria diminisce al diminire di. Qesto però accade solo per distanze speriori ad n certo valore o, detto valore di eqilibrio della distanza interncleare. Infatti per < o sia la replsione Colombiana che la maiore eneria cinetica dovto ad n confinamento in na reione più piccola dello spazio, fanno amentare l'eneria anche nello stato Ψ. La differenza fra l'eneria a distanza infinita s ε e la minima eneria E ) rappresenta l'eneria che si deve fornire dall'esterno per rompere la molecola in eqilibrio nel so stato fondamentale: ε s E ( 0 ) D eneria di dissociazione dello ione molecolare + nel so stato fondamentale. Il valore ottento con il metodo LCAO per la distanza di eqilibrio è 0.3 A da confrontarsi con il valore sperimentale 0.06 A. Per qanto riarda il confronto fra le enerie di dissociazione, si ottiene: DLCAO.77( ev ) Dsper.65( ev ) Desatto.79( ev ) Qindi l'accordo fra i valori per la distanza di eqilibrio e l'eneria di dissociazione calcolati con il metodo LCAO ed i valori sperimentali è discreto, anche se non del ttto soddisfacente. E' da notare che il valore dell'eneria di dissociazione calcolata risolvendo esattamente il problema elettronico è leermente maiore del valore sperimentale. Infatti al valore sperimentale contribisce anche l'eneria di pnto zero associata al moto vibrazionale dei nclei, come discteremo in seito. Un'altra stima della validità del metodo LCAO ed n intizione si motivi di discrepanza con i dati sperimentali possono essere ottente confrontando le fnzioni d'onda relative ai de stati più bassi in eneria, ψ e ψ, calcolate risolvendo esattamente l'eqazione di Schrödiner con qelle ricavate sando il metodo LCAO. Il confronto è riportato in fira 7. Esso è effettato fissando.06 A o (valore sperimentale della distanza di eqilibrio). La fira mostra come per qesta distanza interncleare c'è n accordo abbastanza bono fra le fnzioni d'onda ricavate con il metodo LCAO e qelle ottente risolvendo esattamente l eqazione (6). In effetti si pò vedere che: a) per fissato l accordo è miliore nelle reioni lontane dai nclei e peiora nella reione interncleare; b) operando il confronto fra le fnzioni d onda per valori di crescenti tale accordo tende a miliorare all'amentare di e peiora notevolmente per valori piccoli di. ( 0 76

10 77 Fira 7: Atofnzione di + lno l asse interncleare per 0,exp. Linea piena: valori esatti; linea tratteiata: metodo LCAO. Qesto risltato, ossia il fatto che il metodo LCAO basato slla combinazione lineare di de orbitali s fnziona abbastanza bene a randi distanze interatomiche, qando na tale combinazione lineare rappresenta na bona approssimazione per l'orbitale molecolare, ma non fnziona a piccole distanze, qando la sddetta combinazione fornisce na cattiva descrizione, pò essere capito considerando il fatto che la fnzione LCAO è ottenta combinando stati s dell'idroeno: / a ϕ 0 s e r (idroeno) (36) + tttavia per 0 e + cioè lo ione idroeno molecolare per 0 si ridrrebbe ad n ipotetico 4 atomo di elio leero ionizzato (ipotetico perchè n ncleo siffatto senza netroni non è stabile). Qindi per 0 la fnzione corretta dovrebbe essere la fnzione idroenoide s per n atomo con carica Ze, ossia: r / a ϕ 0 s e (elio) (37) E' istrttivo, a qesto pnto, considerare l andamento di E() calcolato risolvendo esattamente l eqazione di Schrödiner Ĥ Ψ EΨ, qesto 4 NOTA: in realtà se invece di considerare no ione idroeno molecolare con nclei costititi da n protone, consideriamo no ione molecolare di idroeno pesante composto da de nclei di deterio ed n elettrone, dovrei sare anziché orbitali s dell atomo di idroeno, orbitali s di n atomo di deterio. Qesti ltimi sono identici a qelli definiti nella (8) na volta tento conto della diversa massa ridotta del sistema elettrone-ncleo. 77

11 78 andamento è riportato in Fi. 8. In qesta fira ad E è stato sottratto il e termine che divere per 0. Tale fira 8 costitisce n esempio di diaramma di correlazione in qanto mostra come si trasformano i livelli eneretici al variare della distanza interatomica, dali atomi "niti" ( 0) ali atomi isolati ( ) (qesto tipo di diarammi è tile nello stdio delle molecole biatomiche con più elettroni). atomo idroeno LCAO Fira 8: Diaramma di correlazione: livelli elettronici di + calcolati in fnzione della distanza interncleare. Le enerie sono espresse in ydber. esatto: elio Vediamo che na volta sottratto il contribto diverente e /, il calcolo esatto per 0 fornisce per l'eneria dell'elettrone n valore che riprodce correttamente qella di n elettrone in no ione di elio, ossia n eneria 4ε s. Al contrario, il calcolo LCAO fornisce n valore sinificativamente diverso. Se infatti riconsideriamo l espressione (30) per E : E LCAO ( ) ( ) + + S( ) ( ) e teniamo conto che per 0, S e ( ) ( ) si ottiene: E LCAO ( 0) ( 0) 78

12 79 Possiamo calcolare facilmente il valore E LCAO e 0. A qesto scopo teniamo conto che nel limite 0 ossia l espressione () di Ĥ fornisce: ˆ e hˆ + Vˆ Tˆ+ Vˆ e con: hˆ hamiltoniano dell atomo di idroeno e m r Utilizzando il teorema del viriale si pò facilmente vedere che: LCAO [ ] e / 0 e V. r E e / < E > 3 3 s +< V > s< E > s + < E > s < E > s εs 0 Qesto risltato è evidenziato dalle frecce in Fi. 8. Notiamo tttavia che il metodo LCAO fornisce correttamente il valore dell'eneria per. Infatti, in qesto caso: S0 e 0. Pertanto si ha: ( ) ( ) ( ε LCAO E E ) s : METODO LCAO VAIAZIONALE Il metodo LCAO pò essere miliorato introdcendo deli lteriori parametri da determinare col metodo variazionale. A qesto riardo, notiamo che la disponibilità di na solzione esatta serisce il modo in ci il metodo LCAO pò essere implementato. Per esempio, abbiamo visto come il comportamento non corretto della fnzione d'onda per 0, descritto nelle espressioni (36) e (37), sia l'oriine della sinificativa Qesto teorema, almente valido in meccanica classica ed in meccanica qantistica, si enncia nella maniera seente: < T> < xf i i > η i dove xi ed Fi indicano rispettivamente la posizione e la forza aente slla i- esima particella e le medie sono effettate sl tempo in meccanica classica e slla fnzione d onda in meccanica qantistica. La randezza : η < xf > viene detta viriale. Se spponiamo che esistano solo forze interne (conservative) al sistema e che l'eneria potenziale V sia na fnzione alebrica omoenea di rado n nelle coordinate, si pò dimostrare che: η nv Qindi, nel caso Colombiano n - ossia: η V. Di conseenza si ha: <T>-/<V>. D'altra parte: i i i <E><T>+<V> -/<V> + <V>/<V> <V><E> 79

13 80 differenza in eneria (y) evidenziata in Fi. 8. Qesto ci serisce che la nostra descrizione di + pò essere miliorata introdcendo, per esempio, la seente versione variazionale del metodo LCAO. Possiamo considerare la fnzione d onda ψ come combinazione lineare di orbitali atomici ϕ del tipo idroenoide, ma in ci l'esponente della parte radiale della fnzione d'onda invece di avere esattamente lo stesso valore che ha nell'atomo di idroeno, è n parametro dipendente da e, per fissato, è determinato con il metodo variazionale. In altri termini, limitandoci allo stato più basso in eneria, scriviamo: dove: ψ ( r,, α) cϕ s ( r, α) + cϕs ( r, α) ϕ( r, α) ϕs ( r, α) ϕs ( r, α) ϕ ( r, α) ϕs ( r, α) ϕs ( r, α) 3 α -αr/a e 0 3 a0 3 α -αr/a e 0 3 a0 Applichiamo qindi la richiesta imposta dalla simmetria di avere na parità definita e consideriamo lo stato pari. Imponiamo la condizione di normalizzazione per ψ. In qesto modo otteniamo per c n'espressione dipendente dal parametro α : c (, α) ( + S (, α) Calcoliamo ora: E * (, α) ψ ( r,, α) ˆ ψ ( r,, α) dr e cerchiamo, per oni valore fissato di, il valore di α che minimizza E. In qesto modo si ottenono dei risltati per le enerie e le fnzioni d'onda in ottimo accordo con qelli trovati risolvendo esattamente il problema elettronico, come illstrato in Fi. 9 (da notare che in tale fira le enerie sono espresse in artree, dove artree ydber 7.0 ev). Ovviamente, si possono introdrre anche lteriori parametri da determinare col metodo variazionale. La procedra che ne rislta è più complicata, tttavia in qesto modo si possono ottenere enerie e posizioni di eqilibrio dei nclei qasi coincidenti con qelli sperimentali o con qelli ottenti dalla solzione esatta. Si possono così stabilire le parametrizzazioni più appropriate, da sare poi nelle molecole a più elettroni per le qali non esistono solzioni esatte di riferimento (e maari nemmeno informazioni sperimentali sfficientemente dettaliate). 80

14 8 Fira 9 icordiamo che in qesta discssione svolta per + abbiamo considerato orbitali atomici s cioè abbiamo discsso lo stato fondamentale ed il primo stato eccitato della molecola di +. Esistono ovviamente anche altri stati eccitati delle molecole che nel limite corrispondono a stati eccitati dell atomo di idroeno. Come ià detto nel pararafo precedente, di solito si sa per essi la seente notazione (s indica lo stato atomico di provenienza, ossia lo stato ottento nel limite ): ψ sσ ; ψ sσ Pertanto si parla di stati (sσ ) o (pσ ) etc. inoltre, ricordiamo, che sando qeste notazioni * indica n orbitale molecolare anti-leante (non confondere con il simbolo di complesso coniato). Fira 0 Eneria potenziale elettronica in fnzione della distanza interncleare per lo stato fondamentale e per alcni stati eccitati. 8

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico Strttra elettronica delle molecole. Teoria qantistica del legame chimico Lo ione idrogeno molecolare H 2 + Eq. Schroedinger singolo elettrone La fnzione d onda φ b soddisfa na eqazione analoga. Gli atovalori

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

Anatomia del neutrone

Anatomia del neutrone Timothy Pal Smith è assistant research professor di fisica al Dartmoth College di Hanover, negli Stati Uniti. Ha diretto lo svilppo dei programmi informatici per BLAST, esperimento in ci è ancora coinvolto

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

Studio teorico della molecola di idrogeno ionizzata

Studio teorico della molecola di idrogeno ionizzata UNIVESITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI SCIENZE MM. FF. E NN. Corso di Laurea in Fisica TESI DI LAUEA TIENNALE Studio teorico della molecola di idrogeno ionizzata elatore Ch.mo Prof. Giampaolo Co Laureanda Chiara

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier 4. Analisi dei segnali periodici e serie di Forier Joseph Forier 1768-183 1 Nel so lavoro fondamentale del 187 Théorie analytiqe de la chaler, Jean Baptiste Joseph 1 La vita di Forier, oltre ad essere

Dettagli

L attenzione verso le cose del passato è sempre più

L attenzione verso le cose del passato è sempre più La gestione della geometria tridimensionale di n oggetto È fondamentale per ogni simlazione nmerica Antonio Giogoli Agiotech Le capacità odierne dell ingegneria inversa aprono novi confini all analista

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a. 998 99 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione proettuale Proetto di un solaio laterocementizio 1 Combinazioni di carico per l analisi delle sollecitazioni... 2 1.1 Combinazioni di carico...2 1.1.1 Combinazioni di carico per il

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06 I NUMERI DECIMALI Calcolo rapido Rispondi alle segenti domande. Qanti decimi occorrono per fare 1 nità?... E mezza nità?... Qanti decimi mancano per avere 1 nità intera se ho 7 decimi?... E se ne ho 6?...

Dettagli

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura 6.2 CRISTALLIZZAZIONE DA SOLUZIONE La cristallizzazione è l'operazione attraverso ci si ottiene na fase solida cristallina a partire da na fase liqida, costitita da na solzione o da n fso. Qesta operazione

Dettagli

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA Capitolo ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA 1. Premessa La crescita di importanza della dinamica delle strttre rislta evidente a chinqe abbia segito l evolzione delle problematiche connesse alla progettazione

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido Appnti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Cap.9. Principi di fnzionamento delle macchine a flido Paolo Di Marco Versione 006.0 8.05.07. La presente dispensa è redatta ad esclsivo so didattico

Dettagli

Applicazioni lineari

Applicazioni lineari Applicazioni lineari Esempi di applicazioni lineari Definizione. Se V e W sono spazi vettoriali, una applicazione lineare è una funzione f: V W tale che, per ogni v, w V e per ogni a, b R si abbia f(av

Dettagli

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2 CAPITOLO L ENERGIA EOLICA Come noto, l tilizzo dell energia eolica nella sa forma attale rappresenta il perfezionamento di na tecnologia di prodzione energetica già impiegata dall omo nel corso di molti

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 1 Carica elettrica, legge

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1 Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione ) Funzioni d onda di un sistema composto Sistema costituito da due particelle (eventualmente identiche) H φ q H φ H ψ φ φ stato

Dettagli

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico Capitolo 4 Le spettroscopie 1. Lo spettro elettromagnetico 2) Tipi di spettroscopia Emissione: transizione da livello superiore a livello inferiore Assorbimento: contrario 2.1 Spettroscopie rotazionali,

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI

CBM a.s. 2012/2013 FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI CBM a.s. 01/013 FUNIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI Chiamiamo FUNIONE oni leame ra due insiemi tale che ad oni elemento del primo insieme (detto DOMINIO) corrisponde uno e un solo elemento del secondo

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Esempio di Integrazione 1

Esempio di Integrazione 1 Esempio di Integrazione Spponiamo di voler integrare la fnzione fx_,_: x Sl dominio x 3x x 3x && 3 x x RegionPlot && x 3 x && x 5 x, x,, 5,,, 3 3 5 Il dominio deve essere opportnamente sddiviso epr poter

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA Paolo Baroncini Roberto Manfredi MltiMath Matematica finanziaria LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA MltiMath Matematica finanziaria Ambiente edcativo Digitale Libro digitale sfogliabile

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO

IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO Ing. Roberto Marelli B&C Engineering and Constrction srl. Sommario I sistemi di fiaccola o torcia, al servizio di raffinerie, impianti LNG ed impianti

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1 MOMENTI DI INEZIA Massa Ad ogni punto materiale si associa uno scalare positivo m che rappresenta la quantità di materia di cui è costituito il punto. m, la massa, è costante nel tempo. Dato un sistema

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE Copyright 2002 by ScanSoft, Inc. Ttti i diritti riservati. Nessna parte di qesta pbblicazione pò essere trasmessa, trascritta, riprodotta, memorizzata in alcn sistema compterizzato

Dettagli

La teoria del legame di valenza

La teoria del legame di valenza La teoria del legame di valenza La teoria di Lewis (postulata prima dell'avvento della meccanica quantistica) considera gli elettroni di valenza degli atomi che formano legami, ma prescinde totalmente

Dettagli

Progetto DSA Matematica

Progetto DSA Matematica Classe a Progetto DSA Matematica Come le insegnanti ben sanno, all interno della classe ogni bambino ha le se caratteristiche pecliari, i soi tempi e le se molità di apprendimento. Appare qindi necessario

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive 2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive Il procedimento costruttivo dato dal teorema di ricorsione suggerisce due fatti importanti. Una buona definizione ricorsiva deve essere tale da garantire

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elena Gaburro Università degli studi di Verona Master s Degree in Mathematics and Applications 05 giugno 2013 Elena Gaburro (Università di Verona)

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

Campi elettromagnetici

Campi elettromagnetici IQUADERNIDI Campi elettromagnetici in ambiente di lavoro A cra di Marina Barbiroli Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Il contesto normativo in materia di protezione dei lavoratori dall esposizione ai campi

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

M A C C H I N E A F L U I D O

M A C C H I N E A F L U I D O 1 M A C C I N E A F L U I D O MACCINA: è n sistea di organi fissi e obili vincolati gli ni agli altri da legai definiti cineaticaente e disposti in odo tale da copiere, ovendosi sotto l azione di forze

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Introduzione Livelli di significatività Verifica di ipotesi sulla media di una popolazione normale Verifica di ipotesi sulla varianza di una popolazione normale Verifica di ipotesi

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

TRASMISSIONE DELLA POTENZA

TRASMISSIONE DELLA POTENZA TRASMISSIOE DELLA POTEZA (Distillazione verticale) Conoscenza del principio di fnzionaento dei principali sistei di trasissione e trasforazione del oto. Sapere effettare calcoli si principali sistei di

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

0.1 Balistica. Figure 1:

0.1 Balistica. Figure 1: Fiure 1: 0.1 Balistica Triste ma vero: un forte impulso alla nascita della fisica moderna venne dal bisono di sapere dove accidenti finissero le palle sparate dai cannoni... 0.1.1 Bersalio fisso Abbiamo

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

IL FUTURO DEL SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITA' DI MISURA: IL RUOLO DELLE COSTANTI FONDAMENTALI DELLA FISICA

IL FUTURO DEL SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITA' DI MISURA: IL RUOLO DELLE COSTANTI FONDAMENTALI DELLA FISICA IL FUTURO DEL SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITA' DI MISURA: IL RUOLO DELLE COSTANTI FONDAMENTALI DELLA FISICA 1 Franco Cabiati, La scienza della misura, 01/10/2014, Xké, Torino Evoluzione nella natura dei

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

La garanzia del miglior prezzo

La garanzia del miglior prezzo white paper settembre.2015 La garanzia del miglior prezzo Come arginare la crescita della pressione promozionale nel grocery e contrastare lo show rooming nell elettronica di consmo - Gianpiero Lgli -

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli