Corso di Tecnica Urbanistica, anno accademico Nascita ed evoluzione della città e il processo di urbanizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Tecnica Urbanistica, anno accademico 2013-2014. Nascita ed evoluzione della città e il processo di urbanizzazione"

Transcript

1 Corso di Tecnica Urbanistica, anno accademico Nascita ed evoluzione della città e il processo di urbanizzazione Cheti Pira Dipartimento Ingegneria di Ingegneria civile, ambientale e architettura Università degli Studi di Cagliari 1

2 Definizione di città Nascita della città Storia della città_la città pre-industriale Storia della città_la città industriale Storia della città_la città post-industriale Il processo di urbanizzazione La città europea Sommario 2

3 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura dell Arch. Alessandra Barresi in Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina ale_didattico/597_2010_253_9633.pdf La città 3

4 Definizione di città 4

5 «Il luogo che gli uomini hanno creato quando hanno dovuto vivere insieme per svolgere una serie di funzioni che non potevano svolgere da soli» (E. Salzano, 1998, Fondamenti di urbanistica, Laterza, Bari) «Una città è un insediamento umano esteso e stabile, un'area urbana che si differenzia da un paese o un villaggio per dimensione, densità di popolazione, importanza o status legale» (Wikipedia) «La funzione principale di una città è di trasformare il potere in strutture, l'energia in cultura, elementi morti in simboli viventi di arte, e la riproduzione biologica in creatività sociale.» (L.Munford) Definizioni di città 5

6 «..un insediamento relativamente vasto, denso e duraturo di persone socialmente eterogenee» (Louis Wirth) Definizioni di città 6

7 Nascita della città 7

8 La lunga storia della città può essere suddivisa in tre periodi in base alla tipologia di città che in quel tempo si forma e diventa prevalente: città preindustriale, città industriale e città postindustriale. Schematicamente: Dalla comparsa dell uomo sulla terra al Quarto Millennio a.c. Assenza di città Dal Quarto Millennio a.c. fino alla Rivoluzione Industriale (a partire dal XVII secolo) Città pre-industriale Dalla Rivoluzione Industriale fino agli anni immediatamente successivi alla Seconda Guerra mondiale Città industriale Ultimi anni cinquanta Città post-industriale Nascita della città 8

9 N.B. Alcune caratteristiche della città (dimensione, forma, attività svolte), si mantengono pressochè inalterate per quasi 7000 anni e subiscono invece una radicale trasformazione solo negli ultimi 200 anni, a partire dalla rivoluzione industriale. Nascita della città 9

10 La Rivoluzione agricola del 7000 a.c. e le innovazioni tecnologiche del Neolitico rappresentano i prerequisiti necessari per la Rivoluzione urbana del 4000 a.c. Il fenomeno urbano la cui nascita si fa risalire al Quarto Millennio a. C. porta alla creazione delle prime città che hanno essenzialmente due caratteri distintivi: 1. L organizzazione spaziale. 2. La complessità dell organizzazione sociale. Nascita della città 10

11 Le prime vere città sono a volte indicate come grandi insediamenti nei quali gli abitanti non si limitavano a coltivare le terre circostanti, ma cominciavano ad avere occupazioni specializzate, e nelle quali le attività commerciali, e di potere erano centralizzate. Le società basate sulla vita nelle città vengono spesso chiamate civiltà. Secondo questa definizione, le prime città di cui abbiamo notizia erano situate in Mesopotamia, o lungo il Nilo, la vallata dell'indo e la Cina. Prima di queste sono rari gli insediamenti che raggiungessero dimensioni significative. Le prime città si sviluppano in zone fertili, lungo grandi fiumi e vaste pianure agricole o in punti che costituiscono passaggi obbligati delle vie commerciali. L'insediamento urbano più antico di cui finora siano state ritrovate le tracce risale all'8000 a.c., ben 4500 anni prima dello sviluppo delle grandi civiltà fluviali in Mesopotamia ed Egitto. Si tratta della città di Gerico nelle vicinanze del Mar Morto, probabilmente sorta grazie alle attività mercantili collegate allo sfruttamento del sale e dei minerali della zona. Nascita della città 11

12 La teoria del surplus produttivo alimentare risulta insufficiente a spiegare la nascita delle città. Esse nascono dove si forma una organizzazione statuale, in grado di esercitare un potere coercitivo che raccoglie il surplus e lo ridistribuisce in modo più o meno diseguale. Si può dunque affermare che, la nascita dello Stato come istituzione preceda la nascita della città. Per esempio il faraone o il re era a capo di un esercito che provvedeva alla difesa, faceva costruire grandi opere di irrigazione, mentre i suoi sacerdoti pregavano gli dei perche assicurassero un raccolto abbondante. Nascita della città 12

13 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura dell Arch. Alessandra Barresi in Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina Nascita della città 13

14 I geografi urbani distinguono due importanti concetti: il sito e la posizione della città Il sito è il luogo fisico e topografico dove sorge l insediamento. Esso condiziona la forma della città, la viabilità, le tipologie costruttive attraverso la pendenza dei terreni, la presenza dei corsi d acqua, l esposizione, i fattori di ordine geologico (robustezza del sottofondo) influenzano le caratteristiche edilizie e la durata nel tempo dell insediamento. Con la posizione è indicata la qualità delle relazioni funzionali ed economiche territoriali alla scala territoriale. Vengono indicate dai geografi le componenti in 3 grandi categorie: 1 La centralità rispetto alle aree di mercato 2 Il contatto con regioni a economie diverse 3 L incrocio di itinerari di grande importanza Collocazione delle città 14

15 Dimensione fisica e demografica: La città antica era piccola; dal momento che non esistevano mezzi di comunicazione la sua dimensione era determinata dalla spazio percorribile a piedi dall uomo. Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina Nascita della città 15

16 Storia della città. La città pre-industriale 16

17 Gli elementi distintivi della città preindustriale sono - Politica. La forma del governo oscilla tra la monarchia e l oligarchia. - Disuguaglianza sociale. La città pre-industriale 17

18 La città greca si arricchisce di nuovi elementi urbani richiesti dalla moltiplicazione degli incontri sociali e dalle attività di gruppo. La città si differenzia da qualsiasi altro tipo di Insediamento precedente per la ricchezza delle attrezzature e dello spazio pubblico (pritaneo, agorà, teatro, ginnasio). Organizzazione dello spazio urbano della polis greca La città greca 18

19 L'architetto Ippodamo da Mileto (V secolo a.c.) immagina una città costruita secondo un piano preciso, in cui gli isolati, il loro orientamento e anche l'eventuale sviluppo del nucleo urbano sono precisamente regolati. La tradizione lo vuole inventore della città a pianta ortogonale divisa per aree funzionali. La crescita degli imperi antichi e medioevali condusse a capitali o sedi delle amministrazioni provinciali ancora più grandi: Roma, con oltre un milione e mezzo di abitanti nel II sec., la sua emula orientale Costantinopoli, e le successive cinesi e indiane si avvicinarono al mezzo milione di abitanti o lo superarono. Fino agli anni le città erano aperte e si fondevano con la campagna, ma in seguito alle invasioni barbariche si contrassero chiudendosi entro mura. Tra l'895 ed il 955 una seconda ondata di invasioni, convinse a rafforzare le mura ed i castelli. Storia della città 19

20 Schema planimetrico della città di Mileto. Esso è costituito da un reticolo ortogonale fatto di strade principali e strade secondarie che divide lo spazio in isolati quadrangolari regolari Storia della città 20

21 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina La città greca 21

22 Organizzazione della città romana Le città romane erano circondate dalle mura, che avevano uno scopo difensivo. Il terreno all'interno delle mura veniva diviso. C'erano due vie principali, perpendicolari tra loro, il cardo e il decumanus. Anche le altre strade venivano costruite secondo un sistema a maglia ortogonale,cioè erano parallele alle principali e questo dava alla città l'aspetto di una scacchiera. Nel punto d'incontro tra il cardo e il decumanus si trovava il Foro, la piazza più importante della città. Ogni città romana possedeva un Foro. Il Foro inizialmente era usato come luogo di mercato, ma poi divenne il nucleo dell'attività cittadina. Affari, processi, elezioni, cerimonie civili e religiose si svolgevano al suo interno. Lungo i lati maggiori del Foro sorgevano le botteghe di legno (tabernae).. All'interno del Foro si trovavano anche i templi, che non avevano solo scopi religiosi, ma venivano utilizzati anche come luoghi di riunione. La città romana 22

23 Organizzazione della città romana I Romani pensarono nel costruire le loro città a quello che i Greci avevano trascurato: il pavimentare le strade, l'incanalare le acque, il costruire fogne che potessero evacuare tutti i rifiuti della città. La città romana 23

24 Durante i secoli d'oro dell'impero romano vennero realizzate grandiose opere pubbliche e abbellite le città con opere d'arte di ogni tipo. Roma, capitale dell'impero, raggiunge un milione di abitanti e si arricchisce rapidamente di edifici e strutture grandiose, come il Circo Massimo, l'anfiteatro Flavio, le Terme di Caracalla o i tredici acquedotti che riforniscono la città. Caratteristica della città romana è l'attenzione monumentale al foro, spazio commerciale e politico, luogo di incontro dell'intera comunità e vetrina di tutto l'impero. La città romana 24

25 L organizzazione territoriale romana, si è formata per aggregazioni successive di territori. Essi venivano omogeneamente strutturati mediante impianto di città, creazione di relative aree economiche, dotazione di infrastrutture urbane e territoriali e di istituzioni civiche, il tutto tipizzato secondo una costante, monotona e universale, precettistica, che è riuscita per un arco di tempo non lungo, ma decisivo per la storia urbana, a garantire su estesa superficie l'equilibrio economico e sociale delle unità territoriali di base integrate in un sistema politico centrale. La città romana 25

26 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina 0_253_9633.pdf La città medioevale 26

27 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina La città medioevale 27

28 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina La città medioevale 28

29 Un antitesi nata grazie alla ricerca degli storici del periodo medioevale, contraddistinto da una rinascita della civiltà urbana, consiste nella distinzione tra città fondata e città spontanea. Con le prime si fa riferimento alle città interamente controllate e progettate nella loro nascita e nella loro forma: esse sono caratterizzate da una forma regolare, in genere a scacchiera (vedi città romana). Con le seconde si fa invece riferimento alle città liberamente sviluppatesi, generalmente disordinate ed organiche, dove la forma non è altro che la somma delle singole volontà individuali di abitanti e costruttori. Tuttavia non è possibile definire la città spontanea come negativo della città fondata. Infatti, ogni città fondata superato il più o meno lungo arco temporaneo che la separa dalla sua realizzazione, nel momento in cui lo sviluppo edilizio di espande all esterno del nucleo pianificato diventa città spontanea. Città fondata e città spontanea 29

30 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina Le Città tra il 400 e il

31 Signorie e principati, tra il 500 e il 700, non solo confermano l'idea del microcosmo urbano accentratore, ma lo isolano con un sempre più complesso sistema stabile difensivo, ed accentuano, su più vasta scala, la gerarchizzazione degli insediamenti sul territorio. Si sviluppa in quei secoli l'arte urbana, che arricchisce le città principesche di nuovi episodi architettonici di rilievo. Al tempo stesso si incomincia a teorizzare sulla "forma urbis" fino a dar vita ad una fioritura di nuove idee urbanistiche che sotto la veste di "città ideali", si pongono, nei confronti delle esistenti, come altrettante possibili alternative globali; molto spesso le innovazioni vagheggiate sono soltanto formali, geometriche e difensive, ma in questa ricerca inventiva nuove idee prorompono sia nel campo tecnico sia nel campo dell'ordinamento sociale, aprendo la strada alle utopie. I grandi temi a cui riflessione sulla città ideale era organicamente legata: la rinnovata affermazione della centralità dell'uomo, la riscoperta e la riappropriazione dell'arte greco-romana e dell'architettura classico-romana, l'imitazione della realtà, l'organizzazione prospettica dello spazio artistico, la teoria delle proporzioni e della misura nella progettazione architettonica. Città ideali 31

32 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina Città ideali 32

33 Storia della città. La città industriale 33

34 Il primo mutamento decisivo nell organizzazione della città si registrò, nelle città europee, proprio intorno alla prima metà del 700. Le città, in quel periodo, vengono interessate da massicci aumenti di popolazione, dovuti soprattutto al fatto che il miglioramento delle condizioni igieniche portò ad una notevole diminuzione della mortalità. Contemporaneamente all aumento della popolazione si assiste al cambiamento del sistema produttivo, con il passaggio da un economia essenzialmente basata sull agricoltura e sul commercio dei prodotti agricoli ad un economia basata sull industria. Moltissime innovazioni tecnologiche (dalla macchina filatrice che consentiva ad un solo operaio di manovrare più fili contemporaneamente sullo stesso telaio, alla prima tessitrice meccanica, alla macchina a vapore, all uso del carbone nella lavorazione dei minerali), furono la principale causa dell aumento dell attività industriale (rivoluzione industriale), che si concentrò principalmente nelle città (fenomeno chiamato: industrializzazione). La città industriale 34

35 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina La città industriale 35

36 La concentrazione di attività industriali nella città attirò molta popolazione dalle campagne, con conseguente abbandono dell attività agricola, e ulteriore aumento di popolazione nelle città (è una delle prime fasi della storia delle città: la città industriale). Lo spostamento di popolazione dalle campagne alle città fu agevolato e incrementato dal miglioramento dei collegamenti. Per garantire le esigenze commerciali, il sistema viario subì notevoli sviluppi (costruzione di nuove strade e miglioramento delle esistenti) e anche il sistema ferroviario, con l invenzione della locomotiva di Stephenson (1825), subì un notevole incremento (creazione di linee ferroviarie sia per il trasporto di persone che di merci). Si crea un saldo legame tra città e industria La città industriale 36

37 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina Città ideali 37

38 Dal punto di vista sociale è ancora una città fortemente divisa e caratterizzata da stridenti disuguaglianze sociali. Si crea una piramide sociale dove al vertice vi sono i ricchi e alla base i lavoratori, perlopiù non specializzati. Dal punto di vista della forma di governo, la città industriale è una città di cittadini liberi all interno di stati democratici, detentori di diritti sempre più ampi. Ai diritti civili e politici ci aggiungono i diritti sociali (assistenza, sanità, ecc). Storia della città_la città industriale 38

39 Nell 800, le città, cominciano ad accusare gli inconvenienti di tale fenomeno (chiamato: urbanesimo) legati alla carenza di servizi (ad es. le fogne) con la relativa nascita di quartieri residenziali malsani in cui le scarse condizioni igieniche erano causa di epidemie (colera, tifo, ecc.), l aumento del traffico e dell inquinamento, l aumento della povertà, la speculazione sull edificazione dei quartieri residenziali con scarsissima qualità. In sintesi, si può affermare quindi che l urbanistica moderna nasce come il tentativo di dare una risposta positiva alla crisi della città ottocentesca, consistente in un insieme di regole, dettate dall autorità pubblica, che fossero in grado di dare ordine alle trasformazioni della città e costruire il substrato per l attività di costruzione e localizzazione di funzione da parte dei privati. Per urbanesimo s intende il modo di vita e gli orientamenti culturali della città industriale Per urbanizzazione processo di concentrazione della popolazione di una società nelle città La città industriale 39

40 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina Città ideali 40

41 Fonte, Dispense del corso di Fondamenti di Urbanistica a cura di Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani, Disponibili su Internet alla pagina Città ideali 41

42 Tipico slums di una città industriale ottocentesca Storia della città_la città industriale 42

43 Le radici dell urbanistica moderna sono proprio qui, nel momento in cui le gravi situazioni della città industriale provocano non solo il disagio, ma anche la protesta delle persone che vi sono coinvolte. L urbanistica abbandona per sempre la posizione di apparente distacco dai conflitti sociali, conservata fino ad allora all ombra del potere assoluto. Storia della città_la città industriale 43

44 In particolare, ricordiamo i seguenti interventi : -(sventramenti) di Hausmann a Parigi ( ) e di Anspach a Bruxelles ( ); - la sistemazione del Ring (cintura verde) di Vienna (dal 1857); - l ampliamento delle città di Firenze ( ) e Barcellona (dal 1859) - gli interventi sul sistema delle fognature e della linea metropolitana di Londra (a partire dal 1848). Storia della città_la città industriale 44

45 La città industriale ottocentesca ha cominciato ad occupare porzioni sempre più estese di territorio ossia ha cominciato ad impadronirsi del territorio con un processo di urbanizzazione notevole (estensione dell urbanesimo al territorio). Non è stato più sufficiente regolare unicamente le trasformazioni della città, ma è stato invece necessario che l urbanistica si occupasse anche del territorio. Si comincia a parlare di pianificazione territoriale e non solo urbanistica. Storia della città_la città industriale 45

46 Nella città fordista, dei primi del secolo scorso ( ), l industria ottocentesca lascia il passo all industria moderna, caratterizzata da tecnologie avanzate, dal cambiamento dei processi di produzione e dalla conseguente nuova riorganizzazione dei rapporti e delle relazioni tra industria e le altre funzioni della città. (Il processo di crescita delle città è sempre in atto, fino agli anni 70 le città continuano a crescere a dismisura, sottraendo popolazione alle campagne e generando enormi periferie prive di connotazione e qualità.) La città fordista 46

47 Caratteri: 1) concentrazione della attività industriali all interno del tessuto urbano 2) fabbriche di grandi dimensioni (produzione di massa) necessitano di un ampio bacino di manodopera non professionalizzata (migrazioni dal sud nel caso italiano ma anche nordamericano; alti tassi di inurbamento) 3) concentrazione e crescente importanza di servizi (alle imprese, sociali) e infrastrutture (alloggi, strade, mezzi pubblici), finanziate dalle maggiori entrate fiscali 4) avvento del consumo di massa (es. Italia anni 60 del boom economico) 5) rigida separazione fra luogo e tempo di lavoro (la fabbrica) e luogo e tempo per le attività ludiche e del tempo libero 6) Company- town (città-fabbrica) La città fordista 47

48 Crescita esponenziale delle città industriali contribuiscono alla formazione delle periferie operaie ad alta densità abitativa e a bassa qualità ambientale Processo di sub-urbanizzazione: al di là delle periferie urbane si vengono a costituire le cosiddette cinture industriali, quartieri satellite con funzione esclusivamente residenziale. Conurbazione: queste aree sub-urbane si collegano sempre più con la città formando un insieme territoriale composto da queste cinture industriali e i piccoli comuni limitrofi (vicini) Creazione dell area metropolitana Fenomeno del pendolarismo La città fordista 48

49 Storia della città. La città post-industriale 49

50 I processi di deindustrializzazione e di ristrutturazione industriale portano la città verso un modello che comincia a strutturarsi a partire dagli anni 70 ed è ancora in corso di definizione. La ricchezza non viene più prodotta dall industria manifatturiera, ma dal settore dei servizi, sia alle aziende che alle persone, in particolare quelle attività intellettuali legate alla ricerca e alla creazione di nuove idee in relazione alle nuove idee in relazione all emergere dell economica della conoscenza, da un lato, e allo sviluppo delle industrie culturali dall altro. Si tratta di una città frammentata perché formata da innumerevoli gruppi sociali, diversi per orientamento politico, cultura posizione economica ecc. Che hanno legami deboli tra loro e con la società tanto da mirarne la coesione. Alle cause tipiche della società industriale si aggiungono quelle derivanti da una sempre più articolata divisione del lavoro e soprattutto quelle connesse alla migrazione internazionali che portano ora nelle città culture molto diverse rispetto a quella autoctona. La città post-industriale 50

51 La frammentazione si riflette nella difficoltà di interpretazione e trasmissione delle volontà politica da parte dei partiti e dalla conseguente crisi della democrazia rappresentativa. Il governo della città post-industriale si apre a nuova forme di governance, in cui attori diversi, pubblici e privati, organizzazione no profit, sono coinvolti nelle politiche urbane. La città post-industriale 51

52 Crisi del modello fordista e passaggio alla città post-fordista/postindustriale (fine anni 60 inizio anni 70) Sistema economico e produttivo incentrato sulla fabbrica di grandi dimensioni entra in crisi Diminuzione della classe operaia come soggetto produttivo e soggetto del conflitto Crisi fiscale dello stato e crisi del sistema di welfare state Crescita del ceto medio impiegatizio (white collar) e della società dei servizi e dell informazione Rivoluzione informatica Problema delle nuove povertà urbana e della segregazione urbana Processo di de-urbanizzazzone e crescita dei centri urbani medio-piccoli Dalla città post fordista all organizzazione della città fino ai giorni nostri 52

53 Il processo di crescita della città si interrompe, e la cosiddetta città post fordista, con cui si designa l organizzazione delle città fino ai giorni nostri, vede l affermarsi di nuove regole ed equilibri. Nasce il settore dei servizi che, inizialmente affianca l attività industriale, per poi diventare il settore trainante dell economia. Nascono interi quartieri residenziali in zone marginali (ritorno alla campagna).. Si affermano i principi di qualità ambientale e sviluppo sostenibile. Dalla città post fordista all organizzazione della città fino ai giorni nostri 53

54 Dalla città post-fordista in poi, sono mutati gli obiettivi e i contenuti della pianificazione urbana e territoriale. Se fino a qualche decennio prima l esigenza primaria era di governare l espansione delle città, ora diviene fondamentale la riqualificazione (dei centri storici ma anche delle periferie costruite negli anni 50, 60 e 70), la pianificazione dei servizi e la tutela e la salvaguardia ambientale. Dalla città post fordista all organizzazione della città fino ai giorni nostri 54

55 Il processo di urbanizzazione 55

56 Il concetto di fenomeno urbano, sottolinea Pierre-Henri Deryche, è stato utilizzato per la prima volta, nella prima metà degli anni Cinquanta del secolo scorso dal geografo George Chabot, per caratterizzare il prodigioso sviluppo delle città nell epoca contemporanea. Città e territorio sono concetti in evoluzione (Jean Gottmann) Il fenomeno dell urbanizzazione 56

57 Il rapido e consistente aumento demografico mondiale, iniziato nel XVIV secolo e tuttora in corso, si è accompagnato a un fenomeno di concentrazione della popolazione nelle città. Il 2007 segna un momento storico, più della metà della popolazione mondiale vive nelle città (si prevede che arriverà al 60 nel 2030). Se poniamo attenzione all arco temporale degli ultimi 50 anni, emerge che la corsa verso la città si è concentrata nei paesi in via di sviluppo. Alcuni dati, secondo i calcoli della Divisione popolazione delle Nazioni Unite: ogni 100 abitanti del pianeta solo 29 vivevano in aree urbane questa quota era salita al 45% e la popolazione urbana era più che triplicata, giungendo a 2,4 miliardi la popolazione urbana mondiale ha superato quella rurale. Oggi vivono in aree urbane circa tre miliardi e mezzo di persone. Il fenomeno dell urbanizzazione 57

58 Nel 1950 l agglomerato urbano più grande del mondo era New York, con 12,3 milioni di abitanti. Nei primi dieci posti si collocavano altre cinque aree metropolitane occidentali (Londra, Parigi, Mosca, Ruhr, Chicago), tre asiatiche (Tokyo, Shanghai e Calcutta) e una sudamericana (Buenos Aires). Nel 2010 la classifica è guidata da Tokyo, con 36,7 milioni di abitanti. New York è l unica città occidentale nelle prime dieci, dove, salvo Città del Messico e San Paolo, tutte le altre sono città asiatiche. Si prevede che nel 2025 le megacittà saranno una trentina e solo quattro di esse (New York, Los Angeles, Parigi e Mosca) apparteranno a paesi occidentali. Il fenomeno dell urbanizzazione 58

59 Prima ondata del processo di urbanizzazione Avevano interessato l Europa e il Nord America nei secoli in seguito all industrializzazione, con processi relativamente graduali, che avevamo coinvolto qualche centinaia di migliaia di persone. Seconda ondata del processo di urbanizzazione Interessano i Paesi in via di sviluppo, con masse di popolazione più numerose (che hanno ottenuto in poche decine di anni la caduta dei tassi di mortalità che in paesi sviluppati hanno realizzato in uno o due secoli). La velocità e la dimensione del processo di urbanizzazione nei paesi più poveri pongono alle città di questo paesi un ventaglio molto ampio di problemi (formazione e crescita di periferie degradate che si estendono a macchia d olio attorno alle grandi città. Favela, slum, bidonville, shantytown sono diventate un elemento comune delle grnadi città nei Paesi del Sud del Mondo). Il fenomeno dell urbanizzazione 59

60 Baraccopoli di Soweto, Sud Africa 2005 Baraccopoli lungo il Martin Pena Grande a Puerto Rico, Stati Uniti Il fenomeno dell urbanizzazione 60

61 La città europea 61

62 Le città europee appaiono l una diversa dall altra, in quanto risultato di vicende storiche che hanno dato loro profili unici e particolari. D altro canto esse appaiono anche trasformate profondamente dalle dinamiche dei processi di globalizzazione (economica, politica, culturale). Ci sono comunque alcuni caratteri comuni in tutte le città europee: 1. Forma compatta e densamente costruita attorno ad un nucleo di origine storica, che mantiene funzioni economiche, politiche, culturali e simboliche importanti. La città europea 62

63 2. Longevità. La maggioranza delle città europee hanno origini molto antiche ( il 30% degli insediamenti europei è di origine romana, un altra quota altrettanto importante ha origine nel periodo medioevale) 3. Forte incidenza delle città di piccole e media dimensione. Le città di piccole dimensioni sono numerosissime, ma la maggioranza della popolazione urbana vive in città di medie e grandi dimensioni (dai ai 2 milioni di abitanti). Le città al di sopra della soglia dei 2 milioni di abitanti sono poche (Parigi, Londra, Berlino, Roma). La città europea 63

64 Barresi A., Amagliani E., Città antica e città contemporanea; forme dell urbanizzazione e dinamiche delle trasformazioni; l urbanistica della città europea, teoria e prassi. Dispense del Corso di Fondamenti di Urbanistica. Documento scaricabili alla pagina Calabi D. (2004), Storia dell'urbanistica europea : questioni, strumenti, casi esemplari, Milano, Bruno Mondadori (Biblioteca di Urbanistica) Lewis Mumford (1963), La città nella storia, Milano : Edizioni di Comunita (Biblioteca Architettura). Morini M. (1963), Atlante di storia dell'urbanistica : dalla preistoria all'inizio del secolo 20, Milano, U. Hoepli (Biblioteca Urbanistica). Link Riferimenti bibliografici consigliati 64

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

All inizio del diciannovesimo

All inizio del diciannovesimo Atlante 11 Un mondo di città All inizio del diciannovesimo secolo, il nostro pianeta contava un miliardo di esseri umani. All alba del ventunesimo ne accoglie sette. Questa esplosione demografica, che

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia La Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia vanta più di 70 anni di esperienza in materia di sostegno alla cultura. Fu fondata nel 1939, poco prima

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli