RESOCONTO INTEGRALE SEDUTA DEL 29 APRILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO INTEGRALE SEDUTA DEL 29 APRILE"

Transcript

1 -1- RESOCONTO INTEGRALE SEDUTA DEL 29 APRILE PRESIDENZA DEL SINDACO CLAUDIO FORMICA Indice Comunicazioni del Sindaco p. 3 Approvazione Verbali sedute precedenti p.4 Inerrogazioni, interpellanze e mozioni. p. 5 Comunicazione della giunta N. 92 del 22 dicembre 2010 riguardante il prelievo dal fondo di riserva... p.6 Discussione e approvazione del rendiconto dell esercizio finanziario anno p.7 Pratica Suap N dello 09, che si tratta di realizzazione di laboratorio in fabbricato a uso ufficio a servizio della attività produttiva esistente, laboratorio sito in Via Lunga, comportante variante urbanistica p.11 Individuazione degli organi collegiali ritenuti indispensabili ai sensi dell articolo 96 del decreto legislativo 267 del 2000 per l anno p.17

2 -2- La seduta inizia alle 21,00 Il Sindaco invita il Segretario Comunale, dott. Ugo Castelli, a procedere all'appello nominale, che dà il seguente risultato: Formica Claudio Sindaco Tagliabracci Fabrizia Barone Giuseppe Sabbatini Matteo Gallini Stefano Golini Maurizio Pagnoni Rita Renzi Francesco Piermaria Marzio Badioli Stefano Stolzini Monica Mucchiutti Rino Bressanello Renzo Giuliani Gerardo De Filippis Antonio Mainardi Serena Montini Ettore assente Considerato che sono presenti n. 16 componenti il Consiglio comunale, il Sindaco dichiara valida la seduta e nomina scrutatori i consiglieri Mainardi, Stolzini e Pagnoni...

3 -3- Comunicazioni del sindaco. SINDACO. Nominiamo gli scrutatori. Stolzini Monica, Pagnoni Rita, Mainardi Serena. Solo donne oggi. Va bene. Allora iniziamo con il primo all ordine del giorno. La parola al Consigliere Badioli BADIOLI. Vorrei fare richiesta di un minuto di silenzio a commemorazione della morte di Vittorio Arrigoni. Il Consiglio Comunale osserva un minuto di silenzio in commemorazione della morte di Vittorio Arrigoni. Non l abbiamo fatta il 25 perché avevamo visto che c era Pasquetta, c erano problemi anche di partecipazione, e domani speriamo che il tempo tenga, sono state coinvolte anche le scuole, quindi avremo anche una rappresentanza delle quinte classi almeno delle nostre scuole, nei tre monumenti di Osteria Nuova, Montelabbate e Apsella. Al cimitero dei canadesi parteciperà una delegazione dell Anpi di Pesaro, dove parlerà il Presidente dell Anpi. Il calendario è questo: alle ore 9 si parte dal cimitero dei canadesi, dove in ogni luogo viene deposta una corona di alloro, alle 9 e trenta a Osteria Nuova e si parte da Piazza Lombardi, poi altre 10 qui al capoluogo e si inizia davanti al municipio e all Apsella si svolge in piazza 25 aprile e si inizia con la manifestazione poco prima dove c è adesso il centro commerciale. In quella zona lì. Quindi siete tutti invitati naturalmente a partecipare. Passiamo al punto numero due. SINDACO. Allora iniziamo con il primo punto all ordine del giorno: le comunicazioni del sindaco. Io vi comunico che domani 30 aprile si svolgerà la cerimonia in occasione dell anniversario del 25 aprile, anniversario della Liberazione.

4 -4- Approvazione verbali seduta precedente. SINDACO. Il punto numero due all ordine del giorno reca: approvazione verbali della seduta precedente. Nella seduta del 14 marzo era assente solamente Montini Ettore. Le delibere vanno dalla numero 1 fino all ultima, che è la numero 12. Il Consiglio approva con 1 voti di astensione (Montini).

5 -5- Interrogazioni interpellanze mozioni. SINDACO. Il punto numero tre all ordine del giorno reca: interpellanze, interrogazioni e mozioni. Non ci sono interpellanze, interrogazioni e mozioni.

6 -6- Comunicazione della giunta N. 92 del 22 dicembre 2010 riguardante il prelievo dal fondo di riserva. SINDACO. Al punto numero quattro all ordine del giorno abbiamo: Comunicazione della giunta N. 92 del 22 dicembre 2010 riguardante il prelievo dal fondo di riserva. La giunta comunale con tale delibera ha effettuato al riequilibrio in alcuni capitoli di spesa operando un prelievo dal fondo di riserva come dettagliatamente viene riportato nel prospetto che voi avete allegato che io posso dire i capitoli un pochino più grossi. Le cifre le altre sono tutte cifre di assestamento di piccola entità l unica cifra che ha una certa consistenza è quella che riguarda le spese legali, che è un integrativo per le spese legali per i procedimenti che abbiamo già aperti. E che si tratta di una cifra di 14 mila Euro. E un altra è 12 mila e 400 Euro, che è un contributo per la assistenza domiciliare disabili particolarmente grave, da riversare alle famiglie che ne hanno diritto. Il resto sono piccole cifre. È aperta la discussione, se ci sono discussioni, che tra l altro questa si prende atto, è una comunicazione, neanche si vota su questa, quindi Ok, se non ci sono passiamo al prossimo punto, questa non si vota niente. Ok.

7 -7- Discussione e approvazione del rendiconto dell esercizio finanziario anno SINDACO. Il quinto punto all ordine del giorno reca: discussione e approvazione rendiconto dell esercizio finanziario Innanzitutto mi sembra giusto ringraziare gli uffici comunali, la ragioniera Daniela Falconi, il revisore Dott. Paolo Pieri, per l ottimo lavoro svolto nel redigere tutti gli allegati che troverete in delibera. La relazione al rendiconto è la fase conclusiva di un processo di programmazione, che ha avuto origine con la approvazione del bilancio 2010 e con la discussione delle linee programmatiche e politico finanziario per il successivo periodo. Tale programmazione richiede infatti un momento di verifica finale sull efficacia dei comportamenti adottati durante l esercizio finanziario. Questo è un punto di riferimento per correggere i criteri di gestione del bilancio e affinare la tecnica di configurazione degli obiettivi per i futuri esercizi, risultato quindi conseguito nel 2010, sarà un elemento importante che influenzerà le scelte di programmazione che dovranno essere tenute presenti dalla amministrazione nell adozione del anno finanziario prossimo, quindi il Io passo a illustrare i punti un pochino più importanti o quelli che sono più significativi. Il rendiconto dell esercizio 2010 chiude con avanzo di amministrazione di competenza di Euro 111 mila e 886 virgola 77. Quindi le entrate hanno superato le uscite di questa cifra, anche perché il mancato rispetto del patto di stabilità del 2009 limitava l ente della spesa corrente. L altro punto, sempre è il risultato di amministrazione totale del 2010 che è pari a 536 mila e 549 virgola 51 e deriva dalle seguenti cifre parzialmente. 330 mila e 775 virgola 56 Euro deriva dall avanzo del 2009, non applicato al bilancio Euro 111 mila e 886 virgola 77 dall avanzo di competenza e Euro 123 mila e 927 virgola 08 dall avanzo da residui, cioè quello che è scaturito dalla gestione di esercizi precedenti e in particolare deriva da trasferimenti statali versati nel corso dell anno 2010 di Euro 110 mila 539 virgola 09 per Ici di categoria D, quindi significa capannoni per gli anni , a seguito di certificazioni di minore gettito derivanti dalla modifica della normativa Ici. Il fondo vincolato è pari a Euro 72 mila 762 virgola 34 e i fondi in vincolati sono 463 mila e 878 virgola 07. Questi soldi possono essere naturalmente impegnati secondo regole molto molto precise e relativamente all avanzo non vincolato può essere utilizzato per finanziamenti di debiti fuori bilancio, che non abbiamo, riequilibro di gestione corrente e accantonamenti per passività potenziali. E il finanziamento di maggiori spese o per la estinzione anticipata di prestiti. Io qui vorrei evidenziare un punto, per vedere quale è anche l andamento e l evoluzione degli ultimi esercizi per quanto riguarda i permessi di costruire, e questa è anche sintomo delle difficoltà che hanno i comuni a incamerare oneri e anche un sintomo molto preoccupante di quella che è la crisi che sta attanagliando il nostro paese e comuni. Noi vediamo, perché per gli oneri di costruzione l anno 2008 abbiamo un accertato di 417 mila e rotti, 2009 siamo passati a 323, nel 2010 siamo a 196 e questo anno siamo intorno ai 150 stimati poi, anche meno, e quindi

8 -8- vediamo che c è un calo abbastanza considerevole. Quindi sono attualmente allegati al rendiconto tutti gli elaborati relativi al conto del bilancio, al conto economico, del patrimonio e del prospetto di conciliazione. Viene riportato il parere del revisore, che è un parere favorevole, poi dopo ci si sono interventi specifici su quello che riguarda delle specificità di conti e varie, abbiamo qui sia il revisore dei conti che la ragioniera per illustrare eventualmente alcune voci particolari. È aperta la discussione. La parola al Cons. De Filippis. SINDACO. Bene, io ringrazio il consigliere, noi cerchiamo di fare quello che si può, d altra parte credo che amministrare un comune è compito di tutti, sia di maggioranza che di minoranza, perché poi quello che si cerca di fare è sempre il bene collettivo. Quindi il clima mi sembra un clima buono. Questa sera siamo tutti tranquilli, quindi di solito siamo sempre così comunque. Ok. Ringrazio il Cons. De Filippis, ci sono altri interventi? Sennò passiamo Cons. Bressanello. ANTONIO DE FILIPPIS. Scusate. Mi ripeto. Ho detto ci uniamo nel ringraziare, praticamente, e fare i complimenti sia alla ragioniera, sempre eccellente e al revisore dei conti per gli elaborati che hanno fatto e come li hanno fatti. Per quanto riguarda il sindaco posso dire soltanto bravo, è riuscito a ottenere solamente quello che non è stato possibile ottenere l anno scorso. C è anche soldi in cassa, speriamo di spenderli, magari ci facciamo una mangiata e via. Lo so che non si può. Mi auguro che nel 2011 molti servizi che questo anno purtroppo non sono stati possibile fare vengano fatti, speriamo che le cose migliorino innanzitutto per la cittadinanza ma anche per il comune stesso, con complimenti anche all assessore all urbanistica, carissimo mio amico, abbiamo parlato un ora l altro giorno. Ho sbaglio? Scusa, ho sbagliato io, non all urbanistica, al bilancio. E niente, non c è niente da rimproverarvi per questo anno quanto meno. Grazie. RENZO BRESSANELLO. Il consigliere prima di me è stato molto buono nei confronti di questa amministrazione, io faccio più il pessimista, e cioè nel senso che se il comune ha avuto un bilancio attivo, voi sapete che io sono del parere che un comune deve avere un bilancio a pareggio, né attivo né possibilmente non passivo, perché se è in attivo vuole dire che essendo stato nel bilancio di previsione messa la famosa mensa che non è stata venduta, quindi vuole dire che tutto quello che era stato programmato prevedendo le vendite di quell edificio, naturalmente si è riversato poi nell esercizio, non eseguendo quelle opere che forse erano previste con gli introiti di questa potenziale vendita. Quindi si, ritengo che il Cons. De Filippis si riferisse soprattutto alla fattura di questo bilancio, che rispetto a quello dell anno scorso che era deficitario per mancanza di pagine, questo anno invece è buono, si presenta bene, è di lettura comprensibile e quindi questo non vuole dire però che noi approviamo il vostro bilancio, e come avete gestito fondamentalmente poi i soldi pubblici, prendiamo atto che siete

9 -9- riusciti a entrare nel patto di stabilità, poi bisognerebbe andare a analizzare nel particolare come avete fatto a rientrare nel patto di stabilità, cioè i tagli non fatti e tutte queste cose qui. Se l andazzo nell anno futuro della gestione 2011 sarà di nuovo favorevole, questo è un buon segno che finalmente iniziate a governare in modo corretto, quindi per ora c è una non attacco, ma alcune riserve su come è stato fatto e come forse si poteva fare. Questo è il compito della minoranza, perché proposte da parte nostra non ne sono state accettate, né sono state fatte, perché tanto sappiamo che poi fondamentalmente non le accettate, questo di base. SINDACO. Bene. Allora noi,credo che questo è il mio pensiero, abbiamo sempre governato in modo corretto, limpido, trasparente e responsabile, questo mi sembra doveroso fare una precisazione del genere. Non è vero tra l altro che noi non accettiamo i consigli o quello che viene rilevato dalla minoranza, su un bilancio naturalmente le proposte devrono essere quelle di dire ok, il bilancio deve comunque essere a pareggio, non può essere in deficit, quindi se si toglie 100 da una parte e si motiva dicendo ok, io questi 100 ci voglio fare questo tipo di lavori, perché altrimenti togliere e basta non serve, le proposte costruttive sono queste. Per quanto riguarda il patto di stabilità siamo rientrati con grandi sacrifici, cercando di limitare al massimo tutto quello che era le spese, monitorando mese per mese, grazie agli uffici che ci hanno supportato, per vedere come riuscire a rientrare nel patto di stabilità, perché chiaramente uscire dal patto di stabilità, sforare questo, significa poi conseguenze abbastanza pesanti. E noi l altra volta avevamo fatto una scelta, che io ritengo ancora oggi giusta, perché non pagare alle ditte che hanno lavorato per gli enti pubblici, specialmente nei nostri comuni sono ditte di solito piccole o medie, non abbiamo lavori al di là di primi anni 2005, 2006, quando.. si sono realizzati 15 milioni di Euro di opere, però c era tutta la rete fognaria di Osteria Nuova, che ha comportato 4-5 milioni e mezzo di fogne, che nessuno vede, ma comunque ci sono, e erano anche tempi diversi. In questo periodo noi, io credo che la pubblica amministrazione non si può permettere il lusso di fare deperire le nostre aziende, o di farle chiudere, perché non pagare, come ho sempre detto, un lavoro di 70 mila Euro per alcune aziende significa metterle in crisi. Quindi i bilanci, come dicevo, sono in attivo, tra l altro il problema serio è che con questo meccanismo di legge finanziaria o patto di stabilità, diciamo con tutti i termini che vogliamo, oltre a non poter programmare lavori e non fare lavori, anche noi se abbiamo i soldi poi non possiamo pagare, perché dobbiamo rispettare sempre questo patto, quindi questo è un altro problema. Sicuramente tutti i comuni, tranne questioni dissestati, come è successo a Catania, Roma, Palermo e quanto altro, i comuni nostri i bilanci sono sempre attivi, il problema è che non si riescono a realizzare le opere anche se abbiamo soldi in cassa. I comuni più grandi, per quello che riguarda sempre Pesaro e Fano hanno in cassa roba come complessivamente un 40 milioni di Euro che sono fermi lì che non possono impegnare né spendere, perché poi non possono pagare e le ditte naturalmente, come tutti noi, se uno fa una opera mi sembra giusto e corretto che venga pagata.

10 -10- Tutto qui. Quindi il prossimo anno speriamo che cambi un qualche cosa, perché la richiesta dei comuni da parte dell Anci e anche della Lega delle autonomie è quella di dire che almeno i soldi che i comuni hanno almeno fateci spendere i soldi nostri, quelli che abbiamo, e quindi sarebbe un allentamento molto importante, sia per le economie del comune che per l economia generale delle nostre zone. Altri interventi? RENZO BRESSANELLO. Volevo solo specificare che ho detto scorretto, ma non truffaldino, cioè no, cioè no, capito, perché dall inizio della risposta sembrava quasi che vi avevo dato dei delinquenti, lungi da me questo fatto. SINDACO. Altri interventi? Se non ci sono altri interventi passiamo alla votazione. Il Consiglio approva con 11 voti favorevoli, 4 voti contrari (De Filippis, Giuliani, Bressanello e Mainardi) e 1 voto astenuto (Monitni). SINDACO. Adesso votiamo l immediata eseguibilità. Il Consiglio approva all unanimità. SINDACO. Ringrazio la ragioniera e il revisore. Gli auguro una buona serata. Grazie. Passiamo un prossimo punto all ordine del giorno.

11 -11- Pratica Suap N dello 09, che si tratta di realizzazione di laboratorio in fabbricato a uso ufficio a servizio della attività produttiva esistente, laboratorio sito in Via Lunga, comportante variante urbanistica. SINDACO. Il Sesto punto all ordine del giorno riguarda: Pratica Suap N dello 09, che si tratta di realizzazione di laboratorio in fabbricato a uso ufficio a servizio della attività produttiva esistente, laboratorio sito in Via Lunga, comportante variante urbanistica. Per capirci riguarda la Adriatica Asfalti. Qui devo fare subito una precisazione, facciamo subito prima di iniziare, in quanto è stato aggiunto un punto, il 5, che riguarda la assunzione dell obbligo di eseguire direttamente una opera di urbanizzazione, un atto unilaterale d obbligo da parte della ditta Adriatica Asfalti. Allora il punto dice questo, questa è la proposta del responsabile settore dell urbanistica, l Architetto Fausto Dimatera, che propone di aggiungere all ultimo punto, esatto, di inserire al quinto punto del dispositivo la seguente dicitura: di dare atto che il comune provvederà a fare inserire nelle convenzioni dei comparti edificatori riportati in tabella, il rimborso del costo dell opera fognaria, tenuto conto dell ribasso d asta secondo gli importi corrispondenti riportati alla seguente tabella, e qui c è la tabella. La questione è questa: riguarda il fatto che in questo edificio, cioè questo ufficio che deve realizzare la Adriatica Asfalti, deve realizzare tra le altre opere anche una rete fognaria, quindi con scarico portato al depuratore. Il diametro della fogna, che servirebbe a questo ufficio è di dimensioni ridotte, però siccome lì c è un piano di lottizzazione che riguarda tutto Osteria Nuova, e infatti parlavo di fogne prima, Multiservizi ha prescritto alla Adriatica Asfalti di non fare un tubo da 100, ma da 1000, perché deve essere un collettore molto più grosso che va a convogliare tutta la rete fognaria che viene dai comparti sopra Osteria Nuova, la fognatura. No, è l esempio che ho fatto io cioè è l esempio che ho fatto io dicendo che il tubo che serve per l ufficio è piccolo, dovrebbe essere un tubo per, cioè mi serve un tubo normale, mentre invece lì si chiede di farlo molto più grande, perché chiaramente deve collettare tutta la zona a monte, e allora lì c è una certa cifra, perché Adriatica Asfalti è costretta a fare questo tubo più grande. Quindi la ripartizione dei costi deve essere in parte imputata anche alle lottizzazioni a monte, e quindi noi, cioè la Adriatica asfalti si impegna naturalmente a realizzare l opera, e noi prendiamo atto di questo fatto che la Adriatica Asfalti fa questa opera e verrà ripartita in base agli indici che ci sono già stabiliti anche per altre convenzioni di ripartire parte di queste spese ai comparti che inizieranno dopo. Questo era la precisazione che va fatta. Questo. Io adesso vi illustro un pochino quello che è la pratica, quindi come dicevo il settore urbanistica, e questa è una pratica che noi abbiamo discusso anche in altre occasioni, il settore urbanistica del comune inizialmente ha espresso un parere contrario, nel senso che la pratica non era conforme al Piano regolatore generale, poi presso lo sportello unico, questa è la prassi che si adotta, per le attività produttive di Pesaro, si è svolta la Conferenza dei servizi per il riesame dell istanza della ditta Adriatica Asfalti, e che in tale occasione la Amministrazione comunale ha ritenuto che il parere contrario espresso sulla pratica in argomento potesse essere superato con la variante allo strumento

12 -12- urbanistico generale, quindi c erano le condizioni per rivedere e superare il parere negativo. Poi con la delibera numero trenta dell 8 marzo 2010, la Amministrazione comunale di Montalabbate ha dato la propria disponibilità alla variazione degli strumenti urbanistici generali per la approvazione del progetto in oggetto, condividendo pertanto quanto espresso dall ufficio urbanistica in Conferenza dei Sindaci del 29 ottobre, dove ha detto che si poteva rivedere la pratica. E nel rispetto delle seguenti prescrizioni, e sono state date queste. La prima è quella di presentazione prima del rilascio del titolo edilizio un atto unilaterale d obbligo o una convenzione che impegni la ditta richiedente alla realizzazione di alcune opere, alcune condizioni. La prima è la realizzazione di asfaltatura stradale per un valore corrispondente a trenta mila Euro, e la seconda è la realizzazione di reti interrate fognarie e gas per in valore, e è quello che dicevo prima, di 97 mila Euro, che poi va ripartito. Presso lo sportello unico si sono svolte le varie conferenze dei servizi per il riesame dell istanza e in tale occasione sono stati acquisiti i pareri favorevoli degli enti gestori interessati a vario titolo. Quindi abbiamo integrato la pratica con tutti i pareri, quello che riguarda la provincia, per quello che riguarda la regione Marche, l Asur, le Marche Multiservizi, poi c è la delibera di giunta provinciale, il comando dei vigili del fuoco, Arpam e Snam, rete gas, e con verbale del 16 dicembre 2010 la Conferenza dei servizi ha deciso di approvare il progetto. Quindi questo è quanto. Questo del Suap è una prassi normale, alla quale si fa ricorso normalmente, e quindi questo è quanto dovevo illustrare. ANTONIO DE FILIPPIS. Io non condivido questa cosa, perché se lei si ricorda signor sindaco io venni da lei e presentai la richiesta di quel circolo che siamo chiama La Radura, che guarda caso è molto simile a questo. Cioè praticamente La Radura si trova su una zona agricola, come questa, per più volte ha chiesto la possibilità di diventare ristorante e questo invece di poter costruire un ufficio e laboratorio e tutte e due le cose sono state respinte, adesso all improvviso si cambia il Piano regolatore generale e praticamente per farlo diventare una unità produttiva con un laboratorio e ufficio, quelli, che è una famiglia ed è una unità produttiva in zona agricola, praticamente non vedo per quale motivo a questi sì e a quelli no, cioè non è mio parente, amico, io sono andato un paio di volte a mangiare, perché sono socio del circolo, ma non vedo perché a quei signori non si possa fare lo stesso trattamento che si fa a questi, perché facendo questa cosa si crea un precedente. Cioè si cambia il Piano regolatore generale da agricolo trasformare a come no?! Non gli è stata data la possibilità di poter costruire un ufficio o laboratorio perché è in zona agricola. E anche quello è in zona agricola. E quindi perché non si può trasformare eventualmente quella parte lì in zona agricola facendo la richiesta che uno vuole? Loro addirittura si erano impegnati ad illuminare tutta la strada che è sempre buia, fategli fare le fogne, l acqua, il gas, un accidente qualsiasi, ma dategli la possibilità di trasformare un unità produttiva. Come questi. Cioè io non.. cioè spiegatemi il motivo per cui non si può.

13 -13- SINDACO. Per quanto riguarda la Adriatica Asfalti, cioè questa ditta ha un ufficio, quindi è l ufficio che deve rifare, solamente l ufficio e basta, l ufficio sono quei metri che riguardano l ufficio, poi l ho chiamato laboratorio, non è che cambia cambia la sostanza. Quindi è già nel suo, dove stanno lavorando c è un ufficio che non è più né a norma né confacente con le esigenze di oggi, quindi ha fatto una richiesta di spostare quell ufficio, praticamente un pochino più in alto, rispetto al piano dove è ubicato oggi, anche perché l ultimo allagamento ha coperto fino a livello di. A parte questo quindi questo è uno strumento per attività produttive tramite Suap, dove noi abbiamo ritenuto giusto e opportuno fare questa variante. Per quello che riguarda la radura il problema è leggermente diverso. Cioè noi di questi circoli non abbiamo solamente la radura, abbiamo vari circoli, e siccome la legge che istituisce i circoli è la legge datata, ma comunque è ancora in vigore quella, dove praticamente stabilisce che qualsiasi individuo che riesce a trovare i 100 soci, che è il minimo, si convenziona con una associazione ricreativa e apre un circolo dove vuole. Allora siccome questi circoli poi lo scopo quale è? Cioè l idea quale è? È che nasce un circolo, poi lo trasformo e roba del genere, quindi noi in questi casi abbiamo ritenuto opportuno non dare, non procedere a questa variante, perché di questi circoli sul territorio ne nascono parecchi, dopodiché non riusciamo più neanche a gestire completamente il territorio, questa è la motivazione. Perché la abbiamo lì, perché tra l altro uno degli ultimi circoli che è nato è stata anche una forzatura sapendo che in quella zona non era previsto aprire un bar, ok io vado avanti lo stesso, perché cambio il modo di agire e trovo 100 soci, di cui 80 da Pesaro, io apro il circolo e poi mi ritrovo che ho solamente 20 soci e non posso più andare avanti, è uno dei problemi anche questo. E quindi noi abbiamo fatto questa valutazione e in questo caso c erano le condizioni per procedere tramite Suap alla variante nell altro caso abbiamo ritenuto che almeno allo stato attuale non ci sono le condizioni per procedere alla variante. Tutto qui. Certo. ANTONIO DE FILIPPIS. Torno a ripetere in questo modo voi dato un precedente, perché addirittura a questo signore che fa bitumazione, praticamente gli date la possibilità anche di aumentare la volumetria, visto che l ufficio lo solleva. E questo altro invece non va beh, esiste già un locale sopra? (INTERVENTO MICROFONO) FUORI ANTONIO DE FILIPPIS. È ancora peggiore la cosa! Perché non modifica l unità produttiva che hanno già, ma addirittura costruisce un, come posso dire, un qualche cosa aderente a quella unità produttiva, ma non in quella zona! Quindi è ancora peggio. Questi non devono spostare niente, ma soltanto avere il permesso, ma torno a ripetere, al limite ditegli guardate, non va bene il ristorante, non va bene la costruzione, c è da rifare questo, questo altro, però date la possibilità anche a questo altro, visto che le due cose sono parallele, zona agricola zona agricola, non vedo perché questo addirittura può spostare l ufficio più in alto e questo invece non possono fare niente. Cioè non ritengo equa la cosa, giusta, perché allora uno si dice non te lo do a

14 -14- te né e te, basta! Se ci sono dei circoli come dice lei, che sono nati, e non si dà la possibilità a questi di poter avere una variante al Piano regolatore generale, ben venga, non si dà a nessuno e finisce lì il discorso, però se è un punto produttivo questo lo è anche questo altro! Questo, io va la vedo in questo modo, poi naturalmente grazie. SINDACO. Si tratta di due attività diverse, una industriale e l altra economica. Tra l altro dove si trova la radura davanti c è un ristorante che a tutti gli effetti non ha regime fiscale agevolato e quanto altro. Quindi anche lì si creerebbe una concorrenza perché anche al San Tommaso potrebbe fare il circolo, allora io faccio il circolo e non faccio il ristorante, quindi ci sono delle condizioni per cui non si ritiene, io almeno non ritengo, che ci siano le condizioni per fare una variante, punto! Tutto qui, come ho detto altre volte. Poi ognuno può pensare come crede! (intervento fuori microfono) No, è una questione che è in zona agricola, e lì non può nascere un ristorante, punto! A 10 metri c è un ristorante che funziona in maniera diversa, quindi noi riteniamo che non ci siano le condizioni per fare la variante. Punto. La parola ora si passa adesso, sta riaprendo. La parola all Ass. Barone. GIUSEPPE BARONE. Sì, volevo soltanto brevemente, perché forse spero di fare un po di chiarezza. E cioè nel questa non è la prima volta che al Suap facciamo una variante e se si ricorda anche l altra volta che abbiamo fatto la variante noi la abbiamo fatta sempre, appunto si chiama Suap, sempre per quanto riguarda le unità produttive, cioè ovviamente noi come il sindaco ha già detto prima, siamo abbastanza attenti a fare sì che le nostre imprese, le nostre cose, siano agevolate nel lavoro, quindi là dove è possibile andare in contro ai loro voleri con delle varianti, e chiaramente non è che vanno a distorcere o a cambiare, ma per esempio permettere di allargare di un certo modo il capannone o di rendere più agevole la distribuzione, o comunque in questo caso dare la possibilità di avere un ufficio che sia a norma, che quindi agevoli nelle attività produttive, noi questo cerchiamo di farlo, perché ci sembra giusto, tra parentesi, in una zona come il nostro comune, che ha vocazione prettamente industriale e commerciale, cercare, nei limiti del possibile, di aiutare. Il discorso che fa lei è un discorso diverso, bisogna stare attenti, perché questo dei circoli è un po, può essere tranquillamente un cavallo di troia, che può avere degli effetti devastanti per quanto riguarda il discorso commerciale, voglio finire, e è questo il motivo per cui noi non in questo caso de La Radura, ma in tutti gli altri circoli che hanno fatto richiesta abbiamo sempre detto di no, perché per esempio se io, che ho intenzione di fare un bar, per fare un esempio, e lo voglio aprire sulla nazionale, che so io, di fianco al Bar di Pippo, di fronte, etc., e chiaramente non si può aprire, perché non c è le condizioni per aprire, io che cosa faccio? Io faccio un circolo, e mi affido all Endas, all Arci, etc., ce ne sono tantissimi, come tale io posso aprire, e non devo rispettare determinate regole, tra parentesi i circoli hanno regole proprie, cioè non devono avere un accesso sulla strada, cosa che invece hanno, non devono avere, etc., dopodiché praticamente io faccio una domanda, come dice lei, siccome do

15 -15- aiuto e quindi un parere favorevole a una variante urbanistica che aiuta chi ha un capannone, dovrei darne anche a loro, così praticamente avrei di fatto creato un far west di tipo commerciale, perché chiunque, che sia bar, pasticceria, sala giochi, etc., mi apre, dove vuole, sotto l insegna del circolo e poi dopo chiede variante per essere un circolo commerciale come un altro, io credo che avremmo fatto un danno in questo caso! ANTONIO DE FILIPPIS. Attenzione, io ho capito quello che lei dice, domani io metto 100 soci, apro un circolo, etc., però io in questo momento ho suggerito anche un altra cosa, se proprio non è possibile darglielo, ditegli guarda, se tu vuoi fare ristorante, devi fare questo, questo, etc., ma tutti i circoli, tutti! (intervento fuori microfono) Sì, sindaco, mi permetta una cosa però: cioè dire a una persona che ormai ce l ha nella testa, qui nel cervello radicato, non si può fare, è sempre un po fatica, allora io dico visto e considerato che non si può, dategli la possibilità, una possibilità, che sarà non realizzabile, di dire guarda, vuoi fare il ristorante? Bene, allora devi allargare qui, fare le fogne, etc., e i soldi non li trova SINDACO. Sì, allora se lui stabilisce che vi fa la Via Badia doro, non c è comunque possibilità, perché in quella zona non è possibile aprire un ristorante, questo è il problema, punto! Non ci sono altri meccanismi! Tutto lì è! zona lì è una zona verde, loro senza stravolgere la struttura in cose, in una cosa che non potrebbe essere realizzabile, lo potrebbero fare, certamente, ci vuole l impegno a rispettare i parametri dell agriturismo, quindi avere terreno disponibile, che loro potrebbero prendere in affitto tranquillamente, visto che tutto intorno ci coltivano erba medica, fare la loro produzione, fare in base alle regole della regione, la attività agrituristica, e la ristorazione la possono fare. Senza avere problemi di questo genere qui, soci, non soci, multe non multe, perché la attività agrituristica, rispetto a una attività di ristorante, ha parametri a volte anche più semplici, anche come strutture sulla cucina. Certamente, poi, dopo se loro non si vogliono impegnare in questo discorso di agriturismo o comunque sia non hanno i parametri, non hanno le possibilità di poterlo fare, una attività commerciale in quella posizione lì purtroppo non si può fare, in questo momento. Fino a quando tutta l area non cambierà destinazione urbanistica, una attività è quasi impossibile anche perché se, come è stato spiegato anche prima, si dà mano forte alla attività di circoli sottoforma di circoli ad altre attività, bar, ristoranti, etc., il rischio è veramente che noi ci ritroveremo in qualsiasi posto, anche nei posti dove noi non vorremmo mai vedere, attività che non sono legalmente oneste. Perché questo purtroppo è il problema più grosso. Perché FRANCESCO RENZI. Allora una soluzione che comunque a loro è stata già detta, non in modo.. è l agriturismo, perché si può fare in zona verde. Allora l impegno, come diceva lei, allora mettete i vincoli, no, in quella (INTERVENTO MICROFONO) FUORI SINDACO. La legge attuale prevede che Suap deve essere sì, prevede solamente varianti per attività

16 -16- produttive, comunque le opinioni sono tutte valide. Altri interventi? Sennò passiamo a votazione. Votiamo. Il Consiglio approva all unanimità. SINDACO. Immediata eseguibilità. Il Consiglio approva all unanimità. SINDACO. Passiamo al prossimo punto.

17 -17- Individuazione degli organi collegiali ritenuti indispensabili ai sensi dell articolo 96 del decreto legislativo 267 del 2000 per l anno SINDACO. Il punto sette all ordine del giorno riguarda: Individuazione degli organi collegiali ritenuti indispensabili ai sensi dell articolo 96 del decreto legislativo 267 del 2000 per l anno I consigli e le giunte devono emanare entro 6 mesi dall inizio di ogni esercizio finanziario e devono individuare i comitati e le commissioni, i consigli e ogni altro organo collegiale con funzioni amministrative ritenute indispensabili per la realizzazione dei fini istituzionali della amministrazione e dell ente interessato. Viste le note pervenute dal responsabilmente di settore in merito alla richiesta in parola, delle quali si rileva la necessità di conservare le commissioni seguenti: la commissione dei giudici popolari, e questo è un atto, la commissione edilizia, la commissione elettorale e altri organi collegiali che sono previsti e che non sono tra quelli che vengono soppressi. Questa è un atto che tutti gli anni facciamo e più o meno le commissioni sono sempre queste. È aperta la discussione, se ci sono interventi, sennò passiamo alla votazione. RENZO BRESSANELLO. Allora visto che continuate a mantenere solo le 4 commissioni, tre, previste dalla legge, e continuate a non ritenere in nessun modo indispensabile nessuna delle altre commissioni, i consiglieri di minoranza abbandonano l aula in segno di disappunto. SINDACO. Io prendo atto, aspettiamo Cons. Bressanello, ha fatto l intervento, l aula si abbandona in silenzio. Bene. Passiamo a votazione. Il Consiglio approva all unanimità dei presenti. SINDACO. Votiamo per l immediata eseguibilità. Il Consiglio approva all unanimità. SINDACO. Il Consiglio Comunale è finito, io ringrazio tutti i presenti, auguro a tutti voi una buona serata e invito tutti domani a partecipare alle celebrazioni del 25 aprile, grazie a tutti. La seduta è tolta La seduta termina alle ore 21:55

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 GENNAIO 2014 INIZIO ORE 20,00

COMUNE DI EMPOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 GENNAIO 2014 INIZIO ORE 20,00 COMUNE DI EMPOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 GENNAIO 2014 INIZIO ORE 20,00 APPELLO ORE 20,30 Sindaco Luciana Cappelli assente Consiglieri: 1. Brenda Barnini assente 2. Schauer presente

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Partecipanza Agraria di Cento

Partecipanza Agraria di Cento Prot. Num. Fasc. Delibera della Magistratura N. 46 del 14/04/2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE SPESE VARIE. L, addì 14 del mese di aprile alle ore 19:15 a seguito di invito Prot. Num. 896 Fasc. 11 del 12/04/2014

Dettagli