Sicurezza e prevenzione negli ambienti confinati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza e prevenzione negli ambienti confinati"

Transcript

1 l Le attività del settore devono essere svolte da personale qualificato Sicurezza e prevenzione negli ambienti confinati infortunistico e le cause spesso mortali degli infortuni in ambienti sospetti di inquinamento o confinati hanno assunto una dimensione inaccettabile in relazione L andamento all attuale politica di prevenzione che ha posto come obiettivo la progressiva riduzione dei rischi attraverso la loro valutazione e la conseguente adozione di misure di sicurezza efficaci. Per questo motivo il legislatore ha ritenuto necessario predisporre un regolamento finalizzato a definire un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi destinati a operare nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o nei quali siano presenti o possano formarsi accidentalmente atmosfere pericolose, asfissianti, tossiche, infiammabili o esplosive. l di Patrizia Cinquina, esperta di sicurezza e ambiente ILSOLE24ORE 44 In attesa della definizione di un complessivo sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi, come previsto dagli articoli 6, comma 8, lettera g), e 27, D.Lgs. n. 81/2008, è intervenuto il D.P.R. 14 settembre2011,n.177,chehadisciplinatoilsistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi destinati a operare nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Il D.P.R. n. 177/2011 deve essere applicato ai lavori in ambienti sospetti di inquinamento di cui agli artt. 66 e 121, D.Lgs. n. 81/2008, e negli ambienti confinati di cui all Allegato IV, punto 3. I provvedimenti introdotti dal D.P.R. n. 177/ 2011hanno riguardato: l l imposizione alle imprese e ai lavoratori autonomi, in aggiunta agli obblighi già gravanti sugli stessi in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, dell obbligo di procedere a specifica informazione, formazione e addestramento(oggetto di verifica di apprendimento e di aggiornamento) relativamente ai rischi che sono propri degli ambienti confinati e alle peculiari procedure di sicurezza e di emergenza che in questi contesti devono essere applicati. Questo con riferimento a tutto il personale impiegato, compreso il datore di lavoro; l l imposizione ai datori di lavoro delle imprese e ai lavoratori autonomi dell obbligo di possedere dispositivi di protezione individuale(per esempio, maschere protettive, imbracature di sicurezza ecc.), strumentazione e attrezzature di lavoro(per esempio, rilevatori di gas, respiratori ecc.) idonei a prevenire i rischi propri delle attività lavorative considerate e di aver effettuato, sempre in relazione a tutto il personale impiegato, attività di addestramento all uso corretto di questi dispositivi; l l obbligo di presenza di personale esperto, in percentuale non inferiore al 30% della forza lavoro, con esperienza almeno triennale in attività in ambienti confinati, assunta con contratto di lavoro subordinato o con altri contratti (in questo secondo caso, necessariamente certificati ai sensi del Titolo VIII, Capo I, D.Lgs. n. 276/2003) con la necessità che il preposto, che sovrintende sulgruppodilavoro,abbiainognicasoquesta esperienza(in modo che alla formazione

2 e all addestramento il capo gruppo affianchi l esperienza maturata in concreto); l l integrale rispetto degli obblighi in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC) e relativi alla parte economica e normativa della contrattazione di settore, compreso il versamento dell eventuale contributo all ente bilaterale di riferimento; l l applicazione delle regole della qualificazione non solo nei riguardi dell impresa appaltatrice ma nei confronti di qualunque soggetto della filiera, incluse le eventuali imprese subappaltatrici. Peraltro, il subappalto è consentito solo a condizione che sia espressamente autorizzato dal datore di lavoro committente (il quale dovrà verificare, quindi, il possesso da parte dell impresa subappaltatrice dei requisiti di qualificazione) e che sia certificato, ai sensi del Titolo VIII, Capo I, D.Lgs. n. 276/2003. Definizione di ambiente confinato Ai fini degli artt. 66 e 121, D.Lgs. n. 81/2008, per ambiente confinato è inteso uno spazio circoscritto, caratterizzato da limitate aperture di accesso e da una ventilazione naturale sfavorevole, in cui può accadere un evento incidentale importante, che può portare a un infortunio grave o mortale, in presenza di agenti chimici pericolosi (per esempio, gas, vapori, polveri). Alcuni ambienti confinati sono facilmente identificabili come tali, in quanto la limitazione legata alle aperture di accesso e alla ventilazione sono ben evidenti e/o la presenza di agenti chimici pericolosi è nota. Fra questi è possibile indicare: l le stive delle navi; l i silos; l i serbatoi di stoccaggio; l le cisterne; l i container; l le canalizzazioni; l i tombini; l le fogne: l le fosse biologiche; l i tamburi di miscelazione delle autobetoniere; l i recipienti di reazione; l le camere di combustione in forni ecc. A un primo esame superficiale, altri ambienti potrebbero non apparire come confinati. In particolari circostanze, legate alle modalità di svolgimento dell attività lavorativa o a influenze provenienti dall ambiente circostante, questi potrebbero rivelarsi come tali e altrettanto insidiosi, come: l le camere con aperture in alto; l le vasche; l i depuratori; l le camere di combustione nelle fornaci e simili; l le canalizzazioni varie; l le camere non ventilate o scarsamente ventilate. Questi esempi elencati non vogliono essere esaustivi degli infiniti casi che possono verificarsi. In questi casi, infatti, la valutazione dei rischi deve considerare anche tutti i pericoli e le situazioni che, in ambienti non confinati, non genererebbero rischi significativi. La normativa di riferimento ha fornito un numero considerevole di definizioni, nessuna delle quali in grado, tuttavia, di essere esaustiva. In generale, l approccio contemporaneo alla definizione di luogo confinato ha considerato tale qualsiasi ambiente che abbia almeno una delle seguenti caratteristiche: l sia caratterizzato da difficoltà di accesso e/o di uscita; l non sia progettato per la continua presenza di persone e di lavoratori; l sia possibile riscontrare al suo interno fattori di possibile accrescimento quali l insufficienza o la difficoltà di aerazione naturale. Secondo questa definizione, alcuni luoghi possono essere riconosciuti e classificati come spazi confinati di tipo permanente, ma esistono anche luoghi e ambienti di lavoro che possono diventare spazi confinati durante la loro costruzione, fabbricazione o modifica successiva o durante semplici attività di manutenzione straordinaria/ordinaria. In questa circostanza sono state pubblicate le circolari del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali 9 dicembre 2010, n. 42, e 19 aprile 2011, n. 13 [1]. La normativa è interve 1) Circoalri del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali 9 dicembre 2010, n. 42, e 19 aprile 2011, n. 13, «Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; lavori in ambienti sospetti di inquinamento. Iniziative relative agli appalti aventi a oggetto attività manutentive e di pulizia che espongono i lavoratori al rischio di asfissia o di intossicazione dovuta a esalazione di sostanze tossiche o nocive». 13novembre2012 N ILSOLE24ORE

3 Tabella 1 Effetti sull organismo dell idrogeno solforato Concentrazione H 2 S ppm 0,01 0,05 Soglia olfattiva (molto variabile) Effetto osservato 1 3 Odore leggermente irritante, può essere associato a nausea, lacrimazione degli occhi, mal di testa, perdita del sonno con esposizione prolungata; soggetti giovani e in buona salute non hanno subito riduzione delle capacità lavorative I valori limiti di esposizione riportati dall ACGIH sono: TLV TWA 10 ppm; TLV STEL 15 ppm Cherato congiuntivite (irritazione degli occhi) e irritazione polmonare. Possibile danno agli occhi dopo alcuni giorni d esposizione, può causare turbe digestive e perdita d appetito. 100 Irritazione polmonare e agli occhi, paralisi olfattiva scomparsa degli odori Senso dell olfatto paralizzato, grave irritazione degli occhi e del polmone Può aversi edema polmonare, soprattutto per esposizioni prolungate. 500 Serio danno agli occhi entro 30 minuti; grave irritazione polmonare, perdita di coscienza e morte entro 4 8 ore, danni al sistema nervoso, apnea Immediato collasso, paralisi, morte immediata. Fonte: di A. Balletta et al., Le intossicazioni professionali mortali da Idrogeno Solforato (H 2 S) in ambienti confinati. ILSOLE24ORE 46 nuta in risposta a dolorose vicende infortunistiche legate a gravi carenze prevenzionistiche e dopo preliminari interventi ministeriali volti a fissare l attenzione degli organi di vigilanza sul fenomeno dei lavori in ambienti confinati. È stato tentato di avviare una vasta azione di monitoraggio e di controllo sugli appalti di servizi per manutenzione o per pulizia di spazi confinati, però, senza una strategia operativa né strumenti di diretta e di effettiva conoscenza degli appalti che occorreva monitorare, senza un concreto coordinamento con le Regioni e con le ASL, legalmente competenti a svolgere attività di vigilanza prevenzionistica in ambienti confinati e sospetti di inquinamento. Tutti gli ambienti elencati, oltre a non essere progettati per la continua presenza di lavoratori, sono caratterizzati spesso da criticità connesse anche alle sostanze chimiche e biologiche che un operatore potrebbe trovare all interno o anche introdurre lui stesso per le manutenzioni programmate, tuttavia, è sufficiente la conformazione geometrica dei luoghi per configurare la criticità di un ambiente confinato. Esistono anche ambienti comunemente frequentati che assumono temporaneamente le caratteristiche di ambiente confinato in relazione alle attività di lavoro in essere al suo interno, basti pensare, per esempio, a: l le fasi di installazione di impianti industriali e civili all interno dei locali tecnici; l le attività di manutenzione all interno delle fosseodeivanicorsadegliascensoridiun comune edificio residenziale; l le attività in galleria; l i parcheggi sotterranei; l le metropolitane; l le cantine o i sottotetti ecc. Se alcuni ambienti confinati sono facilmente identificabili come tali, in quanto la limitazionelegataalleaperturediaccessoeallaventilazione sono ben evidenti e/o la presenza di agenti chimici pericolosi è nota, è opportuno ricordare che deve essere considerato spazio confinato qualsiasi spazio aperto o chiuso nel quale esiste un rischio di morte o di gravi

4 lesioni da sostanze pericolose o da condizioni di pericolo a rapida evoluzione. Basti pensare, per esempio, a fosse, a depressioni nel terreno o ad ambienti nel quale possono accumularsi gas più pesanti dell aria(carenza di ossigeno) o dove, per effetto di fenomeni atmosferici o attività umana, possano manifestarsi onde di piena, sversamenti di grandi quantità di liquidi(rischio di affogamento) ecc. 13novembre2012 N.21 Qualificazione degli addetti Qualsiasi attività lavorativa nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati può essere svolta unicamente da imprese o da lavoratori autonomi qualificati in ragione del possesso dei seguenti requisiti: l integrale applicazione delle vigenti disposizioni in materia di valutazione dei rischi, sorveglianza sanitaria e misure di gestione delle emergenze; l integrale e vincolante applicazione anche del comma 2, art. 21, D.Lgs. n. 81/2008, nel caso di imprese familiari e di lavoratori autonomi; l presenza di personale in percentuale non inferiore al 30% della forza lavoro, con esperienza almeno triennale relativa a lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, assunta con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato ovvero anche con altre tipologie contrattuali o di appalto, a condizione, in questa seconda ipotesi, che i relativi contratti siano stati preventivamente certificati ai sensi del Titolo VIII, Capo I, decreto legislativo 10 settembre 2003, n Questa esperienza deve essere necessariamente in possesso dei lavoratori che svolgono le funzioni di preposto; l avvenuta effettuazione di attività di informazione e di formazione di tutto il personale, compreso il datore di lavoro dove impiegato per attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, specificamente mirato alla conoscenza dei fattori di rischio propri di queste attività, oggetto di verifica di apprendimento e di aggiornamento. I contenuti e le modalità della formazione sono individuati compatibilmente con le previsioni di cui agli artt. 34e37,D.Lgs.n.81/2008; l possesso di dispositivi di protezione individuale, strumentazione e attrezzature di lavoro idonei alla prevenzione dei rischi propri delle attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati e avvenuta effettuazione di attività di addestramento all uso corretto di questi dispositivi, strumentazione e attrezzature, coerentementeconleprevisionidicuiagliartt.66 e 121, e all Allegato IV, punto 3, D.Lgs. n. 81/2008; l avvenuta effettuazione di attività di addestramento di tutto il personale impiegato per le attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, compreso il datore di lavoro, relativamente all applicazione di procedure di sicurezza coerenti conleprevisionidicuiagliartt.66e121,e dell Allegato IV, punto 3, D.Lgs. n. 81/ 2008; l rispetto delle vigenti previsioni, dove applicabili, in materia di documento unico di regolarità contributiva(durc); l integrale applicazione della parte economica e normativa della contrattazione collettiva di settore, compreso il versamento della contribuzione all eventuale ente bilaterale di riferimento, dove la prestazione sia di tipo retributivo, con riferimento ai contratti e agli accordi collettivi di settore sottoscritti da organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. La circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali n. 5/2011 ha evidenziato la fondamentale importanza della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese per poter garantire più efficaci condizioni disicurezzaneilavoriinappaltooinsubappalto. In questa prospettiva, l art. 2, commi 1 e 2, D.P.R. n. 177/2011, ha sancito che qualsiasi attività lavorativa in ambienti sospetti di inquinamento o, comunque, confinati può essere svolta esclusivamente da imprese o da lavoratori autonomi che risultino specificamente qualificati sia con riguardo alle misure di prevenzione e di protezione per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori che con riferimento alla tutela del lavoro e della regolarità contributiva. Il documento unico di regolarità contributiva è stato esteso, per effetto dell art. 1, legge 27 dicembre 2006, n. 296 ( legge Finanziaria 47 ILSOLE24ORE

5 ILSOLE24ORE ) a tutte le attività e a tutti i settori, al fine di godere dei«benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale» che sono subordinati, appunto,«al possesso, da parte dei datori di lavoro, del Documento unico di regolarità contributiva», secondo l esplicito dettato normativo, come attuato dal D.M. 24 ottobre Classificazione di pericolosità Sebbene sia stato ampiamente evidenziato come i luoghi confinati siano ambienti critici nei quali i pericoli sono spesso concorrenti nel generare il rischio, è possibile ipotizzare una loro classificazione sulla base di quello che statisticamente sembra essere il parametro di maggior criticità ovvero la disponibilità di aria respirabile. Secondo questa accezione è possibile classificare 3 livelli di rischio: l aree confinate a basso rischio - sono ambienti all interno dei quali le analisi strumentali condotte, unitamente alla verifica di un adeguata ventilazione, permettono l ingresso degli operatori senza dispositivi di protezione delle vie respiratorie; l aree confinate a medio rischio - sono ambienti all interno dei quali le analisi strumentali condotte e la verifica delle condizioni di aerazione hanno evidenziato un esposizione a rischio accidentale a sostanze note in concentrazione nota per gli operatori; esposizione potenzialmente controllabile con DPI filtranti, perché sempre accertata la presenza di ossigeno in concentrazione adeguata (superiore al 20%); l aree confinate a elevato rischio - ambiente dove la ventilazione è insufficiente (ossigeno inferiore al 20%) e dove, a causa dei processi lavorativi in atto, la probabilità di accadimento di formazione di atmosfere pericolose è prevedibile ed elevata; in questi ambienti gli operatori possono accedere solo con dispositivi isolanti delle vie respiratorie. Per tutta la durata delle lavorazioni all interno del luogo confinato dovrà essere monitorata l atmosfera dell ambiente di lavoro per conoscere con continuità l efficienza dell impianto di ventilazione. VdR in ambienti confinati Mediante la valutazione dei rischi, è necessario identificare tutte quelle misure che permettano di evitare di effettuare direttamente le attività negli spazi confinati. Quando non risulta ragionevolmente possibile effettuare la lavorazione senza entrare nello spazio confinato, è necessario identificare tutte le misure necessarie per eseguire il lavoro in condizioni di sicurezza. I rischi non riguardano solamente i lavoratori preposti ai lavori in spazi confinati, ma anche tuttelepersoneaddettealsoccorsoealsalvataggio, soprattutto se non adeguatamente informate, formate, addestrate ed equipaggiate. Quando è effettuata la valutazione dei rischi, è necessario reperire ogni tipologia di informazioni disponibili sullo spazio confinato in esame. Queste informazioni possono riguardare, per esempio, i processi eseguiti o quelli che dovrebbero essere effettuati durante l attività prevista, i disegni e/o la configurazione del luogo confinato. Particolare attenzione dovrà essere posta, qualora sia prevista una variazione delle dimensioni e della geometria del luogo confinato, alle attività che devono essere effettuate e alle condizioni ambientali. La riduzione dei rischi può essere realizzata attraverso la modifica delle procedure di lavoroinmododaevitareilpiùpossibilelanecessità di entrare nello spazio confinato come, per esempio: l la verifica dall esterno dell atmosfera interna dello spazio confinato, mediante l utilizzo di strumenti manovrati a distanza; l l utilizzo di attrezzature manovrate a distanza, per bonificare i silos nei quali si sono formati blocchi di granaglie sfuse a forma di ponte, che potrebbero crollare; l l utilizzo, per il controllo, di sistemi video a circuito chiuso. Nei lavori in spazi confinati è necessario identificare i pericoli presenti, stimare il rischio e determinare le precauzioni che devono essere adottate. Generalmente, la valutazione del rischio dovrà includere considerazioni riguardanti: l l attività che deve essere eseguita; l le attività eseguite in precedenza; l l ambiente di lavoro; l i materiali e le attrezzature per eseguire l attività;

6 13novembre2012 N.21 l la gestione del soccorso e delle emergenze; l la predisposizione di un adeguato sistema di soccorso prima di iniziare il lavoro. Il rischio principale è dovuto alla possibile presenza di atmosfera asfissiante, quindi, incompatibile con la vita umana, che può essere determinata da: l carenza di ossigeno a seguito del suo consumo o sostituzione; l inalazione/assorbimento di sostanze tossiche con conseguente intossicazione acuta. È considerata carenza di ossigeno(atmosfera sotto ossigenata) quando la concentrazione di ossigeno è inferiore al 21%. Con concentrazioni inferiori al 18% possono manifestarsi le prestazioni fisiche e intellettuali senza che la persona se ne renda conto. Con tenori inferiori all 11% è possibile il rischio di morte. Sotto l 8% lo svenimento si verifica in breve tempo e la rianimazione è possibile se effettuata immediatamente. Al di sotto del 6% lo svenimento è immediato e ci sono danni cerebrali, anche se la vittima è soccorsa. Sihacarenzadiossigenointuttequellesituazioni in cui l ossigeno è consumato, senza essere rimpiazzato (come in ambiente confinato),acausadiunareazionechimicadiossidazione/combustione con formazione di CO 2, H 2 O, CO, NO x, di ossidi metallici e di altri composti ossigenati. Carenza di ossigeno per sostituzione può essere provocata dalla presenza intenzionale o accidentale di altri gas, generalmente i gas inerti. Ne deriva un atmosfera sotto ossigenata per effetto della diminuzione della concentrazione dell ossigeno presente nell aria. I gas inerti (per esempio, N 2, He, Ar) sono particolarmente insidiosi, perché incolori, inodori e insapori, agiscono senza preavviso e rapidamente. L inalazione di sostanze nocive o tossiche può provocare, invece, asfissia agendo con meccanismi diversi sull organismo umano (per esempio, CO, HCN). Il rischio legato alla presenza di gas nocivi può trovare un concorso rilevante nella scarsa ventilazione e nella calma d aria presenti oppure nel volume ridotto dell ambiente confinato. L immissione in questo spazio anche di piccole quantità di sostanza può comportare il raggiungimento rapido di concentrazioni elevateedirischioconeffettiacuti. È importante ricordare che il rischio di asfissia può presentarsi non solo negli ambienti confinati, ma anche all esterno in prossimità di fughe di gas, sfiati, scarichi di valvole di sicurezza, dischi di rottura, aperture di macchine che utilizzano azoto come liquido per surgelazione, punti di accesso a recipienti bonificati ecc. Il rischio può essere aggravato dal fatto che i gascoinvolti(n 2,Ar,CO 2,H 2 S,SO 2 )sianopiù pesanti dell aria per peso molecolare e/o per temperatura. In questo caso fluiscono e si accumulano in basso, per esempio, in fognature o condotte sotterranee, in pozzi di ascensori/montacarichi, in fosse, in scavi, in trincee, in piani interrati. Nondimeno, deve essere considerata la possibilità che i gas più leggeri (He, H 2, CH 4 ecc.) si accumulino in alto nei controsoffitti o nei sottotetti. In diverse attività vi è un uso professionale o, comunque, intenzionale di questi gas, poiché lasostanzaentraafarpartedelnormaleciclo di produzione o di lavorazione. In determinate situazioni i gas si possono formare anche come prodotti di reazione da processi chimici attesi. In tutti questi casi il rischio è prevedibile. Diversamente, la presenza di gas può derivare, in modo inaspettato, da possibili anomalie, circostanze accidentali o imprevisti. Per esempio, può essere generata anidride carbonica, per eventi casuali, da fermentazioni di materiale organico in particolari condizioni di temperatura e di umidità. Oltre al rischio di asfissia, in ambienti confinati, in relazione al tipo di atmosfera presente, puòesserepresenteilrischiodiincendioedi esplosione. Gas infiammabili (metano, butano, propano ecc.) e agenti chimici infiammabili(per esempio, vapori di idrocarburi), combinati con insufficiente ventilazione determinata dalla configurazione del luogo, possono raggiungere concentrazioni all interno dei limiti di esplosività. L innesco può essere costituito da fiamme libere, ma anche da superfici calde (per esempio, lampade alogene non conformi alla direttiva ATEX), da scintille sviluppate da attrezzi manuali in materiale non antiscintilla, da accumulo di elettricità statica. Altre condizioni di rischio possono essere quelle di caduta dall alto, quelle legate all accesso (dimensioni, configurazione ecc.) e quelli di annegamento o di seppellimento, per esempio, per allagamento improvviso o per 49 ILSOLE24ORE

7 ILSOLE24ORE 50 crollo inaspettato di materiali granulari compattati o formanti ponte all interno di silos. Il caso: effetti dell idrogeno solforato L idrogeno solforato è assorbito pressoché esclusivamente attraverso l apparato respiratorio per inalazione, l assorbimento per via cutanea assume uno scarso rilievo. Glieffettilesividell H 2 Svarianonotevolmente a seconda delle condizioni di esposizione (sivedalatabella1). Già a basse concentrazioni l H 2 S è dotato di un azione irritante che si manifesta soprattutto a carico degli occhi e delle vie aeree superiori. Le lesioni oculari si manifestano, nell ambito diconcentrazionitrale50ele300ppm,con prurito, bruciore e lacrimazione. A livello dell apparato respiratorio le lesioni vanno dall irritazione rinofaringea, raucedine e tosse stizzosa, alla broncopolmonite e a edema polmonare, che possono insorgere per esposizioni a concentrazioni tra le 250 e le 600 ppm. A carico delle mucose dell apparato gastroenterico possono comparire precocemente lesioni irritative che si manifestano con nausea, vomito, iperacidità e pirosi. L idrogeno solforato mostra un azione lesiva specifica a carico del sistema nervoso centrale, che si manifesta con cefalee, vertigini, tremori, astenia, convulsioni, perdita di coscienza, arresto respiratorio e coma. Gli interventi terapeutici d urgenza che si rendono necessari in caso di intossicazione da H 2 Ssono: l allontanamento immediato del soggetto dalla fonte di esposizione; l interventi di rianimazione. Procedure di sicurezza Prima dell accesso nei luoghi nei quali devono essere svolte le attività lavorative, i lavoratori impiegati dall impresa appaltatrice, compreso il datore di lavoro, qualora impiegato nelle medesime attività, o i lavoratori autonomi devono essere puntualmente e dettagliatamente informati dal datore di lavoro committente sulle caratteristiche dei luoghi in cui sono chiamati a operare, su tutti i rischi esistenti negli ambienti, compresi quelli derivanti dai precedenti utilizzi degli ambienti di lavoro,esullemisurediprevenzioneediemer genza adottate in relazione alla propria attività. Il datore di lavoro committente deve individuare un proprio rappresentante, in possesso di adeguate competenze in materia di salute e di sicurezza sul lavoro e che abbia comunque svolto le attività di informazione, di formazione e di addestramento, a conoscenza dei rischi presenti nei luoghi in cui sono effettuate le attività lavorative, che vigili con funzione di indirizzo e di coordinamento delle attività svolte dai lavoratori impiegati dall impresa appaltatrice o dai lavoratori autonomi e per limitare il rischio da interferenza di queste lavorazioni con quelle del personale impiegato dal datore di lavoro committente. Durante tutte le fasi delle lavorazioni in ambienti sospetti di inquinamento o confinati deve essere adottata ed efficacemente attuata una procedura di lavoro specificamente diretta a eliminare o, dove impossibile, ridurre al minimo i rischi propri delle attività in ambienti confinati, comprensiva dell eventuale fase di soccorso e di coordinamento con il sistema di emergenza del Servizio sanitario nazionale e dei Vigili del Fuoco. Questa procedura potrà corrispondere a una buona prassi, qualora validata dalla Commissione consultiva permanenteperlasaluteesicurezzasullavoroai sensi dell art. 2, comma 1, lettera v), D.Lgs. n. 81/2008. Il D.P.R. n. 177/2011 ha richiesto alle imprese e ai lavoratori autonomi ulteriori obblighi in materia di prevenzione specificamente orientati alla conoscenza completa dei rischi, delle procedure, degli strumenti e delle attrezzature, a seguito di apposite azioni di informazione, di formazione e di addestramento, che riguardano tutto il personale, compreso il datore di lavoro. Inoltre, con particolare rilievo sostanziale, il D.P.R. n. 177/2011 ha richiesto che, per operare in ambienti confinati o in spazi sospetti di inquinamento, l impresa debba svolgere la propria attività con personale, in percentuale non inferiore al 30% della forza lavoro impiegata nei lavori, assunta con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e in possesso di una esperienza almeno triennale relativa a queste tipologie di lavorazioni. La medesima esperienza triennale deve essere necessariamente in possesso dei lavoratori chiamati a svolgere funzioni di preposto. l

Spilimbergo, 26 Novembre 2012 Dott.Carlo Venturini

Spilimbergo, 26 Novembre 2012 Dott.Carlo Venturini Sicurezza negli spazi confinati Spilimbergo, 26 Novembre 2012 Dott.Carlo Venturini Per spazio confinato si intende un qualsiasi ambiente limitato, in cui il rischio di morte o di infortunio grave è molto

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment Dipartiment Dipartimento Sociale NOTA INFORMATIVA SINTETICA PER L APPLICAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NEI LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO ART. 66 D.LGS. 81/08 Luglio 2009

Dettagli

Ambienti confinati: rischi per la salute e sicurezza La normativa di riferimento

Ambienti confinati: rischi per la salute e sicurezza La normativa di riferimento Ambienti confinati: rischi per la salute e sicurezza La normativa di riferimento 25/6/2013 Dott.ssa Maria Luisa Zanette Perché parliamo ancora di ambienti confinati? Art. 25 del DPR 303/55 Art. 15 DPR

Dettagli

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!!

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Bologna 27 / 05 / 2011 SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Gabriella Nicotra - Giuliano Marchetto Andrea Mazzetti INFORTUNIO. Evento improvviso (a volte brutale)

Dettagli

3. APPLICABILITÀ Personale tecnico operativo, appaltatori o lavori autonomi da adibire a lavorazioni in spazi confinati.

3. APPLICABILITÀ Personale tecnico operativo, appaltatori o lavori autonomi da adibire a lavorazioni in spazi confinati. legale in Cuneo, Corso Nizza 9 SGSL 1. DISTRIBUZIONE Tutto il personale 2. SCOPO Disciplinare le modalità di qualificazione del personale, interno o esterno all azienda, da adibire alla realizzazione di

Dettagli

Il corso ha natura teorica e non comprende l addestramento pratico richiesto dalla normativa per l esecuzione di lavori in spazi confinati.

Il corso ha natura teorica e non comprende l addestramento pratico richiesto dalla normativa per l esecuzione di lavori in spazi confinati. ISO 9001:2008 Certificato n. 4530 SIICUREZZA SUL LAVORO CORSO DII FORMAZIIONE GENERALE // ABIILIITANTE PER LAVORII IIN AMBIIENTII SOSPETTII DII IINQUIINAMENTO E SPAZII CONFIINATII (( D..Lgss..8811/ /0088

Dettagli

Ambienti confinati e rischi derivanti da sostanze e atmosfere pericolose

Ambienti confinati e rischi derivanti da sostanze e atmosfere pericolose Seminario Gli ambienti confinati e i rischi per la salute e sicurezza Bologna 4 maggio 2011 Ambienti confinati e rischi derivanti da sostanze e atmosfere pericolose Liliana Frusteri INAIL Consulenza Tecnica

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO Definizione di Ambiente Confinato Casistica Ambienti Confinati Segnaletica Statistiche infortuni Approccio alla valutazione del rischio Principali Rischi: Asfissia/Chimico/Esplosione

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Ambienti confinati. La formazione e l addestramento come strumenti attivi di prevenzione

Ambienti confinati. La formazione e l addestramento come strumenti attivi di prevenzione Ambienti confinati La formazione e l addestramento come strumenti attivi di prevenzione n di Claudio Conio, responsabile R&S di ESEM - Ente Scuola Edile Milanese Spesso le attività eseguite all interno

Dettagli

Ambienti confinati. Verona 4 giugno 2012 Fiorini Cristina SPISAL ULSS 20 Verona

Ambienti confinati. Verona 4 giugno 2012 Fiorini Cristina SPISAL ULSS 20 Verona Ambienti confinati Verona 4 giugno 2012 Fiorini Cristina SPISAL ULSS 20 Verona AMBIENTI CONFINATI DPR 14 SETT. 2011 n 177 Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori

Dettagli

Novembre 2011. Newsletter periodica 21 novembre 2011

Novembre 2011. Newsletter periodica 21 novembre 2011 Novembre 2011 Newsletter periodica 21 novembre 2011 Notizia 1 Alcune novità legislative Approvazione definitiva del decreto per la tutela della salute e sicurezza negli 'ambienti confinati'. Nota del Ministero

Dettagli

25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti. Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs.

25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti. Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs. Novità Normativa 25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Il Ministero del Lavoro

Dettagli

D.Lgs. 81/08. La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08. Bruno Marchesini

D.Lgs. 81/08. La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08. Bruno Marchesini D.Lgs. 81/08 La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08 Bruno Marchesini D. Lgs. 81/08... Art. 15. Misure generali di tutela: h) Utilizzo limitato degli

Dettagli

Lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati

Lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati Lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati Premessa Il presente documento costituisce supporto operativo finalizzato all espletamento dell attività di prevenzione e vigilanza da parte degli

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Mirror 3 Adhesive (V.P.S.) SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore Data

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

Catalogo Corsi ADIFER PUGLIA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

Catalogo Corsi ADIFER PUGLIA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 1 INDICE Formazione del datore di lavoro RSPP Pagina Durata in ore Costo Datore di lavoro RSPP (rischio B-M-A) 4 16-32-48 180-350-450

Dettagli

FFIXCR.DOC pag. 1 di 7

FFIXCR.DOC pag. 1 di 7 FFIXCR.DOC pag. 1 di 7 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23721 Nome commerciale : WEBER.COL FIX CR Natura del prodotto : Collante reattivo bicomponente. Prodotto da : Saint-Gobain

Dettagli

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Contenuti della presentazione Descrivere caratteristiche e modalità di impiego

Dettagli

Istruzioni operative e sintesi del Piano di Lavoro Regionale Controllo e vigilanza Ambienti sospetti di inquinamento o Confinati

Istruzioni operative e sintesi del Piano di Lavoro Regionale Controllo e vigilanza Ambienti sospetti di inquinamento o Confinati MODENA Seminario 16 luglio 2012 Attuazione del DPR 177/2011 : lavoro in ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Prime esperienze tra buone prassi e criticità Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari

Dettagli

Norme di sicurezza per lavorare negli spazi confinati

Norme di sicurezza per lavorare negli spazi confinati Norme di sicurezza per lavorare negli spazi confinati Questo documento è rivolto ai datori di lavoro e ai lavoratori autonomi impiegati in attività all'interno di spazi confinati e rientra nell impegno

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5

Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5 Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5 L Articolo No.: TW 1000 Data: 21.11.05 Revisione: 10.02.06 1 Identificazione della sostanza / preparato e della casa produttrice 1.1 Nome di vendita del prodotto:

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Scheda di Sicurezza per: Temp Bond Clear Base Paste Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Temp Bond Clear Base Paste SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I -

Dettagli

LA CONFUSIONE SULLA DEFINIZIONE DI SPAZIO CONFINATO, LE CRITICITA DELLA NORMATIVA ITALIANA

LA CONFUSIONE SULLA DEFINIZIONE DI SPAZIO CONFINATO, LE CRITICITA DELLA NORMATIVA ITALIANA Regione Lazio Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LA CONFUSIONE SULLA DEFINIZIONE DI SPAZIO CONFINATO, LE CRITICITA DELLA NORMATIVA ITALIANA Relatore : dott Leonardo CORNACCHIA D.P.R.

Dettagli

Corso di di aggiornamento per RSPP/ASPP novembre - dicembre 2012

Corso di di aggiornamento per RSPP/ASPP novembre - dicembre 2012 Corso di di aggiornamento per RSPP/ASPP novembre - dicembre 2012 VALUTAZIONE DEI RISCHI E REDAZIONE DEL DOCUMENTO: METODO - CONTENUTI - FOCALITA SU ALCUNI RISCHI SPECIFICI Ambienti sospetti di di inquinamento

Dettagli

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE 1. Identificazione della sostanza e della società 1.1. Identificazione della sostanza o preparato: Idrossiprogesterone 17-Caproato 1.2. Identificazione della società:

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

DUVRI IMPIANTI DI DEPURAZIONE COMUNE DI JOPPOLO

DUVRI IMPIANTI DI DEPURAZIONE COMUNE DI JOPPOLO pag. 1 di 11 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI JOPPOLO PROV. DI VIBO VALENTIA Via Santa Maria- 89963- Joppolo- Tel: 0963/883010-Fax 0963-883251 UFFICIO TECNICO SETTORE LL.PP. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INTEGRATO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. (Regolamento CE 1907/2006 - D.L. 65/2003) PARQUET CLEAN PARQUET CLEAN

SCHEDA DI SICUREZZA. (Regolamento CE 1907/2006 - D.L. 65/2003) PARQUET CLEAN PARQUET CLEAN 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione del preparato Uso del preparato Detergente per superfici dure Formati commercializzati Tanica 5 Kg Identificazione della società/dell'impresa

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

Articolo di Legge violato - tabella comparata -

Articolo di Legge violato - tabella comparata - _D. Lgs. 81 del 09.04.2008_ss. Mm.ii: PRINCIPALI SANZIONI Articolo di Legge violato - tabella comparata - (obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti) Omessa manutenzione e ripristino

Dettagli

Scheda di sicurezza ETABOR. S.p.A.

Scheda di sicurezza ETABOR. S.p.A. Scheda di sicurezza del 012/03/2010, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL IMPRESA 1.1 Identificazione del preparato: Nome commerciale: Codice commerciale: 120445

Dettagli

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline. Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.it www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA MONOSSIDO DI CARBONIO Le cause Ventilazione Combustione Evacuazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. Data di emissione della scheda : 08/06/2012 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Scheda di sicurezza vernice acrilica per carrozzeria

Scheda di sicurezza vernice acrilica per carrozzeria Scheda di sicurezza del 19/3/2004, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETÀ Nome commerciale: Tipo di prodotto ed impiego: vernice Fornitore: Technokem Srl Via Marco Polo, 2 36010 Cogollo

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti )

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti ) MODELLO A2 Allegato A2 Pag 1 di 8 VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE nella consegna e installazione, manutenzione ed assistenza tecnica di apparecchiature, macchine e impianti Nell ambiente in cui

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO ANTINCENDIO (DECRETO MINISTERIALE 10/03/1998) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO ANTINCENDIO

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

Lavori in spazi confinati estratto normativa D.Lgs. 81/08

Lavori in spazi confinati estratto normativa D.Lgs. 81/08 Articolo 65 - Locali sotterranei o semisotterranei 1. È vietato destinare al lavoro locali chiusi sotterranei o semisotterranei. (arresto da tre a sei mesi o ammenda da 1.000 a 4.800 euro il datore di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 360 1023646 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PROT.N.6405/A02F

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO FINITO OSSIDANTI PER TINTURE E DECOLORANTI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO FINITO OSSIDANTI PER TINTURE E DECOLORANTI SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO FINITO OSSIDANTI PER TINTURE E DECOLORANTI IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Formula tipo numero: 2.26 2000 parte II Nomi commerciali prodotti: Profession

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

Rischi collegati alla presenza di METANO nelle acque di pozzo

Rischi collegati alla presenza di METANO nelle acque di pozzo UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA DELLA REGIONE VENETO Borgo Cavalli n. 42 31100 TREVISO Cod. Ente 050-109 Cod. Fisc. 03084880263 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S P I S A L SERVIZIO DI PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA

Dettagli

Via S. Giuliano, 4 30173 Mestre (Ve) Telefono: 041-5319066 Fax: 041-5312872

Via S. Giuliano, 4 30173 Mestre (Ve) Telefono: 041-5319066 Fax: 041-5312872 POTASSIO NITRATO CRISTALLINO M-0696 Pag. 1/8 1). Identificazione del Prodotto e della Società. Nome del Prodotto: Sodio e Potassio Nitrato Venditore: I.C.B. S.p.A. Indirizzo: Via S. Giuliano, 4 30173 Mestre

Dettagli

GELATINA CON FUCSINA

GELATINA CON FUCSINA Pagina n.1 / 5 Scheda di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o preparato Denominazione N. di catalogo: 200200 e 900200 1.2 Descrizione/utilizzo

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IL RISCHIO CHIMICO DISPENSA MONOGRAFICA

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IL RISCHIO CHIMICO DISPENSA MONOGRAFICA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IL RISCHIO CHIMICO DISPENSA MONOGRAFICA Il rischio chimico Il rischio chimico va inteso come l insieme dei rischi potenzialmente connessi con l impiego di sostanze chimiche. Ne

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

MANUALE ILLUSTRATO PER LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 3 DEL DPR 177/2011

MANUALE ILLUSTRATO PER LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 3 DEL DPR 177/2011 MANUALE ILLUSTRATO PER LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 3 DEL DPR 177/2011 Pubblicazione realizzata dal Sottogruppo Ambienti Confinati del Comitato 1 della

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o preparato Codice: 199278 Denominazione 1.2 Utilizzazione della

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA Grigliati in Poliestere Rinforzato con Fibra di Vetro (PRFV) Revisione 5 del 30/12/2014 0. INTRODUZIONE La Normativa Europea sui prodotti chimici N 1907/2 006 (REACH)

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA...

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... XIII XV GLOSSARIO... 1 ADDETTO Servizio Prevenzione e Protezione... 3 ADEMPIMENTO... 6 ADDESTRAMENTO... 8 AGENTI:... 9 Biologici... 9 Chimici... 9 Fisici... 10 Cancerogeni

Dettagli

Scheda di sicurezza Secondo regolamento nr. 1907/2006 (REACH) Secondo regolamento nr. 453/2010

Scheda di sicurezza Secondo regolamento nr. 1907/2006 (REACH) Secondo regolamento nr. 453/2010 Versione: 2.0.0 Data compilazione: 18.02.2013 Pagina:1/7 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. 1.1 Identificatori del prodotto. Numero articolo (produttore):/ Nome

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

MANUALE ILLUSTRATO PER LAVORI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 3 DEL DPR 177/2011

MANUALE ILLUSTRATO PER LAVORI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 3 DEL DPR 177/2011 MANUALE ILLUSTRATO MANUALE ILLUSTRATO PER LAVORI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 3 DEL DPR 177/2011 Punti chiave irrinunciabili per operare in sicurezza ANALISI DEL RISCHIO

Dettagli

Manuale illustrato per lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati ai sensi dell art. 3, comma 3, del DPR 177/2011

Manuale illustrato per lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati ai sensi dell art. 3, comma 3, del DPR 177/2011 Manuale illustrato per lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati ai sensi dell art. 3, comma 3, del DPR 177/2011 Edizione 2013 Pubblicazione realizzata dal Sottogruppo Ambienti Confinati

Dettagli

Il Rischio Chimico. Roberto Tartaglia. Responsabile SPP dei LNGS. D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 25/02. INFN - Sezione di Firenze 15 Settembre 2003

Il Rischio Chimico. Roberto Tartaglia. Responsabile SPP dei LNGS. D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 25/02. INFN - Sezione di Firenze 15 Settembre 2003 Il Rischio Chimico D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 25/02 Roberto Tartaglia Responsabile SPP dei LNGS INFN - Sezione di Firenze 15 Settembre 2003 1 Decreto legislativo 25/02 apparso sul Supplemento Ordinario N 40/L

Dettagli

PRONTO SOCCORSO Milano, 27 gennaio 2005 S008/05 PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA. Egregio Associato,

PRONTO SOCCORSO Milano, 27 gennaio 2005 S008/05 PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA. Egregio Associato, PRONTO SOCCORSO Milano, 27 gennaio 2005 S008/05 PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA Associazione Nazionale Aziende distributrici Prodotti e servizi per l ufficio, l informatica e la telematica Fondata nel 1945

Dettagli

LA QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI. Quaderno. Excursus legislativo sulla Patente a Punti in edilizia

LA QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI. Quaderno. Excursus legislativo sulla Patente a Punti in edilizia Quaderno a cura di Ing. S. Barbanera Ing. A. Coppola Ing. M. Di Pasquale commissione Sicurezza nei cantieri temporanei e mobili visto da: Ing. M. Innocenti Ing. M. Cerri LA QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE

Dettagli

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE LEZIONE 55 e obblighi Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana FONTI NORMATIVE SULLA SICUREZZA Codice civile Statuto dei diritti dei lavoratori Decreto legislativo 81/2008 LA LEGISLAZIONE

Dettagli

LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: UNO STRUMENTO APPLICATIVO

LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: UNO STRUMENTO APPLICATIVO LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: UNO STRUMENTO APPLICATIVO di Rita Tazzioli e Edoardo Galatola 1. LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Il Datore di Lavoro effettua la valutazione dei rischi,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE Con l entrata in vigore del nuovo Accordo Stato-Regioni avvenuta il 26 gennaio 2012, i contenuti formativi legati alla Sicurezza sul Lavoro hanno subito degli adeguamenti sostanziali, sia nei CONTENUTI,

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA Sommario 1. Premessa 2. Definizione 3. Fonti normative 4. Caratteristiche e requisiti 5. Adempimenti amministrativi 6. Sanzioni 7. Illustrazioni

Dettagli

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale Siamo una società di ingegneri, consulenti, progettisti e installatori che opera in tutto il nord Italia con 5 sedi operative tra Veneto, Trentino Alto

Dettagli

Phone: +(31)(0) 23 55 300 77 Fax: +(31)(0) 23 55 300 70. Componente/ I pericoloso/ I CAS no. % (p/p) Simbolo Frasi R

Phone: +(31)(0) 23 55 300 77 Fax: +(31)(0) 23 55 300 70. Componente/ I pericoloso/ I CAS no. % (p/p) Simbolo Frasi R 1. IDENTIFICAZIONE DELLE SOSTANZE/PREPARATO E DELL'AZIENDA/IMPRESA Nomo del prodotto: Emkarox RL PAG 100 Indirizzo/No. Telefono: Unicorn B.V. 96a, Waarderweg 2031 BR HAARLEM THE NETHERLANDS Phone: +(31)(0)

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Phone: +(31)(0) 23 55 300 77 Fax: +(31)(0) 23 55 300 70. Componente/ I pericoloso/ I CAS no. % (p/p) Simbolo Frasi R

Phone: +(31)(0) 23 55 300 77 Fax: +(31)(0) 23 55 300 70. Componente/ I pericoloso/ I CAS no. % (p/p) Simbolo Frasi R 1. IDENTIFICAZIONE DELLE SOSTANZE/PREPARATO E DELL'AZIENDA/IMPRESA Nomo del prodotto: Emkarox RL PAG 46 Indirizzo/No. Telefono: Unicorn B.V. 96a, Waarderweg 2031 BR HAARLEM THE NETHERLANDS Phone: +(31)(0)

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Direttore: Dott.ssa Maria Cabona Sede: Corso Dante 163,

Dettagli

Segnaletica rischio chimico

Segnaletica rischio chimico Segnaletica rischio chimico Introduzione: La manipolazione delle sostanze chimiche, presuppone pericoli che in alcuni casi possono essere anche gravi; ogni sostanza chimica, ha un diverso rischio proveniente

Dettagli

Formazione Informazione Addestramento PROPOSTA FORMATIVA

Formazione Informazione Addestramento PROPOSTA FORMATIVA Ed.01 - Ottobre 2012 Formazione Informazione Addestramento PROPOSTA FORMATIVA Proj.Eco Engineering s.r.l. Via Bosco Frati, 16 24044 Dalmine (BG) Tel.035373583 Fax.0354150603 E-mail: info@proj-eco.com P.IVA

Dettagli

GESTIONE DELLE EMISSIONI GASSOSE NATURALI NOCIVE

GESTIONE DELLE EMISSIONI GASSOSE NATURALI NOCIVE GESTIONE DELLE EMISSIONI GASSOSE NATURALI NOCIVE Donatella Varrenti Direttore del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Alcune zone del territorio della ASL RMH risultano interessate da emanazioni di gas

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Rev. 1 Novembre 2008 Pag.:1/5 1 Materiale / Processo e Società 1.1 Nome del prodotto: "URSA XPS" 1.2 Dati del fabbricante: 1.2.1 Distributore per l Italia: URSA ITALIA s.r.l. via Paracelso, 16 20041 Agrate

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Ausiliario per l'industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

Scheda di sicurezza Ecorexcleaner

Scheda di sicurezza Ecorexcleaner Scheda di sicurezza Ecorexcleaner Scheda di sicurezza del 29/4/2009, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETÀ Nome commerciale: Ecorex cleaner Codice commerciale: S989 Fornitore: ECOREX

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa SCHEDA DI SICUREZZA 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Identificazione della società/dell'impresa Life Technologies 5791

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Agenti Chimici Pericolosi Dr. Sandro Sanna Dirigente Medico SPRESAL ASL

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli