COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013. Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate"

Transcript

1 PRESIDENZA DELLA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013 Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate

2 Informazione e pubblicità 1. Attuazione del Piano di Comunicazione Negli ultimi 12 mesi sono state realizzate importanti azioni di promozione e informazione destinate principalmente a informare il grande pubblico circa le opportunità offerte dalle iniziative cofinanziate dal PO Fesr spiegando contemporaneamente al cittadino quali sono stati i maggiori risultati finora raggiunti nei vari settori di intervento. È stata effettuata inoltre, in concomitanza con la Campagna pubblicitaria, un indagine demoscopica tesa a rilevare il livello di conoscenza del ruolo dell UE nel territorio, oltre che a monitorare l efficacia delle attività di comunicazione del Programma. È stato rinnovato sia nell aspetto grafico sia per quanto concerne la piattaforma di sviluppo il sito Internet ufficiale del Programma Infine, è stato riavviato, con la sottoscrizione di un nuovo protocollo d intesa, il Partenariato regionale della Comunicazione, Rete informativa territoriale sulle attività del Programma. Ciascuna delle suddette azioni è dettagliatamente descritta nei paragrafi seguenti. 1.1 Linea grafica coordinata È stata adottata una nuova linea grafica coordinata del PO FESR Sicilia. Tale linea grafica ha posto in primo piano il ruolo dell Unione Europea nello sfondo delle operazioni strutturali che si stanno realizzando in Sicilia. In particolare, si è voluto mettere in forte evidenza che, grazie al sostegno dei fondi strutturali, è possibile dare concretezza alle potenzialità di crescita della Sicilia, determinandone uno sviluppo rapido e sostenibile. La linea grafica è stata declinata in sei soggetti, due istituzionali e quattro tematici. Ognuno dei soggetti tematici è dedicato ad un area di intervento del PO FESR SICILIA. I sottotitoli cambiano a seconda del tema da mettere in evidenza. Le immagini seguenti mostrano i soggetti realizzati: Figura 1 - Soggetto istituzionale 2

3 Figura 2 - Soggetti tematici 1.2 Sito Internet del Programma - Da un punto di vista grafico/funzionale il sito Internet del Programma ha subito un profondo restyling con l obiettivo di conformarlo maggiormente agli standard correntemente in uso nella Rete circa le modalità di gestione, navigazione, di interazione e di fruizione dei contenuti. Tale restyling ha, infatti, interessato: 1. L aspetto estetico/percettivo con l utilizzo di un nuovo template coerente con la nuova linea grafica coordinata del Programma; 2. Le modalità di gestione, fruizione e di navigazione con l utilizzo di una nuova architettura e organizzazione dei contenuti; 3. Le modalità di interazione con l implementazione di specifiche utility rivolte all utenza (registrazione, possibilità di personalizzazione dell home page Il mio Euroinfosicilia, Feed RSS, agenda degli appuntamenti e delle scadenze, ecc). Di seguito la schermata dell home page: 3

4 Figura 3 - Home Page del sito euroinfosicilia.it (testata e menù principali) In relazione alla gestione e alle performance del sito, per il periodo di riferimento, si riportano i seguenti dati: Periodo 01/06/ /06/2013 News pubblicate 580 Visite Visitatori unici assoluti Visualizzazioni di pagina % nuove visite 38,94% Tempo sul sito 00:02:56 Frequenza di rimbalzo 53,28% Fonte: Google Analytics Riconoscimento Trasparenza Euroinfosicilia.it Nell ambito delle premiazioni di FORUM PA per progetti e iniziative di trasparenza dinamica, la Regione Siciliana ha ottenuto il 29 maggio scorso un importante riconoscimento a livello nazionale per la comunicazione ai cittadini delle risorse impiegate e dei risultati raggiunti tramite la localizzazione dei progetti del PO Fesr Sicilia 2007/2013 visibile su Sul sito sono disponibili le schede di quasi 6000 operazioni, aggiornate alla data del 31 dicembre 2012, rappresentate secondo le coordinate geografiche in modo da poter facilmente organizzare, ricercare e visualizzare graficamente le informazioni su mappe digitali. E possibile svolgere la ricerca oltre che per Comune anche per Provincia, range di costo, obiettivo e tematica. I dati sugli interventi finanziati sono rilasciati in formato aperto (csv) anche per elenchi in modo da favorirne il riuso e l'aggregazione. 1.3 Comunicati e Annunci Stampa A seguito del Comitato di Sorveglianza del 8 giugno 2012 sono stati diramati comunicati stampa ai media, fornendo informazioni sullo stato d attuazione del Po Fesr A seguito del lancio dei comunicati, si è registrata una buona copertura mediatica dei contenuti con una considerevole risonanza presso le più importanti agenzie di stampa nazionali (ANSA e AGI) e sui principali media (stampa, Internet, tv e radio) regionali. 4

5 5 PO FESR Sicilia 2007/2013. CdS 18-19/06/2013 Altri comunicati stampa sono stati diramati nel mese di dicembre 2012 (inerenti la diffusione di informazioni sullo stato di attuazione del PO) nel mese di marzo 2013 (per la promozione del seminario tematico sull obiettivo 4.1 del PO) e nel maggio 2013 in occasione del riconoscimento per la trasparenza del sito euroinfosicilia.it. La tabella seguente riporta i comunicati stampa diramati agli organi di stampa: Numero Data Titolo 1 7 Giugno 2012 Fondi europei: domani lavori Comitato Sorveglianza PO Fers 2007/ Giugno 2012 Programmazione: conclusi i lavori del Comitato di Sorveglianza 3 20 luglio 2012 In Sicilia tre incontri sul tema della programmazione dei fondi strutturali 4 11 dicembre 2012 Lettera del Dirigente generale della Politica regionale e urbana della Commissione Europea sulla spesa del PO Fesr in Sicilia. Precisazioni marzo 2013 PO Fesr Sicilia: La Sicilia verso la specializzazione intelligente. Il ruolo dell innovazione nello scenario marzo 2013 PO Fesr Sicilia: La Sicilia verso la specializzazione intelligente. Il ruolo dell innovazione nello scenario Esiti del Convegno 7 30 maggio 2013 Forum PA Riconoscimenti per la trasparenza dinamica. Premiata la Regione Siciliana. Nel mese di giugno del 2012, nell ambito della campagna pubblicitaria del Programma, sono state realizzate uscite pubblicitarie in formato pagina intera sui principali quotidiani regionali e su riviste periodiche a diffusione regionale. 1.4 Messa in onda di spot televisivi Nel mese di giugno del 2012, nell ambito della campagna pubblicitaria del Programma, è stato messo in onda uno spot istituzionale rispettivamente di 15 e di 30 secondi su numerose emittenti televisive locali a copertura dell intero territorio regionale. 1.5 Messa in onda di spot radiofonici Contemporaneamente alla campagna televisiva, è stato messo in onda uno spot istituzionale di 30 secondi su numerose emittenti radiofoniche locali (regionali e provinciali). 1.6 Cartellonistica La campagna pubblicitaria del Programma ha previsto l esposizione di cartelloni pubblicitari in impianti di affissioni esterna di diversa tipologia (poster, dinamica autobus, arredo urbano) collocati nei maggiori centri abitati del territorio regionale: 1.7 Seminario tematico Il 13 marzo 2013 si è svolto il seminario tematico PO Fesr Sicilia: La Sicilia verso la specializzazione intelligente. Il ruolo dell innovazione nello scenario nella quale sono stati presentate alcune delle operazioni maggiormente significative in termini di innovazione tecnologica finanziate nell ambito dell obiettivo operativo 4.1 del PO. In breve, durante la giornata, a partire da una riflessione sulle operazioni finanziate dal PO sono stati introdotti gli elementi rilevanti che caratterizzeranno la nuova Strategia Regionale dell Innovazione. Il programma dei lavori ha previsto, inoltre, lo svolgimento di due tavole rotonde l ICT a supporto della crescita socioeconomica regionale, e Ricerca & Innovazione: metodi e strumenti per costruire percorsi di crescita intelligente e sostenibile alla quale hanno partecipato esperti provenienti dal mondo scientifico, rappresentanti di aziende del settore e giornalisti.

6 Il seminario si è svolto nei locali del Rettorato dell Università di Palermo e vi hanno partecipato oltre 200 persone. L organizzazione del seminario ha compreso la realizzazione del materiale informativo di supporto (Opuscolo, programma e cartella per i partecipanti), l allestimento della sala e i servizi di accoglienza, logistici e di ufficio stampa. 1.8 Partenariato della comunicazione In data 7 settembre 2012 è stato sottoscritto il nuovo Protocollo d Intesa per la costituzione del Partenariato della Comunicazione. Obiettivo del Partenariato è quello di creare una Rete informativa regionale destinata a garantire un informazione trasparente e accessibile sulle possibilità offerte dagli interventi strutturali, oltre che informare l opinione pubblica sul ruolo svolto dall'unione europea nella realizzazione degli interventi e sui risultati effettivamente conseguiti dal PO. Al marzo del 2013 i partner aderenti al protocollo ammontano a 42 tra enti, istituzioni e associazioni. 2 Modalità di attuazione del Piano di Comunicazione Relativamente alle iniziative di governance del Piano, necessarie all attuazione del Piano stesso, si comunicano di seguito le attività espletate nel corso degli ultimi 12 mesi. 2.1 Rete dei Referenti della comunicazione Nel mese di ottobre 2012 i referenti hanno partecipato a riunioni formative organizzate presso l AdG su aspetti legati alla pubblicazione dei contenuti (news e documenti connessi all attuazione del Programma) sulla nuova versione del sito euroinfosicilia.it. È stata realizzata e inviata ai referenti una Guida agli obblighi informativi del CE 1828 la cui redazione è stata curata dall UOB I e dall URP del Dipartimento della Programmazione. Nel mese di aprile 2013 è stato convocato un tavolo nella quale, con i referenti dipartimentali presenti, sono state stabilite le modalità di rilevazione inerenti le operazioni soggette a obblighi comunitari in tema di Targhe e cartelloni art. 8 Reg. CE Attuazione dei servizi di comunicazione del Piano La governance del Piano di Comunicazione è coordinata dall UOB I Servizi della Comunicazione assistita dal supporto delle risorse messe a disposizione dall AT. Per le azioni di Informazione e promozione è operativo, altresì, un gruppo di lavoro della Lowe Pirella Fronzoni che svolge l attività su indicazioni specifiche fornite periodicamente dall UOB I nell ambito delle riunioni periodiche organizzate presso l AdG (nel corso del 2012 si sono svolte nr. 10 riunioni operative, mentre, i singoli componenti del gruppo di lavoro, si sono interfacciati continuamente con l AdG sia in presenza che in remoto in tele-video conferenza). 3 Valutazione degli interventi informativi e pubblicitari L AdG, nell ambito degli interventi informativi e pubblicitari, ha commissionato la realizzazione di un indagine demoscopica (indagine telefonica in due wave) con il duplice obiettivo: 1. verificare il livello di diffusione della conoscenza del ruolo svolto dall UE nell ambito delle politiche di sviluppo locale e del ruolo dell Amministrazione regionale quale intermediario tra l UE ed il territorio, individuando i migliori canali e le più efficaci modalità per informare cittadini ed aziende; 2. misurare l efficacia del proprio operato e della propria attività di diffusione delle informazioni. I risultati sono stati raccolti nel documento La conoscenza del Ruolo della Regione Siciliana quale intermediario fra l UE ed il territorio - Indagine demoscopica sulla conoscenza del ruolo dell UE 6

7 quale finanziatore della Politica Regionale e sulla conoscenza degli ambiti di intervento del Programma Operativo FESR che sarà presentato al pubblico nel corso del 2013 e pubblicato integralmente nel sito Internet del Programma. Il riconoscimento del ruolo dell Unione Europea nell ambito dello sviluppo economico regionale, in crescita rispetto al 2009, è su livelli accettabili. Più di 8 intervistati su 10 lo hanno riconosciuto esplicitamente. Le aziende hanno mostrato livelli di conoscenza mediamente migliori rispetto ai cittadini, ma non quanto fosse auspicabile attendersi. L indicatore del livello di conoscenza delle aziende, si è attestato su un valore più alto di appena 4,6 punti percentuali (3,5% nella prima wave) rispetto a quello calcolato sul campione di cittadini. I Fondi di finanziamento attraverso i quali l Unione Europea persegue i propri obiettivi sono sconosciuti ai più. Soltanto il 5-6% di cittadini ha saputo indicare il F.E.S.R. e/o il F.S.E. ricordandone il nome spontaneamente (8-9% delle aziende). Sollecitando esplicitamente il ricordo del F.E.S.R. i suoi livelli di notorietà migliorano, raggiungendo quota 47% nei cittadini e 50,3% nelle aziende. Sta di fatto che coloro che hanno riconosciuto il F.E.S.R. come fondo di finanziamento (seppur dietro sollecito), sono poi stati in grado di indicare anche i suoi obiettivi tematici, facendo trasparire un discreto livello di informazione in materia di fondi, sviluppo economico regionale e Unione Europea: in media ciascun intervistato è stato in grado di indicare 4 obiettivi tematici diversi (5 per il campione di aziende). Anche il Ruolo di Gestore dei Fondi europei svolto dalla Regione siciliana è abbastanza riconosciuto sia presso i cittadini che presso le aziende. Hanno mostrato di essere informati oltre 7 intervistati su 10. Le iniziative finanziate dall Unione Europea, attraverso i fondi e condotte dalla Regione siciliana, sono state sufficientemente comunicate. I livelli medi di conoscenza si attestano attorno al 50%, cioè 1 intervistato su 2 ha dichiarato di conoscere queste iniziative. Il Ruolo della Regione siciliana, come mediatore fra l Unione Europea ed il territorio, assume maggiore rilevanza e si fa ancora più delicato se si pensa che cittadini e aziende hanno manifestato una sorta di dipendenza dall Unione Europea, sulla quale contano molto per sostenere lo sviluppo economico regionale. Il ricordo della pubblicità realizzata in passato è risultato basso, anche se in aumento rispetto a maggio Circa sei intervistati su dieci dichiarano di non aver mai visto pubblicità, mentre dei restanti quattro, tre non ricordano nulla e soltanto uno fornisce un qualche elemento di ricordo. Nella massa intricata di messaggi ed informazioni multimediali dell odierna comunicazione pubblicitaria ed in relazione alla tipologia (complessità) dei contenuti non poteva che essere così. I livelli di conoscenza del sito appaiono buoni, 12,1% dei cittadini e 18,0% delle aziende. I visitatori sono il 6,2% dei cittadini e il 11,0% delle aziende. Fra i visitatori i giudizi relativi ai diversi aspetti sono molto positivi, confermando un trend in crescita in una situazione di contesto già ampiamente soddisfacente. 7

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015)

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015) POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 Luglio 2015) 2 Informativa sull attuazione del Piano di Comunicazione (Punto

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione Allegato 1: prospetto del piano di comunicazione e misure di informazione e pubblicità Obiettivo Informare il Comitato di Sorveglianza Informare delle opportunità del FSE, rendere

Dettagli

Rilevazione finanziaria e fisica degli strumenti di informazione e pubblicità realizzati

Rilevazione finanziaria e fisica degli strumenti di informazione e pubblicità realizzati Rilevazione finanziaria e fisica degli strumenti di informazione e pubblicità realizzati 1. Campagne di comunicazione 1.A costo totale previsto 3.404.273 1.B costo totale impegnato 3.343.554 1.C costo

Dettagli

Architettura sito web PO FESR Sicilia 2007-2013

Architettura sito web PO FESR Sicilia 2007-2013 Architettura sito web PO FESR Sicilia 2007-2013 Albero dei contenuti NUOVA PROPOSTA top menu NOTE HP Reperibilità testi Documenti correlati Multimedia Contatti In questa sezione sarà implementato il form

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE

STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE Aprile 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG82U Studi

Dettagli

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR LA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 (Artt. 115-117 reg.to Comune) Strategia di Comunicazione entro 6 mesi dall adozione del POR e possibilità di una

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 Investiamo nel vostro futuro IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento Torino - 8-9 aprile 2015 L attività

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA Il sito di Arpa è il mezzo più utilizzato dall agenzia per rendere disponibile al pubblico le informazioni sui cem Attualmente il sito sui Cem (www.arpa.emr.it/cem)

Dettagli

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 VIII Comitato di Sorveglianza POR Calabria FSE 2007-2013 4 Dicembre 2014 Punto

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA Punto 6 odg Presentazione della Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020 per l approvazione Giovedi, 11 Giugno 2015 Ore 10.30 Piazza Gardone

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG82U Numero % sugli invii Invii 8.416 Ritorni 4.988

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

Piano di comunicazione

Piano di comunicazione ATTIVITÀ SVOLTE A partire dal gennaio 2005, le attività di comunicazione hanno subito una rapida accelerazione grazie all entrata a regime del contratto di comunicazione integrata stipulato con l ATI Republic-Renzi&Partners-National

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

PORTALE WEB DEL TURISMO

PORTALE WEB DEL TURISMO PORTALE WEB DEL TURISMO 1 Novembre 2006 OBIETTIVI L Assessorato al Turismo e Industria Alberghiera della Regione Puglia sta realizzando il portale web di promozione turistica. Il portale è uno strumento

Dettagli

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE VIII PIANO DI COMUNICAZIONE 1. ATTIVITÀ SVOLTE Nel corso del semestre luglio-dicembre 2005 sono state realizzate importanti attività inserite nel Piano Operativo di Comunicazione del PON Trasporti 2000/2006.

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Il disegno strategico 2. Alcune

Dettagli

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico Allegato n. 2 Fabbisogno Assistenza Tecnica AdG e AdC Fabbisogno di n. 26 esperti per l espletamento di attività di Assistenza tecnica indirizzata alla gestione, sorveglianza, valutazione, informazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 GARANTIRE LA VISIBILITÀ DELLA POLITICA DI COESIONE: NORME IN MATERIA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea

Dettagli

www.expobit.it expobit.3cube.it

www.expobit.it expobit.3cube.it www.expobit.it expobit.3cube.it Presentazione Expobit 2007 si svolgerà dal 22 al 25 novembre al Centro Fieristico Le Ciminiere di Catania. Sarà strutturata in tre dimensioni: :: Business :: Consumer ::

Dettagli

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Regione Siciliana PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Area Coordinamento, Comunicazione, Assistenza tecnica UOB I - Servizi della Comunicazione PO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE Una grande occasione per promuovere l azienda attraverso i valori del Giro d Italia. EMOZIONE, IMPEGNO, ENTUSIASMO, PASSIONE E GIOCO DI SQUADRA. Queste sono le principali caratteristiche

Dettagli

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 Paola Giorgi, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie Evento di lancio Por Fesr 14/20 Macerata, 25/03/2015 Le novità del POR Marche FESR

Dettagli

OQR TREND. Territori e Regioni insieme per lo sviluppo locale

OQR TREND. Territori e Regioni insieme per lo sviluppo locale OQR TREND Territoires et Régions ensemble pour le development local Territori e Regioni insieme per lo sviluppo locale Vincenzo Petruso Regione Siciliana - Ufficio Speciale per la Cooperazione Decentrata

Dettagli

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Regolamento (CE) No 1083/2006 Art. 69 1. Lo Stato membro e l Autorità di Gestione del programma operativo

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA POR 2000/2006. Palermo, Castello Utveggio 27 novembre 2008 SINTESI DELLE DECISIONI

COMITATO DI SORVEGLIANZA POR 2000/2006. Palermo, Castello Utveggio 27 novembre 2008 SINTESI DELLE DECISIONI Presidenza della Regione Siciliana Dipartimento regionale della Programmazione COMITATO DI SORVEGLIANZA POR 2000/2006 Palermo, Castello Utveggio 27 novembre 2008 SINTESI DELLE DECISIONI 1. Approvazione

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR EVENTI E CAMPAGNE INFORMATIVE PUBBLICAZIONI Ideazione e pianificazione di campagne, organizzazione di incontri sul territorio con il partenariato

Dettagli

Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE

Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE implementare l iden-tà visuale del POR- FESR e la riconoscibilità della sua azione e del valore aggiunto da

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 GLI ATTORI DELLA COMUNICAZIONE 1 MEDIA MODERNI, CONTEMPORANEI E UGC: il bombardamento

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Comitato di Sorveglianza

Comitato di Sorveglianza REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) DEL LAZIO 2007/2013 IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

PON Sicurezza & PON Legalità

PON Sicurezza & PON Legalità PON Sicurezza & PON Legalità Confronto tra i programmi per la legalità nella precedente e nell attuale programmazione dei Fondi Comunitari Parte I Il PON "Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza"2007-2013

Dettagli

Unione Europea M.P.I. Liceo Classico Umberto I Regione Siciliana

Unione Europea M.P.I. Liceo Classico Umberto I Regione Siciliana Unione Europea M.P.I. Liceo Classico Umberto I Regione Siciliana LICEO CLASSICO STATALE UMBERTO I -PALERMO SEDE DEL COORDINAMENTO DELLA RETE SICILIA 4B- SETTORE VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE BB.CC.AA.NN.

Dettagli

Task force locale presso la Regione Siciliana

Task force locale presso la Regione Siciliana Task force locale presso la Regione Siciliana DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA DEFINIZIONE DEL REGOLAMENTO AFFERENTE LA RETE REGIONALE DEI /DELLE REFERENTI INTERDIPARTIMENTALI DI PARI OPPORTUNITA Bozza di lavoro

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Forum PA 2010 Roma, 17 maggio 2010 Roma, 17 maggio 2010 Stato dell arte Roma, 17 maggio 2010 2 Il processo di rinnovamento del sito web Inps procede per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Emanuele Indirizzo Via del Ponte di Pantano, 25e Telefono 3299310050 Fax E-mail emanuele.morello@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

GARA INTERNAZIONALE DI HAMBURGER & STREET FOOD Settima Competizione Internazionale

GARA INTERNAZIONALE DI HAMBURGER & STREET FOOD Settima Competizione Internazionale GARA INTERNAZIONALE DI HAMBURGER & STREET FOOD Settima Competizione Internazionale EXPO 2015 MILANO 9 OTTOBRE 2015 Polistena Prot. N. 4099/C23 10/07/2015 AVVISO PUBBLICO Selezione per ricerca sponsor Avviso

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE MISSION Sapere per decidere, conoscere per orientare le scelte, informarsi per agire in modo corretto. In ogni settore, oggi è più che mai è necessario

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili. 2. Dirigente! Isabella Magnani. 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli

1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili. 2. Dirigente! Isabella Magnani. 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli [65] 1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili 2. Dirigente! Isabella Magnani 3. Account! Paolo Angelini 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli 5. Referente sito web! Elena Malfatti I.

Dettagli

1. Servizio / Ufficio! Sistema Educativo, Formativo e Politiche del Lavoro/Infanzia, Istruzione e Sport. 2. Dirigente! Annamaria Diterlizzi

1. Servizio / Ufficio! Sistema Educativo, Formativo e Politiche del Lavoro/Infanzia, Istruzione e Sport. 2. Dirigente! Annamaria Diterlizzi [9] 1. Servizio / Ufficio! Sistema Educativo, Formativo e Politiche del Lavoro/Infanzia, Istruzione e Sport 2. Dirigente! Annamaria Diterlizzi 3. Account! Fabrizio Bronzetti 4. Referente per la comunicazione!

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Piano di Comunicazione del Quadro Comunitario di Sostegno 2000-2006 per le Regioni italiane dell Obiettivo 1

Piano di Comunicazione del Quadro Comunitario di Sostegno 2000-2006 per le Regioni italiane dell Obiettivo 1 Piano di Comunicazione del Quadro Comunitario di Sostegno 2000-2006 per le Regioni italiane dell Obiettivo 1 Versione aggiornata Gennaio 2006 INDICE PREMESSA... 3 1. OBIETTIVI... 4 2. QUADRO NORMATIVO

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

Presentazione. www.e-development.it

Presentazione. www.e-development.it Presentazione Progetto Editoriale è un luogo d incontro e confronto tra manager e imprenditori per creare una nuova cultura d impresa. è una vetrina a disposizione delle imprese per comunicare un progetto,

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

Obblighi di informazione e pubblicità

Obblighi di informazione e pubblicità Allegato A al Decreto n. 04 del 17 maggio 2016 pag. 1/17 PSR Veneto 2014-2020 Obblighi di informazione e pubblicità Linee Guida per i beneficiari 1 Allegato A al Decreto n. 04 del 17 maggio 2016 pag. 2/17

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

SUPERCONDOMINIO COMPRENSORIO MILANOTRE 20080 Basiglio (MI) Via Manzoni s.n.c. Tel. Fax. 02/90751429

SUPERCONDOMINIO COMPRENSORIO MILANOTRE 20080 Basiglio (MI) Via Manzoni s.n.c. Tel. Fax. 02/90751429 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELL IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI PROMOZIONE E RILANCIO DEL TERRITORIO DI MILANO3 PER L ANNO 2015 Comitato Comprensoriale & Amministrazione Comprensoriale

Dettagli

APPRENDISTATO SCHEMA DI PROGETTO

APPRENDISTATO SCHEMA DI PROGETTO APPRENDISTATO TO SCHEMA DI PROGETTO aprile 2003 ANALISI DI SCENARIO OBIETTIVI E TARGET-GROUPS 1 - ANALISI DI SCENARIO: L APPRENDISTATO IN PIEMONTE L APPRENDISTATO IN PIEMONTE Il Piemonte è una delle prime

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DEL PON CITTA METROPOLITANE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DEL PON CITTA METROPOLITANE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CITTÀ METROPOLITANE 2014-2020 (CCI 2014IT16M2OP004) STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DEL PON CITTA METROPOLITANE ex art. 116 del regolamento (UE) n. 1303/2013 Versione presentata

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Introduzione La comunicazione nei progetti finanziati dalla Commissione europea svolge sempre un ruolo rilevante in

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

Gli STATI GENERALI del PIANO CASA

Gli STATI GENERALI del PIANO CASA Dagli organizzatori del Piano Casa Tour 2010 l Evento finale di sintesi In collaborazione con Gli STATI GENERALI del PIANO CASA Patrocinato da ROMA 22 marzo 2011 OPZIONI DI PARTECIPAZIONE E COMUNICAZIONE

Dettagli

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Categoria 3 85 Scheda del progetto Comune di Magenta Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Progetto di rinnovamento sito

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione Piano della comunicazione- Allegato 2 Strumenti utili alla comunicazione 1. Strumenti relativi alle azioni di promozione Linea grafica coordinata Una prima esigenza da soddisfare è quella di dare organicità

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

AIPCR PER LE UNIVERSITA D ITALIA 2014

AIPCR PER LE UNIVERSITA D ITALIA 2014 CONCORSO NAZIONALE AIPCR AIPCR PER LE UNIVERSITA D ITALIA 2014 Per tesi di laurea specialistica su tematiche attinenti la viabilità stradale Il Comitato Nazionale Italiano dell Associazione Mondiale della

Dettagli

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali Quadro di confronto tra le attività di tempo libero praticate negli anni Attività del tempo libero praticante almeno una volta nei tre mesi precedenti all'intervista

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa In collaborazione con l iniziativa edilportale tour 2010 PIANO CASA le istituzioni viaggiano in ordine sparso Con questa iniziativa intendiamo fare il punto della situazione operando un monitoraggio dell

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

Comunicare Domani. Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008. Milano, 26 giugno 2008

Comunicare Domani. Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008. Milano, 26 giugno 2008 Comunicare Domani Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008 Milano, 26 giugno 2008 Il mercato della comunicazione in Italia Le previsioni per il 2008 e la vision di AssoComunicazione

Dettagli