Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio"

Transcript

1 Presidente: Assessore all Ambiente: A cura della: Direttore Centrale: Coordinamento: Supporto tecnico e redazionale: On. Ombretta Colli Luigi Cocchiaro Direzione centrale ambiente Vincenzo Imparato Luca Raffaelli Fabrizio Strambi, Andrea Zelioli Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio Giovanni Pietro Beretta, Roberta Pellegrini Questa pubblicazione è frutto della convenzione in atto tra la Provincia di Milano e l Università degli Studi di Milano 2003 by Provincia di Milano

2 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE DI ELEMENTI E COMPOSTI DA DETERMINARE ANALITICAMENTE NELLA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI INDICE 1. PREMESSA LA RICOSTRUZIONE DELLE CARATTERISTICHE DI UN SITO NELLA NORMATIVA NAZIONALE RACCOLTA E SISTEMATIZZAZIONE DEI DATI ESISTENTI CARATTERIZZAZIONE DEL SITO E FORMULAZIONE PRELIMINARE DEL MODELLO CONCETTUALE PIANO DI INVESTIGAZIONE INIZIALE SCHEMI OPERATIVI PER LA SELEZIONE DEGLI ANALITI BIBLIOGRAFIA APPENDICE 1 POTENZIALI COMPONENTI PERICOLOSI DI PRODOTTI DOMESTICI APPENDICE 2 POTENZIALI SORGENTI DI CONTAMINAZIONE DELLE ACQUE SOTTERRANEE APPENDICE 3 ESEMPIO DI ELENCO DI PARAMETRI DA ANALIZZARE IN RELAZIONE ALLE ATTIVITA APPENDICE 4 ESEMPIO DI LISTA STANDARDIZZATA DI RILEVAZIONI APPENDICE 5 ESEMPIO DI ANALITI DA RICERCARE NEL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO SULLA BASE DEL D.M. 471/99 E DELLA NORMATIVA IPPC APPENDICE 6 ESEMPIO DI ANALITI DA RICERCARE NELLE ACQUE SOTTERRANEE SULLA BASE DEL D.M: 471/99 E DELLA NORMATIVA IPPC 1

3 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 1. PREMESSA Nell ambito della caratterizzazione dei siti contaminati, secondo quanto previsto dal D.M. 471/99, si deve definire una lista degli analiti da determinare in laboratorio, al fine di descrivere la qualità ambientale del sito ed eventualmente provvedere ad interventi per ripristinarla laddove risulti compromessa. Numerosi infatti sono gli elementi e i composti riscontrabili, tra i quali migliaia di composti organici di sintesi. Una dettagliata lista degli analiti da prendere in considerazione permette di conoscere meglio i rischi ambientali e di progettare gli interventi di bonifica o di bonifica con misure di sicurezza, infatti, una corretta definizione dei protocolli analitici risulta la chiave di volta di ogni intervento di indagine e di successiva bonifica, costituendo altresì un elemento fondamentale per considerare affidabile e rappresentativa qualunque procedura di verifica effettuata con il metodo dell'analisi di rischio. D altra parte la produzione dei dati sperimentali si rivela molto spesso onerosa e peraltro da assoggettare a procedure di assicurazione e controllo di qualità, nonché a validazione da parte degli enti di controllo. L obiettivo delle seguenti linee-guida è quindi quello di meglio orientare la selezione degli elementi e composti da determinare, fornendo indicazioni di sintesi che possono essere in primo approccio utilizzate dagli operatori. A tale scopo la Provincia di Milano ha già da tempo progettato e reso disponibile online sul sito il software VICTORIA realizzato mettendo a frutto le esperienze maturate in questi anni nel campo delle indagini di caratterizzazione in siti industriali ed aree dismesse, unitamente ad un dettagliato ed approfondito lavoro di sintesi dei dati e delle informazioni reperite in bibliografia nazionale ed internazionale. In accordo con le procedure di definizione del piano di caratterizzazione, indicate nell'allegato 4 DM 471/99, VICTORIA è stato ideato al fine di costituire uno strumento propedeutico alla definizione dell'elenco delle sostanze potenzialmente presenti in un sito oggetto di indagine, in relazione alle attività produttive in atto o pregresse, o viceversa, conoscendo le sostanze che causano problemi ambientali, permette di risalire alle industrie che le utilizzano, sia come materia prima che prodotto intermedio o finale. Per ogni singola sostanza viene resa disponibile la scheda di sicurezza e di etichettatura internazionale, nonchè, consultabile in formato HTML, la guida ai rischi derivanti dall'uso. Viene inoltre fornito il codice identificativo internazionale (CAS Number), utile al fine di effettuare ulteriori ricerche in banche dati internazionali, (vedi Link), e le CMA riportate dalla normativa italiana (DM 471/99). Al fine di una migliore previsione dei meccanismi di propagazione della contaminazione eventualmente in atto e delle matrici ambientali più impattate, vengono anche fornite alcune indicazioni relative alle caratteristiche chimico-fisiche dei composti considerati, quali il range di solubilità, il peso specifico relativo e la classe di volatilità definita in base al punto di ebollizione. 2

4 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati Una sezione specifica è dedicata all'industria petrolchimica. In tale sezione, partendo dalle materie prime di base ed intermedie, è possibile definire le varie applicazioni delle sostanze di derivazione petrolchimica, e viceversa. Nella definizione di sostanze potenzialmente presenti in un sito sottoposto a caratterizzazione, svolge un ruolo molto importante la ricostruzione delle sue caratteristiche sulla base dei dati e della documentazione disponibile. All interno di un sito si potranno quindi trovare fonti di inquinamento attivo: sorgenti primarie di contaminazione: sono costituite da strutture in grado di produrre direttamente la contaminazione di matrici ambientali, quali serbatoi, linee di trasferimento, stoccaggi di materie prime, fognature, scarichi, etc.; sorgenti secondarie di contaminazione: sono costituite da accumuli di rifiuti, sversamenti accidentali, etc, che si sono succedute nel tempo e di cui mancano notizie storiche oppure si hanno solo dati approssimativi. La ricostruzione storica degli impianti e degli eventi accaduti in insediamenti produttivi che svolgono la loro attività da decine di anni, durante i quali si sono succedute diverse produzioni delle quali si hanno generalmente notizie approssimative, appare molto complicata. Inoltre per alcune aree dimesse non è possibile acquisire documentazione storica. Tuttavia un sito, oltre agli inquinanti da esso stesso prodotti, potrà essere soggetto anche ad inquinanti provenienti dall ambiente esterno e trasportati dall aria o dalle acque superficiali e sotterranee. In un area dove non si sono svolte attività potenzialmente inquinanti, si potranno quindi trovare matrici ambientali contaminate in modo indiretto; tali aree risultano quindi sottoposte ad un inquinamento passivo. Nella predisposizione degli analiti da ricercare si dovrà tenere conto di tutti questi elementi. Gli schemi che sono di seguito illustrati servono come orientamento generale; devono essere quindi confrontati con le informazioni sulle caratteristiche precipue del sito per essere opportunamente integrati. Si ringrazia il dott. Daniele Matteucci della ditta Tecnologie d Impresa per la collaborazione prestata nella stesura delle parti relative al confronto tra possibili inquinanti da ricercare e attività produttive connesse, sulla base della normativa IPPC. 3

5 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 2. LA RICOSTRUZIONE DELLE CARATTERISTICHE DI UN SITO NELLA NORMATIVA NAZIONALE Il D.M. del 25 ottobre 1999, n.471 definisce una serie di elementi utili per la caratterizzazione del sito contaminato, le cui linee essenziali sono di seguito riportate. Il Piano della caratterizzazione descrive dettagliatamente il sito e tutte le attività che si sono svolte o che ancora si svolgono; individua le correlazioni tra le attività svolte e tipo, localizzazione ed estensione della possibile contaminazione; descrive le caratteristiche delle componenti ambientali sia all interno del sito che nell area da esso influenzata; descrive le condizioni necessarie alla protezione ambientale e alla tutela della salute pubblica; presenta un piano delle indagini da attuare per definire tipo, grado ed estensione dell inquinamento. 2.1 Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti Al fine di descrivere accuratamente il sito in esame e raccogliere la documentazione necessaria ad impostare ulteriori indagini, si devono svolgere accertamenti documentali, ispezioni sul sito e sull'area esterna che possa essere interessata dalla contaminazione. Per avviare lo studio delle caratteristiche del sito e della possibile contaminazione, devono essere raccolti tutti i dati e le informazioni già esistenti: la documentazione deve essere raccolta a carico del responsabile della progettazione, organizzata ed analizzata in accordo con i tecnici delle autorità competenti, in modo da corrispondere ai criteri e agli elaborati richiesti per la redazione del Piano della caratterizzazione. Sulla base della tipologia del sito, le informazioni e la documentazione da raccogliere per la progettazione comprendono: tipologia del sito, ad esempio area industriale dismessa, discarica illegale, area industriale in attività, sversamento; mappatura dettagliata dell'area e localizzazione del sito; cartografia storica; uso del sito attuale e destinazione d'uso prevista dagli strumenti urbanistici; atti amministrativi e giudiziari riguardanti il sito; planimetria degli edifici, impianti produttivi e infrastrutture, sia presenti che smantellati; 4

6 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati tipologia ed elenco completo di materiali e sostanze utilizzati per le lavorazioni, riferita al periodo completo delle attività che hanno avuto luogo sull'area, ed in particolare: zone di accumulo dei materiali (liquidi e solidi) sia superficiali che interrate; impianti e infrastrutture sotterranee (quali fognature, tubature, reti di distribuzione); discariche presenti nell area, con presentazione dettagliata dei dati quali: tipo e volume dei rifiuti, condizioni di impermeabilizzazione e copertura, presenza di percolato, di emissioni gassose, danni alla vegetazione; descrizione dettagliata di tutte le attività (produttive, di stoccaggio, raccolta rifiuti, militari, minerarie,..) svolte sull'area e degli impianti annessi; descrizione e mappatura delle attività di trasporto e delle zone di carico e scarico di prodotti e merci; descrizione e mappatura di eventuali accumuli di rifiuti, con presentazione dettagliata di dati quali: tipo di rifiuti, condizioni di impermeabilizzazione e ricoprimento, presenza di percolato, di emissioni gassose, danni alla vegetazione; elenco dei materiali impiegati nelle diverse attività e classificazione della loro pericolosità e tossicità; indicazione dell'intervallo temporale di uso degli impianti destinati alle diverse attività o delle attività di discarica; tempi di dismissione dei singoli impianti e/o fabbricati presenti; elenco del tipo e quantità dei rifiuti e materiali da dismettere; valutazione del fatto che la dismissione comporti produzione di rifiuti pericolosi; materiale integrativo relativo al sito e all area circostante interessata; consultazione della letteratura scientifica rilevante per lo specifico problema di contaminazione ipotizzato. Le informazioni riferite al sito dovranno essere corredate dalla caratterizzazione dell ambiente circostante e del territorio mediante: caratterizzazione dettagliata geologico-stratigrafica, idrogeologica del sito e dell area influenzata dal sito; analisi della presenza di pozzi e prelievi di acque sotterranee e relativa cartografia; descrizione dei corpi idrici superficiali; descrizione degli ambienti naturali; serie storiche di rilievi aerofotogrammetrici; 5

7 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati analisi delle cartografie storiche; analisi della distribuzione della popolazione residente e delle altre attività antropiche; descrizione delle reti viarie, ferroviarie, e delle principali vie di trasporto; risultati di analisi svolte sulle acque sotterranee, superficiali, sugli ecosistemi dell area influenzata dalle caratteristiche del sito. In riferimento ai campionamenti ed alle analisi chimico-fisiche, o di altro tipo, svolte sul sito prima della presentazione del progetto preliminare, che hanno portato all accertamento del superamento dei valori di concentrazione limite accettabili indicati nell Allegato 1, tra cui anche le analisi a carico dell autorità competente che hanno portato all inserimento del sito nell Anagrafe dei siti da bonificare, dovranno anche essere fornite le seguenti informazioni: descrizione del metodo di campionamento, localizzazione dei punti e descrizione sintetica delle metodiche analitiche; risultati delle analisi chimico-fisiche e di ogni altro tipo già effettuate sul sito; mappatura dei punti di prelievo e delle concentrazioni rilevate. Deve essere inoltre fornita una descrizione dettagliata delle attività svolte sul sito, per definire la lista delle sostanze che sono state impiegate nei cicli produttivi o che hanno accompagnato la produzione, e la lista dei rifiuti prodotti; la precisa definizione degli impianti presenti, o che hanno insistito sull'area, è necessaria per formulare ipotesi sulla localizzazione di possibili perdite, sversamenti, rotture, che possono avere generato l'accumulo sul/nel suolo di sostanze contaminanti. Nel caso di aree di discarica dovranno essere definiti o stimati: la composizione dei rifiuti, il volume dei materiali, le condizioni di stoccaggio e ogni altro elemento necessario a definire le sostanze potenzialmente presenti nel sito, le possibili vie di migrazione nell'ambiente e di esposizione per la popolazione. Le informazioni raccolte in questa fase costituiscono la base per i requisiti della successiva investigazione, per il piano delle analisi chimico-fisiche e per l'analisi del rischio di contaminazione. Questi elementi sono indispensabili per impostare un piano di monitoraggio che orienti la selezione dei punti di campionamento nei luoghi a maggior probabilità di contaminazione, inoltre sono fondamentali per impostare un piano di analisi che si concentri sulle sostanze che più probabilmente costituiscono, nel caso specifico, un rischio. 6

8 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 2.2 Caratterizzazione del sito e formulazione preliminare del Modello Concettuale Ai fini di una progettazione che rispetti i criteri di qualità, è fondamentale la definizione del Modello Concettuale del sito: con questo vengono infatti descritte le caratteristiche specifiche del sito in termini di fonti della contaminazione; grado ed estensione della contaminazione del suolo, del sottosuolo, delle acque superficiali e sotterranee del sito e dell ambiente da questo influenzato; percorsi di migrazione dalle sorgenti di contaminazione ai bersagli ambientali ed alla popolazione. Il modello concettuale deve permettere di individuare nel dettaglio le caratteristiche di impianti e strutture presenti nel sito, le caratteristiche dei rifiuti e le modalità dello stoccaggio e definire in che misura possono aver generato inquinamento di suolo, sottosuolo, materiali inerti, acque sotterranee e superficiali. Questa schematizzazione del sito è la base per: la definizione degli obiettivi di bonifica, la formulazione del Progetto, la valutazione del rischio e la selezione delle eventuali misure di sicurezza permanente. In questa sezione si richiede la formulazione preliminare del modello concettuale sulla base dei dati raccolti nella sezione precedente. In seguito, con l integrazione dei risultati delle analisi chimicofisiche e di altro tipo realizzate durante la fase di campionamento, indagini ed analisi, verrà formulato un modello concettuale definitivo. Il sito deve essere descritto dettagliatamente, organizzando le informazioni raccolte nella sezione precedente, in modo da stabilire i possibili effetti dell attività svolta sul sito o dei rifiuti stoccati e permettere di individuare: le possibili fonti della contaminazione, presenti o passate, quali ad esempio suolo contaminato, rifiuti interrati, accumuli di rifiuti, perdite da tubature, serbatoi perdenti, polveri; le sostanze contaminanti probabilmente presenti nelle componenti ambientali influenzate dal sito; la tossicità delle sostanze presenti, le loro caratteristiche chimico-fisiche rilevanti, quali solubilità, volatilità, biodegradabilità, biodisponibilità; le caratteristiche dominanti dell'ambiente con cui il sito interagisce, quali tipo di acquifero superficiale, profondità dell'acquifero principale, vicinanza di corsi d'acqua, caratteristiche meteoclimatiche; la presenza di pozzi nel sito o nell'area circostante, e gli usi delle acque prelevate; gli elementi territoriali rilevanti, quali distribuzione e densità di popolazione nell'area circostante, vicinanza di elementi sensibili quali scuole ed ospedali; le possibili vie di esposizione dei bersagli possibili. 7

9 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati L obiettivo è quello di raccogliere tutti gli elementi che servono a definire: l estensione dell area da bonificare; i volumi di suolo contaminato; le caratteristiche rilevanti dell ambiente naturale e costruito; il grado di inquinamento delle diverse matrici ambientali; le vie di esposizione e le caratteristiche della popolazione su cui possono manifestarsi gli effetti dell inquinamento. Parte integrante del modello concettuale del sito è la definizione delle caratteristiche idrogeologiche degli acquiferi superficiali e profondi, in quanto possibili veicoli della contaminazione (direzione e velocità dei flussi, conducibilità idraulica, permeabilità...). Nel caso di rifiuti stoccati, il Piano della caratterizzazione deve definire precisamente quali sono le indagini necessarie a definire la tipologia, la tossicità, l estensione dei rifiuti stoccati e a ricostruire la storia delle attività svolte sul sito; questa descrizione è la base per definire, nel progetto preliminare, la necessità di procedere con interventi di Messa in sicurezza permanente. I rapporti esistenti tra l inquinamento presente sul sito e le caratteristiche dell ambiente naturale o costruito devono essere dettagliatamente esplicitati nella relazione che accompagna il piano della caratterizzazione, per individuare tutti i percorsi di migrazione delle sostanze inquinanti. A tal fine si richiede la rappresentazione in mappe tematiche; infatti questa elaborazione costituisce la base per la definizione di un accurato piano di monitoraggio e per la valutazione del rischio per la salute pubblica e per l'ambiente causato dall inquinamento del sito. 2.3 Piano di investigazione iniziale Per poter valutare in modo esauriente il rischio di inquinamento per l ambiente naturale e per il territorio urbanizzato ed il danno per la salute pubblica, dovranno essere condotte analisi del suolo, sottosuolo, acque sotterranee e superficiali e delle componenti ambientali che possono essere state interessate dalla migrazione delle sostanze presenti nella sorgente di contaminazione. Il piano di investigazione iniziale è mirato a: verificare, sulla base delle ipotesi formulate nelle sezioni I.1 e I.2 dell Allegato 4 del D.M. 471/99, l effettivo inquinamento generato da singoli impianti, strutture e rifiuti stoccati nelle diverse matrici ambientali; individuare le fonti di ogni inquinamento, tra cui impianti dismessi, impianti in attività, rifiuti stoccati o suolo contaminato; definire, confermare ed integrare i dati relativi alle caratteristiche geologiche, idrogeologiche, pedologiche, idrologiche del sito e ad ogni altra componente ambientale rilevante per l area interessata; 8

10 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati definire accuratamente l estensione e le caratteristiche dell inquinamento del suolo, del sottosuolo, dei materiali di riporto, delle acque sotterranee e superficiali e delle altre matrici ambientali rilevanti. Nel piano di investigazione devono essere definiti: la localizzazione dei punti ed i metodi di campionamenti di suolo, sottosuolo, materiali inerti o di riporto, acque sotterranee e superficiali per l area del sito e l area circostante che si ritiene interessata dall inquinamento presente nel sito; la profondità di perforazioni e prelievi; eventuali altre componenti ambientali analizzate; la lista delle sostanze da analizzare; le metodologie delle analisi chimicofisiche e di tutte le altre indagini e analisi che siano ritenute necessarie a caratterizzare la presenza e la diffusione dei contaminanti ed il loro impatto sull ambiente circostante e sulla popolazione; punti e metodologie di campionamento adottate per confermare la caratterizzazione ambientale, in particolare geologica, idrogeologica e idrologica del sito e dell area esterna interessata dai fenomeni di contaminazione. La scelta dell area oggetto dell investigazione deve comprendere il sito inquinato ed una porzione di territorio esterna definita, sulla base del modello concettuale del sito, in funzione della mobilità degli inquinanti nelle matrici ambientali interessate, delle caratteristiche idrogeologiche e meteoclimatiche del territorio e delle possibili vie di esposizione per i bersagli della contaminazione. La scelta dei punti e delle modalità di campionamento dipende strettamente dalle valutazioni espresse in merito alla possibile contaminazione generata dal sito e all'estensione dei fenomeni di migrazione verso altre componenti ambientali o bersagli. Come indicato nell Allegato 2, non è possibile ipotizzare che il campionamento segua rigidamente metodi statistici, poiché può risultare più accurato ed economicamente conveniente localizzare i punti di campionamento del monitoraggio iniziale nelle zone che presentano criticità in dipendenza dell'organizzazione delle attività produttive, quali ad esempio accumuli di rifiuti, zone di carico/scarico, percorsi delle tubature, serbatoi interrati, o delle modalità di stoccaggio, discariche non impermeabilizzate, accumuli non coperti. Analogamente la lista delle sostanze da analizzare, e la possibile selezione di sostanze indicatrici, dipende dalla completezza raggiunta nella descrizione delle attività svolte sul sito. Al fine dell approvazione del Piano della caratterizzazione, l autorità competente valuta la qualità delle informazioni e dei dati relativi al sito. Questa valutazione si basa su analisi, elaborazione e valutazione delle informazioni e dei dati presentati nel Piano e sintetizzati nella formulazione del modello concettuale del sito e deve definire: 9

11 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati la completezza dei materiali, cartografia, dati, fatti e conoscenze raccolti; se, in base alle informazioni messe a disposizione, è stato fornito un adeguato modello concettuale del sito; il potenziale di contaminazione derivante dagli usi che hanno insistito sul sito; la necessità di integrare le informazioni specifiche per il sito con la descrizione del territorio in termini di componenti ambientali e caratteristiche urbanistiche, ai fini di stabilire la possibilità di migrazione della contaminazione, le vie di esposizione per la popolazione, la vicinanza dei bersagli e l'urgenza degli interventi di bonifica; se il piano di monitoraggio e analisi proposto è adeguato agli obiettivi di caratterizzazione della contaminazione necessaria a stabilire tutti gli interventi atti a proteggere l ambiente e la salute pubblica. Questa valutazione preliminare si conclude con la decisione dell'autorità competente in merito alla necessità di: 1. approfondire le indagini, per quanto riguarda la raccolta di ulteriori informazioni, documenti o materiali, o di un approfondimento nella descrizione del sito in esame; 2. attuare ulteriori interventi di messa in sicurezza per limitare l'impatto del sito sull'ambiente e il rischio per la salute pubblica. Nel rispetto dei criteri, dei vincoli, delle integrazioni e delle indicazioni stabilite dall autorità competente con l approvazione del Piano della caratterizzazione, il responsabile dovrà: eseguire il campionamento, le indagini previste e le analisi; valutare i risultati delle analisi e di ogni tipo di indagine; realizzare la mappatura dell estensione e grado della contaminazione per le principali sostanze contaminanti o per i rifiuti eventualmente interrati, con l indicazione dei ricettori potenziali o attuali dell inquinamento; evidenziare le vie di migrazione degli inquinanti nelle diverse matrici ambientali potenzialmente impattate dagli inquinanti presenti nel sito e le vie di esposizione attraverso le quali i bersagli possono essere raggiunti; La Relazione Descrittiva delle attività di investigazione iniziale deve contenere almeno: Risultati delle attività del piano di campionamento ed analisi, con indicazione delle eventuali non conformità ed azioni correttive effettuate rispetto a quanto approvato dall autorità competente; 10

12 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati Descrizione dei risultati delle eventuali indagini geognostiche, geofisiche e delle componenti ambientali del sito e dell area interessata; Descrizione dei risultati di ogni altra indagine, di tipo diretto o indiretto, svolta su altre componenti ambientali del sito e dell area interessata; Descrizione del tipo e grado di inquinamento, per ciascuna delle sostanze analizzate, per ogni componente ambientale rilevante; Descrizione dei metodi adottati per definire estensione e grado dell inquinamento. Gli Elaborati da allegare alla relazione delle attività di investigazione iniziale comprendono: a. Risultati delle indagini geognostiche, geofisiche e di ogni altro tipo di indagine o campionamento svolti sul sito e nell area interessata (preferibilmente 1:500 1:1.000); b. Risultati delle analisi di laboratorio; c. Mappatura dell inquinamento del suolo, sottosuolo, materiali inerti o di riporto e acque di falda, con individuazione del pennacchio di contaminazione e dei punti a maggior concentrazione (preferibilmente 1:500 1:1.000), per tutta la profondità interessata dai fenomeni di inquinamento; d. Mappatura dell inquinamento di ogni altra componente ambientale, quali acque superficiali, polveri (preferibilmente 1:500 1:1.000). 11

13 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 3. SCHEMI OPERATIVI PER LA SELEZIONE DEGLI ANALITI Per formulare sinteticamente un elenco degli inquinanti attesi per le matrici ambientali suolo, sottosuolo e acque sotterranee, si è fatto riferimento a diversi approcci esistenti in letteratura e appositamente predisposti, anche sulla base delle normative attualmente in vigore a livello nazionale e comunitario. Innanzitutto si è verificata la presenza di composti inquinanti rispetto alle attività svolte sul territorio che possono determinare situazioni di contaminazione, con particolare riferimento alle acque sotterranee. La tabella riportata in Appendice 1 si riferisce ai potenziali componenti pericolosi presenti in composti domestici. La tabella riportata in Appendice 2 è invece relativa alle potenziali sorgenti di contaminazione delle acque sotterranee, suddivise in naturale, agricola, residenziale, strutture pubbliche, commerciali e industriali. Sulla base di un primo confronto tra le sostanze utilizzate nelle attività produttive e le sostanze normate all interno del D.M. 471/99 è stata proposto dall Istituto Superiore di Sanità uno schema di approccio che viene consigliato per grandi categorie di insediamenti industriali secondo quanto è indicato nella tabella dell Appendice 3. In alcuni siti di interesse nazionale, come ad esempio per il sito di Napoli orientale, è stata elaborata (da I.S.S. ed ARPAC) una lista di analiti di riferimento, denominata comunemente short list, da utilizzare in caso non si disponga di sufficienti elementi di riferimento che possano correlare le attività svolte con gli inquinanti attesi nelle diverse matrici ambientali. Questa short list è illustrata nella tabella riportata nell Appendice 4. Infine, considerando i contenuti tecnici della normativa nazionale IPPC (D.Lgs. 372/99 e D.M. 23 novembre 2001), in attuazione della Direttiva Comunitaria, viene proposto nelle tabelle delle Appendici 5 e 6 un elenco delle attività produttive e delle relative potenziali sostanze contaminanti normate dal D.M. 471/99 da ricercare rispettivamente nel suolo, sottosuolo e nelle acque sotterranee. 12

14 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati BIBLIOGRAFIA Repubblica Italiana (1999a) Attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrata dell inquinamento. D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 372, G.U. del 26 ottobre 1999, n. 252 Serie generale, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma. Repubblica Italiana (1999b) Regolamento recante criteri, procedure e modalità di messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati, ai sensi dell articolo 17 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modificazioni e integrazioni. D.M. del 25 ottobre 1998, n. 471, Ministero dell Ambiente, G.U. del 15 dicembre 1999, n. 293 Serie generale, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma Repubblica Italiana (2002) Dati formato e modalità della comunicazione di cui all art. 10, comma 1 del decreto legislativo 4 agosto 1999, n D.M. del 23 novembre 2001, Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, G.U. del 13 febbraio 2002, S.O. al n. 37, Serie generale, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma U.S. Environmental Protection Agency (1993) Wellhead Protection: A Guide for Small Communities. Office of Research and Development-Office of Water, EPA/625/R-93/002, Washington D.C. 13

15 APPENDICE 1 - Potenziali componenti pericolosi di prodotti domestici (da U.S. Environmental Protection Agency, 1993) Prodotto Antigelo (benzina e sistemi refrigeranti) Fluidi di trasmissione automatica Batterie Sgrassanti per pavimenti e garage Sgrassanti per macchine e materiali Flussi da macchine e radiatori Fluidi idraulici (fluidi per freni) Oli per motori e residui di oli Benzine e combustibili Gasolio, kerosene, oli combustibili Grassi, lubrificanti Antiruggine Detergenti per vetture Sostanze per pulizia vetture Asfalti e sigillanti a base catramosa Pitture, vernici, coloranti Pitture e diluenti Pitture e solventi per vernici, sostanze per togliere lucido Smacchianti Trattamento striature di pavimenti e mobili Pulizia metalli Composto tossico o nocivo Metanolo, glicole etilenico Derivati del petrolio, xilene Acido solforico Derivati del petrolio, alcool, glicole etilenico Solventi clorurati, toluene, fenoli, dicloro-percloroetilene Solventi organici, chetoni, butanolo, glicole etilenico Idrocarburi, fluorocarburi Idrocarburi Idrocarburi Idrocarburi Idrocarburi Fenoli, metalli pesanti Alchibenzene sulfonati Derivati dal petrolio, idrocarburi Idrocarburi Metalli pesanti, toluene Acetone, benzene, toluene, butilacetato, metolchetoni Cloruro di metilene, toluene, acetone, xilene, etanolo, benzene, metanolo Idrocarburi, toluene, acetone, metanolo, glicole etilenico, metil alchilchetone Xilene Derivati del petrolio, isopropanolo, nafta 14

16 Prodotto Rimozione di sporco e smacchianti Altri solventi Sali Refrigeranti Rimozione di detriti e catrame Pulizia della casa Pulizia di tubazioni Pulizia di toilette Pulizia di fosse settiche Disinfettanti Pesticidi Composti chimici per la fotografia Inchiostri Conservanti del legno (creosoto) Pulizia di piscine Soda caustica e liscivia Pulizia di gioielli Composto tossico o nocivo Idrocarburi, benzene, tricloroetilene, 1,1,1-tricloroetano Acetone, benzene Concentrazione di sodio 1,1,2-tricloroetano, 1,2,2-trifluoroetano Xilene, derivati dal petrolio Xilene, glicole etilenico, isopropanolo 1,1,1-tricloroetano Xilene, sulfonati, fenoli clorurati Tetracloroetilene, diclorobenzene, cloruro di metilene Cresolo, xilenoli Naftalene, fosforo, xilene, cloroformio, metalli pesanti, solventi clorurati Fenoli, solfito di sodio, cianuri, alogenuri di ferro, bromuro di potassio Metalli pesanti, fenolo, formaldeide Pentaclorofenolo Ipoclorito di sodio Idrossido di sodio Cianuro di sodio 15

17 APPENDICE 2 - Potenziali sorgenti di contaminazione delle acque sotterranee (da U.S. Environmental Protection Agency, 1993) Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Naturale Rocce e suoli Acqua contaminata Materia organica in putrefazione Gas radioattivi di origine geologica Eventi e complessi idrogeologici Contaminanti estetici: Ferro e ferro-batteri; manganese; calcio e magnesio (durezza dell acqua) Contaminanti per la salute umana e per l ambiente: Arsenico, amianto, metalli, cloruri, fluoruri, batterisolfato riduttori e altri microrganismi Eccessi valori di sodio, batteri, virus e acque acide. Batteri Radionuclidi (radon, ecc.) Intrusione di acqua salata / acqua salmastra (o intrusione di altra acqua di bassa qualità); contaminazione da varie sostanze, inghiottitoi in rocce calcaree Agricola Zone di pascolo e zone di sepoltura di animali Area di accumulo e di spandimento del letame Aree coltivate e zone irrigate Aree di immagazzinamento e contenitori di sostanze chimiche Zone di stazionamento di macchine agricole Pozzi agricoli di drenaggio e canali Liquame di bestiame: nitrati, fosfati; cloruri; sostanze utilizzate per la lotta contro insetti, parassiti batterici, virali e funghi su bestiame; batteri coliformi 4 e non coliformi; virus Liquame di bestiame, nitrati Antiparassitari 5, fertilizzanti 6, combustibili e oli provenienti dalle attrezzature agricole meccanizzate Residui di antiparassitari 5 e di fertilizzanti 6 Scarichi di veicoli 7 e residui di saldatura Antiparassitari 5, fertilizzanti 6, batteri, acqua salata (in zone in cui l'interfaccia acqua dolce/acqua salata è a bassa profondità e dove la superficie freatica è abbassata da canalizzazione, pompaggio o altre cause) 16

18 Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Residenziale Manutenzione domestica ordinaria e hobby Prodotti domestici comuni 8 : Detersivi domestici, detersivi per forni, detersivi e fluidi per pulizia a secco, detersivi per bagno, disinfettanti, pulitori per metalli e gioielli, lucidi per scarpe, detergenti sintetici, candeggianti, smacchiatori, solventi, liscivia o soda caustica, antiparassitari domestici 9, prodotti chimici per la fotografia, inchiostro e altri prodotti comuni Trattamento di mobili e muri: Pitture; vernici, scoloranti, tinture, conservanti per legno (creosoto), diluenti per vernici e lacche, sverniciatori, solventi per sverniciatura di mobili e pavimenti Riparazioni meccaniche e altri prodotti di manutenzione: rifiuti di autoveicoli 7, oli, gasolio, cherosene, combustibile per riscaldamento, sgrassanti per strade e rimesse, sgrassanti per metalli, catrame per asfalti e per tetti, solventi per catrame, lubrificanti, antiruggine, detergenti per automobili, cere per carrozzerie di automobili, sali e refrigeranti Prati e giardini Fertilizzanti 5, diserbanti e altri antiparassitari usati per la manutenzione di giardini e prati 10 Piscine Prodotti chimici usati per la manutenzione delle piscine 11 Sistemi settici, fosse biologiche, pozzi neri e fogne Serbatoi interrati Appartamenti e condomini Batteri coliformi e non coliformi 4, virus, nitrati, metalli pesanti, detergenti sintetici, oli per motori e da cucina, sbiancanti, antiparassitari 9,10, vernici, diluenti, prodotti chimici per fotografia, prodotti chimici per piscine 11, sostanze chimiche per pulizia di fosse settiche e pozzi neri 12, elevate concentrazioni di cloruri, solfati, calcio, magnesio, potassio e fosfati Combustibile per riscaldamento domestico Sostanze chimiche per la manutenzione di piscine 11, antiparassitari per la manutenzione di prati e giardini, sostanze antiparassiti, formiche e roditori 9 10, rifiuti domestici pericolosi 8 17

19 Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Strutture pubbliche Uffici, scuole e terreni pubblici Solventi, antiparassitari 9,10, acidi, sostanze alcaline, oli, rifiuti di macchine e autoveicoli, gasolio e nafta per riscaldamento, rifiuti domestici generici Parchi Fertilizzanti 6, diserbanti 10, insetticidi 9 Aree pubbliche e residenziali infestate da insetti, formiche e Antiparassitari 5,9 parassiti vari Autostrade, manutenzione di strade e fondenti stradali Impianti di depurazione di acque nere e impianti fognari Bacini di chiarificazione e di trattamento delle acque nere Terreni trattati con acque di scarico o con fanghi biologici Zone di drenaggio e di accumulo di acque bianche Flussi di acque miste (nere e bianche) Impianti di riciclaggio Discariche di rifiuti solidi urbani Zone per lo stoccaggio all'aperto o al coperto dei rifiuti Inceneritori comunali Diserbanti in autostrade 5,10, sali per strade (cloruro di sodio e di calcio), sali antiagglomeranti per strade (ferrocianuro ferrico e di sodio), sali anticorrosivi per strade (fosfati e cromati), scarichi di automobili 7 Acqua di scarico comunale, sedimenti fangosi 14 e sostanze chimiche di trattamento delle acque Acqua di fogna; nitrati e altri rifiuti liquidi, contaminanti microbiologici Sostanze organiche, nitrati, sali inorganici, metalli pesanti, batteri coliformi e non coliformi 4, virus, sedimenti fangosi 14, rifiuti non pericolosi 15 Prodotti della lisciviazione, benzine, oli e altri derivati del petrolio, contaminanti microbiologici Acqua di scarico comunale, sedimenti fangosi 14 e sostanze chimiche di trattamento delle acque, benzine, oli e altri derivati del petrolio, sali per strade, contaminanti microbiologici Residui di rifiuti solidi residenziali o commerciali Contaminanti chimici organici e inorganici, rifiuti domestici 8 e commerciali 13, nitrati, oli e metalli Contaminanti chimici organici e inorganici, rifiuti domestici 8 e commerciali 13 Metalli pesanti, idrocarburi, formaldeide, metano, etano, etilene, acetilene, composti a base di zolfo e nitrati 18

20 Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Flussi di acqua piovana, sversamenti di liquidi, oli usati, sostanze antigelo, petrolio e altri derivati del Bacini di raccolta e pozzi asciutti petrolio, sali per strade, antiparassitari 5 e diverse altre sostanze Pozzi di drenaggio Antiparassitari 9,10, batteri Pozzi con scambio d acqua tra acquiferi differenti, infiltrazioni, Acqua marina, acqua eccessivamente mineralizzata infiltrazioni di acqua di mare in aree costiere Flussi di acqua piovana, eccesso di acqua irrigua, acqua di raffreddamento, flussi di acque fognarie Ricarica artificiale degli acquiferi trattate, altre sostanze che possono contenere contaminanti come nitrati, metalli, detergenti, composti organici sintetici, batteri e virus Commerciale Aeroporti e campi di atterraggio abbandonati Carburanti per aeromobili, sostanze antighiaccio, gasolio, solventi clorurati, scarichi di veicoli 7, carburanti per riscaldamento, rifiuti provenienti dagli edifici 13 Autofficine Oli usati, solventi, acidi, vernici, scarichi di autoveicoli 7, oli vari Parrucchieri e centri estetici Soluzioni per permanenti, tinture per capelli, miscele chimiche contenute nei lavaggi per capelli Cantieri navali Gasolio, oli, sostanze protettive per legno e trattamenti chimici, vernici, cere, pitture, scarichi di motori, accumuli di barche usate Piste per bowling Resine epossidiche, finiture di pavimenti a base di poliuretano Autoconcessionarie Scarichi di veicoli 7, oli, solventi, rifiuti vari Autolavaggi Saponi, detergenti, cere, sostanze chimiche varie Campeggi Sistemi settici, benzine, nafta proveniente dai motori per barche, antiparassitari usati per limitare la presenza di formiche e insetti 9, rifiuti domestici pericolosi da veicoli e mezzi ricreativi 8 Negozi di tappeti Collanti e altre sostanze adesive; carburanti conservati in contenitori se si usano elevatori motorizzati Cimiteri Percolati, sostanze chimiche usate per la manutenzione delle aree verdi 10 Cantieri edili e zone di stoccaggio di Solventi, amianto, vernici, colle e altre sostanze adesive, rifiuti di sostanze chimiche varie materiali usati nell edilizia 19

Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio

Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE DI ANALITI DA DETERMINARE NELLA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio Direzione centrale ambiente

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I Passo Pg DIN 40 430 Tipo Grigio Chiaro P Foro Fissaggio Ø A B Chiave C L Imballo 1900.07 Pg 7 12,7 3,5-7 15 8 18-22 100 1900.09 Pg 9 15,5 5-8 19 8 22-26 100 1900.11 Pg11 18,8 5-10 22 8 23-28 100 1900.13

Dettagli

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI NP P* ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI Riferimento ad autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Torino 54-11340/2011 del 28/03/2011 e s.m.i. GENERAL FUSTI 010504 fanghi e rifiuti di perforazione

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Corso di Laurea in GeoTecnologie STUDIO DEL PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA AMBIENTALE DI UN PUNTO

Dettagli

Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Febbraio 2004 Elaborato da Andrea Chiappini Pagina 1 Sommario: 0. Premessa:...2 1. Definizioni:...3 2. Norme di base per lo stoccaggio di agenti

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

SCARABELLO E. SERVICE

SCARABELLO E. SERVICE SCARABELLO E. SERVICE AUTOSPURGHI, VIDEOISPEZIONI, BONIFICHE AMBIENTALI SMALTIMENTO REFLUI INDUSTRIALI, RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI. AZIENDA CERTIFICATA UNI ISO EN9001/2000 La nostra società Scarabello

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 Integrazione all Allegato B - gruppo di miscelazione NPP8 GRUPPO NPP8 solidi di natura prevalentemente inorganica Tipologie da miscelare:

Dettagli

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA ph E CONDUCIBILITA Conducibilità elettrica La conducibilità di un acqua è in stretta relazione al suo contenuto

Dettagli

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi R IFIUTI PE R IC OLOS I Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi Firenze, 13 dicembre 2007 R elazione a cura di: Dott. Chim. R enato Bargna CS A srl e-mai: r.bargna@

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Di seguito vengono riportati i parametri chimico-fisici e microbiologici utilizzati da FEM2 Ambiente per valutare la qualità delle acque destinate al consumo umano. I valori

Dettagli

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto.

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto. ALLEGATO Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi

La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi Definizione di rifiuto (D. Lgs. 152/06 art. 183, c. 1a) Rifiuto: Qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie dell all. A alla parte IV del D.lgs.

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

!"## " $ %& ' # $ & ' ( & &,-""-./ * ) " )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 :

!##  $ %& ' # $ & ' ( & &,--./ * )  )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 : GAB/DEC/104/06 del 2/05/2006!"## " $ %& ' # $ & ' ( & & )&)##*##+,-""-./ * ) " 0-!0-./ &1.##--./ #.21/344 (./3 & )$$ 00, & )& & 415 1--./&# )6.21/344( $ # )6 ## &)##&( & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&#

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL International Expert Team Prof. Burmeier, Dr. Schenker, Dr. Exner Page 1 SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL Nel 2004

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

PROCEDURE AUTORIZZATIVE

PROCEDURE AUTORIZZATIVE PROCEDURE AUTORIZZATIVE PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALL AMBIENTE SETTORE TUTELA RISORSE NATURALI Dr Ing. Sara Mazza 26/11/2007 Servizio Risorse Idriche 1 Scopo della relazione Illustrare le procedure

Dettagli

OSSERVAZIONE AL P.R.G. n 1 / 2013

OSSERVAZIONE AL P.R.G. n 1 / 2013 UFFICIO TECNICO SETTORE URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ED AMBIENTE OSSERVAZIONE AL P.R.G. n 1 / 2013 AI SENSI DELL ART.15 L.R. 47/78 E S.M. E ART. 41 L.R. 20/2000 E S.M. RELAZIONE ILLUSTRATIVA VARIANTE CARTOGRAFICA

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

La gamma dei prodotti della LINEA INDUSTRIALE permette di operare in ogni tipo di Azienda per soddisfare qualsiasi necessità tecnica: Trattamento

La gamma dei prodotti della LINEA INDUSTRIALE permette di operare in ogni tipo di Azienda per soddisfare qualsiasi necessità tecnica: Trattamento La gamma dei prodotti della LINEA INDUSTRIALE permette di operare in ogni tipo di Azienda per soddisfare qualsiasi necessità tecnica: Trattamento Scarichi - Disinfettanti - Battericidi - Protettivi per

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Aree industriali dismesse e pericolosità ambientale nella Provincia di Pesaro-Urbino. Urbino: il lavoro di individuazione e prima classificazione

Aree industriali dismesse e pericolosità ambientale nella Provincia di Pesaro-Urbino. Urbino: il lavoro di individuazione e prima classificazione Aree industriali dismesse e pericolosità ambientale nella Provincia di Pesaro-Urbino Urbino: il lavoro di individuazione e prima classificazione Dr Geol Daniele Farina, libero professionista Le aree industriali

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

AMIANTO - ETERNIT 04 BONIFICHE AMBIENTALI 05 MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI 06 LOCAZIONE CASSONI 08 AUTOSPURGHI A.D.R. 10

AMIANTO - ETERNIT 04 BONIFICHE AMBIENTALI 05 MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI 06 LOCAZIONE CASSONI 08 AUTOSPURGHI A.D.R. 10 PULIZIA CANNE FUMARIE RICERCA PERDITE BONIFICA AMIANTO SMALTIMENTO RIFIUTI BONIFICHE AMBIENTALI AUTOSPURGHI A.D.R. LOCAZIONE CASSONI PULIZIA SERBATOI YACHT BONIFICA DISCARICHE DERATTIZZAZIONE Indice LA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Da rifiuti a risorse percorso impossibile? Dott.ssa Aurelia Fonda COMPOSIZIONE media DEL RIFIUTO URBANO non differenziato dati APAT: Frazione merceologica % in

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione.

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione. Decisione CE 3 maggio 2000, n. 532. Sostituzione della decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CE del Consiglio relativa ai

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 N 3 /Reg. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 OGGETTO: Integrazione e rinnovo autorizzazione alla soc. Nicola Veronico

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DEL DOCUMENTO Il quadro di definizione delle

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI 50 IL TRATTAMENTO CHIMICO Il trattamento chimico dell acqua è spesso un indispensabile sistema per molteplici applicazioni a cui essa è destinata. Il trattamento chimico

Dettagli

Il recupero agricolo

Il recupero agricolo Il recupero agricolo Origine dei fanghi biologici A seguito dell entrata in vigore della legge n. 319/76 (Merli), finalizzata alla tutela delle acque dall inquinamento, si è dato l avvio alla costruzione

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12.

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12. COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare Mario Tomasoni Brescia 16.12.2013 IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NEL GRUPPO A2A Il Gruppo A2A gestisce

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE CLASSIFICAZIONE DELLE AREE IDENTIFICAZIONE DELLE ZONE DI PERICOLO L'identificazione in un impianto chimico o petrolchimico delle zone di pericolo, viene fatta da personale altamente qualificato. Di solito

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12. AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 190204* 191211* CER AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.2014 Per discarica di rifiuti pericolosi no classi di

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Procedure di manutenzione

Procedure di manutenzione Mercato: Oggetto: Mezzi di trasporto Procedure di manutenzione 1 Pavimenti in gomma ARTIGO Dopo la posa, proteggere sempre il pavimento con fogli di cartone o polietilene per evitare possibili danni dovuti

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com NELLA CASA SI TRASCORRE L 80% DEL TEMPO DELLA NOSTRA VITA CHE ARIA RESPIRIAMO DENTRO LA NOSTRA

Dettagli

PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori

PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori Marco Fontana - Roberto Riggio Struttura Semplice 20.02 Igiene industriale Utilizzo di agenti chimici nelle lavorazioni di stampa metalli pesanti

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE IGIENE E SICUREZZA DEI CIRCUITI IDRICI DEI RIUNITI L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE TRATTAMENTO E DISINFEZIONE ACQUE PERCHE TRATTARE E DISINFETTARE L ACQUA IN AMBITO ODONTOIATRICO? INFEZIONE

Dettagli

Il Presidente della Repubblica, sulla proposta. del Ministro dell'ambiente. di concerto con

Il Presidente della Repubblica, sulla proposta. del Ministro dell'ambiente. di concerto con D.P.C.M. 21 luglio 1989 D.P.R. 25 luglio 1991 ( 1). Modifiche dell'atto di indirizzo e coordinamento in materia di emissioni poco significative e di attività a ridotto inquinamento atmosferico, emanato

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica La Geos Environment, nell ambito del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001/2004, ha valutato la significatività dei propri aspetti ambientali e tiene sotto controllo

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Dr. Stefano C. A. Rossi Geologo Professionista OGL 667 Milano Milano, ottobre 2014 Sommario Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Definizioni... 3 3.

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma L aria indoor è contaminata? L aria degli ambienti interni può essere contaminata sia da sostanze già presenti

Dettagli

Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301. Numero CAS: 75-63-8

Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301. Numero CAS: 75-63-8 Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301 Numero CAS: 75-63-8 Sostanza controllat a - Potenziale di riduzione -Lesiva per lo dell'ozono strato di ozono

Dettagli

Appendice 1: stime specifiche di esposizione per attività industriali, escluse quelle a bassi livelli o a bassa probabilità.

Appendice 1: stime specifiche di esposizione per attività industriali, escluse quelle a bassi livelli o a bassa probabilità. Appendice 1: stime specifiche di esposizione per attività industriali, escluse quelle a bassi livelli o a bassa probabilità. Agente Tipo di stima Esposti 11 agricoltura e caccia captafol specifico 8000

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. MODULO 1/11 Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo Spett.le RAP S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO.

Dettagli

CODICI CER PERICOLOSI

CODICI CER PERICOLOSI CODICI CER PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 03 rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali

Dettagli