L alternanza a Milano e provincia nel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L alternanza a Milano e provincia nel 2006-2007"

Transcript

1 L alternanza a Milano e provincia nel Introduzione Le scuole di Milano e provincia impegnate in progetti di alternanza scuola-lavoro nel sono state complessivamente 42. Di queste, 11 sono IIS, 18 Istituti Tecnici, 9 Istituti Professionali e 4 Licei. Trentadue scuole su quarantadue hanno iniziato la sperimentazione negli anni passati, mentre dieci sono partite quest anno. Su 141 Istituti secondari di II grado di Milano e provincia, l alternanza ha interessato perciò il 29,8 delle scuole. Gli Istituti con più di un anno di esperienza hanno avuto la certezza della prosecuzione delle attività fin dal settembre 2006, quando è stato loro richiesto di comunicare il numero di studenti delle classi coinvolte nel progetto, mentre il decreto di attribuzione dei fondi è dell 11 gennaio Per le scuole nuove la procedura si è conclusa il Lo si ricorda perché molti Istituti hanno lamentato di aver potuto iniziare il lavoro solo ad anno scolastico inoltrato. Gli studenti che hanno partecipato ad attività di alternanza sono stati in totale 5.843: di seconda, di terza e di quarta. Per le scuole dell alternanza si sono svolte diverse attività di formazione. Nel mese di novembre l USP di Milano ha dedicato alle scuole non ancora impegnate in attività di alternanza una conferenza di servizio per illustrare i caratteri di questa iniziativa ed invitarle a rispondere al bando. Nel dicembre 2006 l USR ha organizzato un attività di formazione, rivolta ai referenti delle scuole che da più tempo realizzano progetti di alternanza in Lombardia; analoga iniziativa ha coinvolto le scuole di Milano alla fine di febbraio. Sempre per Milano e provincia l USP ha organizzato un incontro di formazione a marzo per le scuole nuove e, a partire da aprile, un attività di counceling presso le scuole, incentrata sul monitoraggio e la valutazione delle attività svolte, cui hanno aderito 25 scuole su 42. L attenzione rivolta alle attività di formazione deriva, da un lato, dalla consapevolezza della complessità dei progetti di alternanza e, dall altro, dalla centralità del tema dello sviluppo di competenze per la scuola italiana. Bisogna ricordare che le scuole dell alternanza hanno affrontato in modo sistematico il tema delle competenze, costituendo così un possibile punto di riferimento per le altre scuole. Per questi motivi il format per la relazione finale richiedeva, oltre a dati numerici ed organizzativi di varia natura, la descrizione delle competenze di base, delle competenze professionali, delle prestazioni sviluppate dagli studenti grazie all alternanza e la presentazione di tre competenze non altrimenti definite sviluppatesi grazie all alternanza e scelte dalle scuole in base a un criterio, si presume, di importanza o frequenza. Disponiamo delle relazioni di ventotto scuole con più di un anno di esperienza e di otto scuole con un anno di esperienza, ed è a queste relazioni che fa riferimento la sintesi che si presenta. 1

2 Innanzi tutto bisogna sottolineare l elevata percentuale di scuole che hanno presentato nei tempi previsti la relazione finale, cosa che non sempre accade, nonostante si vincoli l erogazione dei finanziamenti alla sua consegna. Si tratta dell 86% delle scuole, per cui ciò che viene qui riferito corrisponde a un quadro esaustivo dell alternanza nel milanese. Poiché nel format le competenze e le prestazioni rivestono un importanza fondamentale, prenderemo in esame soprattutto questo aspetto, raggruppando le risposte delle scuole per tipologia di competenze e per prestazioni. Gli altri aspetti saranno riferiti in forma generale nella parte finale, insieme ad una sintesi delle relazioni dei tutor sul counceling. Dall analisi che segue del modo di intendere le competenze da parte delle scuole emerge una molteplicità di interpretazioni che, pur trovando una parziale spiegazione nelle varie sfumature delle definizioni presenti in letteratura, sembra caratterizzare in modo rilevante questa esperienza. Ciò ha delle conseguenze sull azione didattica e sul modo in cui si lavora con le aziende, perché può incidere sulla scelta delle conoscenze e delle metodologie più adatte allo sviluppo di competenze e sull impostazione del rapporto con i partner aziendali, riducendo in modo talvolta significativo l efficacia e l utilità degli interventi. La presente relazione vuol dare un contributo alla riflessione su questi temi per stimolare una maggiore unitarietà nell azione. Le tre competenze scelte dalle scuole Una prima osservazione riguarda il numero di competenze presentate. Il format richiedeva di indicare fino a tre competenze, nell intenzione di raccogliere una selezione ponderata delle competenze su cui le scuole si sentissero più sicure. Tutte le scuole hanno risposto presentando almeno tre competenze per tipo di classe, ed alcune anche di più, preferendo una interpretazione ad abundantiam della richiesta posta. Se si considerano le risposte date, ci accorgiamo che le scuole hanno risposto in modi differenti alla domanda: 1. alcune fanno riferimento diretto alle nove competenze indicate nelle attività di formazione (*), senza aggiungere ulteriori specificazioni relative al contesto ed all attività che hanno permesso lo sviluppo della/e competenze; 2. altre, pur riferendosi alle nove competenze, le riformulano aggiungendo alcune specificazioni; 3. altre ancora non fanno riferimento alle nove competenze e presentano competenze definite autonomamente; 4. altre, infine, parlano di conoscenze e prestazioni piuttosto che di competenze. Vediamo ora più nel dettaglio alcuni esempi dei quattro casi. Caso 1: si tratta della scelta fatta dal gruppo numeroso di istituti, cui appartengono anche diverse le scuole storiche dell alternanza. Caso 2: sono esempi di riformulazione delle nove competenze i seguenti: - realizzare: Realizzare lo schema planimetrico dei locali utilizzando il software CAD ( classe III IT) ; (*) Definire obiettivi e risultati attesi; programmare e pianificare attività; attuare; controllare; gestire le informazioni; gestire le risorse; gestire le relazioni; gestire se stessi; risolvere problemi. 2

3 - gestire le informazioni: Raccogliere ed archiviare, utilizzando gli strumenti informatici, le informazioni secondo un criterio predefinito, selezionare le stesse e presentarle nel report finale (classe III IP); - gestire le risorse: Organizzare i mezzi a disposizione in funzione del loro utilizzo ; - attuare: Attua il processo concordato utilizzando metodi, strumenti e procedure caratteristiche del contesto (classe III IIS). Caso 3: sono esempi di competenze definite autonomamente dalle scuole i seguenti: - Sviluppare e rafforzare la motivazione a proseguire il percorso di studi scelto e intravedere gli aspetti pratici delle discipline (classe II IPSIA); - Collaborare fattivamente nella ricerca di possibili soluzioni ai problemi emersi nel corso del briefing aziendale (classe IV Liceo); - Programma le attività gestendo i mezzi e le relazioni in modo adeguato al contesto (classe IV IT); - Saper riconoscere le priorità delle attività lavorative ( classe III IIS); - Saper costruire un organigramma aziendale (classe II e III IT). In ciascuno di questi casi non è difficile ricondurre le competenze descritte ad una o più delle nove competenze di riferimento, ma le scuole non le richiamano esplicitamente. Caso 4 : sono esempi di prestazioni o conoscenze i seguenti: - Individuare gli elementi che compongono la retribuzione (IP classe IV) - Conoscere gli elementi teorici-pratici relativi alla realizzazione di sintesi e di analisi chimiche anche secondo procedure aziendali (IT classe III); - Conosce i riferimenti fondamentali dello studio di un gruppo (IM classe II); - Saper tarare uno strumento (IT classe III e IV); - Inserimento di un disegno esistente con il CAD (IT classe III); - Utilizzo di software dedicato agli automatismi industriali (classe III IT) Ci si è soffermati su questi esempi, perché corrispondono ad altrettanti modi di interpretare la domanda più aperta del format, che ha dato alle scuole la possibilità rielaborare la propria idea di competenza. Le competenze di base Le competenze di base (**), previste come standard formativi per i percorsi triennali della formazione professionale nonché gli assi culturali e le competenze chiave di cittadinanza, altrimenti dette competenze trasversali, presentate nel documento dell MPI: Indicazioni sulle modalità dell innalzamento dell obbligo di istruzione del 3 marzo 2007, hanno costituito un punto di riferimento per la riflessione sulle competenze, prima ancora della emanazione del Regolmento sull obbligo del Entrambi questi documenti descrivono competenze disciplinari e trasversali che coniugano il sapere disciplinare con il saper fare e sono perciò coerenti con le attività di alternanza E evidente il parallelismo (***) tra alcune delle competenze indicate dai due documenti citati, e l accento posto sulle conoscenze oltrechè sulle competenze. (**) Le competenze di base definite nell accordo quadro in sede di Conferenza unificata del 15 gennaio 2004, riguardano l area dei linguaggi, l area tecnologica, l area scientifica e l area storico-socio-economica (***) Area dei linguaggi / Asse dei linguaggi; Area tecnologica e Area scientifica / Asse scientifico-tecnologico; Area storico-socio-economica / Asse storico-sociale etc) 3

4 Le nove competenze di riferimento per l alternanza, invece, partono dall analisi dei principali processi aziendali, ma si appoggiano anch esse necessariamente su conoscenze, come ad esempio nel caso di competenze quali gestire le informazioni, gestire le risorse, risolvere problemi etc. Si potrebbe dire quindi che le competenze di base e gli assi culturali sono propedeutici alle attività di alternanza, che poi si svolgono avendo come riferimento le nove competenze. E per questi motivi che la richiesta di indicare le competenze di base effettivamente sviluppate nelle varie classi è stata inserita nel format. Anche in questo caso la risposta delle scuole è molto articolata. Alcune presentano le nove competenze come competenze di base (25%). Altre si rifanno al documento dell accordo in sede di Conferenza unificata (43%), riferendone integralmente il testo o indicando in particolare le competenze dell area dei linguaggi, dell area tecnologica o dell area storico-socio-economica, ma con particolare attenzione all area economica. Altri infine considerano le competenze trasversali come competenze di base (32%). Alcuni esempi degli ultimi due casi vengono qui di seguito presentati. Competenze di base in senso stretto - L automazione di un edificio (area tecnologica-iv IT) - Conoscere e comprendere l organizzazione delle fasi produttive del prodotto-servizio principale (area economica-iv IT) - Conoscere nelle linee essenziali gli aspetti pratici giuridico-economici delle imprese (area socio-economica-iis II) - Saper misurare, saper tarare uno strumento (area tecnologica- III e IV IT) Competenze trasversali intese come competenze di base - Evidenziare le proprie motivazioni in relazione al proprio progetto professionale di sviluppo ( II IT) - Lavorare in equipe, organizzarsi nel lavoro di gruppo (IV IP) - Saper gestire correttamente le relazioni( IV IT) - Sapersi confrontare in ambienti di apprendimento diversi ((III IT) - Sviluppare la capacità di comunicazione e relazione tra soggetti di pari livello e di livello gerarchico diverso (IV IT) Le competenze professionali In questo caso la risposta delle scuole è più omogenea. Vengono però presentate, piuttosto che competenze, delle prestazioni descritte in modo generale o circostanziato, premettendo in alcuni casi l indicazione di una delle nove competenze di riferimento. Anche quando le competenze di riferimento non sono esplicitate, è facile ricondurre la prestazione ad una o più di queste competenze. Il ricorso alle conoscenze non è frequente. Vediamo alcuni esempi dei diversi casi. Prestazione con esplicita indicazione della competenza - Attuare: progetta e realizza una trasmissione radiofonica di intrattenimento della durata di 60 selezionando notizie e testi musicali (III Liceo); - Problem solving: predisporsi ad affrontare e gestire operativamente l ambiente, il compito e il ruolo sia mentalmente sia a livello della condotta finale (III e IV IT); 4

5 - Definire obiettivi e risultati attesi :assegnato il compito lo identifica e lo colloca nel processo di lavoro (III IT): Prestazioni con competenza non esplicitata ma ricavabile - Verifica che quanto realizzato presenti le caratteristiche previste. Individua i punti critici da tenere sotto controllo (cfr. controlla - III IT); - Prepara soluzioni per pesata, diluizione e concentrazione espresse secondo varie unità di misura (cfr. attua III IT); - Saper utilizzare correttamente le procedure informatiche specifiche (cfr. gestire le risorse III IT) - Analisi dei flussi dei dati tra clienti e fornitori (cfr. controllare III IT); - Saper archiviare documenti (cfr. gestire le informazioni III IIS) Come si vede dagli esempi riportati, in alcuni casi le competenze professionali somigliano a prestazioni, mentre in altri casi sono effettivamente competenze per la descrizione generale che viene fatta dell aspetto trattato. Conoscenze Conosce la normativa sulla sicurezza, Saper riconoscere i principali documenti aziendali ; Riconoscere le specifiche contrattuali sono esempi di presentazione di conoscenze come competenze, non frequenti nella sessione dedicata alle competenze professionali, ma presenti. Le prestazioni Nel descrivere le prestazioni relative ad una particolare competenza come il format richiedeva, le scuole hanno dato risposte di natura diversa. Alcune hanno descritto in modo dettagliato prestazioni relative a competenze professionali o a competenze trasversali, altre hanno dato delle prestazioni una descrizione generale o discutibile. Vediamo alcuni esempi. Prestazioni descritte in modo analitico Disegno di elementi strutturali in legno, acciaio, in muratura ed in conglomerato cementizio armato, normale o precompresso (IV IT) Ridisegna la pianta del museo, evidenziando i percorsi di flusso e la loro non sovrapponibilità (III Liceo); Attuare: svolgere attività di back office: catalogare la merce. (III Liceo) Saper riconoscere e classificare i documenti, attribuire il protocollo e archiviarli (III IT) Gli studenti hanno individuato guasti di autoveicoli ed eseguito la riparazione (IV IP) Prestazioni descritte in modo generale Saper leggere ed interpretare un manuale tecnico in lingua inglese ((IV IP) Inserimento dati nelle scrittura contabili ( IV IT) Utilizzo documentazione on line (III IT) 5

6 Prestazioni descritte in modo discutibile Recupero della motivazione e dell interesse ( III IIS) Relazione scritta e orale in italiano: diario di bordo ( III IT) Conosce la componentistica ( III IT) Apprendimento, Rapporti con i colleghi (IV IIS) Vale la pena di sottolineare anche le diverse forme linguistiche con cui le competenze sono presentate. Si va da espressioni con un soggetto in terza persona come Prepara soluzioni, a casi in cui è un infinito a far da soggetto come Saper archiviare documenti dove l accento è posto sull azione e non su chi la fa, a casi, infine, in cui sembra si riporti il titolo di un capitolo di un libro come L automazione di un edificio. Ci sembra che la forma con soggetto in terza persona sottolinei con maggiore efficacia il fatto che la competenza è patrimonio di una persona e non un entità astratta. Il counceling presso le scuole L incontro con le scuole si è svolto, come si è detto, negli ultimi mesi dell anno scolastico. I formatori che hanno svolto questa attività si sono avvalsi di uno schema di intervista comune. I risultati del counceling sono stati discussi in seno al gruppo dei formatori che ha messo in luce i seguenti aspetti: 1. il rapporto con le aziende è visto spesso come un orientamento al mondo del lavoro e come un confronto con esso, piuttosto che come un nuovo modo di imparare; 2. manca una consolidata cultura della coprogettazione per competenze, e quando c è, riguarda soprattutto le competenze trasversali; 3. manca l abitudine a partire da compiti o problemi per arrivare a sviluppare competenze anche in classe; 4. si tende a considerare le discipline come fonti di conoscenze teoriche e non come punto di partenza per lo sviluppo di competenze disciplinari; 5. il coinvolgimento dell intero Consiglio di classe è infrequente, come la ricaduta delle attività di alternanza sulla didattica ordinaria; 6. le modalità di valutazione delle competenze sviluppate con il percorso di alternanza sono diverse da scuola a scuola; 7. vi sono difficoltà ad avere la disponibilità delle aziende. Spesso si hanno tante piccole aziende dove gli studenti seguono percorsi diversi; 8. studenti e genitori danno un giudizio decisamente positivo delle attività di alternanza. Conclusioni Una prima riflessione conclusiva riguarda la necessità di intensificare le azioni di formazione in modo da ricondurre il più possibile ad unità i diversi modi di intendere competenze di base, competenze trasversali, competenze professionali, prestazioni. Tale formazione deve avere però il carattere di una vera e propria ricerca-azione nella quale, a partire dai processi aziendali e da quelli che possono essere osservati ed attivati a scuola, si individuino le competenze da sviluppare ed il ruolo che le aree disciplinari possono svolgere nell innescare lo sviluppo delle diverse competenze. E quanto intende fare l USP di Milano a partire dai primi mesi dell anno scolastico Dai documenti delle scuole e dalle risultanze del counceling si capisce, inoltre, quanto complesse siano le attività di alternanza, ma anche il valore di questa esperienza. 6

7 Essa ha affrontato il tema del rapporto tra conoscenze, competenze e prestazioni; ha interpretato l innovazione metodologica in senso esperienziale e laboratoriale; ha agito per il rafforzamento del rapporto tra scuola e mondo del lavoro e praticato l incontro di questi due mondi nella progettazione delle attività. E diventata, infine, un punto di riferimento per una didattica per competenze grazie alla quale lo studente, prendendo in carico un compito specifico, si coinvolge, si responsabilizza e riesce a dare un senso a ciò che fa a scuola perché vede il rapporto tra teoria ed azione. Se nell esperienza dell alternanza ci sono ancora luci ed ombre, ciò è del tutto normale. Come si sa: Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia e non quel che trova. Milano, settembre 2007 Paola Tieri 7

...una scuola di qualità per il tuo futuro!

...una scuola di qualità per il tuo futuro! A conclusione del percorso di studi lo studente è in grado di poter svolgere ruoli e funzioni relative a : rilevazioni dei fenomeni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili;

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

SEZIONE IPSIA. Organizzazione Attualmente la scuola è in grado di fornire i diplomi di qualifica e di stato, così articolati: Indirizzo elettrico

SEZIONE IPSIA. Organizzazione Attualmente la scuola è in grado di fornire i diplomi di qualifica e di stato, così articolati: Indirizzo elettrico SEZIONE IPSIA Organizzazione Attualmente la scuola è in grado di fornire i diplomi di qualifica e di stato, così articolati: Indirizzo elettrico Qualifica di operatore elettrico IeFP triennale Diploma

Dettagli

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione secondaria superiore della città di Cremona ELABORAZIONE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Antonietta DE PACE L E C C E V.le Marche,28 E-Mail ipdepace@tin.it - Home Page http://www.ipdepace.com C.F. 80012240752 Tel. 0832/345008-348118 Fax 0832/217098

Dettagli

Progetto: Orientare gli adolescenti oggi: uno strumento contro la dispersione

Progetto: Orientare gli adolescenti oggi: uno strumento contro la dispersione Progetto: Orientare gli adolescenti oggi: uno strumento contro la dispersione Aspetti generali Le attività di orientamento svolte dalle scuole secondarie di primo e di secondo grado si caratterizzano per

Dettagli

Progettare per competenze. Milano

Progettare per competenze. Milano Progettare per competenze Milano Contenuti PROGETTARE PER COMPETENZE 1. Il concetto di competenza 2. I riferimenti normativi europei ed italiani (la raccomandazione sulle competenze chiave; il documento

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 1.PREMESSA 1.1 L ambiente di formazione per i docenti a sostegno degli apprendimenti di base

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III MIUR.AOODRCAL.Registro Ufficiale(U).0017891.30-12-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti delle scuole statali LORO SEDI Ai Coordinatori delle attività didattiche delle

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device La rete delle scuole per una didattica innovativa a.s. 2010/2011: Liceo Scientifico F.Lussana la 4L inserisce l ipad come

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Titolo Alternanza Scuola&Lavoro

Titolo Alternanza Scuola&Lavoro Anno scolastico 0 0 PROgettoFormativo n Offerta formativa integrata Titolo Alternanza Scuola&Lavoro Referenti del progetto Benati Anna, Ballabeni Silvia Obiettivi. Sviluppare la cultura del lavoro ed acquisire

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CRISTOFARO MENNELLA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CRISTOFARO MENNELLA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CRISTOFARO MENNELLA CORSO GARIBALDI 11, 80074 CASAMICCIOLA TERME (NA) ipiacasamicciola@libero.it www.istitutosuperioreischia.it C.F. 91005980635 Tel 081900215 Fax 081900998

Dettagli

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 Iniziative didattiche di prevenzione e di contrasto della dispersione scolastica Premessa: a cura di Patrizia Selleri e Isabella

Dettagli

Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro

Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Progetto in attesa di conferma dall'ust Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Nominativo Referente Indirizzo E-Mail A.S. Attivazione Donatella Barbieri vicepresidenza@istitutotorno.it 2009 Attività

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012 1 LE COMPETENZE-CHIAVE In ragione delle scelte etiche e pedagogiche operate dal collegio e dai consigli di classe, il Buonarroti ha individuato le competenze chiave necessarie allo sviluppo globale della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA.

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. UN MODELLO UN MODELLO MARGHERITA LAI SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. Cosa è l Alternanza MODELLI: L alternanza scuola lavoro: UN NUOVO MODO DI FARE SCUOLA SEMINARIO PROVINCIALE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2014/2015 CLASSE I I D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATRICE: prof.ssa Serena Crivellari

Dettagli

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- USP Torino"

Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- USP Torino Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- USP Torino" Competenze d asse e di cittadinanza Docenti: Cipriani Anna, Ist. Mag. Berti - TO Del Sonno

Dettagli

PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze

PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze Il tirocinio all Università Milano Bicocca La formazione attraverso la consapevolezza della complessità

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Prototipo di reti contro la dispersione scolastica

Prototipo di reti contro la dispersione scolastica Linee Guida per il format di scrittura Prototipo di reti contro la dispersione scolastica INTERVENTI SULLA DISPERSIONE SCOLASTICA Il carattere distintivo dei Progetti finanziati nel Piano Azione Coesione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

Il nuovo obbligo di istruzione (D.M. 2 agosto 2007, n. 139)

Il nuovo obbligo di istruzione (D.M. 2 agosto 2007, n. 139) Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Il nuovo obbligo di istruzione (D.M. 2 agosto 2007, n. 139) Gruppo di Lavoro Regionale Bari, 12 febbraio 2008 Antonio d Itollo Lettera del

Dettagli

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue)

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue) UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Progetto di formazione di docenti e studenti dei tecnici e professionali del settore turisticoalberghiero in Sicilia Sicily is a Treasure Island for tourism

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii.

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. Il Piano di Miglioramento (PdM) Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. 1 Indice Introduzione SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

Scuola S.PIO X Foggia

Scuola S.PIO X Foggia PIANO DI MIGLIORAMENTO Scuola S.PIO X Foggia a.s. 2014-2015 RESPONSABILE del Piano: Giovanna Caserta Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM: Nome e Cognome Ruolo nell organizzazione

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali Codice e denominazione scuola ISISS BETTY AMBIVERI di PRESEZZO Dati statistici Studenti (indicare il numero

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro 1 di 5 Progetto in attesa di conferma dall'ust Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Denominazione Istituto Codice Meccanografico Indirizzo Scolastico LICEO LINGUISTICO PARITARIO "PIAMARTA" BSPL095008

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici)

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) B) Area: METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE PER L INSEGNAMENTO DISCIPLINARE (learning by doing) B1) METODOLOGIA DIDATTICA

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La continuità educativa e didattica costituisce un valore fondamentale per la formazione e la crescita dei bambini e dei ragazzi. Essa è richiamata più volte dalla normativa

Dettagli

Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida

Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida A CHE PUNTO SIAMO Tratto distintivo dell Azione F3 contro la dispersione scolastica è quello di favorire l innovazione, idearla e sperimentarla,

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA primaria e secondaria Via G. Pascoli,10 42023 Cadelbosco Sopra (RE) PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA Adattamento indicazioni operative a cura della Commissione

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo)

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) I progetti IT attivati nelle singole scuole mostrano che la scuola sta facendo passi avanti nell acquisizione delle tecnologie e nella

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

SCHEDA DI AUTOCANDIDATURA AL BANDO. Scadenza 10 giugno 2011

SCHEDA DI AUTOCANDIDATURA AL BANDO. Scadenza 10 giugno 2011 -All Ufficio III USR LIGURIA e-mail benedetto.maffezzini@istruzione.it rosellina.nannariello@istruzione.it SCHEDA DI AUTOCANDIDATURA AL BANDO per l individuazione di istituzioni scolastiche di scuola primaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE P. BOTTONI Via Mac Mahon, 96/9 MILANO. a.s. 2015-2016 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE P. BOTTONI Via Mac Mahon, 96/9 MILANO. a.s. 2015-2016 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO LICEO SCIENTIFICO STATALE P. BOTTONI Via Mac Mahon, 96/9 MILANO a.s. 2015-2016 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO INDICE Il Progetto..pag. 3 Organizzazione, attori coinvolti e ruoli pag. 5 Aziende, Enti,

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo. SCUOLA ESTIVA DI RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA CHIMICA ULDERICO SEGRE Ferrara 15 luglio 2010 Riflettere sulle conoscenze per favorire un apprendimento significativo Tavola rotonda Le competenze e la didattica

Dettagli

I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014

I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014 I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing Sistemi Informativi Aziendali Tecnico Turistico ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI Operatore

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO DENOMINAZIONE PROGETTO: LA SCUOLA ALTROVE (Percorsi culturali nel Veneto)

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO DENOMINAZIONE PROGETTO: LA SCUOLA ALTROVE (Percorsi culturali nel Veneto) PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Normativa di riferimento: D.L.vo 15 aprile 2005, n. 77 art. 2 comma 7 Direttiva MIUR n. 102 del 7-11-2011 Decreto USR Veneto prot. N. 1930/C15 del 17/2/2012 e successivi

Dettagli

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012 TIC e Formazione in ambito sanitario Introduzione teorica La formazione in ambito sanitario si concretizza in un approccio di tipo olistico alla professione ed all utenza che ne deriva, intersecandosi

Dettagli

Attività e progetti sui temi della sicurezza proposti agli studenti dell I.I.S. C. Pesenti nell anno scolastico 2011-2012

Attività e progetti sui temi della sicurezza proposti agli studenti dell I.I.S. C. Pesenti nell anno scolastico 2011-2012 Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Statale CESARE PESENTI C.T.P. EDA (Centro Educazione degli Adulti) Via Ozanam, 27 24126 Bergamo 035-319416 035-319351

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda

Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda Percorso integrato 2 biennio scuola secondaria di secondo grado ITIS Giovanni XXIII Roma A cura di Esperti: 1 Introduzione alla

Dettagli

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F.

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. 93545220159 Sede amministrativa: Via Bersaglio, 56 Rho 20017 Tel.: 02 9302236 Fax: 02 9307396 Sito web:www.puecherolivetti.it e-mail:puecherolivetti@puecherolivetti.it

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? COMPETENZA. (disporre della Rubrica Valutativa) (scelta dal C.d.C.

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? COMPETENZA. (disporre della Rubrica Valutativa) (scelta dal C.d.C. PERCORSO FORMATIVO TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PERIODO DI SVOLGIMENTO INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINE COINVOLTE ASSE CULTURALE Un giorno.. a Pompei Valorizzare i beni culturali Tutto l anno

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli