Due amici PER LA PROVA INVALSI VOLUME 3. Unità 5. La novella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Due amici PER LA PROVA INVALSI VOLUME 3. Unità 5. La novella"

Transcript

1 VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 5 La novella Due amici Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Guy de Maupassant ( ), uno dei maggiori scrittori francesi del XIX secolo; è considerato uno dei padri del racconto moderno; fra le sue numerose opere narrative, ricordiamo Casa Tellier, Una vita, Bel ami. DA DOVE È TRATTO? Da Tutti i racconti. DI CHE COSA PARLA? Due amici si incontrano dopo qualche tempo, mentre il loro Paese, la Francia, è sconvolto da un sanguinoso conflitto; appassionati di pesca, decidono di tornare al fiume a cui solitamente si recavano prima della guerra, per riassaporare la pace e la serenità di un tempo ormai lontano. COME NE PARLA? Attraverso uno stile semplice ma ricco di fascino e di suggestione, l autore presenta il drammatico contrasto fra la normalità e la piacevolezza della vita quotidiana e la stupidità e la crudeltà dei conflitti. 1. circonvallazione: strada che percorre esternamente il perimetro di una città. 2. guardia nazionale: nome di un importante corpo militare francese. 3. scarlatte: di colore rosso acceso. Parigi era circondata, affamata, agli estremi. Sui tetti i passeri erano sempre di meno e le fogne si spopolavano di topi. Mangiavamo qualsiasi cosa. In un chiaro mattino di gennaio, mentre passeggiava con tristezza, lungo il viale di circonvallazione 1, le mani nelle tasche della divisa e la pancia vuota, il signor Morissot, di professione orologiaio e per caso guardia nazionale 2, si fermò di colpo davanti a un collega, riconoscendo in lui un amico. Era il signor Sauvage, che aveva conosciuto sul fiume. Prima della guerra Morissot partiva ogni domenica, appena albeggiava, con una canna di bambù in mano e un barattolone di latta a tracolla. Prendeva la piccola ferrovia di Argenteuil, scendeva a Colombes e a piedi se ne andava verso l isola Marante. Appena arrivato a questo posto dei suoi sogni cominciava a pescare e pescava sinché faceva buio. Incontrava laggiù ogni domenica un ometto grassoccio e allegro, appunto Sauvage, che aveva un negozio di merciaio in via Notre-Dame-de-la-Lorette, ed era anche lui fanatico della pesca. Spesso restavano per una mezza giornata fianco a fianco, con la lenza in mano e i piedi penzoloni sull acqua. Erano diventati amici. In certi giorni non parlavano nemmeno. Qualche altra volta scambiavano quattro chiacchiere. Ma anche senza dirsi niente andavano perfettamente d accordo, perché avevano gli stessi gusti e un eguale sensibilità. Verso le dieci, nelle mattine di primavera, quando il sole con rinnovato vigore faceva ondeggiare sul fiume calmo quel lieve vapore che scorre assieme all acqua e versava sopra le schiene dei due accaniti pescatori il benefico tepore della nuova stagione, Morissot diceva qualche volta al vicino: Si sta proprio bene, eh? E Sauvage di rimando: Non c è niente di meglio. Bastava questo perché si capissero e si stimassero. In autunno, verso la fine della giornata, quando il cielo rosso sangue del tramonto faceva scorrere nell acqua nuvole scarlatte 3, imporporava il fiume intero, infiammava l orizzonte e dorando gli alberi già fulvi per un presagio invernale arrossava di fuoco i due amici, Sauvage guardava sorridendo Morissot e diceva allora: Che spettacolo! Morissot, ammirato, senza sollevare gli occhi dal sughero, gli rispondeva: Non è meglio che andare a spasso per i viali? Appena si furono riconosciuti, si strinsero la mano con forza, commossi dal fatto d essersi ritrovati in una situazione tanto diversa. Sauvage sospirò:

2 4. alterati: non del tutto lucidi, poiché sotto l effetto dell alcol bevuto. 5. inebriare: eccitare. 6. avamposti: la parte di un esercito che occupa una posizione più avanzata. 7. spavalderia: atteggiamento coraggioso ma anche un po borioso. 2 Quante ne sono successe! Morissot si lamentò con la serietà consueta: E che tempaccio! Oggi è la prima bella giornata dell anno. E infatti il cielo era azzurro e luminoso. Presero a camminare l uno a fianco dell altro, tristi e pensierosi. Morissot continuò: E la pesca che bel ricordo! Il signor Sauvage chiese: Quando ci torneremo? Entrarono in un piccolo bar e presero insieme l aperitivo, poi ripresero a passeggiare sul marciapiede. All improvviso Morissot si fermò: Un altro bicchierino? Il signor Sauvage accettò: Ai vostri ordini! E così entrarono in un altro caffè. Quando ne uscirono erano alterati 4, un po confusi come può capitare a chi si riempia lo stomaco di alcool a digiuno. Il tempo era buono e un tenero venticello faceva il solletico alle loro facce. Quell aria tiepida finì coll inebriare 5 il signor Sauvage, che si fermò di colpo: E se ci andassimo? Dove? A pescare, diamine! Ma dove? Nella nostra isola. Gli avamposti 6 francesi sono dopo Colombes. Io conosco il colonnello Dumoulin: ci farà passare senza difficoltà. Morissot fremeva di desiderio: Va bene. Ci sto. E si divisero per andar a prendere i loro arnesi. Un ora dopo camminavano sulla strada maestra, fianco a fianco. Arrivarono alla villa occupata dal colonnello. Questi sorrise alla loro richiesta e acconsentì al loro capriccio. Si rimisero in cammino, forniti di un lasciapassare. Ben presto superarono gli avamposti, attraversarono Colombes abbandonata e si ritrovarono nella zona delle piccole vigne che scendono verso la Senna. Erano quasi le undici. Di fronte a loro la borgata di Argenteuil sembrava morta. Le colline di Orgemont e di Sannois dominavano tutta la contrada. Era del tutto vuota la grande piana che arriva fino a Nanterre, coi suoi ciliegi spogli e la terra scura. Indicando le cime, Sauvage sussurrò: Lassù ci sono i prussiani I due amici erano come paralizzati dallo spavento davanti a quella regione deserta. I prussiani! Non li avevano mai veduti, ma da mesi li sentivano distruggere la Francia attorno a Parigi, saccheggiare, massacrare, affamare, invisibili e onnipotenti. All odio per quel popolo ignoto e vittorioso si aggiungeva una sorta di terrore superstizioso. Morissot disse tra i denti: E se l incontriamo? Con quella spavalderia 7 mai sopita tipica dei parigini, Sauvage rispose: Gli offriremo pesce fritto. Esitavano, tuttavia, ad andare avanti nei campi, intimiditi dal gran silenzio che c era tutt attorno

3 8. ghiozzo: pesce marino e anche di acqua dolce, di piccole dimensioni e di testa larga. 9. Mont-Valérien: piccola altura di 160 metri, sormontata da un fortino munito di cannoni. 10. argentina: pesce d acqua dolce. Alla fine il signor Sauvage si decise: Su, andiamo, ma facciamo attenzione. Scesero in un vigneto, piegati in due, strisciando, servendosi dei cespugli come riparo, con l occhio inquieto e l orecchio teso. Per arrivare alla sponda del fiume dovevano attraversare ancora una striscia di terra nuda. Si misero a correre e, appena arrivati a riva, si rannicchiarono tra le canne secche. Morissot posò l orecchio a terra per ascoltare se qualcuno camminava nelle vicinanze. Non udì niente. Erano soli, proprio soli. Rinfrancati, cominciarono a pescare. L isola Marante, abbandonata da tutti, di fronte a loro li nascondeva all altra sponda del fiume. La piccola trattoria era chiusa, sembrava abbandonata da tanti anni. Sauvage pescò il primo ghiozzo 8, Morissot il secondo. Uno dopo l altro tiravano su le lenze con in cima una guizzante bestiolina argentata: una vera pesca miracolosa. Con delicatezza mettevano i pesci in una borsa di rete a maglie fittissime, che era immersa nell acqua, ai loro piedi. E si sentivano pieni di gioia, d una allegra gioia, quella di chi ritrova un piacere di cui è rimasto per parecchio tempo privato. Il sole amico versava tepore sulle loro spalle, non udivano più niente, non pensavano più a niente, ignoravano il resto del mondo: pescavano. D un tratto un rumore sordo, che sembrava provenire da sotto terra, fece tremare il suolo. Il cannone aveva ripreso a tuonare. Morissot girò il capo e vide sulla riva in fondo a sinistra la sagoma potente di Mont-Valérien 9 con un pennacchio bianco sulla fronte, la nuvoletta di polvere che aveva sputato. Subito dopo dalla cima della fortezza partì un altra fumata e s udì, dopo qualche istante, il cupo rombo d un altro sparo. Ne seguirono altri; a intervalli la montagna alitava un fiato mortale, soffiava un vapore come di latte che pian piano s alzava nel cielo tranquillo, formando una nube. Sauvage alzò le spalle e disse: Ricominciano. Morissot che stava guardando con una certa ansia il piumino del suo sughero immergersi a ogni colpo, fu assalito da un ira subitanea da pacifico borghese contro quegli energumeni che combattevano in quel modo. Brontolò: Bisogna essere proprio imbecilli per ammazzarsi così. Son peggio delle bestie, confermò Sauvage. Morissot aveva pescato proprio allora un argentina 10. Dichiarò: Finché esisteranno i governi, sarà sempre così; purtroppo! Il signor Sauvage non lo fece terminare: La Repubblica non avrebbe mai dichiarato la guerra! Morissot l interruppe a sua volta: Coi re c è la guerra fuori, con le repubbliche c è la guerra dentro! Cominciarono a discutere tranquillamente, affrontando le grandi questioni politiche col loro obiettivo buonsenso di uomini pacifici li

4 11. livrea: divisa indossata dai domestici. 12. in posizione di pied arm: in posizione di plotone schierato, pronto per eseguire una fucilazione. 4 mitati, trovandosi d accordo su un punto: non sarebbero mai stati veramente liberi. E intanto Mont-Valérien continuava ininterrottamente a distruggere a cannonate case francesi, schiacciando vite umane, sfracellandone altre, troncando tanti sogni, tante gioie e felicità sperate, spaccando di dolore i cuori di madri, ragazze e donne, laggiù e in tanti altri paesi. Questa è la vita, affermò Sauvage. Dite piuttosto che questa è la morte, ribadì Morissot. Udendo dei passi dietro di loro, trasalirono atterriti. Voltandosi videro alle loro spalle quattro uomini, quattro omaccioni armati e barbuti, vestiti come servi in livrea 11, con dei berretti schiacciati sulla testa. Li stavano prendendo di mira coi loro fucili. Le lenze sfuggirono loro dalle mani e cominciarono a discendere la corrente. Di lì a pochi istanti furono presi, legati, trascinati in una barca e portati nell isola. Dietro la casa che credevano abbandonata videro una ventina di soldati tedeschi. Una specie di gigante peloso, che stava fumando una grossa pipa di porcellana a cavalcioni d una sedia, domandò in corretto francese: E così avete fatto buona pesca? Un soldato posò ai piedi dell ufficiale la rete piena di pesci che s era preoccupato di portar via. Il prussiano sorrise: Ah, da quel che vedo vi è andata bene. Ma adesso dobbiamo parlare d altro. Statemi a sentire e cercate di non confondervi. A mio parere, siete due spie mandate in osservazione. Io vi prendo e vi fucilo. Facevate finta di pescare per nascondere meglio i vostri scopi. Siete finiti in mano mia: peggio per voi, siamo in guerra. Poiché però venite dagli avamposti, conoscerete sicuramente la parola d ordine per poter rientrare. Ditemela, e vi lascio andare. Vicini l uno all altro, lividi, le mani scosse da un tremito, i due amici tacevano. L ufficiale continuò: Non lo saprà nessuno e voi tornerete indietro in santa pace. Se invece rifiutate, morirete subito. A voi la scelta. Stavano immobili, senza fiatare. Stendendo una mano verso il fiume, il prussiano continuò, con calma: Tra cinque minuti sarete in fondo a quell acqua, pensateci. Fra cinque minuti. Avete dei parenti? Il Mont-Valérien seguitava a tuonare. I due pescatori seguitavano a stare zitti. Il tedesco dette qualche ordine nella sua lingua. Poi spostò la sedia in modo da non essere troppo vicino ai prigionieri. Dodici uomini si andarono a sistemare a venti passi, in posizione di pied arm 12. L ufficiale disse: Avete un minuto di tempo, non un secondo di più. Si alzò improvvisamente, s avvicinò ai francesi, prese Morissot per

5 un braccio, lo trascinò in disparte, dicendo sottovoce: Presto, la parola d ordine. Il vostro compagno non lo saprà. Fingerò d impietosirmi. Morissot non rispose. Allora il tedesco prese Sauvage e gli fece la medesima richiesta. Sauvage non rispose. Si ritrovarono vicini. L ufficiale impartì un ordine e i soldati alzarono le armi. Lo sguardo di Morissot cadde per caso sulla rete piena di ghiozzi, rimasta sull erba a pochi passi. Un raggio di sole faceva luccicare i pesci che ancora si muovevano. Fu vinto dallo smarrimento. Nonostante i suoi sforzi, gli occhi gli si riempirono di lacrime. Balbettò: Addio, signor Sauvage. Sauvage rispose: Addio, signor Morissot. Scossi di brividi che non riuscivano a contenere, si serrarono la mano. L ufficiale gridò: Fuoco! Dodici spari ne fecero uno solo. Il signor Sauvage cadde di schiatto, la faccia a terra. Morissot, che era più alto, oscillò girò su se stesso e cadde di traverso addosso all amico con la faccia al cielo, mentre bolle di sangue uscivano dalla giacca bucata sul petto. Il tedesco dette altri ordini. I suoi uomini si allontanarono per tornare con corde e pietre che attaccarono ai piedi dei morti. Li trasportarono sulla riva. Il Mont-Valérien, adesso incappucciato dal fumo, non smetteva di rumoreggiare. Due soldati afferrarono Morissot alla testa e alle gambe, altri due presero il signor Sauvage allo stesso modo. I due corpi furono fatti oscillare per qualche istante e poi, lanciati con forza lontano, descrissero una curva e caddero ritti nel fiume per il peso delle pietre attaccate ai piedi. L acqua schizzò, ribollì; fremette e poi si placò mentre piccole onde arrivavano sino alle sponde. Galleggiava un po di sangue. Sempre tranquillo, l ufficiale disse: I pesci finiranno il lavoro. E tornò verso la casa. A un tratto vide in mezzo all erba la rete con i pesci. La raccolse, l osservò, sorrise e chiamò: Wilhelm! Venne di corsa un soldato col grembiule bianco. Il prussiano, gettandogli la pesca dei due uomini fucilati, gli dette un ordine: Fammi friggere subito i pesciolini sinché sono vivi. Saranno buonissimi. E ricominciò a fumare la pipa. da G. de Maupassant, Tutti i racconti, Newton Compton, Roma

6 1. La frase Mangiavamo qualsiasi cosa, alla riga 3, rispetto a quanto affermato nella frase precedente: A. esprime la causa. B. esprime la conseguenza. C. esprime un opposizione. D. non ha alcun legame. 2. I due amici: A. sono pescatori di professione. B. sono pescatori per hobby. C. pescano pesci perché non hanno altro da mangiare. D. pescavano per caso quando si sono incontrati. 3. Perché i due amici decidono di tornare a pescare nonostante sia pericoloso? A. Perché sono fanatici della pesca e un po ubriachi. B. Perché sono affamati. C. Perché amano sfidare il destino in situazioni pericolose. D. Perché vogliono trascorrere momenti sereni nonostante la guerra. 4. Alla riga 37, che cosa si intende per sughero? A. Il tappo di una bottiglia. B. Il galleggiante della lenza. C. Una pianta. D. Un cespuglio. 5. Dai discorsi politici dei due amici si può capire che: A. essi hanno le stesse opinioni. B. hanno opinioni diverse ma sono entrambi contrari alla guerra. C. hanno opinioni diverse ma sono entrambi favorevoli alla guerra. D. hanno le stesse opinioni tranne che sulla guerra. 6. Alla riga 64, l espressione maestra riferita alla strada significa: A. che insegna tante cose. B. che non si può sbagliare. C. principale. D. che conduce alla scuola. 7. Che cosa pensa l ufficiale tedesco dei due amici? A. Che siano delle spie. B. Che siano semplici pescatori. C. Che siano soldati in borghese. D. Che siano abitanti del luogo. 6

7 8. Perché i due amici tacciono di fronte alle domande dell ufficiale? A. Perché non capiscono la sua lingua. B. Perché non vogliono tradire la patria. C. Perché non conoscono le risposte alle domande. D. Perché sono degli eroi. 9. Perché, alla riga 170, l ufficiale chiede Avete dei parenti? A. Per andare a catturare anche loro. B. Per avvertirli che tiene in ostaggio i due uomini. C. Per convincere i due a parlare facendo leva sugli affetti familiari. D. Perché vuole sapere tutto dei suoi prigionieri. 10. Che cosa significa la frase Dodici spari ne fecero uno solo (riga 195)? A. Che solo un soldato ebbe il coraggio di sparare. B. Che un solo colpo andò a segno. C. Che il rumore degli spari fu assordante. D. Che i soldati spararono contemporaneamente. 11. Dalla lettura del brano emerge che: A. durante la guerra le persone miti diventano spietate. B. tutti i soldati sono ugualmente cinici e violenti, come l ufficiale prussiano. C. nonostante la crudeltà della guerra non tutti gli uomini diventano crudeli e aggressivi. A. la guerra convince tutti a combattere, anche chi non vuole. 12. Che cosa si intende con le espressioni guerra fuori guerra dentro alle righe ? A. Guerra contro i nemici guerra contro se stessi. B. Guerra contro i nemici guerra contro gli alleati. C. Guerra contro altri Stati guerra civile. D. Guerra su fronti all estero guerra di difesa del territorio. 13. Alla riga 163, che cosa significa lividi? A. Viola. B. Che sono stati picchiati. C. Pallidi. D. Doloranti. Nella frase 14. Il Mont-Valérien, adesso incappucciato dal fumo, non smetteva di rumoreggiare (righe ), fa riferimento a: A. un vulcano in eruzione. B. una postazione militare da cui partono colpi di cannone. C. un monte attorno a cui rumoreggia un temporale. D. una postazione militare colpita dall artiglieria pesante. 7

8 15. Perché i corpi dei due amici vengono appesantiti dalle pietre attaccate ai loro piedi? A. Perché i loro corpi non vengano trascinati dalla corrente. B. Per essere sicuri che muoiano annegati. C. Per non essere divorati dai pesci. D. Per renderli riconoscibili in caso fossero ripescati. Quesiti di Grammatica 1B. Quale delle seguenti frasi non contiene un verbo alla forma passiva? A. Fu vinto dallo smarrimento. B. I due corpi furono fatti oscillare. C. Siete finiti in mano mia. D. La piccola trattoria era chiusa. 2B. Nella frase Morrisot fremeva di desiderio, di desiderio è un complemento: A. di specificazione. B. di causa. C. di modo. D. di qualità. 3B. Le espressioni far friggere e faceva scorrere sono costituite da verbi: A. riflessivi. B. fraseologici. C. servili. D. copulativi. 4B. Alle righe 6-7, nell espressione di professione orologiaio, di professione è un complemento: A. di causa. B. di limitazione. C. di specificazione. D. di modo. 5B. Il sostantivo ometto è: A. derivato. B. alterato diminutivo. C. alterato dispregiativo. D. primitivo. 6B. Nella frase Non c è niente di meglio, il soggetto è: A. sottinteso. B. mancante, perché il verbo è impersonale. C. niente. D. meglio. 8

9 7B. Nella frase Dietro la casa che credevano abbandonata videro una ventina di soldati tedeschi, che è: A. pronome relativo soggetto. B. pronome relativo complemento oggetto. C. congiunzione. D. aggettivo. 8B. Nel periodo Rinfrancati, cominciarono a pescare, rinfrancati è: A. un aggettivo riferito ai due amici. B. un participio passato con valore causale (poiché si erano rinfrancati). C. un participio passato con valore temporale (dopo che si furono rinfrancati). D. un participio presente con valore temporale (mentre si rinfrancavano). 9B. Scegli il periodo corretto nell uso dei tempi verbali: A. Sauvage rispose che se avessero incontrato i Prussiani avrebbero offerto loro del pesce fritto. B. Sauvage rispose che se avrebbero incontrato i Prussiani avrebbero offerto loro del pesce fritto. C. Sauvage rispose che se incontrassero i Prussiani avrebbero offerto loro del pesce fritto D. Sauvage rispose che se avessero incontrato i Prussiani avessero offerto loro del pesce fritto. Nella frase 10B. i due amici erano come paralizzati dallo spavento, dallo spavento è: A. complemento di causa efficiente. B. complemento di causa. C. complemento di modo. D. complemento d agente. 9

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede.

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede. Priscilla dei lupi 1 Le luci del pomeriggio rimbalzano sfocate tra i rami. È un momento di assoluto silenzio anche se nel bosco domina il rumore. Un lupo saltella tra la sterpaglia intorno a un rovo di

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

Una valigia piena di ricordi

Una valigia piena di ricordi Una valigia piena di ricordi Immagini dell autrice. Marialuisa Anderlini UNA VALIGIA PIENA DI RICORDI Storie del passato www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Marialuisa Anderlini Tutti i diritti riservati

Dettagli

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Gianni e il lupo Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Viveva un tempo sulla montagna un pastorello che si chiamava Gianni. Portava le sue pecore a pascolare per i prati,

Dettagli

I compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Camillo Bortolato I compiti vanno in vacanza 2 Il disfa-libro per la primaria CLSS

Dettagli

Segnalato. Elisabetta Dalla Giustina

Segnalato. Elisabetta Dalla Giustina PREMIO LETTERARIO GIUSEPPE MAZZOTTI PER RAGAZZI IV EDIZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Segnalato Elaborato dell alunna Elisabetta Dalla Giustina Classe 3 a A - Plesso Scolastico di Cimadolmo IL MIO MONDO

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI

DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI Istituto Comprensivo Cesare Cantù Scuole elementari di via Dora Baltea e dei Braschi Scuola dell infanzia di via Dora Baltea DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI "Un bambino cresce cadendo

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI)

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI) LA CASA DEL FANTASMA C era una volta una casa di un fantasma, i migliori amici del fantasma erano due pesci e una talpa. I pesci stavano nel mare, perché la loro casa era nell acqua,invece la talpa se

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Era proprio destino che quell anno dal cielo cadessero

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO C erano una volta due sposi che si chiamavano Vincenza e Giuseppe. Una sera Giuseppe non riusciva a dormire, così andò fuori, ma fuori nevicava. Nonostante

Dettagli

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20 Abschlussklausur Italienisch Italiano Online SS 2008 Dozent: Davide Schenetti Comprensione orale: / 15 Comprensione scritta: / 20 Riflessione grammaticale e interculturale: / 40 Produzione scritta: / 25

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele Un giorno, finita la scuola siamo passati dal bar per comprare le cicche. Eravamo a piedi, desiderosi di fare due passi all'aria aperta e di goderci la bella giornata. Quando siamo usciti dal bar è arrivato

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L angelo ribelle 3. 4. 5. Pensieri 2

L angelo ribelle 3. 4. 5. Pensieri 2 L angelo ribelle 3. 4. 5 Pensieri 2 Giovanni Rainone L ANGELO RIBELLE 3. 4. 5 PENSIERI 2 racconti www.booksprintedizioni.it Copyright 2011 Giovanni Rainone Tutti i diritti riservati Raccolta di racconti

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

P.31 F. 6 anni Io odissimo* la radioattività.

P.31 F. 6 anni Io odissimo* la radioattività. P.30 F. 6 anni Signor Kan, faccia sparire la radioattività per favore. Sono Sae Ogawa di Fukushima. Voglio uscire a giocare fuori. Da Sae 6 anni 1 elementare. (letto da Simona) P.31 F. 6 anni Io odissimo*

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro www.gentletude.com Impara la Gentilezza 3 COMUNICARE CON EMPATIA (attvità per le scuole primarie) Guida Rapida Obiettivi: Gli allievi saranno in grado di identifica re modalità per comunicare con gentilezza

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta.

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. EV A SION E NOISAVE Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. Viveva in un bosco pieno d alberi maestosi e funghi dai colori più strani. Non era proprio cattiva ma, a volte,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Il canto del sottufficiale Stark tratto da L istruttoria Oratorio in undici canti Opera teatrale del drammaturgo tedesco Peter Weiss.

Il canto del sottufficiale Stark tratto da L istruttoria Oratorio in undici canti Opera teatrale del drammaturgo tedesco Peter Weiss. La classe III A presenta: Il canto del sottufficiale Stark tratto da L istruttoria Oratorio in undici canti Opera teatrale del drammaturgo tedesco Peter Weiss. Il dramma si basa sulle note prese da Weiss

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico LASER: pro e contro nel loro impiego tattico Si sa! E da ormai molti anni che questo simpatico accessorio la fa da padrone nei più diffusi e costosi film d azione o action movie per dirla all americana.

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI LINGUA CLASSE IV ANNO SCOLASTICO I QUADRIMESTRE ALUNNO/A IL PANDA Il panda è un buffo, timido, simpatico

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Sc. Infanzia San Piero sez. A 5 anni UNITA DI APPRENDIMENTO ANNUALE VOGLIA DI PAROLE

Sc. Infanzia San Piero sez. A 5 anni UNITA DI APPRENDIMENTO ANNUALE VOGLIA DI PAROLE Sc. Infanzia San Piero sez. A 5 anni UNITA DI APPRENDIMENTO ANNUALE VOGLIA DI PAROLE L Unità di Apprendimento annuale offre ai bambini la possibilità di consolidare, potenziare ed ampliare le conoscenze

Dettagli

Mi è piaciuta questa storia perché Tom impara il gioco di squadra. Jake, 8 anni

Mi è piaciuta questa storia perché Tom impara il gioco di squadra. Jake, 8 anni Mi è piaciuta questa storia perché Tom impara il gioco di squadra. Jake, 8 anni La mia parte preferita è l inizio, quando a Tom fanno la sorpresa e lo mandano alla David Beckham Academy. Stephen, 10 anni

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

LINGUA ITALIANA - LA VENDEMMIA IN POESIA

LINGUA ITALIANA - LA VENDEMMIA IN POESIA LINGUA ITALIANA - LA VENDEMMIA IN POESIA Obiettivo: analizzare come i poeti parlano della vendemmia nella poesia. METODOLOGIA: analisi collettiva di una poesia, parafrasi e rappresentazione grafica. Suddivisione

Dettagli

Cordelia. Di Maria Luisa Chiarenza. Opera distribuita sotto Licenza Creative Commons

Cordelia. Di Maria Luisa Chiarenza. Opera distribuita sotto Licenza Creative Commons Cordelia Di Maria Luisa Chiarenza Anno 1864, in un paesino sperduto tra le montagne, in una villa di una ricca famiglia, sul balcone centrale, lei stava lì, fasciata dal suo vestito di raso rosso, dal

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

LO SGUARDO CURIOSO DI CLARA, Cristina Leocata, La Cassandra EDIZIONI www.cleocata.com

LO SGUARDO CURIOSO DI CLARA, Cristina Leocata, La Cassandra EDIZIONI www.cleocata.com LO SGUARDO CURIOSO DI CLARA, Cristina Leocata, La Cassandra EDIZIONI www.cleocata.com PROPOSTE OPERATIVE: Per insegnanti di scuola primaria e secondaria di primo grado Capitolo 1 Entrare in un quadro Capitolo

Dettagli