Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio"

Transcript

1 Presidente: Assessore all Ambiente: A cura della: Direttore Centrale: Coordinamento: Supporto tecnico e redazionale: On. Ombretta Colli Luigi Cocchiaro Direzione centrale ambiente Vincenzo Imparato Luca Raffaelli Fabrizio Strambi, Andrea Zelioli Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio Giovanni Pietro Beretta, Roberta Pellegrini Questa pubblicazione è frutto della convenzione in atto tra la Provincia di Milano e l Università degli Studi di Milano 2003 by Provincia di Milano

2 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE DI ELEMENTI E COMPOSTI DA DETERMINARE ANALITICAMENTE NELLA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI INDICE 1. PREMESSA LA RICOSTRUZIONE DELLE CARATTERISTICHE DI UN SITO NELLA NORMATIVA NAZIONALE RACCOLTA E SISTEMATIZZAZIONE DEI DATI ESISTENTI CARATTERIZZAZIONE DEL SITO E FORMULAZIONE PRELIMINARE DEL MODELLO CONCETTUALE PIANO DI INVESTIGAZIONE INIZIALE SCHEMI OPERATIVI PER LA SELEZIONE DEGLI ANALITI BIBLIOGRAFIA APPENDICE 1 POTENZIALI COMPONENTI PERICOLOSI DI PRODOTTI DOMESTICI APPENDICE 2 POTENZIALI SORGENTI DI CONTAMINAZIONE DELLE ACQUE SOTTERRANEE APPENDICE 3 ESEMPIO DI ELENCO DI PARAMETRI DA ANALIZZARE IN RELAZIONE ALLE ATTIVITA APPENDICE 4 ESEMPIO DI LISTA STANDARDIZZATA DI RILEVAZIONI APPENDICE 5 ESEMPIO DI ANALITI DA RICERCARE NEL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO SULLA BASE DEL D.M. 471/99 E DELLA NORMATIVA IPPC APPENDICE 6 ESEMPIO DI ANALITI DA RICERCARE NELLE ACQUE SOTTERRANEE SULLA BASE DEL D.M: 471/99 E DELLA NORMATIVA IPPC 1

3 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 1. PREMESSA Nell ambito della caratterizzazione dei siti contaminati, secondo quanto previsto dal D.M. 471/99, si deve definire una lista degli analiti da determinare in laboratorio, al fine di descrivere la qualità ambientale del sito ed eventualmente provvedere ad interventi per ripristinarla laddove risulti compromessa. Numerosi infatti sono gli elementi e i composti riscontrabili, tra i quali migliaia di composti organici di sintesi. Una dettagliata lista degli analiti da prendere in considerazione permette di conoscere meglio i rischi ambientali e di progettare gli interventi di bonifica o di bonifica con misure di sicurezza, infatti, una corretta definizione dei protocolli analitici risulta la chiave di volta di ogni intervento di indagine e di successiva bonifica, costituendo altresì un elemento fondamentale per considerare affidabile e rappresentativa qualunque procedura di verifica effettuata con il metodo dell'analisi di rischio. D altra parte la produzione dei dati sperimentali si rivela molto spesso onerosa e peraltro da assoggettare a procedure di assicurazione e controllo di qualità, nonché a validazione da parte degli enti di controllo. L obiettivo delle seguenti linee-guida è quindi quello di meglio orientare la selezione degli elementi e composti da determinare, fornendo indicazioni di sintesi che possono essere in primo approccio utilizzate dagli operatori. A tale scopo la Provincia di Milano ha già da tempo progettato e reso disponibile online sul sito il software VICTORIA realizzato mettendo a frutto le esperienze maturate in questi anni nel campo delle indagini di caratterizzazione in siti industriali ed aree dismesse, unitamente ad un dettagliato ed approfondito lavoro di sintesi dei dati e delle informazioni reperite in bibliografia nazionale ed internazionale. In accordo con le procedure di definizione del piano di caratterizzazione, indicate nell'allegato 4 DM 471/99, VICTORIA è stato ideato al fine di costituire uno strumento propedeutico alla definizione dell'elenco delle sostanze potenzialmente presenti in un sito oggetto di indagine, in relazione alle attività produttive in atto o pregresse, o viceversa, conoscendo le sostanze che causano problemi ambientali, permette di risalire alle industrie che le utilizzano, sia come materia prima che prodotto intermedio o finale. Per ogni singola sostanza viene resa disponibile la scheda di sicurezza e di etichettatura internazionale, nonchè, consultabile in formato HTML, la guida ai rischi derivanti dall'uso. Viene inoltre fornito il codice identificativo internazionale (CAS Number), utile al fine di effettuare ulteriori ricerche in banche dati internazionali, (vedi Link), e le CMA riportate dalla normativa italiana (DM 471/99). Al fine di una migliore previsione dei meccanismi di propagazione della contaminazione eventualmente in atto e delle matrici ambientali più impattate, vengono anche fornite alcune indicazioni relative alle caratteristiche chimico-fisiche dei composti considerati, quali il range di solubilità, il peso specifico relativo e la classe di volatilità definita in base al punto di ebollizione. 2

4 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati Una sezione specifica è dedicata all'industria petrolchimica. In tale sezione, partendo dalle materie prime di base ed intermedie, è possibile definire le varie applicazioni delle sostanze di derivazione petrolchimica, e viceversa. Nella definizione di sostanze potenzialmente presenti in un sito sottoposto a caratterizzazione, svolge un ruolo molto importante la ricostruzione delle sue caratteristiche sulla base dei dati e della documentazione disponibile. All interno di un sito si potranno quindi trovare fonti di inquinamento attivo: sorgenti primarie di contaminazione: sono costituite da strutture in grado di produrre direttamente la contaminazione di matrici ambientali, quali serbatoi, linee di trasferimento, stoccaggi di materie prime, fognature, scarichi, etc.; sorgenti secondarie di contaminazione: sono costituite da accumuli di rifiuti, sversamenti accidentali, etc, che si sono succedute nel tempo e di cui mancano notizie storiche oppure si hanno solo dati approssimativi. La ricostruzione storica degli impianti e degli eventi accaduti in insediamenti produttivi che svolgono la loro attività da decine di anni, durante i quali si sono succedute diverse produzioni delle quali si hanno generalmente notizie approssimative, appare molto complicata. Inoltre per alcune aree dimesse non è possibile acquisire documentazione storica. Tuttavia un sito, oltre agli inquinanti da esso stesso prodotti, potrà essere soggetto anche ad inquinanti provenienti dall ambiente esterno e trasportati dall aria o dalle acque superficiali e sotterranee. In un area dove non si sono svolte attività potenzialmente inquinanti, si potranno quindi trovare matrici ambientali contaminate in modo indiretto; tali aree risultano quindi sottoposte ad un inquinamento passivo. Nella predisposizione degli analiti da ricercare si dovrà tenere conto di tutti questi elementi. Gli schemi che sono di seguito illustrati servono come orientamento generale; devono essere quindi confrontati con le informazioni sulle caratteristiche precipue del sito per essere opportunamente integrati. Si ringrazia il dott. Daniele Matteucci della ditta Tecnologie d Impresa per la collaborazione prestata nella stesura delle parti relative al confronto tra possibili inquinanti da ricercare e attività produttive connesse, sulla base della normativa IPPC. 3

5 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 2. LA RICOSTRUZIONE DELLE CARATTERISTICHE DI UN SITO NELLA NORMATIVA NAZIONALE Il D.M. del 25 ottobre 1999, n.471 definisce una serie di elementi utili per la caratterizzazione del sito contaminato, le cui linee essenziali sono di seguito riportate. Il Piano della caratterizzazione descrive dettagliatamente il sito e tutte le attività che si sono svolte o che ancora si svolgono; individua le correlazioni tra le attività svolte e tipo, localizzazione ed estensione della possibile contaminazione; descrive le caratteristiche delle componenti ambientali sia all interno del sito che nell area da esso influenzata; descrive le condizioni necessarie alla protezione ambientale e alla tutela della salute pubblica; presenta un piano delle indagini da attuare per definire tipo, grado ed estensione dell inquinamento. 2.1 Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti Al fine di descrivere accuratamente il sito in esame e raccogliere la documentazione necessaria ad impostare ulteriori indagini, si devono svolgere accertamenti documentali, ispezioni sul sito e sull'area esterna che possa essere interessata dalla contaminazione. Per avviare lo studio delle caratteristiche del sito e della possibile contaminazione, devono essere raccolti tutti i dati e le informazioni già esistenti: la documentazione deve essere raccolta a carico del responsabile della progettazione, organizzata ed analizzata in accordo con i tecnici delle autorità competenti, in modo da corrispondere ai criteri e agli elaborati richiesti per la redazione del Piano della caratterizzazione. Sulla base della tipologia del sito, le informazioni e la documentazione da raccogliere per la progettazione comprendono: tipologia del sito, ad esempio area industriale dismessa, discarica illegale, area industriale in attività, sversamento; mappatura dettagliata dell'area e localizzazione del sito; cartografia storica; uso del sito attuale e destinazione d'uso prevista dagli strumenti urbanistici; atti amministrativi e giudiziari riguardanti il sito; planimetria degli edifici, impianti produttivi e infrastrutture, sia presenti che smantellati; 4

6 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati tipologia ed elenco completo di materiali e sostanze utilizzati per le lavorazioni, riferita al periodo completo delle attività che hanno avuto luogo sull'area, ed in particolare: zone di accumulo dei materiali (liquidi e solidi) sia superficiali che interrate; impianti e infrastrutture sotterranee (quali fognature, tubature, reti di distribuzione); discariche presenti nell area, con presentazione dettagliata dei dati quali: tipo e volume dei rifiuti, condizioni di impermeabilizzazione e copertura, presenza di percolato, di emissioni gassose, danni alla vegetazione; descrizione dettagliata di tutte le attività (produttive, di stoccaggio, raccolta rifiuti, militari, minerarie,..) svolte sull'area e degli impianti annessi; descrizione e mappatura delle attività di trasporto e delle zone di carico e scarico di prodotti e merci; descrizione e mappatura di eventuali accumuli di rifiuti, con presentazione dettagliata di dati quali: tipo di rifiuti, condizioni di impermeabilizzazione e ricoprimento, presenza di percolato, di emissioni gassose, danni alla vegetazione; elenco dei materiali impiegati nelle diverse attività e classificazione della loro pericolosità e tossicità; indicazione dell'intervallo temporale di uso degli impianti destinati alle diverse attività o delle attività di discarica; tempi di dismissione dei singoli impianti e/o fabbricati presenti; elenco del tipo e quantità dei rifiuti e materiali da dismettere; valutazione del fatto che la dismissione comporti produzione di rifiuti pericolosi; materiale integrativo relativo al sito e all area circostante interessata; consultazione della letteratura scientifica rilevante per lo specifico problema di contaminazione ipotizzato. Le informazioni riferite al sito dovranno essere corredate dalla caratterizzazione dell ambiente circostante e del territorio mediante: caratterizzazione dettagliata geologico-stratigrafica, idrogeologica del sito e dell area influenzata dal sito; analisi della presenza di pozzi e prelievi di acque sotterranee e relativa cartografia; descrizione dei corpi idrici superficiali; descrizione degli ambienti naturali; serie storiche di rilievi aerofotogrammetrici; 5

7 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati analisi delle cartografie storiche; analisi della distribuzione della popolazione residente e delle altre attività antropiche; descrizione delle reti viarie, ferroviarie, e delle principali vie di trasporto; risultati di analisi svolte sulle acque sotterranee, superficiali, sugli ecosistemi dell area influenzata dalle caratteristiche del sito. In riferimento ai campionamenti ed alle analisi chimico-fisiche, o di altro tipo, svolte sul sito prima della presentazione del progetto preliminare, che hanno portato all accertamento del superamento dei valori di concentrazione limite accettabili indicati nell Allegato 1, tra cui anche le analisi a carico dell autorità competente che hanno portato all inserimento del sito nell Anagrafe dei siti da bonificare, dovranno anche essere fornite le seguenti informazioni: descrizione del metodo di campionamento, localizzazione dei punti e descrizione sintetica delle metodiche analitiche; risultati delle analisi chimico-fisiche e di ogni altro tipo già effettuate sul sito; mappatura dei punti di prelievo e delle concentrazioni rilevate. Deve essere inoltre fornita una descrizione dettagliata delle attività svolte sul sito, per definire la lista delle sostanze che sono state impiegate nei cicli produttivi o che hanno accompagnato la produzione, e la lista dei rifiuti prodotti; la precisa definizione degli impianti presenti, o che hanno insistito sull'area, è necessaria per formulare ipotesi sulla localizzazione di possibili perdite, sversamenti, rotture, che possono avere generato l'accumulo sul/nel suolo di sostanze contaminanti. Nel caso di aree di discarica dovranno essere definiti o stimati: la composizione dei rifiuti, il volume dei materiali, le condizioni di stoccaggio e ogni altro elemento necessario a definire le sostanze potenzialmente presenti nel sito, le possibili vie di migrazione nell'ambiente e di esposizione per la popolazione. Le informazioni raccolte in questa fase costituiscono la base per i requisiti della successiva investigazione, per il piano delle analisi chimico-fisiche e per l'analisi del rischio di contaminazione. Questi elementi sono indispensabili per impostare un piano di monitoraggio che orienti la selezione dei punti di campionamento nei luoghi a maggior probabilità di contaminazione, inoltre sono fondamentali per impostare un piano di analisi che si concentri sulle sostanze che più probabilmente costituiscono, nel caso specifico, un rischio. 6

8 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 2.2 Caratterizzazione del sito e formulazione preliminare del Modello Concettuale Ai fini di una progettazione che rispetti i criteri di qualità, è fondamentale la definizione del Modello Concettuale del sito: con questo vengono infatti descritte le caratteristiche specifiche del sito in termini di fonti della contaminazione; grado ed estensione della contaminazione del suolo, del sottosuolo, delle acque superficiali e sotterranee del sito e dell ambiente da questo influenzato; percorsi di migrazione dalle sorgenti di contaminazione ai bersagli ambientali ed alla popolazione. Il modello concettuale deve permettere di individuare nel dettaglio le caratteristiche di impianti e strutture presenti nel sito, le caratteristiche dei rifiuti e le modalità dello stoccaggio e definire in che misura possono aver generato inquinamento di suolo, sottosuolo, materiali inerti, acque sotterranee e superficiali. Questa schematizzazione del sito è la base per: la definizione degli obiettivi di bonifica, la formulazione del Progetto, la valutazione del rischio e la selezione delle eventuali misure di sicurezza permanente. In questa sezione si richiede la formulazione preliminare del modello concettuale sulla base dei dati raccolti nella sezione precedente. In seguito, con l integrazione dei risultati delle analisi chimicofisiche e di altro tipo realizzate durante la fase di campionamento, indagini ed analisi, verrà formulato un modello concettuale definitivo. Il sito deve essere descritto dettagliatamente, organizzando le informazioni raccolte nella sezione precedente, in modo da stabilire i possibili effetti dell attività svolta sul sito o dei rifiuti stoccati e permettere di individuare: le possibili fonti della contaminazione, presenti o passate, quali ad esempio suolo contaminato, rifiuti interrati, accumuli di rifiuti, perdite da tubature, serbatoi perdenti, polveri; le sostanze contaminanti probabilmente presenti nelle componenti ambientali influenzate dal sito; la tossicità delle sostanze presenti, le loro caratteristiche chimico-fisiche rilevanti, quali solubilità, volatilità, biodegradabilità, biodisponibilità; le caratteristiche dominanti dell'ambiente con cui il sito interagisce, quali tipo di acquifero superficiale, profondità dell'acquifero principale, vicinanza di corsi d'acqua, caratteristiche meteoclimatiche; la presenza di pozzi nel sito o nell'area circostante, e gli usi delle acque prelevate; gli elementi territoriali rilevanti, quali distribuzione e densità di popolazione nell'area circostante, vicinanza di elementi sensibili quali scuole ed ospedali; le possibili vie di esposizione dei bersagli possibili. 7

9 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati L obiettivo è quello di raccogliere tutti gli elementi che servono a definire: l estensione dell area da bonificare; i volumi di suolo contaminato; le caratteristiche rilevanti dell ambiente naturale e costruito; il grado di inquinamento delle diverse matrici ambientali; le vie di esposizione e le caratteristiche della popolazione su cui possono manifestarsi gli effetti dell inquinamento. Parte integrante del modello concettuale del sito è la definizione delle caratteristiche idrogeologiche degli acquiferi superficiali e profondi, in quanto possibili veicoli della contaminazione (direzione e velocità dei flussi, conducibilità idraulica, permeabilità...). Nel caso di rifiuti stoccati, il Piano della caratterizzazione deve definire precisamente quali sono le indagini necessarie a definire la tipologia, la tossicità, l estensione dei rifiuti stoccati e a ricostruire la storia delle attività svolte sul sito; questa descrizione è la base per definire, nel progetto preliminare, la necessità di procedere con interventi di Messa in sicurezza permanente. I rapporti esistenti tra l inquinamento presente sul sito e le caratteristiche dell ambiente naturale o costruito devono essere dettagliatamente esplicitati nella relazione che accompagna il piano della caratterizzazione, per individuare tutti i percorsi di migrazione delle sostanze inquinanti. A tal fine si richiede la rappresentazione in mappe tematiche; infatti questa elaborazione costituisce la base per la definizione di un accurato piano di monitoraggio e per la valutazione del rischio per la salute pubblica e per l'ambiente causato dall inquinamento del sito. 2.3 Piano di investigazione iniziale Per poter valutare in modo esauriente il rischio di inquinamento per l ambiente naturale e per il territorio urbanizzato ed il danno per la salute pubblica, dovranno essere condotte analisi del suolo, sottosuolo, acque sotterranee e superficiali e delle componenti ambientali che possono essere state interessate dalla migrazione delle sostanze presenti nella sorgente di contaminazione. Il piano di investigazione iniziale è mirato a: verificare, sulla base delle ipotesi formulate nelle sezioni I.1 e I.2 dell Allegato 4 del D.M. 471/99, l effettivo inquinamento generato da singoli impianti, strutture e rifiuti stoccati nelle diverse matrici ambientali; individuare le fonti di ogni inquinamento, tra cui impianti dismessi, impianti in attività, rifiuti stoccati o suolo contaminato; definire, confermare ed integrare i dati relativi alle caratteristiche geologiche, idrogeologiche, pedologiche, idrologiche del sito e ad ogni altra componente ambientale rilevante per l area interessata; 8

10 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati definire accuratamente l estensione e le caratteristiche dell inquinamento del suolo, del sottosuolo, dei materiali di riporto, delle acque sotterranee e superficiali e delle altre matrici ambientali rilevanti. Nel piano di investigazione devono essere definiti: la localizzazione dei punti ed i metodi di campionamenti di suolo, sottosuolo, materiali inerti o di riporto, acque sotterranee e superficiali per l area del sito e l area circostante che si ritiene interessata dall inquinamento presente nel sito; la profondità di perforazioni e prelievi; eventuali altre componenti ambientali analizzate; la lista delle sostanze da analizzare; le metodologie delle analisi chimicofisiche e di tutte le altre indagini e analisi che siano ritenute necessarie a caratterizzare la presenza e la diffusione dei contaminanti ed il loro impatto sull ambiente circostante e sulla popolazione; punti e metodologie di campionamento adottate per confermare la caratterizzazione ambientale, in particolare geologica, idrogeologica e idrologica del sito e dell area esterna interessata dai fenomeni di contaminazione. La scelta dell area oggetto dell investigazione deve comprendere il sito inquinato ed una porzione di territorio esterna definita, sulla base del modello concettuale del sito, in funzione della mobilità degli inquinanti nelle matrici ambientali interessate, delle caratteristiche idrogeologiche e meteoclimatiche del territorio e delle possibili vie di esposizione per i bersagli della contaminazione. La scelta dei punti e delle modalità di campionamento dipende strettamente dalle valutazioni espresse in merito alla possibile contaminazione generata dal sito e all'estensione dei fenomeni di migrazione verso altre componenti ambientali o bersagli. Come indicato nell Allegato 2, non è possibile ipotizzare che il campionamento segua rigidamente metodi statistici, poiché può risultare più accurato ed economicamente conveniente localizzare i punti di campionamento del monitoraggio iniziale nelle zone che presentano criticità in dipendenza dell'organizzazione delle attività produttive, quali ad esempio accumuli di rifiuti, zone di carico/scarico, percorsi delle tubature, serbatoi interrati, o delle modalità di stoccaggio, discariche non impermeabilizzate, accumuli non coperti. Analogamente la lista delle sostanze da analizzare, e la possibile selezione di sostanze indicatrici, dipende dalla completezza raggiunta nella descrizione delle attività svolte sul sito. Al fine dell approvazione del Piano della caratterizzazione, l autorità competente valuta la qualità delle informazioni e dei dati relativi al sito. Questa valutazione si basa su analisi, elaborazione e valutazione delle informazioni e dei dati presentati nel Piano e sintetizzati nella formulazione del modello concettuale del sito e deve definire: 9

11 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati la completezza dei materiali, cartografia, dati, fatti e conoscenze raccolti; se, in base alle informazioni messe a disposizione, è stato fornito un adeguato modello concettuale del sito; il potenziale di contaminazione derivante dagli usi che hanno insistito sul sito; la necessità di integrare le informazioni specifiche per il sito con la descrizione del territorio in termini di componenti ambientali e caratteristiche urbanistiche, ai fini di stabilire la possibilità di migrazione della contaminazione, le vie di esposizione per la popolazione, la vicinanza dei bersagli e l'urgenza degli interventi di bonifica; se il piano di monitoraggio e analisi proposto è adeguato agli obiettivi di caratterizzazione della contaminazione necessaria a stabilire tutti gli interventi atti a proteggere l ambiente e la salute pubblica. Questa valutazione preliminare si conclude con la decisione dell'autorità competente in merito alla necessità di: 1. approfondire le indagini, per quanto riguarda la raccolta di ulteriori informazioni, documenti o materiali, o di un approfondimento nella descrizione del sito in esame; 2. attuare ulteriori interventi di messa in sicurezza per limitare l'impatto del sito sull'ambiente e il rischio per la salute pubblica. Nel rispetto dei criteri, dei vincoli, delle integrazioni e delle indicazioni stabilite dall autorità competente con l approvazione del Piano della caratterizzazione, il responsabile dovrà: eseguire il campionamento, le indagini previste e le analisi; valutare i risultati delle analisi e di ogni tipo di indagine; realizzare la mappatura dell estensione e grado della contaminazione per le principali sostanze contaminanti o per i rifiuti eventualmente interrati, con l indicazione dei ricettori potenziali o attuali dell inquinamento; evidenziare le vie di migrazione degli inquinanti nelle diverse matrici ambientali potenzialmente impattate dagli inquinanti presenti nel sito e le vie di esposizione attraverso le quali i bersagli possono essere raggiunti; La Relazione Descrittiva delle attività di investigazione iniziale deve contenere almeno: Risultati delle attività del piano di campionamento ed analisi, con indicazione delle eventuali non conformità ed azioni correttive effettuate rispetto a quanto approvato dall autorità competente; 10

12 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati Descrizione dei risultati delle eventuali indagini geognostiche, geofisiche e delle componenti ambientali del sito e dell area interessata; Descrizione dei risultati di ogni altra indagine, di tipo diretto o indiretto, svolta su altre componenti ambientali del sito e dell area interessata; Descrizione del tipo e grado di inquinamento, per ciascuna delle sostanze analizzate, per ogni componente ambientale rilevante; Descrizione dei metodi adottati per definire estensione e grado dell inquinamento. Gli Elaborati da allegare alla relazione delle attività di investigazione iniziale comprendono: a. Risultati delle indagini geognostiche, geofisiche e di ogni altro tipo di indagine o campionamento svolti sul sito e nell area interessata (preferibilmente 1:500 1:1.000); b. Risultati delle analisi di laboratorio; c. Mappatura dell inquinamento del suolo, sottosuolo, materiali inerti o di riporto e acque di falda, con individuazione del pennacchio di contaminazione e dei punti a maggior concentrazione (preferibilmente 1:500 1:1.000), per tutta la profondità interessata dai fenomeni di inquinamento; d. Mappatura dell inquinamento di ogni altra componente ambientale, quali acque superficiali, polveri (preferibilmente 1:500 1:1.000). 11

13 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati 3. SCHEMI OPERATIVI PER LA SELEZIONE DEGLI ANALITI Per formulare sinteticamente un elenco degli inquinanti attesi per le matrici ambientali suolo, sottosuolo e acque sotterranee, si è fatto riferimento a diversi approcci esistenti in letteratura e appositamente predisposti, anche sulla base delle normative attualmente in vigore a livello nazionale e comunitario. Innanzitutto si è verificata la presenza di composti inquinanti rispetto alle attività svolte sul territorio che possono determinare situazioni di contaminazione, con particolare riferimento alle acque sotterranee. La tabella riportata in Appendice 1 si riferisce ai potenziali componenti pericolosi presenti in composti domestici. La tabella riportata in Appendice 2 è invece relativa alle potenziali sorgenti di contaminazione delle acque sotterranee, suddivise in naturale, agricola, residenziale, strutture pubbliche, commerciali e industriali. Sulla base di un primo confronto tra le sostanze utilizzate nelle attività produttive e le sostanze normate all interno del D.M. 471/99 è stata proposto dall Istituto Superiore di Sanità uno schema di approccio che viene consigliato per grandi categorie di insediamenti industriali secondo quanto è indicato nella tabella dell Appendice 3. In alcuni siti di interesse nazionale, come ad esempio per il sito di Napoli orientale, è stata elaborata (da I.S.S. ed ARPAC) una lista di analiti di riferimento, denominata comunemente short list, da utilizzare in caso non si disponga di sufficienti elementi di riferimento che possano correlare le attività svolte con gli inquinanti attesi nelle diverse matrici ambientali. Questa short list è illustrata nella tabella riportata nell Appendice 4. Infine, considerando i contenuti tecnici della normativa nazionale IPPC (D.Lgs. 372/99 e D.M. 23 novembre 2001), in attuazione della Direttiva Comunitaria, viene proposto nelle tabelle delle Appendici 5 e 6 un elenco delle attività produttive e delle relative potenziali sostanze contaminanti normate dal D.M. 471/99 da ricercare rispettivamente nel suolo, sottosuolo e nelle acque sotterranee. 12

14 Linee guida per la selezione di elementi e composti da determinare analiticamente nella caratterizzazione dei siti contaminati BIBLIOGRAFIA Repubblica Italiana (1999a) Attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrata dell inquinamento. D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 372, G.U. del 26 ottobre 1999, n. 252 Serie generale, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma. Repubblica Italiana (1999b) Regolamento recante criteri, procedure e modalità di messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati, ai sensi dell articolo 17 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modificazioni e integrazioni. D.M. del 25 ottobre 1998, n. 471, Ministero dell Ambiente, G.U. del 15 dicembre 1999, n. 293 Serie generale, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma Repubblica Italiana (2002) Dati formato e modalità della comunicazione di cui all art. 10, comma 1 del decreto legislativo 4 agosto 1999, n D.M. del 23 novembre 2001, Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, G.U. del 13 febbraio 2002, S.O. al n. 37, Serie generale, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma U.S. Environmental Protection Agency (1993) Wellhead Protection: A Guide for Small Communities. Office of Research and Development-Office of Water, EPA/625/R-93/002, Washington D.C. 13

15 APPENDICE 1 - Potenziali componenti pericolosi di prodotti domestici (da U.S. Environmental Protection Agency, 1993) Prodotto Antigelo (benzina e sistemi refrigeranti) Fluidi di trasmissione automatica Batterie Sgrassanti per pavimenti e garage Sgrassanti per macchine e materiali Flussi da macchine e radiatori Fluidi idraulici (fluidi per freni) Oli per motori e residui di oli Benzine e combustibili Gasolio, kerosene, oli combustibili Grassi, lubrificanti Antiruggine Detergenti per vetture Sostanze per pulizia vetture Asfalti e sigillanti a base catramosa Pitture, vernici, coloranti Pitture e diluenti Pitture e solventi per vernici, sostanze per togliere lucido Smacchianti Trattamento striature di pavimenti e mobili Pulizia metalli Composto tossico o nocivo Metanolo, glicole etilenico Derivati del petrolio, xilene Acido solforico Derivati del petrolio, alcool, glicole etilenico Solventi clorurati, toluene, fenoli, dicloro-percloroetilene Solventi organici, chetoni, butanolo, glicole etilenico Idrocarburi, fluorocarburi Idrocarburi Idrocarburi Idrocarburi Idrocarburi Fenoli, metalli pesanti Alchibenzene sulfonati Derivati dal petrolio, idrocarburi Idrocarburi Metalli pesanti, toluene Acetone, benzene, toluene, butilacetato, metolchetoni Cloruro di metilene, toluene, acetone, xilene, etanolo, benzene, metanolo Idrocarburi, toluene, acetone, metanolo, glicole etilenico, metil alchilchetone Xilene Derivati del petrolio, isopropanolo, nafta 14

16 Prodotto Rimozione di sporco e smacchianti Altri solventi Sali Refrigeranti Rimozione di detriti e catrame Pulizia della casa Pulizia di tubazioni Pulizia di toilette Pulizia di fosse settiche Disinfettanti Pesticidi Composti chimici per la fotografia Inchiostri Conservanti del legno (creosoto) Pulizia di piscine Soda caustica e liscivia Pulizia di gioielli Composto tossico o nocivo Idrocarburi, benzene, tricloroetilene, 1,1,1-tricloroetano Acetone, benzene Concentrazione di sodio 1,1,2-tricloroetano, 1,2,2-trifluoroetano Xilene, derivati dal petrolio Xilene, glicole etilenico, isopropanolo 1,1,1-tricloroetano Xilene, sulfonati, fenoli clorurati Tetracloroetilene, diclorobenzene, cloruro di metilene Cresolo, xilenoli Naftalene, fosforo, xilene, cloroformio, metalli pesanti, solventi clorurati Fenoli, solfito di sodio, cianuri, alogenuri di ferro, bromuro di potassio Metalli pesanti, fenolo, formaldeide Pentaclorofenolo Ipoclorito di sodio Idrossido di sodio Cianuro di sodio 15

17 APPENDICE 2 - Potenziali sorgenti di contaminazione delle acque sotterranee (da U.S. Environmental Protection Agency, 1993) Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Naturale Rocce e suoli Acqua contaminata Materia organica in putrefazione Gas radioattivi di origine geologica Eventi e complessi idrogeologici Contaminanti estetici: Ferro e ferro-batteri; manganese; calcio e magnesio (durezza dell acqua) Contaminanti per la salute umana e per l ambiente: Arsenico, amianto, metalli, cloruri, fluoruri, batterisolfato riduttori e altri microrganismi Eccessi valori di sodio, batteri, virus e acque acide. Batteri Radionuclidi (radon, ecc.) Intrusione di acqua salata / acqua salmastra (o intrusione di altra acqua di bassa qualità); contaminazione da varie sostanze, inghiottitoi in rocce calcaree Agricola Zone di pascolo e zone di sepoltura di animali Area di accumulo e di spandimento del letame Aree coltivate e zone irrigate Aree di immagazzinamento e contenitori di sostanze chimiche Zone di stazionamento di macchine agricole Pozzi agricoli di drenaggio e canali Liquame di bestiame: nitrati, fosfati; cloruri; sostanze utilizzate per la lotta contro insetti, parassiti batterici, virali e funghi su bestiame; batteri coliformi 4 e non coliformi; virus Liquame di bestiame, nitrati Antiparassitari 5, fertilizzanti 6, combustibili e oli provenienti dalle attrezzature agricole meccanizzate Residui di antiparassitari 5 e di fertilizzanti 6 Scarichi di veicoli 7 e residui di saldatura Antiparassitari 5, fertilizzanti 6, batteri, acqua salata (in zone in cui l'interfaccia acqua dolce/acqua salata è a bassa profondità e dove la superficie freatica è abbassata da canalizzazione, pompaggio o altre cause) 16

18 Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Residenziale Manutenzione domestica ordinaria e hobby Prodotti domestici comuni 8 : Detersivi domestici, detersivi per forni, detersivi e fluidi per pulizia a secco, detersivi per bagno, disinfettanti, pulitori per metalli e gioielli, lucidi per scarpe, detergenti sintetici, candeggianti, smacchiatori, solventi, liscivia o soda caustica, antiparassitari domestici 9, prodotti chimici per la fotografia, inchiostro e altri prodotti comuni Trattamento di mobili e muri: Pitture; vernici, scoloranti, tinture, conservanti per legno (creosoto), diluenti per vernici e lacche, sverniciatori, solventi per sverniciatura di mobili e pavimenti Riparazioni meccaniche e altri prodotti di manutenzione: rifiuti di autoveicoli 7, oli, gasolio, cherosene, combustibile per riscaldamento, sgrassanti per strade e rimesse, sgrassanti per metalli, catrame per asfalti e per tetti, solventi per catrame, lubrificanti, antiruggine, detergenti per automobili, cere per carrozzerie di automobili, sali e refrigeranti Prati e giardini Fertilizzanti 5, diserbanti e altri antiparassitari usati per la manutenzione di giardini e prati 10 Piscine Prodotti chimici usati per la manutenzione delle piscine 11 Sistemi settici, fosse biologiche, pozzi neri e fogne Serbatoi interrati Appartamenti e condomini Batteri coliformi e non coliformi 4, virus, nitrati, metalli pesanti, detergenti sintetici, oli per motori e da cucina, sbiancanti, antiparassitari 9,10, vernici, diluenti, prodotti chimici per fotografia, prodotti chimici per piscine 11, sostanze chimiche per pulizia di fosse settiche e pozzi neri 12, elevate concentrazioni di cloruri, solfati, calcio, magnesio, potassio e fosfati Combustibile per riscaldamento domestico Sostanze chimiche per la manutenzione di piscine 11, antiparassitari per la manutenzione di prati e giardini, sostanze antiparassiti, formiche e roditori 9 10, rifiuti domestici pericolosi 8 17

19 Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Strutture pubbliche Uffici, scuole e terreni pubblici Solventi, antiparassitari 9,10, acidi, sostanze alcaline, oli, rifiuti di macchine e autoveicoli, gasolio e nafta per riscaldamento, rifiuti domestici generici Parchi Fertilizzanti 6, diserbanti 10, insetticidi 9 Aree pubbliche e residenziali infestate da insetti, formiche e Antiparassitari 5,9 parassiti vari Autostrade, manutenzione di strade e fondenti stradali Impianti di depurazione di acque nere e impianti fognari Bacini di chiarificazione e di trattamento delle acque nere Terreni trattati con acque di scarico o con fanghi biologici Zone di drenaggio e di accumulo di acque bianche Flussi di acque miste (nere e bianche) Impianti di riciclaggio Discariche di rifiuti solidi urbani Zone per lo stoccaggio all'aperto o al coperto dei rifiuti Inceneritori comunali Diserbanti in autostrade 5,10, sali per strade (cloruro di sodio e di calcio), sali antiagglomeranti per strade (ferrocianuro ferrico e di sodio), sali anticorrosivi per strade (fosfati e cromati), scarichi di automobili 7 Acqua di scarico comunale, sedimenti fangosi 14 e sostanze chimiche di trattamento delle acque Acqua di fogna; nitrati e altri rifiuti liquidi, contaminanti microbiologici Sostanze organiche, nitrati, sali inorganici, metalli pesanti, batteri coliformi e non coliformi 4, virus, sedimenti fangosi 14, rifiuti non pericolosi 15 Prodotti della lisciviazione, benzine, oli e altri derivati del petrolio, contaminanti microbiologici Acqua di scarico comunale, sedimenti fangosi 14 e sostanze chimiche di trattamento delle acque, benzine, oli e altri derivati del petrolio, sali per strade, contaminanti microbiologici Residui di rifiuti solidi residenziali o commerciali Contaminanti chimici organici e inorganici, rifiuti domestici 8 e commerciali 13, nitrati, oli e metalli Contaminanti chimici organici e inorganici, rifiuti domestici 8 e commerciali 13 Metalli pesanti, idrocarburi, formaldeide, metano, etano, etilene, acetilene, composti a base di zolfo e nitrati 18

20 Sorgente Contaminante per la salute umana, per l'ambiente o estetico 1,2,3 Flussi di acqua piovana, sversamenti di liquidi, oli usati, sostanze antigelo, petrolio e altri derivati del Bacini di raccolta e pozzi asciutti petrolio, sali per strade, antiparassitari 5 e diverse altre sostanze Pozzi di drenaggio Antiparassitari 9,10, batteri Pozzi con scambio d acqua tra acquiferi differenti, infiltrazioni, Acqua marina, acqua eccessivamente mineralizzata infiltrazioni di acqua di mare in aree costiere Flussi di acqua piovana, eccesso di acqua irrigua, acqua di raffreddamento, flussi di acque fognarie Ricarica artificiale degli acquiferi trattate, altre sostanze che possono contenere contaminanti come nitrati, metalli, detergenti, composti organici sintetici, batteri e virus Commerciale Aeroporti e campi di atterraggio abbandonati Carburanti per aeromobili, sostanze antighiaccio, gasolio, solventi clorurati, scarichi di veicoli 7, carburanti per riscaldamento, rifiuti provenienti dagli edifici 13 Autofficine Oli usati, solventi, acidi, vernici, scarichi di autoveicoli 7, oli vari Parrucchieri e centri estetici Soluzioni per permanenti, tinture per capelli, miscele chimiche contenute nei lavaggi per capelli Cantieri navali Gasolio, oli, sostanze protettive per legno e trattamenti chimici, vernici, cere, pitture, scarichi di motori, accumuli di barche usate Piste per bowling Resine epossidiche, finiture di pavimenti a base di poliuretano Autoconcessionarie Scarichi di veicoli 7, oli, solventi, rifiuti vari Autolavaggi Saponi, detergenti, cere, sostanze chimiche varie Campeggi Sistemi settici, benzine, nafta proveniente dai motori per barche, antiparassitari usati per limitare la presenza di formiche e insetti 9, rifiuti domestici pericolosi da veicoli e mezzi ricreativi 8 Negozi di tappeti Collanti e altre sostanze adesive; carburanti conservati in contenitori se si usano elevatori motorizzati Cimiteri Percolati, sostanze chimiche usate per la manutenzione delle aree verdi 10 Cantieri edili e zone di stoccaggio di Solventi, amianto, vernici, colle e altre sostanze adesive, rifiuti di sostanze chimiche varie materiali usati nell edilizia 19

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli