L alternanza a Milano e provincia nel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L alternanza a Milano e provincia nel 2006-2007"

Transcript

1 L alternanza a Milano e provincia nel Introduzione Le scuole di Milano e provincia impegnate in progetti di alternanza scuola-lavoro nel sono state complessivamente 42. Di queste, 11 sono IIS, 18 Istituti Tecnici, 9 Istituti Professionali e 4 Licei. Trentadue scuole su quarantadue hanno iniziato la sperimentazione negli anni passati, mentre dieci sono partite quest anno. Su 141 Istituti secondari di II grado di Milano e provincia, l alternanza ha interessato perciò il 29,8 delle scuole. Gli Istituti con più di un anno di esperienza hanno avuto la certezza della prosecuzione delle attività fin dal settembre 2006, quando è stato loro richiesto di comunicare il numero di studenti delle classi coinvolte nel progetto, mentre il decreto di attribuzione dei fondi è dell 11 gennaio Per le scuole nuove la procedura si è conclusa il Lo si ricorda perché molti Istituti hanno lamentato di aver potuto iniziare il lavoro solo ad anno scolastico inoltrato. Gli studenti che hanno partecipato ad attività di alternanza sono stati in totale 5.843: di seconda, di terza e di quarta. Per le scuole dell alternanza si sono svolte diverse attività di formazione. Nel mese di novembre l USP di Milano ha dedicato alle scuole non ancora impegnate in attività di alternanza una conferenza di servizio per illustrare i caratteri di questa iniziativa ed invitarle a rispondere al bando. Nel dicembre 2006 l USR ha organizzato un attività di formazione, rivolta ai referenti delle scuole che da più tempo realizzano progetti di alternanza in Lombardia; analoga iniziativa ha coinvolto le scuole di Milano alla fine di febbraio. Sempre per Milano e provincia l USP ha organizzato un incontro di formazione a marzo per le scuole nuove e, a partire da aprile, un attività di counceling presso le scuole, incentrata sul monitoraggio e la valutazione delle attività svolte, cui hanno aderito 25 scuole su 42. L attenzione rivolta alle attività di formazione deriva, da un lato, dalla consapevolezza della complessità dei progetti di alternanza e, dall altro, dalla centralità del tema dello sviluppo di competenze per la scuola italiana. Bisogna ricordare che le scuole dell alternanza hanno affrontato in modo sistematico il tema delle competenze, costituendo così un possibile punto di riferimento per le altre scuole. Per questi motivi il format per la relazione finale richiedeva, oltre a dati numerici ed organizzativi di varia natura, la descrizione delle competenze di base, delle competenze professionali, delle prestazioni sviluppate dagli studenti grazie all alternanza e la presentazione di tre competenze non altrimenti definite sviluppatesi grazie all alternanza e scelte dalle scuole in base a un criterio, si presume, di importanza o frequenza. Disponiamo delle relazioni di ventotto scuole con più di un anno di esperienza e di otto scuole con un anno di esperienza, ed è a queste relazioni che fa riferimento la sintesi che si presenta. 1

2 Innanzi tutto bisogna sottolineare l elevata percentuale di scuole che hanno presentato nei tempi previsti la relazione finale, cosa che non sempre accade, nonostante si vincoli l erogazione dei finanziamenti alla sua consegna. Si tratta dell 86% delle scuole, per cui ciò che viene qui riferito corrisponde a un quadro esaustivo dell alternanza nel milanese. Poiché nel format le competenze e le prestazioni rivestono un importanza fondamentale, prenderemo in esame soprattutto questo aspetto, raggruppando le risposte delle scuole per tipologia di competenze e per prestazioni. Gli altri aspetti saranno riferiti in forma generale nella parte finale, insieme ad una sintesi delle relazioni dei tutor sul counceling. Dall analisi che segue del modo di intendere le competenze da parte delle scuole emerge una molteplicità di interpretazioni che, pur trovando una parziale spiegazione nelle varie sfumature delle definizioni presenti in letteratura, sembra caratterizzare in modo rilevante questa esperienza. Ciò ha delle conseguenze sull azione didattica e sul modo in cui si lavora con le aziende, perché può incidere sulla scelta delle conoscenze e delle metodologie più adatte allo sviluppo di competenze e sull impostazione del rapporto con i partner aziendali, riducendo in modo talvolta significativo l efficacia e l utilità degli interventi. La presente relazione vuol dare un contributo alla riflessione su questi temi per stimolare una maggiore unitarietà nell azione. Le tre competenze scelte dalle scuole Una prima osservazione riguarda il numero di competenze presentate. Il format richiedeva di indicare fino a tre competenze, nell intenzione di raccogliere una selezione ponderata delle competenze su cui le scuole si sentissero più sicure. Tutte le scuole hanno risposto presentando almeno tre competenze per tipo di classe, ed alcune anche di più, preferendo una interpretazione ad abundantiam della richiesta posta. Se si considerano le risposte date, ci accorgiamo che le scuole hanno risposto in modi differenti alla domanda: 1. alcune fanno riferimento diretto alle nove competenze indicate nelle attività di formazione (*), senza aggiungere ulteriori specificazioni relative al contesto ed all attività che hanno permesso lo sviluppo della/e competenze; 2. altre, pur riferendosi alle nove competenze, le riformulano aggiungendo alcune specificazioni; 3. altre ancora non fanno riferimento alle nove competenze e presentano competenze definite autonomamente; 4. altre, infine, parlano di conoscenze e prestazioni piuttosto che di competenze. Vediamo ora più nel dettaglio alcuni esempi dei quattro casi. Caso 1: si tratta della scelta fatta dal gruppo numeroso di istituti, cui appartengono anche diverse le scuole storiche dell alternanza. Caso 2: sono esempi di riformulazione delle nove competenze i seguenti: - realizzare: Realizzare lo schema planimetrico dei locali utilizzando il software CAD ( classe III IT) ; (*) Definire obiettivi e risultati attesi; programmare e pianificare attività; attuare; controllare; gestire le informazioni; gestire le risorse; gestire le relazioni; gestire se stessi; risolvere problemi. 2

3 - gestire le informazioni: Raccogliere ed archiviare, utilizzando gli strumenti informatici, le informazioni secondo un criterio predefinito, selezionare le stesse e presentarle nel report finale (classe III IP); - gestire le risorse: Organizzare i mezzi a disposizione in funzione del loro utilizzo ; - attuare: Attua il processo concordato utilizzando metodi, strumenti e procedure caratteristiche del contesto (classe III IIS). Caso 3: sono esempi di competenze definite autonomamente dalle scuole i seguenti: - Sviluppare e rafforzare la motivazione a proseguire il percorso di studi scelto e intravedere gli aspetti pratici delle discipline (classe II IPSIA); - Collaborare fattivamente nella ricerca di possibili soluzioni ai problemi emersi nel corso del briefing aziendale (classe IV Liceo); - Programma le attività gestendo i mezzi e le relazioni in modo adeguato al contesto (classe IV IT); - Saper riconoscere le priorità delle attività lavorative ( classe III IIS); - Saper costruire un organigramma aziendale (classe II e III IT). In ciascuno di questi casi non è difficile ricondurre le competenze descritte ad una o più delle nove competenze di riferimento, ma le scuole non le richiamano esplicitamente. Caso 4 : sono esempi di prestazioni o conoscenze i seguenti: - Individuare gli elementi che compongono la retribuzione (IP classe IV) - Conoscere gli elementi teorici-pratici relativi alla realizzazione di sintesi e di analisi chimiche anche secondo procedure aziendali (IT classe III); - Conosce i riferimenti fondamentali dello studio di un gruppo (IM classe II); - Saper tarare uno strumento (IT classe III e IV); - Inserimento di un disegno esistente con il CAD (IT classe III); - Utilizzo di software dedicato agli automatismi industriali (classe III IT) Ci si è soffermati su questi esempi, perché corrispondono ad altrettanti modi di interpretare la domanda più aperta del format, che ha dato alle scuole la possibilità rielaborare la propria idea di competenza. Le competenze di base Le competenze di base (**), previste come standard formativi per i percorsi triennali della formazione professionale nonché gli assi culturali e le competenze chiave di cittadinanza, altrimenti dette competenze trasversali, presentate nel documento dell MPI: Indicazioni sulle modalità dell innalzamento dell obbligo di istruzione del 3 marzo 2007, hanno costituito un punto di riferimento per la riflessione sulle competenze, prima ancora della emanazione del Regolmento sull obbligo del Entrambi questi documenti descrivono competenze disciplinari e trasversali che coniugano il sapere disciplinare con il saper fare e sono perciò coerenti con le attività di alternanza E evidente il parallelismo (***) tra alcune delle competenze indicate dai due documenti citati, e l accento posto sulle conoscenze oltrechè sulle competenze. (**) Le competenze di base definite nell accordo quadro in sede di Conferenza unificata del 15 gennaio 2004, riguardano l area dei linguaggi, l area tecnologica, l area scientifica e l area storico-socio-economica (***) Area dei linguaggi / Asse dei linguaggi; Area tecnologica e Area scientifica / Asse scientifico-tecnologico; Area storico-socio-economica / Asse storico-sociale etc) 3

4 Le nove competenze di riferimento per l alternanza, invece, partono dall analisi dei principali processi aziendali, ma si appoggiano anch esse necessariamente su conoscenze, come ad esempio nel caso di competenze quali gestire le informazioni, gestire le risorse, risolvere problemi etc. Si potrebbe dire quindi che le competenze di base e gli assi culturali sono propedeutici alle attività di alternanza, che poi si svolgono avendo come riferimento le nove competenze. E per questi motivi che la richiesta di indicare le competenze di base effettivamente sviluppate nelle varie classi è stata inserita nel format. Anche in questo caso la risposta delle scuole è molto articolata. Alcune presentano le nove competenze come competenze di base (25%). Altre si rifanno al documento dell accordo in sede di Conferenza unificata (43%), riferendone integralmente il testo o indicando in particolare le competenze dell area dei linguaggi, dell area tecnologica o dell area storico-socio-economica, ma con particolare attenzione all area economica. Altri infine considerano le competenze trasversali come competenze di base (32%). Alcuni esempi degli ultimi due casi vengono qui di seguito presentati. Competenze di base in senso stretto - L automazione di un edificio (area tecnologica-iv IT) - Conoscere e comprendere l organizzazione delle fasi produttive del prodotto-servizio principale (area economica-iv IT) - Conoscere nelle linee essenziali gli aspetti pratici giuridico-economici delle imprese (area socio-economica-iis II) - Saper misurare, saper tarare uno strumento (area tecnologica- III e IV IT) Competenze trasversali intese come competenze di base - Evidenziare le proprie motivazioni in relazione al proprio progetto professionale di sviluppo ( II IT) - Lavorare in equipe, organizzarsi nel lavoro di gruppo (IV IP) - Saper gestire correttamente le relazioni( IV IT) - Sapersi confrontare in ambienti di apprendimento diversi ((III IT) - Sviluppare la capacità di comunicazione e relazione tra soggetti di pari livello e di livello gerarchico diverso (IV IT) Le competenze professionali In questo caso la risposta delle scuole è più omogenea. Vengono però presentate, piuttosto che competenze, delle prestazioni descritte in modo generale o circostanziato, premettendo in alcuni casi l indicazione di una delle nove competenze di riferimento. Anche quando le competenze di riferimento non sono esplicitate, è facile ricondurre la prestazione ad una o più di queste competenze. Il ricorso alle conoscenze non è frequente. Vediamo alcuni esempi dei diversi casi. Prestazione con esplicita indicazione della competenza - Attuare: progetta e realizza una trasmissione radiofonica di intrattenimento della durata di 60 selezionando notizie e testi musicali (III Liceo); - Problem solving: predisporsi ad affrontare e gestire operativamente l ambiente, il compito e il ruolo sia mentalmente sia a livello della condotta finale (III e IV IT); 4

5 - Definire obiettivi e risultati attesi :assegnato il compito lo identifica e lo colloca nel processo di lavoro (III IT): Prestazioni con competenza non esplicitata ma ricavabile - Verifica che quanto realizzato presenti le caratteristiche previste. Individua i punti critici da tenere sotto controllo (cfr. controlla - III IT); - Prepara soluzioni per pesata, diluizione e concentrazione espresse secondo varie unità di misura (cfr. attua III IT); - Saper utilizzare correttamente le procedure informatiche specifiche (cfr. gestire le risorse III IT) - Analisi dei flussi dei dati tra clienti e fornitori (cfr. controllare III IT); - Saper archiviare documenti (cfr. gestire le informazioni III IIS) Come si vede dagli esempi riportati, in alcuni casi le competenze professionali somigliano a prestazioni, mentre in altri casi sono effettivamente competenze per la descrizione generale che viene fatta dell aspetto trattato. Conoscenze Conosce la normativa sulla sicurezza, Saper riconoscere i principali documenti aziendali ; Riconoscere le specifiche contrattuali sono esempi di presentazione di conoscenze come competenze, non frequenti nella sessione dedicata alle competenze professionali, ma presenti. Le prestazioni Nel descrivere le prestazioni relative ad una particolare competenza come il format richiedeva, le scuole hanno dato risposte di natura diversa. Alcune hanno descritto in modo dettagliato prestazioni relative a competenze professionali o a competenze trasversali, altre hanno dato delle prestazioni una descrizione generale o discutibile. Vediamo alcuni esempi. Prestazioni descritte in modo analitico Disegno di elementi strutturali in legno, acciaio, in muratura ed in conglomerato cementizio armato, normale o precompresso (IV IT) Ridisegna la pianta del museo, evidenziando i percorsi di flusso e la loro non sovrapponibilità (III Liceo); Attuare: svolgere attività di back office: catalogare la merce. (III Liceo) Saper riconoscere e classificare i documenti, attribuire il protocollo e archiviarli (III IT) Gli studenti hanno individuato guasti di autoveicoli ed eseguito la riparazione (IV IP) Prestazioni descritte in modo generale Saper leggere ed interpretare un manuale tecnico in lingua inglese ((IV IP) Inserimento dati nelle scrittura contabili ( IV IT) Utilizzo documentazione on line (III IT) 5

6 Prestazioni descritte in modo discutibile Recupero della motivazione e dell interesse ( III IIS) Relazione scritta e orale in italiano: diario di bordo ( III IT) Conosce la componentistica ( III IT) Apprendimento, Rapporti con i colleghi (IV IIS) Vale la pena di sottolineare anche le diverse forme linguistiche con cui le competenze sono presentate. Si va da espressioni con un soggetto in terza persona come Prepara soluzioni, a casi in cui è un infinito a far da soggetto come Saper archiviare documenti dove l accento è posto sull azione e non su chi la fa, a casi, infine, in cui sembra si riporti il titolo di un capitolo di un libro come L automazione di un edificio. Ci sembra che la forma con soggetto in terza persona sottolinei con maggiore efficacia il fatto che la competenza è patrimonio di una persona e non un entità astratta. Il counceling presso le scuole L incontro con le scuole si è svolto, come si è detto, negli ultimi mesi dell anno scolastico. I formatori che hanno svolto questa attività si sono avvalsi di uno schema di intervista comune. I risultati del counceling sono stati discussi in seno al gruppo dei formatori che ha messo in luce i seguenti aspetti: 1. il rapporto con le aziende è visto spesso come un orientamento al mondo del lavoro e come un confronto con esso, piuttosto che come un nuovo modo di imparare; 2. manca una consolidata cultura della coprogettazione per competenze, e quando c è, riguarda soprattutto le competenze trasversali; 3. manca l abitudine a partire da compiti o problemi per arrivare a sviluppare competenze anche in classe; 4. si tende a considerare le discipline come fonti di conoscenze teoriche e non come punto di partenza per lo sviluppo di competenze disciplinari; 5. il coinvolgimento dell intero Consiglio di classe è infrequente, come la ricaduta delle attività di alternanza sulla didattica ordinaria; 6. le modalità di valutazione delle competenze sviluppate con il percorso di alternanza sono diverse da scuola a scuola; 7. vi sono difficoltà ad avere la disponibilità delle aziende. Spesso si hanno tante piccole aziende dove gli studenti seguono percorsi diversi; 8. studenti e genitori danno un giudizio decisamente positivo delle attività di alternanza. Conclusioni Una prima riflessione conclusiva riguarda la necessità di intensificare le azioni di formazione in modo da ricondurre il più possibile ad unità i diversi modi di intendere competenze di base, competenze trasversali, competenze professionali, prestazioni. Tale formazione deve avere però il carattere di una vera e propria ricerca-azione nella quale, a partire dai processi aziendali e da quelli che possono essere osservati ed attivati a scuola, si individuino le competenze da sviluppare ed il ruolo che le aree disciplinari possono svolgere nell innescare lo sviluppo delle diverse competenze. E quanto intende fare l USP di Milano a partire dai primi mesi dell anno scolastico Dai documenti delle scuole e dalle risultanze del counceling si capisce, inoltre, quanto complesse siano le attività di alternanza, ma anche il valore di questa esperienza. 6

7 Essa ha affrontato il tema del rapporto tra conoscenze, competenze e prestazioni; ha interpretato l innovazione metodologica in senso esperienziale e laboratoriale; ha agito per il rafforzamento del rapporto tra scuola e mondo del lavoro e praticato l incontro di questi due mondi nella progettazione delle attività. E diventata, infine, un punto di riferimento per una didattica per competenze grazie alla quale lo studente, prendendo in carico un compito specifico, si coinvolge, si responsabilizza e riesce a dare un senso a ciò che fa a scuola perché vede il rapporto tra teoria ed azione. Se nell esperienza dell alternanza ci sono ancora luci ed ombre, ciò è del tutto normale. Come si sa: Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia e non quel che trova. Milano, settembre 2007 Paola Tieri 7

Progetto: Orientare gli adolescenti oggi: uno strumento contro la dispersione

Progetto: Orientare gli adolescenti oggi: uno strumento contro la dispersione Progetto: Orientare gli adolescenti oggi: uno strumento contro la dispersione Aspetti generali Le attività di orientamento svolte dalle scuole secondarie di primo e di secondo grado si caratterizzano per

Dettagli

...una scuola di qualità per il tuo futuro!

...una scuola di qualità per il tuo futuro! A conclusione del percorso di studi lo studente è in grado di poter svolgere ruoli e funzioni relative a : rilevazioni dei fenomeni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili;

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Antonietta DE PACE L E C C E V.le Marche,28 E-Mail ipdepace@tin.it - Home Page http://www.ipdepace.com C.F. 80012240752 Tel. 0832/345008-348118 Fax 0832/217098

Dettagli

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012 1 LE COMPETENZE-CHIAVE In ragione delle scelte etiche e pedagogiche operate dal collegio e dai consigli di classe, il Buonarroti ha individuato le competenze chiave necessarie allo sviluppo globale della

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III MIUR.AOODRCAL.Registro Ufficiale(U).0017891.30-12-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti delle scuole statali LORO SEDI Ai Coordinatori delle attività didattiche delle

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- USP Torino"

Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- USP Torino Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- USP Torino" Competenze d asse e di cittadinanza Docenti: Cipriani Anna, Ist. Mag. Berti - TO Del Sonno

Dettagli

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali Codice e denominazione scuola ISISS BETTY AMBIVERI di PRESEZZO Dati statistici Studenti (indicare il numero

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015

PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015 PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015 Il Comune di Ravenna, il Comune di Russi, il Comune di Cervia, le

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

A cura di Arduino Salatin

A cura di Arduino Salatin A cura di Arduino Salatin USR Toscana misure di accompagnamento 2013-2014 Indicazioni nazionali primo ciclo seminari di avvio, 20 novembre 2013 1 1. La revisione ordinamentale del secondo ciclo 2. Le nuove

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA primaria e secondaria Via G. Pascoli,10 42023 Cadelbosco Sopra (RE) PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA Adattamento indicazioni operative a cura della Commissione

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014

I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014 I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing Sistemi Informativi Aziendali Tecnico Turistico ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI Operatore

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii.

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. Il Piano di Miglioramento (PdM) Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. 1 Indice Introduzione SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica,

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica, GIOVANI E SICUREZZA COMPETENZE TRASVERSALI PER COMPORTAMENTI RESPONSABILI 1. INTRODUZIONE Il concetto di competenza, in particolare se intesa come trasversale, si presta molto bene a essere applicato al

Dettagli

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue)

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue) UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Progetto di formazione di docenti e studenti dei tecnici e professionali del settore turisticoalberghiero in Sicilia Sicily is a Treasure Island for tourism

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F.

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. 93545220159 Sede amministrativa: Via Bersaglio, 56 Rho 20017 Tel.: 02 9302236 Fax: 02 9307396 Sito web:www.puecherolivetti.it e-mail:puecherolivetti@puecherolivetti.it

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE ITET E. FERMI LANCIANO RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE CURRICOLO E VALUTAZIONE Prof.ssa Mariella DI LALLO a.s. 2014-2015 Durante l anno scolastico 2014-2015 le principali attività svolte come funzione

Dettagli

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo)

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) I progetti IT attivati nelle singole scuole mostrano che la scuola sta facendo passi avanti nell acquisizione delle tecnologie e nella

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

Certificazione competenze

Certificazione competenze 9 settembre: odg la strada 2015/16 delle nove certificazioni delle competenze e l aggancio al curricolo verticale di Istituto Libri di testo: nuove modalità per le adozioni 2016/17 Ipotesi di flessibilità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Repertorio Atti n. 222 del 2 marzo 2000 CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015

Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015 Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device La rete delle scuole per una didattica innovativa a.s. 2010/2011: Liceo Scientifico F.Lussana la 4L inserisce l ipad come

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

ORIENTAMENTO 2014/2015

ORIENTAMENTO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI RUBANO M. BUONARROTI Scuola Secondaria di 1 grado ORIENTAMENTO 2014/2015 ANTONIO DA RE TERZA A CURA MEDIA ANTONIO DA RE E POI? 1 prima parte IMPARARE AD ORIENTARSI NELLA

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA.

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. UN MODELLO UN MODELLO MARGHERITA LAI SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. Cosa è l Alternanza MODELLI: L alternanza scuola lavoro: UN NUOVO MODO DI FARE SCUOLA SEMINARIO PROVINCIALE

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione. Ufficio Scolastico regionale per il Lazio. Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione. Ufficio Scolastico regionale per il Lazio. Direzione Generale Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico regionale per il Lazio Direzione Generale Via Ostiense 130/L 000154 Roma Tel. 065768341, 0657068343 fax 065757455 e mail: direzione-lazo@ istruzione.it

Dettagli

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria Diana Saccardo MIUR-Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici La riforma scolastica propone l insegnamento-apprendimento

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa Destinatari: studenti degli istituti superiori del terzo, quarto e quinto anno: protagonisti indiscussi del programma che, grazie al confronto con il Trainer IGS, saranno guidati nella realizzazione e

Dettagli

PROGETTO DI REALIZZAZIONE DELLA GUIDA ALLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI REALIZZAZIONE DELLA GUIDA ALLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI REALIZZAZIONE DELLA GUIDA ALLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Angela Lattanzio matricola 044784 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Psicologia a.a. 2003/04

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GOFFREDO PARISE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado Sede associata CPIA (VI) - Centro Provinciale Istruzione Adulti Via IV Martiri, 71-36071 ARZIGNANO (VI)

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

Metodologia formativo-didattica

Metodologia formativo-didattica Metodologia formativo-didattica L impostazione metodologica non può prescindere dalle caratteristiche e dalle esperienze e vissuti degli attori del processo di apprendimento (allievi-formatori) e tanto

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Con il patrocinio della Convegno Nazionale Riconoscimento, validazione

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Pianificazione ed erogazione delle attività educative e didattiche

Pianificazione ed erogazione delle attività educative e didattiche Pag. 1 di 17 SOMMARIO Pag. 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Applicabilità 2 3. Riferimenti 2 4. Termini e definizioni 2 5. Modalità operative 3 5.1 Generalità 3 6 - Documentazione 16 7 - Indicatori

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 1

UNITA DI APPRENDIMENTO 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza A TUTTA BIRRA Guida a un uso consapevole delle bevande alcoliche Realizzazione di una guida alle

Dettagli

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM)

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione del percorso AlmaOrièntati che ha coinvolto 97 studenti

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti

GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti 11.6.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 23 Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO MURO LECCESE Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di Primo Grado tel. e fax 0836/341064 e-mail leic81300l@istruzione.it Via Martiri d Otranto, 73036 MURO LECCESE (LE) C.F. 92012610751

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

PRINCIPI E MODELLI EDUCATIVO DIDATTICI PER L ATTUAZIONE DELLA PRATICA MUSICALE

PRINCIPI E MODELLI EDUCATIVO DIDATTICI PER L ATTUAZIONE DELLA PRATICA MUSICALE PRINCIPI E MODELLI EDUCATIVO DIDATTICI PER L ATTUAZIONE DELLA PRATICA MUSICALE Convegno di Studi DM8/2011 7 Ottobre 2014 - I.C. Parini Catania 8 Ottobre 2014 D.D. Arculeo - Palermo Liliana Minutoli Comitato

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI. Bando LAIV 2014

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI. Bando LAIV 2014 GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Bando LAIV 2014 INDICE Guida alla presentazione dei progetti sul bando LAIV 2014 pag. 1. Iter di selezione delle domande e assegnazione dei contributi 3 2. La procedura

Dettagli

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015 Istituto Comprensivo Ada Negri Via Don Milani, 3 20020 Magnago (MI) C. F. 93018880158 cod. mec. MIIC84200D Tel. 0331658080 Fax 0331659612 Posta Elettronica Certificata: MIIC84200D@pec.istruzione.it Prot.

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli