Due amici PER LA PROVA INVALSI VOLUME 3. Unità 5. La novella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Due amici PER LA PROVA INVALSI VOLUME 3. Unità 5. La novella"

Transcript

1 VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 5 La novella Due amici Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Guy de Maupassant ( ), uno dei maggiori scrittori francesi del XIX secolo; è considerato uno dei padri del racconto moderno; fra le sue numerose opere narrative, ricordiamo Casa Tellier, Una vita, Bel ami. DA DOVE È TRATTO? Da Tutti i racconti. DI CHE COSA PARLA? Due amici si incontrano dopo qualche tempo, mentre il loro Paese, la Francia, è sconvolto da un sanguinoso conflitto; appassionati di pesca, decidono di tornare al fiume a cui solitamente si recavano prima della guerra, per riassaporare la pace e la serenità di un tempo ormai lontano. COME NE PARLA? Attraverso uno stile semplice ma ricco di fascino e di suggestione, l autore presenta il drammatico contrasto fra la normalità e la piacevolezza della vita quotidiana e la stupidità e la crudeltà dei conflitti. 1. circonvallazione: strada che percorre esternamente il perimetro di una città. 2. guardia nazionale: nome di un importante corpo militare francese. 3. scarlatte: di colore rosso acceso. Parigi era circondata, affamata, agli estremi. Sui tetti i passeri erano sempre di meno e le fogne si spopolavano di topi. Mangiavamo qualsiasi cosa. In un chiaro mattino di gennaio, mentre passeggiava con tristezza, lungo il viale di circonvallazione 1, le mani nelle tasche della divisa e la pancia vuota, il signor Morissot, di professione orologiaio e per caso guardia nazionale 2, si fermò di colpo davanti a un collega, riconoscendo in lui un amico. Era il signor Sauvage, che aveva conosciuto sul fiume. Prima della guerra Morissot partiva ogni domenica, appena albeggiava, con una canna di bambù in mano e un barattolone di latta a tracolla. Prendeva la piccola ferrovia di Argenteuil, scendeva a Colombes e a piedi se ne andava verso l isola Marante. Appena arrivato a questo posto dei suoi sogni cominciava a pescare e pescava sinché faceva buio. Incontrava laggiù ogni domenica un ometto grassoccio e allegro, appunto Sauvage, che aveva un negozio di merciaio in via Notre-Dame-de-la-Lorette, ed era anche lui fanatico della pesca. Spesso restavano per una mezza giornata fianco a fianco, con la lenza in mano e i piedi penzoloni sull acqua. Erano diventati amici. In certi giorni non parlavano nemmeno. Qualche altra volta scambiavano quattro chiacchiere. Ma anche senza dirsi niente andavano perfettamente d accordo, perché avevano gli stessi gusti e un eguale sensibilità. Verso le dieci, nelle mattine di primavera, quando il sole con rinnovato vigore faceva ondeggiare sul fiume calmo quel lieve vapore che scorre assieme all acqua e versava sopra le schiene dei due accaniti pescatori il benefico tepore della nuova stagione, Morissot diceva qualche volta al vicino: Si sta proprio bene, eh? E Sauvage di rimando: Non c è niente di meglio. Bastava questo perché si capissero e si stimassero. In autunno, verso la fine della giornata, quando il cielo rosso sangue del tramonto faceva scorrere nell acqua nuvole scarlatte 3, imporporava il fiume intero, infiammava l orizzonte e dorando gli alberi già fulvi per un presagio invernale arrossava di fuoco i due amici, Sauvage guardava sorridendo Morissot e diceva allora: Che spettacolo! Morissot, ammirato, senza sollevare gli occhi dal sughero, gli rispondeva: Non è meglio che andare a spasso per i viali? Appena si furono riconosciuti, si strinsero la mano con forza, commossi dal fatto d essersi ritrovati in una situazione tanto diversa. Sauvage sospirò:

2 4. alterati: non del tutto lucidi, poiché sotto l effetto dell alcol bevuto. 5. inebriare: eccitare. 6. avamposti: la parte di un esercito che occupa una posizione più avanzata. 7. spavalderia: atteggiamento coraggioso ma anche un po borioso. 2 Quante ne sono successe! Morissot si lamentò con la serietà consueta: E che tempaccio! Oggi è la prima bella giornata dell anno. E infatti il cielo era azzurro e luminoso. Presero a camminare l uno a fianco dell altro, tristi e pensierosi. Morissot continuò: E la pesca che bel ricordo! Il signor Sauvage chiese: Quando ci torneremo? Entrarono in un piccolo bar e presero insieme l aperitivo, poi ripresero a passeggiare sul marciapiede. All improvviso Morissot si fermò: Un altro bicchierino? Il signor Sauvage accettò: Ai vostri ordini! E così entrarono in un altro caffè. Quando ne uscirono erano alterati 4, un po confusi come può capitare a chi si riempia lo stomaco di alcool a digiuno. Il tempo era buono e un tenero venticello faceva il solletico alle loro facce. Quell aria tiepida finì coll inebriare 5 il signor Sauvage, che si fermò di colpo: E se ci andassimo? Dove? A pescare, diamine! Ma dove? Nella nostra isola. Gli avamposti 6 francesi sono dopo Colombes. Io conosco il colonnello Dumoulin: ci farà passare senza difficoltà. Morissot fremeva di desiderio: Va bene. Ci sto. E si divisero per andar a prendere i loro arnesi. Un ora dopo camminavano sulla strada maestra, fianco a fianco. Arrivarono alla villa occupata dal colonnello. Questi sorrise alla loro richiesta e acconsentì al loro capriccio. Si rimisero in cammino, forniti di un lasciapassare. Ben presto superarono gli avamposti, attraversarono Colombes abbandonata e si ritrovarono nella zona delle piccole vigne che scendono verso la Senna. Erano quasi le undici. Di fronte a loro la borgata di Argenteuil sembrava morta. Le colline di Orgemont e di Sannois dominavano tutta la contrada. Era del tutto vuota la grande piana che arriva fino a Nanterre, coi suoi ciliegi spogli e la terra scura. Indicando le cime, Sauvage sussurrò: Lassù ci sono i prussiani I due amici erano come paralizzati dallo spavento davanti a quella regione deserta. I prussiani! Non li avevano mai veduti, ma da mesi li sentivano distruggere la Francia attorno a Parigi, saccheggiare, massacrare, affamare, invisibili e onnipotenti. All odio per quel popolo ignoto e vittorioso si aggiungeva una sorta di terrore superstizioso. Morissot disse tra i denti: E se l incontriamo? Con quella spavalderia 7 mai sopita tipica dei parigini, Sauvage rispose: Gli offriremo pesce fritto. Esitavano, tuttavia, ad andare avanti nei campi, intimiditi dal gran silenzio che c era tutt attorno

3 8. ghiozzo: pesce marino e anche di acqua dolce, di piccole dimensioni e di testa larga. 9. Mont-Valérien: piccola altura di 160 metri, sormontata da un fortino munito di cannoni. 10. argentina: pesce d acqua dolce. Alla fine il signor Sauvage si decise: Su, andiamo, ma facciamo attenzione. Scesero in un vigneto, piegati in due, strisciando, servendosi dei cespugli come riparo, con l occhio inquieto e l orecchio teso. Per arrivare alla sponda del fiume dovevano attraversare ancora una striscia di terra nuda. Si misero a correre e, appena arrivati a riva, si rannicchiarono tra le canne secche. Morissot posò l orecchio a terra per ascoltare se qualcuno camminava nelle vicinanze. Non udì niente. Erano soli, proprio soli. Rinfrancati, cominciarono a pescare. L isola Marante, abbandonata da tutti, di fronte a loro li nascondeva all altra sponda del fiume. La piccola trattoria era chiusa, sembrava abbandonata da tanti anni. Sauvage pescò il primo ghiozzo 8, Morissot il secondo. Uno dopo l altro tiravano su le lenze con in cima una guizzante bestiolina argentata: una vera pesca miracolosa. Con delicatezza mettevano i pesci in una borsa di rete a maglie fittissime, che era immersa nell acqua, ai loro piedi. E si sentivano pieni di gioia, d una allegra gioia, quella di chi ritrova un piacere di cui è rimasto per parecchio tempo privato. Il sole amico versava tepore sulle loro spalle, non udivano più niente, non pensavano più a niente, ignoravano il resto del mondo: pescavano. D un tratto un rumore sordo, che sembrava provenire da sotto terra, fece tremare il suolo. Il cannone aveva ripreso a tuonare. Morissot girò il capo e vide sulla riva in fondo a sinistra la sagoma potente di Mont-Valérien 9 con un pennacchio bianco sulla fronte, la nuvoletta di polvere che aveva sputato. Subito dopo dalla cima della fortezza partì un altra fumata e s udì, dopo qualche istante, il cupo rombo d un altro sparo. Ne seguirono altri; a intervalli la montagna alitava un fiato mortale, soffiava un vapore come di latte che pian piano s alzava nel cielo tranquillo, formando una nube. Sauvage alzò le spalle e disse: Ricominciano. Morissot che stava guardando con una certa ansia il piumino del suo sughero immergersi a ogni colpo, fu assalito da un ira subitanea da pacifico borghese contro quegli energumeni che combattevano in quel modo. Brontolò: Bisogna essere proprio imbecilli per ammazzarsi così. Son peggio delle bestie, confermò Sauvage. Morissot aveva pescato proprio allora un argentina 10. Dichiarò: Finché esisteranno i governi, sarà sempre così; purtroppo! Il signor Sauvage non lo fece terminare: La Repubblica non avrebbe mai dichiarato la guerra! Morissot l interruppe a sua volta: Coi re c è la guerra fuori, con le repubbliche c è la guerra dentro! Cominciarono a discutere tranquillamente, affrontando le grandi questioni politiche col loro obiettivo buonsenso di uomini pacifici li

4 11. livrea: divisa indossata dai domestici. 12. in posizione di pied arm: in posizione di plotone schierato, pronto per eseguire una fucilazione. 4 mitati, trovandosi d accordo su un punto: non sarebbero mai stati veramente liberi. E intanto Mont-Valérien continuava ininterrottamente a distruggere a cannonate case francesi, schiacciando vite umane, sfracellandone altre, troncando tanti sogni, tante gioie e felicità sperate, spaccando di dolore i cuori di madri, ragazze e donne, laggiù e in tanti altri paesi. Questa è la vita, affermò Sauvage. Dite piuttosto che questa è la morte, ribadì Morissot. Udendo dei passi dietro di loro, trasalirono atterriti. Voltandosi videro alle loro spalle quattro uomini, quattro omaccioni armati e barbuti, vestiti come servi in livrea 11, con dei berretti schiacciati sulla testa. Li stavano prendendo di mira coi loro fucili. Le lenze sfuggirono loro dalle mani e cominciarono a discendere la corrente. Di lì a pochi istanti furono presi, legati, trascinati in una barca e portati nell isola. Dietro la casa che credevano abbandonata videro una ventina di soldati tedeschi. Una specie di gigante peloso, che stava fumando una grossa pipa di porcellana a cavalcioni d una sedia, domandò in corretto francese: E così avete fatto buona pesca? Un soldato posò ai piedi dell ufficiale la rete piena di pesci che s era preoccupato di portar via. Il prussiano sorrise: Ah, da quel che vedo vi è andata bene. Ma adesso dobbiamo parlare d altro. Statemi a sentire e cercate di non confondervi. A mio parere, siete due spie mandate in osservazione. Io vi prendo e vi fucilo. Facevate finta di pescare per nascondere meglio i vostri scopi. Siete finiti in mano mia: peggio per voi, siamo in guerra. Poiché però venite dagli avamposti, conoscerete sicuramente la parola d ordine per poter rientrare. Ditemela, e vi lascio andare. Vicini l uno all altro, lividi, le mani scosse da un tremito, i due amici tacevano. L ufficiale continuò: Non lo saprà nessuno e voi tornerete indietro in santa pace. Se invece rifiutate, morirete subito. A voi la scelta. Stavano immobili, senza fiatare. Stendendo una mano verso il fiume, il prussiano continuò, con calma: Tra cinque minuti sarete in fondo a quell acqua, pensateci. Fra cinque minuti. Avete dei parenti? Il Mont-Valérien seguitava a tuonare. I due pescatori seguitavano a stare zitti. Il tedesco dette qualche ordine nella sua lingua. Poi spostò la sedia in modo da non essere troppo vicino ai prigionieri. Dodici uomini si andarono a sistemare a venti passi, in posizione di pied arm 12. L ufficiale disse: Avete un minuto di tempo, non un secondo di più. Si alzò improvvisamente, s avvicinò ai francesi, prese Morissot per

5 un braccio, lo trascinò in disparte, dicendo sottovoce: Presto, la parola d ordine. Il vostro compagno non lo saprà. Fingerò d impietosirmi. Morissot non rispose. Allora il tedesco prese Sauvage e gli fece la medesima richiesta. Sauvage non rispose. Si ritrovarono vicini. L ufficiale impartì un ordine e i soldati alzarono le armi. Lo sguardo di Morissot cadde per caso sulla rete piena di ghiozzi, rimasta sull erba a pochi passi. Un raggio di sole faceva luccicare i pesci che ancora si muovevano. Fu vinto dallo smarrimento. Nonostante i suoi sforzi, gli occhi gli si riempirono di lacrime. Balbettò: Addio, signor Sauvage. Sauvage rispose: Addio, signor Morissot. Scossi di brividi che non riuscivano a contenere, si serrarono la mano. L ufficiale gridò: Fuoco! Dodici spari ne fecero uno solo. Il signor Sauvage cadde di schiatto, la faccia a terra. Morissot, che era più alto, oscillò girò su se stesso e cadde di traverso addosso all amico con la faccia al cielo, mentre bolle di sangue uscivano dalla giacca bucata sul petto. Il tedesco dette altri ordini. I suoi uomini si allontanarono per tornare con corde e pietre che attaccarono ai piedi dei morti. Li trasportarono sulla riva. Il Mont-Valérien, adesso incappucciato dal fumo, non smetteva di rumoreggiare. Due soldati afferrarono Morissot alla testa e alle gambe, altri due presero il signor Sauvage allo stesso modo. I due corpi furono fatti oscillare per qualche istante e poi, lanciati con forza lontano, descrissero una curva e caddero ritti nel fiume per il peso delle pietre attaccate ai piedi. L acqua schizzò, ribollì; fremette e poi si placò mentre piccole onde arrivavano sino alle sponde. Galleggiava un po di sangue. Sempre tranquillo, l ufficiale disse: I pesci finiranno il lavoro. E tornò verso la casa. A un tratto vide in mezzo all erba la rete con i pesci. La raccolse, l osservò, sorrise e chiamò: Wilhelm! Venne di corsa un soldato col grembiule bianco. Il prussiano, gettandogli la pesca dei due uomini fucilati, gli dette un ordine: Fammi friggere subito i pesciolini sinché sono vivi. Saranno buonissimi. E ricominciò a fumare la pipa. da G. de Maupassant, Tutti i racconti, Newton Compton, Roma

6 1. La frase Mangiavamo qualsiasi cosa, alla riga 3, rispetto a quanto affermato nella frase precedente: A. esprime la causa. B. esprime la conseguenza. C. esprime un opposizione. D. non ha alcun legame. 2. I due amici: A. sono pescatori di professione. B. sono pescatori per hobby. C. pescano pesci perché non hanno altro da mangiare. D. pescavano per caso quando si sono incontrati. 3. Perché i due amici decidono di tornare a pescare nonostante sia pericoloso? A. Perché sono fanatici della pesca e un po ubriachi. B. Perché sono affamati. C. Perché amano sfidare il destino in situazioni pericolose. D. Perché vogliono trascorrere momenti sereni nonostante la guerra. 4. Alla riga 37, che cosa si intende per sughero? A. Il tappo di una bottiglia. B. Il galleggiante della lenza. C. Una pianta. D. Un cespuglio. 5. Dai discorsi politici dei due amici si può capire che: A. essi hanno le stesse opinioni. B. hanno opinioni diverse ma sono entrambi contrari alla guerra. C. hanno opinioni diverse ma sono entrambi favorevoli alla guerra. D. hanno le stesse opinioni tranne che sulla guerra. 6. Alla riga 64, l espressione maestra riferita alla strada significa: A. che insegna tante cose. B. che non si può sbagliare. C. principale. D. che conduce alla scuola. 7. Che cosa pensa l ufficiale tedesco dei due amici? A. Che siano delle spie. B. Che siano semplici pescatori. C. Che siano soldati in borghese. D. Che siano abitanti del luogo. 6

7 8. Perché i due amici tacciono di fronte alle domande dell ufficiale? A. Perché non capiscono la sua lingua. B. Perché non vogliono tradire la patria. C. Perché non conoscono le risposte alle domande. D. Perché sono degli eroi. 9. Perché, alla riga 170, l ufficiale chiede Avete dei parenti? A. Per andare a catturare anche loro. B. Per avvertirli che tiene in ostaggio i due uomini. C. Per convincere i due a parlare facendo leva sugli affetti familiari. D. Perché vuole sapere tutto dei suoi prigionieri. 10. Che cosa significa la frase Dodici spari ne fecero uno solo (riga 195)? A. Che solo un soldato ebbe il coraggio di sparare. B. Che un solo colpo andò a segno. C. Che il rumore degli spari fu assordante. D. Che i soldati spararono contemporaneamente. 11. Dalla lettura del brano emerge che: A. durante la guerra le persone miti diventano spietate. B. tutti i soldati sono ugualmente cinici e violenti, come l ufficiale prussiano. C. nonostante la crudeltà della guerra non tutti gli uomini diventano crudeli e aggressivi. A. la guerra convince tutti a combattere, anche chi non vuole. 12. Che cosa si intende con le espressioni guerra fuori guerra dentro alle righe ? A. Guerra contro i nemici guerra contro se stessi. B. Guerra contro i nemici guerra contro gli alleati. C. Guerra contro altri Stati guerra civile. D. Guerra su fronti all estero guerra di difesa del territorio. 13. Alla riga 163, che cosa significa lividi? A. Viola. B. Che sono stati picchiati. C. Pallidi. D. Doloranti. Nella frase 14. Il Mont-Valérien, adesso incappucciato dal fumo, non smetteva di rumoreggiare (righe ), fa riferimento a: A. un vulcano in eruzione. B. una postazione militare da cui partono colpi di cannone. C. un monte attorno a cui rumoreggia un temporale. D. una postazione militare colpita dall artiglieria pesante. 7

8 15. Perché i corpi dei due amici vengono appesantiti dalle pietre attaccate ai loro piedi? A. Perché i loro corpi non vengano trascinati dalla corrente. B. Per essere sicuri che muoiano annegati. C. Per non essere divorati dai pesci. D. Per renderli riconoscibili in caso fossero ripescati. Quesiti di Grammatica 1B. Quale delle seguenti frasi non contiene un verbo alla forma passiva? A. Fu vinto dallo smarrimento. B. I due corpi furono fatti oscillare. C. Siete finiti in mano mia. D. La piccola trattoria era chiusa. 2B. Nella frase Morrisot fremeva di desiderio, di desiderio è un complemento: A. di specificazione. B. di causa. C. di modo. D. di qualità. 3B. Le espressioni far friggere e faceva scorrere sono costituite da verbi: A. riflessivi. B. fraseologici. C. servili. D. copulativi. 4B. Alle righe 6-7, nell espressione di professione orologiaio, di professione è un complemento: A. di causa. B. di limitazione. C. di specificazione. D. di modo. 5B. Il sostantivo ometto è: A. derivato. B. alterato diminutivo. C. alterato dispregiativo. D. primitivo. 6B. Nella frase Non c è niente di meglio, il soggetto è: A. sottinteso. B. mancante, perché il verbo è impersonale. C. niente. D. meglio. 8

9 7B. Nella frase Dietro la casa che credevano abbandonata videro una ventina di soldati tedeschi, che è: A. pronome relativo soggetto. B. pronome relativo complemento oggetto. C. congiunzione. D. aggettivo. 8B. Nel periodo Rinfrancati, cominciarono a pescare, rinfrancati è: A. un aggettivo riferito ai due amici. B. un participio passato con valore causale (poiché si erano rinfrancati). C. un participio passato con valore temporale (dopo che si furono rinfrancati). D. un participio presente con valore temporale (mentre si rinfrancavano). 9B. Scegli il periodo corretto nell uso dei tempi verbali: A. Sauvage rispose che se avessero incontrato i Prussiani avrebbero offerto loro del pesce fritto. B. Sauvage rispose che se avrebbero incontrato i Prussiani avrebbero offerto loro del pesce fritto. C. Sauvage rispose che se incontrassero i Prussiani avrebbero offerto loro del pesce fritto D. Sauvage rispose che se avessero incontrato i Prussiani avessero offerto loro del pesce fritto. Nella frase 10B. i due amici erano come paralizzati dallo spavento, dallo spavento è: A. complemento di causa efficiente. B. complemento di causa. C. complemento di modo. D. complemento d agente. 9

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

A.S. 2006/07. Per ognuna delle tipologie sopra elencate, si presenta qui, a titolo esemplificativo, uno dei testi realizzati dagli alunni.

A.S. 2006/07. Per ognuna delle tipologie sopra elencate, si presenta qui, a titolo esemplificativo, uno dei testi realizzati dagli alunni. Scuola Primaria Statale di Minerbio A.S. 2006/07 SCRIVIAMO DEL BOSCO DELLA PANFILIA L uscita al bosco della Panfilia è stata lo spunto per realizzare testi di diverso tipo da parte degli alunni. L insegnante

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

IL PESCIOLINO SOLO A cura di Maurizio Francesco Molteni e Stefania Giovanna Maggetto

IL PESCIOLINO SOLO A cura di Maurizio Francesco Molteni e Stefania Giovanna Maggetto IL PESCIOLINO SOLO A cura di Maurizio Francesco Molteni e Stefania Giovanna Maggetto Presentazione del gioco-fiaba ai bambini, in classe. L operatore o l operatrice spiegano ai bambini che oggi giocheranno

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE II II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE II II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE II ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO QUADRIMESTRE

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca C era una volta un extraterrestre, di nome Celestino, che viveva nel pianeta Oltresol, in un paese chiamato Regard. La sua vita scorreva lenta e tranquilla

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Corso di laurea in Lingue e culture straniere

Corso di laurea in Lingue e culture straniere Prova di ammissione al Corso di laurea in Lingue e culture straniere per i candidati di paesi non appartenenti alla UE. Verifica delle conoscenze linguistiche dell italiano, livello B1. PROVA 2 A. Comprensione

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede.

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede. Priscilla dei lupi 1 Le luci del pomeriggio rimbalzano sfocate tra i rami. È un momento di assoluto silenzio anche se nel bosco domina il rumore. Un lupo saltella tra la sterpaglia intorno a un rovo di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PARIS AU REVOIR INCIPIT

PARIS AU REVOIR INCIPIT PARIS AU REVOIR INCIPIT Anche quel giorno era trascorso, un giorno come tanti altri in una delle capitali più belle d Europa. Era primavera, una lieve brezza avvolgeva il nero cielo di quella città così

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

PROVA DI ITALIANO VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Riflessione sulla lingua (categorie grammaticali) Scuola... Classe...

PROVA DI ITALIANO VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Riflessione sulla lingua (categorie grammaticali) Scuola... Classe... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Riflessione sulla lingua (categorie grammaticali) Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

I compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Camillo Bortolato I compiti vanno in vacanza 2 Il disfa-libro per la primaria CLSS

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

E UN SEME O NON E UN SEME?

E UN SEME O NON E UN SEME? E UN SEME O NON E UN SEME? SCIENTIAM INQUIRENDO DISCERE Progetto di sperimentazione didattica dell IBSE- Inquiry Based Science Education Classi 3^ A - 3^ B Istituto Comprensivo A. Manzoni - Uboldo Scuola

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Indice. I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18. Esercizi 24 Test 31. Esercizi 36 Test 39. Esercizi 44 Test 118

Indice. I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18. Esercizi 24 Test 31. Esercizi 36 Test 39. Esercizi 44 Test 118 Indice I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18 II. I possessivi e i dimostrativi. Esercizi 24 Test 31 III. I gradi di comparazione Esercizi 36 Test 39 IV. I verbi Esercizi 44 Test 118

Dettagli

C era una volta, in una misera baracca alla periferia di una grande. una fanciulla di nome Fernanda che tutte le mattine andava al mercato.

C era una volta, in una misera baracca alla periferia di una grande. una fanciulla di nome Fernanda che tutte le mattine andava al mercato. Storia 1: C era una volta, in una misera baracca alla periferia di una grande città una fanciulla di nome Fernanda che tutte le mattine andava al mercato. Un giorno, mentre stava tornando a casa pensierosa

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI)

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI) LA CASA DEL FANTASMA C era una volta una casa di un fantasma, i migliori amici del fantasma erano due pesci e una talpa. I pesci stavano nel mare, perché la loro casa era nell acqua,invece la talpa se

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele Un giorno, finita la scuola siamo passati dal bar per comprare le cicche. Eravamo a piedi, desiderosi di fare due passi all'aria aperta e di goderci la bella giornata. Quando siamo usciti dal bar è arrivato

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli